RAPPORTI DI CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTI DI CONTROLLO"

Transcript

1 RAPPORTI DI CONTROLLO

2 Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me... C.F.... Durezza totale dell acqua:... ( fr) Trattamento in riscaldamento: Trattamento in ACS: n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico D. CONTROLLO DELL'IMPIANTO Per installazione interna: in locale idoneo Per installazione esterna: generatori idonei Aperture ventilazione/aerazione libere da ostruzioni Adeguate dimensioni aperture di ventilazione/aerazione Canale da fumo o condotti di scarico idonei (esame visivo) Sistema di regolazione temperatura ambiente funzionante Assenza di perdite di combustibile liquido(5) Idonea tenuta dell impianto interno e raccordi con il generatore (6) E. CONTROLLO E VERIFICA ENERGETICA DEL GRUPPO TERMICO GT... Fabbricante... Gruppo termico singolo Gruppo termico modulare Modello... Tubo / nastro radiante Generatore d aria calda Matricola... Pot.term.nominale max al focolare... (kw) Climatizzazione invernale Produzione ACS (7) Dispositivi di comando e regolazione funzionanti correttamente Combustibile: GPL Gas naturale Dispositivi di sicurezza non manomessi e/o cortocircuitati Gasolio.. Valvola di sicurezza alla sovrapressione a scarico libero Controllato e pulito lo scambiatore lato fumi Modalità di evacuazione fumi: Naturale Forzata Presenza riflusso dei prodotti della combustione Depressione nel canale da fumo...(pa) (8) Risultati controllo, secondo UNI , conformi alla legge Temperatura Fumi Temp. Aria comburente O2 CO2 Bacharach CO corretto Rendimento (9) Rendimento (9) di combustione minimo di legge Modulo termico... C... C... %... %.../.../ (ppm)... %... % L isolamento della rete di distribuzione nei locali non riscaldati L introduzione di un sistema di trattamento dell acqua sanitaria e per riscaldamento, ove assente La sostituzione di un sistema di regolazione on/off con un sistema programmabile su più livelli di temperatura. OSSERVAZIONI (10)... RACCOMANDAZIONI (11)... L impianto può funzionare me e Cognome..

3 RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 2 ( gruppifrigo ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 2 (gruppi frigo) Impianto: di Potenza termica nominale totale max... (kw) Indirizzo... N... Palazzo... Scala... Interno... Cognome... me... C.F.... Allegato III (Art.2)... sito nel Comune... Prov.... Durezza totale dell'acqua.. ( fr) Trattamento: n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condizionamento chimico D. CONTROLLO DELL'IMPIANTO (esami visivi) Locale di installazione idoneo Dimensioni aperture di ventilazione adeguate Linee elettriche idonee Coibentazioni idonee Aperture di ventilazione libere da ostruzioni E. CONTROLLO E VERIFICA ENERGETICA DEL GRUPPO FRIGO GF... Fabbricante... Ad assorbimento per recupero del calore Modello... Ad assorbimento a fiamma diretta con combustibile... Matricola... A ciclo di compressione con motore elettrico o endotermico N circuiti... Potenza frigorifera nominale in raffrescamento...(kw) Potenza termica nominale in riscaldamento... (kw) Prova eseguita in modalità: raffrescamento riscaldamento Assenza perdite di gas refrigerante Presenza apparecchiatura automatica rilevazione diretta fughe refrigerante (leak detector) Presenza apparecchiatura automatica rilevazione indiretta fughe refrigerante (parametri termodinamici) Scambiatori di calore puliti e liberi da incrostazioni Surriscald. Sottoraffredd. T condens. T evapor. T ing.lato est. T usc.lato est. T ing.lato utenze... C... C... C... C... C... C... C T usc.lato utenze... C N circuito... della prestazione energetica: La sostituzione di generatori a regolazione on/off, con altri di pari potenza a più gradini o a regolazione continua. La sostituzione dei sistemi di regolazione on/off con sistemi programmabili su più livelli di temperatura. L isolamento della rete di distribuzione acqua refrigerata/calda nei locali non climatizzati. L isolamento dei canali di distribuzione aria fredda/calda nei locali non climatizzati. OSSERVAZIONI (10)... L impianto può funzionare me e Cognome..

4 RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 3 (scambiatori) Allegato IV (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 3 (scambiatori)... Cognome... me... C.F.... Durezza totale dell acqua:... ( fr) D. CONTROLLO DELL'IMPIANTO (esami visivi) Luogo di installazione idoneo Linee elettriche idonee E. CONTROLLO E VERIFICA ENERGETICA DELLO SCAMBIATORE SC... Fabbricante... Modello... Matricola... Alimentazione: Acqua calda Acqua surriscaldata Vapore Fluido vettore termico in uscita: Trattamento in riscaldamento: Trattamento in ACS: Acqua calda Vapore Stato delle coibentazioni idoneo Assenza perdite dal circuito idraulico Potenza termica nominale... (kw) n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico Climatizzazione invernale Produzione ACS (7) Potenza compatibile con i dati di progetto Stato delle coibentazioni idoneo Dispositivi di regolazione e controllo funzionanti Assenza di trafilamenti sulla valvola di regolazione Temperatura esterna Temperatura mandata Primario Temperatura ritorno Primario... C... C... C Portata fluido primario Temperatura mandata Secondario Temperatura ritorno Secondario...m 3 /h)... C... C Potenza termica...(kw) Verifica coerenza tra parametri della curva climatica impostati sulla centralina ed i valori di temperatura ambiente Verifica presenza perdite di acqua Installazione di adeguato involucro di coibentazione per lo scambiatore se non presente OSSERVAZIONI(10)... L impianto può funzionare me e Cognome..

5 RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 4 (cogeneratori) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 4 (cogeneratori) Allegato V (Art.2)... Cognome... me... C.F.... Durezza totale dell'acqua.. ( fr) Trattamento: n richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condizionamento chimico D. CONTROLLO DELL'IMPIANTO Luogo di installazione idoneo (esame visivo) Adeguate dimensioni aperture di ventilazione (esame visivo) Aperture di ventilazione libere da ostruzioni (esame visivo) Linee elettriche e cablaggi idonei (esame visivo) Camino e canale da fumo idonei (esame visivo) Capsula insonorizzante idonea (esame visivo) Tenuta circuito idraulico idonea Tenuta circuito olio idonea Tenuta circuito alimentazione combustibile idonea Funzionalità dello scambiatore di calore di separazione tra unità cogenerativa e impianto edificio (se presente) idonea E. CONTROLLO E VERIFICA ENERGETICA DEL COGENERATORE CG... Fabbricante... Modello... Matricola... Tipologia... Alimentazione: Gas naturale Gasolio GPL Fluido vettore termico in uscita: Acqua Vapore Temperatura aria comburente Temperatura acqua in uscita Temp. acqua in ingresso ( C)... C... C Temperatura acqua motore (solo m.c.i.) Temperatura fumi a valle dello scambiatore fumi ( C)... C... C... C Potenza elettrica nominale ai morsetti... (kw) Potenza assorbita con il combustibile... (kw) Potenza termica nominale (massimo recupero)... (kw) Potenza termica a piena potenza con by-pass fumi aperto (se presente)... (kw) Emissioni di monossido di carbonio CO riportati al 5% di O... Potenza ai morsetti del generatore... C...(kW) Temperatura fumi a monte dello scambiatore fumi ( C) L isolamento della rete di distribuzione nei locali non riscaldati L introduzione di un sistema di trattamento dell acqua sanitaria e per riscaldamento, ove assente La sostituzione di un sistema di regolazione on/off con un sistema programmabile su più livelli di temperatura. OSSERVAZIONI(10)... L impianto può funzionare me e Cognome..

tutto ciò premesso la Giunta Regionale, con voto unanime espresso nelle forme di legge, delibera

tutto ciò premesso la Giunta Regionale, con voto unanime espresso nelle forme di legge, delibera REGIONE PIEMONTE BU45S1 06/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 27-514 Integrazioni e rettifica errori materiali dei nuovi libretti di impianto e di rapporto di controllo di

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 3 Il terzo ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

4. GENERATORI. Gruppo termico modulare con n... analisi fumi previste. Tradizionale A condensazione Altro...

4. GENERATORI. Gruppo termico modulare con n... analisi fumi previste. Tradizionale A condensazione Altro... 4.1 GRUPPI TERMICI O CALDAIE Gruppo Termico GT... Data di installazione... Data di dismissione... Fabbricante... Modello...... Combustibile... Fluido Termovettore... Potenza termica utile nominale Pn max...

Dettagli

RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)

RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici) Bollino ALLEGATO II (Art. 2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici) Impianto: di Potenza termica nominale totale max sito nel Palazzo Scala Interno Titolo di responsabilita':

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Il quarto ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

5. SISTEMI DI REGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE... 13

5. SISTEMI DI REGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE... 13 Sommario 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO... 2 2. TRATTAMENTO ACQUA... 3 3. NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE DELL IMPIANTO TERMICO... 4 4. GENERATORI... 5 4.1 GRUPPI TERMICI O CALDAIE...5 4.2 BRUCIATORI

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione di cui al decreto del Presidente della RepubblICa n. 74/2013. Conforme al Decreto 10

LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione di cui al decreto del Presidente della RepubblICa n. 74/2013. Conforme al Decreto 10 LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione di cui al decreto del Presidente della RepubblICa n. 74/2013. Conforme al Decreto 10 Febbraio 2014. (Allegato 1) 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Non richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico

Non richiesto Assente Filtrazione Addolcimento Condiz.chimico RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici) ALLEGATO II (Art. 2) Cognome... me... C.F.... Durezza totale dell acqua:... ( fr) Trattamento in riscaldamento: Trattamento in ACS:

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO 1.1 TIPOLOGIA INTERVENTO in data... Nuova installazione Ristrutturazione Sostituzione del generatore Compilazione libretto impianto esistente 1.2 UBICAZIONE E DESTINAZIONE

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione estiva e Invernale di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013. Conforme al Decreto 10 Febbraio 2014 Rev. 02 Compilabile

Dettagli

nei provvedimenti nazionali sopra citati si applicano per le Re- REGIONE EMILIA-ROMAGNA

nei provvedimenti nazionali sopra citati si applicano per le Re- REGIONE EMILIA-ROMAGNA 11 REGIONE EMILIA-ROMAGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 OTTO- BRE 2014, N. 1578 LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del

Dettagli

Dal 1 giugno 2014 NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO Per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica

Dal 1 giugno 2014 NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO Per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica Prot.84/MP/mm Milano, 20 marzo 2014 Dal 1 giugno 2014 NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO Per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica E stato pubblicato il Decreto del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 014 "Modello di libretto di impianto

Dettagli

Esempio di libretto dimpianto per la climatizzazione secondo il D.M. 10 Febbraio 2014

Esempio di libretto dimpianto per la climatizzazione secondo il D.M. 10 Febbraio 2014 Esempio di libretto dimpianto per la climatizzazione secondo il D.M. 10 Febbraio 2014 Presentiamo un ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di impianto per la climatizzazione introdotto dal Decreto Ministeriale

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione estiva ed Invernale Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n.74 Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 10 Febbraio

Dettagli

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione estiva ed invernale (vers.1.1) Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74 Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI IMPIANTO Libretto di impianto per la climatizzazione estiva ed invernale (vers.1.1) Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74 Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione

Libretto di impianto per la climatizzazione Libretto di impianto per la climatizzazione conforme al Decreto n. 5027 del 11.6.2014 EDIFICIO LOCALITÀ Condominio La Torre Milano INDIRIZZO via Mazzini, 12 DATA martedì 3 marzo 2015 Rif. Esempio.E7201

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 5

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 5 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 5 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 5 Il quinto ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO TARGA IMPIANTO: 1.1 TIPOLOGIA INTERVENTO in data... Nuova installazione Ristrutturazione Sostituzione del generatore Compilazione libretto impianto esistente 1.2

Dettagli

RAPPORTO DI CONTROLLO TIPO 1A (gruppi termici) Pagina:... di...

RAPPORTO DI CONTROLLO TIPO 1A (gruppi termici) Pagina:... di... RAPPORTO DI CONTROLLO TIPO 1A (gruppi termii) Pagina:... di... A. DATI IDENTIFICATIVI targa impianto... Impianto: di Potenza termia nominale totale max... (kw) Sito nel Comune... Prov.... Indirizzo...

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL'IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL'IMPIANTO 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL'IMPIANTO Pagina 1 di 36 1.1 TIPOLOGIA INTERVENTO in data: Nuova installazione Ristrutturazione Sostituzione del generatore Compilazione libretto impianto esistente 1.2 UBICAZIONE

Dettagli

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1 Presentiamo il primo ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di impianto introdotto dal Decreto Ministeriale 10 febbraio 2014. L esempio è stato messo

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO E.R.

LIBRETTO DI IMPIANTO E.R. LIBRETTO DI IMPIANTO E.R. Libretto di impianto per la climatizzazione estiva e Invernale delibera di Giunta Regione Emilia-Romagna n. 1578 del 13 ottobre 2014 Conforme al Decreto 10 Febbraio 2014 Rev.

Dettagli

Libretto di impianto

Libretto di impianto Libretto di impianto Ai sensi del Decreto Ministeriale del 10 febbraio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014, con successiva modifica del Decreto Ministeriale 20 giugno 2014

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva REGIONE EMILIA ROMAGNA Conforme alla Deliberazione della Giunta Regionale 13 ottobre 2014,

Dettagli

LE NOVITA NORMATIVE PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI: OCCASIONE DI UN MIGLIORAMENTO CONTINUO

LE NOVITA NORMATIVE PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI: OCCASIONE DI UN MIGLIORAMENTO CONTINUO LE NOVITA NORMATIVE PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI: OCCASIONE DI UN MIGLIORAMENTO CONTINUO Milano 3 giugno 2014 Dott. Mauro Fasano Regione Lombardia Direzione Generale Ambiente, Energia e Sviluppo

Dettagli

Facsimile LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE. Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Facsimile LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE. Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

INDICE IL LIBRETTO DI IMPIANTO - DPR 74/2013 E S.M.I... 3 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO... 4 2. TRATTAMENTO ACQUA... 6

INDICE IL LIBRETTO DI IMPIANTO - DPR 74/2013 E S.M.I... 3 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO... 4 2. TRATTAMENTO ACQUA... 6 INDICE IL LIBRETTO DI IMPIANTO - DPR 74/2013 E S.M.I.... 3 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO... 4 2. TRATTAMENTO ACQUA... 6 3. NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE DELL IMPIANTO TERMICO...8 4. GENERATORI...10

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE

LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva REGIONE PIEMONTE Conforme alla Deliberazione della Giunta Regionale 6 ottobre 2014, n.

Dettagli

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE Libretto di impianto: la scheda 11.2 Libretto di impianto: la scheda 12 NOTA BENE Se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità "RISCALDAMENTO", tutte

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO DI FACSIMILE CLIMATIZZAZIONE NAZIONALE. Predisposto per impianti domestici

LIBRETTO DI IMPIANTO DI FACSIMILE CLIMATIZZAZIONE NAZIONALE. Predisposto per impianti domestici NAZIONALE LIBRETTO DI IPIANTO DI CLIATIZZAZIONE Predisposto per impianti domestici ELENCO DELLE SCHEDE PREDISPOSTE NEL PRESENTE LIBRETTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 IDENTIFICATIVA DELL IPIANTO TRATTAENTO ACQUA SCHEDA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Facsimile LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE. Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Facsimile LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE. Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva LIBRETTO DI IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE Obbligatorio per tutti gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

Modello G Impianti inferiori a 35 kw

Modello G Impianti inferiori a 35 kw Tracciati Modello G Impianti inferiori a 35 kw Nome Campo Tipo Obbligatorio Specifiche CODICE IMPIANTO varchar(20) si deve esistere nei codici impianto quando ente provvederà alla targatura DATA CONTROLLO

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO DI FACSIMILE CLIMATIZZAZIONE EMILIA ROMAGNA. Predisposto per impianti domestici

LIBRETTO DI IMPIANTO DI FACSIMILE CLIMATIZZAZIONE EMILIA ROMAGNA. Predisposto per impianti domestici EILIA ROAGNA LIBRETTO DI IPIANTO DI CLIATIZZAZIONE Predisposto per impianti domestici ELENCO DELLE SCHEDE PREDISPOSTE NEL PRESENTE LIBRETTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 IDENTIFICATIVA DELL IPIANTO TRATTAENTO ACQUA

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE FRIGORIFERE (ai sensi del D.Lgs. 192/05 e del D.P.R. 16 aprile 2013 n.

RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE FRIGORIFERE (ai sensi del D.Lgs. 192/05 e del D.P.R. 16 aprile 2013 n. j) T. Resp./Manutentore k) Amministratore Cond. h) Occupante i) Proprietario 251659264 REGIONE MARCHE 43 Foglio n a) Catasto impianti/codice di RAPPORTO DI PROVA ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI CON MACCHINE

Dettagli

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 La scheda deve essere compilata dall installatore all atto della realizzazione di un nuovo impianto, alla ristrutturazione di un impianto

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 ASSESSORATO DELL ENERGIA E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ DECRETO 1 marzo 2012. Disposizioni in materia di impianti termici degli

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria,

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis:

A relazione dell'assessore De Santis: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 6 ottobre 2014, n. 13-381 Disposizioni operative per la costituzione e gestione del catasto degli impianti termici in attuazione

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a ALLEGATO 11 Allegato F Libretto di centrale 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)...... Destinato a riscaldamento ambienti produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari altro (descrivere)...

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Workshop Industria La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Sergio Cucchiara ANIMA Assotermica OBIETTIVI DA PERSEGUIRE

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto I rapporti di controllo dell efficienza energetica Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche UDINE, 20 maggio 2104 Corso di aggiornamento

Dettagli

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco CARBOTERMO S.P.A. IMPIANTO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO A. MANZONI AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. PREMESSA Di seguito vengono descritte le principali caratteristiche tecniche dell impianto di

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET INDICAZIONI GENERALI E MODALITA DI REGISTRAZIONE PER ACCEDERE AL SOFTWARE GESTIONALE THERMONET E NECESSARIO 1. PRIMA EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE DA AREA RISERVATA

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

Tutte le informazioni, dichiarazioni, relazioni, comunicazioni relative all installazione, all esercizio, alla manutenzione, al

Tutte le informazioni, dichiarazioni, relazioni, comunicazioni relative all installazione, all esercizio, alla manutenzione, al 6 Allegati Tutte le informazioni, dichiarazioni, relazioni, comunicazioni relative all installazione, all esercizio, alla manutenzione, al controllo e all ispezione degli impianti termici, nonché le assunzioni

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona

Luogo di emissione. Ancona 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. RETE ELETTRICA REGIONALE, AUTORIZZAZIONI ENERGETICHE, GAS ED IDROCARBURI N. 61/EFR DEL 04/06/2015 Oggetto: Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 - Norme in materia di

Dettagli

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW Confederazione Nazionale dell'artigianato della Piccola e Media Impresa Associazione Provinciale di Cuneo CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali...

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali... DATI RICHIEDENTE Ragione Sociale Titolare Sig. Indirizzo CAP Prov. Telefono Fax e-mail (ALLEGARE SEMPRE E COMUNQUE COPIA BOLLETTE ELETTRICHE E TERMICHE COMPLETE IN OGNI PARTE E RIQUADRO) referente per

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche Padova, 2 luglio 2014 Art. 11 9. Gli impianti termici con potenza nominale superiore

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti ORIZZONTE 2020 Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti 1 5 - Check list delle varie verifi che di preinstallazione e FAQ Indice generale 1 Introduzione

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

info@innorm.aristonthermo.it 199.155.144*

info@innorm.aristonthermo.it 199.155.144* FAQ GENERALI CTI al 11/02/2015 1:2015 - Quando deve essere compilato il libretto di impianto? Il libretto di impianto si compila e si aggiorna in presenza di impianti e/o apparecchi di riscaldamento e/o

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Impianto situato in.................................................................................. Via:..............................................................................

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen 1 SCHEMA DI PRINCIPIO PERDITE 10 ENERGIA PRIMARIA 100 ENERGIA TERMICA

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE Torino, 22 Aprile 2013 Normativa regionale proroga obbligo Dgr.46-11968 del 4 agosto 2009 (punto 1.4.17) Gli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N ALLEGATO 3 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

ECOINCENTIVI 2009/2010 55 % detrazione del per generatori di calore radiante a condensazione. Novità con brevetto mondiale

ECOINCENTIVI 2009/2010 55 % detrazione del per generatori di calore radiante a condensazione. Novità con brevetto mondiale ECOINCENTIVI 2009/2010 55 % detrazione del per generatori di calore radiante a condensazione Novità con brevetto mondiale FRACCARO S.r.l. è da quarant anni impegnata e specializzata nel riscaldamento industriale

Dettagli

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica.

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica. EFFICIENZA ENERGETICA NEL TERZIARIO ESEMPI DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE CASO STUDIO 1: PALAZZINA AD UFFICI Destinazione d'uso: E.2. uffici Località: Milano Volume lordo: 6000 m 3 Anno

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO POMPE DI CALORE ARIA/ACQUA REVERSIBILI A RECUPERO TOTALE. > RISCALDAMENTO > CLIMATIZZAZIONE > RAFFRESCAMENTO > RAFFREDDAMENTO > DEUMIDIFICAZIONE > ACQUA CALDA SANITARIA

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE L EVOLUZIONE DEL FLUIDO TERMOVETTORE DA VAPORE AD ACQUA CALDA ESPERIENZE PRATICHE ing. Silvano Pippan Fluidi termovettori usualmente utilizzati: ACQUA CALDA ACQUA SURRISCALDATA

Dettagli

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema Work shop tecnico: Edifici Impianti a pompa di calore per la climatizzazione annuale e la produzione di acqua calda sanitaria: soluzioni per edifici polifunzionali, residenziali, uffici. Giampiero Colli

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

Capitolo 1 Condizioni di progetto

Capitolo 1 Condizioni di progetto Premessa L intervento in oggetto riguarda la ristrutturazione del sistema di generazione del calore della scuola dell infanzia Aquilone, via dei Comuni fraz. Ferriera - Comune di Buttigliera Alta (TO).

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli:

Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli: 7 ENERGIA PRIMARIA Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli: - Centrali Termiche; - Sistemi Impiantistici; - Ramificazioni; - Associazioni zone termiche; -

Dettagli