L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL Cinthia Campi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL. 2013. Cinthia Campi"

Transcript

1 L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL

2 CASO: Facebook v. MySpace MySpace: social network nato nell ambiente musicale in California Comprato nel 2005 da Rupert Murdoch 2008: massima popolarità, poi declino Facebook: 2004 Mark Zuckeberg Diversi per caratteristiche: FB: vero nome, pagine web standard, attenzione al mondo degli affari, applicazione per iphone nel 2007 MS: pseudonimo, pagine web individuali, applicazione per iphone un anno e 12 milioni dopo 2

3 CONSIDERAZIONI Modelli Bertrand e Cournot: statici, non c è né un prima né un dopo Concorrenza: le decisioni delle imprese si evolvono nel tempo Dinamiche della concorrenza Le incumbent devono considerare potenziali nuove imprese Gli entranti: Sottraggono quote di mercato (vedi Fb v. MS) Intensificano la concorrenza abbassamento dei prezzi Comportamento strategico: Entrante Incombente 3

4 ENTRATA E USCITA: DEFINIZIONI Entrante: è un impresa che inizia a produrre e vendere in un mercato Nuova Diversifica la linea di prodotti Ricerca una diversificazione geografica Uscita: è un impresa che smette di produrre in quel mercato Chiude Continua ad operare, ma in altri mercati 4

5 DATI (20 anni); imprese manifatturiere USA 1. IN 5 ANNI: TURNOVER DEL 30-40% IN NUMERO E 12-20% IN VOLUME (entrata e uscita) 2. DIMENSIONE ENTRANTE e USCENTE: 1/3 INCOMBENTI. Solo le poche aziende in via di diversificazione costruiscono grossi impianti e hanno dimensione pari alla media 3. MOLTI ENTRANTI (CIRCA IL 60%) NON SOPRAVVIVONO IN 10 ANNI. Quelli che restano crescono rapidamente e raddoppiano le dimensioni 4. FORTE VARIABILITA SETTORIALE; diversa dinamicità; entrata e uscita correlate. Turnover: 1. High: abbigliamento, legname 2. Low: tabacco, carta 5

6 IMPLICAZIONI STRATEGICHE I manager devono tenere conto anche dei potenziali entranti Piccola nuova impresa o grande che diversifica Costi di entrata e risposte strategiche diverse Le imprese diversificate costituiscono una minaccia maggiore Per sopravvivere, le nuove imprese devono crescere e reperire capitali Se non falliscono, crescono E necessario conoscere le condizioni di entrata e di uscita prevalenti nel settore 6

7 BARRIERE ALL ENTRATA STRUTTURALI O STRATEGICHE Consentono alle imprese presenti profitti Rendono l entrata non conveniente per nuove imprese STRUTTURALI le incumbent hanno vantaggi naturali: costi, marketing o regolamentazione sono fuori dal controllo delle imprese presenti sul mercato: CONTROLLO DI RISORSE ECONOMIE DI SCALA E SCOPO 7 VANTAGGI DI MARKETING

8 BARRIERE ALL ENTRATA STRATEGICHE l incumbent intraprende strategie di deterrenza sono adottate dalle imprese esistenti per ridurre la minaccia di entrata e/o incoraggiare l uscita dei rivali: PREZZI LIMITE PREZZI PREDATORI ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA 8

9 TRE CONDIZIONI DI ENTRATA (Bain) Entrata bloccata (non entra) Barriere strutturali molto alte Entrata facilitata (entra) Entrata scoraggiata (conseguenti atti predatori) Le imprese presenti devono analizzare le condizioni di entrata e scegliere la strategia di deterrenza - Casi 1 e 2: non fare niente - Caso 3: strategia predatoria 9

10 TRE CONDIZIONI DI ENTRATA (2/2) ENTRATA BLOCCATA (le incumbent non devono fare nulla per impedire l entrata) Possono essere necessari forti investimenti fissi, o i profitti attesi sono bassi (beni non differenziati, concorrenza) ENTRATA FACILITATA (le incumbent non possono fare nulla per impedire l entrata) Le barriere sono basse + Le strategie di deterrenza sono inefficaci Oppure I costi di deterrenza superano i benefici attesi Es. mercati con domanda crescente o forti progressi tecnologici ENTRATA SCORAGGIATA (l entrata si può evitare; atti predatori) Le imprese possono evitare l entrata con una strategia di deterrenza + Il costo di deterrenza è più che compensato dai profitti aggiuntivi dati da un ambiente meno competitivo 10

11 ASIMMETRIA TRA IMPRESE Molte strategie predatorie sono a disposizione anche degli entranti Asimmetrie tra imprese a favore di incumbent o entranti Costi irrecuperabili già sostenuti: Boeing e Airbus (strutture, strumenti, personale) United Airlines (relazioni con clienti e fornitori) Asimmetrie a favore di incumbent, ma anche di diversificate che entrano: Strategie di «rimozione dell incumbent» 11

12 BARRIERE STRUTTURALI STRUTTURALI: vantaggi naturali (costi, marketing o regolamentazione) Controllo di risorse essenziali; brevetti Economie di scala e scopo Vantaggi per le imprese esistenti dal lato del marketing 12

13 BARRIERE STRUTTURALI: 1. CONTROLLO DI RISORSE RISORSA ESSENZIALE: necessaria per la produzione (es. De Beers: diamanti, Ocean Spray: mirtilli rossi) Acquisirla? Rischi Beni succedanei, nuovi canali (diamanti in Canada), leggi antitrust (2002 Northland Cranberries v. Ocean Spray: accusa di vertical foreclosure (chiusura del mercato): 2004 OS acquista impianti NC) BARRIERE LEGALI: Brevetti (prodotti/processi) Si possono aggirare; modifica/imitazione del prodotto Accumulazione di brevetti (telefonia cellulare) a protezione durata dei brevetti (USA. EU, Japan, India. Cina) CASO: industria farmaceutica USA Cefalosporine, Cimetidina 13

14 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCALA Dimensione Ottima Minima (DOM) e quota di mercato COSTI DELL ENTRANTE costo diretto (pubblicitario, forza vendita) reazione strategica (l incumbent può abbassare il prezzo, anche sotto al costo marginale) BARRIERE NEI TRASPORTI AEREI: Emirates Air Compass II (1992) vs. Quantas + Ansett 2 CASI (ANNI 80) trasporto aereo: uscita dei nuovi concorrenti per guerre dei prezzi sigarette non di marca: sopravvissute con erosione dei profitti nel 14 settore

15 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCOPO CASO: CEREALI PER COLAZIONE. EC. SCOPO: PIU LINEE DI PRODUZIONE NELLO STESSO IMPIANTO VANTAGGI DI MARKETING CAPITALE ELEVATO PER L ENTRANTE Pubblicità Necessari 6-12 prodotti di successo 1980: 88 cereali in vendita: 2005: oltre 200 tipi SCELTA DI NICCHIA con prezzi più elevati Es. muesli, con prezzi > 15

16 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCALA E DI SCOPO OBBLIGANO GLI ENTRANTI A DIMENSIONI ELEVATE O A MOLTI PRODOTTI Per avere gli stessi costi unitari delle imprese esistenti SUNK COSTS: NON ENTRARE COSTI RECUPERABILI: STRATEGIA MORDI E FUGGI (HIT AND RUN) Produzione su larga scala e prezzi inferiori SONO I COSTI NON RECUPERABILI A COSTITUIRE LA BARRIERA ALL ENTRATA 16

17 MERCATO CONTENDIBILE SONO I COSTI NON RECUPERABILI A COSTITUIRE LA BARRIERA ALL ENTRATA Mercato contendibile: Minaccia di entrata Possibile l entrata mordi e fuggi Profitti nulli (anche se è un monopolista) 17

18 BARRIERE STRUTTURALI: 3. VANTAGGI DI MARKETING ENTRANTE: investire molto in pubblicità e promozione INCUMBENT: EFFETTO OMBRELLO (UMBRELLA BRANDING). Caso speciale di economia di scopo Vantaggi e rischi IMPRESE A MONTE E A VALLE fornitori, distributori, venditori L effetto ombrello permette il credito, o prezzi favorevoli L effetto ombrello permette migliori contratti, spazio e visibilità 18

19 BARRIERE ALL USCITA (1/2) Prezzo di ENTRATA: L IMPRESA E INDIFFERENTE FRA ENTRARE O MENO Prezzo di USCITA: AL DI SOTTO DI QUESTO PREZZO L IMPRESA ESCE TRA I DUE PREZZI: BARRIERE ALL USCITA 19

20 COSTO unitario marginale medio variabile A prezzo effettivo B C prezzo minimo di entrata??? > oppure < prezzo di uscita??? q

21 COSTO p marginale medio totale (unitario) medio variabile prezzo effettivo p E prezzo minimo di entrata p U prezzo di uscita q 21

22 BARRIERE ALL USCITA (2/2) Obblighi da onorare (pagare i fornitori, gli stipendi, ) anche se l impresa arresta la produzione IL COSTO MARGINALE EFFETTIVO E MINORE Impianti ad elevata specificità Restrizioni governative 22

23 BARRIERE STRATEGICHE: STRATEGIE DI DETERRENZA ALL ENTRATA (1/2) In assenza di barriere strutturali all entrata Hanno successo se: L incumbent ha maggiori profitti come monopolista e La strategia modifica le aspettative dell entrante sulla concorrenza 23

24 BARRIERE STRATEGICHE: STRATEGIE DI DETERRENZA ALL ENTRATA (2/2) MERCATO NON CONTENDIBILE TRE STRATEGIE DELL INCUMBENT: PREZZI LIMITE (minaccia di entrata) PREZZI PREDATORI (il rivale è già entrato) ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA 24

25 1. PREZZO LIMITE (1/2) Primi studi di BAIN, SYLOS LABINI, MODIGLIANI: fine anni 50, inizio anni 60. Si basavano su osservazioni empiriche. Ipotesi: MONOPOLISTA (O CARTELLO) MINACCIATO DA UN UNICO POTENZIALE ENTRANTE L INCUMBENT FISSA UN PREZZO BASSO PRIMA DELL ENTRATA Per scoraggiarla L ENTRANTE RITIENE CHE IL PREZZO DOPO L ENTRATA CONTINUEREBBE A NON ESSERE REDDITIZIO E RIMANE FUORI 25

26 PREZZO LIMITE (2/2) FORTI ECONOMIE DI SCALA PRODOTTI OMOGENEI DOMANDA FISSA COMPETIZIONE ALLA STACKELBERG: L incumbent agisce come leader (= fa la prima mossa) e l entrante come follower 26

27 TEOREMA ED ESEMPIO ESISTE UN PREZZO (PREZZO LIMITE) INFERIORE A QUELLO DI MAX DEI PROFITTI DI BREVE PERIODO, CHE ESCLUDE L ENTRATA DEL RIVALE Curva di domanda: P=100-Q Periodo: DUE ANNI Sunk costs: 800 $/ANNO Costo marginale costante: 10 $ Incumbent (N) nel primo anno; Entrante (E) nel secondo 27

28 SOLUZIONE (1/3) PRIMO PERIODO: MONOPOLISTA R = C R = P.Q = 100Q - Q 2 R =100-2Q 100-2Q = 10 Q = 45; P=55; 1 = (55-10)x = 1225 SECONDO PERIODO: MONOPOLISTA 2 = 1225; TOT =

29 SOLUZIONE (2/3) Se E sviluppa la tecnologia per COMPETERE NEL 2 PERIODO, ha un aspettativa sulla competizione dopo l entrata (es. Cournot; stesso prezzo; quote 50%) d 1 / dq 1 = 0; d 2 / dq 2 = 0 (f. di reaz.) Q C =30; P C =40 (Nash) 2 = (40-10)x =100; 1 = 100 1TOT = = 1325 <<2450 ENTRATA COSTOSA: SCORAGGIARE? 29

30 SOLUZIONE (3/3) Se N fissa un prezzo più basso il 1 anno (es. 30), può convincere E a non entrare? E osserva: con P=30, il mercato è Q=70. Bene che vada, prende il 50%, ossia Q=35. 2 = (30-10)x = (1 periodo) = (30-10)x = (2 periodo) = monopolista = (totale) = 1825 Se E non dispone di altre informazioni, non entra. 30

31 PREZZO LIMITE: ESEMPIO Produttori brasiliani di cemento 12 maggiori imprese e 57 cementifici Brasile: sesto produttore mondiale Mark up > 50% Ma le imprese straniere non riescono a entrare (2%) In USA si (20%) Accordo tra le imprese BR (cartello) Hanno diviso il mercato Trasportano solo dove lo vendono pure I costi di trasporto si possono sostenere! Hanno imposto un prezzo limite Non aumentano i prezzi quando la domanda è alta 31

32 GIOCO IN FORMA ESTESA P M =55; P L =30 0 P M P L 1 1 IN OUT IN OUT PL 2 E =0 2 PC N =2450 PL PC N = 1825 E =0 N =1125 E =-100 N = 1325 E =100 N =500 E =-100 N =700 E =100 32

33 CONVENIENZA E CREDIBILITA DEL PREZZO LIMITE CON INFO COMPLETA, il potenziale entrante baserà la decisione sul prezzo che, dopo l entrata, max il dell ex monopolista Asimmetria informativa Entranti: devono avere INCERTEZZA su: COSTI IMPRESA ESISTENTE O DOMANDA DI MERCATO (non è possibile calcolare i payoff dell incumbent) OBIETTIVI DELL INCUMBENT (prezzi predatori) 33

34 INCERTEZZA SULLA CONCORRENZA ( COSTI O DOMANDA) Costo marginale: 5 oppure 10 Cournot post entrata L incumbent deve pensare strategicamente (fissare P<=52,50 -il prezzo corrispondente al costo di 5) Fin dall inizio (convincere l entrante di avere un vantaggio di costo) Oppure: Prezzo basso: la domanda potrebbe essere bassa 34

35 2. PREZZI PREDATORI Il rivale è già entrato L incumbent fissa un prezzo per espellere altre imprese dal mercato Prezzo sottocosto: recupererà le perdite 35

36 PARADOSSO Deterrenza contro l entrata in altri mercati Backward induction Il prezzo predatorio è irrazionale Se gli entranti possono prevedere il comportamento dell incumbent Ma molte imprese adottano questa tattica Standard Oil, Wal-Mart Le teorie sono incomplete o semplificate Ruolo dell incertezza Sulla domanda di mercato o sui costi dell incumbent, o le sue intenzioni di max. le vendite Reputazione di aggressività 36

37 GUERRE DI LOGORAMENTO Prezzi di dumping (< costi), per eliminare la concorrenza I successivi profitti di monopolio permettono di più che recuperare Guerre di prezzo (guerre di logoramento) Tagliare i prezzi Perdite Eliminare la concorrenza Recupero Impresa di maggiori dimensioni Sopporta meglio le perdite Subisce perdite maggiori La corsa agli armamenti (USA v. URSS) Ruolo delle barriere all uscita Le imprese hanno meno da perdere con una guerra di logoramento 37

38 3. ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA Con prezzi predatori si deve avere capacità produttiva per soddisfare la domanda in caso di entrata Tre condizioni per comportamento di deterrenza efficace, mantenendo capacità in eccesso: L incumbent deve avere un vantaggio di costo sostenibile Se l entrata accade e ne segue una guerra dei prezzi La crescita della domanda deve essere lenta Gli investimenti sulla capacità in eccesso devono essere non recuperabili e sostenuti prima dell entrata Il potenziale entrante non deve volere una reputazione di 38 aggressività

39 ECCESSO DI CAPACITA PRODUTTIVA Molte imprese con capacità produttiva in eccesso Livello di utilizzo: 80% Motivi contingenti, dovuti alle forze di mercato La capacità si aggiunge solo a blocchi C è una fase depressiva del ciclo economico o della domanda di un impresa Sono entrate altre imprese che hanno sottratto quote di mercato Motivi strategici, per condizionare le percezioni di un entrante Segnalare l intenzione di tagliare i prezzi in caso di entrata efficace con incertezza sull incumbent Segnalare l intenzione di aumentare la produzione in caso di entrata Efficace con informazione completa: (IMPEGNO CREDIBILE): è possibile espansione a basso costo 39

40 STRATEGIE DI BUNDLING Offerta di un combinazione (pacchetto) di beni e/o servizi Il prezzo totale è minore della somma Es. Happy meal di McDonald; Pacchetti vacanza A scopo convenienza o di marketing Profitto maggiore se le preferenze non sono ben collegate Es. skype pacchetti convenienti. Costi marginali quasi nulli Bundling come strategie di deterrenza all entrata Ho monopolio in un mercato e sono minacciato in un altro Costringo a comprare il mio pacchetto per due mercati Es. impresa produce post-it (monopolio) e carta A4 Prezzo per sola carta e prezzo per carta e post it (più conveniente) P = prezzo monopolio per post it + prezzo di concorrenza per carta

41 ECONOMIA DEL JUDO Dimensione, reputazione Per mettere in svantaggio i rivali Entranti: usare le grandi dimensioni dell incumbent a proprio vantaggio: Più grande l impresa, maggiore la perdita Blockbuster v. Netflix; da videocassetta a DVD (1997); noleggio per posta. Bb bancarotta nel 2011 Braniff Airlines: trucco del cucciolo non riuscito Netscape (flessibilità) vs. Microsoft (uniformità) 41

42 EVIDENZE EMPIRICHE SULLA DETERRENZA ALL ENTRATA Scarse Antitrust: info dettagliate: Costi, mercati, strategie Conoscere: Costi marginali, curva di domanda, competitività dell industria, prodotti sostituti Sono info difficili da ottenere Determinare anche il tasso di entrata in assenza di atti predatori 42

43 ENTRATA PREVENTIVA RENT SEEKING Ipotesi: mercato insufficiente per più imprese Esempio: Città in crescita Spazio per un solo grosso produttore di cemento Costi non rec. 10 milioni, Profitti futuri 16 mil., Profitti netti 6 mil. Duopolio: perdita netta di 4 mil. Ciascuno Eq. Di Nash (statico) con due possibili entranti: due possibili (payoff 0; 6) Azioni alternative a monte: pressioni sul governo (rent seeking), attività costose Dinamico: posso scegliere di entrare preventivamente, con profitti bassi o nulli, fino a entrare con flusso di profitti nullo! Entrambi profitti nulli; Dissipazione dei profitti del monopolista 43

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in Marketing e analisi di Mercato curriculum in Marketing Management. RESTRIZIONI VERTICALI Analisi degli effetti

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Liuc Papers n. 144, Serie Economia e Impresa, 36, marzo 2004 ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Christian Garavaglia 1 1. Introduzione È ampiamente

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

La Gestione dell Innovazione nell Impresa

La Gestione dell Innovazione nell Impresa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA La Gestione dell Innovazione nell Impresa Esercitazioni di Economia del Cambiamento Tecnologico Invenzione, innovazione e diffusione Invenzione Nuova

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli