Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba"

Transcript

1 MARCO CIPOLLONI Università di Brescia Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 1) // '98 egli '89 Cuba/España España/Cuba, historia común, il lungo saggio pubblicato nel 1995 dallo storico cubano Manuel Moreno Fraginals sulla storia dell'isola caraibica dalle origini fino al 1898, offre ad una riflessione sul rapporto tra fini di secolo e fini di mondo il contributo di una prospettiva tanto inusuale quanto radicalmente critica (sia nei confronti delle tradizionali storiografie patriottiche, spagnola e cubana, quanto nei confronti della logica che ne falsifica la visione, prima e più che la voce). Terminando con la fine della dominazione spagnola a Cuba, il libro di Moreno Fraginals è il primo testo di storia cubana che inserisca la propria lettura del '98 entro la cornice fornita da altre due fini di mondo: il crollo dell'antico Regime nel 1789 e la fine della Guerra Fredda e del Socialismo Reale nel Entrambe le date, che altrove segnano un drastico derrumbamiento e un altrettanto drastico cambio de rumbo, coincidono a Cuba con la riaffermazione di una specificità che solo in apparenza assume la forma del continuismo (nell'ottocento Cuba continua formalmente ad essere colonia rispetto alle altre ex colonie; oggi continua formalmente ad essere un paese socialista rispetto agli altri paesi ex socialisti). Si apre cosi, in entrambi i casi, un periodo di sperimentazione, caratterizzato dalla compresenza, tutt'altro che pacifica, di mondi diversi (nell'ottocento la rivoluzione industriale e la schiavitù, il liberalismo e il sistema coloniale; oggi la rivoluzione castrista e il mercato, il socialismo e il turismo). In questi universi parentetici, prolungamento apparente di mondi altrove travolti dalle vicende della storia, specificità e sopravvivenza si legittimano e rafforzano a vicenda, nel senso che la specificità spiega la sopravvivenza e la sopravvivenza diventa il tratto più evidente e la prova più tangibile della specificità.

2 434 Marco Cipolloni Di queste due isole della storia - quella che va dal 1789 al 1898 e quella che è iniziata con il 1989 e che, con il viatico della benedizione papale, sembra in grado di approdare al terzo millennio della storia cristiana - il libro di Moreno Fraginals include e tratta esplicitamente solo il primo, ma tanto il severo bilancio della storiografia cubana dal Settecento ad oggi contenuto nel "Pròlogo para terminar", quanto le numerose osservazioni critiche sulle semplificazioni propagandistiche della storiografìa rivoluzionaria ("La actual historiografía oficial cubana, pseudomarxista", p. 293) sembrano legittimare e quasi suggerire, se non una vera e propria lettura in chiave, perlomeno qualche riflessione e più di un parallelo con l'attualità. Il paragone è in alcuni casi molto esplicito: (con la guerra di Cuba) Comenzó un proceso de migración interna de la ciudad al campo (...) Se fue produciendo una espiral inflacionaria a la que se sumó una desenfrenada especulación (...) Las monedas de oro y plata y, especialmente, el dólar que llegaba a través de los emigrados se convirtieron en los únicos signos con valor de cambio; cien años más tarde se repetiría la historia (p. 280). Tuttavia, lungi dal prendere le distanze dalla prospettiva marxista, dal punto di vista metodologico, il volume ne riafferma la validità, presentandosi come un compromesso, quasi gramsciano, tra realismo e materialismo, cioè tra la storia delle élites e delle classi dirigenti e la continua rivendicazione della sua incompletezza, in nome di una costante attenzione per l'evoluzione delle strutture economiche e della stratificazione sociale nel suo complesso (profondamente ancorata a questa prospettiva è, per esempio, la visione della letteratura e della storiografìa, di cui vengono sempre sottolineate le valenze ideologiche e sovrastrutturali). 2) II decennio breve:'92/'98 Proprio in virtù di questi sostanziali ancoraggi all'eredità della storiografia marxista, se dovessi cercare, nella saggistica storica di questi ultimi anni, un possibile termine di paragone, mi parrebbe di poterlo trovare, più che altrove, in II secolo breve di Eric J. Hobsbawm. L'accostamento può forse sembrare paradossale, dato che tra i due libri e trattandosi di libri di storia non è cosa da poco - non c'è la benché minima sovrapposizione cronologica e geopolitica: l'uno ha infatti per limiti il sistema

3 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 435 culturale e coloniale spagnolo, dal descubrimiento al fracaso; l'altro la storia europea e occidentale dallo scoppio della prima guerra mondiale alla caduta del muro di Berlino. Insomma, Ultramar versus continente, storia moderna versus storia contemporanea, Spagna versus Europa, ecc, con in mezzo uno iato, dal 1898 al 1914, che, nel mondo ispanico, coincide perfettamente con l'apogeo del modernismo metropolitano e della campagna rigenerazionista. Se nel libro di Hobsbawm 1914 e 1991 segnano i limiti del secolo breve, raccontandoci una storia globale, caratterizzata da una vorticosa accelerazione, da una violenza senza precedenti e da una sempre più vistosa superficialità, 1492 e 1898 sono per Moreno Fraginals i limiti naturali di una storia comune che è lunga, lenta, profonda e, sia pure a prezzo di una costante militarizzazione della società e dei porti, relativamente pacifica. Quando Moreno Fraginals constata che negli anni (quando Cuba fece da base militare alla Spagna) "se vivió en la Isla una atmósfera de guerra en medio de la paz" (p. 228) dice qualcosa che potrebbe facilmente essere generalizzato ed esteso a buona parte del periodo coloniale. Nonostante queste ed altre differenze, rese ancor più evidenti dall'insistenza con cui Hobsbawm e Moreno Fraginals le valorizzano (l'uno per evidenziare le specificità del Novecento, l'altro per ridefinire le forti peculiarità di Cuba entro il sistema spagnolo), l'accostamento tra i due libri mi pare più che legittimo per il modo originale, radicale e spregiudicato con cui entrambi affrontano il problema, tipicamente postmoderno, del rapporto tra periodizzazione e celebrazione. In un mondo sempre più incline al marketing della memoria è forse inevitabile che il calendario emotivo e quello culturale tendano a mescolarsi un po' alla rinfusa, generando un piccolo carnevale di centenari e di "occasioni" (con autentici disparates, come i parallelismi propagandistici tra 1789 e 1989 o, in un recente film di fantascienza, la metamorfosi del 4 di luglio in Indipendence Day dell'intera umanità, costretta a soprassedere sul male relativo per far fronte ad una spieiata aggressione del male puro), ma, proprio per questo, diventa importante e significativo non lasciarsi travolgere, continuando puntigliosamente a fondare le cronologie dentro e non contro la complessità del reale e prendendo il più possibile le distanze dalle ormai onnipresenti scadenze commemorative (nel corso della historia común, la constatazione che "la realidad era mucho más compleja que la teoría", p. 221, compare non a caso in infinite varianti).

4 436 Marco Cipolloni Per essere letto come possibile manifesto di irriducibilità alla logica celebrativa, il libro di Moreno Fraginals, pubblicato nel 1995, occupa una posizione ideale, collocandosi esattamente a metà di un decennio breve, limitato da due grandi compleanni del calendario culturale ispanico. Le celebrazioni del Quinto Centenario e del Novantotto, prese nel loro insieme, segnano tra l'altro la prima ricorrenza del vero decennio breve, quello che, un secolo fa, scosse nel profondo la coscienza della Spagna fin de siede, facendola precipitare in pochi anni dalle illusioni della retorica imperiale e della Hispanidad alla vergüenza di Melilla prima e al trauma ad fracaso poi. La sensazione di impotenza davanti alle vicende di una storia sempre più fuori controllo, destinata a diventare la nota dominante della psicologia storica del secob breve, fu anticipata e accelerata, nei mondi ispanici dalle vicende del decennio breve, cioè dal fatto che la celebrazione dell'incipit e la consumazione dell'explicit della historia común furono, al tempo stesso, molto vicine tra loro e molto lontane dalla quotidianità del canovismo. Il libro di Hobsbawm e quello di Moreno Fraginals risultano perciò accomunati, oltre che da alcune opzioni metodologiche, da un analogo atteggiamento di critica nei confronti degli eccessi del pragmatismo post-ideologico (entrambi gli autori, autocollocandosi tra gli eredi di un marxismo critico spiccatamente antidogmatico, sottolineano in limine la propria opzione in favore di metodi e valori che rinviano alla necessità, tanto scientifica quanto etica, di una originale ricombinazione di razionalismo e materialismo). 3) II Novantotto visto da Cuba Per tutte queste ragioni il libro di Moreno Fraginals merita fin dal titolo di trovar posto in una riflessione sulla possibile attualità del 1898 e dei suoi significati (il plurale mi pare d'obbligo): Cuba/España, España/Cuba, historia común, pur nella apparente reciprocità, introduce nello schema da biglietto di viaggio A/R un sostanziale rovesciamento prospettico, nel senso che Cuba e non la Spagna diventa punto d'arrivo e di partenza, riducendo la propria metropoli a mero scalo di transito. Lungi dall'essere una provocazione, questo rovesciamento ha le proprie radici nella convinzione che "Cuba, en una serie de aspectos, desbordaba a la metròpoli" (p. 294). Tanto nel ricordare il detto secondo il quale "Prim fue asesinado en Madrid, pero el gatillo lo apretaron en La Habana", quanto nel commentarlo dicendo che "Cuando 30 años más tar-

5 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 437 de sea asesinado Cánovas del Castillo, el gatillo también será apretado en La Habana" (p. 238), Moreno Fraginals non fa che registrare gli effetti di questo primato di Cuba nella e sulla politica metropolitana. Cuba è fin dall'inizio una colonia sui generis, così atipica che, scrivendone nel 1841, il francese Adolphe Jollivet arrivò a dire che "no era una colonia" (non era coloniale il suo rapporto con le Cortes, non era coloniale la sua legislazione doganale e, soprattutto, non era coloniale il fatto che nel dare e avere con la madrepatria, il riparto dei benefici fosse organizzato in modo tale che la maggior parte dei profitti derivanti dal sistema di produzione in vigore restava capitalizzata nell'isola, sia pure nella forma paradossale e condizionante dell'ipoteca e dell'immobilizzo schiavista). Nonostante lo spazio concesso a queste ed altre spregiudicate analisi della situazione cubana, gli intenti dichiarati del libro di Moreno Fraginals, un viaggio nelle radici e nelle relazioni che uniscono le storie moderne di Cuba e della Spagna in una sola "historia común", sembrerebbero, almeno in partenza, assai compatibili con la retorica dello encuentro e della Comunidad Hispánica, che, negli anni del Quinto Centenario, avevano caratterizzato molta parte della bibliografia spagnola. Novantadue e Novantotto, pur essendo i caopolinea logici e in apparenza obbligati (e obbliganti) della historia común, non lo sono però di quella di Moreno Fraginals che, significativamente, sceglie di iniziare da prima della Conquista, cioè dalle vicende e dalle sopravvivenze archeologiche del "larguísimo proceso migratorio" che caratterizza il "lentísimo poblamiento de la isla" (p. 17), argomento assai interessante, ma tutt'altro che facilmente rapportabile alla nozione di Comunidad hispánica. Questa sorta di Prologo postprologico (il libro ha in effetti un prologo vero nel citato "Prólogo para terminar") ha l'importante funzione retorica di innestare la storia della Cuba spagnola su una prospettiva più lunga e meno documentata, una storia pre-storica di cui Moreno Fraginals sottolinea, oltre alla lentezza e alla durata, già ricordate, l'anonimato e la natura composita ("en los procesos migratorios del Caribe precolombino no existió nunca un movimiento unilineal", p. 20; "la llamada cultura taina no fue un todo carismàtico y homogéneo, sino un conjunto de expresiones", p. 21, etc.). Conquista e conquistatori fanno così la loro comparsa nel testo non già direttamente, ma in quanto testimoni e artefici della lacuna informativa che la loro azione ha provocatati) e la loro scrittura ha solo parzialmente contribuito a colmare e risarcire: "Desdichadamente es muy poco lo

6 438 Marco Cipolloni que sabemos al respeto porque el impacto de la conquista/colonización cayó sobre estas sociedades que fueron desarticuladas en brevísimo tiempo" (p. 24); "en Cuba, la conquista es en cierta forma la historia de la destrucción de los indios" (p. 33). II primo dei tre finimondo (il primo dei novantotto) contenuti nella storia raccontata da Moreno Fraginals non è dunque un fracaso ispanico, ma un collasso indigeno e non si colloca alla fine, ma all'inizio di una historia común i cui conflitti strutturali (tra cabildos criollos e funzionari peninsulari, tra liberi e schiavi, tra saccarocrazia e negrieri, tra vocazione marittimo-militare ed economia di piantagione, tra tabacco e zucchero, tra indipendentisti e annessionisti, etc.) saranno, al di là di ogni retorica, tutti e del tutto interni al mondo colonizzatore e ai suoi mutevoli equilibri. Se confrontata ai tempi lunghissimi di ciò che la precede, la storia coloniale di Cuba è - ancor più di quella del secolo breve di Hobsbawm rispetto a quella dell'ottocento - una storia breve ("sólo cinco siglos", p. 25) e relativamente fitta di documenti, nomi e date "más o menos exactas", anche se la "saga española en el Nuevo Mundo", proprio come quella del secolo breve, è selettiva, nel senso che, in essa, non tutti sono presenti come soggetti: "el indio pasa a ser el problema indio, del mismo modo que años más tarde los negros serán estudiados como el problema negro" (p. 25). Le coordinate prospettiche delineate in questi primi capitoli ridimensionano dunque abbastanza drasticamente la portata comunitaria della "historia común", che, in quanto forma specifica del discorso conquistatore, trova nei limiti e nella parzialità le proprie caratteristiche salienti. Tutti i passi successivi - dalla falsificazione della tradizionale opposizione tra Conquista e Colonizzazione alla geniale descrizione di Cuba prima come colonia di transito ("una sociedad residual: la sociedad de los que se quedaron", p. 54) e poi come "colonia de servicios", fornitrice non già di prodotti, quanto di prestazioni, legali e illegali, al sistema delle flotte - configurano il libro di Moreno Fraginals come una controstoria e una sistematica demistificazione della tradizionale storia coloniale. La mancanza di violenti conflitti tra Corona e Conquistadores e la tendenza dei residenti ad identificare la propria prosperità con il buon funzionamento del sistema coloniale trasforma i cubani "en los más fieles de todos los subditos españoles en América" (p. 61), creando lo spazio per il compromesso, economico e matrimoniale, tra militari spagnoli e civili creoli, dalla cui unione

7 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 439 nasce un'oligarchia destinata a controllare il potere e le risorse dell'isola per oltre due secoli. Il "papel semiperiférico" di Cuba, colonia di transito e scalo obbligatorio della rotta di ritorno e/o base di appoggio per il contrabbando, somiglia più a quello delle Canarie, scalo obbligatorio dell'andata, che a quello, spiccatamente periferico, degli altri possedimenti americani, colonie di produzione ed esportazione. Il mare e le opere di difesa diventano, non a caso, i luoghi attorno ai quali si fecalizza l'attenzione degli abitanti e si orienta lo sviluppo della vita cittadina e delle sue fortune, legali (la ricchezza derivante dai situados) e illegali (contrabbando e pirateria). A questo panorama socioeconomico, legato ad "una cultura militar y marinera" (p. 105), si aggiungono nel Settecento il conflitto tra tabacco e zucchero e quello contro i monopoli che caratterizzano e controllano la produzione dell'uno e la commercializzazione dell'altro. Nel corso del secolo "La fuerza demoledora del azúcar sobre las antiguas superestructuras" (p. Ili) porrà le basi per la nascita di un sistema contraddittorio, basato sulla compresenza del lavoro schiavo e della modernizzazione tecnologica e culturale. La nuova oligarchia creola, legata a questi interessi e a questi valori, esemplarmente tradotti in "ideología plantadora" da autori come José Martín Félix de Arrate ("un criollismo aristocrático, colonialista, esclavista y racista", p. 125), esce rafforzata dal riassetto coloniale che segue la parentesi dell'invasione inglese del , luogo di così intensa deformazione retorica da rendere "imprescindible un replanteo, no de los hechos, que han sido muy bien estudiados, sino de las categorías manejadas por los historiadores tradicionales" (p. 130). Per quanto implicitamente razzista, intimamente contraddittorio e potenzialmente conflittuale, il nuovo assetto sociale (saccarocrazia creola e schiavitù negra) consente alla Cuba dello Entresiglos di sopravvivere al secondo finimondo (il secondo novantotto) della sua "historia común". Il trauma che sarà del '98 metropolitano arriva infatti a Cuba con un secolo breve di anticipo, cioè con la fine dell'impero spagnolo nell'america continentale e con il conseguente collasso del modello di colonia di servizio e delle connesse rendite di posizione. Durante e dopo gli anni dell'indipendenza, la lealtà politica della plantocrazia cubana alla corona spagnola rimane forte, ma radica, con grande disappunto dei liberali metropolitani, in un totale rovesciamento della tradizionale logica coloniale, cioè in un rapporto quasi competitivo con la ma-

8 440 Marco Cipolloni drepatria e in una sempre maggiore attrazione verso l'orbita economica degli Stati Uniti. La ricchezza economica e la vivacità culturale dell'isola nel periodo rivoluzionario e nei primi anni della restaurazione sono impressionanti. Nel corso dell'ottocento l'oggettiva difficoltà di mobilizzare le ingenti risorse capitalizzate nella schiavitù impiomba le ali tanto all'indipendentismo rivoluzionario quanto all'annessionismo riformista. Il sistema coloniale, pur con tutti i suoi limiti, continua ad essere la migliore garanzia tanto per l'assetto sociale esistente, quanto per i capitali in esso immobilizzati. Per Moreno Fraginals, autore tra l'altro di una importante monografia sullo ingenio, la questione centrale della politica, della cultura, della società e dell'economia cubana del secolo XIX resta infatti la schiavitù, nella necessaria difesa ad oltranza della quale affondano le proprie radici e trovano spiegazione quasi tutte le tensioni strutturali che attraversano l'ultima parte della historia común (dalla tardiva e solo parziale modernizzazione del settore zuccheriero alla frattura economica, politica e sociale tra le province orientali e occidentali dell'isola; dalla divaricazione tra agricoltura e industria al conflitto tra produttori creoli e commercianti catalani; dalla questione razziale a quella doganale; dal progetto di blanquear los ingenios al sogno individualista di blanquearse a si mismos; dai paradossi dell'utopia siboneysta - "una especie de indigenismo sin indígenas", p alle molte ipocrisie della letteratura antischiavista). La fragile libertà dei piantatori era un composito accumulo di privilegi (economici, sociali, politici, culturali, doganali) ed era paradossalmente basata sulla schiavitù e su una doppia dipendenza: dalla Spagna in politica e dagli USA in economia. In questo senso, per Cuba ancor più che per la Spagna, il lungo e dorato autunno della schiavitù prepara la strada al terzo finimondo della nostra serie, cioè, finalmente, il novantotto propriamente detto: "La esclavitud", scrive Moreno Fraginals, "era el presagio del desastre" (p. 223). La guerra dei Dieci Anni e la Guerra Chiquita, in quanto "lucha de dos impotencias" (p. 254), sono, in questo senso, cronache di morte annunciata, attraversate da processi sociali tanto vorticosi quanto disordinati (immigrazione massiccia, violenze squadriste, speculazioni commerciali e finanziarie, etc.). La somma tra questi processi e gli effetti del Bill McKinley, il provvedimento commerciale che nel 1891 segna di fatto la definitiva annessione dell'economia cubana al sistema statunitense, non fa che accelerare la decomposizione

9 Fines de siglo y fin de mundos. Moreno Fraginals e i tre novantotto di Cuba 441 della schiavitù di piantagione e delle sue basi tecnologiche, economiche e sociali. L'ultimo paradosso, consumato ormai a ridosso del '98 vero e proprio, risiede nell'arrivo a Cuba di sempre più consistenti contingenti migratori ispanici, nella speranza di arginare il movimento indipendentista e di compensare, almeno in parte, i molti squilibri introdotti dalla guerra nella società cubana. Sulle conseguenze delle dinamiche di popolamento scatenate da questo processo lo stesso Moreno Fraginals è ritornato, riprendendo le linee generali della propria analisi, nel saggio "El 98 en Cuba", pubblicato di recente in un volume miscellaneo dedicato a El 98 iberoamericano. La historia común assume qui il volto concreto dei circa centomila soldati spagnoli che decisero di non tornare in Spagna (molti aspetti di questa curiosa realtà sono raccolti e rappresentati anche nel recente film Mambí, dei registi Santiago e Teodoro Ríos, storia di un giovane canario che, grazie alle molte ambiguità della historia común, può partire come soldato e finire la campagna come mambí, senza essere, né sentirsi un traditore). Non a caso, scrive Moreno Fraginals, quella di Cuba è stata l'unica guerra d'indipendenza dell'america spagnola "en donde no hay un solo español asesinado al terminar la guerra, donde no hay un solo levantamiento antiespañol, donde no se arrastra la bandera española por las calles, donde los soldados españoles, y esto parece aún más increíble, prefieren quedarse en Cuba como exiliados que regresar a España" ("El 98 en Cuba", in AA.W., El 98 iberoamericano, Fundación Pablo Iglesias, Madrid 1998, p. 44). Lo scontro decisivo si svolge inoltre, da ambo le parti, sotto l'ipoteca determinata dalla consapevolezza del decisivo e inevitabile intervento USA: "Ya en 1896 todos los políticos (spagnoli) estaban seguros de que Estados Unidos intervendría en la guerra: lo que se ignoraba era cuándo, cómo y a qué costo" {Cuba/España, España/Cuba, cit., p. 277). Tra i cubani circolava, in modo non meno inquietante, la stessa certezza: "el '98 cubano", terzo e ultimo finimondo della nostra historia común, "fue como una batalla larga y tormentosa en espera de la victoria que con la intervención norteamericana se suponía cercana" (p. 287). A partire da questa comune consapevolezza, si può dire che, "La intervención de Estados Unidos en la guerra tuvo, a la larga, un efecto solidario para españoles y cubanos" (p. 295), nel senso che, accomunando le due parti nel segno della frustrazione, finì per rafforzare e cementare il massiccio proces-

10 442 Marco Cipolloni so di ispanizzazione della società cubana che era iniziato con la guerra dei Dieci Anni e la Guerra Chiquita. Visti da Cuba, i due '98, quello spagnolo e quello cubano, oltre ad essere uno lo specchio dell'altro, sono anche due frammenti, tardivi e parziali, di una fine di secolo e di mondo già largamente consumate. Anche per questo tanto l'isola quanto la sua ex metropoli possono sentirsi accomunate dalla lacerante sensazione di nascere superate e di essere pertanto emarginate dalla radicale contemporaneità della loro stessa storia: Para España, el '98 fue un año que comenzó quizás en 1895 y tardó mucho tiempo en terminar (...) Para Cuba aún no se ha hallado la definición exacta (...) y la complejidad del hecho radica en que Cuba nunca fue una colonia típica (pp ). Alle soglie del secolo breve e alla fine della loro historia común, là dove la ricostruzione di Moreno Fraginals le abbandona ai destini delle rispettive contemporaneità, Spagna e Cuba incominciano ad esplorare e vivere, con la stanchezza e il disincanto di chi è sopravvissuto a troppi novantotto, i paradossi di una storicità postuma e residuale, una storicità che, pur partendo dal fatto annunciato e consumato di una definitiva separazione, finisce per accomunare la ex madrepatria alla ex colonia, avvicinandole l'una all'altra assai più profondamente e radicalmente di quanto quattro secoli di atipica historia común non avessero saputo fare.

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

La conquista dell America. Lezioni d'autore

La conquista dell America. Lezioni d'autore La conquista dell America Lezioni d'autore Dal sito www.cittacapitali.it Lo sterminio totale delle popolazioni autoctone americane, avvenuto dopo la scoperta di Colombo, fu la sconfitta dell etica universalistica

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Gli editori italiani e l open access

Gli editori italiani e l open access Gli editori italiani e l open access Piero Attanasio Associazione Italiana Editori piero.attanasio@aie.it Modena, 3 maggio 2012 Le biblioteche producono conoscenza Periodici e archivi di dati per la circolazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: Gabriele Gualtieri MATERIA: Storia Classe 4 Sezione A FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI

Dettagli

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali Cremona, 23 febbraio 2013 Agenda-1 Introduzione e presentazione Impresa e imprenditore Imprenditore e innovazione Competizione vs cooperazione?

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Colonialismo e Neocolonialismo

Colonialismo e Neocolonialismo Colonialismo e Neocolonialismo Introduzione Nella sua definizione propria, il colonialismo viene rappresentato come l'estensione della sovranità di una nazione su territori e popoli all'esterno dei suoi

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Le trasformazioni degli anni '50 e '60

Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Episodio 6 Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Momenti di riflessione e Test di verifica Il secondo dopoguerra si apre nel segno di un profondo desiderio di pace e giustizia, evidenziati dalla nascita

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Commento. (di Daniele Minussi)

Commento. (di Daniele Minussi) Il testamento susseguente destituisce di efficacia quello antecedente soltanto quando le disposizioni siano incompatibili con quelle portate dal precedente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 4617 del 22 marzo

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo Graziella Bertocchi e Chiara Strozzi Università di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento di Economia Marco Biagi Seminario Nazionale MIUR

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 1 Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 DI STEFANO BATTINI SOMMARIO: 1. Premessa 2. Ordine e disordine 3. Politica e diritto 4. Uniformità e difformità 1. Premessa

Dettagli

L EUROPA PER I PICCOLI

L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università PROPOSTA PER LA DEFINIZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE SULLA UE PER INSEGNANTI DELLA

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016

Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016 1 CONSULAT GENERAL DE FRANCE A MILAN Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016 Egregio Presidente, Egregi Ufficiali,

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229 N. 229 A bis RELAZIONI DELLA VI COMMISSIONE PERMANENTE (ricerca scientifica e tecnologica, istruzione, beni e attività culturali, identità linguistiche e culturali, spettacolo e manifestazioni, attività

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Storia e modelli del giornalismo 19/11/2015. Modelli di giornalismo Modello democratico-corporativo. Dott. Giovanni Brancato

Storia e modelli del giornalismo 19/11/2015. Modelli di giornalismo Modello democratico-corporativo. Dott. Giovanni Brancato Storia e modelli del giornalismo 19/11/2015 Modelli di giornalismo Modello Dott. Giovanni Brancato Modelli d informazione giornalistica Modello liberale Modello democraticocorporativo Modello pluralistapolarizzato

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca... Indice Presentazione di Luca Pellegrini...8 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...10 2. Territori del commercio: figure insediative, strategie, processo

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli