MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6"

Transcript

1 MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6

2 SOMMARIO SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 4 COS È MECANALYST... 4 SVILUPPO DEL PROGETTO... 4 OBIETTIVO... 4 CONCETTI FONDAMENTALI: ANALISI MEZZI-FINI E LADDERING... 5 IL MODELLO DELLE CATENE MEZZI-FINI... 6 IL LADDERING... 7 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI MECANALYST... 8 PRINCIPALI APPLICAZIONI... 9 INSTALLAZIONE REQUISITI DI SISTEMA INSTALLAZIONE E DISINSTALLAZIONE DESCRIZIONE DELL INTERFACCIA UTENTE MENU DEI COMANDI (BOTTONIERA TOOLBAR) ELENCO DEI PROGETTI ELENCO DEI SUBJECT E DEI LADDER (LADDER MANAGER) Elemento selezionato: subject Elemento selezionato: ladder Elemento selezionato: attributo demografico Elemento selezionato: chunk LAVORARE CON I CHUNK Elenco dei chunk Inserimento di un nuovo chunk Modifica delle proprietà di un chunk Eliminazione di un chunk CONTENT-CODE MANAGER STAMPE Stampa delle ladder Stampa dei sinonimi Stampa dei sinonimi e dei chunk Stampa dell elenco dei sinonimi di primo livello del progetto QUERY BY EXAMPLE DEI CODICI DEMOGRAFICI ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELL IMPLICATION MATRIX ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELLA TABELLA DEGLI INDICI DI ASTRATTEZZA E CENTRALITÀ ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELLO HIERARCHICAL VALUE MAP IMPORTAZIONE Importazione dei file.lad (Laddermap MAP file) Importazione dei file SUB.TXT (MECanalyst project) MECanalyst Skymax-DG 2

3 OPZIONI PROJECT PROPERTIES MECanalyst Skymax-DG 3

4 Introduzione Benvenuti, questo documento descrive le caratteristiche e le funzioni di MECanalyst per Windows. Per ottenere informazioni sugli aggiornamenti del prodotto consultare il sito: Cos è MECanalyst MECanalyst è un software molto versatile che ha lo scopo di individuare le motivazioni all acquisto dei consumatori nei confronti di prodotti e/o servizi. Questo software è stato disegnato per conoscere e comprendere il modo in cui i consumatori attribuiscono a un prodotto/servizio un significato, una rilevanza personale, in grado di incentivare, o al limite ostacolarne, l utilizzo. MECanalyst analizza il legame esistente tra consumatore e prodotto, e raccoglie informazioni sugli obiettivi e le intenzioni di consumo, partendo dall analisi del processo decisionale del consumatore. Il programma permette di rivelare/analizzare le strutture cognitive e le mappe gerarchiche dei consumatori (o Hierachical Value Maps) utili nell ambito delle ricerche di mercato utilizzando una metodologia d indagine innovativa, l analisi mezzi-fini (Grunert et al., 1995; Olson e Reynolds, 1983; Reynolds e Gutman, 1988) a cui si affianca una tecnica d intervista in profondità, il laddering. Sviluppo del progetto MECanalyst è stato sviluppato nel corso del 2002 dal Prof. Raffaele Zanoli e dalla Dott. Simona Naspetti dell Università degli studi di Ancona (IT), Dr. Eva Thelen dell Università di Innsbruck (AT), Dr. Gunther Botschen e Institut für Marketing-Strategieberatung in cooperazione con Leonardo Cigolini Gulesu e Dott. Antonio Ruccia di SKYMAX-DG. Obiettivo L'obiettivo del software è quello di fornire ai suoi utilizzatori la possibilità di applicare l analisi mezzi-fini all analisi del consumatore ed eventualmente definire le decisioni di marketing più adeguate coerentemente con le strategie aziendali. I risultati ottenuti sono in grado di offrire all operatore di mercato, così come al ricercatore, un punto di partenza fondamentale nella comprensione del processo decisionale del consumatore, nonché una base su cui sviluppare strategie di comunicazione e di posizionamento dei prodotti. MECanalyst Skymax-DG 4

5 Concetti fondamentali: analisi mezzi-fini e laddering MECanalyst utilizza il modello concettuale dell analisi mezzi-fini 1 per approfondire le motivazioni alla base delle scelte d acquisto dei consumatori. Nell analizzare il legame esistente tra consumatore e prodotto/servizio l approccio dell analisi-mezzi-fini tenta di identificare le preferenze del consumatore, al fine di rivelare le motivazioni, spesso nascoste, alla base delle sue scelte. È relativamente recente, infatti, l idea che le scelte del consumatore non siano guidate dai soli aspetti concreti del prodotto quanto piuttosto dalla componente psicologica che tali elementi sono in grado di suscitare. Agli occhi del consumatore un bene/servizio può cioè assumere significati diversi. Se l acquisto riguarda ad esempio un certo tipo di caffè il consumatore può scegliere il prodotto in base ad attributi che si riferiscono: al tipo (es.: in grani, solubile, ecc.), alla provenienza (es.: Brasile), al formato, alla confezione (es.: in barattolo o in busta), alla marca, ecc. Tuttavia, il consumatore non è solo interessato all insieme di caratteristiche attributi che contraddistinguono un tipo di caffè dall altro, piuttosto viene attratto dalle conseguenze positive (benefici) o negative (rischi) derivanti dall uso/acquisto di quel determinato bene e/o servizio. Nel caso del caffè il desiderio di l acquisto può dunque risultare legato ad alcuni benefici, tra i quali: meno forte del caffè espresso, facile da preparare, adatto alle persone anziane (Quelch e al., 1994), ma soprattutto è il significato personale che quell acquisto assume agli occhi del consumatore a fornire la spinta principale all acquisto (fig. 1). In altre parole se si scava a fondo nella mente del consumatore si scopre che il motivo ultimo dietro la sua scelta riguarda piuttosto gli stati psicologici è cioè legato alla soddisfazione di un bisogno/valore ottenuto in seguito all acquisto del prodotto: ad esempio, sentirsi bene fisicamente, avere autostima o appartenere a un gruppo, ecc. È dunque interessante rilevare il legame tra le caratteristiche del prodotto e il consumatore, al fine di meglio comprendere il modo in cui le scelte del consumatore vengono influenzate dai suoi valori personali. L analisi delle catene mezzi-fini tenta di portare alla luce tale relazione. Figura 1 Esempio di catena mezzi-fini Caffè solubile Meno forte del caffè espresso Adatto alle persone anziane Mi sento bene 1 L analisi mezzi-fini (means-end analysis) è una tecnica strategica di soluzione dei problemi, introdotta per la prima volta da Newell e Simon (1963) nel GPS ( General Problem Solving ), un programma applicato alla soluzione dei problemi nell intelligenza artificiale che parte dalla simulazione dei processi cognitivi dell uomo. MECanalyst Skymax-DG 5

6 Il modello delle catene mezzi-fini Nell ambito delle ricerche di marketing, uno dei temi più rilevanti sia dal punto di vista scientifico che da quello operativo, è la comprensione del processo decisionale del consumatore. Tuttavia i metodi di ricerca utilizzati finora nello studio del comportamento del consumatore sono spesso insoddisfacenti in quanto mancava uno strumento che collegasse la conoscenza che il consumatore ha delle caratteristiche del prodotto con i bisogni e quindi le caratteristiche individuali del consumatore stesso. Il modello delle catene mezzi-fini è lo strumento concettuale che permette validamente di comprendere il modo in cui i consumatori percepiscono le conseguenze individualmente rilevanti che derivano dall uso e dal consumo del prodotto (Grunert et al., 1995; Peter et al. 1999; Reynolds e Gutman, 1988; Vallette- Florence e Rapacchi, 1991). Figura 2 Teoria della catena mezzi-fini Attributi concreti de Attributi astratti del prodotto Conseguenze funzionali (Benefici) Conseguenze psicosociali (Benefici) Valori strumentali Valori terminali l d Conoscenza del prodotto Conoscenza di sé stessi Il collegamento tra consumatore e prodotto avviene attraverso la costruzione di una serie di relazioni tra attributi concreti e astratti del prodotto, conseguenze funzionali e psicologiche legate all uso del prodotto, e infine, valori strumentali e finali dei consumatori. Gli attributi del prodotto non sono altro che mezzi che i consumatori utilizzano per raggiungere i loro valori finali, cioè i fini, attraverso le conseguenze o benefici ottenuti da questi attributi. In altre parole, i beni/servizi vengono visti dal consumatore come strumenti per la soddisfazione dei loro bisogni più o meno consci. Nel modello mezzi-fini il prodotto non è, dunque, scelto e acquistato per sé stesso ma piuttosto per il significato che questo assume nella mente del consumatore (Reynolds e Gutman, 1988). In tal modo il prodotto, pur essendo selezionato in base ad aspetti piuttosto concreti, quali le caratteristiche o gli attributi del prodotto (es.: la quantità di grasso, il colore, l origine, il metodo di produzione ecc.), e ai benefici che esso è in grado di offrirgli conseguenze funzionali o psicologiche (es.: mangiare sano e mangiare con gusto), in realtà viene percepito a livello subcosciente in quanto rivolto e legato al raggiungimento di valori personali presenti nella mente del consumatore (Peter et al., 1999), MECanalyst Skymax-DG 6

7 Una catena mezzi-fini è dunque una struttura concettuale che lega insieme un prodotto (definito come insieme di attributi) con un consumatore (visto come portatore di valori) (fig. 2). Gli attributi del prodotto conducono a varie conseguenze dell uso del prodotto che, a loro volta, soddisfano i valori dei consumatori. Tali collegamenti vengono concretamente rilevati utilizzando la tecnica di laddering, una metodologia di indagine il cui scopo è quello di spiegare le scelte dei consumatori attraverso l identificazione di quella rete di legami che unisce gli attributi dei prodotti agli esiti tangibili legati all uso di questi (conseguenze funzionali), agli esiti che fanno riferimento alla sfera psicologica personale o alle relazioni con gli altri (conseguenze psicosociali) e, in ultimo, ai valori. Il laddering Le informazioni relative alle catene mezzi fini sono contenute nella memoria dei consumatori. In ogni caso, i consumatori non sono normalmente in grado di recuperare queste informazioni in maniera articolata quando si rendono necessarie. Infatti, per analizzarle è necessario utilizzare una strategia di ricerca appropriata. Anche le motivazioni all acquisto dei prodotti non possono essere rilevate chiedendole in modo diretto ai consumatori; nella maggior parte dei casi, infatti, questi non sono consapevoli del proprio processo decisionale, né sono capaci di svelare naturalmente le ragioni personali che li motivano a scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Per comprendere in che modo i consumatori percepiscono il prodotto e il significato personale che ad esso attribuiscono è dunque necessario utilizzare una tecnica d intervista in profondità il laddering appunto il cui scopo è quello di costruire una serie di mappe cognitive, o Hierarchical Value Maps (HVM). Il laddering è la tecnica più utilizzata per rivelare le strutture cognitive dei consumatori (Reynolds e Gutman, 1988), tanto che, in alcuni casi, essa viene erroneamente utilizzata come sinonimo dell analisi mezzi-fini. La tecnica permette di descrivere i collegamenti che gli intervistati effettuano tra gli attributi del prodotto e le più astratte conseguenze e valori (Reynolds e Whitlark, 1995). Nel metodo si distinguono tre passaggi fondamentali 2 : la sollecitazione (elicitazione) degli attributi salienti; la raccolta dati, attraverso l intervista di laddering vera e propria; l analisi dei risultati. La tecnica utilizzata facilita la riflessione da parte dei consumatori sulle loro personali motivazioni d acquisto. 2 Per un approfondita visione della metodologia si rimanda a Reynolds e Gutman (1988). MECanalyst Skymax-DG 7

8 Una volta elicitati gli attributi rilevanti attraverso una o più delle tecniche disponibili, la metodologia prevede di passare alla vera e propria fase di intervista di laddering. La tecnica ha il vantaggio di indurre il consumatore a riflettere e ragionare sulle relazioni attributiconseguenze-valori. Per sollecitare i collegamenti tra i diversi elementi della catena, agli intervistati viene chiesto di esprimere le sequenze attributo-conseguenza-valore ripetendo in modo iterativo una semplice domanda: perché questo, attributo-conseguenza-valore, è importante, per te /secondo lei?. In tal modo ogni consumatore costruisce una o più ladder collegando le sue motivazioni agli attributi del prodotto e alle loro conseguenze, fino ad arrivare a svelare i valori collegati alle sue scelte (Gutman, 1982). In tale contesto, l applicazione del laddering consente di costruire quella rete di collegamenti, la HVM, che motiva il loro comportamento nei confronti di prodotti e/o servizi, nonché le barriere all entrata che impediscono la maggiore diffusione di certi prodotti e/o servizi. I legami, che i consumatori ritengono personalmente rilevanti e che permettono la costruzione delle mappe, possono essere approfonditi anche alla luce della diversa influenza di caratteristiche anagrafiche, socio-economiche o comunque di eventuali indicatori che volessero essere approfonditi al fine di individuare spinte motivazionali diverse per specifici segmenti di mercato. Alla fase di rilevazione dei dati tramite la tecnica del laddering si susseguono quattro fasi di analisi: l analisi dei contenuti (content analysis e codifica dei dati), la derivazione della matrice d implicazione, la costruzione della Hierarchical Value Map ed infine l analisi dei risultati vera e propria. MEC-ANALYST è in grado di intervenire, facilitando l elaborazione dei dati in modo sostanziale, sia nella fase di codifica dei dati che nelle ultime tre fasi. Una volta elaborate le mappe, le informazioni ottenute possono essere utilizzate per migliorare il posizionamento dei prodotti esistenti, o per sviluppare innovazioni di prodotto/servizio, e per la definizione di opportune strategie di comunicazione. Caratteristiche principali di MECanalyst L analisi mezzi-fini, solitamente percepita come una tecnica complessa e dispendiosa sia dal punto di vista dei tempi sia da quello dei costi necessari al suo svolgimento, con l uso di MECanalyst diviene uno strumento di più semplice applicazione e di facile accessibilità. L uso di questo software, semplifica e agevola alcune di quelle problematiche che tipicamente si incontrano durante le fasi di codifica e successivamente di analisi di una classica intervista di laddering (Grunert e Grunert, 1995). In particolare il software alleggerisce l onere di tutta una serie di operazioni, rendendo la maggior parte del lavoro di elaborazione dei dati e la costruzione delle mappe cognitive più agile e scrupolosa allo stesso tempo. Il software possiede alcune caratteristiche che lo differenziano dai software precedentemente utilizzati: MECanalyst Skymax-DG 8

9 facilità d uso: MECanalyst ha un interfaccia semplice ed intuitiva ed è stato disegnato per essere facilmente utilizzato anche da utenti che si avvicinano per la prima volta all analisi mezzi fini (come studenti, ecc.). capacità di memorizzazione e trattamento dei dati: il software consente una gestione illimitata dell entità dei dati da memorizzare, in pratica cioè non pone limiti né al numero di intervistati né a quello dei dati da memorizzare (numero e/o lunghezza di ladder/chunks espressi da ogni intervistato); interfaccia grafica: tutte le operazioni inserimento e modifica dei dati raccolti, assegnazione dei sinonimi e raggruppamento dei dati, ecc. sono estremamente facilitate e agili, e in alcuni casi addirittura automatizzate es.: calcolo degli indici di centralità e astrattezza; codifica dei dati: MECanalyst prevede un opzione che facilita e snellisce il compito più complesso di analisi dei dati: la content analysis. Lo strumento di pattern recognition integrato nel software permette di ridurre e semplificare la fase di codifica che fino ad oggi tanto pesava nella stima dei costi di un analisi mezzi-fini e rende il programma uno strumento unico, agile ed efficace nello studio dei processi cognitivi dei consumatori. visualizzazione risultati/ gestione dell output: poiché il software si avvale di altre applicazioni Microsoft Windows (Powerpoint ed Excel ) per la produzione degli output, è facile poter intervenire per l elaborazione dei risultati sia nel modulo grafico, cioè in fase di presentazione delle mappe finali, sia nella matrice di implicazione, là dove i risultati dell analisi dovessero essere affiancati ad elaborazioni statistiche di qualunque genere; fondamenti teorici: poiché MECanalyst riassume e applica in maniera flessibile, ma anche con rigore, le più recenti teorie in materia di analisi mezzi-fini, il software rappresenta un valido strumento nell applicazione del laddering. Principali applicazioni Le aree specifiche d intervento dell analisi mezzi-fini, e dunque le applicazioni di MECanalyst, possono riguardare (Gutman, 1982): - l analisi di posizionamento e segmentazione del mercato; - lo sviluppo di nuovi prodotti o il miglioramento di quelli attuali; - l elaborazione di strategie di comunicazione. Per quanto riguarda l analisi di posizionamento e segmentazione, l analisi mezzi-fini rappresenta un valido aiuto nell individuazione di tutte quelle minacce e opportunità provenienti dalla concorrenza. Le elaborazioni di MECAnalyst delle informazioni ottenibili con le interviste di laddering, sia sugli aspetti positivi che su quelli negativi del prodotto, MECanalyst Skymax-DG 9

10 consentono di scegliere se puntare a rinforzare la comunicazione delle caratteristiche positive del proprio prodotto oppure di posizionarsi in modo da far risaltare la debolezza della concorrenza (Reynolds- Whitlark, 1995), sfruttando le differenze percepite dai consumatori. Per quanto riguarda l analisi di segmentazione, MECAnalyst rappresenta uno strumento per determinare l influenza dei valori in segmenti diversi di consumatori e collegare le differenze eventualmente riscontrate ad altrettante diversificazioni del prodotto. Lo sviluppo di nuovi prodotti o il miglioramento di quelli esistenti prodotto parte dal livello degli attributi: ma il significato di questi attributi si specifica in funzione delle sue conseguenze. Nell introdurre un nuovo prodotto o comunque un innovazione, la conoscenza dei legami attributi-conseguenze-valori permette ai responsabili del marketing aziendale di riconoscere i desideri dei consumatori e di comunicarli, dopo averli tradotti in caratteristiche fisiche, ai responsabili di prodotto (Gutman, 1982). Infine, le mappe cognitive ottenibili con MECAnalyst, pur non avendo la pretesa di essere l unica base su cui è possibile costruire le opportune strategie di comunicazione o le forme di pubblicità più efficaci, possono essere considerate un valido supporto per orientare quelle scelte (Reynold - Whitlark, 1995). La conoscenza dei fattori chiave (valori) che influenzano i consumatori, come pure dei punti su cui fare leva (conseguenze psico-sociali), permette all azienda di costruire la propria strategia di comunicazione riducendo gli investimenti (ad esempio mediante la standardizzazione dei programmi pubblicitari) e aumentandone l efficienza (Reynolds and Whitlark, 1995). MECanalyst Skymax-DG 10

11 Installazione Requisiti di sistema Sistema operativo CPU Memoria RAM Hard-Disk Windows 9x, NT, 2000, XP Minimo: Intel 486DX Consigliato: Pentium MMX 32Mb (consigliati 64Mb) 10Mb di spazio libero Installazione e disinstallazione Per installare MECanalyst eseguire le seguenti istruzioni: 1. Chiudere tutte le applicazioni attive sul computer 2. Se state installando da un CD inserite il CD nel vostro lettore di CD-ROM, dal menu Start scegliete Esegui e digitate la lettera corrispondente al drive del lettore CD- ROM, poi backslash e setup (ad esempio E:\setup.exe). Se state installando da un archivio software fate un doppio click sull icona corrispondente al file per fare partire il programma di Setup. Inizierà l installazione e vedrete InstallShield estrarre i file di MECanalyst. 3. Leggete la schermata di benvenuto e cliccate su Ok. 4. Leggete i termini della licenza e se siete d accordo cliccate Yes 5. Specificate la directory nella quale desiderate che MECanalyst sia installato, se state installando sopra una precedente versione del programma scegliete la directory corrente di MECanalyst per conservare le preferenze ed i dati, se state installando per la prima volta potete scegliere la directory che preferite. Cliccate Next. 6. Al termine dell installazione vi verrà richiesto se desiderate lanciare direttamente il programma, smarcate l opzione se desiderate che questo avvenga. 7. Cliccate Finish per chiudere InstallShield. Per effettuare la disinstallazione di MECanalyst è sufficiente rimuovere la cartella MECanalyst e tutto il suo contenuto. MECanalyst Skymax-DG 11

12 Descrizione dell interfaccia utente Menu dei comandi (bottoniera toolbar) In MECanalyst i comandi sono azionabili sia con la bottoniera, sia con le combinazioni di tasti ed utilizzando i tasti funzione della tastiera. Di seguito è indicata la descrizione dei principali comandi accessibili dalla bottoniera. Accanto alla descrizione dei comandi troverete tra parentesi l indicazione del tasto funzione associato. - NEW (F2): nuovo progetto/subject/chunk - OPEN (F3): apri progetto - DELETE (F4): elimina progetto/subject/ladder/chunk - EDIT (F5): modalità di modifica delle proprietà del progetto/attributi demografici dei subject/chunk - DEMO (F6): editing/aggiunta/eliminazione dei demographic code per il progetto/inserimento dei demographic attributes per i subject - LADDER (F7): nuovo ladder per il subject selezionato - CODES LIST (F8): visualizza i content code per il progetto selezionato - DETAILS: mostra i chunk associati ad un content code - MAIN/CLOSE (F10): ritorna al menu dei progetti/esci dall applicazione - CUT (CTRL-X): taglia la selezione e copia nella clipboard - COPY (CTRL-C): copia la selezione nella clipboard - PASTE (CTRL-V): incolla il contenuto della clipboard Figura 3 Bottoniera MECanalyst Skymax-DG 12

13 Elenco dei progetti Il programma si apre visualizzando l elenco dei progetti presenti nell archivio: per ciascuno sono indicati il codice ( CODE ), la descrizione ( DESCRIPTION ), l autore ( AUTHOR ), le date di creazione e di ultima modifica ( CREATION, LAST UPDATE ). E possibile ordinare la lista dei progetti in base a ciascuna di queste proprietà cliccando sulla colonna corrispondente. In questo contesto è possibile eseguire i comandi: 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo progetto: verrà richiesto di inserire il codice, la descrizione e l autore del progetto (tutti questi dati possono essere modificati in seguito selezionando il progetto ed eseguendo il comando EDIT), la data di creazione e di ultima modifica sono aggiornati in automatico dalla procedura utilizzando l orologio di sistema; 2. OPEN (F3), visualizzazione delle ladder (vedere il paragrafo Elenco dei Subject e dei Ladder ); 3. DELETE (F4), eliminazione del progetto selezionato (richiede conferma); 4. EDIT (F5), consente la modifica delle proprietà del progetto (il codice, la descrizione e l autore); 5. DEMO (F6), visualizzazione dell elenco dei codici demografici del progetto (vedere il paragrafo Elemento selezionato: attributo demografico ); 6. CODES LIST (F8), visualizzazione dell elenco dei content-code del progetto selezionato (Content Code Manager); 7. EXIT (F10), per chiudere l applicazione (richiede conferma). Figura 4 Elenco dei progetti MECanalyst Skymax-DG 13

14 Elenco dei Subject e dei Ladder (Ladder Manager) La finestra principale del programma visualizza nella parte sinistra l elenco dei subject e dei ladder associati, mentre nella parte destra viene mostrato l elenco degli attributi demografici associati al soggetto o i chunk che costituiscono il ladder a seconda che l elemento selezionato sia un subject o un ladder. Figura 5 Elenco dei subject e dei ladder Selezione degli elementi Per poter muovere, copiare o eliminare i soggetti, le ladder o i chunk tali elementi devono essere selezionati utilizzando il mouse o la tastiera: gli elementi selezionati sono evidenziati. I soggetti e le ladder possono essere selezionati solo singolarmente mentre più chunk della stessa ladder possono essere selezionati simultaneamente. Per selezionare più di un chunk simultaneamente, selezionate tutti i chunk adoperando il tasto sinistro del mouse mantenendo schiacciato il tasto MAIUSCOLO della tastiera (per i chunk adiacenti) o utilizzando il tasto sinistro del mouse e schiacciando il tasto CTRL della tastiera (per chunk non adiacenti), quindi operando l operazione di CUT, COPY o PASTE. Elemento selezionato: subject Quando viene selezionato un subject è possibile eseguire le seguenti azioni: 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo subject 2. DELETE (F4) eliminazione del subject selezionato e di tutti i ladder ad esso associati (richiede conferma); MECanalyst Skymax-DG 14

15 3. DEMO (F6), inserimento di un nuovo attributo demografico per il soggetto selezionato; viene visualizzata una finesta contenente l elenco dei codici demografici associati al progetto dalla quale è possibile selezionare i codici da valorizzare in forma tabellare: per valorizzare un codice demografico è sufficiente selezionare il codice e dare il comando EDIT, nel form che di editing degli attributi demografici sarà quindi necessario immettere il valore per l attributo utilizzando il campo value (se si desidera inserire un attributo per un codice non ancora inserito è necessario ritornare alla finestra di visualizzazione dell elenco dei progetti e procedere all inserimento del nuovo codice, quindi ritornare alla visualizzazione del soggetto, dare il comando DEMO (F6) e selezionarlo dall elenco); 4. LADDER (F7), inserimento di un nuovo ladder per il subject selezionato: questo comando apre automaticamente la finestra per l inserimento di un chunk; 5. MAIN (F10), ritornare all elenco dei progetti. Elemento selezionato: ladder 1. NEW (F2), aggiunta di un nuovo chunk al ladder selezionato (vedere il paragrafo Inserimento di un nuovo chunk ); 2. DELETE (F4), eliminazione del ladder selezionato e di tutti i chunk ad esso associati (richiede conferma); 3. LADDER (F7), inserimento di un nuovo ladder per il subject selezionato (dopo aver eseguito il comando la procedura automaticamente seleziona il nuovo ladder ed apre la finestra per l inserimento di un chunk); 4. MAIN (F10), ritornare al menu dei progetti; 5. CUT (CTRL-X), eliminazione del ladder selezionato e copia di tutti i chunk nella clipboard (richiede conferma); 6. COPY (CTRL-C), copia del ladder selezionato in memoria; 7. PASTE (CTRL-V), incolla il ladder copiato in memoria da un precedente comando COPY al subject selezionato. E possibile effettuare lo spostamento di chunk tra i ladder selezionando il/i chunk da spostare/copiare e trascinarli sul ladder desiderato (drag and drop): quando si rilasciano gli elementi selezionati compare una finestra di dialogo con la quale è possibile annullare l operazione ed indicare se si desidera copiare o spostare la selezione. Elemento selezionato: attributo demografico 1. DELETE (F4), eliminazione dell attributo demografico selezionato; 2. EDIT (F5), modifica dell attributo selezionato: attraverso finestra di editing dei codici demografici è possibile modificare gli attributi demografici per il soggetto selezionato; 3. DEMO (F6), inserimento di un nuovo attributo demografico al soggetto selezionato. MECanalyst Skymax-DG 15

16 Elemento selezionato: chunk 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo chunk (vedere il paragrafo Inserimento di un nuovo chunk ); 2. DELETE (F4), eliminazione del chunk selezionato (richiede conferma, consente anche l eliminazione di più chunk selezionati contemporaneamente); 3. EDIT (F5), modifica del chunk selezionato (vedere il paragrafo Modifica delle proprietà di un chunk ); 4. CUT (CTRL-X), eliminazione e copia nella clipboard del chunk selezionato; 5. COPY (CTRL-C), copia del chunk selezionato nella clipboard (è consentita la selezione multipla dei chunk da copiare); 6. PASTE (CTRL-V), inserimento del chunk memorizzato nella clipboard; 7. MAIN (F10), ritornare all elenco dei progetti. E possibile effettuare le operazioni di CUT, COPY e PASTE per selezioni multiple: si veda il paragrafo Selezione degli elementi. MECanalyst Skymax-DG 16

17 Lavorare con i chunk Elenco dei chunk Quando si seleziona una ladder viene visualizzato l elenco dei chunk che ne fanno parte, per ciascuno dei quali sono indicate in forma tabellare le propietà: 1. il tipo (type); 2. il sinonimo associato (synonym) se presente; 3. la risposta fornita dal soggetto (answer). Nella barra di stato sono indicati il numero identificativo del soggetto e del ladder selezionati. Figura 6 - Status bar Inserimento di un nuovo chunk Per inserire un chunk bisogna selezionare il ladder per il quale si desidera effettuare l inserimento e cliccare il bottone NEW, oppure creare un nuovo ladder (bottone LADDER) dato che l applicazione entrerà automaticamente in modalità di inserimento. MECanalyst consente di inserire per ciascun chunk i dati relativi alla risposta fornita dal soggetto intervistato (campo answer), il tipo di chunk inserito (radio group type), il contentcode associato (campo synonym). Le tipologie di chunk previste sono: 1. Concrete attribute (Ac); 2. Abstract attribute (Aa); 3. Functional consequence (Cf); 4. Psycological consequence (Cp); 5. Instrumental value (Vi); 6. Terminal value (Vt). MECanalyst Skymax-DG 17

18 Figura 7 Inserimento chunk Quando viene inserito un nuovo chunk questo viene accodato al ladder e in automatico ad esso viene attribuito il type del chunk precedente: modificando il type la procedura proporrà una nuova posizione del chunk che rispetti la gerarchia della sequenza dei type. Dal campo synonym è possibile visualizzare l elenco dei content-code corrispondenti al tipo selezionato e selezionare un content-code dalla lista oppure aggiungerne uno nuovo. Ogni volta che un chunk viene aggiunto (bottone Ok o tasto Invio) MECanalyst rimane in modalità di inserimento dalla quale si può uscire cliccando il bottone Cancel oppure con il tasto Escape della tastiera. Con le combinazioni dei tasti CTRL-X, CTRL-C e CTRL-V della tastiera si possono anche effettuare le operazioni di CUT, COPY e PASTE all interno delle risposte (answer) di ciascun chunk. Modifica delle proprietà di un chunk E possibile modificare tutte le propietà di un chunk: - la risposta (answer); - il tipo del chunk (type); - il sinonimo ad esso associato (synonym); - la posizione occupata dal chunk nel ladder (chunk). MECanalyst Skymax-DG 18

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com DATA CENTER PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi 3.0 Indice 1 Premessa...3 2 DATA CENTER 3...4 2.1 Utilizzo dei dispositivi SIGMA con DATA CENTER 3....4 2.2 Requisiti di sistema....4 2.2.1 Computer

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli