La storia della sigaretta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La storia della sigaretta"

Transcript

1 Diana La storia della sigaretta 25 La storia della sigaretta Giampietro Diana Riassunto Il tabacco era inizialmente fumato in pipe dalle popolazioni native dell America. Una forma primitiva delle sigarette era formata da foglie di tabacco triturato e avvolte nel guscio delle pannocchie di mais o altro materiale vegetale. Nel 16 secolo gli spagnoli usavano i papelitos, piccoli sigari avvolti in carta. Nella metà del 19 secolo le sigarette erano conosciute in Francia, Inghilterra, Italia, Austria. In molti paesi il materiale vegetale fu sostituito con la carta. La vera diffusione delle sigarette si ebbe soprattutto con la guerra di Crimea ( ). Negli Stati Uniti, l apparizione nel 1880 di una macchina automatica per la produzione di sigarette ne diffuse il consumo, soprattutto delle nuove miscele american blend, lanciate sul mercato dopo il Con la fine della seconda Guerra Mondiale, le sigarette si diffusero ovunque nel mondo, dominando il mercato dei prodotti di tabacco. Attualmente il mercato delle sigarette di tipo americano è in continua espansione, mentre la domanda per le sigarette scure è in declino; in alcuni paesi prevale l uso di preparare particolari sigarette con tabacchi di produzione locale. Abstract. The story of the cigarette. Tobacco at first was smoked in pipes only by the native populations of America. The primitive forme of cigarettes was crushed tobacco leaves and shreds rolled in a corn husk or other vegetable wrapper. The Spanish in the sixteenth century was used a papelitos, little cigars rolled in paper. In the middle of 19 th century it was well known in France, England, Italy and Austria. The vegetable products was replaced as wrapper by paper. In Europe the cigarettes increased particularly after the Crimean War ( ). In the USA, smoking increased when was made an automatic cigarette machine in 1880, especially for the news american blend type cigarettes, marketed in 1913 and following years. At the end of Second World War, cigarettes became widespread throughout the world, and it dominated the tobacco products market. At present time, american blend type cigarettes are in expansion, while the demand of the dark cigarettes declined; in some countries are diffused special cigarettes prepared from home-grown tobaccos. Key words: cigarettes, american blend, tobacco manufacture, smoking tobacco Le origini La vita è una sigaretta Fiamma, cenere e fumo. Alcuni fumano in fretta. Altri la sanno assaporare. (Manuel Machado, Canti andalusi) Il dott. Diana è primo ricercatore presso la Sezione di Roma dell Istituto Sperimentale per il Tabacco. L uso di fumare il tabacco è certamente antichissimo. Gli Indiani dell America Settentrionale fumavano tabacco per scopi religiosi e magici in pipe tagliate in una speciale pietra, i Maya fumavano tabacco in pipe di pietra ma lo avvolgevano anche negli involucri delle pannocchie di mais. Quando i marinai di Cristoforo Colombo sbarcarono nel 1492 nell isola di San Salvador, osservarono che molti Indios, uomini e donne, tenevano in mano una specie di bastone acceso ad un estremità, fatto con foglie secche e arrotolate della pianta di cojiba o cohiva, e aspiravano il fumo dall estremità opposta. Il Tabacco, 7, 1999: 25-32

2 26 Il Tabacco, 7 I conquistatori Spagnoli nel 1518 osservarono che gli Aztechi fumavano primitive sigarette, quasi simili a quelle che noi conosciamo: il tabacco triturato era avvolto in un prodotto vegetale, forse foglie di granturco, di forma cilindrica. Conoscevano inoltre l arte di miscelare le foglie di tabacco con altre erbe e con resine aromatiche, per migliorare l aroma. Anche popolazioni del Brasile, Messico e Isole dei Caraibi usavano fumare tabacco in guaine di materia vegetale (canne da zucchero, foglie di banana). Tuttavia la materia vegetale aveva degli inconvenienti: il sapore che si sviluppava quando bruciava, era o troppo dura o troppo fragile per arrotolarla, il tabacco bruciava rapidamente e spesso cadeva in bocca. Gli spagnoli, imitando gli Indios, impararono subito il nuovo costume. L uso di papelitos, piccoli sigari con tabacco avvolto su pezzetti di carta, da parte di spagnoli e Creoli, era segnalato da missionari spagnoli nel 1635 nelle colonie del Centro e Sud America. Un rapporto del 1756 descriveva la produzione di queste sigarette fatte a mano in Messico. Nelle Memorie del 1767 Casanova affermava di avere incontrato in Spagna un fumatore di sigaritos, fatto con tabacco del Brasile avvolto in un foglietto di carta. Le vere sigarette apparvero in Spagna intorno agli anni : chiamate cigarrito, erano costituite da un sottile foglietto di carta quadrato nel quale era fatto entrare il tabacco. Nelle librerie si vendevano libretti di carta per sigarette, fabbricati a Valencia, ma i ceti più poveri usavano tranquillamente normale carta da lettere tagliata a pezzetti. La diffusione della sigaretta in Europa Secondo gli storici, l origine della sigaretta moderna (cilindretto di carta velina riempito di tabacco finemente trinciato) risale a due eventi di guerra. Durante l assedio di San Giovanni d Acri da parte delle truppe di Ibrahim Pascià nella guerra contro i Turchi, nel 1832, i soldati turchi usarono i tubi di carta indiana, utilizzati per contenere la polvere da sparo, per avvolgervi il tabacco. Altri storici spostano la data al 1837, nella campagna francese in Algeria, quando durante una sosta nella battaglia di Costantina, i legionari utilizzarono i trucioli di foglie di tabacco avvolti in una foglia intera; tornati in Francia la foglia fu sostituita con piccoli tubi di carta velina. Agli inizi del 1800 era molto usato dai francesi il tabacco da fiuto, e si fumava soprattutto il sigaro e la pipa; le prime sigarette, di grandi dimensioni e costose, erano confezionate a mano interamente con tabacchi turchi. Nel 1843 in Francia furono messe in vendita le prime ventimila sigarette in carta litografata fabbricate nella Manifattura di Gros- Caillou: la vendita, effettuata a favore dei sinistrati dell isola di Guadalupa, colpita da un ciclone, ebbe grande successo. Nello stesso anno furono poste in vendita dal monopolio francese due marche di sigarette composte da tabacchi esteri, una avvolta in carta e l altra con estremità in legno. Uno scrittore francese affermava nel 1845 che i fumatori di sigarette preferivano i tabacchi Maryland e Virginia, poiché quelli che crescevano in Francia erano di gusto troppo acre; notava anche che le sigarette erano presentate in bustine con soprascritte spagnole, come Papet de hido, fabrica de Balmasede en Barcelona (le carte spagnole dell epoca erano famose), ed era usata una carta tagliata in piccole lamine non incollate, mentre all interno della Francia era usata della carta detta paglia di mais, di colore ossido di ferro (sigarette uso Guatemala). Esisteva anche uno strumento per confezionare la sigaretta, il cigarettotipo, formato da un tubo che si riempiva di tabacco. L autore, riportando la diffusa opinione che la sigaretta non avrebbe avuto successo, affermava: L esistenza e la gloria della sigaretta non dureranno più d un fuoco di paglia. I fumatori si ricrederanno,... essi rinunceranno alla sigaretta. Oh, sigaretta tu sarai portata via dal vento dell oblio... Ma consolati! La tua gloria non morirà, e fra mille e più anni i nostri discendenti che leggeranno questo libro sul tabacco conosceranno e apprezzeranno la sorte che avesti nel corso di qualche anno del diciannovesimo secolo, oh sigaretta. Sempre in Francia nel 1848 apparvero le prime donne fumatrici di sigari, pipe e sigarette (le Vésuviennes), come simbolo di rivolta contro la morale corrente. In Europa la vera diffusione delle sigarette av-

3 Diana La storia della sigaretta 27 venne con la Guerra di Crimea ( ), ad opera dei soldati inglesi e francesi di ritorno dalla guerra, dalla quale avevano appreso il modo di arrotolare le sigarette dagli alleati turchi. In Inghilterra la prima manifattura di sigarette, fatte a mano con tabacchi orientali e russi, fu aperta nel 1860; più tardi apparvero le prime sigarette fatte con Burley dolce e Virginia Bright. Nel 1868 le ferrovie inglesi istituirono le prime carrozze per fumatori. Le prime macchine per il confezionamento delle sigarette, a riempimento di tubetti di carta, apparvero verso il 1870; in Francia la vendita delle sigarette saliva vertiginosamente, passando da settecentomila pezzi nel 1855 a undici milioni nel 1870 (erano comunque solo il 2% circa delle vendite del monopolio, i francesi preferivano ancora il tabacco da fiuto e i sigari). Nel 1879 a Parigi la manifattura di carta per sigarette Braunstein iniziò a produrre tipi di carte che ebbero subito grande diffusione e furono esportate in molti paesi. Nell Impero Asburgico il monopolio del tabacco vendeva nel 1865 le prime sigarette, chiamate doppie, formate con un bocchino a ciascuna delle estremità e tre volte più lunghe delle attuali, da tagliare in due prima dell uso. In Russia, verso il 1850 la ditta La Ferme di Joseph Huppmann vendeva a S. Pietroburgo una sigaretta costituita da una miscela di tabacchi orientali, di Burley e Maryland americani. Nel 1869 furono vendute in Italia circa kg di sigarette, tutte d importazione dall Oriente; la fabbricazione delle sigarette, chiamate spagnolette, fu effettuata dopo il 1879, interamente a mano. L introduzione nel 1892 delle prime macchine confezionatrici fece diminuire i prezzi di vendita e favorì il consumo delle sigarette. Anche in Germania e Olanda il mercato delle sigarette iniziò dopo il 1880, mentre nei paesi scandinavi le sigarette comparvero per ultime, per l abitudine a consumare prodotti non da fumo (tabacco da fiuto e da mastico). L industria del tabacco negli Stati Uniti Agli inizi del 1800 negli Stati Uniti d America era molto popolare il consumo di tabacco sotto forma di tavolette compresse da masticare (plug), del trinciato e dei sigari; le prime sigarette erano importate da Cuba. Nel 1810 l unico Stato con una fabbrica di sigarette era la Pennsylvania, seguito poi dal Connecticut. Il lavoro di fabbricazione delle sigarette era effettuato interamente a mano, ed era così lento che solo un esperto poteva arrotolare circa quaranta sigarette al minuto. Ogni operaio era seduto davanti ad un tavolo sulla cui superficie era intagliata una piccola fossa della lunghezza di una sigaretta. Nella fossa era inserita la carta, con una parte che sporgeva leggermente sopra la parte superiore liscia del tavolo. Una presa di tabacco triturato era messa sulla carta, e l operaio, con una striscia di feltro sul palmo della mano, strofinava il feltro sopra la fossa, afferrando così la parte sporgente della carta e formando la sigaretta con un agile movimento di arrotolamento. Le estremità erano poi chiuse con colla. Le scorte erano tenute sul tavolo e le sigarette finite erano rimosse da altri operai, gli impacchettatori che, resi abili dalla lunga pratica, afferravano venti sigarette senza contarle e le ponevano in rotoli ordinati per racchiuderli in scatole di carta. Mentre nella fabbricazione del tabacco da mastico (per l eliminazione del gambo e la battitura delle foglie) erano impiegati soprattutto operai neri, per la manifattura delle sigarette furono impiegati in gran numero lavoratori bianchi: l arrotolamento delle sigarette era poi compito riservato esclusivamente alle donne bianche. Erano utilizzati inoltre molti ragazzi e ragazze di anni. Le mansioni erano molto varie e alcune operazioni poco salutari: gli addetti al taglio del tabacco dovevano proteggere le narici con garze per evitare l inalazione della polvere di tabacco. In quegli anni s iniziarono ad usare la liquirizia e altri aromi come agenti di concia per le sigarette. E probabile che l uso della liquirizia risalga ai marinai spagnoli. I carichi di tabacco delle navi in transito dal Sud America alla Spagna erano spesso alterati dall umidità dell atmosfera: come rimedio i marinai pensarono di spruzzare il tabacco con acqua di liquirizia, per mantenerlo fresco e dolce (il metodo fu imparato da un tale Cavendish di Norfolk, in Virginia, che diventò così il primo ad utilizzare il tabacco curato con liquirizia ).

4 28 Il Tabacco, 7 Numerosi furono gli ingredienti usati: rum, anice, comino, coriandolo, semi di angelica, estratto di valeriana, sciroppi di frutta, vino aromatico, vaniglia. Ci furono anche delle marche di tabacco che erano manifatturate senza l utilizzo di alcuna sostanza, e sulle etichette si precisava che il prodotto era senza adulterazione e profumo. I tabacchi impiegati erano americani (Virginia Bright, Burley, Maryland), poi furono sostituiti con tabacchi dell oriente europeo, greci o turchi. L insieme dei tabacchi indigeni americani e di quelli orientali diedero origine alle prime miscele (blend); inizialmente la percentuale di orientale risultò predominante, poi gradualmente presero il sopravvento i tabacchi americani. Intorno al 1870 la manifattura Allen & Ginter di Richmond utilizzava nei prodotti il tabacco Havanna, mentre la F.S. Kinney Company di New York fabbricava una marca fatta con tabacchi Virginia, Turchi e Perique. Questa ditta chiamò arrotolatori di tabacco dall Europa con lo scopo di insegnare alle ragazze americane l arte di fabbricare le sigarette a mano. Le sigarette confezionate a mano (in media in otto ore di lavoro) avevano naturalmente un prezzo molto elevato. Le manifatture cercarono quindi nuove soluzioni, con macchine che potevano ridurre il costo della lavorazione e ottenere produzioni su larga scala. Le prime manifatture per sigarette dotate di macchinari furono impiantate all Havana, Cuba, nel 1853, ed apparvero negli Stati Uniti intorno al 1860, ad opera di J. Huppmann (lo stesso della fabbrica russa) a New York. Nel 1860 W.H. Pease realizzava una macchina con lama rotante, che tagliava le foglie di tabacco in strisce che potevano essere più facilmente usate nel confezionamento delle sigarette. Nel 1875 la Allen & Ginter mise in palio un premio di $ per una macchina capace di superare le apparecchiature esistenti. James Albert Bonsack, figlio di un manifattore di merci di lana, all età di soli anni, decise di entrare nella competizione. Pochi anni dopo, nel 1880, realizzava e perfezionava una macchina di concezione completamente nuova: da una bobina di carta si otteneva una striscia continua sulla quale cadeva il tabacco, si formava un lungo tubicino (il baco ) tagliato poi da un coltello in pezzi di uguale lunghezza. La nuova macchina permetteva di realizzare 200 sigarette al minuto, equivalenti a in otto ore; sostituiva il lavoro di 48 arrotolatori a mano, e portò al crollo dei prezzi delle sigarette. Migliorava inoltre sensibilmente l efficienza di una precedente macchina industriale, la Susini-Durand, con la quale era possibile produrre sigarette l ora. Fino a quella data le sigarette erano vendute sfuse, ossia a peso o a numero : la nuova macchina permetteva di confezionarle in pacchetti contenenti generalmente 10 o 20 sigarette. La macchina di Bonsack fu installata in molte fabbriche, e il brevetto portato nei principali paesi esteri (nel 1882 il giovane inventore si recò anche a Roma per installarvi una macchina); per alcuni anni la macchina fu costruita a Parigi, in seguito fu realizzata a Lynchburg e Salem (Virginia). La macchina favorì la produzione di nuove marche di sigarette; una di queste affermava sull etichetta Le sigarette contenute in questo pacchetto sono manifatturate con macchine Bonsack. Uno storico nel 1884, riferendosi a questa macchina, affermava: Non ci sono molte macchine al mondo che siano più complicate o lavorano in modo più mirabile, ma al contempo pensava che avrebbe causato stenti nella società, privando molte persone del lavoro (ma la manifattura di James B. Duke di New York nel 1886 utilizzava quindici macchine di Bonsack, ed impiegava 750 lavoratori). Per l industria delle sigarette ulteriori progressi furono fatti in pochi anni con l introduzione di nuove macchine: nel 1886 la macchina di William H. Kerr era capace di confezionare pacchetti al giorno (rispetto ai 600 confezionati da una provetta operaia); nel 1896 la macchina di Kerr e Charles V. Strickland impacchettava, etichettava, stampava automaticamente e pesava accuratamente ogni porzione di tabacco; nel 1913 la macchina di John T. Dalton inseriva un sottile filo lungo il bordo delle scatole. La comparsa dell American blend Negli USA nel 1880 il consumo dei tabacchi lavorati era costituito per il 55% dal tabacco da masti-

5 Diana La storia della sigaretta 29 co, il 24% da sigari, il 18% da trinciato, il 2% da tabacco da fiuto e l 1% da sigarette. Il tabacco da mastico era fatto esclusivamente di tabacchi Bright e Burley, i trinciati fumati con la pipa erano miscele di vari tabacchi flue-cured, poi cambiarono in Burley dolcificato e infine in una miscela di entrambi. Un trinciato di successo venduto agli inizi del novecento negli USA, era costituito da una miscela di tabacco Burley, e su ogni pacchetto si affermava che il tabacco è preparato per fumatori con un processo per produrre il più delizioso e salubre tabacco per fumatori di sigarette e pipa. Alcune manifatture iniziarono ad usare gli stessi trinciati per le sigarette, anzi alcuni tabacchi per pipa erano venduti insieme alle cartine per sigarette, molto utilizzate dai fumatori per il confezionamento manuale delle sigarette (roll-yourown). Con l uso di nuove miscele, una manifattura di Durham cambiò l etichetta da Tabacco spagnolo di prima qualità a Il vero tabacco da fumo di Durham. Le sigarette preferite all epoca erano le cosiddette miscele turche (le marche avevano nomi orientaleggianti come Fatima, Omar, Osman, Zubelda), costituite da miscele che contenevano tabacchi orientali in quantità variabili. Un tentativo nel 1911 di produrre sigarette contenenti solo tabacco flue-cured fu senza successo. Per aumentare la vendita delle sigarette fu fatto largo uso di campagne pubblicitarie, e nei pacchetti si introdussero le cartine (cigarette-cards) di personaggi famosi (attori e attrici, cantanti, ballerini) e a soggetti vari: le collezioni potevano essere raccolte in un album che si otteneva in cambio di un certo numero di pacchetti. Nel 1913 furono lanciate sigarette con una nuova miscela, denominata domestic blend dalla casa produttrice: era costituita da Virginia Bright (fluecured), Burley conciato e dolcificato con succhi, e tabacco orientale; alla miscela nel 1916 fu aggiunto il Maryland per migliorarne la combustione. Le immagini utilizzate sulla confezione richiamavano in ogni caso la prevalente tendenza del momento verso le sigarette turche. Era la prima miscela di tipo American blend, ed ebbe subito un grande successo. Già nel 1918 le nuove sigarette costituivano circa il 40% della vendita totale delle sigarette negli Stati Uniti. Nel periodo il consumo pro-capite delle sigarette saliva rapidamente: da 251 sigarette annue consumate nel 1913, a nel La produzione delle sigarette negli USA, anche in conseguenza dei miglioramenti apportati dalle nuove macchine, aumentò rapidamente passando dai 2,4 miliardi di pezzi del 1889 ai 122,4 miliardi del 1929, con un incremento di oltre il 5.000%, mentre i lavoratori impiegati nell industria del tabacco salivano nello stesso periodo da a Le sigarette diventavano il prodotto più importante tra i tabacchi lavorati, nonostante che in molti Stati si emanassero le prime leggi contro la vendita delle sigarette, o coffin tacks (chiodi per bare) come spesso erano chiamate. Nel 1890 ventisei Stati vietarono la vendita ai minori, nel 1893 lo Stato di Washington proibì la produzione e l uso delle sigarette. Diversi scrittori popolari erano ritenuti responsabili del grande aumento del consumo delle sigarette, nelle campagne di propaganda si diceva che era realmente provato che le sigarette erano nocive ai baffi, e si insinuava che due marche erano fatte di mozziconi e vecchia corda coperte con carta velenosa; ma l analisi effettuata da chimici del Dipartimento di Agricoltura del North Carolina su tredici marche di sigarette popolari esclusero la presenza di sostanze estranee. L affermazione delle nuove sigarette La domestic blend lanciata negli USA ebbe grande impulso dagli effetti della Prima Guerra mondiale. Infatti, l occupazione da parte della Bulgaria del porto di Kavalla, in Macedonia, il più importante centro di manipolazione e commercio dei tabacchi orientali, rese molto difficile il reperimento di questi tabacchi. La riduzione della percentuale di tabacchi orientali impiegati in questo tipo di sigarette fu un vantaggio, e le resero più competitive rispetto alle altre marche. Con la diminuzione dei costi, il nuovo prodotto poteva essere posto in vendita ad un prezzo più basso, 10 cents per le confezioni da 20, invece dei 15 cents delle altre sigarette.

6 30 Il Tabacco, 7 Le promozioni per il lancio della nuova marca furono ingegnose e curiose (simili alle odierne campagne di marketing), e contribuirono alla sua affermazione. Le cifre spese in un anno per la pubblicità raggiunsero 1,5 milioni di dollari (cifra enorme per il tempo), corrispondenti a circa 6 cents per ogni pacchetto di 20 venduto a 10 cents, ma le vendite delle nuove sigarette furono straordinarie: mezzo miliardo di pezzi nel 1914, 2,4 miliardi nel 1915, 10 miliardi nel 1916, raggiungendo in pochi anni circa il 40-45% del mercato totale. Prodotti con miscele simili si diffusero in breve tempo: nel 1915 apparvero sigarette con la stessa miscela ma con meno succhi, nel 1916 sigarette con una miscela a base di Burley conciato e sottoposto a trattamento termico (tabacco tostato), e nel 1933 sigarette caratterizzate dall aggiunta di una piccola percentuale di tabacco orientale Latakia, dall assenza del Maryland e da un diverso uso dei succhi. La quota di mercato delle marche con miscele differenti diventò trascurabile. La diffusione nel mondo Durante il primo conflitto mondiale ( ), il Governo degli Stati Uniti, per rispondere alla richiesta del generale Pershing di fornire migliaia di tonnellate di sigarette al suo esercito, assegnò i contratti d acquisto di sigarette per le forze armate, sulla base delle vendite nazionali. La diffusione delle sigarette di nuovo gusto fu quindi ulteriormente favorita, e diventarono predominanti tra i soldati americani in Francia. La produzione delle sigarette triplicò dal 1914 al 1919, e per far fronte alle richieste le manifatture costruirono file di case per i loro impiegati, aumentati vertiginosamente; una compagnia acquistò un albergo per alloggiarvi le molte ragazze che erano addette alle macchine per la produzione di sigarette. Sempre durante la guerra, in Inghilterra una sottoscrizione pubblica raccolse denaro per inviare al fronte sigarette. Anche le sigarette a buon mercato (fags) entrarono a far parte della vita di trincea dei soldati inglesi. L industria delle sigarette ebbe ulteriore impulso dall entrata delle donne come fumatrici. Le prime donne fumatrici negli Stati Uniti erano apparse agli inizi del 1900 a Richmond, utilizzando le sale d attesa per signore delle stazioni ferroviarie, ma dal 1917 le donne iniziarono a fumare apertamente. In una campagna di lancio furono utilizzate anche le donne come testimonial; tuttavia una cantante d opera che prestò la sua immagine per la pubblicità ebbe come conseguenza la cancellazione di ingaggi, e passò a fare pubblicità contro il tabacco. I profitti ottenuti dalle industrie furono spesso utilizzati in aiuti per gli orfani, istituzioni scolastiche, ospedali, chiese, e in celebrazioni di eventi. Furono introdotte innovazioni nelle industrie di sigarette; l aria compressa fu utilizzata per la pulizia dei motori e dei macchinari dalle particelle di tabacco che causavano inceppamenti, per controllare gli scarti e ridurre al minimo le polveri. Nel 1925 fu introdotta la carta crespata nel filtro delle sigarette, al posto del cotone, e in Francia nel 1937 fu posta in vendita una nuova sigaretta con filtro (l Anic, dal prefisso privativo a e dall abbreviazione di nicotina). Le ricerche sui filtri furono però interrotte dal conflitto, e ripresero negli anni 50. Fino al 1930 la maggior parte delle sigarette prodotte fuori degli USA erano non miscelate, fatte con tabacchi turchi o Virginia, o erano sigarette scure (fatte con tabacchi curati a fuoco) come quelle vendute in Francia, Spagna, Italia e nel Centro Europa. Le sigarette American blend iniziarono a diventare popolari in Europa con la Seconda Guerra mondiale ( ), quando furono diffuse dalle forze armate americane, e presero il sopravvento nei confronti delle locali sigarette europee dal gusto più aspro. Dopo la fine del conflitto, le sigarette American blend restarono con le truppe d occupazione della NATO, ed il loro consumo aumentò in molti paesi. Negli anni 50 fu sviluppato il processo di utilizzazione del tabacco ricostituito, e negli anni 60 fu introdotto il procedimento di espansione del tabacco nelle miscele americane, con lo scopo di produrre tabacco meno denso; il tabacco espanso fu poi esteso alle sigarette con basso contenuto di condensato. I gusti dei consumatori cambiarono rapidamente; la domanda per le sigarette di tabacchi puri

7 Diana La storia della sigaretta 31 (plain) fermentati chiari, scuri od orientali, si ridusse costantemente, mentre i prodotti di gusto americano furono presto imitati in molti Paesi, spesso con tabacchi di produzione locale. Le sigarette attuali Tra i tabacchi lavorati, le sigarette rappresentano la forma maggiore di consumo nel mondo, con una quota intorno al 90-95%. La preferenza verso le sigarette di tipo leggero (light brands), con minore contenuto di nicotina e condensato, ha incrementato lo sviluppo della ricerca e della tecnologia, al fine di ridurre la quantità di agenti nocivi nel fumo. L uso del filtro, migliorato e reso più selettivo (generalmente di acetato di cellulosa, o a granuli di carbone attivo), si è affermato ovunque (in molti paesi le sigarette con filtro costituiscono il 90% o più del mercato delle sigarette); carte di avvolgimento porose e filtri ventilati diluiscono i componenti del fumo; le sigarette con alto contenuto di tabacco espanso bruciano più rapidamente riducendo il numero delle boccate di fumo. Le sigarette disponibili per i consumatori sono molto diversificate per forma e dimensione, per la miscelazione e il taglio dei tabacchi, l uso di filtri, il contenuto di nicotina e condensato. La maggior parte delle sigarette ha forma rotonda; alcune orientali (le cosiddette sigarette egiziane) hanno forma ovale. Le sigarette misurano generalmente tra 60 e 120 mm in lunghezza, tra 20 e 30 mm di circonferenza, con peso variabile da 500 a 1200 mg. Il taglio delle fibre di tabacco varia tra 0,5-0,7 mm Per le sigarette generalmente il prodotto finito si ottiene utilizzando combinazioni di tabacchi greggi di varietà, gradi, raccolti e provenienze diverse, in modo da mantenere costanti nel tempo le caratteristiche organolettiche della miscela. In linea generale nella fabbricazione delle moderne sigarette si utilizzano alcuni tabacchi che le conferiscono identità, e altri tabacchi, detti di riempimento, le cui caratteristiche essenziali sono una buona combustibilità e caratteri gustativi neutri. Sono inoltre disponibili trinciati con i quali confezionare direttamente a mano le sigarette (roll-your-own). In base al gusto le sigarette odierne sono generalmente distinte in quattro tipi: orientale, americano, inglese, scuro. Il primo tipo è ottenuto interamente con tabacchi greggi orientali (vi appartengono le papyrossi, sigarette russe formate da un lungo bocchino cavo contenente solo circa millimetri di tabacco). Il tipo americano è formato con alte percentuali di tabacchi Bright e Burley, e con orientali. Il tipo inglese contiene quasi esclusivamente Virginia Bright, o piccole percentuali di tabacchi orientali. La formulazione delle moderne miscele delle sigarette di gusto americano è costituita dalla combinazione di tabacco Virginia Bright o flue-cured (40-75%), Burley aromatico (14-45%), Maryland (1-5%), tabacchi turchi od Orientali (5-15%), tabacco ricostituito (5-20%), succhi e aromi in quantità variabili. Le foglie, prima della trinciatura, sono sottoposte a trattamenti di concia (casing) con sostanze zuccherine, e il tabacco tagliato e secco è profumato (flavoring) con soluzioni alcoliche di profumi ed essenze diverse. Le sigarette scure contengono tabacchi di tipo americano, Avana e Brasile, e tabacchi orientali di qualità più forte. Al gruppo appartengono: le sigarette svizzere, che contengono grande quantità di tabacchi Maryland; le sigarette francesi (French taste), fatte senza o con pochissimo tabacco Maryland e con alte percentuali di tabacchi sudamericani; le sigarette cubane, confezionate con tabacchi per sigari di Cuba di bassa qualità, e talvolta avvolte con le foglie protettive della pannocchia di mais; le sigarette picadura, usate nell America del Sud, nelle quali il tabacco consiste di piccoli grani o particelle (tabacco granulato). Diversi paesi usano tradizionalmente tabacchi locali e modi di fumare differenti. In Cina e Russia sono ancora preferite sigarette contenenti prodotti orientali al 100% o ad alto contenuto di nicotina (varietà di Nicotiana rustica, o il tabacco curato ad aria Makhorka, utilizzati per le sigarette papyrossi). Molto usate in India sono anche le sigarette avvolte con materiale vegetale (foglie secche di banana, palme, mais), e nelle zone a sud le bidis, a metà tra il sigaretto e la vera sigaretta, fatte con tabacco scuro polverizzato (tabacco sun-cured locale) e avvolte in un pezzo rettangolare di foglia secca di temburni (Diospyros melanoxylon).

8 32 Il Tabacco, 7 In Indonesia le sigarette usate sono le kreteks, aromatizzate con chiodi di garofano macinati in proporzioni variabili fino al 50%. Nella Papua Nuova Guinea sono fumate le sticks, larghe e lunghe sigarette che utilizzano un tabacco locale (brus) curato al sole, sbriciolato e avvolto con carta. Nei paesi sviluppati i consumi di tabacco tendono a diminuire, mentre per le sigarette le preferenze si orientano verso quelle di tipo americano, con filtro, e a minore contenuto di nicotina e condensato; la domanda per le sigarette scure è in declino. Questo processo è influenzato da diversi fattori, come tassazione dei prodotti, circostanze socio-economiche, pressioni pubblicitarie, presenza o assenza di programmi anti-fumo, considerazioni sanitarie. Per contro, nei paesi in via di sviluppo e nei paesi dell Europa dell Est, nei quali in anni recenti sono avvenute modifiche nel sistema economico, si registra un incremento dei consumi di tabacco, soprattutto delle sigarette; anche se viene mantenuto l uso dei tradizionali prodotti, sono comunque in espansione le quote di mercato delle sigarette di tipo americano. Bibliografia utile Anonimo, Il tabacco vendicato. Fisiologia del tabacco, della pipa, del cigaro, della cigaretta e della tabacchiera. Modena. Billings E.R., Tobacco: its history, varieties, culture, manufacture and commerce, with an account of its various modes of use, from its discovery until now. Hartford, Connecticut. Colby F.G., American blend, the conquerer. Tab. J. Int., Special issue, Comes O., Histoire, géographie, statistique du tabac - son introduction et son expansion dans tous les pays. Napoli. Diana G., Il consumo dei prodotti del tabacco in Italia. Il Tabacco 2 (2), Diana G., Le sigarette American blend. Il Tabacco 6, Diana G., Le sigarette fatte a mano. La Voce del Tabaccaio LXXI (20), Diaz del Castillo B., Historia verdadera de la conquista de la nueva-españa. Madrid. Fairholt F.W., Tobacco: its history and associations; including an account of the plant and its manufacture; with its modes of use in all ages and countries. London. Garner W.W., Moss E.G., Yohe H.S., Wilkinson F.B., Stine O.C., History and status of tobacco culture. U.S. Dep. Agr. Yearbook 1922, Jacobstein M., The tobacco industry in the United States. New York, Columbia University Press. Kiernan V.G., Storia del tabacco. L uso, il gusto, il consumo nell Europa moderna. Marsilio Editori, Venezia. Laufer B., Introduction of tobacco into Europe. Field Mus. Nat. History, Anthrop. Leaflet 9, Chicago, Ill. Rival N., Il tabacco specchio del tempo. SugarCo Edizioni, Milano. Robert J.C., The story of tobacco in America. New York. Tatham W., An historical and practical essay on the culture and commerce of tobacco. London. Tennant R., The American cigarette industry. New Haven, Conn., Yale University Press. West G.A., Tobacco, pipes and smoking customs of the American Indians. Milwaukee Public Bulletin 17.

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali I CONSUMI DI TABACCO E I FUMATORI OSSFAD Istituto Superiore di Sanità Situazione mondiale La produzione mondiale di tabacco è pari a circa 6,6 milioni di tonnellate. Il principale Paese produttore rimane

Dettagli

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative Foto: UFSPO / Ulrich Känzig 1 Il tabacco è tossico corretta Il tabacco contiene nicotina, una sostanza presente soprattutto nella pianta di tabacco

Dettagli

Il cioccolato. La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita!

Il cioccolato. La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita! Il cioccolato La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita! Gabriele D Annunzio La poetica di D Annunzio IL PIACERE si ebbe nel 1850 con: Si ebbe il perfezionamento delle nuove

Dettagli

UNA DISTILLERIA CON PIÙ DI 65 ANNI DI TRADIZIONE

UNA DISTILLERIA CON PIÙ DI 65 ANNI DI TRADIZIONE CATALOGO PRODOTTI UNA DISTILLERIA CON PIÙ DI 65 ANNI DI TRADIZIONE La storia del rum e le sue origini sono strettamente legate alle Isole Canarie. Infatti, parlare del Rum significa parlare della cultura

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Obiettivi di valutazione, conoscenze specifiche del ramo Corsi interaziendali

Obiettivi di valutazione, conoscenze specifiche del ramo Corsi interaziendali Associazione Corsi interaziendali Valora AG Naville SA Hofackerstrasse 40 8 avenue Vibert 41 Muttenz 17 Carouge SKIV Schweizerischer Chiosco-Inhaber-Verband Fédération suisse des négociants en tabac et

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ CAFFÈ DOLCE INTENSO TIERRA RICCO DECAFFEINATO Pregiata miscela 100% Arabica, dal gusto dolce e aromatico e dalla crema consistente e persistente. Corposa miscela

Dettagli

La filiera del Theobroma il cibo degli dei

La filiera del Theobroma il cibo degli dei Theobroma il cibo degli dei Le piantagioni di cacao Foto di Federica Petronilli Il cacao è una specie prettamente tropicale e cresce solamente in una fascia compresa tra 20 di latitudine NORD e 20 di latitudine

Dettagli

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ CAFFÈ AROMA CLUB CREMA & AROMA TIERRA AROMA POINT DEK Miscela 100% Arabica dal gusto persistente e dalla crema vellutata e consistente. Miscela di caffè dal piacevole

Dettagli

Il tabacco e il fumo, un po' di storia...

Il tabacco e il fumo, un po' di storia... Il tabacco e il fumo, un po' di storia... E' una pianta originaria del Sud America, importata in Europa nel periodo delle prime spedizioni spagnole nel Nuovo Mondo. PRIMA DI COLOMBO 26 cm L'uso di fumare

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE:

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE: SEMPLIFICARE (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) Semplificare vuol dire cercare di risolvere il problema eliminando tutto ciò che non serve alla realizzazione. Semplificare vuol dire - ridurre

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale XV Rapporto LA FILIERA DEL TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale DENIS PANTINI Nomisma Roma, 4 aprile 2012 LE VALENZE DELLA FILIERA (2010) Economica Valore delle vendite

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Traduzione non ufficiale a cura del Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) Ufficio III Rapporti con

Dettagli

Domande e risposte: nuove norme per i prodotti del tabacco

Domande e risposte: nuove norme per i prodotti del tabacco COMMISSIONE EUROPEA MEMO Bruxelles, 26 febbraio 2014 Domande e risposte: nuove norme per i prodotti del tabacco In data odierna il Parlamento europeo ha approvato una direttiva unionale riveduta sui prodotti

Dettagli

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Biologico per scelta

Biologico per scelta Biologico per scelta biologico per scelta Mezzo secolo fatto di scelta attenta delle materie prime, innovazione tecnologica e coerenza di rapporti etici che hanno costruito un avventura imprenditoriale

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

Antica Torrefazione Fiorentina

Antica Torrefazione Fiorentina Antica Torrefazione Fiorentina La sua storia Alla fine del 1800 Nonno Alfredo iniziò a lavorare molto presto, ed all età di sei anni divenne apprendista nella drogheria che aveva sede in Piazza della Signoria

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3191 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MINARDO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 NOVEMBRE 2004 Iniziative in materia di salvaguardia del cioccolato modicano

Dettagli

La qualità prima di tutto. www.elitliquid.it

La qualità prima di tutto. www.elitliquid.it La qualità prima di tutto La produzione Una filosofia incentrata sul made in Italy, sulla qualità assoluta e su un elevatissimo livello tecnologico della linea produttiva Moncalieri (TO) plant Nuovi arrivi

Dettagli

Filastrocche sul peperone

Filastrocche sul peperone IL PEPERONE PEPERONE s. m. [der. del lat. piper «pepe»]. 1. Nome di varie piante delle solanacee appartenenti al genere capsico, coltivate per i frutti commestibili in tutte le zone calde e temperato-calde;

Dettagli

MACCHINA DEL CAFFÈ Classe: 5 Liceo I.T.I. Anno scolastico: 2011-2012

MACCHINA DEL CAFFÈ Classe: 5 Liceo I.T.I. Anno scolastico: 2011-2012 MACCHINA DEL CAFFÈ Classe: 5 Liceo I.T.I. Anno scolastico: 2011-2012 Michele Russo Andrea Simonelli Nicola Trenti 1 INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Pag. 4 1.1 Oggetto e obiettivo Pag. 5 1.2 Funzioni

Dettagli

LA CANNA DA ZUCCHERO L AGROINDUSTRIA A CUBA: OPPORTUNITÀ PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE. Ministero dello Zucchero della Repubblica di Cuba

LA CANNA DA ZUCCHERO L AGROINDUSTRIA A CUBA: OPPORTUNITÀ PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE. Ministero dello Zucchero della Repubblica di Cuba LA CANNA DA ZUCCHERO L AGROINDUSTRIA A CUBA: OPPORTUNITÀ PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE Ministero dello Zucchero della Repubblica di Cuba 1 2 3 4 5 UN BREVE RIASSUNTO STORICO IL SETTORE DELLO

Dettagli

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com HOT DRINKS Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com Prendere & preparare a casa Tè aromatici Tè alle arance e menta Ingredienti per 1 tazza di tè: V arancia 1 rametto di menta fresca 2.5 dl di

Dettagli

U n pa es e pieno di segreti

U n pa es e pieno di segreti L ' i m p o r ta n z a dei dettagli I dettagli, i piccoli particolari, i segreti, le esperienze... Sono gli ingredienti che rendono unici i nostri Rum. Dettaglio è eleganza, stile, raffinatezza secondo

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 6 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 6 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VLUME 3 CPITL 6 MDUL D LE VENTI REGINI ITLINE LE MERICHE 1. Parole per capire lla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: altopiano... ambiente naturale... foresta di conifere...

Dettagli

La storia del barattolo

La storia del barattolo La storia del barattolo a cura di Alice Losi Ehi ragazzi, sono Miss Barattolo. Avete un po' di tempo libero? Sono qui per raccontarvi la mia storia... 1 Nicolas Appert 2 Sapete chi è Nicolas Appert? Beh...

Dettagli

"Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte.francois de La Rochefoucauld "Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld Ma chi sono i veri padroni del cibo? I signori dell'industria alimentare sono 10 e hanno un enorme guadagno

Dettagli

TIRO CON L ARCO. Un po di storia

TIRO CON L ARCO. Un po di storia TIRO CON L ARCO Un po di storia Le prime tracce evidenti dell uso dell arco e delle frecce risalgono all uomo preistorico di venticinquemila anni fa. Questo tipo di arma resta importantissimo nel corso

Dettagli

Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200

Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200 Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200 ml: 190 litri d acqua. Orzo Media globale dell impronta

Dettagli

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed.

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed. FU XI ed. Esempio di monografia:droga vegetale FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Preparazioni a base di droghe vegetali SOLIDE (polveri)

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

GELATINE GIUSOGEL. La Dolce Illuminazione

GELATINE GIUSOGEL. La Dolce Illuminazione GELATINE GIUSOGEL La Dolce Illuminazione Sistema di Rintracciabilità Interna in accordo alla norma UNI EN ISO 22005:2008 GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE Giuso nasce nel 1919, in un piccolo laboratorio

Dettagli

Prodotti e servizi per il catering

Prodotti e servizi per il catering DIVISIONE FOOD SERVICE Prodotti e servizi per il catering Oli vegetali di semi Oli di Oliva ed Extravergini di Oliva Aceti di vino e Balsamico di Modena Passate, concentrati e pelati di pomodoro Consegna

Dettagli

GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE

GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE Giuso nasce nel 1919, in un piccolo laboratorio artigianale. Da allora ha vissuto, condiviso e raccontato una storia di successo, fino a diventare oggi una solida realtà

Dettagli

DIARIO di Vincenzino Siani MALACCA E LE ALTRE

DIARIO di Vincenzino Siani MALACCA E LE ALTRE DIARIO di Vincenzino Siani MALACCA E LE ALTRE Prima ancora che il termine globalizzazione divenisse familiare in gran parte del mondo postindustriale, l umanità varie volte ha avuto esperienza di atteggiamenti

Dettagli

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre.

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre. La materia prima per la fabbricazione della carta è oggi il legno, anche se alcune carte vengono prodotte partendo da altre materie, come le alghe e il mais. Piante come il pino, il pioppo e il faggio,

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA

COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA 1 By Simone Matera COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA Materiali ed attrezzature necessarie - Due paia di forbici - Fogli di Scottex a disposizione - Un fohn (anche quello per i capelli) - Sacchetti di

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Trasformazione Amianto

Trasformazione Amianto Trasformazione Amianto «Amianto Nuove tecnologie di smaltimento» ottobre 2013 1 1 Trasformazione dell amianto Il processo consiste in un trattamento termico: l energia fornita al rifiuto, sottoforma di

Dettagli

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero L aggiunta dello zucchero ad un alimento altera la crescita batterica -a concentrazioni modeste (fino a circa 20%): substrato per la crescita

Dettagli

Oumaima Ben ameur 3a

Oumaima Ben ameur 3a Oumaima Ben ameur 3a STORIA La belle epoque è un periodo che va dai primi del 900 al 1914 Un età di pace,di benessere e di fiducia nel progresso negli USA henry ford costruì nel 1909 il MODELLO T. Nel

Dettagli

La storia del sapone

La storia del sapone La storia del sapone Un viaggio tra bolle e profumi II C Scuola secondaria di I grado Rinascita Livi Proff. De Fronzo Rodia Ruggeri Il sapone... Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio

Dettagli

Ma è molto di più! Un frullato? Una crema? Una granita? Caratteristiche

Ma è molto di più! Un frullato? Una crema? Una granita? Caratteristiche Siamo fatti così Un frullato? Una crema? Una granita? Ma è molto di più! Gli SMOOTHINI sono un nuovo tipo di smoothie, freschi ma non freddi, con ghiaccio finemente tritato, lisci e morbidi al palato.

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

Ciao a tutti gli amici modellisti..

Ciao a tutti gli amici modellisti.. Ciao a tutti gli amici modellisti.. Volevo parlare un po del sempre presente problema relativo alla ricopertura dei ponti dei nostri modelli, affrontando contemporaneamente il fatto di dover simulare la

Dettagli

1. Energia e Portatori di Energia

1. Energia e Portatori di Energia 1. Energia e Portatori di Energia 1.1. Cosa hanno in comune benzina, pane ed elettricità? I tappeti volanti esistono solo nelle favole. Sarebbe troppo bello se esistessero veramente. Con un tappeto volante

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala).

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Una leggenda Maya vuole, che l'uomo sia stato plasmato dagli Dei partendo da un chicco di mais e acqua, conquistandosi una dignità è un'importanza

Dettagli

Il prodotto viene preparato in un laboratorio in cui si usa frutta a guscio (contaminante accidentale).

Il prodotto viene preparato in un laboratorio in cui si usa frutta a guscio (contaminante accidentale). Il prodotto pronto al consumo può essere utilizzato nella caffetteria, come ingrediente per cocktail, come decorazione o per rendere più deciso il gusto delle preparazioni dolciarie. Zucchero (95%), amido

Dettagli

Il Caffè Espresso per Eccellenza

Il Caffè Espresso per Eccellenza Il Caffè Espresso per Eccellenza Oltre 11.000 controlli qualitativi effettuati ogni anno assicurano la qualità del caffè Meseta. Già nei paesi d origine i nostri tecnici specializzati selezionano con grande

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. I fumatori del Nord Est

OSSERVATORIO NORD EST. I fumatori del Nord Est OSSERVATORIO NORD EST I fumatori del Nord Est Il Gazzettino, 13.04.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio telefonico

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE

GLI STATI UNITI. LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI STATI UNITI tra riconversione post-1a guerra mondiale, Wall Street e Grande Crisi, e secondo dopoguerra slides lezione 12.05.2010 LA COBELLIGERANZA STATUNITENSE NELLA 1a GUERRA MONDIALE GLI USA: sono

Dettagli

Radio, radioamatori e caffè

Radio, radioamatori e caffè Radio, radioamatori e caffè Di Roberto IZ0KLI Quale sarà mai la relazione che lega noi radioamatori con la bevanda più consumata nel mondo ed eccellente rappresentanza del made in Italy? La risposta è

Dettagli

Distributore esclusivo per l'italia

Distributore esclusivo per l'italia ANITA Distribuzione S.r.l. Piattaforma distributiva per tabaccherie e materiale elettrico Via Aldo Moro n. 177 Sambuceto 66020 S.Giovanni Teatino (CH) Tel.+ Fax 085 4408542 www.anitadistribuzione.it anitadistribuzione@virgilio.it

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

La guerra delle banane.

La guerra delle banane. L'ultima "battaglia" della "guerra delle banane": riforma del regime di importazione delle banane dell'unione Europea, conflitti tra paesi ed imprese multinazionali. PAUE 0506 VII / 1 vi racconterò una

Dettagli

IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA

IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA Mauro Campanini 10 novembre 2014 Simon Leleux ( Parigi 1818-1885).La pausa Theobroma cacao Nel 1737 il cacao viene classificato dal botanico Linnè nel genere teobroma

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

LE SOSTANZE INCENDIARIE

LE SOSTANZE INCENDIARIE LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

Ne esistono, infatti, di vari tipi, ciascuno con caratteristiche particolari e adatto a diversi utilizzi. TAPPO DI SUGHERO NATURALE MONOPEZZO

Ne esistono, infatti, di vari tipi, ciascuno con caratteristiche particolari e adatto a diversi utilizzi. TAPPO DI SUGHERO NATURALE MONOPEZZO I TAPPI DI SUGHERO E IL VINO I TAPPI DI SUGHERO Il tappo di sughero naturale grazie alle sue caratteristiche di impermeabilità e alla sua capacità di trattenere ossigeno, favorisce la corretta evoluzione

Dettagli

Tutti gli uomini si nutrono ma pochi sanno distinguere i sapori.

Tutti gli uomini si nutrono ma pochi sanno distinguere i sapori. Tutti gli uomini si nutrono ma pochi sanno distinguere i sapori. Confucio Gratificare i cinque sensi è cio che differenzia l'uomo dall'animale. L aromatizzazione è parte integrante dell alimentazione dell

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

ALLE ORIGINI DEL GUSTO. TUTORIAL - Come preparare il corso

ALLE ORIGINI DEL GUSTO. TUTORIAL - Come preparare il corso ALLE ORIGINI DEL ALLE ORIGINI DEL GUSTO GUSTO TUTORIAL - Come preparare il corso w w w. s l o w f o o d. c o m Cofinanziato dalla DG Agricoltura e Sviluppo rurale 2 ALLE ORIGINI DEL GUSTO KIT ALLE ORIGINI

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

Osservazioni generali:

Osservazioni generali: Il giorno 21 marzo siamo andati in gita per il progetto Scuola 21. Con il pullman ci siamo recati ad Orsenigo, vicino a Lecco, presso la fabbrica di cioccolato ICAM. Scopo della nostra visita, oltre ad

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA Obiettivo-Azione1-FSE 2008-27 Anno scolastico 2008/2009 Tema: Le trasformazioni Sottotema: Combustione Conoscenze: La combustione intorno a

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA

PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA La radica di erica arborea, venne scoperta da alcuni artigiani Francesi che, nel secolo scorso, incuriositi dal ritrovamento di questa protuberanza simile al legno, decisero

Dettagli

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione: Eberhard-Finckh-Straße Nome Commerciale: S-U-DENTA-VLIES 39 D-89075 Ulm (Donau) Germany Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Dettagli

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini Agrumi di Sicilia Rarità, specialità, riscoperte Storia e origini Si presume che la famiglia degli agrumi sia originaria dell Asia orientale e che i primi agrumi commestibili siano stati raccolti alle

Dettagli

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. (Giuseppe Verdi) Metti un momento di tranquillità nel bel mezzo del pomeriggio da godersi a casa propria con le amiche... solo il tempo di preparare un

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

L INDUSTRIA CARTARIA INDIANA

L INDUSTRIA CARTARIA INDIANA L INDUSTRIA CARTARIA INDIANA Panoramica generale Dr. Ing.Abanish Panda Paper India Foundation, New Delhi, India Seminario Comieco Marina di Carrara, Italia 12 ottobre 2006 L industria cartaria indiana

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE FORNI GIROLAMI CAMINETTI

MANUALE DI INSTALLAZIONE FORNI GIROLAMI CAMINETTI MANUALE DI INSTALLAZIONE Gentile Cliente, Congratulazioni per aver acquistato un forno Girolami Caminetti. Acquistando un forno Girolami Caminetti avrete tutta la soddisfazione di potervi avvalere della

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

VENDING professional

VENDING professional VENDING professional SQD Choc Line Il cacao rende felici Solo materie prime accuratamente selezionate, una lavorazione delicata ed una miscela bilanciata dei migliori ingredienti sono le basi per la qualità

Dettagli

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 2. Trasformazione e utilizzo delle piante officinali F. Bracco, E. Martino & L. Poggi Università

Dettagli

Un impegno per la qualità

Un impegno per la qualità Dentro una capsula MUST è racchiusa una cultura per il benessere. Una tradizione che, con il profumo di terre lontane, oggi rinasce nel cuore del Belpaese, fra le dolci colline marchigiane. Per diventare

Dettagli