UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c."

Transcript

1 UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

2 TRATTAMENTO DI FAVORE DEL LEGISLATORE importanza concreta della distinzione dall imprenditore commerciale Esonero dalla tenuta delle scritture contabili Legislazione speciale: - incentivi - agevolazioni fiscali Esonero dall assoggettamento al fallimento ed alle altre procedure concorsuali

3 ATTIVITA AGRICOLE ESSENZIALI O PRINCIPALI Nozione originaria dell art c.c. risalente alla formulazione del codice del Coltivazione del fondo - Allevamento del bestiame - Silvicoltura Tradizionalmente indicate come aventi intrinseca natura agraria, perché necessariamente legate al fondo. Idonee ad imprimere il carattere dell agrarietà a prescindere dalle dimensioni e dall importanza degli investimenti. Il favor è connesso al fatto che l imprenditore sopporta il rischio del legame dell attività con il suolo

4 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E TENDENZA ESPANSIVA Progressivo superamento della vecchia figura dell I.A. (imprenditore agricolo). Non rileva più il modo di produzione tipico dell I.A. ed il legame con il fondo. Si ritiene che I.A. sia ogni impresa che produce specie vegetali o animali; ogni forma di produzione basata sullo svolgimento di un ciclo biologico naturale NUOVO ART MODIFICATO DAL D.LGS. 18 MAGGIO 2001, N. 228 Passaggio dalla locuzione bestiame ad animali (1 comma); Precisazione del 2 comma: riferimento alla cura o allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria di esso; Attività che utilizzano o che possono utilizzare il fondo, il bosco, le acque dolci, salmastre, marine; Ampliamento delle attività connesse

5 COLTIVAZIONE DEL FONDO ORTICOLTURA COLTIVAZIONI IN SERRA E IN VIVAI: FLORICOLTURA VIVAISTICA, GIARDINAGGIO COLTURE IDROPONICHE: FUNGHI ETC. COLTIVATI AL DI FUORI DEL SUOLO Anche se le piante (le radici) non sono messe a dimora nel terreno, potremo avere impresa agricola. Prima ciò era previsto soltanto per i funghi: Legge 5 aprile 1985, n. 126

6 ALLEVAMENTO BESTIAME Animali domestici che appartengono all agricoltura e alla pastorizia: interpretazione restrittiva: bestiame da lavoro bestiame da latte bestiame da carne bestiame da lana ANIMALI Ogni organismo vivente, senziente e dotato di movimento autonomo.

7 Il legislatore vuole inquadrare nelle attività agricole principali ogni tipo di allevamento di animali ANCHE: Animali da cortile (polli, conigli etc.) Animali da pelliccia, cavalli e cani da corsa, da esposizione etc. Acquacoltura (pesci / mitili): legge 102/1992 Apicoltura: legge 213/2004 Itticoltura: legge 226/2001 [ex art. 3: è itticoltore chi esercita, in forma singola o societaria l attività di pesca professionale. e attività connesse. ] pescaturismo ittiturismo

8 ATTIVITA AGRICOLE PER CONNESSIONE VECCHIO SISTEMA Requisiti necessari: CONNESSIONE SOGGETTIVA Identità tra la persona che esercita attività agricola principale e quella esercente l attività connessa. CONNESSIONE OGGETTIVA NORMALITA Le attività dovevano ruotare intorno al fondo, necessario e strumentale al loro esercizio: CONNESSE TIPICHE: trasformazione e alienazione dei prodotti del fondo CONNESSE ATIPICHE: accessorie alle principali: agriturismo, trebbiatura, motoaratura per conto terzi SISTEMA ATTUALE CONNESSIONE SOGGETTIVA IDEM CONNESSIONE OGGETTIVA PREVALENZA Manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione, valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente da un attività agricola essenziale Attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse normalmente impiegate nell attività agricola esercitata, comprese valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale e le attività agrituristiche. ATTIVITA OGGETTIVAMENTE COMMERCIALI SONO REPUTATE PER LEGGE ATTIVITA AGRICOLE

9 CRITERIO DELLA PREVALENZA - INCERTEZZE Margini di discrezionalità eccessivi: per es. l imprenditore può trasformare e commercializzare si prodotti provenienti dal proprio fondo sia quelli provenienti da altri e acquistati sul mercato. L I.A. diventerà imprenditore commerciale quando: - commercializza o trasforma soltanto prodotti agricoli altrui o utilizza soltanto strutture o attrezzature altrui; - non vi è alcuna coerenza tra l attività principale e quella connessa: es. viticoltore che produce e commercializza formaggi

10 D. LGS N. 99 ISTITUZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE I.A.P. Continuazione dell opera di commercializzazione del residuo agricolo e ampliamento dei privilegi e degli incentivi 1. Ai fini dell'applicazione della normativa statale, e' imprenditore agricolo professionale (IAP) colui il quale, in possesso di conoscenze e competenze professionali ai sensi dell'articolo 5 del regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio, del 17 maggio 1999, dedichi alle attivita' agricole di cui all'articolo 2135 del codice civile, direttamente o in qualita' di socio di societa', almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro complessivo e che ricavi dalle attivita' medesime almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da lavoro. Le pensioni di ogni genere, gli assegni ad esse equiparati, le indennita' e le somme percepite per l'espletamento di cariche pubbliche, ovvero in associazioni ed altri enti operanti nel settore agricolo, sono escluse dal computo del reddito globale da lavoro.

11 IMPRESA AGRICOLA IN FORMA DI SOCIETA PROBLEMA INIZIALE Più imprenditori agricoli a titolo principale ciascuno sui propri terreni conferiscono i prodotti ad una società per l attività di trasformazione e alienazione TESI NEGATRICE Mancherebbe la connessione soggettiva Se si esalta il criterio soggettivo di connessione SI CONDIZIONATO Secondo altri autori, sarebbe impresa agricola soltanto la società che assumesse la veste di cooperativa La società è impresa agricola?????

12 ART. 1, COMMA 2 D- LGS. 228/2001 SONO CONSIDERATI I.A. LE COOPERATIVE DI IMPRENDITORI AGRICOLI E LORO CONSORZI CHE: UTILIZZANO PREVALENTEMENTE PRODOTTI DEI SOCI PER LE ATTIVITA DI CUI ALL ART CHE FORNISCONO PREVALENTEMENTE AI SOCI BENI E SERVIZI PER LA CURA E LO SVILUPPO DEL CICLO BIOLOGICO DUNQUE DUPLICE DEROGA ALLA CONNESSIONE SOGGETTIVA LA COOPERATIVA TRASFORMA PRODOTTI NON PROPRI MA DEI SOCI; LA COOPERATIVA PUO TRASFORMARE E VENDERE ANCHE PRODOTTI CONFERITI DA TERZI O ACQUISTATI SUL MERCATO

13 RIEPILOGO: SOCIETA CONSIDERATE IMPRESA AGRICOLA REQUISITO COMUNE : OGGETTO SOCIALE ESCLUSIVO DEVE ESSERE L ESERCIZIO DI ATTIVITA AGRICOLA ANTE 2004 SOCIETA DI PERSONE almeno uno dei soci deve essere in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto, mentre gli altri soci possono anche non essere agricoltori. SOCIETA COOPERATIVE ALMENO ½ DEI SOCI DEVE ESSERE I.A.P. SOCIETA DI CAPITALI OLTRE IL 50% DEL CAPITALE DEVE ESSERE SOTTOSCRITTO DA I.A.P. EX D. LGS. 99/2004 SOCIETA DI PERSONE ALMENO 1 SOCIO DEVE ESSERE I.A.P. Nella società in accomandita semplice: deve essere imprenditore agricolo professionale almeno un socio accomandatario. SOCIETA COOPERATIVE ALMENO 1/5 DEI SOCI DEVE ESSERE I.A.P. - è necessario che un amministratore socio abbia la qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto. SOCIETA DI CAPITALI almeno un amministratore deve essere imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto.

14 AGRITURISMO LEGGE , N. 96 Attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori di cui all art c.c. in forma di: Impresa individuale Società di persone Società di capitali Addetti all attività: - l imprenditore agricolo e i suoi familiari - lavoratori dipendenti a tempo determinato, indeterminato, parziale

15 OSPITALITA IN ALLOGGI O IN SPAZI DI SOSTA PER CAMPEGGIATORI QUALI ATTIVITA SONO AGRITURISTICHE SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE COSTITUITI PREVALENTEMENTE DA PRODOTTI PROPRI O DI AZIENDE AGRICOLE DELLA ZONA DEGUSTAZIONE PRODOTTI AZIENDALI E MESCITA DI VINI ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA RICREATIVE, CULTURALI, DIDATTICHE, DI PRATICA SPORTIVA, ESCURSIONISTICHE E IPPOTURISTICHE ANCHE IN SPAZI ESTERNI AI FONDI DI PROPRIETA

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO Inquandramento normativo e fiscale Torino, 23 Marzo 2009 1B Dott. Andrea CHIABRANDO Studio Tecnico Agrario - Pinerolo (TO) La nozione di Imprenditore Agricolo L'Imprenditore

Dettagli

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti)

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) 1 approfondimento L imprenditore agricolo e le società agricole (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) Il nuovo testo dell art. 2135 del codice civile (introdotto dall art. 1 del d.lgs. 228/2001) ha ampliato la

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15%

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Le strutture agrituristiche la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Finalità dell agriturismo Legge 5.12.1985 n.730 Disciplina dell agriturismo Sostegno all agricoltura

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Capitolo 3. Il presupposto soggettivo imprenditore agricolo - piccolo imprenditore - artigiano - coltivatore diretto

Capitolo 3. Il presupposto soggettivo imprenditore agricolo - piccolo imprenditore - artigiano - coltivatore diretto Capitolo 3 Sommario Il presupposto soggettivo imprenditore agricolo - piccolo imprenditore - artigiano - coltivatore diretto 1 L imprenditore agricolo: nozione. - 2 Attività agricole «essenziali». - 3

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione di eventuali manifestazioni di interesse alla stipula di contratto di affitto con Imprenditore Agricolo Professionale (I.A.P.) in deroga alla legge 203/82,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza...

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza... AL COMUNE DI AZZATE Ufficio Commercio DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale........ Data di nascita./. /.....Cittadinanza....... Luogo

Dettagli

TURISMO RURALE E AGRITURISMO SAVERIO PANZICA saveriopanzica@aliceposta.it it TURISMO RURALE AGRITURISMO IMPRENDITORE AGRICOLO PESCATURISMO ITTITURISMO IMPRENDITORE ITTICO TURISMO RURALE NELLA UE Il turismo

Dettagli

A Chi Ci Rivolgiamo?

A Chi Ci Rivolgiamo? Per proporre assicurazione nel mondo agricolo NON BASTA FARE GLI ASSICURATORI, ma è necessario avere un esperto agronomo che valuti il Riscio Agricolo, avendo conoscenze specifiche sulle necessità del

Dettagli

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it L ATTIVITA APISTICA L INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E FISCALE Dott. Luigi Palmieri Dottore in Scienze e Tecnologie Agrarie Perito Agrario Laureato - Agrotecnico Laureato Esperto Apistico www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

Dettagli

Ruralità e IMU. 1. I terreni

Ruralità e IMU. 1. I terreni Approfondimenti IMU Ruralità e IMU (ved. anche Seminario-Risposte 1. I terreni (agricoli e non) 2. I fabbricati rurali ad uso strumentale 3. Il riconoscimento catastale della ruralità e l iscrizione in

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI IMPRUNETA Ufficio Comunicazione e Sviluppo Via Cavalleggeri, 16 50023 IMPRUNETA COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI VENDITA ITINERANTE DA PARTE DI IMPRENDITORE AGRICOLO

Dettagli

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici; attivita dell impresa AVVERTENZE GENERALI Soggetti

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

L IMPRESA AGRICOLA L IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (IAP) E LE SOCIETA AGRICOLE

L IMPRESA AGRICOLA L IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (IAP) E LE SOCIETA AGRICOLE L IMPRESA AGRICOLA L IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (IAP) E LE SOCIETA AGRICOLE La modernizzazione del settore agricolo, le nuove figure professionali e le agevolazioni fiscali, creditizie e previdenziali

Dettagli

l agenzia 2 in f orma

l agenzia 2 in f orma l agenzia 2 in f orma 2004 GUIDA FISCALE PER IL SETTORE AGRICOLO AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. ASPETTI GENERALI 2 Definizione di imprenditore agricolo 2 Prevalenza dell attività

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo- Obiettivo Convergenza 2007-2013 Asse

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE

ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE Il sottoscritto, c.f. a margine della richiesta presentata per il riconoscimento di ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR

Dettagli

Al Comune di 33050 POZZUOLO DEL FRIULI Via xx Settembre, 31. Il/la sottoscritto/a:

Al Comune di 33050 POZZUOLO DEL FRIULI Via xx Settembre, 31. Il/la sottoscritto/a: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA VENDITA DI PRODOTTI RICAVATI DAI PROPRI FONDI (art. 4 del D.Lgs 228/01) da parte dell imprenditore agricolo 1 Il/la sottoscritto/a: Al Comune di 33050

Dettagli

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n.,

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n., N.B.: Nel caso di invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato PDF/A, al seguente indirizzo: protocollo@pec.cittametropolitanaroma.gov.it

Dettagli

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura Pag. 1 di 24 L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura dell imprenditore agricolo in chi esercita le attività

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici; attivita dell impresa AVVERTENZE GENERALI Soggetti

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (art. 47 del D.P.R. 28.12.2000, N. 445) - MODIFICA DELLE ATTIVITA AGRICOLE ED AGRITURISTICHE - (Legge Regionale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO DI RIORDINO DELLE NORMATIVE

DECRETO LEGISLATIVO DI RIORDINO DELLE NORMATIVE Dlgs Codice Agricoltura 11.12.09 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO DI RIORDINO DELLE NORMATIVE SULL ATTIVITA AGRICOLA INDICE TITOLO I DELLE INTEGRAZIONI AL CODICE CIVILE Art. 1 (Definizione di coltivatore

Dettagli

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati Collegio Notarile della Provincia di Cuneo e Collegio dei Geometri e Geometri Laurati della Provincia di Cuneo Convegno sulla disciplina dei fabbricati rurali in relazione al dettato del DL 201/2011 I

Dettagli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli L agricoltura, i maneggi e i cavalli Problematiche relative alla gestione delle strutture agricole: aspetti fiscali Centro Ippico La Pinetina Limido Comasco (CO) 23/09/2014 Dott. Peppino Titone Responsabile

Dettagli

Allegato E (ritenuta acconto per società)

Allegato E (ritenuta acconto per società) Allegato E (ritenuta acconto per società) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La Sottoscritto/a Cognome nome, nato/a a il, in qualità

Dettagli

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS. Direzione Regionale del Veneto Area prevenzione e contrasto economia sommersa e lavoro irregolare Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. )

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10 Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Art. 1 (Finalità) La presente legge, nel rispetto della programmazione regionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015 RISOLUZIONE N. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/10/2015 OGGETTO: Interpello ordinario Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - (Tassazione forfettaria del reddito derivante dalla produzione e

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

13 giugno 2005. disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

13 giugno 2005. disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 13 giugno 2005 disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3438 DISEGNO DI LEGGE approvato dalla Camera dei deputati

Dettagli

AGRITURISMO DESCRIZIONE

AGRITURISMO DESCRIZIONE AGRITURISMO DESCRIZIONE L'attività di agriturismo nella Regione Veneto è stata regolata con Legge Regionale 18 aprile 1997, n. 9 che stabiliva i principi, le finalità e le condizioni per lo svolgimento

Dettagli

AGRITURISMO: DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

AGRITURISMO: DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Comune di Mantova SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE E I CITTADINI Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.(+39) 0376338666 - Fax (+39)0376338633-(+39)0376338685 E-mail: sportellounico@domino.comune.mantova.it

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63.

L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63. L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63. Epigrafe Premessa Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione di attività agrituristiche Art. 3. Locali per

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015 Diritto commerciale l Lezione 09/10/2015 Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Dimensione dell impresa come «misura» dell organizzazione della stessa. Etero-organizzazione

Dettagli

Riordino della normativa sull attività agricola

Riordino della normativa sull attività agricola XVI LEGISLATURA Documentazione per l esame di Atti del Governo Riordino della normativa sull attività agricola Schema di D.Lgs. n. 164 (art. 14, L. 246/2005) Schema di D.P.R. n. 168 Camera dei deputati

Dettagli

Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Regimi I.V.A. in Agricoltura Slides Corso di Economia Agraria Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie 1 REGIMI I.V.A. AGRICOLTURA REGIME SPECIALE REGIME DI ESONERO REGIME ORDINARIO 2 REGIMI SPECIALI

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO

COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO Allegato A alla delibera di C.C. n 45 del 20 ottobre 2008 Finalità Il Mercato degli Agricoltori è un mercato riservato

Dettagli

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 GENNAIO 2010 N.1. INDICE 1. Premessa 2. Riferimenti normativi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: D.lgs n. 99/04: Linee di indirizzo e criteri generali di riferimento per il riconoscimento della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP). LA VISTO il documento istruttorio riportato

Dettagli

L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI

L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI Forlì, 12 dicembre 2013 Prot. n. 217/2013 L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI PREMESSA NORMATIVA I redditi fondiari sono disciplinati dall art. 25 D.P.R. 917/86, e si distinguono

Dettagli

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 INDICE I. ASPETTI GENERALI 2 DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE AGRICOLO

Dettagli

SITUAZIONE CATASTALE E CLASSIFICAZIONE AI FINI DELL IMPONIBILITÀ DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA DEI FABBRICATI RURALI - SOSPENSIVA

SITUAZIONE CATASTALE E CLASSIFICAZIONE AI FINI DELL IMPONIBILITÀ DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA DEI FABBRICATI RURALI - SOSPENSIVA SITUAZIONE CATASTALE E CLASSIFICAZIONE AI FINI DELL IMPONIBILITÀ DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA DEI FABBRICATI RURALI - SOSPENSIVA Spazio per protocollo DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (art.

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito

REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito Direzione Regionale della Sicilia REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Strutturali

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37

LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte I 28.11.2007 - pag. 404 LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37 Disciplina dell attività agrituristica, del pescaturismo e ittiturismo. Il Consiglio regionale

Dettagli

LE FATTORIEF DIDATTICHE

LE FATTORIEF DIDATTICHE LE FATTORIEF DIDATTICHE Educazione alla campagna amica Opuscolo realizzato nell ambito del progetto di consulenza alla gestione Il riorientamento dell impresa agricola tramite l analisi economica - L.R.37/99

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia. Corso di Marketing agroalimentare e turismo rurale (Anno accademico 2013-2014)

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia. Corso di Marketing agroalimentare e turismo rurale (Anno accademico 2013-2014) Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare e turismo rurale (Anno accademico 2013-2014) Prof. Gervasio Antonelli Organizzazione e problematiche di marketing

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA Legge Regionale 14/06 Regolamento Regionale 9/07 Quadro A Dichiarazioni e caratteristiche aziendali Sezione

Dettagli

Agricoltura Sociale in Lombardia

Agricoltura Sociale in Lombardia Agricoltura Sociale in Lombardia - SEMINIAMO IL FUTURO - Marinella Bonomelli 6 solchi tracciati Aziende agricole Orti e giardini collettivi Strutture socio-sanitarie Fattorie didattiche Strutture socio

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 19 gennaio 2012 Anno 2010 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2010 le aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo sfiorano le 20 mila unità, quasi mille in più rispetto all anno precedente

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO a cura di Letizia Giovanna Galati IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA FEBBRAIO 2014 1 Con la circolare n.32/e del 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti

Dettagli

GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO

GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO Sommario I. ASPETTI GENERALI...3 INTRODUZIONE...3 L IMPRENDITORE AGRICOLO...3 LE CANTINE SOCIALI E I CONSORZI...4 I RIVENDITORI DI PRODOTTI ENOLOGICI...5 II. IMPOSTE

Dettagli

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA)

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA) genzia ntrate ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA) Art. 1, comma 1075, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Decreto del Ministro delle politiche agricole

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

3. Modello S5. 1. Soggetti utilizzatori

3. Modello S5. 1. Soggetti utilizzatori 3. Modello S5 1. Soggetti utilizzatori I soggetti utilizzatori del modello S5 sono: Società in nome collettivo Società in accomandita semplice Società a responsabilità limitata Società per azioni Società

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI Progetto GAIA Strumento innovativo per l efficienza economica delle imprese vitivinicole Mis. 124 Cooperazione per lo sviluppo

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA Legge regionale 21 novembre 2007 n.37 art. 19 L. 241/1990 modificato dalla L. 122/2010 AL SINDACO DEL COMUNE e p.c. Alla Regione Liguria Servizio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E PER L'ACQUISTO DI MACCHINE ED ALTRI BENI MOBILI IDONEI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRICOLA NELLE AZIENDE AGRICOLE RICADENTI

Dettagli

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti)

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) INTRODUZIONE A norma dell art. 2222 del cod. civile si hanno rapporti di lavoro autonomo ogni

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006)

LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006) LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006) Art. 1. Finalita' 1. La Repubblica, in armonia con i programmi di sviluppo rurale

Dettagli

A) Verifica dell aggiornamento della struttura delle Unità Tecniche

A) Verifica dell aggiornamento della struttura delle Unità Tecniche PRIMA DI TUTTO La relazione agrituristica tramite DUA prevede nella maggior pare dei casi la possibilità di inserire direttamente nella DUA stessa i dati necessari, che potranno poi essere trasferiti in

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE

COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE COMUNICAZIONE PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN FORMA ITINERANTE ai sensi dell'art. 27 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5 AL COMUNE DI Il/La sottoscritto/a Cognome Nome data di nascita cittadinanza

Dettagli

Ripristinata l'opzione per la tassazione catastale

Ripristinata l'opzione per la tassazione catastale Numero 18/2014 Pagina 1 di 6 Ripristinata l' per la tassazione catastale Numero : 18/2014 Gruppo : Oggetto : AGEVOLAZIONI REGIMI AGEVOLATI IMPRESE AGRICOLE Norme e prassi : D.P.R. 442/1997; DECRETO 213

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 11 novembre 2013 Anno 2012 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2012 il numero di aziende agrituristiche si conferma superiore alle 20 mila unità: le aziende agricole autorizzate all esercizio dell

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Società agricole e ICI. Stefano Spina

Società agricole e ICI. Stefano Spina Società agricole e ICI Stefano Spina 1 AZIENDE AGRICOLE SOCIETÀ AGRICOLE 2 IVA L IVA IN AGRICOLTURA Art.34 DPR 26.10.72 n.633 La disciplina IVA per il settore agricolo prescinde dalla qualifica di azienda

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA ALLEGATO 1 NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA COLTURE giornate/ettaro A) Erbacee 1) Grano 6 2)

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 17 DEL 25-02-2005 REGIONE BASILICATA. Agriturismo e turismo rurale.

LEGGE REGIONALE N. 17 DEL 25-02-2005 REGIONE BASILICATA. Agriturismo e turismo rurale. LEGGE REGIONALE N. 17 DEL 25-02-2005 REGIONE BASILICATA Agriturismo e turismo rurale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 17 del 2 marzo 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE MISURA 311 PSR 2007-20132013 FASE 4 DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE OBIETTIVI DELLA MISURA Promuovere gli investimenti finalizzati a diversificare le attività delle aziende agricole per incrementare

Dettagli

Scheda 3. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il concetto di multifunzionalità è comparso nelle politiche internazionali, nel dibattito in seno

Dettagli

SEGNALAZIONE DANNI da avversità atmosferiche o calamità naturali nel Comune di (prov. ) (1) EVENTO CALAMITOSO: del (2)

SEGNALAZIONE DANNI da avversità atmosferiche o calamità naturali nel Comune di (prov. ) (1) EVENTO CALAMITOSO: del (2) Si rende pubblico il modello segnalazione danni da evento calamitoso "cenere e lapilli vulcanici del Vulcano Etna da gennaio ad aprile 2013", pervenuto da ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

D - R - D - R - D - R D - R - D - R -

D - R - D - R - D - R D - R - D - R - Domande frequenti D - Quali parametri consentono di distinguere le aziende artigianali del settore agroalimentari dalle aziende industriali di trasformazione di prodotti agroalimentari R - Le aziende artigianali

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA L.R. 22.07.1996 n.25 modificata ed integrata da L.R. 17/10/2007 n.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA L.R. 22.07.1996 n.25 modificata ed integrata da L.R. 17/10/2007 n. Spazio riservato al Comune N. reg. Data Al Comune di PAVIA DI UDINE Ufficio Attività Produttive P.E.C. comune.paviadiudine@certgov.fvg.it SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA

Dettagli

PREMESSA AGRITURISMO E TURISMO RURALE

PREMESSA AGRITURISMO E TURISMO RURALE PREMESSA AGRITURISMO E TURISMO RURALE Nella nostra realtà agricola il territorio rurale si presenta in modo via via più rilevante come uno spazio in cui si incontrano risorse che hanno un valore naturalistico,

Dettagli

Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli

Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli Vademecum sull applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli

Dettagli