Gli anni 60. Ma non li dimostra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli anni 60. Ma non li dimostra"

Transcript

1 Gli anni 60 Ma non li dimostra

2 Nel 1960 nasce nella ridente cittadina di Bollate la Sezione Comunale Una nuova sezione in quella cintura cittadina che è rappresentata dalla metropoli Milanese. Il Dott. Vittorio Formentano fondatore di AVIS durante il suo Intervento il giorno 27 Maggio 1960 presentando la nuova AVIS sono rimasto colpito da quello che semplici cittadini sono capaci di fare parlava della giornata del donatore di sangue organizzata a Bollate il giorno 6 Gennaio 1960, in quell occasione, la delegazione di Affori che organizzava le raccolte sul territorio raccolse 67 flaconi di sangue, quella mattina erano previsti una trentina di donatori così ci racconta Pietro un veterano della delegazione, i donatori erano stati avvisati con il consueto tam tam. L avviso era stato dato durante le Sante Messe la domenica precedente. La delegazione Afforese che organizzava la raccolta fu costretta a chiedere aiuto al centro di Via Bassini, quella mattina furono inviati altri 2 medici e ulteriori 40 flaconi. Fu una giornata straordinaria. Anche Vittorio Formentano, accorse meravigliato a Bollate in una nuova straordinaria occasione il Primo Maggio era la festa dei lavoratori, in quella occasione ci furono 138 donazioni. Bollate è una città sensibile disse Vittorio Formentano incontrò alcuni Bollatesi e propose loro di fondare una sezione AVIS a Bollate Dott. Vittorio Formentano

3 Dopo le importanti dichiarazioni di Vittorio Formentano e la nascita di AVIS. L assemblea costitutiva viene celebrata la domenica successiva. Nasce un consiglio sezionale provvisorio che col passare dei mesi diventerà sempre più importante, viene nominato presidente della nascente sezione Comunale AVIS il Signor Gallotti Ermanno, segretario il signor Albani Gianni, cassiere Salina Alessandro. Il verbale recitava: Con il loro entusiasmo e con l aiuto di alcuni esponenti dell attuale consiglio, hanno gettato le basi per costituire a Bollate una sez. AVIS. Tale sezione è ora ufficialmente costituita, con l accettazione da parte della sede Nazionale AVIS, dell atto costitutivo redatto in data 27 giugno 1960 e di cui è stata ricevuta copia a firma del presidente nazionale dott. Vittorio Formentano, in data 26 luglio 1960 per essere allegato agli atti ufficiali della sezione. Viene nominato direttore responsabile del servizio sanitario della sezione il dott. Antonio Argenteri.

4 Grazie al contributo della delegazione di Affori, la nostra AVIS comunale riesce a costituirsi sezione.

5 AVIS Bollate cresceva e cresceva vistosamente. Si organizzarono a diverse raccolte non solo nel capoluogo cittadino ma anche nelle frazioni, AVIS con questa importante attività divenne l associazione cittadina più conosciuta. Viene organizzato un sevizio associativo per i donatori. Questi vengono inviati al centro Trasfusionale di AVIS Milano per le visite di idoneità.

6 Il tempo darà ragione a Vittorio Formentano. I Bollatesi, i sui donatori i suoi cittadini erano esemplari, e quando erano chiamati a donare, questi rispondevano, in massa, non c erano defezioni L invito alla donazione era una semplice cartolina, a volte l invito veniva fatto porta a porta, che invitava alla donazione presso il centro trasfusionale AVIS di Milano Ci si organizzava con equipaggi automobilistici, quattro/cinque mezzi di trasporto, l autoveicolo più usato era la seicento, poi qualche cinquecento e un millecento, dal 1963 l organizzazione si evolve e le trasferte venivano effettuate con il noleggio di un torpedone. Collaborava alle spese di trasporto, l amministrazione Comunale di Bollate con la stratosferica somma di 100, a viaggio, venivano effettuati 4 viaggi mensili, il primo e terzo sabato del mese, la seconda e quarta domenica del mese. Nel periodo estivo si limitava a due viaggi. Autobus per le vie di Milano 1963 Sede AVIS di Milano Torpedone FNM in partenza per Milano

7 Viene stipulata una convenzione con AVIS di Milano per le visite di idoneità per i nuovi donatori. Non si ferma la frenetica attività associativa e l AVIS di Milano sempre più attenta al territorio promuove una raccolta pubblica di Sangue nella frazione di Baranzate era il 4 Settembre del 1960, la giornata fu organizzata dal Signor Bottani Vittorio, furono raccolte 40 bottiglie.

8 Il 5 settembre1960 prima con una cerimonia religiosa e poi durante una cerimonia ufficiale, presso la sede comunale viene letto alla cittadinanza convenuta l atto costitutivo della sezione AVIS di Bollate

9 L anno 1961, è un anno importante per la sezione AVIS di Bollate, L amministrazione concede definitivamente in uso alla sezione di Bollate uno spazio all interno della biblioteca civica Ada Negri sita in via Fratellanza 17, l ambiente a disposizione della sezione è dato in uso gratuito, nel rispetto delle norme igieniche e delle persone. In data 7 Febbraio, viene convocato il consiglio della sezione AVIS, con all ordine del giorno la convocazione dell Assemblea sezionale che si terrà il 24 Febbraio dello stesso anno.

10 Il 7 marzo 1961, nasce il nuovo consiglio sezionale composta da:

11 Presidente: Gallotti Ermanno V.presidente: Bottani Vittorio Segretario: Albani Gianni Cassiere: Toia Alessandro Direttore Sanitario Comunale: Dott.Argenteri Antonio Villa luigi delegato ai rapporti con AVIS Provinciale nell organizzazione delle raccolte cittadine 1962 viene dato in uso all interno di un appartamento di proprietà del comune un locale condiviso con il custode dello stabile, la sede si trova in via Garibaldi 52 rimane sede associativa sino al l affitto simbolico viene stabilito in lire 250 annui per cinque anni. Continua la crescita associativa, vengono organizzate 3 raccolte cittadine, a Bollate e Baranzate. Viene a mancare il consigliere fondatore della sezione e cassiere Dott. Alessandro Savina. Viene proposta una gita turistica per i donatori la data prescelta è il 21 ottobre il luogo prescelto è Firenze.

12 Il 1963, è un anno di rinnovo delle cariche associative Bollatesi, l assemblea viene convocata presso la sede della biblioteca cittadina. Sempre nello stesso anno in occasione degli auguri di Natale vengono effettuate le prime premiazioni dei donatori benemeriti che hanno raggiunto il traguardo delle 8 donazioni. Vengono per la prima volta organizzate delle giornate in tutte le frazioni della città di Bollate. L associazione allarga i propri orizzonti. Ma la nostra storia inizia qualche anno prima siamo nel 1954, si organizzano le prime giornate di sensibilizzazione alla donazione di sangue, nelle fabbriche milanesi e della cintura cittadina, vengono organizzate diverse raccolte di flaconi, era l AVIS Milanese che si faceva carico dell organizzazione.

13 Una delle prime giornate fu organizzata nella fabbrica Telefunken, a Baranzate, poi divenuta Imperial

14 Fu in occasione della festa della Madonna Pellegrina che nel lontano 1958 alcuni lavoratori della Fabbrica Ceruti, iscritti all AVIS di Milano proposero alla direzione aziendale di organizzare una raccolta straordinaria di Sangue. La direzione accolse la proposta e la fece propria, si organizzo la raccolta nell infermeria della fabbrica furono raccolti 31 flaconi di sangue. Ci racconta Giovanni un donatore AVIS di vecchia data che lavorava all interno della fabbrica, qualche giorno prima della festa della Madonna Pellegrina, ci fu un grave incidente al portello, furono coinvolti 6 operai, e due di questi erano molto gravi, ricoverati all ospedale di Niguarda,avevano bisogno di sangue 0 negativo, e l ospedale era al minimo delle scorte. L AVIS si mosse alla ricerca di Donatori 0 Negativi, io sono diventato donatore AVIS così. Poi non ho più saputo se i lavoratori si sono salvati, ma sicuramente ne ho salvati tanti altri.

15 Bollate in quei tempi non era solo la fabbrica Ceruti, c erano altre fabbriche importanti, come la fabbrica Borroni, la fabbrica di munizioni a Baranzate, la fabbrica di strumenti musicali, e tante altre aziende importanti per l indotto Milanese. Il 1963 fu per AVIS un forte impulso alla crescita, la scelta di promuoversi sul territorio della città portò anche ad un aumento di impegni associativi e organizzativi di non poco conto, organizzare una raccolta era importantissimo. Entrarono nuove figure all interno del consiglio direttivo rieletto, che assumeva una nuova composizione associativa: Presidente:Gallotti Ermanno, Vice presidenti: Bottani Vittorio e Albani Gianni che lasciava la segreteria a Brugnoni Romeo, mentre nell incarico di cassiere veniva riconfermato Toia Alessandro. Viene anche organizzato da parte del consiglio direttivo una sorta di referendum, invitando i donatori a piccoli gruppi a presentarsi in sezione, questo serviva per creare nuova linfa associativa, continuavano le giornate di sensibilizzazione con una ulteriore importante crescita non solo in Bollate, ma sopratutto nelle frazioni cittadine. I donatori Bollatesi impegnati su più fronti diventano importanti anche per le strutture ospedaliere presenti sul territorio e, in una seduta di consiglio decidono che il rimborso alla sezione proposto da AVIS provinciale in Lire 4000 era esagerato, AVIS Bollate ridusse il rimborso a lire 2500.

16

17 Gli anni sessanta sono per la nostra sezione momenti importanti come già detto, momenti di crescita vediamoli in questo spaccato moderno di numeri le donazioni effettuate dai cittadini Bollatesi : Cascina Cascina Bollate Ospiate del Sole Castellazzo Baranzate Nuova totale donazioni 2528 Nel 1968 a Novate e precisamente, nel mese di Luglio viene organizzata una giornata di raccolta sangue con 30 flaconi e 50 adesione

18 Gli anni scorrono velocemente, il 1964 vede un primo approccio con l ospedale Caduti Bollatesi, dove i donatori di AVIS Bollate son già presenti e donano con periodicità, dice Gallotti:

19 gli accordi verso l ospedale di Bollate sono quasi nulli, ma spera che quelli presi finora siano sempre validi. Abbiamo cercato (dice il presidente Gallotti), di avere qualcosa di ufficiale, ma alcuni consiglieri dell ospedale che sono stati interpellati, in via ufficiosa, non ci hanno mai soddisfatto in minima parte, pertanto a questo punto chiede istruzioni al consiglio. Interviene il consigliere Villa Luigi, che esprime un suo punto di vista chiede di venire ad una conclusione, perciò propone di scrivere in forma ufficiale all ospedale per riprendere accordi ben definiti. Ospedale Caduti Bollatesi Inaugurazione dell ospedale

20 La seduta di consiglio del 6 Aprile 1965 vede ancora in argomento il rapporto tra AVIS e l Ospedale di Bollate, Galloti comunica al consiglio direttivo della risposta verbale alla lettera inviata, difatti informa che l ospedale ha delegato il professor Fassina a trattare, il presidente informa che il 27.3 si è tenuto un primo incontro, il prof. Fassina nella suo intervento ha assicurato che si farà portavoce presso la direzione dell ospedale. Il prof. Fassina esprime un desiderio, gradirebbe soprassedere alle raccolte collettive. Seguono degli interventi tra cui quello del consigliere Cimbro, che esprime il suo disaccordo alla sospensione delle raccolte collettive. L anno 1965 è anche l anno del rinnovo delle cariche associative il nuovo consiglio è così composto Presidente: Ermanno Gallotti, Vice presidente Luigi Villa, segretario Remo Brugnoni

21 Nel 1966 continua la storia infinita tra AVIS e Ospedale. Gallotti nella sua comunicazione illustra i rapporti tra ospedale di Bollate e AVIS, tiene a sottolineare l elogio che il prof. Fassina ha fatto all AVIS per quanto ha fatto specialmente in questi ultimi tempi e per lo spirito Avisino che anima la sezione e che è forse superiore a tutte le altre sezioni. Anche il presidente Gallotti, deve dare atto a questo, e si compiace con tutti i donatori di questo spirito di pura carità umana sempre pronti a dare fino al limite dell impossibile e senza mai nulla chiedere. AVIS ottiene che le visite di controllo periodico per i donatori vengano eseguite il sabato pomeriggio, previo appuntamento, il professor Fassina ha informato la dirigenza sezionale di due casi di epatite. AVIS ottiene altri importanti risultati, come il certificato di avvenuta donazione in duplice copia, l accordo sul rimborso delle donazioni, gli esami aggiuntivi. Viene nominato direttore Sanitario Sezionale il Prof. Fassina

22 Il 1966 è anche un anno difficile per la carenza di sangue, appelli radiofonici invitano a recarsi a donare il sangue, per la sezione di Bollate la carenza riguarda i donatori con il gruppo A.

23 Il 1967 inizia con una buona notizia, l ospedale di Bollate passa dalla terza categoria alla seconda categoria, è un momento importante per l associazione ma in modo particolare per la cittadinanza, alle storiche specialità cliniche del nosocomio si aggiungono due eccellenze Oculistica, e Nefrologia, apre un centro dialisi. Negli anni precedenti Gallotti, non ha Viene eletto il nuovo consiglio direttivo che vede: Gallotti, presidente Bottani e Villa, vice presidenti Brugnoni, segretario Cozzi Maurilio, presidente dei sindaci Tarelli, presidente dei proboviri Viene inventata dal segretario sezionale una pubblicità sezionale semplice ma proficua di cosa si tratta? mai esposto dei dati statistici riguardanti il numero dei donatori e delle donazioni, in questa occasione con grande enfasi comunica al consiglio direttivo quanto segue: le raccolte pubbliche quest anno (Gallotti si riferiva all anno appena trascorso) sono state molto proficue e anche quelle per l ospedale di Bollate, che con un totale di 567 trasfusioni ha battuto ogni record Viene sospesa la convenzione con AVIS Milano, che effettua le visite mediche di idoneità sui nuovi donatori.

24 Sezione di Bollate Via G. Garibaldi 52 tel È un biglietto da visita personalizzato da distribuire ai donatori che si presentano alle raccolte cittadine, ai nuovi donatori viene dato con gli esiti della donazione che hanno effettuato presso i centri di raccolta cittadini Donatore Residente Gruppo RH Ultima donazione In caso di smarrimento consegnare a AVIS Bollate Il 1967 è anche un anno di novità viene pubblicata sulla gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana la legge riguardante il riposo compensativo post donazione e il pagamento della giornata lavorativa

25 Il 1967 vede festeggiare in grande stile la festa del donatore vengono organizzate manifestazioni a contorno delle giornata che si terrà il 23 Novembre. L organizzazione prevede: Ore 8.30 ritrovo in via Donadeo, c/o bar oratorio Una delegazione del consiglio si recherà al cimitero e porterà dei cuscini ai donatori morti e al dott. Argenteri primo Dirigente sanitario Ore 8.55 corteo per assistere alla santa Messa e alla benedizione del Labaro, La Madrina sarà la Signorina Bozzetti Umbertina, il porta labaro sarà il Signor Pescosta Giuseppe

26

27 I anno 1968 nasce all insegna delle novità e delle preoccupazioni Le novità sono importanti Bollate viene suddivisa in zone, prologo alla nascita delle zone, promossa da AVIS provinciale Milano, ma, la più importante tra le novità è l esordio di Novate Milanese all interno della Comunale, è questo un prologo alla nascita della futura sezione sovra comunale?

28 1968, anno di difficoltà il sessantotto, si teme anche per l associazione in un possibile calo delle donazioni, a Bollate scendono in piazza gli operai, iniziano le prime proteste all interno e all esterno delle fabbriche. Si temeva un calo delle donazioni, in modo particolare verso l ospedale, l AVIS cittadina è fortemente impegnata a far si che questo non potesse succedere. La segreteria associativa si prodigava nelle chiamate per i donatori, che rispondono con perizia e puntualità Il vice presidente Luigi Villa rassegna le dimissioni Il 20 Ottobre si organizza la gita sociale a CAVOUR

29 1969 Il presidente Gallotti comincia a vedere lontano e propone al consiglio direttivo di fissare una data per una giornata di raccolta a Novate Milanese. Gallotti dice visto il buon esito della raccolta straordinaria del Luglio scorso con una partecipazione di circa 50 persone e con una raccolta di trenta flaconi, gli altri, data la stagione estiva con un caldo sui 30, non hanno potuto donare. La data viene lasciata in bianco a discrezione del segretario di prendere accordi con le autorità di Novate

30 L anno 1969, è anche anno di rinnovo delle cariche associative, è un momento importante per la sezione cittadina e, per l occasione, l assemblea associativa si terrà in Via Sartirana nel salone del Comune. Il 4 Aprile, viene rinnovato il nuovo consiglio sezionale, Gallotti è riconfermato presidente, i vice presidenti sono Bottani e Rocca, segretario è riconfermato Brugnoni, i consiglieri eletti sono: Ghilardi, Brambilla, Ghioni, Albani e la nuova entrata Lucia Sanvito. Il collegio sindacale è composto da Monti, Cozzi e Brotto C. Il collegio dei proboviri è composto da Strozzi, Lombardi e Luppi. I problemi non mancano e il nuovo consiglio direttivo si trova ad affrontare per l ennesima volta i rapporti con l ospedale di Bollate Il presidente Gallotti piuttosto preoccupato, nella riunione di consiglio del 30 Agosto spiega: i rapporti con l ospedale di bollate si sono rallentati perché si è verificata una nuova linea nella direzione dell ospedale, infatti sono arretrati con il pagamenti (rimborsi) e, nei sondaggi effettuati sembra che inizieranno a pagare verso l autunno.

31 È ancora l anno 1969 a far parlare, il presidente Gallotti illustra al consiglio una forma di propaganda forse la meglio sentita, di effettuare una borsa di studio per ogni classe dalla 1^ alla 5^ elementare che potrebbe essere di circa 5000 lire e di lire alla 1^ media, alla 2^ e di alla 3^; oppure consegnare libri, giocattoli, medaglie e diplomi. Grazie al contributo (rimborso) dell ospedale di Bollate si può organizzare la gita sociale, il giorno 7 Dicembre 1969, 6 pulmans partono per Bassano del Grappa.

32

33 .

34

35 La storia continua Bollate Novate M.se Baranzate

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO A.S.F.A. ASSOCIAZIONE DI DONATORI DI SANGUE SAN FRANCESCO D ASSISI VERONA

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO A.S.F.A. ASSOCIAZIONE DI DONATORI DI SANGUE SAN FRANCESCO D ASSISI VERONA STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO A.S.F.A. ASSOCIAZIONE DI DONATORI DI SANGUE SAN FRANCESCO D ASSISI VERONA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II FINALITA TITOLO III I SOCI TITOLO IV GLI ORGANI

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

AVIS ODOLO-PRESEGLIE. Assemblea annuale del 21/02/2014. Non basta fare del bene, bisogna anche farlo bene. Denis Didierot

AVIS ODOLO-PRESEGLIE. Assemblea annuale del 21/02/2014. Non basta fare del bene, bisogna anche farlo bene. Denis Didierot AVIS ODOLO-PRESEGLIE Assemblea annuale del 21/02/2014 Non basta fare del bene, bisogna anche farlo bene. Denis Didierot NOMINA SEGRETARIO ASSEMBLEA: sig.ra Catia Agosti Relazione morale del Presidente

Dettagli

numero 43 dicembre 2014

numero 43 dicembre 2014 EDITORIALE Care Donatrici e cari Donatori, anche quest anno ci accingiamo a celebrare il Santo Natale e a chiudere un altro anno che abbiamo vissuto con qualche difficoltà ma anche mi auguro con tante

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE TRA MEDICO DI BASE, ASSOCIAZIONE E SERVIZIO UN OBIETTIVO COMUNE La necessità dell apporto del Medico di Base per la promozione della donazione di sangue 2009 COLLABORAZIONE FRA ORDINE

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

INCONTRI CON I PRESIDENTI

INCONTRI CON I PRESIDENTI INCONTRI CON I PRESIDENTI 16 Luglio 2012 - Castelfranco Veneto 17 Luglio 2012 - Asolo 18 Luglio 2012 - Conegliano 19 Luglio 2012 - Motta di Livenza 20 Luglio 2012 - Treviso Raccolta associativa DIMT 1

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2014

BILANCIO SOCIALE 2014 BILANCIO SOCIALE 2014 MISSIONE L Associazione Donatori di Sangue di Lanciano (A.Do.S.), sorta nel 1970, conta a tutt oggi, tra donatori attivi e soci, più di n. 2.000 iscritti. Le attività dell associazione

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO. Letto, confermato e sottoscritto. ------------------------------------- -------------------------------------

ATTO COSTITUTIVO. Letto, confermato e sottoscritto. ------------------------------------- ------------------------------------- ATTO COSTITUTIVO Il giorno 12/07/2008 alle ore 11.00 nei locali dell I.I.S. Porro Viale Kennedy, 30 a Pinerolo si riuniscono i signori: - Sig. Giorgio Panighini nato a Torino il 30/04/53 residente a Cavour

Dettagli

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI STATUTO Art. 1 Denominazione e durata 1. Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio ai principi contenuti nella Legge 11-08-1991 n. 266, nonché in base alle norme del Codice

Dettagli

STATUTO. SEDE Art. 2 - L'Associazione ha sede in Milano presso la Fondazione IRCCS di natura pubblica Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico.

STATUTO. SEDE Art. 2 - L'Associazione ha sede in Milano presso la Fondazione IRCCS di natura pubblica Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico. STATUTO DENOMINAZIONE Art. 1 - E' costituita un Associazione, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, denominata Associazione Amici del Policlinico e della Mangiagalli Donatori di Sangue

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK Art. 1. Costituzione e denominazione È costituita l Associazione culturale musicale senza scopo di lucro denominata: Amici del rock. L Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DIFESA ANIMALI ARCO

STATUTO ASSOCIAZIONE DIFESA ANIMALI ARCO STATUTO ASSOCIAZIONE DIFESA ANIMALI ARCO Art. 1) Costituzione e denominazione E costituita una associazione, apolitica e senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE DIFESA ANIMALI ( ADA ) L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA PARAGRAFO 1 L associazione Fidas Verona è formata dall aggregazione delle associazioni di donatori volontari di sangue aderenti alla Fidas e operanti

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA ARTICOLO 1 - E costituita l Associazione denominata PRO SENECTUTE. Ai sensi e per gli effetti di cui agli art. 10 e segg. del D.L. 4 dicembre 1997,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata L Albero di Antonia ART. 2) 1. L Associazione ha sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE

REGOLAMENTO. Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE REGOLAMENTO Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE 1. E costituita presso il Comune di Modena l Associazione denominata Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile, senza fini di lucro, con sede

Dettagli

Repertorio n. 4026 Raccolta n. 2130 ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE PRO CASTIGLION FIORENTINO

Repertorio n. 4026 Raccolta n. 2130 ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE PRO CASTIGLION FIORENTINO - COPIA AUTENTICA Repertorio n. 4026 Raccolta n. 2130 ATTO COSTITUTIVO DELLA ASSOCIAZIONE PRO CASTIGLION FIORENTINO -REPUBBLICA ITALIANA- L anno millenovecentosessantasette il quindici luglio in Castiglion

Dettagli

STATUTO. E costituita l Associazione Culturale denominata oltrarte (di seguito indicata

STATUTO. E costituita l Associazione Culturale denominata oltrarte (di seguito indicata STATUTO Art.1 Costituzione E costituita l Associazione Culturale denominata oltrarte (di seguito indicata come Associazione ), ai sensi dell art.36 e segg. del Codice Civile. L Associazione è regolata

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BUSALLA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Il presente Regolamento contiene norme intese ad organizzare, nell ambito delle funzioni attribuite per i fini di prevenzione e

Dettagli

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT.

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO DELLA PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO COSTITUZIONE

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto

SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto SERVIZIO CIVILE REGIONALE BANDO 2013 Sintesi del progetto ENTE PROPONENTE A.V.I.S. Fidenza TITOLO DEL PROGETTO Donatori senza confini SEDE/I DI ATTUAZIONE E NUMERO DEI VOLONTARI RICHIESTI PER SEDE Sede

Dettagli

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE 1.1 È costituita l Associazione senza fini di lucro, apolitica e aconfessionale, denominata: ALZHEIMER BERGAMO di Beppe Pirola. 1.2 L associazione ha sede in Bergamo,

Dettagli

REDAZIONE Via Adriatica, 62/C 66023 Francavilla al Mare - tel. 0854910612 cell. 3335879297 e-mail: info@avisfrancavilla.it

REDAZIONE Via Adriatica, 62/C 66023 Francavilla al Mare - tel. 0854910612 cell. 3335879297 e-mail: info@avisfrancavilla.it Anno 12 - Numero 4 dicembre 2010 Il messaggio è rivolto a tutti i volontari, soci e non di Avis Francavilla, che hanno la possibilità di donare nei giorni indicati e a chi sta anche a cuore la creazione

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI DI VILLA GUARDIA

STATUTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI DI VILLA GUARDIA STATUTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI DI VILLA GUARDIA TITOLO 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 È costituita ai sensi degli art. 36 e segg. del C.C. l Associazione INCONTRO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE,

Dettagli

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI Art. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita l associazione Immagine Pensiero il Prato di Assio che in seguito sarà denominata l associazione. L associazione adotta come riferimento la legge quadro del volontariato

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO Art. 1 E costituita, con sede in Imola, una Associazione non riconosciuta, senza scopo di lucro, e per fini esclusivi di solidarietà, denominata

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova

Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Banda Cittadina di Palmanova, un organizzazione non lucrativa e apartitica con sede

Dettagli

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile Comunità Pastorale Spirito Santo Pastorale Giovanile Oratorio Estivo 2012 1 Chi può parteciparvi. Nelle sedi di Carate Brianza Tutti i ragazzi che vanno dai 6 ai 14 anni compiuti. Gli adolescenti (cioè

Dettagli

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie STATUTO A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie ART. 1 La denominazione, la sede e la durata dell associazione 1. L Associazione di Volontariato A.I.S.M.M.E. Onlus

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DON BOSCO RIVOLI TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITÀ Art.1 Costituzione E costituita l Associazione sportiva dilettantistica, ai sensi degli articoli 36 e seguenti

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013)

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) Art. 1 Denominazione, sede, carattere, durata. E costituta l Associazione di promozione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL GRUPPO PICCOLI TARTUCHINI

REGOLAMENTO INTERNO DEL GRUPPO PICCOLI TARTUCHINI ART. 1 - Il Gruppo Piccoli Tartuchini riunisce ed organizza tutti bambini Protettori della Tartuca di età inferiore ai 12 anni. ART. 2 - Il Gruppo svolge la propria attività principalmente nei locali e

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 08 gennaio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 08 gennaio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 08 gennaio 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 6 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 8 Prime Pagine 11 Rassegna associativa

Dettagli

Laboratorio di Marketing sociale A.A. 2006/2007

Laboratorio di Marketing sociale A.A. 2006/2007 Laboratorio di Marketing sociale A.A. 2006/2007 Coordinatore: Dott.. G. Fattori Responsabile: Prof.ssa P. Lalli Progetto realizzato da: Stefania Ardizzoni Stefano Barbieri Federica Bertacchini Daniela

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE In Vittorio Veneto, il giorno cinque del mese di dicembre dell anno duemilasette, i signori: 1. Bruno Fasan, nato a Vittorio Veneto il giorno sette del mese di dicembre

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ART-PORT

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ART-PORT STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ART-PORT Art. 1 Costituzione A norma dell'art.18 della Costituzione Italiana e degli artt. 36, 37, 38 del Codice Civile è costituita l'associazione di Promozione Sociale Art-Port

Dettagli

VERBALE DI MODIFICAZIONE DI ASSOCIAZIONE REPUBBLICA ITALIANA

VERBALE DI MODIFICAZIONE DI ASSOCIAZIONE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n. 20579 Raccolta n. 3911 VERBALE DI MODIFICAZIONE DI ASSOCIAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L anno millenovecentonovantasette (1997) il giorno 28 (ventotto) del mese di Febbraio. In Catanzaro, nel

Dettagli

Statuto della Società Storica della Valdelsa

Statuto della Società Storica della Valdelsa Statuto della Società Storica della Valdelsa Approvato dall Assemblea dei soci in data 20 gennaio 2014. Approvato dalla Regione Toscana con Decreto n. 1271 del 2 aprile 2014 e conseguente iscrizione, nella

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

KME Group S.p.A. Documento di informazione annuale

KME Group S.p.A. Documento di informazione annuale KME Group S.p.A. Sede in Firenze Via dei Barucci n. 2 Registro delle Imprese di Firenze n. 00931330583 Documento di informazione annuale redatto ai sensi dell art. 54 del Regolamento Consob adottato con

Dettagli

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV)

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 14 aprile 1996) 1 S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO

Dettagli

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO in vigore dal 7 Aprile 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Unione Regionale Istituzioni e Iniziative Pubbliche

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE Articolo 1. Denominazione - Natura - Sede - Durata Il Circolo Fotografico Milanese, di seguito CFM o Associazione, è un Ente Culturale, fondato nel 1930, che non

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

VERBALE RIUNIONE ESECUTIVO NAZIONALE AVIS GIOVANI. Riunitosi Sabato 17 novembre 2012 Presso la Casa del Donatore Via dell Ospedale 20 40133 Bologna

VERBALE RIUNIONE ESECUTIVO NAZIONALE AVIS GIOVANI. Riunitosi Sabato 17 novembre 2012 Presso la Casa del Donatore Via dell Ospedale 20 40133 Bologna VERBALE RIUNIONE ESECUTIVO NAZIONALE AVIS GIOVANI Riunitosi Sabato 17 novembre 2012 Presso la Casa del Donatore Via dell Ospedale 20 40133 Bologna Nominativo P A/G A Claudia Firenze Silvia Apollonio Lidia

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE Art. 1 Costituzione Denominazione Sede Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO e REGOLAMENTO ASSOCIATIVO ASSOCIAZIONE DONATORI SANGUE MICHELIN STATUTO

STATUTO e REGOLAMENTO ASSOCIATIVO ASSOCIAZIONE DONATORI SANGUE MICHELIN STATUTO STATUTO e REGOLAMENTO ASSOCIATIVO ASSOCIAZIONE DONATORI SANGUE MICHELIN STATUTO Articolo 1 L Associazione Donatori di Sangue Michelin è formata dai Gruppi di Donatori Sangue Michelin aderenti, costituiti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Inviato da assergi il Mar, 07/05/2011-14:43 STATUTO COMITATO PERMANENTE FESTEGGIAMENTI PATRONALI ASSERGI Anche questo anno 2011 si è costituito

Dettagli

Assemblea 4/3/2014. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo

Assemblea 4/3/2014. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo Assemblea 4/3/2014 Buonasera a tutti e grazie per essere venuti. Questa è la mia prima Assemblea da Presidente del Consiglio Direttivo dell AVIS comunale di Cervia, eletto nel marzo 2013. L anno appena

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

COMITATO CIVICO PORTA ROMA

COMITATO CIVICO PORTA ROMA REGOLAMENTO INTERNO COMITATO CIVICO PORTA ROMA Il Comitato Civo Porta Roma, è retto oltre che dalle disposizioni dell Atto Costitutivo, dello Statuto, del Codice Etico, da questo Regolamento, che vincola

Dettagli

- gestione di spazi comuni che favoriscano lo sviluppo delle attività, dei progetti e degli scambi culturali in genere

- gestione di spazi comuni che favoriscano lo sviluppo delle attività, dei progetti e degli scambi culturali in genere STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE TITOLO I - DENOMINAZIONE E SEDE Articolo 1 A norma dell art. 36 e seguenti del Codice Civile e della legge 383/2002, è costituita un associazione culturale di promozione

Dettagli

ASSOCIAZIONE CENTRO ISLAMICO CULTURALE D ITALIA SEDE ROMA STATUTO

ASSOCIAZIONE CENTRO ISLAMICO CULTURALE D ITALIA SEDE ROMA STATUTO ASSOCIAZIONE CENTRO ISLAMICO CULTURALE D ITALIA SEDE ROMA STATUTO Art.1) E costituita un Associazione sotto la denominazione CENTRO ISLAMICO CULTURALE D ITALIA. Essa ha la sua sede in Roma e svolge la

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE. L anno 2006 il giorno 5 del mese di dicembre in Campomarino alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE. L anno 2006 il giorno 5 del mese di dicembre in Campomarino alla Via ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE L anno 2006 il giorno 5 del mese di dicembre in Campomarino alla Via Favorita, 93/C, tra i sottoscritti Signori riuniti in Assemblea: - DI VITO PAOLA, nato

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR Articolo 1 Costituzione e sede 1. La Fondazione Camillo Cavour, derivante dal lascito disposto dal marchese Giovanni Visconti Venosta con disposizione testamentaria

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORRE VESUVIO FEDERATA PRO NATURA O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE TORRE VESUVIO FEDERATA PRO NATURA O.N.L.U.S. ASSOCIAZIONE TORRE VESUVIO FEDERATA PRO NATURA O.N.L.U.S. Associazione Ambientalista Ecologica Culturale e di Volontariato di Protezione Civile STATUTO ARTICOLO 1 COSTITUZIONE Si è costituita con sede

Dettagli

Esente da imposta di bollo e imposta di registro ai sensi dell art. 8 L. 266/91 STATUTO

Esente da imposta di bollo e imposta di registro ai sensi dell art. 8 L. 266/91 STATUTO Esente da imposta di bollo e imposta di registro ai sensi dell art. 8 L. 266/91 STATUTO Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita in Cossogno l Associazione di volontariato conformemente

Dettagli

Statuto della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane

Statuto della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane Statuto della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane Titolo I Costituzione. Art. 1. E costituita tra le Università Popolari d Italia l Associazione denominata Confederazione Nazionale

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune,

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, 1 L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, globale e soprattutto condiviso, che coinvolga tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Con il patrocinio di ANCI Signor Sindaco Milano, 20 marzo 2007 La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto le X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Siamo

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

SOTTOSEZIONE DI PALERMO

SOTTOSEZIONE DI PALERMO SOTTOSEZIONE DI PALERMO 2014 VIA CARTAGINE 39 90135 PALERMO TEL 091 340994-5 FAX 091 307795 E-mail: palermo@unitalsi.it Sito: www.unitalsipalermo.it Orario di segreteria Lunedì e Venerdì dalle ore 9,00

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01. ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.2010 CON IL N 162 In Grottaferrata (Roma), si sono riuniti il giorno 18 Dicembre

Dettagli

A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010)

A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010) A.C.S.A. Onlus - STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE (v.2010) Art. 1 - DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Associazione Interregionale Cardiologi e Specialisti Medici Ambulatoriali - ONLUS, siglabile

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE Art. 1 - Denominazione È costituita, ai sensi della Legge 266/91, l'associazione di Volontariato PAOLO PERDUCA, di seguito detta "Associazione".

Dettagli

Comunale Preganziol BILANCIO AL 31/12/2013

Comunale Preganziol BILANCIO AL 31/12/2013 Comunale Preganziol BILANCIO AL 31/12/2013 Il Presidente Michele Favaro Il Segretario Francesca Biscaro. L Amministratore Trombin Andrea.. Il Presidente Collegio dei Sindaci Carraretto Lucia 1 RELAZIONE

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE FABIO ARU FAN CLUB

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE FABIO ARU FAN CLUB ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE FABIO ARU FAN CLUB In Assemini, Via Carmine n. 224 si sono riuniti il giorno 25 Giugno 2012, i presenti i signori: CARTA GIORGIO, nato a San Gavino Monreale il 26.04.1978

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

c) la promozione di gite, escursioni, viaggi e soggiorni utili al perseguimento delle finalità dell Associazione, anche in collaborazione con terzi;

c) la promozione di gite, escursioni, viaggi e soggiorni utili al perseguimento delle finalità dell Associazione, anche in collaborazione con terzi; STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE RITROVARSI NEI GIARDINI Art. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1-1 E costituita L Associazione culturale Ritrovarsi nei Giardini da Maria Rosaria Turnaturi, Isabella Turnaturi, Alessandro

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA Art.1 Denominazione-Sede-Durata E costituita, nel rispetto delle norme della Costituzione Italiana, della Legge 383/00, del Codice Civile e della normativa in materia,

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE

FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE INVENTARIO DEGLI ATTI D ARCHIVIO 956 99 2 FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE Soggetto conservatore:

Dettagli

Atto costitutivo di Associazione

Atto costitutivo di Associazione Atto costitutivo di Associazione Il giorno tre del mese di febbraio dell anno 2006, in Fosdinovo -biblioteca comunale-, alle ore 21,00, si sono riuniti i signori: 1)-Traversi Cinzia; 2)-Coloretti Marta;

Dettagli

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE- SIMBOLO Articolo 1 - Denominazione e durata - L Associazione denominata «Castelnuovo Per

Dettagli

Con delibera della'assemblea in data 17 Aprile 2010 la sede sociale è stata trasferita in Rotzo (VI) Via Roma n 72

Con delibera della'assemblea in data 17 Aprile 2010 la sede sociale è stata trasferita in Rotzo (VI) Via Roma n 72 Statuto AMICIAD ONLUS STATUTO ART.1-COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE Dall idea di collaborare con persone più bisognose di paesi in via di Sviluppo, come persone già unite da un rapporto di lavoro nella stessa

Dettagli

REGOLAMENTO. Federazione Italiana Volontari della Libertà

REGOLAMENTO. Federazione Italiana Volontari della Libertà Deportati e Perseguitati Politici Antifascisti Trieste, G.V.L. Val d'arda Piacenza, Ass. Divisione Acqui Verona F.I.V.L. FEDERAZIONE ITALIANA VOLONTARI DELLA LIBER Eretta in Ente Morale D.P.R. n 430 del

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli