Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9"

Transcript

1 PROVINCIA DI AREZZO Italia Valutazione del credito / Graduazione di affidabilità Categoria Outlook / Situazione Rating Valutazione di Moody s Stabile Aa3 Contatti Analista Francesco Soldi / Milano Mauro Crisafulli / Milano David Rubinoff/ Londra Advisor Maurizio Filippetti (Ghenos Consulting) Indicatori chiave Provincia di Arezzo Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti Saldo finanziario di competenza come % delle entrate correnti Bilancio di parte corrente come % delle entrate correnti Pagamenti di interessi come % delle entrate correnti Trasferimenti pubblici come % delle entrate correnti Spesa in conto capitale come % delle uscite totali PIL pro capite come % della media nazionale Parere MOTIVAZIONE SOTTOSTANTE AL RATING La valutazione AA3 conferita dall agenzia Moody s alla Provincia di Arezzo rispecchia il buon risultato di bilancio nel suo complesso, un adeguata liquidità e una prudente gestione finanziaria. Comunque, la valutazione prende anche in considerazione una capacità di aumentare le proprie entrate molto bassa, l esposizione al settore automobilistico ed i livelli di indebitamento piuttosto elevati, sebbene in calo. Comparazione con enti simili La Provincia di Arezzo si colloca nella fascia alta di valutazione nella graduatoria delle province italiane, il cui rating varia tra Aa3 e A2. La posizione della Provincia di Arezzo, rispetto alle altre, riflette livelli di indebitamento e di servizio del debito in linea con la media delle altre province italiane. Arezzo, inoltre, presenta una performance operativa relativamente buona ed una adeguata liquidità. Punti di forza in materia di credito Dal punto di vista creditizio, i punti di forza per la Provincia di Arezzo sono: - Un buon risultato di bilancio, che riflette risultati di gestione positivi, anche se in diminuzione, e basse esigenze di finanziamento - Un adeguata liquidità - Una prudente gestione finanziaria - Un tessuto economico (base economica) piuttosto sano benché poco ampio

2 Punti di criticità I punti di criticità dal punto di vista creditizio per la Provincia di Arezzo sono: - Dipendenza delle entrate dal settore automobilistico e capacità molto bassa di aumentare le entrate - Un livello di debito piuttosto alto, ma in diminuzione Prospettive di rating La prospettiva di rating è stabile. Cosa potrebbe migliorare la valutazione Risultati positivi della gestione corrente a valere nel tempo, una diminuzione dell indebitamento e qualsiasi ulteriore flessibilità di bilancio, nel quadro istituzionale di riferimento, rappresenterebbero fattori positivi dal punto di vista creditizio. Cosa potrebbe peggiorare la valutazione Sebbene improbabile, un deterioramento strutturale nei risultati della gestione corrente o una crescita incontrollata del ricorso al debito per effettuare investimenti, metterebbero sotto pressione la valutazione Aa3 assegnata. CONSIDERAZIONI DETTAGLIATE SULLA VALUTAZIONE La valutazione assegnata alla Provincia di Arezzo riflette l applicazione del metodo di valutazione JDA (Joint Default Analysis) di Moody s per i governi regionali e locali. Secondo questo metodo, dapprima Moody s stabilisce la valutazione di base dell affidabilità dell ente, poi considera la probabilità di un aiuto da parte del governo nazionale in caso di default della Provincia, qualora venisse a verificarsi questo evento eccezionale. Valutazione dell affidabilità di base La valutazione di base dell affidabilità di Arezzo pari a 4 (su una scala da 1 a 21, dove 1 rappresenta il minor rischio) riflette i seguenti fattori: Situazione e risultati finanziari Arezzo ha regolarmente registrato buoni risultati di bilancio grazie a prudenti strategie di gestione finanziaria. Il suo margine operativo lordo si è leggermente ridotto nel 2009 (10% contro una media del 12.5%negli anni ) riflettendo la riduzione delle entrate fiscali legate al settore automobilistico. Sebbene le future performance operative possano essere influenzate da tagli nei trasferimenti statali e regionali dovuti alle manovre di consolidamento dei conti pubblici nazionali, non ci aspettiamo, per il futuro, un deterioramento drammatico dei parametri finanziari della Provincia di Arezzo. La maggior parte delle entrate correnti di Arezzo (65%) è costituita da imposte riguardanti gli autoveicoli la tassa di immatricolazione (IPT) e l imposta sulle assicurazioni dei veicoli (RC auto) e da trasferimenti dalla Regione Toscana (Aa2/stabile), questi destinati soprattutto a finanziare servizi delegati, come il trasporto pubblico, la formazione professionale e la difesa dell ambiente. Moody s considera la dipendenza delle province italiane dalle imposte sugli autoveicoli come una debolezza. In conseguenza del rallentamento nel settore automobilistico le entrate da imposizione correlata al settore sono scese del 4.6% alla fine del 2009 rispetto ai livelli registrati nel 2007, comunque buoni saldi correnti hanno ammortizzato l effetto sulla performance operativa complessiva. Conformemente alle previsioni provinciali, si attende una stabilizzazione del gettito da imposte sugli autoveicoli nel 2010.

3 La disciplina di bilancio ha contribuito a mantenere sotto controllo le spese. Nonostante una struttura delle stesse relativamente rigida, in gran parte consistente in costi del personale, interessi passivi e costi di gestione dei servizi delegati, Arezzo è stata capace di gestire in maniera efficiente il proprio bilancio di parte corrente e di generare avanzi. Questi avanzi di parte corrente insieme con l avanzo di amministrazione della provincia hanno così garantito una forte capacità di autofinanziare spese in conto capitale così come rimborsi anticipati (di debiti). Le spese in conto capitale si aggirano tra il 28% ed il 37% delle spese totali degli anni , riguardando soprattutto il miglioramento della rete viaria locale. Per il futuro, Moody s prevede che le decisioni di investimento di Arezzo continueranno ad essere influenzate dalla disponibilità dei fondi regionali. La vendita di asset non strategici e l utilizzo dell avanzo di amministrazione dovrebbero contribuire a limitare i fabbisogni di finanziamento per gli investimenti nel La performance positiva in termini di cassa riflette la regolarità nella raccolta delle entrate proprie, così come la capacità della provincia di gestire i flussi di cassa dei propri investimenti, quest ultima aiutata dalle limitazioni imposte dal patto di stabilità interno. Profilo del debito Il debito diretto della provincia si attesta a circa 86 milioni di euro ovvero meno del 100% delle entrate correnti del Questo indice, tuttavia, aumenta considerevolmente se le entrate correnti vengono sterilizzate dei trasferimenti regionali destinati alle funzioni delegate. Il profilo del debito è conservativo, senza alcuna esposizione alla volatilità del tasso di interesse o ad operazioni di tipo bullet. Moody s guarda positivamente alla politica provinciale di graduale riduzione del debito per mantenere il proprio rapporto debito-entrate al di sotto 100%-110% delle proprie entrate correnti nei prossimi anni. Sottolineiamo che gran parte del fondo di cassa della provincia (il 90% di 70 milioni) è depositato presso la Banca d Italia e costituisce una consistente riserva contro eventi inattesi o per il servizio del debito, questo, nel 2009, ha assorbito il 10% delle entrate correnti. Fattori di gestione e di governance La provincia di Arezzo è governata da una maggioranza di centro-sinistra guidata dal sig. Vasai. Inoltre beneficia di un management prudente e competente, dotato di un approccio conservativo in merito agli investimenti, all indebitamento ed alla gestione della liquidità. Trasparenza e puntualità nel fornire informazioni finanziarie sono fattori chiave che stanno alla base della previsione di Moody s sul fatto che Arezzo continuerà a svolgere le proprie funzioni in modo efficace. Fondamentali economici Con circa abitanti, Arezzo è una provincia dell Italia centrale di medie dimensioni, che contribuisce allo 0,6% dell economia italiana. L economia provinciale mostra livelli di PIL pro capite storicamente in linea con la media nazionale e un basso, benché in crescita, tasso di disoccupazione (5.5% alla fine del 2009). Come già accennato, struttura delle entrate è sensibile ai cicli economici, in particolare ai risultati del settore automobilistico. La base economica della provincia di Arezzo dipende soprattutto dal settore terziario così come da una struttura industriale dinamica, che include una gamma di piccole imprese altamente specializzate nei manufatti e nell oreficeria, nelle calzature, nell abbigliamento e nelle stoffe. L economia di Arezzo dipende in maniera significativa anche da attività orientate all esportazione e da attività a prevalenza di lavoro, quindi risulta particolarmente esposta ai rischi dovuti alla crescente competizione internazionale. Inoltre, si prevede che il contributo del turismo alla produzione locale cresca leggermente.

4 CONTESTO OPERATIVO Il contesto operativo dei governi regionali e locali italiani è quello tipico di economie industriali avanzate e si riflette negli elevati livelli di benessere del paese, in una bassa volatilità del PIL e nella solidità delle istituzioni governative del paese. Tali caratteristiche implicano rischi sistemici molto bassi, implicando a loro volta una scarsa probabilità di default da parte dei governi locali e regionali a causa di crisi nazionali. La valutazione del paese è attualmente Aa2 con una prospettiva stabile. L economia italiana ha risentito della crisi economica mondiale. Nelò 2009 la contrazione della produzione è peggiorata significativamente, sino a circa il -5% nel 2009 rispetto a un -1% nel 2008, accrescendo la pressione sui deficit e sulle misure del debito del governativo. Le prospettive di crescita rimangono depresse per il 2010 e in parte riflettono il debole dinamismo dell economia nazionale. La capacità di manovra economica del governo italiano è limitata a causa dei vincoli imposti dalla grande entità del debito pubblico. Comunque, la vulnerabilità del governo dovuta all alto debito pubblico è mitigata in parte da un indebitamento delle famiglie piuttosto basso. Questo, insieme a un sistema bancario più tradizionale e complessivamente meno esposto, riduce il rischio di un ampio passaggio dell indebitamento privato nel bilancio statale e diminuisce il bisogno di operazioni di de-leveraging (azioni rivolte ad aumentare la liquidità del settore privato poste in essere dalle banche centrali), fatto che pesa sulle prospettive di crescita di molti paesi industrializzati. Considerato che le prospettive di crescita restano depresse/limitate a medio termine, la leva fiscale rimane una variabile chiave per il governo italiano per controllare il debito pubblico. In questa ottica è importante poter potenziare l efficienza nella pubblica amministrazione e le politiche fiscali. Quadro istituzionale Il quadro istituzionale - che include le organizzazioni che determinano le relazioni intergovernative, le responsabilità ed i poteri giurisdizionali - è maturo e sviluppato. Le provincie italiane mostrano una struttura delle entrate dinamica, seppure esposta al settore automobilistico, e limitata autonomia fiscale con limitata capacità incrementare le proprie entrate. La maggior parte degli impegni di spesa riguarda i settori dell edilizia scolastica e della viabilità. Le sfide principali emergono dai requisiti, in costante evoluzione e sempre più stringenti, imposti dal patto interno di stabilità. Comunque, Moody s riconosce l influenza del governo centrale nella finanza delle province, il forte quadro normativo, così come la promozione di una maggiore responsabilizzazione e autonomia locale. Considerazioni sugli interventi straordinari Moody s ritiene che difficilmente il governo centrale fornirà un supporto straordinario alle province, a testimonianza della spinta ad una maggiore accountability - responsabilizzazione delle province stesse - e di un atteggiamento non-interventista del governo per la prevenzione di default da parte di governi di livello inferiore. Moody ritiene anche che il rischio di default di Arezzo dipenda in scarsa misura dalla Repubblica d Italia, a testimonianza della bassa dipendenza della provincia dai trasferimenti del governo centrale, della distinzione tra le entrate proprie e quelle del governo centrale, e di una base economica locale integrata con l economia nazionale.

5 Risultato della scorecard (scheda punteggio) per la valutazione di base dell affidabilità La Scorecard per la valutazione di base dell affidabilità per la Provincia di Arezzo (presentata di seguito) fornisce una valutazione pari a 4, equivalente a quella attribuita dal comitato di valutazione. La Scorecard, che genera valutazioni di base dell affidabilità a partire da una serie di informazioni qualitative e quantitative sull affidabilità, è uno strumento usato dal comitato di valutazione per stimare la qualità del credito del governo regionale e locale. Le informazioni prese in considerazione dalla Scorecard forniscono un indicatore statistico buono ed esaustivo sula forza del credito (affidabilità); comunque, le valutazioni generate da una Scorecard non sostituiscono i giudizi del comitato di valutazione riguardo alle singole valutazioni di base dell affidabilità, né la Scorecard è una matrice per l attribuzione automatica o il cambiamento di queste valutazioni. Allo stesso tempo, i risultati della Scorecard hanno delle limitazioni nel senso che sono retrospettive, usando dati storici, mentre le valutazioni sono pareri previsionali sulla forza del credito. Inoltre, il numero limitato di variabili incluse nella Scorecard non può catturare pienamente il respiro e la profondità della nostra analisi. Tuttavia, le statistiche sui risultati presenti nella Scorecard sono importanti e, in generale, ci si può aspettare valutazioni più alte tra quelle emesse dalla Scorecard con i punteggi più elevati. RATING/VALUTAZIONE su scala nazionale e locale di Moody s Rating su scala globale e nazionale Moody s attribuisce rating su scala nazionale in determinati mercati locali di capitali, nei quali gli investitori ritengono che una scala di valutazione globale fornisca un inadeguata differenziazione oppure che la stessa sia incoerente con una scala di valutazione già in uso nel paese. Le valutazioni su scala nazionale di Moody s sono pareri sull affidabilità creditizia di emittenti ed emissioni in un particolare paese. Sebbene la previsione/aspettativa di perdite sia un importante fattore di differenziazione nell assegnazione del rating finale, si dovrebbe riconoscere che la previsione/aspettativa di perdite associata a rating su scala nazionale fornirà una differenziazione sensibilmente più elevata rispetto a un assegnazione di rating in base alla scala globale di Moody s. Le valutazioni su scala nazionale di Moody s classificano emittenti ed emissioni in ordine di rispettiva affidabilità creditizia: valutazioni più alte sono associate ad un inferiore aspettativa di perdita. I rating su scala nazionale possono essere intesi come una classificazione dell affidabilità creditizia (prendendo anche in considerazione un rilevante supporto esterno) nell ambito di un particolare paese. Le valutazioni su scala nazionale non sono pensate per un confronto tra paesi diversi; piuttosto, rivelano il rischio creditizio relativo all interno di un dato paese. L uso delle valutazioni su scala nazionale da parte degli investitori è adeguato solo all interno di quella porzione di portafoglio esposta allo stesso mercato locale, prendendo anche in considerazione i vari rischi considerati dai rating sulla valuta locale ed estera relativi a quel determinato paese. La valutazione su scala globale di Moody s per gli emittenti e le emissioni nella valuta locale permette agli investitori di confrontare l affidabilità creditizia di emittenti ed emissioni con tutti gli altri nel mondo, piuttosto che soltanto in un paese. Essa comprende tutti i rischi relativi a quel paese, inclusa la potenziale volatilità dell economia nazionale. Tetti - paese per le obbligazioni in valuta estera Moody s assegna un tetto (di rating) a titoli e obbligazioni in valuta estera per ogni paese (o area monetaria separata) in cui ci sono emittenti. Il tetto generalmente indica la valutazione più alta che possa venire attribuita a un titolo in valuta estera emessa da un ente per la sovranità

6 monetaria di quel paese o area. Nella maggior parte dei casi, il tetto equivale alla valutazione che è (o sarà) attribuita ai titoli emessi dal governo nazionale espressi in valuta estera. Le valutazioni che superano il tetto del paese possono essere consentite, comunque, per titoli in valuta estera che beneficino di particolari caratteristiche stabilite per dare loro un rischio inferiore di insolvenza rispetto a quello indicato dal tetto. Tali caratteristiche possono essere intrinseche all emittente e/o connesse alla visione di Moody s riguardo alle probabili azioni politiche del governo durante una crisi della valuta estera. Valutazione di base dell affidabilità (creditizia) La valutazione di base del credito di Moody s incorpora la forza intrinseca del governo dal punto di vista creditizio e prende in considerazione i sussidi ed i trasferimenti correnti da parte del governo nazionale. In effetti, la valutazione di base del credito riflette la probabilità che un governo locale necessiti di un supporto straordinario. Supporto straordinario Un supporto straordinario è un azione intrapresa da un governo nazionale per evitare un insolvenza da parte di un governo locale o regionale e può assumere forme diverse, variando da una garanzia formale a trasferimenti diretti per facilitare le negoziazioni con gli investitori al fine di potenziare l accesso ai finanziamenti necessari. Il supporto straordinario viene definito basso (0% - 30%), moderato (31% - 50%), alto (51% - 70%), molto alto (71% - 95%) o pienamente garantito (96% - 100%). Relazioni tra default (insolvenza) La dipendenza dei default riflette la probabilità che i profili di credito di due emittenti possano essere correlati in modo imperfetto. Tale correlazione imperfetta, se presente, ha importanti effetti diversificanti che possono cambiare il risultato di un default comune. Intuitivamente, se i rischi di default di due emittenti sono correlati imperfettamente, il rischio che essi siano insolventi simultaneamente è minore del rischio che siano insolventi indipendentemente. Nell applicazione dell analisi del default comune per i governi locali e regionali, la dipendenza dei default riflette la tendenza dei governi locali e regionali e del governo nazionale ad essere congiuntamente suscettibili alle avverse circostanze che portano all insolvenza. Poiché la capacità del governo nazionale di fornire un sostegno straordinario e prevenire un insolvenza da parte di un governo locale o regionale è condizionato dalla solvenza di entrambi i soggetti, più i rischi di base di default sono altamente dipendenti o correlati minori saranno i benefici ottenuti dal sostegno. Nella maggior parte dei casi, gli stretti legami economici e/o le basi imponibili sovrapposte e/o le simili leve fiscali tra diversi livelli di governo sfociano in un livello di dipendenza dei default da moderato a molto alto. La dipendenza di default viene descritta come bassa (0% - 30%), moderata (31% - 50%), alta (51% - 70%) o molto alta (71% - 100%).

7 Fattori di valutazione Provincia di Arezzo Valutazione di base del credito Scorecard Valore Punteggio Sottofattore Sottofattore Fattore 2007 di correzione Totale di correz. FATTORE 1 : Contesto Operativo PIL nazionale pro capite (su base PPA, in dollari) Volatilità nazionale del PIL (%) Indice di efficacia del governo nazionale (banca mondiale) FATTORE 2: Quadro istituzionale Prevedibilità, stabilità, reattività Flessibilità fiscale (A): Entrate proprie Flessibilità fiscale (B): Spese Flessibilità fiscale (C): Livello di indebitamento FATTORE 3: Situazione e performance finanziaria Pagamenti per interessi / Entrate correnti (%) Avanzo di cassa / Entrate totali (%) Bilancio lordo di parte corrente / Entrate correnti (%) Capitale circolante netto /Spese totali FATTORE 4: Profilo del debito Debito netto diretto e indiretto / Entrate correnti Debito diretto a breve termine / Debito diretto (%) Debito netto / Trend delle entrate correnti FATTORE 5: Governance e gestione Gestione fiscale Gestione dell investimento e dell indebitamento Trasparenza e informazione (A) Trasparenza e informazione (B) Capacità istituzionale FATTORE 6: Fondamentali economici PIL locale o regionale PPA stimato in dollari Valutazione di base del credito stimata

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria La finanza d impresa in Italia: banche e mercato Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Perugia, 16 aprile 2015 Traccia dell intervento Punti di debolezza della struttura finanziaria

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti.

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Certificates Multigeo 100 Plus Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Multigeo 100 Plus è un certificate che

Dettagli

Terzo Supplemento al Prospetto di Base relativo programma

Terzo Supplemento al Prospetto di Base relativo programma Terzo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di emissioni obbligazionarie denominato "Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero L adempimento di pubblicazione del presente

Dettagli

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base.

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base. Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly L adempimento di pubblicazione del

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base.

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base. Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Airbag, Certificati BMPS Bonus, Certificati BMPS Twin Win e Autocallable Twin Win e Certificati BMPS Autocallable

Dettagli

Presentazione Rating. 16 Marzo 2005

Presentazione Rating. 16 Marzo 2005 Presentazione Rating 16 Marzo 2005 Il Rating del Comune piu affidabile d Italia AA+ Un eccezione nel panorama degli enti locali italiani Comuni capoluogo di provincia con Rating Milano: Aa2 / AA- / - Torino:

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Conferenza Fedart Roma,1 dicembre 2014 Outline La spirale

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon INTESA SANPAOLO S.P.A. Società iscritta all Albo delle Banche al n. 5361 Capogruppo del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede legale in Torino, Piazza San Carlo 156

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO

RENDICONTO FINANZIARIO RENDICONTO FINANZIARIO IN OTTICA BASILEA 2 1 Utilità del Rendiconto finanziario L utilità del rendiconto finanziario trae motivo dal fatto che non si ha, quasi mai, coincidenza fra gli andamenti economici

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Rapporto sull industria italiana 2013

Rapporto sull industria italiana 2013 KF Economics - K Finance Rapporto sull industria italiana 2013 Analisi dei bilanci 2005-2011 Maggio 2013 Rapporto sull industria italiana 2013 1/35 Disclaimer La presente ricerca Rapporto sull industria

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE UNICREDIT S.p.A. Società per azioni Sede Sociale in Roma, Via Alessandro Specchi 16 Direzione Generale in Milano, Piazza Cordusio; iscrizione al Registro delle Imprese di Roma, codice fiscale e partita

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Guida alla classificazione

Guida alla classificazione a s s o c i a z i o n e d e l r i s p a r m i o g e s t i t o Guida alla classificazione A S S O G E S T I O N I La presente pubblicazione illustra i contenuti e le modalità di funzionamento del modello

Dettagli

CREDITO EMILIANO S.p.A.

CREDITO EMILIANO S.p.A. CREDITO EMILIANO SPA Capogruppo del Gruppo bancario Credito Emiliano - Credem - Capitale versato euro 332.392.107 - Codice Fiscale e Registro Imprese di Reggio Emilia 01806740153 - P. IVA 00766790356 -

Dettagli

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces Gli argomenti Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa 1 1 di Francesco Estrafallaces La recente fase di recessione economica e la blanda ripresa

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Situazione indebitamento al 31.12.2009

Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 A cura del Servizio Credito dell Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Cagliari, Dicembre

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 41 i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO 27 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 A leggere i dati

Dettagli

2 SUPPLEMENTO. Obbligazioni Zero Coupon. Obbligazioni a Tasso Fisso con possibilità di ammortamento periodico

2 SUPPLEMENTO. Obbligazioni Zero Coupon. Obbligazioni a Tasso Fisso con possibilità di ammortamento periodico INTESA SANPAOLO S.P.A. Società iscritta all Albo delle Banche al n. 5361 Capogruppo del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede legale in Torino, Piazza San Carlo 156

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il rating negli enti territoriali Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli