Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba"

Transcript

1 MARCO CIPOLLONI Università di Brescia Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 1) // '98 egli '89 Cuba/España España/Cuba, historia común, il lungo saggio pubblicato nel 1995 dallo storico cubano Manuel Moreno Fraginals sulla storia dell'isola caraibica dalle origini fino al 1898, offre ad una riflessione sul rapporto tra fini di secolo e fini di mondo il contributo di una prospettiva tanto inusuale quanto radicalmente critica (sia nei confronti delle tradizionali storiografie patriottiche, spagnola e cubana, quanto nei confronti della logica che ne falsifica la visione, prima e più che la voce). Terminando con la fine della dominazione spagnola a Cuba, il libro di Moreno Fraginals è il primo testo di storia cubana che inserisca la propria lettura del '98 entro la cornice fornita da altre due fini di mondo: il crollo dell'antico Regime nel 1789 e la fine della Guerra Fredda e del Socialismo Reale nel Entrambe le date, che altrove segnano un drastico derrumbamiento e un altrettanto drastico cambio de rumbo, coincidono a Cuba con la riaffermazione di una specificità che solo in apparenza assume la forma del continuismo (nell'ottocento Cuba continua formalmente ad essere colonia rispetto alle altre ex colonie; oggi continua formalmente ad essere un paese socialista rispetto agli altri paesi ex socialisti). Si apre cosi, in entrambi i casi, un periodo di sperimentazione, caratterizzato dalla compresenza, tutt'altro che pacifica, di mondi diversi (nell'ottocento la rivoluzione industriale e la schiavitù, il liberalismo e il sistema coloniale; oggi la rivoluzione castrista e il mercato, il socialismo e il turismo). In questi universi parentetici, prolungamento apparente di mondi altrove travolti dalle vicende della storia, specificità e sopravvivenza si legittimano e rafforzano a vicenda, nel senso che la specificità spiega la sopravvivenza e la sopravvivenza diventa il tratto più evidente e la prova più tangibile della specificità.

2 434 Marco Cipolloni Di queste due isole della storia - quella che va dal 1789 al 1898 e quella che è iniziata con il 1989 e che, con il viatico della benedizione papale, sembra in grado di approdare al terzo millennio della storia cristiana - il libro di Moreno Fraginals include e tratta esplicitamente solo il primo, ma tanto il severo bilancio della storiografia cubana dal Settecento ad oggi contenuto nel "Pròlogo para terminar", quanto le numerose osservazioni critiche sulle semplificazioni propagandistiche della storiografìa rivoluzionaria ("La actual historiografía oficial cubana, pseudomarxista", p. 293) sembrano legittimare e quasi suggerire, se non una vera e propria lettura in chiave, perlomeno qualche riflessione e più di un parallelo con l'attualità. Il paragone è in alcuni casi molto esplicito: (con la guerra di Cuba) Comenzó un proceso de migración interna de la ciudad al campo (...) Se fue produciendo una espiral inflacionaria a la que se sumó una desenfrenada especulación (...) Las monedas de oro y plata y, especialmente, el dólar que llegaba a través de los emigrados se convirtieron en los únicos signos con valor de cambio; cien años más tarde se repetiría la historia (p. 280). Tuttavia, lungi dal prendere le distanze dalla prospettiva marxista, dal punto di vista metodologico, il volume ne riafferma la validità, presentandosi come un compromesso, quasi gramsciano, tra realismo e materialismo, cioè tra la storia delle élites e delle classi dirigenti e la continua rivendicazione della sua incompletezza, in nome di una costante attenzione per l'evoluzione delle strutture economiche e della stratificazione sociale nel suo complesso (profondamente ancorata a questa prospettiva è, per esempio, la visione della letteratura e della storiografìa, di cui vengono sempre sottolineate le valenze ideologiche e sovrastrutturali). 2) II decennio breve:'92/'98 Proprio in virtù di questi sostanziali ancoraggi all'eredità della storiografia marxista, se dovessi cercare, nella saggistica storica di questi ultimi anni, un possibile termine di paragone, mi parrebbe di poterlo trovare, più che altrove, in II secolo breve di Eric J. Hobsbawm. L'accostamento può forse sembrare paradossale, dato che tra i due libri e trattandosi di libri di storia non è cosa da poco - non c'è la benché minima sovrapposizione cronologica e geopolitica: l'uno ha infatti per limiti il sistema

3 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 435 culturale e coloniale spagnolo, dal descubrimiento al fracaso; l'altro la storia europea e occidentale dallo scoppio della prima guerra mondiale alla caduta del muro di Berlino. Insomma, Ultramar versus continente, storia moderna versus storia contemporanea, Spagna versus Europa, ecc, con in mezzo uno iato, dal 1898 al 1914, che, nel mondo ispanico, coincide perfettamente con l'apogeo del modernismo metropolitano e della campagna rigenerazionista. Se nel libro di Hobsbawm 1914 e 1991 segnano i limiti del secolo breve, raccontandoci una storia globale, caratterizzata da una vorticosa accelerazione, da una violenza senza precedenti e da una sempre più vistosa superficialità, 1492 e 1898 sono per Moreno Fraginals i limiti naturali di una storia comune che è lunga, lenta, profonda e, sia pure a prezzo di una costante militarizzazione della società e dei porti, relativamente pacifica. Quando Moreno Fraginals constata che negli anni (quando Cuba fece da base militare alla Spagna) "se vivió en la Isla una atmósfera de guerra en medio de la paz" (p. 228) dice qualcosa che potrebbe facilmente essere generalizzato ed esteso a buona parte del periodo coloniale. Nonostante queste ed altre differenze, rese ancor più evidenti dall'insistenza con cui Hobsbawm e Moreno Fraginals le valorizzano (l'uno per evidenziare le specificità del Novecento, l'altro per ridefinire le forti peculiarità di Cuba entro il sistema spagnolo), l'accostamento tra i due libri mi pare più che legittimo per il modo originale, radicale e spregiudicato con cui entrambi affrontano il problema, tipicamente postmoderno, del rapporto tra periodizzazione e celebrazione. In un mondo sempre più incline al marketing della memoria è forse inevitabile che il calendario emotivo e quello culturale tendano a mescolarsi un po' alla rinfusa, generando un piccolo carnevale di centenari e di "occasioni" (con autentici disparates, come i parallelismi propagandistici tra 1789 e 1989 o, in un recente film di fantascienza, la metamorfosi del 4 di luglio in Indipendence Day dell'intera umanità, costretta a soprassedere sul male relativo per far fronte ad una spieiata aggressione del male puro), ma, proprio per questo, diventa importante e significativo non lasciarsi travolgere, continuando puntigliosamente a fondare le cronologie dentro e non contro la complessità del reale e prendendo il più possibile le distanze dalle ormai onnipresenti scadenze commemorative (nel corso della historia común, la constatazione che "la realidad era mucho más compleja que la teoría", p. 221, compare non a caso in infinite varianti).

4 436 Marco Cipolloni Per essere letto come possibile manifesto di irriducibilità alla logica celebrativa, il libro di Moreno Fraginals, pubblicato nel 1995, occupa una posizione ideale, collocandosi esattamente a metà di un decennio breve, limitato da due grandi compleanni del calendario culturale ispanico. Le celebrazioni del Quinto Centenario e del Novantotto, prese nel loro insieme, segnano tra l'altro la prima ricorrenza del vero decennio breve, quello che, un secolo fa, scosse nel profondo la coscienza della Spagna fin de siede, facendola precipitare in pochi anni dalle illusioni della retorica imperiale e della Hispanidad alla vergüenza di Melilla prima e al trauma ad fracaso poi. La sensazione di impotenza davanti alle vicende di una storia sempre più fuori controllo, destinata a diventare la nota dominante della psicologia storica del secob breve, fu anticipata e accelerata, nei mondi ispanici dalle vicende del decennio breve, cioè dal fatto che la celebrazione dell'incipit e la consumazione dell'explicit della historia común furono, al tempo stesso, molto vicine tra loro e molto lontane dalla quotidianità del canovismo. Il libro di Hobsbawm e quello di Moreno Fraginals risultano perciò accomunati, oltre che da alcune opzioni metodologiche, da un analogo atteggiamento di critica nei confronti degli eccessi del pragmatismo post-ideologico (entrambi gli autori, autocollocandosi tra gli eredi di un marxismo critico spiccatamente antidogmatico, sottolineano in limine la propria opzione in favore di metodi e valori che rinviano alla necessità, tanto scientifica quanto etica, di una originale ricombinazione di razionalismo e materialismo). 3) II Novantotto visto da Cuba Per tutte queste ragioni il libro di Moreno Fraginals merita fin dal titolo di trovar posto in una riflessione sulla possibile attualità del 1898 e dei suoi significati (il plurale mi pare d'obbligo): Cuba/España, España/Cuba, historia común, pur nella apparente reciprocità, introduce nello schema da biglietto di viaggio A/R un sostanziale rovesciamento prospettico, nel senso che Cuba e non la Spagna diventa punto d'arrivo e di partenza, riducendo la propria metropoli a mero scalo di transito. Lungi dall'essere una provocazione, questo rovesciamento ha le proprie radici nella convinzione che "Cuba, en una serie de aspectos, desbordaba a la metròpoli" (p. 294). Tanto nel ricordare il detto secondo il quale "Prim fue asesinado en Madrid, pero el gatillo lo apretaron en La Habana", quanto nel commentarlo dicendo che "Cuando 30 años más tar-

5 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 437 de sea asesinado Cánovas del Castillo, el gatillo también será apretado en La Habana" (p. 238), Moreno Fraginals non fa che registrare gli effetti di questo primato di Cuba nella e sulla politica metropolitana. Cuba è fin dall'inizio una colonia sui generis, così atipica che, scrivendone nel 1841, il francese Adolphe Jollivet arrivò a dire che "no era una colonia" (non era coloniale il suo rapporto con le Cortes, non era coloniale la sua legislazione doganale e, soprattutto, non era coloniale il fatto che nel dare e avere con la madrepatria, il riparto dei benefici fosse organizzato in modo tale che la maggior parte dei profitti derivanti dal sistema di produzione in vigore restava capitalizzata nell'isola, sia pure nella forma paradossale e condizionante dell'ipoteca e dell'immobilizzo schiavista). Nonostante lo spazio concesso a queste ed altre spregiudicate analisi della situazione cubana, gli intenti dichiarati del libro di Moreno Fraginals, un viaggio nelle radici e nelle relazioni che uniscono le storie moderne di Cuba e della Spagna in una sola "historia común", sembrerebbero, almeno in partenza, assai compatibili con la retorica dello encuentro e della Comunidad Hispánica, che, negli anni del Quinto Centenario, avevano caratterizzato molta parte della bibliografia spagnola. Novantadue e Novantotto, pur essendo i caopolinea logici e in apparenza obbligati (e obbliganti) della historia común, non lo sono però di quella di Moreno Fraginals che, significativamente, sceglie di iniziare da prima della Conquista, cioè dalle vicende e dalle sopravvivenze archeologiche del "larguísimo proceso migratorio" che caratterizza il "lentísimo poblamiento de la isla" (p. 17), argomento assai interessante, ma tutt'altro che facilmente rapportabile alla nozione di Comunidad hispánica. Questa sorta di Prologo postprologico (il libro ha in effetti un prologo vero nel citato "Prólogo para terminar") ha l'importante funzione retorica di innestare la storia della Cuba spagnola su una prospettiva più lunga e meno documentata, una storia pre-storica di cui Moreno Fraginals sottolinea, oltre alla lentezza e alla durata, già ricordate, l'anonimato e la natura composita ("en los procesos migratorios del Caribe precolombino no existió nunca un movimiento unilineal", p. 20; "la llamada cultura taina no fue un todo carismàtico y homogéneo, sino un conjunto de expresiones", p. 21, etc.). Conquista e conquistatori fanno così la loro comparsa nel testo non già direttamente, ma in quanto testimoni e artefici della lacuna informativa che la loro azione ha provocatati) e la loro scrittura ha solo parzialmente contribuito a colmare e risarcire: "Desdichadamente es muy poco lo

6 438 Marco Cipolloni que sabemos al respeto porque el impacto de la conquista/colonización cayó sobre estas sociedades que fueron desarticuladas en brevísimo tiempo" (p. 24); "en Cuba, la conquista es en cierta forma la historia de la destrucción de los indios" (p. 33). II primo dei tre finimondo (il primo dei novantotto) contenuti nella storia raccontata da Moreno Fraginals non è dunque un fracaso ispanico, ma un collasso indigeno e non si colloca alla fine, ma all'inizio di una historia común i cui conflitti strutturali (tra cabildos criollos e funzionari peninsulari, tra liberi e schiavi, tra saccarocrazia e negrieri, tra vocazione marittimo-militare ed economia di piantagione, tra tabacco e zucchero, tra indipendentisti e annessionisti, etc.) saranno, al di là di ogni retorica, tutti e del tutto interni al mondo colonizzatore e ai suoi mutevoli equilibri. Se confrontata ai tempi lunghissimi di ciò che la precede, la storia coloniale di Cuba è - ancor più di quella del secolo breve di Hobsbawm rispetto a quella dell'ottocento - una storia breve ("sólo cinco siglos", p. 25) e relativamente fitta di documenti, nomi e date "más o menos exactas", anche se la "saga española en el Nuevo Mundo", proprio come quella del secolo breve, è selettiva, nel senso che, in essa, non tutti sono presenti come soggetti: "el indio pasa a ser el problema indio, del mismo modo que años más tarde los negros serán estudiados como el problema negro" (p. 25). Le coordinate prospettiche delineate in questi primi capitoli ridimensionano dunque abbastanza drasticamente la portata comunitaria della "historia común", che, in quanto forma specifica del discorso conquistatore, trova nei limiti e nella parzialità le proprie caratteristiche salienti. Tutti i passi successivi - dalla falsificazione della tradizionale opposizione tra Conquista e Colonizzazione alla geniale descrizione di Cuba prima come colonia di transito ("una sociedad residual: la sociedad de los que se quedaron", p. 54) e poi come "colonia de servicios", fornitrice non già di prodotti, quanto di prestazioni, legali e illegali, al sistema delle flotte - configurano il libro di Moreno Fraginals come una controstoria e una sistematica demistificazione della tradizionale storia coloniale. La mancanza di violenti conflitti tra Corona e Conquistadores e la tendenza dei residenti ad identificare la propria prosperità con il buon funzionamento del sistema coloniale trasforma i cubani "en los más fieles de todos los subditos españoles en América" (p. 61), creando lo spazio per il compromesso, economico e matrimoniale, tra militari spagnoli e civili creoli, dalla cui unione

7 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 439 nasce un'oligarchia destinata a controllare il potere e le risorse dell'isola per oltre due secoli. Il "papel semiperiférico" di Cuba, colonia di transito e scalo obbligatorio della rotta di ritorno e/o base di appoggio per il contrabbando, somiglia più a quello delle Canarie, scalo obbligatorio dell'andata, che a quello, spiccatamente periferico, degli altri possedimenti americani, colonie di produzione ed esportazione. Il mare e le opere di difesa diventano, non a caso, i luoghi attorno ai quali si fecalizza l'attenzione degli abitanti e si orienta lo sviluppo della vita cittadina e delle sue fortune, legali (la ricchezza derivante dai situados) e illegali (contrabbando e pirateria). A questo panorama socioeconomico, legato ad "una cultura militar y marinera" (p. 105), si aggiungono nel Settecento il conflitto tra tabacco e zucchero e quello contro i monopoli che caratterizzano e controllano la produzione dell'uno e la commercializzazione dell'altro. Nel corso del secolo "La fuerza demoledora del azúcar sobre las antiguas superestructuras" (p. Ili) porrà le basi per la nascita di un sistema contraddittorio, basato sulla compresenza del lavoro schiavo e della modernizzazione tecnologica e culturale. La nuova oligarchia creola, legata a questi interessi e a questi valori, esemplarmente tradotti in "ideología plantadora" da autori come José Martín Félix de Arrate ("un criollismo aristocrático, colonialista, esclavista y racista", p. 125), esce rafforzata dal riassetto coloniale che segue la parentesi dell'invasione inglese del , luogo di così intensa deformazione retorica da rendere "imprescindible un replanteo, no de los hechos, que han sido muy bien estudiados, sino de las categorías manejadas por los historiadores tradicionales" (p. 130). Per quanto implicitamente razzista, intimamente contraddittorio e potenzialmente conflittuale, il nuovo assetto sociale (saccarocrazia creola e schiavitù negra) consente alla Cuba dello Entresiglos di sopravvivere al secondo finimondo (il secondo novantotto) della sua "historia común". Il trauma che sarà del '98 metropolitano arriva infatti a Cuba con un secolo breve di anticipo, cioè con la fine dell'impero spagnolo nell'america continentale e con il conseguente collasso del modello di colonia di servizio e delle connesse rendite di posizione. Durante e dopo gli anni dell'indipendenza, la lealtà politica della plantocrazia cubana alla corona spagnola rimane forte, ma radica, con grande disappunto dei liberali metropolitani, in un totale rovesciamento della tradizionale logica coloniale, cioè in un rapporto quasi competitivo con la ma-

8 440 Marco Cipolloni drepatria e in una sempre maggiore attrazione verso l'orbita economica degli Stati Uniti. La ricchezza economica e la vivacità culturale dell'isola nel periodo rivoluzionario e nei primi anni della restaurazione sono impressionanti. Nel corso dell'ottocento l'oggettiva difficoltà di mobilizzare le ingenti risorse capitalizzate nella schiavitù impiomba le ali tanto all'indipendentismo rivoluzionario quanto all'annessionismo riformista. Il sistema coloniale, pur con tutti i suoi limiti, continua ad essere la migliore garanzia tanto per l'assetto sociale esistente, quanto per i capitali in esso immobilizzati. Per Moreno Fraginals, autore tra l'altro di una importante monografia sullo ingenio, la questione centrale della politica, della cultura, della società e dell'economia cubana del secolo XIX resta infatti la schiavitù, nella necessaria difesa ad oltranza della quale affondano le proprie radici e trovano spiegazione quasi tutte le tensioni strutturali che attraversano l'ultima parte della historia común (dalla tardiva e solo parziale modernizzazione del settore zuccheriero alla frattura economica, politica e sociale tra le province orientali e occidentali dell'isola; dalla divaricazione tra agricoltura e industria al conflitto tra produttori creoli e commercianti catalani; dalla questione razziale a quella doganale; dal progetto di blanquear los ingenios al sogno individualista di blanquearse a si mismos; dai paradossi dell'utopia siboneysta - "una especie de indigenismo sin indígenas", p alle molte ipocrisie della letteratura antischiavista). La fragile libertà dei piantatori era un composito accumulo di privilegi (economici, sociali, politici, culturali, doganali) ed era paradossalmente basata sulla schiavitù e su una doppia dipendenza: dalla Spagna in politica e dagli USA in economia. In questo senso, per Cuba ancor più che per la Spagna, il lungo e dorato autunno della schiavitù prepara la strada al terzo finimondo della nostra serie, cioè, finalmente, il novantotto propriamente detto: "La esclavitud", scrive Moreno Fraginals, "era el presagio del desastre" (p. 223). La guerra dei Dieci Anni e la Guerra Chiquita, in quanto "lucha de dos impotencias" (p. 254), sono, in questo senso, cronache di morte annunciata, attraversate da processi sociali tanto vorticosi quanto disordinati (immigrazione massiccia, violenze squadriste, speculazioni commerciali e finanziarie, etc.). La somma tra questi processi e gli effetti del Bill McKinley, il provvedimento commerciale che nel 1891 segna di fatto la definitiva annessione dell'economia cubana al sistema statunitense, non fa che accelerare la decomposizione

9 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 441 della schiavitù di piantagione e delle sue basi tecnologiche, economiche e sociali. L'ultimo paradosso, consumato ormai a ridosso del '98 vero e proprio, risiede nell'arrivo a Cuba di sempre più consistenti contingenti migratori ispanici, nella speranza di arginare il movimento indipendentista e di compensare, almeno in parte, i molti squilibri introdotti dalla guerra nella società cubana. Sulle conseguenze delle dinamiche di popolamento scatenate da questo processo lo stesso Moreno Fraginals è ritornato, riprendendo le linee generali della propria analisi, nel saggio "El 98 en Cuba", pubblicato di recente in un volume miscellaneo dedicato a El 98 iberoamericano. La historia común assume qui il volto concreto dei circa centomila soldati spagnoli che decisero di non tornare in Spagna (molti aspetti di questa curiosa realtà sono raccolti e rappresentati anche nel recente film Mambí, dei registi Santiago e Teodoro Ríos, storia di un giovane canario che, grazie alle molte ambiguità della historia común, può partire come soldato e finire la campagna come mambí, senza essere, né sentirsi un traditore). Non a caso, scrive Moreno Fraginals, quella di Cuba è stata l'unica guerra d'indipendenza dell'america spagnola "en donde no hay un solo español asesinado al terminar la guerra, donde no hay un solo levantamiento antiespañol, donde no se arrastra la bandera española por las calles, donde los soldados españoles, y esto parece aún más increíble, prefieren quedarse en Cuba como exiliados que regresar a España" ("El 98 en Cuba", in AA.W., El 98 iberoamericano, Fundación Pablo Iglesias, Madrid 1998, p. 44). Lo scontro decisivo si svolge inoltre, da ambo le parti, sotto l'ipoteca determinata dalla consapevolezza del decisivo e inevitabile intervento USA: "Ya en 1896 todos los políticos (spagnoli) estaban seguros de que Estados Unidos intervendría en la guerra: lo que se ignoraba era cuándo, cómo y a qué costo" {Cuba/España, España/Cuba, cit., p. 277). Tra i cubani circolava, in modo non meno inquietante, la stessa certezza: "el '98 cubano", terzo e ultimo finimondo della nostra historia común, "fue como una batalla larga y tormentosa en espera de la victoria que con la intervención norteamericana se suponía cercana" (p. 287). A partire da questa comune consapevolezza, si può dire che, "La intervención de Estados Unidos en la guerra tuvo, a la larga, un efecto solidario para españoles y cubanos" (p. 295), nel senso che, accomunando le due parti nel segno della frustrazione, finì per rafforzare e cementare il massiccio proces-

10 442 Marco Cipolloni so di ispanizzazione della società cubana che era iniziato con la guerra dei Dieci Anni e la Guerra Chiquita. Visti da Cuba, i due '98, quello spagnolo e quello cubano, oltre ad essere uno lo specchio dell'altro, sono anche due frammenti, tardivi e parziali, di una fine di secolo e di mondo già largamente consumate. Anche per questo tanto l'isola quanto la sua ex metropoli possono sentirsi accomunate dalla lacerante sensazione di nascere superate e di essere pertanto emarginate dalla radicale contemporaneità della loro stessa storia: Para España, el '98 fue un año que comenzó quizás en 1895 y tardó mucho tiempo en terminar (...) Para Cuba aún no se ha hallado la definición exacta (...) y la complejidad del hecho radica en que Cuba nunca fue una colonia típica (pp ). Alle soglie del secolo breve e alla fine della loro historia común, là dove la ricostruzione di Moreno Fraginals le abbandona ai destini delle rispettive contemporaneità, Spagna e Cuba incominciano ad esplorare e vivere, con la stanchezza e il disincanto di chi è sopravvissuto a troppi novantotto, i paradossi di una storicità postuma e residuale, una storicità che, pur partendo dal fatto annunciato e consumato di una definitiva separazione, finisce per accomunare la ex madrepatria alla ex colonia, avvicinandole l'una all'altra assai più profondamente e radicalmente di quanto quattro secoli di atipica historia común non avessero saputo fare.

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà?

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà? Una rete socialista, nuova E urgentissimo un vero, non tattico, confronto programmatico. Nel e per il nuovo secolo, facendo nostra la geopolitica del mondo, quella del post G8: Cina, India, Brasile. Del

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre La storia della presenza umana sul pianeta è stata tracciata dai mutamenti nella relazione tra comunità umane e comunità ecologiche, in un processo in cui

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo?

Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo? Argomenti contro il capitalismo democratico L'imperialismo 2005 Lettera di un lettore: Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo? Poco tempo fa ho ricevuto una lettera da un amico che vive

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia GRECIA 23 aprile 2015 Merkel vs Tsipras, storie di gatti e di topi Europa 1919-1920. Terminata la Grande Guerra, l Europa continua senza soluzione di continuità

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone PARTE I VICO E GROZIO Nella sua autobiografia Vico esprime gratitudine a Grozio, il fatto per Fassò risulta curioso in quanto Vico oppositore del Giusnaturalismo

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli