1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO SUBPRIME 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA SUBPRIME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO SUBPRIME 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA SUBPRIME"

Transcript

1 documento riservato alle RSA-FNA di Roma SETTEMBRE 2008 BOX D IINFORMAZIIONE 1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA 3.1 IL RAMO ASCENDENTE L IMPIANTO NORMATIVO LA CARTOLARIZZAZIONE I TASSI LE REGOLE DEL MERCATO DEI MUTUI subprime1 l insostenibile leggerezza della finanza creativa 3.2 IL RAMO DISCENDENTE L IMMOBILE, GARANZIA INSUFFICIENTE LA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE QUANDO I HAN FATTO BOOM LE RIPERCUSSIONI GLOBALIZZATE L 11 SETTEMBRE FINANZIARIO APPENDICE CREDIT SCORE CARTOLARIZZAZIONE 1 Fonti principali: Sole24ore, Repubblica, Corriere della Sera, altre pagina 1

2 1. INTRODUZIONE Una volta le Banche si assumevano i rischi dei prestiti concessi ai clienti avendo, così, (anche) la situazione sotto controllo. Oggi le cose vanno diversamente. Grazie alla CARTOLARIZZAZIONE (vedi appendice), Società specializzate spezzettano, assemblano e indirizzano i crediti verso Fondi o Banche che, a loro volta, per recuperare l investimento in fretta, trasferiscono i crediti ai portafogli del mercato globale, sotto forma di OBBLIGAZIONI. Il SISTEMA appena tracciato, riduce la solvibilità dei debitori ad un p r o b l e m a s e c o n d a r i o. Perché chi concede un credito, sa di poter trasferire, al mercato, importo e rischio. Ed è così che, negli anni d oro del settore immobiliare statunitense, si è affermata l industria del mutuo fondiario con Società specializzate che hanno preso a prestito denaro a costo basso in Oriente (Giappone, per lo più), concedendo mutui a tutti. Anche a soggetti finanziariamente poco affidabili. I mutui ad alto rischio (SUB PRIME), venivano CARTOLARIZZATI rapidamente a Finanziarie specializzate (SVP - SPECIAL VEHICLE PURPOSE), le quali, in caso di inadempienza, si incaricavano delle azioni legali necessarie per appropriarsi degli immobili in garanzia. Rivalutatisi, nel frattempo. La filiera ha fatto guadagnare proprio tutti: le SVP che realizzavano buoni utili o, in alternativa, entravano in possesso di immobili dai prezzi aumentati 2 ; i mutuatari inadempienti che avevano vissuto nella casa dei loro sogni, per qualche tempo e a costi contenuti. Come ci mostra la storia, i cicli si invertono. E così è stato per i a causa di 2 eventi, imprevedibili e, disgraziatamente, concomitanti: la discesa dei prezzi del mercato immobiliare l aumento dei tassi. I primi a saltare sono stati i FONDI ad alto rischio, come gli HEDGE. Poi le Banche che, come PARIBAS, sono state costrette a sospendere le attività su FONDI che investivano in ABS 3. Poi, tanti investitori qualunque. Inizialmente circoscritta ad un unico mercato, la crisi si è allargata rapidamente diffondendo panico nelle Borse dove l effetto domino del ribasso ha colpito indistintamente anche i titoli in buona salute. Fino ad arrivare al 11 SETTEMBRE FINANZIARIO di questi giorni. Che, probabilmente, non ha completato il suo ciclo di 24 ore. i Finanziatori asiatici le Società di mutui che vendevano denaro con buoni profitti; 2 a differenza che in Italia, negli Stati Uniti le operazioni di rivalsa attraverso l immobile a garanzia su chi non paga sono molto più agevoli. Anche per questo motivo si concedono mutui per l intero valore della casa a soggetti con scarse garanzie. 3 ASSET BACKED SECURITIES, strumenti finanziari emessi a fronte di operazioni di cartolarizzazione di crediti pagina 2

3 2. IL CREDITO 2.1 DEFINIZIONI Nel MERCATO DEI CAPITALI, il RISCHIO è bilanciato da un PREMIO. Un investitore che compra AZIONI, si aspetta un rendimento più elevato di quello atteso da chi compra TITOLI DI STATO. La regola vale anche per i prestiti. Negli Stati Uniti, con o B-PAPER O NEAR-PRIME O SECOND CHANCE sono indicati quei prestiti concessi a soggetti che non possono avere accesso a tassi più favorevoli nel mercato del credito. Nel circuito, assumendo un rischio elevato di credito derivante dalla scarsa affidabilità dei debitori, i finanziatori fanno fronte a questi rischi applicando condizioni meno favorevoli di quelle praticate nell analogo contesto prime. Queste condizioni includono tassi di interesse, parcelle e premi più elevati 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO La tipologia comprende più strumenti di credito: carte di credito mutui, prestiti d'auto. CARTE DI CREDITO I debitori (o clienti NINJA - no income, no job, no assets -) hanno un basso punteggio di credito (CREDIT SCORE) per storie creditizie di inadempienza. Il termine SUB-PRIME, pertanto, è utilizzato in relazione alle caratteristiche di chi contrae un prestito che ha uno SCORE inferiore a 620 (metodo FICO cfr. APPENDICE). Stando alla guideline del DIPARTIMENTO DEL TESORO AMERICANO, il fronte del debito subprime è costituito da soggetti legati ad una varietà di caratteristiche di rischio come: più pagamenti di crediti pregressi effettuati oltre 30 giorni dopo la scadenza negli ultimi 12 mesi, pagamenti effettuati 60 giorni oltre la scadenza negli ultimi 36 mesi, insolvenza su un mutuo negli ultimi 2 anni, che include, anche, problemi più gravi come avvisi di garanzia, pignoramenti, e bancarotta. pagina 3 A partire dagli anni 90, le Aziende emittenti hanno offerto CARTE DI CREDITO a soggetti con un basso punteggio di credito. Queste carte partono con bassi limiti di credito, tariffe alte tassi di interesse che possono superare il 30%. A differenza del circuito PRIME, ai clienti non viene accordato un periodo di tolleranza in cui i pagamenti possano essere ancora effettuati senza extra-costi. E la circostanza alimenta, talvolta, una spirale negativa: una volta addebitati sul conto, gli importi di mora potrebbero portare il credito a superare il plafond previsto comportando penali ulteriori e determinando maggiori guadagni per gli enti erogatori. Nonostante le condizioni praticate, il mercato è diventato concorrenziale e, dal 2006, le Società di credito, costrette a rendere le loro offerte più appetibili, hanno immesso sul mercato nuove

4 CARTE con interessi che partono dal 9,9% per arrivare, anche, al 24%. Tenendo presente i cicli brevi di rilascio di dati sulla Clientela da parte delle società di CREDIT REPORTING (una sorta di CENTRALE RISCHI), se i debiti venissero saldati con regolarità, le CARTE DI CREDITO possono costituire un aiuto a migliorare un score basso. MUTUI IPOTECARI Negli USA, i MUTUI hanno proliferato a partire dai primi anni del Moody's indica che circa il 21% dei mutui contratti dal 2004 al 2006 si sono classificati come, laddove, dal 1996 al 2004, la percentuale si attestava intorno al 9%. Nel 2006, i MUTUI raccoglievano per 600 mld US$ ovvero 1/5 dell intero mercato statunitense dei mutui per la casa. Varie tipologie: INTEREST-ONLY per un periodo di tempo determinato (5 10 anni), vengono rimborsati, mensilmente, solo gli interessi mentre il capitale viene restituito, in un unica soluzione, alla scadenza del mutuo; PICK-PAYMENT la forma consente di scegliere la tipologia di pagamento mensile (pagamento pieno cioè capitale e interessi, solo quota interessi, pagamento minimo); TASSO INIZIALE FISSO E POI VARIABILE a partire dagli anni 90, è stata la tipologia più diffusa. Comprende i cd. MUTUI , di durata trentennale dove, nei primi due anni, l ammortamento prevede un tasso di interesse basso. Per i 28 anni residui, il piano dei rimborsi viene ricalcolato sulla scorta di un tasso più elevato collegato, di norma, ad un INDICE. 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA 3.1 IL RAMO ASCENDENTE IL CONTESTO NORMATIVO Il credito nasce dalla deregolamentazione del sistema ipotecario iniziata a partire dal con l abolizione della disposizione anti-usura che limitava agli interessi esigibili di una banca al 10% 6 ; l approvazione dell' ALTERNATIVE MORTGAGE TRANSACTION PARITY ACT (ndr, di seguito indicato con AMT ACT) che consentiva a CASSE DI RISPARMIO e ad ISTITUTI FINANZIARI autorizzati, di erogare prestiti a tasso variabile anche per il mercato ipotecario. I due eventi comportarono una trasformazione delle regole del mercato dei mutui vigenti che, ai tempi, in caso di acquisto di un immobile, prevedevano la stipula di un mutuo trentennale, a tasso fisso, versando un acconto del 20% LA CARTOLARIZZAZIONE Il processo di trasformazione continuò quando, la Banca d affari LAZARD FRERES, acquisì il più importante Istituto di Credito Ipotecario statunitense, il FANNIE MAE, che fu attrezzato per l acquisto di titoli dalle Società di finanziamento abilitate dall AMTP ACT. Società che, con il ricavato, concedevano nuovi mutui. La FANNIE MAE incominciò ad immettere sul mercato azionario, titoli MBS-MORTGAGE-BACKED SECURITIES, vale a dire, OBBLIGAZIONI derivanti da 4 sono praticate, anche, le varianti 3-27 e pagina 4 5 legge Garn-St. Germain 6 i PRIME RATE raggiunsero negli anni 80, punte del 21,5%

5 operazioni di CARTOLARIZZAZIONE (SECURITIZATION) di crediti ipotecari a garanzia dei pagamenti delle cedole e della parte di capitale. Si venne, così, a creare una spirale concentrica di affari che, nel 1995, aveva dimensioni già importanti e che, continuando ad allargarsi, nel 2006, valeva mld US$. Ed è in questo lo scenario che si è sviluppata l industria I TASSI Nel 2000, dopo il crac della bolla della NEW ECONOMY, il presidente della FEDERAL RISERVE, Alan Greenspan, abbassò i tassi dei FEDERAL FUNDS 7 che, nell'agosto 2003, toccarono l'1%. La manovra fece leva, anche, sui tassi d'interesse sui mutui, abbassandoli sensibilmente. solo gli interessi e solo dopo, il capitale (con un alta probabilità di insolvenza). 3.2 IL RAMO DISCENDENTE L IMMOBILE, GARANZIA INSUFFICIENTE Come tutti i mutui, anche i mortgage erano concessi a fronte della garanzia reale sulla casa. Diversamente che in Italia, dove passano anni prima che la casa torni in possesso del finanziatore, negli Stati Uniti bastano solo pochi mesi. Infatti, già dalla seconda/terza rata mensile non pagata, il mutuatario viene sfrattato e l immobile viene messo nella lista dei foreclosure (in svendita) in modo tale che, alla sua vendita, la Banca rientri in possesso dei suoi quattrini LE NUOVE REGOLE DEL MERCATO DEI MUTUI Sempre nel 2000, i mutui giocavano in un contesto particolarmente friendly: l'anticipo per l'acquisto di un immobile fu progressivamente ridotto fino ad arrivare al 5%; Nel caso di mutui ordinari, l'importo del finanziamento non supera mai il 70-80% del valore della casa così da avere un margine in caso o di recupero forzoso dell'immobile o di calo del valore di mercato. Questa regola d igiene, è stata disattesa negli ultimi 5 anni. In particolare, nel caso di finanziamenti. il 15% dei MUTUI erano stipulati senza documentazione (reddito, occupazione, altri dati). Nel 2006 i CONTRATTI senza documentazione salirono al 50% e molti dei richiedenti dichiaravano redditi superiori, anche del 50%, rispetto a quello reale; fu introdotto il sistema dei mutui INTEREST ONLY 8, dove, per evitare pagamenti elevati da subito, l'acquirente rimborsava, innanzitutto, 7 (anche Fed Funds) sono le riserve obbligatorie che le Banche americane detengono presso la Federal Reserve. Ogni giorno, il Federal Reserve Board fissa i tassi relativi in rapporto a politica e mercato. 8 Nel 2001, l incidenza degli INTEREST ONLY era del 4% sul totale dei finanziamenti per arrivare al 39% nel pagina 5 Infatti, oltre a non mantenere alcun margine di copertura del rischio, le Banche hanno erogato, normalmente, importi che andavano a coprire il 100% del valore dell immobile, le parcelle del broker immobiliare (3-5%), del notaio (TITLE COMPANY), delle spese istruttorie. A proposito di queste ultime, in sostituzione di mutui a tasso fisso, le Banche hanno venduto con grande successo, mutui a tasso variabile che,

6 almeno inizialmente, apparivano vantaggiosi e sostenibili 9. Da un analisi del WALL STREET JOURNAL (3 Dicembre 2007), emerge che, su miliardi di dollari erogati, dal 2000, per prestiti, una percentuale consistente di debitori aveva una situazione di affidabilità sufficiente a contrarre prestiti convenzionali a condizioni migliori. Nel 2005, l'anno del boom del, i debitori affidabili rappresentavano il 55% di tutti i mutuatari. Secondo una ricerca di FIRST AMERICAN LOAN PERFORMANCE, alla fine del 2006, la percentuale è salita al 61% evidenziando la capillarità del nel sistema economico, incoraggiata dalla sostanziale scorrettezza degli Operatori del credito. Diversamente da quanto accade in Italia, dove l'iscrizione ipotecaria é solo di I grado 10, negli USA, sullo stesso immobile cauzionale, possono essere accesi più finanziamenti pertanto, nel momento dell'insoluto, lo stesso immobile ha dovuto coprire le esposizioni di più operazioni risultando, il più delle volte, incapiente LA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE Sull affaire ha giocato un ruolo determinante la caduta dei prezzi nel mercato immobiliare statunitense che, già da tempo, soffriva di sopravalutazione 11. Dal 2000 al 2005, mentre i prezzi degli immobili crescevano, i debitori che avevano difficoltà nell'adempiere ai pagamenti, vendevano le loro case oppure accedevano a nuovi finanziamenti con la facilità appena indicata. Ma, non appena i prezzi hanno cominciato a raffreddarsi in molte parti della nazione americana, la strategia non ha più funzionato. Ai fini della comprensione del fenomeno, è rilevante notare che: il 50% del PIL americano negli ultimi anni è derivato dal settore edilizio; gli Americani utilizzano, diffusamente, carte di credito per l'acquisto di beni di consumo; impegnano beni durevoli, come la prima casa, per finanziare crediti. In questo modo il prezzo degli immobili è una determinate del consumo oltre che del credito All epoca dell ascesa dei mutui, i tassi di interesse stabilmente bassi da alcuni anni, lasciavano pensare che fossero convenienti mutui a tasso variabile. Tuttavia, i nuovi contratti ipotecari con queste caratteristiche non prevedevano, quasi mai, l indicazione l interesse massimo applicabile. 10 L'iscrizione di un' IPOTECA DI PRIMO GRADO, permette di essere i primi creditori ad incassare il ricavato di un'eventuale vendita giudiziaria. È possibile che uno stesso immobile sia gravato da più diritti di ipoteca. In questo caso, con la vendita, potrà soddisfarsi, prima di tutti, il titolare dell' IPOTECA DI PRIMO GRADO, poi, con quello che residua, tutti gli altri aventi diritto. 11 soprattutto in alcune aree come California, Florida e New England 12 l indebitamento delle famiglie americane, nel 2007, si attestava intorno al 130%. Volendo guardare al dato domestico, secondo la Banca d Italia, a fine Giugno 2007, il rapporto tra debiti e reddito disponibile delle famiglie italiane, ha raggiunto il 49% (+ 2% rispetto al 2006, nel 2001 la percentuale era intorno al 30%). Quindi, prestiti, mutui e finanziamenti arrivano ad impegnare quasi la metà degli introiti mensili di una famiglia. pagina 6

7 3.2.3 QUANDO I HAN FATTO BOOM Generando perdite per oltre 200 mld US$, la crisi dei MORTGAGE e scoppiata a causa del concatenarsi di diversi eventi: numero di operazioni a rischio () fuori controllo, crisi del settore immobiliare crescita costante dei tassi d interesse negli ultimi cinque anni e diffusione di piani di ammortamento a tasso variabile Questi fattori, dalla fine del 2006, hanno portato ad un'ascesa rapida delle percentuali di insolvenza dei mutui. ad immettere sul mercato, ripetutamente, ingente liquidità ad abbassare i tassi d interesse. Alcuni economisti, compreso Alan Greenspan, già presidente della FEDERAL RESERVE, già alla fine dello scorso anno, erano dell opinione che la crisi continuerà ad avere forti impatti sul settore immobiliare e sull'intera economia USA (e non solo) per qualche anno. In tale scenario, la flessione del valore degli immobili, provocando maggiore incertezza finanziaria sui proprietari, contribuirà ad indebolire l'intera economia statunitense attraverso un graduale declino della spesa LE RIPERCUSSIONI GLOBALIZZATE Il calo dell Agosto 2007 delle Borse americane, europee ed asiatiche ha indotto le BANCHE CENTRALI di tutto il mondo ad immettere miliardi di liquidità a sostegno delle Borse. Nell'area Euro si è verificato il più massiccio intervento nella storia della BCE, e si è parlato di un rischio di iperinflazione per i prossimi mesi a causa della moneta immessa in circolazione. Contestualmente sono andate fallite 23 Agenzie di credito 13 facendo collassare i prezzi delle loro azioni e minacciando conseguenze vaste per l'intera economia USA, oltre che per il settore abitativo americano. Non appena le Istituzioni hanno lanciato i primi segnali di allarme, i grossi investitori come Banche e Fondi d investimento, che avevano in portafoglio mutui cartolarizzati, hanno iniziato a vendere, provocando un comprensibile panico sui listini internazionali. Cercando di evitare crolli ulteriori, la FED è stata costretta Già l anno scorso, a ridosso dello scoppio, Carlo De Benedetti 14, sosteneva che il problema dei era stato grandemente sottovalutato e che l effettiva esposizione del Sistema Bancario statunitense si aggirava intorno ai 300 mld., ben superiore ai 30 miliardi indicati dal Governatore della Fed, Ban Bernanke. Sempre secondo l Ingegnere, oltre il fatto che " le Banche non danno più un euro a nessuno e non se lo prestano tra di loro, perché hanno diffidenza l'una dell'altra non sapendo che cos'hanno realmente in portafoglio", l'europa non è da meno essendo esposta per 340 mld. E dopo le recenti faccende americane, come non dargli ragione! 13 come la NEW CENTURY FINANCIAL CORPORATION, il secondo finanziatore americano 14 Corriere della Sera, 18 Dicembre 2007 pagina 7

8 3.2.5 L 11 SETTEMBRE FINANZIARIO stanziamento di 200 mld US$ da destinare al rafforzamento del capitale di entrambe. 7 - nazionalizzate FREDDIE MAC e FANNIE MAE FREDDIE (Federal National Mortgage Association) e FANNIE (Federal Home Loan Mortgage Corporation) sono nate, entrambe, alla fine degli anni 30 per garantire i FONDI per il mercato immobiliare americano. Ovvero, non concedevano mutui agli Americani ma comperavano mutui, li assicuravano, li impacchettavano, li cartolarizzavano, per rivenderli agli investitori sotto forma di titoli. Erano, quindi, nel pieno del meccanismo che ha (s)travolto i mercati finanziari. Tutti i big di Wall Street hanno in portafoglio derivati di questo meccanismo (la BANCA CENTRALE cinese ha OBBLIGAZIONI FANNIE/FREDDIE per centinaia di miliardi di dollari, così istituzioni di Arabia Saudita, Russia, Giappone, eccetera) Lehman Brothers avvia la procedura fallimentare Fondata nel 1850, la LEHMAN BROTHERS è una società di servizi finanziari (investment banking, ricerche di mercato, trading, investment management, private equity ecc) e uno dei primari operatori del mercato statunitense. Il 15 Settembre scorso, la LEHMAN ha avviato la procedura fallimentare annunciando debiti bancari per 613 mld US$, debiti obbligazionari per 155 mld US$ e attività per un valore di 639 mld US$. Quella che è considerata la più grande bancarotta nella storia degli USA, sta avendo importanti ripercussioni nel mondo finanziario nazionale. Secondo l'adusbef, in Italia ci sarebbero in circolazione BOND della banca americana, per almeno 1,6 mld. A questi vanno aggiunte le OBBLIGAZIONI presenti nei sottostanti delle polizze assicurative e nei portafogli dei FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO. Ed è proprio in questi giorni, che le Compagnie stanno decidendo sul da farsi. 17 la FED salva AIG Negli anni, la loro attività è arrivata a garantire mld US$ di mutui (un terzo della capitalizzazione della Borsa di New York e oltre un terzo del PIL americano). Tutto bene fino a un anno fa quando FANNIE e FREDDIE, in soli 12 mesi, hanno messo in bilancio perdite per 14 mld US$ e il loro valore di Borsa è sceso del 90%. Lo scorso Luglio, l'amministrazione Bush aveva, di fatto, nazionalizzato le due finanziarie. Poi è intervenuto il Tesoro, direttamente: nel giro di 48 ore ha autorizzato, per ciascuna, l'acquisto di 1 mld US$ di azioni e ha annunciato uno AIG è il piu' grande gruppo assicurativo del mondo, la Compagnia numero uno Usa che eroga la maggior parte delle rendite a tasso fisso, uno dei prodotti su cui si basa l intero sistema previdenziale americano. Ma AIG ha anche una BANCA D'AFFARI fortemente esposta a causa dei prodotti strutturati garantiti da mutui. Si parla di un buco di 441 mld US$ (oltre 300 mld ). Il 17 Settembre il Gruppo AIG è stato salvato dal fallimento dalla FED, grazie ad un PRESTITO PONTE di 85 mld US$ (fallimento di proporzioni bibliche, da mld US$ con una catastrofica reazione a catena per la finanza globale). pagina 8

9 APPENDICE CREDIT SCORE L AFFIDABILITÀ CREDITIZIA esprime la capacità di rimborsare un prestito con puntualità. Si rappresenta con un punteggio - CREDIT SCORE -, utile per valutare il merito creditizio ovvero la possibilità di concedere o meno un prestito. Questo indicatore tiene conto di diversi elementi come il livello attuale d'indebitamento, la capacità di reddito, i dati storici della puntualità nei pagamenti, ecc. ed è calcolato in funzione dei dati disponibili sul cliente ottenuti da BANCHE DATI pubbliche,dai CREDIT BUREAU 15 e dallo stesso Cliente. Negli Stati Uniti esistono differenti indici e, quindi, metodi di valutazione di affidabilità creditizia come NEXTGEN, VANTAGESCORE, CE SCORE, FICO. Quest ultimo, il più diffuso nell industria dei mutui, in particolare, è stato brevettato dalla Fair Isaac Corporation 16 (FIC) che fornisce servizi di consulenza e sistemi di DECISION MANAGEMENT. I FICO scores, forniti dalle maggiori Società di CONSUMER REPORTING 17 degli USA e del Canada, esprimono le valutazioni di affidabilità creditizia in punteggi che vanno da 300 a 850 dove, ad uno score più alto, corrisponde una probabilità maggiore di ottenere un prestito al miglior tasso di interesse. Nell intervallo, la soglia dei 620 punti 18 divide i soggetti che possono ricorrere ai prestiti convenzionali (PRIME) da quelli che, al contrario, non ne hanno la possibilità. 15 servizio fornito dalle CENTRALI RISCHI (oggi sostituite dai SIC), alle società clienti come banche e finanziarie, che prevede la comunicazione di informazioni sulla storia creditizia dei soggetti censiti. 16 fondata nel 1956 da un ingegnere, Bill Fair, ed un matematico, Earl Isaac, la FAIR ISAAC CORPORATION ha sede a Minneapolis e uffici in Nord e Sud America, Europa, Australia e Asia. La Società ha dipendenti (2006) ed un fatturato che, nel 2005, ha raggiunto gli US$800 mio. 17 Equifax, Experian, TransUnion 18 In un recente articolo del WASHINGTON POST, si legge che il PRIME è stato innalzato di 40 punti e che, circa, il 30% della popolazione statunitense è al di sotto di questa nuova soglia. pagina 9

10 CARTOLARIZZAZIONE 19 La CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI (SECURITIZATION) da parte di un azienda (ORIGINATOR), è una tecnica finanziaria che prevede la cessione pro soluto 20, cioè senza rivalsa nei confronti del cedente, di attività patrimoniali in grado di generare FLUSSI DI CASSA 21, ad una Società appositamente costituita (SOCIETÀ VEICOLO O SPECIAL VEHICLE PURPOSE- SVP) dietro la corresponsione di un prezzo di cessione 22. La SVP reperisce i fondi necessari per acquistare i CREDITI PRO-SOLUTO, senza transitare per il sistema del credito ordinario ma direttamente dal mercato finanziario, emettendo un BOND (Asset Backed Securities o ABS) 23 che viene collocato da Banche specializzate sui mercati internazionali 24. L emissione di questi titoli è definita s e n z a r i c o r s o in quanto il cedente non ne garantisce il rimborso qualora non fossero sufficienti i FLUSSI DI CASSA generati dalle attività cedute. Sull altro fronte, i FLUSSI DI CASSA prodotti dalle attività sottostanti, sono successivamente impiegati per rimborsare e remunerare i sottoscrittori di ABS. La Società versa i propri crediti nel conto della SVP e ritira il controvalore cash entro il plafond prestabilito con una Banca (Arranger) che regola il rapporto di CARTOLARIZZAZIONE. La disponibilità del conto aumenta con l incasso dei crediti, per cui la società può versare altri crediti e prelevare il controvalore, entro il plafond stabilito 25. La possibilità di prelevare cash entro il plafond concordato, diminuisce quando si preleva cash (a fronte di cessione di credito), e aumenta quando i crediti ceduti vengono incassati. La CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI costituisce, talvolta, un'alternativa alle modalità di raccolta tradizionali in quanto consente alle Aziende di raccogliere risorse finanziarie sui mercati mobiliari a fronte della cessione degli attivi di cui sono titolari. Inoltre, poiché con la CARTOLARIZZAZIONE i crediti sono incassati s u b i t o e d e f i n i t i v a m e n t e, ne consegue che le Società, non dovendo utilizzare i loro fidi (per i valori cartolarizzati), riducono in maniera significativa l esposizione bancaria, migliorando i propri parametri finanziari. 19 fonte: pubblicazione della INTERINVEST, IURECONSULT, altro 20 il Codice Civile disciplina lo strumento della CESSIONE DEL CREDITO consistente della cessione di un credito da parte del CREDITORE TITOLARE DEL DIRITTO ad un CESSIONARIO che acquisisce il diritto al credito, normalmente, ad un prezzo inferiore del suo valore nominale. La differenza tra CESSIONE PRO SOLUTO e CESSIONE PRO SOLVENDO risiede nel fatto che, nella prima, il CEDENTE è tenuto a garantire solo l'esistenza del credito ceduto e non la solvibilità del debitore ceduto, come avviene nella seconda. Ne consegue che il CEDENTE è affrancato da ogni obbligo di pagare il debito qualora non abbia provveduto il debitore ceduto. Normalmente, la CESSIONE del credito PRO SOLUTO avviene per un importo di molto inferiore a quello nominale per due motivi: 1)in questo modo, il cedente si assicura la disponibilità immediata di liquidità e questo viene tenuto in considerazione nello stabilire il prezzo dei crediti ceduti; 2)nel prezzo, le parti tengono conto delle possibilità effettive di recupero del credito. 21 gli attivi da cedere possono essere già esistenti come mutui ipotecari, prestiti per il credito al consumo, crediti in sofferenza, crediti concessi ad enti locali o al tesoro, immobili. Oppure futuri come royalties. 22 La legge di riferimento, in Italia, è la legge 130 del i titoli sono divisi in classi, a seconda del rating attribuito 23 - AAA, AA, BBB, BB e così via, fino alla partecipazione azionaria - con un merito creditizio che è minore quanto più è alto il livello di subordinazione nella restituzione del debito obbligazionario. 24 gli HEDGE FUND sono tra le società più attive sul mercato secondario delle cartolarizzazioni 25 l operazione è simile ad un fido utilizzabile in continuo, la cui esposizione è garantita dai crediti ceduti prosoluto pagina 10

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

La crisi dei mutui subprime: una panoramica. Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA

La crisi dei mutui subprime: una panoramica. Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA La crisi dei mutui subprime: una panoramica Annamaria Lusardi Professore di economia Dartmouth College USA Ringraziamenti Un grazie a chi ha contribuito alla realizzazione di questa presentazione con idee

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Per diffusione immediata: 18 aprile 2013

Per diffusione immediata: 18 aprile 2013 Per diffusione immediata: 18 aprile 2013 L'AMMINISTRAZIONE CUOMO SI ACCORDA CON IL SECONDO ASSICURATORE PIU IMPORTANTE DELLA NAZIONE, AVVIANDO DELLE RIFORME INNOVATIVE IN TUTTA LA NAZIONE E RISPARMIANDO

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa...

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Hai riscontrato che accendere un mutuo oggi è piuttosto complicato e non sempre conveniente? Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Immagina di poter: entrare subito nella

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa 1. Introduzione Come ogni anno Tecnoborsa torna a sondare il mercato dei

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers 04 dicembre 2008 - Trenta risparmiatori difesi dai legali delle tre associazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

AVVISO DI CESSIONE. a parziale rettifica del precedente n. IG - 08255. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Parte II n. 105 del 4-9-2008 * * * * *

AVVISO DI CESSIONE. a parziale rettifica del precedente n. IG - 08255. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Parte II n. 105 del 4-9-2008 * * * * * AVVISO DI CESSIONE a parziale rettifica del precedente n. IG - 08255 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Parte II n. 105 del 4-9-2008 * * * * * UniCredit BpC Mortgage S.r.l Sede sociale in Piazzetta Monte

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9 27/06/2016 Come previsto dalla Banca d Italia nelle Disposizioni di Vigilanza del 30/12/2008, in relazione all oggetto, si elencano nel prospetto seguente le diverse tipologie di mutui offerti dalla Nuova

Dettagli

Prospetto con dati aggiornati al 01/07/2015 Pagina 1 di 8

Prospetto con dati aggiornati al 01/07/2015 Pagina 1 di 8 . AGGIORNAMENTO N.48 01/07/2015 Come previsto dalla Banca d Italia nelle Disposizioni di Vigilanza del 30/12/2008, in relazione all oggetto, si elencano nel prospetto seguente le diverse tipologie di mutui

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI 7 maggio 2014 GR Centro Studi Acen Il tema dei mutui alle famiglie è essenziale nel sistema delle costruzioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro Top players in Europa PARVEST Equity Best Selection Euro 5 motivi per investire in PARVEST Equity Best Selection Euro 1 I nostri esperti ritengono che potrebbe essere il momento opportuno per investire

Dettagli

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I.

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I. Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni Edizioni R.E.I. 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni ISBN 978-88-97362-46-3 Copyright 2011 - Edizioni

Dettagli

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Cartolarizzazioni di immobili e crediti Cartolarizzazione Consiste in un operazione di conversione di assets di bilancio in titoli: consente di convertire parte delle proprie attività in titoli con la

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MUTUO FONDIARIO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385

FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MUTUO FONDIARIO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MUTUO FONDIARIO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDIT SUISSE (ITALY) S.p.A. Capogruppo del Gruppo Credit Suisse

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO Pag. 2 Mutuo Impresa MULTIFASCE Pag. 3 Definizione e Beneficiari MULTIFASCE è la nuova linea di credito destinata alle aziende Corporate e Small business

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI)

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI) 1/6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca del Monte di Lucca spa sede legale Piazza S.Martino, 4-55100 Lucca Tel.centralino 0583-4501 fax 0583-48721 Internet : www.bmlucca.it - email: bmlucca@bmlucca.it, Iscritta

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO C.C.I.A.A. (RE), nov-dic 2012 IFOA - Cosimo Scarafile 1 ASSUNZIONE DI RISCHIO Le pre-condizioni per la banca 1. Progetto di investimento credibile (realisticamente

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati Bloomberg, che è il più importante servizio di informazioni finanziarie, da questa settimana ha cominciato ad usare il termine "Obama Bear Market". Il cuore del problema è il sistema finanziario che è

Dettagli

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 (D.Lgs. 385/1993 e successive modifiche Deliberazione CICR del 04.03.03) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

Condizioni valide al 01/12/2012

Condizioni valide al 01/12/2012 1/5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Carrara S.p.A. Via Roma, 2-54033 Carrara Tel. centralino 05857661 Fax 0585776333 C.P. 367 Carrara Internet: www.gruppocarige.it - e-mail: crcarraraonline@crcarrara.it

Dettagli