Destinations & Tourism

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Destinations & Tourism"

Transcript

1 Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n.18 / aprile 2013 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione formazione management DESTINATION MARKETING L importanza della Destination Reputation DESTINATION MARKETING I segreti del marketing del passaparola FORMAZIONE Il calendario dei corsi di formazione Four Tourism Visita il blog di Four Tourism:

2 La formazione Four Tourism Sommario Destination Marketing L importanza della Destination Reputation Four Tourism Srl Corso Ciriè Torino Tel Destination Marketing I segreti del marketing del passaparola 1

3 Destination Marketing L importanza della Destination Reputation Oggi conoscere la percezione del mercato è fondamentale per poter competere ed attirare nuovi turisti Josep Ejarque Quando si parla di reputazione online si tende subito ad identificarla con i giudizi e i commenti che i turisti scrivono in rete sui siti di recensioni e sui blog. Ma non è solo quello, è molto di più. Senza dubbio, le recensioni hanno un loro innegabile e considerevole peso e, anzi, sarebbe ora che venissero percepite come un opportunità e non più come un problema. Sarebbe infatti molto più semplice pensare alle recensioni come un qualcosa di positivo e di costruttivo, dato che difficilmente i turisti rinunceranno a condividere le proprie opinioni e ad esprimersi pubblicamente in merito ad una destinazione o ad un albergo. Tanto vale trarne tutti i possibili vantaggi. Tuttavia è importante chiarire un punto su cui ancora c è parecchia confusione. Quando il turista arriva a leggere i commenti e le opinioni su una data struttura, vuol dire che ha già scelto la destinazione, che si è già si è informato e che sta valutando una rosa di possibili alberghi o strutture ricettive in cui recarsi. In realtà, gran parte del lavoro quindi è già stato fatto. 2 Negli ultimi tempi si è parlato molto della reputazione degli alberghi, ma poco si è detto invece in merito ad un elemento ancora più importante, che sta alla base, ossia la Destination Reputation. Infatti, se una destinazione ha una cattiva reputazione difficilmente i turisti la sceglieranno e quindi gli alberghi e tutte le aziende turistiche presenti sul territorio ne saranno penalizzate. La reputazione di una destinazione non è altro che la somma delle convinzioni, idee, impressioni, opinioni e percezioni che il mercato ha riguardo una data destinazione. È molto importante perché influenza le decisioni dei potenziali turisti e condiziona l attenzione e l interesse del mercato. In un mercato turistico dove il 65% dei turisti utilizza internet per raccogliere informazioni, dove il sito web ufficiale di una destinazione incide per il 13% nella scelta finale (z) e dove più della metà dei turisti vuole relazionarsi direttamente sui social media con aziende e destinazioni, la reputazione ovviamente diventa fondamentale.

4 Secondo Forrester, ben il 74% dei turisti legge e presta attenzione ai commenti e alle opinioni di altri viaggiatori - come fonte d'informazione - quando sta pianificando il proprio viaggio. In questo scenario, è inevitabile quindi considerare la reputazione un fattore fondamentale. La reputazione e l'immagine di una destinazione non è il frutto di quello che gli alberghi, gli uffici d'informazione ed accoglienza turistica, gli enti di promozione e la destinazione stessa dicono di sé o per lo meno non solo; la reputazione e l immagine di una destinazione è quello che i turisti raccontano. È il risultato dei contenuti generati dai turisti in rete, ossia il Travel Generated Content (TGC), una fonte preziosa per gli utenti alla ricerca di informazioni. Quanto è importante quindi la reputazione? La risposta potrebbe essere scontata ma non lo è: se l'immagine e la reputazione di una destinazione non è sufficientemente buona, le aziende turistiche di quella destinazione faranno molta fatica a lavorare. Chi sceglie infatti di andare in vacanza in un posto che non ha una buona nomea? La questione è simile alle critiche dei film o dei libri: le critiche possono decretarne il successo così come l'insuccesso. Lo stesso vale per le destinazioni turistiche. L impatto economico della reputazione Per una destinazione non avere una reputazione favorevole significa in pratica che gli operatori per attirare i clienti sono costretti ad abbassare i prezzi, a lavorare appoggiandosi agli intermediari online o offline. Insomma, la reputazione negativa ha un suo prezzo. Il ciclo del turista oggi, nel mondo del turismo 2.0, è scandito da sei momenti topici, i sei momenti della verità, quelli che in inglese sono chiamati "the moments of truth": ispirazione, decisione, pianificazione, prenotazione, viaggio e condivisione che può avvenire prima, durante e dopo la vacanza. Il viaggio quindi non inizia soltanto quando il turista arriva nella destinazione ma inizia già nel primo momento dell'ispirazione, quando si informa leggendo descrizioni, commenti e racconti (oltre il 56%) e quando si lascia influenzare da quello che dicono gli altri turisti (80%). Bisogna inoltre essere ben consapevoli che quello che la destinazione racconta non è necessariamente quello che il mercato percepisce. Se l'immagine di una destinazione è positiva così come le opinioni e i suggerimenti in merito a cosa fare, luoghi da vedere, si crea naturalmente ed inevitabilmente un effetto volano o calamita che ne condiziona la scelta rispetto ad un altra meta. Questo significa che gli hotel, gli esercizi, i servizi avranno la possibilità di competere tra di loro per portarsi a casa il turista che la destinazione, per prima, è riuscita a catturare. Una buona reputazione quindi vuol dire senza dubbio un numero maggiore di turisti. La reputazione e l immagine di una destinazione non è il frutto di quello che la destinazione dice di sé ma di quello che i turisti raccontano; è il risultato dei contenuti generati in rete, ossia il Travel Generated Content Il word of mouth, ovvero il passaparola online, si è trasformato in una dei fattori di influenza più decisivi. Dato che il turista d'oggi è molto informato, innovatore ma anche profondamente infedele, la reputazione sta diventando sempre più strategica, soprattutto nel turismo, proprio a causa dell intangibilità dei suoi prodotti. Il ruolo cruciale della destinazione Per una destinazione e per gli enti responsabili che vi lavorano è fondamentale conoscere la percezione del mercato, insomma sapere cosa si dice di sé. In teoria, dovrebbe essere naturale per le destinazioni turistiche essere interessate a conoscere la propria reputazione. Il problema però è che a differenza della reputazione alberghiera non ci sono siti di recensioni e d'opinioni. 3

5 Non c è infatti un Tripadvisor é uno Zoover né un Holidaycheck specifico, dove i turisti vanno a lamentarsi, a screditare o a lodare una destinazione. soprattutto se la reputazione e l'immagine sono positive. In realtà, si tratta di un circolo vizioso, del famoso cane che si morde la coda. L unica soluzione possibile è andare a vedere i commenti, le opinioni, i contenuti, le informazioni, le immagini, le fotografie, i video presenti in rete - ovviamente non solo nei siti web ufficiali della destinazione ma in ogni mercato d'interesse nei siti di recensioni, nei media di comunicazione, in quelli degli intermediari turistici e nei social media. Analizzare tutte queste informazioni, sapere se sono positive o negative, è un primo passo per capire quale è la reputazione di una destinazione, per comprendere quali sono i punti di forza o di debolezza, e di conseguenza per poter agire per migliorare la propria visibilità. E perché bisogna farlo? Semplice: perché se non si sa cosa pensa il mercato, difficilmente si potra' competere per attirare nuovi turisti e conservare quelli esistenti. Il sentiment di una destinazione e' dato dalla somma delle informazioni, delle opinioni e dei contenuti (TGC) presenti in rete: se sono positivi inevitabilmente anche il sentiment lo sara'; se invece le opinioni e i commenti sono per lo più negativi ed evidenziano i limiti della destinazione allora inevitabilmente anche il sentiment sara' negativo. Ma può essere anche neutro, se i suggerimenti e i racconti dei turisti o degli influencer non sono in grado di coinvolgere e suscitare emozioni. Le valutazioni dei turisti, le loro raccomandazioni su cosa fare, cosa vedere, i loro commenti in merito a determinate attrattive dovrebbero trasmettere entusiasmo e invogliare chi le legge a ripetere l'esperienza; sicuramente non lasciare indifferenti. Forse il peggio che può accadere ad una destinazione turistica è proprio avere una reputazione frutto d'un sentiment neutrale. La visibilità online di una destinazione turistica è molto importante; e per visibilita' non si intende soltanto il page rank di Google ma la visibilità globale della destinazione sul mercato. Quante piu' menzioni, commenti e contenuti sono presenti in rete, quanto quindi e' più visibile una destinazione sul mercato, maggiori sono le possibilità di essere Conoscere la propria reputazione aiuta soprattutto a capire come viene percepita dal mercato l'immagine che si comunica, se le caratteristiche e gli aspetti sulle quali si fa leva sono apprezzati allo stesso modo dal mercato. E già questi aspetti di per sé sono elementi importanti che permettono di migliorare, e di agire con maggiore efficienza ed efficacia. Tuttavia, non basta, perché la reputazione va gestita e non subita. Misurare la reputazione digitale di una destinazione turistica è un lavoro complesso, in molti casi anche artigianale. Tutto quello che viene pubblicato online, sia esso positivo o negativo, infatti incide sulla reputazione: dal materiale presente in rete a quello che dicono gli utenti, dalle recensioni positive alle critiche e alle lamentele. Le destinazioni devono quindi monitorare attentamente il web, in modo tale da evitare problemi di reputazione e salvaguardare la propria immagine. I principali problemi spesso sono provocati da azioni fatte dalle destinazioni sui social media che a volte non ottengono l effetto voluto e non sono percepite 4

6 La reputazione non va presa in considerazione solo quando si presenta un problema e l immagine della destinazione è in pericolo. Bisogna abbandonare gli atteggiamenti passivi e passare all azione. La reputazione va gestita non subita dal mercato positivamente. Il passaparola non è una semplice e sterile trasmissione d'informazioni e d'esperienze ma prevede una rielaborazione del soggetto che lo mette in atto. Ed e' per questo che la reputazione e' una questione così delicata e va ben gestita e controllata perché sono gli altri a crearla. Una destinazione non può crearsi in modo autonomo la propria reputazione ma soltanto prenderne atto perché la reputazione è qualcosa che si riceve e ci si guadagna. Monitorare e agire Per una destinazione monitorare la reputazione dovrebbe essere tanto importante quanto lo e' per gli albergatori. Sapere cosa dice il mercato rappresenta sicuramente un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza, ma si tratta anche di un modo per supportare gli operatori presenti sul territorio e per incrementare gli arrivi e le presenze. Dovrebbe essere anche un modo per sfruttare le informazioni positive cosi come per neutralizzare quelle negative. Sapere e' infatti fondamentale per applicare e mettere in pratica azioni più efficaci ed efficienti. Il monitoraggio e l'analisi della destination reputation non si può fare soltanto con un software perché una destinazione deve essere interpretata nelle sue molteplici sfaccettature. Per molti aspetti si tratta di un lavoro artigianale che deve prendere in esame le parole chiave, il sentiment, la qualità e l'autorevolezza dei commenti e delle raccomandazioni presenti in rete. Stimolare il Travel Generated Content è sicuramente una buona scelta strategica, ma prima bisogna sempre capire qual è la percezione del mercato. 5 Può succedere infatti che a volte la reputazione di una destinazione non corrisponda alla realtà e ci sia un reale problema di percezione. Sono numerosi i casi in Italia di destinazioni che hanno la reputazione sfalsata, come ad esempio Cortina, percepita come una meta costosa ed eccessivamente cara quando in realtà il prezzo medio non è poi così elevato. Oppure, il caso della Valle d'aosta, percepita dal mercato italiano come difficilmente raggiungibile, quando invece ha un aeroporto ad una sola ora di macchina. Si tratti di fattori imprevedibili che però possono pesantemente incidere sull economia di una destinazione, favorendola oppure affossandola. Ed è fondamentale conoscerli per poter intervenire e modificarli. L'analisi della reputazione di una destinazione si fa quindi esaminando la percezione che il mercato ha a partire dalla sua proposta di valore, dai servizi che offre, dal suo grado di attrattivita', e soprattutto a partire dal valore che i turisti le danno e in base a quello che dicono. Solo in un secondo momento arriverà il momento di pensare alla tecnologia, propria o esterna, gratuita o a pagamento che permetterà, unitamente alle tecniche sopra indicate, di garantire una più efficace gestione della reputazione. Bisogna imparare che la reputazione delle destinazioni turistiche non va gestita soltanto quando si presenta un problema grave e l'immagine della destinazione (come succede con molti alberghi) ne risente. A poco serve lamentarsi e a poco serve pensare come vietare al turista di esprimere la propria opinione. Bisogna smettere di reagire ed iniziare a gestire: ad oggi, sono ancora poche le destinazioni turistiche italiane che realmente fanno destination reputation mentre molti dei nostri competitor sono già molto attivi in questo ambito. In alcune destinazioni estere la gestione della destination reputation è già consolidata, è parte integrante della strategia operativa e viene gestita direttamente all interno o affidata ad aziende esternei. La crescita di interesse per il Destination Reputation Management conferma quanto sia importante la reputazione per la competitività delle destinazioni e per la redditività delle aziende del territorio. Se la reputazione personale è qualcosa alla quale tutti teniamo, perché però non si presta la stessa attenzione anche alla reputazione di una destinazione?

7 Destinations & Tourism n 18 aprile 2013 La formazione Four Tourism 6

8 Destination Marketing I segreti del marketing del passaparola Consigli concreti per trasformare i turisti in convinti sostenitori e promotori di una destinazione Lo sanno tutti: che si tratti di un albergo, di un ristorante o di una destinazione, non c è promotore migliore e più efficace di un cliente soddisfatto. Si tratta di una regola molto semplice e molto vera; tuttavia, in molti continuano a sottovalutarla. Innanzitutto, cos è il marketing del passaparola? Secondo la definizione di Wikipedia, nell'ambito del marketing, il passaparola (definito con l'espressione word of mouth) indica il diffondersi, attraverso una rete sociale, di informazioni e consigli tra consumatori. Da sempre il passaparola definisce una comunicazione parlata, face-to-face; tuttavia, l'evoluzione dei mass media, ha accredito tra le forme di passaparola anche le conversazioni telefoniche, gli sms, i post dei blog, delle community, le insomma qualsiasi messaggio o forma di comunicazione che permetta un interazione tra due o più persone. In definitiva, il buzz marketing, detto anche marketing delle conversazioni è quell'insieme di operazioni di marketing non convenzionale volte ad aumentare il numero e il volume delle conversazioni riguardanti un prodotto, un servizio, una destinazione e, conseguentemente, ad accrescere la notorietà e la buona reputazione di una marca. Fondamentalmente consiste nel dare alle persone motivo di parlare riguardo un prodotto, un servizio o un'iniziativa, facilitandone e stimolando le conversazioni in merito. È un tipo di marketing C2C, direttamente da consumatore a consumatore. Anzi, ad essere più precisi, si tratta di qualcosa di più complesso, un marketing B2C2C: parte infatti dalla destinazione come un azione di marketing verso il consumatore che, se soddisfatto e convinto, attiva il passaparola verso un altro consumatore. Tuttavia è qualcosa di più che semplice marketing si tratta anche di product design e customer service. 7

9 Infatti, attraverso il passaparola si possono raccogliere molte informazioni utili in merito alla destinazione, alle sue aziende, ai suoi prodotti, informazioni che possono e soprattutto devono! essere utilizzate per migliorare l offerta e supplire le carenze e le debolezze segnalate dai turisti. Inoltre, sempre attraverso le conversazioni, è possibile risolvere le lamentele o le insoddisfazione sollevate da un cliente e offrire così un puntuale ed efficace servizio di customer service. Le 4 regole del passaparola Si possono ricondurre a quattro, le regole da rispettare per attivare il passaparola. Si tratta di regole semplici, persino banali, ma che nella realtà di tutti i giorni spesso vengono dimenticate. Regola 1: essere interessante Nessuno parla di una destinazione noiosa, banale e anonima. Così come invece si parla male di una destinazione dove non c è nulla da fare e dove i servizi per il turista sono insufficienti. Quindi per evitare l indifferenza oppure recensioni negative è importante offrire ai turisti qualcosa di interessante di cui parlare, far vivere loro un esperienza che non possono non condividere. Regola 2: fare divertire i turisti, farli felici Per parlare le persone devono essere soddisfatte, entusiaste e felici. Le destinazioni devono quindi, strutturare prodotti in linea con le nuove esigenze del mercato, fornire motivazioni ed esperienze, offrire servizi utili che rendano più piacevole e memorabile la vacanza. I turisti devono tornare a casa soddisfatti, contenti e desiderosi di condividere con i propri amici quanto vissuto, visto e fatto. Regola 3: guadagnarsi la loro fiducia e rispetto Nessuno parla di qualcosa di cui non si fida. E fondamentale guadagnarsi il rispetto dei propri clienti. Come? È semplice: basta essere disponibili, gentili ed onesti; parlare con i turisti, soddisfare i loro bisogni e rispettare le loro esigenze. Esattamente come ognuno di noi vorrebbe essere trattato quando va in vacanza. Immedesimarsi nel turista, adottare il suo punto di vista è un esercizio Il passaparola è qualcosa di più di una semplice azione di marketing: si tratta anche di product design e customer service. Permette infatti di raccogliere molte informazioni utili che possono essere utilizzate sia per migliorare l offerta e i prodotti turistici sia per soddisfare il cliente, rispondendo ad eventuali sue critiche o risolvendo sue problematiche utile che ogni destinazione dovrebbe provare a fare. Regola 4: facilitare le conversazioni Se si vogliono facilitare le conversazioni sicuramente può tornare utile coniare una frase, un motto, uno slogan facile da memorizzare e da ripetere, in modo tale che i turisti possano facilmente ricordarlo. Il brand istituzionale della destinazione così come la meticolosa descrizione dei prodotti, dei servizi o delle attività da fare in loco non si prestano a questo tipo di comunicazione. Deve essere qualcosa di semplice, breve, identificativo. Una volta individuato, è necessario poi facilitarne la condivisione, inserendolo nelle e- mail, sul blog, sul sito, creando appositi form di share, realizzando gadget insomma posizionarlo ovunque possa essere visto, ricordato e facilmente condiviso. I 3 motivi per cui i turisti parlano di una destinazione Motivo 1: La destinazione Se i turisti son interessati alla destinazione, sentono un feeling con essa, ne conservano un buon ricordo sicuramente non potranno fare a meno di parlarne, e soprattutto di sostenerla e di promuoverla. Le persone sono spinte a condividere con i propri 8

10 Motivo 3: L insieme: la destinazione e i turisti Parlare di una destinazione, esserne coinvolti permette ai turisti di sentirsi parte di essa, come di una famiglia. Anzi ne parlano proprio perché si sentono inclusi. È importante quindi che le destinazioni lavorino per rafforzare questo senso di appartenenza. La soluzione più semplice è costituire un gruppo per condividere le esperienze, per facilitare lo scambio di informazioni, per creare adesione; inoltre, si possono realizzare gadget, gruppi di discussione, eventi dedicati e altre iniziative mirate. Ma come si fa per iniziare e mettere in moto il passaparola? Quali sono gli ingredienti che non possono mancare? amici le esperienze positive perché vogliono che le persone care ne gioiscano, proprio come è capitato a loro. In genere, infatti, il passaparola è più comunemente utilizzato per trasmettere informazioni positive piuttosto che negative, anche se non si tratta di una regola assoluta. Le destinazioni quindi devono essere attrattive, interessanti, offrire esperienze uniche e servizi utili. Motivo 2: I turisti Le persone raccontano e condividono perché questo le rende felici, le fa sentire speciali, importanti. Consigliare un esperienza positiva fa stare bene perché offre la sensazione di aiutare altre persone, e di permettere loro di trovare quello che cercano, o comunque di rendersi utili nel risolvere un problema. Fa sentire appagati poter offrire un consiglio ad un amico in difficoltà, che non sa per esempio dove andare in vacanza con la famiglia, o dove portare i figli per il fine settimana. Le destinazioni quindi devono sempre fornire motivazioni che invoglino i turisti a condividerle affinché possano sentirsi speciali e importanti. Le persone raccontano e condividono le proprie esperienze perchè questo le rende felici, le fa sentire speciali ed importanti. Le destinazioni devono quindi fornire ai turisti motivazioni ed argomenti che li invoglino a parlare e a condividere. Fondamentalmente sono 5 gli elementi essenziali per il marketing del passaparola, in inglese riassunti nelle 5T : talkers, topics, tools, taking part e tracking. È evidente che per prima cosa bisogna individuare i talkers, ossia le persone che vogliono e a cui piace parlare, raccontare e condividere. Meglio se hanno un certo seguito. Che siano turisti, clienti, casalinghe, dottori, blogger poco importa. L importante è che amino raccontare e condividere. E sono proprio quelli che le destinazioni devono informare e coinvolgere in tutte le iniziative, offerte, promozioni realizzate. 9

11 In secondo luogo, le destinazioni devono fornire dei topics, ossia delle motivazioni, degli argomenti di cui parlare. Le persone non parlano tanto per parlare. Ma soprattutto è interesse delle destinazione veicolare quanto viene detto e, quindi, diventa fondamentale fornire argomenti, stimoli e contenuti che poi saranno i turisti stessi a raccontare e a condividere. Non deve essere per forza qualcosa di eclatante ma semplicemente qualcosa che abbia un suo interesse e una sua utilità. Promozioni, offerte, informazioni particolari sulla destinazione, tutto ciò che può servire per accrescerne l attrattività, per attirare l attenzione dei turisti e per differenziarsi sul mercato. Le conversazioni e il passaparola stesso sono il migliore feedback che una destinazione possa avere, decisamente più efficaci di qualsiasi ricerca di mercato perchè si tratta della voce diretta ed autentica del consumatore E qui ci agganciamo al quarto elemento essenziale del marketing del passaparola, ossia taking part, che significa unirsi alle conversazioni ed essere presenti. Le conversazioni per definizione prevedono il coinvolgimento di minimo due persone; muoiono se c è una sola persona che parla. I monologhi alla lunga stancano, chiunque, anche il più convinto dei fan. Inoltre, dato che le persone si suppone parlino proprio della destinazione è importante partecipare, esserci e rispondere. Mai dimenticarsi di rispondere alle mail, ai commenti sui blog e sui forum; e soprattutto mai dimenticarsi di ringraziare per ogni post o segnalazione ricevuta. Ultimo step è il tracking, ultimo ma non meno importante perché riguarda il misurare e il capire quello che le persone dicono di noi. Le conversazioni tra persone, e il passaparola stesso sono il migliore feedback che una destinazione può avere, decisamente più efficaci di qualsiasi ricerca di mercato perché si tratta della voce diretta ed autentica del consumatore. È per quello che è importante che le destinazioni ascoltino quello che le persone dicono e imparino ad utilizzare le informazioni raccolte per migliorarsi. Ci sono poi i tools, ossia gli strumenti che permettono di condividere il messaggio velocemente e di raggiungere il più ampio numero possibile di persone. È noto che facilitare l attività di condivisione è una scelta vincente. Se è vero infatti che alle persone piace parlare è anche vero che più strumenti hanno a loro disposizione per condividere la loro esperienza più facilmente lo faranno. Quindi è importante semplificare la diffusione dei contenuti così come inserire gli share button ovunque sia necessario. Si può anche creare una chat room o un gruppo di conversazione dove le persone possono incontrarsi e parlarsi, favorendo così lo scambio di informazioni e rafforzando il senso di appartenenza. 10

12 Destinations & Tourism n 18 aprile 2013 La formazione Four Tourism 11

Scelta della destinazione.

Scelta della destinazione. Scelta della destinazione. Il passaparola batte internet? Il web è il terzo canale di comunicazione utilizzato dai turisti (29% in media) dopo il passaparola e l esperienza personale Affidarsi a consigli

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n. 21/ dicembre 2013 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione formazione management

Dettagli

Gestione della reputazione online

Gestione della reputazione online Gestione della reputazione online Agenda Il secondo momento della verità L influenza della reputazione sul fatturato dell hotel Come rispondere alle recensioni online Le 10 leggi della reputazione online

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n.20 / ottobre 2013 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione

Dettagli

Social Media Marketing per hotel

Social Media Marketing per hotel Social Media Marketing per hotel Agenda Il Social Media Marketing per hotel Pianificare una strategia social Facebook per strutture ricettive: consigli e suggerimenti Come promuovere un hotel su Google

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

Destination Social Media Marketing. Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management. 8Moduli. wwww.becommunitymanager.

Destination Social Media Marketing. Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management. 8Moduli. wwww.becommunitymanager. Destination Social Media Marketing Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management Parte1 2 wwww.becommunitymanager.it 3 8Moduli Il corso Internet e i social media hanno portato

Dettagli

Destination Social Media Marketing Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management

Destination Social Media Marketing Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management Destination Social Media Marketing Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management Parte1 2 wwww.becommunitymanager.it Moduli8 Il corso Internet e i social media hanno portato

Dettagli

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Analizzare il listening per monitorare il sentiment e pianificare correttamente l attività di Social Media e Digital Pr Agenda Ci presentiamo! MM One Group

Dettagli

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Analizzare il listening per monitorare il sentiment e pianificare correttamente l attività di Social Media e Digital Pr Mauro Cunial, Amministratore Delegato

Dettagli

Turismo integrato, motore di Expo 2015. Milano, 10 Dicembre 2013

Turismo integrato, motore di Expo 2015. Milano, 10 Dicembre 2013 Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 LA NOSTRA AMBIZIONE ATTIRARE IL MAGGIOR NUMERO POSSIBILE DI TURISTI PER EXPO 2015 e non solo Attirare turisti per l Expo significa anche

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n.16 / dicembre 2012 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n.17 / febbraio 2013 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione

Dettagli

Destination Social Media Marketing. Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management. 8Moduli. wwww.becommunitymanager.

Destination Social Media Marketing. Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management. 8Moduli. wwww.becommunitymanager. Destination Social Media Marketing Corso avanzato in Destination Marketing turistico 2.0: strategia e management Parte1 2 3 8Moduli wwww.becommunitymanager.it Il corso Internet e i social media hanno portato

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n. 24/ settembre 2014 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n. 26/ maggio 2015 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione formazione

Dettagli

Sull onda del Turismo 2.0

Sull onda del Turismo 2.0 Sull onda del Turismo 2.0 Le comunità virtuali sono i punti d incontro più utilizzati per comunicare, per conoscere nuove persone e per scambiarsi opinioni. Gente proveniente da ogni parte del mondo scrive,

Dettagli

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI?

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Registro 4 TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Guida pratica per avviare con successo la propria attività turistica online TIPS&TRICKS DI MIRKO LALLI INDEX 3 5 7 11 15 Introduzione Registra il

Dettagli

Hotel e Web 2.0. Novembre 2008. Sergio Farinelli QNT Hospitality. Copyright 2008 QNT S.r.l.

Hotel e Web 2.0. Novembre 2008. Sergio Farinelli QNT Hospitality. Copyright 2008 QNT S.r.l. Hotel e Web 2.0 Novembre 2008 Sergio Farinelli QNT Hospitality Copyright 2008 QNT S.r.l. Web 2.0 & Travel 2.0 Web 2.0 & Travel 2.0 Sommario Definizione di Web 2.0 Definizione di Travel 2.0 Perché è importante?

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Roma 10 11 Luglio 16h di Corso Intensivo Docenti RUDY BANDIERA Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Powered by Il web è conversazione.

Dettagli

WEB BRAND REPUTATION

WEB BRAND REPUTATION WEB BRAND REPUTATION Brand Reputation La brand reputation è l'attività di costruzione e gestione della reputazione aziendale online. In un mercato come quello attuale, dove internet diventa uno dei fattori

Dettagli

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Utenti Internet nel mondo Utenti Internet in Europa Utenti Internet in Italia Utenti

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

Comunicare se stessi. Gli strumenti di oggi: il web 2.0

Comunicare se stessi. Gli strumenti di oggi: il web 2.0 Comunicare se stessi Gli strumenti di oggi: il web 2.0 Casale Monferrato, 28 marzo 2011 Cos è ilweb20 2.0 Termine coniato nel 2004 Segnala un cambiamento - tecnologico e sociale - nei contenuti e nell

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

- GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi

- GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi - GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi Tra gli argomenti di più facile aggregazione e condivisione vi è, nel nostro Paese, tutto ciò che fa riferimento ai grandi chef,

Dettagli

DEFINIZIONE DI MARKETING

DEFINIZIONE DI MARKETING DEFINIZIONE DI MARKETING IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE, ORGANIZZATE, CONTROLLATE, CHE PARTONO DALL ANALISI DEL MERCATO (SIA DELLA DOMANDA, SIA DELLA CONCORRENZA) SVOLGENDOSI IN FORMA

Dettagli

Be Community Manager. per Hotel

Be Community Manager. per Hotel Be per Hotel Il primo corso in Italia per diventare dedicato agli Hotel I turisti oggi hanno cambiato il proprio comportamento in rete e le proprie modalità di ricerca: le informazioni sulle strutture

Dettagli

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Social PA:come se la cava la PA sui social network Netnografia e PA Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Netnografia, business intelligence & insight discover è un servizio di Viralbeat realizzato in esclusiva

Dettagli

Misurare la customer satisfaction nei servizi turistici

Misurare la customer satisfaction nei servizi turistici Misurare la customer satisfaction nei servizi turistici WEB 2.0 e le nuove metodologie: opportunità o minaccia? www.francescotapinassi.it 8 maggio 2009 1 Cosa accadeva prima del WEB 2.0? I metodi tradizionali

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Vincere allo ZMOT. Dalla ricerca di informazioni all'aumento delle conversioni. Irene Marone

Vincere allo ZMOT. Dalla ricerca di informazioni all'aumento delle conversioni. Irene Marone Vincere allo ZMOT Dalla ricerca di informazioni all'aumento delle conversioni Irene Marone Prima dell'avvento del commercio sul web il percorso di acquisto era lineare e univoco: L'esigenza di possedere

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

Il turismo e la rivoluzione mobile

Il turismo e la rivoluzione mobile 15 Forum di Agenda 21 Laghi Turismo sostenibile in Agenda 21 Laghi Brebbia, 9 maggio 2014 Il turismo e la rivoluzione mobile Prepared by: Posteri Piero Delta Marketing srl Indice pagina pagina pagina pagina

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

Guida operativa per ripulire la propria Web Reputation

Guida operativa per ripulire la propria Web Reputation Guida operativa per ripulire la propria Web Reputation Traduzione e rielaborazione dal libro Spin Sucks di Gini Dietrich A cura di Gianni Gulletta extrapola Web Reputation Analyst. E sempre più frequente

Dettagli

Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale. 26 febbraio 2014

Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale. 26 febbraio 2014 Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale Che differenza c è tra Blog e Sito Web? Entrambi: sono mezzi per comunicare sul web. hanno il principale obiettivo di informare gli

Dettagli

DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA' DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2014-162.0.0.-43

DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA' DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2014-162.0.0.-43 DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA' DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2014-162.0.0.-43 L'anno 2014 il giorno 16 del mese di Maggio il sottoscritto Torre Cesare in qualita' di dirigente di Direzione

Dettagli

marketing 14/36 Per conoscere le opinioni degli utenti verso aziende e prodotti

marketing 14/36 Per conoscere le opinioni degli utenti verso aziende e prodotti social media marketing Per conoscere le opinioni degli utenti verso aziende e prodotti social media marketing brand protection Google social signal blog e forum aziendali 14/36 Gli utenti hanno opinioni

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014 IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B Settembre 2014 INDICE 1- Il mercato turistico: ieri ed oggi 2- Il comportamento del turista 3- Le opportunità 4- Gli strumenti

Dettagli

Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro

Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro Giocare responsabilmente si può - L impegno di Lottomatica per un gioco responsabile e sicuro Lottomatica: il progetto Lottomatica da 7 anni realizza un Programma di Gioco Responsabile attraverso il quale

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO Registro 7 PERSONAL BRANDING Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO INDEX 3 5 9 13 16 Introduzione Che cos è il Personal Branding Una strategia di Personal Branding efficace Comunicazione

Dettagli

percorso formativo e corsi settore turistico-alberghiero

percorso formativo e corsi settore turistico-alberghiero percorso formativo e corsi settore turistico-alberghiero REPUTATION MANAGEMENT HOTEL RECEPTION MANAGEMENT LA GESTIONE DEL RECLAMO CUSTOMER CARE BOOKING MANAGEMENT VENDERE L OSPITALITA DIREZIONE E LEADERSHIP

Dettagli

Musei archivi di impresa e turismo: valorizzazione e marketing territoriale

Musei archivi di impresa e turismo: valorizzazione e marketing territoriale Musei archivi di impresa e turismo: valorizzazione e marketing territoriale Com è cambiato il turismo: nuove mete, nuovi target, nuove tendenze Renzo Iorio Presidente Federturismo Confindustria Rossano

Dettagli

Copyright 2015 all rights reserved

Copyright 2015 all rights reserved Agenda Ci presentiamo! MM One Group s.r.l. Web Marketing di difesa e di conquista Listening e Sentiment: uno strumento di conquista Dall ascolto della rete alle conversioni Quel tassello dell ecosistema

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

Dolphin - Marketing & CRM

Dolphin - Marketing & CRM Dolphin - Marketing & CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT NOTE MARKETING E CRM CONFERMA VIAGGIO L Agenzia anticipa la partenza del viaggiatore con un messaggio che riepiloga i servizi prenotati, orari

Dettagli

comunicazione servizi cosa sta cambiando?

comunicazione servizi cosa sta cambiando? cosa sta cambiando? comunicazione Le aziende per rimanere sul mercato e crescere devono adattarsi alle evoluzioni che avvengono attorno a loro. Questi cambiamenti si riferiscono a moltissimi ambiti di

Dettagli

Noi ci mettiamo la faccia. Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno!

Noi ci mettiamo la faccia. Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno! Noi ci mettiamo la faccia Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno! Un portale diverso: utile! Vacanzelandi@è il primo portale

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n.14 / settembre 2012 comunicazione Social Media Marketing formazione Destination Management Web Marketing Promocommercializzazione

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Web reputation, qualità e turismo accessibile. Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli

Web reputation, qualità e turismo accessibile. Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli Web reputation, qualità e turismo accessibile Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli Iso e Web reputation sono inconciliabili? Peso amministrativo e burocrazia contro

Dettagli

Come raccogliere finanziamenti con la pubblicità

Come raccogliere finanziamenti con la pubblicità Come raccogliere finanziamenti con la pubblicità Come raccoglie oltre 600 mila euro in solo due giorni con un annuncio pubblicitario? Chiedetelo a Michele Santoro che ci è riuscito per finanziare la sua

Dettagli

SMART TOURISM 2.0: 90 ORE DI TEORIA 300 ORE DI STAGE GARANTITO. TIME VISION Agenzia Formativa accreditata Regione Campania

SMART TOURISM 2.0: 90 ORE DI TEORIA 300 ORE DI STAGE GARANTITO. TIME VISION Agenzia Formativa accreditata Regione Campania SMART TOURISM 2.0: Esperto in tecnologie e strategie digitali per la promozione turistica 90 ORE DI TEORIA 300 ORE DI STAGE GARANTITO Corso di Formazione promosso e organizzato da TIME VISION Agenzia Formativa

Dettagli

Destinations & Tourism

Destinations & Tourism Destinations & Tourism Rivista di Destination Management e Marketing n. 23/ aprile 2014 comunicazione social marketing destination Web Marketing Promocommercializzazione prodotto strategia promozione formazione

Dettagli

E-learning. Struttura dei moduli formativi

E-learning. Struttura dei moduli formativi E-learning Per e-learning (o apprendimento on-line) s intende l uso delle tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell apprendimento facilitando l accesso alle risorse e ai servizi,

Dettagli

Destinazione Varazze Strategie di sviluppo turistico

Destinazione Varazze Strategie di sviluppo turistico Destinazione Varazze Strategie di sviluppo turistico Consulenza in Marketing turistico, Web Marketing e Destination Management Bruno Bertero Novembre 2014 FOURTOURISM 2014 1 A R G O M E N T I 0 1 A N A

Dettagli

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi IL MARKETING TURISTICO Ermanno Bonomi EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI MARKETING Capitalismo industriale comporta attività produttive sempre più fondate sulla ricerca e la scienza. Creazione di impianti sempre

Dettagli

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng s Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng Brand Reputation La reputazione di un marchio passa oggi anche a

Dettagli

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA.

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CHE COS'E' IL CYBER PR? Il CYBER PR è una campagna di promozione discografica digitale il cui scopo è quello di sfruttare

Dettagli

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic.

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Giada Cipolletta Digital & Content Marketing Strategist SIMMAT Voi, che tipo digital siete? L e-voluzione del marketing Interazione

Dettagli

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB BUSINESS 2.0 LAB Laboratorio operativo sui nuovi strumenti di Business, Marketing & Reputationper aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende SCENARIO Oggi il percorso di acquisto e informazione

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

FORMAZIONE È COMPETITIVITÀ fai fruttare le tue capacità e distinguiti. Programma formativo per il turismo 2014-2015

FORMAZIONE È COMPETITIVITÀ fai fruttare le tue capacità e distinguiti. Programma formativo per il turismo 2014-2015 FORMAZIONE È COMPETITIVITÀ fai fruttare le tue capacità e distinguiti Programma formativo per il turismo 2014-2015 ebtgardesano.it La formazione continua è uno strumento fondamentale per tenere vivo il

Dettagli

jklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfgh

jklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfgh Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui La rivoluzione di internet nel turismo

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

C2 10,00-11,25 2 10,00-11,25 1 10,00-11,25 2 11,30 11,30-12,55 2 11,30-12,55 1 11,30-12,55 2 12,00 12,00-12,30 12,00-13,00 TBDI.

C2 10,00-11,25 2 10,00-11,25 1 10,00-11,25 2 11,30 11,30-12,55 2 11,30-12,55 1 11,30-12,55 2 12,00 12,00-12,30 12,00-13,00 TBDI. Giovedì, 9 ottobre 9,30-12,30 Meet&Match. Pad. C5 TBDI. Travel Online/Social Media Travel. Area TTGNext. Pad. C1 TBDI. Interview Big Data Expedia. Area TTG Next. Pad. C1 Rimettersi in gioco in un mondo

Dettagli

CORSI ISTITUTO DI SCIENZE UMANE IN COMUNICAZIONE E MARKETING

CORSI ISTITUTO DI SCIENZE UMANE IN COMUNICAZIONE E MARKETING CORSI ISTITUTO DI SCIENZE UMANE IN Nov Dic 2012 INDICE PRESENTAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE IN...2 COMUNICAZIONE EFFICACE E MARKETING POWER...3 FACEBOOK E BRAND...5 DIVENTA UNA MICRO-CELEBRITA'!!...5

Dettagli

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO vip vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO Viral Idea Project (VIP) è un progetto nato da un team di professionisti

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

CUSTOMER SERVICE. Perché è così importante? Obiettivi e Strategie. www.gpstudios.it info@gpstudios.it

CUSTOMER SERVICE. Perché è così importante? Obiettivi e Strategie. www.gpstudios.it info@gpstudios.it CUSTOMER SERVICE Perché è così importante? Obiettivi e Strategie Che cos è il Customer Service? L insieme di azioni che un azienda svolge per agevolare i propri clienti prima, durante e dopo l acquisto

Dettagli

ONLINE REPUTATION GUIDE

ONLINE REPUTATION GUIDE ONLINE REPUTATION GUIDE Consigli per gestire la Web Reputation La Web Reputation può influenzare la crescita o il declino di un'azienda. Cosa stanno dicendo i tuoi clienti circa il tuo business, prodotto

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

LA REPUTAZIONE ON LINE

LA REPUTAZIONE ON LINE LA REPUTAZIONE ON LINE opportunità per il settore ricettivo in prospettiva Expo Vittorio Deotto E-Reputation Specialist Confindustria Verona LA REPUTAZIONE non è un invenzione moderna e anche nel mondo

Dettagli

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali OmnicomExpo, Roma 14 maggio 2009 Viralbeat Viral Beat è un centro media 2.0, specializzato nell attivazione di campagne di seeding strategico.

Dettagli

La comunicazione sul web. Tommaso Armati

La comunicazione sul web. Tommaso Armati La comunicazione sul web Tommaso Armati Che lavoro faccio? Per gli esperti del settore Content Manager, Web Editor, Social Media Manager, Digital Strategist Per gli amici Consulente per i contenuti sul

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale Un gruppo compatto e professionale, un esperienza pluriennale, un approfondita conoscenza del mondo della comunicazione in tutte le sue sfaccettature,

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Il piano operativo Quando si opera su Web non ci si deve lanciare in operazioni disorganizzate valutando solamente i costi. È fondamentale studiare

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli