Cornèr Banca. Rapporto annuale Annual report. I vostri valori, i nostri valori.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cornèr Banca. Rapporto annuale Annual report. I vostri valori, i nostri valori."

Transcript

1 Cornèr Banca Rapporto annuale Annual report 2011 I vostri valori, i nostri valori.

2 Cornèr Banca 60 Rapporto annuale 60 th Annual report 2011

3 Italiano 1 English 55

4 Indice Relazione del Consiglio di Amministrazione 2-3 Conto annuale del Gruppo Cornèr Banca Il Gruppo Cornèr Banca in sintesi 6 Area di consolidamento 7 Conto economico consolidato 8-9 Bilancio consolidato Operazioni consolidate fuori bilancio 11 Conto consolidato del flusso di fondi 12 Attività del Gruppo Cornèr Banca 13 Principi di consolidamento 14 Principi contabili e criteri di valutazione Gestione e valutazione dei rischi Informazioni complementari al conto annuale consolidato Rapporto del revisore del conto di Gruppo 37 Conto annuale della Cornèr Banca SA, Lugano Consiglio di Amministrazione 40 Direzione generale, Sede di Lugano 41 Conto economico Impiego dell utile, proposta del Consiglio di Amministrazione 43 Bilancio Operazioni fuori bilancio 45 Principi contabili e criteri di valutazione 46 Informazioni complementari al conto annuale Rapporto dell ufficio di revisione 52 1

5 Relazione del Consiglio di Amministrazione Egregi azionisti, il 2011 è stato un anno difficile sul fronte politico ed economico internazionale, con inevitabili ricadute sul mondo della finanza. L elevata volatilità dei mercati e il crescente debito sovrano sono gli elementi che hanno maggiormente tenuto sotto pressione gli istituti bancari e intaccato la fiducia degli investitori. Ad aggravare la situazione ha concorso l acuirsi della crisi dell euro, che ha posto in evidenza i limiti della moneta unica. Tutto questo è avvenuto in un periodo contrassegnato da un sensibile rallentamento della dinamica congiunturale nel Vecchio Continente. La Svizzera, invece, ha mostrato un quadro economico migliore per buona parte dell anno, accusando sintomi di raffreddamento solo nei primi mesi del I rischi maggiori provengono dalla perdurante forza del franco svizzero, che mina soprattutto l esportazione. Proprio per prevenirne i negativi effetti, a settembre la Banca Nazionale Svizzera aveva adottato una misura eccezionale contro l apprezzamento del franco, introducendo una soglia minima di cambio a 1,20 contro euro. La situazione di incertezza sin qui descritta ha avuto pesanti contraccolpi sul settore bancario e su quello della finanza in generale. Nonostante questo clima fortemente avverso, il Gruppo Cornèr Banca ha terminato il 60mo esercizio con risultati stabili e con un utile netto sostanzialmente invariato, passato da 64 a 62,5 milioni di franchi svizzeri. L evoluzione del 2011 si è inoltre rivelata migliore del previsto, confermando la stabilità del gruppo che, oltre a beneficiare di una solida struttura patrimoniale, sta pure cogliendo i positivi frutti della politica di diversificazione dei mercati e dei prodotti attuata da diversi anni. A ciò si collega l importante operazione di acquisizione effettuata a dicembre dalla casa madre. La Cornèr Banca SA di Lugano ha infatti rilevato da un gruppo bancario svizzero il 100% delle azioni di BonusCard.ch AG, società di Oerlikon (ZH) che gestisce un portafoglio di 340'000 carte di credito e prepagate Visa. Con questa operazione il Gruppo Cornèr Banca si è così inserito in un nuovo segmento del mercato delle carte di pagamento. L aggiunta del portafoglio carte della società acquisita a quello della divisione Cornèrcard porta il totale delle carte gestite dal gruppo a quota 1,4 milioni. Con tale acquisizione l organico di BonusCard.ch AG è stato integrato in quello del gruppo, facendo lievitare il totale dei collaboratori a fine 2011 a 881, contro i 777 dell anno precedente. 2

6 Passando all analisi delle voci di bilancio, di particolare rilievo è l ulteriore crescita dei fondi propri, saliti a 837,4 milioni di franchi (+ 4,4% rispetto al 2010), dopo versamento di 14,7 milioni di franchi di imposte. Il Gruppo Cornèr Banca mantiene quindi un elevata capitalizzazione, con più del triplo dei fondi propri necessari. La somma di bilancio è aumentata del 5,6%, ad un totale di 4,7 miliardi di franchi. La continua espansione delle attività creditizie a favore della clientela privata e a sostegno delle aziende ticinesi ha favorito un ragguardevole incremento della relativa voce di bilancio (+ 7,5% a 2,5 miliardi); in deciso aumento anche i depositi dei clienti (+ 8% a 3,3 miliardi). L affidabilità e la stabilità del Gruppo Cornèr Banca rafforzano il rapporto di fiducia con la clientela, che segue con manifesto apprezzamento anche le selettive attività di comunicazione svolte dall istituto, riguardo, in specie, alla campagna pubblicitaria in Ticino e alla pubblicazione della pregiata monografia sul pittore ticinese Adolfo Feragutti Visconti ( ), attraverso la quale l istituto conferma il suo tradizionale impegno verso la cultura. Come appare dal conto economico consolidato, l utile lordo si è leggermente contratto del 2,1% a 100 milioni di franchi. Analizzando le singole voci, si nota che, complessivamente, ricavi e costi sono rimasti quasi immutati, a 295,7 e 195,7 milioni rispettivamente. In particolare si evidenzia un progresso del 4,1% dei ricavi da operazioni su interessi, saliti a un totale di 110,9 milioni, mentre ancora più marcato è l aumento dei proventi da operazioni di negoziazione (+ 6,9% a 51,1 milioni) generato dalla possibilità di operare con profitto sulle divise, nonostante le tensioni dei mercati. Il risultato da operazioni in commissioni è invece in lieve calo a 135,4 milioni (- 1,4%), anche a seguito del rafforzamento del franco che ha determinato una diminuzione del valore delle masse amministrate. Il Consiglio di Amministrazione si congratula con la Direzione Generale e i collaboratori, ringraziando per l impegno profuso e i lusinghieri risultati ottenuti. Il Consiglio di Amministrazione 3

7

8 Gruppo Cornèr Banca Conto annuale 2011

9 Il Gruppo Cornèr Banca in sintesi (mio CHF) vs Somma di bilancio 4'683,3 4'435,9 5,6% Depositi della clientela 3'299,2 3'055,4 8,0% Crediti alla clientela 2'445,3 2'274,3 7,5% Fondi propri 837,4 801,9 4,4% Ricavi 295,7 295,6 0,0% Costi - 195,7-193,5 1,1% Utile lordo 100,0 102,1-2,1% Ammortamenti, rettifiche di valore, accantonamenti e perdite - 28,7-22,6 27,0% Risultato intermedio 71,3 79,5-10,3% Eventi straordinari 5,9 0,8 Imposte - 14,7-16,3 Utile netto 62,5 64,0-2,3% Negoziazione 17% Commissioni 45% Costi del personale 49% Ammortamenti e accantonamenti 12% Imposte 6% Interessi 38% Ricavi Costi Costi di gestione 33% 6 Gruppo Cornèr Banca

10 Area di consolidamento (società consolidate secondo il principio del consolidamento integrale) Cornèr Banca SA Via Canova Lugano / Switzerland Capitale CHF 12 mio. Fondi propri CHF 645,9 mio. Totale bilancio CHF 4'012,2 mio. Cornèr Banque (Luxembourg) SA 10, Rue Dicks 1417 Luxembourg / Luxembourg Banca Partecipazione 100 % Capitale CHF 20 mio. Fondi propri CHF 57,3 mio. Totale bilancio CHF 783,2 mio. Cornèr Bank (Overseas) Limited 308, East Bay Street Nassau / The Bahamas Banca Partecipazione 100 % Capitale CHF 10 mio. Fondi propri CHF 115,6 mio. Totale bilancio CHF 506,4 mio. Finanziaria e Valori SA Via Canova Lugano / Switzerland Società fiduciaria e finanziaria Partecipazione 100 % Capitale CHF 2,5 mio. Securicard SA 4, avenue de Provence 1000 Lausanne 20 / Switzerland Società di servizi Partecipazione 100 % Capitale CHF 0,1 mio. BonusCard.ch AG Ohmstrasse Zürich / Switzerland Società di servizi Partecipazione 100 % Capitale CHF 7,5 mio. Gruppo Cornèr Banca 7

11 Conto economico consolidato in migliaia di franchi Ricavi e costi risultanti da operazioni bancarie ordinarie Nota no. Esercizio 2011 Esercizio 2010 Variazione Proventi per interessi e sconti 110' '749-3'454 Proventi per interessi e dividendi del portafoglio destinato alla negoziazione Proventi per interessi e dividendi da investimenti finanziari 11'439 7'408 4'031 Oneri per interessi - 11'034-14'784 3'750 Risultato da operazioni su interessi 7 110' '497 4'402 Proventi per commissioni su operazioni di credito 1'329 1' Proventi per commissioni su operazioni di negoziazione titoli e d'investimento 54'260 54' Proventi per commissioni su altre prestazioni di servizio 95'957 95' Oneri per commissioni - 16'114-13'252-2'862 Risultato da operazioni in commissioni e da prestazioni di servizio 7 135' '293-1'861 Risultato da operazioni di negoziazione 1,7 51'091 47'784 3'307 Risultato da alienazioni di investimenti finanziari 614 4'509-3'895 Risultato da immobili Altri proventi ordinari 1'303 1' Altri oneri ordinari - 4'051-2'685-1'366 Altri risultati ordinari 7-1'695 4'012-5'707 Totale ricavi 295' ' Spese per il personale 2-117' ' Altri costi di gestione 3-78'069-75'708-2'361 Costi d'esercizio 7-195' '487-2'186 Utile lordo 7 100' '099-2'045 8 Gruppo Cornèr Banca

12 Conto economico consolidato in migliaia di franchi Risultato dell'esercizio Nota no. Esercizio 2011 Esercizio 2010 Variazione Utile lordo 100' '099-2'045 Ammortamenti sugli immobilizzi e valori immateriali 14-16'627-16' Rettifiche di valore, accantonamenti e perdite 4-12'030-6'405-5'625 Risultato intermedio 71'397 79'455-8'058 Ricavi straordinari 5 5' '081 Imposte 6-14'741-16'289 1'548 Utile del gruppo 62'545 63'974-1'429 Gruppo Cornèr Banca 9

13 Bilancio consolidato in migliaia di franchi Nota no Variazione Attivi Liquidità ' '946-81'120 Crediti risultanti da titoli del mercato monetario 23 76'588 63'456 13'132 Crediti nei confronti di banche ' '099 63'958 Crediti nei confronti della clientela 8, 10, 23 1'661'490 1'524' '021 Crediti ipotecari 8, 10, ' '848 33'972 Portafoglio titoli e metalli preziosi destinati alla negoziazione 11, 23 13'225 18'677-5'452 Investimenti finanziari 12, ' '774 42'031 Partecipazioni non consolidate 13, 14 5'719 3'946 1'773 Immobilizzi 14 92'958 91'807 1'151 Valori immateriali 14 27'853-27'853 Ratei e risconti 23'483 26'870-3'387 Altri attivi 16 92'484 75'970 16'514 Totale 27, 29, 30 4'683'308 4'435' '446 di cui --Crediti postergati 5'996 5' Crediti nei confronti di società del Gruppo non consolidate e titolari di partecipazioni qualificate 26 1'285 5'018-3' Gruppo Cornèr Banca

14 Bilancio consolidato in migliaia di franchi Nota no Variazione Passivi Impegni risultanti da titoli del mercato monetario 24 4' '668 Impegni nei confronti di banche ' '828-86'203 Impegni nei confronti della clientela a titolo di risparmio e d'investimento ' '172 31'387 Altri impegni nei confronti della clientela 24 3'025'654 2'814' '368 Obbligazioni di cassa 24 33'980 32'946 1'034 Mutui presso centrali d'emissione di obbligazioni fondiarie e prestiti 20, 24 73'733 31'298 42'435 Ratei e risconti 57'126 60'563-3'437 Altri passivi 16 95'340 92'292 3'048 Rettifiche di valore e accantonamenti ' '514 7'601 Riserve per rischi bancari generali 21, ' '000 - Capitale sociale 22 12'000 12'000 - Riserva di capitale Riserva dell'utile ' '360 36'974 Utile del gruppo 22 62'545 63'974-1'429 Totale 28, 31 4'683'308 4'435' '446 di cui --Impegni nei confronti di società del Gruppo non consolidate e titolari di partecipazioni qualificate 65'502 76'997-11'495 Operazioni consolidate fuori bilancio in migliaia di franchi Nota no Variazione Operazioni fuori bilancio Impegni eventuali 9, 32 60'560 45'313 15'247 Promesse irrevocabili 9 22'337 21' Impegni di pagamento e di versamento suppletivo Impegni di credito 9, Strumenti finanziari derivati: 34, 35 --Valori di rimpiazzo positivi 16 55'941 45'116 10'825 --Valori di rimpiazzo negativi 16 86'027 83'924 2'103 --Nominale 4'075'382 4'524' '122 Operazioni fiduciarie 36 85' ' '589 Gruppo Cornèr Banca 11

15 Conto consolidato del flusso di fondi in migliaia di franchi Esercizio 2011 Esercizio 2010 Provenienza Impiego Provenienza Impiego Conto del flusso di fondi Flusso da risultato operativo (finanziamento interno) 62'441-42'324 - Risultato del gruppo 62'545-63'974 - Dotazione agli accantonamenti 7' '116 Ammortamenti 19'345-16'544 - Variazione nei ratei e risconti attivi 3'387-1'100 - Variazione nei ratei e risconti passivi - - 3' '178 Dividendo esercizio precedente ' '000 Flusso risultante da fondi propri Modifica dell'area di consolidamento Flusso risultante da immobilizzazioni ' '655 Modifica dell'area di consolidamento - - 5' Partecipazioni - - 1' Immobili Altri immobilizzi materiali ' '041 Valori immateriali ' Flusso risultante dall'attività a medio/lungo termine (> 1 anno) 64'725-67'632 - Altri impegni nei confronti della clientela ' '095 Crediti nei confronti della clientela 94'945-30'486 - Crediti ipotecari - - 6'267 44'818 - Investimenti finanziari 35' '628 Obbligazioni di cassa 1'957-2'753 - Mutui presso le centrali d'emissione di obbligazioni fondiarie e prestiti 42'435-31'298 - Flusso risultante dall'attività a breve termine (< 1 anno) '164 31'184 - Impegni da titoli del mercato monetario 4' Crediti da titoli del mercato monetario ' '492 Impegni nei confronti di banche '203 44'732 - Crediti nei confronti di banche ' '838 - Altri impegni nei confronti della clientela 315' '800 Crediti nei confronti della clientela '966 90'002 - Impegni a titolo di risparmio e d'investimento 31'387-13'049 - Crediti ipotecari ' '803 Portafoglio titoli e metalli preziosi destinati alla negoziazione 5'452-31'490 - Investimenti finanziari '320 17'435 - Obbligazioni di cassa '985 Altri attivi ' '988 Altri passivi 3'048-15'704 - Liquidità 81' '446 Mezzi liquidi 81' '446 Totale 208' ' ' ' Gruppo Cornèr Banca

16 Attività del Gruppo Cornèr Banca Generalità Capofila del Gruppo Cornèr è la Cornèr Banca, istituto bancario di diritto svizzero, fondata nel 1952 a Lugano dove hanno sede la Casa madre e la Direzione generale. L istituto è presente in Svizzera con le succursali di Chiasso, Locarno, Losanna e Zurigo e quattro agenzie ed è attivo a 360 nella gamma dei servizi bancari. Cornèr Banca ha nel Private Banking e nell intermediazione mobiliare importanti ambiti di attività. Tali attività vengono svolte anche dalle affiliate estere di Lussemburgo e Nassau (Bahamas). Il Gruppo Cornèr, inoltre, amministra propri fondi di investimento e funge da banca depositaria per diversi altri fondi. Cornèr offre alla clientela privata, istituzionale e aziendale una vasta gamma di crediti, prevalentemente tramite la Casa madre e le sue succursali svizzere. Da diversi anni inoltre Cornèr Banca opera nel settore dei crediti navali. Altro importante ramo di attività è l emissione e la gestione delle carte di pagamento Visa e MasterCard, settore in cui Cornèr Banca è attiva da quarant'anni. Personale L'organico del Gruppo Cornèr Banca si compone attualmente di 956 collaboratori (2010 = 839), equivalente di 881 persone a tempo pieno (2010 = 777), dei quali 814 (2010 = 804) pari a 751 persone a tempo pieno (2010 = 742) in forza alla Casa madre. Outsourcing La Banca non ricorre a prestazioni di servizio da parte di aziende esterne, così come definite nella circolare 2008/7 della FINMA, l'autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari. I conti consolidati del Gruppo Cornèr Banca vengono allestiti dalla Casa madre. Gruppo Cornèr Banca 13

17 Principi di consolidamento Generalità Il conto di gruppo è allestito conformemente alle disposizioni legali vigenti in materia, con particolare riferimento al Codice delle obbligazioni, alla Legge federale sulle banche e le casse di risparmio e alla relativa Ordinanza, nonché alle specifiche direttive emanate dalla FINMA. Il conto di gruppo si basa sui dati d esercizio della Casa madre e delle singole affiliate, verificati ed accertati dai rispettivi organi di revisione. Area di consolidamento Il consolidamento include tutte le società di cui la Cornèr Banca detiene direttamente o indirettamente la maggioranza del capitale azionario. Un profilo sintetico delle società consolidate integralmente è riportato a pagina 7 del presente rapporto. Non rientrano nel consolidamento le piccole società con attività ridotta e incidenza marginale sulla situazione economica del Gruppo. Tali società sono iscritte a bilancio sotto la voce Partecipazioni non consolidate. Metodo di consolidamento Le società attive nei settori bancario e finanziario, nelle quali la Banca detiene direttamente o indirettamente la maggioranza dei voti o del capitale, vengono consolidate secondo il principio del consolidamento integrale. Il consolidamento del capitale avviene secondo il metodo anglosassone denominato purchase method. La differenza attiva risultante dal consolidamento (Goodwill) viene evidenziata sotto la voce Valori immateriali. I crediti, gli impegni e le operazioni interne al Gruppo, così come le reciproche poste del conto economico vengono opportunamente eliminati nella presentazione dei conti consolidati. Le società nelle quali la banca detiene direttamente o indirettamente una partecipazione tra il 20% e il 50% vengono integrate nel conto consolidato secondo il metodo denominato equity method. Esse figurano pertanto nei conti del gruppo per la quota parte del loro patrimonio netto di proprietà della banca. Chiusura Tutte le società consolidate hanno chiuso i loro conti al 31 dicembre Gruppo Cornèr Banca

18 Principi contabili e criteri di valutazione Rilevazione delle operazioni Tutte le operazioni a contanti sono iscritte a bilancio, in modo omogeneo, il giorno della loro conclusione e sono valutate secondo i criteri descritti in questo capitolo. Conversione delle valute estere Le posizioni in divisa estera sono convertite in franchi svizzeri sulla base dei corsi di chiusura. Le operazioni eseguite durante l anno sono convertite al cambio in vigore il giorno della transazione. Il risultato derivante dalla valutazione delle operazioni a bilancio e fuori bilancio viene contabilizzato nel conto economico sotto la voce Risultato da operazioni di negoziazione. Cambi applicati per le principali divise ed i metalli preziosi Divisa Fr. Svizzeri Fr. Svizzeri 1 Euro 1,2173 1, Dollaro USA 0,9382 0, Dollaro canadese 0,9207 0, Sterlina inglese 1,4569 1, Yen giapponesi 1,2152 1, g Oro 47, , g Argento 0, , Titoli del mercato monetario I crediti risultanti da titoli del mercato monetario sono iscritti a bilancio al valore nominale, mentre lo sconto è oggetto di una rateizzazione. I titoli di credito a tasso fisso vengono invece valutati secondo il sistema denominato accrual method. Crediti e impegni verso banche e clienti Tutti i crediti e gli impegni sono iscritti a bilancio al loro valore nominale. Qualora il rimborso di un credito o dei suoi interessi risultasse compromesso, questi ultimi non vengono più conteggiati o sono oggetto di un adeguato accantonamento. Per quanto riguarda il capitale, viene registrato uno specifico correttivo di valore in franchi svizzeri. A bilancio, le posizioni sono presentate per partite aperte. Operazioni di messa e presa in pensione di titoli Le operazioni Repo sono contabilizzate come depositi con costituzione in pegno di titoli. I titoli rimangono a bilancio, mentre il finanziamento è evidenziato sotto la voce Impegni nei confronti di banche. Analogamente, le operazioni di Reverse repo sono contabilizzate come prestiti con costituzione in pegno di titoli ed evidenziate sotto la voce Crediti nei confronti di banche. Il risultato economico figura sotto la voce Risultato da operazioni su interessi. Titoli e metalli preziosi destinati alla negoziazione Fanno capo a questa voce i titoli di partecipazione, i titoli a reddito fisso ed i metalli preziosi detenuti nell ambito delle ordinarie operazioni di negoziazione. La loro valutazione avviene in base al fair value. Tale valore corrisponde al prezzo di mercato del giorno di chiusura, quotato da una borsa riconosciuta o da un mercato rappresentativo, secondo la definizione della legislazione bancaria. Il valore di eventuali titoli non quotati viene stabilito in base a specifici e riconosciuti modelli di valutazione. I proventi da interessi e dividendi sono esposti nel conto economico, sotto la voce Risultato da operazioni su interessi. Alla voce Risultato da operazioni di negoziazione vengono attribuiti unicamente gli utili e le perdite di corso, senza tener conto dei costi di rifinanziamento. Gruppo Cornèr Banca 15

19 Principi contabili e criteri di valutazione Investimenti finanziari Gli investimenti finanziari comprendono tutti i valori patrimoniali che non riguardano operazioni di negoziazione o investimenti permanenti. La loro valutazione avviene secondo il principio del valore più basso fra quello d acquisto e quello di mercato (lower of cost or market). Gli utili e le perdite sono contabilizzati nel conto economico sotto la voce Altri risultati ordinari. Il risultato derivante dall alienazione di investimenti finanziari viene evidenziato in un apposita rubrica, mentre il saldo degli adeguamenti di valore è contabilizzato sotto la rubrica Altri proventi/oneri ordinari. I proventi da interessi e dividendi sono esposti nel conto economico sotto la voce Risultato da operazioni su interessi. Partecipazioni non consolidate Le partecipazioni non consolidate sono esposte a bilancio al prezzo di acquisizione, dedotti eventuali ammortamenti ritenuti economicamente necessari. Immobilizzi Negli immobilizzi sono compresi gli immobili ad uso della banca, gli altri immobili, gli impianti per l elaborazione elettronica dei dati, come pure gli altri impianti tecnici, gli equipaggiamenti aziendali e commerciali. Questa voce comprende anche i software. La loro valutazione si basa sul valore di acquisizione, dedotti gli ammortamenti economicamente necessari. Tali ammortamenti vengono quantificati in base alla durata di utilizzo stimata per ogni categoria, al massimo: Periodicamente il valore reale degli immobilizzi è oggetto di una nuova valutazione. Se da tale analisi risulta una mutata durata d utilizzo o una diminuzione di valore, viene registrato un ammortamento complementare. Gli investimenti di modesta entità sono addebitati direttamente al conto economico, sotto la voce Altri costi di gestione. I risultati economici di una eventuale alienazione di immobilizzi sono contabilizzati sotto la voce Ricavi/Costi straordinari. Nella tabella 14 Schema degli investimenti dell allegato, gli immobili e immobilizzi interamente ammortizzati non sono più riportati nelle colonne Valore d acquisto e Ammortamenti finora eseguiti. I valori materiali che l istituto stesso ha creato non vengono attivati. Valori immateriali Goodwill: Se i costi d acquisizione di una partecipazione sono più elevati rispetto ai suoi attivi netti, ripresi e valutati secondo direttive omogenee in vigore nel Gruppo, la differenza che ne risulta costituisce un goodwill. Tale goodwill figura all attivo del bilancio e viene ammortizzato linearmente su un periodo di 5 anni. Un "Impairment test" viene eseguito annualmente. Ratei e risconti Tutte le poste del conto economico sono delimitate temporalmente e attribuite al periodo contabile di loro competenza. Immobili Infrastrutture e impianti logistici Informatica (hardware e software), macchine in genere 50 anni 10 anni 3 anni 16 Gruppo Cornèr Banca

20 Principi contabili e criteri di valutazione Mutui presso centrali d'emissione di obbligazioni fondiarie I prestiti sono contabilizzati al valore nominale; ogni sconto o premio è ammortizzato sulla durata del prestito secondo il sistema denominato accrual method. Imposte Imposte ordinarie: Le imposte ordinarie sono calcolate in base alle normative fiscali in vigore nei rispettivi paesi e registrate come costo, per il periodo contabile di loro competenza. Gli accantonamenti sono evidenziati nella voce Ratei e risconti. Eventuali crediti d imposta sono iscritti a bilancio solo se vi è la ragionevole certezza di un loro recupero. Imposte latenti: Gli accantonamenti per imposte latenti coprono tutti i possibili oneri futuri dovuti al differimento d imposizione di specifiche poste; sono imputati alla voce Imposte nell esercizio in cui si manifestano e registrati sotto la voce Rettifiche di valore e accantonamenti. La valutazione di questi possibili oneri avviene annualmente, in base alle vigenti aliquote d imposta, a meno che non sia già noto l onere effettivo che dovrà essere sopportato in futuro. Gli accantonamenti esistenti al nei conti della Casa madre e in quelli del Gruppo, coprono in particolare le imposte sulle Riserve per rischi bancari generali. Rettifiche di valore e accantonamenti Per tutti i rischi ravvisabili alla chiusura del bilancio vengono prudenzialmente costituite specifiche rettifiche di valore o accantonamenti forfettari complementari. L onere che ne deriva, dedotti eventuali ricuperi, viene posto a carico della voce Rettifiche di valore, accantonamenti e perdite. Nel conto economico viene presentata la situazione netta, mentre nella tabella 21 dell'allegato vengono evidenziate le singole componenti. Rischio di credito: Un credito è considerato compromesso quando esiste una forte probabilità che il debitore non sia più in grado di rispettare i propri impegni di rimborso. Un credito è invece considerato in sofferenza quando emergono dei segnali che evidenziano la possibile incapacità del debitore di rispettare i propri impegni (per esempio a seguito del mancato rispetto di un obbligo contrattuale entro il termine di 90 giorni). In ambedue i casi viene costituita un'adeguata rettifica di valore, tenendo conto del valore di liquidazione delle eventuali garanzie esistenti. Gli interessi non sono più conteggiati o divengono anch'essi oggetto di una rettifica di valore. Anche i crediti a rischio potenziale sono oggetto di una rettifica di valore. Inoltre, per far fronte ai rischi latenti derivanti dai crediti al consumo, dai crediti navali e dal rischio Paese in generale viene effettuata una rettifica di valore forfettaria complementare, determinata in base a dati storici. Altri rischi: Ogni altro rischio derivante dall esercizio dell attività bancaria è oggetto di un adeguato accantonamento specifico, non appena ne viene rilevata l esistenza. Gli accantonamenti a copertura di attività fraudolente su carte di pagamento vengono evidenziati sotto la voce Altri rischi. Gruppo Cornèr Banca 17

21 Principi contabili e criteri di valutazione Strumenti finanziari derivati Gli strumenti finanziari derivati sono valutati in base al fair value e registrati a bilancio sotto forma di valori di rimpiazzo, positivi o negativi, nelle voci Altri attivi e Altri passivi. Il fair value corrisponde alla quotazione di un mercato riconosciuto o a un prezzo fissato da un market maker, oppure a valori stabiliti in base a specifici e riconosciuti modelli di valutazione. Anche i valori di rimpiazzo risultanti da operazioni generate dalla clientela sono portati a bilancio. Tali valori vengono presentati al lordo, senza compensazione fra valori di rimpiazzo positivi e negativi. Altre operazioni fuori bilancio Tutti gli altri elementi fuori bilancio sono valutati al valore nominale. Promesse irrevocabili I limiti di credito, concessi alla clientela e alle controparti bancarie, che possono essere revocati in ogni momento non vengono evidenziati. Operazioni di negoziazione: La Banca considera tutti gli strumenti finanziari derivati come operazioni di negoziazione, tranne quelli destinati alla copertura di una posizione di bilancio. I risultati economici derivanti dalla loro negoziazione sono registrati sotto la voce Risultato da operazioni di negoziazione. Operazioni di copertura: Le operazioni di copertura (hedging) sono identificate e dichiarate tali all inizio dell operazione e sono valutate in modo speculare alla posizione coperta. I valori di rimpiazzo vengono contabilizzati nel conto di compensazione (Altri attivi o Altri passivi), senza effetto sul conto economico. Il risultato economico già realizzato viene invece registrato sotto la voce Risultato da operazioni su interessi. La Banca verifica regolarmente le sue operazioni di copertura, al fine di assicurarne costantemente l efficienza. 18 Gruppo Cornèr Banca

22 Gestione e valutazione dei rischi La gestione dei rischi è parte integrante dell attività bancaria. Il Consiglio di Amministrazione emette e riesamina ad intervalli regolari la politica dei rischi e i regolamenti interni relativi alla stessa. Le società affiliate del Gruppo Cornèr Banca sono tenute ad aderire alle regole descritte in tali documenti. Il regolamento Politica dei rischi definisce la terminologia di base sulla gestione del rischio, descrive i principi guida circa l attitudine e la propensione della Banca al rischio e delinea il modello di gestione del rischio aziendale, al fine di assicurare che tutti i rischi rilevanti siano adeguatamente identificati, valutati, segnalati, controllati e monitorati e che le decisioni e le azioni necessarie siano adottate. Nel documento Ordinamento delle competenze, emesso dal Consiglio di Amministrazione, sono definiti chiaramente i poteri e i limiti relativi alle diverse categorie di rischio. I limiti sono tenuti costantemente sotto controllo e vige una netta separazione tra i dipartimenti operativi e le unità indipendenti di controllo. Una valutazione esaustiva dei rischi è regolarmente presentata sia al Consiglio di Amministrazione sia alla Direzione generale conformemente all'art. 663b cifra 12 del Codice delle obbligazioni. Il Consiglio di Amministrazione ha proceduto, durante la seduta del , alla valutazione annuale dei rischi della Casa madre e del Gruppo Cornèr Banca. Nel Gruppo Cornèr Banca sono definiti tre livelli di poteri e di responsabilità per la gestione del rischio. 1) La guida e la supervisione generale è affidata al Consiglio di Amministrazione, che definisce i principi generali della politica dei rischi e la strategia di gestione del rischio. 2) La formulazione e l'implementazione delle strategie di gestione del rischio, come pure la supervisione operativa, sono eseguite dalla Direzione generale e dai comitati da essa costituiti: il Comitato Asset Liability Management (ALM), il Comitato Trading (negoziazione), il Comitato Rischi di credito, il Comitato Compliance e Rischi operativi. 3) Il controllo indipendente del rischio è principalmente eseguito dall'unità di Risk Management e da quella di Compliance. L unità indipendente MIS (Management Information Systems) misura e controlla il grado di conseguimento degli obiettivi della Banca. Un particolare impegno viene dedicato al rafforzamento delle unità indipendenti di controllo dei rischi, alla formazione del personale in tutta la Banca e all aggiornamento dei sistemi informatici. I poteri e le responsabilità delle unità indipendenti di controllo del rischio sono chiaramente definiti nei documenti Regolamento della funzione di Risk Management e Regolamento della funzione di Compliance. L unità di revisione interna, in stretta collaborazione con i revisori esterni, coordina la fase finale del processo di controllo e monitoraggio del rischio. L unità è tenuta a verificare che le procedure siano adeguate e conformi alle Leggi, norme e regolamenti, nonché a monitorare il funzionamento appropriato del sistema di controllo interno come definito dalla Circolare 2008/24 Sorveglianza e controllo interno nel settore bancario dell autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA. Gruppo Cornèr Banca 19

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04.

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04. Report dei prodotti del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 7.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su Carrefour, Nestlé,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli