REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del , esecutiva ai sensi di legge

2 Art. 1 Le aree, concedibili, demaniali o patrimoniali del Comune e, salvo particolari clausole o impedimenti di qualsiasi natura, le aree di uso pubblico e date in concessione al Comune, possono, previa regolare autorizzazione del Sindaco e previo pagamento della tassa per occupazione del suolo pubblico, essere temporaneamente assegnate per installazioni: a) di circhi equestri; b) di attività, singole o collettive, dello spettacolo viaggiante; c) di parchi divertimenti (Luna Park). Le aree, di cui al precedente capoverso, sono quelle indicate nell elenco allegato che dovrà essere annualmente aggiornato, a norma di Legge, a cura della Ripartizione Polizia di concerto con il Comando Vigili Urbani. Art. 2 Oltre alle norme di Legge e di Regolamento generali e speciali sono in particolare applicabili, sia per singoli esercenti, come per i raggruppamenti delle attività dello spettacolo viaggiante, le disposizioni del presente Regolamento e quelle che, in futuro, la Civica Amministrazione dovesse emanare. Quando non sia diversamente stabilito, sono soggetti alla stessa disciplina i circhi equestri e i parchi di divertimento (Luna Park) tradizionali o stagionali e quelli installati od organizzati per occasionali avvenimenti, ricorrenze, celebrazioni o festività. Art. 3 Agli effetti delle concessioni di aree, destinatari di esse sono gli esercenti le attività specificate al primo comma dell art. 8 della L. N. 337 del 18 marzo 1968 e comprese nell elenco, aggiornato, esistente presso il Ministero del Turismo e dello Spettacolo. 2

3 Art. 4 Per ottenere la concessione dell area, ciascun interessato deve inoltrare regolare domanda in bollo al Sindaco 15 giorni prima del previsto inizio dell attività (per i parchi di divertimento un mese prima della data della manifestazione, se ricorrente, e almeno un mese prima, se occasionale), specificando, oltre alle sue generalità, la data di residenza e il domicilio, il tipo e le misure di ingombro dell attrazione o dell attrazione che intende installare e dei carri attrezzi delle carovane, l anzianità di frequenza delle aree cittadine, il numero di contrassegno di cui all art. 6 della L. n. 337, quello del nulla osta rilasciato dal Ministero dello Spettacolo, il periodo di tempo richiesto ed ogni altra notizia utile allo scopo. Il ritardo nella presentazione della domanda oppure la mancanza dei dati indicati nel precedente capoverso, quando non comporta a giudizio della Commissione l esclusione dell assegnazione dell area richiesta, pospone la domanda stessa a quelle degli altri richiedenti in piena regola. Art. 5 Le domande di partecipazione ai parchi di qualsiasi entità o di installazione di circhi, saranno sottoposte all esame di una Commissione nominata dalla Giunta Municipale presieduta dall Assessore alla Polizia e Traffico o da un suo delegato e composta dal Capo Ufficio Tecnico o chi per esso, dal Comandante dei Vigili Urbani o chi per esso, dall incaricato al servizio occupazione suolo e, a seconda che si tratti di circhi o di parchi di divertimento, rispettivamente da un rappresentante degli esercenti i circhi o dello spettacolo viaggiante. Le domande di assegnazione di posteggi che non rientrano nell ipotesi prevista nel precedente capoverso, saranno esaminate e decise secondo le norme seguenti, i criteri e il piano generale di distribuzione delle attrazioni nel territorio metropolitano suggeriti dalla predetta Commissione eventualmente integrata con altri due rappresentanti di categoria degli esercenti lo spettacolo viaggiante. 3

4 Art. 6 La concessione è fatta direttamente ai titolari muniti della licenza rilasciata dall autorità di P.S. e dell autorizzazione del Ministero del Turismo e dello Spettacolo, senza ricorso ad esperimento di asta. Art. 7 Le concessioni di aree per l installazione di importanti parchi di divertimento (Luna Park) e complessi minori di singole attività dello spettacolo viaggiante, avranno la durata fissata nell atto di concessione. Scaduto il termine se non sarà accordata alcuna proroga per gravi giustificati motivi la località dovrà essere immediatamente sgomberata e riconsegnata ai funzionari o agenti incaricati. In difetto, sarà provveduto d ufficio e con spese a carico dell inadempiente. Agli effetti di un organica funzionalità dei parchi di divertimento (Luna Park) e dei complessi minori, dovrà essere realizzata un opportuna variazione di attrazioni di attrazioni e un equa partecipazione di mestieri dello stesso tipo. Art. 8 Hanno precedenza, nell assegnazione delle aree concedibili sia per i parchi di divertimento di qualsiasi entità che per i posteggi per manifestazioni varie minori gli esercenti lo spettacolo viaggiante, residenti strabili nel Comune e con la maggiore anzianità di residenza e con anzianità di esercizio delle attrazioni in Sarzana, almeno di un quinquennio. A tal fine, presso l Ufficio di polizia, sarà predisposta apposita graduatoria in base alla quale saranno regolate le concessioni. Non sono soggetti a tale limitazioni gli esercenti i circhi equestri di particolare, riconosciuta importanza nazionale e internazionale. Detti complessi, opportunamente distanziati nel tempo, non possono peraltro superare due presenze nell annata. 4

5 Art. 9 Le assegnazioni delle concessioni saranno fatte, salvo quanto disposto dall articolo precedente e in base ai criteri e il piano generale di distribuzione di cui all art. 5 predisposti dalla Commissione riguardo alla: a) Modalità e decorosità dell attrazione; b) Anzianità di appartenenza alla categoria; c) Presentazione di attrazioni effettivamente nuove, che non pregiudichino gli interessi degli anziani esercenti e sempre che vi sia spazio disponibile da concedere. A parità di requisiti di cui all articolo precedente e del presente articolo, si procederà mediante estrazione a sorte per i posti che saranno richiesti da più esercenti con identiche attrazioni. Art. 10 Non è consentita la sostituzione dell attrazione con altra di tipo diverso. Solo in via eccezionale potrà essere ammessa tale sostituzione, qualora non ne derivi un aumento delle misure di ingombro e quando, a parere della Commissione, la nuova attrazione sia di tipo e soggetto tali da non creare dannosa concorrenza ad altre attrazioni già esistenti sulla piazza. Art. 11 La partecipazione a raggruppamenti o al Parco per rotazione non è ammessa. Quando, però, si rendano disponibili dei posti (per rinuncia, revoca, perdita per distruzione dell attrazione, abbandono del posteggio, decesso del titolare, ecc.) e vi siano altri richiedenti con uguale diritto al Commissione comunale potrà autorizzarla. Art. 12 Il titolare dell attrazione ammessa è tenuto a gestirla direttamente. 5

6 E vietata ogni forma di sub-concessione, di sub-ingresso di terzi al titolare, di compravendita temporanea e di locazioni di attrazioni. In caso di infrazione la concessione è revocata e sia il cedente che il concessionario saranno esclusi dalle future assegnazioni. Potrà essere consentita la sostituzione dell attrazione, con altra identica, anche per misure di ingombro, di proprietà di terzi, solo in caso di forza maggiore (sinistro accertato e non tempestivamente riparabile) e previa autorizzazione della Commissione Comunale e sempre che la nuova attrazione sia gestita direttamente dal concessionario. In caso diverso si farà luogo alla sostituzione dell attrazione secondo quanto stabilito al precedente articolo. Art. 13 Nel caso di decesso del titolare di un attrazione, debbono essere riconosciuti gli stessi diritti al nucleo famigliare convivente di fatto con il de cuius, già cooperante alla conduzione dell attrazione stessa, e fino quando questa rimanga di proprietà e sia gestita dal nucleo stesso. Art. 14 E vietato variare le misure di ingombro delle attrazioni, salvo giustificati motivi tecnici riconosciuti validi dalla Commissione comunale, che dovrà decidere se mantenere o meno l attrazione nella posizione prestabilita, senza danneggiare i vicini. Art. 15 Indipendentemente dalla durata del Parco o della concessione, la Commissione comunale o l Ufficio di Polizia d intesa con la Commissione potrà stabilire le date a partire dalle quali ciascun esercente: a) dovrà obbligatoriamente aver provveduto all installazione dell attrazione con la quale è stato ammesso al Parco, pena la perdita del posto o dell anzianità. b) Sarà obbligato a smontare l attrazione. L eventuale inadempienza sarà tenuta presente nelle 6

7 future assegnazioni. Art. 16 Se per comprovati e giustificati motivi di assoluta forza maggiore ritenuti validi dalla Commissione Comunale, l assegnatario non può gestire direttamente, o tramite congiunti capaci, l attrazione, l anzianità acquisita rimane invariata. Art. 17 La Commissione comunale e i Membri delegati invigileranno sull allestimento materiale delle attrazioni, dei circhi e parchi di divertimento e saranno responsabili dell organizzazione, del buon andamento e della disciplina di essi nonché dell osservanza delle norme di carattere generale e particolare impartite dall Amministrazione comunale, specie per quanto riguarda l uso degli apparecchi sonori, il rispetto dell orario di apertura e chiusura delle attrazioni sia singole che di quelle operanti nel Parco, la sistemazione delle carovane di abitazione e dei carri attrezzi nelle località prescritte, l igienica conservazione e rimozione dei rifiuti, il rispetto delle nome igienico sanitarie, ecc. L inosservanza delle prescrizioni fissate può determinare la revoca della concessione accordata e, nei casi di recidiva e di particolare gravità, l esclusione dalle assegnazioni delle aree in tutto il territorio del Comune. Art. 18 Qualora un attrazione all atto dell installazione non si presenti in condizioni di assoluta decorosità, ovvero la sua conduzione possa costituire elemento di disturbo dell ambiente, ovvero di immoralità, l Assessore alla Polizia, sentita l apposita Commissione comunale, potrà richiedere l immediato allontanamento dell attrazione, senza che il suo titolare abbia diritto a rimborso ed indennizzo alcuno. 7

8 Art. 19 Le tariffe per le occupazioni di suolo pubblico sono quelle vigenti all atto dell assegnazione delle aree e non possono essere aumentate in occasione di fiere, festeggiamenti, mercati e altre manifestazioni. Art. 20 Il presente Regolamento si applica alle imprese di nazionalità italiana, salvo quanto è stabilito dall art. 20 della L. n. 337 del 18 marzo

9 ELENCO DELLE AREE DISPONIBILI N. D ORDINE UBICAZIONE DELL AREA DELIMITAZIONE DELL AREA DIMENSIONE MQ ADIBITA A CIRCHI, GIOSTRE, ecc. NOTE Spazio antistante lo Stadio Comunale con l adiacenza di via Villafranche De Rourgue Stadio Comunale e Via Falcinello circa Per circhi equestri, attività spettacolo viaggiante giostre e parchi di divertimento 9

10 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO INDICE Art pag. 2 Art pag. 2 Art pag. 2 Art pag. 3 Art pag. 3 Art pag. 4 Art pag. 4 Art pag. 4 Art pag. 5 Art pag. 5 Art pag. 5 Art pag. 5 Art pag. 6 Art pag. 6 Art pag. 6 Art pag. 7 Art pag. 7 Art pag. 7 Art pag. 8 Art pag. 8 10

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE approvato con delibera di C.C. n. 54 del 02.07.1998 Art. 1 Norme generali

Dettagli

Comune di Rovereto Provincia di Trento

Comune di Rovereto Provincia di Trento Comune di Rovereto Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L INSTALLAZIONE DI CIRCHI EQUESTRI, DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato

Dettagli

Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT

Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT Comune di San Pietro in Casale Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT Regolamento per la concessione delle aree disponibili per la installazione

Dettagli

COMUNE DI MALETTO. (PROVINCIA REG.LE DI CATANIA) Cod. Fisc. e Partita I.V.A. : 00 445 110877 UFFICIO TECNICO COMUNALE BOZZA

COMUNE DI MALETTO. (PROVINCIA REG.LE DI CATANIA) Cod. Fisc. e Partita I.V.A. : 00 445 110877 UFFICIO TECNICO COMUNALE BOZZA COMUNE DI MALETTO (PROVINCIA REG.LE DI CATANIA) Cod. Fisc. e Partita I.V.A. : 00 445 110877 Tel./ (095)7720618 UFFICIO TECNICO COMUNALE BOZZA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE PUBBLICHE DA DESTINARE

Dettagli

REGOLAMENTO SPETTACOLI VIAGGIANTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 155 del 18/12/2004

REGOLAMENTO SPETTACOLI VIAGGIANTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 155 del 18/12/2004 REGOLAMENTO SPETTACOLI VIAGGIANTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 155 del 18/12/2004 DISPOSIZIONI INIZIALI Art. 1 Il presente regolamento, emanato ai sensi dell art. 9 della Legge

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTRAZIONI DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE

REGOLAMENTO PER LE ATTRAZIONI DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Legge 18 marzo 1968 n. 337 REGOLAMENTO PER LE ATTRAZIONI DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE I N D I C E Art. 1 - Oggetto CAPO I OGGETTO CAPO II ATTRAZIONI E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE. COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE. INDICE SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNE DI PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L'INSTALLAZIONE DEI CIRCHI, DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO (Legge 17/03/1968 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 5.3.2012 N. 45/86570 P.G. COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO REGOLAMENTO

COMUNE DI BRUGHERIO REGOLAMENTO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE COMUNALI ALLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO AI SENSI DELL ART. 9-5 COMMA- DELLA LEGGE

Dettagli

CITTA DI BIELLA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PROVINCIA DI BIELLA

CITTA DI BIELLA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PROVINCIA DI BIELLA CITTA DI BIELLA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DELLE AREE PER VIAGGIANTE E DEI CIRCHI EQUESTRI Approvato con delibera C.C. n. 78 del

Dettagli

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili [Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 141 del 26/11/2009] ART.1 FINALITA 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO

COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE COMUNALI DISPONIBILI PER L'INSTALLAZIONE DI CIRCHI EQUESTRI ED ALTRE ATTRAZIONI DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE - ART- 9 - LEGGE

Dettagli

COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' CIRCENSI

COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' CIRCENSI COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' CIRCENSI E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PUBBLICHE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEGLI SPETTACOLI CIRCENSI

REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PUBBLICHE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEGLI SPETTACOLI CIRCENSI COMUNE DELLA SPEZIA Servizio Economia e Politiche del Lavoro REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PUBBLICHE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEGLI SPETTACOLI CIRCENSI SOMMARIO

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DELL AREA PER LA INSTALLAZIONE DI CIRCHI ED ATTENDAMENTO ANIMALI AL SEGUITO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DELL AREA PER LA INSTALLAZIONE DI CIRCHI ED ATTENDAMENTO ANIMALI AL SEGUITO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DELL AREA PER LA INSTALLAZIONE DI CIRCHI ED ATTENDAMENTO ANIMALI AL SEGUITO Art. 1 : Disposizioni generali Si definiscono ATTIVITA CIRCENSI quelle previste dalla legge 18

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI AREE PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCENSI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI AREE PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCENSI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI AREE PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCENSI Art. 1 - Disposizioni generali Titolo 1 PARCHI TRADIZIONALI 1. Le concessioni di aree comunali per

Dettagli

Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante

Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante TITOLO I Art. 1. Lo Stato riconosce la funzione sociale dei circhi equestri e dello spettacolo viaggiante. Pertanto

Dettagli

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 Approvato con Deliberazione del Consiglio C.le n. 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL TERRITORIO COMUNALE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 66 del 30.11.1999. Comune di Cusano Milanino

Dettagli

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione BANDO COMUNALE PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DELLA FIERA QUARESIMALE E DEL GRILLO DELL ANNO 2014. IL RESPONSABILE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE E SERVIZI Visto il Piano Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI SPETTACOLI VIAGGIANTI

REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI SPETTACOLI VIAGGIANTI ELABORAZIONE: UFFICIO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA UFFICIO POLIZIA MUNICIPALE SOMMARIO: PARTE I REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

Comune di Massarosa (PROV. DI LUCCA) SETTORE D - ATTIVITA PRODUTTIVE

Comune di Massarosa (PROV. DI LUCCA) SETTORE D - ATTIVITA PRODUTTIVE Comune di Massarosa (PROV. DI LUCCA) SETTORE D - ATTIVITA PRODUTTIVE UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE Approvato con Del. C.C n. 99 del 20.12.2012 REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PUBBLICHE PER L ESERCIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DEI CIRCHI E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI

REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DEI CIRCHI E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI REGOLAMENTO SULLE CONCESSIONI DI AREE PER L'ESERCIZIO DEI CIRCHI E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI Art. 1 Disposizioni Generali Le concessioni di aree comunali per l'esercizio dei Circhi equestri e degli Spettacoli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 30.04.2010 pubblicata all Albo Pretorio dal 14.05.2010

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE AI CIRCHI EQUESTRI E AGLI ESERCENTI DI SPETTACOLI VIAGGIANTI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE AI CIRCHI EQUESTRI E AGLI ESERCENTI DI SPETTACOLI VIAGGIANTI COMUNE DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE AI CIRCHI EQUESTRI E AGLI ESERCENTI DI SPETTACOLI VIAGGIANTI

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA. Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AD USO ABITATIVO DI ALLOGGI COMUNALI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA. Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AD USO ABITATIVO DI ALLOGGI COMUNALI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AD USO ABITATIVO DI ALLOGGI COMUNALI Approvato con delibera C.S. n. 110 del 28/4/2004 1 Art.1 Premessa Il presente

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia Area Territorio Ufficio Commercio ed Attività produttive

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia Area Territorio Ufficio Commercio ed Attività produttive COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia Area Territorio Ufficio Commercio ed Attività produttive REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE PER I CIRCHI EQUESTRI E LE ATTIVITA DELLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI AREE COMUNALI PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCHI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI AREE COMUNALI PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCHI COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI AREE COMUNALI PER L ESERCIZIO DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E CIRCHI Approvato con atto di C.C. n. 32 del 25/03/1999

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCHI CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCHI Approvato con

Dettagli

COMUNE DI THIENE. Provincia di Vicenza Assessorato allo Sviluppo Economico e Turismo Piazza Ferrarin, 1 0445 804835

COMUNE DI THIENE. Provincia di Vicenza Assessorato allo Sviluppo Economico e Turismo Piazza Ferrarin, 1 0445 804835 COMUNE DI THIENE Provincia di Vicenza Assessorato allo Sviluppo Economico e Turismo Piazza Ferrarin, 1 0445 804835 Regolamento Comunale per la concessione di aree pubbliche alle attrazioni dello spettacolo

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI Comune di CUSANO MUTRI Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI 1 Art. 1 Il Comune di Cusano Mutri in collaborazione con la Pro Loco Cusanese organizza, annualmente, nel

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI VERONELLA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MIRANO. Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO. Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO, DEI CIRCHI E SIMILARI - Approvato

Dettagli

sottoscrivono il seguente protocollo d intesa per la tutela e lo sviluppo delle attività di spettacolo viaggiante e parchi di divertimento.

sottoscrivono il seguente protocollo d intesa per la tutela e lo sviluppo delle attività di spettacolo viaggiante e parchi di divertimento. L Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, con sede in Roma, Via dei Prefetti 46, nella persona del dott. Leonardo Domenici in qualità di Presidente, di seguito ANCI e La Associazione Nazionale Esercenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto Prov. di Pisa

Comune di Castelfranco di Sotto Prov. di Pisa Comune di Castelfranco di Sotto Prov. di Pisa REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER L INSTALLAZIONE DI CIRCHI E DI ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE Approvato con Deliberazione

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 91-4.3.2013 N. 115738 P.G. OGGETTO: Area Attività Economiche. Settore Marketing urbano, Commercio e Tutela consumatori. Definizione di nuove condizioni di utilizzo

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 03.03.2009 di approvazione del piano esecutivo di gestione 2009;

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 03.03.2009 di approvazione del piano esecutivo di gestione 2009; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - a partire dalla stagione 2007/2008 è attiva in Piazza Europa durante il periodo invernale una pista di pattinaggio sul ghiaccio, che consente la pratica di tale sport

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO COMUNE DI BORGOFRANCO SUL PO PROVINCIA DI MANTOVA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO SVILUPPO SOCIOECONOMICO REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PUBBLICHE PER ATTIVITA CIRCENSI, SPETTACOLI VIAGGIANTI E MANIFESTAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PUBBLICHE PER ATTIVITA CIRCENSI, SPETTACOLI VIAGGIANTI E MANIFESTAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PUBBLICHE PER ATTIVITA CIRCENSI, SPETTACOLI VIAGGIANTI E MANIFESTAZIONI Art.1 Oggetto del Regolamento...2 Art.2 Definizioni...2 Art. 3 - Elenco delle aree

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone Area Segreteria Area Segreteria/Istruzione/Cultura/Sport Tel 0434/68075 Fax 0434/68319 P.zza Cecchini 24 33073 Cordovado C.F. 80005330933 P. IVA 00410680938 www.comune.cordovado.pn.it

Dettagli

ART. 1 ) SCOPO DEL REGOLAMENTO.

ART. 1 ) SCOPO DEL REGOLAMENTO. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI AREE PUBBLICHE PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI EQUESTRI, DELLE ATTIVITA', DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO. ART. 1 ) SCOPO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

Indice. Capo I Disposizioni Generali

Indice. Capo I Disposizioni Generali COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Cap 15053 - Provincia di Alessandria Via Garibaldi 43 15053 Castelnuovo Scrivia (AL) 0131 856138 0131 826375 comune@castelnuovoscrivia.info POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DELLE AREE COMUNALI PER L INSTALLAZIONE DELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEI CIRCHI EQUESTRI. (Delib. C.C. n 48/1992)

Dettagli

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO CULTURALE COMUNALE sito in Via PONTE CAPO (Palazzo Ex Scuola Media) Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como)

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO A TITOLO ONEROSO. Testo approvato dal Commissario Prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO MERCATO PIAZZALE FORO BOARIO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercato del Foro Boario

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNALI PER L INSTALLAZIONE DI ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE CAPITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente

Dettagli

CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA

CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA I N D I C E Art. 1 - Oggetto del bando Art. 2 - Soggetti ammessi Art.

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA

REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina lo svolgimento della fiera mercato dell usato a carattere locale di cui all art. 4, comma 3 della L.R. 7/2003

Dettagli

AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI PALERMO

AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI PALERMO AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI PALERMO INDIZIONE GARA MEDIANTE TRATTATIVA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DI RESPONSABILITA CIVILE TERZI E PRESTATORI D OPERA. Premessa e Motivazione

Dettagli

CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI

CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 in data 11/6/2001 Art. 1 1 - Il presente regolamento disciplina la custodia

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 60 del 17/05/2000 REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo=

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo= Comune di Legnaro Provincia di Padova --==ooooo= ==ooooo==-- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO Approvato con delibera di CC n. 10 del 27/04/2012 Art. 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE S O M M A R I O Art. 1 - Disciplina del servizio Art. 2 - Determinazione del numero degli autoveicoli da adibire al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI

REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como Via Valle Intelvi, 7 C.A.P. 22010 - c.f. 80010240135 - p. I.V.A. 00695450130 - tel. 031 821120 - fax 031-821977 REGOLAMENTO COMUNALE ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.).

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Città di Sondrio REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 75 del 31.10.2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI Adottato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI CANDA REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento ha lo

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA CIRCENSI, DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA CIRCENSI, DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO PROVINCIA DI MILANO DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA CIRCENSI, DI SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO Legge 18 marzo 1968 n. 337 Redatto da: Dr. Gualtiero Tonella Collaborazione

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI Approvato con deliberazione C.C. n. 171 del 10.11.2008, esecutiva

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

C O M U NE D I P E D A R A

C O M U NE D I P E D A R A C O M U NE D I P E D A R A PROVINCIA DI CATANIA N. di Repertorio C.F. 81002570877 SCHEMA DI CONTRATTO DI CESSIONE DI MQ. 30 DI SUOLO CIMITERIALE AL SIG. PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CAPPELLA MONUMENTALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.pag 3 Art. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI.. pag. 3 Art. 3 UTILIZZO DEGLI

Dettagli

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Allegato alla Delib.G.R. n. 15/15 del 19.4.2007 Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Art. 1 Definizioni Con il presente provvedimento vengono definite le direttive ed i criteri di attuazione

Dettagli

PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI

PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI Comune di Oppeano Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERA C.C. N. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO ALL APERTO

ALLEGATO A ALLA DELIBERA C.C. N. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO ALL APERTO ALLEGATO A ALLA DELIBERA C.C. N. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO ALL APERTO INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010;

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010; COMUNE DI PREDORE - P R O V I N C I A D I B E R G A M O - BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI UNA CAPPELLA GENTILIZIA PRESSO IL CIMITERO DI PREDORE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI VISTO il

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli