Introduzione al marketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al marketing"

Transcript

1 Introduzione al marketing

2 Il concetto generale Il marketing è il rapporto che un azienda tiene col proprio mercato. Fare marketing significa prendere in considerazione le esigenze del mercato, cioè studiarne la domanda, poi considerare se e come l azienda è in grado di far fronte a questa domanda. Ciò pero non significa che le aziende debbano adattarsi passivamente alla domanda, ma invece, partire da essa x realizzare offerte di prodotti mirati,che rispondano a quei bisogni e inducano all acquisto. MARKETING MACROMARKETING marketing pubblico di competenza Enti Pubblici. MICROMARKETING Marketing turistico di competenza degli degli operatori privati. 2

3 Breve storia Le prime forme di marketing risalgono al XVII secolo e sono state sperimentate da un mercante di Tokyo che visitava i suoi clienti solo per ascoltare le loro esigenze e per poi in un secondo momento cercare ciò che questi domandavano. Negli anni 30 nacque l American Marketing Society che sviluppava nelle università americane i primi corsi di studio della materia. Solo negli anni 60 si assiste ad una diffusione di politiche aziendali orientate al mercato. e con questa anche l idea di produrre per vendere e non di vendere ciò che si produce. 3

4 Gli orientamenti verso il marketing Gli orientamenti verso il marketing possono essere individuati in 5punti: IL CONCETTO DI PRODUZIONE: RICERCA DA PARTE DELLE AZIENDE, DELL EFFICIENZA e sulla capacità di distribuire adeguatamente i prodotti. Questa concezione si basa sull assunto che dei prodotti di facile reperibilità a prezzi contenuti possono trovare il favore degli acquirenti. 4

5 Gli orientamenti verso il marketing 2. CONCETTO DI PRODOTTO Si basa sul fatto che per un prodotto di migliore qualità i consumatori sono disposti a spendere di più, quindi concentrano la loro attenzione sul prodotto in se tralasciando la reale utilità che il prodotto ha e quindi l interesse del cliente ad acquistarlo, questo può essere anche chiamato miopia di marketing. 3. CONCETTO DI VENDITA Sottolinea la necessità di azioni pubblicitarie e promozionali per poter vendere un prodotto. 5

6 Gli orientamenti verso il marketing 4. CONCETTO DI MARKETING Studia il bisogno del cliente e di conseguenza adegua la produzione a questi bisogni e non viceversa. 5. CONCETTO DI MARKETING SOCIALE È lo stadio più evoluto delle tecniche di marketing, si tratta di adeguare, dopo i diversi studi, la domanda del cliente alla produzione e alle esigenze di mercato. 6

7 Il marketing e i bisogni dei consumatori Un azienda market oriented (orientata al marketing) può operare in 3modi: 1. MARKETING DI RISPOSTA: parte dai bisogni individuati per proporre soluzioni valide con alcuni elementi innovativi. È una formula molto semplice diffusa soprattutto nelle piccole e medie imprese. 2. MARKETING D ANTICIPO: riesce ad individuare bisogni non ancora pienamente espressi. Questo tipo di marketing è rischioso e difficile da attuare infatti è meno diffusa. 3. MARKET DRIVING: lo applica l azienda che riesce ad immettere nel mercato un prodotto che riesce a far percepire un esigenza che prima ancora non era stata sentita, fa da guida del mercato. 7

8 Dal marketing di massa al marketing specializzato Le tecniche di marketing sono cresciute di pari passo con i prodotti di largo consumo, che permettono di sostenere le spese di studio. MARKETING DI MASSA Si parla appunto di marketing di massa quando i prodotti sono di largo consumo. MARKETING SEGMENTATO Riguarda le diversificazione dei prodotti che quindi permettono di accontentare una vasta scala di clienti e quindi di moltiplicarli. Già nel trasporto aereo si incominciò negli anni 60 a diversificare i prezzi a seconda delle diverse classi o prenotazioni che si effettuavano. Gli alberghi attuano prezzi diversificati per stagioni, tipo di trattamento, tempo di permanenza ecc.. Quindi si sono creati dei segmenti diversi per i quali vengono fatti diversi tipi di attrazione. 8

9 Dal marketing di massa al marketing specializzato MARKETING PERSONALIZZATO La crescita dei consumi di massa porta il cliente a richiedere una sempre maggiore personalizzazione dei prodotti. Questa è la sfida del marketing moderno: riuscire a personalizzare i prodotti che tra di loro sono sempre più simili. 9

10 Marketing management È la l insieme delle attività che l azienda deve svolgere per impostare il giusto rapporto nella gestione del mercato ed è composta da 6 momenti: 2. conoscenza del mercato 3. definizione della missione dell azienda 4. definizione del marketing mix 5. il posizionamento 6. realizzazione del prodotto 7. controllo del ciclo di vita del prodotto 10

11 La conoscenza del mercato Non si può lavorare in modo orientato al mercato se non si conosce il mercato e senza conoscere l ambiente in cui si lavora. L AMBIENTE È dato dall insieme delle cose con cui si trova in relazione l azienda. I soggetti con cui l azienda si trova in relazione costituiscono il microambiente, le altre in cui l azienda non può incidere formano il macroambiente. 11

12 La conoscenza del mercato Il microambiente è costituito da: 2. i fornitori: coloro dai quali l azienda acquista i beni e i servizi, e incidono sulla capacità produttiva dell azienda e sui suoi costi. 3. intermediari di vendita: coloro che distribuiscono il prodotto da vendere 4. i consulenti: assistono l impresa nella pubblicità e nelle scelte dei mercati su cui operare. 5. i clienti: costituiscono il punto di partenza delle scelte: 6. La concorrenza; 12

13 La conoscenza del mercato Il macroambiente non può essere controllato e quindi l azienda deve adattarsi ad esso. 2. Sviluppo demografico; 3. Situazione economica: il potere d acquisto degli acquirenti 4. L ambiente fisico: soprattutto devono essere considerate dagli operanti nel settore turistico 5. Sviluppo tecnologico: modifica spesso i desideri e le aspettativa del consumatore 6. Le istituzioni politiche 7. L ambiente culturale e sociale 13

14 La raccolta delle informazioni Il punto di partenza deve essere l osservazione degli eventi che interessano l azienda, viene fatto attraverso interviste individuali, interviste di gruppo, indagini svolte da specialisti. ANALISI DELLE INFORMAZIONI ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA ANALISI ESTERNA E un attività di ricerca e di raccolta di informazioni che ha per oggetto i vari aspetti dell ambiente in cui l azienda opera. La conoscenza del MERCATO permette di riconoscere le opportunità di affari di valutarne i rischi/vincoli e di scegliere: MERCATI OBIETTIVO (BERSAGLIO) le aziende devono dividere il mercato in segmenti. Ad ogni segmento corrisponde un GRUPPO DI CONSUMATORI (TARGET). 14

15 La raccolta delle informazioni ANALISI INTERNA E la raccolta di informazioni su tutti gli elementi risorse umane e materiali sui quali l azienda è in grado di esercitare un ben determinato controllo. Tali informazioni riguardano: valutazione obiettiva su qualità, affidabilità, prezzo e valore dei suoi prodotti posizionamento rispetto alla concorrenza efficienza degli impianti addestramento della forza vendita promozione e pubblicità. 15

16 La segmentazione di mercato Un segmento di mercato rappresenta un gruppo di potenziali consumatori con caratteristiche simili, che costituisce per l azienda un unico mercato obiettivo. (suddividere i consumatori in gruppi omonogei) La segmentazione: consente di adeguare i prodotti attualmente offerti o di crearne dei nuovi facilita la comunicazione con i potenziali compratori attraverso canali di distribuzione sempre più adeguati e vicini alle loro richieste accresce l efficacia dei messaggi delle campagne pubblicitarie. C è il marketing di massa, la segmentazione multipla e la concentrazione su un solo segmento. 16

17 Criteri di segmentazione 1. Criterio geografico: il mercato viene diviso in grandi aree (regioni, provincie ) e l impresa decide di operare in una o più aree; 2. Criterio demografico sociale: consiste nel dividere il mercato in base a determinati caratteri (età, sesso, reddito, occupazione, origine etnica, religione ); 3. Criterio psicografico: tiene conto delle classi sociali di appartenenza, dello stile di vita e della personalità; 4. Criterio comportamentale: divide i potenziali compratori in gruppi sulla base delle loro attitudini, conoscenze, consumi, stimolo/risposta al prodotto. 17

18 Ricerche di mercato Sono la raccolta, l analisi e l elaborazione dei dati destinati a fornire informazioni che il management aziendale ritiene rilevanti per uno specifico scopo che l impresa vuole raggiungere. La ricerca si indirizza verso settori diversi: domanda concorrenza prodotto previsioni di vendita diversi settori del marketing-mix RICERCHE QUANTITATIVE: si basano su un piccolo gruppo di persone detto campione e rappresenta la popolazione complessiva interessata al prodotto che si vuole esaminare. Il campione viene sottoposto a delle ricerche. RICERCHE QUALITATIVE: sono informazioni che riguardano le motivazioni che determinano le scelte di acquisto da parte dei consumatori. 18

19 Scelta del metodo per la raccolta dei dati Le indagini di cui parliamo vengono attuate con il metodo del campione. RICERCHE SALTUARIE 1. i sondaggi d opinione: interviste. Le interviste possono assumere forme diverse: interviste telefoniche: costo piuttosto basso e immediatezza del contatto, poco flessibili e le risposte possono essere influenzate dall intervistatore; questionari: inviati attraverso il mailing. Le risposte non sono influenzate, raccolta dei dati dispersiva in quanto non si sa chi li compila veramente, percentuali dei questionari restituiti basse. Interviste personali dirette: l intervistatore può modificare le domande in funzione delle risposte ottenute, costi elevati, tempi molto lunghi. 2. l osservazione diretta: osservare il consumatore per descriverne il comportamento in maniera obiettiva. 19

20 Scelta del metodo per la raccolta dei dati RICERCHE CONTINUATIVE 2. sperimentazione: consiste nel rilevare e valutare, con test di mercato o simulazioni, le reazioni della domanda rispetto a variazioni di elementi del marketing mix. 3. Il panel di consumatori: consiste in un campione permanente, formato da un gruppo di famiglie opportunamente scelte sulle quali viene effettuata una rilevazione periodica dei dati risultanti da un diario su cui annotano quotidianamente il tipo di acquisti fatti. 4. Costi piuttosto elevati, difficoltà di mantenere nel tempo le caratteristiche iniziali del campione. 5. i negozi pilota: sono punti di vendita che le imprese produttrici dislocano in zone strategiche, mantenendo segreta la propria identità. 6. Barometro delle marche: consiste in rilevazioni effettuate da istituti specializzati che utilizzando alcune delle tecniche già esposte, sono in grado di individuare le quote di mercato detenute dalle varie marche e l andamento dei consumi. 20

21 Scelta del metodo per la raccolta dei dati RICERCHE MOTIVAZIONALI Sono indagini di tipo qualitativo che mirano a cogliere le reazioni emotive, ossia le vere ragioni che inducono il consumatore a privilegiare o a rifiutare un determinato prodotto. IL MARKET TARGETING L operazione successiva dell impresa sarà la scelta del segmento o dei segmenti su cui concentrare le proprie forze dopo aver valutato le caratteristiche di ognuno di essi in relazione al tipo di prodotto da immettere sul mercato e alle risorse a disposizione. IL MARKET POSITIONING Una volta scelto il segmento o i segmenti in cui concentrare la propria azione, l impresa dovrà stabilire il posizionamento dei suoi prodotti, vale a dire a quale livello intende collocarsi rispetto ai consumatori e ai concorrenti. 21

22 Per formulare gli obiettivi e strategie di Marketing bisogna conoscere gli strumenti e gli elementi del Marketing: ELEMENTI DI MARKETING Il MERCATO della DOMANDA Costituito dalle persone che possono Acquistare prodotti turistici. Il PRODOTTO che ad esempio per una impresa alberghiera è l albergo. 22

23 STRUMENTI DEL MARKETING Informazioni statistiche Promozioni di vendite Norme che regolano il settore Ricerche di mercato Pubblicità Pubbliche relazioni GLI OBIETTIVI Gli obiettivi sono i risultati desiderati che portano alle vendite e ai profitti. Gli obiettivi devono essere: dettagliati con l indicazione temporale della loro realizzazione, misurabili, realistici e tra loro compatibili, quantificabili e in ordine gerarchico di importanza. 23

24 STRATEGIE Le strategie sono il complesso di azioni coordinate che un impresa ritiene più idonee e mette in atto per raggiungerli. Elementi fondamentali della strategia: target market: la strategia deve indicare i segmenti di mercato ai quali l impresa farà riferimento, marketing-mix: la strategia deve indicare le specifiche attività che l impresa coordina per soddisfare le esigenze del target, quattro P (product price place promotion), budget di marketing: le indicazioni dei costi che saranno necessari. 24

25 IL MARKETING MANAGEMENT Questo tipo di Marketing ha come obiettivo il soddisfacimento della domanda dei beni e/o servizi. Per realizzare tale obiettivo deve seguire un percorso obbligato: ANALISI: studio del mercato (domanda-offerta) PRODUZIONE: realizzare beni/servizi PIANIFICAZIONE: tradurre in piani ciò che è emerso dal processo di analisi CONTROLLO: effettuare il controllo alle varie fasi, apportare modifiche se vi sono degli scostamenti Compito del management, quindi è quello di conoscere i bisogni e le esigenze dei consumatori e di influenzare i loro comportamenti di acquisto. 25

26 IL MARKETING MIX Il marketing mix è la combinazione integrata delle quattro leve fondamentali che costituiscono il centro del sistema di marketing dell impresa. PRODOTTO La politica del prodotto comprende tutte le scelte relative al cosa vendere. Le componenti a riguardo sono: Modelli, linee, qualità, garanzia fornita alla clientela, ecc.. nella scelta del prodotto l impresa Market Oriented sviluppa i gusti prodotti\servizi cioè quelli che soddisfano una serie di bisogni della clientela. PROMOZIONE Pubblicità, pubbliche relazioni, vendite promozionali. PREZZO elemento fondamentale del mix, deve essere equo se si vuole che la clientela acquisti quantità sufficienti da garantire un utile (Prezzi di lancio, prezzi stagionali, prezzi al consumatore..) POSIZIONAMENTO/DISTRIBUZIONE Vendite dirette, vendite tramite intermediari si tratta di determinare le che servono a trasferire la produzione dal produttore al consumatore. 26

27 IL PRODOTTO Il prodotto è tutto ciò che viene offerto in un mercato e che è in grado di soddisfare i bisogni dei consumatori. Il marketing manager non considera il prodotto solo come un bene materiale con determinate caratteristiche fisiche in grado di produrre utilità concrete e di tipo razionale, ma consiste in un insieme di vantaggi, di benefici e di attese capace di soddisfare anche considerazioni di tipo emotivo, non tangibili, legate ad esempio alla qualità, allo stile, all estetica, alla confezione, all immagine e alla garanzia. Definito il TARGET per i prodotti e stabiliti gli obiettivi da raggiungere con le vendite in termini di fatturato vanno individuati i punti di forza e di debolezza dei prodotti per programmare: interventi migliorativi sul prodotto= qualità azioni per la differenziazione del prodotto rispetto alla concorrenza = prestazioni aggiuntive azioni promozionali e pubblicitarie interventi sul prezzo dei prodotti 27

28 CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI 1) Beni di consumo: beni durevoli: sono prodotti acquistati dal consumatore per ottenere una prestazione che dura nel tempo; beni non durevoli: sono quei prodotti la cui utilità si esaurisce immediatamente con una sola prestazione, come i prodotti alimentari; beni di largo consumo: sono prodotti acquistati spesso e con regolarità, quali i giornali e i generi alimentari; beni di qualità e di prezzo elevato: sono beni durevoli per il cui acquisto il consumatore opera confronti e dedica maggiori attenzioni e tempo (elettrodomestici, scarpe, abiti ); specialità: sono i prodotti alla cui ricerca il consumatore dedica più tempo e per i quali è disposto a spendere anche prezzi elevati perché difficilmente intende sostituirli con altri (orologio di marca, auto prestigiosa ). 2) Beni industriali: sono prodotti acquistati da imprese e utilizzati per produrre altri beni o servizi oppure per essere rivenduti (materie prime e attrezzature. 3) Servizi: sono attività o benefici di tipo intangibile offerti sul mercato; spesso non sono separabili da chi li produce e di solito sono di breve durata e non necessariamente legati a un prodotto di tipo fisico (prestazione di un avvocato, consulenze di un professionista ). 28

29 GAMMA DI PROD. E LINEE DI PROD. La gamma o l assortimento è l insieme di tutti i prodotti offerti in vendita da una determinata impresa. All interno dell assortimento esistono più linee di prodotti, vale a dire gruppi omogenei di beni che soddisfano lo stesso bisogno o che hanno la stessa tecnologia o che appartengono allo stesso intervallo di prezzi. Ogni linea comprende uno o più modelli. Sono esempi di gamma di prodotti tutti i tipi di autoveicoli FIAT, costituiscono esempi di linea i vari modelli di FIAT Punto, costituisce un esempio di modello la FIAT Punto ELX 5 porte. L assortimento ha un ampiezza e una profondità: l ampiezza è data dal numero delle linee che la compongono, la profondità dal numero medio dei modelli che compongono le linee. L ampiezza e la profondità della gamma possono variare in relazione agli obiettivi che l impresa si pone. Infatti: ampliare la gamma significa che si vogliono raggiungere nuovi segmenti di mercato; avere una profondità corta (concentrata su pochi modelli) significa che l obiettivo dell azienda sarà l aumento della redditività; avere invece una profondità lunga (con molti modelli o articoli) significa che l azienda ha come obiettivo il raggiungimento di un alta quota di mercato. 29

30 POSIZIONAMENTO DEL PRODOTTO RISPETTO AI CONCORRENTI Equivale ad individuare la nicchia di mercato (all interno di un segmento) cui un prodotto è destinato rispetto alla concorrenza e in termini di prezzo------alto/basso qualità elevata/non elevata dal posizionamento di un prodotto dipende il tipo di politica di Marketing da attivare: Marketing indifferenziato (rivolto a tutti i potenziali clienti); Marketing differenziato ( rivolto a segmenti di mercato) Marketing concentrato (rivolto ad una nicchia di mercato). 30

31 CICLO DI VITA DEL PRODOTTO FASI PRELIMINARI ALL INTRODUZIONE 1) Ogni prodotto nasce da nuove idee che possono provenire: dall interno dell azienda, ad esempio dagli Uffici ricerche; dai consumatori stessi; dalla concorrenza; dai rivenditori e dai fornitori; da altre fonti. 2) La seconda fase è quella della selezione (o screening) nella quale tutte le idee raccolte saranno esaminate da specialisti per individuare quelle in linea con gli obiettivi dell azienda. 3) Occorre in seguito trasformare l idea di prodotto in qualcosa (concept) che possa suscitare interesse e attrattiva nel consumatore. 31

32 CICLO DI VITA DEL PRODOTTO FASI PRELIMINARI ALL INTRODUZIONE 4) Le fasi successive riguarderanno la definizione delle scelte operative economiche. Verranno valutati il segmento di mercato, il posizionamento del prodotto, i profitti che si intende raggiungere, i prezzi che saranno fissati, le strategie di distribuzione, e, da ultimo, si dovrà valutare se tutte queste variabili risultino compatibili con gli obiettivi dell azienda. 5) Se il concetto di prodotto supera anche questa fase, verrà trasformato nel prodotto fisico da introdurre sul mercato. 6) Il market testing è lo stadio nel quale il prodotto e il relativo Piano di marketing verranno introdotti in un area campione per rilevare sia le reazioni dei consumatori sia l andamento delle vendite. Tutto questo per raccogliere informazioni prima di iniziare la produzione. 32

33 LE FASI DEL CICLO DI VITA Fase di introduzione. Inizia quando il prodotto comincia a essere distribuito sul mercato ed è pronto per essere acquistato. In questa fase: non ci sono profitti l immagine del prodotto non è ancora ben nota la pubblicità è volta a far conoscere il prodotto attraverso informazioni Fase di crescita. Inizia quando il nuovo prodotto soddisfa il mercato, per cui ai primi consumatori (pionieri), che continuano ad acquistare il prodotto, se ne affiancano via via altri (adottanti), con la conseguenza di un aumento sensibile delle vendite. In questa fase: insieme ai nuovi consumatori cominciano ad affacciarsi sul mercato i primi concorrenti con prodotti simili e ciò contribuisce a un allargamento del mercato l immagine del prodotto è in rapida affermazione la pubblicità comincia a diventare più specifica le promozioni tendono a favorire l affermazione del prodotto i prezzi sono ancora alti, ma cominciano a diminuire lievemente per attrarre nuovi clienti. 33

34 LE FASI DEL CICLO DI VITA Fase della maturità. Inizia quando il prodotto raggiunge una certa quota di mercato e le vendite tendono a stabilizzarsi. In questa fase: la concorrenza tende a stabilizzarsi; i prezzi tendono a scendere; sul mercato compare ancora un elevato numero di modelli. Fase di declino. Inizia quando si comincia a registrare una costante e progressiva flessione dei volumi delle vendite e con essa il calo dei profitti, significa che si è entrati nella fase di declino. Con il riciclo del prodotto l azienda compie un tentativo di prolungare la vita. Ciò avviene quando è possibile apportare al prodotto sostanziali modifiche funzionali e formali anche di tipo estetico che aggiungano nuove caratteristiche in grado di riattivare l interesse dei consumatori. Fase dell abbandono. In questa fase il prodotto non viene più acquistato perché è ritenuto obsoleto. 34

35 35

36 IL PREZZO E l unico dei quattro elementi essenziali del marketing mix che produce ricavi; tutti gli altri generano solo costi. L idea di fissare un unico prezzo per tutti gli acquirenti è abbastanza recente; arrivare a determinare questo livello significa per l azienda tenere conto di una serie di elementi e di variabili e operare scelte ben precise fondate su specifici obiettivi. 36

37 LA FORMAZIONE DEL PREZZO FATTORI ESTERNI I principali fattori esterni che influiscono sulla determinazione del prezzo sono rappresentati: dal tipo di mercato; dalla domanda dei consumatori; dai prezzi della concorrenza; da fattori diversi; dalla percezione del valore che il consumatore attribuisce al bene. In sintesi: 8. il prezzo non è soltanto un indicazione monetaria, ma si identifica con il valore attribuito a un bene sul mercato in un determinato momento e rappresenta il punto d incontro della valutazione espressa sia dall azienda sia dal computer; 9. il prezzo è anche un indicatore di valore che viene percepito dal cliente. 37

38 POLITICA DI PREZZO La politica dei prezzi si realizza attraverso una serie di scelte che dovranno puntare a: raggiungere un certo margine di profitto sugli investimenti effettuati; raggiungere una certa quota di mercato; far fronte alla concorrenza; mantenere stabili nel tempo i volumi di produzione. 1. Prezzi di scrematura: si applicano quando: i prodotti non hanno ancora concorrenti ma li aspettano; si vogliono ottenere profitti a breve termine; la domanda non è particolarmente sensibile al prezzo. 2. Prezzi di penetrazione: sono generalmente bassi in quanto: tendono a conquistare un alta quota di mercato attraverso grandi vendite; stimolano la crescita del mercato. 38

39 POLITICA DI PREZZO 3. Prezzi competitivi: sono praticati quando l impresa vuole arrivare alla domanda principale di mercato con prezzi allineati alla concorrenza. 4. Prezzi bassi: vi sono quando l azienda: vuole tenere fuori dal mercato potenziali nuovi concorrenti; vuole liberarsi dei concorrenti più deboli. 5. Prezzi al consumatore: sono prezzi imposti dal produttore al rivenditore tramite listini. Prezzi stagionali: prezzi che variano in relazione al momento. Prezzi multipli. 39

40 LA COMUNICAZIONE Può essere definita come un insieme di attività coordinate volte a raggiungere un pubblico eterogeneo al fine di informarlo e di persuaderlo ad accettare nuove idee o ad acquistare prodotti nuovi o diversi. Nel caso del marketing: la fonte è l azienda, che vuole far conoscere un certo messaggio; il ricevente è il segmento di mercato al quale il messaggio è diretto; il canale o mezzo di comunicazione può essere un manifesto, un etichetta, una pubblicità, la radio, la tv Affinché la comunicazione possa avvenire, occorre che il messaggio sia efficace e che il ricevente (consumatore) sappia decodificarlo, dando un significato ai segni o simboli o parole trasmessi dal canale. Infine, attraverso il feed-back (retroazione) l azienda sarà in grado di stabilire se l intero processo di comunicazione è avvenuto ed è stato efficace. 40

41 L IMMAGINE Le aziende comunicano con i potenziali compratori con la propria immagine, cioè con l idea che di essa il pubblico si forma. Ogni azienda si presenta a un pubblico composito e la sua immagine si fonda essenzialmente su due elementi: la conoscenza; le sensazioni. 1. L immagine dell azienda si costruisce su alcuni elementi: la qualità dei suoi prodotti; il servizio e l assistenza alla clientela; la puntualità nelle consegne; l impegno nel campo della ricerca; la modernità degli impianti; l atteggiamento verso il personale (evitare i licenziamenti di massa ). 2. L azienda deve continuamente verificare la propria immagine usando tecniche che permettono di misurare la notorietà e il giudizio che il pubblico si è formato. 3. L immagine si comunica attraverso: il nome, il marchio e i simboli dei prodotti; lo stile dell azienda; la forma e l aspetto dei messaggi diretti al pubblico; la pubblicità. 41

42 LA MARCA Per marca si intende un nome, un simbolo, un disegno o una combinazione di tali elementi, con cui si identificano prodotti o servizi di uno o più venditori al fine di differenziarli da altri offerti dai concorrenti. La fedeltà alla marca da parte del consumatore crea vantaggi all azienda in quanto: il successo ottenuto da un impresa con una marca può essere esteso anche ad altri suoi prodotti poiché il compratore tende a privilegiare l acquisto di beni contrassegnati da quella marca (Parmalat ); aiuta a identificare e a differenziare il prodotto da altri simili presenti sul mercato, comunicando al consumatore che i prodotti con determinate caratteristiche fanno parte solo di quella marca; può consentire una riduzione delle spese per la comunicazione dell immagine. 42

43 LA PUBBLICITA E una forma di comunicazione messa in atto dall azienda con l obiettivo di presentare e promuovere un prodotto, un servizio o un idea cercando di influenzare l atteggiamento del consumatore e di modificarne il comportamento. Gli obiettivi principali della pubblicità sono: informare, persuadere, ricordare e rinforzare. Una strategia di comunicazione, che prende le sue mosse da un buon piano pubblicitario, deve tener conto della funzione e degli obiettivi che si intendono perseguire; in altre parole si deve: stabilire il perché fare la pubblicità, individuare il target, definire cosa comunicare e come farlo, scegliere i mezzi da impiegare e fissare i tempi, determinare un budget di spesa da investire nel progetto. 43

44 LA PUBBLICITA Un obiettivo pubblicitario dovrà possedere le seguenti caratteristiche fondamentali: essere coerente con gli obiettivi di marketing, essere mirato, cioè rivolto verso un preciso segmento di consumatori in un determinato periodo di tempo, essere misurabile, essere raggiungibile in modo esclusivo o prevalente tramite l azione pubblicitaria. 44

45 CONTENUTO DEI MESSAGGI Affinché il messaggio pubblicitario sia efficace e raggiunga l obiettivo, è necessario che esso venga realizzato tenendo ben presenti i seguenti tre elementi essenziali: 2. la promessa: perché il consumatore acquisti il prodotto è necessario che sappia quale beneficio potrà ricavare dal prodotto stesso o dal servizio; 3. la prova: per rendere credibile la promessa occorrerà anche spiegare al potenziale compratore perché il prodotto o il servizio è in grado di soddisfare una certa esigenza (reason why); 4. il tono: in relazione al target cui la pubblicità è indirizzata e all immagine che si vuole conferire al prodotto, il tono sarà diverso, cioè più familiare se riferito a un prodotto destinato al consumo di massa, più sofisticato e di prestigio se rivolto a un target selezionato. 45

46 LE RELAZIONI PUBBLICHE E LA PROPAGANDA Le relazioni pubbliche consistono in una serie di iniziative, svolte in modo continuativo e organizzato, attraverso le quali le aziende mirano a farsi meglio conoscere e apprezzare dal pubblico con cui avranno rapporti per creare o consolidare la propria immagine e quella dei propri prodotti. Le attività di pubbliche relazioni assumono un rilievo tale da richiedere la creazione di un apposito Ufficio di Public Relation (P.R.) all interno dell organizzazione aziendale stessa o l incarico della definizione di piani di pubbliche relazioni a specialisti esterni all azienda. 46

47 LE RELAZIONI PUBBLICHE E LA PROPAGANDA 1. Le relazioni esterne si concretizzano: nei rapporti con la stampa e con gli altri mezzi di comunicazione di massa e con enti e organizzazioni pubbliche; nella ricerca di valide forme di sponsorizzazioni culturali e sportive; nella partecipazione a esposizioni, fiere, rassegne; nell organizzazione di visite aziendali; in omaggi da inviare a un certo tipo di clientela; in materiali pubblicitari da distribuire a coloro che entrano in contatto con l azienda. 2. Mediante le relazioni interne, invece, l azienda cura i rapporti col personale in modo da instaurare un clima di collaborazione tra proprietà e dipendenti. 47

48 LA PROMOZIONE La serie di attività messe in atto dalle aziende per informare e convincere all acquisto dei propri prodotti non si esaurisce con la pubblicità e le pubbliche relazioni, ma comprende anche un altro efficace strumento che interviene abbastanza a valle del processo di adozione del prodotto: le vendite promozionali. La promozione è un insieme di attività di supporto e di integrazione di altre leve del mix di comunicazione, svolte in genere per un breve periodo di tempo, che attraverso tecniche proprie incentivano l acquisto con l offerta di un servizio o di un prodotto aggiuntivo che aumenta la convenienza del prodotto. 48

49 LE TECNICHE PROMOZIONALI OFFERTA SPECIALE: consiste nella vendita a prezzo scontato o nell offerta di quantità maggiori di prodotto a prezzo invariato (3x2); OFFERTA PREMIO: è un offerta combinata con la quale il consumatore può avere a prezzo ridotto o gratuitamente un altro prodotto; BUONI SCONTO: sono attestati che danno diritto a riduzioni sul prezzo d acquisto di un prodotto; CAMPIONI GRATUITI O PROVE GRATUITE: consistono nell offerta di prodotti campione in omaggio; CONCORSI A PREMI: i concorsi a premi sono aleatori, in quanto la sola certezza è la partecipazione al concorso per un premio, che in compenso sarà di una certa importanza. 49

50 LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE E l incontro diretto tra il venditore, delegato a rappresentare l impresa, con i clienti-consumatori di una determinata zona allo scopo di informarli e persuaderli all acquisto del prodotto o servizio. Il venditore dovrà: preparare il lavoro di vendita; fornire al cliente un servizio di consulenza; assicurare una valida assistenza post-vendita; saper dare informazioni appropriate e tempestive alla propria azienda. Il compenso ai venditori può consistere: in uno stipendio fisso più un rimborso spese forfettario e a piè di lista; in una provvigione sul venduto. 50

51 51

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori.

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. Pagina 5 Introduzione Indice Indice LA PREPARAZIONE DELLA FIERA Pagina GLI OBIETTIVI DI PARTECIPAZIONE Definite gli obiettivi prima di agire! 4 LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA.

FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. MUSICA PER IL PUNTO VENDITA FINALMENTE HAI UN'ALTERNATIVA. DALL'EUROPA ARRIVA SOUNDREEF. EVOLUTA, CONVENIENTE, TUA. www.soundreef.com Finalmente sei libero di scegliere. Soundreef rivoluziona il settore

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli