1. Evoluzione del quadro normativo dei servizi pubblici e attività svolta dall'agenzia: un quadro d'insieme

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Evoluzione del quadro normativo dei servizi pubblici e attività svolta dall'agenzia: un quadro d'insieme"

Transcript

1 1. Evoluzione del qudro normtivo dei servizi pubblici e ttività svolt dll'agenzi: un qudro d'insieme 1.1 Principli novità del contesto normtivo e istituzionle reltivo i servizi pubblici locli L disciplin dei servizi pubblici locli non h subito, nel corso dell ultimo nno, significtive modifiche. Sono invece intervenuti lcuni provvedimenti di ssestmento che hnno meglio definito i crtteri slienti dell riform del Quest si crtterizz per lcuni elementi che possono essere qui richimti, in form schemtic, come segue: modific delle disposizioni in mteri di ffidmenti, che nel nuovo testo prevedono l codific delle uniche modlità di ffidmento dell gestione delle reti, degli impinti e delle ltre dotzioni ptrimonili e dell erogzione dei servizi di rilevnz economic comptibili con il diritto comunitrio; individuzione del termine del 31 dicembre 2006 per gli ffidmenti non conformi l nuovo ordinmento (slvo lcune eccezioni); distinzione tr servizi pubblici locli venti rilevnz economic e servizi pubblici locli privi di rilevnz economic; esclusione delle concessioni terzi e delle società miste tr le modlità di gestione previste per i servizi privi di rilevnz economic; esclusione dei settori dell energi elettric e del gs nturle dll disciplin, con esclusivo ssoggettmento di tli settori i decreti legisltivi 16 mrzo 1999, n. 79, e 23 mggio 2000, n Normtiv sull ffidmento dei servizi pubblici locli Con rigurdo lle modlità d ffidmento, si rmment che le uniche modlità di ffidmento dell erogzione dei servizi rilevnz economic previste dll nuov normtiv sono, con riferimento ll titolrità degli stessi: 1 Nel 2003 l rt. 113 del D.lgs. 118 gosto 2000, n. 267 (TUEL) er stto modificto dll rt. 14 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, in seguito convertito in legge dll L. 24 novembre 2003, n. 326 e dell rt. 4, comm 234, L. 24 dicembre 2003, n

2 Cpitolo 1 società di cpitli individute ttrverso l espletmento di gr i sensi dell normtiv nzionle e comunitri sugli pplti pubblici; società cpitle misto pubblico-privto nelle quli il socio privto veng scelto, nche in questo cso, ttrverso l espletmento di gr i sensi dell normtiv nzionle e comunitri sugli pplti pubblici; società cpitle intermente pubblico condizione che l ente o gli enti pubblici titolri del cpitle socile esercitino sull società un controllo nlogo quello esercitto sui propri servizi e che l società relizzi l prte più importnte dell propri ttività con l ente o gli enti pubblici che l controllno (c.d. ffidmenti in-house) 2. In ordine ll gestione delle dotzioni essenzili (essentil fcilities), è consentito il loro ffidmento (nche medinte scorporo dell ttività di gestione del servizio) società totle cpitle pubblico locle. Qunto ll proprietà delle dotzioni, si prevede che gli enti locli, nche in form ssocit, nei csi in cui non si vietto dlle normtive di settore, possono conferire l proprietà delle reti, degli impinti e delle ltre dotzioni ptrimonili società cpitle intermente pubblico, che è incedibile 3. Queste innovzioni, ed in prticolre l introduzione dell possibilità di ffidmento in-house, innestndosi su un normtiv dei servizi pubblici locli (Spl) che vev in grn prte digerito l seprzione dei compiti di indirizzo e controllo (riservti l Comune) d quelli di gestione (svolti d imprese specilizzte), hnno vuto riflessi sulle forme di governo degli stessi Spl. Non si può negre che il completmento dell riform bbi reso più compless l interpretzione del sistem delle funzioni di regolzione ffidte gli Enti Locli. Come nticipto, il nuovo testo del TUEL, prevedendo tre possibili forme di ffidmento dei Spl, ttribuisce ll discrezionlità dell Ente Locle un più mpio menù delle gestioni possibili e opportune. Tuttvi, tle discrezionlità viene esplicitmente esclus in lcuni settori, sottoposti d un normtiv specific che impone l gr come unic form di ffidmento (come nel cso del trsporto pubblico locle). Circ l ffidmento in-house, inoltre, sussistono lcuni dubbi su come debb essere concretmente trdott l nozione di controllo specifict nell legge. Con riferimento l solo settore idrico, un Circolre del Ministero dell mbiente offre un interpretzione restrittiv dell istituto dell ffidmento in-house: gli Enti Locli possono ricorrere tle modello societrio solo in csi eccezionli e residuli, posto che quest prticolre tipologi gestionle confligge con il testo dei trttti comunitri (in prticolre con il rispetto delle norme sull liber circolzione dei beni e dei servizi e con i principi di non discriminzione, di prità di trttmento, trsprenz e mutuo riconoscimento; Cfr. Cp. 8). In ltri settori, sono mncti interventi nloghi in grdo di orientre gli mministrtori, con il risultto che nelle vrie reltà locli potrebbero venire coesistere diversi modelli gestionli, in funzione di scelte nche rbitrrie d prte degli Enti Locli. A tle proposito, v segnlto che il Consiglio di Stto h rimesso ll Corte di Giustizi europe un legge regionle del Trentino-Alto Adige che prevede l ffidmento diretto (senz gr) di un servizio pubblico un società prevlentemente pubblic: l questione sollevt dl Consiglio di Stto e l reltiv giurisprudenz hnno rilevnz sostnzile sul qudro normtivo nzionle in mteri di Spl. Infine, è importnte sottolinere come l nuov form di ffidmento previst nell ordinmento comporti uno sforzo di dttmento nche per quelle mministrzioni che vevno previsto l costituzione di società holding per il governo dei servizi pubblici. Per i servizi privi di rilevnz economic, il giudice costituzionle 4 h rimosso lcune norme di riferimento che indirizzvno le Regioni nell individuzione delle forme di ffidmento, dei criteri di ssegnzione delle gre e dei contenuti dei Contrtti di servizio (ftt slv l possibilità per le Regioni di richimrsi i criteri stbiliti nell Direttiv 2004/18/CE in mteri di pplti pubblici di servizi, perltro indict dll stess Corte) 5. In tle nuovo contesto e in ssenz di un disciplin regionle, i Comuni hnno mpi discrezionlità nell scelt delle formule gestionli per i servizi pubblici locli (Cfr. Pr ). 2 D.lgs. n. 267/2000, rt. 113, c D.lgs. n. 267/2000, rt. 113, c Sentenz n. 272 del 27 luglio 2004 dell Corte Costituzionle. 5 In prticolre, l sentenz citt comport l rimozione dell rt. 14, c. 1, letter e) dell legge 326/2003 (e di conseguenz dell rt. 113, c. 7 del TUEL) e dell rt. 14, c. 2, dell legge medesim (e quindi dell intero rt. 113 bis del TUEL). L rgomento è trttto in dettglio nell Relzione Annule 2004 di quest Agenzi. 4

3 Evoluzione del qudro normtivo Servizi rilevnz economic e servizi privi di rilevnz economic: lcuni criteri di distinzione Come già notto in precedenz, l introduzione del più mpio concetto di servizio rilevnz economic, in luogo di quello rilevnz industrile, contribuisce d mplire l discrezionlità degli mministrtori locli, specilmente considerndo che molte ziende erogtrici di servizi pubblici ccnto ll espletmento di ttività purmente imprenditorili esercitno ttività rilevnz socile. Mentre, inftti, l formulzione del vecchio rt. 113 del TUEL demndv d un regolmento l individuzione dei servizi pubblici industrili, l ttule formulzione delle norme sui servizi rilevnz economic, il cui contenuto vri in funzione degli specifici contesti territorili del servizio, ffid ll interprete l individuzione di tli servizi. Secondo un recente sentenz del TAR dell Srdegn 6, l distinzione tr servizi di rilevnz economic e servizi privi di tle rilevnz è legt ll imptto che l ttività può vere sull ssetto dell concorrenz ed i suoi crtteri di redditività. Il Tribunle h nche precisto che deve ritenersi di rilevnz economic il servizio che si innest in un settore per il qule esiste, quntomeno in potenz, un redditività e quindi un competizione sul mercto e ciò ncorché sino previste forme di finnzimento pubblico, più o meno mpie, dell ttività in questione. L Corte ggiunge inoltre che deve considerrsi privo di rilevnz economic il servizio che, per su ntur o per i vincoli i quli è sottopost l reltiv gestione, non dà luogo d lcun competizione e quindi ppre irrilevnte i fini dell concorrenz Strtegie ziendli prevlenti nel settore dei servizi pubblici locli Gli sviluppi normtivi e, in misur ncor mggiore, i cmbimenti di mercto indotti di processi di liberlizzzione, hnno influito sul sistem di imprese opernte nei settori di Tpl e in prticolre in quelli energetici. Sono proseguiti tutti i livelli i processi di ristrutturzione ziendle, con trsformzione in società di cpitli, ccordi, fusioni, llenze e sviluppo di nuove ree di business, spesso in prtnership con terzi. Tle processi hnno generto un ventglio vriegto di strtegie. Alcuni opertori, prevlentemente di piccole dimensioni e loclizzti l Nord, hnno ttuto processi di ggregzione volti d cquisire un mss critic degut competere nel nuovo scenrio, in prticolre ll interno di ree territorili contigue soprttutto nel settore dell energi elettric e in quello idrico-mbientle. I gruppi societri di grndi dimensioni hnno invece perseguito politiche di rifoclizzzione nei core business trdizionli, dopo ver precedentemente ssunto dimensioni molto diversificte, nche ttrverso llenze con opertori leder nzionli e internzionli. Riconducibili quest strtegi sono nche quelle politiche volte d occupre segmenti di ttività ttigui quello principle, sfruttndo l fidelizzzione dei clienti o cercndo sinergie con ttività tecnologicmente vnzte in cmpo mbientle (forniscono un esempio gli investimenti nel segmento dell termovlorizzzione effettuti d ASM Bresci, Her e Met Moden, tutte ttive nei settori energi e rifiuti). Si è osservto nche l interessmento, d esempio nel settore del gs nturle, di lcuni opertori internzionli posizionrsi nei segmenti più liberlizzti del mercto, così come sono proseguite le operzioni internzionli dei mggiori gruppi itlini (è il cso di Ace, Am, Acegs-Aps o AEM nei mercti dell Europ orientle, dell Americ Ltin o dell Afric). Con rigurdo lle forme orgnizztive, i diversi osservtori concordno sull prevlenz dell struttur multiutility, cpce di ottimizzre il rpporto rischio/rendimento Normtiv regionle in mteri di servizi pubblici locli In mteri di servizi pubblici locli, lcune Regioni hnno predisposto un specific normtiv di crttere generle che interviene su elementi decisivi dell disciplin sttle, prevedendo, tr l ltro, un divers disciplin del periodo trnsitorio, concedendo importnti estensioni dello stesso 6 Sentenz n del 2 gosto 2005 del Tr Srdegn. 7 Per le informzioni reltive lle strtegie delle imprese si sono consultti i seguenti studi: L riorgnizzzione del settore del gs l Le ziende di distribuzione e le ziende di vendit, Ref. Osservtorio Energi in collborzione con Anigs, reperibile su Gmes without frontiers. Nuove tendenze nel mercto del gs nturle, Servizio di ricerc del MedioCreditoCentrle, prile

4 Cpitolo 1 (in entrmbi i csi con riferimento l servizio idrico integrto), disciplinndo le modlità di gestione dei servizi (che possono essere resi dl gestore ffidtrio nche mezzo di società opertive d esso controllte ), identificndo nuovi soggetti ffidnti (gli ATO) e precisndo i metodi triffri. Alle leggi regionli dell Lombrdi e dell Emili Romgn 8, si è ggiunt nel 2005 l nuov legge pprovt dll regione Abruzzo. L nuov legge rigurd i servizi pubblici rilevnz economic 9 e integr l normtiv nzionle specificndo i principi di erogzione dei servizi, le forme di ffidmento mmissibili e gli strumenti di regolzione. In prticolre, l legge stbilisce procedure e orgnismi per l consultzione degli orgni rppresenttivi dei consumtori, delle comunità locli, delle ssocizioni imprenditorili e di quelle sindcli l fine di definire i contenuti dei Contrtti e delle Crte dei servizi (di cui vengono indicti i contenuti minimi) e istituisce un nuovo orgnismo di supporto e monitorggio: l Osservtorio regionle sui servizi pubblici locli rilevnz economic. Con rigurdo i servizi privi di rilevnz economic, nel corso dell ultimo nno non si registrno inizitive di Enti Locli e Regioni volte porre rimedio l vuoto normtivo conseguente ll citt sentenz dell Corte Costituzionle. 1.2 I servizi pubblici locli nel Comune di Rom Nel nuovo contesto normtivo e in ssenz di un legislzione regionle specific, il Comune di Rom si è orientto soprttutto verso l dozione del modello di gestione in-house per le mggiori ziende. Con rigurdo lle forme di regolzione dei servizi pubblici locli, l novità rilevnte rigurd l dozione di un provvedimento reltivo i reclmi che impone lle ziende erogtrici di servizi l dozione lmeno degli stessi stndrd di qulità dell Amministrzione Comunle Il nuovo sistem di governnce delle ziende del Gruppo Comune di Rom Nel corso dell ultimo nno l governnce delle imprese che erogno servizi pubblici nel comune di Rom è stt oggetto di significtive vrizioni, che hnno preso spunto si dll entrt in vigore dell riform in mteri di diritto societrio, si dell scelt dell Amministrzione Comunle di dottre il modello gestionle in-house per le mggiori ziende. Contestulmente ll dozione di tle modello per le società Met.Ro. S.p.A., Atc S.p.A., Trmbus S.p.A., Rom Metropolitne Srl., Risorse per Rom S.p.A., Am S.p.A. e Centro Ingrosso Crni, ne sono stti rivisti nche gli sttuti 10. I nuovi sttuti contengono disposizioni finlizzte consentire ll Amministrzione Comunle di esercitre in modo omogeneo e strutturto il controllo nlogo richiesto dll rt. 113 TUEL, nonché l funzione di direzione e coordinmento previst dll disciplin dei gruppi societri. Gli stessi dispongono, tr l ltro, che le ziende: ) si dotino di un Codice di Corporte Governnce e di un Codice di Comportmento ; b) predispongno, nnulmente, un Relzione Previsionle Aziendle contenente l definizione dei pini strtegici, finnziri, economici e ptrimonili e dei pini di investimento di breve e lungo periodo e, trimestrlmente, un reporting gestionle. Il "Codice di Corporte Governnce, in line con le nuove disposizioni sttutrie, regolment l orgnizzzione intern dell società, determinndone, conseguentemente, il sistem di direzione e controllo ttrverso l individuzione degli orgni societri, del loro funzionmento e delle specifiche competenze d essi ttribuite. Il Codice di Comportmento dett le linee guid del Codice Etico di cui si dovrnno dotre le Società del Gruppo Comune di Rom (nche i sensi del D.lgs. n. 231/2001), individu i flussi di infor- 8 Cfr. Relzione Annule 2004 di quest Agenzi, pr Legge regionle Abruzzo 5 gosto 2004, n. 23, Norme sui servizi pubblici locli rilevnz economic. 10 Rispettivmente con Deliberzioni del Consiglio Comunle nn. 228, 229, 230, 312, 314 del 2004 e 3 e 47 del

5 Evoluzione del qudro normtivo mzione tr gli orgni delle singole Società e il Socio Comune di Rom e dett le regole di condott per le nomine dei componenti dei Consigli di Amministrzione e dei Collegi Sindcli delle Società controllte o prtecipte di secondo livello. Per entrmbi i Codici, l Amministrzione cpitolin h predisposto schemi comuni per tutte le società, l fine di grntirne uniformità e coerenz 11. Al fine di rendere opertivo il nuovo sistem di flussi informtivi e il suo monitorggio è stt ttribuit l Diprtimento XV (Ufficio di direzione e coordinmento del Gruppo Comune di Rom e per le politiche economiche e di sviluppo) l funzione di rccolt, nlisi tecnic, monitorggio e diffusione l Sindco, ll Giunt Comunle, l Consiglio Comunle e gli uffici mministrtivi, delle relzioni progrmmtiche e del reporting sull ndmento economico, finnzirio e ptrimonile delle ziende pprtenenti l Gruppo. Al fine di consentire tle Diprtimento di svolgere i nuovi compiti è stto deciso 12, d ultimo, di crere un nuov società responsbilità limitt, denomint Servizi Azionisti di Rom S.r.l vente per oggetto lo svolgimento di ttività strumentli lle funzioni istituzionli dello stesso Diprtimento. L nuov società, beneficindo di un mggiore utonomi e flessibilità opertiv, dovrebbe consentire di reclutre personle dotto delle competenze necessrie per fre fronte i nuovi compiti ffidti Le ttività di servizio pubblico nel Gruppo Comune di Rom Preliminrmente quest operzione, il Consiglio Comunle, sempre l fine di migliorre il flusso informtivo con le società prtecipte 13, h invitto gli orgni mministrtivi delle principli società prtecipte dl Comune trsmettere un relzione con l qule si informv l ente del qudro complessivo delle prtecipzioni detenute. Tli relzioni, unitmente i bilnci, sono stte oggetto di un nlisi tecnic d prte dell Agenzi, seguito di formle richiest del Consiglio Comunle, che si è vvls di un consulente esterno specilizzto. L nlisi, bst su dti 2002 e 2003, si è limitt lle 9 società cpogruppo (Atc, Am, Trmbus, Met.Ro., St, Risorse per Rom, Assicurzioni di Rom, Fondzione Bioprco e Fondzione Music per Rom), che ttribuiscono l Comune di Rom 64 prtecipzioni, ed h preso in considerzione, con riferimento lle prtecipzioni di secondo livello, solo quelle per le quli l quot di prtecipzione er lmeno pri l 20% del cpitle 14. Il qudro delle prtecipzioni societrie risultnte d quest nlisi ppre complesso: prte due ziende (Bioprco e Music per Rom) che non possiedono lcun quot zionri in ltre società e Met.Ro., che ttulmente possiede un prtecipzione soltnto nell ziend Assicurzioni di Rom, tutte le ltre utilizzno nche lo strumento prteciptivo in ltre società per lo svolgimento del proprio oggetto socile, per un totle di circ qurnt ziende. Dl punto di vist delle ttività ziendli, l spetto che in quest sede merit di essere commentto non è tnto quello reltivo lle risorse o i vlori economici (dipendenti, vlore dell produzione, cpitle investito netto e indebitmento finnzirio netto), di cui si possono trovre dti ggiornti l 2004 sul Documento di Progrmmzione Finnziri per il 2006, bensì l riprtizione delle ttività con riferimento ll tipologi e ll loclizzzione dei servizi. A tle fine è stt effettut un riprtizione, sull bse del vlore dell produzione, per individure l percentule imputbile d ttività di servizio pubblico rispetto quelle di mercto, e per comprendere come si suddivid l utenz di riferimento tr quell residente nel territorio del Comune di Rom e nelle ree l di fuori dello stesso. In sintesi, le società nlizzte ppiono totlmente orientte soddisfre le esigenze di servizio pubblico (lle quli è imputbile il 92% del vlore dell produzione) e, in prticolre, nei confronti dei cittdini romni (l loclizzzione del servizio si h per il 98% ll interno dell cpitle); tle tendenz di bse trov l su espressione mssim nel cso del trsporto pubblico locle (Tpl) per il qule le percentuli sopr indicte risultno entrmbe pri l 100%. 11 L Deliberzione dell Giunt Comunle n. 165 del 30 mrzo 2005 h pprovto gli schemi dei Codici di Comportmento e di Corporte Governnce, unitmente i contenuti dell Relzione Previsionle Aziendle e del reporting ziendle, d invire lle società del Gruppo per il reltivo recepimento. 12 Con Deliberzione del Consiglio Comunle n. 188 del 2 gosto Che, ricordimolo, prende le mosse dll Deliberzione del Consiglio Comunle n. 5 del 19 gennio 2004, in mteri di indirizzo e controllo delle società prtecipte dl Comune di Rom. 14 Complessivmente sono stte nlizzte 40 società. 7

6 Cpitolo 1 Dll nlisi per mcrosettori, si è evidenzito un contributo ll produzione di vlore pri l 67% per il Tpl, l 28% per l igiene urbn e solo pri l 5% per le ttività diversificte; d ltronde, il Tpl present si il mggior numero di dipendenti, si il primto in termini di vlore dell produzione per ddetto rispetto gli ltri due settori ( il vlore dell produzione per ddetto del Tpl è pri 107 miglii di Euro/unità rispetto 61 miglii di Euro/ unità dell igiene urbn e 105 miglii di Euro/ unità delle ttività diversificte), nche fronte di un costo medio del lvoro più elevto (40 miglii di Euro/unità rispetto i 31 dell igiene urbn e i 35 delle ttività diversificte). Si ggiunge poi che il 73% del vlore dell produzione totle generto d tli prtecipzioni 15 viene relizzto nei confronti del Comune di Rom e solo il 27% verso terzi. Un nlisi di comprzione temporle tr i vlori del 2002 e quelli del 2003 ssunti dl vlore dell produzione, dl numero di unità di personle, dl costo del lvoro e dl mrgine opertivo lordo, h messo in luce incrementi positivi per tutto il set dei principli indictori. Le performnce migliori sono stte registrte dll igiene urbn e dlle ltre ttività, mentre più problemtic ppre l situzione del Tpl. Il Tpl mostr un incremento del vlore dell produzione pri solo l 3%, con un numero di dipendenti ed un costo del lvoro solo in legger diminuzione, ed un mrgine opertivo lordo che, pur in deciso migliormento, permne di segno negtivo. Il cpitle investito netto è umentto si nel Tpl che nell igiene urbn m è diminuito del 14% per le ttività diversificte, soprttutto in seguito ll contrzione del cpitle circolnte netto. Fig. 1.1 L tipologi di servizio delle imprese del Gruppo Comune di Rom * Anno 2003 Attività di mercto 8,0% Servizio pubblico 92,0% (*) Escluse società quotte. 15 Nel qule, cus dell mncnz di dti, non è stto considerto l pporto di lcune prtecipzioni per un totle pri l 2% del vlore dell produzione. 8

7 Evoluzione del qudro normtivo I principli obiettivi strtegici che le società del Gruppo Comune di Rom intendono perseguire rigurdno per lo più l rzionlizzzione dei costi e lo sviluppo del core business, sempre ll interno del perimetro cpitolino; solo un minornz delle società cmpione ppiono orientte d espndere oltre il territorio comunle l loro ttività. Le principli criticità che interessno il Gruppo sono legte i rischi di dispersione di vlore, dovuti ll presenz di molte ziende bss o negtiv redditività e d un notevole ricorso ll indebitmento, testimonito d grdi di leverge bbstnz elevti d interest coverge rtios spesso molto bssi o negtivi; per l igiene urbn si ggiunge un rischio di dupliczione di funzioni (vi è un elevto numero di ziende con oggetto socile molto simile), l presenz di lcune società inttive ed un condizione di ccentut tensione finnziri, legt principlmente gli effetti del pssggio ll gestione dirett dell triff rifiuti. Fig. 1.2 L loclizzzione del servizio delle imprese del Gruppo Comune di Rom * Anno 2003 Fuori Comune 2,0% Nel Comune 98,0% (*) Escluse società quotte L gestione dei reclmi dei cittdini nelle ziende erogtrici di servizio: verso nuove regole Tr le novità che rigurdno l regolzione dei rpporti tr il Comune di Rom e le ziende erogtrici di servizio ll interno del Contrtto di servizio, occorre segnlre l pprovzione del Regolmento per l gestione ed il trttmento dei reclmi, delle segnlzioni e dei suggerimenti nel 16 Deliberzione del Consiglio Comunle n. 136 del 16 giugno

8 Cpitolo 1 Comune di Rom 16. Il Regolmento, oltre stbilire competenze precise, procedure e tempi certi di lvorzione e rispost i reclmi e suggerimenti dei cittdini-utenti interni ll Amministrzione stess, stbilisce che i Contrtti di servizio e le eventuli Crte dei servizi devono contenere specifiche clusole che impongono lle Aziende l dozione lmeno degli stessi stndrd di qulità dei servizi previsti per il Comune di Rom. In prticolre per le due fsi di più strett comuniczione con i cittdini, cioè l ccoglienz dell segnlzione/reclmo e l reltiv rispost, si prevede l obbligo dell crezione di strutture fisiche (come sportelli e cll center) e l presenz di modulistic, personle, linee telefoniche degute ricevere i reclmi in tutte le forme mmissibili (letter, fx, telefono, post elettronic, ecc ) e l obbligo del rispetto dei tempi di istruttori e rispost, lmeno uguli quelli previsti dl Regolmento Comunle (nche in questo cso 30 giorni). Il Regolmento ttribuisce inoltre ll Agenzi stess l fcoltà di effetture propri monitorggi sull ndmento dei reclmi reltivi lle ziende. Il provvedimento emnto pre un fse di lvoro congiunto dell Amministrzione Comunle e delle Aziende, volt ll estt definizione degli stndrd e delle procedure d inserire nei Contrtti di servizio in essere o in corso di rinnovo, che verrnno sottoposti per il prere preventivo ll Agenzi. Un volt che gli stndrd e le procedure diverrnno obblighi contrttuli, l Agenzi potrà vvire e definire l ttività di monitorggio ttribuit l rigurdo. 1.3 Attività svolt dll Agenzi e risorse Nel periodo tr giugno 2004 e gosto 2005, l Agenzi h sviluppto le ttività di studio e di nlisi economic dei servizi pubblici locli ed h provveduto d ggiornre costntemente i dti sttistici sui servizi pubblici locli Rom (provvisti di confronti nzionli e internzionli) sul proprio sito web. Gli studi hnno rigurdto il settore del trsporto pubblico locle (i cui risultti definitivi sono illustrti nel Cpitolo 2), l struttur delle prtecipzioni del Gruppo Comune di Rom (Cfr. Pr ) e il sistem delle biblioteche di Rom (Cp. 9). Nel corso del corrente nno, sono stti nche vviti progetti di monitorggio dell informzione e dell ssistenz fornite gli utenti di contct center delle principli ziende di servizi pubblici locli (Ace, Am, Atc, St) e dell Amministrzione comunle (060606), l fine di presentre in un ottic comprtiv lo stto dei servizi resi (nche in relzione i risultti ottenuti con le indgini svolte nei precedenti nni). Anlogo studio h rigurdto i livelli quli-quntittivi dei siti web delle ziende del Gruppo Comune di Rom, comprndoli con i siti di nloghe reltà itline ed europee. I risultti delle rilevzioni dei precedenti nni sono presentti nel Cpitolo 10. Nel corso del 2005, sono inoltre proseguite le ttività di monitorggio reltive i servizi pubblici già oggetto di esme nel corso del 2004 (illuminzione pubblic, sost pgmento, igiene urbn e linee A e B dell metropolitn). Il progetto è stto confortto dll pprezzmento esterno per il lvoro sin qui svolto, si dl punto di vist metodologico che opertivo, cos che h suggerito l opportunità di confermre i rilevmenti sui medesimi settori precedentemente osservti (piuttosto che trsferire le risorse disponibili ll esme di nuovi servizi), privilegindo l continuità dell zione di verific onde poter rilevre, nel tempo, l efficci degli interventi in corso o progrmmti di soggetti responsbili dei servizi erogti. Sono infine proseguite, nche nel 2005, le ttività di supporto propositivo e tecnico-conoscitivo nei confronti del Consiglio Comunle, del Sindco e dell Giunt, ttrverso l espressione di preri preventivi ll predisposizione dei Contrtti di servizio, con prticolre ttenzione ll soddisfzione delle esigenze meritevoli di tutel degli utenti Cfr. Elenco Preri ll fine di questo volume. 17 Deliberzione del Consiglio Comunle n. 39/

9 Evoluzione del qudro normtivo L tutel degli utenti L Deliberzione istitutiv 18 ttribuisce ll Agenzi un ruolo importnte per l difes e l tutel dei diritti degli utenti reltivmente l settore dei servizi pubblici locli. Questo compito viene svolto, ll interno dell struttur, dll Are tutel degli utenti ttrverso l vlutzione di reclmi e segnlzioni presentte dgli utenti e dlle Associzioni dei consumtori, nonché ttrverso momenti di coordinmento e consultzione con queste ultime per l definizione di possibili sinergie comuni e di proposte per il migliormento dei servizi pubblici. Nonostnte i limiti circ competenze e poteri 19, l ttività di gestione e di vlutzione dei reclmi d prte dell Agenzi h permesso, oltre ll risoluzione di numerosi csi, nche l identificzione delle principli criticità connesse ll erogzione dei vri servizi ed l rpporto tr soggetti erogtori ed utenti. L Are tutel degli utenti h sviluppto le seguenti ttività: ggiornmento di uno specifico rchivio elettronico per l gestione informtic delle segnlzioni; dozione di un procedur stndrdizzt di lvorzione dell segnlzione ( prtire dl ricevimento d prte dell Agenzi, ll fse dell vlutzione ed l successivo output); insturzione di un rpporto collbortivo con i referenti ziendli responsbili dei rpporti con l utenz; crezione di momenti di coordinmento e consultzione con le Associzioni dei consumtori per l definizione di proposte per il migliormento dei servizi pubblici Attività di monitorggio dei servizi Fr gli ltri compiti e funzioni ttribuiti ll Agenzi dll citt Deliberzione istitutiv, ssumono prticolre rilievo le ttività di verific delle modlità di erogzione d prte dei gestori dei servizi definiti di rispettivi Contrtti di servizio. In proposito, il Regolmento di orgnizzzione dell Agenzi h istituito il Servizio monitorggio qulità dei servizi 20. Le ttività di monitorggio dell qulità dei servizi nel corso dell ultimo nno sono stte sviluppte ttrverso tre direttrici principli: verific dell efficci dei Contrtti di servizio (e delle eventuli conseguenti Crte dei servizi) nell individuzione dei corretti prmetri quli/ quntittivi rppresenttivi del servizio stesso, nonché dei sistemi di monitorggio ivi previsti (qulità prefisst); verific dei sistemi gestionli di reporting opertivo delle ziende previsti nei Contrtti di servizio, l fine di ccertre l solidità delle procedure trmite cui le informzioni sui livelli di servizio vengono prodotte e diffuse in termini veritieri, integri ed ffidbili; verific cmpione del livello e dell qulità degli indictori e degli obiettivi mggiormente rppresenttivi dei servizi resi (qulità erogt). Quest ultimo punto, in prticolre, h dto vit d un specific ttività di monitorggio dell Agenzi reltivmente i servizi di trsporto metropolitno, di sost pgmento, di igiene urbn e di illuminzione pubblic (Cpp. 2, 3, 4 e 5) Attività di comuniczione Nel corso dell ultimo nno trscorso, è stt potenzit l ttività di comuniczione l fine di umentre le opportunità per i cittdini di conoscere i compiti e le ttribuzioni dell Agenzi, in modo d offrire gli stessi un vlido iuto per l tutel e l esercizio conspevole dei propri diritti. Per rggiungere queste finlità, l Agenzi h implementto le cpcità comunictive del proprio sito web, nche con l previsione di sezioni dedicte lle pubbliczioni ed i monitorggi dell Agenzi, nonché ll nlisi e ll pprofondimento di temtiche di prticolre interesse in mteri di servizi pubblici. H inoltre rricchito il sito con l inserimento di dichirzioni udio e video dei componenti il Consiglio dell Agenzi, reltive i monitorggi e gli studi effettuti durnte l nno. L ttività istituzionle dell Agenzi è stt inoltre sostenut d un potenzimento dell comuniczione vi rdio e televisioni, oltre che mezzo stmp. Negli ultimi mesi l Agenzi h orgnizzto convegni per dre mggior rislto d lcuni temi trttti. 18 Deliberzione del Consiglio Comunle n. 39/ L Agenzi è competente solo per le controversie rigurdnti i soggetti erogtori dei servizi pubblici, con potere di segnlzione gli orgni mministrtivi competenti. 20 Per mggiori dettgli sulle crtteristiche dell ttività si ved l Relzione Annule 2004 di quest Agenzi. 11

10 Cpitolo 1 In prticolre, nel mese di luglio è stto presentto presso l Centrle Montemrtini lo studio Dllo sportello l web Servizi digitli e nuovi diritti di cittdinnz nel sistem delle imprese di pubblico servizio Rom. Nel mese di ottobre è stt illustrt in Cmpidoglio l nlisi sulle biblioteche di Rom, complet di riferimenti e confronti con i sistemi bibliotecri di ltre città itline ed europee. Si ricord infine che l Agenzi, come previsto dll rt. 5 dell Deliberzione istitutiv, present nnulmente in Cmpidoglio un Relzione che sintetizz l ttività dell intero nno di lvoro. Per le ultime due edizioni (quell del 2004 e quell presente, del 2005) l presentzione è stt fisst l mese di novembre, modificndo l precedente consuetudine di pubblicre l Relzione Annule nel mese di giugno, con il vntggio fr gli ltri di vere ccesso bnche dti e bilnci d esercizio più recenti per l ggiornmento degli studi settorili Il bilncio 2005 e l ttività istituzionle Per lo sviluppo delle ttività istituzionli sopr descritte, l spes si è ttestt nche per il 2004 ttorno i ,00 Euro dell esercizio precedente. Tle obiettivo è stto rggiunto nonostnte l diminuzione del contributo erogto dll Amministrzione comunle per il funzionmento dell Agenzi nche grzie lle economie relizzte dll gestione mministrtiv, che h cercto di coniugre l economicità con l qulità dei beni e dei servizi cquistti. In totle sintoni con qunto vvenuto negli nni precedenti, il bilncio di previsione del 2005 è stto elborto secondo le direttive contenute nel regolmento di contbilità dell Agenzi e sull bse delle esigenze funzionli delle Aree e dei Servizi e degli obiettivi e dei progrmmi definiti dl Consiglio dell Agenzi Il personle ed i collbortori esterni Per lo svolgimento dei propri compiti l Agenzi può vvlersi, così come previsto dll rt. 3, comm II, dell Deliberzione istitutiv, di personle dell Amministrzione Comunle o di ltri enti pubblici ovvero di ziende e società del Gruppo Comune di Rom, nel numero mssimo di 12 unità. Per obiettivi specifici e con contrtti tempo determinto può inoltre vvlersi di collborzioni esterne nel limite mssimo di 3 unità. Ad oggi il personle disposizione dell Agenzi è di 10 unità, di cui 2 con contrtto tempo determinto (Tv. 1.1). Tv. 1.1 Personle dell Agenzi per qulific e tipo di contrtto Qulific Comndti dll A.C. Comndti d Aziende Collbortori esterni Totle Dirigenti Funzionri Istruttori 5 5 Totle Il consolidmento e l mplimento delle ttività istituzionli e, soprttutto l estensione dei monitorggi sull qulità nuovi settori dei servizi pubblici locli, hnno richiesto nuove competenze e professionlità che l Agenzi h provveduto reperire si dll esterno, ttrverso il ricorso contrtti progetto, che ll interno dell propri struttur con l formzione e l specilizzzione del personle comndto Collborzione dell Agenzi con ltri Enti, Orgnismi e Istituzioni L Agenzi h proseguito, nel corso del 2005, l su collborzione con l Autorità per l Energi Elettric e il Gs nell relizzzione del Progetto di Gemellggio Phre Strengthening of the Energy Mrket Regultor con l Energy Mrket Regultory dell Turchi (EMRA), finn- 12

11 Evoluzione del qudro normtivo zito dll Commissione europe nell mbito del progrmm di ssistenz finnziri propedeutico ll ccesso dell Turchi nell Unione europe. Il progetto è finlizzto l rfforzmento istituzionle del regoltore ed ll degumento dell regolmentzione turc lle norme del mercto unico europeo dell energi e prevede circ 200 giornte di formzione. Altr significtiv inizitiv cui l Agenzi st prtecipndo ssieme l Comune di Rom è il progetto CI.R.CO.LO. CIttdini in Reti di COmunità LOcli, coofinnzito dl Centro Nzionle per l Informtic nell Pubblic Amministrzione. L obiettivo primrio del progetto è lo sviluppo di un processo prteciptivo con modlità mist, on line e off line, d proporre i cittdini di tre contesti territorili (città di Rom, Grosseto e Torino). L oggetto del processo srà un servizio pubblico locle opportunmente selezionto come prim sperimentzione del modello di prtecipzione. Srà quest l occsione per definire momenti di scmbio e confronto tr chi è responsbile di un servizio e chi ne fruisce e per ottenere, come risultto finle, nche l formulzione di contrtti di servizio più efficienti. I cittdini diventernno, così, uno degli ttori dell politic pubblic che impegn Comune ed ziende erogtrici nell redzione e gestione dei contrtti di servizio, ttrverso un ttività prteciptiv rticolt in momenti di formzione, formzione, propost e consultzione. A seguito di quest prim esperienz si drà vit d un processo replicbile in ltri contesti (ltri servizi, ltre politiche pubbliche) fvorendo l ffermzione di un cultur dell prtecipzione e dell scolto. Altr ttività ttribuit ll Agenzi con Deliberzione C.C. n. 35 del 15 mrzo 2004 (Pino Regoltore Socile) è quell reltiv ll predisposizione di un progetto per l vlutzione dell qulità erogt e percepit reltiv lle prestzioni di ssistenz domicilire rese dgli Enti e soggetti ccreditti d nzini, minori e porttori di hndicp. I risultti dell ttività di monitorggio che verrà implementt seguito dell fse opertiv del progetto costituirnno elemento di giudizio dell Amministrzione Comunle circ l permnenz o meno dei requisiti per l iscrizione nei Registri di ccreditmento per gli Enti. Per dempiere tle incrico è stt stipult un convenzione con l Fcoltà di Sociologi dell Università degli Studi di Rom L Spienz Cttedr di Sociologi Corso Avnzto, vente per oggetto l predisposizione di uno studio di fttibilità per l definizione degli strumenti metodologici deguti e delle tecniche di rilevzione idonee l rggiungimento degli obiettivi fissti dll citt Deliberzione comunle, ed in prticolre tti : 1) Verificre l corrispondenz tr tipologi di interventi previsti ed interventi effettivmente erogti 2) Effetture un riscontro dell frequenz dei servizi erogti rispetto qunto previsto 3) Vlutre l qulità degli interventi, in termini di soddisfzione d prte degli utenti Sempre l fine di dempiere con mggiore efficci ed efficienz l mndto istituzionle, l Agenzi h stipulto nel settembre 2005 un protocollo d intes con il Rotry Club di Rom Est, ssocizione che h, tr le ltre finlità sttutrie, quell del sostegno lle Autorità locli per un efficiente erogzione di servizi pubblici essenzili. Il protocollo d intes prevede che il Rotry Club si impegni d offrire, in vi sperimentle fino l 30/6/2006 ed titolo completmente grtuito, un sostegno opertivo lle ttività di monitorggio svolte dll Agenzi nei seguenti servizi: Igiene urbn (monitorggio dell qulità del servizio di spzzmento e rccolt); Illuminzione pubblic (monitorggio dell qulità del servizio di riprzione dei punti luce spenti). Le collborzioni e le prtecipzioni i progetti sopr descritti hnno costituito un significtiv occsione di crescit professionle per il personle coinvolto, ed hnno evidenzito, ncor un volt, qunto si importnte lo scmbio livello nzionle ed internzionle delle esperienze in mteri di controllo e monitorggio dei servizi pubblici. 13

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 Allegto ll D.G. n. 20 del 20 febbrio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 1 Sommrio 1. Dti d pubblicre... 3 2. Modlità di pubbliczione

Dettagli

10. L accessibilità dei servizi

10. L accessibilità dei servizi 10. L ccessibilità dei servizi L ccessibilità dei servizi può essere interprett come un specificzione del principio di universlità, richimto nel Libro Binco sui servizi di interesse generle 1. All nozione

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi 15. I servizi cimiterili nel Comune di Rom Nell mbito degli pprofondimenti temtici nel settore socile, in questo cpitolo vengono esminti, dl punto di vist quntittivo e qulittivo, i servizi cimiterili nel

Dettagli

nelle aziende del Gruppo Comune di Roma 10. Pari opportunità di genere 10.1 Obiettivi dell analisi

nelle aziende del Gruppo Comune di Roma 10. Pari opportunità di genere 10.1 Obiettivi dell analisi 10. Pri opportunità di genere nelle ziende del Gruppo Comune di Rom 10.1 Obiettivi dell nlisi Il 2007 è stto proclmto d prte dell Unione Europe, con decisione n. 771/2006/CE, nno per le pri opportunità

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsbile: Settore Tecnico NUMERAZIONE GENERALE N. 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 68 in dt 10/07/015 OGGETTO: CIG: ZD514AB0B - AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RIPARAZIONE AUTOVETTURA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 3_18/12/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione Il sistem itlino dei confidi: tr stori ed evoluzione Corso di investment bnking nd rel estte finnce Università degli Studi di Prm Prm, lì 25 febbrio 2014 I punti di nlisi L stori dei confidi: gli interventi

Dettagli

Sintesi del Programma Operativo F. S. E. 2007-2013

Sintesi del Programma Operativo F. S. E. 2007-2013 Sintesi del Progrmm Opertivo F. S. E. 2007-2013 REGIONE BASILICATA Diprtimento Formzione, Lvoro, Cultur, Sport p_fuccell Sintesi del Progrmm Opertivo Bsilict F. S. E. 2007-2013 INDICE 1. L strtegi generle

Dettagli

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici ALLEGATO A) Disciplinre del Fondo per l Progettzione degli Interventi Strtegici 1. Finlità del fondo Al fine di rzionlizzre e ccelerre l spes per investimenti pubblici, con prticolre rigurdo ll relizzzione

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo 2_27/06/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE - Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrto Territorile NORD BARESE Andri Brlett Bisceglie Bitonto Cnos di Pugli Corto Giovinzzo Mrgherit di Svoi Molfett Ruvo di Pugli Sn Ferdinndo di Pugli Terlizzi Trni

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 4_01/08/2014 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

5. Il servizio di illuminazione pubblica

5. Il servizio di illuminazione pubblica 5. Il servizio di illuminzione pubblic L illuminzione delle ree urbne rppresent un servizio di pubblic utilità vente rilevnz economic, soggetto obblighi di continuità, sicurezz e universlità. L normtiv

Dettagli

8. I servizi culturali

8. I servizi culturali 8. I servizi culturli Tr le innovzioni introdotte nell mbito dell Relzione Annule, un prticolre importnz ssume tr gli pprofondimenti settorili l introduzione di un nuovo cpitolo intermente dedicto l settore

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

o d M k m J B \< 2 i 0

o d M k m J B \< 2 i 0 Dt P ro i n, j G e g m o o d M k m J B \< 2 i 0 Lo scostm ento tr li preventivo sse st to e 1! consuntivo pri 73,0 min di minori u scite è dovuto : 1. m ggiori uscite per sp e se di funzionm ento reltive

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

Verifica finale del modulo su programmazione e budget nelle imprese industriali e bancarie

Verifica finale del modulo su programmazione e budget nelle imprese industriali e bancarie di Mrgherit Amici supervisore Ssis Lzio Strumenti 35 APRILE/MAGGIO 2005 Verific finle del modulo su progrmmzione e budget nelle imprese industrili e bncrie Acompletmento dell rticolo pubblicto sul n. 34

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA io chiedo l pensione di vecchii P R O T O C O L L O I N P D A P All'Inpdp sede di 0 1 0 1 0 1 0 1 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento.

Dettagli

7. Il servizio di illuminazione pubblica

7. Il servizio di illuminazione pubblica 7. Il servizio di illuminzione pubblic L illuminzione delle ree urbne rppresent un servizio di pubblic utilità vente rilevnz economic, soggetto obblighi di continuità, sicurezz e universlità. Per il settore

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma 9. Il sistem delle biblioteche comunli Rom Il ptrimonio bibliogrfico pubblico rppresent un importnte ricchezz collettiv e il compito delle mministrzioni locli che lo gestiscono è quello di conservre i

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicre se le seguenti ffermzioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contbili. Per correttezz tecnic come clusol generle di formzione del bilncio si intende conoscenz

Dettagli

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO in cso di mncto recpito Koinè srl c/o Firenze CMP Accettzione G.C.50019 Sesto F.no Energetic Source Luce & Gs S.p.A. - Società soggett direzione e coordinmento d prte di Energetic Source S.p.A. Sede Legle

Dettagli

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/-

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- VIosPEoALE S^n.(GBr\R,,r,,1,,:r, ;,;;,; rr, r'-'-rr, "r,-^no -37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- KR/p Foglio n. 1 di 4 OGGETTO: decreto 19 mrzo 2015 - ggiornmento dell regol tecnic di prevenzione

Dettagli

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo)

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo) Ctlogo ettglito elle prestzioni 2015 (cfr. rt. 14 el regolmento el fono) Prestzioni e gli OML reg. e cnt. (Slute e) Socile : Sviluppo e mntenimento i un sistem completo i formzione professionle i bse e

Dettagli

13. La Fondazione Bioparco

13. La Fondazione Bioparco 13. L Fondzione Bioprco In questo cpitolo si propone un sintesi dell prim fse dello studio condotto dll Agenzi sull Fondzione Bioprco di Rom e pubblicto nel mese di Febbrio 2008 1. L nlisi, per il momento

Dettagli

Domanda di ratei di pensione maturati e non riscossi dal pensionato deceduto

Domanda di ratei di pensione maturati e non riscossi dal pensionato deceduto All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198 Rom DIREZIONE PREVIDENZA - AREA PRESTAZIONI Modello PR9029 Dt Domnd di rtei di pensione

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Vi Boito, n 27 41053 Mrnello Tel. 0536/941110 - fx 0536/945162 Anno Scolstico 2014/2015 Scuole dell Infnzi Sorelle Agzzi e C.Cssini L Scuol dell Infnzi, sttle

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a.

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a. Al Comune di Cursi Pizz Pio XII, snc 73020 CURSI (LE) ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/ nto/ il residente

Dettagli

pubblica 6. Il servizio di illuminazione 6.1 Quadro regolatorio

pubblica 6. Il servizio di illuminazione 6.1 Quadro regolatorio 6. Il servizio di illuminzione pubblic 6.1 Qudro regoltorio L illuminzione pubblic rppresent il tipico servizio di pubblic utilità di rilevnz economic 1, soggetto d obblighi di continuità, sicurezz ed

Dettagli

SAP Business One Top 10

SAP Business One Top 10 SAP Business One Top 10 Dieci motivi per cui le PMI scelgono SAP Business One 1 6 Affidbilità Le PMI riconoscono in SAP un leder su cui poter fre ffidmento. Personlizzzione SAP fornisce soluzioni personlizzte

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) residente in vi /pizz

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

Alcune nostre realizzazioni

Alcune nostre realizzazioni L nostr stori L Mistem di Pelizzri M. & C snc. relizz impinti ed utomzioni elettriche, impinti fotovoltici, impinti domotici, clen-rooms. Nostro impertivo è quello di diventre l unico intermedirio elettrico

Dettagli

io chiedo la pensione di vecchiaia

io chiedo la pensione di vecchiaia io chiedo l pensione di vecchii PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp sede di 01010101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Più in lto voli, più lontno vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Certi ctions for high performnce Presentzione Aziendle / Compny Profile GCERTI ITALY è un ente di certificzione

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica Vi Lmrmor, 35 00010 Villnov di, Rom, 1. Tipologi progetto : Didttic curriculre Didttic extr-curriculre Accoglienz, orientmento, stge Formzione del personle Altro.. 2. Denominzione progetto Indicre Codice

Dettagli

7. Servizio idrico integrato

7. Servizio idrico integrato 7. Servizio idrico integrto 7.1 Qudro regoltorio e spetti istituzionli Il servizio idrico integrto (SII) si riferisce ll insieme dei servizi idrici connessi con l uso umno dell risors idric: l cptzione,

Dettagli

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia ZSAM CCAPORME TERAMO REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinri snitri, profession&e, tecnic ed mministrthi Term o, 4 prile 2017 E E -- ndice PREMESSA.3 ARTICOLO i Criteri generli

Dettagli

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e )

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e ) C O M U N E D I F U C E C C H I O ( P r o v i n c i d i F i r e n z e ) SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO E AMBIENTE ALLEGATO A VERBALE DI ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONI RELATIVE AL PER IL RILASCIO DI N. 4 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

La costituzione d azienda

La costituzione d azienda L costituzione d ziend Esercizio1 In dt 15/01/X si costituisce, per volontà dei soci Alf e Bet, l Eridice S.p.A. Il cpitle socile, costituito d 40.000 zioni ordinrie d 10 euro nominli ciscun, viene sottoscritto

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

Lo diceva Douglas Adams ;) adesso è tempo di sofware libero

Lo diceva Douglas Adams ;) adesso è tempo di sofware libero Lo dicev Dougls Adms ;) desso è tempo di sofwre libero fvi (dot) mrzno (t) gmil (dot) com htps://ilnuovomondodiglte.fles.wordpress.com/2009/03/clessidr.jpg?w=461 L nostr btgli? Direi di no htps://encrypted-tbn0.gsttc.com/imges?q=tbn:and9gcr_ix0vzdxuon79_kcwvjbuvfidnritewyimyd56ppaloe6lsh4

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI cur di Dniel Corbett P.S.: l fine di trttre in modo esustivo l rgomento, si precis che nei seguenti esercizi

Dettagli

Policy L integrità nelle nostre operations

Policy L integrità nelle nostre operations Policy integrità nelle nostre opertions Approvto dl Consiglio di Amministrzione di eni sp il 27 prile 2011. 1. cultur dell integrità nelle opertions 3 2. slute, l sicurezz e l mbiente 4 3. security 5 2

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmte.org SIDEWEB è un società di servizi nt dll entusismo e dll esperienz pluriennle di coloro che hnno operto per nni nelle orgnizzzioni di tutel individule e collettiv, contribuendo con l propri

Dettagli

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via pec a: Io sottoscritto / a

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via  pec a: Io sottoscritto / a D invire trmite rccomndt /r o vi e-mil pec : prestzioni@pec.cssrgionieri.it Io sottoscritto / All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198

Dettagli

[Preambolo] Livellamento remunerativo Italia-Europa

[Preambolo] Livellamento remunerativo Italia-Europa Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 Gzzett Ufficile 6 luglio 2011, n. 155 Disposizioni urgenti per l stbilizzzione finnziri. Convertito in legge, con modificzioni, dll'rt.1 L. 15.07.2011, n.111 con decorrenz

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) nto/ il residente in

Dettagli

2. Il servizio di trasporto pubblico di linea

2. Il servizio di trasporto pubblico di linea 2. Il servizio di trsporto pubblico di line Nell ultimo decennio, il settore del trsporto pubblico locle (Tpl) è stto interessto d un riform orientt migliorre l efficci e l efficienz del servizio medinte

Dettagli

affissioni e pubblicità 12. Analisi del servizio 12.1 Premessa

affissioni e pubblicità 12. Analisi del servizio 12.1 Premessa 12. Anlisi del servizio ffissioni e pubblicità 12.1 Premess In questo cpitolo sono riportti i principli risultti scturiti d uno studio condotto dll Agenzi nel mese di mggio 2007 sul Servizio Affissioni

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

Versione integrata e modificata con deliberazioni 21 febbraio 2013, 73/2013/R/idr, 28 febbraio 2013, 88/2013/R/idr e 15 marzo 2013, 109/2013/R/idr

Versione integrata e modificata con deliberazioni 21 febbraio 2013, 73/2013/R/idr, 28 febbraio 2013, 88/2013/R/idr e 15 marzo 2013, 109/2013/R/idr Versione integrt e modifict con deliberzioni 21 febbrio 2013, 73/2013/R/idr, 28 febbrio 2013, 88/2013/R/idr e 15 mrzo 2013, 109/2013/R/idr DELIBERAZIONE 28 DICEMBRE 585//R/IDR REGOLAZIONE DEI SERVIZI IDRICI:

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Quadro di sintesi dei principali obblighi di pubblicità, trasparenza e comunicazione connessi all affidamento di appalti pubblici di lavori, servizi

Quadro di sintesi dei principali obblighi di pubblicità, trasparenza e comunicazione connessi all affidamento di appalti pubblici di lavori, servizi Qudro di sintesi dei principli obblighi di pubblicità, trsprenz e comuniczione connessi ll ffidmento di pplti pubblici di lvori, servizi e forniture per le Istituzioni Scolstiche Febbrio 2014 prot. AOODGAI

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-05-2016 (punto N 24 ) Deliber N 454 del 17-05-2016 Proponente STEFANO CIUOFFO DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE Pubblicit /Pubbliczione

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Data. Da inviare tramite pec a: Io sottoscritto / a

Data. Da inviare tramite  pec a: Io sottoscritto / a D invire trmite e-mil pec : ssistenz@pec.cssrgionieri.it Io sottoscritto / All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198 Rom DIREZIONE

Dettagli

14. Le farmacie comunali

14. Le farmacie comunali 14. Le frmcie comunli Nell mbito degli pprofondimenti temtici sul settore socile, l Agenzi h vvito uno studio sull ziend specile frmceutic del Comune di Rom Frmcp, con l obiettivo di nlizzre l offert dei

Dettagli

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant Più intelligenz nell rete grzie ll nlisi in tempo rele dei dti provenienti d sistemi SCADA Mrino Mrcino IBM GBS Senior Consultnt Novembre 2013 L Soluzione SmrtGridIntelligence L SoluzioneSmrt GridIntelligence

Dettagli

elettrica e gas 5. Distribuzione di energia 5.1 Quadro regolatorio, aspetti organizzativi e istituzionali

elettrica e gas 5. Distribuzione di energia 5.1 Quadro regolatorio, aspetti organizzativi e istituzionali 5. Distribuzione di energi elettric e gs 5.1 Qudro regoltorio, spetti orgnizztivi e istituzionli Dl punto di vist regoltorio le principli novità sono riferite l servizio elettrico, con il completmento

Dettagli

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo Not metodologic numeri indici dei prezzi l consumo misurno le vrizioni nel tempo dei prezzi di un pniere di eni e servizi rppresenttivi di tutti quelli destinti l consumo finle delle fmiglie presenti sul

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Cm er dei D eputti 81 Sen to dell R epubblic XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PAGINA BIANCA Cm er dei D eputti - 83 - S en to dell R epubblic

Dettagli

Le verifiche finali e le scritture di assestamento

Le verifiche finali e le scritture di assestamento Numero 60/2012 Pgin 1 di 8 Le verifiche finli e le scritture di ssestmento Numero : 60/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prssi : Scric l guid complet sulle scritture di chiusur e il pssggio del bilncio d

Dettagli

Questionario customer satisfaction Career Day 2014

Questionario customer satisfaction Career Day 2014 Questionrio customer stisfction Creer Dy 2014 INTRODUZIONE Attrverso il softwre Survey System è stto sottoposto un questionrio gli/lle studenti/studentesse e lureti/e dell'università di Mcert che hnno

Dettagli

Prefettura di A/essan dria Ilfficio Territoriale del Governo

Prefettura di A/essan dria Ilfficio Territoriale del Governo Prefettur di A/essn dri Ilfficio Territorile del Governo PROTOCOLLO DI INTESA PER LA îorì ;TTTRA DI DATI E L'INTERSCAIUIBIO DI INîORMAZIONI stii RAPP}RTI DI I.AvoRo DEI CITTADINI S?RANrERI TRA LA PREFETTURA

Dettagli

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007 SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008 Associzione Genitori Scuole Cttoliche 5 ottobre 2007 Proseguendo nell trdizione formtiv dell Associzione Genitori Scuole Cttoliche,

Dettagli

7. Il servizio di distribuzione del gas naturale

7. Il servizio di distribuzione del gas naturale 7. Il servizio di distribuzione del gs nturle Come il settore dell energi elettric, nche quello del gs, ncor regolto livello nzionle in lcuni segmenti, è oggetto di un progressiv liberlizzzione si sul

Dettagli

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile Allegto C ll Deliber n. 509/10/CONS L metodologi di clcolo del costo medio ponderto del cpitle (WACC) degli opertori di rete mobile 1. Introduzione 1. In bse ll rt. 50 del Codice delle Comuniczioni, l

Dettagli

Schede operative. Contabilità & Reddito d impresa. Il marchio d impresa: natura e definizione normativa

Schede operative. Contabilità & Reddito d impresa. Il marchio d impresa: natura e definizione normativa Schede opertive Contbilità & Reddito d impres Cessione di mrchio d impres: conseguenze fiscli e contbili in cso di lese bck Il mrchio d impres può essere ceduto congiuntmente ll ziend oppure in modo seprto;

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

3. La gestione della mobilità urbana e i taxi

3. La gestione della mobilità urbana e i taxi 3. L gestione dell mobilità urbn e i txi L mobilità urbn rppresent uno dei principli elementi su cui viene generlmente misurt l qulità dell vit delle città. Un sistem di mobilità efficiente, che si in

Dettagli

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI 8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI Movimentzione di mgzzino: le principli scritture contbili 8. Le rilevzioni contbili 8.1. 8.1. LE RILEVAZIONI CONTABILI Le rilevzioni ttinenti

Dettagli

5. Il servizio di igiene e decoro urbano

5. Il servizio di igiene e decoro urbano 5. Il servizio di igiene e decoro urbno Il servizio di igiene urbn si inqudr nel più mpio servizio dell gestione integrt del ciclo dei rifiuti urbni, che comprende nche le fsi successive ll rccolt: riciclggio,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M LE FONTI DI FINANZIAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Le fonti di finnzimento in un società comprendono: ) il cpitle socile b) il cpitle di credito c) l utofinnzimento

Dettagli

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00 CONTRIBUTI I contributi, in bse ll loro motivzione e destinzione possono suddividersi in: - contributi in conto esercizio - seguono il principio di competenz; - contributi in conto impinti - seguono il

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 6 luglio 2011, n. 155. [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 6 luglio 2011, n. 155. [Preambolo] www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 Gzzett Ufficile Repubblic Itlin 6 luglio 2011, n. 155 Disposizioni urgenti per l stbilizzzione finnziri. [Mnovr d'estte 2011] Convertito

Dettagli

tt,rs H# H,È+a see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà"#g $$=.rts

tt,rs H# H,È+a see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà#g $$=.rts uceù scr {înco 9tr4LÉ tt,rs H# H,È+ see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà"#g $$=.rts R-fidfihàni D i stretto S co I sti co n" 43 LICEO SCIENTIFICO STATALE..ELIO VITTORINI'' www.el iovittori n i n pol

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Troccoli SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione dell Università e dell Ricerc Vi Felicizz n. 22-870 Frz. Luropoli di CASSANO ALL

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA' "A"

CENTRO DI RESPONSABILITA' A PREENTIO FINANZIARIO GESTIONALE PLURIENNALE ES. 2015 2016 2017 CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA Residui ttivi presunti ll fine dell'nno in dell'nno in per l'nno 2015 Previsioni di css per l'nno 2015

Dettagli