PROFESSIONAL DEVELOPMENT PROGRAM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFESSIONAL DEVELOPMENT PROGRAM"

Transcript

1 PROFESSIONAL DEVELOPMENT PROGRAM FORMAZIONE 2014

2 2

3 storico particolarmente sfidante. Partendo da questi dati, ci siamo chiesti come potevamo fare ancora meglio. Il catalogo che Vi apprestate a consultare ha l ambizione di portare l offerta formativa per il 2013 un passo più avanti. Le schede dei corsi sono state riviste e rimesse in discussione; la focalizzazione sui rischi e sulla loro gestione è aumentata con l introduzione di nuovi corsi specifici per le Piccole e Medie Imprese e per il Settore Finanziario, nonché con la creazione di un corso sulla rilevazione ed analisi delle variabili di rischio ai fini dell Audit. La necessità manifesta di fare conoscere il valore aggiunto portato dall Internal Audit in azienda e l importanza di identificare i migliori interlocutori in tal senso, ci hanno portato a creare un corso sul marketing della funzione. La Formazione per Settori è stata arricchita di corsi sull antiriciclaggio, mentre l offerta formativa relativa al Settore Sanità ed alla Pubblica Amministrazione è stata rinnovata. Adoro le crisi, perché mi aiutano a spremere il cervello e ad imparare a fare di più con meno. Ulteriori nuovi corsi sono poi stati introdotti su alcuni temi sensibili, quali l Audit dei social media, l Audit ambientale, l Audit delle risorse umane ed il project management. (anonimo) Un cenno merita, infine, la particolare attenzione al tema delle frodi con l introduzione di due corsi addizionali centrati sulle indagini, sulla protezione delle informazioni e sul Immaginazione, market abuse. ispirazione ed innovazione sono fondamentali in periodi storici sfidanti come quello che stiamo vivendo. Investire piuttosto che contrarre, focalizzarsi sull essenziale, semplificare e consolidare, Concludono questa panoramica generale i nuovi corsi per la preparazione agli esami approfittare degli aggiustamenti in atto per riposizionare la professione e CIA e CRMA, ancora in fase di progettazione sulla base dei nuovi format. mostrarne l incredibile valore aggiunto per il business. Come di consueto, il catalogo sarà arricchito durante l anno di nuove proposte grazie AIIA Formazione e il Comitato Professional Development hanno raccolto alla costante ricerca di AIIA Formazione e ai bisogni espressi dalla professione. con entusiasmo la sfida e sono ripartiti da zero per capire come dare il proprio contributo alla professione in questo momento fondamentale e caratterizzante. Ci auguriamo di essere Il principio riusciti nell intento guida è di stato proporre la profonda a tutti Voi convinzione Auditors, Sindaci, che una formazione Consulenti, Commercialisti di alta qualità e Membri sia alla di OdV base 231 dello un offerta sviluppo articolata, della professione completa e verso al passo la con posizione i tempi, così che da le permettere spetta nelle a ciascuno aziende: di preparare idealmente, un piano i CEO di crescita sono professionale i nostri su interlocutori. misura e linea I CEO con le che tendenze capiscono del momento. che, nella Buona complessità formazione! odierna, solo professionisti solidi e con un approccio trasversale e multidisciplinare possono fornire al business il supporto alla crescita di cui Professional ha bisogno. Development Committee AIIA Formazione AIIA I corsi proposti per il 2014 si focalizzano sui temi fondanti della professione, con novità di rilievo riguardanti il COSO 2013, l area D.Lgs. 231, le frodi e l area information technologies. La formazione per settori è stata ricentrata e semplificata, mentre l area certificazioni è stata rivista alla luce dei cambiamenti intervenuti nella struttura degli esami. Auguriamo a tutti una buona formazione. 1 Comitato Professional Development AIIA Formazione AIIA 3

4 AIIA: in prima linea per il buon governo delle organizzazioni AIIA, Associazione Italiana Internal Auditors, è un associazione senza fini di lucro, costituita nel 1972 per migliorare i sistemi di governo, gestione del rischio e controllo delle organizzazioni attraverso la valorizzazione della funzione di Internal Audit. In oltre 40 anni di formazione, studi e confronto con istituzioni e imprese, AIIA ha fortemente contribuito all evoluzione in Italia del governo delle imprese verso i migliori standard internazionali e all affermazione del ruolo e della professionalità dell Internal Auditor. Oggi AIIA è tra i principali interlocutori delle istituzioni politiche e di mercato che regolamentano l attività e il governo delle imprese. Partecipa a pubbliche consultazioni e propone soluzioni mirate a trasmettere quanto i sistemi di governo integrati siano un fattore decisivo per lo sviluppo economico. AIIA è ufficialmente riconosciuta come affiliazione italiana dell Institute of Internal Auditors (IIA), riferimento internazionale per gli standard professionali, le certificazioni e la formazione degli Internal Auditor ed è tra i principali aderenti alla European Confederation of Institutes of Internal Auditing (ECIIA). AIIA conta professionisti associati, in rappresentanza di oltre 900 tra gruppi e imprese. 4

5 La nostra visione della crescita professionale Per la delicatezza del ruolo svolto nei sistemi di governo e le numerose valutazioni che è chiamato a esprimere, un professionista dell internal auditing deve oggi disporre di competenze specialistiche e manageriali, unite alla capacità di costruire e gestire le relazioni all interno delle organizzazioni. Lo sviluppo e l aggiornamento costante delle competenze rappresentano un cardine dell attività associativa. La costruzione dei programmi formativi è l esito di un processo rigoroso: monitoraggio delle esigenze di mercato, consulenza tecnica dei comitati di settore, elaborazione dei flussi informativi internazionali gestiti dall Associazione. La formazione si configura come un attività di knowledge progettata e realizzata in stretta collaborazione con il mondo del lavoro e i professionisti che partecipano attivamente alla docenza e alle attività del Comitato Professional Development. Al fine di soddisfare i bisogni formativi professionali e traguardare gli obiettivi e le reali esigenze aziendali, l offerta formativa AIIA si sviluppa attraverso 4 differenti modalità di erogazione: Formazione su misura Audit Tutoring I DESTINATARI DELL OFFERTA FORMATIVA Chief Audit Executive (CAE) e Responsabili della Funzione Internal Audit che vogliono accrescere, potenziare e aggiornare le proprie competenze. Internal Auditor Junior e Senior che desiderano sviluppare le proprie competenze professionali e manageriali. Management aziendale interessato alle tematiche di Controllo Interno, analisi e valutazione dei rischi aziendali alla luce delle novità legislative. Componenti del Collegio Sindacale, dei Comitati di Controllo e in generale i Professionisti che intendono approfondire le tematiche di controllo, compliance e gestione del rischio. Dottori Commercialisti, Avvocati e Legali d impresa. PERCORSI DI QUALIFICAZIONE Corsi a Catalogo 5

6 6 FORMAZIONE SU MISURA

7 Contattaci per costruire insieme il progetto formativo sulle reali esigenze aziendali Andrea Cappelletti Business Development Manager tel: PROGRAMMI FORMATIVI SU MISURA PROGETTATI E REALIZZATI IN COLLABORAZIONE CON LE AZIENDE E IN LINEA CON LE SPECIFICHE ESIGENZE ORGANIZZATIVE E STRATEGICHE DEI CLIENTI. Un esperienza di apprendimento ad hoc che permette quindi di coinvolgere l intero team di audit attraverso l erogazione direttamente presso la realtà aziendale. I VANTAGGI Coinvolgere il Team di Audit in esperienze di apprendimento in linea con i reali fabbisogni della funzione e dell azienda; Progettare e sviluppare interventi formativi ad hoc, in considerazione delle specifiche dimensioni organizzative e strategiche dei clienti; Valorizzare il patrimonio di esperienze e competenze dei clienti affinché l impegno in apprendimento sia un volano per lo sviluppo della funzione di Internal Auditing e contribuisca al raggiungimento degli obiettivi di business. LE 7 TAPPE DELLO SVILUPPO DI UN PROGETTO SU MISURA RILEVAZIONE PRELIMINARE ANALISI DEI BISOGNI DISEGNO DELLA PROPOSTA FORMATIVA CONVALIDA DEL PROGETTO PROGETTAZIONE DELLA FORMAZIONE EROGAZIONE VALUTAZIONE DEI RISULTATI Avvio del dialogo con il cliente per valutare le necessità formative e l opportunità della modalità su misura Analisi del contesto aziendale del cliente, definizione degli obiettivi della formazione e dei temi da sviluppare Definizione e presentazione del progetto (obiettivi, contenuti e modalità didattiche della formazione) Convalida del progetto da parte del cliente, definizione puntuale dei contenuti e del docente Costruzione della struttura dell intervento formativo (modalità didattica), sviluppo degli esercizi pratici e casi aziendali Attività di docenza in aula presso la struttura scelta dal cliente Verifica dell efficacia dell intervento formativo e condivisione dei risultati 7

8 8 Audit Tutoring

9 L AUDIT TUTORING SI PONE L OBIETTIVO DI OFFRIRE UN FOCUS SUL DISEGNO DELLA FUNZIONE E DI FORNIRE GLI ELEMENTI DI BASE PER SVOLGERE L ATTIVITÀ DI INTERNAL AUDITING, PARTENDO DALLA DEFINIZIONE E STRUTTURAZIONE DELL ATTIVITÀ STESSA, FINO ALL ILLUSTRAZIONE DELLE METODOLOGIE DI LAVORO PIÙ EFFICACI. In particolare il percorso formativo intende: approfondire gli Standard e fornire gli elementi di background professionali necessari per lo svolgimento dell attività di auditing; esaminare il processo di Internal Auditing fornendo gli elementi e le conoscenze per determinare cosa verificare e come valutare i punti di forza e di debolezza del sistema di controllo dell organizzazione; fornire tutti i dettagli per lo sviluppo di un programma di Audit e per la sua realizzazione; ripercorrere le varie fasi del processo di auditing fornendo suggerimenti per completare i vari step in modo efficace ed efficiente; preparare la funzione ad un processo di Quality Assessment Review esterna. TARGET Aziende che pianificano lo start-up della funzione Internal Auditing; vogliono aumentare l efficacia della funzione; vogliono promuovere il cambiamento da funzione ispettiva a business partnership; pianificano la successione del ruolo di RIA; desiderano valutare la conformità della Funzione in vista di una Quality Assessment Review esterna. Professionisti di nuova nomina; che desiderano migliorare l efficacia o la relazione con il capo funzionale, l Audit Committee, la business line. Audit Committee e Comitati di Controllo in ottica di sviluppo e potenziamento della funzione; in situazioni in cui si intravvedano red flags di efficacia del ruolo. Il percorso formativo si configura in un programma di azione specifico e personalizzato e si compone in due giornate di Corso e da una a due giornate di Follow-up. CORSO (2 giornate) Il Ruolo e la responsabilità dell Internal Auditor L analisi dei processi Internal Audit Risk-based: il frame degli interventi Metodologie operative: le fasi dell intervento di Internal Audit Il lavoro sul campo L approccio alla frode FOLLOW-UP (1-2 giornate) A distanza di 2 o 3 settimane dal corso, vengono erogate le giornate di follow-up con i seguenti obiettivi: Supporto alla nuova funzione per l implementazione del Piano di Audit e l avvio/esecuzione degli interventi Verifica di apprendimento: discussione risultati e chiarimenti Valutazione conformità della Funzione e opportunità di miglioramento. 9

10 PERCORSI DI QUALIFICAZIONE Percorsi DI QUALIFICAZIONE 10

11 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO PER RESPONSABILI DELLA VIGILANZA EX D.Lgs. 231/01 La tematica 231, già elemento cardine dell offerta formativa dell AIIA, rinnova la sua proposta mediante un programma progettato insieme ad AODV 231 Associazione dei Componenti degli Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001, articolato in specifici percorsi di approfondimento volti a soddisfare le diverse esigenze dei destinatari e recepire le continue evoluzioni normative che intervengono nella materia e gli orientamenti giurisprudenziali che indirizzano l operato dei professionisti del settore, inclusi i profili processuali. L obiettivo del percorso formativo, a struttura modulare, è di fornire strumenti di conoscenza specialistica e applicazione pratica calibrati sulle necessità dei singoli interessati, nonché di alimentare nel corso degli incontri un proficuo dibattito, anche con il supporto ed il coinvolgimento di testimonianze condotte da esponenti di rilievo operanti nei vari ambiti aziendali, al fine di sollecitare il confronto su tematiche particolarmente attuali spesso connotate da dubbi interpretativi. Durante il corso, inoltre, saranno analizzate le principali normative internazionali e tratteggiate le metodologie di controllo cross border. In collaborazione con Informazioni dettagliate saranno fornite sul sito e con specifiche comunicazioni ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE E CREDITI FORMATIVI La frequenza a ciascun modulo comporterà il riconoscimento ai partecipanti di crediti formativi da parte dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dell Ordine degli Avvocati di Milano e di Roma; inoltre, a conclusione del percorso, è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione. STRUTTURA GENERALE A chi si rivolge Internal Auditor che operano a supporto dell OdV, Componenti degli Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/01 Collegio Sindacale Consiglio di Sorveglianza Comitato per il Controllo della Gestione Professionisti interessati a vario titolo alla tematica, quali avvocati, consulenti, dottori commercialisti e giuristi d impresa struttura generale La formazione proposta è composta da 2 percorsi modulari per un totale di 9 giornate di formazione: modulo 1 Area Governance aziendale e aspetti giuridici (44 ore) modulo 2 L Organismo di Vigilanza - Il ruolo, i requisiti, le attività, le responsabilità (28 ore) MILANO ROMA dal 23 maggio dal 9 maggio Per iscrizioni e maggiori informazioni: 11

12 PERCORSI DI QUALIFICAZIONE DIPLOMA IN CONTROLLO E INTERNAL AUDITING Il diploma In controllo e InternAl AudItIng È un percorso formativo di QuAlIfIcAzIone finalizzato A fornire AI partecipanti una base completa delle conoscenze e competenze richieste per sviluppare Al meglio la propria carriera di InternAl AudItor. Componi il tuo Diploma Al termine del percorso base, i partecipanti frequenteranno la specializzazione scelta al momento dell iscrizione tra le due proposte: Risk Management Fraud Audit Un percorso teorico/pratico che affronta tematiche di Internal Auditing, risk management, control management e corporate governance, essenziali per lo svolgimento di un efficace attività di audit. Con l obiettivo di presentare un offerta formativa in linea con le più recenti istanze della professione, i contenuti del Diploma integrano le attuali best practice metodologiche con il più innovativo know-how specialistico, sviluppato a livello internazionale dall Institute of Internal Auditors e declinato da AIIA sulla base delle esigenze del contesto italiano (di normativa e di mercato). Il conseguimento del Diploma rappresenta per le aziende la garanzia di competenza per i propri Internal Auditor ed è inoltre un ottima preparazione al conseguimento della Certificazione internazionale CIA Certified Internal Auditor. Professionisti già operanti all interno di funzioni di Internal Auditing o in società di revisione, interessati a: consolidare o rinnovare in modo sistematico il proprio knowledge professionale attraverso un percorso formativo specifico e strutturato qualificare formalmente le proprie competenze professionali. MILANO ROMA dal 10 marzo dal 15 aprile Professionisti operanti all interno di funzioni di Internal Auditing o in società di revisione che hanno già maturato una solida e documentata esperienza professionale cui è precluso l accesso al sostenimento degli esami di Certificazioni IIA perché non in possesso dei necessari requisiti di formazione accademica (laurea o diploma di laurea). Non Euro Euro Tutti coloro che iniziano a svolgere attività di Internal Audit, Risk Management o Compliance giorni

13 DOCENTI E TESTIMONIANZE Docenze e testimonianze sono affidate ad Accademici, Manager e Professionisti che applicano metodologie collaudate alla realizzazione di un programma completo e coerente, secondo un disegno didattico unitario. Il conseguimento del Diploma sarà garantito dal superamento di un esame, in forma multiple-choice. METODOLOGIA DIDATTICA La metodologia didattica applica principi quali active learning, case study, esercitazioni individuali e di gruppo. Inoltre, saranno create occasioni di approfondimento su tematiche specifiche ricorrendo a testimonianze di esperti di settore. STRUTTURA DEL DIPLOMA Il Diploma è composto da un percorso caratterizzante (6 moduli didattici) e una specializzazione a scelta (Risk Management e Fraud Audit) per un totale di 14 giornate di formazione. MODULO 1 (2 giornate) La Governance aziendale, la gestione del rischio e il Sistema di Controllo Interno MODULO 2 (4 giornate) L attività di Audit: pianificare l attività, gestire gli incarichi e migliorare la qualità MODULO 3 (1 giornata) Strumenti e tecniche di comunicazione nell Audit MODULO 4 (1 giornata) La gestione dell impresa e l Audit: strumenti e conoscenze specifiche MODULO 5 (1 giornata) IT a Internal Audit MODULO 6 (1 giornata) Case Study. Sessione di follow-up, in preparazione all esame MODULO 7 - SPECIALIZZAZIONI Risk Management Risk-based auditing (2 giornate) Rilevazione ed analisi delle variabili di rischio ai fini di Audit (2 giornate) Fraud Audit Internal Auditing e frodi aziendali (2 giornate) Case Management, interviste e indagini difensive penali (2 giornate) Per iscrizioni e maggiori informazioni: 13

14 14 Formazione a catalogo

15 I CORSI A CATALOGO RAPPRESENTANO UNA FULL IMMERSION, DELLA DURATA VARIABILE DA 1 A 3 GIORNATE CONSECUTIVE, SULLE TEMATICHE DELLA GESTIONE DELLA FUNZIONE DI INTERNAL AUDIT, GOVERNANCE, RISK MANAGEMENT E COMPLIANCE, COMUNICAZIONE E TECNICHE RELAZIONALI, CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI. I Docenti, attentamente selezionati da un Comitato di esperti, sono autorevoli esponenti del mondo aziendale e accademico, consulenti di Direzione e membri di Organismi di Vigilanza, riconosciuti per capacità e competenze e in grado di trasferire l esperienza professionale acquisita; I contenuti sono costantemente aggiornati per risponde al meglio alle attuali esigenze formative delle imprese; La didattica viene progettata e realizzata per massimizzare l utilità dei corsi ai fini pratico-professionali; prevede l utilizzo di esercitazioni, simulazioni, casi pratici e testimonianze, confronto tra docenti e partecipanti per chiarire concetti e approfondire i temi dei corsi; La formula interaziendale consente il confronto nella stessa aula tra professionisti e manager di differenti settori. L interazione tra partecipanti aventi diversi background favorisce lo scambio di esperienze professionali e best practice aziendali. Aree tematiche: GOVERNANCE, RISK MANAGEMENT E COMPLIANCE GESTIONE DELLA FUNZIONE DI INTERNAL AUDIT TECNICHE RELAZIONALI PER L INTERNAL AUDIT KEY FACTS 6 Aree formative 40+ corsi a catalogo 500+ Professionisti formati 70 Docenti Milano Roma Sedi FORMAZIONE PROFESSIONALE PER SETTORI FORMAZIONE SPECIALISTICA CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI E QAR Per iscrizioni e maggiori informazioni sui corsi: 15

16 GOVERNANCE, RISK MANAGEMENT E COMPLIANCE GESTIONE DELLA FUNZIONE INTERNAL AUDIT 16 PROGRAMMA COMPLETO DEI CORSI Coso 2013: implementazione del Framework in azienda Il D.Lgs. 231/01: Ruoli e responsabilità in azienda Il D.Lgs. 231/01: L Organismo di Vigilanza - requisiti, ruolo e responsabilità Metodologia di valutazione del Sistema di Controllo Interno Risk-based Auditing: accrescere il valore aggiunto dell Internal Auditing Control Risk Self-Assessment (CRSA) Rilevazione ed analisi delle variabili di rischio ai fini di Audit al media & reputational risk Strumenti e tecniche per l Internal Auditor (corso base) Governo e conduzione della funzione di Internal Auditing Il piano di Audit risk-based Valutazione del sistema di controllo interno per la governance aziendale Quality Assurance & Improvement Program (QAIP): disegno ed implementazione Project Management: strumenti e tecniche di supporto per l Internal Auditor Marketing della funzione Internal Audit Le raccomandazioni di audit: follow-up e comunicazione delle azioni correttive TECNICHE RELAZIONALI PER Tecniche di gestione e conduzione delle interviste nell Internal Auditing L INTERNAL AUDIT Audit Report Writing Report Writing for Internal Auditors Tecniche di negoziazione e gestione dei conflitti nell Internal Auditing Team working ed orientamento all obiettivo FORMAZIONE Settore Assicurativo PROFESSIONALE PER Disposizioni attuative in materia di Antiriciclaggio per Compagnie Assicurative SETTORI Le Frodi in campo assicurativo Settore Finanziario Corso base di Internal Auditing per il settore finanziario Corso avanzato di Internal Auditing per il settore finanziario Il ruolo della funzione Internal Audit nel sistema dei controlli interni in materia di Antiriciclaggio Settore Manifatturiero e Terziario Contraffazioni e intellectual property - corso specialistico frodi Settore Pubblica Amministrazione Start-up della funzione Internal Audit nelle Amministrazioni Pubbliche La Legge Anticorruzione (L.190/2012) nella PA: adempimenti ed opportunità. Ruolo dell Internal Auditor FORMAZIONE SPECIALISTICA Accounting, Finance e Treasury Accounting and finance risks per Internal Auditors Prodotti derivati: tipologie, controlli e rischi impliciti Mergers and Acquisitions: quali rischi e quale ruolo per l Internal Auditor Fraud Audit Internal auditing e frodi aziendali - corso base Case Management, Interviste e indagini difensive penali - corso avanzato sulle frodi: Information Technology IT per non IT auditors ICT e globalizzazione: sviluppi tecnici recenti e approcci metodologici di audit - Cloud, e-commerce e cybercrime Audit Techniques Strumenti statistici per l Internal Auditing Continuous auditing e continuous monitoring Business Continuity Management CERTIFICAZIONI CIA Review Course - Parte I dell esame INTERNAZIONALI E QAR CIA Review Course - Parte II dell esame CIA Review Course - Parte III dell esame CCSA Corso di addestramento alla facilitation CFSA Review Course Certification in risk management assurance (CRMA) Corso per l accreditamento della qualifica di External Assessor/Validator (QAR)

17 FEB MAR APR MAG GIU LUG SET OTT NOV DIC MI 26 MI RM MI 12 RM 08 RM MI MI 7-8 RM 6-7 MI 9-10 RM 1-2 MI 4-5 RM 4-5 MI 23 MI (1 a edizione) RM 2-3 (1 a edizione) MI (2 a edizione) RM MI RM (2 a edizione) MI RM RM 12 MI 13 MI RM MI MI 21 MI 19 MI RM RM MI MI 12 RM MI MI 20 MI MI 13 MI RM RM MI RM 01 MI 17 MI 19 RM 4-5 RM 14 MI 3-4 RM 1-2 MI 18 MI 24 MI RM MI RM MI 5-6 MI 13 RM 4-5 MI MI 20 RM 24 MI RM RM MI RM MI RM MI MI RM MI MI 30 MI 1-2 MI

18 GOVERNANCE, RISK MANAGEMENT E COMPLIANCE NOVITA COSO 2013: IMPLEMENTAZIONE DEL FRAMEWORK IN AZIENDA Ai Chief Audit Executive e ai Responsabili Internal Audit Internal Auditor che desiderano acquisire competenze di base sul Coso e sul sistema di controllo interno Ai professionisti e manager che desiderano potenziare e sviluppare meccanismi di controllo interno Il Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission (COSO) ha aggiornato il framework di riferimento allineandolo alle attuali necessità delle organizzazioni, a seguito dei cambiamenti del contesto macro e micro economico, dal punto di vista della complessità del business, dell apporto della tecnologia e dalla globalizzazione. Il corso intende: esaminare i principi del COSO 2013 e individuarne i potenziali utilizzatori; definire le modalità di utilizzo del framework e discutere le implicazioni sulla funzione Internal Auditing; identificare le opportunità di utilizzo nel processo di internal auditing, migliorando il valore dei servizi di assurance e consulenza. MILANO 26 marzo Non 600 Euro Introduzione Il Coso report: un po di storia Le categorie di obiettivi del controllo interno Le componenti e i principi del Coso Le novità introdotte dal Coso 2013 relativamente a: Ambiente di Controllo Risk Assessment Attività di controllo Informazione&Comunicazione Monitoraggio Le caratteristiche di un efficace sistema di controllo interno La metodologia di valutazione del sistema di controllo interno Obiettivi di efficacia ed economicità del sistema di controllo interno Modalità di disegno, implementazione e valutazione del SCI Implicazioni e opportunità del Coso 2013 Relazioni con gli Standard per la Pratica Professionale dell Internal Auditing Implicazioni che il framework comporta alla professione e alle attività di Internal Auditing Esempi pratici: in che modo il Coso 2013 può essere utilizzato nell ambito degli incarichi di Internal Audit? Esempi pratici: applicare il Coso 2013 nell ambito della SOX e 262 compliance 1 giorno CPE 9 ORE 18

19 Il D.Lgs. 231/01: Ruoli e responsabilità in azienda NOVITA Il D. Lgs. n. 231/01 ha introdotto nel nostro ordinamento la Responsabilità Amministrativa delle età per talune fattispecie di reati presupposto commessi nell interesse e/o vantaggio delle stesse da parte di persone fisiche amministratori, dipendenti, ecc. Il corso intende: illustrare i presupposti della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche definendo ruoli e responsabilità di tutti i soggetti coinvolti nella gestione dell attività di prevenzione dei reati previsti dal Decreto; analizzare i principali riferimenti normativi (reati presupposto), illustrare l ambito di applicazione del decreto, i soggetti destinatari della noma, nonchè le sanzioni pecuniarie e interdittive previste; presentare i Modelli di Organizzazione, gestione e controllo ed i principali protocolli di controllo ipotizzati a presidio dei processi sensibili. Responsabili di Internal Auditing e Audit Manger che desiderano migliorare il proprio posizionamento e la visibilità all interno del Gruppo e nei confronti del Top management Il D. Lgs. 231/2001 e i principi normativi La responsabilità amministrativa delle società ed enti L ambito di applicazione I soggetti e gli enti interessati I reati Le sanzioni pecuniarie e interdittive Le responsabilità dell ente Le responsabilità dei soggetti apicali e dei sottoposti alla vigilanza Il Modello di Organizzazione e Gestione L integrazione tra i modelli di gestione: il codice etico e il sistema disciplinare La vigilanza e il controllo dell attuazione del Modello di Organizzazione e Gestione L Organismo di Vigilanza: requisiti, ruolo e responsabilità L OdV e l Internal Audit: il Piano di verifiche (esercitazione) Le gestione dei flussi informativi e delle segnalazioni verso l OdV (esercitazione) Commento di provvedimenti giudiziari connessi all adozione del Modello MILANO marzo ROMA settembre Non Euro 2 giorni CPE 18 ORE 19

20 GOVERNANCE, RISK MANAGEMENT E COMPLIANCE Il D.Lgs. 231/01: L Organismo di Vigilanza - requisiti, ruolo e responsabilità Responsabili della funzione Internal Audit Internal Audit Manager e Supervisor Appartenenti alla struttura di Compliance Preposti al Controllo Interno Tutti coloro che, a vario titolo, sono coinvolti nell applicazione della normativa di riferimento, in particolare: - componenti di Organismi di Vigilanza, - membri di gruppi di lavoro 231, - membri della funzione Internal Audit L Organismo di Vigilanza (OdV) è un elemento indispensabile di un Modello 231 perché ha il compito di vigilare sul funzionamento e l osservanza del Modello di Organizzazione e di Gestione aziendale e curarne l effettività, l adeguatezza e l aggiornamento. Il corso rappresenta un opportunità di aggiornamento su specifici ambiti del contesto normativo di riferimento, focalizzando l attenzione sulle progressive innovazioni introdotte dalla norma e dalle pronunce giurisprudenziali nonché fornendo utili spunti per delineare le interrelazioni tra gli organi societari e le funzioni aziendali preposte al sistema dei controlli su tali tematiche. L Organismo di Vigilanza: requisiti, ruolo e responsabilità Disposizioni di vigilanza prudenziale i Banca d Italia (15 aggiornamento del 2 luglio 2013): l assegnazione delle unzioni dell OdV al Collegio Sindacale L attività di sorveglianza: programma di vigilanza MILANO 12 maggio ROMA 8 ottobre Non 600 Euro L Organismo di Vigilanza e gli organi di controllo (il Collegio Sindacale, l Internal Audit, il Revisore) La gestione dei flussi informativi e delle segnalazioni verso l OdV Le responsabilità dell Organismo di Vigilanza, civile e penale L Organismo di Vigilanza e la normativa antiriciclaggio Esame di provvedimenti giudiziari. Esercitazioni. 1 giorno CPE 9 ORE 20

21 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il corso si propone di illustrare una metodologia operativa, coerente con i principali framework di riferimento (ERM, COSO, ecc.), a supporto delle diverse attività di Audit e degli ambiti di intervento in cui è richiesta una valutazione di affidabilità del Sistema di Controllo Interno, sia sotto il profilo del disegno che del funzionamento dello stesso. Il corso ha un taglio fortemente operativo, volto a fornire ai partecipanti strumenti di immediato utilizzo nelle attività di audit, nonché in quelle di progettazione dei presidi di processo. Agli Internal Auditor con almeno 2 anni di esperienza Ai soggetti coinvolti nel processo di progettazione, definizione e valutazione del sistema di controllo interno (es. persone che operano nell area di competenza del Dirigente Preposto, del Collegio Sindacale, dell Organismo di Vigilanza, funzioni di Risk Management, Personale IT) L assurance sul disegno e sul funzionamento del sistema di controllo interno La metodologia di valutazione del sistema di controllo interno Il modello analitico e gli elementi di valutazione Gli strumenti di rilevazione/misurazione quantitativa degli elementi del modello La formulazione delle valutazioni I punti di contatto della metodologia operativa con i principali modelli internazionali (ERM, COSO, COBIT) Nel corso delle giornate saranno svolti due case study per l applicazione della metodologia nell ambito di un attività di Audit di un processo complesso. CASE 1: Processo di gestione incassi e crediti Individuazione degli obiettivi di controllo aziendali, dei controlli e degli attributi di valutazione Utilizzo di strumenti di rilevazione Valutazione del disegno dei controlli Sviluppo di Audit Program Valutazione del funzionamento CASE 2: Processo di gestione degli acquisti Individuazione degli obiettivi di controllo aziendali, dei controlli e degli attributi di valutazione Utilizzo di strumenti di rilevazione Valutazione del disegno dei controlli Le Specifiche valutazioni per gli ambiti di interesse del CdA, dell Organismo di Vigilanza e del Dirigente Preposto. MILANO novembre ROMA febbraio Non 1,400 Euro Euro 3 giorni CPE 27 ORE 21

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli