1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO SUBPRIME 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA SUBPRIME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO SUBPRIME 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA SUBPRIME"

Transcript

1 documento riservato alle RSA-FNA di Roma SETTEMBRE 2008 BOX D IINFORMAZIIONE 1. INTRODUZIONE 2. IL CREDITO 2.1 DEFINIZIONI 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA 3.1 IL RAMO ASCENDENTE L IMPIANTO NORMATIVO LA CARTOLARIZZAZIONE I TASSI LE REGOLE DEL MERCATO DEI MUTUI subprime1 l insostenibile leggerezza della finanza creativa 3.2 IL RAMO DISCENDENTE L IMMOBILE, GARANZIA INSUFFICIENTE LA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE QUANDO I HAN FATTO BOOM LE RIPERCUSSIONI GLOBALIZZATE L 11 SETTEMBRE FINANZIARIO APPENDICE CREDIT SCORE CARTOLARIZZAZIONE 1 Fonti principali: Sole24ore, Repubblica, Corriere della Sera, altre pagina 1

2 1. INTRODUZIONE Una volta le Banche si assumevano i rischi dei prestiti concessi ai clienti avendo, così, (anche) la situazione sotto controllo. Oggi le cose vanno diversamente. Grazie alla CARTOLARIZZAZIONE (vedi appendice), Società specializzate spezzettano, assemblano e indirizzano i crediti verso Fondi o Banche che, a loro volta, per recuperare l investimento in fretta, trasferiscono i crediti ai portafogli del mercato globale, sotto forma di OBBLIGAZIONI. Il SISTEMA appena tracciato, riduce la solvibilità dei debitori ad un p r o b l e m a s e c o n d a r i o. Perché chi concede un credito, sa di poter trasferire, al mercato, importo e rischio. Ed è così che, negli anni d oro del settore immobiliare statunitense, si è affermata l industria del mutuo fondiario con Società specializzate che hanno preso a prestito denaro a costo basso in Oriente (Giappone, per lo più), concedendo mutui a tutti. Anche a soggetti finanziariamente poco affidabili. I mutui ad alto rischio (SUB PRIME), venivano CARTOLARIZZATI rapidamente a Finanziarie specializzate (SVP - SPECIAL VEHICLE PURPOSE), le quali, in caso di inadempienza, si incaricavano delle azioni legali necessarie per appropriarsi degli immobili in garanzia. Rivalutatisi, nel frattempo. La filiera ha fatto guadagnare proprio tutti: le SVP che realizzavano buoni utili o, in alternativa, entravano in possesso di immobili dai prezzi aumentati 2 ; i mutuatari inadempienti che avevano vissuto nella casa dei loro sogni, per qualche tempo e a costi contenuti. Come ci mostra la storia, i cicli si invertono. E così è stato per i a causa di 2 eventi, imprevedibili e, disgraziatamente, concomitanti: la discesa dei prezzi del mercato immobiliare l aumento dei tassi. I primi a saltare sono stati i FONDI ad alto rischio, come gli HEDGE. Poi le Banche che, come PARIBAS, sono state costrette a sospendere le attività su FONDI che investivano in ABS 3. Poi, tanti investitori qualunque. Inizialmente circoscritta ad un unico mercato, la crisi si è allargata rapidamente diffondendo panico nelle Borse dove l effetto domino del ribasso ha colpito indistintamente anche i titoli in buona salute. Fino ad arrivare al 11 SETTEMBRE FINANZIARIO di questi giorni. Che, probabilmente, non ha completato il suo ciclo di 24 ore. i Finanziatori asiatici le Società di mutui che vendevano denaro con buoni profitti; 2 a differenza che in Italia, negli Stati Uniti le operazioni di rivalsa attraverso l immobile a garanzia su chi non paga sono molto più agevoli. Anche per questo motivo si concedono mutui per l intero valore della casa a soggetti con scarse garanzie. 3 ASSET BACKED SECURITIES, strumenti finanziari emessi a fronte di operazioni di cartolarizzazione di crediti pagina 2

3 2. IL CREDITO 2.1 DEFINIZIONI Nel MERCATO DEI CAPITALI, il RISCHIO è bilanciato da un PREMIO. Un investitore che compra AZIONI, si aspetta un rendimento più elevato di quello atteso da chi compra TITOLI DI STATO. La regola vale anche per i prestiti. Negli Stati Uniti, con o B-PAPER O NEAR-PRIME O SECOND CHANCE sono indicati quei prestiti concessi a soggetti che non possono avere accesso a tassi più favorevoli nel mercato del credito. Nel circuito, assumendo un rischio elevato di credito derivante dalla scarsa affidabilità dei debitori, i finanziatori fanno fronte a questi rischi applicando condizioni meno favorevoli di quelle praticate nell analogo contesto prime. Queste condizioni includono tassi di interesse, parcelle e premi più elevati 2.2 TIPOLOGIE DI CREDITO La tipologia comprende più strumenti di credito: carte di credito mutui, prestiti d'auto. CARTE DI CREDITO I debitori (o clienti NINJA - no income, no job, no assets -) hanno un basso punteggio di credito (CREDIT SCORE) per storie creditizie di inadempienza. Il termine SUB-PRIME, pertanto, è utilizzato in relazione alle caratteristiche di chi contrae un prestito che ha uno SCORE inferiore a 620 (metodo FICO cfr. APPENDICE). Stando alla guideline del DIPARTIMENTO DEL TESORO AMERICANO, il fronte del debito subprime è costituito da soggetti legati ad una varietà di caratteristiche di rischio come: più pagamenti di crediti pregressi effettuati oltre 30 giorni dopo la scadenza negli ultimi 12 mesi, pagamenti effettuati 60 giorni oltre la scadenza negli ultimi 36 mesi, insolvenza su un mutuo negli ultimi 2 anni, che include, anche, problemi più gravi come avvisi di garanzia, pignoramenti, e bancarotta. pagina 3 A partire dagli anni 90, le Aziende emittenti hanno offerto CARTE DI CREDITO a soggetti con un basso punteggio di credito. Queste carte partono con bassi limiti di credito, tariffe alte tassi di interesse che possono superare il 30%. A differenza del circuito PRIME, ai clienti non viene accordato un periodo di tolleranza in cui i pagamenti possano essere ancora effettuati senza extra-costi. E la circostanza alimenta, talvolta, una spirale negativa: una volta addebitati sul conto, gli importi di mora potrebbero portare il credito a superare il plafond previsto comportando penali ulteriori e determinando maggiori guadagni per gli enti erogatori. Nonostante le condizioni praticate, il mercato è diventato concorrenziale e, dal 2006, le Società di credito, costrette a rendere le loro offerte più appetibili, hanno immesso sul mercato nuove

4 CARTE con interessi che partono dal 9,9% per arrivare, anche, al 24%. Tenendo presente i cicli brevi di rilascio di dati sulla Clientela da parte delle società di CREDIT REPORTING (una sorta di CENTRALE RISCHI), se i debiti venissero saldati con regolarità, le CARTE DI CREDITO possono costituire un aiuto a migliorare un score basso. MUTUI IPOTECARI Negli USA, i MUTUI hanno proliferato a partire dai primi anni del Moody's indica che circa il 21% dei mutui contratti dal 2004 al 2006 si sono classificati come, laddove, dal 1996 al 2004, la percentuale si attestava intorno al 9%. Nel 2006, i MUTUI raccoglievano per 600 mld US$ ovvero 1/5 dell intero mercato statunitense dei mutui per la casa. Varie tipologie: INTEREST-ONLY per un periodo di tempo determinato (5 10 anni), vengono rimborsati, mensilmente, solo gli interessi mentre il capitale viene restituito, in un unica soluzione, alla scadenza del mutuo; PICK-PAYMENT la forma consente di scegliere la tipologia di pagamento mensile (pagamento pieno cioè capitale e interessi, solo quota interessi, pagamento minimo); TASSO INIZIALE FISSO E POI VARIABILE a partire dagli anni 90, è stata la tipologia più diffusa. Comprende i cd. MUTUI , di durata trentennale dove, nei primi due anni, l ammortamento prevede un tasso di interesse basso. Per i 28 anni residui, il piano dei rimborsi viene ricalcolato sulla scorta di un tasso più elevato collegato, di norma, ad un INDICE. 3. L EVOLUZIONE DELLA PARABOLA 3.1 IL RAMO ASCENDENTE IL CONTESTO NORMATIVO Il credito nasce dalla deregolamentazione del sistema ipotecario iniziata a partire dal con l abolizione della disposizione anti-usura che limitava agli interessi esigibili di una banca al 10% 6 ; l approvazione dell' ALTERNATIVE MORTGAGE TRANSACTION PARITY ACT (ndr, di seguito indicato con AMT ACT) che consentiva a CASSE DI RISPARMIO e ad ISTITUTI FINANZIARI autorizzati, di erogare prestiti a tasso variabile anche per il mercato ipotecario. I due eventi comportarono una trasformazione delle regole del mercato dei mutui vigenti che, ai tempi, in caso di acquisto di un immobile, prevedevano la stipula di un mutuo trentennale, a tasso fisso, versando un acconto del 20% LA CARTOLARIZZAZIONE Il processo di trasformazione continuò quando, la Banca d affari LAZARD FRERES, acquisì il più importante Istituto di Credito Ipotecario statunitense, il FANNIE MAE, che fu attrezzato per l acquisto di titoli dalle Società di finanziamento abilitate dall AMTP ACT. Società che, con il ricavato, concedevano nuovi mutui. La FANNIE MAE incominciò ad immettere sul mercato azionario, titoli MBS-MORTGAGE-BACKED SECURITIES, vale a dire, OBBLIGAZIONI derivanti da 4 sono praticate, anche, le varianti 3-27 e pagina 4 5 legge Garn-St. Germain 6 i PRIME RATE raggiunsero negli anni 80, punte del 21,5%

5 operazioni di CARTOLARIZZAZIONE (SECURITIZATION) di crediti ipotecari a garanzia dei pagamenti delle cedole e della parte di capitale. Si venne, così, a creare una spirale concentrica di affari che, nel 1995, aveva dimensioni già importanti e che, continuando ad allargarsi, nel 2006, valeva mld US$. Ed è in questo lo scenario che si è sviluppata l industria I TASSI Nel 2000, dopo il crac della bolla della NEW ECONOMY, il presidente della FEDERAL RISERVE, Alan Greenspan, abbassò i tassi dei FEDERAL FUNDS 7 che, nell'agosto 2003, toccarono l'1%. La manovra fece leva, anche, sui tassi d'interesse sui mutui, abbassandoli sensibilmente. solo gli interessi e solo dopo, il capitale (con un alta probabilità di insolvenza). 3.2 IL RAMO DISCENDENTE L IMMOBILE, GARANZIA INSUFFICIENTE Come tutti i mutui, anche i mortgage erano concessi a fronte della garanzia reale sulla casa. Diversamente che in Italia, dove passano anni prima che la casa torni in possesso del finanziatore, negli Stati Uniti bastano solo pochi mesi. Infatti, già dalla seconda/terza rata mensile non pagata, il mutuatario viene sfrattato e l immobile viene messo nella lista dei foreclosure (in svendita) in modo tale che, alla sua vendita, la Banca rientri in possesso dei suoi quattrini LE NUOVE REGOLE DEL MERCATO DEI MUTUI Sempre nel 2000, i mutui giocavano in un contesto particolarmente friendly: l'anticipo per l'acquisto di un immobile fu progressivamente ridotto fino ad arrivare al 5%; Nel caso di mutui ordinari, l'importo del finanziamento non supera mai il 70-80% del valore della casa così da avere un margine in caso o di recupero forzoso dell'immobile o di calo del valore di mercato. Questa regola d igiene, è stata disattesa negli ultimi 5 anni. In particolare, nel caso di finanziamenti. il 15% dei MUTUI erano stipulati senza documentazione (reddito, occupazione, altri dati). Nel 2006 i CONTRATTI senza documentazione salirono al 50% e molti dei richiedenti dichiaravano redditi superiori, anche del 50%, rispetto a quello reale; fu introdotto il sistema dei mutui INTEREST ONLY 8, dove, per evitare pagamenti elevati da subito, l'acquirente rimborsava, innanzitutto, 7 (anche Fed Funds) sono le riserve obbligatorie che le Banche americane detengono presso la Federal Reserve. Ogni giorno, il Federal Reserve Board fissa i tassi relativi in rapporto a politica e mercato. 8 Nel 2001, l incidenza degli INTEREST ONLY era del 4% sul totale dei finanziamenti per arrivare al 39% nel pagina 5 Infatti, oltre a non mantenere alcun margine di copertura del rischio, le Banche hanno erogato, normalmente, importi che andavano a coprire il 100% del valore dell immobile, le parcelle del broker immobiliare (3-5%), del notaio (TITLE COMPANY), delle spese istruttorie. A proposito di queste ultime, in sostituzione di mutui a tasso fisso, le Banche hanno venduto con grande successo, mutui a tasso variabile che,

6 almeno inizialmente, apparivano vantaggiosi e sostenibili 9. Da un analisi del WALL STREET JOURNAL (3 Dicembre 2007), emerge che, su miliardi di dollari erogati, dal 2000, per prestiti, una percentuale consistente di debitori aveva una situazione di affidabilità sufficiente a contrarre prestiti convenzionali a condizioni migliori. Nel 2005, l'anno del boom del, i debitori affidabili rappresentavano il 55% di tutti i mutuatari. Secondo una ricerca di FIRST AMERICAN LOAN PERFORMANCE, alla fine del 2006, la percentuale è salita al 61% evidenziando la capillarità del nel sistema economico, incoraggiata dalla sostanziale scorrettezza degli Operatori del credito. Diversamente da quanto accade in Italia, dove l'iscrizione ipotecaria é solo di I grado 10, negli USA, sullo stesso immobile cauzionale, possono essere accesi più finanziamenti pertanto, nel momento dell'insoluto, lo stesso immobile ha dovuto coprire le esposizioni di più operazioni risultando, il più delle volte, incapiente LA CRISI DEL MERCATO IMMOBILIARE Sull affaire ha giocato un ruolo determinante la caduta dei prezzi nel mercato immobiliare statunitense che, già da tempo, soffriva di sopravalutazione 11. Dal 2000 al 2005, mentre i prezzi degli immobili crescevano, i debitori che avevano difficoltà nell'adempiere ai pagamenti, vendevano le loro case oppure accedevano a nuovi finanziamenti con la facilità appena indicata. Ma, non appena i prezzi hanno cominciato a raffreddarsi in molte parti della nazione americana, la strategia non ha più funzionato. Ai fini della comprensione del fenomeno, è rilevante notare che: il 50% del PIL americano negli ultimi anni è derivato dal settore edilizio; gli Americani utilizzano, diffusamente, carte di credito per l'acquisto di beni di consumo; impegnano beni durevoli, come la prima casa, per finanziare crediti. In questo modo il prezzo degli immobili è una determinate del consumo oltre che del credito All epoca dell ascesa dei mutui, i tassi di interesse stabilmente bassi da alcuni anni, lasciavano pensare che fossero convenienti mutui a tasso variabile. Tuttavia, i nuovi contratti ipotecari con queste caratteristiche non prevedevano, quasi mai, l indicazione l interesse massimo applicabile. 10 L'iscrizione di un' IPOTECA DI PRIMO GRADO, permette di essere i primi creditori ad incassare il ricavato di un'eventuale vendita giudiziaria. È possibile che uno stesso immobile sia gravato da più diritti di ipoteca. In questo caso, con la vendita, potrà soddisfarsi, prima di tutti, il titolare dell' IPOTECA DI PRIMO GRADO, poi, con quello che residua, tutti gli altri aventi diritto. 11 soprattutto in alcune aree come California, Florida e New England 12 l indebitamento delle famiglie americane, nel 2007, si attestava intorno al 130%. Volendo guardare al dato domestico, secondo la Banca d Italia, a fine Giugno 2007, il rapporto tra debiti e reddito disponibile delle famiglie italiane, ha raggiunto il 49% (+ 2% rispetto al 2006, nel 2001 la percentuale era intorno al 30%). Quindi, prestiti, mutui e finanziamenti arrivano ad impegnare quasi la metà degli introiti mensili di una famiglia. pagina 6

7 3.2.3 QUANDO I HAN FATTO BOOM Generando perdite per oltre 200 mld US$, la crisi dei MORTGAGE e scoppiata a causa del concatenarsi di diversi eventi: numero di operazioni a rischio () fuori controllo, crisi del settore immobiliare crescita costante dei tassi d interesse negli ultimi cinque anni e diffusione di piani di ammortamento a tasso variabile Questi fattori, dalla fine del 2006, hanno portato ad un'ascesa rapida delle percentuali di insolvenza dei mutui. ad immettere sul mercato, ripetutamente, ingente liquidità ad abbassare i tassi d interesse. Alcuni economisti, compreso Alan Greenspan, già presidente della FEDERAL RESERVE, già alla fine dello scorso anno, erano dell opinione che la crisi continuerà ad avere forti impatti sul settore immobiliare e sull'intera economia USA (e non solo) per qualche anno. In tale scenario, la flessione del valore degli immobili, provocando maggiore incertezza finanziaria sui proprietari, contribuirà ad indebolire l'intera economia statunitense attraverso un graduale declino della spesa LE RIPERCUSSIONI GLOBALIZZATE Il calo dell Agosto 2007 delle Borse americane, europee ed asiatiche ha indotto le BANCHE CENTRALI di tutto il mondo ad immettere miliardi di liquidità a sostegno delle Borse. Nell'area Euro si è verificato il più massiccio intervento nella storia della BCE, e si è parlato di un rischio di iperinflazione per i prossimi mesi a causa della moneta immessa in circolazione. Contestualmente sono andate fallite 23 Agenzie di credito 13 facendo collassare i prezzi delle loro azioni e minacciando conseguenze vaste per l'intera economia USA, oltre che per il settore abitativo americano. Non appena le Istituzioni hanno lanciato i primi segnali di allarme, i grossi investitori come Banche e Fondi d investimento, che avevano in portafoglio mutui cartolarizzati, hanno iniziato a vendere, provocando un comprensibile panico sui listini internazionali. Cercando di evitare crolli ulteriori, la FED è stata costretta Già l anno scorso, a ridosso dello scoppio, Carlo De Benedetti 14, sosteneva che il problema dei era stato grandemente sottovalutato e che l effettiva esposizione del Sistema Bancario statunitense si aggirava intorno ai 300 mld., ben superiore ai 30 miliardi indicati dal Governatore della Fed, Ban Bernanke. Sempre secondo l Ingegnere, oltre il fatto che " le Banche non danno più un euro a nessuno e non se lo prestano tra di loro, perché hanno diffidenza l'una dell'altra non sapendo che cos'hanno realmente in portafoglio", l'europa non è da meno essendo esposta per 340 mld. E dopo le recenti faccende americane, come non dargli ragione! 13 come la NEW CENTURY FINANCIAL CORPORATION, il secondo finanziatore americano 14 Corriere della Sera, 18 Dicembre 2007 pagina 7

8 3.2.5 L 11 SETTEMBRE FINANZIARIO stanziamento di 200 mld US$ da destinare al rafforzamento del capitale di entrambe. 7 - nazionalizzate FREDDIE MAC e FANNIE MAE FREDDIE (Federal National Mortgage Association) e FANNIE (Federal Home Loan Mortgage Corporation) sono nate, entrambe, alla fine degli anni 30 per garantire i FONDI per il mercato immobiliare americano. Ovvero, non concedevano mutui agli Americani ma comperavano mutui, li assicuravano, li impacchettavano, li cartolarizzavano, per rivenderli agli investitori sotto forma di titoli. Erano, quindi, nel pieno del meccanismo che ha (s)travolto i mercati finanziari. Tutti i big di Wall Street hanno in portafoglio derivati di questo meccanismo (la BANCA CENTRALE cinese ha OBBLIGAZIONI FANNIE/FREDDIE per centinaia di miliardi di dollari, così istituzioni di Arabia Saudita, Russia, Giappone, eccetera) Lehman Brothers avvia la procedura fallimentare Fondata nel 1850, la LEHMAN BROTHERS è una società di servizi finanziari (investment banking, ricerche di mercato, trading, investment management, private equity ecc) e uno dei primari operatori del mercato statunitense. Il 15 Settembre scorso, la LEHMAN ha avviato la procedura fallimentare annunciando debiti bancari per 613 mld US$, debiti obbligazionari per 155 mld US$ e attività per un valore di 639 mld US$. Quella che è considerata la più grande bancarotta nella storia degli USA, sta avendo importanti ripercussioni nel mondo finanziario nazionale. Secondo l'adusbef, in Italia ci sarebbero in circolazione BOND della banca americana, per almeno 1,6 mld. A questi vanno aggiunte le OBBLIGAZIONI presenti nei sottostanti delle polizze assicurative e nei portafogli dei FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO. Ed è proprio in questi giorni, che le Compagnie stanno decidendo sul da farsi. 17 la FED salva AIG Negli anni, la loro attività è arrivata a garantire mld US$ di mutui (un terzo della capitalizzazione della Borsa di New York e oltre un terzo del PIL americano). Tutto bene fino a un anno fa quando FANNIE e FREDDIE, in soli 12 mesi, hanno messo in bilancio perdite per 14 mld US$ e il loro valore di Borsa è sceso del 90%. Lo scorso Luglio, l'amministrazione Bush aveva, di fatto, nazionalizzato le due finanziarie. Poi è intervenuto il Tesoro, direttamente: nel giro di 48 ore ha autorizzato, per ciascuna, l'acquisto di 1 mld US$ di azioni e ha annunciato uno AIG è il piu' grande gruppo assicurativo del mondo, la Compagnia numero uno Usa che eroga la maggior parte delle rendite a tasso fisso, uno dei prodotti su cui si basa l intero sistema previdenziale americano. Ma AIG ha anche una BANCA D'AFFARI fortemente esposta a causa dei prodotti strutturati garantiti da mutui. Si parla di un buco di 441 mld US$ (oltre 300 mld ). Il 17 Settembre il Gruppo AIG è stato salvato dal fallimento dalla FED, grazie ad un PRESTITO PONTE di 85 mld US$ (fallimento di proporzioni bibliche, da mld US$ con una catastrofica reazione a catena per la finanza globale). pagina 8

9 APPENDICE CREDIT SCORE L AFFIDABILITÀ CREDITIZIA esprime la capacità di rimborsare un prestito con puntualità. Si rappresenta con un punteggio - CREDIT SCORE -, utile per valutare il merito creditizio ovvero la possibilità di concedere o meno un prestito. Questo indicatore tiene conto di diversi elementi come il livello attuale d'indebitamento, la capacità di reddito, i dati storici della puntualità nei pagamenti, ecc. ed è calcolato in funzione dei dati disponibili sul cliente ottenuti da BANCHE DATI pubbliche,dai CREDIT BUREAU 15 e dallo stesso Cliente. Negli Stati Uniti esistono differenti indici e, quindi, metodi di valutazione di affidabilità creditizia come NEXTGEN, VANTAGESCORE, CE SCORE, FICO. Quest ultimo, il più diffuso nell industria dei mutui, in particolare, è stato brevettato dalla Fair Isaac Corporation 16 (FIC) che fornisce servizi di consulenza e sistemi di DECISION MANAGEMENT. I FICO scores, forniti dalle maggiori Società di CONSUMER REPORTING 17 degli USA e del Canada, esprimono le valutazioni di affidabilità creditizia in punteggi che vanno da 300 a 850 dove, ad uno score più alto, corrisponde una probabilità maggiore di ottenere un prestito al miglior tasso di interesse. Nell intervallo, la soglia dei 620 punti 18 divide i soggetti che possono ricorrere ai prestiti convenzionali (PRIME) da quelli che, al contrario, non ne hanno la possibilità. 15 servizio fornito dalle CENTRALI RISCHI (oggi sostituite dai SIC), alle società clienti come banche e finanziarie, che prevede la comunicazione di informazioni sulla storia creditizia dei soggetti censiti. 16 fondata nel 1956 da un ingegnere, Bill Fair, ed un matematico, Earl Isaac, la FAIR ISAAC CORPORATION ha sede a Minneapolis e uffici in Nord e Sud America, Europa, Australia e Asia. La Società ha dipendenti (2006) ed un fatturato che, nel 2005, ha raggiunto gli US$800 mio. 17 Equifax, Experian, TransUnion 18 In un recente articolo del WASHINGTON POST, si legge che il PRIME è stato innalzato di 40 punti e che, circa, il 30% della popolazione statunitense è al di sotto di questa nuova soglia. pagina 9

10 CARTOLARIZZAZIONE 19 La CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI (SECURITIZATION) da parte di un azienda (ORIGINATOR), è una tecnica finanziaria che prevede la cessione pro soluto 20, cioè senza rivalsa nei confronti del cedente, di attività patrimoniali in grado di generare FLUSSI DI CASSA 21, ad una Società appositamente costituita (SOCIETÀ VEICOLO O SPECIAL VEHICLE PURPOSE- SVP) dietro la corresponsione di un prezzo di cessione 22. La SVP reperisce i fondi necessari per acquistare i CREDITI PRO-SOLUTO, senza transitare per il sistema del credito ordinario ma direttamente dal mercato finanziario, emettendo un BOND (Asset Backed Securities o ABS) 23 che viene collocato da Banche specializzate sui mercati internazionali 24. L emissione di questi titoli è definita s e n z a r i c o r s o in quanto il cedente non ne garantisce il rimborso qualora non fossero sufficienti i FLUSSI DI CASSA generati dalle attività cedute. Sull altro fronte, i FLUSSI DI CASSA prodotti dalle attività sottostanti, sono successivamente impiegati per rimborsare e remunerare i sottoscrittori di ABS. La Società versa i propri crediti nel conto della SVP e ritira il controvalore cash entro il plafond prestabilito con una Banca (Arranger) che regola il rapporto di CARTOLARIZZAZIONE. La disponibilità del conto aumenta con l incasso dei crediti, per cui la società può versare altri crediti e prelevare il controvalore, entro il plafond stabilito 25. La possibilità di prelevare cash entro il plafond concordato, diminuisce quando si preleva cash (a fronte di cessione di credito), e aumenta quando i crediti ceduti vengono incassati. La CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI costituisce, talvolta, un'alternativa alle modalità di raccolta tradizionali in quanto consente alle Aziende di raccogliere risorse finanziarie sui mercati mobiliari a fronte della cessione degli attivi di cui sono titolari. Inoltre, poiché con la CARTOLARIZZAZIONE i crediti sono incassati s u b i t o e d e f i n i t i v a m e n t e, ne consegue che le Società, non dovendo utilizzare i loro fidi (per i valori cartolarizzati), riducono in maniera significativa l esposizione bancaria, migliorando i propri parametri finanziari. 19 fonte: pubblicazione della INTERINVEST, IURECONSULT, altro 20 il Codice Civile disciplina lo strumento della CESSIONE DEL CREDITO consistente della cessione di un credito da parte del CREDITORE TITOLARE DEL DIRITTO ad un CESSIONARIO che acquisisce il diritto al credito, normalmente, ad un prezzo inferiore del suo valore nominale. La differenza tra CESSIONE PRO SOLUTO e CESSIONE PRO SOLVENDO risiede nel fatto che, nella prima, il CEDENTE è tenuto a garantire solo l'esistenza del credito ceduto e non la solvibilità del debitore ceduto, come avviene nella seconda. Ne consegue che il CEDENTE è affrancato da ogni obbligo di pagare il debito qualora non abbia provveduto il debitore ceduto. Normalmente, la CESSIONE del credito PRO SOLUTO avviene per un importo di molto inferiore a quello nominale per due motivi: 1)in questo modo, il cedente si assicura la disponibilità immediata di liquidità e questo viene tenuto in considerazione nello stabilire il prezzo dei crediti ceduti; 2)nel prezzo, le parti tengono conto delle possibilità effettive di recupero del credito. 21 gli attivi da cedere possono essere già esistenti come mutui ipotecari, prestiti per il credito al consumo, crediti in sofferenza, crediti concessi ad enti locali o al tesoro, immobili. Oppure futuri come royalties. 22 La legge di riferimento, in Italia, è la legge 130 del i titoli sono divisi in classi, a seconda del rating attribuito 23 - AAA, AA, BBB, BB e così via, fino alla partecipazione azionaria - con un merito creditizio che è minore quanto più è alto il livello di subordinazione nella restituzione del debito obbligazionario. 24 gli HEDGE FUND sono tra le società più attive sul mercato secondario delle cartolarizzazioni 25 l operazione è simile ad un fido utilizzabile in continuo, la cui esposizione è garantita dai crediti ceduti prosoluto pagina 10

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli