PROTOCOLLO D INTESA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale , rappresentata dal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO D INTESA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dal"

Transcript

1 PROTOCOLLO D INTESA Tra La Regione Toscana, codice fiscale , rappresentata dal Presidente della Giunta Regionale, Claudio Martini, nato a Bardo (Tunisia) il e Le seguenti banche: - Gruppo Monte dei Paschi di Siena; - Gruppo Banca Cassa Risparmio Firenze; - Banca Nazionale del Lavoro S.p.a ; - Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a.; - Cassa di Risparmio di Volterra S.p.a.; - Banca del Monte di Lucca; - Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo S.c.r.l; - Cassa di Risparmio di Prato S.p.a.; - Banca Popolare dell Etruria e del Lazio; - Cassa di Risparmio di Lucca S.p.a. Le Banche firmatarie in qualità di capogruppo coordineranno tutte le società facenti parte dei rispettivi gruppi bancari al fine dell attuazione del presente protocollo per ciò che attiene alla loro specificità di intervento negli strumenti ivi previsti. 1

2 Ricordato: - che in data 12 novembre 1999 è stato firmato un Protocollo di intesa tra Regione Toscana e i principali istituti del sistema bancario toscano per la definizione di strumenti di intervento a favore dell economia toscana; - che in data 9 Dicembre 2002 è stato sottoscritto un aggiornamento del suddetto Protocollo che ha rimodulato gli strumenti di intervento e i tassi massimi applicabili (da rideterminarsi successivamente al Giugno 2003), Protocollo avente validità fino al 31 dicembre 2004; - che in data 1 Ottobre 2003 è stato sottoscritto un atto aggiuntivo procedendo alla revisione delle condizioni massime a far data dal 1 ottobre 2003, per adeguarle alle mutate condizioni di mercato, con validità sino al 31 Dicembre 2004; - che con il suddetto atto aggiuntivo la Convezione per lo sviluppo delle imprese femminile, sottoscritta in data 9 luglio 2001 e d ora in avanti indicata con Investire in Rosa, è diventata parte integrante del protocollo di intesa fra Regione Toscana e Banche; - che quanto sopra riportato, d ora in avanti sarà indicato come Precedenti Protocolli di Intesa ; Valutato: - che l esperienza positiva scaturita dall applicazione dei Precedenti Protocolli di Intesa ne suggerisce la riconferma con un aggiornamento degli strumenti in esso previsti, dato il mutato contesto economico e le prospettive e strategie di azione necessarie per il perseguimento degli obiettivi della Programmazione Regionale e in particolare- di quelli 2

3 definiti nel Nuovo Patto per lo Sviluppo più avanti richiamato; - che è opportuno giungere ad una confluenza di tempi tra la validità del presente Protocollo di intesa e la durata della legislatura regionale; - che per ottimizzare i processi di erogazione rivolti alle imprese beneficiarie è opportuno che le Banche si impegnino a promuovere verso il personale operante presso le rispettive strutture bancarie una formazione adeguata all attivazione degli strumenti predisposti nel presente documento; - che la Regione Toscana e la Banche firmatarie, al fine di conseguire una maggiore operatività e diffusione degli strumenti di intervento previsti nel presente atto, ritengono opportuno proporne l adesione a tutto il sistema bancario operante in Toscana a fronte di precisi impegni sugli articoli 2, 3.4 e 4 del Protocollo; Premesso: - che il nuovo Accordo di Basilea 2 sui requisiti minimi di capitale per le Banche, entrerà in vigore nel 2007; - che le procedure previste nel suddetto Accordo, benché non ancora completamente definite in attesa della normativa di recepimento (Direttiva europea e istruzioni della Banca d Italia) e, quindi, suscettibili di variazioni, sono oramai in fase di avanzata applicazione sperimentale da parte delle Banche ed evidenziano già gli effetti che in futuro si potranno verificare in ordine all accesso al credito e al costo del denaro delle linee di credito delle PMI toscane; - che, qualora necessario, il presente protocollo dovrà adeguarsi negli 3

4 esercizi futuri ai contenuti della normativa di recepimento dell Accordo di Basilea 2 ; - che il Programma di Governo regionale attribuisce un ruolo centrale al sistema creditizio regionale per il sostegno dell innovazione, della ricerca e dell internazionalizzazione delle imprese toscane; - che gli strumenti di programmazione regionale, quali il Programma Regionale di Sviluppo (P.R.S.) ed i piani e programmi di settore, assicurano gli strumenti di intervento in coerenza con il Programma di Governo regionale; - che la Regione Toscana e le Banche esprimono la comune volontà di concorrere, per le rispettive competenze, allo sviluppo del sistema produttivo toscano, sia al fine di sostenere e mantenere vivo l attuale apparato produttivo e di servizi, sia per promuoverne le dinamiche di progresso verso percorsi di sostenibilità sociale ed ambientale; - che gli interventi contenuti nel presente documento sono rivolti alle piccole-medie imprese, alle piccole imprese e alle microimprese presenti sul territorio regionale toscano, così come definite dalla vigente normativa europea di riferimento; Dato atto: - che il Nuovo Patto per uno sviluppo qualificato e maggiori e migliori lavori in Toscana, siglato il 30 Marzo 2004 tra la Regione e le forze economiche e sociali presenti al Tavolo di Concertazione generale, individua, tra le diverse aree progettuali di intervento sulle quali avviare un processo di governance cooperativa, l area n. 7 Accesso al credito 4

5 delle PMI nell ottica di Basilea 2 e che tale strategia di intervento è confermata anche nel nuovo Programma di Governo; - che nell ambito progettuale di cui al precedente punto la Regione e i diversi soggetti della comunità regionale sono impegnati a rafforzare il sistema regionale delle garanzie ed a fornire strumenti di supporto alle imprese in modo da realizzare un approccio positivo alle nuove procedure di accesso al credito previste dall Accordo di Basilea 2, tenuto conto del processo di recepimento dell accordo stesso; - che in particolare la suddetta Area progettuale prevede: a. con riferimento al sistema regionale delle garanzie, la definizione e la costituzione di una Rete regionale di garanzia i cui attori sono rappresentati da Fidi Toscana S.p.a, Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. ed i consorzi e cooperative di garanzia collettiva dei fidi (d ora in avanti per brevità Consorzi Fidi ), promuovendo tra essi le più efficienti interrelazioni e sostenendo i necessari processi di consolidamento, di accorpamento e di evoluzione operativa; b. la definizione di un percorso grazie al quale le garanzie, le cogaranzie e le controgaranzie rilasciate da detti soggetti siano rispondenti alle prescrizioni contenute nell Accordo di Basilea 2 e alla relativa normativa di recepimento, in modo da migliorare l accesso al credito delle PMI toscane; c. la costituzione presso Fidi Toscana S.p.a. di un Fondo Regionale di controgaranzia a favore della garanzia rilasciata dai Consorzi Fidi e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., anche quale forma di ottimizzazione dell impiego delle risorse pubbliche (regionali, 5

6 provinciali e camerali) finalizzate a sostenere l accesso al credito per le imprese toscane; d. la messa a punto, in collaborazione con le Università toscane, di un progetto per l incremento della consapevolezza finanziaria delle imprese (PRO.CO.F.I.T.) che consenta all imprenditore di percepire il proprio merito creditizio in vista della valutazione effettuata dalle Banche in sede di concessione del credito, con connessa disponibilità delle Università stesse all analisi finanziaria approfondita delle eventuali criticità d impresa ( Officina Finanziaria ); e. l istituzione presso l Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana (I.R.P.E.T.) di un Osservatorio Regionale sul Credito per la raccolta e la diffusione dei dati sulla domanda e offerta del credito in Toscana, sull efficacia del sistema regionale delle garanzie e per il monitoraggio degli effetti prodotti sia dall Accordo di Basilea 2, sia dagli interventi regionali proposti a supporto del sistema economico, compreso il presente Protocollo. - che la Regione, all interno dei propri strumenti di politica industriale di agevolazione ed in base alla valutazione dell esperienza rappresentata dal Bond di Sistema effettuata dal luglio 2005 da Fidi Toscana S.p.a. in collaborazione con il gruppo bancario MPS, considera opportuno valutare la possibilità di estendere ulteriori e analoghe iniziative alle Banche firmatarie del presente protocollo, ad Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l, ai Consorzi Fidi, nonché alla stessa Fidi Toscana S.p.a.; - che la Regione, in considerazione della Risoluzione ONU A/58/499 del 2003 e sulla base delle azioni intraprese nell ambito dell iniziativa 6

7 denominata Fabbrica Ethica, intende promuovere le politiche di microcredito volte a garantire l accesso al credito di tutte le fasce sociali, con esclusivo riferimento, all interno del presente documento, a strumenti di microcredito rivolti alle piccole imprese e micro imprese toscane. Tutto ciò ricordato, valutato e premesso, Resta inteso Art. 1 - Obiettivi generali La Regione Toscana e le Banche firmatarie, al fine di dare concretezza alla comune volontà di favorire il consolidamento e lo sviluppo del sistema produttivo toscano, concordano sulla metodologia operativa e sugli strumenti di intervento di cui agli articoli successivi e si impegnano nelle forme e nelle misure specifiche di cui all Allegato tecnico al presente atto (d ora in poi Allegato ). La Regione e le Banche firmatarie convengono che l adesione da parte di altre Banche comporterà per queste ultime la sottoscrizione del presente atto e del relativo Allegato tecnico; esse parteciperanno per le quote determinate con i criteri indicati nell Allegato stesso. Art. 2 - Metodologia operativa e monitoraggio sull operatività La Regione e le Banche confermano la metodologia definita nei Precedenti Protocolli di Intesa, basata sul confronto, sull analisi e sulla progettualità 7

8 inerenti le problematiche di comune interesse, al fine di assicurare la maggiore convergenza sugli obiettivi e sulla migliore efficacia degli interventi. A tale proposito, la Regione convoca, su propria iniziativa o su richiesta di una delle parti firmatarie del presente accordo, riunioni e tavoli di analisi e di progetto. Per la migliore applicazione degli interventi previsti nel presente protocollo, le Banche si impegnano a fornire alla propria rete commerciale una informativa dettagliata delle tipologie di operazioni da attivarsi con gli strumenti di seguito descritti ed alle condizioni previste nell Allegato. Le Banche nell ambito dei propri programmi di aggiornamento e di qualificazione del personale, inoltre, effettueranno le azioni ritenute opportune e necessarie per realizzare interventi di sensibilizzazione e formazione dei dipendenti al fine di ottimizzare e facilitare le relazioni con le imprese. La Regione provvederà a dare la più ampia diffusione al presente protocollo, sia attraverso i suoi strumenti, Fidi Toscana S.p.a. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., sia attraverso le Associazioni di Categoria, nell ambito delle azioni e delle collaborazioni che discendono dal Nuovo Patto per lo Sviluppo e, specificatamente, dall area progettuale n. 7 di cui alle premesse Elaborazioni statistiche Al fine di predisporre una procedura di monitoraggio sull operatività del Protocollo, le parti convengono, in relazione alle diverse iniziative specifiche di sostegno attivate, sulla opportunità di stabilire delle regole comuni circa le tipologie di dati da raccogliere al fine di consentire 8

9 successive elaborazioni a carattere statistico generale. 2.2 Protocollo di trasmissione dei dati Fidi Toscana S.p.A. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., oltre che le singole Banche, si impegnano a valutare le condizioni di fattibilità per poter fornire su supporto informatico, direttamente alla Regione, che si avvarrà dell Osservatorio Regionale sul Credito presso l I.R.P.E.T. per l elaborazione di tutti i dati raccolti nell ambito delle diverse azioni, evitando duplicazioni delle reportistiche e consistenti aggravi a carico dei sistemi informativi delle Banche e degli strumenti regionali (Fidi Toscana S.p.a. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l), sulla base di specifici protocolli tecnici, ove saranno definiti anche i livelli di diffusione delle elaborazioni statistiche conseguenti e le disposizioni necessarie a salvaguardare le norme vigenti sul diritto alla privacy dei soggetti coinvolti. Art. 3 - Soggetti della Rete di Garanzia promossi dalla Regione Toscana 3.1 Fidi Toscana S.p.A. Fidi Toscana S.p.A., società istituita con L.R. 5 Giugno 1974 n. 32 e partecipata dalla Regione e dalle Banche, per le sue peculiarità e per l esperienza e professionalità acquisite nella gestione delle misure di supporto, nell incentivazione e nell erogazione di garanzie, nonché acquisite nell analisi delle opportunità offerte dalla finanza innovativa a favore delle PMI, riveste un ruolo centrale all interno del sistema 9

10 regionale delle garanzie precedentemente richiamato. 3.2 Aumento del capitale sociale di Fidi Toscana S.p.A La Regione e le Banche si impegnano nell arco di vigenza del presente Protocollo a valutare la possibilità di sottoscrivere aumenti di capitale sociale di Fidi Toscana S.p.A., al fine di rafforzarne e ampliarne l attività secondo le linee che risulteranno dai piani industriali, ed al fine di consentirne il miglioramento della affidabilità creditizia attribuita dalle agenzie di rating, con conseguente migliore rispondenza alle prescrizioni previste dal nuovo Accordo di Basilea 2. In particolare viene condiviso l obiettivo di promuovere aumenti di capitale sociale, in modo che Fidi Toscana S.p.A. possa raggiungere un patrimonio almeno pari a di Euro. 3.3 Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. è strumento promosso dalla Regione Toscana (L.R. 4 Aprile 1995 n. 36) con il fine di facilitare l accesso al credito per le imprese artigiane e di dotare la Regione di uno strumento di attuazione delle politiche regionali del settore e di supporto alla programmazione della Regione e degli Enti Locali. La Regione, nell ambito dell area Accesso al credito delle PMI nell ottica di Basilea 2 del Nuovo Patto per lo Sviluppo, sostiene il processo di consolidamento di Artigiancredito Toscano in corso alla data di sottoscrizione del presente atto, grazie al quale realizzare un accorpamento che, tramite fusione per incorporazione, unificherà i Consorzi Fidi ad esso aderenti in un unico soggetto avente caratteristiche 10

11 patrimoniali capaci di mantenere l elevata funzione di assistenza alle imprese artigiane e alle PMI con alti livelli di competitività, anche in virtù della prevista iscrizione all albo degli intermediari finanziari di cui all art. 107 del D.lgs. 385 del 1 Settembre 1993 Testo Unico Bancario e s.m.i. e dell attribuzione presso le agenzie di rating di una valutazione del merito creditizio. 3.4 Ruolo di Fidi Toscana S.p.a. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. nelle procedure di attivazione del credito convenzionato Fidi Toscana S.p.A e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., secondo le rispettive competenze, erogano garanzie, cogaranzie e controgaranzie e possono svolgere l istruttoria per le domande di finanziamento presentate dalle imprese a valere sui plafonds di risorse di cui al successivo art Le Banche, a loro insindacabile giudizio, potranno tener conto di tali istruttorie, anche trasmesse con procedure on line, e le potranno utilizzare per le loro elaborazioni di scoring e rating e per le proprie deliberazioni. A tal fine, in apposite e specifiche convenzioni, le singole Banche definiranno con Fidi Toscana S.p.a. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. le relative procedure e condizioni. Art. 4 - Strumenti di intervento a favore dell economia toscana 4.1 Fondo speciale rischi per le prestazioni di garanzia e co-garanzia Le parti confermano la rilevanza e la validità dello strumento rappresentato dai fondi speciali rischi di cui ai Precedenti Protocolli di Intesa e concordano sull opportunità di rafforzare la loro operatività con 11

12 una gestione più efficiente che preveda la loro unificazione e razionalizzazione in un unico fondo speciale di garanzia alimentato per un terzo dai contributi delle Banche e per due terzi dalla Regione, costituito presso Fidi Toscana S.p.A. e avente le seguenti finalità: - nascita di nuove imprese; - sviluppo rurale; - interventi nel capitale di rischio delle imprese (di cui al successivo art ); - internazionalizzazione di imprese; - rilancio di impresa; - microcredito alle imprese, con ciò intendendosi finanziamenti per nuovi investimenti di importo massimo pari a Euro e durata compresa fra 36 e 60 mesi; Il Fondo è utilizzato per l erogazione di garanzie e cogaranzie conformi alle nuove regole di Basilea 2 (garanzia diretta, esplicita, incondizionata, irrevocabile ed escutibile, in caso di insolvenza dell impresa, a prima semplice richiesta della banca finanziatrice), e comunque in linea con la normativa di recepimento dell Accordo di Basilea 2. L intervento del Fondo potrà coprire fino al 60% dell importo di finanziamenti bancari (80% per il microcredito) di durata non inferiore a cinque anni (non inferiore a tre anni per il microcredito), concessi a piccole e medie imprese economicamente e finanziariamente sane a fronte di nuovi investimenti o di operazioni di ristrutturazione finanziaria. Tenuto conto dei positivi effetti di moltiplicazione delle risorse 12

13 impiegabili, il Fondo potrà essere in parte controgarantito dal Fondo centrale di garanzia. I criteri di amministrazione e di operatività specifica del fondo, la sua remunerazione ed i casi di scioglimento dello stesso o di recesso di un soggetto, sono disciplinati da apposite convenzioni stipulate da Fidi Toscana S.p.A. con le Banche firmatarie del presente protocollo, nel rispetto del Regolamento approvato dalla Regione. Con riferimento agli attuali sottoscrittori, l entità del fondo è inizialmente confermata in Euro, con le percentuali di apporto determinate nell Allegato. Sono fatte salve le eventuali necessità di integrazione che, opportunamente motivate, saranno concordate e determinate ai sensi del successivo art. 5. A fronte di nuovi sottoscrittori, l entità del fondo è incrementata dei rispettivi ulteriori apporti, da determinarsi in base ai criteri di partecipazione percentuale stabiliti nell Allegato tecnico. L apporto della Regione, pari al doppio dell apporto delle nuove Banche, è determinato in sede di bilancio dell esercizio successivo a quello in cui sono formalizzati gli impegni dei nuovi sottoscrittori. 4.2 Promozione dell artigianato Le Banche prendono atto positivamente della trasformazione del sistema Artigiancredito in un unico strumento di primo livello che richiederà l iscrizione quale intermediario finanziario (art. 107 T.U.B.). Per facilitare tale processo di trasformazione, le Banche si impegnano ad esaminare eventuali proposte di saldo e stralcio che Artigiancredito 13

14 Toscano S.c.a.r.l., anche a nome dei Consorzi Fidi aderenti, potrà richiedere sulle posizioni garantite e risultanti a sofferenza. Si impegnano inoltre a sottoscrivere con il nuovo soggetto una nuova Convenzione che, sulla base delle direttive e delle indicazioni regionali, consenta di ampliarne l ambito di operatività ad ulteriori forme di credito, compresi i crediti di firma. Inoltre, le Banche capogruppo si impegnano, alle condizioni da definire in separata sede, a sottoscrivere la nuova Convenzione anche per conto di tutte le Banche facenti parte del rispettivo gruppo bancario, per ciò che attiene alle loro specificità di intervento nei prodotti convenzionati. Per favorire gli interventi regionali nel settore dell artigianato le parti convengono sulla opportunità di utilizzare e valorizzare il sistema Artigiancredito al fine di ottimizzare il ruolo istituzionale che la legge regionale attribuisce allo stesso. A questo fine le parti convengono: - di favorire la promozione, la costituzione e la partecipazione a progetti territoriali e a progetti d insediamento da parte di consorzi e/o cooperative e/o raggruppamenti di imprese artigiane attraverso linee di credito a tassi concordati da attivarsi tramite Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., indipendentemente dalla presenza di garanzia da parte di detto strumento regionale. Le suddette linee di credito potranno essere affiancate da contribuzione regionale in conto capitale; - di favorire: a. i programmi di sviluppo, articolati territorialmente e settorialmente, previsti dal secondo comma dell articolo 3 14

15 della L.R. 36/95 e successive modificazioni ed integrazioni; b. la messa a punto dei prodotti di finanza innovativa previsti dalla lettera b) dell articolo 3 della legge regionale 36/95 e successive modificazioni ed integrazioni. Al fine di dare attuazione al presente punto, saranno successivamente definiti i plafond delle linee di credito previste e concordati i relativi tassi. 4.3 Plafond di credito convenzionato Per il periodo , le Banche si impegnano a mettere a disposizione i plafonds di risorse negli ammontari ed alle condizioni stabilite nell Allegato, finalizzati a: a) Ricerca e Sviluppo; b) Innovazione; c) Imprenditoria femminile; d) Imprenditoria giovanile; e) Piano di Sviluppo Rurale, attuazione Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e altri interventi regionali; f) Smobilizzo crediti verso le Pubbliche Amministrazioni. Per le finalità di cui alla lettera f), il plafond è finalizzato allo smobilizzo crediti vantati dalle piccole e medie imprese toscane nei confronti della Regione, degli Enti Locali toscani e delle Aziende sanitarie e ospedaliere. Da detti crediti sono esclusi i crediti di imposta, i contributi, le agevolazioni od altri benefici economici. 15

16 4.3.1 Condizioni di tasso Le condizioni di tasso si determinano sulla base degli spreads massimi indicati nell Allegato, stabiliti con riferimento a 5 classi di merito di credito (per brevità, definite da ottimo a mediocre ) e con riferimento alle diverse finalità di finanziamento. Ogni banca associa i propri rating a tali classi di merito, comunicando alla Regione, entro 30 giorni dalla firma del presente atto, le classificazioni operate. Di esse, le parti si impegnano a darne opportuna pubblicità, prevalentemente attraverso i rispettivi siti internet e, comunque, in applicazione dei principi e metodi di cui all art. 2. Le Banche hanno facoltà di modificare, motivandola, l associazione tra i propri rating e le classi di merito, qualora vi sia scadimento o miglioramento qualitativo del proprio portafoglio crediti. Per la classe di merito mediocre, ove non è stabilito uno spread massimo, si intende che il tasso che sarà applicato dalla banca non possa superare il tasso di riferimento ministeriale vigente per ogni settore. Per i finanziamenti non ancora erogati dalla Banca e rispondenti alle finalità di cui alle lettere a) e b), del punto 4.3 ( Ricerca e Sviluppo e Innovazione ), gli spread massimi di ogni classe di merito sono abbattuti di ulteriori 0,05 punti percentuali qualora l operazione sia ammessa ad agevolazioni pubbliche a fronte di specifici bandi regionali. 16

17 4.3.2 Condizioni di tasso per operazioni garantite Qualora la richiesta di accesso al finanziamento da parte delle imprese sia assistita da: - una garanzia di Fidi Toscana S.p.A. o di Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., ovvero - una co-garanzia rilasciata da detti soggetti in aggiunta alla garanzia rilasciata dai Consorzi Fidi tale da coprire complessivamente almeno il 60% del finanziamento, ovvero - dalla controgaranzia del Fondo Regionale rilasciata a favore delle garanzie dei Consorzi Fidi nella misura del 90% del garantito, le Banche, come dettagliato nell Allegato, si impegnano ad applicare all operazione il tasso di interesse corrispondente al livello di merito creditizio superiore, migliorando di una classe il posizionamento dell operazione garantita. Per operazioni già collocate nella fascia di merito più alta, la garanzia porta ad un abbattimento di ulteriori 0,10 punti percentuali lo spread che risulterebbe da applicarsi all operazione. 4.4 Strumenti di ingegneria finanziaria a sostegno delle PMI La Regione e le Banche, con riferimento a nuove iniziative e/o a progetti innovativi di sviluppo aziendale, si impegnano ad esaminare i progetti di costituzione presso la Fidi Toscana S.p.a e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. di appositi fondi che potranno essere alimentati da risorse comunitarie e nazionali previste da apposita misura di ingegneria finanziaria. 17

18 Inoltre, con l obiettivo di sostenere ulteriormente l espansione del sistema delle PMI e di contribuire ad iniziative di start-up e di venture capital, le parti si impegnano a verificare le possibilità di realizzare iniziative in grado di convogliare verso le imprese i fondi FEI messi a disposizione dalla BEI Prestiti partecipativi Le parti ribadiscono l importanza di consolidare ed innovare l impegno a favore della concessione dei prestiti partecipativi tramite Fidi Toscana S.p.a a fronte di progetti di sviluppo aziendale e di ristrutturazione delle piccole e medie imprese. A questo fine, anche per il periodo , le Banche confermano l apposita linea di credito pari a di Euro, già prevista nel precedente protocollo, utilizzabile per provvista di Fidi Toscana S.p.a. ad un tasso pari alla media mensile euribor 3/6 mesi ( Euribor flat ). A seguito dell avvenuta trasformazione di Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. e dell iscrizione di tale soggetto all Albo degli intermediari finanziari previsto all art. 107 del D.lgs. 385 del 1 Settembre 1993 Testo Unico Bancario, le parti si impegnano a valutare la possibilità di realizzare tali operazioni anche presso Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l Fondo di garanzia per interventi nel capitale di rischio delle imprese Per sostenere gli interventi nel capitale di rischio delle imprese, è prevista una specifica finalità nel Fondo speciale rischi di cui all art. 18

19 4.1. A titolo esemplificativo e non esaustivo, sono ammissibili alla garanzia e alla co-garanzia del fondo: - i finanziamenti a favore di imprese che acquisiscono una partecipazione; - i finanziamenti a favore di imprese per l incremento della loro livello di capitalizzazione, anche con il coinvolgimento dei soci; La valutazione degli interventi del Fondo per queste specifiche finalità potrà essere demandata ad un Comitato Tecnico appositamente nominato ai sensi del Regolamento regionale del Fondo stesso. 4.5 Consulenza e assistenza per le PMI e per gli EE.LL. Con particolare riferimento alle necessità di consulenza ed assistenza tecnico-finanziaria delle piccole e medie imprese toscane, degli Enti Locali e delle loro società partecipate, le Banche confermano l impegno a sviluppare tutte le possibili sinergie con Fidi Toscana S.p.A. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l., contribuendo a valorizzare il ruolo istituzionale che la legge regionale istitutiva assegna a Fidi Toscana S.p.A. in merito all attività di consulenza insieme alla funzione di sostegno finanziario allo sviluppo economico del territorio propria del sistema bancario, nonché il ruolo di Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. per il sostegno alle imprese artigiane. A favore delle imprese, a titolo esemplificativo, le Banche, Fidi Toscana S.p.a. e Artigiancredito Toscano S.c.a.r.l. definiscono forme di 19

20 collaborazione nell assistenza e consulenza tecnico-finanziaria in ordine ai seguenti temi: - corporate finance advisory: pianificazione strategica, analisi di progetti d investimento, fusioni ed acquisizioni, ristrutturazioni finanziarie, consulenza nel ricorso a derivati finanziari, rilancio e riconversione di impresa, ecc.; - intermediazione finanziaria: organizzazione e reperimento di finanziamenti a fronte di progetti d investimento o di crescita dimensionale; - internazionalizzazione: interventi finanziari e consulenza per lo sviluppo delle imprese sul mercato internazionale, in accordo con organismi specializzati;. - project finance advisory: accompagnamento e assistenza nell'analisi del progetto sia al promotore privato sia all'ente pubblico; partecipazione al capitale di rischio del promotore e/o gestore privato; organizzazione di finanziamenti in pool. Con riferimento all assistenza e consulenza agli EE.LL., le Banche, di concerto con Fidi Toscana S.p.a., si impegnano a porre particolare attenzione ai seguenti temi: - gestione attiva del debito e valutazione dell opportunità del ricorso a derivati finanziari; - gestione degli assets e di valorizzazione del patrimonio pubblico; - ricorso a forme di finanza consortile e innovativa; - progetti di sviluppo del territorio e privatizzazioni. 20

21 Analoghe forme di collaborazione nell assistenza e consulenza tecnicofinanziaria potranno essere definite con riferimento alla prevenzione di crisi finanziarie aziendali, anche avvalendosi della collaborazione delle Università toscane nell ambito dell Officina Finanziaria del Progetto PRO.CO.F.I.T. richiamato nelle premesse. 4.6 Convenzione regionale per lo sviluppo di imprese femminili Investire in Rosa Le parti confermano la volontà di considerare la convenzione Investire in rosa parte integrante del presente protocollo di intesa. Per quanto riguarda le condizioni di tasso da applicare ai finanziamenti in oggetto si rimanda a quanto indicato nell articolo 4.3. Le parti convengono, anche alla luce dell importanza assunta negli ultimi anni dal principio della certificazione sociale, sull importanza di conferire priorità alle richieste di finanziamento presentate dalle imprese femminili in possesso della certificazione sociale SA Inoltre, le Banche si impegnano a dare priorità alle richieste di credito presentate dall imprenditoria femminile che parteciperà ai bandi attuativi della legge 215/92 ed alla correlata Azione "Aiuti a PMI a prevalente partecipazione femminile", nonché ai bandi attuativi della Azione "Aiuti a PMI di servizi alla famiglia, del Docup Toscana Incremento della consapevolezza finanziaria dell impresa Al fine di apprezzare il miglioramento della consapevolezza finanziaria dell impresa ed il superamento dell asimmetria informativa tra banca e 21

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 Approvazione dell Accordo di Progetto tra la Regione Toscana ed il sistema bancario finalizzato alla

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore

PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO Oggi, 24 settembre 2007, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore al Bilancio ed alle Politiche per il mare Giuseppe Bertolucci,

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-04-2014 (punto N 38 ) Delibera N 344 del 28-04-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) (Delibera della Giunta Regionale n. 614 del 21 luglio 2014) (*) Il presente atto è sottoscritto per consentire l adesione di nuove banche al

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 La garanzia Lo strumento finanziario della garanzia è finalizzato a produrre effetti di mitigazione

Dettagli

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA L anno 2002, il giorno 01 del mese di ottobre ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile costituita presso la Camera di Commercio,

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Protocollo d Intesa per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Il Comune di Reggio Emilia il Consiglio Notarile di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Compagnia delle Opere Bergamo Confindustria Bergamo ANCE Bergamo Fiaip Bergamo Confcooperative Bergamo Legacoop

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata Allegato A alla delibera di G.R. n.. de 21 luglio 2014 PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE Oggi, 23 luglio 2014, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

Dettagli

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015)

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Premesso che - il mercato, soprattutto estero, mostra significativi segnali di ripresa economica, che possono rappresentare

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI (Prorogato con delibera della Giunta camerale n. 4 del 20.1.2010 fino al 31.3.2010) (Prorogato con delibera della Giunta camerale n.51

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra:

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra: Oggetto: Convenzione tra il Comune di Capannori e la Banca del Monte di Lucca S.p.a. finalizzata alla concessione di finanziamenti agevolati sotto forma di contributo alle imprese Il giorno 9 luglio dell

Dettagli

Accordo Quadro. Confesercenti nazionale. Intesa SanPaolo S.p.A.

Accordo Quadro. Confesercenti nazionale. Intesa SanPaolo S.p.A. Accordo Quadro Confesercenti nazionale Intesa SanPaolo S.p.A. Data di sottoscrizione: 15 aprile 2002 Validità : annuale Anno 2007: in vigore Art. 1 Intesa SanPaolo e Confesercenti valuteranno congiuntamente

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ASSE IV Misura IV.1 Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

P R O T O C O L LO D I N T E S A

P R O T O C O L LO D I N T E S A Piano strategico della Provincia di Treviso P R O T O C O L LO D I N T E S A tra Provincia di treviso ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO C.o.n.i. comitato di treviso per la Concessione di mutui agevolati

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese;

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese; REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 45-4869 DGR n. 10-12155 del 21/9/2009 e DGR n. 24-1837 del 07/04/2011. Concessione di euro 2.000.000,00 al patrimonio

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012 CITHEF S.C. a R.L. Sede Legale: Via Santa Lucia, 81 80132 Napoli Capitale Sociale:euro 610.330 i.v. R.E.A. Napoli n.507434 Registro Imprese di Napoli e C.F. 06629110633 Elenco Intermediari operanti nel

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

-l-jv~ REP. N. 1 697 5. L'ABI ha promosso una serie di iniziative. tendenti a favorire un corretto posizionamento

-l-jv~ REP. N. 1 697 5. L'ABI ha promosso una serie di iniziative. tendenti a favorire un corretto posizionamento o 1 12 061324 U11 :5 111111111111111111111111111111111111111 REP. N. 1 697 5 REGIONE PIEMONTE PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONCAMERE PIEMONTE E COMMISSIONE REGIONALE ABI DEL PIEMONTE PER

Dettagli

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese La Regione Toscana interviene sul sistema delle imprese artigiane ed industriali per supportarle

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI Il giorno..., alle ore..., in Varese, via..., presso la sede della Camera di Commercio,

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra:

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra: In data. 2011 è stipulato il seguente: CONTRATTO DI SERVIZIO tra: l Azienda Unità Sanitaria 11, (successivamente denominata AUSL), Codice Fiscale e Partita IVA 04616830487, con sede legale in Empoli, Via

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del LA MISSION: Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo)

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo) CREDITO EMILIANO SPA Capogruppo del Gruppo bancario Credito Emiliano - Credem - Capitale versato euro 332.392.107 - Codice Fiscale e Registro Imprese di Reggio Emilia 01806740153 - P. IVA 00766790356 -

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 NB. La presente deliberazione tiene conto dell Errata Corrige pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 53 del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

CCIAA MANTOVA. che permette l accesso ai servizi. La CCIAA di Mantova nel quadro delle iniziative. finanziari alle imprese in difficoltà

CCIAA MANTOVA. che permette l accesso ai servizi. La CCIAA di Mantova nel quadro delle iniziative. finanziari alle imprese in difficoltà CCIAA MANTOVA La CCIAA di Mantova nel quadro delle iniziative Istituzionali, intende promuovere sostenere e agevolare l accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese mantovane attraverso il

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE ha interpretato e sostenuto negli anni lo sviluppo della mutualità, l affermazione dei principi solidaristici e la responsabilità sociale dell Impresa Cooperativa che ottiene benefici tramite la costituzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli