REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE"

Transcript

1 PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

2 Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel armi in dotazione Art. 4 Servizi svolti con armi e assegnazione delle armi Art. 5 - Modalità del porto dell arma Art. 6 - Collegamenti e servizi extra territoriali Art. 7 - Custodia delle armi Art. 8 Addestramento al tiro Art. 9 Norme di rinvio Art. 1 Dispozizioni generali Gli appartenenti alla Polizia Provinciale con la qualifica di agente di pubblica sicurezza sono dotati delle armi di ordinanza in relazione alle esigenze di difesa personale e al tipo di servizio prestato. Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Le armi in dotazione agli addetti di cui all art. 1 sono: -pistole semiautomatiche di cui all art. 4 del DM 145/87 -armi da caccia previste dall art. 13 della L. 157/92 -armi con proiettili a narcotico previste dalla L. 157/92 -armi lunghe comuni da sparo-carabine cal. 22 e carabine ad aria compressa- per interventi speciali di polizia zoofila e rurale ai sensi dell art. 4 del DM 145/87 I modelli sono scelti tra quelli iscritti nel catalogo nazionale delle armi comuni da sparo di cui all art. 7 della Legge 18 aprile 1975 n. 110 e successive modificazioni Per i servizi di guardia d onore è ammessa la dotazione della sciabola, limitatamente al numero degli addetti in possesso di alta uniforme.

3 Art. 3 Numero delle armi in dotazione Il Presidente della Provincia fissa con un suo provvedimento il numero delle armi in dotazione al Corpo di Polizia Provinciale. Il provvedimento ed ogni eventuale modifica al numero complessivo delle armi in dotazione sono comunicati al Prefetto di Pavia. Il numero complessivo delle armi in dotazione al Corpo di Polizia Provinciale è costituito da: N 10 pistole Beretta cal. 7,65 N 6 pistole Beretta cal. 9x21 N 13 fucili Benelli cal. 12 semiautomatici N 10 fucili Zoli combinati cal. 20 magnum/222 N 3 fucili Zoli combinati cal 20 magnum/7x65 N 3 canne cal. 20 magnum/222 N 1 fucile Beretta a pompa cal 12 N 1 carabina Benelli cal. 308 N 1 carabina CZ cal. 223 N 1 fucile lancia siringhe Oltre alle armi di cui sopra gli appartenenti al Corpo di Polizia Provinciale possono essere dotati, secondo le specifiche disposizioni che verranno impartite dal Comandante del Corpo, dei dispositivi e degli strumenti di coazione fisica previsti dalla LR n 4/2003 Art. 4 Servizi svolti con armi e assegnazione delle armi I servizi per i quali gli addetti, in possesso delle qualità di agente di pubblica sicurezza, portano senza licenza le armi di cui sono dotati, sono i seguenti: tutti i servizi esterni comunque effettuati (automontati, motomontati, appiedati, ecc.); servizi di vigilanza e protezione del patrimonio immobiliare della Provincia di Pavia; servizio di vigilanza degli uffici e delle sedi del Corpo; servizi notturni; servizi di pronto intervento; servizi di scorta. Ai sensi dell art. 6 del D.M. 4 marzo 1987 n. 145 per i servizi di cui al comma precedente l arma corta pistola semiautomatica è assegnata in via continuativa a tutti gli appartenenti al Corpo. Le armi lunghe fucili e carabine sono assegnate in via continuativa esclusivamente al personale appartenente al nucleo specialistico ittico-venatorio. Le armi e il munizionamento assegnati sono annotati in un apposito registro tenuto dal Comandante. Sulla tessera di servizio degli appartenenti al Corpo o su un documento che gli agenti portano sempre con sè è fatta menzione dell assegnazione dell arma in via continuativa.

4 Art. 5 Modalità del porto dell arma Gli addetti di cui all art. 1 esplicano i servizi assegnati indossando l uniforme e portano l arma esternamente, in modo visibile, corredata da munizionamento/caricatore di riserva. Il Comandante e gli Ufficiali possono portare l arma in modo non visibile, anche quando indossano l uniforme, nell espletamento dei compiti di rappresentanza o del servizio interno-funzioni burocratiche amministrative svolte d ufficio Nei casi in cui, agli addetti di cui all art. 1, è autorizzato il servizio senza uniforme,ai sensi dell art. 4 della L. 65/86 e dell art. 5 del DM 145/87 l arma corta è portata in modo non visibile Visto quanto stabilito dall art. 29 c. 2 della 157/92 che prevede che gli agenti possono, anche fuori servizio, svolgere funzioni di accertamento e atti di Polizia Giudiziaria in materia venatoria; considerati gli artt. 5 c.2 e 6 c. 1 lett. a e c. 2 del DM 145/87,- relativi al porto delle armi assegnate in via continuativa anche fuori servizio-, gli appartenenti al Corpo di Polizia Provinciale sono autorizzati a portare l arma corta anche fuori servizio purchè portata in modo non visibile e nel territorio dell Ente di appartenenza Il Comandante determina le modalità del porto delle armi per l impiego operativo, in relazione alle caratteristiche tecniche delle stesse e alle esigenze di servizio. E vietato estrarre l arma in luogo pubblico o aperto al pubblico per motivi non inerenti il servizio Senza valido motivo è vietato consegnare,anche temporanemente, l arma a terzi ovvero permettere che sia maneggiata da altre persone Art. 6 Collegamenti e servizi extra territoriali Gli appartenenti alla Polizia Provinciale assegnatari in via continuativa delle armi è consentito il porto delle medesime per raggiungere dal proprio domicilio il luogo del servizio e viceversa. Per i servizi espletati fuori dall ambito territoriale della Provincia di Pavia e per soccorso od in porto ad altri Corpi, il Comandante determina i casi e le modalità dell armamento, nel rispetto di eventuali piani o accordi fra le amministrazioni interessate. Il Presidente della Provincia comunica ai Prefetti competenti per territorio i contingenti che effettuano servizio con armi fuori dal territorio della Provincia di Pavia. Art. 7 Custodia delle armi Ogni assegnatario dell arma in via continuativa, oltre che custodire diligentemente l arma anche presso il proprio domicilio e curarne la manutenzione, deve in ogni modo evitarne il deposito in armadietti, cassetti e luoghi facilmente raggiungibili. Nelle sedi del Comando possono essere installate cassette blindate di sicurezza munite di chiave in doppia mappa da mettere a disposizione degli assegnatari di arma corta per il deposito temporaneo.

5 Le armi non assegnate e quelle di riserva nonché il relativo munizionamento in dotazione al Corpo sono custodite in armadi metallici corazzati con serrature di sicurezza o a combinazione. Qualora il numero complessivo delle armi da custodire sia superiore a 15 e il numero delle munizioni sia superiore a 2000 cartucce, l Amministrazione Provinciale provvede ad istituire un armeria come disposta dal D.M. 145/87. Art. 8 Addestramento al tiro Per l addestramento al tiro vanno osservate le disposizioni contenute nel cap IV del D.M. 145/87 della Legge 28 maggio 1981 n. 286 e successivi aggiornamenti e modificazioni Art. 9 Norme di rinvio Per tutto quanto non espressamente disciplinato dal presente regolamento valgono le disposizioni del D.M. 145/87.

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939)

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE

REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE Allegato alla delibera C.C. n. 33 del 28.9.2011 REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE I N D I C E Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO Decreto ministeriale 4 marzo 1987, n.145, (G.U. 16 aprile 1987, n.89) Modificato dal Decreto ministeriale 341/89 (G.U. 14 ottobre 1989, n.241) "Norme concernenti l'armamento degli appartenenti alla polizia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE WWW.comune.latiano.br.it Email:poliziamuni.latiano@libero.it Tel. 0831 725014 - Fax 0831 7217273 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE. Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

COMUNE DI CAPURSO (Prov. di Bari)

COMUNE DI CAPURSO (Prov. di Bari) COMUNE DI CAPURSO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Pagina 1 di 9 CAPO I... 3 GENERALITA NUMERO E TIPO DI ARMI... 3 ART. 1...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE C O MUNE DI PAULARO P R O V I N C I A D I U D I N E Approvato con Deliberazione consiliare n. 35 di data 10/11/2008 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 28/05/2009 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VILLA CARCINA PROVINCIA DI BRESCIA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI VILLA CARCINA PROVINCIA DI BRESCIA POLIZIA LOCALE COMUNE DI VILLA CARCINA REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI VILLA CARCINA PROVINCIA DI BRESCIA POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO del SERVIZIO di POLIZIA LOCALE Regolamento del Servizio di Polizia Locale Indice I Istituzione

Dettagli

COMUNE DI PECETTO TORINESE Provincia di Torino CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI PECETTO TORINESE Provincia di Torino CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI PECETTO TORINESE Provincia di Torino CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI SERVIZI DI P.M. PER I QUALI GLI ADDETTI PORTANO LE ARMI IN DOTAZIONE NONCHE PER LA DISCIPLINA

Dettagli

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE Allegato alla delibera C.C. n. 4/1990 e modifiche approvate con delibera C.C. 103/1990 REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE 1 TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO ART. 1 Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO COMUNE DI OSASCO P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO (Approvato con

Dettagli

CITTA DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo

CITTA DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr. 34 del 27.04.2001 TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL SERVIZIO art. 1 Corpo di Polizia Municipale art. 2

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE I SINGOLI ARTICOLI DEL REGOLAMENTO SONO STATI APPROVATI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 155 DEL 2/10/2003 IL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA Regolamento speciale per la disciplina del porto delle armi in dotazione al Corpo di POLIZIA MUNICIPALE (Rif.D.M. 4 marzo 1987 n. 145) -Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento concernente l armamento del personale del Corpo della Polizia Municipale di Fiumicino al quale è conferita la qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. del Corpo di Polizia Municipale e Disciplina dell'armamento. Delibera del Consiglio Comunale n. 8 del 8 marzo 2007

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. del Corpo di Polizia Municipale e Disciplina dell'armamento. Delibera del Consiglio Comunale n. 8 del 8 marzo 2007 Comune di Follonica del Corpo di Polizia Municipale e Disciplina dell'armamento Delibera del Consiglio Comunale n. 8 del 8 marzo 2007 REGOLAMENTO INDICE INDICE Articolo 1 Conferma dell istituzione del

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regolamento del Corpo di Polizia Municipale. Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03.

Regolamento del Corpo di Polizia Municipale. Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03. Regolamento del Corpo di Polizia Municipale Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03.1987 n 145 INDICE Titolo I Istituzione o ordinamento del Corpo Art.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE Approvato con delibera di consiglio comunale nr. 13 del 30.08.2007 SOMMARIO TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL SERVIZIO Art. 1 Servizio di Polizia Locale

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA SETTORE SICUREZZA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE MUNICIPALE

COMUNE DI MOLFETTA SETTORE SICUREZZA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE MUNICIPALE COMUNE DI MOLFETTA SETTORE SICUREZZA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE MUNICIPALE TITOLO I NORME REGOLAMENTARI DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE MUNICIPALE Istituzione del Corpo Ai sensi degli artt. 1

Dettagli

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Comune di Guardialfiera (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.ro 15 del 30-08-2007, (pubblicata all Albo Pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Art.1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il Corpo di Polizia municipale di Castiglione della Pescaia.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Repubblica Italiana Regione Toscana COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 58 DEL 29.6.1998 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA. Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010

LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA. Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010 LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010 LA DIRETTIVA REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VOLONTARIE CHE SVOLGONO ATTIVITA' DI VIGILANZA FAUNISTICO-VENATORIA

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Approvato dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 262 del 16 dicembre 2011 Preambolo La Polizia Provinciale esercita l

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA approvato con delibera C.C. N. 9 / 99 INDICE ART. 1: SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE...2 ART.

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 30.09.1988 1 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 19 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 75 del 30 settembre 1988. 1 INDICE

Dettagli

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Prot. n. (ABF/03/5863) ------------------------------------------------------------- Richiamate: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA la legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della

Dettagli

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale)

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale) Direzione Ambiente Settore Sostenibilità, Salvaguardia ed Educazione Ambientale COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 Supplemento

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L attività di vigilanza ittico-venatoria e

Dettagli

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

Comune di Pontenure PROVINCIA DI PIACENZA

Comune di Pontenure PROVINCIA DI PIACENZA Comune di Pontenure PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Disposizioni Generali Art. 1 Oggetto Art. 2 Servizi armati Art. 3 Armi in dotazione Armi e strumenti in dotazione

Dettagli

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Art. 1 Competenze del Corpo forestale della Regione Sardegna Le funzioni del Corpo forestale e di vigilanza

Dettagli

CORPO POLIZIA LOCALE

CORPO POLIZIA LOCALE CORPO POLIZIA LOCALE Città di Ventimiglia Provincia di Imperia REGOLAMENTO SPECIALE (Attuazione D.M. 4/3/87 n. 165) Regolamento concernente l armamento degli appartenenti al Corpo di Polizia Locale (Modifiche

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO. Provincia di Bergamo. sull ARMAMENTO della POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI ZOGNO. Provincia di Bergamo. sull ARMAMENTO della POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo sull ARMAMENTO della POLIZIA MUNICIPALE ART. 1 ARMI IN DOTAZIONE L Armamento della Polizia Municipale, ai fini e per gli effetti delle disposizioni della L. 7.3.1986

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Approvato con D.G.P. in data 23.12.2002 n. 759 reg. modificata con D.G.P. in data 5.3.2007 n. 94 reg. INDICE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale: n. 10 del 22/02/2010 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MELLA

COMUNE DI CASTEL MELLA COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato in data 29/06/1998 con delibera di C.C n. 24 Modifica art. 18 con delibera di C.C. n. 32 del

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL CORPO INTERCOMUNALE DI POLIZIA LOCALE

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL CORPO INTERCOMUNALE DI POLIZIA LOCALE UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL CORPO INTERCOMUNALE DI POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione di Giunta dell Unione n. 32 del 27.09.2006

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 5.3.2012 N. 45/86570 P.G. COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale 4.12.2002 n. 1198/45243 P.G. Modificato con deliberazione della Giunta Comunale 29.1.2003

Dettagli

Comunicazione e gestione dei conflitti Compiti e mansioni

Comunicazione e gestione dei conflitti Compiti e mansioni Comunicazione e gestione dei conflitti Compiti e mansioni Silvia Sarzanini Carlotta Buoso Ruolo relazionale Gestione relazione interpersonali e capacità di ascoltare; capacità di usare un linguaggio efficace,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1 PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

COMUNE DI CAPPELLA MAGGIORE PROVINCIA DI TREVISO. Regolamento per la disciplina dell armamento del servizio della Polizia Municipale

COMUNE DI CAPPELLA MAGGIORE PROVINCIA DI TREVISO. Regolamento per la disciplina dell armamento del servizio della Polizia Municipale COMUNE DI CAPPELLA MAGGIORE PROVINCIA DI TREVISO Regolamento per la disciplina dell armamento del servizio della Polizia Municipale INDICE Art. 1 Campo di applicazione Art. 2 Tipo di arma in dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento, con i termini che seguono si

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI ARMATI DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE 1 CAPO I

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

COMUNE DI VALVASONE ARZENE (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI VALVASONE ARZENE (Provincia di Pordenone) COMUNE DI VALVASONE ARZENE (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO SULL ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE - DOTAZIONE E PORTO DELLE ARMI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale di Valvasone

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 57 del 29 novembre 2013) Articolo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria Art. 1 FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento si

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

C ITTÀ DI C A S O R I A PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O DISCIPLINA SULL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

C ITTÀ DI C A S O R I A PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O DISCIPLINA SULL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE C ITTÀ DI C A S O R I A PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O DISCIPLINA SULL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 6 del 27/02/2015 INDICE

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE I N D I C E Art. 1 Istituzione Regolamento del Corpo di Polizia Provinciale Capitolo I Disposizioni Generali Art. 2 Polizia Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERA N. 57/C C DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 162 del

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale COMUNE DI CUTROFIANO Regolamento del Corpo di Polizia Municipale INDICE CAPO I Art. 1 Istituzione del Corpo NORME GENERALI CAPO II SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 2 Finalità e compiti Art. 3 Missioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312)

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) 1 di 9 17/04/2015 11:52 (/articolo/34118/) (https://twitter.com/agente_lisa) (https://www.youtube.com/user/poliziadistato) Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) Difesa personale /articolo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA SETTORE III POLITICHE AGRICOLE E MONTANE TUTELA FAUNISTICA E POLIZIA PROVINCIALE CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE tel.: +39 0323 4950255-289; fax: +39 0323 4950271; e-mail:

Dettagli

Consiglio regionale della Sardegna

Consiglio regionale della Sardegna PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA DA ESPLETARSI A MEZZO DI GUARDIE PARTICOLARI GIURATE PRESSO LE SEDI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA (CIG 6182690530) CAPITOLATO

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli