Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO"

Transcript

1 Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

2 12.1 Aspetti generali Come sottolineato nel capitolo precedente, sono previste procedure diverse anche in termini fiscali, che l'operatore importatore/esportatore deve espletare in base al soggetto con cui si rapporta; sostanziali sono delle differenze nelle operazioni di acquisto/vendita con i paesi dell Unione Europea e con quelli esterni (Paesi Terzi). Le operazioni in esportazione effettuate da soggetti residenti verso paesi extra comunitari, non sono imponibili IVA ai sensi del D.P.R. 633/1972 e successive modifiche. Tale non imponibilità viene sancita all art. 8, del sopracitato decreto, che distingue le diverse fattispecie che può assumere una esportazione effettuata da un soggetto IVA ad un soggetto situato in un territorio extra comunitario e sono giustificate dall esistenza di un documento doganale di esportazione completato dalla attestazione di Visto Uscire dallo Stato Italiano o da altro Paese membro della Comunità. Le operazioni effettuate, invece, in ambito comunitario sono regolate dalla legge 427/1993, che sancisce la non imponibilità sulla base del principio generale della tassazione dei beni nello Stato membro di destinazione. Tale regime, che prevede il pagamento dell IVA nel paese del soggetto acquirente, è un regime transitorio in vista dell instaurazione del regime definitivo che prevederà la regolarizzazione dell'iva nel paese del soggetto cedente. OPERAZIONI CON PAESI COMUNITARI Legge 427/1993 in materia di IVA intracomunitaria. Operazioni in esportazione verso paese UE non sono imponibili IVA perché l'imposta viene pagata nello Stato membro di destinazione. OPERAZIONI CON PAESI EXTRA COMUNITARI Disciplinato dal DPR 633/1972 in materia di IVA. Operazioni in esportazione verso Paesi extra UE, non sono imponibili IVA Operazioni in ambito comunitario Le operazioni effettuate tra soggetti residenti in uno degli Stati dell UE, soggette al regime IVA sopra citato, riguardano le seguenti operazioni: 1. le cessioni di beni materiali spediti o trasportati dall Italia in un altro Stato membro; 2. gli acquisti di beni materiali spediti o trasportati da un altro Paese UE in Italia; 3. le lavorazioni effettuate su beni mobili (vedi art. 40, 4 comma bis L.427/93);

3 4. i trasporti intracomunitari, le prestazioni accessorie ai trasporti (carico, scarico, trasbordo, magazzinaggio, ecc..) e le prestazioni di intermediazione relative a cessioni intracomunitarie di beni. Per quanto concerne le operazioni di cui al punto 1 e 2 la legge 427/93 prevede a carico degli operatori l obbligo di compilazione di appositi elenchi riepilogativi, detti modelli INTRASTAT. Le operazioni di cui al punto 3 debbono essere rilevate nei moduli Intrastat solo dalle aziende tenute a presentare elenchi Intra mensili. Requisiti indispensabili nelle operazioni intracomunitarie 1 Acquisto o cessione tra soggetti Iva comunitari muniti di codice identificativo 2 Onerosità dell operazione 3 Trasferimento della merce dal Paese cedente al paese acquirente all interno del territorio comunitario.

4 Cessione intracomunitaria E cessione intracomunitaria la compravendita effettuata da un soggetto IVA italiano (cedente) ad un soggetto IVA comunitario (cessionario). CESSIONE INTRACOMUNITARIA CONFINE SOGGETTO SOS IVA ITALIANO CEDENTE SOGGETTO IVA CEE CESSIONARIO BENI + FATTURA Il cedente deve emettere fattura ai sensi dell art. 21 del D.P.R. 633/72, che dovrà contenere i seguenti elementi: numero identificativo UE del cedente (Codice IVA preceduto dal Codice di nazionalità ISO - che per l Italia è IT); numero identificativo UE del cessionario, preceduto dal codice di nazionalità ISO (vedi riquadro relativo al codice ISO); indicazione, in luogo dell ammontare dell IVA, che trattasi di operazione non imponibile ex art. 41 legge 427/93.

5 CODICE DI IDENTIFICAZIONE IVA COMUNITARIO Il codice di identificazione IVA comunitario è un codice alfanumerico, attribuito agli operatori comunitari per realizzare scambi intracomunitari di beni con altri operatori residenti in altri Stati UE. può coincidere con il numero di partita IVA, preceduto dal suffisso di identificazione dello stato (codice ISO) spesso in molti stati membri agli operatori vengono attribuiti due codici IVA: uno interno ed uno intracomunitario l'inesistenza o l'invalidità del codice comporta che la cessione non possa essere classificata come operazione comunitaria perché carente di uno degli elementi essenziali, con la conseguenza che l'operatore nazionale dovrà applicare le regole previste per le operazioni di vendita interna. In caso contrario dovrà rispondere del mancato assoggettamento all'imposta e del suo mancato versamento. E necessaria la verifica del codice di identificazione dei nuovi clienti prima della vendita; per quanto riguarda invece i codici dei clienti consolidati, è consigliata una loro periodica verifica. LA VERIFICA avviene come segue: 1. Richiesta per iscritto al cliente comunitario 2. Controllo del codice presso l'ufficio UNICO delle ENTRATE competente per territorio 3. Controllo periodico del numero attraverso: Il Sito internet: del Ministero delle Finanze Questa verifica permette solo di sapere se il codice è stato realmente assegnato, ma non se il numero comunicato dal cessionario risponde al nominativo del destinatario dei prodotti.

6 I CODICI INTERNAZIONALI IDENTIFICATIVI ISO PAESE CODICE ISO Austria AT Belgio BE Danimarca DK Finlandia FI Francia FR Germania DE Gran Bretagna GB Grecia EL Irlanda IE Italia IT Lussemburgo LU Olanda NL Portogallo PT Spagna ES Svezia SE Tale fattura è esente dall imposta di bollo. Le fatture intracomunitarie devono essere registrate distintamente sul registro delle fatture emesse (sul registro IVA deve essere indicato l articolo di non imponibilità): il tutto potrà avvenire nello stesso registro in quanto non è obbligatoria la tenuta di registri separati o di un registro sezionale. La registrazione seguirà il termine delle operazioni interne. E permessa l emissione di fattura differita. Non è obbligatorio emettere un documento fiscale d'accompagnamento della merce, tuttavia è opportuno l emissione di un documento di consegna come mezzo di prova della spedizione avvenuta. Il cedente dovrà inoltre compilare un elenco riepilogativo delle cessioni attraverso il modello INTRASTAT per le cessioni: INTRA 1 e INTRA 1bis, il cui termine di presentazione varia a seconda del volume di cessioni intracomunitarie dell'anno precedente: vedi punto Acquisto intracomunitario L'acquisto intracomunitario riguarda l'acquisto di beni da parte del soggetto IVA italiano (acquirente) forniti da un soggetto IVA comunitario (cedente).

7 ACQUISTO INTRACOMUNITARIO CONFINE SOGGETTO SOS IVA ITALIANO ACQUIRENTE SOGGETTO IVA CEE CEDENTE BENI + FATTURA Gli obblighi del soggetto italiano: L acquirente deve comunicare al cedente, prima di effettuare l acquisto, il proprio numero identificativo UE, ossia la P. IVA integrata con il codice di nazionalità ISO; l acquirente italiano, al ricevimento della fattura, dovrà: - rinumerare la fattura secondo una propria numerazione differente da quella attribuita agli acquisti nazionali ed extracomunitari (ad es. 1c, 2c, 3c, ecc..); - integrare la fattura, indicando sulla stessa il controvalore in euro del corrispettivo, ove il prezzo sia fissato in una valuta estera diversa dall euro; - determinare l ammontare dell IVA calcolata secondo l aliquota propria dei beni o servizi acquistati, secondo il principio di tassazione ed alle aliquote vigenti in Italia; - le fatture di acquisto intracomunitarie devono essere registrate sia sul registro delle fatture emesse (entro il mese di ricevimento, ovvero anche successivamente ma non oltre 15 giorni dal ricevimento e con riferimento al mese di riferimento - art. 47, co. 1 d.l. 331/93), sia sul registro delle fatture d acquisto (entro il mese successivo a quello del ricevimento e non prima dell annotazione sul registro delle fatture emesse), secondo l ordine della loro rinumerazione e con l indicazione del corrispettivo in euro. - modello INTRASTAT acquisti - l acquirente intracomunitario deve compilare l elenco INTRASTAT relativo al periodo di registrazione dell operazione; la periodicità della consegna dei modelli dipende dal volume d affari dell anno precedente - ma è diversa da quanto visto per le cessioni. Gli elenchi vanno redatti su appositi modelli INTRA 2 e INTRA 2 bis, vedi successivo punto 2.3:

8 Modelli INTRASTAT Il modello INTRASTAT è un elenco riepilogativo, disposto con regolamento CEE, a carico dei soggetti passivi di imposta (IVA), da compilare periodicamente sia per le cessioni che per gli acquisti da o verso soggetti d imposta di altri Stati membri della UE; è importante strumento fiscale e statistico. Presentazione moduli Intra Cessione fino a ,27 Euro presentazione annuale; consegna della modulista Intrastat agli Uffici Doganali entro la fine di gennaio dell anno successivo al considerato; oltre i ,27 Euro e fino a ,10 Euro presentazione trimestrale consegna entro la fine del mese successivo rispetto al trimestre considerato; (1 trimestre mesi di gennaio, febbraio, marzo, presentazione entro aprile); oltre i ,10 Euro presentazione mensile; consegna entro il giorno 20 del mese successivo a quello di riferimento (se il 20 cade di giorno festivo, il termine slitta automaticamente al giorno successivo). Presentazione moduli Intra Acquisti fino a ,84 Euro presentazione annuale consegna della modulistica agli uffici Doganali entro la fine di gennaio dell anno successivo rispetto al considerato; oltre i ,84 Euro e fino a ,40 Euro presentazione trimestrale; consegna entro la fine del mese successivo al trimestre; oltre i Euro presentazione mensile; consegna entro il giorno 20 del mese successivo.

9 PARTICOLARITA' DEL REGIME INTRASTAT DAL 2001 Valuta per gli acquisti Cessioni (modello Intra- 1) condizioni di consegna e modo di trasporto Acquisti (modello Intra - 2) condizioni di consegna e modo di trasporto Se il cedente è identificato in un altro Paese membro aderente all'euro, non va più compilata la colonna relativa all'ammontare delle operazioni in valuta. Non vanno più compilate le colonne relative alle condizioni di consegna e al modo di trasporto se nell'anno solare precedente i beni inviati in altri Paesi sono risultati inferiori a ,00 Euro Non vanno più compilate le colonne sulle condizioni di consegna e sul modo di trasporto se nell'anno solare precedente i beni inviati in altri Paesi sono risultati inferiori a ,00 ATTENZIONE: Arrotondamenti: Gli importi da indicare sono arrotondati all unità di euro per difetto, se la frazione è inferiore a 0,5 Euro, e per eccesso se uguale o superiore. Modelli cartacei predisposti: gli elenchi presentati su supporto cartaceo presso le dogane possono essere redatti, anche su carta bianca non specificatamente predisposta e colorata (oggi verde- cessioni, rosso-acquisti), purché il contenuto sia identico a quanto previsto nei modelli Cambio partita IVA durante l'anno: le aziende che variano la partita IVA debbono presentare due distinti modelli: uno per il periodo precedente ed uno per il periodo susseguente la variazione. Prodotti soggetti ad imposta sulla produzione e sul consumo: l'imposta che si deve pagare in Italia non va inserita nella parte statistica Presentazione dei modelli su supporto informatico: in questo caso si presenta il frontespizio del modello su carta accompagnato da floppy disc in cui vengono riversati i dati intracomunitari. Trasferimento dati via EDI Questo sistema prevede la possibilità di trasferire i dati intracomunitari Direttamente al Ministero delle Finanze Agenzia delle Dogane utilizzando il sistema informativo EDI. La circolare 230 del detta precise istruzioni sulle modalità di richiesta di utilizzazione di questo sistema

10 12.3 Esportazioni in ambito extracomunitario Le operazioni effettuate con soggetti residenti al di fuori dell UE, secondo quanto già detto al par. 9.1, riguardano diverse fattispecie la cui non imponibilità è sancita all art. 8 del sopra citato decreto (DPR 633/72), che le distingue in: esportazione diretta Art.8, 1 comma, lettera a) esportazione diretta triangolare Art.8, 1 comma, lettera a) esportazione indiretta Art. 8, 1 comma, lettera b). Relativamente alle sopra elencate fattispecie, ci sembra interessante e rilevante soffermarci su alcuni casi di esportazioni triangolari Operazioni triangolari Comunemente viene definita "triangolare" l'operazione nella quale una merce è giuridicamente oggetto di due distinti trasferimenti di proprietà, ma di un unico trasferimento "fisico" (viene direttamente consegnata dal primo fornitore al secondo cessionario) Triangolare nazionale In tale operazione intervengono due soggetti identificati ai fini iva in Italia ed un soggetto estero comunitario od extra U.E. destinatario finale dei beni. Il caso si presenta quando l acquirente italiano rivende i beni ad un soggetto comunitario o extracomunitario ed incarica il proprio fornitore di inviare direttamente i beni al destinatario finale senza che si effettui una consegna intermedia in Italia. La norma in questo caso prevede che la fatturazione possa essere fatta Non imponibile art. 8 1 comma lettera a) DPR 633/72 se i beni sono destinati in un paese extra U.E. Non imponibile art. 58 comma 1 L. 427/93 se i beni sono destinati in paese comunitario Triangolare comunitaria Tale situazione si verifica quando il venditore italiano vende ad acquirente comunitario (ad esempio ad acquirente francese) e riceve l incarico di consegnare la merce in un diverso paese comunitario ad esempio in Germania. La diversa destinazione deve essere opportunamente segnalata in fattura ed alla casella 12 del modulo Intra 1bis Soggetto extracomunitario destinatario della merce Altro esempio di triangolazione è la vendita da soggetto iva italiano ad acquirente francese con consegna della merce in Paese Extracomunitario

11 Soggetto di imposta in Italia ITALIA Fattura FRANCIA Soggetto di imposta in Francia Merce Fattura U.S.A. Come si può intuire dallo schema per nessuno dei partecipanti si tratta di un'operazione intracomunitaria, in quanto la merce lascia il territorio comunitario per essere consegnata al soggetto statunitense. Per l'operatore francese dal punto di vista dell imposta TVA si tratta di una operazione effettuata fuori dal territorio francese. Per l'operatore italiano trattasi di cessione all esportazione art.8 1 comma DPR 633/72 Questi ed altri esempi di triangolazioni sono espressamente previste nella circolare 13 del 23/2/94 Min.Finanze aggiornata successivamente dalla circolare 145 del 10/6/ Importazioni in ambito comunitario Costituiscono acquisti intracomunitari le acquisizioni derivanti da atti a titolo oneroso, effettuati nel territorio dello Stato nell esercizio di imprese, arti e professioni o comunque da enti o altre organizzazioni di cui all art. 4 DPR 633/72 da soggetti passivi d imposta nel territorio dello Stato. La fattura d acquisto intracomunitario va integrata secondo quanto disposto dall art. 47 DL 331/93 e registrata sia nel registro degli acquisti sia nel registro delle vendite generando così un operazione in cui l iva a debito e l iva a credito si compensano.

12 12.5 Importazioni da paesi extracomunitari L art. 70 D.P.R. 633/72 disciplina le importazioni ai fini dell applicazione della normativa IVA. Per le importazioni di beni da paesi al di fuori di quelli comunitari, l assoggettamento all IVA avviene in seguito all importazione della merce; le dogane devono rilasciare la bolletta doganale dalla quale risultano il valore della merce importata e l importo della corrispondente IVA. La bolla doganale assume valore definitivo nel caso delle importazioni definitive o valore provvisorio nel caso delle importazioni temporanee, nell attesa della riesportazione dei beni precedentemente importati Plafond L art. 8 lett. c) disciplina le cessioni effettuate da un soggetto che, in qualità di esportatore abituale pone in essere, le operazioni di esportazione o di cessione intracomunitaria per un ammontare complessivo superiore al 10% del volume di affari, ottenendo il diritto di acquistare in Italia, in regime di non imponibilità beni e servizi nel limite dell ammontare del plafond riferito ad operazioni dei dodici mesi precedenti (plafond mobile) o dell anno precedente (plafond fisso) La misura del plafond è determinata dalle seguenti operazioni : esportazioni dirette indirette e triangolari di cui all art. 8 1 comma lettera a), b) DPR 633/72 operazioni assimilate alle esportazioni art.8 bis comma 1 DPR 633/72 servizi internazionali art. 9 DPR 633/72 cessioni di beni verso San Marino o Città del Vaticano art. 71 comma 1 cessioni non soggette ad imposta in base a trattati o ad accordi internazionali art.72 cessioni intracomunitarie non imponibili art.41 DL 331 del 30/8/93 servizi intracomunitari art. 40 commi 4 bis Legge 427 /93 cessioni non soggette art.58 comma 1 L.427/93(triangolazione ) La disposizione in oggetto vuole evitare che un soggetto esportatore (che fattura in regime di non imponibilità) venga a trovarsi in posizione creditoria verso l Erario, non avendo o avendo una limitata imposta da versare Condizioni per avvalersi di questa possibilità sono: 1. Soggettività: il sussistere di esportazioni e cessioni intracomunitarie (anche relativamente a fatture di acconto), di servizi internazionali e di servizi intracomunitari, operazioni con la Città del Vaticano e con la Repubblica di S. Marino registrate nell anno solare precedente o nei dodici mesi precedenti. Tali operazioni devono essere superiori (non pari) al 10% del volume d affari; 2. Oggettività: può essere acquistato in regime di sospensione IVA qualsiasi bene o servizio ad eccezione dei terreni, dei fabbricati (compreso il relativo appalto o leasing) e dei beni e servizi ad IVA detraibile.

13 Il DPR 435/01 ha introdotto alcune semplificazioni circa i modi di effettuazione del calcolo del plafond. In particolare ha cancellato l obbligo di annotare in ciascun mese nei registri contabili IVA l ammontare di riferimento delle esportazioni, delle operazioni assimilate, e delle cessioni intracomunitarie utilizzabile all inizio del secondo mese precedente e l ammontare degli acquisti e delle importazioni effettuati nel medesimo mese senza l applicazione dell imposta In ogni caso è previsto che gli esportatori abituali in caso di verifica e sempre ne venga fatta loro esplicita richiesta, debbano fornire tutti i dati relativi sia al plafond disponibile che al plafond utilizzato Di conseguenza tali annotazioni anziché essere fatte nel registro IVA come accadeva precedentemente oggi possono essere annotate su semplici documenti cartacei o su supporti informatici appositamente predisposti A compensare tale semplificazione il decreto ha previsto a carico di tutti coloro che utilizzano plafond, che in sede di dichiarazione iva annuale debbano essere indicati analiticamente per ciascun mese tutti i dati attinenti alla formazione del plafond ed al suo utilizzo Dichiarazione d intento l esportatore deve redigere in duplice esemplare apposita dichiarazione scritta (lettere d intento) da inviare prima di effettuare acquisti di beni e servizi senza l applicazione di imposta ad ogni fornitore; la dichiarazione deve contenere la manifestazione di volontà di acquistare in sospensione d imposta e può indicare alternativamente: una sola operazione; le operazioni da effettuarsi nell anno...fino a concorrenza del limite di Eur...; le operazioni da effettuarsi nell anno... per il periodo da...a... è possibile quindi utilizzare la medesima lettera d intento per differenti operazioni purché le parti contraenti siano le stesse; le lettere d intento possono essere inviate anche in dogana al fine di avvalersi della facoltà di importare senza pagamento dell imposta; occorre in tal caso precisare che è necessario presentare una lettera d intento per ogni importazione; le lettere d intento devono essere numerate progressivamente (con numerazione autonoma), datate ed annotate entro 15 giorni da parte del dichiarante in appositi registri vidimati oppure in un apposita sezione del registro fatture emesse o corrispettivi; gli estremi di tali dichiarazioni devono essere riportate sulle fatture emesse; l esportatore deve annotare mese per mese il plafond disponibile all inizio del mese, l utilizzo ed il residuo alla fine del mese sul registro delle fatture emesse o sul registro delle dichiarazioni d intento.

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Presupposti imponibilità scambi comunitari

Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposto Oggettivo: Onerosità dell operazione e acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene; Presupposto Soggettivo: gli operatori che intervengono

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Circolare n. 3 2010. Oggetto: Modelli Intrastat.

Circolare n. 3 2010. Oggetto: Modelli Intrastat. Circolare n. 3 2010 Oggetto: Modelli Intrastat. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 del decreto di recepimento delle direttive comunitarie sulla nuova disciplina Iva delle

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 200/E

RISOLUZIONE N. 200/E RISOLUZIONE N. 200/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 agosto 2007 Oggetto: Istanza d interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. Con l interpello specificato in oggetto, concernente

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Cliente N.ro Informazioni generali o Copia prospetto riepilogativo "dichiarazione Iva annuale per anno 2011" stampata da Vs. computer.

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI.

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Allegato VII ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Titolo I AVVERTENZE GENERALI 1. Gli elenchi riepilogativi

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative a cura di Marco Politano Torino Martedì, 08 novembre 2011 Modelli Intrastat Elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie di beni

Dettagli

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI CIRCOLARE N. 08 DEL 05/03/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

Controllare la corrispondenza dei modelli INTRA con le operazioni registrate e compilare i seguenti campi: Prestaz. servizi non soggette.

Controllare la corrispondenza dei modelli INTRA con le operazioni registrate e compilare i seguenti campi: Prestaz. servizi non soggette. MOD. COGE10 19.01.2016 SOCIETA'/IMPRESA: RESPONSABILE INCARICATO DELLO STUDIO: ANNO N.PRATICA XBOOK IMPORTANTE Convalida x comp. Allegare al presente fascicolo o completare i dati richiesti Cliente Studio

Dettagli

Le operazioni Intracomunitarie

Le operazioni Intracomunitarie UR1001101000 Le operazioni Intracomunitarie Manuale Operativo Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi

Dettagli

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 - Dietro-Front della Cassazione sulla doppia contribuzione per i soci amministratori di srl "commerciali" 2

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze Decreto Ministeriale del 24/12/1993 Titolo del provvedimento: Disciplina agli effetti dell'imposta sul valore aggiunto dei rapporti di scambio tra la Repubblica italiana e la Repubblica

Dettagli

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU La questione riguarda l operazione disciplinata all articolo 8, lettera

Dettagli

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU LA ZIONE DELL OPERATORE SHIATSU Le norme relative all emissione ed al contenuto delle fatture, per quanto concerne l attività svolta dall operatore shiatsu, sono sostanzialmente contenute nel D.P.R. 633/72

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: NUOVE MODALITA DI FATTURAZIONE 1. Premesse, riferimenti normativi e decorrenza Il cosiddetto Decreto Salva infrazioni (D.L. 216/2012),

Dettagli

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 8 del 15 marzo 2010 Modelli INTRASTAT - Recepimento

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT Milano, 30 Giugno 2010 Egregi Signori Clienti Circolare n. 13-2010 ELENCHI INTRASTAT L'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010 ha fornito importanti chiarimenti sulla disciplina

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE Introduzione INTRODUZIONE Per poter considerare rilevanti ai fini IVA le operazioni effettuate dagli operatori economici, deve sussistere contemporaneamente, oltre ai presupposti soggettivo, oggettivo

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT Wirtschaftsprüfer Dottori Commercialisti Dr. Hugo Endrizzi Dr. Elmar Weis Dr. Friedrich Alber Dr. Bernd Wiedenhofer Arbeitsrechtsberater Consulente del Lavoro Dr. Georg Innerhofer Rechtskanzlei Studio

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni.

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni. ESPORTAZIONI Frequentemente viene confusa l operazione triangolare con le cessioni a soggetti non residenti. Tenuto conto che la normativa IVA non è sempre allineata con la normativa doganale e i termini

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali Circolare n. 1/13 Legnago, 15.01.2013 A TUTTI I CLIENTI - LORO SEDI - FATTURAZIONE NUOVE REGOLE DAL 2013 Dal 1 gennaio 2013

Dettagli