Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 GRUPPO TRIVENETO TORREFATTORI CAFFÈ GIUGNO anni tra passato e futuro

2 2 giugno 2014

3 giugno Editoriale 3 60 anni tra passato e futuro Speciale 4 Sessantesimo anniversaro: un occasione per pensare al futuro Speciale Sponsor 6 Un salto nel passato e uno nel futuro del nostro settore Le Aziende informano 11 Newsletter Vollers Un gruppo che innova Speciale Evento 12 Le foto del 25 maggio Costume e cultura 14 Macchine per il caffè espresso, bar, barista 16 Il tavolino da caffè Tra Innovazione e Tradizione 17 Tazzina col minor impatto energetico? C è chi punta tutto sul barista! Mercato Internazionale 18 La favola dei 60milioni di sacchi brasiliani Paesi Produttori 19 Il mio primo container di caffè guatemalteco e l onorificenza La Flor del Café Associazione Caffè Trieste 20 Dal 23 al 25 ottobre TriestEspresso nella nuova sede Caffè e Salute 21 Cinque buoni motivi per cui il caffè non viene buono Fiere ed Eventi 22 London Coffee Fest o Caffè Culture Vita associativa 23 Quota associativa 2014 Social Media 24 Social caring L Angolo del Consulente 25 Cessione contratto di leasing Scadenzario Fiscale 26 Mese di giugno 2014 C eravate anche voi il 25 maggio? Che abbiate potuto esserci o no ai festeggiamenti del Gruppo, questo numero speciale del Notiziario vi porterà nuovamente per un po lungo la Riviera del Brenta e nell elegante salone di Villa Foscarini Rossi. A partire dalla copertina, un invito a entrare nella sala affrescata dove si è tenuto il pranzo, ma soprattutto dai propositi e dalle proposte che sono stati discussi in quell occasione. Il presidente GTTC Giorgio Caballini ha ribadito chiaramente il proprio impegno a perseguire la via del riconoscimento dell espresso come patrimonio dell Unesco quale mezzo per dare nuova compattezza, affidabilità e visibilità al settore dell espresso italiano di qualità. Un sigillo, è stato affermato da uno degli esperti Unesco presenti alla festa, il cui valore secondo la Bocconi corrisponde a una campagna di comunicazione di 2milioni di euro. Eravamo in tanti a Stra il 25 maggio, forse vi ritroverete nelle due facciate fotografiche più in là nel Notiziario. E se questa piacevole giornata è stata possibile si deve molto alle imprese che hanno deciso di sponsorizzarla: ARC, Blaser Trading, CMA Astoria, DemusLab, Gabesco, Gammabar, IPA, Mazzer, NGK Bero, Nuova Simonelli, Pacorini, Romani, Walter Matter. Editore: GRUPPO TRIVENETO TORREFATTORI DI CAFFÈ Aut. Trib. Trieste n. 772 del 24/01/1990 Amministrazione: CONSORZIO TORREFATTORI TRE VENEZIE TRIESTE - Via G. Ananian, 2 Tel Fax Direttore responsabile: Susanna de Mottoni e.mail: me.com Grafica e fotocomposizione: Giuliana Naso Baiez - Trieste Stampa: ART GROUP S.r.l. - Via Malaspina, 1 - Trieste Tel Attraverso il loro contributo abbiamo potuto compiere anche un piccolo viaggio nel tempo, il cui filo rosso è stato il numero 60, ovvero i 60 anni del Gruppo Triveneto. Abbiamo chiesto loro quali sono i cambiamenti più importanti avvenuti in questi sessant anni nei rispettivi settori. Ed è davvero interessante rendersi conto come spedizionieri, trader, produttori di macchine e porcellane, insomma le tante specializzazioni della filiera, abbiano messo in luce quanta acqua sia passata sotto i ponti da quel 1954 a oggi. Non ci siamo limitati a volgerci al passato, abbiamo allungato lo sguardo anche al futuro chiedendo quale rotta dovrebbe essere data al comparto. Sono emersi così tanti spunti, nodi da risolvere, fronti su cui lavorare o su cui portare l attenzione delle autorità. Il viaggio nella storia del caffè prosegue anche in altre pagine del Notiziario di giugno: c è l intervista ad Enrico Maltoni, la testimonianza dell ingegner Garcia sull avvio dei traffici di caffè guatemalteco a Trieste, il quadro del mercato internazionale che racconta anche la favola dei 60milioni di sacchi brasiliani. Qual è? Basta iniziare a sfogliare... Il Direttore responsabile Hanno collaborato a questo numero: Mattia Assandri, Antonio e Diego Franciosa, Alberto Gattegno, Giovanna Gelmi, Bernardino de Hassek, Maria Cristina Latini, Giacomo Mallano, Óscar René García Murga, Massimo Petronio, Lorenzo Polojac, Antonio Schiavon Fotografie: Archivio GT TC Pubblicità: In proprio CHIUSO in tipografia il 29 maggio 2014 Il Notiziario Torrefattori non è responsabile dei contenuti degli annunci e degli spazi pubblicitari, della loro mancata pubblicazione o di loro inesattezze. Inoltre, la dirigenza, non si assume la responsabilità per gli articoli firmati. È vietata la riproduzione e l utilizzazione di quanto qui pubblicato, salvo espressa autorizzazione scritta rilasciata dall Editore. Informativa sulla legge che tutela la Privacy In conformità alla legge 675/96 provvederemo ad inserire nell archivio informatico della Redazione i dati personali forniti, garantendone la massima riservatezza e utilizzandoli unicamente per l invio del periodico. Ai sensi dell art. 13 della legge 675/96, i dati potranno essere cancellati dietro semplice richiesta da inviare alla Redazione.

4 4 giugno 2014 Espresso patrimonio dell Unesco Sessantesimo anniversario: un occasione per pensare al futuro Gli interventi del presidente Caballini e degli esperti Unesco di Susanna de Mottoni Grande partecipazione per i festeggiamenti di questo sessantesimo anniversario. Una splendida giornata di sole ha reso ancora più piacevole la gita lungo la riviera del Brenta conclusasi con il pranzo nell altrettanto splendida Villa Foscarini Rossi. Insomma, una giornata all altezza dell importanza del traguardo raggiunto, ricordato in sintesi dal presidente del Gruppo Triveneto Torrefattori Caffè, conte Giorgio Caballini di Sassoferrato: Il 15 febbraio 1954 nasceva il GTTC. A Padova, quel giorno si svolse un assemblea costituente che approvò il primo statuto e stabilì di istituire la sede a Venezia. Ripercorse le tappe fondamentali, in primis citando coloro che hanno tenuto le redini del gruppo da Raffaele Lionello, ad Armando Giordani, Bruno Vidal, Vincenzo Caballini e Sergio Goppion, l attenzione dell attuale presidente è stata rivolta immediatamente a un obiettivo futuro, un risultato da cercare di ottenere assieme per dare nuova forza al settore. Si è parlato infatti dell intenzione di iscrivere l espresso tra i beni tutelati dall Unesco. Oggi, oltre ai festeggiamenti per il nostro sessantenale, ho voluto dare maggiore visibilità all argomento già preannuciatovi in occasione dell assemblea annuale: ci impegneremo, mi impegnerò, con tutte le forze affinché il caffè espresso italiano tradizionale possa diventare ed essere riconosciuto come Patrimonio immateriale dell Unesco ha spiegato il presidente Caballini. Un impegno che potrà contare anche sull interesse dell Associazione Caffè Trieste, manifestato dal presidente Massimiliano Fabian, e sulla collaborazione dell Associazione Italiana Torrefattori: L espresso italiano sta gridando vendetta. Non è possibile che qualsiasi tipo di percolazione si arroghi il diritto di chiamarsi espresso - ha esordito Antonio Quarta, presidente AIT -. Da sempre lavoro per l espresso di qualità e per me l espresso è quel caffè prodotto con circa 8gr di caffè macinato all istante, pressato a 9 atmosfere, con un tempo di percolazione di circa 25 secondi... Questo può chiamarsi espresso! Bisogna far chiarezza, far riconoscere questo metodo di preparazione, riscoprire le nostre origini ed essere determinati a percorrere questa via. È il momento giusto. Il riconoscimento dell espresso patrimonio dell Unesco dovrebbe diventare il punto di partenza per un azione di promozione di questo bene a tutto campo. Non a caso Giorgio Caballini ha anche segnalato come prossimo step la formazione di un consorzio ad esso preposto. La sua data di nascita, è stato proposto, sarà il 22 luglio. Le tappe sono serrate perché non si vuole farsi sfuggir di mano l importante obiettivo. Uno studio dell Università Bocconi ha evidenziato, infatti, che il valore del sigillo dell Unesco corrisponde a una campagna di comunicazione annuale di ben 2 milioni di euro. A chiarirlo, Pietro Laureano, architetto, esperto dell Unesco che, tra l altro, ha già fatto ottenere il riconoscimento ai Sassi di Matera : Quando quarant anni fa l Unesco iniziò a stilare questa lista non erano prevedibili le ricadute che essa avrebbe avuto nel tempo.

5 giugno Stiamo parlando di una tutela di beni dal valore culturale che però viene usata anche per rafforzare il sistema economico. Nel nostro caso, c è moltissimo da fare per collegare la nostra identità d italiani all espresso e il fatto che questa proposta nasca in seno a un gruppo è un bene: l associazionismo, la volontà di difendere assieme un marchio, è un fattore di successo. Concetti ribaditi anche da Luca Fabbri, il cui intervento in passato è stato determinante per far conseguire il riconoscimento a prodotti quali il lardo di Colonnata, la bottarga di Cabras o il caffè De Los Altos in Messico: È un occasione per far emergere l espresso, il caffè, nella sua migliore accezione. Non è sufficiente però condividere un idea e ottenere il sigillo. Questi saranno solo i primi passi di un lavoro di promozione da fare assieme in seno a un consorzio. La discussione sulla sua fondazione è già stata calendarizzata per il consiglio direttivo del 9 giugno: come dire, non perdiamo tempo per tuffarci nel futuro del Gruppo.

6 Viaggio nel tempo Un salto nel passato La parola alle aziende che hanno sponsorizzato a cura di Mattia Assandri, Francesca Marchi, Susanna de Mottoni È davvero un mosaico interssante quello che si è composto dando voce alle aziende che hanno scelto di sostenere i festeggiamenti del nostro sessantesimo anniversario. Questa cifra, 60, è diventata un pretesto per un viaggio nel tempo, per far emergere i momenti che hanno segnato il nostro comparto. Si prende così ancor più chiara consapevolezza che il mondo di quel 15 febbraio MAZZER Perfezione e affidabilità Intervista a Luca Maccatrozzo, Export&Key Account manager La Mazzer nasce negli anni 50 come officina meccanica di precisione e in pochi anni diventa un azienda leader nella costruzione di macinadosatori e macinacaffe professionali. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? L avvento delle macchine a controllo numerico con tecnologia avanzata ha permesso, per chi ha saputo investire, un salto di qualità nelle lavorazioni meccaniche di precisione che nel nostro caso vengono effettuate tutte nel nostro stabilimento di Gardigiano di Scorzè (Ve). In effetti, oggi come 70 anni fa, la nostra missione è ancora quella di produrre macinadosatori professionali il più perfetti, affidabili e validi possibile, riducendo al minimo le cause di scarti, migliorandoli continuamente dal punto di vista normativo, dell affidabilità e delle prestazioni, allungandone il ciclo di vita in modo tale che soddisfino le richieste del mercato. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro, verso che direzione vorrebbe che si andasse? Vorremmo che nel nostro settore ci fosse maggior attenzione alla qualità e alle normative sulla sicurezza. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? La seconda guerra mondiale era appena terminata e il Paese doveva ripartire da zero. Il momento più importante è stato quando la nostra azienda decise che le conoscenze meccaniche potevano essere messe a frutto per produrre i nostri primi macinacaffè e macinadosatori professionali che oggi esportiamo in oltre 60 nazioni. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Alla velocità con cui stanno cambiando società, abitudini, stili di vita non è facile immaginare come sarà la nostra azienda tra 60 anni, ma sono più che certo che sarà ancora un azienda di eccellenza. CMA Astoria Coniugare facilità d uso con qualità e tradizione Intervista a Roberto Mazzochel, area manager del Nord Italia e Stefano Stecca, Commercial Director Storico marchio delle macchine per caffè espresso rappresenta in tutto il mondo l eccellenza qualitativa della tradizione italiana. Nel vostro settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? 60 anni sono un periodo molto lungo durante il quale la tecnologia si è continuamente evoluta passando dalle più tradizionali macchine con gruppo a leva a quelle a erogazione volumetrica con controllo meccanico per sfociare finalmente poi nelle macchine a controllo elettronico. Un ulteriore importante scatto evolutivo si è avuto con l introduzione della tecnologia multi-boiler di cui il modello Astoria Plus4You è un capostipite e riferimento per il mercato: stabilità termica, programma energy saving, ma soprattutto settaggio preciso e dedicato della temperatura di ciascun gruppo e ciascuna caldaia di erogazione del caffè con la possibilità di dedicare ciascun gruppo della macchina a una diversa miscela. Quali cambiamenti vorreste vedere nel vostro settore in futuro, verso che direzione vorreste si andasse? Noi crediamo nella possibilità di coniugare la qualità e la tradizione dell espresso italiano e quindi anche la tradizionemanualità delle macchine da caffè con una maggiore facilità di utilizzo delle stesse; la grande sfida con la quale ci stiamo cimentando è farlo senza rinunciare neanche minimamente alla qualità in tazza

7 giugno e uno nel futuro del nostro settore i festeggiamenti del sessantesimo anniversario GTTC 1954 è davvero tanto lontano da quello di oggi. Gli spedizionieri ricordano come il caffè allora arrivasse in sacchi su chiatte, non container in bulk come in genere capita oggi. Dalle più tradizionali macchine con gruppo a leva si è giunti a quelle a controllo elettronico. Per non parlare degli equilibri finanziari, scossi e diventati estremamente volatili. Il nostro viaggio nel tempo non ha guardato solo al passato: ha aperto una prospettiva sul futuro, con tante idee sui cambiamenti non più prorogabili e sulla direzione da prendere assieme. Ci auguriamo per almeno altri 60 anni assieme al Gruppo Triveneto Torrefattori Caffè. GAMMABAR Il settore garantisca professionalità e competenza all utente finale Intervista al titolare Andrea Cussigh Gammabar, costituita a Udine nel 1999, è concessionario della società FAEMA azienda leader nella produzione delle macchine per caffè espresso professionali e macinadosatori. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? I primi anni 60 hanno visto il passaggio dalla macchina per caffè a leva alla macchina per caffè espresso con pompa volumetrica. Negli anni 80 ha inizio l era dell applicazione dell elettronica nelle macchine per caffè espresso. Arrivano gli anni 90 e debuttano le macchine per caffè espresso superautomatiche con il macinadosatore incorporato. Ora la tecnologia è molto presente per agevolare l operatore finale, ad esempio esiste la lancia vapore in grado di montare elevate quantità di latte senza intervento manuale. Inoltre le macchine di nuova generazione presentano un elettronica avanzata in termini di prestazioni e funzionalità avendo un notevole risparmio energetico. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Mi piacerebbe che nel nostro settore nel prossimo futuro si puntasse alla del vero espresso italiano. Ulteriori campi di ricerca che ci vedono sempre molto attivi e all avanguardia sono quelli del risparmio energetico e dell eliminazione delle residue emissioni di metalli pesanti sulle macchine. Qual è stato il momento più importante nel passato della vostra azienda? Due sono stati i momenti fondamentali: il primo, dal punto di vista organizzativostrategico, è il passaggio nel 2007 al nuovo stabilimento, probabilmente il più grande e moderno stabilimento del nostro settore in Italia, studiato e realizzato con ottiche di razionalizzazione produttiva e di lean production che ci consente di essere perfettamente attrezzati per rispondere alle crescenti richieste del mercato. specializzazione degli operatori/tecnici con società certificate sia per quanto riguarda la vendita che l assistenza tecnica al fine di garantire professionalità e competenza agli utenti finali. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? La nostra azienda nel 2006 ha acquistato la nuova sede costruita secondo le nostre esigenze per dare sicurezza allo staff e quindi dare un servizio ottimo ed efficiente sia in laboratorio interno che in sicurezza esterna. Questo ha contribuito al raggiungimento, nel 2013, da parte di TUV ITALIA della certificazione ISO Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Nonostante la crisi che ha colpito anche il nostro settore, io sono ottimista e vedo la continuazione della mia azienda sempre in crescita con la continuità di mio figlio Ivan già pienamente inserito con ruoli di responsabilità. Credo nella possibilità di continuare ad essere per il torrefattore, nostro più importante cliente, un anello fondamentale di congiunzione tra i costruttori di macchine caffè e l utente finale. Il secondo, dal punto di vista dell innovazione tecnologica, è stato sicuramente l introduzione della tecnologia multiboiler che costituisce una nuova pietra miliare nell evoluzione della macchina da caffè. Come vi immaginate la vostra azienda tra 60 anni? Siamo convinti e fiduciosi di avere all interno della nostra azienda tutte le risorse, le capacità, la determinazione e l entusiasmo per consolidarci, ingrandirci e affermarci sempre più come leader tecnologici e in termini di mercato. Siamo sicuri anche che l azienda continuerà a distinguersi sempre di più per correttezza, etica, rispetto e sostenibilità ambientale. Nuova SIMONELLI Sogni fatti di metallo Intervista a Cosimo Libardo, Sales & Marketing director Nuova Simonelli dal 1936 produce macchine per caffè espresso. Gli investimenti nella ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni hanno portato nel tempo importanti riconoscimenti: World Barista Championship, Compasso d Oro per il design innovativo, la prima macchina ergonomica e innovative applicazioni. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? A mio avviso sono tre gli eventi principali che hanno influenzato il nostro settore portando alla creazione di nuovi paradigmi di riferimento nel mondo del caffè: 1) La creazione dell E61 della Faema ha proposto un nuovo standard di riferimento creando i presupposti per la diffusione dell erogazione continua. 2) L avvento di Starbucks ha rappresentato una rottura con la tradizione Italiana dell espresso creando nuovi modelli di consumo. 3) La formazione di un segmento trasversale, presente a livello mondiale, associato allo specialty che si è aggregato attorno alle competizioni come il WBC. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Produzione di macchinari più precisi e sostenibili sotto il profilo del carbon footprint e dell efficienza energetica. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? Quando abbiamo impostato e strutturato a livello sistemico il processo interno di ricerca applicata che oggi rappresenta il motore principale della nostra competitività. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Una fabbrica che produce sogni fatti di metallo. L ultima creazione Victoria Arduino, la VA388 Black Eagle

8 8 giugno 2014 Gruppo PACORINI Più investimenti e sinergie tra porti Intervista a Riccardo Marchesi, Managing director Fondato nel 1933 a Trieste, oggi il Gruppo Pacorini è una multinazionale composta da società ed agenti presenti in Europa, Sud e Nord America, Medio ed Estremo Oriente. Esperienza, affidabilità e innovazione hanno permesso al Gruppo Pacorini di raggiungere una posizione consolidata e riconosciuta a livello mondiale nelle attività di freight forwarding e nel trasporto, logistica e lavorazione industriale del caffè verde. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? La supply chain del caffè verde è stata rivoluzionata dall avvento dei contenitori che, come per le altre merceologie, hanno abbattuto sia i tempi che i costi di trasporto. L introduzione dello stoccaggio dei sacchi da 60 chili su pallette e l utilizzo dei big bags ha modificato ulteriormente le modalità di deposito e movimentazione del caffè verde sia nei paesi d origine che nei paesi consumatori. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Vorrei vedere anche in Italia una semplificazione e informatizzazione delle Dogane e della Sanità Marittima, così come è già avvenuto nei porti del nord Europa. Serve un rapporto di collaborazione diverso tra le autorità portuali e gli operatori logistici a supporto del rilancio dei traffici nei porti italiani. Vorrei inoltre investimenti per modernizzare la rete ferroviaria per spostare il traffico merci dalle autostrade alla ferrovia riducendo i costi sia in termini economici che di impatto ambientale. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? La decisione di espandere il business investendo anche fuori dall Italia, in modo da creare un network a livello mondiale di aziende specializzate nella logistica e lavorazione del caffè verde. Pacorini è presente nei maggiori paesi consumatori di caffè ma anche nei due maggiori paesi produttori, Brasile e Vietnam. La Pacorini negli ultimi trent anni anni ha investito moltissimo in infrastrutture dedicate alla movimentazione, stoccaggio e lavorazione del caffè verde raggiungendo così una posizione di leadership mondiale. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Immagino un azienda ancora più internazionalizzata, leader nei settori in cui opera, a conduzione manageriale, con un altissimo grado di informatizzazione e specializzazione nei servizi offerti. IPA Porcellane Torniamo a parlare di qualità, non di prezzi Intervista a Paolo Storelli, responsabile grafica e progettazione 3D Operante da oltre 50 anni Industria Porcellane Spa (Ipa), guidata dai quattro fratelli Sala, Riccardo, Roberto, Laura e Daniela, produce tazze da caffè in porcellana dura feldspatica con tecnologie che non temono confronti. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Il mondo della porcellana rivolta al mercato professionale dell industria della torrefazione è sicuramente cambiato. Il boom economico del secolo scorso ha fatto in modo che nascessero numerose attività commerciali come bar, ristoranti e alberghi che necessitavano di attrezzature e materiali per soddisfare la crescente richiesta della clientela. In principio ci si accontentava di prodotti semplici, ma man mano il tempo passava, designer, architetti e artisti si interessarono al prodotto tazzina, così il design e le forme hanno subito costanti cambiamenti fino ad arrivare, grazie alla tecnologia, a forme estreme. Purtroppo la globalizzazione e l importazione senza scrupoli di prodotti copiati a prezzi fuori mercato hanno portato alla chiusura di aziende storiche europee di porcellana, ma grazie alle continue pressioni delle associazioni di settore, nel 2013 è stato introdotto un dazio antidumping nei confronti delle importazioni di porcellana da tavola dalla Repubblica Popolare Cinese e questo ha consentito di contrastare, con la qualità e le idee Made in Italy, la concorrenza sleale. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Ci piacerebbe che si uscisse da questa fase di stagnazione dell economia e soprattutto che nel nostro settore si tornasse a parlare di qualità e non di prezzi, di nuovi mercati da aggredire con il Made in Italy, di cui siamo orgogliosi e grazie al quale veniamo apprezzati nel mondo. Quale è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? Ce ne sono stati molti, come la sostituzione dei forni a tunnel con quelli a camera statica che raggiungono temperature di oltre 1400 in atmosfera riducente, oppure i continui miglioramenti al metodo di applicazione dei decori che vestono la tazzina, in cui siamo leader del settore, o lo sviluppo della postazione di prototipazione rapida da dove nascono nuovi modelli. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Automatizzeremo quanto ci rimane da automatizzare e impiegheremo i nostri sforzi per puntare a una qualità totale, che solo persone preparate e con un bagaglio di esperienza nel settore possono intraprendere. Infatti non ci si improvvisa produttori di porcellana, ma si deve tenere conto della storia che giorno dopo giorno ci spinge a guardare al futuro con entusiasmo e tenacia, pronti ad affrontare le continue sfide del mercato. DEMUS-LAB Continuamo ad alfabetizzare il consumatore Intervista a Massimiliano Fabian, amministratore delegato Marchio storico della decaffeinizzazione, da alcuni anni ha un laboratorio di analisi accreditate, consulenza e formazione, ricerca e sviluppo presso AREA Science Park Nel vostro settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Abbiamo lavorato per e riscontrato un costante miglioramento dei sistemi produttivi di decaffeinizzazione e del risultato finale in tazza, a cui ha contribuito anche l avvento del porzionato in cialde e capsule. Per la parte relativa alle analisi (sanitarie e di qualità), anche in questo caso negli anni si è vista maggiore attenzione e un crescente interesse legato alla tracciabilità. Quali cambiamenti vorreste vedere nel vostro settore in futuro, verso che direzione vorreste si andasse? Per il caffè decaffeinato ci auguriamo che il torrefattore continui nell alfabetizzazione del consumatore: un buon decaffeinato è un occasione in

9 ROMANI&C. Dai sacchi sulle chiatte ai container in bulk Intervista a Enrico Antonj, responsabile Commerciale filiale di Trieste La Romani & C. Spa, il cui fondatore Carlo Romani iniziò l attività negli Anni Trenta del secolo scorso, è nata a Genova come tradizionale casa di spedizioni specializzata nei cosiddetti generi coloniali, ai quali si è tenuta fedele nel corso degli anni. Nel tempo si è trasformata in un operatore logistico a tutto campo. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Nel nostro settore il cambiamento più rilevante è stato sicuramente rappresentato dalla necessità di modificare la forma di movimentazione delle merci. In passato il caffè arrivava in sacchi sulle chiatte, poi siamo passati ai container e negli ultimi dieci anni il sistema più utilizzato è stato quello dei container in bulk. In linea di massima però ciò che è rilevante è che dalla nostra presa in carico della merce alle sua consegna finale la nostra azienda esegue numerose trasformazioni della sua forma di trasporto, quindi per contenere i costi di manodopera abbiamo puntato sempre di più all automatizzazione. Quali cambiamenti vorrebbe vedere, in futuro, nel vostro settore? Vorrei vedere la diversificazione del mercato rispetto agli standard attuali. Il nostro settore è molto legato ai fondi di investimento e ai vari sistemi di supporto finanziario che al momento sono preponderanti e lasciano una mancanza di percettività e di possibilità di pianificazione al nostro tipo di lavoro. Spero che in futuro anche il mercato del caffè italiano si adatti a finanziamenti più standardizzati, meno eclettici e variabili. In passato qual è stato il momento più importante della sua azienda? Siamo una società presente sia sul mar Ligure, sia nell Adriatico a Trieste e Capodistria. L azione più importante degli ultimi anni è stata sicuramente l investimento per la creazione di 14mila metri quadri di magazzini nel retroporto di Genova che ha spostato l operatività diretta dal porto di Genova a Serravalle Scrivia. Le ricadute ci sono già state e sono state positive per cui continueremo a puntare su investimenti diretti in strutture di proprietà. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? La vedo più internazionale e capace di rivolgersi non solo al mercato italiano o a quello balcanico, per cui collegata in maniera diretta o indiretta a partner internazionali. Inoltre spero che l azienda non sarà più legata a un unico tipo di merce ma diversifichi la propria attività puntando anche su altre commodity, come, grano plastica, zucchero. più da gustare, anche alla sera. Dal punto di vista del laboratorio di analisi, ci auspichiamo che tutta la filiera si battano per aumentare gli standard qualitativi del prodotto finale attraverso gli opportuni controlli. Qual è stato il momento più importante nel passato della vostra azienda? Tutte le tappe della nostra azienda, nata nel 1962, diventata interamente della mia famiglia nel 1981 e poi dalle mani di mio nonno alle mie nel 1991, sono state importanti: passaggi che hanno segnato momenti decisivi a livello aziendale, così come la decisione di avviare un laboratorio, insediato dal 2005 presso AREA Science Park. Come vi immaginate la vostra azienda tra 60 anni? Orientata al miglioramento degli standard produttivi e all innovazione. Iniziando dal futuro più prossimo: entro quest anno avvieremo una linea di decaffeinizzazione ad acqua e carboni attivi.

10 10 giugno 2014 BLASER TRADING Volatilità dei mercati: ci vogliono nuove normative Intervista a Sergio Prete, Managing director Aziende Riunite Caffè Crudisti da più di 150 anni, nel segno del commercio e dell attenzione per il caffè Intervista a Giorgio Grasso, responsabile Commerciale Nel vostro settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Ne abbiamo viste di tutti i colori, direi però che l innovazione epocale, dopo l invenzione dell espresso, è certamente quella della cialda/capsula, che ha modificato, sta modificando e modificherà ulteriormente, sia il consumo che la commercializzazione del caffè, in Italia e all estero. Quali cambiamenti vorreste vedere nel vostro settore in futuro, verso che direzione vorreste si andasse? È difficile intuire nuovi scenari, probabilmente saranno legati all evoluzione del mercato e delle abitudini delle persone. L importante è essere sempre aperti e disponibili al cambiamento. Qual è stato il momento più importante nel passato della vostra azienda? Lo sviluppo del mercato borsistico, l avvento del telematico e la presenza sempre più massiccia della componente speculativa nel mercato caffeicolo, hanno modificato sostanzialmente l operatività delle aziende come la nostra. Non si può individuare certo un momento preciso per inquadrare questo cambiamento, ma certamente questa evoluzione avvenuta nel nostro, più o meno, recente passato ha pesantemente influenzato la nostra vita operativa. Come vi immaginate la vostra azienda tra 60 anni? È difficile guardare così avanti, 60 anni sono davvero troppi per ipotizzare uno scenario realistico. Diciamo piuttosto che ci auguriamo di andare verso un mercato più equilibrato, in grado di lasciare spazi e margini a tutti gli operatori della filiera. Auguri per il Vostro 60 anniversario da parte di tutto il Team della Blaser! Da generazione in generazione la Blaser Trading di Berna sviluppa la propria specializzazione nel trading di caffè crudo. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? In quanto società di trading, dobbiamo essere sempre pronti a reagire e ad adeguarci ai cambiamenti che il mercato ci impone, ma sono stati soprattutto gli ultimi 20 anni che hanno portato a cambiamenti repentini nel nostro modo di lavorare. Sicuramente il progresso tecnologico, il marketing e la comunicazione, le certificazioni (Rain Forest Alliance, Utz Certified, Caffè Speciali Certificati, Bird Friendly Coffee, Fair Trade, Caffé Organici ecc), hanno cambiato il mondo del caffè creando nuove opportunità per tutta la filiera. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Riferendoci al trading del caffè crudo, gradiremmo avere delle normative capaci di limitare (non di eliminare) l intervento dei grandi fondi di investimento nel mercato delle derrate alimentari. La volatilità estrema del mercato che abbiamo vissuto negli ultimi 3-4 anni potrebbe in alcuni casi mettere a rischio il lavoro e l esistenza di tutti coloro che lavorano nel settore (dalla produzione alla torrefazione) e per questo motivo riteniamo che delle regole chiare potrebbero aiutare a calmierare il mercato. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? Sicuramente la decisione di internazionalizzare il nostro raggio d azione, una quarantina di anni fa, passando da entità puramente regionale a società di commercio attiva dapprima nei paesi limitrofi alla Svizzera, e poi allargando pian piano il raggio d azione in tutta l Europa fino ad arrivare oggi a fornire caffè crudo in Africa, Nord America ed in Estremo Oriente. Una politica di espansione portata avanti nel rispetto della filosofia aziendale che predilige la qualità del prodotto ai volumi negoziati. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Guardando la storia dell azienda dagli inizi, 92 anni fa, ritengo che tra 60 anni sarà ancora gestita dalla settima o ottava generazione della famiglia Blaser, nel rispetto di quelle stesse politiche aziendali che ci hanno portato ad assicurarci alla data odierna, l amicizia dei nostri clienti e fornitori grazie al nostro lavoro, ai prodotti, alla nostra serietà, flessibilità e umanità. Con la nostra consueta politica dei piccoli passi a garanzia della nostra esistenza e del rispetto dei nostri clienti.

11 giugno 2014 GABESCO Sciogliere i nodi che pesano sul sistema-italia Intervista al titolare Daniel Gabbay Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Nel trading determinante è stato certamente l intervento delle borse, il passaggio da tempi limitati a tempi più lunghi, l inserimento dei fondi di investimento e in generale il muoversi verso un modo di lavorare molto più volatile. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel suo settore in futuro, verso che direzione vorrebbe si andasse? Attualmente ci sono alcuni grossi punti interrogativi che pesano non solo sul nostro settore ma su tutto il sistema-italia. Penso per esempio alla fiscalità italiana, molto più pesante rispetto a quella dei nostri vicini, che rende la nostra attività, il trading, una sfida estremamente complessa. NKG Bero Italia SpA Blindiamo l espresso italiano Intervista a Fabio Frontani, amministratore delegato NKG Bero Italia SpA è la filiale italiana di NKG, gruppo tedesco che gode della posizione consolidata di primo operatore al mondo nel mercato del caffè verde. Nel suo settore quali sono stati i fatti salienti negli ultimi 60 anni? Nel settore del caffè verde i fatti salienti nel corso degli ultimi 60 anni sono stati parecchi: grandi cambiamenti a livello di paesi produttori (su tutti il Vietnam che in pochi anni ha conquistato la posizione di secondo produttore mondiale dopo il Brasile); la gelata brasiliana del 1975 che ha causato lo spostamento delle piantagioni dal Paranà alle zone più settentrionali del Sul de Minas, della Mogiana e del Cerrado; un drastico accorciamento della filiera con la conseguente scomparsa di tantissimi operatori. Ma il fatto saliente sicuramente più importante è che il caffè, nel corso degli ultimi 60 anni, è diventato un prodotto che ormai fa parte a pieno titolo della più profonda tradizione italiana con l espresso che sta letteralmente trainando l aumento del consumo di caffè in tutto il mondo. Quali cambiamenti vorrebbe vedere nel vostro settore in futuro? Mi auguro vivamente che nel prossimo futuro l industria italiana del caffè riesca finalmente a fare sistema e sia Semplificare e fare chiarezza, sciogliere un nodo come questo, è certamente un cambiamento che mi auguro avvenga nel prossimo futuro. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? Non punterei l attenzione su specifici passaggi nella storia della nostra azienda: ciò che la contraddistingue è l essere in continua evoluzione. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? È difficile fare un pronostico. Il nostro futuro dipende da quello del mercato italiano, dalle risposte e dall innovazione che si sarà in grado di dare al sistema- Italia. Per il settore del caffè sarà anche fondamentale vedere l evoluzione di alcune tendenze: penso, per esempio, alla frammentazione del mercato italiano e alla sempre maggiore concentrazione in atto su quelli internazionali. finalmente in grado di fare quello che si sarebbe già dovuto fare molto tempo fa: creare le condizioni per blindare l espresso in quanto prodotto profondamente italiano, in modo da proteggerci dalla concorrenza delle tante industrie straniere che cavalcano l onda del crescente interesse per il caffè espresso a livello mondiale con produzioni spesso improbabili e di pessima qualità. Qual è stato il momento più importante nel passato della sua azienda? Ad inizio 2007 Neumann Gruppe, decideva di dare una decisa svolta alle proprie attività in Italia e io venivo chiamato a dirigere la nuova Bero Italia. Grazie a un processo di riorganizzazione e di profondo rinnovamento, la nostra azienda riusciva a conquistare in breve tempo la leadership del mercato italiano. Non solo grandi risultati ma anche grandissime soddisfazioni. Come si immagina la sua azienda tra 60 anni? Sono convinto che tra 60 anni NKG Bero Italia SpA sarà ancora il fornitore privilegiato di caffè verde per l industria di torrefazione italiana e continuerà a farlo con la stessa passione, la stessa professionalità e la stessa attenzione per il cliente che sono i caratteri che più di ogni altro ci contraddistinguono. spazio publiredazionale Newsletter VOLLERS ITALIA Un gruppo che innova Da Genova ad Anversa, sono due le grandi novità del Gruppo Vollers: nel capoluogo ligure a breve sarà operativa una nuova struttura di magazzini, moderna ed efficiente, in grado di gestire servizi di manipolazione di container full e di introduzione e stoccaggio a magazzino, sia di merce in sacchi e big bags sia per carichi in rinfusa. Uno staff di collaboratori con grande esperienza nel caffè sarà a disposizione della clientela italiana e straniera che transita sullo scalo ligure. Nel maggior porto belga, invece, Vollers ha già inaugurato un nuovo complesso di magazzini per la ricezione, lavorazione e stoccaggio di cacao; l innovativa struttura, unica al mondo, permette la ricezione di cacao in rinfusa direttamente da nave con la possibilità di immagazzinare carichi da tons in meno di un giorno lavorativo con pesatura, fumigazione e stoccaggio automatici. Concepita per servire il maggiore processatore mondiale di cacao, è ora richiesta da clienti leader nel cacao per altri porti dove opera il Gruppo Vollers. Le nostre sedi BREMA AMSTERDAM AMBURGO ANVERSA ROTTERDAM TRIESTE VOLLERS ITALIA S.R.L. UNIP. - TRIESTE Le Aziende: informano TALLINN RIGA MOSCA Viale Miramare, Trieste (ITALIA) - Tel.: Fax:

12 12 giugno anniversario: l evento Villa Foscarini Rossi Battelli del Brenta Fotografie: Alberto Tonon...gli ospiti

13 il pranzo... e gli interventi

14 14 aprile 2014 L Italia del caffè al bar Macchine per il caffè espresso, bar, barista Macchinista, banconista, barista e dopo gli anni 50 anche la donna fa l espresso Pubblicità Eterna Pavia 1920 Collezione Enrico Maltoni di Maria Cristina Latini Caffè Trieste Bar Centrale 1920 Collezione Enrico Maltoni Anche il nostro rito del caffè espresso, come è già accaduto con usi e costumi, parole e pietanze nate in Italia, ha finito per trovare un ampissimo consenso pure all estero. Con Enrico Maltoni - collezionista e curatore del Mumac (Museo della macchina per il caffè) - abbiamo ripercorso un po della nostra storia legata a una tanto straordinaria quanto amata forma di estrazione della nera bevanda; abbiamo fatto una panoramica sulle tappe della trasformazione della macchina per fare il caffè espresso (dalla meccanica all elettronica) osservando come questa stessa abbia accompagnato sia il cambiamento della professione del barista, sia il mutamento di gusti e abitudini degli italiani che bevono il caffè al bar. Quando è stata inventata la macchina per fare il caffè espresso? Nel 1884 ad opera del torinese Angelo Moriondo che registrò il brevetto n. 33/256 (Vol. 33, n. 256). Quali altri paesi l hanno adottata? Le prime macchine da bar sono state esportate nei paesi d oltralpe fra i primi del 900 e gli anni 40, poi prima degli anni 50 pure Francia, Spagna, Svizzera, Austria e Germania hanno iniziato a costruirne, cosa che oggi fanno anche i paesi emergenti (in particolare asiatici) che fino al 2000 usavano di rado il sistema espresso. Qualche tappa significativa dopo il primo brevetto? Nel 1901 si avvia la produzione del caffè espresso a vapore, nero e senza crema e dal gusto leggermente bruciato. Nel 1948 arriva la Crema caffè (brevetto di Achille Gaggia) con il sistema a leva, detto a braccio a Napoli. La Faema E61 (1961), il cui nome omaggiò la contemporanea eclissi, è stata la prima macchina con sistema a erogazione continua frutto di un decennio di ricerche di abili creativi e progettisti. Quando la meccanica ha ceduto il passo all elettronica? Nel 1971 con la creazione della M15 la Cimbali segna il passaggio da una fase meccanica a una elettromeccanica; l altra grande novità è che la macchina è progettata per essere posizionata anche nel retro-banco cosa che ha determinato anche un grande cambiamento di costume. E negli anni 80 cosa accade? Nel 1983, Faema lancia sul mercato la Faematronic la prima macchina con dosatura elettronica: premendo un tasto si ottiene la quantità di caffè programmata; è dotata di una pompa incorporata, dell auto-livello, di un ampia vetrina scalda-tazze e di un display elettronico, fatto avveniristico per l epoca che permette di avere sempre sotto controllo la pressione della caldaia, della pompa e della rete idrica. Il nuovo secolo che novità porta? Macchine automatiche con boiler indipendenti e termo controllati e preriscaldamento ad acqua: le caratteristiche elettroniche avanzate consentono anche di personalizzare la pressione dell acqua di estrazione per mezzo di selezioni su touch screen e inoltre sono dotate di connettività Wi-Fi, Bluetooth e di porte Usb. Quando si sono iniziati a vedere in Italia i primi esercizi chiamati bar? Intorno al 1950 quando, dopo la seconda guerra mondiale con la ripresa economica, s avvia l abitudine di prendere il caffè al banco; la parola italiana barista, infatti viene dall inglese bar che significa barra e cioè il banco sul quale si servono le bevande e che si frappone fra chi serve e i clienti; in questo contesto il gusto del caffè

15 aprile estratto con la crema ha conquistato un pubblico ampissimo. Come è cambiato il lavoro del barista in base ai cambiamenti della macchina da espresso? Nei primi del 900 chi lavorava con una macchina del caffè era un macchinista preposto alla regolazione della pressione, del carico dell acqua e del controllo del calore: era un lavoro faticoso e per preparare un caffè s impiegava oltre un minuto. Con l arrivo della macchina a leva (1948) si parla di banconista che era quasi sempre un uomo per via della forza ancora richiesta nell uso della leva. Il termine italiano barista entra in uso a cavallo fra gli anni 50 e 60; poi con l arrivo della Faema E61 dotata di una leva più piccola e leggera anche le donne hanno avuto più facile accesso al questo mestiere. Quand è che i prezzi di una macchina da espresso sono diventati più accessibili anche per i piccoli bar? Nel dopoguerra, durante il boom economico degli anni 50, si registrano 50 costruttori di macchine da bar ma il costo della macchina da espresso inizia a contenersi dal 1960 quando la produzione passa da artigianale a industriale. Oggi anche per rendere sempre un ottimo caffè al cliente e dati gli alti consumi, la macchina per il caffè da bar viene cambiata in media ogni quattro anni. Macchina per caffè Eterna Pavia 1952 Collezione Enrico Maltoni Macchina per caffè modello Classica Stand Gaggia Milano 1948 Collezione Enrico Maltoni

16 16 giugno 2014 Un moderno progetto di arredamento Il tavolino da caffè Il design nei locali pubblici di Bernardino de Hassek Gustare un caffè seduti a un tavolino di un locale pubblico è un rito. Se lo si beve da soli si passa spesso il tempo aggiungendo la lettura di un giornale, ma il momento rappresenta anche l occasione per socializzare con gli altri avventori e scambiare quattro chiacchiere su svariati argomenti. L ambiente è il contesto in cui avviene il rito, un contesto che ha un influenza speciale sull avventore se ha buone caratteristiche estetiche e di accoglienza. L arredamento è uno degli elementi che gioca favorevolmente a far sentire a proprio agio il cliente. Non solo pareti, vetrate, decorazioni, stucchi e specchiere rientrano nella percezione visiva di chi entra e si siede in un caffè, ma anche tavolini e sedie determinano una valutazione sia dal punto di vista estetico che funzionale. Kripto di Roberto Rovetta Si pensi per esempio agli antichi caffè di Venezia, Firenze, Roma e Trieste in cui gli stili artistici degli arredi rendevano accattivante l accoglienza degli avventori. Partendo da questo presupposto, ma pensando al contesto attuale, un giovane monzese, erede di quella prestigiosa schiera di designer briantei che negli anni 50 e 60 ha qualificato nel mondo il mobile e altri oggetti di arredamento di stile italiano, fra i quali spiccava l architetto Marco Zanuso, ha disegnato un particolare tavolino da caffè. Roberto Rovetta, quaranta anni, industrial designer laureato al Politecnico di Milano, ha progettato il Kripto, uno strano e moderno tavolino dalla forma polimorfa, realizzato in resina e metallo, lavorato totalmente a mano con una complessa tecnica che consente all osservatore di percepire l oggetto da ogni lato in maniera diversa dal punto di vista distintivo e caratteristico in funzione della posizione assunta e dalla direzione della luce. Il suo capolavoro è stato esposto nella mostra organizzata nella galleria DAMarte di Magenta e valutato, insieme alle altre opere presenti, da una autorevole giuria presieduta dal direttore artistico e docente della Accademia di Belle Arti di Brera. A Rovetta è stato assegnato il primo premio per la scultura confermando ancora una volta come l inventiva e la professionalità italiana mantenga una posizione dominante nel mondo del design. Questo artista dell arte contemporanea ha lavorato infatti anche a un progetto finalizzato a creare per Fiat Auto un prototipo di citycar. Oggi si assiste in tutto il mondo a nuove modalità di realizzo per l arredamento di locali pubblici, come caffè e bar, con tecniche all avanguardia e utilizzo di materiali meno nobili ma che sono rappresentativi del momento epocale in cui la gran parte della clientela che viene ospitata è di giovane età. Queste forme di modernismo si affiancano, senza contrasto, ai tradizionali locali ottocenteschi ancora presenti e molto apprezzati per il loro valore storico e artistico. D altra parte, il motto del movimento Secessione viennese, che portò, a cavallo del XIX e XX secolo, un innovazione insuperabile all espressione estetica della cultura europea, è ancora quanto mai attuale: A ogni epoca la sua arte, all arte la sua libertà.

17 giugno Buone pratiche Tazzina col minor impatto energetico? C è chi punta tutto sul barista! Dagli Stati Uniti arriva il gioco che premia il barista che risparmia più energia di Giovanna Gelmi Sono lontani gli anni bui del 2008, anno in cui il tabloid inglese Sun in un suo articolo scandalizzava il mondo calcolando lo spreco d acqua dei rubinetti di Starbucks, all epoca lasciati costantemente aperti: 23 milioni di metri cubi al giorno! Sufficienti a soddisfare le esigenze di un Paese come la Namibia. Starbucks non la prese bene, si impegnò per raggiungere il 100% di energia da fonti rinnovabili entro il 2015, a espandere il programma di riciclaggio delle tazze a tutti i propri clienti entro lo stesso anno e da allora lavora con l associazione Conservation International per proteggere le foreste nei Paesi produttori di caffè (Chiapas, Messico e Indonesia) e sempre entro il 2015 si è impegnata a ridurre il consumo di acqua del 25%, oltre che riciclare i fondi di caffè per il compostaggio. Adesso, il gigante di Seattle ha pensato anche al contributo ambientalista che può apportare ogni singolo dipendente, invitandolo a usare la fantasia per ridurre al minimo i consumi energetici dei loro punti vendita. Dopo aver deciso di affidarsi solo al commercio etico, aver costruito nuovi store secondo gli standard della certificazione verde Leed e sviluppato soluzioni di riciclo totale della plastica e della carta delle sue famose tazze, Starbucks lancia una competizione tra baristi: vince chi farà il caffè a minore impatto energetico! Le iniziative della catena di caffetterie più diffuse al mondo non sono da poco, se si considera che riguardano circa 20mila punti vendita in 58 Paesi del mondo, in velocissima espansione in Asia. Si vuol capire su quali aspetti si può far leva per diffondere meglio le buone abitudini tra i baristi, e poi tra la popolazione, con il sostegno di una startup californiana, Lucid Design Group, specializzata in soluzioni green, che fornirà la tecnologia a supporto del progetto. Partecipa anche la Portland Energy Conservation, organizzazione noprofit che mette a punto programmi di efficienza energetica e che monitorerà l iniziativa. La cosa carina sta nel fatto che Starbucks ha trasformato questo punto chiave in una sfida tra baristi della sua stessa catena, ecco come funziona: ogni negozio ha un display dietro il bancone a indicare l elettricità consumata durante il giorno, con aggiornamenti ogni 5 minuti. Tutte le informazioni sono registrate, insieme con i consumi di gas e acqua. Macchine da caffè, lavastoviglie, impianti di refrigerazione per il cibo e climatizzazione per gli ambienti diventano insomma sorvegliati speciali e nel locale che vincerà, sarà organizzato un mega party per festeggiare il traguardo. L operazione costa circa 125mila dollari, stanziati da un ente pubblico, la Bonneville Power Administration. La fetta più grossa serve per il registro delle informazioni, la verifica dei risparmi, la lista delle operazioni ideate da ogni caffetteria e infine la scelta delle migliori pratiche, che saranno poi adeguatamente pubblicizzate, e che i dipendenti dovranno impegnarsi a mantenere una volta finito il gioco. Puntare su competizioni e ricompense per spingere le persone a cambiare le loro abitudini non è una novità negli Stati Uniti. È già successo in grandi uffici, campus universitari e aziende pubbliche, con risultati che andavano dal 10 al 50% di energia risparmiata. Un esempio è la app lanciata lo scorso aprile da Opower in collaborazione con Facebook e con 16 utility americane che forniscono energia: un sistema sempre a portata di mano per capire quanto consumiamo nelle nostre case, in ogni momento, e quanto possiamo risparmiare cambiando le nostre abitudini. Spinta in più, l idea di competere con gli amici del social network e motivare così gli utenti a fare di più, mentre giocano. A quando i campionati del barista virtuoso?

18 18 giugno 2014 Il caffè in aprile-maggio La favola dei 60milioni di sacchi brasiliani di Alberto Gattegno Le borse del caffè, che avevano iniziato l anno 2014 su livelli molto bassi, tant è vero che finora è rimasto quello il punto più basso nel nuovo anno, hanno ripreso un bel po di fiato, ma attualmente sembrano segnare il passo. Ricordiamo che il 2 gennaio scorso i caffè robusta a Londra son partiti da 1625 Dollari per ton, mentre a New York gli arabica muovevano da 111 cents per libbra, e mentre i primi hanno segnato un buon 2178 Doll/ton il 1 maggio, gli arabica raggiungevano il 24 aprile il picco di 212,45 cents/lb. Di fronte a tali risultati, vediamo nelle ultime settimane entrambe le borse piuttosto svogliate, soprattutto New York che si muove su un livello di un 15% sotto il massimo. Ma i fondamentali alla base dei cospicui aumenti degli scorsi mesi non sono cambiati, anzi. In Brasile i danni della siccità di gennaio e febbraio sono stati ampiamente confermati ed oggi si stima un raccolto per quel Paese intorno ai 44 milioni di sacchi per quest anno, contro valutazioni precedenti che fantasticavano di possibilità di sfiorare i 60 milioni. Ma in verità la favola dei 60 milioni di sacchi per il raccolto brasiliano è un mito che ormai da alcuni anni viene suggerito come un traguardo un po fantastico, però ritenuto da molti vicino alle potenzialità di quel grande Paese produttore. Secondo le notizie più recenti, lo scorso anno il Brasile aveva raccolto 49,2 milioni di sacchi. È dunque evidente che, anche se non si arriva a 60 milioni di sacchi, si tratta pur sempre di performances di tutto rispetto. Per fare un riferimento storico, sessant anni fa tutto il mondo consumava circa 60 milioni di sacchi di caffè ed il Brasile da solo ne produceva la metà. Ma il mondo del caffè non vive solo di quotazioni. Mentre abbiamo letto recentemente di un grosso matrimonio fra Douwe Egberts e Mondelez in Jacobs Douwe Egberts che viene accreditato intorno ad un 15% del mercato internazionale del caffè tostato, si sta concretizzando la nascita di un polo fieristico nel Porto Vecchio di Trieste che verrà inaugurato con la settima edizione di Triestespresso Expo dal 23 al 25 ottobre di quest anno.

19 giugno La testimonianza Il mio primo container di caffè guatemalteco e l onorificenza La Flor del Café di Óscar René García Murga Dopo più di 20 anni di lavoro in Europa fornendo la grande distribuzione organizzata (GDO) di impianti frigoriferi italiani, decisi di aggiungere alla mia attività la commercializzazione di prodotti importati dal Guatemala. La Fiera di Trieste si dimostrò una piattaforma importante per individuare i prodotti e il mio stand era il più grande tra quelli dei Paesi non europei. Provai con la birra, i tessuti, l oggettistica artigianale e le tillandsias (Il Guatemala è un importante produttore di fiori, ma portarli in Europa era rischioso, soprattutto nell inverno europeo). Durante una di quelle fiere, un caro amico triestino mi consigliò di cercare dei caffè d alta qualità. Io sapevo che il Guatemala aveva dei caffè eccellenti che forse non erano ancora conosciuti a Trieste. Mi ricordai che nei miei anni di studente presso l Università di San Carlos del Guatemala mi finanziavo lavorando come guida di turismo. Visitavo località molto care ai turisti europei: Chichicastenango, Antigua, Panajachel, il lago di Atitlán, Tikal, il Rio Dulce, ma anche piantagioni di caffè. Partii subito per la mia terra e organizzai incontri con operatori e amici dell Anacafè (Associazione Nazionale del Caffè in Guatemala), ma riuscii anche ad avere un appuntamento con il presidente di un importante società caffeicola, una persona ritenuta da tutti irraggiungibile. Il giorno del grande incontro mi presentai all appuntamento un po teso in quanto il caffè non era il mio forte. Dovevo comperare e mi mancava competenza. Dopo una mezz ora d attesa, la segretaria venne da me e con tono molto formale mi invitò a seguirla dal presidente. Entrai in una bellissima stanza, il presidente era seduto alla sua scrivania ed era intento a studiare dei documenti. D un tratto alzò la testa e, vedendomi, esclamò: Negro García, que gusto!. Di rimando io risposi: Canchito Montes, que gusto! (Negro García, che piacere. Biondino Montes che piacere). Ci siamo abbracciati e il colloquio si trasformò in una rimpatriata. Avevamo studiato insieme all Università di San Carlos de Guatemala; avevamo dimenticato i nostri nomi, ma non i nostri soprannomi. Montes telefonò subito ad un suo amico e gli chiese un container del miglior caffè del raccolto. Io comprai il caffè augurandomi di trovare un acquirente a Trieste. Lo vendetti subito e questo fu l inizio di un attività d importazione che durò per più di un decennio. Nel 1990, con la collaborazione della Camera di Commercio di Trieste e la sponsorizzazione di quella di Udine, partecipai con uno stand promozionale della nostra Regione all Agritrade, la fiera agricola più importante del Centro America. Mio fratello l architetto Germán García Murga curò l allestimento e i maggiori giornali del Centroamerica menzionarono la presenza dello stand italiano. Il fiore del caffè è molto bello e nelle piantagioni al tempo della fioritura tutta l aria si profuma. Il fascino di questo fiore ha fatto sì che l Anacafè del Guatemala chiamasse La Flor del Café la più importante onorificenza del settore che viene annualmente assegnata ai migliori operatori internazionali. Il primo a ricevere questa onorificenza è stato l Ambasciatore René Montes Cobar, zio del mio amico Canchito Montes, che per 30 anni, fino al 1996 rappresentò il Guatemala presso l Organizzazione Internazionale del Caffè di Londra e fu per ben 3 volte Presidente del Consiglio Internazionale di quell organizzazione. È interessante sottolineare che nel 2004 fu un triestino a ricevere l ordine della Flor del Café, unitamente ad un giapponese e ad uno statunitense. Personalmente, sono contento d aver contribuito a far conoscere il caffè del Guatemala, un caffè che oggi è di casa nelle migliori miscele di caffè italiano ed europeo. Rubrica a cura di: Ing. Óscar René García Murga Consulente all esportazione Settore Meccanico-Industriale e Agro Alimentare. Ricerca e analisi di mercato. Ricerca e analisi di prodotto. Organizzazione vendita e acquisto. Controllo idoneità CE. Studio: Via Gasser Trieste (TS) - Italy Tel/Fax: Mobile: E.mail: Agritrade (la fiera agricola del Centro America nel 1990) arch. Germán García Murga

20 20 giugno 2014 Massimiliano Fabian Dal Consiglio Direttivo Assocaffè Dal 23 al 25 ottobre TriestEspresso nella nuova sede Le novità da Massimiliano Fabian e Antonio Paoletti Dal 23 al 25 ottobre torna la settima edizione di TriestEspresso Expo. A far chiarezza sulle informazioni talvolta contrastanti che riguardano la rassegna è giunto un importante chiarimento tra il presidente della Camera di Commercio di Trieste, Antonio Paoletti, organizzatore della fiera attraverso Aries, e Massimiliano Fabian, presidente Assocaffè Trieste. L occasione è stato il Consiglio direttivo dell Associazione del 12 maggio durante il quale Paoletti ha avuto modo di presentare le novità dell edizione e lo stato di avanzamento dei lavori, chiarendo alcuni punti interrogativi che riguardavano soprattutto la nuova sede della fiera. Un punto della situazione richiesto e atteso dall Associazione Caffè Trieste, che collabora all organizzazione dell evento: Un confronto franco ma costruttivo e quindi positivo, durante il quale abbiamo avuto conferme e che è stato utile a chiarire ruoli e rapporti tra Assocaffè e TriestEspresso ha notato Fabian. Il 70% degli spazi espositivi è già prenotato da brand leader nei rispettivi settori - ha rilevato Paoletti -. Quest anno per la prima volta TriestEspresso Expo cambia sede ed entra nell Antico Porto Vecchio di Trieste, nei magazzini e nella Centrale Idrodinamica, una sorta di viaggio di ritorno alle origini. I magazzini 27 e 28 sono stati concessi dall Autorità Portuale ad Aries per lo svolgimento di TriestEspresso Gli adeguamenti stanno procedendo secondo programma, ma quelli che riguardano la facciate e gli esterni saranno visibili solo a ridosso della manifestazione. Trieste è la capitale mondiale del caffè, qui si trova l unico distretto del caffè riconosciuto in Europa, la nostra Associazione è stata fondata nel lontano ha aggiunto Fabian - e, soprattutto, TriestEspresso è stata pioniere nel suo settore: ora stanno fiorendo numerose manifestazioni dedicate al caffè, ma la rassegna di Trieste continua a rimanere un punto di riferimento assoluto. Tengo a ribadire che l Associazione Caffè Trieste ha contribuito in modo fondamentale e con passione a creare questo evento e si batte da sempre per mantenerlo vivo, vista la sua importanza e l enorme valore aggiunto che porta a tutta la città, non solo al nostro settore. Le conferme ricevute mi danno l entusiasmo per affermare che anche questa edizione sarà sicuramente un successo, a ragione soprattutto dell enorme potenziale della nuova sede. Ma all orizzonte non c è solo TriestEspresso: La Camera di Commercio sta lavorando assieme alle istituzioni locali, Trieste Coffee Cluster a illycaffè ad altri progetti dedicati al settore da realizzare in città: c è un museo permanente, gli eventi legati a Expo 2015 al Salone degli Incanti, un Festival del Caffè di ampio respiro a coinvolgere tutta la città. Eventi diversi, ma un unico filo logico: quello di affermare Trieste capitale dell espresso ha concluso Antonio Paoletti.

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, Tre storie che ci raccontano

1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, Tre storie che ci raccontano Tre storie che ci raccontano 1 Sono molti anni che collaboro con aziende che si occupano di stampa, 2 3 un graphic designer di esperienza racconta l incontro con Botticelli La Stampa. La nostra azienda

Dettagli

VINCENZO SANDALJ ASSOCIAZIONE CAFFE TRIESTE 30 ottobre 2010

VINCENZO SANDALJ ASSOCIAZIONE CAFFE TRIESTE 30 ottobre 2010 VINCENZO SANDALJ ASSOCIAZIONE CAFFE TRIESTE 30 ottobre 2010 Perché il binomio Caffè -Trieste Abbiamo una tradizione commerciale che esiste da tre secoli Siamo il più importante porto caffeicolo del Mediterraneo

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione Mario Donato Germani, titolare della ditta di manutenzione, GERMAR srl, compie 70 anni di vita e 50 di attività. Lo abbiamo incontrato ed intervistato perché

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Leadership aziendale e competenza professionale.

Leadership aziendale e competenza professionale. DOSSIER FRANCHISING Leadership aziendale e competenza professionale. BluEnergyControl srl è un azienda che vanta tredici anni di esperienza nelle energie rinnovabili e, ad oggi, opera prevalentemente con

Dettagli

A c s in tutte le citt` europee

A c s in tutte le citt` europee A c s in tutte le citt` europee Leader europeo di soluzioni chiavi in mano per la vendita al dettaglio. 02 bk Group Avere un idea ben precisa è la vera chiave per arrivare al successo. Quando nel 1999

Dettagli

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ComeCercareClienti.com ComeCercareClienti.com Copyright Matteo Pasqualini Vietata la Autore: Matteo Pasqualini 1 ComeCercareClienti.com

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI

NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI NuMani è una realtà e nasce dall unione d esperienza di persone che da 11 anni si occupano a tempo pieno dell applicazione e decorazione unghie con l ambiziosa idea delle

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Due giovani imprenditori agricoli puntano sull innovazione per rendere la loro azienda più competitiva La Masseria è nata nel 1940 quando i

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

the italian coffee magazine

the italian coffee magazine the italian coffee magazine numero/trentanove luglio/agosto 2009 edizione italiano mensile - poste italiane spa - spedizione in abbonamento postale - d.l.353/2003 (conv. in l. 27/02/2004 n.46) art.1, comma

Dettagli

Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA?

Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA? Cosa può fare FederlegnoArredo PER LA MIA AZIENDA? 1 CONOSCERE IL MERCATO ITALIA L Italia ha più opportunità di quello che sembra NOI LE INTERCETTIAMO IN ANTICIPO Conoscere il comparto in cui si opera.

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Il gruppo FRESIA ALLUMINIO: grandi tradizioni proiettate verso il futuro

Il gruppo FRESIA ALLUMINIO: grandi tradizioni proiettate verso il futuro Il gruppo FRESIA ALLUMINIO: grandi tradizioni proiettate verso il futuro La Fresia Alluminio S.p.A. è la capogruppo di un pool di aziende nel settore dei serramenti di alluminio tra cui: FT Profili Alluminio

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

Semplificati la vita. manuale d uso

Semplificati la vita. manuale d uso Semplificati la vita manuale d uso Introduzione. Nel mondo del lavoro rendere le cose semplici è uno degli obiettivi più complicati da perseguire. La complessità dei problemi è una costante che scoraggia

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Ediz. Febbraio 2014/01. Company Profile. Lo STAMPAGGIO AD INIEZIONE senza DIFETTI

Ediz. Febbraio 2014/01. Company Profile. Lo STAMPAGGIO AD INIEZIONE senza DIFETTI Ediz. Febbraio 2014/01 Company Profile Lo STAMPAGGIO AD INIEZIONE senza DIFETTI OMEZ da oltre 30 anni Nel 1980, il Dott. Zucchetti costituì la OMEZ con l obiettivo di creare: un azienda con forti passioni

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi 6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi AVVISO NON HAI IL DIRITTO DI RISTAMPARE, MODIFICARE, COPIARE O RIVENDERE

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

N e w s a z i e n d e

N e w s a z i e n d e N e w s a z i e n d e pilla, lo stile ha un volto Intervista a Ivo Sedazzari, il designer che da oltre trent anni collabora con l azienda vicentina nella creazione degli oggetti d arte funeraria. Un sodalizio

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA, TELECOMUNICAZIONI E CONTROLLO UNA SOLUZIONE A OGNI ESIGENZA Operiamo da molti anni nel

Dettagli

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA PRESENTAZIONE BiSTUDIO Via Arona 11 47838 Riccione (RN) Tel. 0541643881 Fax 0541663476 e-mail: info@bistudio.it internet: www.bistudio.it Partita Iva Codice Fiscale Iscrizione

Dettagli

Comunicato stampa N 1/2005 Parma, 10-02-05 Laurea ad Honorem a Renato Casappa all Università di Parma Casappa : 2004 ancora in crescita

Comunicato stampa N 1/2005 Parma, 10-02-05 Laurea ad Honorem a Renato Casappa all Università di Parma Casappa : 2004 ancora in crescita Comunicato stampa N 1/2005 Parma, 10-02-05 Laurea ad Honorem a Renato Casappa all Università di Parma Casappa : 2004 ancora in crescita Il mercato mondiale ha rallentato ma l azienda parmense che da oltre

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

Qualunque sia la tua impresa c è una casa che ti aspetta

Qualunque sia la tua impresa c è una casa che ti aspetta Qualunque sia la tua impresa c è una casa che ti aspetta Quello che siamo è quello che facciamo. Fino a non molto tempo fa pensare a CNA portava alla mente esclusivamente il mondo dell'artigianato. Oggi

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Innovazione e Competenza. Tecnologia = Conrad. Online 24 ore su 24. Più di 3.900 collaboratori nel mondo

Innovazione e Competenza. Tecnologia = Conrad. Online 24 ore su 24. Più di 3.900 collaboratori nel mondo Tecnologia = Conrad Online 24 ore su 24 Più di 3.900 collaboratori nel mondo Filiali in 17 Paesi, spedizioni in 150 Nazioni Innovazione e Competenza Il giusto valore alla tua professionalità Tecnologia

Dettagli

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa.

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. CHI SIAMO Assofermet è l Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

Impianti gravimetrici e volumetrici Trasporto e alimentazione Granulatori

Impianti gravimetrici e volumetrici Trasporto e alimentazione Granulatori Impianti gravimetrici e volumetrici Trasporto e alimentazione Granulatori Da quando, nel 1975, Engin Plast è nata, la nostra missione è sempre stata focalizzata a creare soluzioni innovative e personalizzate

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Verificate il vostro modello di business

Verificate il vostro modello di business Verificate il vostro modello di business a cura di Luigi Pavan Best Control www.best-control.it Dovete predisporre il modello di business per la vostra nuova attività o dovete verificare se quello esistente

Dettagli

XIV Convention Nazionale

XIV Convention Nazionale XIV Convention Nazionale LA LOGISTICA ITALIANA, LEVA STRATEGICA PER L ECONOMIA INTERNAZIONALE Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club Port of Milan Milano, 23 ottobre 2015 Benvenuti

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Il Sito web professionale dedicato al settore Trasportatori e spedizionieri. Provalo subito all indirizzo web: www.soluzionicreative.

Il Sito web professionale dedicato al settore Trasportatori e spedizionieri. Provalo subito all indirizzo web: www.soluzionicreative. Il Sito web professionale dedicato al settore Trasportatori e spedizionieri GlobeAround è il sito web studiato e sviluppato per soddisfare le esigenze di visibilità e comunicazione delle aziende che operano

Dettagli

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1 Dovete

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

SmartPay. Making the complex simple

SmartPay. Making the complex simple SmartPay Making the complex simple 2 Le sfide sono all ordine del giorno per un impresa che vuole raggiungere il successo. Per ampliare i propri affari bisogna affrontare scelte impegnative, per questo

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia.

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Chi siamo 01 Progettiamo, costruiamo e gestiamo reti gas ed elettricità per portare energia sicura in case, imprese e istituzioni. Dietro

Dettagli

IL NUOVO, E'INIZIATO! 13 MARZO /2011

IL NUOVO, E'INIZIATO! 13 MARZO /2011 IL NUOVO, E'INIZIATO! 3 MARZO /20 EDITORIALE pucci si rinnova UNA SVOLTA IMPORTANTE! IN FIERA NOVITÀ A PADOVA Le nuove placche e tutte le altre novità Pucci saranno presentate all importante appuntamento

Dettagli