A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio."

Transcript

1 articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE VIA E.FRANCALANCI BOZZANO (LU) TEL FAX I N T E R V I S T A 15 A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. A cura di GABRIELE PECCATI Come il tecnico del Pavia Calcio, serie C1, prepara e dirige l ultimo allenamento di rifinitura prima della gara. INTRODUZIONE. Massimo Morgia, 55 anni, allenatore del Pavia Calcio, illustra con passione e competenza la sua idea di come dovrebbe essere realizzato l ultimo allenamento prima della partita, la cosiddetta rifinitura. Grinta ed entusiasmo del Mister sono evidenti. La passione per un calcio aggressivo, veloce, determinato emerge naturalmente, insieme alla sua competenza relazionale e alla sua capacità di gestire al meglio le emozioni e gli umori dei giocatori. Non solo temi tecnico-tattici dunque, ma anche e soprattutto esercitazioni pratiche e consigli su come guidare al meglio il gruppo squadra. LA PAROLA AL TECNICO. Una delle novità introdotte dal tuo arrivo a Pavia è stato lo spostamento dell ultimo allenamento, prima della gara, dal sabato mattina al sabato pomeriggio; c è una ragione particolare che ha determinato questa scelta? Non c è una ragione prettamente tecnica o atletica. La scelta è determinata più che altro da ragioni motivazionali e dalle disponibilità organizzative del momento.

2 Secondo me l ideale sarebbe svolgere l allenamento il sabato mattina e dedicare il sabato pomeriggio allo studio degli avversari. Se ci sono le possibilità, può essere importante mostrare alla squadra un filmato degli avversari. Studiare e conoscere i loro punti di forza e di debolezza è fondamentale per preparare al meglio la gara che si andrà ad affrontare. A Pavia ho preferito allenare la squadra il sabato pomeriggio portandola successivamente in ritiro. Stare insieme ci permette di trovare la giusta concentrazione e di prepararci al meglio alla gara domenicale. Come viene strutturato l allenamento del sabato? La rifinitura non è mai fine a sé stessa ma è legata a quanto viene svolto in settimana. A partire dal mercoledì preparo la squadra alla competizione domenicale, tenendo presente le caratteristiche degli avversari che si andranno ad affrontare. Il sabato cerchiamo di provare e di sperimentare ciò che potrebbe verificarsi in partita. L allenamento inizia con un riscaldamento in cui si sollecitano reattività e rapidità. In alcuni casi viene effettuato sottoforma di gioco, soprattutto se occorre stemperare la tensione della vigilia. In altri casi utilizzo esercitazioni con i colori o di tipo psicocinetico. La parte centrale della seduta prevede situazioni di gioco partendo da palla ferma nei casi di possesso nostro e degli avversari. Sono svolte in forma attiva e hanno una durata di secondi. Proviamo di tutto: calci d angoli a favore e contro, punizioni, rimesse laterali, rimesse dal fondo. E importante dare indicazioni sulla disposizione difensiva in fase di non possesso, ma è fondamentale anche trovare soluzioni per sviluppare la fase immediatamente successiva, nella quale si attua la riconquista del pallone. Per esempio nel caso in cui si provi un calcio d angolo a sfavore, mi interessa il posizionamento iniziale della squadra a ridosso della nostra area, ma soprattutto ciò che dobbiamo fare sulla nostra ribattuta. Lo schieramento difensivo e la presa di posizione sono importanti, ma altrettanto importante è che la squadra sia in grado di ribaltare l azione con una veloce ripartenza. Solitamente l allenamento termina con una partitella su campo ridotto dieci contro dieci. Vi partecipano in genere i venti giocatori convocati per la gara. 2

3 I ruoli sono fissi e le squadre sono generalmente schierate con lo schema Quanto dura la rifinitura e a quali giocatori è rivolta l attenzione durante l ultimo allenamento? La durata è di circa minuti e si conclude con le prime indicazioni sulle caratteristiche degli avversari. L allenamento è rivolto a coloro che giocheranno la domenica, ma pretendo l attenzione di tutti. Non credo sia produttiva la concorrenza esasperata dei ragazzi fino alla fine e pertanto, nelle situazioni che si vanno a provare, i protagonisti sono soprattutto i titolari. Gli altri hanno il compito di riproporre schemi e situazioni simili a quelle della squadra che si andrà ad incontrare e sono in genere guidati dal mio secondo allenatore. Da tempo si riparla dell utilità dei ritiri; qualcuno vorrebbe proporre anche un modello all inglese con ritrovo allo Stadio poco prima della gara. Tu cosa ne pensi? Secondo me il ritiro è fondamentale. I giocatori hanno bisogno di stare insieme. Lo stare soli è un moltiplicatore di emozioni, di sensazioni. Il giocatore emotivo, che tende a spaventarsi o a preoccuparsi prima della gara, se rimane solo diventerà ancora più pauroso. Chi non ha capacità di concentrazione si deconcentrerà ancora di più. Il ritiro non è una punizione nei confronti dei giocatori, non è un modo di controllarli. Semplicemente, penso che lo stare insieme sia un modo per condividere le proprie emozioni, per imparare a gestirle nel modo migliore. L aspetto ludico può essere importante in questo allenamento? L allenamento divertente deve essere somministrato a dosi adeguate. Occorre prestare attenzione alla situazione che la squadra sta vivendo. Se stiamo affrontando una vigilia appesantita da risultati precedenti negativi, mettere pressione ai giocatori è come porre il dito nella piaga. In questo caso può essere importante fare proposte anche di tipo ludico. Occorre prestare attenzione anche alla situazione opposta. Un eccesso di euforia può provocare un calo di concentrazione. 3

4 In questi casi è preferibile pretendere la massima attenzione dei ragazzi è non proporre esercitazioni a basso livello di concentrazione. Spesso il termometro che permette di verificare la giusta tensione della squadra è la partitella. Se i ragazzi sono reattivi, vanno a pressare, cercano la giocata in profondità e di prima intenzione, allora è l allenamento migliore che si possa realizzare. Se mi accorgo che giocano sotto ritmo o sono poco attenti e leziosi, allora è preferibile sospenderla e fare proposte alternative. Proporresti anche ai dilettanti di sostenere una rifinitura il giorno prima della gara? E importante ricordare che ogni categoria ha le sue regole e le sue caratteristiche. Se il calcio non è il tuo primo lavoro hai meno tempo da dedicargli e non è produttivo caricare troppo i ragazzi. E fondamentale comunque ricordare quanto sia importante, anche da dilettante, prepararsi al meglio. In alcuni casi occorre utilizzare metodi e strumenti che sono propri del professionista. Se sono un pescatore dilettante e voglio pescare del buon pesce, dovrò necessariamente imparare da chi è più bravo ed utilizzare gli strumenti più adeguati al mio obiettivo. ALCUNE ESERCITAZIONI / GIOCO SVOLTE DAL PAVIA CALCIO. Per il Mister Morgia il gioco è soprattutto un modo per stemperare la pressione. La proposta ludica ha una funzione soprattutto motivazionale, ma nasconde anche obiettivi tecnici ben precisi. Di seguito vengono illustrate tre esercitazioni che possono essere proposte al gruppo squadra in forma di gioco o di competizione. Per la ricchezza di contenuti possono certamente essere adattati anche a gruppi di lavoro formati da dilettanti e, se correttamente proposti, anche a gruppi del settore giovanile. Esercitazione N 1 Tre tocchi nel cerchio di centrocampo All interno del cerchio di centrocampo si affrontano due squadre, che andranno ad occupare ognuna una metà del cerchio. Il numero dei giocatori può variare da sei contro sei fino a dieci contro dieci. 4

5 In entrambi i semicerchi, che compongono il campo di gioco, vengono poste due porte laterali. L obiettivo delle squadre è fare gol nelle portine opposte dopo aver toccato obbligatoriamente tre volte la palla. La palla si può giocare esclusivamente a terra (figura 1). Porta laterale Porta laterale I rossi accorciano dove il pericolo è maggiore Il giocatore rosso contrasta a muro il tiro dell avversario Porta laterale Porta laterale Fig. 1 I coni blu sono i segnaposti che formano le quattro porte. I gialli si passano la palla a terra per due volte (frecce uno e due in figura). Il terzo tocco da parte del giallo deve essere un tiro in direzione di una delle porte difese dai rossi. L esercizio obbliga i gialli, che attaccano, a trovare soluzioni per andare al tiro con passaggi di prima. I rossi si organizzano per difendere la porta in cui è più alto il rischio di subire gol. Se i rossi evitano la rete possono contrattaccare con le stesse regole. Ogni gol corrisponde ad un punto. E interessante notare come, nell esecuzione del gioco, la squadra che attacca effettua movimenti di scaglionamento per trovare gli spazi necessari per concludere in porta, mentre la squadra che difende accorcia sul lato del campo in cui è più alto il rischio di subire la rete. Altro aspetto importante è la pressione di chi difende, verso colui che si prepara a calciare, con un movimento simile a quello del muro nella pallavolo. 5

6 Nell esercitazione vengono pertanto sviluppati e realizzati alcuni concetti fondamentali di presa di posizione e di scaglionamento in fase di possesso e non possesso palla. PRINCIPI DI TATTICA INDIVIDUALE O TECNICA APPLICATA FASE DI NON POSSESSO PRESA DI POSIZIONE Intercettamento e difesa della porta. FASE DI NON POSSESSO SCAGLIONAMENTO Concentrazione, equilibrio e controllo e limitazione del rischio. FASE DI POSSESSO SCAGLIONAMENTO Ampiezza, mobilità e imprevedibilità. Esercitazione N 2 Calcio tennis senza rete Il gioco si sviluppa su tutto il campo. Viene delimitata un area di circa 40 metri che divide il campo in due parti e che funge da rete virtuale. Le due squadre occupano i campi delimitati dalla linea di fondo e dalla linea tratteggiata. L obiettivo è di scavalcare l area neutrale con tre tocchi come nel calcio tennis. Il gioco si svolge al volo ad eccezione del primo tocco che può esser effettuato dopo un rimbalzo a terra del pallone (figura 2). Area squadra Rossa Area neutrale/rete virtuale Area squadra Gialla Terzo tocco=lancio lungo che scavalca l area neutrale Fig. 2 6

7 I gialli dopo due passaggi effettueranno un lancio lungo nell area della squadra rossa. Anche in questo caso è interessante notare la presa di posizione della squadra che difende. I rossi si concentreranno nel punto di caduta della palla per cercare di preparare al meglio il loro contrattacco. Il gioco permette inoltre la ricerca di una soluzione offensiva importante come il lancio lungo in direzione dell attaccante e consente il perfezionamento di tale fondamentale tecnico. Esercitazione N 3 Torello guidato in situazione di dieci contro dieci Uno spazio di quaranta metri per venti viene diviso in due zone di uguali dimensioni. Due squadre di dieci giocatori ciascuna occupano le due zone. Nella prima, i rossi fanno girare palla liberamente. Al primo fischio dell allenatore, un giallo si sposta nel campo rosso nel tentativo di recuperare la palla. I rossi possono utilizzare un solo tocco nella circolazione della palla. Al secondo fischio un altro giallo si sposta nel campo avversario. I rossi tenteranno il possesso a due tocchi in situazione di dieci contro due. Al terzo fischio, un terzo giocatore si sposta e la situazione sarà di dieci contro tre a tre tocchi. Nel caso di riconquista della palla da parte dei gialli, in una delle tre fasi del gioco, si continua analogamente a parti invertite. Nel caso di mancata riconquista, segue un quarto fischio che prevede una situazione di dieci contro dieci. Primo fischio Il giallo entra nella zona dei rossi nel tentativo di conquistare palla. I rossi giocano ad un tocco. L obiettivo del giallo è quello di conquistare e passare la palla in zona gialla. L obiettivo dei rossi è quello di difesa e protezione del pallone dall attacco avversario. 7

8 Il gioco a un tocco favorisce la ricerca di combinazioni veloci tra i rossi (figura 3). Zona Gialla Zona Rossa Fig. 3 Il fischio è il comando che fa muovere il giallo nella zona rossa. La squadra gialla si organizza in maniera tale che il giocatore che esce sia il più vicino alla palla. Secondo e terzo fischio A comando altri due giocatori gialli passano nell area rossa (freccia uno e freccia due in figura 4 a pagina sucessiva). Il possesso palla viene realizzato a due e successivamente a tre tocchi. I gialli possono fare gioco di squadra. Si realizzano situazioni di coperture difensive a due e a tre giocatori. 8

9 I gialli possono essere stimolati al raddoppio o al temporeggiamento. Si complica la situazione dei rossi che devono ricercare l ampiezza della zona di gioco e si ritrovano a fronteggiare l attacco di più di un giocatore giallo. Zona Gialla Zona Rossa 1 2 Fig. 4 Il giocatore giallo che va in aiuto può scegliere di raddoppiare, di temporeggiare oppure di andare a supporto del compagno in pressione sulla palla. Nella zona rossa i giocatori gialli aumentano. Cresce la difficoltà di mantenere il possesso palla. Riconquista della palla Il giocatore giallo, numero uno, che riconquista il possesso della palla, la gioca velocemente nella zona presidiata dai compagni. 9

10 I giocatori gialli, numero due e tre, ritornano nella loro zona insieme al giocatore rosso A. Zona Gialla Zona Rossa A Fig. 5 Nel momento di riconquista della palla diventa fondamentale ribaltare l azione velocemente, cercando di prendere l avversario in contropiede. Il gioco ricomincia in situazione di dieci gialli contro un rosso secondo le modalità precedentemente illustrate (figura 5). GABRIELE PECCATI Allenatore di Base Allenatore Pulcini Regionali A.c. Pavia 10

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Allenare i giovani d inverno con le partitelle a tema.

Allenare i giovani d inverno con le partitelle a tema. N.0 DICEMBRE 00 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 78 DEL /07/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE VIA

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1.

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1. N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United.

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United. articolo N. NOVEMBRE 200 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

Il ritiro per il Mister: il momento giusto per far capire e proporre il proprio metodo di lavoro.

Il ritiro per il Mister: il momento giusto per far capire e proporre il proprio metodo di lavoro. articolo N.33 LUGLIO-AGOSTO 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III.

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III. N.22 LUGLIO-AGOSTO 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

Corso Master 2011-12 Coverciano

Corso Master 2011-12 Coverciano Corso Master 2011-12 Coverciano TESI di FINE CORSO LE TRANSIZIONI NEL CALCIO MODERNO Allievo : Pasquale Ussia Relatore : Renzo Ulivieri Coverciano 03-0 7-2012 Master 2011-2012 Pasquale Ussia Pagina 1 Premessa

Dettagli

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera.

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera. N.55 LUGLIO-AGOSTO 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Aspettando il Natale, e le sorprese editoriali di www.allenatore.net, il sito si veste di nuovo.

Aspettando il Natale, e le sorprese editoriali di www.allenatore.net, il sito si veste di nuovo. N.47 NOVEMBRE 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente ESEMPIO 1 -- Giro dell Italia Gioco Presportivo a Coppie; Sport Basket; Abilità, Tiro al Canestro indicheremo con A l alunno Atleta con disabilità (DIR Non deamblante) Si contrassegna la metà campo nel

Dettagli

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA RELAZIONE TECNICA su: MACROCICLO dal 19/03/2012 al 24/03/2012

Dettagli

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE)

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) REGOLA NUMERO 12 FALLI E SCORRETTEZZE Un calcio di punizione diretto, da battere nel punto in cui è accaduto, è accordato alla squadra

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 2.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 2. N.25 NOVEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

LA MIA IDEA DI CALCIO

LA MIA IDEA DI CALCIO SETTORE TECNICO F.I.G.C. ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO CORSO ALLENATORE DI BASE UEFA B 2013-2014 MATERIA: TECNICA E TATTICA LA MIA IDEA DI CALCIO (PRINCIPI DI GIOCO) RELATORE: PROF. ADRIANO CADREGARI

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: UNA REGIONE IN MOVIMENTO MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014 Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO IL MINIVOLLEY Prof. Carmine Cavallaro GIOCOSPORT Premessa Mentre dagli

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

Come organizzare la squadra, in fase di costruzione, con esercitazioni mirate e partitelle a tema.

Come organizzare la squadra, in fase di costruzione, con esercitazioni mirate e partitelle a tema. articolo N.34 SETTEMBRE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Il gioco. 5.1. Come organizzarci

Il gioco. 5.1. Come organizzarci Il gioco 5 Che cos è È ogni esercizio o attività compiuta per divertimento o per sviluppare piacevolmente qualità fisiche o intellettuali. Perché giocare? Principalmente per il piacere di giocare. Attraverso

Dettagli

UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2

UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2 Pulcini 2 anno girone 28 UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2 02-04-2012 09:01 - Pulcini 2 anno Per dovere di cronaca dirò che la partita è finita con un tristissimo pareggio che, sinceramente,

Dettagli

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus.

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus. Per determinare il risultato delle partite si calcola il punteggio totale di ogni squadra e lo si converte in gol equivalenti in base ad opportune fasce di punteggio che definiremo elastiche. Il significato

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Il calcio come veicolo educativo.

Il calcio come veicolo educativo. N.42 MAGGIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1 A cura del Prof. Mario Testi - Testo del Prof. Loredano Rizzoni, Allenatore federale F.I.P.A.V. Il minivolley è un tipo d'attività ludica che utilizza i gesti tipici della pallavolo. In quest'attività

Dettagli

Come, quando e perché uscire dai pali.

Come, quando e perché uscire dai pali. N.01 SETTEMBRE 200 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO Uno all ESPERIENZE DALL ESTERO Non si tratta di un nuovo acquisto per la prima squadra, ma di un iniziativa del settore giovanile nerazzurro volta a migliorare gli aspetti metodologici e didattici grazie

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

Qualità dell allenatore, gestione del gruppo, allenamento: la parola a Mister Claudio Damiani.

Qualità dell allenatore, gestione del gruppo, allenamento: la parola a Mister Claudio Damiani. N.47 NOVEMBRE 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna CORSO CONI F.I.G.C. OTTANA TESINA INDIVIDUALE DI DONATELLA SANNA CATEGORIA PICCOLI AMICI OBIETTIVI FATTORE TECNICO COORDINATIVO colpire la palla e capacità

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 La manifestazione è riservata alla categoria Pulcini - nati nel 2004-2005-2006(che abbiano compiuto l ottavo anno).sarà svolta presso uno stadio,scelto tra le cinque

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015)

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) MARCATORI Mauri (L) al 25', Felipe Anderson (L) al 29' p.t.; Totti (R) al 2' e 19' s.t. ROMA De Sanctis; Maicon, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De

Dettagli

Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini

Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini Documento del capo di disciplina G+S Autore/Capo di disciplina: Bruno Truffer Ottobre 2014 UFSPO 2532 Macolin 2 Indice 1. Importanza

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia PROPOSTE ESEMPLIFICATIVE DI UNITÀ DI LAVORO PER LA FORMAZIONE DEL GIOVANE CALCIATORE di Biagio Savarese* Nel contesto dei corsi periferici Uefa B per l abilitazione ad allenatori di giovani e dilettanti

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi.

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi. articolo N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO

MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO CON IL PATROCINIO DI MANUALE TECNICO E DIDATTICO DEL FLAG FOOTBALL SCOLASTICO Insegnanti FIDAF Federazione Italiana di American Football Sede Legale: FIDAF c/o CONI Pal. H Largo Lauro De Bosis, 15 00135

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Di Enrico Mordillo In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra schemi motori di base,

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 INDICAZIONI GENERALI (Categoria e ) Nelle attività del nuovo progetto tecnico, il numero dei giovani coinvolti è sempre di 14 giocatori per squadra () e 12 giocatori per

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 SOCIETA PARTECIPANTI - ZOLA PREDOSA VIA GESSO 26 - DOMENICA 24 maggio 2015 Il Settore Giovanile e Scolastico del Comitato Regionale Emilia Romagna si congratula per il

Dettagli

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio guida + passaggio Dividere i giocatori in gruppi di 6 o più.

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

12 - METODI DI ALLENAMENTO

12 - METODI DI ALLENAMENTO 125 12 - METODI DI ALLENAMENTO L'allenamento si sviluppa mediante una successione ritmica e continua di sedute, composte da esercitazioni opportunamente scelte e collegate tra loro, da compiersi secondo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" - 2010 "4c4: un gioco

Dettagli

Articolo pubblicato sul Nuovo Calcio

Articolo pubblicato sul Nuovo Calcio Articolo pubblicato sul Nuovo Calcio Microcicli, mesocicli, ossigenazione, doppie sedute;.. fartlek o ripetute? Il lavoro atletico di mattina o il pomeriggio, la tecnica e la tattica, frutta o integratori?

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

Argomenti dei moduli:

Argomenti dei moduli: Argomenti dei moduli: L attacco nella pallavolo femminile di alto livello Muro/difesa e Contrattacco nella pallavolo femminile ad alto livello Alberobello 16 maggio 2004 L attacco si allena in funzione

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007. Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA. Autore: MAURIZIO SARRI.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007. Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA. Autore: MAURIZIO SARRI. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007 Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA Autore: MAURIZIO SARRI Relatore: FRANCO FERRARI 1 PREMESSA La prima premessa che voglio fare su

Dettagli

L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti. Dr. Sara Corbetti

L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti. Dr. Sara Corbetti L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti Dr. Sara Corbetti L ansia è un fenomeno naturale che si prova quando alcuni valori fondamentali (di sopravvivenza, sociali, psichici, sportivi)

Dettagli