Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi"

Transcript

1 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi 1. Il 'carsismo' dialettale e il 'laboratorio' Puglia-Salento Mentre molti si avvicendavano al capezzale dei dialetti, discutendo di diagnosi e terapie efficaci per una malattia ormai cronica, e altri si preparavano a celebrarne degnamente i funerali, ci siamo di colpo ritrovati davanti a queste antiche lingue vivificate in nuovi usi e forme nuove. È ormai sotto l'occhio di tutti, e i dati ISTAT del 2000 lo hanno confermato: che i dialetti regrediscono meno del previsto, convivono pacificamente con l'italiano, e si sono adattati a contesti che hanno poco a che fare con le funzioni comunicative e l'oralità originarie. Ne è stato segnalato l'impiego significativo nelle più svariate sedi: dai fumetti alla pubblicità nelle TV locali (e negli ultimi tempi in modo rilevante anche nella pubblicità delle reti nazionali), dalla denominazione di ristoranti alle rubriche di messaggi nei settimanali a diffusione locale, sino ad arrivare alla Comunicazione Mediata dal Computer (CMC) 1. Tuttavia è probabile che il fenomeno in questione altro non sia che la punta di un iceberg2: questa neodialettalità, infatti, dispiegandosi, aveva già pervaso sia la musica, e in particolare il variegato arcipelago della hip-hop, sia la letteratura, e in particolare gli scrittori delle ultime generazioni, dove il dialetto si fonde con la presenza sistematica dei gerghi giovanili e la mimesi del parlato. I Cfr. G. BERRUTO, Parlare dialetto in Italia alle soglie del duemila, in G. BECCA- RIA, C. MARELLO (a cura di), Scritti per Bice Mortara Garavelli, Edizioni dell'orso, Alessandria, 2002: 33-49; ID., Quale dialetto per l'italia del Duemila? Aspetti dell'italianizzazione e risorgente dialettali in Piemonte (e altrove), in A.A. SOBRERO, A. MI- GLIETTA (a cura di), Lingua e dialetto nell'italia del Duemila. Dinamiche sociolinguistiche in atto e diversità regionali, Congedo, Galatina, 2007; ID., Italiano parlato e comunicazione mediata dal computer, in K. HÒLKER, CHR. MAAB (a cura di), Aspetti dell'italiano parlato. Tra lingua nazionale e varietà regionali, Atti del Convegno, Hannover, maggio 2003, in stampa, pp ; M. GRIMALDI, Il dialetto rinasce in chat, in «Quaderni del dipartimento di linguistica», Università degli Studi di Firenze, 14,2004, pp ; E. PISTOLESI, Il parlar spedito. L'italiano di chat, e SMS, Roma, Esedra, 2004; B. SISINNI, Il dialetto in rete via Messenger, in G. MARCATO (a cura di), Dialetto, memoria e fantasia, Atti del Congresso Internazionale di Studi, Sappada / Plodn (B1), 28 giugno - 2 luglio 2006, Padova, Unipress, 2007, pp ; F. STO- MEO, Italiano e dialetto nella pubblicità televisiva, ivi, pp Cfr. M. GRIMALDI, Dialetto, lingua e letteratura: alcuni esempi recenti di narrativa pugliese, ín G. MARCATO (a cura di), Dialetto memoria e fantasia, Atti del Congresso Internazionale di studi, Sappada/Plod CBL), Università di Padova, Dipartimento di Discipline Linguistiche, 28 giugno-2 luglio, Unipress, Padova, pp Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do ~GO - Lecce

2 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Quello che vediamo oggi, in sostanza, altro non è che il risultato di un processo che inizia nei primi anni '90, quando i dialetti non erano stati ancora sdoganati e da più parti ci si interrogava con toni ora allarmati ora più equilibrati sul loro inesorabile destino. In quegli anni, inosservato, il (ri)uso del dialetto caratterizza la musica Hip-hop dei torinesi Mau Mau, dei napoletani Almanegretta, dei veneti Pitura freska, dei salentini Sud Sound System 3, e parallelamente compare nei romanzi dell'abruzzese Silvia Ballestra, del romano Marco Lanzòl, o del veneziano Marco Franzoso4. A guardar bene non si tratta di un fenomeno giovanile, ma di un fenomeno carsico degno della massima attenzione, che partendo da lontano ha assunto forme sempre diverse e che andrebbe indagato all'interno di una prospettiva più ampia e articolata. Se infatti andiamo ancora più indietro nel tempo, vediamo come intorno agli anni '60, parallelamente alla conquista progressiva dell'italiano medio da parte delle masse, il dialetto, protagonista della scrittura del neorealismo sino alle sue estreme propaggini (Pasolini, Mastronardi, e, secondo Segre, anche il D'Arrigo di Horcinus orca) regredisce nella narrativa italiana per essere soppiantato da un italiano che aspira alla medietà 5. Nella poesia invece, con l'esperienza dei poeti neodialettali, dobbiamo registrare il fenomeno contrario: fra la fine degli anni '50 e l'inizio del decennio successivo si apre una nuova fase con il ritorno al dialetto come lingua della poesia non solo in difesa di uno spazio estraneo alla modernità, ma anche come ricerca della parola primigenia, incontaminata, come ricerca e recupero di una realtà originaria e "pura", di una freschezza autentica ormai prossima a dissolversi. In questa prospettiva la Puglia rappresenta un laboratorio di sicuro interesse: per la poesia neodialettale infatti abbiamo le esperienze importanti di Nicola De Donno, Pietro Gatti, Erminio G. Caputo, mentre nella letteratura più recente il dialetto è sfruttato nelle opere di Beppe Lopez, Livio Romano ed Annalucia Lomunno. Per la musica, oltre ai Sud Sound System, meritano attenzione diversi gruppi che recuperano la tradizione della musica folklorica rivisitandola in modo autonomo, anche dal punto di vista testuale. Infine alla lista va aggiunto anche il cinema, con le opere di Edoardo Winspeare, Alessandro Piva, ed alcuni film di Sergio Rubini, che hanno saputo sfruttare il codice dialetto per interpretare realtà socioculturali e antropologiche locali attraverso un linguag- 3 A. SCHOLZ, Subcultura e lingua giovanile in Italia. Hip-hop e dintorni, Roma, Aracne, 2005; M. GRIMALDI, Parole antiche in suoni moderni: l'uso del dialetto salentino nella musica giovanile Hip-hop, in G. MARCATO (a cura di), Giovani, Lingue e dialetti, cit., pp ; G. ANTONELLI, Il dialetto non è più un delitto, in Treccani, Lingua e Linguaggi: speciale/antonelli.htm. 4 Addirittura del 1989 è il romanzo della siciliana Lara Cardella, se vogliamo citare un caso estremo. 5 Cfr. M. CORTI, Metodi e fantasmi, Milano, Feltrinelli. 1969; I. BALDELLI, Varianti di prosatori contemporanei, Firenze, Le Monnier, Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do MAGO - Lecce

3 Mirko Grimaldi gio nuovo. Data questa prospettiva, mi pare importante provare ad esplorare alcuni aspetti della "galassia Salento", e nel fare ciò tenterò, sostanzialmente, di rispondere alle seguenti domande: che tipo di dialetto è quello usato in questi contesti? come viene usato e che forma assume? ci sono peculiarità retorico-stilistiche o pragmatiche che ne caratterizzano l'impiego? in che rapporti si pone rispetto all'italiano e ad altre lingue? come si coniuga l'idea che le giovani generazioni siano caratterizzate da una competenza passiva dei dialetti con la capacità di usarli con potenzialità espressive nuove? 2. Musica Hip-hop e rinascita dei dialetti Il fenomeno della musica hip-hop, e con esso la scelta consapevole di esprimersi in dialetto, prende piede fra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 6. E che il fenomeno non fosse tanto peregrino lo dimostrano gli esperimenti in lingua di Edoardo Sanguineti 7 e Alberto Arbasino8. Ma quando la cultura hip-hop riscopre il dialetto, il dialetto non era stato ancora 'sdoganato'. Mentre si arrivava alle riconversioni d'uso ora citate, un impulso importante alla rinascita di alcune varietà dialettali è venuto forse proprio dal variegato mondo delle posse, soprattutto fra i giovani. In questa forma di recupero più che in altre si possono nascondere tratti, indici, segnali, riflessi della fisionomia che i dialetti hanno assunto negli ultimi anni: in particolare nel meridione, dove il rapporto con l'italiano è stato influenzato da dinamiche diverse rispetto ad altre aree. I motivi di interesse risiedono in alcune caratteristiche peculiari della musica hip-hop: 6 Cfr. Accademia degli Scrausi, Versi rock, Milano, Rizzoli, 1996; L. COVERI, 1996, Per una storia linguistica della canzone italiana, in Id., (a cura di), Parole in musica, Novara, Interlinea edizioni, 1996, pp ; ID., 1996a, Lingua e dialetto nella canzone popolare italiana recente, in R. Dalmonte, Analisi e canzoni, Università di Trento, Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche, Editrice Università degli Studi di Trento, 1996, pp ; A. SCHOLZ, Neo-standard e variazione diafasica nella canzone italiana degli anni Novanta, Frankfurt am Main, Peter Lang, 1998; ID., Subcultura, cit.; P. PACODA, Hip hop italiano, Torino, Einaudi, Cfr. le indagini condotte, in particolare nel territorio salentino, sul piano sociologico, agli inizi degli anni Novanta del secolo scorso, da P. Fumarola e G. Lapassade, i cui risultati sono stati pubblicati su tre successivi numeri annuali della rivista «Studi e ricerche» (Istituto di Psicologia e sociologia dell'università di Lecce): Rap copy (1991), Rap Copy 2 (1992), Inchiesta sull'hip hop in Italia (1993). 7 Che nel 1996, insieme al giovane musicista Andrea Liberovici, porta sulle scene il musical dal titolo Rap. 8 Il quale nel 2001 e nel 2002 pubblica da Feltrinelli due volumi di poesie, rispettivamente Rap e Rap2, ispirandosi alla versificazione propria dell'hip-hop. 103 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do IMAGO - Lecce

4 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. a) siamo dinanzi a un livello di oralità proprio dei dialetti (anche se il contesto è nuovo); b) la parola dell'hip-hop pretende di risultare immediata perché istintiva; c) la necessità di improvvisazione, infine, può portare ad evidenziare in modo naturale eventuali fenomeni, che nelle altre forme di riuso possono essere mediati o dal processo di produzione o dal mezzo. Il gruppo salentino su cui ci concentreremo, i Sud Sound System (SSS), è stato fra i primi che, a partire dal 1991 (con il 12 pollici Fuecu/T'à sciuta bona), ha avuto un notevole impatto nel mondo musicale italiano (e oltre), soprattutto grazie all'uso del dialetto nella musica reggae. L'analisi è stata condotta a campione sull'intera produzione del gruppo, sino all'ultimo album del 2005 Acqua pe' sta terra, per un totale di 125 brani. 2.1 La 'scrittura della voce' e la scelta del dialetto È noto che nell'hip-hop il rapporto fra testo e musica è tutto sbilanciato verso la dimensione del parlato. Al contrario di altri generi di canzone, qui più che cantare si recita. Infatti in questa struttura musicale l'andamento ritmico è prioritario rispetto alla melodia: la melodia è trasformata dall'esaltazione e dilatazione all'infinito dei passaggi ritmici, dai profondi fraseggi del basso e dagli stacchi netti della batteria9. Ne consegue la tendenza marcata alla mimesi del parlato, all'assenza di strutture metriche peculiari (il verso può essere allungato o accorciato dalla velocità di eloquio), allo sfruttamento di tratti paralinguistici e soprattutto prosodici (per marcare espressivamente ed emotivamente il messaggio), alla ricerca di sonorità foniche in funzione dell'organizzazione ritmica del brano. Infine è rilevante il puntellamento del 'discorso-testo' a elementi fatici caratteristici (ehi..., viniti qual..., sintiti moi..., mena moi... carninati...), che qui hanno una funzione strutturale precisa (come, per capirci, il C'era una volta della favole, se vogliamo usare un approccio semiotico). Com'è facile intuire, tutto ciò è funzionale alla trasmissione orale del segno: il materiale fonico-semantico viene così meglio compattato per agevolare la comprensione del messaggio da parte del pubblico e facilitare un'immediata interpretazione. Il suono è l'involucro che trasporta più agevolmente il senso. Tutti questi tratti ci autorizzano a cercare, in future indagini, possibili collegamenti con la musica, le canzoni e la poesia popolare anch'esse trasmesse oralmente, diffuse, cioè, prevalentemente tramite l'esecuzione, l'immediatezza del messaggio sonoro e verbale, attraverso una struttura formale e compositiva poco elaborata. Affondiamo così le mani in un verso libero che accumula, per esempio, la rima classica, a serie non sempre ordinate di allitterazioni diffusissime (1), accanto però a rime interne, in (2) e (4), ma anche rime equivoche (3), e persino ipermetre, ancora in (4): 9 Cfr. A. ERRA, La struttura del rap italiano, in R. DALMONTE, Analisi e canzoni, Università di Trento, Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche, Editrice Università degli Studi di Trento, 1996, pp ; P. PACODA, Hip hop italiano, cit., A. SCHO Z, Subculture, cit. 104 Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do IM4G0 - Lecce

5 Mirko Grimaldi (1) Lu core me BATTE a du l'anima me ATTE [mi colpisce] parlu / comu ma fattu mama / cu sta manera mia cu sta manera fucetata / pueti fare comu a mie nu fare comu a mie / Ci SINTI a ddhru SINTI te SIENTI dire parla l'italianu [...] (2) Parlu / peccè ieu sacciu ca l'anima sta 'TIC MINTI / MINTI picca ete lu MALE se cunti cu faci l'animale / tocca a mie la sorte cu cantu finu alla notte / rozzu e puru massicciu cu punnu mai nu spic- (3) CIU / Quarche cosa intra de mie se ACETA [agita] / sine denta ACETA [acida], / muta gente considera cosa LECITA / lu statu ca subbra ogni parte ci SPE- CULA. // [...] / Frati e soru nui simu rriati camina moi / camina moi comu na petra cantu testu e fuecu / e DDD nu bete nu RASTA [appartenente al culto giamaicano] ma mo te canta st'aura RASTA [vaso di fiori; fig. vita, storia di un uomo] / (4) // TIE ca ni stai arretu sai, tie ca ni stai arretu ormai nu se ACCÒRGENU mica ca su pesciu de nu VELÈNU cu na bella facce de nanzi ma cu nu scheletru de retu / fannu finta ca te PÈNSANU fannu finta ca te SÈNTENU, l'importante è ca pe le elezioni ni stati arretu sai / Mancando una versificazione vera e propria, rime e allitterazioni contribuiscono in modo efficace alla tessitura e alla coesione del testo, che spesso si genera su un'ossessiva contrapposizione fonica, sino alla creazione di veri e propri neologismi. Da un punto di vista stilistico il risultato è un notevole impatto semantico e una maggiore incisività del senso. A tal fine svolgono una certa funzione anche le insistite rime morfologiche insieme a rime imperfette, ma fortemente allitterate: (5) // Te lu Salentu enimu / CUCUmmari mangiamu / e a dunca sciamu sciamu / mentlmu fuecu e mpezzecamu / Hip hop house e disco / funky reggae soul calipso / su tutte le piste da ballo / CAmina STamu CU la capu a nfriscu // Chiaru! Simu te lu Salentu e tenimu lu COre ardente / rispettamu sempre tutta quanta la gente / e nu te pensare ca sta sulu sciucamu / CA intra stu modu CUltura sta facimu // (6) / lu poveru te lu asciu ntorna moi a Risalire senò / timme adu ete ca Ri- AMU ntra la situazione ca stamu / lu poveru è sempre poveru pe iddhru niente ancora à cangiatu / anzi è ancora chiu `disperatu nu pocu ancora chiù delusu / lu prezzu te la vita à ncarutu e quiddhru ca tene nu li è d'aiutu // (7) / sta succede nu fattu ma nu bede na disgrazia / se chiama reggae dance hall e moi a quai sta ininizia / `ntra la musica ca `ncè an giru EDE la vera primizia / suonu schiettu e sinceru ca lotta contru l' ingiustizia / legata allu guadagnu ca domina con astuzia / ma la musica ca ieu portu ede sulamente pe ci se SVIZIA. // Ma a mío modo di vedere l'operazione più riuscita è lo sfruttamento dei codici dialetto-italiano per creare catene di rime, imperfette o meno (anche in po- Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do INLIGO - Lecce 105

6 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. sizione interna). Viene così messo in relazione lessico di campi semantici diversi, creando un accordo fra parole discordanti o inusitate, col solito fine di amplificare il messaggio. Un esempio rappresentativo per tutti: (8) [...] Piccinnu GNIGNA [ingegno] sentime ma quando 'NCIGNU [inizio] / mpunnu su OGNE [ogni] ritmu riestu e senza RITEGNU / percene la rima frisca an capu ieu sempre la TEGNU [tengo] / e se a `ngiru `ncede nu sound ede lu giustu CONGEGNU / cu face na dance hall riesta comu nu CONVEGNU / ca promuove musica ca te lassa nu SEGNU / intru la capu toa rianu comu nu MACIGNU / tanti numi e tanti stili cussì è fattu stu RE- GNU / e na fiata ca li canusci tieni sempre chiù BESEGNU [bisogno] / ncede lu lovers e lu dj ca scrienu liriche ccu INGEGNU contru ci riduce sta musica a nu banale GUADAGNU / fieru de quiddhru ca subitu punnu e nu me RASSEGNU. [...] Il risultato è una irregolarità e un'imprevedibilità rimica, insieme alla creazione di effetti singolari ed inattesi. Poi ci sono abbondanti le figure della ripetizione: epanalessi, anadiplosi, anafora, polittòto, ecc. (consapevoli o inconsce): (9) Ca quandu la matina te azzi / e te 'nfacci alla FENESCIA / subitu na cosa ca intra l'ecchi toi te FLESCIA / e te FLESCIA tuttu lu giurnu / peccé sai ca lu tieni attornu ma ce bbete? (10) / sienti comu CANGIA na sciurnata / QUANDU intra l'aria ncete musica BONA. // Ca QUANDU ca è BONA è BONA / e QUANDU ca è fiacca fanne cu CANGIA / (11) / ma ricerca de equilibbriu, amore pe la VITA / e allora damme MUSICA, MUSICA INTRA la VITA mia, / ca INTRA l'anima, moi ANIMA sta melodia ca / ete LIBERA e poi LIBERA la capu mia e toa / (12) / te la ripetu ca me brucia a n'piettu / de notte e de giurnu ME LA CAN- TU A NCAPU / A NCAPU ME LA CANTU A NCAPU / Sono figure sfruttate prevalentemente per mettere in primo piano il tema del discorso, enfatizzandolo, rinforzare la tenuta ritmica, e, in alcuni casi, aumentare la suggestione evocativa. Se lavoriamo a livello del lessico, dobbiamo rilevare un fatto interessante, e cioè la coesistenza di forme ed espressioni popolari (e a volte in disuso) insieme a forme della lingua comune dialettizzate, o incastonate in un tessuto dialettale. Rispettivamente in (13), (14) e (15): (13) sciaccu [stanco], stare sotu [stare fermo], fitare l'ecchi [girare gli occhi], ruculu [locusta, persona lesta, rapida nei movimenti], trenula [raganella di legno], ncarrare [spingere, pigiare, premere], trappitu [frantoio], riscia [traccia], gnigna [intelligenza], agnasciu [ovunque], fucetare [agitare], roscia [brace di carboni interi], mennire [pentirsi], sciana [stato d'animo positivo], ruzzulisciare [ruminare], ecc. (14 immensu, surrogatu, attornanu, ricanuscu, pija voltu na sciurnata, stereu, selvaggiu, ingegnu, macignu, scivolamu, ricanuscu, ecc. (15) [...] fuecu sta rria te lu sule colpisce l'accento su ste parole [. ]; [...] in- 106 Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do MAGO - Lecce

7 Mirko Grimaldi tra stu modo cultura sta facimu [...];.] camenandu a tiempu sulla giusta rotta [...]; ca bagna tante scogliere / cu unde ca te seculi le stannu a scolpire, libera a capu mia e toa / de ogni fiaccu pensieru o idiozia o ipocrisia [...]; [...] la vibrazione positiva ca meju educa [...]; ecc. Tuttavia non si tratta di una stratificazione di tipo espressionistico (cioè di lessico attinto da codici e registri eterogenei e riadattato ad un contesto nuovo), ma di un uso intercambiabile di dialetto e lingua. E soprattutto, da un punto di vista sociolinguistico, pare emergere, quasi per contrappasso, il fenomeno opposto che interessava l'italiano popolare, quando forme della lingua comune venivano maldestramente inglobate nel sistema fonetico-fonologico (sintattico, ecc.) dei dialetti. Qui invece è il dialetto che si appropria in modo autonomo, per le proprie esigenze, dell'italiano. E soprattutto lo fa consapevolmente. Infatti, i fenomeni di cambio di codice (rari, sia verso l'italiano che le lingue straniere, perché qui il dialetto domina) sono utilizzati, con una funzione retorica nuova, per marcare emotivamente la narrazione e dare enfasi al contenuto semantico che si intende porre in evidenza. Ne risulta una sorta di contrapposizione tema (italiano) rema (dialetto) strutturata sul cambio di codice sistematico: (16) // Loro non capiranno mai cos'è / quiddhru ca è giustu pe sti vagnoni moi / potranno parlare ma non pretendere / te cangiare quiddhru ca simu nui. / Prima o poi si dovranno arrendere / ipocrisia nu ne ulimu chiui / il tempo non può più nascondere / la vera faccia de sta storia guai II Infine poche parole sulla sintassi, che come si è potuto notare è "leggera", rapida, scorrevole: prevale la paratassi sindetica (le subordinate sono per lo più di primo grado, o implicite, e comunque semplici) controbilanciata dalla mimesi del parlato, con processi che possono riassumersi nei seguenti: l'inversione e la segmentazione (anche nelle fomie della dislocazione, dell'anacoluto, dell'anastrofe, dell'iperbato, ecc., condizionati a volte da esigenze di rima); l'accumulazione, meno frequente, orizzontale e verticale. Tutti tratti che contribuiscono al montaggio veloce delle scene e all'incisività delle denunce sociali contenute nel testo-parlato. 3. Tre usi diversi del dialetto nella narrativa pugliese recente Quando Pasolini negli anni '60 lanciò l'allarme contro l'implacabile affermarsi di un freddo italiano tecnocratico, forse non poteva mai immaginare che proprio quell'italiano sarebbe stato vivacizzato e arricchito se posso parafrasare una definizione di Berruto dal (ri)uso del dialetto. In questo caso stiamo parlando dell'uso letterario del dialetto e dell'esperienza che tre narratori della nostra regione, appartenenti a generazioni diverse, hanno di recente fatto sfruttando il dialetto come risorsa stilistica. Come già accennato, si tratta di Beppe Lopez, Livio Romano e Annalucia Lomunno. Dato lo spazio a disposizione in questa sede (e richiedendo la questione un lavoro ad hoc da sviluppare a parte), farò solo qualche scheletrico esempio rappresentativo delle dinamiche che interessano la lingua e il dialetto nelle principali opere dei tre autori. 107 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do lill4g0 - Lecce

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche

L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche L'italiano lo abbiamo già detto nella seconda lezione non è un insieme monolitico di elementi, ma, piuttosto, un dinamico aggregato di varietà le cui

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

RETE REP BBUCA A. ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Paola Magnarelli. Nella rete repubblicana

RETE REP BBUCA A. ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Paola Magnarelli. Nella rete repubblicana Collana di studi storici sammarinesl NE RETE REP BBUCA A ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO Paola Magnarelli Nella rete repubblicana Aspetti dell'ottocento nella Repubblica di Sal) Marino

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

CI SEI CI FAI STRUMENTI in DO

CI SEI CI FAI STRUMENTI in DO & 4.. &.# # & # & & % & () # & 7 #. ##.# #.. Canto # 1 &. & Sol # STRUMENTI in DO # #. ##. Proprietà per tutti i paesi Edizioni musicali MONTEFELTRO Via Mazzini 48 Montecchio (PU) Tel. 071 490767 Copyright

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli