DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE"

Transcript

1 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di ospitalità intesa come prestazione di alloggio e di eventuali servizi accessori e connessi. 2) Quali sono le strutture turistiche ricettive? Le strutture ricettive a fini turistici si identificano in: Alberghiere: Alberghi (art.2 comma 1 lett.a) R.R.n.17/2008 s.m.i) Strutture che offrono alloggio in non meno di 7 camere dotate altresì di un area di accoglienza, che forniscono eventualmente servizi accessori. Gli alberghi si classificano con un ordine crescente: 1,2,3,4 e 5 stelle. Residenze Turistiche Alberghiere Residence- (art.2 comma 1 lett.b) R.R.n.17/2008 s.m.i) - Strutture che offrono alloggio in non meno di 7 appartamenti ( per appartamento si intende un unità abitativa composta di uno o più locali dotata di cucina o angolo cottura autonomo) e 15 posti letto. E presente e un area di accoglienza ed eventualmente servizi accessori. Il periodo minimo di soggiorno è di tre giorni. Le residenze Turistiche Alberghiere si classificano con un ordine crescente: 2,3 e 4 stelle. All Aria Aperta : Campeggi (art.2 comma 1 lett.a) R.R.n.18/2008 s.m.i) Complessi ricettivi aperti al pubblico, attrezzati per la sosta e per il soggiorno degli ospiti provvisti di mezzi autonomi di pernottamento e, in minor misura, dei turisti sprovvisti di mezzi autonomi di pernottamento. I campeggi sono classificati in ordine crescente con 1,2,3 e 4 stelle. Villaggi turistici (art.2 comma 1 lett.b) R.R.n.18/2008s.m.i) Complessi ricettivi aperti al pubblico, attrezzati per il soggiorno in bungalows ed altre unità abitative mobili di ospiti sprovvisti di mezzi autonomi di pernottamento e, in minor misura, dei turisti provvisti di mezzi autonomi di pernottamento. I villaggi turistici sono classificati in ordine crescente con 2,3 e 4 stelle. Le aree attrezzate per la sosta temporanea, o aree di sosta, (art.2 comma 1 lett.c) R.R.n.18/2008 s.m.i) Aree destinate al soggiorno di turisti provvisti di mezzi autonomi di pernottamento, quali roulotte, caravan, maxicaravan e case mobili, per una permanenza massima di 72 ore consecutive. Le aree di sosta sono classificate con una classe unica. 1

2 Extralberghiere: Guest House o Affittacamere (art. 4 r.r. 8/2015) Struttura ricettiva composta da non più di sei camere, ubicate in non più di due appartamenti ( di civile abitazione) ammobiliati in uno stesso stabile con medesimo ingresso su strada, ove sono forniti alloggio ed eventuali servizi complementari (colazione, pasti ecc..). Gli Affittacamere sono classificati in 1^, 2^ e 3^ categoria; Ostelli per la gioventù (art.5 r.r. 8/2015) Struttura attrezzata per il soggiorno ed il pernottamento, per periodi limitati (max 60gg continuativi), di giovani e di eventuali accompagnatori di gruppi di giovani, e soggetti aventi finalità di turismo sociale, culturale, sportivo e religioso. Sono strutture gestite da enti pubblici, enti di carattere morale e religioso, cooperative sociali e associazioni operanti senza scopo di lucro nel campo del turismo sociale e giovanile. Gli Ostelli per la Gioventù sono classificati in categoria Unica. Hostel o Ostelli (art.6 r.r. 8/2015) Strutture attrezzate, gestite in forma imprenditoriale, finalizzate ad offrire il soggiorno ed il pernottamento (massimo di 60 giorni continuativi) a famiglie e/o a gruppi di turisti e sono dotate di spazi comuni aventi servizi maggiormente attrezzati rispetto a quelli offerti dagli ostelli della gioventù. Gli Hostel o Ostelli sono classificati in categoria Unica. Case e appartamenti per vacanze (art.7 r.r. 8/2015) Sono immobili arredati per l affitto ai turisti ed all interno delle quali non possono esservi persone residenti e né domiciliate. Le strutture possono essere gestite: a) In forma non imprenditoriale, per la gestione occasionale di una o due case o appartamenti per vacanze, con chiusura annuale di 100 gg nell anno solare (inattività); b) in forma imprenditoriale per la gestione non occasionale ed organizzata di una o più case o appartamenti per vacanze, senza l obbligo di chiusura. Le strutture hanno contratti di affitto aventi validità non inferiore a tre giorni e non superiore a tre mesi consecutivi ( per Roma Capitale e la Città metropolitana di Roma Capitale ex Provincia di Roma). Per i restanti comuni il soggiorno agli ospiti è massimo di tre mesi. Le Case ed Appartamenti per vacanze sono classificati in 1^ e 2^ categoria. 2

3 Case per ferie (art.8 r.r. 8/2015) Strutture gestite da enti pubblici o privati, o da associazioni ed organismi operanti senza fine di lucro con lo scopo di conseguire finalità sociali, culturali, educative, assistenziali, religiose e sportive. Le strutture forniscono un soggiorno a gruppi o a soggetti singoli, compresi i dipendenti delle aziende ed i relativi familiari. Le Case per Ferie sono classificate in categoria Unica Bed and Breakfast (art.9 r.r. 8/2015) Struttura che rispetta i requisiti previsti per le civili abitazioni, con servizio di alloggio e prima colazione, offerto presso l abitazione in cui il titolare ha l obbligo di residenza e domicilio. Le strutture possono essere gestite: a) in forma non imprenditoriale, quando la gestione viene svolta in modo saltuario e la struttura dispone di un numero non superiore di tre camere ed un massimo di sei posti letto, compresa la somministrazione della prima colazione. Il periodo di inattività è pari a centoventi giorni nell anno solare per Roma Capitale e per la Città Metropolitana di Roma Capitale (ex Provincia) e nei restanti comuni il periodo di inattività è pari a novanta giorni nell anno solare; b) in forma imprenditoriale, quando la gestione è svolta in modo continuativo e la struttura dispone di un numero non superiore a quattro camere ed un massimo di otto posti letto compresa la somministrazione della prima colazione. I Bed and Breakfast sono classificati in categoria Unica Country House o Residenze di campagna (art.10 r.r. 8/2015) Strutture ubicate al di fuori dei centri urbani e del territorio di Roma Capitale e situate in contesti rurali di interesse naturalistico e paesaggistico. Le strutture, sono gestite in forma imprenditoriale e continuativa e sono localizzate in fabbricati rurali non a servizio di aziende agricole, in ville, case padronali o casali ed offrono ospitalità in camere o appartamenti con eventuali servizi autonomi di cucina. Tali strutture, con una capacità ricettiva massima di pernottamento di trenta posti letto, possono essere comprese all interno del fabbricato principale o inserite in uno o più immobili limitrofi facenti parte dello stesso nucleo rurale e della medesima pertinenza di terreno, avente una estensione non inferiore a cinquemila metri quadrati. Nelle strutture può essere fornito il servizio di somministrazione alimenti e bevande ai soli alloggiati nel rispetto della normativa vigente. Il Country House o Residenze di campagna è classificata in categoria Unica Rifugi Montani (art.11 r.r. 8/2015) Strutture ubicate in alta montagna e comunque ad una quota non inferiore a mille metri, di proprietà o in gestione a privati, enti o associazioni senza scopo di lucro ed operanti nel settore dell escursionismo, ascensionismo o alpinismo. Tali strutture sono custodite ed aperte al pubblico e sono predisposte per assicurare il ricovero, il ristoro ed il soccorso alpino agli ospiti. 3

4 I Rifugi montani sono classificati in categoria Unica. Rifugi escursionistici (art.12 r.r. 8/2015) Strutture idonee ad offrire ospitalità e ristoro in zone di montagna o collinari, posizionati a quote inferiori a mille metri, di proprietà o in gestione a privati, enti o associazioni senza scopo di lucro ed operanti nel settore dell escursionismo. I rifugi escursionistici sono ubicati fuori dai centri abitati, in luoghi favorevoli allo svolgimento di attività all aria aperta quali, in particolare, parchi, aree naturali protette, itinerari e cammini di fede frequentati da pellegrini ed escursionisti e raggiungibili da sentieri, strade forestali o percorribili da mezzi di trasporto ordinario. I Rifugi escursionistici sono classificati in categoria Unica. Albergo Diffuso ( r.r. n.7 del 3/8/2015) Struttura di particolare tipologia di ricettività turistica intesa a valorizzare i centri storici o i borghi dei comuni del Lazio con particolari caratteristiche urbanistiche e con una popolazione che non superi i abitanti. L Albergo Diffuso è caratterizzato dalla particolarità di offrire ospitalità in abitazioni e camere distribuite all interno di un perimetro urbano di 300 metri dall edificio centrale ove vengono erogati i servizi comuni. L Albergo diffuso è classificato in categoria Unica. 3) Come avviare un attività turistica? Un attività ricettiva turistica si avvia inoltrando la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) agli uffici SUAP del Comune dove è ubicata la struttura. Nella SCIA dovrà essere indicata la classificazione della struttura ricettiva. 4) Come si individua una classificazione? La classificazione si individua in stelle per le strutture turistiche Alberghiere ed All Aria Aperta, in categorie per le strutture Extralberghiere e per gli Alberghi diffusi e viene dichiarata dal titolare o dall impresa mediante un autocertificazione di classificazione, da allegare alla SCIA. I parametri per identificare correttamente la classificazione della struttura sono indicati nei regolamenti regionali n.8/2015, n.17 e n.18 del 24 ottobre 2008 e s.m.i, e n.7 del 3 agosto 2015; 5) Dove reperire la modulistica per la dichiarazione relativa all autocertificazione di classificazione? La modulistica è reperibile nel sito istituzionale della Regione Lazio al seguente indirizzo nel banner STRUTTURE RICETTIVE Normativa, Modulistica e link utili. 4

5 6) Come individuare i prezzi da applicare alla clientela? Dove indicarli? I prezzi che si intendono applicare alla clientela sono di libera determinazione da parte del titolare e/o gestore della struttura e non sono in relazione alla classificazione posseduta. Il titolare e/o gestore provvede alla compilazione del modello della tabella prezzi, fornito dai Comuni o dalla Regione Lazio che, una volta compilato, indicando l anno di riferimento ed il solo prezzo massimo che si intende applicare, deve essere esposto nella struttura, in modo ben visibile al pubblico ( reception o vano comune). Il titolare e/o gestore dovrà compilare altresì il cartellino Prezzi (tranne per le case vacanze) ed esporlo all interno di ciascuna camera, indicando il prezzo effettivo della stessa, non superando il prezzo massimo indicato nella tabella prezzi. Per i Comuni che abbiano determinato una tassa/contributo di soggiorno, il titolare e/o gestore indicherà nella Tabella Prezzi il valore giornaliero della tassa/contributo di soggiorno, separatamente dal prezzo della camera. 7) Qual è la normativa regionale che disciplina le strutture ricettive turistiche? La legge Regione Lazio di riferimento è la n. 13 del 06 Agosto 2007, e s.m.i; I regolamenti regionali che disciplinano le seguenti tipologie sono: 1) per le strutture alberghiere -Regolamento Regionale n.17/2008 e s.m.i; 2) per le strutture extralberghiere- Regolamento Regionale n.8 del 7 agosto 2015; 3) per le strutture all aria aperta - Regolamento Regionale n.18/2008 s.m.i; 4)per le strutture di Alberghi diffusi - Regolamento Regionale n.7 del 3 agosto 2015; 8) Dove è possibile reperire la normativa? La normativa di riferimento è reperibile nel sito istituzionale della Regione Lazio all indirizzo nel banner STRUTTURE RICETTIVE Normativa, Modulistica e link utili 9) Quali sono i principali obblighi che il titolare della struttura ricettiva deve rispettare? Il titolare di una struttura ricettiva deve rispettare le seguenti disposizioni dettate dalla legge Regionale 13/2007 e s.m.i: a) Invio telematico C59 (art. 28, della legge regionale 13/2007, integrato e modificato dall'articolo 1, comma 1, lettera a) della legge regionale 16 dicembre 2011, n. 17) Il titolare di una struttura ricettiva in possesso di autorizzazione/scia deve provvedere all invio telematico dei modelli Istat C 59 attraverso la registrazione nella sezione Radar del sito 5

6 o nel sito istituzionale della Regione Lazio all indirizzo nel banner Radar b) Trasmettere all Autorità della Polizia di Stato, solo in via telematica, i dati anagrafici delle persone alloggiate. Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link: https://alloggiatiweb.poliziadistato.it/portalealloggiati 6

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e ambito di

Dettagli

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 1 PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 Il Regolamento Regionale n.8/2015 Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere, che abroga il precedente regolamento n.16/2008 è, entrato

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti:

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti: PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione Lazio n.16/2008 e ss.mm.ii con gli allegati A1 e A2, è il regolamento che disciplina le strutture ricettive extralberghiere in materia di classificazione.

Dettagli

1. Dati generali dell intervento 1.1 - Ubicazione intervento (Riportare contenuto del quadro 3 del MURAD)

1. Dati generali dell intervento 1.1 - Ubicazione intervento (Riportare contenuto del quadro 3 del MURAD) SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-33 Attività Ricettive EXTRALBERGHIERE Ultimo Aggiornamento: 29/09/2015 D.Lgs n.59/2010 ART.83 - L.R. Lazio n.13/2007 Regolamento Regionale n. 8/2015 1. Dati generali

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008)

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008) Modello Richiesta di attestazione di classificazione extralberghiera. pag 1 di 11 DUPLICE COPIA Regione Lazio Dipartimento Istituzionale e Territorio Agenzia Regionale del Turismo Ufficio Territoriale

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE ha adottato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE emana

LA GIUNTA REGIONALE ha adottato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE emana 10/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 73 Pag. 28 di 496 LA GIUNTA REGIONALE ha adottato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE emana il seguente regolamento: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli

10/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 73. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

10/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 73. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 4 agosto 2015, n. 403 Regolamento Regionale su "Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere". OGGETTO: Regolamento

Dettagli

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive?

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive? ROMA CAPITALE - INFORMAZIONI VARIE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE FAQ 1. Cosa bisogna fare per avviare un'attività ricettiva? Per avviare un attività ricettiva si deve trasmettere, esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 DISPOSIZIONI ATTUATIVE GENERALI E COMUNI A ALLOGGI TURISTICI, CASE PER VACANZE, UNITÀ ABITATIVE AMMOBILIATE AD USO TURISTICO,

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia PRO MEMORIA Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia Per ogni ulteriore informazione scrivere a : info@prontogeometra.it PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.10.2014 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in di - Venezia principalmente alla (ad es. San Clemente) zona di ubicazione della struttura -

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Art. 1 (Oggetto) (1) La presente legge disciplina l'esercizio, svolto in forma professionale, dell'attività di somministrazione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI Le strutture ricettive extralberghiere sono disciplinate dal Regolamento Regione Lazio n.8/2015 il quale stabilisce i vari livelli di classificazione

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI. LEGGE REGIONALE 12 luglio 2013, n. 13. Testo unico in materia di turismo.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI. LEGGE REGIONALE 12 luglio 2013, n. 13. Testo unico in materia di turismo. Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 32 del 17 luglio 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 17 luglio 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n. Protocollo RC n. 4158/16 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA L anno duemilasedici, il giorno di venerdì diciotto del mese

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Descrizione Riguarda le attività contemplate dai R.R. n. 16/2008 e 8/2015 affittacamere, ostelli per la gioventù, case ed appartamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA Legislazione turistica regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 60 EDIZIONE STRAORDINARIA del 29 dicembre 2006 ARTICOLO 1 (Principi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE N. 16 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Testo coordinato con tutte le modifiche

REGOLAMENTO REGIONALE N. 16 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Testo coordinato con tutte le modifiche REGOLAMENTO REGIONALE N. 16 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Testo coordinato con tutte le modifiche introdotte dalle leggi regionali e, da ultimo, con il

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO (Art. 4, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 25/03/2013 INDICE Articolo 1

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Normativa di riferimento NORMATIVA SULL'ATTIVITA' TURISTICA Legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 "Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo(testo

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO

PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO Introduzione Come si riconosce sin dalla relazione al Progetto

Dettagli

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere Provincia di Salerno regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere approvato con deliberazione consiliare n. 15 del 16/4/2004

Dettagli

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015. Classificazione per l esercizio

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI LIVORNO ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Indice Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Presupposto dell'imposta

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 22 DEL 29.06.2011 MODIFICATO ED INTEGRATO CON: DELIBERAZIONE DEL C.C. N 32

Dettagli

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO Sede legale: Via Romagnosi 11 A 38122 TRENTO www.trentinoriscossionispa.it info@trentinoriscossionispa.it trentinoriscossionispa@pec.provincia.tn.it 0461/495532 0461/495510 GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE

Dettagli

R E G I O N I DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO 3ª SERIE SPECIALE P ARTE PRIMA. Roma - Sabato, 23 maggio 2015. Anno 156 - Numero 20

R E G I O N I DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO 3ª SERIE SPECIALE P ARTE PRIMA. Roma - Sabato, 23 maggio 2015. Anno 156 - Numero 20 3ª SERIE SPECIALE Spediz. abb. abb. post. post. - art. 45% 1, comma - art. 12, comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46 662 - Filiale - Filiale di Romadi Roma GAZZETTA Anno 156 - Numero 20 UFFICIALE

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA Legge Regionale 24 novembre 2001, n. 17 DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: CAPITOLO

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

LE ATTIVITA RICETTIVE

LE ATTIVITA RICETTIVE Sportello Unico Attività Produttive Comune di Gabicce Mare LE ATTIVITA RICETTIVE A cura della Dott.ssa Giovanna Prioli Responsabile del I Settore Affari Generali Responsabile S.U.A.P. del Comune di Gabicce

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA RICETTIVA EXTRALBERGHIERA Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014)

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento...pag. 1 Art. 2 Istituzione e presupposto dell

Dettagli

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:23/09/2015 ALLEGATO B-33sexies Modello di autocertificazione di classificazione Hostel o Ostelli Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i. Regolamento

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE -

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4375 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 6. DISCIPLINA DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

2h Turismo l.r. 42/2000 1

2h Turismo l.r. 42/2000 1 2h Turismo l.r. 42/2000 1 Legge Regionale 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. (Bollettino Ufficiale n. 15, parte prima, del 03.04.2000 ) Titolo I - IL SISTEMA

Dettagli

LEGGE REGIONALE UMBRIA

LEGGE REGIONALE UMBRIA LEGGE REGIONALE UMBRIA N. 39 DEL 13-08-1987 Disciplina delle strutture ricettive extra - alberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 58 del 19 agosto 1987 Il Commissario Regionale

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO Con la deliberazione di Consiglio Comunale n.32 del 05 luglio 2012 è stata istituita l imposta comunale di soggiorno con decorrenza

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO (..omissis..) TITOLO II Disciplina in materia di operatori turistici CAPO I Strutture ricettive

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 omissis TITOLO II IMPRESE TURISTICHE CAPO I STRUTTURE

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DEL 27.10.2014 1 Sommario Articolo 1 - Oggetto del Regolamento... 3 Articolo 2 - Istituzione

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

CITTA' di TERMINI IMERESE

CITTA' di TERMINI IMERESE CITTA' di TERMINI IMERESE Secondo Settore: Territorio, Ambiente e Attività Produttive S.U.A.P. CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI Sportello unificato per la ricettivita turistica: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO Testo comparato con le modifiche apportate dalla l.r. n. 25/2016 Riordino delle funzioni provinciali in materia

Dettagli

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995)

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Tropea.biz LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Art. 1 Definizione 1. È attività ricettiva di tipo extralberghiero

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PRESSO LA COMUNITÀ MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE S.C.I.A - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ESERCIZIO DI BED & BREAKFAST Al Comune di

Dettagli

L imposta di soggiorno nel territorio veneziano Versione aggiornata 08.08.2011 In rosso le correzioni effettuate rispetto alla versione precedente

L imposta di soggiorno nel territorio veneziano Versione aggiornata 08.08.2011 In rosso le correzioni effettuate rispetto alla versione precedente Comune di Venezia Direzione Generale L imposta di soggiorno Versione aggiornata 08.08.2011 In rosso le correzioni effettuate rispetto alla versione precedente Con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze :

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze : in forma non imprenditoriale ed in forma imprenditoriale Pag. 1 di 8 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI BRENZONE Provincia di Verona All. Sub A) Deliberazione C.C. n. 15 del 17.04.2013 REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 28.12.2011

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 9 del 28 febbraio 2001 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Approvato con deliberazione di C.C. n. 4 del 10 gennaio 2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento. Art.

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

IL DIRIGENTE. determina

IL DIRIGENTE. determina REGIONE PIEMONTE BU14 03/04/2014 Codice DB2017 D.D. 31 dicembre 2013, n. 1121 Disciplina dei complessi recettivi extra alberghieri per la preparazione e somministrazione di alimenti e bevande. Premesso

Dettagli

COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 01.08.2012 INDICE ART. 1

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. (Registrato alla Corte dei conti il 29.10.2003, registro 1, foglio 14) Regolamento di esecuzione della legge provinciale 15 maggio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

Guida all Imposta di Soggiorno

Guida all Imposta di Soggiorno Comune di Rimini Direzione Risorse Finanziarie U.O. Tributi sugli Immobili e Federalismo Municipale Ufficio Imposta di Soggiorno Via Ducale, 7 47921 RIMINI tel. 0541.704631 - fax: 0541.704710 web: www.comune.rimini.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI SAINT-VINCENT REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REPUBBLICA ITALIANA COMMUNE DE SAINT-VINCENT REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REPUBLIQUE ITALIENNE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Dettagli

AFFITTA CAMERE. AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di

AFFITTA CAMERE. AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di Dichiarazione resa ai sensi degli Artt.,6 e 7 D.P.R. n.5 del 8 dicembre 000 dal Legale Rappresentante della società

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi Affittacamere L.r. n 31 del 15/4/1985 Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Gli affittacamere sono strutture ricettive extra alberghiere. Come dice il nome trattasi di un affitto di camere

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte dalle leggi regionali e, da ultimo, con il R.R. n.

Dettagli

NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI IL DECRETO "SEMPLIFICA ITALIA" vitantonio lippolis[1] CONSULENTE

NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI IL DECRETO SEMPLIFICA ITALIA vitantonio lippolis[1] CONSULENTE IL CONSULENTE Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma 8 NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI vitantonio lippolis[1] ADEMPIMENTI IL DECRETO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta Giunta Regionale della Campania Delibera di Giunta Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali N 792 Del A.G.C. Settore Servizio 21/12/2012 13 2 3 Oggetto: Regolamento "albergo diffuso"

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno Approvato dal Consiglio Comunale in data 02 Novembre 2011, n. 27. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli

REGIONE LIGURIA. LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r.

REGIONE LIGURIA. LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r. REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r. 4/13 TESTO UNICO IN MATERIA DI STRUTTURE TURISTICO-RICETTIVE E BALNEARI Il

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC SCIA TURISMO CLASSIFICAZIONE N. /20 Spazio riservato al protocollo Al III DIPARTIMENTO - 2 SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEL TURISMO E DELLO SPORT della PROVINCIA REGIONALE di CATANIA Via Nuovaluce 67/A

Dettagli

Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO SOMMARIO Articolo 1: Articolo 2: Articolo 3: Articolo 4: Articolo 5: Articolo 6: Articolo 7: Articolo 8: Articolo 9: Articolo 10: Articolo 11: Articolo

Dettagli

L applicazione dell imposta di Soggiorno

L applicazione dell imposta di Soggiorno C I T T À D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Cos'è e dove si applica L applicazione dell imposta di Soggiorno L'imposta di soggiorno, adottata dal Comune di Ugento (in base alle disposizioni previste dall'art.

Dettagli

per una delle seguenti attività:

per una delle seguenti attività: STRUTTURA RICETTIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA - SCIA n. 4 copie in carta semplice AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.A ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ATTIVITÀ 55.10.B ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE ATTIVITÀ 55.23.4 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER

Dettagli