Sistemi di unità di misura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di unità di misura"

Transcript

1 Sistemi di unità di misura L Assemblea Nazionale Francese avvia nel 1790 l adozione di un sistema di unità di misura decimale, che possa essere comune per tutto il genere umano. Prima di questa data ( e anche dopo ) ogni nazione, anzi ogni singola località aveva un proprio sistema di unità di misura. Ma questo può portare ad inconvenienti gravi. Ad esempio il 23 settembre 1999 la sonda Mars Climate Orbiter si è schiantata sulla superficie del pianeta Marte a causa di un errore di conversione dalle tavole della Lockheed Martin, costruttrice del veicolo,in feet ( piedi ) a quelli della NASA in metri.

2 Oppure si possono avere altri tipi di inconvenienti, come illustra la figura.

3 Da allora si sono succeduti diversi sistemi decimali : il sistema cgs ( basato sul centimetro, grammo e secondo), quello MKS o Giorgi ( basato sul metro, chilogrammo, secondo), il sistema tecnico o degli ingegneri ( basato sul metro, il chilogrammo-peso e il secondo). Tuttora usato è anche il Sistema inglese ( non decimale ), basato su yard, pound e secondo. In particolare un inch ( pollice) vale 1/12 di foot ( piede), che a sua volta vale 1/3 di yard. Un inch vale circa 2,54 cm e 1 yard vale circa 0,914 metri.

4 Il sistema ( quasi) universalmente accettato oggi è il Sistema Internazionale, SI, introdotto nel 1960 alla XI Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure, CGPM, che si svolge a Sèvres in Francia ogni quattro anni. Esso si basa su sette grandezze fondamentali ( lunghezza, tempo, massa, corrente elettrica, temperatura termodinamica, quantità di sostanza, intensità luminosa) e due supplementari ( angolo piano e angolo solido ) di cui stabilisce le unità di misura. Stabilisce inoltre le grandezze derivate e le relative unità di misura.

5

6

7 Ogni grandezza fisica ha la propria unità SI; tuttavia una stessa unità SI può corrispondere a più d una Un esempio: grandezza fisica. Il momento di una forza e il lavoro di una forza, pur non essendo grandezze omogenee, hanno le stesse dimensioni e quindi sono espressi con le stesse unità SI. Tuttavia, per evitare equivoci, è meglio misurare il momento di una forza in N m e il lavoro in J. Notare il punto fra N e m : la notazione mn significa millinewton!

8 Su c è il vademecum sul SI. Di ogni unità si possono usare multipli e sottomultipli.

9 La Notazione Scientifica La Notazione Scientifica è usata in Fisica per rappresentare valori di grandezze o troppo grandi o troppo piccoli. Si tratta di un caso particolare di rappresentazione di un numero a in virgola mobile, a=m b E, in cui M è la mantissa, b è la base ed E l esponente. Nella notazione scientifica b vale 10, mentre E è un numero intero, positivo o negativo. Esempi : 10 1 = = = = 1/10= 0, = 1/1000= 0, = 1/ = 0,

10 Un altro esempio : 0, , , , sono rappresentazioni diverse dello stesso valore di una grandezza. Di queste la rappresentazione normalizzata corrisponde a 0, , quando la mantissa è compresa fra 0 e 1. Da notare che i calcolatori presentano i numeri con la notazione scientifica con la convenzione che la base viene omessa e la lettera E viene usata per indicare l esponente. Il numero 0, viene presentato come 0,7824 E4.

11 Ordine di grandezza Se arrotondiamo un numero alla più vicina potenza di 10, l esponente è chiamato ordine di grandezza del numero. Il numero 0, è più vicino a 10 5 che non a 10 4 : diremo allora che esso ha 5 ordini di grandezza. Il raggio medio dell atomo di idrogeno vale 5, m mentre il raggio medio del suo nucleo vale 1, m. Le potenze di 10 più vicine sono e rispettivamente e il loro rapporto vale Se ne conclude che l atomo d idrogeno ha un raggio più grande di quello del suo nucleo di 5 ordini di grandezza.

12 Cambiamento di sistemi di unità di misura. Supponiamo di voler esprimere il valore di una grandezza in due sistemi di unità di misura differenti. Per fare questo abbiamo bisogno di conoscere il fattore di ragguaglio r, ossia il rapporto tra le due unità di misura. Supponiamo di voler esprimere una massa di 3,4 kg in unità cgs. Il fattore di ragguaglio r vale 1 kg/ 1 g =10 3 e quindi 3,4 kg = 3,4 r g = 3, g

13 Supponiamo di voler esprimere la forza di 1 N nel sistema cgs, ossia in dyne. Il fattore di ragguaglio per le masse r m vale, come prima, 10 3 ; il fattore di ragguaglio per i tempi vale 1; il fattore di ragguaglio per le lunghezze r l vale 1m/1cm=10 2, per cui il fattore di ragguaglio totale vale Se ne conclude che 1 N = 10 5 dyne.

14 Un classico problema alla Fermi : quanti accordatori di pianoforte si trovano a New York? Possiamo ragionare per gradi e per ordini di grandezza. Quanti sono gli abitanti di New York? Circa 10 7 ( meno di 10 8 e più di 10 6 ) Quante famiglie ci possono essere in New York? Circa 10 6 ( meno di 10 7 e più di 10 5 ) Quante famiglie hanno un pianoforte? Circa 10 5 ( meno di 10 6 e più di 10 4 )

15 Quanti accordatori sono necessari per 10 5 pianoforti? Qualche famiglia non farà accordare mai il suo pianoforte. Qualche altra una volta al mese. Forse in media si avrà un accordo all anno per famiglia, per un totale di 10 5 accordi. Quanti accordi può fare un accordatore di pianoforte? Se ammettiamo che un accordatore possa fare 4-5 accordi al giorno e che i giorni lavorativi in un anno siano , allora un accordatore farà in un anno circa 10 3 accordi.

16 Quanti accordatori di pianoforte sono necessari in New York? Circa 10 5 / 10 3 = Se facciamo differenti ipotesi per i vari fattori, è improbabile che si abbia una risposta maggiore o minore di un ordine di grandezza rispetto a quanto trovato, ossia è improbabile trovare più di 1000 o meno di 10 accordatori a New York.

17 Gli strumenti di misura Una misura si effettua mediante uno strumento, un dispositivo che fornisce una risposta quantitativa al confronto tra la grandezza in esame e la corrispondente unità di misura. Uno strumento può essere schematizzato da tre parti : Un elemento rivelatore, sensibile alla grandezza da misurare ( per esempio il mercurio contenuto nel bulbo di un termometro) Un trasduttore, che trasforma l informazione ottenuta dal rivelatore in una grandezza più facilmente utilizzabile dallo

18 sperimentatore ( per esempio il bulbo e il capillare trasformano una variazione di temperatura in una variazione di volume e quindi in una variazione della quota raggiunta dal pelo del mercurio ) Un dispositivo che fornisce visivamente o graficamente il risultato della misura ( per esempio la scala graduata incisa lungo il termometro, la posizione di un indice mobile su una scala graduata, come in una bilancia da salumiere, o un display numerico )

19 Nel seguito indicheremo con G la grandezza fisica in se stessa, con M(G) il risultato della misura di G, con V(G) il valore effettivo, sconosciuto, che aveva G al momento della misura e con R(G) la risposta dello strumento usato. Non dimentichiamo che la risposta di uno strumento analogico è il numero di divisioni che leggiamo su una scala graduata.

20 Per completare l operazione di misura occorre conoscere come varia la risposta R(G) al variare di V(G). Occorre effettuare la taratura dello strumento, mediante ad esempio un grafico che faccia corrispondere un valore della risposta al valore della grandezza fisica G, supposta nota per altra via. Bisogna notare che erroneamente spesso gli studenti chiamano taratura di uno strumento quello che è invece un semplice controllo dello zero dello strumento stesso.

21 Un metodo alternativo di taratura è quello di confrontare la risposta dello strumento, di cui ignoriamo la taratura, con la risposta di uno strumento di riferimento. Il relativo grafico dovrebbe essere una retta, bisettrice del primo quadrante e passante per l origine, se le scale degli assi x e y sono uguali. Vedremo più in là degli esempi di taratura di strumenti, in particolare quella di un dinamometro e quello di un termometro a liquido.

22 Caratteristiche generali di uno strumento: portata, soglia, sensibilità, precisione e prontezza. La portata e la soglia sono rispettivamente il valore massimo e quello minimo della grandezza da misurare registrati dallo strumento. La sensibilità S è legata alla variazione minima apprezzabile e significativa del valore di G ad un certo istante e, quindi, in uno strumento analogico al minimo spostamento misurabile di un indice su una scala graduata.

23 Essa viene definita come la derivata di R(G) rispetto a V(G), determinata nei vari punti della scala, ossia da dr(g) dv(g) Sperimentalmente S viene determinata approssimando la derivata con il rapporto incrementale [R(G 2 ) R(G 1 )]/ [V(G 2 ) V(G 1 )] con l avvertenza che il denominatore può tendere a zero fino a quando rimane significativo.

24 Nel grafico di taratura di R(G) in funzione di V(G), S costituisce la pendenza della curva e può essere costante, se la curva è una retta. In un normale metro della vita di ogni giorno, in cui le divisioni sono equispaziate di 1 mm, ci sono 1000 divisioni ( che costituiscono la variazione di risposta dello strumento) e quindi S vale 1000 divisioni/m= 1 divisione/mm. Bisogna non confondere il numero delle divisioni con quello delle incisioni ( o tacche ) sulla scala, che sono in questo caso 1001 contando anche la tacca dello zero.

25 In un doppio decimetro, con divisioni spaziate di 1 mm, avremo ancora una sensibilità di 1 divisione/mm. Se la spaziatura fosse di 0,5 mm avremmo una sensibilità di 2 divisioni/mm. Le modalità di lettura sulla scala graduata introducono un incertezza sul valore : si tratta dell errore di sensibilità. Quando si legge la posizione di un indice su una scala, si cerca di individuare la divisione più vicina all indice. Quindi tutte le posizioni di un indice che differiscano tra di loro per meno di una certa quantità, che sarà indicata con 2ΔR(G) *, daranno origine alla stessa lettura. Ne consegue un incertezza 2ΔV(G) su V(G) data da 2ΔR(G) * /S.

26 Il fattore 2 ci ricorda che l indeterminazione sulla lettura di R(G) comporta che il valore effettivo è compreso fra R(G)- ΔR(G) * e R(G)+ ΔR(G) * e quindi il valore della grandezza misurata cade nell intervallo compreso fra M(G)-ΔV(G) e M(G)+ ΔV(G) Per convenzione si esprime questa indeterminazione indicando come risultato della misura M(G) ± ΔV(G) La quantità ΔV(G) è detta errore di sensibilità, perché lo strumento non è sensibile in un intervallo pari a 2 ΔV(G) intorno al valore misurato.

27 Da notare che, se 2ΔR(G) * è uguale a 1 divisione della scala, allora ΔV(G)=0,5/S. Quanto detto finora si applica agli strumenti analogici. Per gli strumenti digitali non si può parlare di sensibilità ma solo di errore di sensibilità. A meno di istruzioni particolari date dal costruttore, si può assumere che in uno strumento digitale 2 ΔV(G) sia pari ad un unità sulla cifra meno significativa.

28 Attenzione : su alcuni libri si confonde la sensibilità S con la risoluzione, che è il più piccolo valore di G che lo strumento può misurare. La precisione è legata al fatto che le misure ripetute della stessa grandezza fisica, in condizioni ambientali costanti, non danno lo stesso risultato, ma mostrano una dispersione, che dipende dalle caratteristiche costruttive dello strumento, che sono a loro volta influenzate da attriti, giochi meccanici,

29 fenomeni di isteresi, fluttuazioni di livelli elettrici. Lo strumento sarà tanto più preciso quanto più stretta è la larghezza di questa dispersione: vedremo successivamente come quantificare il concetto di precisione. La prontezza è legata al tempo necessario affinché lo strumento risponda ad una data variazione della grandezza da misurare. Per esempio un termometro, immerso inizialmente nel ghiaccio fondente e poi immerso nell acqua bollente, non raggiungerà istantaneamente la temperatura finale ma impiegherà un

30 certo tempo, che dipende da termometro a termometro. Questo tempo a sua volta dipende da un tempo caratteristico τ, che può essere ottenuto sperimentalmente. I vecchi termometri clinici ( quelli alti circa 20 cm! ) richiedevano quasi 10 minuti di attesa prima di poter sapere se uno aveva la febbre oppure no. Cifre significative Il risultato di una misura è espresso in generale da un numero avente una parte intera e una parte decimale, separate dalla virgola. Nei casi, in cui si hanno numeri molto maggiori o molto minori di 1, si preferisce usare la cosiddetta notazione scientifica, che consiste nello scrivere il dato con una sola cifra prima

31 della virgola moltiplicato per una opportuna potenza di 10. Ad esempio il numero 0, può essere scritto in notazione scientifica come 1, e il numero 12345,6789 come 1, Chiameremo cifre significative di un numero tutte le cifre, compreso lo zero, a partire da destra fino all'ultima, diversa da zero, a sinistra. Se usiamo la notazione scientifica, questa definizione si applica solo al termine che precede la potenza di 10. Esempi: 0, = 1, ha 3 cifre significative ,6789 = 1, ha 9 cifre significative. 0, = 1, ha 4 cifre significative, in

32 quanto lo zero a destra è significativo. Questo è dovuto al fatto che quando scriviamo 1, vogliamo dire che esso è maggiore di 1, e minore di 1, , mentre, quando scriviamo 1, vogliamo dire che esso è maggiore di 1, e minore di 1, In definitiva l'ultima cifra a destra indica in qualche modo il livello di precisione con cui conosciamo la grandezza in esame. D'altra parte questo livello di precisione non può dipendere dalla scelta delle unità di misura e questo implica che gli zeri a sinistra del risultato non siano significativi. Ad esempio se riteniamo di avere un'incertezza Δl di 1 mm su una lunghezza, misurata con il doppio decimetro, la significatività di questa incertezza non può cambiare se usiamo i multipli o i sottomultipli dell'unità di lunghezza : Δl = 1 mm = 0,1 cm = m = km ha sempre una sola cifra significativa.

33 Da quanto detto prima, non si può scrivere il risultato di una misura con un numero molto grande ( infinito al limite ) di cifre significative, perché questo implicherebbe un'incertezza molto piccola ( nulla al limite ) sulla misura stessa. D'altronde anche la stima dell'incertezza è frutto di una misura e quindi anche l'errore va scritto con un numero limitato di cifre significative. Nei laboratori di ricerca si possono organizzare esperimenti di alta statistica ( in cui si raccoglie un elevato numero di eventi ), tali da giustificare un errore scritto con due cifre significative. Nelle normali prove di laboratorio però l'errore va scritto con una sola cifra significativa, con un'eccezione, rappresentata dai casi in cui la prima cifra significativa dell'errore sia un 1 oppure un 2. Supponiamo che la stima dell'errore dia un numero del tipo 0, : scrivere questo errore con una sola cifra

34 significativa (ossia 0,1) comporterebbe un errore di arrotondamento troppo grande, per cui è meglio scrivere 0,14 con due cifre significative. In ogni caso è opportuno avere almeno una cifra significativa in più nei calcolo intermedi, per evitare spiacevoli arrotondamenti da parte del calcolatore da noi usato, e applicare le regole precedenti solo al momento di scrivere il risultato finale. Avendo scritto l'errore con il corretto numero di cifre significative, a questo punto il risultato della misura va scritto con lo stesso numero di cifre decimali dell'errore : si scriverà ad esempio 99 ± 1 mm e non 99,0 ± 1 mm. Le regole, enunciate precedentemente, valgono anche per le misure indirette, ossia per quelle misure, il cui risultato dipende dai valori di altre grandezze, misurate direttamente. Il volume di un parallelepipedo costituisce un esempio di

35 misura indiretta, una volta che sia stata misurata la lunghezza dei tre spigoli. Restano infine da fissare alcune norme, da seguire nell'eliminare le cifre eccedenti. Se la prima cifra eliminata, oltre l ultima cifra significativa, è <5, basta effettuare un semplice troncamento : ad esempio se il dato è 0, e deve essere scritto con una sola cifra significativa, la prima cifra eliminata è 4 e il risultato finale va scritto come 0,1. Se la prima cifra eliminata è > 5 oppure è 5 seguita da almeno un'altra cifra diversa da zero, si aumenta di 1 l'ultima cifra rimasta. Per esempio 0,16 si scrive 0,2 con una sola cifra significativa, mentre 0,551 si scrive 0,55 con due cifre significative e 0,6 con una sola cifra significativa ; 0,99 si scrive 1 con una sola cifra significativa.

36 Rimane il caso ambiguo in cui l'ultima cifra eliminata è solo un 5 oppure è un 5 seguito da zeri : i criteri esposti prima non sono applicabili. Bisogna stabilire un criterio ad hoc : per non rischiare di fare scelte sistematiche, un possibile modo di fare è quello di aumentare di 1 l'ultima cifra, se il numero, che si ottiene dal troncamento, è un numero dispari, e di lasciarla inalterata nel caso contrario. Supponiamo di dover scrivere con tre cifre significative 4,875 e 4,885. Il primo numero, troncato a tre cifre significative, è 4,87 ed è dispari, per cui si scrive correttamente 4,88. Il secondo numero troncato è pari, e quindi rimane 4,88. 4,88, ossia

37 Un utile avvertenza. Scrivere il valore di una grandezza fisica con un numero decimale consente di valutare il numero di cifre significative. Lo stesso non accade se il numero è intero. Se diciamo che la distanza fra due punti è 1000 m intendiamo che la distanza è compresa fra 999 m e 1001 m oppure che semplicemente è

38 maggiore di 500 m e minore di 1500 m? In alcuni libri si fa l ipotesi che i tre zeri presenti in 1000 non siano significativi perché uno potrebbe scrivere che la distanza è di 1 km. Resta tuttavia l ambiguità.

39 Incertezze relative L incertezza di una misura talora non dice tutto. Come dice il Taylor, un incertezza di un centimetro in una distanza di un chilometro indica una misura molto precisa, mentre la stessa incertezza in una distanza di pochi centimetri indica una stima grossolana. La bontà di una misura dipende quindi non solo dall incertezza ma anche dal valore della misura. Si introduce pertanto il concetto di errore relativo, definito dal rapporto fra il valore dell incertezza e il valore della misura. Viene in genere usato il simbolo ε r

40 Non è corretto dare il risultato di una misura ( ad esempio di lunghezza ) come 50,0 cm ± 2%, perché non vengono esplicitate le cifre significative dell errore e il valore della misura potrebbe non avere il giusto numero di cifre decimali.

Sistemi di unità di misura

Sistemi di unità di misura Sistemi di unità di misura L Assemblea Nazionale Francese avvia nel 1790 l adozione di un sistema di unità di misura, che possa essere comune per tutto il genere umano. Prima di questa data ( e anche dopo

Dettagli

Gli strumenti di misura

Gli strumenti di misura Gli strumenti di misura Una misura si effettua mediante uno strumento, un dispositivo che fornisce una risposta quantitativa al confronto tra la grandezza in esame e la corrispondente unità di misura.

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume)

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) DISPENSE DI FISICA LA MISURA GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) Misurare significa: confrontare l'unità di misura scelta con la grandezza da misurare e contare quante volte è contenuta nella grandezza.

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ Sono dispositivi che ci forniscono il valore delle grandezze Sono di 2 tipi ANALOGICO: se il valore delle misure si legge su una scala graduata (c è continuità nell indicazione)

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ LE MISURE DEFINIZIONI: Grandezza fisica: è una proprietà che può essere misurata (l altezza di una persona, la temperatura in una stanza, la massa di un oggetto ) Misurare: effettuare un confronto tra

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

Grandezze fisiche e loro misura

Grandezze fisiche e loro misura Grandezze fisiche e loro misura Cos è la fisica? e di che cosa si occupa? - Scienza sperimentale che studia i fenomeni naturali suscettibili di sperimentazione e caratterizzati da entità o grandezze misurabili.

Dettagli

Misurare una grandezza fisica significa confrontarla con un altra grandezza di riferimento, detta unità di misura.

Misurare una grandezza fisica significa confrontarla con un altra grandezza di riferimento, detta unità di misura. LE GRANDEZZE FISICHE Se vogliamo studiare la natura dobbiamo in primo luogo trasformare ciò che percepiamo soggettivamente, attraverso i nostri sensi, in qualcosa di quantitativo e oggettivo, ovvero dobbiamo

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito CLASSI PRIME MISURA E UNITA DI MISURA La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, 1-2-5-10-0,001-1.000.000001-1 000 000 che definisce quante volte un CAMPIONE prestabilito è compreso nella grandezza

Dettagli

Cifre significative. Supponiamo di misurare il volume di un liquido con una buretta che consente di misurare tale volume con un incertezza di 0.

Cifre significative. Supponiamo di misurare il volume di un liquido con una buretta che consente di misurare tale volume con un incertezza di 0. Cifre significative I numeri utilizzati in chimica provengono sempre da misure sperimentali. Questi numeri sono dunque affetti da errore. Le cifre significative esprimono il risultato della misura tenendo

Dettagli

Sistemi Di Misura Ed Equivalenze

Sistemi Di Misura Ed Equivalenze Sistemi Di Misura Ed Equivalenze (a cura Prof.ssa M.G. Gobbi) Una mamma deve somministrare al figlio convalescente 150 mg di vitamina C ogni giorno. Ha a disposizione compresse da 0,6 g: quante compresse

Dettagli

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze Prof. M. C. Capizzo MODULO 1 Conoscere e misurare le grandezze Cos è la Fisica? Indagine sulla natura con gli strumenti matematici MECCANICA TERMODINAMICA ELETTROMAGNETISMO movimento dei corpi fenomeni

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura Grandezze fisiche e loro misura Essendo la Fisica basata sul metodo scientifico-sperimentale, c è la necessità di effettuare delle misure. Le caratteristiche misurabili di un corpo prendono il nome di

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali

Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali Misurare una grandezza significa, dopo aver prefissato una unità di misura, calcolare quante volte tale unità è contenuta nella

Dettagli

montagnoli@pd.infn.it Orario di ricevimento:

montagnoli@pd.infn.it Orario di ricevimento: informazioni Docente: Giovanna Montagnoli, Dipartimento di Fisica G.Galilei, via Belzoni 7, tel. 0498275910 altri numeri 0498068625/310 e-mail montagnoli@pd.infn.it Orario di ricevimento: da definire Corsi:

Dettagli

Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali Note A.A. 2009-10 C. Meneghini. 1 misura ed errori di misura

Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali Note A.A. 2009-10 C. Meneghini. 1 misura ed errori di misura Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali ote A.A. 009-10 C. Meneghini 1 misura ed errori di misura La misura è il processo che permette di determinare il valore di una

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA).

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Grandezze Fisiche PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Il MOVIMENTO è collegato allo SPAZIO. Le misure nello SPAZIO

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Impariamo adesso a dare un senso alle nostre misure e a valutare gli errori in cui possiamo cadere utilizzando i vari strumenti di misura

Impariamo adesso a dare un senso alle nostre misure e a valutare gli errori in cui possiamo cadere utilizzando i vari strumenti di misura Capitolo 4 Il senso della Misura Impariamo adesso a dare un senso alle nostre misure e a valutare gli errori in cui possiamo cadere utilizzando i vari strumenti di misura Indice del capitolo 4.1 Unità

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

LE GRANDEZZE FISICHE

LE GRANDEZZE FISICHE LE GRANDEZZE FISICHE 1. 2. Grandezze fondamentali e derivate 3. Sistemi di unità di misura 4. Multipli e sottomultipli 5. Ordini di grandezza pag.1 Misura di una grandezza Definizione operativa: Grandezza

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Numeri e numerali Numero: entità astratta Numerale : stringa di caratteri che rappresenta un numero in un dato sistema di numerazione Lo stesso numero è rappresentato

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Parte Seconda La Misura

Parte Seconda La Misura Il procedimento di misura è uno dei procedimenti fondamentali della conoscenza scientifica in quanto consente di descrivere quantitativamente una proprietà di un oggetto o una caratteristica di un fenomeno.

Dettagli

Errori di una misura e sua rappresentazione

Errori di una misura e sua rappresentazione Errori di una misura e sua rappresentazione Il risultato di una qualsiasi misura sperimentale è costituito da un valore numerico (con la rispettiva unità di misura) ed un incertezza (chiamata anche errore)

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

DETERMINAZIONI SPERIMENTALI ED ERRORI. confrontare quella grandezza con un'altra di riferimento, ad essa omogenea, detta unità di misura.

DETERMINAZIONI SPERIMENTALI ED ERRORI. confrontare quella grandezza con un'altra di riferimento, ad essa omogenea, detta unità di misura. DETERMINAZIONI SPERIMENTALI ED ERRORI MISURARE UNA GRANDEZZA = confrontare quella grandezza con un'altra di riferimento, ad essa omogenea, detta unità di misura. LUNGHEZZA metro (m) distanza percorsa dalla

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p. 3/43 M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p.

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizion

Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizion Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizionamento e stabilità Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza

Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza Misurare una grandezza La Grandezza 1. La grandezza è una caratteristica misurabile. Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza 2. Misurare una

Dettagli

Il Sistema internazionale: sistemi di misura e cifre significative

Il Sistema internazionale: sistemi di misura e cifre significative Il Sistema internazionale: sistemi di misura e cifre significative La nostra conoscenza è soddisfacente soltanto quando è possibile esprimerla numericamente. Lord Kelvin SI Sistemi di misura e cifre significative

Dettagli

ESERCIZI DI FISICA (A)

ESERCIZI DI FISICA (A) ESERCIZI DI FISICA (A) Operazioni tra grandezze fisiche e cifre significative 1. Determinare quante cifre significative hanno i seguenti numeri: (a) 0,75; (b) 8,051; (c) 152,46; (d) 12,00; (e) 4,5 10 2

Dettagli

Misurazione di una grandezza fisica Definizione operativa: Grandezza fisica Proprietà misurabile Sensazione di caldo/freddo Temperatura NO (soggettiva, diversa per ciascuno) SI (oggettiva, uguale per tutti)

Dettagli

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Cosa vedremo: Rappresentazione binaria dei numeri razionali Rappresentazione in virgola fissa Rappresentazione in virgola mobile La rappresentazione

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Fisica per Scienze Motorie

Fisica per Scienze Motorie Raccolta delle trasparenze utilizzate nel corso di Fisica per Scienze Motorie tenuto nell A.A. 2013/2014 da A. Musumarra Prof. Agatino Musumarra e-mail: musumarra@lns.infn.it www.lns.infn.it/~musumarra/

Dettagli

Grandezze fisiche. É una grandezza campione, omogenea con la grandezza data, scelta in maniera arbitraria.

Grandezze fisiche. É una grandezza campione, omogenea con la grandezza data, scelta in maniera arbitraria. Appunti a cura del Grandezze fisiche. N.1. - Grandezze e loro misura. 1. - Classe di grandezze. È un insieme di enti, omogenei fra di loro, per i quali si possano stabilire le relazioni di uguaglianza,

Dettagli

Note sull uso della carta (bi)logaritmica. Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1

Note sull uso della carta (bi)logaritmica. Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1 Note sull uso della carta (bi)logaritmica Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1 23 dicembre 2003 Indice Introduzione 2 Indice delle versioni............................ 2 1 Le leggi di potenza e la carta

Dettagli

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE LA MATEMATICA E LA FISICA Sia la matematica che la fisica hanno a che fare con i numeri. Non lo fanno però allo stesso modo. Se pensiamo, per esempio, all'espressione 1 1 5 ( + ) 1 2 3 il risultato vale

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DELLE UNITA DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DELLE UNITA DI MISURA Lezione II - 7/03/2014 ora 14.30-17.30 - Unità di misura - Originale di Laura Conti, Isabella Dusi IL SISTEMA INTERNAZIONALE DELLE UNITA DI MISURA Che cos è l unità di misura? L Unità di Misura è un valore

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

La misura. Rita Fazzello

La misura. Rita Fazzello 1 Il significato di misura In questa unità riprenderemo le nozioni riguardanti le grandezze e le loro misure, che certamente ricorderai dalla scuola primaria. Il termine grandezza indica tutto ciò che

Dettagli

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA Sistemi di misura Enti geometrici fondamentali GEOMETRI SISTEMI DI MISUR Si dice grandezza tutto ciò che si può misurare, Es: la durata di una lezione di matematica, il peso di un ragazzo, la lunghezza

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Gli errori. Capitolo 2. 2.1. Errori casuali e sistematici

Gli errori. Capitolo 2. 2.1. Errori casuali e sistematici Capitolo Gli errori.1. Errori casuali e sistematici Ogni processo di misura di una grandezza fisica, anche se condotto nel modo più attento possibile e con lo strumento più sofisticato a disposizione,

Dettagli

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo Lezione2 Ricerca di zeri http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali Fernando Palombo Aritmetica Finita nel Computer Nel computer l aritmetica è a precisione finita cioè

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica Università degli Studi di Firenze - Corso di Laurea in Fisica Appunti del corso di Esperimentazioni 1-Anno Accademico 2008-2009 Prof. Oscar Adriani, Prof. Andrea Stefanini MISURA DELLA DENSITÀ RELATIVA

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Tabelle di conversione

Tabelle di conversione Approfondimento Tabelle di conversione Riportiamo ora alcune tabelle di conversione tra unità di misura di diversi sistemi, per quelle grandezze già definite o già note dallo studio di altre discipline

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA SOSPENSIONE del giudizio anno scolastico 2012/13: INDICAZIONI LAVORO

Dettagli

LE PROVE DI LABORATORIO E LE RELAZIONI

LE PROVE DI LABORATORIO E LE RELAZIONI LE PROVE DI LABORATORIO E LE RELAZIONI 1. LA PROVA Durante la prova è necessario: -verificare la correttezza dei collegamenti; -verificare la congruenza degli strumenti rispetto alla misura; -verificare

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

2) La disciplina che studia i sistemi e i metodi di misura è la geometria la metrologia la fisica la meteorologia

2) La disciplina che studia i sistemi e i metodi di misura è la geometria la metrologia la fisica la meteorologia 1) Fai corrispondere a ciascun termine l esatta definizione grandezza fisica unità di misura strumento di misura ipotesi possibile spiegazione di un fenomeno verificata da numerosi esperimenti proprietà

Dettagli

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a)

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a) Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B Eventi indipendenti: un evento non influenza l altro Eventi disgiunti: il verificarsi di un evento esclude l altro Evento prodotto:

Dettagli