Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia mediante catene di Markov*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia mediante catene di Markov*"

Transcript

1 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n , pagg GruppoMontepaschi Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia mediante catene di Markov* LoREnzo QUiRini** - LUiGi VAnnUCCi*** A dynamical monitoring of credit risky portfolios is described. It is shown how a dependence of Markovian kind can be used in modeling the tradeoff between customer s behaviour and profit/loss of his financial obligation. This framework is based on the Credit Worthiness Index (CWI), defined by the authors and whose properties have been described in previous works since In particular recursive formulas for estimating the CWI s first four moments (mean, variance, skewness, kurtosis) are given. Numerical examples, with a description of a profit/loss analysis of a financial obligation, complete the article. (J.E.L.: C3; C6; D8) 1. Introduzione A partire dall ultimo trimestre 2008, inizio della peggiore recessione che ha colpito il sistema economico-finanziario mondiale dopo la Grande Depressione, l attenzione alla gestione dei crediti problematici si è imposta come una delle priorità, se non la più importante, per le banche e gli operatori finanziari specializzati. Tuttora, a cavallo tra il 2010 e il 2011, l intero comparto bancario-finanziario è in cerca di riassestamento strutturale, lasciando intravedere qualche spiraglio. Dal Bollettino Economico della Banca d italia dell ottobre 2010, (Banca d italia 2010: 39): nel secondo trimestre del 2010 il flusso di nuove sofferenze [...] si è ridotto all 1.7% dal 2.0% del trimestre precedente [...] rimanendo elevato se confrontato con il livello medio del biennio dell 1.1%. * Articolo approvato nel febbraio Un sentito ringraziamento dagli Autori al dott. Ernesto Rabizzi, Presidente, al dott. Andrea Poletto, Direttore Generale, e al dott. Dario Lorenzini, Direttore Crediti di Consum.it Gruppo MPS, che hanno consentito la continuazione delle nostre analisi volte ad affinare l intreccio tra modelli teorici e problematiche operative in equilibrio tra i due punti di vista. ** Servizio Sistemi Decisionali, Monitoraggio e Scoring Consum.it Gruppo MPS. *** Dipartimento di Matematica per le Decisioni, Università di Firenze.

2 134 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n nel quadro dell attuale contesto macro-economico, che ha visto una significativa crescita nei livelli di insolvenza per i soggetti già valutati a rischiosità media o a rischiosità alta, si impone agli operatori una maggiore attenzione, non solo per i suddetti clienti, ma anche per quelle tipologie di clienti che prima della crisi economico-finanziaria erano caratterizzati da una buona qualità creditizia ex ante (rating, score... ), qualità che riceveva le attese conferme ex post. Adesso anche i rapporti che nella fase iniziale paiono ben avviati possono subire improvvisi e diffusi deterioramenti del presunto buon livello di affidabilità. È ferma convinzione degli autori che, per poter continuare a operare profittevolmente su mercati sempre più complessi, gli operatori si debbano dotare, e utilizzare con continuità e consapevolezza, di strumenti di valutazione dinamica del rischio di credito. La necessità di valutare l evoluzione nel tempo dell affidabilità dei clienti fu uno degli obiettivi che intendeva perseguire l indicatore di affidabilità da noi proposto fin dal 2004 (Quirini e Vannucci 2004) e tale problematica è stata da noi ripresa e rilanciata in successive occasioni (Quirini e Vannucci 2009, Quirini 2009, Quirini e Vannucci 2010). Tra la modellistica, che può rivelarsi efficace nel contesto del credito al consumo e più in generale per tutte quelle forme di finanziamento per le quali è previsto un preciso piano di rimborso a rata costante (o poco variabile), si distingue quella offerta dalle catene di Markov. Tale modellistica è stata introdotta in questo ambito dal lavoro pioneristico di Cyert et al e tale linea di ricerca è stata proseguita da Betancourt 1999, Kallberg e Saunders 1983: per un resoconto esaustivo anche sul piano analitico dei principali filoni di indagine all inizio di questo ultimo decennio si rinvia a Thomas et al. 2002: il tema è stato più recentemente ripreso da Lai e Wong 2008 e Malik e Thomas Sempre restando nell ambito dei processi markoviani è da segnalare il contributo di Crowder et al in cui si propone l impiego dei cosiddetti modelli di Markov nascosti (HMM - Hidden Markov Models) per la stima delle frequenze di default, anche se l analisi non scende al livello di dettaglio qui proposto in merito al processo di ritardo dei rimborsi dei finanziamenti. nel presente articolo, ispirandosi a questo filone di ricerca, l intento è quello di connettere modelli offerti nell ambito delle catene di Markov con l indice di affidabilità creditizia da noi proposto. in dettaglio, nel successivo paragrafo 2 si richiama l indicatore di affidabilità da noi proposto nel caso di quelle forme di finanziamento per le quali è previsto un preciso piano di rimborso con rate prefissate in modo deterministico e si coglie il nesso tra tale indicatore e il valore attuale (aleatorio) delle rate effettivamente pagate; nel paragrafo 3 si costruisce la catena di Markov che descrive l effettivo (aleatorio) comportamento dei clienti; nel paragrafo 4 si utilizza tale modello di comportamento dei clienti per determinare i momenti delle variabili aleatorie introdotte nel primo paragrafo; nel para-

3 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia grafo 5 si correda l analisi con l illustrazione di un caso di scuola a un parametro; nel paragrafo 6 si illustra come possa essere stimato da dati empirici un modello a due parametri; nel paragrafo 7 si adatta il modello al caso di default; nel paragrafo conclusivo 8 si sintetizza il significato della proposta metodologica presentata e si accenna a possibili evoluzioni del modello. 2. L indicatore di affidabilità e il valore attuale aleatorio delle rate pagate Un rapporto di credito con inizio in 0 e con piano di ammortamento prefissato prevede che il capitale prestato, c, sia restituito con un numero finito di rate, r 1, r 2,..., r n, versate nelle scadenze equintervallate 1, 2,..., n. Tra il capitale c e le rate r 1, r 2,..., r n intercorre la relazione c = r 1 (1+x) -1 + r 2 (1+x) r n (1+x) -n dove x è il tasso di interesse periodale che regola il rapporto creditizio. in un precedente nostro lavoro (Quirini e Vannucci 2004), è stato definito l indicatore di affidabilità creditizia (v = (1 - x) -1 è il fattore di attualizzazione periodale in una struttura piatta dei tassi di interesse qui assunta come quella di contratto) per h = 1, 2,..., n,... dove R 1, R 2,..., R h sono le rate aleatorie effettivamente pagate dal soggetto affidatario. A tali rapporti aleatori si è data la connotazione di indice di affidabilità creditizia all epoca h. Di tali rapporti e dei loro indicatori di sintesi, valore medio E[X h ] e varianza s 2 [X h ], abbiamo sottolineato le proprietà che li rendono efficace strumento nelle varie fasi del processo creditizio. È evidente che considerando il valore attuale aleatorio all epoca 0 delle rate effettivamente pagate fino all epoca h W h = R 1 v + R 2 v R h v h risulta il seguente legame tra X h e W h ovvero le due grandezze sono proporzionali. Siccome è complicato determinare la distribuzione di probabilità del valore attuale aleatorio delle rate pagate fino all epoca h = 1, 2,..., n conviene puntare ad una procedura che consenta almeno di ottenerne il valore medio, la varianza, l indice di asimmetria e la kurtosis: valori che serviranno per determinare anche gli analoghi momenti per l indicatore di affidabilità creditizia, sussistendo

4 136 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n X h 3. Un modello markoviano per rappresentare l affidabilità in questo lavoro considereremo il caso rilevante, poichè molto frequente nell operatività aziendale, in cui r 1 = r 2 =... = r n = r R h = J h r con J h variabile aleatoria con determinazioni = 0, 1,... h per h = 1, 2,..., n tenuto conto del fatto che l affidatario può, ad ogni scadenza h, non pagare, j = 0, o pagare multipli di rata r in modo da annullare eventuali ritardi nei pagamenti effettuati, che alla scadenza h sono al più pari a h 1: in tale ipotesi, ovvero quando alla scadenza h l affidatario non ha ancora pagato alcuna rata, se alla scadenza h paga hr si rimette in pari come numero di rate pagate, anche se non dal punto di vista finanziario a meno che il tasso di interesse contrattuale sia nullo. Questa casistica è modellabile con una catena di Markov in cui gli stati della stessa sono i mesi cumulati di ritardo nei pagamenti delle rate alle varie scadenze, un dato facilmente acquisibile dal sistema informativo aziendale. il modello considerato consente di fare previsioni sul numero delle posizioni incagliate e sul loro grado di gravità e, tra l altro, di prevedere la dinamica al variare di h dell indice di affidabilità X h. il confronto tra tali previsioni e l effettiva dinamica dei rapporti in un portafoglio di contratti consente al gestore di allertare tempestivamente il sistema qualora vi siano scostamenti significativi tra previsto e osservato. in sintesi, il modello proposto pare, più di altri, adeguato per seguire costantemente l affidabilità di un portafoglio di contratti di finanziamento, in modo da percepire per tempo se sono in atto mutamenti strutturali. Sia allora S h = {0,1,..., h 1} per h = 1, 2,..., n l insieme degli stati del sistema appena prima dell epoca h con la lettura che S h indica il ritardo cumulato nei pagamenti prima della scadenza h, scadenza in cui la rata r e le altre rate in sospeso per mancato pagamento potrebbero

5 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia essere versate. È ovvio che, con l assunzione fatta sull insieme degli stati possibili alle varie scadenze, segue che non si considera la possibilità che l affidatario paghi rate in anticipo rispetto alle scadenze prefissate. La distribuzione di probabilità su S 1 all inizio del rapporto contrattuale (e prima della prima scadenza) è degenere ovviamente P(S 1 = 0) =1 La matrice delle probabilità di transizione, P h, in dipendenza del comportamento effettivo dell affidatario alla scadenza h per h = 1, 2,..., n può pensarsi come una matrice stocastica con h righe e h+1 colonne. Tale matrice sia... dove p h,i,j è la probabilità che alla scadenza h una posizione che ha cumulato prima di tale scadenza i = 0, 1,..., h 1 ritardi di pagamenti si porti, per l epoca successiva, pagando (i j + 1)r, ad un cumulo di j ritardi di pagamenti, ovviamente con j = 0, 1,..., i + 1: j = 0 significa che all epoca h la posizione si è comunque rimessa in pari come numero di rate da pagare,..., j = i + 1 significa che all epoca h non vi sono stati pagamenti e lo stato del sistema passa da i ritardi cumulati a i + 1. indicando p h-1 per h = 1,..., n + 1 il vettore a h componenti che indica la distribuzione di probabilità su S h = {0, 1,..., h 1} prima dell epoca h, risulta p 0 = (1) = P(S 1 =0) e ricorsivamente p h = p h-1 P h per h = 1, 2,..., n Si noti che p h-1 ha h componenti, P h è matrice h (h+1) e p h ha h + 1 componenti. 3.1 Un esemplificazione del modello a un parametro immaginiamo un esempio che nella parte riguardante il comportamento degli affidati sia caratterizzato da un solo parametro a. Sia p 1,0,0 = a e p 1,0,1 = 1 a se h = 2, 3,... Pertanto

6 138 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n p 0 = (1) p 1 = (a,1 a), ecc. ovviamente questo è un caso ideale; nell operatività di uno specifico contesto, le matrici delle probabilità di transizione si potranno stimare dai dati di archivio. Esse difficilmente potranno adattarsi al modello considerato, il quale ha tuttavia il pregio di legare ad un unico parametro l intera struttura di affidabilità creditizia degli affidati. Per brevità ma senza perdita di generalità possiamo supporre r = 1 e valutare per esercizio indicando con W h il valore attuale all epoca 0 delle rate effettivamente pagate fino alla scadenza h inclusa, risulta W 0 = 0 e quindi da cui ecc. Al crescere di h le formule diventano sempre più complicate e va sfruttata la markovianità del processo per ottenere ricorsivamente all indietro i valori di E[W h ] e di E[W h 2] e quindi di s 2 [X h ]. Per inciso, la procedura ricorsiva ideata e sotto illustrata non è legata al modello specifico considerato, ma

7 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia vale per una qualsiasi successione delle matrici delle probabilità di transizioni tra stati. 4. Il calcolo ricorsivo dei primi quattro momenti di W h Per ottenere e quindi la varianza, l indice di asimmetria e la kurtosis non solo di W h ma, alla luce di quanto rilevato nel primo paragrafo, anche di X h per h = 1, 2,..., n occorre introdurre le successioni a k, h, i = E[W h - W k S k+1 = i] con i = 0, 1, 2,..., k e 0 k h n b k, h, i = E[W h - W k S k+1 = i] con i = 0, 1, 2,..., k g k, h, i = E[W h - W k S k+1 = i] con i = 0, 1, 2,..., k d k, h, i = E[W h - W k S k+1 = i] con i = 0, 1, 2,..., k e 0 k h n e 0 k h n e 0 k h n nello specifico interessano i valori di a 0, h, 0 = E[W h - W 0 S 1 = 0]:= E[W h ] b 0, h, 0 = E[(W h - W 0 ) 2 S 1 = 0]:= E[W 2 h] g 0, h, 0 = E[(W h - W 0 ) 3 S 1 = 0]:= E[W 3 h] d 0, h, 0 = E[(W h - W 0 ) 4 S 1 = 0]:= E[W 4 h] ovviamente essendo W 0 = 0 ed essendo alla prima scadenza S 1 = 0. Fissato un particolare h vale l inizializzazione per ogni i = 0, 1,..., h e valgono ricorsivamente all indietro per ogni i = 0, 1,..., k per k = h 1, h 2,..., 1, 0 p k+1,i,j p k+1,i,j p k+1,i,j

8 140 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n p k+1,i,j A giustificazione di queste formule si tenga conto che se, per m = 1, 2, 3, 4, si identifica dove w k+2,h,j,l rappresenta la generica determinazione della variabile W h W k+1 condizionata a S k+2 = j e q k+2,h,j,l ne è il corrispondente valore della probabilità (la sommatoria è estesa a tutte le determinazioni della variabile), allora lo sviluppo da considerare per giustificare le formule ricorsive è, considerando di volta in volta m = 1,2,3,4, E[(W h - W k ) m S k+1 = i] = p k+1,i,j da cui banalmente si motivano i risultati indicati. Per esempio nell esemplificazione del modello a un parametro prima considerato per h = 1 si ha immediatamente per i valori attesi, stante w 1,1,0 = 0. Per h = 2 è w 2,2,0 = w 2,2,1 = 0 e ricorsivamente e infine (si conferma il caso precedentemente e direttamente calcolato) p 1,0,j Per i momenti secondi per h = 1 si ha immediatamente, essendo a 1,1,0 = b 1,1,0 = 0, Per h = 2 è, essendo a 2,2,0 = b 2,2,0 = 0 e a 2,2,1 = b 2,2,1 = 0,

9 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia e infine (si conferma il caso precedentemente e direttamente calcolato) b 0,2,0 = b 1,2,j 5. Risultanze numeriche dell algoritmo ricorsivo Si è redatto l algoritmo sopra presentato, che è bene ribadire ha portata del tutto generale, considerando il modello che regola le transizioni tra Stati con il solo parametro a e ipotizzando un orizzonte temporale di 12 periodi. Tab. 1 - Probabilità (x1000) di essere nei vari stati del sistema (mesi di ritardo) dopo le epoche indicate in colonna 1 per a = 0.9, ovvero i vettori p h. h Da notare che già al nono mese la maggioranza degli affidatari fa registrare qualche ritardo nei pagamenti (il 47.63% non ha ritardi anche se li può avere avuti in precedenza). Dalla Tabella 2 si intuisce che in questo modello l affidabilità recupera al crescere di h e che anche gli indicatori s[x h ], g h, si spostano nel senso di una valutazione di minor rischio. Curioso è il comportamento della kurtosis che dopo aver toccato il minimo per h = 5 torna poi lentamente a crescere. Per apprezzare l effetto del parametro a, fermo restando x = 0.05, si è considerato per h = 12 come si modificano i valori di E [W 12 ], E [X 12 ], s[w 12 ], s[x 12 ], g 12, k 12 al variare di a da 0.82 a 0.98 con passo 0.02.

10 142 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n Tab. 2 - Valore di E [W h ], E [X h ], s[w h ], s[x h ], g h, k h con la parametrizzazione x = 0.05, a = 0.9 alle varie epoche di pagamento h. h E [W h ] E [X h ] s[w h ] s[x h ] g h k h Tab. 3 - Valore di E [W12], E [X12], s[w12], s[x12], g12, k12 con la parametrizzazione x = 0.05 al variare di a. a E [W 12 ] E [X 12 ] s[w 12 ] s[x 12 ] g 12 k il commento è che dal parametro a dipende la profittabilità della gestione di questa tipologia di contratti di credito, visto l andamento della affidabilità in termini dei suoi indicatori di sintesi. Si ricorda, vedi (Quirini e Vannucci 2004), che l affidabilità attesa può essere interpretata come il coefficiente moltiplicativo che riduce il valore di tutte le rate da pagare. Un finanziatore può allora leggere il risultato di questa tabella per a = 0.90 come un investimento che a fronte di un finanziamento concesso di (si ricorda che abbiamo posto r = 1) riceve con un tasso atteso (le virgolette indicano che non si tratta di un proprio valore medio ma solo di una sua euristica approssimazione) di remunerazione che è la soluzione della equazione in v

11 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia Tab. 4 - Valore di E [W 12 ], E [X 12 ], s[w 12 ], s[x 12 ], g 12, k 12 con la parametrizzazione a = 0.90 al variare di x. x E [W 12 ] E [X 12 ] s[w 12 ] s[x 12 ] g 12 k con soluzione, finanziariamente significativa, v = equivalente al tasso periodale = Per apprezzare l effetto del parametro x, fermo restando a = 0.90, si è considerato per h = 12 come si modificano i valori di E [W 12 ], E [X 12 ], s[w 12 ], s[x 12 ], g 12, k 12 al variare di x da 0.01 a 0.09 con passo Da notare, per non prendere abbagli, che è vero che l affidabilità media si riduce all aumentare di x, ma quando aumenta x c è un margine maggiore per compensare la riduzione di affidabilità! La considerazioni fatta sulla tabella precedente indica, per esempio, che per x = 0.01 l equazione ha la soluzione finanziariamente significativa v = che equivale a una remunerazione (negativa) di = Stima del modello a più parametri il modello a un parametro è un esempio con finalità didattico - espositiva: esso ha il vantaggio di una immediata lettura del significato dell unico parametro, che misura la propensione (probabilità) costante che il soggetto affidato ha di ritardare i pagamenti o di recuperare sui pagamenti in ritardo, qualunque sia il numero di essi. Per illustrare come si può procedere alla calibratura di un modello assumendo la possibilità di impiegare anche più di un parametro si presenta in questo paragrafo un problema di stima che può porsi in un contesto applicativo. Si considerino i seguenti dati relativi ai primi quattro momenti dell affidabilità (si riportano soltanto le cifre dopo la virgola), scansionati di tre mesi in tre mesi e calcolati partendo da registrazioni d archivio.

12 144 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n Tab. 5 - Valori empirici rilevati per i quattro momenti dell indice di affidabilità ( 10 6 ). t = 3 t = 6 t = 9 t = 12 t = 15 t = 18 t = 21 t = 24 mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi E[X t ] E[X 2 t] E[X 3 t] E[X 4 t] il tasso annuale mediamente applicato (e qui assunto costante per tutta la classe di contratti a cui i dati si riferiscono) sia l 8%, che, considerato il mese come periodo di riferimento, dà un tasso periodale pari a 1.08 (1/12) -1 = %. Per esempio, se si considerasse il trimestre come periodo di riferimento il tasso periodale corrispondente sarebbe 1.08 (1/4) 1 = %. ovviamente considerando catene di Markov non omogenee e dando la possibilità, con probabilità positiva, di recuperare ad ogni stadio qualunque numero di ritardi, il modello qui proposto avrebbe un così grande numero di parametri da consentire, sì, di impattare tutte le desiderate valorizzazioni dei momenti, ma perderebbe quella immediata e significativa interpretazione che, come sopra rilevato nel caso a un parametro, si ha quanto minore è il numero di parametri che in esso figurano. Qui, a titolo meramente esemplificativo, si considera una catena di Markov con due soli parametri liberi, omogenea e con le seguenti probabilità di transizione p 1,0,0 = 1 b e p 1,0,1 = b p h,i,j = { } 1 - b( i) - c se j = i b( i) se j = i + 1 c se j = i per gli altri j per h = 2, 3,, 24 con i = 0, 1,, h 1 e b e c parametri non negativi con le ovvie limitazioni dovute al fatto che essi sono legati a valutazioni di probabilità di eventi. Poiché l affidabilità media decresce (si veda la prima riga della Tab. 5) occorre una probabilità crescente per il ritardo di un ulteriore pagamento all aumentare del numero di ritardi cumulato: una calibrazione plausibile è stata sopra esemplificata considerando il fattore (1 + 8 i) per i = 0, 1,, 24, frutto di una sperimentazione/selezione su fattori del tipo (1 + k i d ). il modello ha ora, pertanto, due parametri, b e c: si immagina che il parametro b sia in grado di misurare la propensione, crescente con lo stato, a ritardare i pagamenti e che il parametro c sia in grado di misurare la propensione, costante con lo stato, a recuperare sui ritardi cumulati. nel modello precedente, a un parametro, queste due propensioni erano costanti nel tempo e

13 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia uguali per tutti gli stati con un numero positivo di ritardi. L algoritmo proposto è in grado di calcolare i primi quattro momenti dell indice di affidabilità su un qualunque orizzonte temporale e per qualunque catena di Markov, anche non omogenea, con cui si descriva quantitativamente il fenomeno dei ritardi/recuperi dei pagamenti nei rapporti contrattuali creditizi. Qui, considerato il mese come periodo di riferimento, si sono determinati, al variare dei valori in millesimi dei parametri b e c in una griglia rettangolare con passi dei due parametri pari a un millesimo, i valori teorici dei primi quattro momenti dell indice di affidabilità in corrispondenza delle epoche indicate in Tab. 5. Utilizzando il software da noi realizzato e che traduce in linguaggio informatico l algoritmo qui proposto si è selezionata tra le valorizzazioni dei due parametri considerate quella che rende minima la somma degli scarti quadratici pesati (momento primo con peso 1000, secondo con peso 100, terzo con peso 10, quarto con peso 1) tra i valori teorici calcolati al variare di b e c e quelli empirici di Tab. 5. il valore minimo della funzione obiettivo, , è stato ottenuto con b = e c = Per questi due valori dei parametri si riporta la tabella dei valori teorici dei primi quattro momenti dell indice di affidabilità alle 8 scadenze considerati. Tab. 6 - Valori teorici dei quattro momenti dell indice di affidabilità. t = 3 t = 6 t = 9 t = 12 t = 15 t = 18 t = 21 t = 24 mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi E[X t ] E[X 2 t] E[X 3 t] E[X 4 t] Dunque una curiosa soluzione d angolo si è stimata come la migliore tra quelle considerate: tale soluzione segnala una trascurabile capacità di recupero dei ritardi, c = 0, da parte dei soggetti che iniziano a ritardare i pagamenti e un preoccupante crescendo nella probabilità di cumulare ulteriori ritardi (si noti che p(0,1) = e p(24,25) = ). 7. Un modello per il default Se si assume che vi sia default quando si verifichi per la prima volta il raggiungimento di un prefissato numero di ritardi, per esempio h * = 3, e che in tale ipotesi il contratto non produca nella gestione ordinaria ulteriori pagamenti di rate allora le matrici delle probabilità di transizione si modificano, poichè lo Stato con h * ritardi diventa assorbente e va posto p h,h*,h = 1 Le matrici di transizione successive a quella h * -ma sono tutte quadrate con h * + 1 righe e h * + 1 colonne, essendo

14 146 Studi e Note di Economia, Anno XVII, n {0, 1,..., h * } l insieme degli stati, con h * inteso quale stato assorbente associato al default. L algoritmo ideato continua ad essere pienamente valido per effettuare le valutazioni di affidabilità creditizia nella gestione ordinaria. il recupero delle spettanze connesse al default qui non si considera, anche se uno schema di questo tipo è ancora proponobile per quel tipo di problematica. ovviamente, se l operazione si interrompe con il default nella gestione ordinaria, l affidatario in default non paga più alcuna rata e ciò produce un peggioramento sia su W h che X h. Senza entrare nei dettagli formali basta tagliare le sommatorie mettendo quale estremo superiore non più i + 1(si vedano le formule ricorsive prima costruite) ma min(i + 1, h * ) valendo non solo la condizione iniziale a h,h,i = b h,h,i = g k,h,i = d h,h,i = 0 per ogni i = 0, 1,..., h ma anche a k,h,i = b k,h,i = g h,h,i = d k,h,i = 0 per ogni k < h se i = h *, h * + 1,..., n Alcune risultanze numeriche con la parametrizzazione x = 0.05, a = 0.9 e h * = 3 sono qui di seguito riportate in Tab. 7 e in Tab. 8. h h * = Tab. 7 - Probabilità di essere nei vari stati del sistema (mesi di ritardo) dopo le epoche indicate in colonna 1. ovviamente l ultima colonna indica la probabilità di essere in default all epoca h: al 12-mo periodo, per esempio, si registra una probabilità di 0,0285 d essere finiti (in quell epoca o precedentemente) in default. Dal confronto della Tab. 8 con la Tab. 2 si vede il peso del default: al 12-mo periodo l affidabilità si è ridotta da a con preoccupan-

15 L. Quirini, L. Vannucci - Sul controllo dinamico dell affidabilità creditizia Tab. 8 - Valore di E [W h ], E [X h ], s[w h ], s[x h ], g h, k h. h E [W h ] E [X h ] s[w h ] s[x h ] g h k h ti effetti sulle code come mostrano s[x 12 ] = , g 12 = , k 12 = da confrontare con i rispettivi , , Conclusioni Si è applicato un modello basato sulle catene di Markov per descrivere i comportamenti dei soggetti finanziati in presenza di prodotti con piani di rimborso prefissati. il modello riesce a spiegare e prevedere la dinamica del legame tra tali comportamenti e l affidabilità-redditività delle operazioni di finanziamento, consentendone un controllo nel perdurare dei rapporti contrattuali. Più specificamente, si calcola il nesso tra la parametrizzazione della catena di Markov, stimata dai dati di archivio, e i momenti di indicatori di affidabilità: dall andamento di tali momenti, facilmente disponibili e determinati con alta (giornaliera, settimanale...) frequenza, è consentito inferire la tipologia dei comportamenti in atto da parte dei soggetti affidati in merito agli effettivi differimenti in atto dei pagamenti dovuti. L approccio metodologico ha carattere di larga generalità e con le adeguate e adattate parametrizzazioni il modello proposto è in grado di descrivere molti altri contesti operativi, ivi incluso quello relativo al processo di gestione delle posizioni incagliate. Un evoluzione del modello potrebbe riguardare la sua inclusione nell ambito dei modelli di Markov nascosti (Hidden Markov Models - HMM). Con tale estensione si potrebbero tenere in considerazione anche le transizioni del sistema economico-sociale in cui l attività creditizia si svolge, condizionandone gli esiti economici.

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Premessa Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato

Dettagli

Modelli per il pricing del credito

Modelli per il pricing del credito Corso tecnico - pratico Modelli per il pricing del credito Calcolo degli spread a copertura del rischio di credito Valutazione dei bond rischiosi: obbligazioni governative, corporate bond e mini-bond Milano,

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

Introduzione al risk management

Introduzione al risk management ALBERTO FLOREANI Introduzione al risk management Un approccio integrato alla gestione dei rischi aziendali Fotocomposizione e redazione: Studio Norma, Parma ISBN 978-88-17-05810-0 Copyright 2005 RCS Libri

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato prevista

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Metodi Computazionali

Metodi Computazionali Metodi Computazionali Elisabetta Fersini fersini@disco.unimib.it A.A. 2009/2010 Catene di Markov Applicazioni: Fisica dinamica dei sistemi Web simulazione del comportamento utente Biologia evoluzione delle

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Validazione dei sistemi di rating

Validazione dei sistemi di rating Validazione dei sistemi di rating Aspetti di business e metodologici III Convention Aifirm Milano, 18 Ottobre 2002 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO

UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO LORENZO QUIRINI * LUIGI VANNUCCI ** 1. Introduzione Tra i rischi

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Parte 1^ Di Angelo Fiori

Parte 1^ Di Angelo Fiori Relazioni fra tempo e denaro Alcuni concetti, regole ed esempi per cominciare ad orientarsi nelle relazioni fra tempo e denaro, utilizzando anche le funzionalità del foglio di calcolo di microsoft excel

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII I N D I C E XV XVII XIX XXIII Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Capitolo 1 Il ruolo della finanza aziendale nell economia dell impresa 3 1.1 La nascita e lo sviluppo della finanza aziendale

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Le catene di Markov come metodologia utilizzata dai motori di ricerca per classificare le pagine web su internet.

Le catene di Markov come metodologia utilizzata dai motori di ricerca per classificare le pagine web su internet. Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli Dottorato di Ricerca in Statistica e Finanza Quantitativa - XXI Ciclo Sergio Salvino

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL RISCHIO DI SPREAD :

IL RISCHIO DI SPREAD : Corso tecnico/pratico Seconda Edizione IL RISCHIO DI SPREAD : MISURAZIONE E GESTIONE TRAMITE COSTRUZIONE IN AULA DI MODELLI IN EXCEL Milano, 26 e 27 novembre 2013 Hotel Four Points Sheraton Via Cardano

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Previdenza e trasparenza Bologna, 19 ottobre 2012

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Introduzione 1. 1 Il controllo supervisivo di una rete di Petri 3 1.1 Il problema del controllo supervisivo... 3 1.2 Il metodo dei posti monitor...

Introduzione 1. 1 Il controllo supervisivo di una rete di Petri 3 1.1 Il problema del controllo supervisivo... 3 1.2 Il metodo dei posti monitor... Indice Introduzione 1 1 Il controllo supervisivo di una rete di Petri 3 1.1 Il problema del controllo supervisivo.................. 3 1.2 Il metodo dei posti monitor....................... 4 Bibliografia

Dettagli

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488.

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488. Ministero del Tesoro del Bilancio e della Programmazione Economica Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ---------------- Ispettorato Generale per la Finanza delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Introduzione a PowerSchedO

Introduzione a PowerSchedO Il sistema di supporto alle tue decisioni Introduzione a PowerSchedO White paper Per maggiori informazioni http://www.powerschedo.it http://www.mbigroup.it PowerSchedO è un marchio registrato MBI. Questo

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

Le offerte pubbliche del GME. Strumenti di business intelligence per l analisi. Il sistema di supporto alle tue decisioni

Le offerte pubbliche del GME. Strumenti di business intelligence per l analisi. Il sistema di supporto alle tue decisioni Il sistema di supporto alle tue decisioni Le offerte pubbliche del GME Strumenti di business intelligence per l analisi di Luigi Poderico (lpoderico@mbigroup.it) M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara STUDI DI SETTORE E SCELTE STRATEGICHE BASE DI PARTENZA??? STUDI DI SETTORE E SCELTE STRATEGICHE VERIFICHE

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA UMBERTO MAGAGNOLI Materiale per il Corso di lezioni di STATISTICA Laurea magistrale in Matematica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università

Dettagli

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Daniela Cavaldesi Relatore:

Dettagli

quotidiane: come scegliere nel modo

quotidiane: come scegliere nel modo Il ruolo dell incertezza nelle scelte quotidiane: come scegliere nel modo migliore? M.Bertocchi Dipartimento di Matematica, Statistica, Informatica e Applicazioni l. Mascheroni Università degli Studi di

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti

Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scuola di Scienze della Natura Fisica dei Sistemi Complessi Tesi di Laurea Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti di Marco Maria BOSCO Relatore:

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto La Pianificazione Finanziaria ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La pianificazione Finanziaria

Dettagli

MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1

MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1 MMF - IPO Francesco Menoncin Lezione 1 Sommario Tutti i dati qui riportati sono tratti da Ritter, J. R. e Welch, I. (2002). A review of IPO Activity, Pricing, and Allocation. The Journal of Finance, 57,

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO

ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO ANALISI DI BILANCIO E PIANIFICAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DELLA GEWISS SPA CON DETERMINAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO di Maurizio Nizzola Introduzione L obiettivo di questo lavoro è svolgere un analisi

Dettagli

Metodi di previsione

Metodi di previsione Metodi di previsione Giovanni Righini Università degli Studi di Milano Corso di Logistica I metodi di previsione I metodi di previsione sono usati per ricavare informazioni a sostegno dei processi decisionali

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Relationship lending e default rate dei prestiti

Relationship lending e default rate dei prestiti Workshop sull attività di ricerca del Relationship lending e default rate dei prestiti Matteo Cotugno, Università di Bologna Valeria Stefanelli, Università Niccolò Cusano di Roma Giuseppe Torluccio, Università

Dettagli

Scheda n.1: il software R

Scheda n.1: il software R Scheda n.1: il software R September 30, 2008 1 Introduzione Il software denominato R si può scaricare gratuitamente da rete, all indirizzo http://www.r-project.org/, seguendo le istruzioni di download.

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Il ruolo del rating nelle decisioni di affidamento bancario

Il ruolo del rating nelle decisioni di affidamento bancario Analisi di bilancio di Massimo Buongiorno * e Marco Capra ** Il ruolo del rating nelle decisioni di affidamento bancario Le decisioni di affidamento alle imprese sono da sempre un aspetto centrale della

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio)

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) GRUPPI PUMA2 AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Modelli finanziari per i tassi di interesse

Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS Lecture 3 Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 3.1 Modelli per la struttura La ricerca di un modello finanziario che descriva l evoluzione della

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto Anselmo Marmonti SAS Agenda Premessa Evoluzione delle tematiche implementative di Basilea 2 Internal Rating

Dettagli

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici

Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Computazione per l interazione naturale: Modelli dinamici Corso di Interazione Naturale Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it boccignone.di.unimi.it/in_2015.html

Dettagli