Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione"

Transcript

1 Tecniche di revisione e le Carte di lavoro 1

2 Agenda Tecniche di revisione Aspetti generali Circolarizzazioni Inventario Carte di Lavoro L organizzazione delle carte di lavoro Caso pratico: Carte di lavoro Ciclo attivo Raccoglitore Analitico: fase preliminare Raccoglitore Analitico: fase finale Raccoglitore General 2

3 Obiettivi della revisione Le informazioni e i dati predisposti dalla direzione e contenuti nel bilancio devono essere verificati con riguardo alle seguenti categorie di asserzioni: Esistenza: un'attività o una passività esistono ad una certa data. Diritti ed obblighi: un'attività o una passività sono di pertinenza dell azienda, ad una certa data. Manifestazione: un'operazione o un evento di pertinenza dell'azienda ha avuto luogo nel periodo di riferimento. Completezza: non vi sono attività, passività, operazioni o eventi non contabilizzati, o sui quali manchi un adeguata informazione. Valutazione: le attività o le passività sono contabilizzate a valori appropriati. Misurazione: un'operazione od evento è contabilizzato per l importo appropriato ed i costi ed i ricavi sono imputati per competenza. Presentazione e Informativa: una voce o un operazione sono evidenziate, classificate e corredate da adeguata informativa, in accordo con il quadro di riferimento relativo ai criteri di redazione del bilancio. 3

4 Principali tecniche di revisione Esame delle procedure Esame analitico Osservazione fisica Conferme dirette Esame dei conti 4

5 Esame delle procedure Consiste nella valutazione del sistema di controllo interno: - nella sua concezione teorica, - nel suo funzionamento - nel suo impatto sul lavoro di revisione 5

6 Esame delle procedure (Continua) Gli elementi da esaminare sono: - il sistema organizzativo - il sistema di documentazione e di informazione - il sistema di rilevazione - i mezzi di protezione - il personale qualificato - il sistema di supervisione 6

7 Esame analitico Controllo di verosimiglianza: analisi critica delle componenti di un saldo Comparazione dei dati: analisi dell evoluzione dei dati tra (n) e (n-1) Indici: determinazione di rapporti tra un dato ed un elemento di riferimento Analisi dei trend: previsione dell evoluzione dei dati significativi 7

8 Osservazione fisica Ha l obiettivo di accertare l esistenza di elementi dell attivo esposti in bilancio In particolare: Osservazione fisica delle rimanenze Osservazione fisica delle altre attività, come le immobilizzazioni, gli effetti, i titoli o i valori in cassa 8

9 Conferme dirette Le conferme dirette permettono di ottenere gli elementi probativi direttamente dai terzi al fine di assicurarsi della regolarità e della veridicità dei conti 9

10 Esame dei conti Premessa: L ampiezza delle verifiche è funzione della valutazione del controllo interno Si effettuano: Controlli per completare la conoscenza dei fatti rilevanti dell esercizio, per raccogliere le spiegazioni sulle variazioni importanti dell esercizio e le informazioni sugli eventi successivi alla chiusura del bilancio 10

11 Esame dei conti (Continua) Controlli relativi ad aspetti civilistici e societari attraverso l esame di libri e registrazioni obbligatorie (verificare il rispetto delle ottemperanze civilistiche e fiscali) 11

12 Esame sostanziale dei conti (Continua) Riscontri dei saldi finali: - Stato patrimoniale: controllo della documentazione e della correttezza dei saldi - Conto economico: esame della formazione del risultato del periodo, controllo della correttezza dei saldi, esame del risultato fiscale e del bilancio fiscale 12

13 Esame.. A campione Un controllo completo dei conti annuali è impossibile. Si effettuano controlli con il metodo del campione. La modalità di selezione, la determinazione della dimensione del campione e l interpretazione dei risultati sono stabiliti dal giudizio del revisore 13

14 Il diverso peso degli elementi probativi Il documento n. 500 dei Principi di Revisione, relativo agli elementi probativi della revisione, offre un valido aiuto nell adozione di un criterio di valutazione generale degli elementi raccolti, e pertanto si può affermare che: gli elementi probativi ottenuti da fonti esterne (ad esempio le conferme scritte ricevute da terzi) sono maggiormente attendibili di quelli provenienti da fonti interne alla società revisionata; gli elementi probativi ottenuti da fonti interne sono più attendibili quando i sistemi contabile e di controllo interno sono efficienti; gli elementi probativi ottenuti direttamente dal revisore sono più attendibili di quelli ottenuti dalla società; gli elementi probativi ottenuti sotto forma di documenti e di attestazioni scritte sono più attendibili di quelli ottenuti sotto forma di attestazioni verbali. Nei casi in cui un elemento probativo ottenuto da una fonte risulta incoerente con un altro ricavato da una fonte diversa, si rende necessario lo svolgimento di ulteriori procedure per accertare i motivi di tale incoerenza. Infine, nei casi in cui il revisore non dovesse essere in grado di reperire elementi probativi sufficienti ed adeguati in relazione ad una significativa asserzione di bilancio, dovrà esprimere un giudizio con rilievi o dichiararsi impossibilitato ad esprimere un giudizio. 14

15 La Circolarizzazione 15

16 Descrizione Le conferme dirette permettono di ottenere gli elementi probativi esterni sui saldi di terzi figuranti in contabilità, sull esistenza di eventuali operazioni particolari tra i terzi e la società, su eventuali controversie, sulle attività date a garanzia, sulle assicurazioni sottoscritte, debiti e crediti esposti in bilancio. 16

17 Obiettivi L obiettivo principale è di ottenere direttamente dai terzi le informazioni richieste al fine di assicurarsi della regolarità e della veridicità dei conti. 17

18 Soggetti Le conferme dirette riguardano generalmente i seguenti soggetti: Clienti Fornitori-Agenti Banche ed Istituti finanziari Assicuratori Consulenti legali Notai Consulenti Fiscali, Attuari, etc. Depositari di titoli, merci etc. 18

19 Metodologia E necessario che il revisore ottenga l autorizzazione della direzione della società prima di richiedere conferme dirette poiché non rientra nelle sue funzioni interrogare direttamente i terzi che operano con l azienda revisionata. Generalmente le richieste sono predisposte su carta intestata della società revisionata e da questa firmate. L invio è effettuato sotto il controllo del revisore. 19

20 Tipo di conferma La conferma può essere di due tipi: conferma positiva esige una risposta dai terzi conferma negativa conduce a dedurre che i terzi siano d accordo con il saldo confermato se non rispondono entro un certo tempo 20

21 Tipo di richiesta La richiesta può essere di due tipi: richiesta aperta viene fatta interrogando il terzo senza precisare l importo o la natura del saldo o dell informazione ricercata (es. fornitori) richiesta chiusa viene fatta riportando sulla lettera il saldo tratto dai conti della società (es. clienti) 21

22 Date Per la richiesta aperta la data, generalmente, coincide con quella dell intervento Esempio: intervento al XX data conferma dei saldi XX Per la richiesta chiusa la data di conferma potrà essere relativa a prima della chiusura d esercizio salvo i necessari lavori di raccordo che il revisore farà tra la data di circolarizzazione e la data di bilancio oggetto della revisione 22

23 Informazioni richieste Gli elementi da confermare sono normalmente oggetto di una conferma completa allorquando si tratta di avvocati, di banche e di consulenti fiscali. 23

24 Campionamento Per i clienti e i fornitori è necessario utilizzare la tecnica del campione in funzione del grado di affidabilità del sistema di controllo interno della società. E sempre necessario giustificare la tecnica di sondaggio utilizzata, le regole di determinazione del campione e le conclusioni tratte dai risultati del campione. 24

25 Procedura di richiesta La procedura di richiesta di informazioni scritte è la seguente: compilazione dell elenco dei soggetti ai quali la richiesta deve essere inviata; predisposizione delle lettere di richiesta, che devono essere: compilate su carta intestata della società firmate da un rappresentante della società controllo, da parte del revisore, delle lettere compilate e firmate e spedizione ai terzi; analisi delle risposte ottenute e controllo che le informazioni in esse contenute siano correttamente inserite nelle rilevazioni della società; invio di una seconda richiesta per le risposte non ottenute ed, eventualmente, ulteriori solleciti se il revisore lo ritiene necessario; riepilogo dei risultati ottenuti. 25

26 Circolarizzazione banche 26

27 Circolarizzazione banche La richiesta di informazioni scritte è inviata a tutte le banche con le quali la società ha operato nell esercizio anche se i conti sono stati chiusi nel frattempo. La richiesta è rivolta a ottenere: la conferma diretta del saldo di tutti i conti aperti alla data di bilancio l indicazione dei conti chiusi prima della data di bilancio gli interessi maturati e non ancora accreditati o addebitati in conto l importo degli eventuali effetti accreditati e non ancora scaduti le garanzie date e ricevute la custodia titoli e la loro libera disponibilità la presenza di cassette di sicurezza la presenza di operazioni in prodotti derivati i poteri di firma 27

28 Banche... Qualora il revisore non ottenesse, malgrado successivi solleciti, soddisfacenti risposte da banche con cui l azienda intrattiene significative relazioni, deve fare menzione di questa limitazione nella relazione di revisione nei modi stabiliti dai relativi principi di revisione. 28

29 Circolarizzazione clienti 29

30 Circolarizzazione clienti La data di riferimento della conferma, la scelta fra la conferma di saldi e di specifiche operazioni, l estensione del campione devono essere determinate dal revisore in base a diverse considerazioni, quali: l affidabilità del controllo interno la frequenza di contestazioni da parte dei clienti la probabilità che i clienti rispondano alle richieste la significatività degli importi compresi nei crediti. 30

31 Clienti... Per i clienti che non hanno risposto il revisore deve normalmente effettuare una seconda richiesta e, se necessario, una terza richiesta. Se anche dopo tali richieste successive il revisore non riceve risposta, deve controllare l esistenza del credito per mezzo di procedure alternative. 31

32 Clienti... Qualora il revisore non potesse effettuare la richiesta di conferma scritta (normalmente su richiesta della società) deve controllare i crediti per mezzo di procedure alternative e comunque menzionare la limitazione nella relazione di revisione nei modi stabiliti dai relativi principi di revisione. 32

33 Clienti... Procedure alternative si intendono le seguenti verifiche: esame dei pagamenti ricevuti dall azienda successivamente alla data di riferimento della conferma, controllo dei crediti sulla base dei documenti relativi alle operazioni che li hanno originati. 33

34 Clienti... La richiesta è normalmente fatta a conferma del totale credito esistente alla data prescelta (richiesta chiusa). 34

35 Circolarizzazione fornitori 35

36 Circolarizzazione fornitori La procedura di richiesta scritta (richiesta aperta) ai fornitori si differenzia per quanto riguarda la così detta procedura alternativa e la selezione del campione. Infatti 36

37 Fornitori... La procedura alternativa sui saldi dei fornitori ha come obiettivo la verifica della completezza del saldo esposto in bilancio. Pertanto, il revisore, con l ausilio della stampa dei mastrini successivi alla data di chiusura del bilancio, verificherà la competenza delle fatture sopraggiunte successivamente al XY 37

38 Fornitori... Anche la selezione del campione dei fornitori da circolarizzare ha come obiettivo la verifica della completezza del saldo esposto in bilancio. Pertanto, il revisore, dovrà selezionare quei fornitori con cui la società intrattiene maggiori e frequenti rapporti ma che a fine mese (o esercizio) presentano un saldo piccolo (ciò può stare a significare che ci sono fatture in transito e quindi.. da stanziare nel caso di fine anno) 38

39 Inventario 39

40 Obiettivo L osservazione fisica ha l obiettivo di accertare l esistenza di alcuni elementi dell attivo che sono esposti nel Bilancio Si tratta, quindi, essenzialmente di una tecnica di controllo di valori attivi in bilancio e può servire come elemento di valutazione del controllo interno delle imprese revisionate. 40

41 Obiettivo Questa tecnica di revisione si applica più generalmente alle rimanenze ma anche ad altre attività come le immobilizzazioni, gli effetti e i titoli. 41

42 Osservazione fisica delle rimanenze Le tappe principali che caratterizzano l intervento del revisore possono essere così sintetizzate: 42

43 INVENTARIO FISICO Controlli effettuati prima dell inventario: Decisione di procedere ad un controllo fisico decidere in base alla significatività se si rende necessario o meno procedere all inventario 43

44 INVENTARIO FISICO Raccolta di informazioni modalità di effettuazione dell inventario procedure utilizzate esistenza di un inventario permanente esistenza di giacenze in deposito presso terzi o appartenenti a terzi in deposito presso l azienda Valutazione delle procedure previste dalla società 44

45 INVENTARIO FISICO Controlli effettuati durante l inventario Obiettivo dei controlli verifica della corretta applicazione delle procedure e l affidabilità delle operazioni d inventario Punti particolari da verificare il revisore deve assicurarsi che ogni elemento esistente fisicamente sia correttamente riportato dalla società e che ogni elemento contabilizzato esista fisicamente 45

46 INVENTARIO FISICO Controlli effettuati dopo l inventario Obiettivo assicurarsi che i risultati dell inventario siano correttamente recepiti dalla società 46

47 INVENTARIO FISICO DELLE GIACENZE DI MAGAZZINO 47

48 Inventario fisico delle giacenze di magazzino Procedure di revisione Programmazione dell inventario fisico che si concretizzi in appropriate norme scritte che disciplinano i settori di rilevazione, le modalità di esecuzione ed i soggetti responsabili. Una razionale predisposizione delle giacenze allo scopo di facilitarne i conteggi. Un chiaro sistema di identificazione e descrizione. L identificazione delle giacenze a lento rigiro, obsolete, difettose. 48

49 Predisposizione di adeguate procedure di conteggio, riepilogo e controllo delle quantità risultanti da inventario, mediante l adozione di una idonea modulistica (cartellini pre-numerati o simili). Un controllo sulle eventuali movimentazioni di magazzino che intervengono nel corso dell inventario. L identificazione delle merci di terzi presso l azienda e delle merci di proprietà dell azienda che si trovano in viaggio o presso terzi. Corrette procedure di imputazione su base di competenza delle vendite e degli acquisti effettuati nel periodo precedente e in quello successivo all inventario fisico. 49

50 CASI PARTICOLARI Impossibilità di osservare direttamente la rilevazione fisica delle giacenze. Responsabilità del revisore nell accertare le caratteristiche merceologiche delle giacenze di magazzino 50

51 Impossibilità di osservare direttamente la rilevazione fisica delle giacenze Vi possono essere circostanze in cui al revisore non è praticamente possibile partecipare alla rilevazione fisica delle giacenze o di una parte significativa di esse, come ad esempio: petroliere in alto mare, prodotti in località e condizioni non avvicinabili da parte dell uomo. In questi casi, la limitazione obiettiva deve essere considerata una limitazione nello svolgimento della revisione e come tale deve essere riportata nella relazione di certificazione, descrivendo le ragioni che la hanno determinata. 51

52 Ma. nel caso in cui revisore ha potuto: Controllare con osservazione diretta le quantità delle giacenze dell ultimo bilancio. Valutare che il sistema di controllo interno e la contabilità di magazzino in vigore nei precedenti esercizi assicurino un attendibile determinazione delle quantità in giacenza. Svolgere le procedure alternative, quali il controllo della movimentazione di magazzino, l analisi dei risultati delle precedenti rilevazioni dell azienda e la valutazione della ragionevolezza degli indici di rotazione. Può esprimere un giudizio sul bilancio senza evidenziare alcuna limitazione relativa alle quantità di magazzino di cui non ha osservato la rilevazione. 52

53 Responsabilità del revisore nell accertare le caratteristiche merceologiche delle giacenze di magazzino Il revisore può talvolta non avere la competenza tecnica per riconoscere se le caratteristiche merceologiche delle giacenze corrispondono a quelle attribuite dall azienda. In questi casi il revisore deve: verificare che il sistema di controllo interno garantisca la corretta descrizione delle giacenze; controllare la ragionevole corrispondenza delle giacenze osservate alla descrizione a loro attribuita, tramite il riscontro della conformità tra la descrizione attribuita dalla azienda alle giacenze ed i marchi o ogni altra indicazione apposta sulle giacenze medesime. 53

54 Nel caso di impossibilità di effettuare l indicato riscontro o di ragionevole dubbio sull esattezza della descrizione merceologica attribuita alle giacenze, il revisore, deve richiedere l intervento di un esperto in materia o di un laboratorio esterno di analisi. 54

55 Esecuzione dei lavori: Organizzazione delle carte di lavoro 55

56 Le carte di lavoro = I mezzi della prova del lavoro svolto Formalizzazione del programma di audit - dossier annuali - dossier permanenti Documentazione/argomentazione dell Opinion emessa 56

57 Il mezzo di condanna del revisore contabile = le carte di lavoro Punti del programma di lavoro non svolti e non giustificate nel dossier Carte di lavoro e conclusioni che rendono vacillante l Opinion Errori constatati e non rivelati 57

58 DLgs 39/10 (art. 14) Carte di lavoro Conservate dal Revisore principale per 10 anni da data relazione (art. 14.6) Anche quelle dei revisori esteri (art. 14.7) Se ci sono ostacoli indicarlo nelle Carte di Lavoro 58

59 La documentazione del lavoro 59

60 Le diverse tecniche di revisione sono fondate sulla raccolta e sulla analisi di varie informazioni e richiedono l utilizzo di carte di lavoro che costituiscono un supporto indispensabile all attività di revisione. 60

61 Carte di lavoro RIVELATRICI OPPONIBILI COMPLETE 61

62 Raccolta ed indicizzazione delle carte di lavoro Le carte di lavoro devono essere tenute in modo formale ed omogeneo L effettivo utilizzatore delle carte di lavoro risulta raramente il redattore. Ogni revisore deve conoscere i lavori effettuati precedentemente da altri Chi firma la relazione deve essere in grado di valutare celermente la qualità del lavoro svolto 62

63 Tutti i fogli di lavoro devono contenere: INDICIZZAZIONE SIGLA DEL REVISORE NOME DEL CLIENTE ESERCIZIO SOCIALE DATA ESECUZIONE FOGLIO DI LAVORO (natura contingente) OGGETTO DEL FOGLIO DI LAVORO CROSS-REFERENCE FONTE DELLE INFORMAZIONI OSSERVAZIONI/CONCLUSIONI 63

64 I raccoglitori delle carte di lavoro File General: ha carattere corrente in quanto viene predisposto in occasione di ciascun intervento di revisione per raccoglie la documentazione di sintesi relativa all incarico affidato. File Analitico: ha carattere corrente come il File General ed è utilizzato per la raccolta delle carte di lavoro riguardanti l esame delle aree di bilancio. File Permanent: ha carattere pluriennale e ha come obiettivo la raccolta ordinata e sistematica delle informazioni ritenute essenziali, sulla società oggetto della revisione, la cui rilevanza perdura anche nei successivi interventi di revisione. 64

65 Tipologia delle carte di lavoro - Corrente - Pluriennale File - File General - File Analitico - File Permanent Sezione all interno dei File -Amministrazione e Pianificazione -Fase Preliminare -Fase Finale -Bilanci ed altri allegati -Fase Preliminare: controllo interno ed analisi dei cicli -Fase Finale: esame analitico delle voci di bilancio -Storia ed organizzazione -Evoluzione dell incarico -Sistemi e procedure -Documentazione contabile e finanziaria -Schede di revisione di interesse continuativo -Giuridico -Fiscale e sociale -Contratti rilevanti 65

66 File General Amministrazione e Pianificazione Fase Preliminare Fase Finale Contenuto Sono raccolti tutti i documenti ed elaborati atti a garantire sia la razionale amministrazione dell incarico, sia la sua ragionevole pianificazione, ad esempio: Lettera di incarico Sommario dei tempi Profilo dell impresa e comprensione del settore Memorandum di pianificazione Sono raccolti tutti i documenti ed elaborati che aiutano il revisore a comprendere meglio specifiche caratteristiche della società e il suo sistema di controllo interno al fine di permettergli di esprimere una ragionevole valutazione del rischio e il conseguente impatto sul programma di revisione, ad esempio: Scheda di valutazione dei rischi inerenti generali Valutazione degli esperti esterni Sintesi dei punti rilevanti per la fase finale Sono raccolti tutti i documenti ed elaborati che coadiuvano la formazione del giudizio sul bilancio revisionato, ad esempio: Riepilogo degli aggiustamenti e delle riclassifiche Final Memo promemoria di sintesi della fase finale a supporto del giudizio espresso sul bilancio Questionario per la verifica degli eventi successivi alla data di chiusura di bilancio 66

67 File Analitico Fase Preliminare Fase Finale Contenuto Nella fase preliminare si raccoglie la documentazione dei test sostanziali ritenuti necessari per la valutazione del controllo interno. Per i cicli che il revisore riterrà significativi dovranno essere svolti dei test sostanziali per la verifica dell affidabilità della procedura di controllo interno. Normalmente la documentazione utilizzata a tale scopo prevede, per ciascun ciclo esaminato: Una guida standard per l analisi dell affidabilità della procedura di CI Un programma di lavoro per l impostazione del test procedurale Un foglio di lavoro per il test Una scheda di riepilogo dell analisi e valutazione del rischio Nella fase finale, per ciascuna voce significativa di bilancio, viene archiviata la documentazione utilizzata per effettuare le verifiche sostanziali sui dati di bilancio. Di norma, per la verifica di ciscuna voce di bilancio è prevista la raccolta e predisposizione delle seguenti carte di lavoro: Programma di lavoro Caposcheda Sottoscheda ove necessario, fotocopia della documentazione cartacea esaminata (esempio: contabili bancarie, fatture, etc.) ove previsto, le schede di riepilogo delle circolarizzazioni 67

68 La documentazione del lavoro in funzione delle verifiche da svolgere in ciascuna fase della revisione 68

69 Fasi della revisione Preliminary Pre-final Final Presa di conoscenza dei fatti rilevanti dell esercizio e degli eventi caratterizzanti la formazione del risultato. Analisi delle procedure e test sui principali cicli economici. Impostazione del programma delle verifiche da svolgere nelle fasi successive. Circolarizzazione e Inventari fisici Analisi sostanziale dei dati di bilancio 69

70 FILE ANALITICO 70

71 Fase preliminare 71

72 Fase preliminare: Obiettivi La fase preliminare è finalizzata a permettere la preparazione di un programma di lavoro dettagliato per la fase finale tenendo conto in particolare: dei punti di forza/debolezza risultanti dall analisi del controllo interno, dell applicazione dei corretti principi contabili e degli eventuali approfondimenti giudicati necessari al termine dell esame del trend del conto economico. Pertanto, nella fase di interim, il revisore deve effettuare una serie di verifiche con lo scopo di accertare l esistenza e la completezza delle informazioni contenute nel bilancio tramite un confronto con i dati rilevati nei sistemi contabili sottostanti e attraverso le procedure amministrative esistenti presso l azienda allo scopo di pianificare al meglio la fase finale. 72

73 Fase preliminare: File di lavoro Per i cicli che il revisore riterrà significativi dovranno essere svolti dei test sostanziali per la verifica dell affidabilità della procedura di controllo interno. Normalmente la documentazione utilizzata a tale scopo prevede, per ciascun ciclo esaminato: Una guida standard per l analisi dell affidabilità della procedura di Controllo Interno Un programma di lavoro per l impostazione del test procedurale tale programma è solo un esempio in quanto il programma va improntato di volta in volta in base alle specifiche procedure di ciascuna azienda revisionata Un foglio di lavoro per il test Il foglio di lavoro può essere modificato e semplificato in funzione alle esigenze della revisione e delle procedure dell azienda revisionata Una scheda di riepilogo dell analisi e valutazione del rischio di revisione. Di seguito si riporta, a titolo di esempio, la tabella che riepiloga il contenuto della Sezione preliminare del File Analitico per il ciclo delle vendite. 73

74 Sezione preliminare del File Analitico per il Ciclo delle Vendite Indice Foglio di Lavoro 100 Ciclo vendite Crediti Incassi 100 PRG CI 100 PRG TEST 100 TEST Guida standard per l analisi dell affidabilità della procedura di Controllo Interno delle vendite Programma di lavoro per il Test Foglio di lavoro per il Test 100 RISK Scheda di riepilogo dell analisi del rischio 74

75 100 PRG CI Guida standard per l analisi dell affidabilità della procedura di Controllo Interno delle vendite Nella fase di valutazione preliminare, partendo dall esame dei manuali delle procedure (o, nel caso questi non ci fossero, deve essere rilevata tramite colloqui con il personale addetto alle operazioni) e da un questionario sul controllo interno, il revisore si forma una prima opinione sulla qualità delle procedure dell impresa cercando di identificare i punti forti e i punti deboli che costituiscono il principale elemento di valutazione delle procedure. Commento della Carta 100 PRG CI 75

76 100 PRG TEST Programma di lavoro per il test sul ciclo delle vendite La fase di verifica del funzionamento del sistema ha come obiettivo di verificare in dettaglio, con test a campione, che i punti forti riscontrati, sui quali si è deciso di fare affidamento, abbiano ben funzionato come era previsto e per l arco temporale considerato. Questo controllo, definito di conformità procedurale (o di aderenza o compliance testing), si applica ai punti di forza rilevati nella valutazione preliminare ma risulta, anche, un valido sistema per verificare che tutti i punti deboli siano stati ben identificati. Commento della Carta 100 PRG TEST 76

77 100 TEST Foglio di lavoro per il test sul ciclo delle vendite Il foglio di lavoro va impostato in base alla procedura che si deve testare. L obiettivo del foglio di lavoro è quello di raccogliere i dati relativi a tutti i documenti cartacei che sono alla base del ciclo per poter effettuare dei confronti e verificarne la corretta proceduralizzazione Commento della Carta 100 PRG 77

78 100 RISK Scheda di riepilogo dell analisi del rischio Alla fine del test sul controllo interno, il revisore deve essere in grado di dare una valutazione definitiva sull affidabilità delle procedure dell impresa. Questa valutazione deve essere riepilogata in un documento di sintesi che potrà servire come base per la relazione, destinata alla Direzione dell azienda, per richiamare l attenzione sulle insufficienze o anomalie del controllo interno riscontrati che potrebbero avere un effetto significativo sul bilancio o far correre rischi all impresa. Commento della Carta 100 RISK 78

79 Fase Finale 79

80 Fase Finale: Obiettivi La fase di intervento finale è la fase principale del lavoro di revisione perchè implica la formulazione di un giudizio sul bilancio della società. Infatti, se la fase preliminare è rivolta essenzialmente allo svolgimento di procedure di conformità al fine di acquisire gli elementi probativi sull adeguatezza e l efficacia dei sistemi contabile e di controllo interno, la fase finale è interamente dedicata alle "procedure di validità" allo scopo di acquisire gli elementi probativi per individuare eventuali significativi errori nel bilancio. Il revisore, quindi, in questa fase attiva i programmi di controllo definiti nel corso dell intervento preliminare ed avrà come obiettivo acquisire sufficienti ed appropriati elementi probativi che gli consentano di trarre ragionevoli conclusioni, sulle quali fondare il proprio giudizio in merito al bilancio oggetto di revisione contabile. 80

81 Fase Finale: Carte di lavoro Nella fase finale, il revisore deve concentrarsi sulle procedure di verifica sostanziale delle voci di bilancio. Di norma, per la verifica di ciascuna voce di bilancio è prevista la raccolta e predisposizione delle seguenti carte di lavoro: Programma di lavoro Caposcheda Sottoscheda (o dettaglio) ove necessario, fotocopia della documentazione cartacea esaminata (esempio: contabili bancarie, fatture, etc.) ove previsto, le schede di riepilogo delle circolarizzazioni 81

82 ESEMPIO DI SUCCESSIONE DELLE CARTE DI LAVORO Sezione Clienti o PROGRAMMA B PRG o CAPOSCHEDA B o SOTTOSCHEDE B - 10 o Riepilogo Circolarizzazione Clienti B 100 o Riepilogo Circolarizzazione legali B

83 Cliente: Esercizio: Data: Programma di lavoro Crediti Verso Clienti B PRG Sigla del revisione Descrizione delle verifiche Sigla del Revisore Data Riferimento al foglio di lavoro 1. Ottenere il dettaglio dei crediti verso clienti, alla data del.., lo scadenziario dei crediti e la movimentazione del fondo svalutazione crediti. 2. Identificare variazioni inconsuete del saldo clienti e del fondo svalutazione crediti rispetto all anno precedente, ottenere spiegazioni per le variazioni insolite e Valutare le spiegazioni ricevute alla luce di possibili implicazioni sulle procedure di revisione da adottare. 3. Accertare la quadratura tra il mastro clienti e il dettaglio ottenuto al punto 1) e procedere a verificare che alcuni saldi compresi nel dettaglio corrispondano alle schede del partitario e viceversa e verificare a campione le somme e la correttezza dell'analisi dello scaduto. 4. Selezionare un certo numero di clienti da circolarizzare in base alle seguenti indicazioni: - Data di riferimento: - Metodo di selezione - Estensione del campione: - Percentuale coperta - controllare gli estratti conto da allegare alle richieste di conferma e accertare che, dove necessario, siano state aggiunte le partite relative agli effetti o alle ricevute bancarie emessi ma non ancora scaduti; - spedire la prima richiesta di conferma dei saldi selezionati; - spedire la seconda richiesta, se non si riceve risposta alla circolarizzazione entro un periodo di tempo ragionevole; - richiedere alla società di riconciliare le conferme ricevute e non in accordo con i saldi della società e verificare su base documentale alcune delle differenze emerse dalla riconciliazione delle risposte. Valutare se esiste l ipotesi di avanzare delle rettifiche. 83

84 Cliente: Esercizio: Data: CAPOSCHEDA CREDITI VERSO CLIENTI B Sigla del revisione Descrizione REF XY-1 % variazione XY Memo Conclusivo Obiettivi del lavoro Lavoro svolto Osservazioni Conclusioni Fonti della documentazione analizzata 84

85 Cliente: Esercizio: Data: SOTTOSCHEDA DETTAGLIO CLIENTI B 10 Dettaglio dei Clienti REF XY-1 % variazione XY 85

86 Cliente: RIEPILOGO CIRCOLAZIONE B 100 Esercizio: CLIENTI Data: Cliente Saldo contabile al Risposte in accordo Risposte non in accordo Risposte non pervenute Importo Importo Riconciliata Non Riconciliat a Importo Procedura Alternativa Totale Riepilogo della circolarizzazione Importo % Totale Note Totale voce clienti Totale circolarizzato Totale risposte in accordo Totale risposte riconciliate Totale risposte non riconciliate Totale procedure alternativa 86

87 FILE GENERAL e le carte di lavoro nelle PMI 87

88 Documento 230: La documentazione del lavoro (IAPS 1005) Anche se il revisore di una PMI valuta, caso per caso, quale debba essere il contenuto delle carte di lavoro, a livello generale si può affermare che, indipendentemente dalle caratteristiche dell impresa, le carte di lavoro da formalizzare sempre sono: il piano di revisione un programma di revisione che definisca la natura, i tempi e l ampiezza delle procedure di revisione eseguite i risultati di tali procedure le conclusioni tratte dagli elementi probativi acquisiti unitamente alle argomentazioni e alle conclusioni raggiunte su tutti gli aspetti significativi che hanno comportato il ricorso al proprio giudizio professionale 88

89 La documentazione del lavoro nelle PMI A livello di Dossier General bisogna, almeno, allegare due documenti: Memorandum di Pianificazione Memorandum Finale 89

90 MEMORANDUM DI PIANIFICAZIONE Documento che contiene le indicazioni riguardanti: Il piano di revisione Il programma di revisione che definisce la natura, i tempi e l ampiezza delle procedure di revisione eseguite I risultati di tali procedure 90

91 Modello di MEMO DI PIANIFICAZIONE 1) Informazioni generali tipo di incarico scadenze tipo di rapporto staff e tempi previsti consulenti esterni 91

92 Modello di MEMO DI PIANIFICAZIONE 2) Piano di revisione profilo dell impresa sistema contabile amministrativo/cicli e programmi di revisione applicabili rischi di revisione e approccio previsto significatività 92

93 Modello di MEMO DI PIANIFICAZIONE 3) Sintesi della fase preliminare Problematiche di rilievo e fatti significativi dell esercizio in esame Valutazione del rischio di revisione Stesura dei programmi di lavoro Rischi o incertezze identificati da approfondire in fase di final 93

94 MEMORANDUM FINALE Documento che contiene le informazioni riguardo le conclusioni tratte dagli elementi probativi acquisiti unitamente alle argomentazioni e alle conclusioni raggiunte su tutti gli aspetti significativi che hanno comportato il ricorso al proprio giudizio professionale 94

95 OBIETTIVO DEL DOCUMENTO Tale documento rappresenta la sintesi dei memorandum sezionali, e deve consentire al revisore di: rivedere ed analizzare la congruità delle principali osservazioni e conclusioni sulle poste più significative del bilancio assicurare la coerenza tra le specifiche verifiche effettuate, gli eventuali rilievi e l opinione sul bilancio esaminato 95

96 Sintesi del contenuto Le regole di redazione e lo schema del Memo di sintesi della fase finale possono essere adattati alle peculiarità del cliente, anche se di norma dovrebbe essere adottato il seguente schema: Fatti significativi che hanno caratterizzato la situazione patrimoniale e finanziaria e l andamento reddituale Note sull andamento economico della società Sistema di controllo interno e rischio di controllo Sintesi delle verifiche effettuate in base ai rischi di revisione individuati nella fase preliminare Proposte di modifiche al bilancio Principali rilievi Conclusioni 96

97 PROPOSTE DI MODIFICHE AL BILANCIO In questa sezione si devono riassumere le modifiche che hanno un incidenza ritenuta significativa sul bilancio, distinguendo: le modifiche che incidono sul risultato di esercizio le riclassificazioni le modifiche proposte dai revisori ed accettate dalla società e quelle non accettate 97

98 PRINCIPALI RILIEVI I principali rilievi (audit points) possono comprendere: i limiti significativi alle procedure di revisione le eccezioni significative ai principi contabili adottati le note sulle incertezze o rischi significativi le implicazioni sul giudizio finale della revisione 98

99 CONCLUSIONI Sulla base di quanto emerso dal lavoro svolto, formulare le conclusioni indicando il tipo di giudizio da esprimere 99

100 Si allega. Standard lettere di circolarizzazione Standard documenti General Programmi di lavoro per principali voci 100

101 Materiale formativo a cura della FQR srl Ottobre 2010 Tutti i diritti sono riservati. FQR srl Corso di Porta Vigentina Milano Amministrazione: Via Casato di Sopra Siena 101

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO 1 DOCUMENTO 230: LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO Il revisore può avere una conoscenza approfondita della società revisionata e della sua attività, in ragione dei rapporti

Dettagli

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati Il principio 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati - La documentazione della revisione contabile Documentazione di revisione (anche "carte di lavoro"): l'evidenza documentale delle

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA FQR

PROPOSTA FORMATIVA FQR PROPOSTA FORMATIVA FQR 1. Modulo: Contabilità Generale COGE 1: La contabilità generale COGE 2: Analisi di bilancio COGE 3: I principi contabili internazionali CONSO 1: Il bilancio consolidato (corso base)

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro Indice 1 Finalità del documento... 2 2 Definizione... 2 3 Obiettivi... 2 4 Requisiti delle carte di lavoro... 2 5 Forma, contenuto ed ampiezza delle carte di lavoro... 3 6 Modalità e principi di compilazione...

Dettagli

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali @REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali Indice e sintesi dei contenuti Indice 1. Quadro normativo 2. Descrizione del processo

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Treviso L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE LEGALE 23 novembre 2010 Relatore: dott. Marco Della Putta 1 Indice: a) La pianificazione della

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

IL CONTROLLO DEI CREDITI

IL CONTROLLO DEI CREDITI IL CONTROLLO DEI CREDITI Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1. STABILISCO COME

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla REVISIONE della TESORERIA (CASSA e BANCHE) Approfondiamo la «posta» di bilancio dedicata alla ovvero alla revisione delle disponibilità liquide e dei debiti di natura finanziaria,

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO. sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO. sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 ai sensi dell art. 2429, comma 2 c.c. e dell art. 14 del D.Lgs. n. 39/2010 SOCIETA IPPICA DI CAGLIARI S.R.L. Bilancio al 31 dicembre

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1.

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

I nuovi principi di revisione

I nuovi principi di revisione I nuovi principi di revisione «ISA Clarified» di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Il 21 ottobre sul sito del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili sono stati pubblicati i

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE

VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE Oggi 16 aprile 2012, alle ore 9,30, in P.le Principessa Clotilde n.6 si sono riuniti i sindaci: Dott. Pietro Giorgi Presidente Dott. Giacomo Del Corvo Sindaco

Dettagli

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente CONTABILITA ATTIVITA /PROCEDIMENTI UFFICIO I - R.E. - CONTABILITA, BILANCIO E SERVIZI A TERZI Area Tipologia Modalità di adempimento Termine iniziale Termine finale Atto conclusivo Responsa bile del procedim

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

PROCEDURE «OBBLIGATORIE» di REVISIONE: CIRCOLARIZZAZIONI

PROCEDURE «OBBLIGATORIE» di REVISIONE: CIRCOLARIZZAZIONI PROCEDURE «OBBLIGATORIE» di REVISIONE: CIRCOLARIZZAZIONI e INVENTARIO Con l introduzione dei nuovi principi di revisione le «vecchie» procedure di revisione non sono più «obbligatorie» per tutti i lavori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Anno accademico 2014-2015

Anno accademico 2014-2015 Revisione e Ragioneria societaria Modulo di Revisione Aziendale (Parte IV) Anno accademico 2014-2015 Prof.ssa Anna Paris (anna.paris@unisi.it) Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach)

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) di Alberto Pesenato (*) Uno degli aspetti maggiormente critici nell impostazione dell attività

Dettagli

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Nota interpretativa La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Febbraio 2012 1 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi Il CONTROLLO CONTABILE a cura di Andrea Rossi Overview del processo di revisione Fase prelim inare Fase di verifica sul bilancio Determ inazione della materialità Valutazione rischio di individuazione

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2006

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2006 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2006 - BILANCIO PREVENTIVO 2007 1 Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti sul Conto Consuntivo 2006 I sottoscritti Pizzi Simona (Presidente),

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE Il PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E REVISIONE NEL CONDOMINIO

AMMINISTRAZIONE E REVISIONE NEL CONDOMINIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO AMMINISTRAZIONE E REVISIONE NEL CONDOMINIO Dott.ssa Laura Restelli Milano, 18 maggio 2015 IL REVISORE DEI CONTI CONDOMINIALE Revisore Condominiale ART. 1130

Dettagli

Allegato 17 Check list quality review

Allegato 17 Check list quality review Allegato 17 Check list quality review Descrizione del lavoro di verifica svolto Si/No/Commenti I- Pianificazione I risultati dell attività di audit pianificata/preliminare sono stati riportati nella Strategia

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI PRINCIPIO DI REVISIONE 002 (CNDCEC PR 002) MODALITA DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI CONTROLLO CONTABILE AI SENSI DELL ART. 2409

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal

Dettagli

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno Servizio: Nome servizio Pag. 1 1 LA REVISIONE LEGALE (art. 14 D. LGS. 39/2010) Il revisore o la società di revisione incaricati

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2007

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2007 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI - CONTO CONSUNTIVO 2007 - BILANCIO PREVENTIVO 2008 1 Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti sul Conto Consuntivo 2007 I sottoscritti Pizzi Simona (Presidente),

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL VALSUGANA SPORT SRL Sede sociale: Borgo Valsugana (TN) Piazza Degasperi n. 20 Capitale sociale: 10.000,00 interamente versato. Registro Imprese di Trento N. 02206830222 C.C.I.A.A. di Trento R.E.A TN -

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Comunicazione n. DAC/99088450 dell'1-12-1999

Comunicazione n. DAC/99088450 dell'1-12-1999 Comunicazione n. DAC/99088450 dell'1-12-1999 MODALITÀ DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE AI SENSI DELL'ART.156 DEL D. LGS. 24.2.1998, N.58 1. Introduzione La finalità del presente

Dettagli

Relazione dell Organo di controllo

Relazione dell Organo di controllo FONDAZIONE REGGIO CHILDREN CENTRO LORIS MALAGUZZI Sede Legale: VIA BLIGNY 1/a - REGGIO NELL'EMILIA (RE) Iscritta al Registro Imprese di: REGGIO NELL'EMILIA C.F. e numero iscrizione: 00763100351 Iscritta

Dettagli

ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12.

ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12. ASSOCIAZIONE PATRIZIO PAOLETTI ONLUS Via Ruggero Bacone n.6 00197 Roma (RM) Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso al 31.12.2010 Signori Consiglieri, la presente relazione è finalizzata ad

Dettagli

Relazione di revisione

Relazione di revisione COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Relazione di revisione 24 novembre 2014 Claudio Mariani Membro della Commissione Controllo Societario ODCEC Milano Socio KPMG - Professore a contratto,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA CONTABILITA

Dettagli

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Signori Soci, il progetto di bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013,

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Indice degli argomenti Introduzione Metodologia Esempi Conclusioni Slide 2 Introduzione Metodologia Esempi

Dettagli

DEBITI VERSO FORNITORI

DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO FORNITORI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Obbligazioni per acquisto di merci o servizi. Art. 2424 c.c. D)

Dettagli

Pre System s.p.a. Relazione del Collegio Sindacale sul bilancio al 31/12/2011

Pre System s.p.a. Relazione del Collegio Sindacale sul bilancio al 31/12/2011 PRE SYSTEM SPA Sede in Sedegliano (UD), SS 463 Z.I. Pannellia Capitale sociale euro 2.000.000,00 interamente versato Registro delle Imprese di Udine e Codice fiscale n. 02001710306 RELAZIONE DEL COLLEGIO

Dettagli

Sezione G => G100 Altri Crediti

Sezione G => G100 Altri Crediti 358 Sezione G => G100 Altri Crediti OBIETTIVI Verificare che i crediti verso altri non clienti: - accertare che i crediti verso altri esposti in bilancio siano relativi a reali transazioni e rappresentino

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Sezione T => T100 Crediti (Ricavi) e Debiti (Costi) Infragruppo

Sezione T => T100 Crediti (Ricavi) e Debiti (Costi) Infragruppo 3 DOSSIER CORRENTE 437 Sezione T => T100 Crediti (Ricavi) e Debiti (Costi) Infragruppo OBIETTIVI Verificare che: - siano esistenti relazioni e/o transazioni di qualsiasi natura con controparti dipendenti/

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO AIDC Milano - EUTEKNE LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI NELLE PMI

MASTER SPECIALISTICO AIDC Milano - EUTEKNE LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI NELLE PMI LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI NELLE PMI Il Master specialistico in La revisione legale dei conti per le PMI è un percorso completo, finalizzato a formare il professionista in materia di revisione legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

GESTIONE DEI RAPPORTI

GESTIONE DEI RAPPORTI 07/02/2011 Pag. 1 di 8 GESTIONE DEI RAPPORTI TRA SIDEM E I SUOI CLIENTI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2014

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO PROGRAMMA DEL CORSO DI REVISIONE AZIENDALE 1. Presentazione del corso La revisione Obiettivi del corso Programma del corso Testi consigliati PARTE I: NORMATIVA E ASPETTI GIURIDICI DEL CONTROLLO LEGALE

Dettagli

Principi di comportamento del Collegio sindacale. Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e dei Ragionieri (Stralci)

Principi di comportamento del Collegio sindacale. Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e dei Ragionieri (Stralci) ALLEGATO 2 Norma 2.3 Norma 2.4 Norma 2.5 Norma 2.7 Norma 2.8 Norma 2.9 Norma 2.12 Norma 2.13 Norma 3.1 Norma 3.2 Norma 3.3 Norma 3.4 Norma 3.5 Norma 3.6 Norma 3.7 Norma 4.1 Norma 4.2 Norma 4.3 Norma 4.4

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO

IL SISTEMA INFORMATIVO LEZIONE 15 DAL MODELLO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO AL MODELLO CONTABILE RIPRESA DEL CONCETTO DI SISTEMA AZIENDALE = COMPLESSO DI ELEMENTI MATERIALI E NO CHE DIPENDONO RECIPROCAMENTE GLI UNI DAGLI ALTRI

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE FIORANNA NEGRI ASSIREVI

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli