L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL Cinthia Campi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL. 2013. Cinthia Campi"

Transcript

1 L ENTRATA E L USCITA CAPITOLO 6 BESANKO ET AL

2 CASO: Facebook v. MySpace MySpace: social network nato nell ambiente musicale in California Comprato nel 2005 da Rupert Murdoch 2008: massima popolarità, poi declino Facebook: 2004 Mark Zuckeberg Diversi per caratteristiche: FB: vero nome, pagine web standard, attenzione al mondo degli affari, applicazione per iphone nel 2007 MS: pseudonimo, pagine web individuali, applicazione per iphone un anno e 12 milioni dopo 2

3 CONSIDERAZIONI Modelli Bertrand e Cournot: statici, non c è né un prima né un dopo Concorrenza: le decisioni delle imprese si evolvono nel tempo Dinamiche della concorrenza Le incumbent devono considerare potenziali nuove imprese Gli entranti: Sottraggono quote di mercato (vedi Fb v. MS) Intensificano la concorrenza abbassamento dei prezzi Comportamento strategico: Entrante Incombente 3

4 ENTRATA E USCITA: DEFINIZIONI Entrante: è un impresa che inizia a produrre e vendere in un mercato Nuova Diversifica la linea di prodotti Ricerca una diversificazione geografica Uscita: è un impresa che smette di produrre in quel mercato Chiude Continua ad operare, ma in altri mercati 4

5 DATI (20 anni); imprese manifatturiere USA 1. IN 5 ANNI: TURNOVER DEL 30-40% IN NUMERO E 12-20% IN VOLUME (entrata e uscita) 2. DIMENSIONE ENTRANTE e USCENTE: 1/3 INCOMBENTI. Solo le poche aziende in via di diversificazione costruiscono grossi impianti e hanno dimensione pari alla media 3. MOLTI ENTRANTI (CIRCA IL 60%) NON SOPRAVVIVONO IN 10 ANNI. Quelli che restano crescono rapidamente e raddoppiano le dimensioni 4. FORTE VARIABILITA SETTORIALE; diversa dinamicità; entrata e uscita correlate. Turnover: 1. High: abbigliamento, legname 2. Low: tabacco, carta 5

6 IMPLICAZIONI STRATEGICHE I manager devono tenere conto anche dei potenziali entranti Piccola nuova impresa o grande che diversifica Costi di entrata e risposte strategiche diverse Le imprese diversificate costituiscono una minaccia maggiore Per sopravvivere, le nuove imprese devono crescere e reperire capitali Se non falliscono, crescono E necessario conoscere le condizioni di entrata e di uscita prevalenti nel settore 6

7 BARRIERE ALL ENTRATA STRUTTURALI O STRATEGICHE Consentono alle imprese presenti profitti Rendono l entrata non conveniente per nuove imprese STRUTTURALI le incumbent hanno vantaggi naturali: costi, marketing o regolamentazione sono fuori dal controllo delle imprese presenti sul mercato: CONTROLLO DI RISORSE ECONOMIE DI SCALA E SCOPO 7 VANTAGGI DI MARKETING

8 BARRIERE ALL ENTRATA STRATEGICHE l incumbent intraprende strategie di deterrenza sono adottate dalle imprese esistenti per ridurre la minaccia di entrata e/o incoraggiare l uscita dei rivali: PREZZI LIMITE PREZZI PREDATORI ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA 8

9 TRE CONDIZIONI DI ENTRATA (Bain) Entrata bloccata (non entra) Barriere strutturali molto alte Entrata facilitata (entra) Entrata scoraggiata (conseguenti atti predatori) Le imprese presenti devono analizzare le condizioni di entrata e scegliere la strategia di deterrenza - Casi 1 e 2: non fare niente - Caso 3: strategia predatoria 9

10 TRE CONDIZIONI DI ENTRATA (2/2) ENTRATA BLOCCATA (le incumbent non devono fare nulla per impedire l entrata) Possono essere necessari forti investimenti fissi, o i profitti attesi sono bassi (beni non differenziati, concorrenza) ENTRATA FACILITATA (le incumbent non possono fare nulla per impedire l entrata) Le barriere sono basse + Le strategie di deterrenza sono inefficaci Oppure I costi di deterrenza superano i benefici attesi Es. mercati con domanda crescente o forti progressi tecnologici ENTRATA SCORAGGIATA (l entrata si può evitare; atti predatori) Le imprese possono evitare l entrata con una strategia di deterrenza + Il costo di deterrenza è più che compensato dai profitti aggiuntivi dati da un ambiente meno competitivo 10

11 ASIMMETRIA TRA IMPRESE Molte strategie predatorie sono a disposizione anche degli entranti Asimmetrie tra imprese a favore di incumbent o entranti Costi irrecuperabili già sostenuti: Boeing e Airbus (strutture, strumenti, personale) United Airlines (relazioni con clienti e fornitori) Asimmetrie a favore di incumbent, ma anche di diversificate che entrano: Strategie di «rimozione dell incumbent» 11

12 BARRIERE STRUTTURALI STRUTTURALI: vantaggi naturali (costi, marketing o regolamentazione) Controllo di risorse essenziali; brevetti Economie di scala e scopo Vantaggi per le imprese esistenti dal lato del marketing 12

13 BARRIERE STRUTTURALI: 1. CONTROLLO DI RISORSE RISORSA ESSENZIALE: necessaria per la produzione (es. De Beers: diamanti, Ocean Spray: mirtilli rossi) Acquisirla? Rischi Beni succedanei, nuovi canali (diamanti in Canada), leggi antitrust (2002 Northland Cranberries v. Ocean Spray: accusa di vertical foreclosure (chiusura del mercato): 2004 OS acquista impianti NC) BARRIERE LEGALI: Brevetti (prodotti/processi) Si possono aggirare; modifica/imitazione del prodotto Accumulazione di brevetti (telefonia cellulare) a protezione durata dei brevetti (USA. EU, Japan, India. Cina) CASO: industria farmaceutica USA Cefalosporine, Cimetidina 13

14 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCALA Dimensione Ottima Minima (DOM) e quota di mercato COSTI DELL ENTRANTE costo diretto (pubblicitario, forza vendita) reazione strategica (l incumbent può abbassare il prezzo, anche sotto al costo marginale) BARRIERE NEI TRASPORTI AEREI: Emirates Air Compass II (1992) vs. Quantas + Ansett 2 CASI (ANNI 80) trasporto aereo: uscita dei nuovi concorrenti per guerre dei prezzi sigarette non di marca: sopravvissute con erosione dei profitti nel 14 settore

15 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCOPO CASO: CEREALI PER COLAZIONE. EC. SCOPO: PIU LINEE DI PRODUZIONE NELLO STESSO IMPIANTO VANTAGGI DI MARKETING CAPITALE ELEVATO PER L ENTRANTE Pubblicità Necessari 6-12 prodotti di successo 1980: 88 cereali in vendita: 2005: oltre 200 tipi SCELTA DI NICCHIA con prezzi più elevati Es. muesli, con prezzi > 15

16 BARRIERE STRUTTURALI: 2. ECONOMIE DI SCALA E DI SCOPO OBBLIGANO GLI ENTRANTI A DIMENSIONI ELEVATE O A MOLTI PRODOTTI Per avere gli stessi costi unitari delle imprese esistenti SUNK COSTS: NON ENTRARE COSTI RECUPERABILI: STRATEGIA MORDI E FUGGI (HIT AND RUN) Produzione su larga scala e prezzi inferiori SONO I COSTI NON RECUPERABILI A COSTITUIRE LA BARRIERA ALL ENTRATA 16

17 MERCATO CONTENDIBILE SONO I COSTI NON RECUPERABILI A COSTITUIRE LA BARRIERA ALL ENTRATA Mercato contendibile: Minaccia di entrata Possibile l entrata mordi e fuggi Profitti nulli (anche se è un monopolista) 17

18 BARRIERE STRUTTURALI: 3. VANTAGGI DI MARKETING ENTRANTE: investire molto in pubblicità e promozione INCUMBENT: EFFETTO OMBRELLO (UMBRELLA BRANDING). Caso speciale di economia di scopo Vantaggi e rischi IMPRESE A MONTE E A VALLE fornitori, distributori, venditori L effetto ombrello permette il credito, o prezzi favorevoli L effetto ombrello permette migliori contratti, spazio e visibilità 18

19 BARRIERE ALL USCITA (1/2) Prezzo di ENTRATA: L IMPRESA E INDIFFERENTE FRA ENTRARE O MENO Prezzo di USCITA: AL DI SOTTO DI QUESTO PREZZO L IMPRESA ESCE TRA I DUE PREZZI: BARRIERE ALL USCITA 19

20 COSTO unitario marginale medio variabile A prezzo effettivo B C prezzo minimo di entrata??? > oppure < prezzo di uscita??? q

21 COSTO p marginale medio totale (unitario) medio variabile prezzo effettivo p E prezzo minimo di entrata p U prezzo di uscita q 21

22 BARRIERE ALL USCITA (2/2) Obblighi da onorare (pagare i fornitori, gli stipendi, ) anche se l impresa arresta la produzione IL COSTO MARGINALE EFFETTIVO E MINORE Impianti ad elevata specificità Restrizioni governative 22

23 BARRIERE STRATEGICHE: STRATEGIE DI DETERRENZA ALL ENTRATA (1/2) In assenza di barriere strutturali all entrata Hanno successo se: L incumbent ha maggiori profitti come monopolista e La strategia modifica le aspettative dell entrante sulla concorrenza 23

24 BARRIERE STRATEGICHE: STRATEGIE DI DETERRENZA ALL ENTRATA (2/2) MERCATO NON CONTENDIBILE TRE STRATEGIE DELL INCUMBENT: PREZZI LIMITE (minaccia di entrata) PREZZI PREDATORI (il rivale è già entrato) ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA 24

25 1. PREZZO LIMITE (1/2) Primi studi di BAIN, SYLOS LABINI, MODIGLIANI: fine anni 50, inizio anni 60. Si basavano su osservazioni empiriche. Ipotesi: MONOPOLISTA (O CARTELLO) MINACCIATO DA UN UNICO POTENZIALE ENTRANTE L INCUMBENT FISSA UN PREZZO BASSO PRIMA DELL ENTRATA Per scoraggiarla L ENTRANTE RITIENE CHE IL PREZZO DOPO L ENTRATA CONTINUEREBBE A NON ESSERE REDDITIZIO E RIMANE FUORI 25

26 PREZZO LIMITE (2/2) FORTI ECONOMIE DI SCALA PRODOTTI OMOGENEI DOMANDA FISSA COMPETIZIONE ALLA STACKELBERG: L incumbent agisce come leader (= fa la prima mossa) e l entrante come follower 26

27 TEOREMA ED ESEMPIO ESISTE UN PREZZO (PREZZO LIMITE) INFERIORE A QUELLO DI MAX DEI PROFITTI DI BREVE PERIODO, CHE ESCLUDE L ENTRATA DEL RIVALE Curva di domanda: P=100-Q Periodo: DUE ANNI Sunk costs: 800 $/ANNO Costo marginale costante: 10 $ Incumbent (N) nel primo anno; Entrante (E) nel secondo 27

28 SOLUZIONE (1/3) PRIMO PERIODO: MONOPOLISTA R = C R = P.Q = 100Q - Q 2 R =100-2Q 100-2Q = 10 Q = 45; P=55; 1 = (55-10)x = 1225 SECONDO PERIODO: MONOPOLISTA 2 = 1225; TOT =

29 SOLUZIONE (2/3) Se E sviluppa la tecnologia per COMPETERE NEL 2 PERIODO, ha un aspettativa sulla competizione dopo l entrata (es. Cournot; stesso prezzo; quote 50%) d 1 / dq 1 = 0; d 2 / dq 2 = 0 (f. di reaz.) Q C =30; P C =40 (Nash) 2 = (40-10)x =100; 1 = 100 1TOT = = 1325 <<2450 ENTRATA COSTOSA: SCORAGGIARE? 29

30 SOLUZIONE (3/3) Se N fissa un prezzo più basso il 1 anno (es. 30), può convincere E a non entrare? E osserva: con P=30, il mercato è Q=70. Bene che vada, prende il 50%, ossia Q=35. 2 = (30-10)x = (1 periodo) = (30-10)x = (2 periodo) = monopolista = (totale) = 1825 Se E non dispone di altre informazioni, non entra. 30

31 PREZZO LIMITE: ESEMPIO Produttori brasiliani di cemento 12 maggiori imprese e 57 cementifici Brasile: sesto produttore mondiale Mark up > 50% Ma le imprese straniere non riescono a entrare (2%) In USA si (20%) Accordo tra le imprese BR (cartello) Hanno diviso il mercato Trasportano solo dove lo vendono pure I costi di trasporto si possono sostenere! Hanno imposto un prezzo limite Non aumentano i prezzi quando la domanda è alta 31

32 GIOCO IN FORMA ESTESA P M =55; P L =30 0 P M P L 1 1 IN OUT IN OUT PL 2 E =0 2 PC N =2450 PL PC N = 1825 E =0 N =1125 E =-100 N = 1325 E =100 N =500 E =-100 N =700 E =100 32

33 CONVENIENZA E CREDIBILITA DEL PREZZO LIMITE CON INFO COMPLETA, il potenziale entrante baserà la decisione sul prezzo che, dopo l entrata, max il dell ex monopolista Asimmetria informativa Entranti: devono avere INCERTEZZA su: COSTI IMPRESA ESISTENTE O DOMANDA DI MERCATO (non è possibile calcolare i payoff dell incumbent) OBIETTIVI DELL INCUMBENT (prezzi predatori) 33

34 INCERTEZZA SULLA CONCORRENZA ( COSTI O DOMANDA) Costo marginale: 5 oppure 10 Cournot post entrata L incumbent deve pensare strategicamente (fissare P<=52,50 -il prezzo corrispondente al costo di 5) Fin dall inizio (convincere l entrante di avere un vantaggio di costo) Oppure: Prezzo basso: la domanda potrebbe essere bassa 34

35 2. PREZZI PREDATORI Il rivale è già entrato L incumbent fissa un prezzo per espellere altre imprese dal mercato Prezzo sottocosto: recupererà le perdite 35

36 PARADOSSO Deterrenza contro l entrata in altri mercati Backward induction Il prezzo predatorio è irrazionale Se gli entranti possono prevedere il comportamento dell incumbent Ma molte imprese adottano questa tattica Standard Oil, Wal-Mart Le teorie sono incomplete o semplificate Ruolo dell incertezza Sulla domanda di mercato o sui costi dell incumbent, o le sue intenzioni di max. le vendite Reputazione di aggressività 36

37 GUERRE DI LOGORAMENTO Prezzi di dumping (< costi), per eliminare la concorrenza I successivi profitti di monopolio permettono di più che recuperare Guerre di prezzo (guerre di logoramento) Tagliare i prezzi Perdite Eliminare la concorrenza Recupero Impresa di maggiori dimensioni Sopporta meglio le perdite Subisce perdite maggiori La corsa agli armamenti (USA v. URSS) Ruolo delle barriere all uscita Le imprese hanno meno da perdere con una guerra di logoramento 37

38 3. ESPANSIONE DELLA CAPACITA PRODUTTIVA Con prezzi predatori si deve avere capacità produttiva per soddisfare la domanda in caso di entrata Tre condizioni per comportamento di deterrenza efficace, mantenendo capacità in eccesso: L incumbent deve avere un vantaggio di costo sostenibile Se l entrata accade e ne segue una guerra dei prezzi La crescita della domanda deve essere lenta Gli investimenti sulla capacità in eccesso devono essere non recuperabili e sostenuti prima dell entrata Il potenziale entrante non deve volere una reputazione di 38 aggressività

39 ECCESSO DI CAPACITA PRODUTTIVA Molte imprese con capacità produttiva in eccesso Livello di utilizzo: 80% Motivi contingenti, dovuti alle forze di mercato La capacità si aggiunge solo a blocchi C è una fase depressiva del ciclo economico o della domanda di un impresa Sono entrate altre imprese che hanno sottratto quote di mercato Motivi strategici, per condizionare le percezioni di un entrante Segnalare l intenzione di tagliare i prezzi in caso di entrata efficace con incertezza sull incumbent Segnalare l intenzione di aumentare la produzione in caso di entrata Efficace con informazione completa: (IMPEGNO CREDIBILE): è possibile espansione a basso costo 39

40 STRATEGIE DI BUNDLING Offerta di un combinazione (pacchetto) di beni e/o servizi Il prezzo totale è minore della somma Es. Happy meal di McDonald; Pacchetti vacanza A scopo convenienza o di marketing Profitto maggiore se le preferenze non sono ben collegate Es. skype pacchetti convenienti. Costi marginali quasi nulli Bundling come strategie di deterrenza all entrata Ho monopolio in un mercato e sono minacciato in un altro Costringo a comprare il mio pacchetto per due mercati Es. impresa produce post-it (monopolio) e carta A4 Prezzo per sola carta e prezzo per carta e post it (più conveniente) P = prezzo monopolio per post it + prezzo di concorrenza per carta

41 ECONOMIA DEL JUDO Dimensione, reputazione Per mettere in svantaggio i rivali Entranti: usare le grandi dimensioni dell incumbent a proprio vantaggio: Più grande l impresa, maggiore la perdita Blockbuster v. Netflix; da videocassetta a DVD (1997); noleggio per posta. Bb bancarotta nel 2011 Braniff Airlines: trucco del cucciolo non riuscito Netscape (flessibilità) vs. Microsoft (uniformità) 41

42 EVIDENZE EMPIRICHE SULLA DETERRENZA ALL ENTRATA Scarse Antitrust: info dettagliate: Costi, mercati, strategie Conoscere: Costi marginali, curva di domanda, competitività dell industria, prodotti sostituti Sono info difficili da ottenere Determinare anche il tasso di entrata in assenza di atti predatori 42

43 ENTRATA PREVENTIVA RENT SEEKING Ipotesi: mercato insufficiente per più imprese Esempio: Città in crescita Spazio per un solo grosso produttore di cemento Costi non rec. 10 milioni, Profitti futuri 16 mil., Profitti netti 6 mil. Duopolio: perdita netta di 4 mil. Ciascuno Eq. Di Nash (statico) con due possibili entranti: due possibili (payoff 0; 6) Azioni alternative a monte: pressioni sul governo (rent seeking), attività costose Dinamico: posso scegliere di entrare preventivamente, con profitti bassi o nulli, fino a entrare con flusso di profitti nullo! Entrambi profitti nulli; Dissipazione dei profitti del monopolista 43

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Introduzione all economia dell informazione Varian, Farrell, Shapiro In economia, l informazione ha un duplice ruolo. Da un lato, l informazione perfetta è un elemento chiave per raggiungere l efficienza:

Dettagli

ANALISI DI SETTORE. Robert M. Grant

ANALISI DI SETTORE. Robert M. Grant ANALISI DI SETTORE Robert M. Grant Prof. T. Pencarelli Spagnoletti Massimo indice 1. Analisi ambientale e settoriale 2. Analisi dell attrattività del settore 3. Previsione della redditività settoriale

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta Capitolo 8 Il monopolio e la concorrenza imperfetta In alcuni casi, è ragionevole pensare che le imprese possano influenzare il prezzo Oppure, in alcuni casi è ragionevole aspettarsi che le imprese prendano

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Obiettivi del capitolo

Obiettivi del capitolo Obiettivi del capitolo Identificare caratteristiche strutturali di un settore e loro influenza sulla concorrenza e sulla redditività; utilizzare l analisi di settore per spiegare perché in alcuni settori

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

Restrizioni verticali e integrazione verticale

Restrizioni verticali e integrazione verticale Restrizioni verticali e integrazione verticale Spesso le imprese operanti in diversi stadi della filiera produttiva (es. produttore-distributore) sottoscrivono contratti finalizzati a 1. ridurre i costi

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Struttura di mercato e potere di mercato

Struttura di mercato e potere di mercato Struttura di mercato e potere di mercato Valutazione del potere di mercato Potere di mercato dal punto di vista teorico: P>Cma Come valutare il potere di mercato in concreto? Prima problema cosa intendiamo

Dettagli

Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità

Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità Finora è stata adottata una prospettiva semplificata della concorrenza e del settore perché: non sono stati considerati i rapporti di complementarità tra i prodotti ma solo i rapporti di sostituzione;

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato Economia Politica Lezioni 12-16 Le forme di mercato Frank: Capitolo 11 (par. 1-9) Capitolo 12 (par. 1-9) Capitolo 13 (par 1-3; Appendice 13.2) Per esercitarsi: Capitolo 11: Domande 1,2,4,7-10, 12; Problemi

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 17: Il monopolio Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Concorrenza imperfetta La concorrenza perfettaè una forma di mercato identificata dalla

Dettagli

STRATEGIE PREDATORIE

STRATEGIE PREDATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria STRATEGIE PREDATORIE Professor Gianmaria Martini Bianchi Francesco 44476 Carrara Diego 45631 Locatelli Davide 44439 Locatelli Marco 44447 Penzuti

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

Potere di mercato e benessere sociale

Potere di mercato e benessere sociale Potere di mercato e benessere sociale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Cosa si intende con Potere di Mercato (PM)? -

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Strategie d Impresa R.M. Grant L analisi strategica per le decisioni aziendali Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

L'oligopolio di Cournot

L'oligopolio di Cournot L'oligopolio di Cournot Esaminiamo la soluzione di Cournot al problema della formazione dei prezzi e delle quantità di equilibrio in oligopolio. Partiamo dal caso più semplice, quello in cui gli oligopolisti

Dettagli

Le Motivazioni del Protezionismo

Le Motivazioni del Protezionismo Le Motivazioni del Protezionismo Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Le motivazioni del protezionismo La politica commerciale, il protezionismo sono una

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Ambiente di marketing: diversi livelli Micro ambiente (immediato) Macro

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XIII LEZIONE 23/10/2012 Collusione in duopolio alla Bertrand 2 Deviazione Collusione 1 Deviazione 0, 0 π M ε, 0 Collusione

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile Economia e Statistica Regionale Modelli teorici, modelli statistici ed evidenze empiriche Roberto Basile Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Economia Dispense preparate per il corso di

Dettagli

Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1

Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1 Indice Prefazione, xi capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1 1.1 La microeconomia (e ciò che può insegnarci su Rosa e Laura), 1 Gli strumenti della microeconomia, 2; Usare gli strumenti della microeconomia,

Dettagli

Lezione XI: Relazioni verticali

Lezione XI: Relazioni verticali Lezione XI: Relazioni verticali In molti casi i clienti delle imprese non sono consumatori finali ma altre imprese (intermediarie o di trasformazione): si pen- si alla catena produttore/grossista/dettagliante

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

IL CASO DELTA AIRLINES IL CASO UNITED

IL CASO DELTA AIRLINES IL CASO UNITED IL CASO DELTA AIRLINES IL CASO UNITED CASI CON RIFERIMENTO AL CAPITOLO 12 BESANKO ET AL. 1 IL CASO DELTA AIRLINES (1) Anni 1990-1996: recessione e ripresa, ma Delta risultati molto inferiori alle altre

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/994353 X LEZIONE 6/0/0 Esercizio 9.7 Due imprese, A e B, decidono simultaneamente l output da produrre, tenendo conto che la domanda

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Lezione XIII: La pubblicità

Lezione XIII: La pubblicità Lezione XIII: La pubblicità Le spese per la pubblicità (per la promozione delle vendite) sono ingenti in molti settori (per esempio quello farmaceutico, o quello delle bevande analcoliche), e si configurano

Dettagli

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Parte II

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Parte II Introduzione all economia dell informazione Varian, Farrell, Shapiro Parte II Economie di scala dal lato dell offerta A causa delle loro strutture di costo (elevati costi fissi e costi marginali modesti

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Le strategie competitive e di crescita. Prof. Giuseppe TARDIVO

Le strategie competitive e di crescita. Prof. Giuseppe TARDIVO Business plan Le strategie competitive e di crescita Prof. Giuseppe TARDIVO Prof. Monica CUGNO CONTENUTI Il vantaggio competitivo Le fonti del vantaggio competitivo La leadership di costo La differenziazione

Dettagli

Il monopolio. Concetti chiave. Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo

Il monopolio. Concetti chiave. Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo Il monopolio Concetti chiave Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo 1 Ipotesi di base in un modello di Struttura di mercato Massimizzazione

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

La missione. Definizione di Strategic Business Unit

La missione. Definizione di Strategic Business Unit La missione Definizione di Strategic Business Unit Una SBU è un unità operativa o centro di pianificazione che raggruppa una serie ben precisa di prodotti e servizi venduti a un gruppo uniforme di clienti

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE : INTEGRAZIONE VERTICALE Facciamo un passo indietro INTEGRAZIONE VERTICALE ORIZZONTALE Si ha integrazione orizzontale quando l impresa espande l attività a prodotti, processi e know-how affini alla filiera

Dettagli

ECONOMIAINDUSTRIALE Prof. Gianmaria Martini

ECONOMIAINDUSTRIALE Prof. Gianmaria Martini Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria ECONOMIAINDUSTRIALE Prof. Gianmaria Martini Bundling Damiano Bordogna 55465 Davide Capelli 54341 Federico Monicchi 54966 Mattia Lazzari 55473 - Bundling

Dettagli

La politica commerciale

La politica commerciale La politica commerciale Arcangelis 2005 1 Introduzione Se la Cina impone un dazio sulle importazioni dall UE e dagli USA, che cosa accade? E se sussidia le proprie esportazioni? Qual è stato l effetto

Dettagli

Forme di mercato. marginale sono entrambi costanti. 1 Un eccezione alla validità di questo principio s ha nel caso in cui ricavo marginale e costo

Forme di mercato. marginale sono entrambi costanti. 1 Un eccezione alla validità di questo principio s ha nel caso in cui ricavo marginale e costo 5 Forme di mercato Che cosa vedremo in questo capitolo? La distinzione tra le diverse forme di mercato. La determinazione dell equilibrio di concorrenza perfetta sia di breve che di lungo periodo. La descrizione

Dettagli

L IMPRESA NELL AMBIENTE

L IMPRESA NELL AMBIENTE L IMPRESA NELL AMBIENTE General environment P Settore e mercati del settore (task environment) D O ORGANIZZAZIONI OVUNQUE E SISTEMI OVUNQUE General environment 2 SETTORE, MERCATI E IMPRESA L ambiente viene

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 L ipotesi che le imprese aggiustano istantaneamente la loro occupazione quando cambia la situazione economica è un ipotesi FORTE. In realtà

Dettagli

APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e.

APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e. APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e. DEFINIZIONE DEL BUSINESS Concetto di settore basato sul criterio dell offerta

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini

Dettagli

Alessandro Petretto. Università di Firenze

Alessandro Petretto. Università di Firenze Alessandro Petretto Università di Firenze Premessa: di cosa stiamo parlando.. L acqua è un bene comune, rivale e ma non escludibile se non con l appropriata definizione di diritti di proprietà. Questi

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

IL CASO: Hewlett-Packard

IL CASO: Hewlett-Packard IL CASO: Hewlett-Packard Proposta acquisizione Compaq con duplice finalità (Fiorina): 1) conseguimento economie di scala; 2) ingresso nel mercato dei servizi. Pareri sfavorevoli alla fusione (Hewlett e

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA

INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea Magistrale in Economia e Gestione aziendale Corso di Strategie d Impresa Prof. Tonino Pencarelli A.A. 2011-2012 INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA A cura

Dettagli

Come ottenere un nuovo prodotto

Come ottenere un nuovo prodotto Capitolo 9 Lo sviluppo dei nuovi prodotti e le strategie del ciclo di vita del prodotto Capitolo 9- slide 1 Come ottenere un nuovo prodotto Acquisizione ossia acquisto di imprese, brevetti o licenze per

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XII LEZIONE 22/10/2012 Perche le imprese si diversificano? La diversificazione può avvenire a beneficio dei proprietari

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto Il prodotto Il ciclo di vita del prodotto La fase di introduzione di un nuovo prodotto La fase di introduzione: caratteristiche fase in cui il nuovo prodotto fa il suo ingresso nel mercato. Il volume delle

Dettagli

Soluzioni del compito di Economia Industriale del 24/11/03

Soluzioni del compito di Economia Industriale del 24/11/03 Soluzioni del compito di Economia Industriale del 2/11/03 1. Esercizio. Le imprese Energia e Eléctricité des Alpes si suddividuono potenzialmente il mercato dell energia elettrica. La funzione di costo

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli