MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6"

Transcript

1 MECanalyst programma per derivare le mappe cognitive dei consumatori manuale per l utente rev. 0.6

2 SOMMARIO SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 4 COS È MECANALYST... 4 SVILUPPO DEL PROGETTO... 4 OBIETTIVO... 4 CONCETTI FONDAMENTALI: ANALISI MEZZI-FINI E LADDERING... 5 IL MODELLO DELLE CATENE MEZZI-FINI... 6 IL LADDERING... 7 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI MECANALYST... 8 PRINCIPALI APPLICAZIONI... 9 INSTALLAZIONE REQUISITI DI SISTEMA INSTALLAZIONE E DISINSTALLAZIONE DESCRIZIONE DELL INTERFACCIA UTENTE MENU DEI COMANDI (BOTTONIERA TOOLBAR) ELENCO DEI PROGETTI ELENCO DEI SUBJECT E DEI LADDER (LADDER MANAGER) Elemento selezionato: subject Elemento selezionato: ladder Elemento selezionato: attributo demografico Elemento selezionato: chunk LAVORARE CON I CHUNK Elenco dei chunk Inserimento di un nuovo chunk Modifica delle proprietà di un chunk Eliminazione di un chunk CONTENT-CODE MANAGER STAMPE Stampa delle ladder Stampa dei sinonimi Stampa dei sinonimi e dei chunk Stampa dell elenco dei sinonimi di primo livello del progetto QUERY BY EXAMPLE DEI CODICI DEMOGRAFICI ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELL IMPLICATION MATRIX ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELLA TABELLA DEGLI INDICI DI ASTRATTEZZA E CENTRALITÀ ELABORAZIONE/VISUALIZZAZIONE DELLO HIERARCHICAL VALUE MAP IMPORTAZIONE Importazione dei file.lad (Laddermap MAP file) Importazione dei file SUB.TXT (MECanalyst project) MECanalyst Skymax-DG 2

3 OPZIONI PROJECT PROPERTIES MECanalyst Skymax-DG 3

4 Introduzione Benvenuti, questo documento descrive le caratteristiche e le funzioni di MECanalyst per Windows. Per ottenere informazioni sugli aggiornamenti del prodotto consultare il sito: Cos è MECanalyst MECanalyst è un software molto versatile che ha lo scopo di individuare le motivazioni all acquisto dei consumatori nei confronti di prodotti e/o servizi. Questo software è stato disegnato per conoscere e comprendere il modo in cui i consumatori attribuiscono a un prodotto/servizio un significato, una rilevanza personale, in grado di incentivare, o al limite ostacolarne, l utilizzo. MECanalyst analizza il legame esistente tra consumatore e prodotto, e raccoglie informazioni sugli obiettivi e le intenzioni di consumo, partendo dall analisi del processo decisionale del consumatore. Il programma permette di rivelare/analizzare le strutture cognitive e le mappe gerarchiche dei consumatori (o Hierachical Value Maps) utili nell ambito delle ricerche di mercato utilizzando una metodologia d indagine innovativa, l analisi mezzi-fini (Grunert et al., 1995; Olson e Reynolds, 1983; Reynolds e Gutman, 1988) a cui si affianca una tecnica d intervista in profondità, il laddering. Sviluppo del progetto MECanalyst è stato sviluppato nel corso del 2002 dal Prof. Raffaele Zanoli e dalla Dott. Simona Naspetti dell Università degli studi di Ancona (IT), Dr. Eva Thelen dell Università di Innsbruck (AT), Dr. Gunther Botschen e Institut für Marketing-Strategieberatung in cooperazione con Leonardo Cigolini Gulesu e Dott. Antonio Ruccia di SKYMAX-DG. Obiettivo L'obiettivo del software è quello di fornire ai suoi utilizzatori la possibilità di applicare l analisi mezzi-fini all analisi del consumatore ed eventualmente definire le decisioni di marketing più adeguate coerentemente con le strategie aziendali. I risultati ottenuti sono in grado di offrire all operatore di mercato, così come al ricercatore, un punto di partenza fondamentale nella comprensione del processo decisionale del consumatore, nonché una base su cui sviluppare strategie di comunicazione e di posizionamento dei prodotti. MECanalyst Skymax-DG 4

5 Concetti fondamentali: analisi mezzi-fini e laddering MECanalyst utilizza il modello concettuale dell analisi mezzi-fini 1 per approfondire le motivazioni alla base delle scelte d acquisto dei consumatori. Nell analizzare il legame esistente tra consumatore e prodotto/servizio l approccio dell analisi-mezzi-fini tenta di identificare le preferenze del consumatore, al fine di rivelare le motivazioni, spesso nascoste, alla base delle sue scelte. È relativamente recente, infatti, l idea che le scelte del consumatore non siano guidate dai soli aspetti concreti del prodotto quanto piuttosto dalla componente psicologica che tali elementi sono in grado di suscitare. Agli occhi del consumatore un bene/servizio può cioè assumere significati diversi. Se l acquisto riguarda ad esempio un certo tipo di caffè il consumatore può scegliere il prodotto in base ad attributi che si riferiscono: al tipo (es.: in grani, solubile, ecc.), alla provenienza (es.: Brasile), al formato, alla confezione (es.: in barattolo o in busta), alla marca, ecc. Tuttavia, il consumatore non è solo interessato all insieme di caratteristiche attributi che contraddistinguono un tipo di caffè dall altro, piuttosto viene attratto dalle conseguenze positive (benefici) o negative (rischi) derivanti dall uso/acquisto di quel determinato bene e/o servizio. Nel caso del caffè il desiderio di l acquisto può dunque risultare legato ad alcuni benefici, tra i quali: meno forte del caffè espresso, facile da preparare, adatto alle persone anziane (Quelch e al., 1994), ma soprattutto è il significato personale che quell acquisto assume agli occhi del consumatore a fornire la spinta principale all acquisto (fig. 1). In altre parole se si scava a fondo nella mente del consumatore si scopre che il motivo ultimo dietro la sua scelta riguarda piuttosto gli stati psicologici è cioè legato alla soddisfazione di un bisogno/valore ottenuto in seguito all acquisto del prodotto: ad esempio, sentirsi bene fisicamente, avere autostima o appartenere a un gruppo, ecc. È dunque interessante rilevare il legame tra le caratteristiche del prodotto e il consumatore, al fine di meglio comprendere il modo in cui le scelte del consumatore vengono influenzate dai suoi valori personali. L analisi delle catene mezzi-fini tenta di portare alla luce tale relazione. Figura 1 Esempio di catena mezzi-fini Caffè solubile Meno forte del caffè espresso Adatto alle persone anziane Mi sento bene 1 L analisi mezzi-fini (means-end analysis) è una tecnica strategica di soluzione dei problemi, introdotta per la prima volta da Newell e Simon (1963) nel GPS ( General Problem Solving ), un programma applicato alla soluzione dei problemi nell intelligenza artificiale che parte dalla simulazione dei processi cognitivi dell uomo. MECanalyst Skymax-DG 5

6 Il modello delle catene mezzi-fini Nell ambito delle ricerche di marketing, uno dei temi più rilevanti sia dal punto di vista scientifico che da quello operativo, è la comprensione del processo decisionale del consumatore. Tuttavia i metodi di ricerca utilizzati finora nello studio del comportamento del consumatore sono spesso insoddisfacenti in quanto mancava uno strumento che collegasse la conoscenza che il consumatore ha delle caratteristiche del prodotto con i bisogni e quindi le caratteristiche individuali del consumatore stesso. Il modello delle catene mezzi-fini è lo strumento concettuale che permette validamente di comprendere il modo in cui i consumatori percepiscono le conseguenze individualmente rilevanti che derivano dall uso e dal consumo del prodotto (Grunert et al., 1995; Peter et al. 1999; Reynolds e Gutman, 1988; Vallette- Florence e Rapacchi, 1991). Figura 2 Teoria della catena mezzi-fini Attributi concreti de Attributi astratti del prodotto Conseguenze funzionali (Benefici) Conseguenze psicosociali (Benefici) Valori strumentali Valori terminali l d Conoscenza del prodotto Conoscenza di sé stessi Il collegamento tra consumatore e prodotto avviene attraverso la costruzione di una serie di relazioni tra attributi concreti e astratti del prodotto, conseguenze funzionali e psicologiche legate all uso del prodotto, e infine, valori strumentali e finali dei consumatori. Gli attributi del prodotto non sono altro che mezzi che i consumatori utilizzano per raggiungere i loro valori finali, cioè i fini, attraverso le conseguenze o benefici ottenuti da questi attributi. In altre parole, i beni/servizi vengono visti dal consumatore come strumenti per la soddisfazione dei loro bisogni più o meno consci. Nel modello mezzi-fini il prodotto non è, dunque, scelto e acquistato per sé stesso ma piuttosto per il significato che questo assume nella mente del consumatore (Reynolds e Gutman, 1988). In tal modo il prodotto, pur essendo selezionato in base ad aspetti piuttosto concreti, quali le caratteristiche o gli attributi del prodotto (es.: la quantità di grasso, il colore, l origine, il metodo di produzione ecc.), e ai benefici che esso è in grado di offrirgli conseguenze funzionali o psicologiche (es.: mangiare sano e mangiare con gusto), in realtà viene percepito a livello subcosciente in quanto rivolto e legato al raggiungimento di valori personali presenti nella mente del consumatore (Peter et al., 1999), MECanalyst Skymax-DG 6

7 Una catena mezzi-fini è dunque una struttura concettuale che lega insieme un prodotto (definito come insieme di attributi) con un consumatore (visto come portatore di valori) (fig. 2). Gli attributi del prodotto conducono a varie conseguenze dell uso del prodotto che, a loro volta, soddisfano i valori dei consumatori. Tali collegamenti vengono concretamente rilevati utilizzando la tecnica di laddering, una metodologia di indagine il cui scopo è quello di spiegare le scelte dei consumatori attraverso l identificazione di quella rete di legami che unisce gli attributi dei prodotti agli esiti tangibili legati all uso di questi (conseguenze funzionali), agli esiti che fanno riferimento alla sfera psicologica personale o alle relazioni con gli altri (conseguenze psicosociali) e, in ultimo, ai valori. Il laddering Le informazioni relative alle catene mezzi fini sono contenute nella memoria dei consumatori. In ogni caso, i consumatori non sono normalmente in grado di recuperare queste informazioni in maniera articolata quando si rendono necessarie. Infatti, per analizzarle è necessario utilizzare una strategia di ricerca appropriata. Anche le motivazioni all acquisto dei prodotti non possono essere rilevate chiedendole in modo diretto ai consumatori; nella maggior parte dei casi, infatti, questi non sono consapevoli del proprio processo decisionale, né sono capaci di svelare naturalmente le ragioni personali che li motivano a scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Per comprendere in che modo i consumatori percepiscono il prodotto e il significato personale che ad esso attribuiscono è dunque necessario utilizzare una tecnica d intervista in profondità il laddering appunto il cui scopo è quello di costruire una serie di mappe cognitive, o Hierarchical Value Maps (HVM). Il laddering è la tecnica più utilizzata per rivelare le strutture cognitive dei consumatori (Reynolds e Gutman, 1988), tanto che, in alcuni casi, essa viene erroneamente utilizzata come sinonimo dell analisi mezzi-fini. La tecnica permette di descrivere i collegamenti che gli intervistati effettuano tra gli attributi del prodotto e le più astratte conseguenze e valori (Reynolds e Whitlark, 1995). Nel metodo si distinguono tre passaggi fondamentali 2 : la sollecitazione (elicitazione) degli attributi salienti; la raccolta dati, attraverso l intervista di laddering vera e propria; l analisi dei risultati. La tecnica utilizzata facilita la riflessione da parte dei consumatori sulle loro personali motivazioni d acquisto. 2 Per un approfondita visione della metodologia si rimanda a Reynolds e Gutman (1988). MECanalyst Skymax-DG 7

8 Una volta elicitati gli attributi rilevanti attraverso una o più delle tecniche disponibili, la metodologia prevede di passare alla vera e propria fase di intervista di laddering. La tecnica ha il vantaggio di indurre il consumatore a riflettere e ragionare sulle relazioni attributiconseguenze-valori. Per sollecitare i collegamenti tra i diversi elementi della catena, agli intervistati viene chiesto di esprimere le sequenze attributo-conseguenza-valore ripetendo in modo iterativo una semplice domanda: perché questo, attributo-conseguenza-valore, è importante, per te /secondo lei?. In tal modo ogni consumatore costruisce una o più ladder collegando le sue motivazioni agli attributi del prodotto e alle loro conseguenze, fino ad arrivare a svelare i valori collegati alle sue scelte (Gutman, 1982). In tale contesto, l applicazione del laddering consente di costruire quella rete di collegamenti, la HVM, che motiva il loro comportamento nei confronti di prodotti e/o servizi, nonché le barriere all entrata che impediscono la maggiore diffusione di certi prodotti e/o servizi. I legami, che i consumatori ritengono personalmente rilevanti e che permettono la costruzione delle mappe, possono essere approfonditi anche alla luce della diversa influenza di caratteristiche anagrafiche, socio-economiche o comunque di eventuali indicatori che volessero essere approfonditi al fine di individuare spinte motivazionali diverse per specifici segmenti di mercato. Alla fase di rilevazione dei dati tramite la tecnica del laddering si susseguono quattro fasi di analisi: l analisi dei contenuti (content analysis e codifica dei dati), la derivazione della matrice d implicazione, la costruzione della Hierarchical Value Map ed infine l analisi dei risultati vera e propria. MEC-ANALYST è in grado di intervenire, facilitando l elaborazione dei dati in modo sostanziale, sia nella fase di codifica dei dati che nelle ultime tre fasi. Una volta elaborate le mappe, le informazioni ottenute possono essere utilizzate per migliorare il posizionamento dei prodotti esistenti, o per sviluppare innovazioni di prodotto/servizio, e per la definizione di opportune strategie di comunicazione. Caratteristiche principali di MECanalyst L analisi mezzi-fini, solitamente percepita come una tecnica complessa e dispendiosa sia dal punto di vista dei tempi sia da quello dei costi necessari al suo svolgimento, con l uso di MECanalyst diviene uno strumento di più semplice applicazione e di facile accessibilità. L uso di questo software, semplifica e agevola alcune di quelle problematiche che tipicamente si incontrano durante le fasi di codifica e successivamente di analisi di una classica intervista di laddering (Grunert e Grunert, 1995). In particolare il software alleggerisce l onere di tutta una serie di operazioni, rendendo la maggior parte del lavoro di elaborazione dei dati e la costruzione delle mappe cognitive più agile e scrupolosa allo stesso tempo. Il software possiede alcune caratteristiche che lo differenziano dai software precedentemente utilizzati: MECanalyst Skymax-DG 8

9 facilità d uso: MECanalyst ha un interfaccia semplice ed intuitiva ed è stato disegnato per essere facilmente utilizzato anche da utenti che si avvicinano per la prima volta all analisi mezzi fini (come studenti, ecc.). capacità di memorizzazione e trattamento dei dati: il software consente una gestione illimitata dell entità dei dati da memorizzare, in pratica cioè non pone limiti né al numero di intervistati né a quello dei dati da memorizzare (numero e/o lunghezza di ladder/chunks espressi da ogni intervistato); interfaccia grafica: tutte le operazioni inserimento e modifica dei dati raccolti, assegnazione dei sinonimi e raggruppamento dei dati, ecc. sono estremamente facilitate e agili, e in alcuni casi addirittura automatizzate es.: calcolo degli indici di centralità e astrattezza; codifica dei dati: MECanalyst prevede un opzione che facilita e snellisce il compito più complesso di analisi dei dati: la content analysis. Lo strumento di pattern recognition integrato nel software permette di ridurre e semplificare la fase di codifica che fino ad oggi tanto pesava nella stima dei costi di un analisi mezzi-fini e rende il programma uno strumento unico, agile ed efficace nello studio dei processi cognitivi dei consumatori. visualizzazione risultati/ gestione dell output: poiché il software si avvale di altre applicazioni Microsoft Windows (Powerpoint ed Excel ) per la produzione degli output, è facile poter intervenire per l elaborazione dei risultati sia nel modulo grafico, cioè in fase di presentazione delle mappe finali, sia nella matrice di implicazione, là dove i risultati dell analisi dovessero essere affiancati ad elaborazioni statistiche di qualunque genere; fondamenti teorici: poiché MECanalyst riassume e applica in maniera flessibile, ma anche con rigore, le più recenti teorie in materia di analisi mezzi-fini, il software rappresenta un valido strumento nell applicazione del laddering. Principali applicazioni Le aree specifiche d intervento dell analisi mezzi-fini, e dunque le applicazioni di MECanalyst, possono riguardare (Gutman, 1982): - l analisi di posizionamento e segmentazione del mercato; - lo sviluppo di nuovi prodotti o il miglioramento di quelli attuali; - l elaborazione di strategie di comunicazione. Per quanto riguarda l analisi di posizionamento e segmentazione, l analisi mezzi-fini rappresenta un valido aiuto nell individuazione di tutte quelle minacce e opportunità provenienti dalla concorrenza. Le elaborazioni di MECAnalyst delle informazioni ottenibili con le interviste di laddering, sia sugli aspetti positivi che su quelli negativi del prodotto, MECanalyst Skymax-DG 9

10 consentono di scegliere se puntare a rinforzare la comunicazione delle caratteristiche positive del proprio prodotto oppure di posizionarsi in modo da far risaltare la debolezza della concorrenza (Reynolds- Whitlark, 1995), sfruttando le differenze percepite dai consumatori. Per quanto riguarda l analisi di segmentazione, MECAnalyst rappresenta uno strumento per determinare l influenza dei valori in segmenti diversi di consumatori e collegare le differenze eventualmente riscontrate ad altrettante diversificazioni del prodotto. Lo sviluppo di nuovi prodotti o il miglioramento di quelli esistenti prodotto parte dal livello degli attributi: ma il significato di questi attributi si specifica in funzione delle sue conseguenze. Nell introdurre un nuovo prodotto o comunque un innovazione, la conoscenza dei legami attributi-conseguenze-valori permette ai responsabili del marketing aziendale di riconoscere i desideri dei consumatori e di comunicarli, dopo averli tradotti in caratteristiche fisiche, ai responsabili di prodotto (Gutman, 1982). Infine, le mappe cognitive ottenibili con MECAnalyst, pur non avendo la pretesa di essere l unica base su cui è possibile costruire le opportune strategie di comunicazione o le forme di pubblicità più efficaci, possono essere considerate un valido supporto per orientare quelle scelte (Reynold - Whitlark, 1995). La conoscenza dei fattori chiave (valori) che influenzano i consumatori, come pure dei punti su cui fare leva (conseguenze psico-sociali), permette all azienda di costruire la propria strategia di comunicazione riducendo gli investimenti (ad esempio mediante la standardizzazione dei programmi pubblicitari) e aumentandone l efficienza (Reynolds and Whitlark, 1995). MECanalyst Skymax-DG 10

11 Installazione Requisiti di sistema Sistema operativo CPU Memoria RAM Hard-Disk Windows 9x, NT, 2000, XP Minimo: Intel 486DX Consigliato: Pentium MMX 32Mb (consigliati 64Mb) 10Mb di spazio libero Installazione e disinstallazione Per installare MECanalyst eseguire le seguenti istruzioni: 1. Chiudere tutte le applicazioni attive sul computer 2. Se state installando da un CD inserite il CD nel vostro lettore di CD-ROM, dal menu Start scegliete Esegui e digitate la lettera corrispondente al drive del lettore CD- ROM, poi backslash e setup (ad esempio E:\setup.exe). Se state installando da un archivio software fate un doppio click sull icona corrispondente al file per fare partire il programma di Setup. Inizierà l installazione e vedrete InstallShield estrarre i file di MECanalyst. 3. Leggete la schermata di benvenuto e cliccate su Ok. 4. Leggete i termini della licenza e se siete d accordo cliccate Yes 5. Specificate la directory nella quale desiderate che MECanalyst sia installato, se state installando sopra una precedente versione del programma scegliete la directory corrente di MECanalyst per conservare le preferenze ed i dati, se state installando per la prima volta potete scegliere la directory che preferite. Cliccate Next. 6. Al termine dell installazione vi verrà richiesto se desiderate lanciare direttamente il programma, smarcate l opzione se desiderate che questo avvenga. 7. Cliccate Finish per chiudere InstallShield. Per effettuare la disinstallazione di MECanalyst è sufficiente rimuovere la cartella MECanalyst e tutto il suo contenuto. MECanalyst Skymax-DG 11

12 Descrizione dell interfaccia utente Menu dei comandi (bottoniera toolbar) In MECanalyst i comandi sono azionabili sia con la bottoniera, sia con le combinazioni di tasti ed utilizzando i tasti funzione della tastiera. Di seguito è indicata la descrizione dei principali comandi accessibili dalla bottoniera. Accanto alla descrizione dei comandi troverete tra parentesi l indicazione del tasto funzione associato. - NEW (F2): nuovo progetto/subject/chunk - OPEN (F3): apri progetto - DELETE (F4): elimina progetto/subject/ladder/chunk - EDIT (F5): modalità di modifica delle proprietà del progetto/attributi demografici dei subject/chunk - DEMO (F6): editing/aggiunta/eliminazione dei demographic code per il progetto/inserimento dei demographic attributes per i subject - LADDER (F7): nuovo ladder per il subject selezionato - CODES LIST (F8): visualizza i content code per il progetto selezionato - DETAILS: mostra i chunk associati ad un content code - MAIN/CLOSE (F10): ritorna al menu dei progetti/esci dall applicazione - CUT (CTRL-X): taglia la selezione e copia nella clipboard - COPY (CTRL-C): copia la selezione nella clipboard - PASTE (CTRL-V): incolla il contenuto della clipboard Figura 3 Bottoniera MECanalyst Skymax-DG 12

13 Elenco dei progetti Il programma si apre visualizzando l elenco dei progetti presenti nell archivio: per ciascuno sono indicati il codice ( CODE ), la descrizione ( DESCRIPTION ), l autore ( AUTHOR ), le date di creazione e di ultima modifica ( CREATION, LAST UPDATE ). E possibile ordinare la lista dei progetti in base a ciascuna di queste proprietà cliccando sulla colonna corrispondente. In questo contesto è possibile eseguire i comandi: 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo progetto: verrà richiesto di inserire il codice, la descrizione e l autore del progetto (tutti questi dati possono essere modificati in seguito selezionando il progetto ed eseguendo il comando EDIT), la data di creazione e di ultima modifica sono aggiornati in automatico dalla procedura utilizzando l orologio di sistema; 2. OPEN (F3), visualizzazione delle ladder (vedere il paragrafo Elenco dei Subject e dei Ladder ); 3. DELETE (F4), eliminazione del progetto selezionato (richiede conferma); 4. EDIT (F5), consente la modifica delle proprietà del progetto (il codice, la descrizione e l autore); 5. DEMO (F6), visualizzazione dell elenco dei codici demografici del progetto (vedere il paragrafo Elemento selezionato: attributo demografico ); 6. CODES LIST (F8), visualizzazione dell elenco dei content-code del progetto selezionato (Content Code Manager); 7. EXIT (F10), per chiudere l applicazione (richiede conferma). Figura 4 Elenco dei progetti MECanalyst Skymax-DG 13

14 Elenco dei Subject e dei Ladder (Ladder Manager) La finestra principale del programma visualizza nella parte sinistra l elenco dei subject e dei ladder associati, mentre nella parte destra viene mostrato l elenco degli attributi demografici associati al soggetto o i chunk che costituiscono il ladder a seconda che l elemento selezionato sia un subject o un ladder. Figura 5 Elenco dei subject e dei ladder Selezione degli elementi Per poter muovere, copiare o eliminare i soggetti, le ladder o i chunk tali elementi devono essere selezionati utilizzando il mouse o la tastiera: gli elementi selezionati sono evidenziati. I soggetti e le ladder possono essere selezionati solo singolarmente mentre più chunk della stessa ladder possono essere selezionati simultaneamente. Per selezionare più di un chunk simultaneamente, selezionate tutti i chunk adoperando il tasto sinistro del mouse mantenendo schiacciato il tasto MAIUSCOLO della tastiera (per i chunk adiacenti) o utilizzando il tasto sinistro del mouse e schiacciando il tasto CTRL della tastiera (per chunk non adiacenti), quindi operando l operazione di CUT, COPY o PASTE. Elemento selezionato: subject Quando viene selezionato un subject è possibile eseguire le seguenti azioni: 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo subject 2. DELETE (F4) eliminazione del subject selezionato e di tutti i ladder ad esso associati (richiede conferma); MECanalyst Skymax-DG 14

15 3. DEMO (F6), inserimento di un nuovo attributo demografico per il soggetto selezionato; viene visualizzata una finesta contenente l elenco dei codici demografici associati al progetto dalla quale è possibile selezionare i codici da valorizzare in forma tabellare: per valorizzare un codice demografico è sufficiente selezionare il codice e dare il comando EDIT, nel form che di editing degli attributi demografici sarà quindi necessario immettere il valore per l attributo utilizzando il campo value (se si desidera inserire un attributo per un codice non ancora inserito è necessario ritornare alla finestra di visualizzazione dell elenco dei progetti e procedere all inserimento del nuovo codice, quindi ritornare alla visualizzazione del soggetto, dare il comando DEMO (F6) e selezionarlo dall elenco); 4. LADDER (F7), inserimento di un nuovo ladder per il subject selezionato: questo comando apre automaticamente la finestra per l inserimento di un chunk; 5. MAIN (F10), ritornare all elenco dei progetti. Elemento selezionato: ladder 1. NEW (F2), aggiunta di un nuovo chunk al ladder selezionato (vedere il paragrafo Inserimento di un nuovo chunk ); 2. DELETE (F4), eliminazione del ladder selezionato e di tutti i chunk ad esso associati (richiede conferma); 3. LADDER (F7), inserimento di un nuovo ladder per il subject selezionato (dopo aver eseguito il comando la procedura automaticamente seleziona il nuovo ladder ed apre la finestra per l inserimento di un chunk); 4. MAIN (F10), ritornare al menu dei progetti; 5. CUT (CTRL-X), eliminazione del ladder selezionato e copia di tutti i chunk nella clipboard (richiede conferma); 6. COPY (CTRL-C), copia del ladder selezionato in memoria; 7. PASTE (CTRL-V), incolla il ladder copiato in memoria da un precedente comando COPY al subject selezionato. E possibile effettuare lo spostamento di chunk tra i ladder selezionando il/i chunk da spostare/copiare e trascinarli sul ladder desiderato (drag and drop): quando si rilasciano gli elementi selezionati compare una finestra di dialogo con la quale è possibile annullare l operazione ed indicare se si desidera copiare o spostare la selezione. Elemento selezionato: attributo demografico 1. DELETE (F4), eliminazione dell attributo demografico selezionato; 2. EDIT (F5), modifica dell attributo selezionato: attraverso finestra di editing dei codici demografici è possibile modificare gli attributi demografici per il soggetto selezionato; 3. DEMO (F6), inserimento di un nuovo attributo demografico al soggetto selezionato. MECanalyst Skymax-DG 15

16 Elemento selezionato: chunk 1. NEW (F2), inserimento di un nuovo chunk (vedere il paragrafo Inserimento di un nuovo chunk ); 2. DELETE (F4), eliminazione del chunk selezionato (richiede conferma, consente anche l eliminazione di più chunk selezionati contemporaneamente); 3. EDIT (F5), modifica del chunk selezionato (vedere il paragrafo Modifica delle proprietà di un chunk ); 4. CUT (CTRL-X), eliminazione e copia nella clipboard del chunk selezionato; 5. COPY (CTRL-C), copia del chunk selezionato nella clipboard (è consentita la selezione multipla dei chunk da copiare); 6. PASTE (CTRL-V), inserimento del chunk memorizzato nella clipboard; 7. MAIN (F10), ritornare all elenco dei progetti. E possibile effettuare le operazioni di CUT, COPY e PASTE per selezioni multiple: si veda il paragrafo Selezione degli elementi. MECanalyst Skymax-DG 16

17 Lavorare con i chunk Elenco dei chunk Quando si seleziona una ladder viene visualizzato l elenco dei chunk che ne fanno parte, per ciascuno dei quali sono indicate in forma tabellare le propietà: 1. il tipo (type); 2. il sinonimo associato (synonym) se presente; 3. la risposta fornita dal soggetto (answer). Nella barra di stato sono indicati il numero identificativo del soggetto e del ladder selezionati. Figura 6 - Status bar Inserimento di un nuovo chunk Per inserire un chunk bisogna selezionare il ladder per il quale si desidera effettuare l inserimento e cliccare il bottone NEW, oppure creare un nuovo ladder (bottone LADDER) dato che l applicazione entrerà automaticamente in modalità di inserimento. MECanalyst consente di inserire per ciascun chunk i dati relativi alla risposta fornita dal soggetto intervistato (campo answer), il tipo di chunk inserito (radio group type), il contentcode associato (campo synonym). Le tipologie di chunk previste sono: 1. Concrete attribute (Ac); 2. Abstract attribute (Aa); 3. Functional consequence (Cf); 4. Psycological consequence (Cp); 5. Instrumental value (Vi); 6. Terminal value (Vt). MECanalyst Skymax-DG 17

18 Figura 7 Inserimento chunk Quando viene inserito un nuovo chunk questo viene accodato al ladder e in automatico ad esso viene attribuito il type del chunk precedente: modificando il type la procedura proporrà una nuova posizione del chunk che rispetti la gerarchia della sequenza dei type. Dal campo synonym è possibile visualizzare l elenco dei content-code corrispondenti al tipo selezionato e selezionare un content-code dalla lista oppure aggiungerne uno nuovo. Ogni volta che un chunk viene aggiunto (bottone Ok o tasto Invio) MECanalyst rimane in modalità di inserimento dalla quale si può uscire cliccando il bottone Cancel oppure con il tasto Escape della tastiera. Con le combinazioni dei tasti CTRL-X, CTRL-C e CTRL-V della tastiera si possono anche effettuare le operazioni di CUT, COPY e PASTE all interno delle risposte (answer) di ciascun chunk. Modifica delle proprietà di un chunk E possibile modificare tutte le propietà di un chunk: - la risposta (answer); - il tipo del chunk (type); - il sinonimo ad esso associato (synonym); - la posizione occupata dal chunk nel ladder (chunk). MECanalyst Skymax-DG 18

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Prontuario PlaNet Contabilità lavori

Prontuario PlaNet Contabilità lavori Prontuario PlaNet Contabilità lavori Status: Definitivo Pag. 1/34 File: Prontuario PlaNet Fornitori_00.doc INDICE PREMESSA...3 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE...4 ATTIVITÀ AMBITO DEL PROCESSO...5 Accesso

Dettagli

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Lezione 2: Windows e applicazioni software Contenuto del documento Operazioni su file e cartelle Principali applicazioni

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE

USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE Inizio di una sessione di lavoro Il Desktop Le proprietà delle finestre I file e le cartelle Inizio di una sessione di lavoro Avvio e spegnimento del computer Avvio

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Il sistema operativo Windows Gestire files e cartelle. CORSO DI INFORMATICA LIVELLO 1 - Lezione 1

Il sistema operativo Windows Gestire files e cartelle. CORSO DI INFORMATICA LIVELLO 1 - Lezione 1 Il sistema operativo Windows Gestire files e cartelle Come vengono visualizzati i contenuti del computer: files cartelle cestino unità DVD RW browser La barra dell indirizzo evidenzia il percorso da fare

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

Guida all installazione

Guida all installazione Guida all installazione Presentazione Vi ringraziamo per aver scelto Evoluzioni SL. Evoluzioni SL, è un software appositamente studiato per la gestione degli studi legali, in ambiente monoutente e multiutente,

Dettagli

Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net

Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net Manuale Utente Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net Copyright 2004-2005 Tutti i diritti riservati Rev. 2.01 del 19/09/2003 Importazione Listini Fornitore Ver. 2.60.40 e successive Importazione

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

1. INTRODUZIONE 3 2. COMANDI A MENÙ 5 3. OPZIONI DI CAT 11 4. END USER LICENSE AGREEMENT 14

1. INTRODUZIONE 3 2. COMANDI A MENÙ 5 3. OPZIONI DI CAT 11 4. END USER LICENSE AGREEMENT 14 CAT Manuale utente 1. INTRODUZIONE 3 1.1. Informazioni generali... 3 1.2. Come avviare il programma... 4 2. COMANDI A MENÙ 5 2.1. Quick Access Toolbar... 5 2.2. Ribbon... 5 2.3. Home... 6 2.4. Inserisci...

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

Concetti chiave. Corso di Archivistica e gestione documentale. Breve storia di Windows - 1. Definizione di Sistema Operativo

Concetti chiave. Corso di Archivistica e gestione documentale. Breve storia di Windows - 1. Definizione di Sistema Operativo Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Concetti chiave Lezione 3 Windows XP Definizione di Sistema Operativo È un insieme di programmi e di funzioni in grado di gestire

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Trasferimento di dati

Trasferimento di dati Giovanni Pezzi Liceo "Torricelli", Faenza gpezzi@racine.ra.it IPOTESI: RUBRICA PRIMI PASSI Trasferimento di dati Il tema del trasferimento di dati tra una calcolatrice e un computer o tra calcolatrici

Dettagli

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite PhoneSuite Manuale dell utente Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite Il software PhoneSuite può essere utilizzato direttamente da CD o essere installato sul PC. Quando si

Dettagli

Uso del Computer e Gestione dei File. Uso del Computer e Gestione dei File. Federica Ricca

Uso del Computer e Gestione dei File. Uso del Computer e Gestione dei File. Federica Ricca Uso del Computer e Gestione dei File Uso del Computer e Gestione dei File Federica Ricca Il Software Sistema Operativo Programmi: Utilità di sistema Programmi compressione dati Antivirus Grafica Text Editor

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 > Nuova Installazione 4 Installazione prerequisiti 5 Installazione di excellent Computi 6 > Aggiornamento di excellent Computi 10 Disinstallazione

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38 MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 38 Osservazione La finestra di Risorse del Computer può visualizzare i file e le cartelle come la finestra di Gestione Risorse, basta selezionare il menu

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

SW Legge 28/98 Sommario

SW Legge 28/98 Sommario SW Legge 28/98 Questo documento rappresenta una breve guida per la redazione di un progetto attraverso il software fornito dalla Regione Emilia Romagna. Sommario 1. Richiedenti...2 1.1. Inserimento di

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012 Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4 Responsabile di redazione: Francesco Combe FH056 Revisione: Ottobre 2012 CSN INDUSTRIE srl via Aquileja 43/B, 20092 Cinisello B. MI tel. +39 02.6186111

Dettagli

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente Samsung IPP1.1 Software SOMMARIO Introduzione... 1 Definizione di IPP?... 1 Definizione di Samsung IPP Software?... 1 Installazione... 2 Requisiti di sistema...

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Progetto Pilota 3 MANUALE PER DEGLI STUDENTI. A cura dell INValSI

Progetto Pilota 3 MANUALE PER DEGLI STUDENTI. A cura dell INValSI Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico Progetto Pilota 3 MANUALE PER L INSTALLAZIONE DEI SOFTWARE

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

ESPORTAZIONE FATTURE Manuale Utente

ESPORTAZIONE FATTURE Manuale Utente ESPORTAZIONE FATTURE Manuale Utente Versione 1.0 Personalizzazione per Mago NET Copyright 2004 ArtWare Tutti i diritti riservati Esportazione Fatture personalizzazione Mago NET Manuale dell utente 2004

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 Configurazione Hardware e Software excellent Computi 3 > Nuova Installazione 4 Installazione di excellent Computi 5 > Aggiornamento di excellent

Dettagli

Manuale Utente -Versione 3.10

Manuale Utente -Versione 3.10 Software per la pianificazione della produzione Manuale Utente -Versione 3.10 Sommario SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 Generalità...3 La tastiera...3 Struttura di una finestra...4 Unitá di misura e limiti

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Breve introduzione a Windows 8. Windows 8 presenta una nuova veste grafica e alcune caratteristiche che lo distinguono nettamente dalle precedenti versioni:

Dettagli

Installazione e disinstallazione di Nero

Installazione e disinstallazione di Nero Introduzione Benvenuti in Nero Burning ROM, i più popolari pacchetti software di registrazione presenti oggi sul mercato. Con Nero è possibile creare dei CD audio personalizzati con tutte le canzoni preferite

Dettagli

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???]

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] 2000 Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] Access, della Microsoft, è uno dei programmi di gestione dei database (DBMS, Data Base Management System)

Dettagli

Microsoft Access Maschere

Microsoft Access Maschere Microsoft Access Maschere Anno formativo: 2007-2008 Formatore: Ferretto Massimo Mail: Skype to: ferretto.massimo65 Profile msn: massimoferretto@hotmail.com "Un giorno le macchine riusciranno a risolvere

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

"LA SICUREZZA NEL CANTIERE"

LA SICUREZZA NEL CANTIERE Andrea Maria Moro "LA SICUREZZA NEL CANTIERE" 1 Il programma allegato al volume è un utile strumento di lavoro per gestire correttamente in ogni momento il cantiere, nel rispetto delle norme a tutela della

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Sharpdesk R2.7. Guida dell utente

Sharpdesk R2.7. Guida dell utente Sharpdesk TM R2.7 Guida dell utente Copyright 2000-2003 di Sharp Corporation. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, l adattamento o la traduzione senza previa autorizzazione scritta, salvo

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: Condivisione locale Condivisione di rete Condivisione web Pulitura disco Riquadro delle attività (B) CONOSCENZA E COMPETENZA

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Gestione di file e uso delle applicazioni

Gestione di file e uso delle applicazioni Obiettivi del corso Gestione di file e uso delle applicazioni Conoscere gli elementi principali dell interfaccia di Windows Gestire file e cartelle Aprire salvare e chiudere un file Lavorare con le finestre

Dettagli

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit Istruzioni per installare EpiData a cura di Pasquale Falasca e Franco Del Zotti Brevi note sull utilizzo del software EpiData per una raccolta omogenea dei dati. Si tratta di istruzioni passo-passo utili

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi

AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi Guida utente AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi Guida utente II 2004 Airtel s.a.s. Tutti i diritti riservati. Guida utente di Gestione Airtel per Windows. Se questa

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 06 Usiamo Windows: Impariamo a operare sui file In questa lezione impareremo: quali sono le modalità di visualizzazione di Windows come

Dettagli

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 ECDL Mod.2 Uso del computer e gestione dei file novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 2.1 L ambiente del computer novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere

Dettagli

Manuale dell utente. Ahead Software AG

Manuale dell utente. Ahead Software AG Manuale dell utente Ahead Software AG Indice 1 Informazioni su InCD...3 1.1 Cos è InCD?...3 1.2 Requisiti per l uso di InCD...3 1.3 Aggiornamenti...4 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...4 2

Dettagli

Hosting Applicativo Installazione Web Client

Hosting Applicativo Installazione Web Client Hosting Applicativo Installazione Web Client Utilizzo del portale di accesso e guida all installazione dei client Marzo 2012 Hosting Applicativo Installazione Web Client Introduzione Le applicazioni CIA,

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Hosting Applicativo Installazione Web Client

Hosting Applicativo Installazione Web Client Hosting Applicativo Installazione Web Client Utilizzo del portale di accesso e guida all installazione dei client Versione ridotta Marzo 2012 Hosting Applicativo Installazione Web Client 21 1 - Prerequisiti

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta:

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta: BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta Installazione del programma Definizioni Finestra iniziale del programma Come compilare Configurazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli