Rating e condizioni bancarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rating e condizioni bancarie"

Transcript

1 Club della Finanza Confindustria Udine Rating e condizioni bancarie Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 16 ottobre 2012

2 AGENDA L utilizzo del rating nelle banche I criteri di determinazione delle condizioni Il costo del credito delle imprese italiane Il costo del credito di un campione di aziende del nord Italia Rating e condizioni delle aziende del Club Finanza di Confindustria Udine Club della Finanza Confindustria Udine 2

3 Il calcolo e l utilizzo del rating nelle banche Le informazioni utilizzate nella determinazione del rating Nella formulazione di un rating vengono utilizzate diverse fonti informative : Dati di bilancio Dati andamentali (interni alla banca e Centrale Rischi) : dati sulla regolarità del rapporto con le banche Dati di settore produttivo Giudizi qualitativi sulla gestione d impresa Queste informazioni, attraverso l adozione di specifiche metodologie di calcolo, vengono sintetizzate in un singolo giudizio e concorrono alla formulazione del rating di ciascun cliente. 3

4 Le fonti informative Dati di Bilancio Indicatori di bilancio e finanziari relativi all analisi dell equilibrio patrimoniale, della redditività, della copertura del debito e della crescita, selezionati in base all effettiva capacità di prevedere i casi di inadempienza. RiskCalcTM 3.1 Italy MOODY S Analytics Dati Andamentali Statistiche basate sulle informazioni da Centrale Rischi dirette ad analizzare le modalità di utilizzo del credito bancario e di movimentazione dei conti aziendali. I dati andamentali possono esclusivamente portare ad un peggioramento del rating di bilancio nel caso evidenzino delle prolungate irregolarità nell andamento dei rapporti creditizi. Peggioramento del Rating di Bilancio in caso di irregolarità Dati Geo-Settoriali e Info Qualitative Informazioni relative al settore di appartenenza dell azienda, al suo ciclo di credito e alle prospettive di crescita e informazioni attinenti gli aspetti gestionali interni all azienda, le modalità di posizionamento sul mercato e l accuratezza dei processi di finanza e controllo. Le informazioni qualitative e geo-settoriali possono portare sia ad un miglioramento che ad un peggioramento del rating di bilancio, qualora evidenzino significative variazioni prospettiche nell andamento del settore di appartenenza e/o nel posizionamento dell azienda all interno del settore e qualora permettano di attribuire giudizi significativamente positivi o negativi circa la governance, la struttura organizzativa dell azienda, la qualità del suo management e l accuratezza dei processi di finanza e controllo. Selezione di informazioni rilevanti al fine di favorire il processo di override della banca 4

5 Le voci di bilancio con maggiore impatto sul rating Vengono classificati in indicatori volti ad analizzare : La capacità di autofinanziamento netto Free Cash Flow (Autofinanziamento +/- Var CCN Investimenti) Vs Cash Flow debito Debiti Onerosi/MOL (< 5) La valutazione della leva finanziaria e del patrimonio netto tangibile Leva finanziaria max. (Posizione finanziaria netta/pn < 3) Rettifiche del Patrimonio Netto relativamente a: Immobilizzazioni immateriali Riserve di rivalutazioni Crediti verso soci /Azioni proprie acquistate La gestione del circolante DSO, DPO, DIO per analizzare l assorbimento di cassa e/o per identificare eventuali poste dubbie (magazzino obsoleto, crediti inesigibili, ecc) L incidenza degli interessi passivi sui risultati operativi MOL/OF (> 5) 5

6 I giudizi qualitativi sulla gestione d impresa Si tratta di informazioni attinenti gli aspetti gestionali interni all azienda, le modalità di posizionamento sul mercato e l accuratezza dei processi di finanza e controllo: Struttura organizzativa, governance e assetto proprietario Esistenza di Gruppi di fatto Andamento settore e posizionamento competitivo Tipo prodotti, mercati, canali di vendita Quote di mercato e variabilità Tecnologia, capacità produttiva istallata e grado utilizzo, investimenti, beni v intangibili Caratteristiche risorse umane Rischi finanziari Disponibilità di informazioni infra-periodali (Qualità e frequenza) Rapporti di filiera / reti di impresa Disponibilità di Piani Economico-Finanziari/Budget Le informazioni qualitative possono portare sia ad un miglioramento che ad un peggioramento del rating di bilancio, qualora permettano di attribuire giudizi significativamente positivi o negativi circa la struttura organizzativa dell azienda, la qualità del suo management e l accuratezza dei processi di finanza e controllo. 6

7 Il ruolo delle informazioni qualitative I modelli interni si differenziano in relazione al grado di rilevanza riconosciuto rispettivamente ai giudizi automatici derivanti dal modello e a quelli rivenienti dal giudizio degli esperti nel settore del credito. In linea generale si possono distinguere: A. sistemi incentrati sulla componente automatica (eventualmente comprensiva di elementi qualitativi oggettivizzati- score ), in cui sono strutturalmente esclusi gli scostamenti discrezionali e motivati (cd. overrides) apportati dagli analisti ai giudizi automatici; B. sistemi in cui i giudizi automatici sono integrabili - mediante override- con informazioni di non agevole standardizzazione o comunque non considerate dal modello; C. sistemi prevalentemente incentrati sulla valutazione di stampo soggettivo-discrezionale dell esperto di settore. La scelta del modello è rimessa all autonomia e all esclusiva responsabilità dei vertici aziendali. La Banca d Italia valuta che le modalità realizzative del sistema prescelto assicurino la conformità con le prescrizioni della presente normativa. Per le banche che non dispongono di modelli interni, di fatto sono perseguibili solo le alternative B e C. 7

8 L impatto dello score qualitativo: un esempio 8

9 Un esempio di sistema di autovalutazione Sestante utilizza la metodologia Riskcalc 3.1 Italy sviluppata per le aziende italiane da Moody s Analytics, società leader mondiale nei servizi di valutazione del rating e di misurazione dei rischi di credito. Il modello statistico RisckCalc3.1 utilizza un gruppo di indici di bilancio identificati come i più significativi per la previsione della probabilità di insolvenza. E stimato su un campione statistico particolarmente affidabile e rappresentativo, in quanto composto da imprese italiane non quotate, con 2 milioni di bilanci analizzati. Moody s è riconosciuto da Banca d Italia come ECAI (External Credit Assessment Institution); ciò implica che i modelli utilizzati sono in linea con le disposizioni di Basilea 2 per l elaborazione dei rating interni da parte della banche. Il modello produce tre principali output: La probabilità di default (PD), ossia la probabilità che in un determinato orizzonte temporale (un anno) il debitore non adempia ai propri obblighi contrattuali. Il default è definito come il mancato pagamento a 180 giorni oltre la scadenza. Il percentile della PD, che segnala il posizionamento della PD dell azienda esaminata all interno del campione di imprese di riferimento. Ad esempio un percentile PD di 20 indica che l 80% delle aziende del campione ha una PD maggiore e quindi una peggiore affidabilità creditizia. Pertanto quanto più alto è il percentile nella scala da 0 a 100, peggiore è il posizionamento dell azienda. Il rating di bilancio: ad ogni intervallo di PD viene assegnata una classe di rating, che esprime un giudizio sintetico qualitativo. 9

10 Il rating di Bilancio Il rating di bilancio, elaborato per mezzo del modello RiskCalcTM Italy 3.1 di Moody s Analytics, viene ottenuto sulla base di 18 voci di bilancio UE. Attraverso l imputazione di tali voci, il modello permette di calcolare la Probabilità di Default e la classe di rating secondo diverse modalità: Rating a consuntivo (bilanci di precedenti esercizi) Strategie di bilancio (bilancio in fase di chiusura o forecast gestionale) Pianificazione annuale (budget) Pianificazione triennale (piani triennali) 10

11 Gli indici di bilancio utilizzati del modello statistico 11

12 Il profilo di rischio (classe) e le dimensioni di analisi (pd e percentili) 12

13 Interpretazione del percentile relativo alla PD Il Percentile PD aiuta ad interpretare i risultati. Segnala il posizionamento del merito creditizio dell azienda nell ambito del campione di imprese di riferimento. (es. un Percentile PD al 20% indica che l 80% delle aziende del campione ha una minore affidabilità poiché presenta una PD più alta). 13

14 Indici di bilancio e relativi percentili INDICI DI BILANCIO TREND NEL BIENNIO TREND Val Perc Val Perc 09/10 (Capitale proprio - Immobilizzazioni Immateriali) / (Attivo - Immobilizzazioni Immateriali) 25,92 74,72% 31,73 81,67% (Risultato ante Gest.Straord. + Ammortamenti) / Interessi passivi 601,07 71,85% 681,76 74,14% Oneri finanziari/ Vendite 3,08 75,04% 2,62 69,19% Crescita delle vendite 13,22 71,42% -1,69 36,70% (Utile netto + Imposte) / Attivo 7,08 78,31% 5,64 72,88% Liquidità / Attivo circolante 11,88 74,17% 6,76 62,69% Attivo circolante / Passività a breve 191,35 91,70% 227,33 95,33% Variazione nel rapporto Crediti a breve / Ricavi -4,57 25,16% -3,18 30,45% INDICI DI BILANCIO TREND NEL BIENNIO Val Perc Val Perc (Capitale proprio - Immobilizzazioni Immateriali) / (Attivo - Immobilizzazioni Immateriali) 31,73 81,67% 33,49 83,43% (Risultato ante Gest.Straord. + Ammortamenti) / Interessi passivi 681,76 74,14% 590,17 71,47% Oneri finanziari/ Vendite 2,62 69,19% 2,92 73,10% Crescita delle vendite -1,69 36,70% -2,06 35,81% (Utile netto + Imposte) / Attivo 5,64 72,88% 6,04 74,58% Liquidità / Attivo circolante 6,76 62,69% 3,16 48,88% Attivo circolante / Passività a breve 227,33 95,33% 226,51 95,26% Variazione nel rapporto Crediti a breve / Ricavi -3,18 30,45% 10,91 89,90% TREND 10/11 Trend molto positivo Trend positivo Trend stabile Trend negativo Trend molto negativo 14

15 Il rating come estrema sintesi del rischio aziendale Il rating sintetizza il rischio aziendale in un solo numero Il rating è l impresa vista dalla banca Il rating è molto efficace come sintesi della dimensione finanziaria del business per valutare: Sostenibilità della crescita prevista Sostenibilità di nuovi investimenti Impatto dell aumento di capitale circolante (aumento crediti e scorte) Impatto dei rischi finanziari ed operativi Importanza in certe situazioni dell aumento di capitale sociale Definizione di priorità tra le diverse strategie finanziarie Il vertice di un impresa può trovare nel rating uno strumento di disciplina gestionale e di valutazione di coerenza tra scelte di business e scelte finanziarie 15

16 Le principali forme di utilizzo dell autovalutazione Valutazione del rating a consuntivo Permette all impresa di capire come può essere valutata dalla banca e di negoziare meglio le condizioni di credito. Permette inoltre di confrontare gli approcci e i rating assegnati dalle singole banche, individuando i punti deboli dell impresa evidenziati da tutte le banche e le differenze tra i singoli giudizi. Confronto del proprio rating con quello dei concorrenti Sulla base del campione su cui viene stimato il modello di autovalutazione è possibile selezionare un numero di competitor da monitorare e, anche senza conoscere il loro rating specifico, valutare il proprio posizionamento nell ambito dell insieme di imprese analizzate. Valutazione delle strategie di bilancio in funzione del rating Permette di valutare il proprio rating prospettico a seconda delle diverse possibili operazioni di chiusura di bilancio e dell applicazione di diversi princìpi contabili. Consente di simulare le diverse soluzioni contabili scegliendo quella più conveniente per l azienda. Valutazione del rating di pianificazione Permette alle imprese di ottenere un rating prospettico a seconda di differenti ipotesi di pianificazione aziendale a scadenze diverse individuando preventivamente l impatto delle decisioni strategiche sul rating. In questo modo l azienda potrà capire preventivamente come saranno valutate eventuali scelte strategiche e come potrà eventualmente variare il costo del denaro in funzione di tali scelte. Utilizzo delle asimmetrie informative nei confronti della banca Attraverso un potenziamento dei set informativi a disposizione dell azienda e l elaborazione delle informazioni a disposizione con un significativo anticipo, è possibile per l azienda anticipare il rating prodotto dalle stesse banche sfruttando quindi eventuali disallineamenti a proprio vantaggio. 16

17 AGENDA L utilizzo del rating nelle banche I criteri di determinazione delle condizioni Il costo del credito delle imprese italiane Il costo del credito di un campione di aziende del nord Italia Rating e condizioni delle aziende del Club Finanza di Confindustria Udine Club della Finanza Confindustria Udine 17

18 Rating e processi commerciali per erogare credito 14,0% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 0,0% Distribuzione clienti e impieghi per classi di rischio AAA Livelli di Rating % clienti % impieghi ESEMPLIFICATIVO A B C D Ampia e decentrata DELEGA CREDITIZIA CCC unrated Ridotta e accentrata La classificazione della rischiosità della clientela effettuata grazie ai sistemi di rating e di scoring deve essere necessariamente trasferita nelle linee guida della politica commerciale. L applicazione commerciale delle linee guida su larga scala dal personale della rete comporta una semplificazione della granularità del concetto di rischio d impresa. Normalmente le classi di rating vengono aggregate per definire un numero limitato di classi commerciali L appartenenza ad una classe commerciale influenza: i prezzi (spread) i volumi del credito disponibile il livello decisionale a cui è delegata l approvazione del credito erogato La possibilità di forzare le gabbie del rating e della corrispondente classificazione commerciale è limitata. Le informazioni qualitative trasmesse tramite il canale della relazione con il gestore e la filiale, hanno questa funzione 18

19 La prassi - la perdita inattesa Esempio: il pricing considerando la perdita inattesa stand-alone (UL) Si considerino i seguenti dati di input: Il capitale regolamentare CR è fissato nella misura dell 8% P: probabilità di default RR: recovery rate C: incidenza dei costi operativi r: tasso di interesse di riferimento (es. Euribor 3 mesi) UL: perdita inattesa K: obiettivo di remunerazione degli azionisti in termini di ROE L assorbimento di capitale da considerare ai fini del pricing è quello regolamentare, perché maggiore di quello economico. In tal caso, il tasso attivo risulta pari a: 4,61% Considerando invece il capitale economico, il tasso attivo risulta pari a: 4,48% Lo spread S EL+UL risulta pari a: 1,48% S EL+UL = 1.48% = 0.54% + 0.1% % Perdita attesa Costi operativi Perdita inattesa 19

20 La prassi - la perdita inattesa e l effetto diversificazione Esempio: il pricing considerando la perdita inattesa marginale (MaUL) e quindi l effetto diversificazione Si considerino i seguenti dati di input: Il tasso attivo risulta pari a: 4,24% Lo spread S EL+MaUL risulta pari a: : 1,24% S EL+MaUL = 1.24% = 0.54% + 0.1% % Perdita attesa Costi operativi Perdita inattesa 20

21 Esempio: il caso base (segue) Assumiamo che ad un cliente con pd pari all 1% un gestore pratichi su un impiego a cinque anni che presenta un profilo di rischio misurato da un valore di perdita inattesa pari al 7% dell affidamento uno spread dell 1,48% rispetto al tasso free risk e un livello di commissioni pari all 1%. Assumendo un tasso free risk pari al 3% e un costo del rischio (la remunerazione del capitale assorbito dall impiego) pari al 10%, la redditività aggiustata per il rischio dell impiego in termini di RARORAC (Risk Adjusted Return on Risk Adjusted Capital) risulta pari al 4%. Tutti i dati dell esempio sono riportati nella tabella: Esempio benchmark PD 1.00% Recovery Rate 50.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.00% Tasso attivo 4.48% Spread 1.48% RARORAC 4.00% 21

22 Esempio: aumento della PD (segue) Un aumento degli impieghi ottenuto affidando con la stessa forma tecnica dell esempio benchmark clienti più rischiosi, ovvero con rating peggiore, porterebbe ad una diminuzione della redditività aggiustata per il rischio. Considerando ad esempio un impiego ad un nuovo cliente con pd peggiore del caso precedente e pari a 1,40%, si otterrebbe un valore del RARORAC pari all 1,14% come si può vedere nella seguente tabella riassuntiva. Esempio 1: peggioramento rating PD 1.40% Recovery Rate 50.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.00% Tasso attivo 4.48% Spread 1.48% RARORAC 1.14% 22

23 Esempio: aumento PD e aumento spread sufficiente (segue) Aumento dello spread praticato dal gestore rispetto all esempio benchmark e dovuto ad una variazione del merito di credito della controparte. In particolare, assumendo una pd pari a 1,60%, uno spread del 2% comporterebbe un RARORAC pari al 7,14%, come riassunto nella seguente tabella. In questo caso l aumento dello spread comporta un miglioramento della redditività aggiustata per il rischio in quanto lo spread praticato risulta più che compensativo del peggioramento del rating. Esempio 3: aumento spread PD 1.60% Recovery Rate 50.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.00% Tasso attivo 5.00% Spread 2.00% RARORAC 7.14% 23

24 Esempio: aumento PD e aumento spread insufficiente (segue) Se invece il gestore praticasse lo stesso spread del 2% in seguito ad un peggioramento del rating dato da una pd del 2,10%, il RARORAC risulterebbe pari al 3,57%, ovvero inferiore al caso benchmark. In questo esempio, i cui dati sono riportati nella seguente tabella, lo spread praticato non risulta pertanto sufficiente a compensare il peggioramento del rating della controparte. Esempio 4: aumento spread PD 2.10% Recovery Rate 50.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.00% Tasso attivo 5.00% Spread 2.00% RARORAC 3.57% 24

25 Esempio: aumento commissioni (segue) A parità di impieghi rischiosi, che assumiamo costituiti dall impiego a 5 anni dell esempio benchmark, un aumento delle commissioni da servizi comporta un significativo aumento della redditività aggiustata per il rischio. Assumendo una commissione da servizi pari allo 0,50% dell affidamento, si otterrebbe rispetto al caso benchmark un livello complessivo delle commissioni pari a 1,50% (1% di commissioni sull impiego rischioso più 0,50% di commissioni da servizi) con un indice RARORAC che passerebbe dal 4% al 11,14%, come si può vedere riassunto nella seguente tabella. Esempio 5: aumento commissioni PD 1.00% Recovery Rate 50.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.50% Tasso attivo 4.48% Spread 1.48% RARORAC 11.14% 25

26 Esempio: aumento garanzie Infine analizziamo il ruolo delle decisioni sull aumento delle garanzie, che comporta sistematicamente un aumento della redditività aggiustata per il rischio. Se rispetto all esempio benchmark, nel quale il tasso di recupero (recovery rate) dell impiego è pari al 50%, il gestore richiedesse una garanzie che portasse il recovery rate della posizione all 80%, come si può vedere nella seguente tabella il RARORAC aumenterebbe al livello dell 8,29%. Esempio 6: aumento garanzie PD 1.00% Recovery Rate 80.00% Perdita Inattesa (UL) 7.00% Costo del rischio 10.00% Costi operativi 1.00% Tasso free risk 3.00% Commissioni 1.00% Tasso attivo 4.48% Spread 1.48% RARORAC 8.29% 26

27 Le implicazioni degli obiettivi commerciali e della liquidità Il modello di pricing definito dal risk management della banca può essere modificato in funzione dei seguenti elementi: Obiettivi commerciali per determinati segmenti di clientela o aree geografiche Logica di portafoglio in relazione alla diversificazione della clientela per settore Costo della liquidità, con l aggiunta di uno spread in relazione al costo della raccolta per la banca sul mercato interbancario o dei capitali 27

28 AGENDA L utilizzo del rating nelle banche I criteri di determinazione delle condizioni Il costo del credito delle imprese italiane Il costo del credito di un campione di aziende del nord Italia Rating e condizioni delle aziende del Club Finanza di Confindustria Udine Club della Finanza Confindustria Udine 28

29 Il costo del debito per le imprese in Italia è salito in modo significativo, soprattutto per i prenditori di minori dimensioni 4,500 Spread sulle nuove operazioni di finanziamento (Italia, tassi sui prestiti alle imprese - Euribor 3m; valori %) 4,000 3,500 3,000 2,500 2,000 1,500 1,000 0,500 0,000 Piccoli Prestiti (< 1 milione ) Grandi Prestiti (> 1 mln ) FONTE Banca d Italia Club della Finanza Confindustria Udine 29

30 Il mispricing del credito bancario a medio lungo termine rispetto al mercato dei capitali è ormai superato 6,000 5,000 4,000 3,000 2,000 1,000 0,000 3/1/2007 5/1/2007 7/1/2007 9/1/ /1/2007 1/1/2008 3/1/2008 5/1/2008 7/1/2008 9/1/ /1/2008 1/1/2009 3/1/2009 5/1/2009 7/1/2009 9/1/ /1/2009 1/1/2010 3/1/2010 5/1/2010 7/1/2010 9/1/ /1/2010 1/1/2011 3/1/2011 5/1/2011 7/1/2011 9/1/ /1/2011 1/1/2012 3/1/2012 5/1/2012 7/1/2012 Spread su finanziamenti oltre 5 anni ITRAXX 5 anni Fonte: Bloomberg e Banca d Italia Club della Finanza Confindustria Udine 30

31 Il costo dell allungamento delle scadenze è di poco superiore a 1% 6,000 Confronto spread su finanziamenti 5,000 4,000 3,000 2,000 1,000 0,000 Spread su finanziamenti 3 mesi - 1 anno Spread su finanziamenti oltre 5 anni Fonte: Banca d Italia Club della Finanza Confindustria Udine 31

32 AGENDA L utilizzo del rating nelle banche I criteri di determinazione delle condizioni Il costo del credito delle imprese italiane Il costo del credito di un campione di aziende del nord Italia Rating e condizioni delle aziende del Club Finanza di Confindustria Udine Club della Finanza Confindustria Udine 32

33 Piccole imprese Club della Finanza Confindustria Udine 33

34 Medie imprese Club della Finanza Confindustria Udine 34

35 Tasso di interesse entro fido Club della Finanza Confindustria Udine 35

36 Conto Anticipo Fatture Club della Finanza Confindustria Udine 36

37 Anticipo SBF Club della Finanza Confindustria Udine 37

38 AGENDA L utilizzo del rating nelle banche I criteri di determinazione delle condizioni Il costo del credito delle imprese italiane Il costo del credito di un campione di aziende del nord Italia Rating e condizioni delle aziende del Club Finanza di Confindustria Udine Club della Finanza Confindustria Udine 38

39 L articolazione delle condizioni sui conti correnti (segue) 39

40 L articolazione delle condizioni sui conti correnti (segue) 40

41 L articolazione delle condizioni sui conti correnti (segue) 41

42 L articolazione delle condizioni sui conti correnti (segue) 42

43 L articolazione delle condizioni per tipo operazione (segue) 43

44 L articolazione delle condizioni per tipo operazione (segue) 44

45 L articolazione delle condizioni per tipo operazione (segue) 45

46 L articolazione delle condizioni per tipo operazione 46

47 I criteri della survey del Club Finanza Calcolo del rating di bilancio 2011 con il modello Riskcal Italy di Moody s Analytics Rilevazione semplificata di alcune condizioni rilevanti Verifica delle relazioni tra rating di bilancio e livello delle condizioni I limiti: Numero limitato di risposte Analisi solo sulla base del rating di bilancio 47

48 Numero e caratteristiche delle aziende partecipanti Tot. aziende analizzate: 10 Dimensione Club della Finanza Confindustria Udine 48

49 Condizioni minime e massime per forma tecnica Elevata dispersione delle condizioni MINIMO MASSIMO Conto Corrrente Tasso di utilizzo fido di cassa 3,36% 13,50% Portafoglio Effetti Sbf Tasso di portafoglio SBF/c.unico 0,91% 7,75% Conto Anticipo Fatture T asso 0,96% 11,70% Conto Anticipo Export T asso 0,96% 6,71% Finimport T asso 1,71% 5,30% Club della Finanza Confindustria Udine 49

50 Condizioni minime e massime per banca Limite dell analisi: numero limitato di risposte BNL molto aggressiva sull impresa con migliore rating BNL UNICREDIT CR FVG PO P. VICENZA HYPO BANK MPS BANCA DI CIVIDALE MIN. MAX. MIN. MAX. MIN. MAX. MIN. MAX. MIN. MAX. MIN. MAX. MIN. MAX. Conto Corrrente Tasso di utilizzo fido di cassa 5,31% 12,30% 3,36% 9,70% 7,00% 13,50% 7,70% 9,85% 4,43% 7,46% 8,40% 9,61% 7,37% 8,75% Portafoglio Effetti Sbf Tasso di portafoglio SBF/c.unico 0,91% nd 1,11% 5,75% 1,06% 2,75% 5,75% nd 2,10% 5,46% 2,67% nd nd 2,68% Conto Anticipo Fatture T asso 0,96% 3,40% 1,11% 9,25% 1,26% nd 4,56% 4,76% nd nd nd nd nd 7,25% Conto Anticipo Export T asso 0,96% nd 1,11% 6,71% 1,26% 5,21% 3,01% nd nd nd nd nd nd nd Club della Finanza Confindustria Udine 50

51 Il posizionamento delle banche varia in funzione della forma tecnica Le banche hanno politiche di pricing differenziate per forma tecnica Raramente una banca è migliore delle altre in tutte le forme tecniche CONTO CORRENTE - Tasso di utilizzo fido di cassa AZIENDA A AZIENDA B AZIENDA C AZIENDA D AZIENDA E AZIENDA F AZIENDA G BANCA DI BNL UNICREDIT CR FVG POP. VI UNICREDIT CR FVG BCC BASILIANO FRIULADRIA UNICREDIT ANTONVENETA UNICREDIT POP. VR POP. VI UD. PORTAFOGLIO EFFETTI SBF - Tasso di portafoglio Sbf/c.unico AZIENDA A AZIENDA B AZIENDA C AZIENDA D AZIENDA E AZIENDA F AZIENDA G BNL UNICREDIT nd nd NEB UNICREDIT FRIULADRIA POP. VI HYPO BANK CREDIFRIULI UNICREDIT POP. VR nd nd CONTO ANTICIPO FATTURE - Tasso AZIENDA A AZIENDA B AZIENDA C AZIENDA D AZIENDA E AZIENDA F AZIENDA G BNL CR FVG nd nd nd nd BCC BASILIANO FRIULADRIA nd nd UNICREDIT POP. VR POP. VI CRUP CONTO ANTICIPO EXPORT - Tasso AZIENDA A AZIENDA B AZIENDA C AZIENDA D AZIENDA E AZIENDA F AZIENDA G BNL CR FVG POP. VI UNICREDIT nd nd nd nd nd nd UNICREDIT POP. VR nd nd Club della Finanza Confindustria Udine 51

52 I rating delle aziende partecipanti 10% 10% 10% 50% 20% Club della Finanza Confindustria Udine 52

53 Le condizioni (min. e max) per aziende con rating Baa3 Rilevanti sono le differenze tra le condizioni minime e quelle massime per tutte le forme tecniche Club della Finanza Confindustria Udine 53

54 Le condizioni per aziende con rating Baa3 - segue Emerge un elevata dispersione delle condizioni tra le diverse banche per le diverse aziende CONTO CORRENTE PORTAFOGLIO EFFETTI SBF CONTO ANTICIPO FATTURE Club della Finanza Confindustria Udine 54

55 Le condizioni (min. e max) per aziende con diverso livello di rischio CONTO CORRENTE PORTAFOGLIO EFFETTI SBF CONTO ANTICIPO FATTURE CONTO ANTICIPO EXPORT Club della Finanza Confindustria Udine 55

56 Le condizioni per aziende con diverso livello di rischio Conto corrente Club della Finanza Confindustria Udine 56

57 Le condizioni per aziende con diverso livello di rischio Portafoglio Effetti SBF Club della Finanza Confindustria Udine 57

58 Le condizioni per aziende con diverso livello di rischio Conto Anticipo Fatture Club della Finanza Confindustria Udine 58

59 Le condizioni per aziende con diverso livello di rischio Conto Anticipo Export Club della Finanza Confindustria Udine 59

60 Grazie per l attenzione! Club della Finanza Confindustria Udine 60

Il costo dell indebitamento bancario

Il costo dell indebitamento bancario Il costo dell indebitamento bancario Emanuele Facile Alberto Bortolin Financial Innovations Udine 17 marzo 2014 La survey sulle condizioni bancarie di ottobre 2012 I criteri: Calcolo del rating di bilancio

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Le implicazioni sul processo del credito

Le implicazioni sul processo del credito SETTEMBRE 2006 BASILEA 2 E LE SUE IMPLICAZIONI 9 Le implicazioni sul processo del credito Passiamo qui ad analizzare alcuni degli elementi principali della variazione nei rapporti banca-impresa alla luce

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Come determinare redditività d impresa e solvibilità

Come determinare redditività d impresa e solvibilità Come determinare redditività d impresa e solvibilità Assolombarda, 13 marzo 2008 Cristina Soppelsa 1 Agenda Riclassificazione Interpretazione dei più significativi indici di redditività e di solvibilità

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Un Passport per uscire dalla crisi. Vicenza, 24 settembre 2014. Un progetto per le PMI Da Basilea a strumenti di consulenza sul credito

Un Passport per uscire dalla crisi. Vicenza, 24 settembre 2014. Un progetto per le PMI Da Basilea a strumenti di consulenza sul credito Un Passport per uscire dalla crisi Vicenza, 24 settembre 2014 Agenda Due macro trend per le PMI o o Rapporto Banca, Impresa e Internazionalizzazione Un progetto per le PMI Da Basilea a strumenti di consulenza

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3

Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3 Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3 Convegno ABI 17 giugno 2014 Risk Management Agenda Sistema di Rating vs. Processi del Credito Ambiti di utilizzo dei modelli interni Concessione del Credito

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

La funzione dell analisi di bilancio nell assegnazione del rating alle imprese secondo l accordo Basilea 2

La funzione dell analisi di bilancio nell assegnazione del rating alle imprese secondo l accordo Basilea 2 La funzione dell analisi di bilancio nell assegnazione del rating alle imprese secondo l accordo Basilea 2 e nel contenuto obbligatorio della relazione sulla gestione accompagnatoria al bilancio di esercizio

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

il rapporto banca impresa

il rapporto banca impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO il rapporto banca impresa Come la banca si rapporta con la clientela retail. Ratios di bilancio dalla contabilità semplificata e analisi qualitativa. Gioacchino

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Firenze 7 e 8 ottobre 2005

Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Le Banche Regionali e il Corporate Banking: Esperienze dall Europa Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Palazzo Incontri Banca CR Firenze via dei Pucci, 1 Un Modello di Analisi dei Profili Finanziari dell Impresa

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4.1 Introduzione 1.4.2 Le metodologie utilizzate dalle principali agenzie di rating 1.4.3 Alcuni aspetti da considerare per

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Modelli di rating e leve di miglioramento

Modelli di rating e leve di miglioramento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Conversazioni tra Imprenditori, Commercialisti e Banche Linee guida nel rapporto banca/impresa (L arte del rilancio) Modelli di rating e leve di miglioramento

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO Luca Majocchi Credito Italiano Convegno annuale APB Vicenza, 23 giugno 2000 (1) OBIETTIVO Condividere alcuni spunti di riflessione sulla prospettiva

Dettagli

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari I tre equilibri gestionali Equilibrio reddituale capacità di generare performance positive nel tempo Dipende dalla struttura dei costi e dei ricavi

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

Club della Finanza Confindustria Udine

Club della Finanza Confindustria Udine Rafforzare la struttura del passivo: le opportunità offerte dall accordo ABI-Confindustria e strumenti alternativi di finanziamento. Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio di Silvia Tommaso (*) Si propone una simulazione di analisi quantitativa attraverso l esame dei prospetti di stato patrimoniale e conto

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Gli strumenti per una efficace negoziazione con banche e investitori: il ruolo strategico della tesoreria e della pianificazione

Gli strumenti per una efficace negoziazione con banche e investitori: il ruolo strategico della tesoreria e della pianificazione Gli strumenti per una efficace negoziazione con banche e investitori: il ruolo strategico della tesoreria e della pianificazione Nadia Arcangeli consulente d azienda Bologna, 29 maggio 2014 Introduzione

Dettagli

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS)

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS) Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia (In-house Credit Assessment System - ICAS) SOMMARIO L utilizzo dei prestiti come collaterale nelle operazioni di politica monetaria...

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF Agenda Rischiosità delle imprese Rischiosità del credito garantito dai Confidi I Confidi non sono tutti uguali Rating ai Confidi Conclusioni 2 CRIF, partner

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

F.A.Q. relative al Software Domino B2

F.A.Q. relative al Software Domino B2 F.A.Q. relative al Software Domino B2 Nel titolo si parla di Analisi strategica per la gestione del valore e di Software di autovalutazione per Basilea 2. Quali sono esattamente le applicazioni del software?

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli