emissionidiassegnibancariopostaliedeititolaridicartedi pagamento pg revocate. Sportello Informatico dei Protesti presso la Camera di Commercio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "emissionidiassegnibancariopostaliedeititolaridicartedi pagamento pg revocate. Sportello Informatico dei Protesti presso la Camera di Commercio."

Transcript

1 per GIORNATA FORMATIVA SIC - Sistemi di Informazioni Creditizie

2 Le banche dati più importanti 2 SIC Banche dati private che gestiscono informazioni relative a richieste/rapporti di credito che banche e società finanziarie (enti partecipanti) trasmettono mensilmente. Centrale Rischi Banca d Italia fornisce agli enti creditizi la valutazione dei rischi derivanti dal cumulo di affidamenti in capo ad un unico soggetto. CAI (Centrale d Allarme Interbancaria) è istituita presso la Bn Banca d Italia e registra i nmintiidi nominativi dei soggetti interdetti tti alle emissionidiassegnibancariopostaliedeititolaridicartedi pagamento pg revocate. Sportello Informatico dei Protesti presso la Camera di Commercio.

3 3 Qual è la funzione dei SIC I SIC consentono a banche e società finanziariei i di gestire il rischio connesso all attività creditizia: le informazioni in essi contenuti permettono, infatti, agli enti finanziatori di erogare il credito solamente ai soggetti affidabili. LA RESPONSABILITÀ È SEMPRE DELL INTERMEDIARIO I consumatori, a loro volta, sono tutelati dal rischio di un eccessivo indebitamento. t Se l esposizione i debitoria i risulta superiore alla capacità di rimborso, difficilmente verrà concesso un ulteriore finanziamento.

4 4 Ambito btodi credito edtoal consumo o I SIC censiscono rapporti di credito al consumo, di mutuo, di scoperto di conto. I rapporti più numerosi sono di credito al consumo. Il credito al consumo è una tipologia di credito destinata esclusivamente al consumatore, generalmente concessa sottoforma di dilazione di pagamento per l acquisto di beni o servizi (prestito finalizzato) o sottoforma di altra facilitazione i finanziaria (prestito personale, carta di credito, fido di conto, ecc). Il limite minimo del credito al consumo è pari ad euro 200,00 e quello massimo è pari ad euro ,00.

5 Normativa adi riferimento e 5 Codice privacy (D. Lgs. 196/2003) attuale normativa in materia di privacy: Introduzione dei codici di deontologia e buona condotta di settore (Art. 117 del Codice privacy). Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, pg in vigore dal 1 gennaio 2005 (La stesura del Codice deontologico ha coinvolto diversi soggetti quali: Garante per la privacy, le associazioni dei consumatori, le associazioni dei partecipanti p e dei SIC). ) Provvedimento Autorità Garante dei dati personali del 18 marzo Legge 148/11 esclusivamente per la parte relativa alla cancellazione di segnalazioni dei ritardati pagamenti (Novità).

6 Codice Deontologico 6 Il Codice Deontologico ha disciplinatoi alcuni importantii aspetti che riguardano i SIC, tra i quali: la natura e lecategorie did dei dati trattati disic dai SIC; le informative da fornire agli interessati; i tempi di conservazione did dei dati, stabilendo tempi differentii per le diverse casistiche; le modalità della segnalazione relativa al primo ritardo di pagamento; l introduzione delle note informative; le modalità di gestione delle contestazioni dei dati da parte degli interessati le modalità di gestione della revoca del consenso.

7 7 Codice Deontologico Requisiti iti e categorie dei dati Le informazioni che definiscono richiesta/rapporto, sono: tipologia (es. prestito personale, mutuo ipotecario, ecc.); data di richiesta ihi e/o attivazione i e di termine, quando applicabile; fase (es. richiesta, rinuncia dell interessato, rifiuto del Partecipante, estinto, ecc.); importo (es. prestito rateale o limite di utilizzo della carta o importo del fido, importo del mutuo, ecc.); data ultimo li aggiornamento trasmessa dlp dal Partecipante; tipo di garanzia prestata, quando applicabile; descrizione del piano di rientro, quando presente (numero rate, periodicità, importo); andamento dei pagamenti (regolare o con inadempimento: ritardo regolarizzato o non regolarizzato, sofferenza ecc.).

8 8 Codice Deontologico Modalità di raccolta e registrazione i dei dati Registrazione i did dei dati: al momento della richiesta di finanziamento, l ente partecipante t interroga il SIC e verifica le informazioni creditizie del richiedente; ogni accesso dell ente partecipante viene registrato come nuova richiesta di finanziamento. Aggiornamento dei dati: il partecipante aggiorna con cadenza mensile i dati registrati nel SIC; ogni mese, quindi, il partecipante trasmette al SIC nuove informazioni relative all andamento dei pagamenti pg o a significativi eventi che riguardano il rapporto di credito.

9 Codice Deontologico Tempi di conservazione dei dati 9 Tempi di conservazione dll dell intero contratto rapporti di credito in richiesta ihi e non perfezionati: i 180 giorni dalla data di richiesta; rapporti di credito non perfezionati (rinunciati e rifiutati): 30 giorni dalla data di ultimo aggiornamento su richiesta dell interessato; rapporti di credito con segnalazione di inadempimenti non sanati (sofferenza, perdita o cessione del credito): 36 mesi dalla data di scadenza contrattuale o dall ultimo aggiornamento; rapporti di credito estinti (positivi): 36 mesi dalla data di fine del rapporto.

10 10 Codice Deontologico Modalità di raccolta e registrazione i dei dati Registrazione dei ritardi di pagamento: Il primo ritardo nei pagamenti gode di una franchigia di 60 giorni dal momento della segnalazione da parte dell ente partecipante al Sic. Il partecipante p è tenuto ad informare l interessato circa l imminente segnalazione negativa, che diventa visibile nel SIC solo decorsi almeno quindici giorni dalla spedizione del preavviso (problema: i giorni sono 60 o ). In seguito, ogni ritardo è iscritto immediatamente ed è visibile con l aggiornamento mensile.

11 11 Codice Deontologico Tempi di conservazione dei dati Tempidi conservazione diit dei ritardi di pagamento Fino a 2 rate o mesi di ritardo: 12 mesi dalla comunicazione al SIC della regolarizzazione. Più di 2 rate o mesi di ritardo: 24 mesi dalla comunicazione al SIC dll dellaregolarizzazione. l i In caso di cessione del credito, l intermediario segnala al SIC la chiusura del rapporto, riportando il fatto che il credito è stato ceduto. In caso di regolarizzazione successiva è opportuno che il debitore si faccia rilasciare i una liberatoriai dl del cessionario, i in quanto quest ultimo non è tra i soggetti legittimati a contribuire dati ai SIC quindi non potrà chiedere alcuna modifica della segnalazione.

12 12 Codice Deontologico Tempi di conservazione dei dati Tempi di conservazione di dei ritardi di pagamento Riforma ex legge 148/11 Le persone fisiche e giuridiche hanno diritto alla integrazione nei dati inseriti nelle banche dati con la segnalazione relativa alla regolarizzazione dei pagamenti entro 10 giorni dai pagamenti stesso. L intermediario che riceve il pagamento deve immediatamente comunicarlo al SIC. Per le segnalazioni regolarizzate e già inserite nelle banche dati relative a mancati pagamenti di rate inferiori i i a sei mesi o di un unica rata semestrale devono essere aggiornate secondo quanto previsto al comma precedente (entro 10 giorni).

13 13 Codice Deontologico Conservazione e aggiornamento dei dati Il consumatore può rivolgere istanza di revoca del consenso al trattamento dei propri dati positivi censiti nel SIC (cancellazione dati positivi). Questo significa che potranno essere cancellati solo i dati relativi a consumatori che abbiano estinto regolarmente il credito, ma: con la cancellazione n viene in mn meno la rfrnz referenza creditizia e rimangono censiti eventuali rapporti di credito condati dtinegativi. i

14 14 Codice Deontologico Conservazione dei dati negativi Il consumatore non può, invece, revocare il consenso al trattamento dei dati negativi, iquali vengono cancellati dai SIC in automatico solo al termine dei tempi stabiliti dalla normativa. È possibile ottenere la cancellazione (meglio, la rettifica) dei dati negativi errati, non aggiornati o frutto di truffe o simili.

15 15 Codice Deontologico Accesso ed esercizio di altri diritti degli interessati Il diritto di accesso ai dati da parte del consumatore può essere esercitato tramite istanza rivolta sia al gestore sia al partecipante, anche delegando un terzo (nb: attenzione soggetti sospetti). Allo stesso modo, l interessato può esercitare tuttiidirittidicuiall art.7delcodiceprivacy, quali il dirittoi di ottenere la modifica, l aggiornamento, l integrazione, oltre alla cancellazione dei dati illecitamente trattati.

16 16 Codice Deontologico Contestazioni t i di dati errati o non aggiornati L interessato può contestare i dati che ritiene ii errati onon aggiornati, inoltrando reclamo al gestore del SIC (nb: motivazioni in fatto e in diritto + prove documentali), quindi: il gestore chiede all ente partecipante di verificare i dati alla luce delle contestazioni dell interessato. se la verifica dura più di 15 giorni, il gestore sospende la visibilità dell intero contratto (oscuramento). a seconda dell esito delle verifiche, la posizione viene rettificata/cancellata/riconfermata e torna visibile.

17 17 Casistica reclami (cancellazione/rettifica dei dati) Errori dll della banca/finanziaria: i i di contribuzione dei dati ai SIC; di contabilizzazione dei pagamenti; pg di mancato aggiornamento della posizione; di altro genere (es: tardivo invio dei bollettini/errate o omesse comunicazioni al soggetto finanziato, ecc). Errori di terzi o, comunque, non imputabili al debitore (es: errori di trasmissione dei pagamenti tra banche, ecc). Problemi con il venditore del bene acquistato a rate: rapporto di esclusiva tra venditore e finanziaria: cancellazione totale; no esclusiva: inserimento di nota che indica le contestazioni relative all inadempimento del venditore; cancellazione/rettifica a discrezione della finanziaria (dipende da regolarizzazione/comportamento venditore).

18 18 Casistica reclami (cancellazione/rettifica dei dati) Truffe (es: furti di identità, falsificazione della firma, ecc.) = cancellazione. Nel caso il garante/coobbligato non fosse a conoscenza dll dellostato tt di insolvenza dldbit del debitore principale (mancata comunicazione dei ritardi, ecc) si ha la cancellazione dei dati, a discrezionei della banca/finanziaria.

19 Modello di delega 19 DELEGA PER ESERCIZIO DEI DIRITTI DI CUI ALL ART. ART. 7 D. LGS. 196/2003 nei confronti di CRIF EXPERIAN - CTC ASSILEA Il sottoscritto nato a (provincia) il i il residente in via/p.za n. città (provincia) CAP recapito telefonico fax indirizzo posta elettronica documento di riconoscimento (tipo) n. rilasciato da in data e Codice fiscale, DELEGA ai sensi del comma 2 dell articolo 9 del D.Lgs. 196/2003 ( Codice ), nonché del comma 3 dell art. 8 del codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, affinché assuma l incarico di rappresentarlo in relazione all esercizio in suo nome e per suo conto dei diritti di cui all articolo 7 del Codice nei confronti di CRIF, EXPERIAN, CTC ed ASSILEA, in relazione al trattamento di dati personali effettuato nell ambito dei Sistemi di Informazioni Creditizie dalle stesse società gestiti. Al contempo, il sottoscritto elegge domicilio per ogni comunicazione relativamente a quanto sopra presso. Data: Firma del delegante *Allegato: documento di identità del delegante e codice fiscale

20 Novità normative 20 Con provvedimento del 18 marzo 2010, l Autorità Garante dei dati personali ha stabilito che i SIC, in occasione della richiesta di informazione possono imporre, al soggetto richiedente, un contributo spese (incluse quelle postali) di: Massimo 7,00 (sette) euro per le richieste successive alla prima per ciascun anno solare. Massimo 3,00 (tre) euro per ogni richiesta incompleta per cui sia necessario eess contattare il richiedente. e. Massimo 10,00 (dieci) euro nel caso che non esistano iscrizioni nel sistema. Le richieste effettuate per posta elettronica e la prima richiesta effettuata in ogni anno solare devono essere GRATUITE

21 Novità normative 21 La riforma dlt del Testo Unico bancario intervienei anche sulle società finanziarie UNIFICANDO in un unico albo le società ora iscritte come intermediari, negli artt. 106 e 107 del TUB. La riforma riguarderà anche le società di acquisto crediti iscritte nell elenco ex art Con la nuova normativa saranno modificati sia gli aspetti patrimoniali che quelli organizzativi. Tra l altro, laltro, potranno essere richieste informazioni anche alle banche dati estere, attraverso il principio della reciprocità.

22 Centrale Rischi Banca d Italia 22 LaL Centrale di dei rischi la Banca d Italia fornisce agli Enti creditizi i i la valutazione dei rischi derivanti dal cumulo di affidamenti in capo ad un unico soggetto. La segnalazione alla Centrale dei rischi, che avviene introducendo il nominativo all interno di una sorta di lista nera, rappresenta uno strumento per valutare l affidabilità del cliente. L obiettivo è di migliorare la qualità degli impieghi degli intermediari partecipanti e accrescere la stabilità del sistema. Gli intermediari comunicano alla Banca d Italia informazioni sulla loro clientela e, per finalità connesse con l assunzione e la gestione del rischio di credito, ricevono, periodicamente, informazioni sulla posizione dbi debitoriai di dei nominativi i isegnalati e di dei soggetti a questi collegati. Per il carattere riservato dei dati censiti le informazioni possono essere richieste solo nei casi in cui siano utili a fornire elementi di valutazione del merito di credito della clientela effettiva o potenziale.

23 Centrale Rischi Banca d Italia 23 La Centrale rischi della Banca d Italia censisce i crediti superiori a ,00 euro e minori di ,00 per le operazioni di crediti per cassa e di firma, garanzie, valore intrinseco delle operazioni in derivati finanziari, operazioni effettuate per conto terzi, valore nominale di crediti ceduti a terzi. Inoltre, sono censite le posizioni a sofferenza, senza limiti d importo. Con la modifica dei limiti, è stata abolita la centrale rischi per piccoli importi (CRIC). Maggiori difficoltà per l esercizio dei diritti dei soggetti censiti: non si applica il codice deontologico per isic,maleistruzioni per gli intermediari creditizi emanate dalla Banca d Italia.

24 Centrale Rischi Banca d Italia 24 Gli intermediari devono informare per iscritto il cliente in occasione della prima segnalazione a sofferenza e provvedere a rettificare le posizioni di rischio in relazione a richieste della Banca d Italia, conseguenti ad ordini impartiti dall Autorità Giudiziaria Circ. aut. Privacy 139/10). Dal giugno 2010 l intermediario deve segnalare ogni pendenza presso un Autorità terza rispetto alle parti (ad esempio, Autorità Giudiziaria), relativa a contestazioni sui dati segnalati oppure in base al rapporto di credito. La nuova normativa da certezza al debitore di ogni eventuale ritardo o segnalazione a sofferenza del credito.

25 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 25 La Centrale d Allarme Interbancaria - CAI (D.lgs. n. 507/99, art. 36 e Decreto n. 458/01) nasce dal Regolamento sul funzionamento dell archivio informatizzato degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento. La CAI ha carattere di servizio di interesse economico generale. La CAI (istituita presso la Banca d Italia e gestita dalla SIA) ha lo scopo di migliorare l affidabilità degli strumenti di pagamento e di prevenire le frodi. La CAI registra i nominativi dei soggetti interdetti all emissione di assegni bancari o postali e dei titolari di carte di pagamento revocate e dei dati riguardanti gli strumenti (assegni/carte) smarriti o sottratti.

26 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 26 Nell archivio sono inseriti: i dati relativi ai traenti degli assegni bancari o postali (titolari del conto corrente) emessi senza autorizzazione o senza provvista; gli assegni non restituiti alle banche e agli uffici postali dopo la revoca dell autorizzazione; le sanzioni amministrative pecuniarie e accessorie applicate per l emissione di assegni bancari e postali senza autorizzazione o senza provvista e quelle penali conseguenti al mancato rispetto degli obblighi imposti dalla sanzione amministrativa accessoria; i riferimenti della carta e le generalità del soggetto cui è stata revocata l autorizzazione all utilizzo di carte di pagamento; gli assegni bancari e postali e le carte di pagamento di cui è denunciato il furto o lo smarrimento. In quest ultimo caso non devono essere comunicati i riferimenti del titolare.

27 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 27 Inoltre sono inseritiiti i dti dati relativi ltiiall intermediario i che trasmettett la segnalazione: per gli enti, anche senza personalità giuridica denominazione o ragione sociale, sede legale, codice fiscale, eventuale iscrizione alla CCIA. per le persone fisiche cognome, nome, luogo, data di nascita, sesso, codice fiscale, domicilio eletto per la convenzione d assegno. Agli assegni emessi senza autorizzazione o senza provvista occorre inviare le coordinate, dei moduli d assegno dei quali sia stato denunciato il furto o lo smarrimento e quelle dei moduli d assegno non restituiti. Per le carte di pagamento per le quali sia stata revocata l autorizzazione all utilizzo e per quelle per cui sia stato denunciato il furto o lo smarrimento dovranno essere inviati: emittente, numero, scadenza.

28 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 28 L iscrizione per l emissione di assegni senza autorizzazione è effettuata entro 20 giorni dalla presentazione per l incasso, mentre in caso di mancanza di provvista (fondi insufficienti sul conto corrente) ) entro 60 giorni dalla scadenza del termine di presentazione dell assegno (la prova del pagamento tardivo deve essere fornita dall'interessato). In caso di mancanza di provvista dal momento del mancato pagamento il correntista deve ricevere il preavviso della revoca da parte del trattario (intermediario). Scaduti i 60 giorni, senza che sia avvenuto il pagamento, il traente deve restituire i moduli di assegno in suo possesso all intermediario che li abbia rilasciati. L iscrizione sarà effettuata dopo almeno dieci giorni dalla ricezione i dll della comunicazione. i Gli effetti dell iscrizione sono la revoca dell autorizzazione ad emettere assegni per un periodo di 6 mesi dalla segnalazione del nominativo.

29 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 29 Le banche e Poste Italiane nel corso del semestre non possono aprire nuove convenzioni di assegno e pagare i titoli del correntista emessi dopo l iscrizione. Queste (trattario) sono responsabili sia nel caso di omessa o ritardata iscrizione nell archivio, sia nel caso autorizzino il rilascio di moduli di assegni in favore di persona iscritta nell archivio archivio. Iltrattarioèobbligatoinsolidoapagaregliassegniemessidal traente nel periodo di revoca. Per le carte di credito, la segnalazione è mantenuta nell archivio i per due anni, dopo di che deve essere cancellata. I dati identificativi personali, iscritti a seguito della revoca dell autorizzazione ovvero delle sanzioni e dei divieti, restano iscritti in archivio per il periodo d efficacia dei relativi provvedimenti. I dati identificativi iscritti a seguito delle sanzioni amministrative pecuniarie restano iscritti in archivio per cinque anni.

30 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 30 Ai dati personali inseriti nella CAI possono accedere oltre il soggetto interessato (direttamente - in alcuni casi solo per l interdizione ad emettere assegni - o attraverso gli enti segnalanti privati): banche, intermediari finanziari, uffici postali, Prefetto e Autorità giudiziaria (accesso diretto). La cancellazione può essere effettuata solo per richiesta del soggetto segnalante o per provvedimento dell autorità giudiziaria o del Garante per la protezione dei dati personali. La domandad può essere presentata previa esibizione i di un idoneo documento di riconoscimento e del codice fiscale o presentazione della delega ricevuta.

31 Centrale di Allarme Interbancaria - CAI 31 L accesso ai dati non nominativi è aperto a tutti. I dati consultabili sono relativi ai moduli degli assegni bancari e postali denunciati smarriti o sottratti, non restituiti dopo l iscrizione in archivio, bloccati per altri motivi e alle carte di pagamento revocate, smarrite o sottratte. I dti dati relativi ltiiagli assegni smarriti, rubati btio in altro modo bloccati sono consultabili sul sito

32 32 Modello di domanda informazioni dati nominativi BANCA D'ITALIA DITALIA FILIALE di... RICHIESTA DI INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA CENTRALE D ALLARME INTERBANCARIA DATI NOMINATIVI I.._sottoscritt nat. a. ( ), il.. -.._-., residente a..( ), codice fiscale. chiede a codesto Istituto di verificare nell Archivio informatizzato degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento, istituito ai sensi dell art.10-bis della L.386/90 - introdotto dall art.36 art.36 del D.Lgs.507/99 e gestito dalla SIA, leventuale l eventuale iscrizione del seguente nominativo: [ ] PERSONA FISICA Cognome.Nome..Luogo di nascita.prov. Data di nascita -..- C.F. sesso [] PERSONA GIURIDICA / ENTE NON NAVENTE PERSONALITÀ GIURIDICA Denominazione o ragione sociale Sede Legale. Prov.. Codice Fiscale Con riferimento al/ai seguente/i segmento: [ ] archivio i assegni (CAPRI) [ ] archivio i carte (CARTER) [ ] archivio sanzioni amministrative (ASA) [ ] archivio sanzioni penali (ASP) data, firma Dichiara inoltre di aver preso visione e ricevuto copia del foglio informativo sintetico sulla Centrale d Allarme Interbancaria e dell informativa i di cui all art.13 del DL D.Lgs n.196/2003 relativa ai dati afferenti all istanza di accesso (Codice in materia di protezione dei dati personali), acclusi al presente modulo. data, firma

33 33 Modello di domanda informazioni dati non nominativi BANCA D'ITALIA DITALIA FILIALE di... RICHIESTA DI INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA CENTRALE D ALLARME INTERBANCARIA DATI NON NOMINATIVI _..I.._ sottoscritt_.. nat a ( ),il.-..-, residente a. ( ), chiede a codesto Istituto di verificare nell Archivio informatizzato degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento, istituito ai sensi dell art.10-bis della L.386/90 - introdotto dall art.36 del D.Lgs.507/99 - l eventuale iscrizione dell assegno/i:.. bancario. postale codice ABI.CAB da n. assegno a n. assegno da n. assegno a n. assegno.da n. assegno a n. assegno.(eventuale) importo/ della carta di pagamento:n.identificativo carta (PAN).. emittente carta... codice ABI emittente carta data, firma

34 34 Elenco informatico dei protesti presso la Camera di Commercio Protesto di assegni bancari o postali Se chi ha emesso l assegno paga l importo entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione del titolo (compresi interessi e spese del protesto): Sechihaemessol assegnononpagal importoo lo paga dopo 12 mesi dalla levata: deve attendere 5 anni per la cancellazione del protesto.

35 35 Elenco informatico dei protesti presso la Camera di Commercio Cancellazione dall elenco per illegittimità od erroneità del protesto Qualora chi ha emesso l assegno paghi entro 60 giorni i dll dalla levata, non viene segnalato nella CAI (Centrale Allarme Interbancaria) e non è soggetto a sanzioni amministrative.

36 36 Elenco informatico dei protesti presso la Camera di Commercio Protesto di cambiale: Cancellazione per avvenuto pagamento del titolo cambiario (entro 12 mesi dalla levata senza riabilitazione); Cancellazione per illegittimità od erroneità del protesto; Cancellazione per riabilitazione (pagamento dopo i 12 mesi dalla levata, se sussistono i requisiti previsti dalla legge Antiusura); Annotazione avvenuto pagamento (dopo i 12 mesi dll dalla levata); Se il pagamento non avviene: cancellazione dopo 5 anni.

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

Carmine Tarquini - Il protesto dell assegno e la tutela della pubblica fede

Carmine Tarquini - Il protesto dell assegno e la tutela della pubblica fede 1 1. Premessa In questa sede si vuole, se pur sinteticamente e senza pretese di esaustività, affrontare il delicato problema dell obbligo dell istituto di credito di presentare al pubblico ufficiale, per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Testo aggiornato a febbraio 2015 FOGLIO INFORMATIVO E DOCUMENTO DI SINTESI 10INFCHG0215 PER LE SEGUENTI CARTE DI PAGAMENTO EMESSE DA AMERICAN EXPRESS

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

Gentile Cliente, Gradita è l occasione per porgere distinti saluti. TELECOM ITALIA Servizio Clienti Business

Gentile Cliente, Gradita è l occasione per porgere distinti saluti. TELECOM ITALIA Servizio Clienti Business Gentile Cliente, al fine di dare seguito alla Sua richiesta di variazione di categoria di contratto di abbonamento telefonico (di seguito Declassazione ), La invitiamo ad individuare tra i due casi sottoindicati

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Gentile Cliente, La salutiamo cordialmente. Il Servizio Clienti Residenziali TELECOM ITALIA

Gentile Cliente, La salutiamo cordialmente. Il Servizio Clienti Residenziali TELECOM ITALIA Gentile Cliente, al fine di dare seguito alla Sua domanda di subentro nel più breve tempo possibile, La invitiamo a compilare i modelli allegati in ogni loro parte e inviarli al numero di fax 800 000 187

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli