I soggetti della Programmazione MED

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I soggetti della Programmazione MED 2014-2020"

Transcript

1 I soggetti della Programmazione MED

2 Sommario Introduzione I soggetti della nuova Programmazione MED Obiettivi e metodologia Indicazioni emerse dall analisi precedente sulla cooperazione italiana Il contributo dei soggetti alla nuova programmazione Nuove categorie di soggetti rilevanti Il potenziale coinvolgimento dei soggetti... 6 Allegati Introduzione I contenuti di questo documento si articolano sui risultati dell Analisi e ricerca sullo stato d attuazione del Programma di cooperazione Transnazionale MED e definizione di proposte e future prospettive per la Programmazione , soprattutto sui risultati dell analisi della partecipazione italiana. Il documento ha l obiettivo di individuare i soggetti capaci di fornire un contributo importante alla Programmazione MED

3 1. I soggetti della nuova Programmazione MED 1.1. Obiettivi e metodologia L obiettivo del presente capitolo è quello di valorizzare il capitale di esperienza e di conoscenza esistente sul territorio attraverso l individuazione di soggetti chiave che possano offrire un contributo rilevante alla Programmazione MED Al fine di massimizzare l utilità pratica del servizio per i componenti del Comitato Nazionale, la ricerca dei soggetti rilevanti si è concentrata sulle tipologie di soggetti che hanno partecipato poco o per niente alla Programmazione L attività di scouting di soggetti rilevanti è partita dai risultati dell analisi della cooperazione italiana svolta durante la prima fase del progetto a cui è stata associata la lettura dei documenti strategici del nuovo Programma MED 1 che indicano, per ognuno degli assi, i soggetti chiave da considerare. In seguito è stata identificata una serie di categorie di soggetti considerati rilevanti per i tipi di azione previsti dal Programma Operativo, concentrandosi maggiormente su quelli assenti nella scorsa Programmazione e sugli attori non-istituzionali. Un secondo passaggio è stato quello di individuare e contattare attori potenzialmente rilevanti e interessati a partecipare alla Programmazione MED , procedendo ad una selezione dei degli attori giudicati rilevanti. La scelta dei soggetti è stata fatta tenendo conto della combinazione dei seguenti elementi: Rilevanza - Mission dei soggetti, progetti condotti in precedenza, predisposizione a partecipare a progetti di cooperazione transnazionale; Copertura territoriale si è cercato di bilanciare, la tipologia di soggetto con l ambito territoriale di azione sulle 19 regioni italiane partecipanti al Programma. Sono stati individuati 128 soggetti a cui è stato sottoposto un breve questionario (vedi allegato 1) al fine di capire le motivazioni della mancata partecipazione alla scorsa Programmazione, il loro interesse e contributo a partecipare alla nuova Programmazione, e gli elementi che incentiverebbero la loro partecipazione Indicazioni emerse dall analisi precedente sulla cooperazione italiana Prima di addentrarci nell analisi delle risposte ottenute dal questionario, va ricordato che l analisi precedente ( Analisi e ricerca sullo stato d attuazione del Programma di cooperazione Transnazionale MED e definizione di proposte e future prospettive per la Programmazione ) ha indicato che nella Programmazione MED uno dei maggiori problemi trasversali agli assi è stato quello della scarsa o mancata partecipazione di attori strategici per gli obiettivi del Programma. Tra gli attori che hanno partecipato di meno, ci sono le imprese e gli attori economici, se non con un buona presenza sui temi del trasferimento di 1 La bozza di Programma Operativo aggiornata a Marzo 2014 e la Strategia d intervento inclusa nel testo del Programma Operativo. 2

4 conoscenza e di know-how tecnologico e i soggetti del terzo settore che hanno partecipato poco sul totale degli assi. Elemento di rilievo è stata la bassa partecipazione delle realtà associative nuove e poco strutturate capaci, tuttavia, di mettere a disposizione della progettualità MED il loro capitale di conoscenza del territorio. La conseguenza maggiore della mancanza di attori rilevanti si è tradotta nella debolezza di alcuni temi: ad esempio la mancata partecipazione di associazioni, fondazioni e istituti per la salvaguardia del patrimonio storico e di organizzazioni di promozione del turismo hanno fatto sì che nei progetti che hanno visto la partecipazione italiana ci fosse poca attenzione ai temi della cultura e del turismo. Allo stesso modo la bassa partecipazione di attori operanti nel settore ICT ha portato ad una bassa rilevanza della componente ICT nei progetti, soprattutto in quelli legati all accessibilità territoriale e alla mobilità. Altri problemi trasversali, emersi soprattutto dalle interviste ai leader italiani dei progetti, sono le problematiche legate all attuazione e all operatività dei progetti. Infatti tra i più citati ci sono i problemi legati alla capacità di spesa e di rendicontazione dei partner (soprattutto per i partner più piccoli, associazioni e ONG) Il contributo dei soggetti alla nuova programmazione Per legare l intensità di partecipazione dei soggetti italiani ai temi contemplati nel nuovo Programma Operativo, si è proceduto a collocare le tipologie di soggetti individuati nell analisi della sull intensità della partecipazione rispetto a tre aree tematiche che rispecchiano gli assi del nuovo Programma. Questo esercizio fornisce un idea sul potenziale interesse dei soggetti già coinvolti nella Programmazione MED rispetto all organizzazione dei temi della nuova Programmazione. La tabella di seguito 2 include le tipologie di soggetti che hanno partecipato alla scorsa programmazione ma non comprende tutte le tipologie di soggetti rilevanti che potrebbero partecipare alla programmazione , presentati nel paragrafo successivo. 2 L intensità della potenziale partecipazione nella nuova programmazione è stata rappresentata utilizzando il simbolo. Un rappresenta, per ogni tipologia di soggetto, una frequenza rispetto ai tre temi minore o uguale al 20% delle volte in cui quella tipologia si ritrova nella Programmazione , tra il 20% e il 40%, superiore al 40% e superiore al 70%. 3

5 Tabella 1 - Potenziale contributo dei soggetti Tipologia di soggetto Innovazione e mobilità Ambiente Governance e Totale frequenze e energia cultura Regione 96 Terzo settore/ 47 Onlus/associazioni/think tank Provincia 46 Agenzie regionali e provinciali 46 Università/centri di ricerca pubblici/parchi scientifici 43 Comune/Comunità Montana 24 Imprese, operatori economici 18 privati Autorità portuali - 17 Associazioni di categoria - 12 Camera di commercio - 11 Parchi naturali Enti di formazione/scuole private 4 Altro - 4 Totale 372 4

6 1.4. Nuove categorie di soggetti rilevanti Sulla base dell analisi svolta in precedenza e sulla base della lettura dei documenti strategici della nuova Programmazione abbiamo individuato le seguenti tipologie di soggetti che possono offrire, in misura diversa, un contributo importante al Programma sia come partecipanti ai progetti che come fornitori di contributi tecnico-scientifici alla progettazione. Tabella 2 Contributo dei nuovi soggetti Soggetti Innovazione e mobilità Ambiente e energia Governance e cultura Consorzi di bonifica Gestori di aree marine protette Cooperative di servizi e imprese sociali (Turismo sociale, tutela dell ambiente e dell ecosistema) Fornitori di energia Associazioni di consumatori Consorzi pesca Fondazioni per la promozione del patrimonio culturale Fondazioni e associazioni l architettura ecologica per Fondazioni e associazioni per la protezione dell avifauna Protezione civile (ufficio rischi idrogeologici, ufficio rischio sismico e vulcanico) Imprese ICT Consorzi operanti sulla qualità delle acque, risorse biologiche marine Associazioni di categoria (sezioni tematiche) Centri di ricerca sulla protezione della biologia marina Ordini professionali (Ingegneri, biologi, geologi, agronomi) Gruppi di azione locale Unioni dei Comuni Il nuovo Programma operativo MED pone attenzione importante all aumento della sinergia tra imprese e centri di ricerca al fine di stimolare l investimento in servizi e prodotti innovativi e il trasferimento di tecnologie. I soggetti nuovi che possono potenzialmente dare un contributo 5

7 importante sono i centri di ricerca creati come spin-off universitari, le imprese specializzate nello sviluppo di nuove tecnologie e nell ICT capaci di assicurare una forte componente ICT ai progetti di cooperazione, che è stato un elemento debole della scorsa Programmazione. Nella nuova Programmazione ha assunto rilievo primario, ancor più che nella scorsa Programmazione, il tema dell efficienza energetica negli edifici pubblici e privati e della produzione di energie rinnovabili. A questo fine soggetti capaci di fornire un contributo importante in termini di conoscenze e di contributo qualificato sono le strutture della società civile e in particolare associazioni di esperti, sezioni locali degli ordini professionali, fondazioni, associazioni di consumatori, i produttori e i fornitori di energia (in forma individuale o associata). Il Programma operativo dedica un asse al tema della protezione e la promozione del patrimonio culturale e naturale e stimola una partecipazione forte di associazioni e fondazioni capaci di contribuire a combinare, in modo sostenibile, il turismo di massa con la protezione del patrimonio culturale e naturale. Soggetti di sicuro interesse per l attuazione del nuovo Programma MED sono i consorzi per la Pesca, i consorzi di bonifica, le società o cooperative che producono servizi di carattere tecnico-scientifico nei settori dell oceanografia, cura dei litorali qualità delle acque, risorse biologiche. Tali soggetti sono utili per produrre sistemi informativi per la gestione delle risorse e per tutte le attività di diffusione dirette alle imprese operanti nel settore Il potenziale coinvolgimento dei soggetti Il questionario è stato inviato a 128 soggetti rappresentativi delle categorie individuate nella tabella precedente. Nella scelta del campione, oltre a seguire i criteri di rilevanza, copertura territoriale, si è prestata particolare attenzione ai soggetti del terzo settore (fondazioni, associazioni) e ai centri di ricerca. Di seguito si riportano il numero di risposte ricevute per tipologia di soggetto e gli elementi salienti derivati dall analisi delle risposte raccolte. Tabella 3 - Numero risposte ricevute (Ripartizione per categorie) Tipologia di soggetto Numero di risposte Associazione 6 Operatore economico 6 Cooperativa 2 Fondazioni 9 Centro di ricerca 2 Consorzio 3 Gruppo di azione locale 1 Totale 29 Fonte: Indagine diretta 6

8 La conoscenza del Programma La domanda iniziale ha voluto capire la diffusione della conoscenza delle caratteristiche e degli obiettivi del Programma MED tra le diverse categorie di soggetti. 10 soggetti su 29 dichiarano di non conoscere il Programma e dalle risposte si deduce che le associazioni, gli operatori economici e i consorzi sembrano meno informati rispetto al Programma rispetto agli altri attori. E significativo, considerando la bassa partecipazione alla scorsa programmazione, che otto fondazioni su nove dichiarano di essere a conoscenza delle caratteristiche peculiari del Programma MED. Tabella 4 - Conoscenza del Programma Tipologia di soggetto Si No Risposte totali Associazione Operatore economico Cooperativa Fondazioni Centro di ricerca Consorzio Gruppo di azione locale Totale Fonte: Indagine diretta Le difficoltà dei soggetti a partecipare al Programma MED Si è poi indagato l interesse pregresso a partecipare al Programma. Quattro dei ventinove soggetti dichiarano di aver tentato di partecipare al Programma MED ma che l idea progettuale non è stata poi approvata o il soggetto non è stato ammesso a partecipare. Questo risultato indica quindi uno scarso interesse o difficoltà di partecipazione da parte di questi soggetti (meno di un quarto di quelli che conoscono il programma hanno infatti dichiarato di aver tentato di partecipare a progetti). 7

9 Tabella 5 - Interesse pregresso dei soggetti al Programma Tipologia di soggetto Si, ma non è stato ammesso No Risposte totali Associazioni Operatore economico Cooperativa Fondazioni Centro di ricerca Consorzio Gruppo di azione locale Totale Fonte: Indagine diretta E stato chiesto, quindi, agli intervistati di esprimersi sugli elementi che hanno maggiormente reso difficile la propria partecipazione, scegliendo tra una serie di opzioni. La tabella seguente riporta i risultati. Tabella 6 - Difficoltà dei soggetti a partecipare Difficoltà Associaz ione O. Economi co Coopera tiva Fondazi one C. di ricerca GAL Consorzi o Insufficienza di risorse umane Difficoltà di gestione e di rendicontazione Scarso interesse alla cooperazione Scarso interesse ai temi Difficoltà ad anticipare risorse Difficoltà a realizzare progetti internazionali I Progetti europei non apportano valore aggiunto Non conoscevo il Programma MED Altro Non risposto Tot Fonte: Indagine diretta E da notare che nove soggetti dichiarano che la maggiore difficoltà è la mancata conoscenza del Programma MED e che questi si concentrano nel gruppo delle associazioni e degli operatori economici che indicano che uno sforzo maggiore deve essere fatto per raggiungere questo tipo di 8

10 soggetti. Altra difficoltà che si ritrova con larga frequenza è l insufficienza di risorse umane da dedicare al Programma, riportata soprattutto da operatori economici e fondazioni a cui si aggiunge la difficoltà di anticipare risorse che rappresenta un problema che inficia la partecipazione di alcuni soggetti, soprattutto delle fondazioni. E un segnale incoraggiante per la nuova Programmazione il fatto che nessuno dei soggetti mostra scarso interesse alla cooperazione e ai temi del Programma. Tra i soggetti che hanno risposto Altro, vale la pena riportare la difficoltà rilevata da un soggetto del terzo settore nel coinvolgere enti istituzionali che portassero avanti la propria idea progettuale vista l impossibilità della propria organizzazione ad agire come soggetto capofila. Cosa potrebbe incentivare la loro partecipazione Tutti i soggetti dichiarano di voler partecipare alla nuova Programmazione e la maggior parte di loro hanno espresso il proprio parere sugli elementi che favorirebbero la partecipazione della propria organizzazione al Programma MED Tra i soggetti che hanno indicato gli elementi che favorirebbero la partecipazione della propria organizzazione si registra un fabbisogno informativo sugli obiettivi, le opportunità, l impegno richiesto e i benefici per la crescita della propria organizzazione (5 risposte). Uno dei soggetti inserisce il fabbisogno di informazione sul Programma MED in una domanda di informazione su tutta la Programmazione comunitaria e su tutti i programmi di cooperazione a cui è possibile partecipare. Due soggetti ritengono cruciale per la propria partecipazione una semplificazione delle procedure e la diminuzione dei tempi di valutazione delle proposte progettuali. Altri incentivi individuati dai soggetti intervistati riguardano la possibilità di non dover anticipare risorse e la possibilità di estendere e rafforzare le esperienze maturate con il Programma Leader. Una serie di soggetti individuano elementi facilitanti aspetti di carattere tecnico-operativo, come la disponibilità offline del formulario di applicazione per facilitare la preparazione di proposte progettuali. Emerge anche un bisogno di natura strategica come la più forte caratterizzazione del Programma sulle tematiche sociali (cfr. diritti e cittadinanza attiva). Un operatore economico, infine, cita la maggiore possibilità di entrare in contatto con operatori interessati alla sua attività. Le aree d intervento dei nuovi soggetti Per capire le aree tematiche di maggiore interesse, è stato chiesto ai soggetti di scegliere su quali temi pensano di poter offrire un contributo rilevante. Le opzioni di scelta racchiudono i temi coperti dagli assi del Programma; nella tabella di seguito si riportano i risultati. 9

11 Tabella 7 - Temi d'interesse dei soggetti Temi Associaz ioni Op. Economi co Coopera tiva Fondazi one C. Ricerca Consorzi o GAL Tot. Frequen ze Miglioramento delle capacità di innovazione Efficienza energetica e uso delle energie rinnovabili Promozione di strategie a bassa emissione di carbonio Valorizzazione delle risorse naturali e culturali Protezione della biodiversità e della protezione del suolo Supporto al dialogo e allo sviluppo di strategie transnazionali Fonte: Indagine diretta 9% 45% 0% 18% 9% 9% 9% 11 20% 20% 10% 30% 0% 20% 0% 10 20% 0% 0% 60% 0% 20% 0% 5 31% 15% 8% 31% 15% 0% 0% 13 14% 0% 0% 43% 29% 0% 14% 7 18% 18% 9% 45% 0% 0% 9% 11 Nota: % di riga In valori assoluti il tema più frequentemente scelto dai soggetti intervistati è la valorizzazione delle risorse naturali e culturali nelle aree costiere e adiacenti al mare (13) soprattutto da parte delle Associazioni e delle Fondazioni. Queste ultime concentrano il proprio interesse, più di altri soggetti, sulla promozione di strategie a bassa emissione di carbonio, sulla protezione del suolo e della biodiversità e sul supporto al dialogo e allo sviluppo di strategie transnazionali. Il tema dell innovazione raccoglie l interesse peculiare degli operatori economici che fanno pesare la propria attenzione anche sul tema della valorizzazione delle risorse naturali e culturali in misura uguale ai centri di ricerca. Il ruolo dei nuovi soggetti Alla domanda sulle modalità con cui i soggetti intendono essere coinvolti solo uno dei soggetti specifica di voler essere coinvolto solo come soggetto capofila. Tabella 8 - Il ruolo dei soggetti Tipologia di soggetto Capofila Partner Tavoli tematici Associazioni 2/6 4/6 2/6 Operatore economico 0/6 6/6 3/6 Cooperativa 0/2 2/2 2/2 Fondazioni 4/9 8/9 7/9 Centro di ricerca 1/2 2/2 0/2 Consorzio 0/3 1/3 1/3 Gruppo di azione locale 0/1 1/1 1/1 Totale Fonte: Indagine diretta Nota: erano possibili risposte multiple. 10

12 Tre soggetti indicano di essere disponibili sia come soggetti capofila che come partner di progetto mentre sette ritengono di poter partecipare solo come soggetti partner e nove sia come partner di progetto sia come partecipanti a fornire un contributo qualificato. E interessante che più della metà dei soggetti (16) siano disponibili a fornire un contributo qualificato ai tavoli tematici senza aspettarsi la partecipazione a progetti. Tre di questi sostengono di poter contribuire partecipando ai tavoli tematici per fornire un contributo qualificato senza aspirare a partecipare ai progetti. In definitiva, quest analisi, seppur limitata a 29 soggetti, rileva alcuni elementi di attenzione: - L importanza dell informazione per coinvolgere attori che conoscono poco il mondo dei programmi di cooperazione - Un buon livello di interessamento da parte di questi attori verso la futura programmazione MED e le sue tematiche - La necessità di mettere in campo un modello di azioni partenariali che possa coinvolgere maggiormente questi attori, insieme ad azioni di supporto che facilitino il loro coinvolgimento. Il modello di governance partenariale presentato in precedenza può rappresentare uno strumento fondamentale per raggiungere queste finalità. 11

13 Allegati Allegato 1 Questionario per individuare soggetti interessati al Programma di Cooperazione Transnazionale MED (Mediterraneo) 1) Conosce il Programma di Cooperazione Transnazionale MED? Si No 2) La sua organizzazione ha già partecipato al Programma MED? Si, ma non è stata ammessa No 3) Se non ha partecipato, potrebbe indicare quali sono gli elementi che hanno reso difficile la partecipazione? (Indicarne massimo 2) Insufficienza di risorse umane da dedicare Difficoltà di gestione e rendicontazione Scarso interesse alla cooperazione Scarso interesse ai temi (innovazione, Sviluppo sostenibile, Efficienza energetica, Protezione e promozione del Patrimonio culturale, Governance transnazionale) Difficoltà di anticipazione di risorse Difficoltà a realizzare progetti internazionali I progetti europei non apportano valore aggiunto alle nostre attività Non conoscevo il Programma MED Altro Specificare: 4) La sua organizzazione sarebbe interessata a partecipare al Programma MED ? Si No 5) Cosa favorirebbe la partecipazione della sua organizzazione al Programma MED ? 6) Su quali dei seguenti temi la sua organizzazione potrebbe fornire un contributo rilevante? Miglioramento delle capacità di innovazione 12

14 Gestione dell energia negli edifici pubblici Efficienza energetica e uso delle energie rinnovabili negli edifici pubblici e privati Aumento della quota di energie rinnovabili nelle strategie energetiche Promozione di strategie a bassa emissioni di carbonio Valorizzazione delle risorse naturali e culturali nelle aree costiere e adiacenti al mare Protezione della biodiversità, protezione del suolo e dell ecosistema Supporto al dialogo e allo sviluppo di strategie transnazionali 7) A suo avviso, come potrebbe contribuire la sua organizzazione? Come capofila di progetto Come partner di progetto Partecipare a tavoli tematici per fornire un contributo qualificato) 13

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte Torino, 19 gennaio

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione delle politiche internazionali delle regioni Caserta, 13 febbraio 2014 Brigida

Dettagli

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione del Programma e del nuovo bando BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione Programma: zone ammissibili e zone adiacenti Presentazione Programma: Assi e risorse ASSE 1

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Il processo di programmazione a che punto siamo PARTENARIATO Strategia

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Documento in aggiornamento PROGRAMMA ALPINE SPACE Autorità di Gestione: Land Sazburg(A)

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese Sinergie i tra aziende private e P.A. in tema di rinnovabili Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese La sfida industriale dell energia rinnovabile Tecnologie a basso impatto ambientale ancora poco competitive

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014

Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 Piano della performance dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale per gli anni 2012-2014 ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. n.150/2009 8.1 Scheda di analisi SWOT 2 OPPORTUNITÀ Valorizzare

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Art. 1 - Oggetto La Fondazione Rosselli, istituto di ricerca indipendente e no-profit che opera nell ambito delle scienze

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA Allegato alla Delib.G.R. n. 46/23 del 31.10.2013 INTSA NON ONROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTRCT TRA la Regione Liguria, Regione Autonoma della Sardegna, Regione Toscana, l

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare:

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: Lodovico Gherardi 1 I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: L esempio della Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai primi bandi dei Programmi di Cooperazione territoriale

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

SUPPORTO TECNICO ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-13. Presentazione del progetto Potenza, 6 giugno 2013

SUPPORTO TECNICO ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-13. Presentazione del progetto Potenza, 6 giugno 2013 SUPPORTO TECNICO ORGANIZZATIVO ALLE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI DEL PO BASILICATA FSE 2007-13 Presentazione del progetto Potenza, 6 giugno 2013 Finalità dell incontro Presentare i contenuti e le attività

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

ENERGIA DI CASA FEDERCONSUMATOR I FRIULI VENEZIA GIULIA

ENERGIA DI CASA FEDERCONSUMATOR I FRIULI VENEZIA GIULIA presentano ENERGA D CASA un progetto che porta benefici alle famiglie, alle imprese e all ambiente del Friuli Venezia Giulia novembre 2014 La direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Solare fotovoltaico in Sardegna

Solare fotovoltaico in Sardegna Sardegna Ricerche Progetto cluster Solare fotovoltaico in Sardegna Regolamento Novembre 2007 Premessa Sardegna Ricerche, nella sua funzione di parco tecnologico, è una rete regionale di infrastrutture

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 LA SCHEDA DEI PIANI D AZIONE DELLA CETS SCHEDA PAF - Prioritized Action Framework Tipo di attività Soggetto realizzatore Descrizione della misura Obiettivi Target

Dettagli

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 Patrocinio del Comitato delle Regioni Europee Patrocinio del Comitato Economico e Sociale Europeo Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 31

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

I risultati del progetto LAIKA

I risultati del progetto LAIKA I risultati del progetto LAIKA Milano, 25 settembre 2013 Final Conference Progetto LAIKA Fabio Iraldo CE.SI.S.P. Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Coordinatore scientifico del progetto LAIKA - Azione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI IL PROGETTO Il progetto DONNE E SCIENZA: ricerca, innovazione e spin-off imprenditoriale è un percorso integrato

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli