MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta. Bakalářská diplomová práce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta. Bakalářská diplomová práce"

Transcript

1 MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta Bakalářská diplomová práce Brno 2011 Gabriela Streitová

2 MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Gabriela Streitová Sulle caratteristiche principali delle pubblicità automobilistiche e motociclistiche Bakalářská diplomová práce Vedoucí diplomové práce: PhDr. Jan Pavlík

3 Prohlašuji, že jsem uvedenou práci vypracovala samostatně s využitím uvedených pramenů a literatury. Podpis autora práce 3

4 Zde bych ráda poděkovala svému vedoucímu diplomové bakalářské práce, PhDr. Janu Pavlíkovi, za odborné rady, bystré poznámky, nápaditost a trpělivost, čímž mi velice pomohl rozvinout můj původní nápad a záměr. 4

5 Indice I. Introduzione...6 II. Le lingue speciali...7 II.1. Il problema di una denominazione corretta...8 II.2. La stratificazione delle lingue speciali...11 II.3. La storia delle lingue speciali...13 III. Le caratteristiche delle lingue speciali...15 III.1. Il lessico...15 III.2. La morfosintassi...17 III.3. L organizzazione testuale...18 III.4. Lingue speciali contro lingua comune...19 IV. Alcune osservazioni sulla pubblicità...21 IV.1. Il livello linguistico...23 IV.2. Il livello retorico...26 V. Dalla teoria alle osservazioni...28 VI. Le pubblicità automobilistiche e motociclistiche...30 VI.1. Caratteristiche linguistiche...30 VI.1.1 L uso dell imperativo...30 VI.1.2 Il paragone...32 VI.1.3 Usi speciali delle parole...36 VI.1.4 Tecnicismi...39 VI.1.5 Dialetto e lingue straniere...45 VI.2. Caratteristiche retoriche...48 VI.2.1 Lo stile nominale...48 VI.2.2 Le figure retoriche ed i giochi di parole...52 VI.2.3 Le strutture iterative...58 VI.2.4 La creazione dei miti ed il ritorno alle frasi già fatte...60 VI.2.5 L imitazione dell arte e la riproduzione grafica...65 VII. Conclusione...68 VIII. Bibliografia

6 I. Introduzione La pubblicità è diventata un fenomeno che tocca tutti o, più precisamente detto, tocca tutti gli abitanti del mondo moderno. La persuasione pubblicitaria si svolge sul piano dell immagine ma anche su quello linguistico, sfruttando un ampia gamma linguistica, che va dalla lingua parlata comune fino alla lingua del livello più alto, per esempio l uso della poeticità negli slogan. La presente tesi si propone di studiare le specificità della lingua pubblicitaria, concentrando si sulle pubblicità automobilistiche e motociclistiche. Nella prima parte vengono definiti i termini necessari del settore; nella seconda parte, cioè nel lavoro con il corpus, gli slogan pertinenti all argomento dello studio vengono sottoposti alla classificazione basata sulla prima parte, modificata però per corrispondere alle esigenze del corpus studiato. Le caratteristiche trovate nelle pubblicità vengono considerate dal punto di vista linguistico e retorico, ispirandosi alla classificazione descritta da Michele A. Cortelazzo 1. Ogni categoria viene divisa in sottocategorie riguardando le specificità del fenomeno, le strutture delle parole oppure delle frasi usate, e la posizione del brano esaminato nel testo della pubblicità. Lo scopo della presente tesi è di descrivere le caratteristiche linguistiche e retoriche della pubblicità nel suddetto settore e, nello stesso tempo sottolineando certi fenomeni poco comuni scoprire i trucchi delle aziende usati per convincere il pubblico di comprare il loro prodotto. 1 Cortelazzo, Michele A. Italienisch: Sprache und Massmedien. in: Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp

7 II. Le lingue speciali Lo sviluppo costante della ricerca in tutti i settori dell attività umana comporta periodicamente una ridefinizione dei campi del sapere. I termini scientifici usati in tali campi non fanno certo parte del linguaggio quotidiano, eppure per gli specialisti sono parole comuni e comprensibili. Dalle lingue speciali i termini penetrano spesso nel linguaggio quotidiano come neologismi o espressioni nuove. Le lingue speciali possono essere studiate da diversi punti di vista: con riferimento alle discipline di cui fanno parte, in rapporto alle classi sociali che ne fanno uso, in rapporto alla lingua comune, rispetto al quale essi appaiono subordinate, ecc. Secondo la funzione che deve svolgere e secondo la situazione in cui si usa, la lingua compie delle scelte che si dividono in due varietà: i sottocodici ed i registri 2. I sottocodici sono «delle varietà del codice e presentano questa caratteristica: ai dati di base del codice aggiungono dei dati particolari che si riferiscono a un determinato settore di attività culturale e sociale» 3. Ciascun sottocodice può arricchirsi di parole e di espressioni nuove, adattando a nuovi contesti parole ed espressioni che esistono già nel codice e che assumono significati nuovi; esso si può anche suddividere in successive partizioni, cioè in sottosottocodici che corrispondono alla suddivisione e alla specializzazione dei vari campi del sapere. Il termine sottocodice equivale a lingue speciali. La prima denominazione sottolinea il rapporto di subordinazione fra il codice e il sottocodice, mentre la seconda evidenzia il rapporto con particolari attività umane speciali. I registri, invece, sono «le varietà del codice che dipendono dalla situazione e che si realizzano non aggiungendo qualcosa al codice, ma piuttosto scegliendo tra le diverse possibilità offerte dal codice stesso» 4. Mediante i registri è possibile scegliere tra diverse varianti di pronuncia o tra diverse possibilità morfologiche e sintattiche. 2 Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, pp Ivi, p Ivi, p

8 Nella società contemporanea il numero delle attività lavorative è sempre più esteso, fino a richiedere alte forme di specializzazione. Questo fenomeno sociale di grande ampiezza ha naturalmente coinvolto la lingua, all interno della quale si sono prodotti raggruppamenti di termini specialistici necessari per i diversi campi di attività umana 5. La caratteristica principale delle lingue speciali è quella di avere un lessico specialistico; in molte di esse, riferite agli ambiti della tecnica e della ricerca scientifica, il lessico specialistico si configura come una vera e propria nomenclatura, «cioè un insieme di termini ciascuno dei quali ha una definizione concettuale esplicita all interno di una tassonomia gerarchica. A sua volta la tassonomia è determinata da una classificazione scientifica (o tecnica) che dipende dalle strutture concettuali tipiche della disciplina.» 6 L elenco delle lingue speciali è aperto, e praticamente indelimitabile. II.1. Il problema di una denominazione corretta Le varietà della lingua utilizzate in settori specifici della vita umana sociale e professionale sono indicate, nei relativi studi di autori italiani, con denominazioni diverse e non sempre sinonime. Per esempio: «[...] linguaggi settoriali, fino a qualche anno fa denominazione di più largo uso, è iperonimo di ogni altro termine in Beccaria 1973a, dove designa una gamma ampia ed eterogenea di varietà non letterarie e non quotidiane dell italiano; è un iponimo in Berrutto 1987, Sobrero 1993c e Mengaldo 1994, ma in ognuna di queste opere si inserisce in un quadro di opposizioni diverse: Berrutto (1987: ) distingue tra lingue speciali in senso stretto e lingue speciali in senso lato e considera linguaggi settoriali sinonimo di lingue speciali in senso lato; Sobrero (1993c: 239) opera una distinzione concettualmente analoga a qualle di Berrutto 1987, ma oppone ai linguaggi settoriali le lingue specialistiche e considera lingue speciali termine sovraordinato ad entrambi; [...]» 7 5 Cfr. Polizzi, Gaspare. Della lingua italiana. Casa editrice D. D Anna, Messina, 1984, p Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p Cortelazzo, Michele A. Italiano d oggi. Esedra, 2000, pp Le opere a cui Cortelazzo rimanda sono: Beccaria, Gian Luigi. I linguaggi settoriali in Italia. Bompiani, Milano 1973; Berutto, Gaetano. Sociolinguistica dell italiano contemporaneo. La Nuova Italia Scientifica, Roma 1987; Sobrero, Alberto A. Lingue speciali. in: Sobrero, Alberto. Introduzione 8

9 Negli studi che si occupano del problema delle varietà della lingua, si usano moltissimi termini. Per esempio quelle che Berrutto chiama lingue speciali per altri sono linguaggi speciali, linguaggi specialistici, microlingue, linguaggi settoriali. Non è facile decidere quale denominazione adottare, perché ognuna ha qualche contraindicazione: linguaggi settoriali sembrano piuttosto vaghi; lingue/linguaggi specialistici si riferiscono elettivamente all uso di queste varietà solo tra specialisti, e dunque escludono altre circostanze d uso; microlingue comprendono limitazioni o semplificazioni rispetto alla lingua comune, che non si riscontrano nella realtà. 8 Per lingua speciale si intende una varietà funzionale della lingua naturale, dipendente da un settore di conoscenze o da una sfera di attività specialistici, utilizzata da un gruppo di parlanti più ristretto della totalità dei parlanti della lingua comune, per soddisfare i bisogni comunicativi di quel settore specialistico. La lingua speciale è costituita a livello lessicale da una serie di riferimenti aggiuntivi rispetto a quelle generali e comuni della lingua, e a quello morfosintattico da un insieme di selezioni, ricorrenti con regolarità, all interno dell inventario di forme disponibili nella lingua. 9 C è la necessità di distinguere tra due tipi di varietà di lingua, entrambe legate a settori particolari dell attività umana, ma diverse nella strutturazione interna. Partiamo da due considerazioni: 10 a) Le lingue specialistiche sono lingue speciali che riguardano discipline ad alto grado di specializzazione, sono veri e propri sottocodici con un lessico particolare (spesso sistemi di nomenclatura) ed eventualmente tratti morfosintattici e testuali caratteristici. b) Le lingue settoriali sono lingue speciali che partecipano ai settori o ambiti di lavoro non proprio scientifici specialistici, senza un lessico specialistico esteso, ma comunque legate ad aree particolari di impiego, e caratterizzate da determinate all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Laterza, Roma 1993; Mengaldo, Pier Vincenzo. Il Novecento. Il Mulino, Bologna Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p

10 scelte lessicali e da formule sintattiche e testuali ricorrenti, sono lingue speciali nel senso lato. La differenza fondamentale fra le lingue specialistiche e le lingue settoriali riguarda il lessico. Le lingue specialistiche hanno non solo un lessico peculiare e particolarmente esteso, ma anche regole di formazione di termini convenzionalmente stabilite e accettate. Le lingue settoriali non dispongono di un lessico specifico vero e proprio, o ne dispongono in misura piuttosto ridotta e, soprattutto, non dispongono di regole di formazione di termini rigorosamente definibili, ma attingono spesso alla lingua comune o ad altre lingue speciali, di cui importano parole, metafore ed espressioni. L ampiezza dei bisogni lessicali dei settori specialistici può essere molto vasta, al punto che il lessico di una lingua speciale può essere più esteso di quello della lingua comune che non compie tutte le denominazioni varie dei fatti speciali delle lingue specialistiche. Nel lessico di una lingua specialistica il rapporto «biunivoco» 11 fra significato e significante esclude in gran parte relazioni semantiche, la sinonimia e la polisemia, usate nella lingua comune. 12 Al livello sociolinguistico «la distanza dalla lingua comune è massima; spesso la distanziazione è volutamente cercata, soprattutto nel lessico, per evitare possibili fraintendimenti o l introduzione di indesirate associazioni con tratti di significato presenti in parole della lingua comune (questo spiega la predilezione per forestierismi, derivati o composti a base allogena, acronimi, eponimi, che riducono al minimo i rapporti semantici con il lessico comune)» 13. Le lingue settoriali riguardano in gran parte i mass media: la necessità di farsi capire da un gruppo molto ampio e indifferenziato, e numerosi contatti con la lingua comune mantengono il lessico quasi senza specializzazione. 11 Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p Cfr. ivi, pp Ivi, p

11 II.2. La stratificazione delle lingue speciali La stratificazione orizzontale rispecchia la varietà delle lingue speciali legate ai settori corrispondenti alle diverse specializzazioni, con diverse nomenclature, diversi lessici (lingua dell economia, lingua del diritto, lingua della medicina ecc.). La stratificazione verticale, dall altro canto, distingue tra i diversi livelli socio-pragmatici della lingua speciale. 14 Lo statuto sociolinguistico, cioè quello verticale, di una lingua specialistica è molto vario. La lingua si distribuisce su più livelli stilistici, disposti su una scala che va da un massimo a un minimo di tecnicità, e che si combina con una massima/minima corrispondenza con la lingua comune. La scelta di un registro risponde a esigenze extralinguistiche del contesto; in altri termini, tale scelta dipende in primo luogo dalla situazione, e in particolare da tre fattori della situazione: il destinatario, l argomento e lo scopo. Secondo i destinatari, lo scopo e l argomento si può individuare un numero di tipi del testo con altrettanti livelli della stratificazione verticale. Alcuni autori identificano i seguenti tipi di discorso, ai quali corrispondono altrettanti tipi di testo: 15 discorso scientifico specializzato (p.e. saggio di rivista scientifica) discorso di semivulgazione scientifica (p.e. gli articoli di medicina destinati ai medici e agli operatori sanitari) discorso semi-scientifico (tesi universitarie) discorso di divulgazione scientifica (p.e. rubriche su quotidiani e mensili, ad esempio il supplemento Salute di un giornale) discorso scientifico-pedagogico (i libri di testo delle scuole medie) discorso scientifico ufficiale (discorsi e interventi pubblici rivolti a politici, amministratori, ecc.) Nella presente tesi si prendono in considerazione solo due poli stilistici o due livelli elementari: quelli che si realizzano nella comunicazione diretta tra tecnici e quelli utilizzati nella divulgazione (che comprende anche la didattica). 14 Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p Cfr. ivi, p

12 L autore dovrebbe scrivere e costruire il suo testo a seconda dell utente o lettore. La citazione di A. A. Sobrero serve d esempio: «L articolo pubblicato su una rivista scientifica che ha lo scopo di dare informazioni altamente specialistiche e pochi addetti ai lavori è scritto in una lingua altamente formalizzata, fa uso di molti tecnicismi, e contando su un gran numero di conoscenze specialistiche condivise lascia nel sottinteso numerosi passaggi logici; un manuale universitario destinato a un pubblico molto largo, cha ha poche conoscenze specialistiche fa uso di un numero molto minore di tecnicismi, è più ricco di glosse, spiegazioni, illustrazioni, ed esplicita molti (o tutti) i passaggi logici; un foglietto di istruzioni potenzialmente destinato a tutti usa (o dovrebbe usare) pochissimi tecnicismi, molte spiegazioni, figure, ecc., con il grado più basso possibile di formalizzazione.» 16 La comunicazione diretta tra specialisti, cioè quella che si svolge al livello scientifico, è caratterizzata dal contatto linguistico diretto tra i parlanti. Le ampie conoscenze enciclopediche comuni permettono una grande economia verbale della comunicazione, anche se lo scopo della comunicazione è la massima specializzazione. Si incontrano quindi le caratteristiche generali della comunicazione informale con le caratteristiche specifiche, relative al lessico speciale: formulazioni linguistiche abbreviate, enunciazioni mistilingui e tratti originariamente affettivi oppure eufemistici. 17 La divulgazione si realizza nel contatto fra esperto e profano in forme parzialmente diverse, soprattutto attraverso i mass media e nella didattica. Nel livello divulgativo la lingua speciale perde alcune delle caratteristiche proprie e si avvicina alla lingua comune, o utilizza la lingua comune come metalingua. Nel lessico, per esempio, si sostituiscono i termini specialistici con parole del lessico generale o con perifrasi. Una parola tecnica viene accoppiata spesso con una glossa o una parafrasi in lingua comune, con la spiegazione di concetti tecnici per mezzo di metafore o analogie. Sul piano 16 Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, pp per esempio: letterina, domandina, firmetta Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp

13 sintattico-testuale si nota un uso più variegato delle forme verbali. I testi didattici, nei quali l allontanamento dalle lingue speciali non riguarda tanto il lessico, ma piuttosto il piano testuale presentano caratteristiche analoghe 18. Va sottolineato che la bipartizione illustrata è una semplificazione, mentre in realtà appaiono numerosissime situazioni testuali di confine. II.3. La storia delle lingue speciali Per le diverse lingue speciali si delineano anche storie diverse, ma alcuni elementi restano comuni: il rapporto col latino, come lingua della comunicazione specialistica, il rapporto con le nomenclature delle arti e dei mestieri (generalmente a base regionale), e la ricerca di «un serbatoio privilegiato» 19 capace di soddisfare tutti i bisogni lessicali, individuato di volta in volta nella lingua comune, nelle lingue regionali, nelle lingue straniere o in quelle classiche. Il più noto e il più emblematico caso è dato dalla costituzione della lingua della fisica sperimentale da parte di Galileo Galilei ( ). Per poter descrivere le sue esperienze scientifiche Galileo ebbe il bisogno di rinnovare radicalmente il linguaggio. Rifiutando la vecchia terminologia scolastico-aristotelica Galileo doveva rifiutare anche la sua lingua, il latino. Davanti a lui apparivano due strade diverse: o accogliere le terminologie tecniche in volgare elaborate dai technici, ma ricchissime di sinonimi e di varianti dialettali, o assumere termini della lingua comune, del volgare toscano dell epoca, e re-applicarli in sensi nuovi. «Maturata la scelta di rinunciare ad una lingua di comunicazione internazionale come il latino, troppo compromessa con la terminologia scolastico-aristotelica rispetto alla quale la concezione galileiana si poneva in antitesi, evita anche il pur consolidato lessico volgare delle arti meccaniche, inadatto sia ai contenuti (teorici 18 Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp Ibid. 13

14 e non pratici) che doveva esprimere, sia al pubblico colto cui doveva rivolgersi; [...]» 20 Galilei si orienta verso un livello medio-alto della lingua comune, dalla quale trae i termini il cui significato si avvicina di più a quello desiderato, rideterminandoli semanticamente ed eliminandone i sinonimi. È di Galileo l imposizione di nuovi significati a parole come forza, azione, reazione, funzione, ecc. 21 «Nel campo della lingua economica è il Settecento a costituire una svolta: si sostituisce o ridetermina la vecchia terminologia mercantile e si costruiscono le basi della lingua economica (in particolare dell economia politica), [...]» 22 Nel Settecento nasce il vocabolario scientifico europeo, si creano nuovi vocaboli, si eliminano denominazioni ambigue e sinonimie inutili. Con la seconda metà dell Ottocento si stabilizza un lessico scientifico italiano, le cui caratteristiche si riconoscono ancora oggi nei lessici contemporanei. Il procedimento scelto da Galilei, cioè scegliere le parole dalla lingua comune arricchendoli con i significati nuovi e più tecnici, va utilizzato spesso anche nel settore tecnico automobilistico e motociclistico di oggi. Il corpo umano serve frequentemente da ispirazione nell introduzione di certe parole tecniche, come per esempio l ossatura dell autotelaio, la testata del motore (da testa), ecc. Anche altre parole, che assumono un significato traslato, non hanno originariamente nessuna sfumatura di tecnicismo, come per esempio il freno a disco, il freno a tamburo, la camera d aria, ecc. 20 Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, pp Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, p Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p

15 III. Le caratteristiche delle lingue speciali III.1. Il lessico In generale è possibile dire che la lingua speciale si afferma e diventa stabile in seguito al verificarsi di tre fattori: la propria identificazione concettuale, l organizazzione nozionale e il volume di comunicazione prodotta 23. Nelle lingue speciali, più esattamente nelle lingue specialistiche, le particolarità lessicali sono certamente prevalenti. Tuttavia vi sono anche altre particolarità: aspetti specifici nella morfologia, nella sintassi, nella semantica e nell organizzazione testuale e pragmatica. I caratteri specifici si manifestano nei procedimenti di nominalizzazione, nella sintassi del verbo, negli aspetti delle modalità, nella struttura della frase, ecc. 24 Le lingue speciali formate da termini propri si differenziano profondamente dalla lingua comune. L esigenza della massima individuazione prevale sul principio del minimo sforzo 25. Il problema centrale di ogni lingua speciale è la denominazione in modo inequivoco di concetti, oggetti e attività che non fanno parte della lingua comune quotidiana. Per formare il vocabolario nuovo si possono seguire quattro vie principali: 26 a) Si può ricorrere ai prestiti linguistici, cioè termini di una lingua straniera nella loro forma originaria, o calchi, cioè traduzioni letterali. Le lingue contemporaneamente più utilizzate sono l inglese, il latino e il greco. 23 Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, p Cfr. ibid. 25 Principio di economia linguistica è una delle teorie del strutturalista André Martinet. Secondo tale teoria, l'essere umano è spinto a minimizzare il sistema del linguaggio, ad ottenere quindi un «miglior risultato funzionale» con il «minore sforzo possibile». Martinet spiega che i cambiamenti linguistici nel tempo avvengono attraverso il processo di ottimizzazione della lingua, per opera del parlante. (preso da articolo Lo stutturalismo di Alissa Peron e 26 Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, pp Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, pp Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, pp

16 b) Si formano neologismi, con i procedimenti standard. Il più diffuso consiste nell aggiunta di serie di affissi, ai quali è convenzionalmente attribuito un certo significato. Una parte dei derivati appartenenti alle lingue speciali utilizza morfemi derivativi della lingua comune, però «ancor più significativi sono quei derivati che utilizzano suffissi o prefissi esclusivi delle lingue speciali [...] o affissi che, pur omofoni di prefissi o suffissi della lingua comune (e spesso derivati da essi), acquistano, con l inserimento in un sistema derivativo rigidamente normato, un valore semantico diverso e rigorosamente determinato» 29 c) Si utilizzano termini che esistono già nella lingua comune, attribuendo loro un significato diverso, di solito più specializzato. Per esempio la parola base è passata dalla lingua comune alla lingua della chimica organica. «Dal momento in cui una lingua speciale usa una parola della lingua comune, la parola nell uso scientifico taglia i ponti con tutti i suoi possibili valori evocativi, allusivi, ecc. e viene ridefinita.» 30 Al tempo stesso osserviamo che vocabolari tecnici già costituiti forniscono termini ed espressioni a vocabolari di nuova formazione. Con gli stessi vocaboli si esprimono diversi significati realizzando la economia di segni, che è una delle leggi fondamentali del linguaggio umano. 31 d) Si formano sigle e acronimi che sono utilizzate come parole semantiche. Per esempio TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) e LASER (Light Amplification by Simulated Emission od Radiation) o acronimi come per esempio eliporto (eli-cottero + aero-porto) hanno un significato pieno. 27 Ad esempio nella lingua medica la nomenclatura relativa alle malattie si serve spesso dei sequenti suffissi di origine greca: Suffisso Nome della malattia ite = infiammazione acuta Artritide, dermatide, nevrite osi = affezione cronica Artrosi, dermatosi, cirrosi 28 Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, p Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p Cfr. Dardano, Maurizio. Manualetto di linguistica italiana, seconda edizione. Zanichelli, 1998, p

17 La formazione dei termini speciali ed i loro cambiamenti non sono dei fenomeni occasionali. «Il campo terminologico mostra un incessante processo di revisione, modifica e, si deve credere, ottimizzazione. In nessun altro settore della lingua è forse possibile esaminare, in una diacronia di brevissimo periodo, il tentativo (continuo) di ristrutturazione di un sotto-sistema della lingua, per rendere il sottosistema sempre più efficace.» 32 Termine e concetto sono legati dal rapporto di monoreferenzialità. 33 L assenza o lo scarso uso dei sinonimi causa l uso ripetuto dello stesso termine. Infatti nella lingua specialistica non c è la preoccupazione di evitare le ripetizioni che si ha nella lingua comune. 34 III.2. La morfosintassi Al livello morfosintattico le lingue speciali non sono caratterizzate da fenomeni specifici, ma prevalentemente dalla particolare frequenza di certi fenomeni, che esistono anche nella lingua comune: «Il tratto sintattico più rilevante delle lingue speciali, e in particolar modo delle lingue tecnicoscientifiche, è il depotenziamento del ruolo del verbo e il corrispondente potenziamento del ruolo del nome.» 35 I fatti si possono sintetizzare nella seguente maniera: 36 a) Il processo di nominalizzazione è il processo più diffusso, che consiste nella trasformazione di un sintagma verbale in un sintagma nominale, spesso con nomina actionis che stanno al posto di frasi verbali Cortelazzo, Michele A. Italiano d oggi. Esedra, 2000, p Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p. 246: «Monoreferenzialità è sinonimo di univocità semantica, secondo la quale a un dato termine corrisponde un unico significato. Tra il termine e il concetto si stabilisce, infatti, un accordo di definizione fisso tale per cui il termine non può essere sostituito convenientemente da un sinonimo ma solo da una sua definizione o perifrasi. In questo senso, ogni termine è rappresentativo di un concetto e in quanto tale riassume in modo efficace il valore semantico che gli è stato attribuito nel processo definitorio che l ha generato.» 34 Cfr. ibid. 35 Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, pp Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p

18 b) La perdita di importanza del verbo si dimostra nella riduzione dei tempi, modi, persone verbali, con schiacciante prevalenza della terza persona dell indicativo presente; si usano forme nominali del verbo (participio presente e passato) e copule verbali, con la funzione di collegare sintagmi nominali, composti per esempio da verbi: essere, diventare, esistere, significare, rappresentare, dipendere, ecc. c) La totale abolizione di ogni forma verbale è il punto estremo del processo. Succede spesso nella lingua della medicina. d) L uso ridotto delle preposizioni subordinate è utilizzato soprattutto quando è possibile accoppiare due sostantivi unendoli con un trattino: dispositivo input-output. e) L uso del passivo e della forme impersonali e frequente riferimento a se stesso in terza persona sono processi che rispondono alle esigenze di spersonalizzazione del discorso scientifico. Le caratteristiche corrispondono alle due esigenze di molte lingue speciali: la deagentivizzazione e la condensazione del testo. L aspetto semantico, la deagentivizzazione, è legato all orientamento delle lingue speciali sugli oggetti, sugli eventi, sui processi, soprattutto nella loro astrattezza e atemporalità, e non sull agente. L aspetto sintattico, la condensazione, si realizza attraverso l uso di frasi implicite e attraverso la nominalizzazione, ed è l espressione della economia della lingua. 38 III.3. L organizzazione testuale «Il piano testuale pare essere, dopo quello lessicale, il livello che più differenzia le lingue speciali sia tra di loro, sia nei confronti della lingua comune, sia anche nei confronti delle lingue speciali straniere.» 39 Le qualità fondamentali obbligatorie per 38 Cfr. ivi, p Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p

19 tutte le lingue speciali sono: chiarezza, assenza di contraddizioni e coerenza. La struttura dei testi scientifici è in realtà molto rigida. 40 Per gli aspetti fondamentali della coerenza e della coesione testuale sono tipiche due caratteristiche: la referenza anaforica e i connettivi. La referenza anaforica si realizza come un rinvio interno ad un preciso punto del testo, per esempio p. x, come si vedrà al capitolo, detta ipotesi, ecc. I connettivi scandiscono gli snodi del ragionamento, ad esempio se... allora, quindi, ecc. 41 Nei testi pubblicitari, però, tali aspetti appaiono raramente perché i testi sono troppo corti. III.4. Lingue speciali contro lingua comune Il contatto tra la lingua comune e le lingue speciali esiste in due direzioni. Fino ad adesso si sono trattati i fenomeni che le lingue speciali prendono o duplicano dalla lingua comune. Dall altra parte l influsso delle lingue speciali sulla lingua comune si dimostra per esempio al livello lessicale. A favorire tale influsso sono i mezzi di comunicazione di massa, in primo luogo il giornale e la televisione, vero e proprio canale di trasferimento di parole tecniche nel lessico comune. Durante il trasferimento della parola «speciale» al sistema del lessico comune, il proprio significato può essere mantenuto oppure cambiato nel senso metaforico. Ma anche quando la parola mantiene il proprio significato originale, nel sistema della lingua comune perde la specificità (perde i contatti con le altre parole speciali, con le quali era legata da rapporti semantici) e acquista l espressività (la provenienza da un lessico specialistico le dà una connotazione che la differenzia dalle altre parole del lessico della lingua comune). 42 Impiegando le parole delle lingue speciali si rischia il loro uso sbagliato oppure l incomprensione dalla parte dei lettori. La ridondanza dei termini tecnici appartiene tra gli esempi sbagliati frequenti: ho fatto l elettrocardiogramma al cuore. Tali casi mostrano quanto grande sia il prestigio delle lingue speciali, anche presso parlanti che 40 Cfr. Sobrero, Alberto A. Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi. Editori Laterza, 1993, p Cfr. ivi, p Cfr. Holtus, Günter; Metzeltin, Michael; Schmitt, Christian. Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band/Volume IV. Tübingen 1988, p

20 non sono capaci di distinguere i significati esatti. Il prestigio legato alle lingue speciali consente agli pseudospecialisti e ai mass media di adornare messaggi di contenuto anche banale con termini tecnici per colpire il ricevente Cfr. ivi, pp

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

Riflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon

Riflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon iflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon SITUAZIONI COMUNICATIV D LMNTI DLLA COMUNICAZION Le varie forme della comunicazione Molte persone identificano

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006

UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006 UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006 MODULO PROFESSIONALIZZANTE: L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 PER SCOPI ACCADEMICI E PROFESSIONALI

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici 1. Comunicare oralmente:comprensione e produzione Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

INDICAZIONI I CICLO. Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua

INDICAZIONI I CICLO. Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua INDICAZIONI I CICLO Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua Ogni persona, fin dall infanzia, possiede una grammatica implicita, che le permette di formulare frasi ben formate

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 1

Risposte alle domande del Capitolo 1 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) Risposte alle domande del Capitolo 1 1.1. In che senso la lingua è oggetto formale della linguistica?

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO

QUADRO DI RIFERIMENTO Valutazione 2005 Prove di Italiano QUADRO DI RIFERIMENTO Quadro legislativo La costruzione delle prove di verifica degli apprendimenti di italiano si situa in linea di continuità con gli obiettivi strategici

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 1) Conoscenze e abilità da conseguire L obiettivo di questo corso è di portare gli studenti al livello A2 o soglia, così definito dal Quadro comune Europeo

Dettagli

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO Annunziata Gemma PREMESSA La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva CATALOGO FCI 2009 Scheda descrittiva percorso formativo Sezione 1 - Scheda Introduttiva Parte 1.1 Identificativo del corso (Dati Libra) Denominazione del corso Codice: 19821 Denominazione: LINGUA INGLESE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI CORSI INDIVIDUALI L'Istituto propone corsi totalmente personalizzati in base alle diverse capacità di apprendimento e al differente livello di partenza di ognuno. Siamo noi a seguire il vostro ritmo di

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Riflessione linguistica

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e

Dettagli

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS tcworld Roadshow 2009 Managing multilingual contents Milano, 19 giugno 2009 La documentazione tecnica: scopi Per l utente Trasferire le conoscenze Istruire

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

INDICE (clicca per aprire le pagine)

INDICE (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE (clicca per aprire le pagine)... 4 ITALIANO CLASSE I... 4 ITALIANO CLASSE II... 6 ITALIANO CLASSE III... 8 ITALIANO CLASSE IV...

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 325 ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 326 2 Modulo Operativo Le abilità linguistiche: parlare modulare Acquisire la capacità di comunicare oralmente il proprio

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA COMPRENSIONE ORALE PRODUZIONE ORALE COMPRENSIONE SCRITTA PRODUZIONE SCRITTA CONOSCENZA DELLE STRUTTURE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il solo apprendimento che influenza veramente il comportamento di un individuo è quello che lui stesso scopre e di cui si appropria.

Il solo apprendimento che influenza veramente il comportamento di un individuo è quello che lui stesso scopre e di cui si appropria. Imparare a leggere leggendo, imparare a scrivere scrivendo Il solo apprendimento che influenza veramente il comportamento di un individuo è quello che lui stesso scopre e di cui si appropria. Rogers, C.,

Dettagli

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE Ferrara, 14 aprile 2014 FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE LA SEMPLIFICAZIONE DEL PARLATO di Tania Pasqualini «Ogni lingua dice il mondo a modo suo» Rudolf Steiner LA SEMPLIFICAZIONE L insegnante, da un lato,

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

La grammatica del CHE e delle frasi relative

La grammatica del CHE e delle frasi relative La grammatica del CHE e delle frasi relative Valente R.: a.s. 1999-2000, la frase interrogativa diretta ed indiretta in inglese, II Liceo Scientifico. Penello N.: a.s. 2000-2001, esperienza dedicata alle

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari Secondo biennio e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola Pagina1 Progettare una unità didattica per la LIM Autore: Tania Iommi Descrizione della situazione di partenza Descrizione del contesto Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una

Dettagli

MASARYKOVA UNIVERZITA

MASARYKOVA UNIVERZITA MASARYKOVA UNIVERZITA Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Lucie Reiglová Le specificità dell uso della punteggiatura nella lingua dei giornali Vedoucí diplomové

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE

PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE Le prove vanno DIFFERENZIATE a seconda del TIPO DI CONOSCENZA o di PROCESSO che si vuole VERIFICARE. ATTENZIONE: la prova deve mirare l obiettivo! Nelle prove di comprensione

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino PRATICHE DI SCRITTURA nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino 26 aprile 2012 Perché una didattica della scrittura Si impara a scrivere imparando a pensare e si impara a pensare

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi)

CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi) ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI Docente: Michele Lalla Versione 1.0. (Se si stampa, stampare almeno 4 pagine per foglio) A.A. 2009/2010-2010/2011 CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI

Dettagli

Guida rapida all acquisto di traduzioni Con centinaia di agenzie di traduzione e migliaia di traduttori freelance presenti sul territorio nazionale, non è facile orientarsi nel mercato delle traduzioni,

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO INDICE

CURRICOLO DI ISTITUTO INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Scuola Media Statale Consortile E. Galvaligi Via Per Carnago, 16 21048 Solbiate Arno (VA) C.F. 80015980123 Cod. Meccanografico

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Verifica e valutazione delle competenze linguistico-comunicative

Verifica e valutazione delle competenze linguistico-comunicative INGLESE Premessa L obiettivo prioritario dell insegnamento delle lingue è lo sviluppo di competenze comunicative che consentano agli studenti di interagire in modo appropriato a seconda dell interlocutore

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA

L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA Dott.ssa Elisa Damian, logopedista Progetto: Comincio bene la scuola, a.s. 2013-2014 il linguaggio verbale competenza innata emerge

Dettagli

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 Dott.ssa Anna Altarriba Dott.ssa Susana Benavente Dott.ssa Margarita Checa Dott.ssa Mª Beatriz

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA WEISSE ROSE CAVALESE ANNO SCOLASTICO 2012 2013

ISTITUTO D ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA WEISSE ROSE CAVALESE ANNO SCOLASTICO 2012 2013 ISTITUTO LA ROSA BIANCA DI CAVALESE PIANO DI STUDIO PER L AREA DI APPRENDIMENTO: ITALIANO COMPETENZE AL TERMINE DEL V BIENNIO DELLA SCUOLA DELL OBBLIGO Proposta elaborata dal Dipartimento di Lettere nei

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri 1 Livello 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE l A) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa S.I.S. Piemonte Scrittura creativa Specializzata: Olga Cotronei Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2005-2006 Contesto In questo lavoro vengono proposte quattro attività di scrittura creativa,

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO GIORNATA DI FORMAZIONE SULL INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L2 PER MIGRANTI ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO Bolzano, sabato 17 novembre 2012 - L. Di Lucca Riflettete secondo

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 Comprensione della lingua orale DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 - Comprende brevi messaggi contenenti lunghe pause che gli permettono di coglierne il senso. - Comprende

Dettagli