Americani poco trasparenti su Basilea 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Americani poco trasparenti su Basilea 2"

Transcript

1 Americani poco trasparenti su Basilea 2 CREDITO & IMPRESE a cura di Carlotta Magnanini Due noti economisti, Edward I. Altman e Andrea Resti, discutono delle conseguenze dei nuovi requisiti patrimoniali delle banche. Entrambi concordano sul fatto che vi saranno vantaggi diretti per le imprese meno esposte al rischio e maggiori costi per le imprese ad alto rischio e che questo porterà a un miglioramento del tasso di crescita dell economia. Quanto all atteggiamento ambiguo degli Usa B asilea 2, il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche europee, entrerà in vigore alla fine del 2006 e costituirà una grossa occasione per migliorare i sistemi di gestione dei rapporti con ogni tipo di società, grande o piccola. Lo sostiene il professor Edward I. Altman, ideatore del metodo di valutazione delle performance aziendali Z-Score e oggi direttore del Programma di ricerca sul Mercato Crediti e Debiti alla Leonard Stern School of Business di New York, nel corso di un botta e risposta organizzato da east con Andrea Resti, professore associato di Gestione degli Intermediari Finanziari all Università Bocconi di Milano. Un approfondimento a due voci su uno dei temi più forti e attuali dell universo creditizio, che avrà ripercussioni sulle aziende e su tutto il sistema economico dei Paesi europei. RESTI. Ed, qual è il tuo punto di vista su Basilea 2 e sulle conseguenze delle nuove regole sul sistema bancario? ALTMAN. Qualora le banche ottenessero risparmi, grazie a minori requisiti di capitale, questo si tradurrebbe in costi inferiori per le imprese e in una crescita maggiore dell economia in generale. Si tratta dunque di un opportunità per tutti. Nel caso in cui si verificasse invece una carenza di capitali ma non è questo l obiettivo degli organi di regolamentazione di Basilea vi sarebbe il rischio di una certa instabilità, maggiori problemi finanziari e traumi nell economia. Le imprese dovrebbero affrontare maggiori difficoltà, cosa che in parte già sta avvenendo. Mi riferisco, per esempio, a una certa perdita di redditività e produttività che si registra attualmente nelle imprese italiane, risultato della concorrenza della Cina e di altri Paesi. Ma, in termini generali, Basilea 2 non peggiorerà la situazione, anzi potrà migliorarla. E tu, Andrea, che ne pensi? R. Credo anch io che su una base aggregata le banche beneficeranno di maggiori margini patrimoniali. Quindi il timore che non saranno in grado di prestare quanto prestano oggi, causa la necessità di mettere da parte più capitale, forse non è giustificato. Ma andando oltre le cifre aggregate, ciò che cambierà grazie a Basilea 2 è anche la logica, il modo di pensare, che regolerà la gestione futura del sistema dei prestiti bancari in Italia. Per ora, in un certo senso, soprattutto per quanto riguarda le banche di piccole 130

2 CREDITO & IMPRESE _Andrea Resti, professore associato di Gestione degli Intermediari Finanziari alla Bocconi ed Edward I. Altman, direttore del programma di ricerca sul Mercato Crediti e Debiti alla L. Stern School of Business di New York dimensioni, il sistema dei prestiti funziona un po come le assicurazioni automobilistiche: entrambi guidiamo un automobile e paghiamo l assicurazione, ma se io subisco molti incidenti anche tu ne pagherai il costo, il che non è giusto perché se tu sei un bravo pilota non c è ragione perché debba pagare per il fatto che io non lo sono affatto. In Italia il sistema della concessione dei prestiti funziona ancora in questo modo: le imprese solide pagano spread che includono il costo dei prestiti inesigibili creati dalle società insolventi. Entro certi limiti Basilea dovrebbe contribuire a garantire che in futuro soltanto gli imprenditori peggiori si troveranno a pagare tassi più alti. Ciò comporterà un miglioramento del tasso di crescita dell economia, in quanto entro certi limiti le imprese solvibili potranno usufruire di crediti a condizioni più convenienti. Questa differenziazione in base al grado di rischio comporterà vantaggi diretti per le imprese meno esposte al rischio e nello stesso tempo maggiori costi alle imprese ad alto rischio. Peraltro, Basilea 2 riconosce che le imprese di medio-piccole dimensioni corrono il rischio di essere più spesso giudicate maggiormente rischiose; pertanto ha previsto che esse beneficino di alcuni sconti, tali da garantire che la nuova normativa comporterà un capitale identico o persino minore di quello determinato dalle norme oggi in vigore. A. È vero. Recentemente io e alcuni colleghi abbiamo realizzato un nuovo studio sull impatto di Basilea su imprese di piccole e medie dimensioni (PMI) negli Stati Uniti, in Australia e in Italia, partendo da alcune ipotesi di lavoro abbastanza realistiche. E abbiamo scoperto che se le aziende di piccole e Grazia Neri_Carlo Cerchioli

3 AMERICANI POCO TRASPARENTI SU BASILEA 2 medie dimensioni (che nel nostro caso erano quelle con fatturato inferiore a 15 milioni di euro) vengono valutate usando i meccanismi previsti da Basilea 2 per le grandi aziende, allora le banche devono accantonare un livello di capitale effettivamente un po più elevato rispetto al sistema attuale. Ma esiste anche la possibilità che le imprese di piccole dimensioni vengano trattate insieme ai clienti al dettaglio, con regole che prevedono maggiori vantaggi. Se le banche tratteranno almeno il 20% delle aziende come clienti al dettaglio, riteniamo che ciò comporterà capitale inferiore ai livelli attuali. Il che significa, si spera, tassi di interesse minori per le PMI. Questo è il risultato del nostro studio, che tra l altro è coerente con alcuni dei risultati presentati dai membri di Credit Group e di UniCredit. R. Ed, nel nostro Paese e nel mondo tu sei conosciuto come il creatore di alcuni famosissimi modelli statistici (come lo Z-score) per misurare il rischio creditizio, e sei stato forse il primo a compendiare in una manciata di indicatori finanziari le fonti principali del rischio stesso. Uno di questi indicatori è l effetto leva, vale a dire il rapporto tra capitale e patrimonio totale. Bene: ti voglio raccontare una storia italiana: da noi le imprese generalmente operano con una bassissima incidenza di capitale sulle attività totali A. Vuoi dire con un basso patrimonio? R. Sì, un basso patrimonio, per motivi per lo più fiscali. Perché il debito è uno scudo fiscale, che riduce le tasse, mentre il capitale non lo è affatto. Ma un anno fa Alessandro Profumo, amministratore delegato di UniCredit, ha affermato che, con Basilea 2, le cose cambieranno grazie all implementazione di una nuova serie di regole più chiare per tutti. Allo stato attuale le ditte italiane, dato il patrimonio molto basso con cui operano, devono offrire un numero elevato di garanzie accessorie per ottenere un prestito dalla banca. Profumo ha affermato che grazie all accordo la situazione può evolvere, perché se gli imprenditori accettano di versare un capitale maggiore nelle loro imprese, aumentando i loro punteggi, come lo Z-score di Ed Altman, allora ottengono un rating migliore e la banca ha bisogno di meno capitale per concedere loro un prestito. Di conseguenza, può anche permettersi di abbassare i requisiti di garanzie accessorie relativamente a quel prestito. Tu pensi che questo scambio (più capitale contro meno garanzie) di cui parla Profumo verrà conseguito con Basilea 2? A. Penso si tratti di una valutazione molto lucida, che sottolinea la necessità per le imprese di migliorare il loro score. Non è la prima volta che ne ho sentito parlare. Ma ciò che Profumo intende è che Basilea 2 sarà la forza trainante per affermare un principio valido già prima di Basilea: perché da sempre un capitale maggiore comporta una maggiore affidabilità creditizia per le imprese e conseguentemente costi del credito inferiori. Ora è più probabile che le banche agiscano in questo modo, più di quanto facessero con la regolamentazione precedente, quella che chiamiamo Basilea 1. E anche i direttori finanziari delle grandi aziende probabilmente capiranno il concetto, mentre non sono certo che sarà così per le imprese di piccole dimensioni, dove i direttori finanziari, i consulenti, i commercialisti e gli avvocati gestiscono situazioni di emergenza più che delineare strategie. I seminari, le conferenze e i rapporti tra banche e imprese possono essere realmente utili se riescono a convincere l imprenditore che, grazie alla possibilità di ridurre il capitale detenuto dalle banche e i tassi di interesse sui prestiti, un maggior patrimonio aziendale offre grandi vantaggi. Ma il punto critico è: possiamo comunicare tanto chiaramente con l imprenditore? R. Sono d accordo con te, la comunicazione è un fattore importantissimo per il cambiamento. Un altro fattore importante probabilmente è la legge fiscale, perché le banche possono cercare di convincere i propri clienti ad aumentare il patrimonio, ma fintanto che esso è pesantemente tassato, come in Italia, questo aumento non si verificherà tanto facilmente. A. Si tratta di attuare delle modifiche fiscali, come per esempio rendere gli interessi sul debito meno deducibili? R. O di ridurre l imposizione sul capitale reinvestito. Diversi anni fa era stata proposta una legge denominata dual income tax per aumentare il patrimonio delle imprese incentivandole a reinvestire i profitti, con un 132

4 CREDITO & IMPRESE Le banche devono riuscire a comunicare agli imprenditori che, grazie alla possibilità di ridurre il capitale detenuto dalle banche e i tassi di interesse sui prestiti, un patrimonio aziendale più alto offre immensi vantaggi prelievo fiscale notevolmente più leggero. In questo modo si creava un incentivo nella giusta direzione. Ma il governo successivo smantellò questa riforma fiscale, non condividendo questo tipo di politiche economiche. A. Pensi che esista un governo tanto perspicace da attuare questo tipo di politiche? La concessione di benefici fiscali per le imprese che rafforzano il patrimonio significa minori entrate per lo Stato nel breve termine, con un aumento del deficit o una riduzione del surplus. Il governo dovrebbe essere molto perspicace per dire: bene, nel breve periodo ciò può rappresentare un problema, ma nel lungo periodo è effettivamente meglio per l economia. Grazia Neri_Carlo Cerchioli R. Come sai, numerosi tagli fiscali sono stati approvati in Italia durante gli ultimi tre anni, indipendentemente dai nostri problemi di deficit. E questo è forse l unico taglio mancante... Ma tornando a Basilea 2, vorrei chiederti un commento conclusivo sugli Stati Uniti; gli europei dicono che con Basilea 2 le autorità Usa non si sono com- 133

5 AMERICANI POCO TRASPARENTI SU BASILEA 2 portate in maniera limpida. Inizialmente avevano proposto questa riforma normativa e gli europei l avevano accettata con entusiasmo, migliorandola e modificandola per assicurare che il maggior numero possibile di banche potesse adottare i nuovi sistemi di controllo dei rischi basati sul rating.ma all ultimo minuto gli americani hanno deciso che solo poche grandi banche, pochissime in effetti, dovranno adottare i processi di rating interno proposti dall accordo. Pensi che gli Stati Uniti abbiano cambiato idea? A. Sì, ho sentito parlare di questa storia e l ho anche commentata nel corso del mio intervento per il Congresso degli Stati Uniti. Sono stato molto deluso dal fatto che gli organi di regolamentazione del mio Paese abbiano cambiato all ultimo minuto i requisiti per le banche statunitensi, capisco che l Europa si sia sentita ingannata ma capisco anche le motivazioni addotte dai regulator americani. Ciò che fondamentalmente dicono è che negli Stati Uniti gli istituti di credito di piccole e medie dimensioni sono adeguatamente capitalizzati, con un cuscinetto minimo costantemente superiore al requisito minimo dell 8% (che è poi l obiettivo di Basilea 2); che è molto costoso e complicato implementare i processi di rating richiesti dal nuovo accordo e che quindi le banche di piccole dimensioni troveranno molto difficile aderirvi; che, anche qualora si verificasse un problema di solidità in una banca Usa di dimensioni medio-piccole, esso sarebbe risolvibile anche senza Basilea 2, attraverso un intervento delle autorità di regolamentazione domestiche, senza fallimenti bancari. Anche se ritengo che queste siano ragioni valide, sono d accordo con la sensazione di delusione europea: era necessario comunicare in anticipo la possibilità che il sistema statunitense, e in particolare per le banche di piccole dimensioni, non adottasse Basilea 2. Sono inoltre d accordo circa la necessità di includere nella normativa un qualche meccanismo per motivare le banche a costruire comunque un sistema di rating: tramite sforzi congiunti, sussidi dal governo, altri strumenti per motivare le banche a raggiungere un livello di competenza più elevato nell attività di rating. Non è giusto dare l impressione di tagliare la corda all ultimo minuto dicendo alle banche: non siete obbligati a investire nel rating, e non preoccupatevi, e così le banche non faranno adeguati investimenti. Ti ho dato una lunga risposta per spiegarti che sono d accordo circa il cosiddetto tradimento degli Stati Uniti; ma credo di sapere dove risiedono i motivi, e cioè nella volontà di salvaguardare una certa parità di condizioni concorrenziali per le banche americane. Francamente, poi, ritengo che questa decisione avrà un altra importante conseguenza e che gli europei non debbano sentirsi ingannati, ma se mai stare a guardare e farsi una risata: infatti la conseguenza della scelte di non consentire alle piccole banche degli Usa l adozione di Basilea 2 sarà che esse diventeranno più appetibili per le banche più grandi, in grado di acquisirle. I clienti degli istituti più piccoli sono prevalentemente piccoli clienti, come si mostra nella ricerca sull impatto di Basilea a cui facevo riferimento prima; applicando Basilea 2 ciò comporterebbe un requisito patrimoniale inferiore, ma le piccole banche non possono applicare Basilea 2. Chi può applicare Basilea 2 sono le grandi banche, che a questo punto sono incentivate a comprare quelle piccole per poter fagocitare il loro portafoglio di piccoli clienti R. Ed, hai menzionato le fusioni bancarie. Recentemente ho letto uno studio della Federal Reserve in cui viene dimostrato che il tasso di crescita dell economia reale in diversi Stati degli Stati Uniti è aumentato in seguito a un ondata di fusioni bancarie condotte tra banche di Stati diversi. Gli Stati Uniti hanno eliminato le limitazioni alle fusioni interstatali durante gli anni Novanta, e quando le barriere sono cadute, consentendo le fusioni bancarie transfrontaliere, si è verificato un impatto positivo e statisticamente significativo sulla crescita reale. Se consideriamo la situazione dal punto di vista dell Italia dove ci sono stati problemi serissimi di crescita abbiamo avuto una crescita negativa per due trimestri consecutivi, cosicché siamo tecnicamente in recessione non pensi che anche in Europa alcune fusioni transfrontaliere in Europa potrebbero avere un effetto positivo sulla crescita reale, un po come è accaduto, a quanto si dice, negli Usa? A. Sono d accordo. In questo momento si tratta di un argomento particolarmente controverso, sia per le banche straniere che cercano di comprare attività italiane o bancarie, 134

6 CREDITO & IMPRESE La comunicazione è un fattore importantissimo per il cambiamento, così come la legge fiscale. Le banche possono cercare di convincere i propri clienti ad aumentare il patrimonio. Ma finché rimarrà pesantemente tassato, come in Italia, non sarà così semplice sia del caso di un grande istituto italiano che sta per comprare una grossa banca straniera. Ritengo in primo luogo che la crescita ne sarà stimolata così come è avvenuto negli Usa. Secondariamente, vi saranno vantaggi anche dal punto di vista della massa critica necessaria per competere: dato che il mondo si sta muovendo verso una competizione più aperta in termini di commercio internazionale, è necessario che le banche italiane crescano per non essere schiacciate dalle banche straniere. Quindi la crescita è importante in una prospettiva di sopravvivenza, oltre che per il potenziale impatto sull economia reale nel breve termine. Grazia Neri_Carlo Cerchioli 135

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Capitolo 31. Gestione del credito commerciale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri.

Capitolo 31. Gestione del credito commerciale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. Principi di finanza aziendale Capitolo 31 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Gestione del credito commerciale Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 31-2 Argomenti trattati

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Finanziare il Fotovoltaico Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Novembre 2009 Indice 1. Finanziare il fotovoltaico: il caso della XYZ Srl 2.

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi,

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi, Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE E p.c Signor Renzi Caro Signor Draghi, E qualche giorno che pensavo di scriverle, da quando la BCE ha abbassato il costo del denaro al valore dello 0,05%.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013 Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014 Risultati finanziari 2013 Presentazione dei risultati finanziari 2013 Rispetto al 2012 la Banca dello Stato del Cantone Ticino registra una buona progressione dell utile

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

opportunità DEL MONDO

opportunità DEL MONDO la più grande opportunità DEL MONDO UNA SOLUZIONE PER TE Scopri il Network Marketing Quali sono i vantaggi del Network Marketing? Il Networking ti permette di ottenere formidabili guadagni attraverso un

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA SIRACUSA Martedì 29 Gennaio 2013 Il processo e gli

Dettagli

La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi

La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi Genova 8 novembre 2012 Pier Giorgio Saladini Dirigente Servizi alle Imprese Banca Carige S.p.A. Agenda I principali rischi connessi

Dettagli

RISPARMIO E PROTEZIONE FISCALE

RISPARMIO E PROTEZIONE FISCALE Vorrei cominciare con il raccontarti una storia realmente accaduta: Un mio cliente possiede una azienda a conduzione familiare nel ricco veneto. L azienda non solo ha dato da mangiare alla sua famiglia

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit Bologna, 3 Aprile 2012 Logiche e contesto La crisi finanziaria dei mercati, evoluta in crisi

Dettagli

L assicurazione crediti

L assicurazione crediti Business Breakfast della Camera L assicurazione crediti Paolo Cavalli 25.6.2012 Maggiore sicurezza per chi ha potere decisionale 1 Quali imprenditori siete sicuri che: I vostri clienti pagheranno sempre

Dettagli

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari Riccardo Gandolfi Temporary Manager rigandol@tin.it http://it.linkedin.com/in/riccardogandolfi Presentazione dello

Dettagli

Cons. dott. ANTONIO CATRICALÀ, Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Cons. dott. ANTONIO CATRICALÀ, Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Cons. dott. ANTONIO CATRICALÀ, Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Buon giornalista, buona domanda. Risponderò alla provocazione, ma innanzitutto vorrei segnalare che si è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari Michele : Giacomo : Michele : Giacomo : Buongiorno a tutti e benvenuti in Business Tribe, il blog di business

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Francesco Confuorti 1. La disponibilità di capital, il funding e la regolamentazione saranno allo stesso tempo i drivers ed i vincoli alla

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie

Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 5 - La tassazione delle rendite finanziarie Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Tassazione

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

l Gestione di portafoglio

l Gestione di portafoglio Avanti tutta! Le banche italiane hanno compiuto progressi significativi nella gestione del rischio associato al portafoglio crediti, anche se permangono diversi punti deboli, soprattutto collegati al pricing

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

Il rapporto tra banche e imprese pugliesi: criticità e aspettative di

Il rapporto tra banche e imprese pugliesi: criticità e aspettative di Il rapporto tra banche e imprese pugliesi: criticità e aspettative di cambiamento Factoring Tour: Bari Bari, 27 giugno 2008 Claudio Giannotti Università LUM di Casamassima (Bari) giannotti@lum.it 1 Agenda

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

E possibile che anche tu ti trovi in una situazione simile?

E possibile che anche tu ti trovi in una situazione simile? 4 leve efficaci per trovare più clienti e aumentare le vendite e i profitti del tuo business online senza spendere un solo euro in pubblicità aggiuntiva: il potere di aumentare le conversioni Se hai già

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

Creditreform Italia Informazioni Commerciali Estero. Dal 1879 Sicurezza con le Informazioni

Creditreform Italia Informazioni Commerciali Estero. Dal 1879 Sicurezza con le Informazioni Creditreform Italia Informazioni Commerciali Estero Dal 1879 Sicurezza con le Informazioni 2 Informazioni Commerciali Individuare e comprendere il rischio legato ad ogni transazione commerciale in modo

Dettagli

Caso studio. Ottimizzazione di una landing page B2B ... www.lucagentile.eu. Copyright 2015

Caso studio. Ottimizzazione di una landing page B2B ... www.lucagentile.eu. Copyright 2015 0 1 Premessa del test In questo caso studio ti mostro come ho condotto una serie di 2 test per una campagna AdWords di lead generation. Il report si concentrerà sui risultati e le conseguenze del test,

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa...

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Hai riscontrato che accendere un mutuo oggi è piuttosto complicato e non sempre conveniente? Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Immagina di poter: entrare subito nella

Dettagli