HARMONT & BLAINE S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HARMONT & BLAINE S.p.A."

Transcript

1 Reg Imp Di NAPOLI nr Nr Rea HARMONT & BLAINE SpA Sede in CAIVANO, SS 87 KM 16,460 ZONA ASI SN Capitale sociale Euro ,00 iv Codice Fiscale Relazione sulla gestione del Consiglio di Amministrazione ai sensi dell art 2428 CC Bilancio al 31/12/2012 Signori azionisti, Il bilancio che viene sottoposto alla Vostra approvazione è la più chiara rappresentazione della situazione in cui si trova la Vostra società Sulla base delle risultanze in esso contenute, considerata la difficile crisi finanziaria ed economica che pervade ancora l economia mondiale e nazionale, riteniamo di poter esprimere grande soddisfazione per i risultati raggiunti nel corso dell ultimo esercizio, chiuso al 31/12/2012, che hanno portato la società a chiudere con un utile netto di euro facendo registrare un decremento del 37,13% circa rispetto all esercizio precedente Situazione della società Il fatturato dell esercizio pari ad euro fa registrare un incremento di circa il 13% rispetto all esercizio precedente Il fatturato aziendale dal 2004 al 2012 presenta il seguente andamento: , , , , , , , Pur con un incremento di fatturato l utile registra una flessione dovuta in particolar modo ai cospicui investimenti realizzati nell esercizio per il rafforzamento della divisione retail, sono stati inaugurati complessivamente 23 punti vendita considerando anche gli outlet gestiti dalla collegata H&B Pagina 1

2 Diffusion nonché il primo H&B jeans café, che hanno comportato spese non capitalizzate a carico della nostra società per euro con un incremento di euro rispetto all esercizio precedente La politica di espansione del retail è divenuta stringente a causa dell incertezza sulla solvibilità dei clienti wholesale accentuata dal perdurare della crisi Il fatturato dell esercizio relativamente alle sole vendite di prodotti ammonta ad euro , di cui euro relativi alla divisone retail Nel grafico che segue viene evidenziato il trend delle vendite (non si considerano quelle relative all Harmont & Blaine Café) , , , , , , VENDITE RETAIL Il wholesale nel 2012 rispetto all esercizio precedente fa registrare un incremento dell 1,18% mentre il retail fa registrare un incremento del 56,19% circa In un contesto nazionale reso complesso dal rallentamento della crescita economica e dal rallentamento dei consumi la società ha proceduto sul mercato interno ad una severa selezione della clientela wholesale sulla base dell affidabilità creditizia La selezione definita già nel corso del 2011 ha comportato un turnover netto negativo dei clienti wholesale nazionali pari a 54 unità con la conseguente contrazione del relativo fatturato pari ad euro Tra i clienti wholesale nazionali non sono stati considerati i clienti della grande distribuzione quali la Rinascente, la Coin, la collegata H&B Diffusion e la Yoox, quest ultima ci ha consentito di avviare un nuovo canale commerciale in costante sviluppo rappresentato dall e-commerce Il fatturato della grande distribuzione nazionale ha fatto registrare un incremento di euro di cui euro sono ascrivibili alla sola collegata Dalla tabella che segue si evidenzia l andamento del turnover dei clienti wholesale nazionali rispetto al periodo precedente: 2012 persi 2011 consolidati nuovi 0% 20% 40% 60% 80% 100% Pagina 2

3 La fusione con la collegata H&B Diffusion Srl effettuata nel 2013 avrà l effetto di aumentare il peso del retail diretto sul fatturato e la conseguente riduzione di quello dei clienti wholesale nazionali Dalla tabella che segue si può evidenziare come sarebbe stata la ripartizione del fatturato dell esercizio 2012 nell ipotesi in cui la fusione avesse avuto effetto dal primo gennaio , , , , , , ,00 altro estero gdo retail wholesale Le vendite sul mercato domestico, che rappresentano l 81,91% del totale, fanno registrare un incremento del 11,24% Le vendite verso l estero, fanno registrare complessivamente un incremento del 15,97% risultato di una crescita costante della clientela estera L analisi del fatturato export evidenzia un andamento dicotomico che ha caratterizzato da un lato le vendite nell area euro, con una flessione dell 0,27%, e dall altro le vendite sui mercati extra-ue, con un incremento del 22,67% (valori in migliaia di euro) Area geografica Variazione Var % Italia ,24 Intra UE ,27 Extra UE ,67 TOTALE ,07 FATTURATO EXPORT (valori in migliaia di euro) Paesi di destinazione Euro Var% Quota % TOTALE ,97 100,00 di cui: Intra UE ,28 25,08 Extra UE ,67 74,92 I primi 12 clienti Pagina 3

4 MEDIO ORIENTE ,91 19,75 SPAGNA ,91 15,12 RUSSIA ,43 14,49 CINA (HONG KONG) ,25 10,68 MESSICO ,82 9,67 SVIZZERA ,62 5,79 STATI UNITI ,70 3,26 PANAMA ,59 3,22 TURCHIA ,77 3,10 SUD AFRICA ,90 2,28 MALTA ,64 1,93 COLOMBIA ,06 1,24 Intra-UE La Grecia, comprensibilmente con lo stato di crisi profonda in cui versa il paese, registra una prevedibile flessione del 57,18% La Francia registra un calo dell 82,84%, il calo della Francia è ascrivibile al fatto che per anni questo paese ha rappresentato il mercato di riferimento per lo stoccaggio dei prodotti di passate stagioni; attualmente, invece, con la vendita attraverso il canale outlet i volumi diretti verso questo paese si sono ridotti considerevolmente, pertanto stiamo lavorando ad una revisione della distribuzione in questo paese per riconquistare quote di mercato La Spagna registra un decremento del 9,91% pur rimanendo comunque il secondo mercato di riferimento per le nostre esportazioni Segnali positivi provengono da alcuni paesi come la Germania, l Austria, Cipro e Malta, quest ultima facendo registrare un incremento del 267,64% Extra-UE Rispetto all anno precedente, aumenta fortemente il peso del mercato del Medio Oriente, facendo registrare un incremento del 47,91% Le vendite sui mercati dell Europa dell Est (soprattutto Russia) registrano un incremento del 43,43% Sul mercato americano, si registra un interessante incremento degli stati Uniti pari al 41,19%, in controtendenza rispetto all esercizio precedente, mentre l area centro-sud America complessivamente fa registrare un incremento del 34,52% confermando il trend di crescita dell area La società nel chiedere la registrazione del proprio marchio in Cina ha ricevuto il rifiuto del deposito in quanto già registrato Ciò ha portato la società, su parere dei propri legali, a bloccare le vendite sul territorio cinese per evitare conseguenze economiche più gravi La società ha dato mandato ai propri legali di instaurare un contenzioso per tutelare il proprio marchio Pertanto a causa di quanto esposto il fatturato verso la Cina e verso Hong Kong ha registrato un decremento del 19,25% Il trend di crescita dei principali mercati extra-ue viene evidenziato dalla seguente tabella: Pagina 4

5 , , , , , MEDIO ORIENTE EST EUROPA AMERICHE CINA (HONG Kong) Il fatturato si compone di altre voci di ricavo tra cui: le vendite relative all Harmont & Blaine Café di Porto Rotondo e all Harmont & Blaine Jeans Café di Eboli pari ad euro ; le vendite di materie prime e sussidiarie, imballaggi e arredi e varie per negozi pari ad euro ; l affitto di azienda pari ad euro 92000; le royalties pari ad euro , con una incidenza sul fatturato del 2,78% e registrano un decremento rispetto al 2011 del 20,96% giustificato in massima parte dalla risoluzione anticipata del contratto di licenza con il licenziatario della linea donna, altri ricavi pari ad euro di cui euro sono ascrivibili all introito per la risoluzione anticipata del contratto di locazione del punto vendita di Milano - Corso Venezia stipulato nell esercizio precedente Il punto vendita in Corso Venezia non è stato mai aperto perché sostituito in breve tempo dalla opportunità di aprire un punto vendita maggiormente rappresentativo in Corso Matteotti La politica di espansione dell area retail ha influito sensibilmente sulla struttura delle nostre immobilizzazioni Complessivamente, le acquisizioni effettuate nell esercizio ammontano ad euro ; in particolare, relativamente alle immobilizzazioni materiali si registrano acquisizioni per euro Tale incremento è dovuto prevalentemente al proseguimento dei lavori intrapresi negli anni precedenti per la riorganizzazione degli spazi produttivi e di quelli dedicati agli uffici amministrativi dell opificio industriale per euro , al rinnovo degli impianti di sicurezza per euro 8954, all acquisto di arredi per euro 18905, all acquisto di attrezzature per euro 13725, all acquisto di macchinari per il magazzino per euro 21100, all acquisizione di veicoli per euro 44391, all acquisizione di macchine elettroniche per euro , alle dotazioni di arredi per i punti vendita per euro ed agli impianti di sicurezza ed antitaccheggio per euro Le immobilizzazioni immateriali registrano acquisizioni per euro ; l incremento è dovuto essenzialmente alle ristrutturazioni e agli impianti di sicurezza dei punti vendita realizzati nei centri commerciali per euro , all acquisizione di software per euro 6016, all acquisizione della registrazione del nostro marchio sul territorio panamense per euro ed infine all avviamento pagato per l apertura dei punti vendita di Milano Corso Matteotti per euro e di Caserta Via Alois per euro Gli investimenti che la società ha attuato e sta continuando ad attuare dovrebbero consentire negli esercizi futuri di migliorare la redditività operativa della gestione Pagina 5

6 Il patrimonio netto, dato dalla somma del capitale sociale e delle riserve accantonate negli scorsi periodi, è pari a euro La struttura del capitale investito mostra una parte significativa composta da attivo circolante, i cui valori immediatamente liquidi (cassa e banche) ammontano a euro , mentre le rimanenze di merci e di prodotti finiti sono valutate in euro A ciò si deve aggiungere la presenza di crediti nei confronti della clientela per un totale di euro , di cui la parte maggiormente significativa è considerata esigibile nell arco di un esercizio Dal lato delle fonti di finanziamento si può evidenziare che il bilancio presenta un importo delle passività a breve termine pari a euro , rappresentate principalmente da esposizioni nei confronti dei fornitori per euro e da esposizioni verso gli istituti di credito per euro Il dato complessivo dei mutui accesi ammonta ad euro ; rispetto all esercizio precedente si rilevano due estinzioni per complessivi euro e l accensione di due nuovi mutui per complessivi euro nonché l accollo del residuo mutuo per euro della Bennett di Anna Cameretti quale parte del corrispettivo pattuito nell acquisizione del ramo di azienda del punto vendita di Caserta Via Alois Il debito residuo per finanziamenti a lungo termine alla chiusura dell esercizio è pari ad euro di cui euro scadenti entro l esercizio successivo ed euro scadenti oltre Sotto il profilo economico, la gestione finanziaria è negativa, in quanto gli interessi passivi bancari, ammontano a euro contro euro 5493 di interessi attivi maturati sui conti correnti bancari A tale proposito si fa presente che, vista la solidità patrimoniale della società, la capacità di aver accesso al capitale di credito è sicuramente elevata Pertanto si ritiene di poter spuntare condizioni e tassi di favore in sede di contrattazione con gli istituti bancari e le società finanziarie Per quanto riguarda la situazione fiscale della società si segnala che sono stati pagati i debiti verso l erario risultanti nel bilancio chiuso al 31 dicembre 2011 Risultano pagati gli acconti relativi alle imposte a carico dell esercizio, e sia per l IRES che per l IRAP si evidenzia un credito nei confronti dell Erario La Società ha assolto al pagamento del debito IVA risultante dalle liquidazioni periodiche nei termini ordinari di scadenza Mentre per il contenzioso tributario sorto nei precedenti esercizi ed evidenziato nella relazione sula gestione al bilancio chiuso al 31 dicembre 2011 si segnala che l udienza relativa al ricorso presentato alla CTP di Napoli il 25/05/2011, avverso la cartella di pagamento , notificata il 18/04/2011, con la quale l Amministrazione Finanziaria, relativamente all anno 2007, ha richiesto il pagamento della complessiva somma di euro 34202,22 per sanzioni e interessi dovuti su un presunto tardivo versamento IRES e su presunti carenti versamenti degli acconti IRAP, ad oggi non è stata ancora fissata malgrado sia stata inoltrata una apposita istanza di fissazione Pagina 6

7 Andamento della gestione Alla luce delle considerazioni sopra esposte circa la situazione generale della società è possibile delineare le linee fondamentali della gestione Nel corso dell esercizio è continuato il processo di sviluppo e di razionalizzazione della divisione retail, attraverso le seguenti azioni: L individuazione e la chiusura/sostituzione dei rapporti non performanti e/o non strategici L apertura di pv all interno dei più importanti centri commerciali della penisola L apertura di pv in luoghi strategici che diano la giusta visibilità al marchio In particolare in ordine di tempo si sono concretizzate le seguenti aperture: Centro commerciale Maximall di Pontecagnano (SA) aperto il 25/02; Centro commerciale Città Fiera di Martignacco (UD) aperto il 17/03; Centro commerciale Fiumara di La spezia aperto il 21/03; Centro commerciale La Mongolfiera di Molfetta (BA) aperto il 02/05; Aeroporto di Capodichino aperto il 05/05; Aeroporto di Linate aperto il 31/05; Centro commerciale La Cartiera di Pompei aperto il 14/06; Centro commerciale Campania di Marcianise (CE) aperto il 15/06; Centro commerciale Porta di Roma di Roma aperto il 30/06; Boutique in Milano al Corso Matteotti aperta il 01/09; La seconda Boutique in Palermo alla Via Libertà aperta il 01/09; Centro commerciale Le Vele di Cagliari aperto il 29/09; Centro commerciale Euroma 2 di Roma aperto il 06/10; Boutique in Caserta alla Via Alois aperta il 09/11; Centro commerciale Auchan Casamassima di Bari aperto il 29/11; Mentre sono stati chiusi i seguenti punti vendita: Milano Via Spiga sostituito dal punto vendita di Corso Matteotti Avellino Corso Umberto Al termine dell esercizio i punti vendita monomarca diretti sono 39 e 2 indiretti sul territorio nazionale, a questi si aggiungono 7 corner all interno dei punti vendita della Rinascente e 2 corner all interno dell aeroporto di Fiumicino ed 17 corner nella Coin All estero invece i punti vendita monomarca sono 30 e 27 sono i corner all interno dei più prestigiosi player dell industria della moda mondiale tra i quali Galeries Lafayette, El Palacio de Hierro, Lafayette e Sogo Tra le operazioni concluse nel 2012 ricordiamo: Due nuovi corner in Messico con la Catena El Palacio de Hierro Due corner in Colombia con la catena Le Collezioni Un corner a Panama con la catena Ben Betesh Pagina 7

8 Sempre a Panama si registra l apertura della boutique nel terminal internazionale dell aeroporto di Tocumen Malta Rilocalizzazione della preesistente boutique nello stesso shopping centre (superficie tripla e miglioramento posizione) Dubai Allargamento e rinnovamento della boutique nel Wafi Mall; Dubai Apertura boutique all interno del Mall of Emirates; Russia Ekaterinburg apertura boutique nell Aeroporto Internazionale Attraverso la collegata H&B Diffusion srl si sono aperti nell esercizio altri 8 punti vendita negli outlet sul territorio nazionale e, pertanto, alla fine dell esercizio gli outlet aperti sono 14 Nell ambito della diversificazione del business il 15 dicembre 2012 si è aperto il primo Harmont & Blaine Jeans Café all interno del Cilento Outlet Village di Eboli che rappresenta la seconda esperienza nell attività della ristorazione Come è facile rilevare dai dati del bilancio, il costo del lavoro incide in modo sensibile sul risultato dell esercizio: l ammontare complessivo dei salari e degli stipendi, al lordo del trattamento di fine rapporto accantonato e degli oneri sociali, ammonta a euro contro euro dello scorso periodo, con una incidenza sul fatturato del 18,76% Si può evidenziare pertanto un aumento del costo del lavoro complessivamente di circa il 32,45% principalmente imputabile alla assunzione di circa 99 nuove unità lavorative per le nuove aperture dei punti vendita E opportuno specificare che il costo del personale relativo alla divisione retail ammonta ad euro con una incidenza sul proprio fatturato pari a circa il 35,52% mentre il costo del lavoro relativo all area produttiva incide sul proprio fatturato per il 13,77% Indicatori di risultato Gli indicatori di risultato presi in esame saranno: - indicatori finanziari di risultato; - indicatori non finanziari di risultato Questi, saranno misure quantitative che riflettono i fattori critici di successo della società e misurano i progressi relativi ad uno o più obiettivi Indicatori finanziari di risultato Con il termine indicatori finanziari di risultato si definiscono gli indicatori di prestazione che vengono costruiti a partire dalle informazioni contenute nel bilancio e possono essere suddivisi in: - indicatori reddituali; - indicatori economici; - indicatori finanziari; - indicatori di solidità; - indicatori di solvibilità ( o liquidità) Indicatori reddituali Pagina 8

9 Nella tabella che segue si riepilogano gli indicatori desumibili dalla contabilità generale che sono in grado di arricchire l informativa già contenuta nei prospetti di bilancio L analisi dello sviluppo di tali indicatori evidenzia il trend dei principali veicoli di produzione del reddito della società Descrizione indice 31/12/ /12/2011 Fatturato Valore della produzione Risultato prima delle imposte Risultato netto dell esercizio Risultato netto dell esercizio % 2,98 5,43 Di seguito vengono riportati i seguenti margini intermedi di reddito Descrizione indice 31/12/ /12/2011 Margine operativo lordo (MOL)=EBITDA Risultato operativo caratteristico=ebit Risultato operativo caratteristico (CERVED) % 4,34 10,12 Indicatori economici Nella tabella che segue si riepilogano alcuni dei principali indicatori economici utilizzati per misurare le prestazioni economiche: Descrizione indice 31/12/ /12/2011 ROE netto - (Return on Equity) 12,05 19,00 ROI - (Return on Investment) 4,23 10,88 ROS - (Return on Sales) 4,35 11,36 Indicatori finanziari Per verificare la capacità della società di far fronte ai propri impegni, è necessario esaminare la solidità finanziaria della stessa A tal fine, è opportuno rileggere lo Stato Patrimoniale civilistico secondo una logica di tipo finanziaria Di seguito viene riportato lo schema di Stato Patrimoniale finanziario: STATO PATRIMONIALE FINANZIARIO 31/12/ /12/2011 VOCI DELLO STATO PATRIMONIALE Importo Peso % Importo Peso % Disponibilità liquide , ,53 Crediti verso clienti , ,44 Altri crediti , ,14 Risconti , ,95 Magazzino , ,91 TOTALE ATTIVITA' CORRENTI , ,98 Immobilizzazioni materiali , ,19 Immobilizzazioni immateriali , ,73 Pagina 9

10 Immobilizzazioni finanziarie , ,93 Altri crediti a M/L termine , ,17 TOTALE ATTIVITA CONSOLIDATE , ,02 TOTALE CAPITALE INVESTITO , ,00 Debiti vs Banche , ,97 Debiti vs Fornitori , ,50 Debiti vs altri Finanziatori (quota a breve) 0 0, ,02 Altri debiti a breve termine , ,58 TOTALE PASSIVITA' CORRENTI , ,07 Fondi e accantonamenti , ,56 Mutui e finanziamenti bancari , ,62 Debiti vs altri Finanziatori (quota a M/L) TOTALE PASSIVITA' CONSOLIDATE , ,18 Capitale Sociale , ,95 Riserve , ,96 Risultato di esercizio , ,84 CAPITALE PROPRIO , ,75 TOTALE FONTI DI FINANZIAMENTO , ,00 Indicatori di solidità L analisi di solidità patrimoniale ha lo scopo di studiare la capacità della società di mantenere l equilibrio finanziario nel medio-lungo termine Tale capacità dipende da: - modalità di finanziamento degli impieghi a medio-lungo termine; - composizione delle fonti di finanziamento Con riferimento al primo aspetto, considerando che il tempo di recupero degli impieghi deve essere correlato logicamente al tempo di recupero delle fonti, gli indicatori ritenuti utili ad evidenziare tale correlazione sono i seguenti: Descrizione indice 31/12/ /12/2011 Margine primario di struttura Quoziente primario di struttura 0,87 0,99 Margine secondario di struttura Quoziente secondario di struttura 1,10 1,26 Magazzino su circolante ,57 Banche su circolante 64,22 58,84 Banche a breve su circolante 55,74 49,24 Con riferimento al secondo aspetto, vale a dire la composizione delle fonti di finanziamento, gli indicatori utili sono i seguenti: Descrizione indice 31/12/ /12/2011 Quoziente di indebitamento complessivo 2,62 2,25 Pagina 10

11 Debt/Equity 1,59 1,32 Debiti finanziari totali Variazione debiti finanziari totali Debiti finanziari a m/l termine Variazione debiti a m/l termine ROD 3,49 2,90 Indicatori di solvibilità (o liquidità) Scopo dell analisi di liquidità è quello di studiare la capacità della società di mantenere l equilibrio finanziario nel breve, cioè di fronteggiare le uscite attese nel breve termine (passività correnti) con la liquidità esistente (liquidità immediate) e le entrate attese per il breve periodo (liquidità differite) Considerando che il tempo di recupero degli impieghi deve essere correlato logicamente al tempo di recupero delle fonti, gli indicatori ritenuti utili ad evidenziare tale correlazione sono i seguenti: Descrizione indice 31/12/ /12/2011 Margine di disponibilità Indice di disponibilità (current ratio) ,96 Margine di tesoreria Indice di liquidità (quick ratio) 51,03 65,69 Indicatori NON finanziari di risultato Con questi indicatori di risultato non finanziari si fa riferimento a misure di carattere quantitativo, ma non monetario, che hanno l obiettivo di analizzare più approfonditamente l andamento della gestione mediante il monitoraggio dei fattori che influenzano i risultati economico-finanziari Il principale vantaggio di questi indicatori rispetto a quelli finanziari è rappresentato dalla loro capacità di segnalare le tendenze dei risultati economico-finanziario, anche e soprattutto in una prospettiva di lungo periodo Contrariamente a quanto avviene per gli indicatori finanziari, per i quali esistono determinati parametri comunemente accettati dal mercato, si segnala che per gli indicatori non finanziari non esistono standard applicabili e regole precise nella scelta degli stessi; essi, quindi sono stati scelti con riferimento alle caratteristiche dell impresa e al tipo di business Si è scelto, quindi, di rappresentare i seguenti indicatori NON finanziari: Indicatori di sviluppo del fatturato 31/12/ /12/2011 Spese pubblicitarie su fatturato 3,47% 3,92% Spese modellistiche e di campionature sul fatturato 0,68% 0,61% N clienti nuovi sul totale clienti 17,71% 19,57% Fatturato clienti nuovi sul totale 3,98% 9,59% Indicatori basati sulla customer satisfaction 31/12/ /12/2011 Fatturato clienti fedeli Pagina 11

12 N clienti fedeli sul totale clienti 80,69% 58,34% Fatturato clienti fedeli sul totale 51,68% 59,10% Informazioni sui principali rischi ed incertezze In questa parte della presente relazione, in ottemperanza a quanto previsto dall art 2428 del codice civile, si vuol rendere conto dei rischi, intendendo per tali quegli eventi atti a produrre effetti negativi in ordine al perseguimento degli obiettivi aziendali, e che quindi ostacolano la creazione di valore Rischi strategici Tra i rischi strategici vengono compresi i fattori che influenzano le opportunità e le minacce del nostro business In particolare la società ha i seguenti obiettivi: cogliere nuove opportunità di business in termini di aree geografiche e segmenti di business; valutare in modo adeguato le potenzialità dei mercati; ricercare competenze specifiche e realtà industriali che possano garantire la qualità dei prodotti e dei processi produttivi; tutelare i propri marchi; scegliere e integrare le modalità di presenza più adatte a ciascuna realtà locale (licenza o partnership; wholesale o retail) Rischi di mercato Il nostro business è sensibile alle preferenze dei consumatori e alle condizioni economiche che potrebbero cambiare di volta in volta in ciascun mercato nel quale operiamo Il successo del nostro business dipende dalla capacità del nostro team stilistico di proporre prodotti che incontrino il gusto del consumatore Il nostro livello di vendite e la profittabilità dipendono dalla capacità di anticipare e rispondere tempestivamente ai cambiamenti nei trend della moda e nei gusti dei consumatori Dal punto di vista della distribuzione l azienda compete con department-store locali, nazionali e globali, con retailer specializzati, retailer indipendenti e società manifatturiere, oltre che con società di vendita e-commerce La ricerca di nuove locations per lo sviluppo dell area retail implica per l azienda di doversi confrontare sul mercato degli immobili di prestigio, mercato alquanto competitivo Pertanto diventa fondamentale la capacità del nostro management di trovare nuovi spazi che soddisfino i parametri aziendali nonché l abilità di negoziare termini in linea con le finanze aziendali Il nostro business è in generale esposto all'instabilità politica ed economica di alcuni Paesi in cui operiamo, a cambiamenti nelle disposizioni di legge, barriere linguistiche o culturali, dazi o barriere commerciali, controlli dei prezzi o dei tassi di cambio Rischi operativi Per rischi operativi si intendono possibili conseguenze avverse legate a processi, organizzazione o sistemi interni e a eventi esterni connessi alla gestione corrente delle attività La nostra società è soggetta ai rischi connessi allo sviluppo commerciale e al rafforzamento dei marchi La strategia di espansione dell area retail adottata negli ultimi anni ha comportato importanti investimenti facendo aumentare i costi fissi e operativi La nostra crescita potrebbe essere condizionata negativamente dalle scelte effettuate nella individuazione delle locations, che potrebbero rivelarsi inadatte al nostro target Pagina 12

13 Stiamo implementando alcune modifiche ai nostri sistemi informatici che per loro natura implicano il rischio di interruzione temporanea delle attività Le modifiche riguardano la sostituzione dei sistemi aziendali attuali con loro versioni più recenti, la realizzazione di modifiche e l'acquisto di sistemi più integrati con nuove funzionalità Siamo consapevoli dei rischi legati a queste iniziative, relativi a possibili interruzioni dell'attività e alla precisione dei dati acquisiti Crediamo comunque di aver intrapreso tutte le misure necessarie per contenere i rischi tramite attività di testing, training, sviluppo di fasi preparatorie, oltre che attraverso appropriati contratti commerciali con i fornitori delle tecnologie sostitutive Rischi finanziari Ai sensi dell art 2428 del codice civile, punto 6-bis, si attesta che nella scelta delle operazioni di finanziamento e di investimento la società ha adottato criteri di prudenza e di rischio limitato e che non sono state poste in essere operazioni di tipo speculativo Nei rischi finanziari includiamo rischi legati ai cambi, ai tassi di interesse, credito commerciale e liquidità e materie prime Rischio cambio Le oscillazioni dei tassi di cambio delle divise estere contro euro possono influenzare le attività, le passività, le vendite, i costi, il risultato operativo e la competitività internazionale della nostra azienda In particolare, la società ha crediti o debiti finanziari denominati in valute diverse dalla propria divisa di bilancio la cui variazione dei tassi di cambio può comportare la realizzazione o l'accertamento di differenze cambio Rischio tasso L azienda detiene attività e passività, sensibili alle variazioni dei tassi di interesse, che sono necessarie per gestire la liquidità e i fabbisogni finanziari Variazioni nei tassi di interesse di mercato influenzano il costo e il rendimento delle forme di finanziamento e di impiego incidendo sul livello degli oneri e proventi finanziari dell azienda Nei precedenti esercizi la Società ha stipulato contratti di Interest rate swap, con l unico scopo di coprirsi dal rischio di fluttuazione dei tassi di interesse, in relazione alla propria esposizione debitoria di medio lungo periodo Il fair value di tali contratti al 31 dicembre 2012 presenta un valore negativo per la Società di circa euro, non accantonato nel bilancio chiuso al 31 dicembre 2012 in quanto si ritiene che le operazioni di copertura siano uno strumento valido ed efficace per compensare le fluttuazioni di valore degli elementi passivi coperti I dettagli dei contratti di Interest Rate Swap sono riportati in nota integrativa La società, inoltre, non ha emesso strumenti finanziari Rischio credito commerciale Il rischio di credito commerciale è essenzialmente correlato alle vendite wholesale e la società come già sopradetto ha intrapreso una drastica selezione della clientela nazionale Pagina 13

14 Sono oggetto di svalutazione individuale le posizioni, se singolarmente significative, per le quali si rileva un'oggettiva condizione di inesigibilità parziale o totale L'ammontare della svalutazione tiene conto di una stima dei flussi recuperabili e della relativa data di incasso, nonché del "fair value" delle garanzie A fronte di crediti che non sono oggetto di svalutazione individuale vengono stanziati dei fondi su base collettiva, tenuto conto dell'esperienza storica e di dati statistici Le perdite e svalutazioni sui crediti commerciali nell esercizio 2012 ammontano ad euro , con una incidenza sul fatturato pari all 1,12% Gli accantonamenti in essere a fine esercizio pari ad euro fronteggiano le perdite potenziali, calcolate tenendo conto anche dell andamento delle pratiche in sofferenza La società, ha adottato procedure volte alla valutazione del fido da accordare alla clientela e al monitoraggio e gestione del credito commerciale, che hanno indotto a non ricorrere a forme di copertura del rischio di insolvenza dei clienti mediante la stipula di contratti assicurativi Inoltre il fatturato medio della clientela wholesale nazionale, esclusa la grande distribuzione e la collegata H&B Diffusion, è di circa euro e ciò rappresenta un un ulteriore elemento per la efficace gestione del rischio di insolvenza e di dipendenza Dalla tabella che segue si evidenzia la distribuzione dei clienti wholesale nazionali per classe di fatturato rispetto al periodo precedente: Rischio di liquidità Il rischio di liquidità si può manifestare con l'incapacità di reperire, a condizioni economiche, le risorse finanziarie necessarie per l'operatività della azienda I due principali fattori che influenzano la liquidità dell azienda sono da una parte le risorse generate o assorbite dalle attività operative e di investimento e, dall'altra, le caratteristiche di scadenza e di rinnovo del debito o di liquidità degli impieghi finanziari Il management ritiene che la fusione con la collegata H&B Diffusion Srl genererà effetti positivi anche sulla liquidità I maggiori flussi di cassa determinati dai 53 punti vendita esistenti più quelli di prossima apertura consentiranno una più efficace gestione della tesoreria Pagina 14

15 Infine si ritiene che i fondi e le linee di credito attualmente disponibili, oltre a quelli che saranno generati dall'attività operativa e di finanziamento, consentiranno all azienda di soddisfare i propri fabbisogni derivanti dalle attività di investimento, di gestione del capitale circolante e di rimborso dei debiti alla loro scadenza naturale Rischi legali Il business aziendale può essere influenzato, tra l'altro, in alcuni paesi dove non esiste una normativa chiara ed evoluta sulla tutela del marchio e più in generale sulla proprietà intellettuale, da tentativi di frode attraverso la registrazione dei nostri marchi da parte di soggetti terzi Informazioni relative alle relazioni con l ambiente Alla luce delle sopra esposte premesse, riteniamo di poter omettere le informazioni di cui trattasi in quanto non sono, al momento, significative e, pertanto, non si ritiene possano contribuire alla comprensione della situazione della società e del risultato della gestione Dette informazioni saranno rese ogni qualvolta esisteranno concreti, tangibili e significativi impatti ambientali, tali da generare potenziali conseguenze patrimoniali e reddituali per la società Inoltre la società dopo la verifica annuale ha ottenuto la conferma della certificazione ISO14001/04N EMS-1382/S del 19/06/2006 Rapporti con società controllate, collegate e parti correlate Nel 2010 per l apertura di un punto vendita outlet nel centro commerciale FOXTOWN di Mendrisio si è ritenuto opportuno costituire una società di diritto svizzero, la H&B Diffusion Suisse sagl, con sede in Ticino, direttamente controllata al 100% La società è diventata operativa nel corso del secondo trimestre del 2010 occupandosi della commercializzazione dei prodotti delle stagioni precedenti Alla data di chiusura del bilancio i rapporti con la società controllata si concretizzano in nostri crediti a breve di natura commerciale per un ammontare complessivo di euro 95578, l importo si riferisce al costo delle ultime operazioni perfezionate che alla data di chiusura del bilancio non risultavano ancora regolate La società deteneva una partecipazione pari al 40% del capitale sociale del valore nominale di euro nella società H&B Diffusion Srl; in data 1 marzo 2013 ha avuto efficacia la fusione per incorporazione di questa società partecipata nella nostra società Nel corso dell esercizio corrente sono stati conseguiti otto accordi commerciali per l apertura di altrettanti outlet, gli accordi prevedevano che la società collegata commercializzasse i prodotti delle stagioni precedenti attraverso la formula del contratto estimatorio Alla data di chiusura del bilancio i rapporti con la società collegata si concretizzano in nostri crediti a breve di natura commerciale per un ammontare complessivo di euro , tale cifra si riferisce al costo delle ultime operazioni perfezionate che alla data di chiusura del bilancio non risultavano ancora pagate Si dà atto che nel corso dell esercizio non sono stati erogati crediti, né sono state prestate garanzie a favore dell Organo Amministrativo, socio, dirigente o membri del Collegio Sindacale, come pure non ne esistono al termine dello stesso Pagina 15

16 Informazioni relative alle relazioni con il personale In merito a questo punto, si precisa che le informazioni rese hanno l intento di far comprendere le modalità con cui si esplica il rapporto tra la società e le persone con le quali si collabora Composizione del personale Dirigenti Quadri Impiegati Operai Altre tipologie Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Uomini (numero) Donne (numero) Dirigenti Quadri Impiegati Operai Altre tipologie Anzianità lavorativa Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec < a 2 anni Da 2 a 5 anni Da 6 a 12 anni Oltre i 12 anni Dirigenti Quadri Impiegati Operai Altre tipologie Tipo contratto Contratto a tempo indeterminato Contratto a tempo determinato Di cui contratto a tempo parziale Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Esercorr Eserprec Ricerca e sviluppo Nel corso dell esercizio 2012 non sono stati sostenuti costi di natura commerciale, industriale e stilistica destinati alla ricerca e sviluppo Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio In questo periodo si è proceduto regolarmente al pagamento delle fatture e degli altri debiti che risultavano sospesi alla data di chiusura del bilancio, e sono altresì continuate in modo regolare le operazioni produttive Nell intento di procedere ad una semplificazione della struttura societaria, finalizzata ad una maggiore efficienza nella gestione delle attività mediante la riduzione dei livelli decisionali e la razionalizzazione delle sinergie del Gruppo stesso, realizzando altresì risparmi sui costi inerenti la gestione societaria, contabile, ed amministrativa in data 18 dicembre 2012 l assemblea dei soci ha deliberato la fusione per incorporazione con la collegata H&B Diffusion Srl Si segnala che in data Pagina 16

17 22 febbraio 2013 si è perfezionato il procedimento di fusione per incorporazione della collegata H&B Diffusion Srl nella controllante Harmont & Blaine SpA con la delibera dell atto di fusione Gli effetti civilistici e fiscali della fusione decorrono dal 1 gennaio 2013 In data 11 gennaio 2013 è stata inaugurata la showroom di Milano in Via Tortona 37, uno spazio espositivo di circa 1000 mq 2 che ci permetterà di accogliere soprattutto la clientela estera e di presentare le nostre collezioni potendo adeguatamente ospitare gli operatori del settore L ampia showroom ci pone nelle condizioni di poter rinunciare alla partecipazione della manifestazione Pitti Immagine Uomo Evoluzione della gestione In questo quadro di profonda incertezza il Consiglio di Amministrazione ha stabilito un programma di azione che, attraverso lo sviluppo della divisione retail, la capillarità della presenza geografica e la solidità del rapporto con i partner commerciali, sostenga la redditività del business Fondamentale per l attuazione di questo programma sono: il sostegno ai marchi con progetti di comunicazione coerenti e mirati; la ricerca continua per il miglioramento del prodotto e per offrire al consumatore una scelta adeguata alle aspettative di qualità e di prezzo; la concentrazione su alcuni paesi e città chiave per il rinnovo della rete di vendita e definizione di priorità geografiche per cogliere al massimo il maggior dinamismo di alcune aree L azienda continuerà ad operare per la massima efficienza dei processi produttivi e l ottimizzazione dei costi sia delle strutture centrali che di quelle legate all attività di vendita diretta In particolare è stato già previsto un intervento sui punti vendita teso ad un risparmio energetico attraverso la graduale sostituzione degli attuali punti luce con altri a più basso consumo L anno 2013 vedrà il proseguimento ed ampliamento del programma di investimenti, in particolare nell area commerciale, volto a migliorare ed accrescere la rete di vendita attraverso acquisizioni di nuove posizioni ed il rinnovo di alcuni negozi strategici Per quanto riguarda il futuro della nostra azienda, considero opportuno informarvi dei seguenti aspetti che formano le linee principali del nostro intervento nei prossimi mesi La società alla data della presente relazione ha già aperto i seguenti punti vendita: Outlet Cilento outlet Village di Eboli (SA) in data 24 aprile; Outlet Palmanova outlet Village di Ioannis Aiello del Friuli (UD) in data 25 aprile; Centro commerciale Le Fontane di Catanzaro in data 25 aprile; Outlet Mondovicino outlet Village di Mondovì (CN) in data 28 aprile Sono in fase di contrattualizzazione invece le seguenti location: Outlet Soratte outlet shopping di Sant Oreste (Roma) Outlet Città Sant Angelo village di Città Sant Angelo (PE); Outlet Castel Guelfo The Style Outlets di Castel Guelfo di Bologna (BO); Centro commerciale Megalò di Chieti Scalo (CH); Centro commerciale Metropolis di Rende (CS); Pagina 17

18 Centro commerciale di Partinico (PA) Sul mercato internazionale si prevede entro la fine dell esercizio 2013 di aprire 7 boutique, 1 corner ed 1 shop in shop; ad oggi risulta già aperta 1 boutique, in particolare: Boutique - Panama city (Panama) Boutique - Messico city (Messico) Boutique - Erevan (Russia) Boutique - Praga (R Ceca) Boutique - Rostov sul Don (Russia) Boutique - Bagdad (Iraq) Boutique - Cartagena (Colombia) Corner - Acoxpa (Messico Palacio de Hierro) shop in shop - Baranquilla (Colombia) Inoltre è previsto il rinnovo della boutique di Dubai all interno del Dubai Mall Sedi secondarie La nostra società, oltre alla sede legale presso l opificio industriale, opera con una serie di unità locali per il commercio al dettaglio dei propri prodotti Non sono presenti sedi secondarie Risultato dell esercizio Per quanto riguarda la destinazione dell utile di esercizio pari ad euro , gli amministratori ritengono di formulare una proposta basata sui seguenti punti: accantonare a riserva straordinaria una quota di utile pari a euro ; accantonare a riserva non distribuibile una quota di utile pari a euro ; distribuire agli azionisti la quota che residua pari ad euro per un dividendo pari ad euro 0,066 per azione Sulla scorta delle indicazioni che sono state fornite, Vi invitiamo ad approvare il bilancio chiuso al 31 dicembre 2012 e la proposta di destinazione dell utile sopra indicata Caivano, lì 9 maggio 2013 Il Presidente del CDA L Amministratore Delegato Dott Domenico Menniti Pagina 18

HARMONT & BLAINE S.p.A. Sede in CAIVANO, SS 87 KM 16,460 ZONA ASI SN Capitale sociale Euro 2.100.000,00 i.v. Codice Fiscale 05123510637

HARMONT & BLAINE S.p.A. Sede in CAIVANO, SS 87 KM 16,460 ZONA ASI SN Capitale sociale Euro 2.100.000,00 i.v. Codice Fiscale 05123510637 Reg. Imp. Di NAPOLI nr. 05123510637 Nr. Rea 416891 HARMONT & BLAINE S.p.A. Sede in CAIVANO, SS 87 KM 16,460 ZONA ASI SN Capitale sociale Euro 2.100.000,00 i.v. Codice Fiscale 05123510637 Relazione sulla

Dettagli

HARMONT & BLAINE S.p.A.

HARMONT & BLAINE S.p.A. HARMONT & BLAINE SpA Reg Imp Di NAPOLI nr 05123510637 Nr Rea 416891 Sede in CAIVANO, SS 87 KM 16,460 ZONA ASI SN Capitale sociale Euro 2100000,00 iv Codice Fiscale 05123510637 Relazione sulla gestione

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE VIALE VIRGILIO 31-74121 - TARANTO (TA) Codice fiscale: 02775310739 Capitale sociale sottoscritto Euro 100.000 parte versata Euro 100.000 Registro Imprese n 02775310739

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011 B.9. Costi per il personale La voce comprende l intera spesa per il personale dipendente ivi compresi i passaggi di categoria, i miglioramenti di merito e contrattuali, gli accantonamenti di legge e derivanti

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

Comunicato Stampa 27 agosto 2013

Comunicato Stampa 27 agosto 2013 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 giugno 2013 o Fatturato a 112,0 milioni di euro (139,2 milioni di euro al 30 giugno 2012) o EBITDA a 5,1 milioni di euro (16,2 milioni di euro al 30 giugno

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2014 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 69,3 milioni (61,3 milioni nel 2013) EBITDA 1 a 0,4 milioni (-2,1 milioni nel 2013) EBIT

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

1. Avvertenze..2. 2. Informazioni relative all operazione 3

1. Avvertenze..2. 2. Informazioni relative all operazione 3 INDICE 1. Avvertenze..2 2. Informazioni relative all operazione 3 2.1. Descrizione sintetica delle caratteristiche, modalità, termini e. 3 condizioni dell operazione 2.2. Indicazioni delle Parti correlate

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.:

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: COMUNICATO STAMPA Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: - Approvato il Progetto di Bilancio d esercizio e il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 Principali Risultati del Gruppo Enervit al

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 Criteri di formazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni Il

Dettagli

ANALISI PER FLUSSI. Dott. Fabio CIGNA

ANALISI PER FLUSSI. Dott. Fabio CIGNA ANALISI PER FLUSSI Dott. Fabio CIGNA IL CONCETTO DI EQUILIBRIO GENERALE E DI ANALISI FINANZIARIA 2 ANALISI PER FLUSSI IL CONCETTO DI EQUILIBRIO GENERALE E DI ANALISI FINANZIARIA L azienda deve operare

Dettagli