Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi"

Transcript

1 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Mirko Grimaldi 1. Il 'carsismo' dialettale e il 'laboratorio' Puglia-Salento Mentre molti si avvicendavano al capezzale dei dialetti, discutendo di diagnosi e terapie efficaci per una malattia ormai cronica, e altri si preparavano a celebrarne degnamente i funerali, ci siamo di colpo ritrovati davanti a queste antiche lingue vivificate in nuovi usi e forme nuove. È ormai sotto l'occhio di tutti, e i dati ISTAT del 2000 lo hanno confermato: che i dialetti regrediscono meno del previsto, convivono pacificamente con l'italiano, e si sono adattati a contesti che hanno poco a che fare con le funzioni comunicative e l'oralità originarie. Ne è stato segnalato l'impiego significativo nelle più svariate sedi: dai fumetti alla pubblicità nelle TV locali (e negli ultimi tempi in modo rilevante anche nella pubblicità delle reti nazionali), dalla denominazione di ristoranti alle rubriche di messaggi nei settimanali a diffusione locale, sino ad arrivare alla Comunicazione Mediata dal Computer (CMC) 1. Tuttavia è probabile che il fenomeno in questione altro non sia che la punta di un iceberg2: questa neodialettalità, infatti, dispiegandosi, aveva già pervaso sia la musica, e in particolare il variegato arcipelago della hip-hop, sia la letteratura, e in particolare gli scrittori delle ultime generazioni, dove il dialetto si fonde con la presenza sistematica dei gerghi giovanili e la mimesi del parlato. I Cfr. G. BERRUTO, Parlare dialetto in Italia alle soglie del duemila, in G. BECCA- RIA, C. MARELLO (a cura di), Scritti per Bice Mortara Garavelli, Edizioni dell'orso, Alessandria, 2002: 33-49; ID., Quale dialetto per l'italia del Duemila? Aspetti dell'italianizzazione e risorgente dialettali in Piemonte (e altrove), in A.A. SOBRERO, A. MI- GLIETTA (a cura di), Lingua e dialetto nell'italia del Duemila. Dinamiche sociolinguistiche in atto e diversità regionali, Congedo, Galatina, 2007; ID., Italiano parlato e comunicazione mediata dal computer, in K. HÒLKER, CHR. MAAB (a cura di), Aspetti dell'italiano parlato. Tra lingua nazionale e varietà regionali, Atti del Convegno, Hannover, maggio 2003, in stampa, pp ; M. GRIMALDI, Il dialetto rinasce in chat, in «Quaderni del dipartimento di linguistica», Università degli Studi di Firenze, 14,2004, pp ; E. PISTOLESI, Il parlar spedito. L'italiano di chat, e SMS, Roma, Esedra, 2004; B. SISINNI, Il dialetto in rete via Messenger, in G. MARCATO (a cura di), Dialetto, memoria e fantasia, Atti del Congresso Internazionale di Studi, Sappada / Plodn (B1), 28 giugno - 2 luglio 2006, Padova, Unipress, 2007, pp ; F. STO- MEO, Italiano e dialetto nella pubblicità televisiva, ivi, pp Cfr. M. GRIMALDI, Dialetto, lingua e letteratura: alcuni esempi recenti di narrativa pugliese, ín G. MARCATO (a cura di), Dialetto memoria e fantasia, Atti del Congresso Internazionale di studi, Sappada/Plod CBL), Università di Padova, Dipartimento di Discipline Linguistiche, 28 giugno-2 luglio, Unipress, Padova, pp Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do ~GO - Lecce

