METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)"

Transcript

1 METTERSI IN PROPRIO

2 METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola)

3 L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA LE ATTIVITA COMMERCIALI. OGGI: LE ATTIVITA COMMERCIALI SONO REGOLATE IN PARTE DAL CODICE CIVILE, IN PARTE DAL CODICE DELLA NAVIGAZIONE E IN PARTE DA LEGGI SPECIALI (QUALI QUELLE SUL FALLIMENTO E SULLA CAMBIALE).

4 L. 2 DIRITTO CIVILE E DIRITTO COMMERCIALE DIRITTO CIVILE: DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA PRIVATI. DIRITTO COMMERCIALE: RIGUARDA LE IMPRESE COMMERCIALI INDIVIDUALI, LE SOCIETA E I CONSORZI (ARTT. 2082, 2083, 2135, 2195, 2200, 2201, 2612 DEL C.C.). E IL DIRITTO DELLE IMPRESE COMMERCIALI, DEI TITOLI DI CREDITO E DELLE PROCEDURE CONCORSUALI (QUESTE ULTIME DISCIPLINATE ANCHE DAL CODICE DI PROCEDURA).

5 L. 3 IMPRENDITORE O LAVORATORE AUTONOMO? (Art C.C.): E IMPRENDITORE CHI ESERCITA PROFESSIONALMENTE UN ATTIVITA ECONOMICA ORGANIZZATA AL FINE DELLA PRODUZIONE O DELLO SCAMBIO DI BENI O SERVIZI. GLI ELEMENTI QUALIFICANTI: - PROFESSIONALMENTE - ATTIVITA ECONOMICA - ATTIVITA ORGANIZZATA

6 L. 4 IMPRENDITORE : GLI ELEMENTI QUALIFICANTI PROFESSIONALMENTE : ATTIVITA SVOLTA IN MODO STABILE E NON OCCASIONALE ATTIVITA ECONOMICA : COMMERCIALE (ART C.C.) O AGRICOLA (ART C.C.) ATTIVITA ORGANIZZATA : SVOLTA MEDIANTE ORGANIZZAZIONE DI LAVORO E CAPITALE PROPRIO E ALTRUI (IMPRENDITORE COME COORDINATORE)

7 L. 5 IL PICCOLO IMPRENDITORE ART C.C.: SONO PICCOLI IMPRENDITORI I COLTIVATORI DIRETTI, GLI ARTIGIANI, I PICCOLI COMMERCIANTI E COLORO CHE ESERCITANO PROFESSIONALMENTE UN ATTIVITA ECONOMICA ORGANIZZATA PREVALENTEMENTE CON IL LAVORO PROPRIO E DEI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA. N.B.: IL PICCOLO IMPRENDITORE NON E SOGGETTO AL FALLIMENTO (A DIFFERENZA DELL IMPRENDITORE).

8 L. 6 L IMPRENDITORE ARTIGIANO L. 8/8/85 N. 443: NORME PER LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLE IMPRESE ARTIGIANE (VEDERE ANCHE L. 20/5/97 n. 133 e L. 5/3/2001 N. 57) ART. 2: E IMPRENDITORE ARTIGIANO COLUI CHE ESERCITA PERSONALMENTE, PROFESSIONALMENTE E IN QUALITA DI TITOLARE, L IMPRESA ARTIGIANA SVOLGENDO IN MODO PREVALENTE IL PROPRIO LAVORO, ANCHE MANUALE, NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

9 L. 7 L IMPRESA ARTIGIANA ART. 3 L. 8/8/85 n. 443 : E ARTIGIANA L IMPRESA CHE, ESERCITATA DALL IMPRENDITORE ARTIGIANO NEI LIMITI DIMENSIONALI DI CUI ALLA PRESENTE LEGGE, SVOLGE UN ATTIVITA AVENTE AD OGGETTO LA PRODUZIONE DI BENI ANCHE SEMILAVORATI, LA PRESTAZIONE DI SERVIZI, ESCLUSE LE ATTIVITA AGRICOLE E LE ATTIVITA DI PRESTAZIONE DI SERVIZI COMMERCIALI, DI INTERMEDIAZIONE NELLA CIRCOLAZIONE DEI BENI, SALVO IL CASO CHE SIANO SOLAMENTE STRUMENTALI ALL ESERCIZIO DELL IMPRESA (ES. IL PANIFICATORE ARTIGIANO CHE VENDE I SUOI PRODOTTI AL PUBBLICO).

10 L. 8 ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE (L. 8/8/85 n. 443) ART. 5: E ISTITUITO L ALBO PROVINCIALE DELLE IMPRESE ARTIGIANE, AL QUALE SONO TENUTE AD ISCRIVERSI TUTTE LE IMPRESE AVENTI I REQUISITI L ISCRIZIONE ALL ALBO E COSTITUTIVA E CONDIZIONE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE (ES. LEGGI DI AGEVOLAZIONE CREDITIZIA)

11 L. 9 IMPRENDITORE COMMERCIALE E IMPRENDITORE AGRICOLO IN BASE ALL ATTIVITA SVOLTA SI DISTINGUE TRA: IMPRENDITORE COMMERCIALE IMPRENDITORE AGRICOLO (ART C.C.)

12 L. 10 IMPRENDITORE COMMERCIALE IMPRENDITORE COMMERCIALE: OGNI IMPRENDITORE CHE SVOLGA ATTIVITA NON AGRICOLA, CIOE CHE SVOLGA UNA DELLE SEGUENTI ATTIVITA, DEFINITE COME COMMERCIALI (ART C.C.): INDUSTRIALE DIRETTA ALLA PRODUZIONE DI BENI O DI SERVIZI INTERMEDIARIA NELLA CIRCOLAZIONE DEI BENI DI TRASPORTO PER TERRA, ACQUA O ARIA BANCARIA O ASSICURATIVA ALTRE ATTIVITA AUSILIARIE DELLE PRECEDENTI.

13 L. 11 IMPRENDITORE AGRICOLO ART C.C.: E IMPRENDITORE AGRICOLO CHI ESERCITA UNA DELLE SEGUENTI ATTIVITA : COLTIVAZIONE DEL FONDO, SELVICOLTURA, ALLEVAMENTO DI ANIMALI E ATTIVITA CONNESSE, ATTIVITA CHE UTILIZZANO O POSSONO UTILIZZARE IL FONDO, IL BOSCO O LE ACQUE DOLCI, SALMASTRE O MARINE. ART C.C.: LE IMPRESE AGRICOLE NON HANNO OBBLIGO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO IMPRESE, A MENO CHE SI TRATTI DI SOCIETA O SOCIETA COOPERATIVA.

14 L. 12 REGISTRO DELLE IMPRESE ART C.C.: E ISTITUITO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PER LE ISCRIZIONI PREVISTE DALLA LEGGE. IL REGISTRO E TENUTO DALL UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE SOTTO LA VIGILANZA DI UN GIUDICE DELEGATO DAL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE. IL REGISTRO E PUBBLICO.

15 L. 13 OBBLIGO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE ART C.C.: SONO SOGGETTI ALL OBBLIGO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI IMPRENDITORI CHE ESERCITANO: UN ATTIVITA INDUSTRIALE DIRETTA ALLA PRODUZIONE DI BENI O DI SERVIZI UN ATTIVITA INTERMEDIARIA NELLA CIRCOLAZIONE DEI BENI UN ATTIVITA DI TRASPORTO PER TERRA, ACQUA O ARIA UN ATTIVITA BANCARIA O ASSICURATIVA ALTRE ATTIVITA AUSILIARIE DELLE PRECEDENTI.

16 L. 14 IL LAVORO AUTONOMO SI CONFIGURA COME CONTRATTO D OPERA (ART C.C.) SI PUO ESERCITARE SECONDO DUE MODALITA: - ATTIVITA OCCASIONALE (SENZA PARTITA IVA E SENZA I CORRISPONDENTI OBBLIGHI) - PROFESSIONISTA ABITUALE (CON PARTITA IVA, CON O SENZA ALBO PROFESSIONALE).

17 L. 15 IL PROFESSIONISTA AL DI FUORI DELL IPOTESI DEL LAVORO SVOLTO COME PROFESSIONE OCCASIONALE, SI CONFIGURA LA FATTISPECIE DEL C.D. LIBERO PROFESSIONISTA ABITUALE ALCUNE LIBERE PROFESSIONI SONO ESERCITABILI SOLO PREVIA ISCRIZIONE AD APPOSITO ALBO PROFESSIONALE DI CATEGORIA (ART C.C.)

18 L. 16 I REGIMI CONTABILI DEI PROFESSIONISTI AI FINI FISCALI ESITONO 3 REGIMI CONTABILI: REGIME CONTABILE ORDINARIO REGIME CONTABILE SEMPLIFICATO (E IL REGIME NORMALE DEI PROFESSIONISTI ABITUALI) REGIME CONTABILE (E FISCALE) AGEVOLATO DEI CONTRIBUENTI MINIMI (L. 24/12/2007 n 244, detta FINANZIARIA PER IL 2008 modificata con DL n 98/2011 conv. in L. 111 del 15/7/2011)

19 L. 17 LE FORME GIURIDICHE DI IMPRESA DISCIPLINATE DAL CODICE CIVILE SONO LE SEGUENTI: - IMPRESA INDIVIDUALE (ARTT ss. C.C.) - IMPRESA FAMILIARE (ART. 230-bis C.C.) - SOCIETA DI PERSONE (ARTT C.C.) - SOCIETA DI CAPITALE (ARTT ss. C.C.)

20 L. 18 GLI ELEMENTI RILEVANTI PER LA SCELTA DELLA FORMA GIURIDICA I PRINCIPALI SONO: - GLI ONERI DA SOSTENERE PER LA COSTITUZIONE - I COSTI DA SOSTENERE PER LA GESTIONE AMMINISTRATIVA ANNUALE - IL REGIME DI RESPONSABILITA CIVILE - IL REGIME FISCALE (IMPOSTE SUI REDDITI) - IL TIPO DI RAPPORTO ESISTENTE TRA I SOCI FONDATORI - LE DIMENSIONI AL MOMENTO DELLA COSTITUZIONE E QUELLE FUTURE PREVEDIBILI

21 L. 19 L IMPRESA INDIVIDUALE FORMALITA INIZIALI: ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE (EVENTUALMENTE ALBO ARTIGIANI). APERTURA POSIZIONI INPS E INAIL. ISTITUZIONE LIBRI CONTABILI OBBLIGATORI. OBBLIGATORIO RICHIEDERE IL NUMERO DI PARTITA IVA DENOMINAZIONE: DEVE CONTENERE IL NOME DEL TITOLARE RESPONSABILITA CIVILE: L IMPRENDITORE RISPONDE DEI DEBITI DELL IMPRESA ANCHE CON IL PROPRIO PATRIMONIO PERSONALE FALLIMENTO: L IMPRENDITORE VI E SOGGETTO. IMPOSTE SUI REDDITI: IRPEF E IRAP. OBBLIGO DI VERSARE I CONTRIBUTI INPS

22 L. 20 L IMPRESA FAMILIARE ART. 230-bis: FAMILIARI CHE PRESTANO ATTIVITA DI LAVORO NELL IMPRESA FAMILIARE IN MODO CONTINUATIVO E PREVALENTE. POSSONO FARNE PARTE I FAMILIARI: ENTRO IL 3 GRADO SE PARENTI ED ENTRO IL 2 GRADO SE AFFINI. ART. 5 TUIR: IL TITOLARE DEVE ATTRIBUIRSI ALMENO IL 51% DEL REDDITO D IMPRESA. E RICHIESTA LA STIPULA DI ATTO NOTARILE O SCRITTURA PRIVATA AUTENTICATA DA CUI RISULTINO L ESISTENZA DELL IMPRESA E L ELENCO DEI PARTECIPANTI CON INDICAZIONE DEL GRADO DI PARENTELA O AFFINITA. LE EVENTUALI PERDITE SONO DI PERTINENZA DEL SOLO TITOLARE. CONTRIBUTI INPS OBBLIGATORI PER TUTTI I MEMBRI DELL IMPRESA IMPOSTE DIRETTE: IRPEF E IRAP.

23 L. 21 LE SOCIETA ART. 2247: CON IL CONTRATTO DI SOCIETA DUE O PIU PERSONE CONFERISCONO BENI O SERVIZI PER L ESERCIZIO IN COMUNE DI UN ATTIVITA ECONOMICA ALLO SCOPO DI DIVIDERNE GLI UTILI. SE SI TRATTA DI ATTIVITA NON COMMERCIALE, PUO ESSERE SCELTA LA SOCIETA SEMPLICE. ALTRIMENTI, OCCORRE SCEGLIERE UNA DELLE ALTRE FORME PREVISTE DAL CODICE CIVILE.

24 L. 22 SOCIETA DI PERSONE E SOCIETA DI CAPITALI SONO SOCIETA DI PERSONE LE SS, LE SNC E LE SAS. I SOCI RISPONDONO ILLIMITATAMENTE E SOLIDALMENTE DELLE OBBLIGAZIONI SOCIALI E IN CASO DI FALLIMENTO DELLA SOCIETA FALLISCONO ANCH ESSI (TRANNE GLI ACCOMANDANTI DELLA SAS). SONO SOCIETA DI CAPITALE LE SRL, LE SPA E LE SAPA. IN GENERE, I SOCI RISPONDONO DELLE OBBLIGAZIONI SOCIALI NEI LIMITI DELLA QUOTA CONFERITA. IL FALLIMENTO DELLA SOCIETA NON COMPORTA IL FALLIMENTO DEI SOCI (TRANNE PER GLI ACCOMANDATARI DELLA SAPA).

25 L. 23 LE SOCIETA DI PERSONE LE TIPOLOGIE DISCIPLINATE DAL CODICE CIVILE SONO LE SEGUENTI: - SOCIETA SEMPLICE - SOCIETA IN NOME COLLETTIVO - SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE

26 L. 24 LA SOCIETA SEMPLICE (SS) ART C.C.: LE SOCIETA CHE HANNO PER OGGETTO L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA COMMERCIALE DEVONO COSTITUIRSI SECONDO UNO DEI TIPI (ndr.: TUTTI I TIPI, ECCETTO LA SS). LE SOCIETA CHE HANNO PER OGGETTO UN ATTIVITA DIVERSA, SONO REGOLATE DALLE DISPOSIZIONI SULLA SS. DUNQUE, LA SS PUO SVOLGERE SOLO ATTIVITA AGRICOLA, PROFESSIONALE IN FORMA ASSOCIATA, DI GESTIONE DI PATRIMONI IMMOBILIARI.

27 L. 25 LA SOCIETA IN NOME COLLETTIVO E LA FORMA DI GRAN LUNGA PIU DIFFUSA DI SOCIETA DI PERSONE. ART C.C.: TUTTI I SOCI RISPONDONO SOLIDALMENTE E ILLIMITATAMENTE PER LE OBBLIGAZIONI SOCIALI. IL FALLIMENTO DELLA SOCIETA PRODUCE IL FALLIMENTO DEI SOCI. ART C.C.: LA SNC AGISCE SOTTO UNA RAGIONE SOCIALE COSTITUITA DAL NOME DI UNO O PIU SOCI. ART C.C.. ATTO COSTITUTIVO: ATTO PUBBLICO O SCRITTURA PRIVATA AUTENTICATA, DA DEPOSITARE PER L ISCRIZIONE (OBBLIGATORIA) ALL UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE.

28 L. 26 LA SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE ART C.C.: SOCI ACCOMANDATARI E SOCI ACCOMANDANTI. DELLE OBBLIGAZIONI SOCIALI RISPONDONO GLI ACCOMANDATARI (RESPONSABILITA ILLIMITATA E SOLIDALE) ART C.C.: RAGIONE SOCIALE COSTITUITA DAL NOME DI ALMENO UNO DEI SOCI ACCOMANDATARI ART C.C.: L ATTO COSTITUTIVO DEVE INDICARE I NOMI DEI SOCI ACCOMANDANTI E DEI SOCI ACCOMANDATARI, SPECIFICANDONE LA QUALIFICA ART C.C.: OBBLIGO DI REGISTRAZIONE NEL REGISTRO IMPRESE. PER LE OBBLIGAZIONI SOCIALI I SOCI ACCOMANDANTI RISPONDONO LIMITATAMENTE ALLA LORO QUOTA, SALVO CHE ABBIANO PARTECIPATO ALLA GESTIONE DELL IMPRESA ART C.C.: L AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETA PUO ESSERE CONFERITA SOLO AI SOCI ACCOMANDATARI

29 L. 27 REGIMI CONTABILI DELLE IMPRESE INDIVIDUALI E DELLE SOCIETA DI PERSONE POSSONO ADOTTARE IL REGIME DELLA CONTABILITA SEMPLIFICATA (ADEMPIMENTI LIMITATI E PERTANTO COSTI INFERIORI A QUELLI DELLA CONTABILITA ORDINARIA) QUALORA PERO TALI IMPRESE SUPERINO DETERMINATI LIVELLI DI FATTURATO ANNUO, DEBBONO ADOTTARE ANCHE LA CONTABILITA ORDINARIA (CHE PERTANTO NON SOSTITUISCE LA SEMPLIFICATA, MA SI AGGIUNGE ALLA STESSA) IMPOSTE SUI REDDITI: IRAP (DOVUTA DALLA SOCIETA ) E IRPEF (DOVUTA DAI SINGOLI SOCI)

30 L. 28 I REGIMI CONTABILI (SEGUE DA L. 27) I limiti di fatturato (superati i quali occorre dotarsi anche della contabilita ordinaria) sono: se esercitano attività di prestazione di servizi (come definite dal D.M. 17/1/1992) se svolgono altre attività (ad es. artigianato ecc.). Le imprese individuali possono, se in possesso dei requisiti necessari (L. 24/12/2007 n 244, detta Finanziaria per il 2008 modificata con DL n 98/2011 conv. in L. 111 del 15/7/2011) avvalersi del regime contabile e fiscale agevolato dei contribuenti minimi.

31 L. 29 LE SOCIETA DI CAPITALI O PERSONE GIURIDICHE LE TIPOLOGIE DISCIPLINATE DAL CODICE CIVILE SONO LE SEGUENTI: - LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA (ANCHE UNINOMINALE o UNIPERSONALE e ANCHE SEMPLIFICATA o A CAPITALE RIDOTTO) - LA SOCIETA PER AZIONI (ANCHE UNIPERSONALE) - LA SOCIETA IN ACCOMANDITA PER AZIONI

32 L. 30 LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA (S.R.L.) SI COSTITUISCE PER ATTO PUBBLICO, CON UN CAPITALE SOCIALE DI ALMENO SALVO DIVERSA DISPOSIZIONE DELL ATTO COSTITUTIVO, L AMMINISTRAZIONE E AFFIDATA AD UNO O PIU SOCI LE PARTECIPAZIONI DEI SOCI SONO RAPPRESENTATE DA QUOTE (DA INDICARE NELL ATTO COSTITUTIVO). E POSSIBILE COSTITUIRE UNA SRL UNIPERSONALE (CON UN UNICO SOCIO CHE DETIENE IL 100% DELLE QUOTE) DELLE OBBLIGAZIONI SOCIALI RISPONDE SOLO LA SOCIETA CON IL SUO PATRIMONIO LE DECISIONI NON DI COMPETENZA DEGLI AMMINISTRATORI SONO ASSUNTE DALL ASSEMBLEA DEI SOCI, CHE VIENE INOLTRE CONVOCATA ANNUALMENTE PER L APPROVAZIONE DEL BILANCIO.

33 L. 31 LA S.R.L. «SEMPLIFICATA» (Srls) e «A CAPITALE RIDOTTO» (Srlcr) ART BIS DEL C.C. (INTRODOTTO DAL D.L. N 1 ART. 3 DEL 24/01/2012, CONVERTITO NELLA L. N 27 DEL 24/03/2012): - CONSENTE A CHI NON ABBIA COMPIUTO 35 ANNI LA COSTITUZIONE DI UNA SRL CON UN CAPITALE SOCIALE PARI AD ALMENO 1 EURO E INFERIORE AI EURO PREVISTI PER LE SRL ORDINARIE (COSIDDETTA SRLS) CON AGEVOLAZIONI RELATIVE AGLI ONERI DI COSTITUZIONE - PERMANGONO TUTTI GLI ALTRI OBBLIGHI DELLA SRL ORDINARIA (ADEMPIMENTI CONTABILI, FISCALI ECC.). IL «DECRETO SVILUPPO» DEL 22/6/2012, NELL ART. 44 INTRODUCE LA POSSIBILITA DI APRIRE UNA SRL CON CAPITALE RIDOTTO (SRLCR) RISPETTO ALLA SRL ORDINARIA, MA SENZA LE AGEVOLAZIONI DELLA SRLS.

34 L. 32 REGIME CONTABILE E FISCALE DELLA S.R.L. SEMPRE OBBLIGATORIA LA CONTABILITA ORDINARIA, IN QUANTO LA SRL (COME PURE LA SPA) E OBBLIGATA A REDIGERE IL BILANCIO ANNUALE, ADEMPIMENTO CHE RICHIEDE NECESSARIAMENTE LA CONTABILITA ORDINARIA. IN ALTRI TERMINI, A DIFFERENZA DI QUANTO DETTO PER LE IMPRESE INDIVIDUALI E PER LE SOCIETA DI PERSONE, NON VI SONO LIMITI DI FATTURATO IL CUI SUPERAMENTO RICHIEDE L ADOZIONE DELLA CONTABILITA ORDINARIA, CHE PERTANTO E SEMPRE OBBLIGATORIA NELLE SOCIETA DI CAPITALE. IMPOSTE SUI REDDITI: IRES E IRAP.

35 L. 33 LA SOCIETA PER AZIONI NON VENGONO QUI ILLUSTRATE LE CARATTERISTICHE DELLE SOCIETA PER AZIONI PER I SEGUENTI MOTIVI: IL PRESENTE CONTRIBUTO E DESTINATO A COLORO CHE INTENDONO METTERSI IN PROPRIO AVVIANDO UN ATTIVITA DI PICCOLE DIMENSIONI (IN QUESTO CASO, LA SPA E PALESAMENTE INADATTA) LA NORMATIVA RIGUARDANTE LE SPA E ASSAI COMPLESSA, IL CHE APPARE GIUSTIFICATO SE SI CONSIDERA CHE NORMALMENTE SI COSTITUISCE UNA SPA CON L INTENTO DI RACCOGLIERE MEZZI FINANZIARI ATTINGENDO DIRETTAMENTE AL MERCATO DEI CAPITALI (AD ES. QUELLO BORSISTICO) EVITANDO ALMENO IN PARTE L INTERMEDIARIO BANCARIO, IL CHE PERO E POSSIBILE SOLO PER IMPRESE DI NON LIMITATE DIMENSIONI.

36 L. 34 LE SOCIETA COOPERATIVE NON SONO STATE CITATE COME UNA FORMA GIURIDICA A SE STANTE, IN QUANTO RIENTRANO NELLA CATEGORIA DELLE SOCIETA SONO DISCIPLINATE DAGLI ARTT E SEGUENTI DEL CODICE CIVILE, MODIFICATI DAL D.LGS. N. 6 DEL 2003 ( RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO ). SI APPLICANO LE NORME SULLE SPA (O LE NORME SULLE SRL NELLE COOPERATIVE DI MINORI DIMENSIONI) SONO SOCIETA A CAPITALE VARIABILE A SCOPO MUTUALISTICO, ALMENO PREVALENTE (ARTT C.C.). SCOPO: FORNIRE BENI, O SERVIZI OD OCCASIONI DI LAVORO AI MEMBRI DELL ORGANIZZAZIONE. SONO OBBLIGATE A REDIGERE IL BILANCIO E PERTANTO SONO SEMPRE IN REGIME DI CONTABILITA ORDINARIA, INDIPENDENTEMENTE DAL LIVELLO DEL FATTURATO.

37 L. 35 GLI OBBLIGHI COSTITUTIVI E CONTABILI DELLE SOCIETA COOPERATIVE IN QUANTO SOCIETA E IN PARTICOLARE SOCIETA DI CAPITALI, HANNO L OBBLIGO DI COSTITUIRSI PER ATTO PUBBLICO E DI REDIGERE IL BILANCIO ANNUALE (E QUINDI SONO IN CONTABILITA ORDINARIA) E DI DEPOSITARLO AL REGISTRO DELLE IMPRESE, NEL QUALE DEVONO ESSERE ISCRITTE PER ACQUISIRE LA PERSONALITA GIURIDICA E AFFINCHE I SOCI SIANO CONSIDERATI LIMITATAMENTE RESPONSABILI PER LE OBBLIGAZIONI SOCIALI. LA FATTISPECIE DELLE COOPERATIVE SOCIALI RICHIEDE INOLTRE L ISCRIZIONE ALL APPOSITO ALBO. NOTA. LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLE COOPERATIVE E ALQUANTO COMPLESSA E PERTANTO, PER EVENTUALI APPROFONDIMENTI, SI RINVIA ALLE NORME IN MATERIA.

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE E imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Impresa Individuale. Società semplice Ss

Impresa Individuale. Società semplice Ss Impresa Individuale Solo il titolare I principali adempimenti amministrativi, da eseguire certificata PEC (non obbligatoria per l impresa Sono contenuti e riguardano principalmente: e L attuale sistema

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento.

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. 2 Diritto di costituzione. La BLS fornisce alle imprese nazionali ed estere informazioni sulla costituzione di nuove imprese, filiali o succursali.

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato LA SOCIETA DI PERSONE A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato 1 Le società di persone possono essere di tre tipologie: Società semplice (s.s.) Società in nome

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015 Diritto commerciale l Lezione 09/10/2015 Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Dimensione dell impresa come «misura» dell organizzazione della stessa. Etero-organizzazione

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sp Società di persone Una delle

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI VERCELLI UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE COOPERATIVE

CAMERA DI COMMERCIO DI VERCELLI UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE COOPERATIVE CAMERA DI COMMERCIO DI VERCELLI UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE COOPERATIVE Aggiornamento GIUGNO 2005 NOVITA RISPETTO ALLA PRECEDENTE VERSIONE DICEMBRE 2004

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Le domande generali per fare luce in modo semplice su cosa fare e come fare per aprire una attività di commercio online, Partita Iva etc... Per aprire un

Dettagli

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 TITOLO I - DICHIARAZIONE ANNUALE ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 PREMESSA 16 1. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI (CO. 1) 17 2. NATURA GIURIDICA DELLA DICHIARAZIONE

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

REGIMI CONTABILI E FISCALI DICHIARAZIONI FISCALI

REGIMI CONTABILI E FISCALI DICHIARAZIONI FISCALI Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 REGIMI CONTABILI E FISCALI DICHIARAZIONI FISCALI Dott. Giorgio Cavallari REGIMI CONTABILI E FISCALI REGIMI DI DETERMINAZIONE

Dettagli

S.r.l. semplificata e a capitale ridotto Analisi dei nuovi istituti: opportunità e problemi aperti

S.r.l. semplificata e a capitale ridotto Analisi dei nuovi istituti: opportunità e problemi aperti S.r.l. semplificata e a capitale Analisi dei nuovi istituti: opportunità e problemi aperti Parma 28/09/2012 Paolo Decaminada Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Trento Caratteristiche Salienti

Dettagli

----------Risposte----------

----------Risposte---------- ----------Risposte---------- 1. (a) 2. (b) 3. (a) 4. (d) 5. (c) 6. (d) 7. (c) 8. (F) 9. (V) 10. (F) 11. (V) 12. (V) 13. (V) 14. (F) 15. (V) 16. (F) 17. (F) 18. (F) 19. (F) 20. (F) 1 COMPLETAMENTO Completare

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro delle imprese della Camera di Commercio di Padova.

Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro delle imprese della Camera di Commercio di Padova. Notizie sugli autori Il dr. Fabio Incastrini è dottore commercialista iscritto all Ordine di Padova, revisore contabile e relatore a corsi e seminari. Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro

Dettagli

Scegliere. la forma giuridica

Scegliere. la forma giuridica Scegliere la forma giuridica 1 La scelta della forma giuridica è molto importante per chi vuole avviare un attività in proprio: una veste giuridica sbagliata può pregiudicare il successo dell iniziativa.

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE 001 Nella società in nome collettivo per le obbligazioni sociali risponde: A solamente la società F B gli amministratori in modo limitato F C solidalmente ed illimitatamente

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO

DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO DIRITTO ANNUALE CAMERA DI COMMERCIO Il Diritto annuale è dovuto da tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle imprese della Camera di commercio. PER L ANNO 2012 Il D. Lgs. n. 23/2010 ha introdotto

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE Anno 2014 N. RF265 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE RIFERIMENTI PROVV. N. 94904/2013; DL 138/2011

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Le forme giuridiche dell impresa

Le forme giuridiche dell impresa Le forme giuridiche dell impresa La forma giuridica dell impresa viene definita nell atto costitutivo, al momento cioè della sua nascita. La decisione sulla forma giuridica dell impresa è un passaggio

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE Circolare 15 del 12 giugno 2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 Premessa... 3 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 3 2.1 Contribuenti interessati...

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

Il Contratto di Rete e le Opportunità. Maria Cristina D Arienzo

Il Contratto di Rete e le Opportunità. Maria Cristina D Arienzo Il Contratto di Rete e le Opportunità Maria Cristina D Arienzo Cremona, 4 marzo 2014 Evoluzione normativa Legge 33/2009 Legge sviluppo Legge 122/2010 Legge 134/2012 Legge 221/2012 Legge 99/2013 conv. 99/2009

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI/GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Normativa di riferimento D.lgs 460/97 (riforma

Dettagli

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere esercitata

Dettagli

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti)

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) INTRODUZIONE A norma dell art. 2222 del cod. civile si hanno rapporti di lavoro autonomo ogni

Dettagli

Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza

Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza 1. Requisiti Requisiti di mutualità prevalente 2. Rappresentazione in bilancio 3. Adeguamenti contabili e rappresentazione in bilancio 4. Valutazione

Dettagli

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse PROFESSIONE INTELLETTUALE ART. 2229 COD.CIV. La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse generale della

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it L ATTIVITA APISTICA L INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E FISCALE Dott. Luigi Palmieri Dottore in Scienze e Tecnologie Agrarie Perito Agrario Laureato - Agrotecnico Laureato Esperto Apistico www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito RISOLUZIONE N. 3/E Roma, 9 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Artt. 5 e c. 5-bis, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 Determinazione base imponibile IRAP imprenditori agricoli

Dettagli

Mini Master: Manager per i contratti di rete La gestione amministrativa, finanziaria e fiscale del contratto di rete

Mini Master: Manager per i contratti di rete La gestione amministrativa, finanziaria e fiscale del contratto di rete Mini Master: Manager per i contratti di rete La gestione amministrativa, finanziaria e fiscale del contratto di rete 18 dicembre 2013 Mario Fabio Polidoro Docente di Programmazione e Controllo Universitas

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI Milano, 11 Giugno 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 17/2015: Proroghe

Dettagli

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA non esiste una definizione giuridica di ente non profit CODICE CIVILE (artt. 14-42) associazioni fondazioni comitati TESTO UNICO IMPOSTE SUI REDDITI (artt.

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA 00154 - Roma MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA ART 3, COMMA 3 E ART 4, COMMA 3 DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI DELLA FONDAZIONE ENASARCO Via

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

SLIDE 1 APRILE 2014 1

SLIDE 1 APRILE 2014 1 1 1 2 PRINCIPI GENERALI IL RISPETTO DI OBBLIGHI FORMALI RISPONDE ALL ESIGENZA DI TUTELA DI DUE TIPI DI INTERESSI INTERESSE COLLETTIVO PRINCIPIO DI LEGALITA Garanzia che i beneficiari delle agevolazioni

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A E LEMENTI D ISTINTIVI E FONDANTI D ELLA S OCIETÀ COOPERATIVA: D AL D IRITTO S OCIETARIO A LLE PECULIARITÀ F ISCALI E GESTIONALI D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/coop Società cooperative Una

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI Società di capitali Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sc Una

Dettagli

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott.

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott. 8.2016 Giugno PROROGHE VERSAMENTI per i contribuenti con Studi di settore Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI INTERESSATI DALLA PROROGA DEI VERSAMENTI... 2 2.1 Soci di società e associazioni trasparenti...

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 25 del 16 dicembre 2011 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI L avvicinarsi delle festività natalizie rappresenta l occasione da parte di aziende

Dettagli

Come aprire un'attività di idraulica. Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

Come aprire un'attività di idraulica. Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica Come aprire un'attività di idraulica Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La normativa che precisa le caratteristiche per essere considerati imprenditori artigiani è la Legge 8

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli