CAPITALI PRIVATI E INVESTIMENTI PUBBLICI Position Paper

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITALI PRIVATI E INVESTIMENTI PUBBLICI Position Paper"

Transcript

1 CAPITALI PRIVATI E INVESTIMENTI PUBBLICI Position Paper Veronica Vecchi Elio Borgonovi Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano

2 Capitali privati e investimenti pubblici - position paper A cura di Veronica Vecchi e Elio Borgonovi Obiettivo Con questo position paper, il Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico dell'università Bocconi intende fornire alcune riflessioni sull'impiego dei capitali privati per la realizzazione di opere pubbliche e infrastrutture, che sembra rappresentare uno degli ambiti di attenzione del nuovo Governo. Si tratta di riflessioni che nascono dall'attività di ricerca condotta negli ultimi dieci anni in tema di public management e di partnership pubblico privato (di seguito PPP) e dal confronto con manager di aziende pubbliche e private nell'ambito dei programmi di formazione executive della Scuola di Management dell'università Bocconi. Dalla nostra prospettiva di osservazione riteniamo che siano meritevoli di attenzione i seguenti punti: 1. Creare un quadro normativo di riferimento, con il supporto di tutti i principali portatori di interesse (degli operatori pubblici e privati) per il partenariato pubblico privato nell'ambito del quale ciascuna amministrazione possa costruire contratti adeguati per le specifiche esigenze; 2. Favorire lo sviluppo di una maggior conoscenza reciproca tra operatori pubblici e privati quale presupposto per la costruzione di contratti efficienti, efficaci e bilanciati e di maggiori competenze specialistiche; 3. Individuare modalità di contabilizzazione dei contratti di PPP coerenti con la loro natura per evitarne un utilizzo inappropriato finalizzato solo al rispetto dei vincoli di indebitamento e del patto di stabilità interno. Questi punti rappresentano l'essenza del position paper elaborato, che affronta in modo dettagliato i seguenti argomenti, fornendo per ciascuno di essi alcuni punti di attenzione per le Istituzioni competenti: \. Il Partenariato Pubblico Privato: finanziamento e procedure giuridiche per la selezione degli operatori privati; 2. Il project fìnance; 3. Il leasing; 4. La contabilizzazione; 5. Rischi e valutazione di convenienza; 6. Il credit crunch. Questo gruppo di lavoro è, inoltre, disponibile a fornire ulteriori approfondimenti e a prendere parte a eventuali gruppi di lavoro sul tema.

3 1. Il ppp II quadro normativo italiano, così come si è andato a delineare negli ultimi dieci anni, ha generato una sovrapposizione tra: procedure giuridiche per la selezione degli operatori privati con i quali stipulare contratti di PPP; forme contrattuali e strumenti di finanziamento utilizzabili per realizzare operazioni di PPP. Alcuni esempi possono chiarire il punto. La procedura di cui all'art. 153 del D.lgs 163/2006 (di seguito Codice dei Contratti] è indicata come "finanza di progetto" ma nella stessa non si prevede l'obbligatorietà della costituzione della società di progetto, che, invece, è elemento cruciale per il finanziamento in project financing di un investimento. All'art. 143 dello stesso Codice è disciplinata la concessione, ma non si specifica che questa procedura può essere impiegata anche per la realizzazione di operazioni di project finance. Si tratta, cioè, di un quadro normativo che si è e formato per progressive stratificazioni, per tener conto dell'esperienza maturata ma anche delle posizioni dei differenti portatori di interesse. Sarebbe opportuno introdurre nel codice dei contratti un articolo che faccia ordine e sintesi, indicando le procedure giuridiche, le forme contrattuali e gli strumenti finanziari che possono essere impiegati per realizzare e gestire opere pubbliche e infrastrutture attraverso forme di PPP. Un articolo che dovrebbe quindi tracciare un perimetro nel quale le amministrazioni possano individuare le modalità più adeguate per rispondere agli specifici fabbisogni. O, nel quale, gli operatori privati, possano individuare le soluzioni maggiormente competitive per rispondere a un certo fabbisogno espresso dall'amministrazione. Un articolo che recuperi anche la necessaria coerenza con le più specifiche norme di settore che intersecano l'applicazione del PPP. Un articolo, infine, che dovrebbe trovare un'interfaccia operativa nell'ambito del regolamento attuativo d.lgs 207/2010 o di linee guida istituzionali. Di seguito si fornisce un quadro schematico di riferimento che potrebbe essere utile per delineare il perimetro del PPP, chiarificandone il significato e le modalità di applicazione al finanziamento, realizzazione e gestione delle opere pubbliche. Il PPP è un contratto che prevede un'allocazione di responsabilità tra operatori pubblici e privati. In funzione all'oggetto del PPP si possono avere differenti forme contrattuali. Le più utilizzate in Italia e in Europa sono: 1) design & build (DB), che affida all'operatore privato la progettazione e costruzione di un'opera, con finanziamento a carico dell'amministrazione pubblica (si tratta del contratto noto anche con il termine appalto integrato chiavi in mano); 2) operation & maintenance, che affida all'operatore privato latola gestione di un servizio pubblico; 3) design, build & operate, che affida all'operatore privato la progettazione e costruzione di un'opera e la gestione del servizio a essa correlato, con finanziamento a carico dell'amministrazione pubblica;

4 4) build, lease and transfer, che affida a un pool di operatori (industriali e finanziari) la [progettazione], il finanziamento in leasing, la costruzione di un opera [ed eventuale la sua manutenzione]; al termine del contratto è previsto il trasferimento della piena proprietà dell'opera all'amministrazione; 5) design, build, fìnance and operate, che affida all'operatore privato la progettazione, finanziamento, costruzione e gestione di un'opera funzionale all'erogazione di servizi a titolarità pubblica (opere cosiddette a tariffazione sulla PA); 6) build, operate and transfer, che affida all'operatore privato la progettazione, finanziamento, costruzione di un'opera e la gestione del servizio correlato (opere cosiddette a tariffazione sull'utenza), i cui ricavi contribuiscono totalmente o in parte alla copertura dei costi (di gestione e di investimento) e alla remunerazione dei capitali investiti. Volendo collocare queste sei forme contrattuali su un asse immaginario di allocazione delle responsabilità tra pubblico e privato, a sinistra si trovano i contratti con minori rischi a carico del privato, come quello di O&M, e man mano ci si muove verso destra (e quindi man mano aumentano le responsabilità e i rischi a carico degli operatori privati) si trovano i contratti di DBO; BLT; DBFO e BOT. In ogni caso sono possibili anche altre forme contrattuali di PPP che combinano in modo diverso le responsabilità/rischi del committente pubblico e dell'operatore privato, come per esempio il contratto EOO utilizzato a livello internazionale, soprattutto nel mondo anglosassone, per avviare processi di privatizzazione dei servizi pubblici. 3 modelli di PPP per il finanziamento degli investimenti 100% Pubblicoo Operatìon & Maimenance (OM) Design - Bui Operate (Dt [ 1. i Design & Build (DB) a- 3) Build -Lease - Transfer (BLT) Design -Build- Finance - Operate (DBFO) BJ Build - Operate -Transfer (BOT) ild-own Operate (800) 1C Fri Con riferimento al finanziamento di un investimento nell'ambito di contratti di PPP, tre sono gli strumenti utilizzabili da parte degli operatori privati: project fmancing leasing finanziario finanziamento strutturato II project fmancing è una particolare modalità di finanziamento di un progetto di investimento che prevede che questo sia inglobato in un veicolo societario (la cosiddetta SPV - special purpose vehicle o società di progetto) che ha come unico obiettivo la realizzazione e gestione del progetto stesso. La SPV raccoglie i fondi,

5 principalmente capitali di debito e stipula contratti chiavi in mano con operatori specializzati chiamati a progettare, realizzare e gestire l'opera o i servizi ad essa connessi. La SPV è quindi uno snodo di contratti che consentono di isolare il progetto e di "schermarlo" dai rischi operativi. Ciò rende il progetto flnanziabile, anche su base non recourse (sebbene ciò sia poco frequente in Italia), con elevata leva finanziaria che riduce conseguentemente il fabbisogno del più oneroso capitale di rischio. Da ciò ne deriva che la costituzione della società di progetto rappresenta sicuramente conditio sine qua non per il finanziamento in project fìnancing di un investimento. Il leasing finanziario rappresenta, invece, il finanziamento di un progetto con impiego totale di debito, il cui costo finanziario è inferiore rispetto a quello del project fìnancing per effetto di due elementi: i. il finanziamento è definito sulla base del merito di credito pubblico, poiché l'amministrazione è la controparte del soggetto finanziatore; ii. conseguentemente, le norme di settore impongono un minor accantonamento di capitale di vigilanza da parte del soggetto finanziatore stesso. Un finanziamento strutturato è generalmente un finanziamento di medio - lungo termine definito sulla base delle specifiche caratteristiche del progetto. Seppur project fìnancing e leasing rappresentino una sottocategoria del finanziamento strutturato, a esso ci si riferisce quando un operatore privato (singolarmente o in ATI) raccoglie capitali di debito per finanziare un'operazione di PPP. Generalmente, in questo caso il capitale di debito non finanzia più del 50% del valore dell'iniziativa. In questo caso il costo del capitale è quotato in riferimento al merito di credito dell'operatore privato. Altro elemento essenziale per la configurazione di operazioni di PPP è il loro grado di remuneratività. Raramente il PPP per lo sviluppo di opere a tariffazione sull'utenza (modello BOT) risulta auto-remunerativo (financially free standing), perché le tariffe applicate all'utenza non sono in grado di coprire i costi di gestione, di investimento e di remunerazione del ^capitale. Ciò impone l'intervento di un supporto pubblico, nella forma di contributi in conto gestione o in conto capitale. In altri casi, tale integrazione può avvenire attraverso la concessione di spazi sfruttabili commercialmente. Nel caso delle opere a tariffazione sulla PA, il rimborso dei capitali investiti e dei costi di gestione è generalmente garantito da un corrispettivo a carico delle amministrazioni committenti (una disamina sulla struttura dei ricavi nelle operazioni a tariffazione sulla PA è presentata di seguito). Da questa disamina appare esplicito che non esiste un modello "onefìts ali"; in altri termini che le soluzioni contrattuali, procedurali e finanziarie esistono*e sono state ampiamente sperimentate in Italia e all'estero e che è importante creare un contesto nel quale gli operatori possano e sappiano individuare le modalità più adeguate per rispondere ai fabbisogni infrastrutturali.

6 Questo, pertanto, richiede non solo un quadro normativo meno stratificato e più snello, ma soprattutto COMPETENZE diffuse. L'esperienza, come nel caso dei derivati o delle cartolarizzazioni o del PPP stesso, ha dimostrato come le competenze siano il vero anello debole del sistema, soprattutto quelle pubbliche. Sviluppare competenze diffuse significa stimolare un maggior allineamento e conoscenza reciproca (del pubblico e del privato) e creare centri di specializzazione sul territorio (a livello sovra comunale o provinciale per le amministrazioni e con il supporto delle associazioni per gli operatori privati) che possano supportare i singoli nello sviluppo delle specifiche operazioni. Poter realizzare buone operazioni di PPP non dipende, infatti, come molti affermano, dalla possibilità di utilizzare buoni consulenti, magari con competenze certificate o appartenenti a taluni albi professionali. Infatti, anche in questo caso l'esperienza dimostra che affidare a consulenti esterni la strutturazione o gestione di operazioni complesse come quelle di PPP può non essere la soluzione più adeguata, pur tuttavia la più onerosa. Inoltre, la scelta del consulente stesso richiede competenze nella strutturazione della procedura a evidenza pubblica e nel coordinamento delle sue attività. In ogni caso, il loro supporto, puntuale e specifico, può essere utile. Operazioni adeguate, efficienti ed efficaci dipendono da un'amministrazione (e da operatori) competente. Risparmi, di breve termine, nella formazione, come quelli sperimentati nell'ultimo anno, possono comportare maggiori costi futuri dovuti alle inefficienze, che, nel caso di operazioni di PPP, contano anche alcuni milioni di euro per ogni operazione. Un importante benefìcio per Io sviluppo adeguato del PPP, a vantaggio del sistema nel suo complesso, potrebbe derivare anche da azioni di sistema, realizzate in modo sinergico da tutti i principali portatori di interesse, attraverso le loro associazioni, finalizzate alla definizione di modelli standard di riferimento (bandi, contratti, valutazioni di convenienza, modelli finanziari) utili a guidare gli operatori nella strutturazione delle operazioni di PPP. 2. Le applicazioni del PPP in Italia - il project finance Negli ultimi dieci anni in Italia si è assistito a un'ampia applicazione di contratti di concessione di costruzione e gestione, molti dei quali finanziati in project financing, per la realizzazione e gestione delle opere pubbliche. Si è comunque assistito a un utilizzo contingente dello strumento, dettato dalla necessità di trovare soluzioni alla carenza di fondi pubblici e ai limiti imposti dal patto di stabilità. Questo ha spesso spostato in secondo piano i vantaggi derivanti dal PPP in relazione all'allocazione dei rischi ai soggetti più adeguati per mitigarli o neutralizzarli. 2.1 Procedura giuridica e riflessi sull'efficienza ed efficacia complessiva dell'operazione Nel caso delle concessioni finanziate in project financing, le amministrazioni hanno utilizzato sia la procedura ex art. 143, con progetto preliminare a base di gara; sia quella ex art. 153, con studio di fattibilità a base di gara. Da un'atialisi condotta su un campione di operazioni di project fìnance in sanità (Amatucci, Vecchi e Germani 2007], i cui risultati possono comunque essere generalizzati anche ad altri settori, risulta che nelle operazioni avviate sulla base della procedura di cui all'art. 143 (con progetto preliminare e piano economico -

7 finanziario predisposti dall'amministrazione per la strutturazione della gara) il numero di gare andate deserte si riduce significativamente, passando dal 58% (ex art. 153) al 14% [ex art. 143). Queste analisi e l'osservazione di molti casi portano ad affermare che un adeguato processo di valutazione ex ante del progetto (struttura contrattuale, allocazione dei rischi e dimensione economica e finanziaria) ne migliora l'efficacia e la convenienza, grazie a: sviluppo di legittimazione e reputation da parte dell'amministrazione e del progetto stesso da cui dipende l'attrazione di nuovi investitori, anche esteri, e quindi un allargamento dell'arena competitiva; acquisizione di un maggior potere contrattuale da parte dell'amministrazione, grazie a una conoscenza più approfondita del mercato e della specifica operazione, da cui dipende l'ottenimento di un miglior livello di trasferimento dei rischi; il contenimento dei margini di redditività per l'operatore privato o la definizione del livello ottimale di supporto pubblico all'operazione. L'utilizzo di procedure a iniziativa puramente privata (art. 153 co. 19), in un contesto caratterizzato da competenze carenti, genera strutturalmente un'asimmetria informativa con conseguenze negative per il pubblico interesse. L'obiettivo di arrivare alla stipula del contratto, sia da parte degli operatori privati sia da parte delle amministrazioni sotto la spinta della ricerca/affermazione di un consenso politico, potrebbe far perdere di vista elementi essenziali per la sostenibilità e bancabilità del progetto. Inoltre, l'iniziativa privata combinata al diritto di prelazione può ridurre drammaticamente il livello di concorrenzialità a scapito dell'interesse pubblico. 2.2 Operazioni a tariffazione sulla PA Le concessioni di costruzione e gestione finanziate in project financing hanno trovato ampio utilizzo anche per il finanziamento di operazioni a tariffazione sulla PA (uffici, scuole, ospedali, nel prossimo futuro carceri). Il modello applicato in Italia, soprattutto sotto l'influenza del modello anglosassone e anche come conseguenza dell'istituto giuridico della concessione (che richiede lo sfruttamento economico/commerciale dell'investimento realizzato), ha visto l'affidamento all'operatore privato di molti servizi non core (situazione che è stata portata ai massimi estremi nel settore sanitario). Questo modello ha spesso spostato l'onere del rimborso dell'investimento all'interno del canone dei servizi non core, consentendo talvolta di giustificare, seppur apparentemente, l'assorbimento del maggior investimento con i risparmi gestionali conseguiti. Ciò ha comportato alcune inefficienze, spesso non adeguatamente comprese dalle amministrazioni, tra cui: adeguamento della quota di rimborso del capitale di debito all'inflazione, come conseguenza del fatto che il canone dei servizi è agganciato a questo parametro; ciò ha comportato un maggior costo a carico dell'amministrazione rispetto al tasso di interesse, che in queste operazioni è generalmente fìsso;

8 rigidità nell'eventuale rinegoziazione dei canoni per i servizi, soggetti ad elevata variabilità; azzeramento o quasi dei canoni di disponibilità per il rimborso del capitale con la conseguente maggior difficoltà di cessione delle quote della SPV, al termine della costruzione, a investitori terzi (operanti nel cossidetto mercato secondario), quali i fondi infrastrutturali, che consentirebbero ai costruttori (generalmente i principali sponsor dei progetti) di liberare capitale da reinvestire in futuri progetti di investimento. Inoltre questa pratica di inglobare molti servizi non core nelle operazioni di PPP riduce fortemente la competitivita e rischia di rendere "l'acquisto" di questi servizi scarsamente conveniente. Infatti, spesso, i principali attori del PPP, in fase di gara, sono i costruttori e la valutazione delle operazioni di PPP è prevalentemente spostata sull'investimento stesso. Queste operazioni, cosiddette "bundled", rischiano di escludere dal mercato i piccoli operatori fornitori di servizi, che sono spesso costretti a erogare questi servizi non core attraverso subcontratti, a condizioni di "sotto costo" o di non adeguata performance. Inoltre, tra gli operatori, sia pubblici che privati, è molto diffusa l'idea che il maggior sforzo amministrativo e gestionale iniziale per stipulare un contratto di PPP possa essere più che controbilanciato dal fatto che le amministrazioni non dovranno impostare e gestire, nei successivi venti o trent'anni, altre procedure di gara per l'approvvigionamento di servizi non core, con significativi risparmi di tempo e di denaro. Si tratta di un'idea assolutamente infondata: infatti, come è stato dimostrato dalle indagini condotte dal National Audit Office nel Regno Unito (NAO 2010), la performance del PPP dipende dalla capacità di monitoraggio e gestione dei contratti, attività che potrebbe forse essere ben più onerosa rispetto alla preparazione o gestione di gare tradizionali. Di questo ne sono ormai consapevoli alcuni operatori del PPP e associazioni di categoria, come risulta da una ricerca qualitativa condotta presso un campione rappresentativo di operatori attivi nel PPP in sanità (Vecchi \2011). La maggior parte di essi (ad eccezione, come è ovvio, dei generai contractor) sono a favore di contratti "unbundled", ovvero di contratti più snelli per le operazioni a tariffazione sulla PA che prevedano tra le prestazioni affidate ai privati solo quelle relative a progettazione, finanziamento, costruzione e gestione dei servizi strettamente correlati all'opera realizzata (manutenzioni, ordinarie e straordinarie, e la gestione del calore). La remunerazione dovrebbe pertanto avvenire attraverso canoni di disponibilità, resi variabili da eventuali penali per performance negative nella gestione dei servizi. La previsione di un canone di disponibilità a copertura dell'investimento sicuramente risolve i problemi delineati sopra derivanti dall'utilizzo estensivo dei canoni per i servizi non core, ma apre un'altra problematica. E', infatti, evidente che qualsiasi sia la forma data al canone di disponibilità esso rappresenta il corrispettivo per il rimborso dei capitali (di debito, in prevalenza, e di equity). A tal proposito va ricordato che la disciplina tracciata dal Testo

9 Unico Bancario prevede che i soli soggetti autorizzati a svolgere attività finanziaria sono quelli iscritti nell'apposito albo di Banca d'italia. Nelle operazioni di PPP i soggetti finanziari sono esterni all'operazione e pertanto un canone di disponibilità che è prevalentemente destinato a remunerare un finanziamento potrebbe configurare attività finanziaria abusiva. Da ciò può derivare un limite nell'introduzione/rafforzamento del contratto di disponibilità in cui la controparte della PA sia un generai contractor o un operatore industriale. Va inoltre notato come sia il pagamento dell'investimento attraverso il canone dei servizi o il canone di disponibilità determini una diseconomia fiscale dovuta al fatto che su entrambi è applicata una aliquota IVA ordinaria, mente la maggior parte degli investimenti sono soggetti a una aliquota iva ridotta. Questo tema apre la discussione sull'opportunità di finanziare in leasing per le opere a tariffazione sulla PA, di cui si parlerà nel paragrafo 4. Le operazioni di project finance per le opere a tariffazione sulla PA dovrebbero essere strutturate secondo un modello unbundled, escludendo la gestione dei servizi non core, che potrebbe essere affidata sulla base di contratti specifici di medio termine. Il canone di disponibilità dovrebbe pertanto essere definito in modo tale da coprire il costo dell'investimento e la remunerazione dei portatori di capitali (debito ed equity). Questo potrebbe essere in distonia con la normativa bancaria 2.31 rendimenti nelle operazioni di PPP Come evidenziato in numerose ricerche e come si può osservare nella pratica, il mercato del PPP è molto concentrato e il numero delle offerte è spesso limitato [solo nelle operazioni più grandi si osserva un numero di offerte pari a 5/6]. Questo comporta un'evidente inefficienza, che può arrivare a situazioni più gravi nelle operazioni a tariffazione sulla PA come scritto sopra. L'inefficienza può essere dovuta alla quotazione di costi più alti di quelli che potrebbero essere conseguiti in gare d'appalto tradizionali [senza considerare gli effetti distorsivi generati dai massimi ribassi). Costi più alti di quelli che normalmente dovrebbero essere quotati anche in considerazione dei rischi che gli operatori devono fronteggiare nelle operazioni di PPP. In particolare, alcune ricerche condotte dall'università Bocconi in collaborazione con l'università di Edimburgo (Vecchi e Hellowell, 2009; Vecchi et al. 2010, Hellowell e Vecchi 2012, Vecchi et al. 2012) hanno evidenziato, in Italia e nel Regno Unito, extra rendimenti nella remunerazione dell'equity (puro e blended).^rispetto ai livelli adeguati per operazioni di PPP. Queste ricerche hanno stimato uno differenziale variabile tra il 5% e il 15% annuo. Nel Regno Unito è in corso un processo di revisione delle operazioni di PPP al fine di contenere questi extra rendimenti. In Italia, questi extra rendimenti sul capitale investito sono risultati inferiori rispetto a quelli registrati nel Regno Unito. Ciò potrebbe essere la conseguenza del fatto che tali extra rendimenti sono stati spostati sul prezzo dell'investimento. Infatti, in Italia, nella maggior parte dei casi, gli investitori sono operatori industriali coinvolti soprattutto nella fase dei lavori.

10 Altro elemento da evidenziare, che spesso comporta elevati rendimenti, pur non adeguatamente tracciati, è il lungo tail period, ovvero il tempo che intercorre dal termine del rimborso del finanziamento bancario e il termine della concessione. Se il tail period è molto lungo si potrebbero avere rendimenti molto elevati non adeguatamente valutati nei parametri impiegati per l'analisi di convenienza dei progetti, basati in genere sull'attualizzazione dei flussi di cassa. Sarebbe auspicabile, da un lato, rafforzare la fase di analisi della fattibilità e bancabilità del progetto e di negoziazione e rinegoziazione da parte dell'amministrazione (da cui ne consegue un richiamo sulla necessità di investimenti in competenze diffuse). Dall'altro lato, la definizione di alcuni parametri di riferimento, che potrebbero essere utili anche per gli operatori privati, per quotare/valutare il rendimento del capitale investito. 2.4 Bancabilità dei progetti Come evidenziato sopra, tratto distintivo delle operazioni di project finance è il fatto che il soggetto finanziatore (portatore di capitale di debito) è esterno al progetto e in genere interviene a seguito dell'aggiudicazione provvisoria o definitiva. Conseguenza di questo sono lunghi tempi di negoziazione spesso sperimentati tra la SPV (costituita o costituenda) e il pool di banche con il rischio che l'avvio del cantiere debba essere finanziato direttamente dal costruttore. Questo apre la strada a due temi. Da un lato, la necessità di prevedere (eventualmente anche con una apposita norma) che l'aggiudicazione definitiva avvenga al Financial dose (questo a tutela sia dell'amministrazione ma anche degli operatori industriali). Dall'altro, il ruolo delle banche. L'obbligo di asseverazione è risultato nella pratica un elemento a scarso valore aggiunto. Innanzi tutto le asseverazioni non forniscono indicazioni utili alle amministrazioni che devono valutare le offerte e comunque tali valutazioni dovrebbero essere eseguite in modo autonomo dalle amministrazioni stesse (a patto che vi siano adeguate competenze, che quindi vanno sviluppate). Inoltre, molti finanziatori spostano la verifica di bancabilità, come detto, al financial dose, lasciando che l'asseverazione sia una valutazone di sola correttezza formale del piano economico e finanziario prodotto dall'ati offerente. Va, inoltre, ricordato che tali asseverazioni comportano un onere per chi partecipa alla gara che potrebbe appesantire la struttura dei costi del progetto o dell'offerente (in caso di non aggiudicazione). Sarebbe auspicabile aprire un confronto con TABI al fine di comprendere come rendere possibile un committment delle banche già in sede di proposta. In ogni caso si ritiene che l'asseverazione così com'è attualmente formulata non generi alcun valore aggiunto per il progetto. 3. Le applicazioni del PPP in Italia - il leasing,* Con riferimento alle operazioni di leasing va notato che lo strumento è stato molto utilizzato per operazioni di piccolo taglio (valore medio pari a 6 milioni di euro, ricerca SDA Bocconi per Assilea 2011), soprattutto per rispondere al fabbisogno d'investimenti in un contesto dominato da forti vincoli di bilancio

11 imposti dalle regole del patto di stabilità interno. Dalla ricerca condotta da SDA Bocconi per Assilea, 2011, un terzo delle amministrazioni che hanno aggiudicato operazioni di leasing, che rappresentano la totalità del campione intervistato, hanno affermato che hanno fatto ricorso al leasing per un vantaggio di tipo contabile. Il potenziale dei leasing come strumento di finanziamento di operazioni di PPP non è stato comunque adeguatamente colto nella pratica. Esso, infatti, ha trovato applicazione come strumento alternativo al mutuo tradizionale. Dalla ricerca sopra citata emerge, infatti, che nella maggior parte dei casi i progetti messi a base di gara sono progetti di tipo definitivo o esecutivo [questo limita il trasferimento del rischio dì costruzione) e che le operazioni hanno prevalentemente riguardato la sola realizzazione chiavi in mano di opere, lasciando all'amministrazione il rischio di disponibilità. Ne consegue che l'applicazione del leasing non ha consentito di conseguire quell'allocazione dei rischi tipica del PPP che permetterebbe peraltro la contabilizzazione off balance sheet (non a debito) indicata da Eurostat. Vantaggio che, comunque, nella pratica è stato colto grazie a un regime di contabilizzazione previsto in Italia che non distingue tra leasing finanziario e leasing operativo, spostando l'onere del canone nel suo complesso sul titolo primo delle spese. Altro elemento che ha ridotto il potenziale del leasing è stato l'atteggiamento del mercato, che si è dimostrato restio a individuare soluzioni pienamente coerenti con le caratteristiche del PPP. Affinchè i contratti di leasing possano essere una modalità operativa per realizzare operazioni di PPP è necessario che l'amministrazione trasferisca al pool di operatori privati (la forma più utilizzata tra quelle previste dall'alt 160 bis è TATI) sia il rischio di progettazione e costruzione sia quello di disponibilità dell'opera realizzata, attraverso la stipula di un contratto unico che diventi il veicolo con il quale si allocano le responsabilità al di fuori dell'amministrazione. Come peraltro avviene nel caso di operazioni di project finance con la SPV, come scritto sopra. Il trasferimento del rischio di progettazione e costruzione può essere conseguito attraverso la strutturazione di operazioni che prevedano un progetto preliminare a base di gara e il pagamento del canone/corrispettivo a partire dalla data del collaudo, con una eventuale applicazione di penali per ritardi, a carico dell'ali e in particolare del costruttore. " II trasferimento del rischio di disponibilità può, invece, essere collegato alla presenza, da un lato, di assicurazioni che garantiscano la copertura dai rischi di danneggiamento dell'opera e, dall'altro, di prestazioni di manutenzione ed eventualmente gestione del calore, che garantiscano la piena utilizzabilità e funzionalità dell'opera ai fini dell'erogazione del servizio pubblico (che nel caso di opere a tariffazione sulla PA rimane nella piena responsabilità dell'amministrazione appaltante). In relazione al contratto unico e al rischio di disponibilità è attualmente in corso un acceso dibattito che coinvolge soprattutto l'associazione dei comuni (ANCI), l'associazione delle società di leasing (ASSILEA) e dei costruttori (ANCE) (Vecchi 2011, Economia & Management n.5). Le posizioni di queste tre ass'ociazioni sono al momento non convergenti e questo genera incertezze nel mercato, che si sono recentemente acuite a seguito del parere della Corte dei Conti a sezioni riunite (n. 49/2011) che indica chiaramente come il leasing finanziario sia uno strumento di finanziamento degli investimenti pubblici assimilabile al mutuo,

12 sempre che non venga impiegato come strumento di finanziamento di operazioni di PPP. Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalla combinazione di questi elementi: previsione di un contratto unico con chiara identificazione, tramite matrice dei rischi, dei rischi a carico dei soggetti che compongono TATI previsione di una cauzione durante i lavori convertibile in una cauzione (di minor ammontare durante la fase di gestione) sulla quale l'amministrazione si potrebbe rivalere per applicare le penali dovute a una ridotta performance rispetto agli standard contrattuali. A oggi per la strutturazione di operazioni di PPP con l'impiego dello strumento del leasing immobiliare serve un maggior sforzo da parte di tutti i portatori di interesse finalizzato a definire un modello che consenta una bilanciata allocazione dei rischi, che tenga in considerazione da un lato i requisiti di una operazione di PPP e i vincoli imposti da Banca d'italia alle società di leasing. Si ritiene, infatti, che lo strumento del leasing possa rappresentare un valido strumento di finanziamento per il PPP (opere a tariffazione sulla PA e opere a tariffazione sull'utenza con spiccati connotati di tipo sociale) soprattutto per la sua minor onerosità sia sul piano procedurale sia sul piano del costo complessivo dell'operazione. Sul piano procedurale esso è adeguato soprattutto per opere di piccola - media dimensione poiché prevede una procedura abbastanza semplice (esso si regge sull'istituto dell'appalto) e standardizzabile, alla portata anche dei medi e piccoli enti. Sul piano del costo complessivo dell'operazione esso è sicuramente più conveniente per le opere a tariffazione sulla PA rispetto a contratti di project finance per queste ragioni: il project finance impone un costo finanziario maggiore per le ragioni esposte nel paragrafo 1; inoltre, come evidenziato sopra, il project finance non^è ad oggi neutrale da un punto di vista fiscale con riferimento all'iva, che rappresenta un costo non recuperabile per l'amministrazione. Tale maggior onerosità è stata testata impiegando l'analisi di value for money che mostra come un'opera finanziata in leasing costi circa dal 30% al 50% in meno rispetto a una finanziata in project financing (costo complessivo attuale netto). Inoltre, va evidenziato che nel caso in cui il corrispettivo per l'operazione di leasing contenga oltre al canone anche le manutenzioni su queste ultime si estende l'iva agevolata, in quanto prestazioni accessorie, con un significativo risparmio per l'ente rispetto a operazioni di project finance o a contratti tradizionali di appalto di servizio. Il leasing, inoltre, potrebbe rappresentare una soluzione molto interessante anche per grandi progetti a tariffazione sulla PA, come ospedali e carceri.

13 A tal proposto vi è però da evidenziare l'elevata concentrazione del mercato su pochi operatori finanziari (le società di leasing) che riduce la concorrenza. Infatti, in un'operazione di PPP finanziata in leasing la società finanziaria partecipa alla gara. Da ciò deriva una bassa concorrenza dovuta al fatto che vi sono pochi operatori finanziari (gruppi bancari) rispetto al numero di potenziali imprese di costruzione. Questa concentrazione sarebbe maggiormente accentuata nel caso di grandi operazioni, per le quali si assisterebbe a una ulteriore riduzione della concorrenza, come peraltro si è avuta nel caso dell'operazione per la realizzazione del palazzo della Regione Piemonte dove le società finanziarie si sono polarizzate in due cordate. Questa concentrazione andrebbe quindi a detrimento anche delle piccole e medie imprese che si trovano tendenzialmente escluse da questo mercato, in cui il dominus effettivo dell'operazione è la società finanziaria, molto attenta alla solidità patrimoniale del suo partner industriale. Sarebbe auspicabile stimolare un confronto tra tutti i portatori di interesse (ANCI, ANCE, Corte dei Conti, AdV, Assilea, AB1, Cipe) al fine di individuare modalità operative di applicazione del leasing che consentano di fruttare appieno le sue potenzialità come strumento di finanziamento di operazioni di PPP a tariffazione sull'utenza. 4. Contabilizzazione Come scritto sopra, il ricorso al PPP è stato spinto soprattutto dai limiti imposti dal contenimento del debito pubblico e dal taglio dei trasferimenti. Il quadro contabile è comunque in forte evoluzione e questo necessita una chiara posizione istituzionale. Da un lato Eurostat ribadisce la necessità di allocare all'operatore privato i rischi dell'operazione (per le operazioni a tariffazione sulla PA in particolare i rischi di costruzione e di disponibilità, posto che il rischio di domanda non sussiste in tali contratti), proponendo un modello di contabilizzazione basato sul modello "risk & reward". Dall'altro lato si sta affermando il modello di contabilizzazione basato sul principio del "control". l'international Public Sector Accounting Standard (IPSAS) Board ha recentemente avviato un progetto per la redazione di un^principio contabile sulle concessioni e a febbraio del 2010 ne è stata pubblicata una bozza (Exposure Draft - ED - n. 43), che ricalca l'ifric 12 per il settore privato. In base a questo principio assumono rilevanza due principi: l'esistenza del controllo e dell'interesse residuale sul bene realizzato; 1'esistenza/inesistenza di pagamenti diretti da parte del soggetto pubblico. Inoltre, va notato come il manuale SEC nell'edizione del 2010 renda più severo il trattamento di quelle operazioni che prevedono ingenti contributi o garanzie da parte delle amministrazioni committenti. Da questa breve disamina è evidente come il PPP, specie per le opere a tariffazione sulla PA o a tariffazione sull'utenza a forte connotazione sociale, implica un impatto dell'operazione sul bilancio pubblico e spesso configura forme di rimborso di capitale di debito mascherato sotto terminologie differenti

14 (canoni, corrispettivi eccetera), tra le altre cose a costi talvolta ben più alti di quelli di una tradizionale operazione di indebitamento. E' pertanto importante diffondere una cultura, supportata anche da chiari orientamenti istituzionali, che sappia cogliere i vantaggi del PPP come modello contrattuale che può consentire importanti efficienze sul piano degli investimenti e delle connesse gestioni. Il PPP non deve essere utilizzato, quindi, come modello per consentire agli enti di realizzare gli investimenti attraverso modalità contabili di favore. Per tali ragioni si propone una riflessione attenta sulle modalità di contabilizzazione del PPP che sia ispirata da principi di trasparenza e neutralità contabile tra i vari strumenti/forme contrattuali. 5. Rischi e valutazione di convenienza Nel mondo anglosassone l'introduzione del PPP è stata supportata da analisi di value for money che avevano il solo scopo di dimostrare la convenienza dello strumento. Molte ricerche condotte nel Regno Unito hanno, infatti, dimostrato il carattere soggettivo di tali analisi, evidenziando la portata distorsiva dell'analisi quantitativa del rischio. Nel 2009 Autorità di Vigilanza e Unità Tecnica Finanza di Progetto hanno prodotto linee guida per l'applicazione del value for money che si basano su una analisi non stratificata del rischio che potrebbero indurre, soprattutto in un contesto di scarse competenze, a valutazioni inadeguate del reale beneficio derivante da operazioni di PPP, specie di quelle a tariffazione sulla PA. Data la centralità della valutazione del rischio sarebbe auspicabile avviare un tavolo di lavoro che porti a definire modelli flessibili di supporto alle amministrazioni e parametri per il calcolo dell'eventuale risparmio associato al trasferimento del rischio attraverso operazioni di PPP più adeguati. 6. Credit crunch II costo e la disponibilità del capitale sono oggi una variabile molto rilevante per l'utilizzo del PPP a condizioni di efficienza e convenienza. Le condizioni finanziare sono poi spesso inasprite dalla mancanza di fiducia nel sistema del PPP. La Commissione Europea ha aperto un dibattito sul tema che potrebbe essere utile valutare al fine di individuare soluzioni, a livello nazionale, per mitigare i costi di raccolta e di prestito nell'ambito del PPP. Tali soluzioni non dovranno, ovviamente, generare distorsioni nel sistema difficilmente appianabili quando la situazione ritornerà a livelli di normalità. A tal proposito potrebbe essere utile una riflessione sull'opportunità di estendere al PPP strumenti di agevolazione già operativi (sia riguardo all'investimento in capitale sociale sia al prestito) oppure sulla creazione di facility finanziarie a livello nazionale da utilizzare sia per le operazioni di grandi dimensione sia per quelle di medie. In Ógni caso queste misure non possono prescindere da altre, di sistema, a cui si è fatto cenno sopra.

Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing!

Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing! Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing! VERONICA VECCHI, PhD! PROFESSOR at SDA BOCCONI! veronica.vecchi@unibocconi.it Le fonti di

Dettagli

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ:

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: DAL DESIGN AL RISPARMIO ENERGETICO, DALLA DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA DI GARA ALLA GESTIONE DELLA PROCEDURA Filippo Corradini SCS Consulting

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance Piano di Sviluppo delle città e Project Financing Palermo, 19 aprile 2013 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e opportunità 2

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Elementi per la contabilizzazione del PPP

Elementi per la contabilizzazione del PPP Elementi per la contabilizzazione del PPP Prof. Veronica Vecchi, SDA Bocconi School of Management La contabilizzazione delle concessioni di costruzione e gestione Prima di passare alla trattazione del

Dettagli

Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità

Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità _ Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità _ Concessione di lavori o di servizi? Cosa dice la legge:

Dettagli

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi DIPE Unità Tecnica Finanza di Progetto PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi MASTER DIFFUSO Roma, 12-15 15 Maggio 2008 1 UTFP : Linee di attività L Unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) è

Dettagli

Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione

Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione Fabio Vidoni Gruppo di Lavoro Leasing pubblico ASSILEA Associazione Italiana Leasing Partenariato Pubblico Privato

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

Oltre la crisi: nuove forme di partenariato pubblico - privato

Oltre la crisi: nuove forme di partenariato pubblico - privato Oltre la crisi: nuove forme di partenariato pubblico - privato ANCE Cuneo - Sezione Costruttori Edili di Confindustria, 9 aprile 2013 ore 9,30 Introduce e modera: Prof. Filippo Monge (Presidente ANCE Cuneo,

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121)

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) 18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) Obiettivo del corso sarà fornire una conoscenza di base dell universo PA, dei processi inerenti la sua

Dettagli

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali Avv. Stefano Sorrentino Indice Parte 1 Opportunità: I Provvedimenti del Governo Monti Parte 2 Strumenti: - Concessione

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING Manuel Farina Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING FUNZIONE LEASING PUBBLICO per la Pubblica Amministrazione al 31.12.15 Contratti stipulati:

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il leasing pubblico Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it 1 L

Dettagli

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Roma 12 luglio 2005 Gabriele Pasquini Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica ed i vincoli

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla finanza di progetto, tenutosi a Roma l 8 aprile, descrivono

Dettagli

Project Finance e Partenariato Pubblico Privato

Project Finance e Partenariato Pubblico Privato FORUM RINNOVABILI 2008 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili nella nuova politica energetica del Sistema Paese Unità Tecnica Finanza di Progetto Project Finance e Partenariato Pubblico Privato Roma, 18 Giugno

Dettagli

Project Financing. La fase di gestione dell'opera costituisce elemento di primaria importanza,

Project Financing. La fase di gestione dell'opera costituisce elemento di primaria importanza, Il Project Financing è una tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della valenza tecnico-economica del progetto stesso piuttosto che

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Perché parliamo di project finance?

Perché parliamo di project finance? Il project finance Perché parliamo di project finance? Operazione di finanziamento in crescita negli ultimi anni Ampiamente utilizzato sia nei PVS che nei Paesi Industrializzati 2 Agenda 1. Cos è il project

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici Francesco Pastore 1 Il leasing immobiliare pubblico è uno strumento messo a disposizione della Pubblica Amministrazione per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di

Dettagli

Le sponsorizzazioni culturali e gli enti locali

Le sponsorizzazioni culturali e gli enti locali Le sponsorizzazioni culturali e gli enti locali La sponsorizzazione di beni culturali, quale peculiare rapporto di partenariato pubblico-privato che si caratterizza per l'associazione del nome, del marchio,

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Area S.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto su strategie, organizzazione e processi nelle Utility

La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto su strategie, organizzazione e processi nelle Utility Unità Tecnica Finanza di Progetto Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 NOZIONE Il Project Financing (PF) è un operazione di finanziamento tesa

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE

PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE Mercoledì 15 aprile 2009 (ore 9:30 17:30) Giovedì 16 aprile 2009 (ore 9:30-14:00) ROMA Centro Congressi Conte di Cavour

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo

Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo Enrico Maria Vadori, Responsabile Servizio Sviluppo Prodotti e Comunicazione

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO CIPE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dicembre 2006 Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi Roma, dicembre 2006 INDICE 1 Premessa...3 2 SdF F e alternative

Dettagli

STRUTTURA DELLA PUBBLICAZIONE sintesi

STRUTTURA DELLA PUBBLICAZIONE sintesi STRUTTURA DELLA PUBBLICAZIONE sintesi Prefazione Premessa Capitolo 1. PPP e PF per le infrastrutture pubbliche: il contesto di riferimento Capitolo 2. PPP e PF vittime o risposta alla crisi evidenze dai

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Il Partenariato Pubblico Privato per la realizzazione di infrastrutture portuali

Il Partenariato Pubblico Privato per la realizzazione di infrastrutture portuali www.pwc.com Il Partenariato Pubblico Privato per la realizzazione di infrastrutture Agenda 1) Attività di advisory e project management per la PA 2) Come attrarre capitali privati in un PPP 3) PPP & Infrastrutture

Dettagli

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Con il patrocinio di Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Avv. Pasquale Cristiano M2M Forum 2014 Milano c/o

Dettagli

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari PREFETTURA DI LATINA Seminario sul Partenariato Pubblico Privato e la Finanza di Progetto Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari Latina,

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli di UBI Banca Lorenzo Fidato Milano, Il di UBI Banca 1,850 miliardi 3 miliardi di impieghi negli ultimi sette anni di accordato operativo nei settori: Infrastrutture

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

Italia-Napoli: Servizi cimiteriali 2016/S 001-000645. Bando di gara. Servizi

Italia-Napoli: Servizi cimiteriali 2016/S 001-000645. Bando di gara. Servizi 1 / 5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:645-2016:text:it:html Italia-: Servizi cimiteriali 2016/S 001-000645 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione I: Amministrazione

Dettagli

Direzione Stato & Infrastrutture

Direzione Stato & Infrastrutture Project financing Un nuovo strumento per la realizzazione di opere pubbliche L la valutazione dei piani economico-finanziari dei Promotori Sala Convegni Camera di Commercio di Lecce Lecce, 02 ottobre 2003

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 POLIS FONDI SGR.p.A. POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE

Dettagli

! contratti ALLEGATO 1. garanzie collaterali. Contratto di Finanziamento. Contratto. rimborsi, interessi. assicurativi. Capitalizz.

! contratti ALLEGATO 1. garanzie collaterali. Contratto di Finanziamento. Contratto. rimborsi, interessi. assicurativi. Capitalizz. ALLEGATO 1 garanzie collaterali rimborsi, interessi Contratto di Finanziamento dividendi Contratto di Capitalizz.! contratti assicurativi perfomance perfomance, canoni concessione Contratto di O&M! beni,

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato All. A Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Finanza di progetto e partenariato

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Il Project Financing

Il Project Financing Il Project Financing Agenda 1. Introduzione 2. Rischi del progetto 3. Le fonti di finanziamento del progetto 4. I soggetti coinvolti 5. Le garanzie 6. Il PF in Italia Master di I livello in Finanza aziendale

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 29/06/2015-0012271 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGETTO DI LEGGE N. DECIMA LEGISLATURA 0/ ^ Consiglio Regionale del Veneto I del 29/06/2015 Prot.: 0012271 Titolano

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it Roma, 4 novembre 2011 Osservazioni sullo Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell art. 7-bis, comma 2, del d.lgs. 252/05, recante i principi per la determinazione dei mezzi patrimoniali di

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera,

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera, 2 DATI DA DETENERE E TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 2.1 ANAGRAFICA DEI PROGETTI L inserimento dei dati anagrafici, finalizzato ad identificare le singole opere pubbliche, rappresenta

Dettagli

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento

Finanziare il Fotovoltaico. Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Finanziare il Fotovoltaico Analisi economica, finanziaria, fiscale e patrimoniale tra diverse forme tecniche di finanziamento Novembre 2009 Indice 1. Finanziare il fotovoltaico: il caso della XYZ Srl 2.

Dettagli

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile ENERGY MANAGEMENT NEL SETTORE PUBBLICO Lo schema di Energy Performance Contracting della Regione Piemonte Torino, 26 novembre 2013 Sala Stemmi Provincia di Torino Regione Piemonte - Filippo BARETTI I CONTRATTI

Dettagli

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Forum Banche e PA 2010 Servizi bancari e finanziari per la PA e per gli investimenti pubblici Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Relatore: Dott. Roberto Giovannini Roma,

Dettagli

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa. (si prega di citare il presente protocollo nella risposta) spazio per l etichetta Oggetto: Allegato al Bilancio di Previsione 2014: Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni Sciacca, 22 Settembre 2014 Spett.le Dipartimento Lavori Pubblici e Concorsi CNAPPC Via Santa Maria dell'anima 10 00186 ROMA TRASMESSA VIA E-MAIL Oggetto: BANDO P.O.I. ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_40 PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Il ruolo della PROIND SRL a supporto dei proponenti

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento PAT/RFD330-16/12/2015-0647654 - Allegato Utente 3 (A03) BANDO PER L AFFIDAMENTO DI UN CONTRIBUTO PUBBLICO Provincia Autonoma di Trento Bando per l affidamento di un contributo pubblico per un progetto

Dettagli

IL MODELLO DEL PROJECT FINANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. ANALISI DELLE PRINCIPALI CRITICITA

IL MODELLO DEL PROJECT FINANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. ANALISI DELLE PRINCIPALI CRITICITA IL MODELLO DEL PROJECT FINANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. ANALISI DELLE PRINCIPALI CRITICITA Dott.ssa Teresa Fiorita Dottoranda di Ricerca in Economia Aziendale Facoltà di Economia Università del

Dettagli

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO PER I SERVIZI DI GESTIONE,VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO DEI COMUNI ROBERTO GIOVANNINI Project Financing e confronto con gli altri strumenti di

Dettagli

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO INDICE Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO 1. Evoluzione storica del project financing. 5 2. Il project financing nella prospettiva del partenariato pubblico-privato. 6

Dettagli