TEORIE DEI MEDIA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEORIE DEI MEDIA. f.ieracitano@lumsa.it"

Transcript

1 TEORIE DEI MEDIA

2 Programma del corso Programma da 6 Cfu M. Wolf, Teorie delle comunicazioni di massa, Milano, Bompiani, 1996 L. Mazzoli (a cura di), Network effect. Quando la rete diventa pop, Torino, Codice edizioni, 2009 Lettura a scelta tra: R. Silverstone, Televisione e vita quotidiana, Bologna, Il Mulino, 2007 V. Packard, I persuasori occulti, Torino, Einaudi, 1989

3 Organizzazione del corso 40 ore = 6 Cfu ESONERO 40 ore 32 ore frequenza

4 Agenda Quali aspetti studiare dei mass media Come sono stati studiati i mass media Perché studiare i mass media Cosa si intende per mass media

5 Studiare i mass media FZ0z5Fm-Ng Hv5Z2Xv8iJU 5akWuRNy3_g

6 Da quanti punti di vista si possono studiare i mass media? La complessità dell oggetto di analisi Il mezzo (linguaggi) Effetti/messaggio Ricevente (utilizzo) Intenzioni della fonte Le teorie e gli oggetti di analisi I contesti sociali di riferimento Non esiste teoria dei media che non sia anche una teoria della società

7 Il modello del diamante culturale (W. Griswold) Mondo sociale I contesti Creatore Istituzioni,, mass media, artisti Ricevitore (destinatari pubblico, popolazione) Oggetto culturale Opere d arte, contenuti mediali, Problemi sociali, usi, simboli, progetti editoriali ecc.

8 Studiare oggi i media? Cambiano i media Cambia l uso che se ne fa Cambiano i contesti Problematicità convergenza Il flusso di contenuti su più piattaforme.. Indica il cambiamento sociale, culturale, industriale e tecnologico inerente alle modalità di circolazione della nostra cultura (H. Jenkis, Cultura convergente) Ha ancora senso studiare i media? Partire dagli interrogativi Le teorie Diversi problemi Diversi approcci Manipolazione e persuasione? Vs Modelli educativi Modelli culturali Impatto relazioni interpersonali

9 Quando i media diventano oggetto di studio Communication Research Eterogeneità (ipotesi, ricerche, teorie) Mutidisciplinarità Teoria generale dei media? Filoni di ricerca e tendenze di studio Media logic Impatto sociale Finalità

10 Problemi cronologici per una storia delle teorie dei media Anni 20 30: media onnipotenti/influenza sociale Anni 40- metà anni 60: ridimensionamento influenza sociale Fine anni 60 anni 70: Effetto L.T. Impatto socializzazione (influenza sulle dinamiche comunicative: contenuti e forma: fb) Costruzione sociale della realtà (quadri mentali e verità) Anni 70: da atteggiamenti/opinioni a rappresentazione della realtà (osservatorio Carta di Roma/costruzione sociale della differenza) Ridefinizione del ricevente (forze incontrollabili interne ed esterne), no attore passivo

11 Problemi metodologici Ricerca empirica Differenti di impostazione Gli Usa e la ricerca amministrativa masse (opinioni e atteggiamenti, fini propagandistici guerra/mercato) conoscenza del sistema mediale, efficacia (committenza) Ricerche ad hoc Riflessione teorica Europa e la ricerca con finalità speculative Dall informazione alle conoscenze: prodotti simbolici (ideologie e contesto storico-sociale) Rapporto mass media e società (difficoltà di approccio) Rischio teorie cospirative condizionamento sociale del pensiero

12 Gli anni 70 e la critica alla communication research No comparazione Sapere quantitativo vs sapere cumulativo (differenza con sapere scientifico) Le cause Quali aspetti studiare? Complessità dell oggetto Da quale punto di vista? Prospettiva disciplinare: effetti sociali, effetti psicologici Complessità Mass media e processo comunicativo Approccio sistematico Il superamento della frattura Prospettiva sociologica dominante (unificazione approccio Usa ed Europea) dalla propaganda all informazione/ formazione conoscenze Approccio multidisciplinare: complessità del processo Ridefinizione della prospettiva temporale: L.T. No ricadute immediate

13 La rivoluzione silenziosa (Silverston) Comunicazione verbale comunicazione simbolica/culturale (stili di vita) Esperienze filtrate (eventi mediatici, cerimonie dei media, partecipazione) Costruzione dell identità (sfera valoriale) Le prospettive sulla rivoluzione silenziosa Apocalittici e integrati (U. Eco) 60 Apocalittici: massificazione, omologazione, qualità cultura (globalizzazione culturale: stesso tipo di consumi) Integrati: fiducia nel progresso Mutazione antropologica Parole vs immagini Decodifica razionale vs decodifica emotiva (informazione, dolore) Grandi narrazioni vs informazione/attualità (inseguimento del nuovo)

14 Perché studiare i mass media? non possiamo sfuggire ai media, perché essi sono coinvolti in ogni aspetto della nostra vita quotidiana (Silverston) Sfere di significato e rilevanza dei MM Importanza: percezione di rilevanza (svago informazione, problemi sociali), guida ai comportamenti quotidiani Realtà/Vita reale: realtà/fantasia fatto/finzione, verità/falsità (Ex.generi frame e linguaggi tv Tg) evasione. Spazio pubblico/spazio privato: rilevanza dei media sfera pubblica, guida ai significati più accettati (opinione diffusa), riduzione barriera tra pubblico e privato (wikileaks)

15 Perché studiare i mass media? Identità (sociale e individuale): chi che cosa siamo in cosa ci differenziamo, rafforzamento stereotipi (italianità mediatica, fiction) Spazi e luoghi: strutturazione di significato e riferimento a luoghi (Ex. fiction vs informazione dove?), pubblico geograficamente situato. Globalizzazione vs crisi localizzazione dei messaggi (arricchimento dell offerta MTV) Tempo: definizione memoria collettiva + produzione mediale e organizzazione temporale (palinsesto) storia vs attualità dei contenuti

16 DI COSA PARLIAMO QUANDO PARLIAMO DI MASS MEDIA?

17 Una definizione quegli strumenti utilizzati per realizzare produzione, trasmissione, e diffusione su grandi distanze di notizie, immagini, suoni atti a raggiungere in modo simultaneo, o comunque in tempi estremamente brevi, un gran numero di persone (D. McQuail)

18 Comunicazione vs comunicazione di massa Distanza: F-R (segretezza e inaccessibilità) Simultaneità: controllo del tempo/interferenze quotidiane, feedback Vastità del pubblico: soggetto debole, omologazione Disparità F - R No dialogicità (Thompson) Interazione face to face Interazione mediata Mezzi di comunicazione di massa e teorie dei media Stampa Radio Tv New media?

19 La stampa Guttemberg Bibbia a 42 linee Analisi della stampa Moderna stampa borghese 700: Phamplet, anonimi e critici Stato assoluto Impatto sociale destabilizzazione potere (ingiustizie) No carattere commerciale Ambienti illuministi (pre-rivoluzione francese) Sfera pubblica borghese (Habermas) Dibattito pubblico Sfera istituzionale (potere politico) Privati Dibattito pubblico e società civile

20 La stampa Fine 800 America - Europa Giornale borghese XIX SECOLO news e informazioni in tempo reale (Mattelard) Agenzie di stampa Stampa = oggetto di studio Veste commerciale Impulso stampa radio

21 La Radio 40 la radio nel periodo bellico Attacco nemici Vicinanza /solidarietà alleati Voce nelle case Vicinanza vs distanza mass mediale Radio: discrezione, rapporto personale Tv: invadenza, sopravvivenza e rilancio nel tempo (radio 2 vs nuove espressioni di socialità) Impatto sociale dei mass media Oggetto di arredamento (vintage anni 70) Ornamento estetico Da medium a Status symbol

22 Radio Radio /elettrodomestici indicatori di posizioni sociali (meccanismi imitativi) Status symbol Alta stratificazione (differenze) Mobilità sociale Meccanismi imitativi Trickling down effect (Fallers) (fenomeni di consumo e di moda) Oggetto evocativo - classe sociale (illusorio) Oltre la funzione informativa McLuhan Dall era Guttemberg alla costellazione Marconi -media senza elettricità (stampa) -elettricità (maggiore impatto)

23 Televisione Anni 50 America: prime programmazioni (diffusione 54) Italia: 54 prime programmazioni ( 65 media diffusione) Radio = guerra Tv = periodo post bellico, benessere Usa e Europa Welfare state Diffusione sogno americano in occidente (problemi economici persistenti) La tv e lo scenario sociale Fratture del ventennio fascista Cittadini vs consumatori (miglioramento tenore di vita, no differenze sociali) TV = benessere quantitativo

24 Televisione Radio = voce Tv = mondo Tv Radio codici della comunicazione umana Differenza con Cinema e Teatro (diffusione capillare) Rapporto diretto con il mezzo (la tv per la tv) Analisi sociologica Centralità del mezzo nell abitazione Tv e rapporti di potere (sovvertimento dell ordine gerarchico) Le conseguenze della presenza di più apparecchi (differenziazione)

25 Televisione TV - STAMPA Tv = multifunzione Stampa = monocontenutistica (assimilazione tv, codice iconico) Inserti = serialità affezione Stampa e Tv = autoreferenzialità (Lhumann) Tv e pubblicità Rafforzamento reciproco Amplificazione dei meccanismi persuasori (impatto emotivo) Le funzioni della tv Cognitiva: risposta cognitiva comunicazione verbale/scritta Emotiva: risposta emotiva comunicazione iconica Contrapposizione Tv provoca entrambe (modalità di trattazione dei temi) Vastità del pubblico = forza tv TV: cultura d èlite e cultura di massa Cultura trasversale (no competenze specifiche)

26 La TV come oggetto Transizionale (Silverstone) Winnicott Oggetto transizionale= dipendenza/rassicurazione Babysitter:suoni, luci rassicuranti Disponibilità costante Non è distruttibile (spegnimento/accensione) I Tg = oggetto transizionale: ansia/rassicurazione Rituali e ritmi: scansione dei palinsesti Tv

27

28 I modelli teorici Teorie sociale scuole di pensiero Contesto storico economico E sociale Teoria Massmediale Modello Processo comunicativo Modello teorico dominante in un periodo Aspetti/problemi della comunicazione di massa: medium vs cultura Modelli teorici vs studi

29 LA TEORIA IPODERMICA (Bullet Theory)

30 I presupposti della teoria ipodermica

31 La teoria della società di massa

32 La società di massa: premesse sociali Società industriale società contemporanea Declino delle comunità tradizionali:utilitarismo, individualismo Scompaiono i corpi intermedi: cerchie sociali (Simmel) Ruolo dei mass media e cultura di massa Dalla società di massa al concetto di massa

33 La massa come concetto Massa +/- passività vs comportamento rivoluzionario Folla aggregato, tempo limitato, Densità e stimoli emotivi Le Bon Psicologia delle folle: comportamenti istintuali/contagio emotivo Fisicità/visibilità Massa Categoria Caratteristiche comuni Non esiste come entità fisica

34 Diverse chiavi di lettura della massa Pensiero politico 800 Massa = società di massa Processi economici Industrializzazione Trasporti Commercio Uguaglianza e libertà Ricadute sociali Indebolimento èlite (esclusività) (scioperi e sindacati) potere delle masse Complessità sociale (densità) Indebolimento dei legami: (rafforzamento tessuto sociale) vs isolamento e alienazione delle masse

35 Le qualità dell uomo massa La disintegrazione delle élite Ortega y Gasset La ribellione delle masse Uomo massa vs umanista colto la massa è il giudizio degli incompetenti Specie antropologica (trasversale) sapere specialistico Essere identici = tranquillità la massa travolge tutto ciò che è singolare, differente, qualificato e selezionato

36 Simmel e la massa massa - individuo Formazione nuova Spersonalizzazione dei suoi membri Elementi in comune Le masse forme primitive dell evoluzione organica No confronto di opinioni Scopo facilmente raggiungibile Si lascia dominare da un idea

37 Le caratteristiche della massa 1) Insieme omogeneo di individui: uguali/ non distinguibili ma di diversa provenienza 2) sconosciuti, separati, no interazione 3) assenza di tradizioni, regole, organizzazione/leadership (Blumer)

38 Cosa accade a individui isolati, anonimi e atomizzati?

39 La teorie ipodermica Wright ogni membro del pubblico di massa è personalmente e direttamente attaccato dal messaggio Reazione scientifica ai mass media Lo scenario Periodo bellico Mass media = novità Uso dei media totalitarismo I guerra mondiale Uso sistematico propaganda Scoppio conflitto supporto impegno bellico: integrazione/coesione, odio/ guerra psicologica, abnegazione truppe e civili: utilità sociale del sacrificio (menzogne, manipolazioni e filtraggi) Viereck (1930) Ex. Cadaveri tedeschi sulla strada per la fabbrica di sapone (Reazione Cina)

40 I media come potenti strumenti di persuasione Approccio globale ai media: no differenze La domanda di ricerca Che tipo di effetto generano i media in una società di massa? Teoria sulla propaganda Presupposti teorici Teoria della società di massa:analisi sociale Teoria psicologica dell azione:analisi comunicativa Blumer isolamento fisico non basta Oltre esperienza Oltre i significati condivisivi massa orientamento dell attenzione lontano universi culturali Esperienze non strutturate No modelli No aspettative Isolamento fisico/ normativo = azione manipolatoria

41 Gli effetti della propaganda secondo la Bullet Theory ogni individuo è una specie di atomo isolato che reagisce agli ordini e alle suggestioni dei mass media e alla loro azione monopolizzante (Wright Mills) Il successo della propaganda Messaggio Proiettile Ricevente Bersaglio Società di massa Modello comunicativo Psicologia Bheaviorista

42 Modello della Psicologia Behaviorista Studio del comportamento umano (osservazione) Organismo Ambiente Stimolo Comportamento umano S-R Immediatezza mass media (effetti scontati) Espediente metodologico S = risposta eterogenea Contesto precedenti esposizioni allo stimolo (Totalitarismo, isolamento sociale) (mass media innovativi) Esposizione a propaganda = manipolazione

43 La guerra dei mondi 30 Ottobre 1938 O. Wells Signore e signori, vogliate scusare per l interruzione del nostro programma di musica da ballo, ma ci è appena pervenuto uno speciale bollettino della Intercontinental Radio News. Alle otto meno venti, ora centrale, il professor Farrell dell Osservatorio di Mount Jennings, Chicago, Illinois, ha rilevato diverse esplosioni di gas incandescente che si sono succedute a intervalli regolari sul pianeta Marte. Lo spettroscopio indica che si tratta di idrogeno e che si sta avvicinando verso la terra a enorme velocità. Il professor Pierson dell Osservatorio di Princeton conferma questa osservazione dicendo che il fenomeno è simile alla fiammata blu dei jet sparata da un arma. Signore e signori, è la cosa più terribile alla quale abbiamo mai assistito Aspettate un momento! Qualcuno sta cercando di affacciarsi alla sommità..qualcuno o qualcosa. Nell oscurità vedo scintillare due dischi luminosi..sono occhi? Potrebbe essere un volto. Potrebbe essere..mio Dio, dall ombra sta uscendo qualcosa di grigio che si contorce come un serpente. E poi un altro e un altro ancora. Sembrano tentacoli. Ecco, adesso posso vedere il corpo intero. È grande come un orso e luccica come cuoio bagnato. Ma il viso! È indescrivibile. Devo darmi forza per riuscire a guardarlo. Gli occhi sono neri e brillano come quelli di un serpente. La bocca è a forma di V e della bava cade dalle labbra senza forma che sembrano tremare e pulsare. Il mostro, o quello che è, si muove a fatica. [ ]Un oggetto ricurvo sta uscendo dalla fossa. Sembra un piccolo raggio di luce riflesso su uno specchio. Che succede? Dallo specchio si sprigiona un raggio di luce che si dirige verso gli uomini che avanzano. Li ha colpiti! Sant Iddio, li ha incendiati! Bruciano come torce.

44 Il modello comunicativo di Harold Lasswell: 5W Chi 30 Atto comunicativo Dice Cosa A Chi Attraverso quale Canale Con quali Effetti Iniziativa E Effetti R processo comunicativo asimmetrico Comunicazione è intenzionale: analisi del contenuto (effetti osservabili: opinioni/atteggiamenti) E e R: socialmente e culturalmente isolati

45 Il MODELLO EMPIRICO SPERIMENTALE O DELLA PERSUASIONE

46 L approccio empirico sperimentale e approccio empirico su capo Superamento Teoria ipodermica 1. Fenomeni psicologici individuali intervenienti (esposizione al messaggio) 2. Mediazione sociale tra ricevente e mezzo Si sviluppano dagli anni 40 contemporanee (cinema, propaganda e pubblicità) Frammentari e contraddittori Branca di studi autonoma ma influente per la communication research

47 Le premesse del modello empiricosperimentale Processo comunicativo vs determinismo S- R E-R Messaggio complessità L interruzione del determinismo S fattori psicologici R Atteggiamento uno stato mentale o neurologico di prontezza, organizzato attraverso l esperienza, che esercita un influenza direttiva o dinamica sulla risposta dell individuo nei confronti di ogni oggetto o situazione con cui entra in relazione (Allport)

48 L Atteggiamento S - Atteggiamento- R Variazione comportamento = variazione atteggiamento Cambiamento atteggiamento (comportamento in embrione) = Persuasione modificazione di atteggiamenti perseguita attraverso la comunicazione Misura di Efficacia propaganda/pubblicità sui comportamenti Limitazione Atteggiamento comportamento = no causalità, nesso debole (EX. esperimenti, su comportamenti vs atteggiamenti) Atteggiamento = una possibile variabile

49 Modello empirico sperimentale Superamento teoria ipodermica No approccio globale ai media Efficacia/insuccesso persuasione Strutturazione del messaggio Caratteristiche destinatario Interazione reciproca e compatibilità tra le variabili Teoria ipodermica Riceventi: dall entità amorfa alle specificità individuali Differenze di reazione, unicità del messaggio

50 Le specificità degli studi empirici sperimentali La situazione sperimentale Panel e gruppi sperimentali omogenei (inalterabilità variabili) Alterazione Variabili intervenienti, misurazione dell impatto (isolate ex. fonte) Caratteristiche destinatario Organizzazione del messaggio Ricerca amministrativa Specifiche situazioni comunicative: Campagne informative, pubblicitarie, elettorali fonti autorevolezza (istituzioni o enti di potere) Specificità scopi Intensità comunicativa vasta copertura durata temporale limitata.

51 Le ricerche di Hovland II guerra mondiale Aumento efficacia messaggio Ostacoli all efficacia (impatto dei messaggi su truppe, depotenziamento nemici) Fattori relativi all audience Fattori relativi al messaggio I fattori relativi all audience L interesse ad acquisire informazioni Esposizione selettiva Percezione selettiva Memorizzazione selettiva

52 Fattori relativi all audience Impatto del messaggio sul ricevente 1) L interesse ad acquisire informazioni: non tutti sono bersaglio di una campagna alla stesso modo; poche/nulle conoscenze (no persuasione) Le persone poco informate sono difficili da raggiungere Scarso interesse Difficoltà di accesso Apatia sociale Soggetti più interessati dopo esposizione Disinteresse = no esposizione 1) esposizione più la gente è esposta a un argomento, più aumenta l interesse e più è motivata a saperne di più. 2) Interesse Il successo della campagna Interesse per la campagna Quantità di persone non interessate

53 Fattori relativi all audience 2) Esposizione selettiva: informazione conforme ad attitudini Campagna di persuasione individui d accordo/sensibili Fallimento campagne Effetti dei media non potenti Klapper Campagna informativa rafforzamento vs cambiamento Opinioni = esposizione ai contenuti mediali Novità No condivisione punto di vista Emittente Maggiore recettività se conformità di opinioni Variabili che incidono sull esposizione Istruzione/professione Grado di consumo dei media

54 Fattori relativi all audience 3) Percezione selettiva i membri del pubblico non si presentano alla radio o alla televisione o al giornale in uno stato di nudità psicologica ; essi sono invece rivestiti e protetti da predisposizioni esistenti, da processi selettivi e da altri fattori (Klapper 1963). Interpretazione del messaggio Significato Attitudini/valori Cooper e Jahoda (1947) Atteggiamenti antirazzisti Decodifica aberrante: non comprensione Messaggio non rappresenta la realtà Accettazione contenuto superficiale (giustificazione dei pregiudizi in base alle circostanze) Focalizzazione su storia del cartoon (no morale) Modificare il quadro di riferimento della situazione narrata (egoismo) Riduzione dissonanza cognitiva (Festinger 57, Ex la volpe e l uva)

55 Fattori relativi all audience Cosa impedisce la decodifica aberrante? Sicurezza nelle proprie attitudini: no distorsione senso (disinnescare identificazione) Le finalità con cui si usa il contenuto - gli anziani (Mr Biggot: identificazione/autocritica/distorsione per mantenimento autostima) -I giovani gratificazioni (identificazioni con figura paterna) combattere i pregiudizi paterni e autorità generazioni adulte conseguenze della percezione selettiva: 1) Effetto assimilazione: Opinioni più vicine Avviene quando opinioni simili E R Scarso coinvolgimento verso l argomento Fiducia verso il comunicatore Accettazione opinioni 2) Effetto contrasto Opinioni più distanti Messaggio inaccettabile/propagandistico

56 Fattori relativi all audience 4) Memorizzazione selettiva: Aspetti del messaggio coerenti con le opinioni: maggiore memorizzazione e aumento nel tempo. Effetto Bartlett: memorizzazione seleziona aspetti conformi e/o significativi vs distanti Argomentazioni principali a favore/contrarie: quelle contrarie si dimenticano prima (persuasione argomentazioni principali) Effetto latente: dopo l esposizione efficacia persuasoria è nulla, aumenterà con il tempo. Atteggiamento negativo/barriera verso la fonte, restano i contenuti

57 I fattori relativi all audience (C. Hovland) L interesse ad acquisire informazioni Esposizione selettiva Percezione selettiva Memorizzazione selettiva

58 Fattori legati al messaggio

59 Fattori legati al messaggio Indirizzo di studi parallelo, influenza reciproca 1) La credibilità del comunicatore: Reputazione fonte: persuasione mancanza di credibilità: mancata persuasione Differente efficacia Campagna informativa Messaggi identici Fonte diversificata Hovland e Weiss Futuro del cinema dopo l avvento della tv le cause della crisi dell acciaio la possibilità di vendere liberamente antistaminici Effetto diverso in base alla fonte Effetto misurato subito + fonte credibile = maggiore mutamento di opinione Misurazione dopo intervallo (4 settimane)= effetto latente (sfuma la non credibilità F e c è assimilazione)

60 Fattori legati al messaggio 2) L ordine delle argomentazioni: Messaggio bilaterale (pro e contro) Max efficacia Effetto primacy: argomentazioni iniziali a favore Effetto recency: argomentazioni finali contrarie Legge primacy Max persuasione argomentazioni nella prima parte del messaggio Però esperimenti in varie condizioni (ex variazione intervallo di tempo esposizione) Familiarità + effetto recency Validità di effetto primacy e recency Alcune costanti Scarsa o nulla conoscenza = effetto primacy Variabili che interferiscono (interesse R)

61 Fattori legati al messaggio DLlVc feature=relmfu

62 Fattori legati al messaggio 3) La completezza delle argomentazioni: cambiamento di opinione in relazione ai pro e contro di un tema controverso Hovland ( 49) Comunicazione persuasiva per proseguire la guerra fino al crollo Asse 2 messaggi radiofonici 1)one side: solo i motivi relativi alla prosecuzione bellica 2)both side: più lungo (4 minuti): fornisce argomentazioni su prosieguo guerra in più vantaggi macchina bellica americana rispetto al Giappone

63 Fattori legati al messaggio Esiti dell esperimento Maggiore efficacia Le due versioni sono più efficaci: se il destinatario è di parere opposto Le argomentazioni a favore sono efficaci se il ricevente è già persuaso (anziché pro e contro) Alto grado di istruzione: maggiore persuasione dalle doppie argomentazioni Basso livello di istruzione: argomentazioni pro più efficaci Minore efficacia Entrambe le argomentazioni sono meno efficaci in un gruppo con scarso livello di istruzione già persuaso al messaggio Omettere argomento interessante rende meno efficace il messaggio con entrambe le argomentazioni, non quello che ne usa una sola

64 Fattori legati al messaggio 4) L esplicitazione delle conclusioni È persuasivo il messaggio che esplicita le intenzioni o quello che le lascia sottintendere? Psicologia del soggetto + coinvolgimento del R sull argomento + conclusioni implicite Più è approfondita la conoscenza su un tema = conclusioni implicite Se Argomenti complessi e se il pubblico ha poca confidenza/competenza = esplicitare le conclusioni

65 La capacità persuasoria delle comunicazioni di massa Efficacia messaggio Struttura psicologica del soggetto Barriere del pubblico Vs manipolazione dei media La persuasione è possibile guardando alle variabili psicologiche e del messaggio

66 L APPROCCIO EMPIRICO SU CAMPO

67 Le novità introdotte dal modello empirico su campo La rilevanza del modello Effetti: Prospettiva psicologica prospettiva sociologica Effetti potenti effetti limitati Teoria Ipodermica Empirico sperimentale Empirico su campo MANIPOLAZIONE PERSUASIONE INFLUENZA Mass media Interazioni tra gli individui

68 Le novità del modello empirico su campo Effetti dei media Ricerca amministrativa + Rilievo teorico + problematiche sociali: come si formano le attitudini politiche dei soggetti? Teoria Ipodermica: teoria società di massa + teorie psicologiche dell azione Modello empirico su campo: processo comunicazione di massa il contesto sociale

69 I due filoni di ricerca A) Composizione pubblico e modelli di consumo della comunicazione di massa B) Mediazione sociale e consumo dei media A) LE RICERCHE SUL CONSUMO DEI MEDIA Paul Felix Lazarsfeald (Austria 1935) Funzionalista Columbia: Bureau of Applied Social Research. (1941) La ricerca 1938: Princeton Radio Project (Frank Stanton - CBS) Rockfeller foundation Radio and the Printed Page. An introduction to the study of Radio and its role in the communication of ideas (1940) Obiettivi della ricerca Caratteristiche del pubblico e preferenze (programmi impegnati/svago) Motivazioni

70 Le metodologie Macchina dei profili/analizzatore Lazarsfeald-Stanton: reazioni, preferenze/avversioni. Rilevazione di alti e bassi (radio e cinema) Come conoscere il significato che un programma ha per il pubblico? Analisi del contenuto:cosa trattiene, cosa elimina (storia vs ricette) Caratteristiche degli ascoltatori: differenziazione per gruppi di ascoltatori (differenze sociodemografiche e commedie diverse) Studi sulle gratificazioni:perché si sceglie un programma? più livelli difficoltà introspettive e motivazioni profonde = descrizione esperienza + concettualizzazione. Approccio multimetodologico

71 Chi segue un certo mezzo e perché? Effetti preselettivi vs effetti successivi La radio Seleziona Influenza Analisi preferenze mezzo + programma = stratificazione socialeabitudini di consumo Comunicazione di massa contesto sociale Focus Condizioni psicologiche condizione Ricevente + relazioni sociali

72 Come si formano le attitudini politiche? Gli effetti della propaganda.

73 B) la mediazione sociale Lazarsfeald, Berelson e Gaudet No modello meccanicistico comunicazione The people s choice. How the voter makes up his mind in a presidential Campaign (1944) Obiettivo Come si formano le attitudini politiche durante una campagna elettorale? Campagna presidenziale elettori Ohio (Erie County) Lo studio

74 La metodologia 1) Panel intervalli regolari, variazioni atteggiamenti e opinioni 2) Analisi multivariata: (Es. X (grado di istruzione ) Y (comportamento di voto: si no) Z (interesse per le elezioni) Rapporto x-y non diretto ma mediato da z Fattori socioculturali: influenza su scelte di voto Fattori massmediali: interesse, motivazione, partecipazione e grado di esposizione alla campagna

75 I risultati 53% intervistati: esposizione prolungata, più canali (stampa e radio)= rafforzamento opinioni precedenti 42% esposizione a propaganda vicina all orientamento politico (esposizione selettiva Hovland) 5% aveva cambiato le preferenze politiche Gli effetti prodotti dalla totalità della campagna elettorale Effetto di attivazione: tendenze latenti comportamento di voto Effetto rafforzamento: preserva le decisioni Effetto di conversione: più instabili, opinioni non strutturate minore esposizione alla campagna (ridefinizione, max attenzione su un problema)

76 L opinion leader Stabilizzazione dell opinione Rapporti sociali Leader d opinione Chi sono gli opinion leader? Più reattivo alla campagna Capace di influenzare elettorato meno partecipe Conclusione (Lazarsfeald e Katz) un tentativo di mutare un opinione o un atteggiamento individuale non può avere successo se il soggetto condivide la propria opinione con altri cui egli è legato, i quali non siano d accordo con il cambiamento

77 Gli opinion leader Gli opinion leader nella ricerca? Avete cercato recentemente di convincere qualcuno delle vostre idee politiche? Qualcuno, di recente, vi ha chiesto consiglio su un problema politico? Opinion leader vs membri del gruppo Maggiore interesse Maggiore esposizione mediatica Figure socialmente trasversali (simili al gruppo) Gli opini leader si frappongono al processo comunicativo!

78 TWO STEP FLOW OF COMMUNICATION Mass media Mass media S- R S- O - R

79 Il ruolo dell opinion leader e del gruppo Fiducia Autorevolezza Competenza Vicinanza Opinion leader (vs Fonte) Opinion leader + two step flow = come si formano le attitudini dell individuo in un gruppo Cristallizzazione opinioni = interferenza/confronto con il gruppo/ rafforzamento attitudini Processo di formazione opinione pubblica No tiene conto solo del ricevente isolato Relazioni sociali Dal ricevente amorfo al peso del contesto sociale (personalità e relazioni sociali)

80 Effetti limitati Qualità: rafforzamento non conversione (minima) Incidenza: l opinion leader più influente dei media, fette di pubblico non esposte (più propense alla conversione) Perché le relazioni interpersonali hanno maggiore incidenza? Vince le barriere del destinatario: esposizione e percezione selettiva Fonte più familiare e meno impersonale Comunicazione non finalizzata (no rischio persuasione)

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale LA COMUNICAZIONE Il ruolo della comunicazione nella vita sociale La comunicazione = attività umana fondamentale Vita sociale insieme di attività comunicative Gradi di complessità delle forme comunicative

Dettagli

Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015. Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1

Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015. Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1 Storia a linguaggi della radio e della televisione a.a. 2014-2015 Appunti di teorie della comunicazione D. Toschi 1 TEORIA IPODERMICA (Bullet Theory) Ogni membro del pubblico di massa è personalmente e

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells *La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells 1 Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Il Mulino, 2004 3. La comunicazione di massa *La

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV TESTO: Comunicazione M.Colombari ed. San Marco 1. Dalla filosofia degli antichi alla psicologia come scienza

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI L 36

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI L 36 FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI L 36 Insegnamento di Sociologia Generale SSD SPS 07.9 CFU - A.A. 2014-2015 Docente: Michela Luzi Obiettivi

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) P. F. Lazarsfeld (Vienna 1901 New York 1976) PERIODO VIENNESE 1929 Volume di statistica per psicologi (Statistisches

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni Kurt Zadek Lewin 1890-1947 Psicologo tedesco nel 1930 Avvia la Ricerca di laboratorio sui gruppi, In contesti,sociali,educativi

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI DOS SANTOS Janaildes Maria Secondo voi quali sono gli elementi chiave per la produzione dei conflitti nei rapporti sociali? PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI Ascoltiamo

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio)

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) Università di Urbino Corso di marketing progredito Progetto di: Andrisani Michela Galasso Donato Grifoni Giorgia Maiolini Federica Maldoni Serena

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

PUZZLE Media e politica. Collana diretta da Lorella Cedroni

PUZZLE Media e politica. Collana diretta da Lorella Cedroni PUZZLE Media e politica 11 Collana diretta da Lorella Cedroni Direttrice Lorella CEDRONI Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Paula DIEHL Humboldt Universität, Berlin Gianpiero GAMALERI Università

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Metodi di ricerca dell antropologia culturale

Metodi di ricerca dell antropologia culturale Modulo B Fissiamo i concetti Metodi di ricerca dell antropologia culturale Ricerca teorica Ricerca sul campo Comparazione tra culture differenti a partire da do- Consiste nel raccogliere dati riguardo

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3 1 LA FONTE 2 LA FONTE Fabris (1992) identifica tre principali tipi di fonte che possono interferire sul messaggio che comunicano: 1) l impresa 2) il

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

Psicologia Sociale II

Psicologia Sociale II Psicologia Sociale II Federica Castellini Anno Accademico 2011 2012 Corso di Laurea in Servizi Sociali Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano Bicocca La psicologia sociale Frontiera tra

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE PER COMPETENZE Il nostro curricolo: verticale,integrato,unitario 1 ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI CRISPI MESSINA Misure di accompagnamento Indicazioni Nazionali Annualità 2014-15 Progetto Formativo Nazionale: Rafforzamento

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Potere e Teoria Politica Mario Stoppino

Potere e Teoria Politica Mario Stoppino 1 Potere e Teoria Politica Mario Stoppino Riassunto Una classificazione formale del potere Rapporto tra comportamenti o tra disposizioni ad agire di attori diversi. POTERE: qualsiasi rapporto di causazione

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Mirella Taranto Capo Ufficio Stampa ISS Roma FNSI 23 Giugno 2016 SCIENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Dott.ssa Grazia LIPPOLIS

Dott.ssa Grazia LIPPOLIS RICONOSCERE E FRONTEGGIARE LE CRITICITA DEL LAVORO LAVORARE IN GRUPPO LE DINAMICHE ALL INTERNO DI UN GRUPPO DI LAVORO LA GESTIONE DEI CONFLITTI E DELLO STRESS Dott.ssa Grazia LIPPOLIS PREMESSA OBIETTIVO

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Caratteristiche del percorso formativo

Caratteristiche del percorso formativo Caratteristiche del percorso formativo La Negoziazione per la gestione dei conflitti e delle divergenze e la mediazione in ambito familiare Descrizione sintetica del programma formativo La Mediazione Familiare,

Dettagli

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 INDICE Introduzione... 7 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 1.1 Premessa metodologica: la moda come fenomeno sociale... 11 1.2 Il campo di analisi: la moda tra sogni,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE ANIMATORE PROFESSIONALE SOCIO EDUCATIVO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE Animatore professionale socio-educativo Educatore socio-culturale, animatore sociale Socio-sanitario, culturale

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO PROT. N. 4157/B32 L Istituzione A. S. 2009-2010 Classi o Scuola A. Frank Panzano Maggiolino Gaggio Picasso Castelfranco Castelfranco E. Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione sezioni

Dettagli

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo Messina, 18 marzo 2010 Linguaggio criminale e sentire mafioso PROBLEMI SOCIALI E PROBLEMI PSICOLOGICI Gioacchino Lavanco Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo SOMMARIO: INTRODUZIONE

Dettagli

Le scuole e la socializzazione

Le scuole e la socializzazione Le scuole e la socializzazione L individuo tuttavia non nasce membro della società. Egli nasce con una predisposizione alla socialità, e diventa un membro della società. (Berger P., Luckmann T., La costruzione

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli