La storia della sigaretta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La storia della sigaretta"

Transcript

1 Diana La storia della sigaretta 25 La storia della sigaretta Giampietro Diana Riassunto Il tabacco era inizialmente fumato in pipe dalle popolazioni native dell America. Una forma primitiva delle sigarette era formata da foglie di tabacco triturato e avvolte nel guscio delle pannocchie di mais o altro materiale vegetale. Nel 16 secolo gli spagnoli usavano i papelitos, piccoli sigari avvolti in carta. Nella metà del 19 secolo le sigarette erano conosciute in Francia, Inghilterra, Italia, Austria. In molti paesi il materiale vegetale fu sostituito con la carta. La vera diffusione delle sigarette si ebbe soprattutto con la guerra di Crimea ( ). Negli Stati Uniti, l apparizione nel 1880 di una macchina automatica per la produzione di sigarette ne diffuse il consumo, soprattutto delle nuove miscele american blend, lanciate sul mercato dopo il Con la fine della seconda Guerra Mondiale, le sigarette si diffusero ovunque nel mondo, dominando il mercato dei prodotti di tabacco. Attualmente il mercato delle sigarette di tipo americano è in continua espansione, mentre la domanda per le sigarette scure è in declino; in alcuni paesi prevale l uso di preparare particolari sigarette con tabacchi di produzione locale. Abstract. The story of the cigarette. Tobacco at first was smoked in pipes only by the native populations of America. The primitive forme of cigarettes was crushed tobacco leaves and shreds rolled in a corn husk or other vegetable wrapper. The Spanish in the sixteenth century was used a papelitos, little cigars rolled in paper. In the middle of 19 th century it was well known in France, England, Italy and Austria. The vegetable products was replaced as wrapper by paper. In Europe the cigarettes increased particularly after the Crimean War ( ). In the USA, smoking increased when was made an automatic cigarette machine in 1880, especially for the news american blend type cigarettes, marketed in 1913 and following years. At the end of Second World War, cigarettes became widespread throughout the world, and it dominated the tobacco products market. At present time, american blend type cigarettes are in expansion, while the demand of the dark cigarettes declined; in some countries are diffused special cigarettes prepared from home-grown tobaccos. Key words: cigarettes, american blend, tobacco manufacture, smoking tobacco Le origini La vita è una sigaretta Fiamma, cenere e fumo. Alcuni fumano in fretta. Altri la sanno assaporare. (Manuel Machado, Canti andalusi) Il dott. Diana è primo ricercatore presso la Sezione di Roma dell Istituto Sperimentale per il Tabacco. L uso di fumare il tabacco è certamente antichissimo. Gli Indiani dell America Settentrionale fumavano tabacco per scopi religiosi e magici in pipe tagliate in una speciale pietra, i Maya fumavano tabacco in pipe di pietra ma lo avvolgevano anche negli involucri delle pannocchie di mais. Quando i marinai di Cristoforo Colombo sbarcarono nel 1492 nell isola di San Salvador, osservarono che molti Indios, uomini e donne, tenevano in mano una specie di bastone acceso ad un estremità, fatto con foglie secche e arrotolate della pianta di cojiba o cohiva, e aspiravano il fumo dall estremità opposta. Il Tabacco, 7, 1999: 25-32

2 26 Il Tabacco, 7 I conquistatori Spagnoli nel 1518 osservarono che gli Aztechi fumavano primitive sigarette, quasi simili a quelle che noi conosciamo: il tabacco triturato era avvolto in un prodotto vegetale, forse foglie di granturco, di forma cilindrica. Conoscevano inoltre l arte di miscelare le foglie di tabacco con altre erbe e con resine aromatiche, per migliorare l aroma. Anche popolazioni del Brasile, Messico e Isole dei Caraibi usavano fumare tabacco in guaine di materia vegetale (canne da zucchero, foglie di banana). Tuttavia la materia vegetale aveva degli inconvenienti: il sapore che si sviluppava quando bruciava, era o troppo dura o troppo fragile per arrotolarla, il tabacco bruciava rapidamente e spesso cadeva in bocca. Gli spagnoli, imitando gli Indios, impararono subito il nuovo costume. L uso di papelitos, piccoli sigari con tabacco avvolto su pezzetti di carta, da parte di spagnoli e Creoli, era segnalato da missionari spagnoli nel 1635 nelle colonie del Centro e Sud America. Un rapporto del 1756 descriveva la produzione di queste sigarette fatte a mano in Messico. Nelle Memorie del 1767 Casanova affermava di avere incontrato in Spagna un fumatore di sigaritos, fatto con tabacco del Brasile avvolto in un foglietto di carta. Le vere sigarette apparvero in Spagna intorno agli anni : chiamate cigarrito, erano costituite da un sottile foglietto di carta quadrato nel quale era fatto entrare il tabacco. Nelle librerie si vendevano libretti di carta per sigarette, fabbricati a Valencia, ma i ceti più poveri usavano tranquillamente normale carta da lettere tagliata a pezzetti. La diffusione della sigaretta in Europa Secondo gli storici, l origine della sigaretta moderna (cilindretto di carta velina riempito di tabacco finemente trinciato) risale a due eventi di guerra. Durante l assedio di San Giovanni d Acri da parte delle truppe di Ibrahim Pascià nella guerra contro i Turchi, nel 1832, i soldati turchi usarono i tubi di carta indiana, utilizzati per contenere la polvere da sparo, per avvolgervi il tabacco. Altri storici spostano la data al 1837, nella campagna francese in Algeria, quando durante una sosta nella battaglia di Costantina, i legionari utilizzarono i trucioli di foglie di tabacco avvolti in una foglia intera; tornati in Francia la foglia fu sostituita con piccoli tubi di carta velina. Agli inizi del 1800 era molto usato dai francesi il tabacco da fiuto, e si fumava soprattutto il sigaro e la pipa; le prime sigarette, di grandi dimensioni e costose, erano confezionate a mano interamente con tabacchi turchi. Nel 1843 in Francia furono messe in vendita le prime ventimila sigarette in carta litografata fabbricate nella Manifattura di Gros- Caillou: la vendita, effettuata a favore dei sinistrati dell isola di Guadalupa, colpita da un ciclone, ebbe grande successo. Nello stesso anno furono poste in vendita dal monopolio francese due marche di sigarette composte da tabacchi esteri, una avvolta in carta e l altra con estremità in legno. Uno scrittore francese affermava nel 1845 che i fumatori di sigarette preferivano i tabacchi Maryland e Virginia, poiché quelli che crescevano in Francia erano di gusto troppo acre; notava anche che le sigarette erano presentate in bustine con soprascritte spagnole, come Papet de hido, fabrica de Balmasede en Barcelona (le carte spagnole dell epoca erano famose), ed era usata una carta tagliata in piccole lamine non incollate, mentre all interno della Francia era usata della carta detta paglia di mais, di colore ossido di ferro (sigarette uso Guatemala). Esisteva anche uno strumento per confezionare la sigaretta, il cigarettotipo, formato da un tubo che si riempiva di tabacco. L autore, riportando la diffusa opinione che la sigaretta non avrebbe avuto successo, affermava: L esistenza e la gloria della sigaretta non dureranno più d un fuoco di paglia. I fumatori si ricrederanno,... essi rinunceranno alla sigaretta. Oh, sigaretta tu sarai portata via dal vento dell oblio... Ma consolati! La tua gloria non morirà, e fra mille e più anni i nostri discendenti che leggeranno questo libro sul tabacco conosceranno e apprezzeranno la sorte che avesti nel corso di qualche anno del diciannovesimo secolo, oh sigaretta. Sempre in Francia nel 1848 apparvero le prime donne fumatrici di sigari, pipe e sigarette (le Vésuviennes), come simbolo di rivolta contro la morale corrente. In Europa la vera diffusione delle sigarette av-

3 Diana La storia della sigaretta 27 venne con la Guerra di Crimea ( ), ad opera dei soldati inglesi e francesi di ritorno dalla guerra, dalla quale avevano appreso il modo di arrotolare le sigarette dagli alleati turchi. In Inghilterra la prima manifattura di sigarette, fatte a mano con tabacchi orientali e russi, fu aperta nel 1860; più tardi apparvero le prime sigarette fatte con Burley dolce e Virginia Bright. Nel 1868 le ferrovie inglesi istituirono le prime carrozze per fumatori. Le prime macchine per il confezionamento delle sigarette, a riempimento di tubetti di carta, apparvero verso il 1870; in Francia la vendita delle sigarette saliva vertiginosamente, passando da settecentomila pezzi nel 1855 a undici milioni nel 1870 (erano comunque solo il 2% circa delle vendite del monopolio, i francesi preferivano ancora il tabacco da fiuto e i sigari). Nel 1879 a Parigi la manifattura di carta per sigarette Braunstein iniziò a produrre tipi di carte che ebbero subito grande diffusione e furono esportate in molti paesi. Nell Impero Asburgico il monopolio del tabacco vendeva nel 1865 le prime sigarette, chiamate doppie, formate con un bocchino a ciascuna delle estremità e tre volte più lunghe delle attuali, da tagliare in due prima dell uso. In Russia, verso il 1850 la ditta La Ferme di Joseph Huppmann vendeva a S. Pietroburgo una sigaretta costituita da una miscela di tabacchi orientali, di Burley e Maryland americani. Nel 1869 furono vendute in Italia circa kg di sigarette, tutte d importazione dall Oriente; la fabbricazione delle sigarette, chiamate spagnolette, fu effettuata dopo il 1879, interamente a mano. L introduzione nel 1892 delle prime macchine confezionatrici fece diminuire i prezzi di vendita e favorì il consumo delle sigarette. Anche in Germania e Olanda il mercato delle sigarette iniziò dopo il 1880, mentre nei paesi scandinavi le sigarette comparvero per ultime, per l abitudine a consumare prodotti non da fumo (tabacco da fiuto e da mastico). L industria del tabacco negli Stati Uniti Agli inizi del 1800 negli Stati Uniti d America era molto popolare il consumo di tabacco sotto forma di tavolette compresse da masticare (plug), del trinciato e dei sigari; le prime sigarette erano importate da Cuba. Nel 1810 l unico Stato con una fabbrica di sigarette era la Pennsylvania, seguito poi dal Connecticut. Il lavoro di fabbricazione delle sigarette era effettuato interamente a mano, ed era così lento che solo un esperto poteva arrotolare circa quaranta sigarette al minuto. Ogni operaio era seduto davanti ad un tavolo sulla cui superficie era intagliata una piccola fossa della lunghezza di una sigaretta. Nella fossa era inserita la carta, con una parte che sporgeva leggermente sopra la parte superiore liscia del tavolo. Una presa di tabacco triturato era messa sulla carta, e l operaio, con una striscia di feltro sul palmo della mano, strofinava il feltro sopra la fossa, afferrando così la parte sporgente della carta e formando la sigaretta con un agile movimento di arrotolamento. Le estremità erano poi chiuse con colla. Le scorte erano tenute sul tavolo e le sigarette finite erano rimosse da altri operai, gli impacchettatori che, resi abili dalla lunga pratica, afferravano venti sigarette senza contarle e le ponevano in rotoli ordinati per racchiuderli in scatole di carta. Mentre nella fabbricazione del tabacco da mastico (per l eliminazione del gambo e la battitura delle foglie) erano impiegati soprattutto operai neri, per la manifattura delle sigarette furono impiegati in gran numero lavoratori bianchi: l arrotolamento delle sigarette era poi compito riservato esclusivamente alle donne bianche. Erano utilizzati inoltre molti ragazzi e ragazze di anni. Le mansioni erano molto varie e alcune operazioni poco salutari: gli addetti al taglio del tabacco dovevano proteggere le narici con garze per evitare l inalazione della polvere di tabacco. In quegli anni s iniziarono ad usare la liquirizia e altri aromi come agenti di concia per le sigarette. E probabile che l uso della liquirizia risalga ai marinai spagnoli. I carichi di tabacco delle navi in transito dal Sud America alla Spagna erano spesso alterati dall umidità dell atmosfera: come rimedio i marinai pensarono di spruzzare il tabacco con acqua di liquirizia, per mantenerlo fresco e dolce (il metodo fu imparato da un tale Cavendish di Norfolk, in Virginia, che diventò così il primo ad utilizzare il tabacco curato con liquirizia ).

4 28 Il Tabacco, 7 Numerosi furono gli ingredienti usati: rum, anice, comino, coriandolo, semi di angelica, estratto di valeriana, sciroppi di frutta, vino aromatico, vaniglia. Ci furono anche delle marche di tabacco che erano manifatturate senza l utilizzo di alcuna sostanza, e sulle etichette si precisava che il prodotto era senza adulterazione e profumo. I tabacchi impiegati erano americani (Virginia Bright, Burley, Maryland), poi furono sostituiti con tabacchi dell oriente europeo, greci o turchi. L insieme dei tabacchi indigeni americani e di quelli orientali diedero origine alle prime miscele (blend); inizialmente la percentuale di orientale risultò predominante, poi gradualmente presero il sopravvento i tabacchi americani. Intorno al 1870 la manifattura Allen & Ginter di Richmond utilizzava nei prodotti il tabacco Havanna, mentre la F.S. Kinney Company di New York fabbricava una marca fatta con tabacchi Virginia, Turchi e Perique. Questa ditta chiamò arrotolatori di tabacco dall Europa con lo scopo di insegnare alle ragazze americane l arte di fabbricare le sigarette a mano. Le sigarette confezionate a mano (in media in otto ore di lavoro) avevano naturalmente un prezzo molto elevato. Le manifatture cercarono quindi nuove soluzioni, con macchine che potevano ridurre il costo della lavorazione e ottenere produzioni su larga scala. Le prime manifatture per sigarette dotate di macchinari furono impiantate all Havana, Cuba, nel 1853, ed apparvero negli Stati Uniti intorno al 1860, ad opera di J. Huppmann (lo stesso della fabbrica russa) a New York. Nel 1860 W.H. Pease realizzava una macchina con lama rotante, che tagliava le foglie di tabacco in strisce che potevano essere più facilmente usate nel confezionamento delle sigarette. Nel 1875 la Allen & Ginter mise in palio un premio di $ per una macchina capace di superare le apparecchiature esistenti. James Albert Bonsack, figlio di un manifattore di merci di lana, all età di soli anni, decise di entrare nella competizione. Pochi anni dopo, nel 1880, realizzava e perfezionava una macchina di concezione completamente nuova: da una bobina di carta si otteneva una striscia continua sulla quale cadeva il tabacco, si formava un lungo tubicino (il baco ) tagliato poi da un coltello in pezzi di uguale lunghezza. La nuova macchina permetteva di realizzare 200 sigarette al minuto, equivalenti a in otto ore; sostituiva il lavoro di 48 arrotolatori a mano, e portò al crollo dei prezzi delle sigarette. Migliorava inoltre sensibilmente l efficienza di una precedente macchina industriale, la Susini-Durand, con la quale era possibile produrre sigarette l ora. Fino a quella data le sigarette erano vendute sfuse, ossia a peso o a numero : la nuova macchina permetteva di confezionarle in pacchetti contenenti generalmente 10 o 20 sigarette. La macchina di Bonsack fu installata in molte fabbriche, e il brevetto portato nei principali paesi esteri (nel 1882 il giovane inventore si recò anche a Roma per installarvi una macchina); per alcuni anni la macchina fu costruita a Parigi, in seguito fu realizzata a Lynchburg e Salem (Virginia). La macchina favorì la produzione di nuove marche di sigarette; una di queste affermava sull etichetta Le sigarette contenute in questo pacchetto sono manifatturate con macchine Bonsack. Uno storico nel 1884, riferendosi a questa macchina, affermava: Non ci sono molte macchine al mondo che siano più complicate o lavorano in modo più mirabile, ma al contempo pensava che avrebbe causato stenti nella società, privando molte persone del lavoro (ma la manifattura di James B. Duke di New York nel 1886 utilizzava quindici macchine di Bonsack, ed impiegava 750 lavoratori). Per l industria delle sigarette ulteriori progressi furono fatti in pochi anni con l introduzione di nuove macchine: nel 1886 la macchina di William H. Kerr era capace di confezionare pacchetti al giorno (rispetto ai 600 confezionati da una provetta operaia); nel 1896 la macchina di Kerr e Charles V. Strickland impacchettava, etichettava, stampava automaticamente e pesava accuratamente ogni porzione di tabacco; nel 1913 la macchina di John T. Dalton inseriva un sottile filo lungo il bordo delle scatole. La comparsa dell American blend Negli USA nel 1880 il consumo dei tabacchi lavorati era costituito per il 55% dal tabacco da masti-

5 Diana La storia della sigaretta 29 co, il 24% da sigari, il 18% da trinciato, il 2% da tabacco da fiuto e l 1% da sigarette. Il tabacco da mastico era fatto esclusivamente di tabacchi Bright e Burley, i trinciati fumati con la pipa erano miscele di vari tabacchi flue-cured, poi cambiarono in Burley dolcificato e infine in una miscela di entrambi. Un trinciato di successo venduto agli inizi del novecento negli USA, era costituito da una miscela di tabacco Burley, e su ogni pacchetto si affermava che il tabacco è preparato per fumatori con un processo per produrre il più delizioso e salubre tabacco per fumatori di sigarette e pipa. Alcune manifatture iniziarono ad usare gli stessi trinciati per le sigarette, anzi alcuni tabacchi per pipa erano venduti insieme alle cartine per sigarette, molto utilizzate dai fumatori per il confezionamento manuale delle sigarette (roll-yourown). Con l uso di nuove miscele, una manifattura di Durham cambiò l etichetta da Tabacco spagnolo di prima qualità a Il vero tabacco da fumo di Durham. Le sigarette preferite all epoca erano le cosiddette miscele turche (le marche avevano nomi orientaleggianti come Fatima, Omar, Osman, Zubelda), costituite da miscele che contenevano tabacchi orientali in quantità variabili. Un tentativo nel 1911 di produrre sigarette contenenti solo tabacco flue-cured fu senza successo. Per aumentare la vendita delle sigarette fu fatto largo uso di campagne pubblicitarie, e nei pacchetti si introdussero le cartine (cigarette-cards) di personaggi famosi (attori e attrici, cantanti, ballerini) e a soggetti vari: le collezioni potevano essere raccolte in un album che si otteneva in cambio di un certo numero di pacchetti. Nel 1913 furono lanciate sigarette con una nuova miscela, denominata domestic blend dalla casa produttrice: era costituita da Virginia Bright (fluecured), Burley conciato e dolcificato con succhi, e tabacco orientale; alla miscela nel 1916 fu aggiunto il Maryland per migliorarne la combustione. Le immagini utilizzate sulla confezione richiamavano in ogni caso la prevalente tendenza del momento verso le sigarette turche. Era la prima miscela di tipo American blend, ed ebbe subito un grande successo. Già nel 1918 le nuove sigarette costituivano circa il 40% della vendita totale delle sigarette negli Stati Uniti. Nel periodo il consumo pro-capite delle sigarette saliva rapidamente: da 251 sigarette annue consumate nel 1913, a nel La produzione delle sigarette negli USA, anche in conseguenza dei miglioramenti apportati dalle nuove macchine, aumentò rapidamente passando dai 2,4 miliardi di pezzi del 1889 ai 122,4 miliardi del 1929, con un incremento di oltre il 5.000%, mentre i lavoratori impiegati nell industria del tabacco salivano nello stesso periodo da a Le sigarette diventavano il prodotto più importante tra i tabacchi lavorati, nonostante che in molti Stati si emanassero le prime leggi contro la vendita delle sigarette, o coffin tacks (chiodi per bare) come spesso erano chiamate. Nel 1890 ventisei Stati vietarono la vendita ai minori, nel 1893 lo Stato di Washington proibì la produzione e l uso delle sigarette. Diversi scrittori popolari erano ritenuti responsabili del grande aumento del consumo delle sigarette, nelle campagne di propaganda si diceva che era realmente provato che le sigarette erano nocive ai baffi, e si insinuava che due marche erano fatte di mozziconi e vecchia corda coperte con carta velenosa; ma l analisi effettuata da chimici del Dipartimento di Agricoltura del North Carolina su tredici marche di sigarette popolari esclusero la presenza di sostanze estranee. L affermazione delle nuove sigarette La domestic blend lanciata negli USA ebbe grande impulso dagli effetti della Prima Guerra mondiale. Infatti, l occupazione da parte della Bulgaria del porto di Kavalla, in Macedonia, il più importante centro di manipolazione e commercio dei tabacchi orientali, rese molto difficile il reperimento di questi tabacchi. La riduzione della percentuale di tabacchi orientali impiegati in questo tipo di sigarette fu un vantaggio, e le resero più competitive rispetto alle altre marche. Con la diminuzione dei costi, il nuovo prodotto poteva essere posto in vendita ad un prezzo più basso, 10 cents per le confezioni da 20, invece dei 15 cents delle altre sigarette.

6 30 Il Tabacco, 7 Le promozioni per il lancio della nuova marca furono ingegnose e curiose (simili alle odierne campagne di marketing), e contribuirono alla sua affermazione. Le cifre spese in un anno per la pubblicità raggiunsero 1,5 milioni di dollari (cifra enorme per il tempo), corrispondenti a circa 6 cents per ogni pacchetto di 20 venduto a 10 cents, ma le vendite delle nuove sigarette furono straordinarie: mezzo miliardo di pezzi nel 1914, 2,4 miliardi nel 1915, 10 miliardi nel 1916, raggiungendo in pochi anni circa il 40-45% del mercato totale. Prodotti con miscele simili si diffusero in breve tempo: nel 1915 apparvero sigarette con la stessa miscela ma con meno succhi, nel 1916 sigarette con una miscela a base di Burley conciato e sottoposto a trattamento termico (tabacco tostato), e nel 1933 sigarette caratterizzate dall aggiunta di una piccola percentuale di tabacco orientale Latakia, dall assenza del Maryland e da un diverso uso dei succhi. La quota di mercato delle marche con miscele differenti diventò trascurabile. La diffusione nel mondo Durante il primo conflitto mondiale ( ), il Governo degli Stati Uniti, per rispondere alla richiesta del generale Pershing di fornire migliaia di tonnellate di sigarette al suo esercito, assegnò i contratti d acquisto di sigarette per le forze armate, sulla base delle vendite nazionali. La diffusione delle sigarette di nuovo gusto fu quindi ulteriormente favorita, e diventarono predominanti tra i soldati americani in Francia. La produzione delle sigarette triplicò dal 1914 al 1919, e per far fronte alle richieste le manifatture costruirono file di case per i loro impiegati, aumentati vertiginosamente; una compagnia acquistò un albergo per alloggiarvi le molte ragazze che erano addette alle macchine per la produzione di sigarette. Sempre durante la guerra, in Inghilterra una sottoscrizione pubblica raccolse denaro per inviare al fronte sigarette. Anche le sigarette a buon mercato (fags) entrarono a far parte della vita di trincea dei soldati inglesi. L industria delle sigarette ebbe ulteriore impulso dall entrata delle donne come fumatrici. Le prime donne fumatrici negli Stati Uniti erano apparse agli inizi del 1900 a Richmond, utilizzando le sale d attesa per signore delle stazioni ferroviarie, ma dal 1917 le donne iniziarono a fumare apertamente. In una campagna di lancio furono utilizzate anche le donne come testimonial; tuttavia una cantante d opera che prestò la sua immagine per la pubblicità ebbe come conseguenza la cancellazione di ingaggi, e passò a fare pubblicità contro il tabacco. I profitti ottenuti dalle industrie furono spesso utilizzati in aiuti per gli orfani, istituzioni scolastiche, ospedali, chiese, e in celebrazioni di eventi. Furono introdotte innovazioni nelle industrie di sigarette; l aria compressa fu utilizzata per la pulizia dei motori e dei macchinari dalle particelle di tabacco che causavano inceppamenti, per controllare gli scarti e ridurre al minimo le polveri. Nel 1925 fu introdotta la carta crespata nel filtro delle sigarette, al posto del cotone, e in Francia nel 1937 fu posta in vendita una nuova sigaretta con filtro (l Anic, dal prefisso privativo a e dall abbreviazione di nicotina). Le ricerche sui filtri furono però interrotte dal conflitto, e ripresero negli anni 50. Fino al 1930 la maggior parte delle sigarette prodotte fuori degli USA erano non miscelate, fatte con tabacchi turchi o Virginia, o erano sigarette scure (fatte con tabacchi curati a fuoco) come quelle vendute in Francia, Spagna, Italia e nel Centro Europa. Le sigarette American blend iniziarono a diventare popolari in Europa con la Seconda Guerra mondiale ( ), quando furono diffuse dalle forze armate americane, e presero il sopravvento nei confronti delle locali sigarette europee dal gusto più aspro. Dopo la fine del conflitto, le sigarette American blend restarono con le truppe d occupazione della NATO, ed il loro consumo aumentò in molti paesi. Negli anni 50 fu sviluppato il processo di utilizzazione del tabacco ricostituito, e negli anni 60 fu introdotto il procedimento di espansione del tabacco nelle miscele americane, con lo scopo di produrre tabacco meno denso; il tabacco espanso fu poi esteso alle sigarette con basso contenuto di condensato. I gusti dei consumatori cambiarono rapidamente; la domanda per le sigarette di tabacchi puri

7 Diana La storia della sigaretta 31 (plain) fermentati chiari, scuri od orientali, si ridusse costantemente, mentre i prodotti di gusto americano furono presto imitati in molti Paesi, spesso con tabacchi di produzione locale. Le sigarette attuali Tra i tabacchi lavorati, le sigarette rappresentano la forma maggiore di consumo nel mondo, con una quota intorno al 90-95%. La preferenza verso le sigarette di tipo leggero (light brands), con minore contenuto di nicotina e condensato, ha incrementato lo sviluppo della ricerca e della tecnologia, al fine di ridurre la quantità di agenti nocivi nel fumo. L uso del filtro, migliorato e reso più selettivo (generalmente di acetato di cellulosa, o a granuli di carbone attivo), si è affermato ovunque (in molti paesi le sigarette con filtro costituiscono il 90% o più del mercato delle sigarette); carte di avvolgimento porose e filtri ventilati diluiscono i componenti del fumo; le sigarette con alto contenuto di tabacco espanso bruciano più rapidamente riducendo il numero delle boccate di fumo. Le sigarette disponibili per i consumatori sono molto diversificate per forma e dimensione, per la miscelazione e il taglio dei tabacchi, l uso di filtri, il contenuto di nicotina e condensato. La maggior parte delle sigarette ha forma rotonda; alcune orientali (le cosiddette sigarette egiziane) hanno forma ovale. Le sigarette misurano generalmente tra 60 e 120 mm in lunghezza, tra 20 e 30 mm di circonferenza, con peso variabile da 500 a 1200 mg. Il taglio delle fibre di tabacco varia tra 0,5-0,7 mm Per le sigarette generalmente il prodotto finito si ottiene utilizzando combinazioni di tabacchi greggi di varietà, gradi, raccolti e provenienze diverse, in modo da mantenere costanti nel tempo le caratteristiche organolettiche della miscela. In linea generale nella fabbricazione delle moderne sigarette si utilizzano alcuni tabacchi che le conferiscono identità, e altri tabacchi, detti di riempimento, le cui caratteristiche essenziali sono una buona combustibilità e caratteri gustativi neutri. Sono inoltre disponibili trinciati con i quali confezionare direttamente a mano le sigarette (roll-your-own). In base al gusto le sigarette odierne sono generalmente distinte in quattro tipi: orientale, americano, inglese, scuro. Il primo tipo è ottenuto interamente con tabacchi greggi orientali (vi appartengono le papyrossi, sigarette russe formate da un lungo bocchino cavo contenente solo circa millimetri di tabacco). Il tipo americano è formato con alte percentuali di tabacchi Bright e Burley, e con orientali. Il tipo inglese contiene quasi esclusivamente Virginia Bright, o piccole percentuali di tabacchi orientali. La formulazione delle moderne miscele delle sigarette di gusto americano è costituita dalla combinazione di tabacco Virginia Bright o flue-cured (40-75%), Burley aromatico (14-45%), Maryland (1-5%), tabacchi turchi od Orientali (5-15%), tabacco ricostituito (5-20%), succhi e aromi in quantità variabili. Le foglie, prima della trinciatura, sono sottoposte a trattamenti di concia (casing) con sostanze zuccherine, e il tabacco tagliato e secco è profumato (flavoring) con soluzioni alcoliche di profumi ed essenze diverse. Le sigarette scure contengono tabacchi di tipo americano, Avana e Brasile, e tabacchi orientali di qualità più forte. Al gruppo appartengono: le sigarette svizzere, che contengono grande quantità di tabacchi Maryland; le sigarette francesi (French taste), fatte senza o con pochissimo tabacco Maryland e con alte percentuali di tabacchi sudamericani; le sigarette cubane, confezionate con tabacchi per sigari di Cuba di bassa qualità, e talvolta avvolte con le foglie protettive della pannocchia di mais; le sigarette picadura, usate nell America del Sud, nelle quali il tabacco consiste di piccoli grani o particelle (tabacco granulato). Diversi paesi usano tradizionalmente tabacchi locali e modi di fumare differenti. In Cina e Russia sono ancora preferite sigarette contenenti prodotti orientali al 100% o ad alto contenuto di nicotina (varietà di Nicotiana rustica, o il tabacco curato ad aria Makhorka, utilizzati per le sigarette papyrossi). Molto usate in India sono anche le sigarette avvolte con materiale vegetale (foglie secche di banana, palme, mais), e nelle zone a sud le bidis, a metà tra il sigaretto e la vera sigaretta, fatte con tabacco scuro polverizzato (tabacco sun-cured locale) e avvolte in un pezzo rettangolare di foglia secca di temburni (Diospyros melanoxylon).

8 32 Il Tabacco, 7 In Indonesia le sigarette usate sono le kreteks, aromatizzate con chiodi di garofano macinati in proporzioni variabili fino al 50%. Nella Papua Nuova Guinea sono fumate le sticks, larghe e lunghe sigarette che utilizzano un tabacco locale (brus) curato al sole, sbriciolato e avvolto con carta. Nei paesi sviluppati i consumi di tabacco tendono a diminuire, mentre per le sigarette le preferenze si orientano verso quelle di tipo americano, con filtro, e a minore contenuto di nicotina e condensato; la domanda per le sigarette scure è in declino. Questo processo è influenzato da diversi fattori, come tassazione dei prodotti, circostanze socio-economiche, pressioni pubblicitarie, presenza o assenza di programmi anti-fumo, considerazioni sanitarie. Per contro, nei paesi in via di sviluppo e nei paesi dell Europa dell Est, nei quali in anni recenti sono avvenute modifiche nel sistema economico, si registra un incremento dei consumi di tabacco, soprattutto delle sigarette; anche se viene mantenuto l uso dei tradizionali prodotti, sono comunque in espansione le quote di mercato delle sigarette di tipo americano. Bibliografia utile Anonimo, Il tabacco vendicato. Fisiologia del tabacco, della pipa, del cigaro, della cigaretta e della tabacchiera. Modena. Billings E.R., Tobacco: its history, varieties, culture, manufacture and commerce, with an account of its various modes of use, from its discovery until now. Hartford, Connecticut. Colby F.G., American blend, the conquerer. Tab. J. Int., Special issue, Comes O., Histoire, géographie, statistique du tabac - son introduction et son expansion dans tous les pays. Napoli. Diana G., Il consumo dei prodotti del tabacco in Italia. Il Tabacco 2 (2), Diana G., Le sigarette American blend. Il Tabacco 6, Diana G., Le sigarette fatte a mano. La Voce del Tabaccaio LXXI (20), Diaz del Castillo B., Historia verdadera de la conquista de la nueva-españa. Madrid. Fairholt F.W., Tobacco: its history and associations; including an account of the plant and its manufacture; with its modes of use in all ages and countries. London. Garner W.W., Moss E.G., Yohe H.S., Wilkinson F.B., Stine O.C., History and status of tobacco culture. U.S. Dep. Agr. Yearbook 1922, Jacobstein M., The tobacco industry in the United States. New York, Columbia University Press. Kiernan V.G., Storia del tabacco. L uso, il gusto, il consumo nell Europa moderna. Marsilio Editori, Venezia. Laufer B., Introduction of tobacco into Europe. Field Mus. Nat. History, Anthrop. Leaflet 9, Chicago, Ill. Rival N., Il tabacco specchio del tempo. SugarCo Edizioni, Milano. Robert J.C., The story of tobacco in America. New York. Tatham W., An historical and practical essay on the culture and commerce of tobacco. London. Tennant R., The American cigarette industry. New Haven, Conn., Yale University Press. West G.A., Tobacco, pipes and smoking customs of the American Indians. Milwaukee Public Bulletin 17.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 29.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 127/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Caffè. Tutte le emozioni in un chicco.

Caffè. Tutte le emozioni in un chicco. Schwanengasse 5+7 Postfach 7675, 3001 Bern Telefon 031 328 72 72 Telefax 031 328 72 73 info@procafe.ch www.procafe.ch Caffè. Tutte le emozioni in un chicco. Introduzione: Storia del caffè Riferimenti Secondo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli