Tassi di cambio e mercati valutari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tassi di cambio e mercati valutari"

Transcript

1 Tassi di cambio e mercati valutari

2 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari ruolo dei tassi di interesse sui depositi in valuta estera effetto delle aspettative sui tassi di cambio

3 Introduzione I tassi di cambio sono importanti in quanto consentono di tradurre i prezzi di paesi differenti in termini comparabili. I tassi di cambio vengono determinati nello stesso modo dei prezzi delle altre attività patrimoniali. I tassi di cambio sono il prezzo della moneta estera. Come ogni altra attività finanziaria, il suo prezzo è influenzato dalle aspettative di rendimento futuro. Sono riportati quotidianamente sulle pagine finanziarie dei giornali.

4 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tabella 3-1 : quotazioni dei tassi di cambio Tassi di cambio rilevati dalla BCE il 27 marzo Lit/$ Lit/ Lit/ Lit/Jpy Jpy/$ tasso incrociato, cross rate

5 Introduzione Lo scopo di questa analisi è di mostrare: come vengono determinati i tassi di cambio il ruolo dei tassi di cambio nel commercio internazionale

6 Tassi di cambio e transazioni internazionali Un tasso di cambio di una valuta estera negli Stati Uniti può essere quotato in due modi: direttamente prezzo della valuta estera in termini di dollari, $/, (dollari per unità di valuta estera), incerto per certo indirettamente prezzo dei dollari in termini della valuta estera, /$, (unità di valuta estera per dollaro), certo per incerto In Europa i tassi di cambi delle valute estere vengono espressi come incerto per certo: tasso di cambio del dollaro: $/ 1,33

7 Tassi di cambio e transazioni internazionali Prezzi domestici ed esteri Se è noto il tasso di cambio tra le valute di due paesi, è possibile esprimere il prezzo delle esportazioni di un paese in termini della moneta dell altro paese. Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un tasso di cambio euro contro sterlina pari a 1.50 /, è (1.50 / ) x (50 ) = 75.

8 Tassi di cambio e transazioni internazionali Esistono due tipi di variazioni del tasso di cambio: deprezzamento della valuta domestica, cioè un incremento del prezzo in valuta domestica della valuta estera Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un deprezzamento della sterlina contro euro pari a 1.25 /, cioè 0.80 /$, è (1.25 / ) x (50 ) = rende meno costosi i beni prodotti dal paese domestico per gli operatori di un paese estero.

9 Tassi di cambio e transazioni internazionali apprezzamento della valuta domestica, cioè una riduzione del prezzo in valuta domestica della valuta estera Esempio: il prezzo in euro di un maglione del valore di 50 sterline, dato un apprezzamento della sterlina contro euro pari a 1.75 è (1.75 $/ ) x (50 ) = rende più costosi i beni prodotti nel paese domestico per i residenti del paese estero

10 Tassi di cambio e transazioni internazionali Le varizioni del tasso di cambio hanno l effetto di modificare anche il prezzo che i cittadini inglesi devono pagare per l acquisto di un bene italiano. Esempio: dato un certo tasso di cambio (1.50 / ), il prezzo in sterline di una camicia italiana da 45 euro è (45 )/ (1.5 / )= 30 Un deprezzamento del cambio da 1.5 a 1.25 rappresenta un aumento del prezzo in sterlina dell euro: (45 )/ (1.25 / )= 36 Un apprezzamento del cambio da 1.5 a 1.75 rappresenta un aumento del prezzo in sterlina dell euro: (45 )/ (1.75 / )= 25.71

11 Tassi di cambio e transazioni internazionali Un deprezzamento rende meno costosi i beni prodotti dal paese domestico per gli operatori di un paese estero e più costosi i beni prodotti dal paese estero per i residenti del paese domestico. Un apprezzamento rende più costosi i beni prodotti nel paese domestico per i residenti del paese estero e meno costosi i beni prodotti nel paese estero per i residenti del paese domestico.

12 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tassi di cambio e prezzi relativi Le domande di importazioni e di esportazioni sono influenzate dai prezzi relativi (esempio, prezzo dei maglioni in termini di camicie). Da un lato i tassi di cambio consentono agli individui di confrontare prezzi interni ed esteri, esprimendoli nella stess unità di conto Dall altro i tassi di cambio consentono agli individui di calcolare anche i prezzi relativi di beni e servizi i cui prezzi assoluti sono denominati in valute diverse.

13 Tassi di cambio e transazioni internazionali Confronto con i prezzi relativi: (75 ) per maglione/ (45 ) per una camicia=1.67 camicie per maglione Lo stesso prezzo viene percepito da un cittadino inglese: 50 /30 =1.67 L apprezzamento della valuta di un paese: aumenta il prezzo relativo delle sue esportazioni riduce il prezzo relativo delle sue importazioni Il deprezzamento della valuta di un paese: riduce il prezzo relativo delle sue esportazioni aumenta il prezzo relativo delle sue importazioni

14 Tassi di cambio e transazioni internazionali Tabella 2 : tasso di cambio euro/sterlina e prezzi relativi delle camicie italiane contro i maglioni inglesi

15 Gli operatori: Il mercato dei cambi 1. Banche commerciali e altre istituzioni di deposito : le transazioni riguardano l acquisto e la vendita di depositi bancari in diverse valute a fini di investimento. Esempio: Supponiamo che un azienda X americana decida di fare un pagamento di euro ad un proprio fornitore tedesco. Primo: X ottiene dalla propria banca la quotazione del tasso di cambio. Secondo: X da istruzione alla propria banca di addebitare sul proprio conto corrente e pagare euro al fornitore. Terzo: Dato il tasso di cambio applicato (1.2), l addebitamento sarà 1.2* = dollari.

16 Il mercato dei cambi Ruolo delle banche nel rispondere alle esigenze dei propri clienti operando sui mercati valutari. La banca può anche effettuare transazioni sul mercato dei cambi allo scopo di modificare la composizione delle proprie attività e passività. Le transazioni in valuta tra banche sono chiamate transazioni interbancarie (si applicano su transazioni superiori ad 1 milione di euro). Vengono anche chiamati tassi all «ingrosso» mentre i tassi praticati alla clientela sono detti tassi al «dettaglio». Le banche sono anche utili nel svolgere una funzione di intermediazione tra venditori e acquirenti di valuta (es. Cambio di dollari in corone svedesi).

17 Il mercato dei cambi 2. Società e imprese : che operano in diversi paesi percepiscono spesso pagamenti differenti rispetto al paese in cui hanno la sede legale (es. IBM in Messico). 3. Istituzioni finanziarie non bancarie (fondi pensione, fondi assicurativi) possono comprare/vendere attività estere come le banche comerciali (processo di deregulation finanziaria) per offrire ai clienti maggiori servizi. 4. Banche centrali : eseguono transazioni sulle riserve ufficiali internazionali. Gli operatori osservano le decisioni delle Bc per trarne indicazioni di politica economica che possono influenzare il tasso di cambio.

18 Il mercato dei cambi (segue) Gli acquisti e le vendite sul mercato dei cambi sono dominate dalle banche commerciali. Le transazioni interbancarie di depositi in valuta estera sono transazioni di importo pari o superiore a 1 milione di dollari. Le banche centrali talvolta intervengono, ma gli effetti diretti delle loro transazioni sono solitamente limitati e transitori.

19 Il mercato dei cambi (segue) Caratteristiche del mercato : Lo scambio avviene solitamente nelle maggiori città finanziarie: Londra, New York, Tokyo, Francoforte e Singapore. Il volume degli scambi di valuta estera è enorme ed è notevolmente aumentato negli ultimi anni: nel 1989 il volume giornaliero degli scambi era di $600 miliardi, nel 2004 il volume giornaliero degli scambi era di $1.900 miliardi. La tecnologia moderna spinge ad una interconnessione sistematica tra i vari centri finanziari.

20 Il mercato dei cambi (segue) I computer trasmettono rapidamente le informazioni e hanno integrato i mercati. L integrazione dei mercati porta all assenza di un arbitraggio significativo tra i mercati. Esempio: Se i dollari sono più economici a New York rispetto a Londra, le persone li acquistano a New York e smettono di comprarli a Londra. Tuttavia poichè il prezzo dei dollari a New York aumenta ed il prezzo dei dollari a Londra diminuisce, fino a quando i prezzi nei due mercati sono uguali. Dato che gli operatori vigilano per cogliere opprtunità di potenziali arbitraggi, le poche che si verificano sono modeste e durano per poco.

21 Il mercato dei cambi (segue) Sebbene una transazione in valuta estera possa interessare in genere una qualunque coppia di valute, la maggior parte delle operazioni avvengono attraverso una valuta chiave ( il dollaro) Si tratta di una valuta largamente utilizzata per denominare contratti internazionali le cui parti non risiedono nel paese che emette la valuta chiave. Esempio: nel 2001, circa il 90% delle transazioni tra banche ha comportato lo scambio di valute estere in dollari statunitensi. La valuta chiave viene utilizzata come valuta di intermediazione (es. vendere franchi svizzeri per acquistare shekel israeliani).

22 Tassi di cambio a pronti e a termine Le transazioni considerate finora prevedono l immediata esecuzione dell accordo. In questo caso di parla di tassi a pronti. Essi sono tassi di cambio per scambi di valuta a pronti ( on the spot ), ovvero nell immediato (in realtà diventano effettivi dopo due giorni). I tassi a termine sono tassi di cambio per scambi di valuta che si verificano ad una data futura (forward). Le date di scadenza sono tipicamente 30, 90, 180 o 360 giorni. Le istituzioni negoziano i tassi oggi, ma lo scambio avviene in futuro.

23 Tassi di cambio a pronti e a termine Esempio: Due operatori possono accordarsi su una transazione a termine di trenta giorni, stabiliscono il 1 aprile di scambiare il 1 maggio sterline contro sterline. Il tasso di cambio a termine sarà di 1.55 dollari per sterlina e potenzialmente risulta molto diverso dal tasso a pronti. Perchè due operatori dovrebbero essere interessati ad una transazione a termine? Esempio: Un americano, importatore di radio deve pagare 9000 yen ad un fornitore giapponese per ogni radio che rivenderà in USA al prezzo di 100 dollari.

24 Tassi di cambio a pronti e a termine Se il cambio è dollari per yen, l importatore pagherebbe *9000=94.50 dollari per radio. Se però nel corso dei trenta giorni il dollaro si deprezzasse fino a dollari per yen, l importatore dovrebbe pagare *9000= Allo scopo di evitare il rischio di perdita, l importatore può accordarsi con la propria banca per uno scambio a termine di 30 gg di valuta. Se la banca decidesse di vendere yen con consegna a 30 gg praticando un tasso di cambio di dollari per yen: *9000= dollari per radio. Quindi è possibile assicurarsi contro la possibilità che variazioni del tasso di cambio determino perdite.

25 Tassi di cambio a pronti e a termine Tassi di cambio a pronti e a termine. dollaro/sterlina, I tassi di cambio a pronti e a termine tendono a muoversi congiuntamente con una forte correlazione. Fonte: Datastream. Tassi di cambio a termine a 90 gg.

26 Altri modi per scambiare valuta Swap in valute estere : una combinazione di vendita a pronti con un riacquisto a termine, entrambi negoziati tra singoli operatori. Gli swap spesso presentano commissioni o costi di transazione inferiori perché combinano due transazioni. Esempio: vendita di dollari per Chf a pronti, investimento sul mercato svizzero, acquisto di dollari con franchi a termine. Contratti future : in questo caso viene comprata la promessa che un certo ammontare di valuta straniera sarà consegnata a una certa data futura. contratto progettato da un terzo per un ammontare standard di valuta estera consegnata/ricevuta in una data standard. (a differenza dei contratti a termine), i future possono essere scambiati sul mercato e solo il possessore corrente è obbligato a soddisfare il contratto.

27 Altri modi per scambiare valuta Opzioni : Dà al proprietario il diritto di vendere (opzione put) o di acquistare (opzione call) un certo ammontare di valuta estera ad un determinato tasso di cambio prefissato in qualsiasi momento fino ad una scadenza prestabilita. Esempio: Immaginiamo di dover fare un pagamento all estero in un qualunque giorno dello stesso mese può essere conveniente un opzione call che da diritto di acquistare valuta ad un prezzo dato. immaginiamo di essere incerti sulla data di ricevimento di un pagamento in valuta estera per il prossimo mese. Per evitare il rischio di una perdita, posso acquistare un opzione put, la quale da diritto di vendere la valuta a un tasso di cambio prefissato in qualsiasi giorno di un certo mese.

28 La domanda di attività denominate in valuta estera La domanda di depositi bancari denominati in valuta estera è influenzata dagli stessi fattori che agiscono sulla domanda di una qualsiasi altra attività. La sua variazione dipende dal valore futuro del deposito stesso. Ques ultimo è in funzione del tasso d interesse che viene garantito e della variazione attesa del tasso di cambio. In generale la ricchezza può essere detenuta in varie forme: azioni, obbligazioni, beni immobili, vini preziosi... Lo scopo dell acquisizione della ricchezza (e quindi del risparmio) è il trasferimento nel futuro del potere d acquisto.

29 La domanda di attività denominate in valuta estera Attività e rendimenti delle attività La definizione del rendimento di un attività L incremento percentuale del suo valore nel corso di un dato periodo. Es: nel 2003, si pagano 100$ per l azione di una società. Se nel 2004 si riceve un dividendo di 1$ e il prezzo dell azione aumenta da 100 a 109, allora si è ottenuto un rendimento del 10%. Se però si fosse ricevuto un dividendo di 1$ ma con un prezzo di soli 89$ allora l investimento avrebbe reso un tasso di rendimento del -10%. In questo caso si parla di rendimento monetario in quanto non calibrato al costo della vita.

30 La domanda di attività denominate in valuta estera Il tasso di interesse reale : Il tasso di rendimento misurato come il valore delle attività sulla base di un paniere di beni rappresentativo dei consumi di un tipico risparmiatore nel corso di un dato periodo di tempo. Esempio: Se l investimento cresce del 10% fra il 2003 e il 2004 ma ipotizziamo che altrettanto abbiano fatto i prezzi degli altri beni allora il rendimento reale sarà nullo. Comparazione dei rendimenti reali di attività diverse (purchè rapportati alla stessa unità di misura). Esempio: prezzo in dollari del vino (+25%) rispetto ad un azione (+10%) al netto dell aumento dei prezzi di tutti gli altri beni

31 La domanda di attività denominate in valuta estera A parità di altre condizioni, gli individui preferiscono detenere attività che forniscono i più alti tassi di rendimento. Rischio e liquidità: I risparmiatori però possono essere interessati a due caratteristiche ulteriori di un attività, oltre al suo rendimento: il rischio inteso come il grado di variabilità che essa conferisce alla ricchezza del risparmiatore. la liquidità cioè la facilità con cui l attività può essere venduta o scambiata contro beni.

32 La domanda di depositi in valuta (segue) Ma ipotizziamo che il rischio e la liquidità dei depositi bancari sul mercato dei cambi siano gli stessi, indipendentemente dalla valuta di denominazione. Il rischio e la liquidità sono di importanza solo secondaria nella decisione di acquisto o vendita di valuta. Gli importatori e gli esportatori potrebbero essere preoccupati da rischio e liquidità, ma rappresentano una piccola porzione del mercato.

33 La domanda di depositi in valuta (segue) Ipotizziamo che gli investitori siano principalmente interessati ai tassi di rendimento sui depositi bancari. I tassi di rendimento sono determinati da: I tassi di interesse che le attività fruttano (es. 10% l anno; investo 1$ e ottengo 1.10$ alla fine dell anno). I depositi presso le banche pagano un interesse il cui tasso dipende dalla valuta in cui è denominato. Le aspettative di apprezzamento o deprezzamento del tasso di cambio.

34 La domanda di depositi in valuta (segue) Il tasso di interesse di una valuta è l ammontare di valuta che si può ottenere dal prestito di una unità per un anno. Si può definire il tasso di rendimento di un deposito in valuta domestica come il tasso di interesse ottenuto dal deposito bancario (Es: presto $ alla banca e alla fine dell anno la mia attività «deposito» vale $). Per paragonare il tasso di rendimento di un deposito in valuta domestica con uno in valuta estera si considerino Il tasso di interesse del deposito in valuta estera Il tasso atteso di apprezzamento o deprezzamento della valuta estera rispetto a quella domestica.

35 La domanda di attività denominate in valuta estera Tassi di cambio e rendimenti delle attività Per decidere se acquistare un deposito denominato in euro o in dollari, è necessario calcolare il rendimento in dollari di un deposito denominato in euro. La domanda esatta che bisogna porsi è: se usiamo dollari per acquistare un deposito in euro, quanti dollari avremo dopo un anno?

36 La domanda di attività denominate in valuta estera Esempio: Dati: 1.10 E $/, E $/ e, R $ 0.10, R 0.05 Passo 1: Prezzo in dollari di un deposito in euro è 1.10 Passo 2: Il valore unitario di un deposito in euro dopo un anno è 1.05 euro Passo 3: Il valore in dollari del deposito in euro tra un anno è 1.165*1.05=1.223 dollari. Passo 4: Rendimento atteso in dollari di un deposito in euro è ( )/1.10=0.11

37 La domanda di attività denominate in valuta estera Una semplice regola (per abbreviare i calcoli) Il tasso di rendimento in dollari di un deposito in euro è dato approssimativamente dalla somma tra il tasso di interesse in euro (es: 5%) ed il tasso di deprezzamento del dollaro contro l euro (es: ( )/1.10=0,059, circa il 6%) Il tasso di deprezzamento del dollaro contro l euro è dato dall incremento percentuale annuo del tasso di cambio dollaro/ euro. Il rendimento si ottiene quindi: R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Convenienza tra i tassi di rendimento reali attesi dei depositi in dollari rispetto a quelli in euro?

38 La domanda di depositi in valuta (segue) La differenza nel tasso di rendimento tra depositi in dollari e depositi in euro è R $ - (R + (E e $/ - E $/ )/E $/ ) = R $ - R - (E e $/ - E $/ )/E $/ tasso di rendimento atteso = tasso di interesse sui depositi in dollari tasso di interesse sui depositi in euro tasso di cambio atteso tasso di cambio corrente Tasso atteso di apprezzamento dell euro tasso atteso di rendimento sui depositi in euro

39 La domanda di attività in valuta

40 La domanda di attività denominate in valuta estera Quando la differenza nell equazione proposta è positiva, i depositi denominati in dollari garantiscono il maggiore rendimento atteso. Quando è negativa, i depositi in euro garantiscono il maggiore rendimento atteso. Analogamente, il tasso di rendimento in euro di deposito in dollari R è pari al tasso di interesse del dollaro (R $ ) meno l apprezzamento dell euro, misurato da - (E e $/ - E $/ )/E $/

41 Usiamo Il mercato dei cambi La domanda (il tasso di rendimento) di depositi denominati in dollari e la domanda (il tasso di rendimento) di depositi denominati in valuta estera per costruire un modello del mercato dei cambi. Il mercato dei cambi è in equilibrio quando i depositi di tutte le valute offrono lo stesso tasso di rendimento atteso: parità dei tassi di interesse. La parità dei tassi di interesse implica che i depositi in tutte le valute (misurate nella stessa valuta) sono considerati attività egualmente desiderabili.

42 Il mercato dei cambi (segue) La parità dei tassi di interesse dice: R $ = R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Perché questa condizione dovrebbe valere? Supponiamo che non valga (caso 3 nella tabella). Supponiamo che R $ > R + (E e $/ - E $/ )/E $/. Nessun investitore vorrebbe detenere depositi in euro, e ciò genererebbe una riduzione della domanda e del prezzo dell euro. Quindi tutti gli investitori vorrebbero detenere depositi in dollari, e ciò fa aumentare domanda e prezzo dei dollari. Il dollaro si apprezzerebbe e l euro si deprezzerebbe, facendo aumentare il termine a destra fino a quando si raggiunge l uguaglianza.

43 Il mercato dei cambi (segue) Per comprendere l equilibrio sul mercato dei cambi bisogna esaminare le variazioni del tasso di cambio corrente. Ci domandiamo in che modo il rendimento atteso di un deposito in euro (valutato in termini di dollaro) sia influenzato da una variazione del cambio corrente dollaro/euro. La valutazione viene condotta nel caso in cui i tassi d interesse e le aspettative sul tasso di cambio futuro non si modifichino. A parità di altri fattori, il ruolo del deprezzamento della valuta è determinante.

44 Esempio: Il mercato dei cambi (segue) Dati: tasso di cambio (E $/,)= 1$; tasso di cambio atteso (E $/ e )= 1.05 Tasso atteso di deprezzamento è ( )/1.00=0.05 Questo vuol dire che l acquisto di un deposito in euro non garantisce solo un interesse R ma anche un «bonus» del 5% dovuto al cambio. Se adesso (E $/,)= 1.03$ (cioè un deprezzamento del dollaro e un apprezamento dell euro, il tasso atteso di deprezzamento diventa ( )/1.03=0.019, ossia 1,9%. Poichè R non varia, il rendimento risulta diminuito di 3.1% (5%-1.9%)

45 Rendimenti attesi sui depositi in euro quando E e $/ = $1,05 per euro

46 Il mercato dei cambi (segue) Il deprezzamento della valuta domestica (incremento del tasso di cambio $/ ) oggi riduce il rendimento interno atteso sui depositi in valuta estera (euro). Un deprezzamento corrente della valuta domestica alzerebbe il costo iniziale dell investimento in valuta estera, riducendo di conseguenza il rendimento atteso in valuta estera. L apprezzamento della valuta domestica oggi accresce il rendimento atteso sui depositi in valuta estera. Un apprezzamento corrente della valuta domestica ridurrebbe il costo iniziale dell investimento in valuta estera, incrementando di conseguenza il rendimento atteso in valuta estera.

47 Tasso di cambio corrente e rendimento atteso sui depositi in dollari

48 Tasso di cambio corrente e rendimento atteso sui depositi in dollari Tasso di cambio corrente, E $/ R $ Rendimento atteso sui depositi in dollari, R $

49 Determinazione del tasso di cambio di equilibrio Nessuno vuole detenere depositi in euro Nessuno vuole detenere depositi in dollari Copyright 2007 Paravia Bruno Mondadori Editori. All rights reserved. 3-49

50 Il mercato dei cambi Effetti di variazioni dei tassi di interesse: Un incremento del tasso di interesse pagato sui depositi denominati in una particolare valuta fa aumentare il tasso di rendimento su quei depositi. Questo porta ad un apprezzamento della valuta. L aumento dei tassi di interesse in dollari causa l apprezzamento del dollaro. L aumento dei tassi di interesse in euro causa il deprezzamento del dollaro.

51 L effetto di un aumento del tasso di interesse in dollari Un deprezzamento dell euro è un apprezzamento del dollaro.

52 Effetto di un aumento del tasso di interesse in dollari In seguito all aumento del tasso d interesse, il rendimento atteso dei depositi in dollari risulta superiore (in corrispondenza del tasso di cambio iniziale E 1 $/ ) a quello dei depositi in euro. La differenza è misurata dalla distanza tra i punti 1 e 1. Questa differenza induce un apprezzamento del dollaro al tasso di cambio E 1 $/ (Punto 2). Dato che non si è ipotizzata alcuna variazione del tasso di interesse in euro o del cambio atteso futuro, l apprezzamento del dollaro provoca (tramite al aumento del tasso atteso di deprezzamento) un incremento del rendimento atteso in dollari.

53 L effetto di un aumento del tasso di interesse in euro L effetto di un aumento del tasso di interesse in euro. Un aumento del tasso di interesse pagato sui depositi in euro provoca un deprezzamento del dollaro da E 1 $/ (punto 1) a E 2 $/ (punto 2) (questa figura descrive anche l effetto di un aumento del tasso di cambio futuro atteso dollaro/euro).

54 Effetto di un aumento del tasso di interesse in euro Al livello iniziale di E 1 $/, il tasso di deprezzamento del dollaro è pari a quello precedente l aumento di R ; il rendimento atteso dei depositi in euro eccede quindi quello dei depositi in dollari. Per eliminare l eccesso di offertà di attività denominate in dollari che si manifesta in corrispondenza del punto 1, il tasso di cambio aumenta da E 1 $/ a E 2 $/. Come nel caso precedente e attraverso una riduzione del tasso atteso di rendimento in dollari dei depositi in euro che il deprezzamento del dollaro nei confronti dell euro elimina l eccesso di offerta in dollari.

55 L effetto di un apprezzamento atteso dell euro L effetto di un aumento del tasso di cambio futuro atteso dollaro/euro. Un aumento del prezzo futuro atteso dell euro provoca un deprezzamento del dollaro. Esempio: se il cambio passa da 1 a 1.5 il tasso di deprezzamento è Ma se il cambio atteso è 1.06, anche il tasso di deprezzamento aumenta. Quindi un incremento del tasso di deprezzamento si riflette in un aumento del rendimento atteso in dollari dei depositi in euro e la curva si sposta verso destra. Ora ci si aspetta che l euro si apprezzi

56 L effetto di un apprezzamento atteso dell euro (segue) Se ci si aspetta che l euro si apprezzi in futuro, l investimento pagherà in un euro con maggior valore ( forte ), e quindi questi euro futuri saranno in grado di acquistare molti dollari e molti beni denominati in dollari Il rendimento atteso sugli euro perciò aumenta Un apprezzamento atteso di una valuta porta ad un apprezzamento effettivo (self-fulfilling prophecy) Un deprezzamento atteso di una valuta porta ad un effettivo deprezzamento (self-fulfilling prophecy)

57 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse I tassi di cambio a termine permettono di eliminare il rischio di cambio su una vendita o un acquisto futuro di valuta. Permettono di coprirsi, sono una forma di assicurazione. Esempio: si supponga di voler acquistare euro con dollari desiderando però di essere certi del valore in dollari di tale deposito alla fine dell anno. Il rischio di cambio può essere evitato acquistando il deposito in euro ma coprendolo con la vendita a termine di euro per dollari. In questo caso si è evitato un evenutale rischio di deprezzamento inatteso dell euro.

58 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Il tasso a termine viene determinato dai tassi di interesse e dai tassi di cambio, analogamente a quanto accadeva con la condizione di parità scoperta dei tassi di interesse. Condizione di parità coperta dei tassi d interesse (covered interest parity): il tasso di rendimento di un deposito in dollari e quello di un deposito in valuta estera «coperto» devono essere uguali. Il rendimento di un deposito in dollari non può eccedere quello di un deposito in euro espresso in dollari e coperto con una operazione a termine.

59 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Esempio: Prezzo a termine dell euro in termini di dollaro, F $/ =1.113 dollari per euro; Tasso di cambio a pronti E $/ =1.05 dollari; Tassi d interesse dei depositi in euro e dollari R =0.04; R $ =0.10. Qual è il tasso di rendimento di un deposito in euro coperto? Un deposito pari ad 1 euro costa 1.05 dollari oggi e varrà 1.04 euro tra un anno. Se oggi si vendono 1.04 euro a termine, al tasso di cambio pari a dollari per euro, il valore dell investimento sarà 1.113*1.04=1.158 dollari.

60 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Il tasso di rendimento in dollari per un acquisto coperto: ( )/1.05=0.103 In tale situazione nessuno sarebbe disposto a detenere depositi in dollari ma tutti preferirebbero depositi in euro «coperti». Formalmente, il rendimento coperto di un deposito in euro corrisponde approssimativamente: R + (F $/ - E $/ )/E $/

61 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Condizione di parità coperta dei tassi d interesse: R $ = R + (F $/ - E $/ )/E $/ La quantità (F $/ - E $/ )/E $/ è detta premio (sconto, se nagativo) a termine dell euro nei confronti del dollaro. Il tasso d interesse su un deposito in euro deve essere pari al tasso d interesse su un deposito in euro più il premio/sconto a termine dell euro nei confronti del dolaro.

62 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Un confronto con la condizione di parità scoperta dei tassi d interesse: R $ = R + (E e $/ - E $/ )/E $/ Dimostra che entrambe le condizioni si verificano se e sole se E e $/ = F $/ cioè se il tasso di cambio a termine dollaro/euro è pari al tasso di cambio a pronti che ci si attende sia applicabile tra un anno. Se E e $/ > F $/ dopo un anno acquisto euro al tasso F $/ e mi aspetto di rivenderlo al tasso E e $/, realizzando così un profitto la maggiore domanda di euro a termine comporta un apprezzamento dell euro sul mercato a termine

63 Sommario 1. I tassi di cambio sono i prezzi delle valute straniere in termini delle valute domestiche o viceversa. 2. Il deprezzamento della valuta di un paese significa che questa è meno costosa (vale di meno) e i beni denominati in tale valuta sono meno costosi: le esportazioni sono più economiche e le importazioni più costose. Un deprezzamento colpisce i consumatori di beni importati, ma aiuta i produttori di esportazioni.

64 Sommario (segue) 3. L apprezzamento della valuta di un paese implica che è più cara (maggior valore) e i beni denominati in essa sono più cari: le esportazioni sono più dispendiose e le importazioni più economiche. Un apprezzamento aiuta i consumatori di importazioni ma colpisce i produttori di esportazioni. 4. Le banche commerciali che investono in depositi in diverse valute dominano il mercato dei cambi. I tassi attesi di rendimento sono la cosa più importante nel determinare la disponibilità a detenere questi depositi.

65 Sommario (segue) 5. I rendimenti sui depositi bancari nel mercato dei cambi sono influenzati dai tassi di interesse e dai tassi di cambio attesi. 6. L equilibrio del mercato dei cambi si realizza quando i rendimenti sui depositi in valuta domestica e in valuta estera sono uguali: parità dei tassi di interesse. 7. Un aumento del tasso di interesse su un deposito in valuta porta ad un aumento del tasso di rendimento e ad un apprezzamento della valuta.

66 Sommario (segue) 8. L apprezzamento atteso di una valuta porta ad un aumento del tasso atteso di rendimento di quella valuta e porta ad un apprezzamento effettivo. 9. La parità coperta dei tassi di interesse dice che i tassi di rendimento sui depositi in valuta domestica e sui depositi in valuta estera coperti usando il tasso di cambio a termine sono uguali.

67 Tassi di interesse, aspettative ed equilibrio Figura 3-7: effetto di un aumento di E e $/ sul mercato a termine dell euro Tasso di cambio a termine, F $/ Offerta a termine di euro F 2 $/ F 1 $/ 1 2 Incremento della domanda di euro in seguito all aspettativ apprezzamento Domanda a termine di euro quantità di euro

68 Tassi di cambio a termine e parità coperta dei tassi di interesse Figura 3-7: Parità coperta dei tassi di interesse Tassi di cambio e di interesse rilevati il 15 novembre 2007 premio premio percentuale premio annualizzato differenziali tassi interbancari pronti 1,4633 3m 1,4649 0,0016 0,11 0,44 0,33 1y 1,4639 0,0006 0,04 0,04-0,06

69

70

71

72

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e transazioni internazionali La domanda di attività denominate in valuta estera L equilibrio nel mercato valutario Tassi

Dettagli

Organizzazione del capitolo

Organizzazione del capitolo Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Preparato da Iordanis Petsas (traduzione di Juliette Vitaloni) In allegato a: Economia internazionale: economia monetaria internazionale

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima La legge del prezzo unico La parità del potere di acquisto

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: francesco.palumbo@uniroma1.it

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Economia Monetaria. CLEF classe 14. Tassi di Cambio e Mercati Valutari

Economia Monetaria. CLEF classe 14. Tassi di Cambio e Mercati Valutari Economia Monetaria CLEF classe 14 2008-09 Tassi di Cambio e Mercati Valutari versione 14 Aprile 2009 DEF/ Tasso di cambio nominale: E - Prezzo della moneta nazionale espresso in unità di valuta estera

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione: Mercato della valuta, Tassi di cambio, UIP e CIP Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Mercato della valuta Il mercato della valuta dipende

Dettagli

IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE. Lezione 9 CAPITOLO 14 1

IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE. Lezione 9 CAPITOLO 14 1 IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE Lezione 9 CAPITOLO 14 1 SAPRESTE RISPOSNDERE A QUESTA DOMANDA? Nel corso dell attuale decennio, le aziende

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta Prof. Gianmaria Martini Mercati in economia aperta Sino ad ora abbiamo

Dettagli

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale Il Mercato dei Cambi Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale esiste solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: -la moneta

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla VI Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla VI Esercitazione Economia Internazionale - Soluzioni alla VI Esercitazione 15/04/2015 Esercizio 1 a) Cos'è la Bilancia dei Pagamenti? Com'è il saldo cumulato degli ultimi 12 mesi del conto corrente in Italia secondo voi?

Dettagli

Il mercato dei cambi. Premessa

Il mercato dei cambi. Premessa Il mercato dei cambi 2009 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale (vista fino ad ora) solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: la moneta con le sue funzioni tradizionali

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Corso di Economia Politica. Il mercato dei cambi. Stefano Papa

Corso di Economia Politica. Il mercato dei cambi. Stefano Papa Corso di Economia Politica Il mercato dei cambi Stefano Papa Mercato della valuta Mercato: Non è (necessariamente) un luogo fisico preciso, ma è l insieme della domanda e dell offerta e delle istituzioni

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 8 Il mercato dei cambi: A) elementi caratteristici E la

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 8 Gli strumenti della politica commerciale preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta,

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Tassi di cambio ed economia aperta * 31

Tassi di cambio ed economia aperta * 31 31 Tassi di cambio ed economia aperta * 31 Avereachefareconmonetepocofamiliari(econvertireilvaloredellemoneteesterenellavalutanazionale) è un problema in cui si imbatte chiunque viaggiall estero.ilproblemaècomplicatodalfatto

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia 16/06/2005 Corso unico VERSIONE 11 ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO), matricola e corso

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 15 La bilancia dei pagamenti e il mercato valutario Hill, cap. 10 (prima parte) La bilancia

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

Le Valute come forma di Investimento

Le Valute come forma di Investimento Bologna, 20 ottobre Le Valute come forma di Investimento Intervento di Angelo Ciavarella Agenda Il Forex Exchange Market Gli Attori e le Currency Pairs Lo spot, Il Forward e lo Swap Fattori che influenzano

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Le Valute come forma di investimento

Le Valute come forma di investimento La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Le Valute come forma di investimento R e l a t o r e : A n g e l o C i a v a r e l l a Agenda Il Forex Exchange Market Gli Attori e le Currency Pairs

Dettagli

Capitolo 5. L economia aperta. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 5: L economia aperta 1

Capitolo 5. L economia aperta. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 5: L economia aperta 1 Capitolo 5 L economia aperta 1 Il percorso L economia aperta Identità in una economia aperta I tassi di cambio nominali e reali 2 I flussi internazionali di beni Il ruolo delle esportazioni nette Spesa

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il mercato dei cambi Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Riferimento Bibliografico.

Dettagli

La globalizzazione finanziaria: opportunità e crisi

La globalizzazione finanziaria: opportunità e crisi Capitolo 10 (escluso paragrafo 4.4) La globalizzazione finanziaria: opportunità e crisi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

Tassi di interesse e di cambio

Tassi di interesse e di cambio Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Tassi di interesse e di cambio Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Riferimento

Dettagli

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI CAPITOLO 27 Gestione dei rischi Semplici PROBLEMI 1. a. Vero; b. falso (pagate alla consegna); c. vero; d. vero. 2. a. Prezzo pagato per consegna immediata. b. I contratti a termine sono contratti per

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1 Macroeconomia, Esercitazione 7 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie a 100 e i depositi bancari a 800,

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE

ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE ELEMENTI DI ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Filippo Reganati SOMMARIO La Bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio La condizione di parità dei tassi di interesse su base scoperta La condizione di parità

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Sistema di contabilità nazionale

Sistema di contabilità nazionale Sistema di contabilità nazionale Registra il valore del reddito nazionale che risulta dalla produzione e dalla spesa I produttori percepiscono reddito dagli acquirenti, che spendono per l acquisto di beni

Dettagli