2 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. Quello che vediamo oggi, in sostanza, altro non è che il risultato di un processo che inizia nei primi anni '90, quando i dialetti non erano stati ancora sdoganati e da più parti ci si interrogava con toni ora allarmati ora più equilibrati sul loro inesorabile destino. In quegli anni, inosservato, il (ri)uso del dialetto caratterizza la musica Hip-hop dei torinesi Mau Mau, dei napoletani Almanegretta, dei veneti Pitura freska, dei salentini Sud Sound System 3, e parallelamente compare nei romanzi dell'abruzzese Silvia Ballestra, del romano Marco Lanzòl, o del veneziano Marco Franzoso4. A guardar bene non si tratta di un fenomeno giovanile, ma di un fenomeno carsico degno della massima attenzione, che partendo da lontano ha assunto forme sempre diverse e che andrebbe indagato all'interno di una prospettiva più ampia e articolata. Se infatti andiamo ancora più indietro nel tempo, vediamo come intorno agli anni '60, parallelamente alla conquista progressiva dell'italiano medio da parte delle masse, il dialetto, protagonista della scrittura del neorealismo sino alle sue estreme propaggini (Pasolini, Mastronardi, e, secondo Segre, anche il D'Arrigo di Horcinus orca) regredisce nella narrativa italiana per essere soppiantato da un italiano che aspira alla medietà 5. Nella poesia invece, con l'esperienza dei poeti neodialettali, dobbiamo registrare il fenomeno contrario: fra la fine degli anni '50 e l'inizio del decennio successivo si apre una nuova fase con il ritorno al dialetto come lingua della poesia non solo in difesa di uno spazio estraneo alla modernità, ma anche come ricerca della parola primigenia, incontaminata, come ricerca e recupero di una realtà originaria e "pura", di una freschezza autentica ormai prossima a dissolversi. In questa prospettiva la Puglia rappresenta un laboratorio di sicuro interesse: per la poesia neodialettale infatti abbiamo le esperienze importanti di Nicola De Donno, Pietro Gatti, Erminio G. Caputo, mentre nella letteratura più recente il dialetto è sfruttato nelle opere di Beppe Lopez, Livio Romano ed Annalucia Lomunno. Per la musica, oltre ai Sud Sound System, meritano attenzione diversi gruppi che recuperano la tradizione della musica folklorica rivisitandola in modo autonomo, anche dal punto di vista testuale. Infine alla lista va aggiunto anche il cinema, con le opere di Edoardo Winspeare, Alessandro Piva, ed alcuni film di Sergio Rubini, che hanno saputo sfruttare il codice dialetto per interpretare realtà socioculturali e antropologiche locali attraverso un linguag- 3 A. SCHOLZ, Subcultura e lingua giovanile in Italia. Hip-hop e dintorni, Roma, Aracne, 2005; M. GRIMALDI, Parole antiche in suoni moderni: l'uso del dialetto salentino nella musica giovanile Hip-hop, in G. MARCATO (a cura di), Giovani, Lingue e dialetti, cit., pp ; G. ANTONELLI, Il dialetto non è più un delitto, in Treccani, Lingua e Linguaggi: speciale/antonelli.htm. 4 Addirittura del 1989 è il romanzo della siciliana Lara Cardella, se vogliamo citare un caso estremo. 5 Cfr. M. CORTI, Metodi e fantasmi, Milano, Feltrinelli. 1969; I. BALDELLI, Varianti di prosatori contemporanei, Firenze, Le Monnier, Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do MAGO - Lecce

3 Mirko Grimaldi gio nuovo. Data questa prospettiva, mi pare importante provare ad esplorare alcuni aspetti della "galassia Salento", e nel fare ciò tenterò, sostanzialmente, di rispondere alle seguenti domande: che tipo di dialetto è quello usato in questi contesti? come viene usato e che forma assume? ci sono peculiarità retorico-stilistiche o pragmatiche che ne caratterizzano l'impiego? in che rapporti si pone rispetto all'italiano e ad altre lingue? come si coniuga l'idea che le giovani generazioni siano caratterizzate da una competenza passiva dei dialetti con la capacità di usarli con potenzialità espressive nuove? 2. Musica Hip-hop e rinascita dei dialetti Il fenomeno della musica hip-hop, e con esso la scelta consapevole di esprimersi in dialetto, prende piede fra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 6. E che il fenomeno non fosse tanto peregrino lo dimostrano gli esperimenti in lingua di Edoardo Sanguineti 7 e Alberto Arbasino8. Ma quando la cultura hip-hop riscopre il dialetto, il dialetto non era stato ancora 'sdoganato'. Mentre si arrivava alle riconversioni d'uso ora citate, un impulso importante alla rinascita di alcune varietà dialettali è venuto forse proprio dal variegato mondo delle posse, soprattutto fra i giovani. In questa forma di recupero più che in altre si possono nascondere tratti, indici, segnali, riflessi della fisionomia che i dialetti hanno assunto negli ultimi anni: in particolare nel meridione, dove il rapporto con l'italiano è stato influenzato da dinamiche diverse rispetto ad altre aree. I motivi di interesse risiedono in alcune caratteristiche peculiari della musica hip-hop: 6 Cfr. Accademia degli Scrausi, Versi rock, Milano, Rizzoli, 1996; L. COVERI, 1996, Per una storia linguistica della canzone italiana, in Id., (a cura di), Parole in musica, Novara, Interlinea edizioni, 1996, pp ; ID., 1996a, Lingua e dialetto nella canzone popolare italiana recente, in R. Dalmonte, Analisi e canzoni, Università di Trento, Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche, Editrice Università degli Studi di Trento, 1996, pp ; A. SCHOLZ, Neo-standard e variazione diafasica nella canzone italiana degli anni Novanta, Frankfurt am Main, Peter Lang, 1998; ID., Subcultura, cit.; P. PACODA, Hip hop italiano, Torino, Einaudi, Cfr. le indagini condotte, in particolare nel territorio salentino, sul piano sociologico, agli inizi degli anni Novanta del secolo scorso, da P. Fumarola e G. Lapassade, i cui risultati sono stati pubblicati su tre successivi numeri annuali della rivista «Studi e ricerche» (Istituto di Psicologia e sociologia dell'università di Lecce): Rap copy (1991), Rap Copy 2 (1992), Inchiesta sull'hip hop in Italia (1993). 7 Che nel 1996, insieme al giovane musicista Andrea Liberovici, porta sulle scene il musical dal titolo Rap. 8 Il quale nel 2001 e nel 2002 pubblica da Feltrinelli due volumi di poesie, rispettivamente Rap e Rap2, ispirandosi alla versificazione propria dell'hip-hop. 103 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do IMAGO - Lecce

4 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. a) siamo dinanzi a un livello di oralità proprio dei dialetti (anche se il contesto è nuovo); b) la parola dell'hip-hop pretende di risultare immediata perché istintiva; c) la necessità di improvvisazione, infine, può portare ad evidenziare in modo naturale eventuali fenomeni, che nelle altre forme di riuso possono essere mediati o dal processo di produzione o dal mezzo. Il gruppo salentino su cui ci concentreremo, i Sud Sound System (SSS), è stato fra i primi che, a partire dal 1991 (con il 12 pollici Fuecu/T'à sciuta bona), ha avuto un notevole impatto nel mondo musicale italiano (e oltre), soprattutto grazie all'uso del dialetto nella musica reggae. L'analisi è stata condotta a campione sull'intera produzione del gruppo, sino all'ultimo album del 2005 Acqua pe' sta terra, per un totale di 125 brani. 2.1 La 'scrittura della voce' e la scelta del dialetto È noto che nell'hip-hop il rapporto fra testo e musica è tutto sbilanciato verso la dimensione del parlato. Al contrario di altri generi di canzone, qui più che cantare si recita. Infatti in questa struttura musicale l'andamento ritmico è prioritario rispetto alla melodia: la melodia è trasformata dall'esaltazione e dilatazione all'infinito dei passaggi ritmici, dai profondi fraseggi del basso e dagli stacchi netti della batteria9. Ne consegue la tendenza marcata alla mimesi del parlato, all'assenza di strutture metriche peculiari (il verso può essere allungato o accorciato dalla velocità di eloquio), allo sfruttamento di tratti paralinguistici e soprattutto prosodici (per marcare espressivamente ed emotivamente il messaggio), alla ricerca di sonorità foniche in funzione dell'organizzazione ritmica del brano. Infine è rilevante il puntellamento del 'discorso-testo' a elementi fatici caratteristici (ehi..., viniti qual..., sintiti moi..., mena moi... carninati...), che qui hanno una funzione strutturale precisa (come, per capirci, il C'era una volta della favole, se vogliamo usare un approccio semiotico). Com'è facile intuire, tutto ciò è funzionale alla trasmissione orale del segno: il materiale fonico-semantico viene così meglio compattato per agevolare la comprensione del messaggio da parte del pubblico e facilitare un'immediata interpretazione. Il suono è l'involucro che trasporta più agevolmente il senso. Tutti questi tratti ci autorizzano a cercare, in future indagini, possibili collegamenti con la musica, le canzoni e la poesia popolare anch'esse trasmesse oralmente, diffuse, cioè, prevalentemente tramite l'esecuzione, l'immediatezza del messaggio sonoro e verbale, attraverso una struttura formale e compositiva poco elaborata. Affondiamo così le mani in un verso libero che accumula, per esempio, la rima classica, a serie non sempre ordinate di allitterazioni diffusissime (1), accanto però a rime interne, in (2) e (4), ma anche rime equivoche (3), e persino ipermetre, ancora in (4): 9 Cfr. A. ERRA, La struttura del rap italiano, in R. DALMONTE, Analisi e canzoni, Università di Trento, Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche, Editrice Università degli Studi di Trento, 1996, pp ; P. PACODA, Hip hop italiano, cit., A. SCHO Z, Subculture, cit. 104 Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do IM4G0 - Lecce

5 Mirko Grimaldi (1) Lu core me BATTE a du l'anima me ATTE [mi colpisce] parlu / comu ma fattu mama / cu sta manera mia cu sta manera fucetata / pueti fare comu a mie nu fare comu a mie / Ci SINTI a ddhru SINTI te SIENTI dire parla l'italianu [...] (2) Parlu / peccè ieu sacciu ca l'anima sta 'TIC MINTI / MINTI picca ete lu MALE se cunti cu faci l'animale / tocca a mie la sorte cu cantu finu alla notte / rozzu e puru massicciu cu punnu mai nu spic- (3) CIU / Quarche cosa intra de mie se ACETA [agita] / sine denta ACETA [acida], / muta gente considera cosa LECITA / lu statu ca subbra ogni parte ci SPE- CULA. // [...] / Frati e soru nui simu rriati camina moi / camina moi comu na petra cantu testu e fuecu / e DDD nu bete nu RASTA [appartenente al culto giamaicano] ma mo te canta st'aura RASTA [vaso di fiori; fig. vita, storia di un uomo] / (4) // TIE ca ni stai arretu sai, tie ca ni stai arretu ormai nu se ACCÒRGENU mica ca su pesciu de nu VELÈNU cu na bella facce de nanzi ma cu nu scheletru de retu / fannu finta ca te PÈNSANU fannu finta ca te SÈNTENU, l'importante è ca pe le elezioni ni stati arretu sai / Mancando una versificazione vera e propria, rime e allitterazioni contribuiscono in modo efficace alla tessitura e alla coesione del testo, che spesso si genera su un'ossessiva contrapposizione fonica, sino alla creazione di veri e propri neologismi. Da un punto di vista stilistico il risultato è un notevole impatto semantico e una maggiore incisività del senso. A tal fine svolgono una certa funzione anche le insistite rime morfologiche insieme a rime imperfette, ma fortemente allitterate: (5) // Te lu Salentu enimu / CUCUmmari mangiamu / e a dunca sciamu sciamu / mentlmu fuecu e mpezzecamu / Hip hop house e disco / funky reggae soul calipso / su tutte le piste da ballo / CAmina STamu CU la capu a nfriscu // Chiaru! Simu te lu Salentu e tenimu lu COre ardente / rispettamu sempre tutta quanta la gente / e nu te pensare ca sta sulu sciucamu / CA intra stu modu CUltura sta facimu // (6) / lu poveru te lu asciu ntorna moi a Risalire senò / timme adu ete ca Ri- AMU ntra la situazione ca stamu / lu poveru è sempre poveru pe iddhru niente ancora à cangiatu / anzi è ancora chiu `disperatu nu pocu ancora chiù delusu / lu prezzu te la vita à ncarutu e quiddhru ca tene nu li è d'aiutu // (7) / sta succede nu fattu ma nu bede na disgrazia / se chiama reggae dance hall e moi a quai sta ininizia / `ntra la musica ca `ncè an giru EDE la vera primizia / suonu schiettu e sinceru ca lotta contru l' ingiustizia / legata allu guadagnu ca domina con astuzia / ma la musica ca ieu portu ede sulamente pe ci se SVIZIA. // Ma a mío modo di vedere l'operazione più riuscita è lo sfruttamento dei codici dialetto-italiano per creare catene di rime, imperfette o meno (anche in po- Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do INLIGO - Lecce 105

6 Dialetto, lingua e identità: nuovi usi, forme nuove, identità diverse. sizione interna). Viene così messo in relazione lessico di campi semantici diversi, creando un accordo fra parole discordanti o inusitate, col solito fine di amplificare il messaggio. Un esempio rappresentativo per tutti: (8) [...] Piccinnu GNIGNA [ingegno] sentime ma quando 'NCIGNU [inizio] / mpunnu su OGNE [ogni] ritmu riestu e senza RITEGNU / percene la rima frisca an capu ieu sempre la TEGNU [tengo] / e se a `ngiru `ncede nu sound ede lu giustu CONGEGNU / cu face na dance hall riesta comu nu CONVEGNU / ca promuove musica ca te lassa nu SEGNU / intru la capu toa rianu comu nu MACIGNU / tanti numi e tanti stili cussì è fattu stu RE- GNU / e na fiata ca li canusci tieni sempre chiù BESEGNU [bisogno] / ncede lu lovers e lu dj ca scrienu liriche ccu INGEGNU contru ci riduce sta musica a nu banale GUADAGNU / fieru de quiddhru ca subitu punnu e nu me RASSEGNU. [...] Il risultato è una irregolarità e un'imprevedibilità rimica, insieme alla creazione di effetti singolari ed inattesi. Poi ci sono abbondanti le figure della ripetizione: epanalessi, anadiplosi, anafora, polittòto, ecc. (consapevoli o inconsce): (9) Ca quandu la matina te azzi / e te 'nfacci alla FENESCIA / subitu na cosa ca intra l'ecchi toi te FLESCIA / e te FLESCIA tuttu lu giurnu / peccé sai ca lu tieni attornu ma ce bbete? (10) / sienti comu CANGIA na sciurnata / QUANDU intra l'aria ncete musica BONA. // Ca QUANDU ca è BONA è BONA / e QUANDU ca è fiacca fanne cu CANGIA / (11) / ma ricerca de equilibbriu, amore pe la VITA / e allora damme MUSICA, MUSICA INTRA la VITA mia, / ca INTRA l'anima, moi ANIMA sta melodia ca / ete LIBERA e poi LIBERA la capu mia e toa / (12) / te la ripetu ca me brucia a n'piettu / de notte e de giurnu ME LA CAN- TU A NCAPU / A NCAPU ME LA CANTU A NCAPU / Sono figure sfruttate prevalentemente per mettere in primo piano il tema del discorso, enfatizzandolo, rinforzare la tenuta ritmica, e, in alcuni casi, aumentare la suggestione evocativa. Se lavoriamo a livello del lessico, dobbiamo rilevare un fatto interessante, e cioè la coesistenza di forme ed espressioni popolari (e a volte in disuso) insieme a forme della lingua comune dialettizzate, o incastonate in un tessuto dialettale. Rispettivamente in (13), (14) e (15): (13) sciaccu [stanco], stare sotu [stare fermo], fitare l'ecchi [girare gli occhi], ruculu [locusta, persona lesta, rapida nei movimenti], trenula [raganella di legno], ncarrare [spingere, pigiare, premere], trappitu [frantoio], riscia [traccia], gnigna [intelligenza], agnasciu [ovunque], fucetare [agitare], roscia [brace di carboni interi], mennire [pentirsi], sciana [stato d'animo positivo], ruzzulisciare [ruminare], ecc. (14 immensu, surrogatu, attornanu, ricanuscu, pija voltu na sciurnata, stereu, selvaggiu, ingegnu, macignu, scivolamu, ricanuscu, ecc. (15) [...] fuecu sta rria te lu sule colpisce l'accento su ste parole [. ]; [...] in- 106 Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do MAGO - Lecce

7 Mirko Grimaldi tra stu modo cultura sta facimu [...];.] camenandu a tiempu sulla giusta rotta [...]; ca bagna tante scogliere / cu unde ca te seculi le stannu a scolpire, libera a capu mia e toa / de ogni fiaccu pensieru o idiozia o ipocrisia [...]; [...] la vibrazione positiva ca meju educa [...]; ecc. Tuttavia non si tratta di una stratificazione di tipo espressionistico (cioè di lessico attinto da codici e registri eterogenei e riadattato ad un contesto nuovo), ma di un uso intercambiabile di dialetto e lingua. E soprattutto, da un punto di vista sociolinguistico, pare emergere, quasi per contrappasso, il fenomeno opposto che interessava l'italiano popolare, quando forme della lingua comune venivano maldestramente inglobate nel sistema fonetico-fonologico (sintattico, ecc.) dei dialetti. Qui invece è il dialetto che si appropria in modo autonomo, per le proprie esigenze, dell'italiano. E soprattutto lo fa consapevolmente. Infatti, i fenomeni di cambio di codice (rari, sia verso l'italiano che le lingue straniere, perché qui il dialetto domina) sono utilizzati, con una funzione retorica nuova, per marcare emotivamente la narrazione e dare enfasi al contenuto semantico che si intende porre in evidenza. Ne risulta una sorta di contrapposizione tema (italiano) rema (dialetto) strutturata sul cambio di codice sistematico: (16) // Loro non capiranno mai cos'è / quiddhru ca è giustu pe sti vagnoni moi / potranno parlare ma non pretendere / te cangiare quiddhru ca simu nui. / Prima o poi si dovranno arrendere / ipocrisia nu ne ulimu chiui / il tempo non può più nascondere / la vera faccia de sta storia guai II Infine poche parole sulla sintassi, che come si è potuto notare è "leggera", rapida, scorrevole: prevale la paratassi sindetica (le subordinate sono per lo più di primo grado, o implicite, e comunque semplici) controbilanciata dalla mimesi del parlato, con processi che possono riassumersi nei seguenti: l'inversione e la segmentazione (anche nelle fomie della dislocazione, dell'anacoluto, dell'anastrofe, dell'iperbato, ecc., condizionati a volte da esigenze di rima); l'accumulazione, meno frequente, orizzontale e verticale. Tutti tratti che contribuiscono al montaggio veloce delle scene e all'incisività delle denunce sociali contenute nel testo-parlato. 3. Tre usi diversi del dialetto nella narrativa pugliese recente Quando Pasolini negli anni '60 lanciò l'allarme contro l'implacabile affermarsi di un freddo italiano tecnocratico, forse non poteva mai immaginare che proprio quell'italiano sarebbe stato vivacizzato e arricchito se posso parafrasare una definizione di Berruto dal (ri)uso del dialetto. In questo caso stiamo parlando dell'uso letterario del dialetto e dell'esperienza che tre narratori della nostra regione, appartenenti a generazioni diverse, hanno di recente fatto sfruttando il dialetto come risorsa stilistica. Come già accennato, si tratta di Beppe Lopez, Livio Romano e Annalucia Lomunno. Dato lo spazio a disposizione in questa sede (e richiedendo la questione un lavoro ad hoc da sviluppare a parte), farò solo qualche scheletrico esempio rappresentativo delle dinamiche che interessano la lingua e il dialetto nelle principali opere dei tre autori. 107 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura do lill4g0 - Lecce

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Italiano CLASSE II A INDIRIZZO AFM UdA n. Titolo: La frase semplice Padroneggiare gli strumenti espressivi per gestire una corretta comunicazione scritta ed orale. Utilizzare un lessico appropriato e ricco

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: II A afm Materia: Italiano Docente: E. Bertoldi Situazione di partenza della classe La classe 2 a A è costituita da 21 alunni (13 maschi e

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Scheda libro a cura di Elisabetta Ilaria Limone Il testo poetico, Remo Ceserani, il Mulino, Bologna 2005.

Scheda libro a cura di Elisabetta Ilaria Limone Il testo poetico, Remo Ceserani, il Mulino, Bologna 2005. Scheda libro a cura di Elisabetta Ilaria Limone Il testo poetico, Remo Ceserani, il Mulino, Bologna 2005. Remo Ceserani ci offre un compendio sintetico ed efficace per cominciare a orientarci di fronte

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO :

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : Competenze in uscita 1 Lo studente legge, comprende su lettura o ascolto o ascolto/visione e interpreta testi verbali e non verbali di vario tipo riconoscendo

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino PRATICHE DI SCRITTURA nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino 26 aprile 2012 Perché una didattica della scrittura Si impara a scrivere imparando a pensare e si impara a pensare

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO Finalità della disciplina La finalità generale dell'educazione Musicale consiste nel

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE PREMESSA Teoria e tecnica della Comunicazione è presente nel percorso di studio denominato Liceo Classico con potenziamento della Comunicazione e studia i linguaggi

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO V. MUZIO - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1 Anno Scolastico 2013/2014 Classe: 2^B Disciplina: Italiano Docente: Prof.ssa Pasqua Barbone PIANO DI LAVORO ANNUALE Criterio

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

DITALS I LIVELLO. Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti

DITALS I LIVELLO. Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti Analizzi le pagine che Le abbiamo fornito (tratte da: ) e risponda alle seguenti

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail:

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: <patrizia.bellucci@unifi.it> PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: Corso di SOCIOLINGUISTICA - A.A. 2004-2005 Bibliografia per gli Studenti

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Oggi Bevo IL NUOVO DISCO DEI WOGIAGIA

Oggi Bevo IL NUOVO DISCO DEI WOGIAGIA WOGIAGIA CREW IN COLLABORAZIONE CON ESSEDIERRE E IL CIRCOLO DEGLI ARTISTI VI INVITA ALLA PRESENTAZIONE DI: Oggi Bevo IL NUOVO DISCO DEI WOGIAGIA Martedi' 16 Giugno 2009, Circolo degli artisti, Via Casilina

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Il progetto didattico sull'arte dell'improvvisazione si prefigge di affrontare questo argomento ponendo sullo stesso piano l'approccio storico, le

Dettagli

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o NEWSLETTER - I N V E N T A R E I L F U T U R O - Luglio 2007 I l g r u p p o I t a l i a n o Il gruppo italiano Inventare il futuro è iniziato lo scorso mese di maggio e si riunisce quasi ogni settimana

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

IMPARARE ITALIANO ATTRAVERSO LE CANZIONI. Realizzata da: Nguyễn Phú Minh Hằng Classe: 1I-04 Professore relatore: Trần Thị Khánh Vân

IMPARARE ITALIANO ATTRAVERSO LE CANZIONI. Realizzata da: Nguyễn Phú Minh Hằng Classe: 1I-04 Professore relatore: Trần Thị Khánh Vân IMPARARE ITALIANO ATTRAVERSO LE CANZIONI Realizzata da: Nguyễn Phú Minh Hằng Classe: 1I-04 Professore relatore: Trần Thị Khánh Vân I. Introduzione 1. L importanza dello studio di una lingua straniera e

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16.

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO All interno del Primo Ciclo, la Scuola Secondaria di 1 grado accoglie allievi nel periodo della pre-adolescenza, ne prosegue l'orientamento educativo, eleva il livello

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

Percorso Linguistico Classe seconda elementare

Percorso Linguistico Classe seconda elementare Percorso Linguistico Classe seconda elementare A cura della dott.ssa Maria Piscitelli Insegnanti collaboratrici che hanno sperimentato in classe il Percorso Linguistico. Gianna Campigli ed Attilia Greppi

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Matteo Casoni Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, 2011. Usi innovativi del dialetto nei nuovi media (e in classe?

Matteo Casoni Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, 2011. Usi innovativi del dialetto nei nuovi media (e in classe? Matteo Casoni Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, 2011 Usi innovativi del dialetto nei nuovi media (e in classe?) in Ticino 1 1. ITALIANO E DIALETTO IN TICINO Il repertorio linguistico ticinese

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico. LINGUA ITALIANA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI DI SVILUPPO LIVELLI DI SVILUPPO COMPETENZE SPECIFICHE Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumentali musicali, imparando

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO Se facessimo tutto ciò che siamo capaci di fare, rimarremmo letteralmente sbalorditi RISPONDERE ISTINTIVAMENTE ALLE SEGUENTI DOMANDE Quando gli altri si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 Istituto Comprensivo SOLARI Albino (BG) Scuola Secondario di I grado Materia: Pianoforte Docente: Maestro Paolo Rinaldi PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia 35 Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia internet: www.teatrinodeifondi.it e-mail: cisd@teatrinodeifondi.it Gertjan Durmishi

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio.

associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio. L eptacordio associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio.com IL SUONO DELLA POESIA a scuola progetto

Dettagli

L educazione al patrimonio Dalle Indicazioni al curricolo SEMINARIO DI STUDIO PER I GRUPPI DI RICERCA USR-ANSAS EX IRRE ER

L educazione al patrimonio Dalle Indicazioni al curricolo SEMINARIO DI STUDIO PER I GRUPPI DI RICERCA USR-ANSAS EX IRRE ER L educazione al patrimonio Dalle Indicazioni al curricolo SEMINARIO DI STUDIO PER I GRUPPI DI RICERCA USR-ANSAS EX IRRE ER GRUPPO DI RICERCA MUSICA USR ER ANSAS EX IRRE ER L OPERA LIRICA NEL CURRICOLO

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli