Tassi di cambio e mercati valutari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tassi di cambio e mercati valutari"

Transcript

1 Tassi di cambio e mercati valutari

2 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari ruolo dei tassi di interesse sui depositi in valuta estera effetto delle aspettative sui tassi di cambio

3 Introduzione I tassi di cambio sono importanti in quanto consentono di tradurre i prezzi di paesi differenti in termini comparabili. I tassi di cambio vengono determinati nello stesso modo dei prezzi delle altre attività patrimoniali. I tassi di cambio sono il prezzo della moneta estera. Come ogni altra attività finanziaria, il suo prezzo è influenzato dalle aspettative di rendimento futuro. Sono riportati quotidianamente sulle pagine finanziarie dei giornali.

4 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tabella 3-1 : quotazioni dei tassi di cambio Tassi di cambio rilevati dalla BCE il 27 marzo Lit/$ Lit/ Lit/ Lit/Jpy Jpy/$ tasso incrociato, cross rate

5 Introduzione Lo scopo di questa analisi è di mostrare: come vengono determinati i tassi di cambio il ruolo dei tassi di cambio nel commercio internazionale

6 Tassi di cambio e transazioni internazionali Un tasso di cambio di una valuta estera negli Stati Uniti può essere quotato in due modi: direttamente prezzo della valuta estera in termini di dollari, $/, (dollari per unità di valuta estera), incerto per certo indirettamente prezzo dei dollari in termini della valuta estera, /$, (unità di valuta estera per dollaro), certo per incerto In Europa i tassi di cambi delle valute estere vengono espressi come incerto per certo: tasso di cambio del dollaro: $/ 1,33

7 Tassi di cambio e transazioni internazionali Prezzi domestici ed esteri Se è noto il tasso di cambio tra le valute di due paesi, è possibile esprimere il prezzo delle esportazioni di un paese in termini della moneta dell altro paese. Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un tasso di cambio euro contro sterlina pari a 1.50 /, è (1.50 / ) x (50 ) = 75.

8 Tassi di cambio e transazioni internazionali Esistono due tipi di variazioni del tasso di cambio: deprezzamento della valuta domestica, cioè un incremento del prezzo in valuta domestica della valuta estera Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un deprezzamento della sterlina contro euro pari a 1.25 /, cioè 0.80 /$, è (1.25 / ) x (50 ) = rende meno costosi i beni prodotti dal paese domestico per gli operatori di un paese estero.

9 Tassi di cambio e transazioni internazionali apprezzamento della valuta domestica, cioè una riduzione del prezzo in valuta domestica della valuta estera Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un apprezzamento della sterlina contro euro pari a 1.75 è (1.75 $/ ) x (50 ) = rende più costosi i beni prodotti nel paese domestico per i residenti del paese estero

10 Tassi di cambio e transazioni internazionali Le varizioni del tasso di cambio hanno l effetto di modificare anche il prezzo che i cittadini inglesi devono pagare per l acquisto di un bene italiano. Esempio: dato un certo tasso di cambio (1.50 / ), il prezzo in sterline di una camicia italiana da 45 euro è (45 )/ (1.5 / )= 30 Un deprezzamento del cambio da 1.5 a 1.25 rappresenta un aumento del prezzo in sterlina dell euro: (45 )/ (1.25 / )= 36 Un apprezzamento del cambio da 1.5 a 1.75 rappresenta un aumento del prezzo in sterlina dell euro: (45 )/ (1.75 / )= 25.71

11 Tassi di cambio e transazioni internazionali Un deprezzamento rende meno costosi i beni prodotti dal paese domestico per gli operatori di un paese estero e più costosi i beni prodotti dal paese estero per i residenti del paese domestico. Un apprezzamento rende più costosi i beni prodotti nel paese domestico per i residenti del paese estero e meno costosi i beni prodotti nel paese estero per i residenti del paese domestico.

12 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tassi di cambio e prezzi relativi Le domande di importazioni e di esportazioni sono influenzate dai prezzi relativi (esempio, prezzo dei maglioni in termini di camicie). Da un lato i tassi di cambio consentono agli individui di confrontare prezzi interni ed esteri, esprimendoli nella stess unità di conto Dall altro i tassi di cambio consentono agli individui di calcolare anche i prezzi relativi di beni e servizi i cui prezzi assoluti sono denominati in valute diverse.

13 Tassi di cambio e transazioni internazionali Confronto con i prezzi relativi: (75 ) per maglione/ (45 ) per una camicia=1.67 camicie per maglione Lo stesso prezzo viene percepito da un cittadino inglese: 50 /30 =1.67 L apprezzamento della valuta di un paese: aumenta il prezzo relativo delle sue esportazioni riduce il prezzo relativo delle sue importazioni Il deprezzamento della valuta di un paese: riduce il prezzo relativo delle sue esportazioni aumenta il prezzo relativo delle sue importazioni

14 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tabella 2 : tasso di cambio euro/sterlina e prezzi relativi delle camicie italiane contro i maglioni inglesi

15 Gli operatori: Il mercato dei cambi 1. Banche commerciali e altre istituzioni di deposito : le transazioni riguardano l acquisto e la vendita di depositi bancari in diverse valute a fini di investimento. Esempio: Supponiamo che un azienda X americana decida di fare un pagamento di euro ad un proprio fornitore tedesco. Primo: X ottiene dalla propria banca la quotazione del tasso di cambio. Secondo: X da istruzione alla propria banca di addebitare sul proprio conto corrente e pagare euro al fornitore. Terzo: Dato il tasso di cambio applicato (1.2), l addebitamento sarà 1.2* = dollari.

16 Il mercato dei cambi Ruolo delle banche nel rispondere alle esigenze dei propri clienti operando sui mercati valutari. La banca può anche effettuare transazioni sul mercato dei cambi allo scopo di modificare la composizione delle proprie attività e passività. Le transazioni in valuta tra banche sono chiamate transazioni interbancarie (si applicano su transazioni superiori ad 1 milione di euro). Vengono anche chiamati tassi all «ingrosso» mentre i tassi praticati alla clientela sono detti tassi al «dettaglio». Le banche sono anche utili nel svolgere una funzione di intermediazione tra venditori e acquirenti di valuta (es. Cambio di dollari in corone svedesi).

17 Il mercato dei cambi 2. Società e imprese : che operano in diversi paesi percepiscono spesso pagamenti differenti rispetto al paese in cui hanno la sede legale (es. IBM in Messico). 3. Istituzioni finanziarie non bancarie (fondi pensione, fondi assicurativi) possono comprare/vendere attività estere come le banche comerciali (processo di deregulation finanziaria) per offrire ai clienti maggiori servizi. 4. Banche centrali : eseguono transazioni sulle riserve ufficiali internazionali. Gli operatori osservano le decisioni delle Bc per trarne indicazioni di politica economica che possono influenzare il tasso di cambio.

18 Il mercato dei cambi (segue) Gli acquisti e le vendite sul mercato dei cambi sono dominate dalle banche commerciali. Le transazioni interbancarie di depositi in valuta estera sono transazioni di importo pari o superiore a 1 milione di dollari. Le banche centrali talvolta intervengono, ma gli effetti diretti delle loro transazioni sono solitamente limitati e transitori.

19 Il mercato dei cambi (segue) Caratteristiche del mercato : Lo scambio avviene solitamente nelle maggiori città finanziarie: Londra, New York, Tokyo, Francoforte e Singapore. Il volume degli scambi di valuta estera è enorme ed è notevolmente aumentato negli ultimi anni: nel 1989 il volume giornaliero degli scambi era di $600 miliardi, nel 2004 il volume giornaliero degli scambi era di $1.900 miliardi. La tecnologia moderna spinge ad una interconnessione sistematica tra i vari centri finanziari.

20 Il mercato dei cambi (segue) I computer trasmettono rapidamente le informazioni e hanno integrato i mercati. L integrazione dei mercati porta all assenza di un arbitraggio significativo tra i mercati. Esempio: Se i dollari sono più economici a New York rispetto a Londra, le persone li acquistano a New York e smettono di comprarli a Londra. Tuttavia poichè il prezzo dei dollari a New York aumenta ed il prezzo dei dollari a Londra diminuisce, fino a quando i prezzi nei due mercati sono uguali. Dato che gli operatori vigilano per cogliere opprtunità di potenziali arbitraggi, le poche che si verificano sono modeste e durano per poco.

21 Il mercato dei cambi (segue) Sebbene una transazione in valuta estera possa interessare in genere una qualunque coppia di valute, la maggior parte delle operazioni avvengono attraverso una valuta chiave ( il dollaro) Si tratta di una valuta largamente utilizzata per denominare contratti internazionali le cui parti non risiedono nel paese che emette la valuta chiave. Esempio: nel 2001, circa il 90% delle transazioni tra banche ha comportato lo scambio di valute estere in dollari statunitensi. La valuta chiave viene utilizzata come valuta di intermediazione (es. vendere franchi svizzeri per acquistare shekel israeliani).

22 Tassi di cambio a pronti e a termine Le transazioni considerate finora prevedono l immediata esecuzione dell accordo. In questo caso di parla di tassi a pronti. Essi sono tassi di cambio per scambi di valuta a pronti ( on the spot ), ovvero nell immediato (in realtà diventano effettivi dopo due giorni). I tassi a termine sono tassi di cambio per scambi di valuta che si verificano ad una data futura (forward). Le date di scadenza sono tipicamente 30, 90, 180 o 360 giorni. Le istituzioni negoziano i tassi oggi, ma lo scambio avviene in futuro.

23 Tassi di cambio a pronti e a termine Esempio: Due operatori possono accordarsi su una transazione a termine di trenta giorni, stabiliscono il 1 aprile di scambiare il 1 maggio sterline contro sterline. Il tasso di cambio a termine sarà di 1.55 dollari per sterlina e potenzialmente risulta molto diverso dal tasso a pronti. Perchè due operatori dovrebbero essere interessati ad una transazione a termine? Esempio: Un americano, importatore di radio deve pagare 9000 yen ad un fornitore giapponese per ogni radio che rivenderà in USA al prezzo di 100 dollari.

24 Tassi di cambio a pronti e a termine Se il cambio è dollari per yen, l importatore pagherebbe *9000=94.50 dollari per radio. Se però nel corso dei trenta giorni il dollaro si deprezzasse fino a dollari per yen, l importatore dovrebbe pagare *9000= Allo scopo di evitare il rischio di perdita, l importatore può accordarsi con la propria banca per uno scambio a termine di 30 gg di valuta. Se la banca decidesse di vendere yen con consegna a 30 gg praticando un tasso di cambio di dollari per yen: *9000= dollari per radio. Quindi è possibile assicurarsi contro la possibilità che variazioni del tasso di cambio determino perdite.

25 Tassi di cambio a pronti e a termine Tassi di cambio a pronti e a termine. dollaro/sterlina, I tassi di cambio a pronti e a termine tendono a muoversi congiuntamente con una forte correlazione. Fonte: Datastream. Tassi di cambio a termine a 90 gg.

26 Altri modi per scambiare valuta Swap in valute estere : una combinazione di vendita a pronti con un riacquisto a termine, entrambi negoziati tra singoli operatori. Gli swap spesso presentano commissioni o costi di transazione inferiori perché combinano due transazioni. Esempio: vendita di dollari per Chf a pronti, investimento sul mercato svizzero, acquisto di dollari con franchi a termine. Contratti future : in questo caso viene comprata la promessa che un certo ammontare di valuta straniera sarà consegnata a una certa data futura. contratto progettato da un terzo per un ammontare standard di valuta estera consegnata/ricevuta in una data standard. (a differenza dei contratti a termine), i future possono essere scambiati sul mercato e solo il possessore corrente è obbligato a soddisfare il contratto.

27 Altri modi per scambiare valuta Opzioni : Dà al proprietario il diritto di vendere (opzione put) o di acquistare (opzione call) un certo ammontare di valuta estera ad un determinato tasso di cambio prefissato in qualsiasi momento fino ad una scadenza prestabilita. Esempio: Immaginiamo di dover fare un pagamento all estero in un qualunque giorno dello stesso mese può essere conveniente un opzione call che da diritto di acquistare valuta ad un prezzo dato. immaginiamo di essere incerti sulla data di ricevimento di un pagamento in valuta estera per il prossimo mese. Per evitare il rischio di una perdita, posso acquistare un opzione put, la quale da diritto di vendere la valuta a un tasso di cambio prefissato in qualsiasi giorno di un certo mese.

28 La domanda di attività denominate in valuta estera La domanda di depositi bancari denominati in valuta estera è influenzata dagli stessi fattori che agiscono sulla domanda di una qualsiasi altra attività. La sua variazione dipende dal valore futuro del deposito stesso. Ques ultimo è in funzione del tasso d interesse che viene garantito e della variazione attesa del tasso di cambio. In generale la ricchezza può essere detenuta in varie forme: azioni, obbligazioni, beni immobili, vini preziosi... Lo scopo dell acquisizione della ricchezza (e quindi del risparmio) è il trasferimento nel futuro del potere d acquisto.

29 La domanda di attività denominate in valuta estera Attività e rendimenti delle attività La definizione del rendimento di un attività L incremento percentuale del suo valore nel corso di un dato periodo. Es: nel 2003, si pagano 100$ per l azione di una società. Se nel 2004 si riceve un dividendo di 1$ e il prezzo dell azione aumenta da 100 a 109, allora si è ottenuto un rendimento del 10%. Se però si fosse ricevuto un dividendo di 1$ ma con un prezzo di soli 89$ allora l investimento avrebbe reso un tasso di rendimento del -10%. In questo caso si parla di rendimento monetario in quanto non calibrato al costo della vita.

30 La domanda di attività denominate in valuta estera Il tasso di interesse reale : Il tasso di rendimento misurato come il valore delle attività sulla base di un paniere di beni rappresentativo dei consumi di un tipico risparmiatore nel corso di un dato periodo di tempo. Esempio: Se l investimento cresce del 10% fra il 2003 e il 2004 ma ipotizziamo che altrettanto abbiano fatto i prezzi degli altri beni allora il rendimento reale sarà nullo. Comparazione dei rendimenti reali di attività diverse (purchè rapportati alla stessa unità di misura). Esempio: prezzo in dollari del vino (+25%) rispetto ad un azione (+10%) al netto dell aumento dei prezzi di tutti gli altri beni

31 La domanda di attività denominate in valuta estera A parità di altre condizioni, gli individui preferiscono detenere attività che forniscono i più alti tassi di rendimento. Rischio e liquidità: I risparmiatori però possono essere interessati a due caratteristiche ulteriori di un attività, oltre al suo rendimento: il rischio inteso come il grado di variabilità che essa conferisce alla ricchezza del risparmiatore. la liquidità cioè la facilità con cui l attività può essere venduta o scambiata contro beni.

32 La domanda di depositi in valuta (segue) Ma ipotizziamo che il rischio e la liquidità dei depositi bancari sul mercato dei cambi siano gli stessi, indipendentemente dalla valuta di denominazione. Il rischio e la liquidità sono di importanza solo secondaria nella decisione di acquisto o vendita di valuta. Gli importatori e gli esportatori potrebbero essere preoccupati da rischio e liquidità, ma rappresentano una piccola porzione del mercato.

33 La domanda di depositi in valuta (segue) Ipotizziamo che gli investitori siano principalmente interessati ai tassi di rendimento sui depositi bancari. I tassi di rendimento sono determinati da: I tassi di interesse che le attività fruttano (es. 10% l anno; investo 1$ e ottengo 1.10$ alla fine dell anno). I depositi presso le banche pagano un interesse il cui tasso dipende dalla valuta in cui è denominato. Le aspettative di apprezzamento o deprezzamento del tasso di cambio.

34 La domanda di depositi in valuta (segue) Il tasso di interesse di una valuta è l ammontare di valuta che si può ottenere dal prestito di una unità per un anno. Si può definire il tasso di rendimento di un deposito in valuta domestica come il tasso di interesse ottenuto dal deposito bancario (Es: presto $ alla banca e alla fine dell anno la mia attività «deposito» vale $). Per paragonare il tasso di rendimento di un deposito in valuta domestica con uno in valuta estera si considerino Il tasso di interesse del deposito in valuta estera Il tasso atteso di apprezzamento o deprezzamento della valuta estera rispetto a quella domestica.

35 La domanda di attività denominate in valuta estera Tassi di cambio e rendimenti delle attività Per decidere se acquistare un deposito denominato in euro o in dollari, è necessario calcolare il rendimento in dollari di un deposito denominato in euro. La domanda esatta che bisogna porsi è: se usiamo dollari per acquistare un deposito in euro, quanti dollari avremo dopo un anno?

36 La domanda di attività denominate in valuta estera Esempio: Dati: 1.10 E $/, E $/ e, R $ 0.10, R 0.05 Passo 1: Prezzo in dollari di un deposito in euro è 1.10 Passo 2: Il valore unitario di un deposito in euro dopo un anno è 1.05 euro Passo 3: Il valore in dollari del deposito in euro tra un anno è 1.165*1.05=1.223 dollari. Passo 4: Rendimento atteso in dollari di un deposito in euro è ( )/1.10=0.11

37 La domanda di attività denominate in valuta estera Una semplice regola (per abbreviare i calcoli) Il tasso di rendimento in dollari di un deposito in euro è dato approssimativamente dalla somma tra il tasso di interesse in euro (es: 5%) ed il tasso di deprezzamento del dollaro contro l euro (es: ( )/1.10=0,059, circa il 6%) Il tasso di deprezzamento del dollaro contro l euro è dato dall incremento percentuale annuo del tasso di cambio dollaro/ euro. Il rendimento si ottiene quindi: R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Convenienza tra i tassi di rendimento reali attesi dei depositi in dollari rispetto a quelli in euro?

38 La domanda di depositi in valuta (segue) La differenza nel tasso di rendimento tra depositi in dollari e depositi in euro è R $ - (R + (E e $/ - E $/ )/E $/ ) = R $ - R - (E e $/ - E $/ )/E $/ tasso di rendimento atteso = tasso di interesse sui depositi in dollari tasso di interesse sui depositi in euro tasso di cambio atteso tasso di cambio corrente Tasso atteso di apprezzamento dell euro tasso atteso di rendimento sui depositi in euro

39 La domanda di attività in valuta

40 La domanda di attività denominate in valuta estera Quando la differenza nell equazione proposta è positiva, i depositi denominati in dollari garantiscono il maggiore rendimento atteso. Quando è negativa, i depositi in euro garantiscono il maggiore rendimento atteso. Analogamente, il tasso di rendimento in euro di deposito in dollari R è pari al tasso di interesse del dollaro (R $ ) meno l apprezzamento dell euro, misurato da - (E e $/ - E $/ )/E $/

41 Usiamo Il mercato dei cambi La domanda (il tasso di rendimento) di depositi denominati in dollari e la domanda (il tasso di rendimento) di depositi denominati in valuta estera per costruire un modello del mercato dei cambi. Il mercato dei cambi è in equilibrio quando i depositi di tutte le valute offrono lo stesso tasso di rendimento atteso: parità dei tassi di interesse. La parità dei tassi di interesse implica che i depositi in tutte le valute (misurate nella stessa valuta) sono considerati attività egualmente desiderabili.

42 Il mercato dei cambi (segue) La parità dei tassi di interesse dice: R $ = R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Perché questa condizione dovrebbe valere? Supponiamo che non valga (caso 3 nella tabella). Supponiamo che R $ > R + (E e $/ - E $/ )/E $/. Nessun investitore vorrebbe detenere depositi in euro, e ciò genererebbe una riduzione della domanda e del prezzo dell euro. Quindi tutti gli investitori vorrebbero detenere depositi in dollari, e ciò fa aumentare domanda e prezzo dei dollari. Il dollaro si apprezzerebbe e l euro si deprezzerebbe, facendo aumentare il termine a destra fino a quando si raggiunge l uguaglianza.

43 Il mercato dei cambi (segue) Per comprendere l equilibrio sul mercato dei cambi bisogna esaminare le variazioni del tasso di cambio corrente. Ci domandiamo in che modo il rendimento atteso di un deposito in euro (valutato in termini di dollaro) sia influenzato da una variazione del cambio corrente dollaro/euro. La valutazione viene condotta nel caso in cui i tassi d interesse e le aspettative sul tasso di cambio futuro non si modifichino. A parità di altri fattori, il ruolo del deprezzamento della valuta è determinante.

44 Esempio: Il mercato dei cambi (segue) Dati: tasso di cambio (E $/,)= 1$; tasso di cambio atteso (E $/ e )= 1.05 Tasso atteso di deprezzamento è ( )/1.00=0.05 Questo vuol dire che l acquisto di un deposito in euro non garantisce solo un interesse R ma anche un «bonus» del 5% dovuto al cambio. Se adesso (E $/,)= 1.03$ (cioè un deprezzamento del dollaro e un apprezamento dell euro, il tasso atteso di deprezzamento diventa ( )/1.03=0.019, ossia 1,9%. Poichè R non varia, il rendimento risulta diminuito di 3.1% (5%-1.9%)

45 Rendimenti attesi sui depositi in euro quando E e $/ = $1,05 per euro

46 Il mercato dei cambi (segue) Il deprezzamento della valuta domestica (incremento del tasso di cambio $/ ) oggi riduce il rendimento interno atteso sui depositi in valuta estera (euro). Un deprezzamento corrente della valuta domestica alzerebbe il costo iniziale dell investimento in valuta estera, riducendo di conseguenza il rendimento atteso in valuta estera. L apprezzamento della valuta domestica oggi accresce il rendimento atteso sui depositi in valuta estera. Un apprezzamento corrente della valuta domestica ridurrebbe il costo iniziale dell investimento in valuta estera, incrementando di conseguenza il rendimento atteso in valuta estera.

47 Tasso di cambio corrente e rendimento atteso sui depositi in dollari

48 Tasso di cambio corrente e rendimento atteso sui depositi in dollari Tasso di cambio corrente, E $/ R $ Rendimento atteso sui depositi in dollari, R $

49 Determinazione del tasso di cambio di equilibrio Nessuno vuole detenere depositi in euro Nessuno vuole detenere depositi in dollari Copyright 2007 Paravia Bruno Mondadori Editori. All rights reserved. 3-49

50 Il mercato dei cambi Effetti di variazioni dei tassi di interesse: Un incremento del tasso di interesse pagato sui depositi denominati in una particolare valuta fa aumentare il tasso di rendimento su quei depositi. Questo porta ad un apprezzamento della valuta. L aumento dei tassi di interesse in dollari causa l apprezzamento del dollaro. L aumento dei tassi di interesse in euro causa il deprezzamento del dollaro.

51 L effetto di un aumento del tasso di interesse in dollari Un deprezzamento dell euro è un apprezzamento del dollaro.

52 Effetto di un aumento del tasso di interesse in dollari In seguito all aumento del tasso d interesse, il rendimento atteso dei depositi in dollari risulta superiore (in corrispondenza del tasso di cambio iniziale E 1 $/ ) a quello dei depositi in euro. La differenza è misurata dalla distanza tra i punti 1 e 1. Questa differenza induce un apprezzamento del dollaro al tasso di cambio E 1 $/ (Punto 2). Dato che non si è ipotizzata alcuna variazione del tasso di interesse in euro o del cambio atteso futuro, l apprezzamento del dollaro provoca (tramite al aumento del tasso atteso di deprezzamento) un incremento del rendimento atteso in dollari.

53 L effetto di un aumento del tasso di interesse in euro L effetto di un aumento del tasso di interesse in euro. Un aumento del tasso di interesse pagato sui depositi in euro provoca un deprezzamento del dollaro da E 1 $/ (punto 1) a E 2 $/ (punto 2) (questa figura descrive anche l effetto di un aumento del tasso di cambio futuro atteso dollaro/euro).

54 Effetto di un aumento del tasso di interesse in euro Al livello iniziale di E 1 $/, il tasso di deprezzamento del dollaro è pari a quello precedente l aumento di R ; il rendimento atteso dei depositi in euro eccede quindi quello dei depositi in dollari. Per eliminare l eccesso di offertà di attività denominate in dollari che si manifesta in corrispondenza del punto 1, il tasso di cambio aumenta da E 1 $/ a E 2 $/. Come nel caso precedente e attraverso una riduzione del tasso atteso di rendimento in dollari dei depositi in euro che il deprezzamento del dollaro nei confronti dell euro elimina l eccesso di offerta in dollari.

55 L effetto di un apprezzamento atteso dell euro L effetto di un aumento del tasso di cambio futuro atteso dollaro/euro. Un aumento del prezzo futuro atteso dell euro provoca un deprezzamento del dollaro. Esempio: se il cambio passa da 1 a 1.5 il tasso di deprezzamento è Ma se il cambio atteso è 1.06, anche il tasso di deprezzamento aumenta. Quindi un incremento del tasso di deprezzamento si riflette in un aumento del rendimento atteso in dollari dei depositi in euro e la curva si sposta verso destra. Ora ci si aspetta che l euro si apprezzi

56 L effetto di un apprezzamento atteso dell euro (segue) Se ci si aspetta che l euro si apprezzi in futuro, l investimento pagherà in un euro con maggior valore ( forte ), e quindi questi euro futuri saranno in grado di acquistare molti dollari e molti beni denominati in dollari Il rendimento atteso sugli euro perciò aumenta Un apprezzamento atteso di una valuta porta ad un apprezzamento effettivo (self-fulfilling prophecy) Un deprezzamento atteso di una valuta porta ad un effettivo deprezzamento (self-fulfilling prophecy)

57 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse I tassi di cambio a termine permettono di eliminare il rischio di cambio su una vendita o un acquisto futuro di valuta. Permettono di coprirsi, sono una forma di assicurazione. Esempio: si supponga di voler acquistare euro con dollari desiderando però di essere certi del valore in dollari di tale deposito alla fine dell anno. Il rischio di cambio può essere evitato acquistando il deposito in euro ma coprendolo con la vendita a termine di euro per dollari. In questo caso si è evitato un evenutale rischio di deprezzamento inatteso dell euro.

58 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Il tasso a termine viene determinato dai tassi di interesse e dai tassi di cambio, analogamente a quanto accadeva con la condizione di parità scoperta dei tassi di interesse. Condizione di parità coperta dei tassi d interesse (covered interest parity): il tasso di rendimento di un deposito in dollari e quello di un deposito in valuta estera «coperto» devono essere uguali. Il rendimento di un deposito in dollari non può eccedere quello di un deposito in euro espresso in dollari e coperto con una operazione a termine.

59 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Esempio: Prezzo a termine dell euro in termini di dollaro, F $/ =1.113 dollari per euro; Tasso di cambio a pronti E $/ =1.05 dollari; Tassi d interesse dei depositi in euro e dollari R =0.04; R $ =0.10. Qual è il tasso di rendimento di un deposito in euro coperto? Un deposito pari ad 1 euro costa 1.05 dollari oggi e varrà 1.04 euro tra un anno. Se oggi si vendono 1.04 euro a termine, al tasso di cambio pari a dollari per euro, il valore dell investimento sarà 1.113*1.04=1.158 dollari.

60 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Il tasso di rendimento in dollari per un acquisto coperto: ( )/1.05=0.103 In tale situazione nessuno sarebbe disposto a detenere depositi in dollari ma tutti preferirebbero depositi in euro «coperti». Formalmente, il rendimento coperto di un deposito in euro corrisponde approssimativamente: R + (F $/ - E $/ )/E $/

61 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Condizione di parità coperta dei tassi d interesse: R $ = R + (F $/ - E $/ )/E $/ La quantità (F $/ - E $/ )/E $/ è detta premio (sconto, se nagativo) a termine dell euro nei confronti del dollaro. Il tasso d interesse su un deposito in euro deve essere pari al tasso d interesse su un deposito in euro più il premio/sconto a termine dell euro nei confronti del dolaro.

62 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Un confronto con la condizione di parità scoperta dei tassi d interesse: R $ = R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Dimostra che entrambe le condizioni si verificano se e sole se E e $/ = F $/ cioè se il tasso di cambio a termine dollaro/euro è pari al tasso di cambio a pronti che ci si attende sia applicabile tra un anno. Se E e $/ > F $/ dopo un anno acquisto euro al tasso F $/ e mi aspetto di rivenderlo al tasso E e $/, realizzando così un profitto la maggiore domanda di euro a termine comporta un apprezzamento dell euro sul mercato a termine

63 Sommario 1. I tassi di cambio sono i prezzi delle valute straniere in termini delle valute domestiche o viceversa. 2. Il deprezzamento della valuta di un paese significa che questa è meno costosa (vale di meno) e i beni denominati in tale valuta sono meno costosi: le esportazioni sono più economiche e le importazioni più costose. Un deprezzamento colpisce i consumatori di beni importati, ma aiuta i produttori di esportazioni.

64 Sommario (segue) 3. L apprezzamento della valuta di un paese implica che è più cara (maggior valore) e i beni denominati in essa sono più cari: le esportazioni sono più dispendiose e le importazioni più economiche. Un apprezzamento aiuta i consumatori di importazioni ma colpisce i produttori di esportazioni. 4. Le banche commerciali che investono in depositi in diverse valute dominano il mercato dei cambi. I tassi attesi di rendimento sono la cosa più importante nel determinare la disponibilità a detenere questi depositi.

65 Sommario (segue) 5. I rendimenti sui depositi bancari nel mercato dei cambi sono influenzati dai tassi di interesse e dai tassi di cambio attesi. 6. L equilibrio del mercato dei cambi si realizza quando i rendimenti sui depositi in valuta domestica e in valuta estera sono uguali: parità dei tassi di interesse. 7. Un aumento del tasso di interesse su un deposito in valuta porta ad un aumento del tasso di rendimento e ad un apprezzamento della valuta.

66 Sommario (segue) 8. L apprezzamento atteso di una valuta porta ad un aumento del tasso atteso di rendimento di quella valuta e porta ad un apprezzamento effettivo. 9. La parità coperta dei tassi di interesse dice che i tassi di rendimento sui depositi in valuta domestica e sui depositi in valuta estera coperti usando il tasso di cambio a termine sono uguali.

67 Tassi di interesse, aspettative ed equilibrio Figura 3-7: effetto di un aumento di E e $/ sul mercato a termine dell euro Tasso di cambio a termine, F $/ Offerta a termine di euro F 2 $/ F 1 $/ 1 2 Incremento della domanda di euro in seguito all aspettativ apprezzamento Domanda a termine di euro quantità di euro

68 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Figura 3-7: Parità coperta dei tassi di interesse Tassi di cambio e di interesse rilevati il 15 novembre 2007 premio premio percentuale premio annualizzato differenziali tassi interbancari pronti 1,4633 3m 1,4649 0,0016 0,11 0,44 0,33 1y 1,4639 0,0006 0,04 0,04-0,06

69

70

71

72

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli