Presentazione Premessa Metodologia didattica Modello Formativo Personalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione Premessa Metodologia didattica Modello Formativo Personalizzazione"

Transcript

1 catalogo corsi 2012

2 Presentazione Premessa In oltre venti anni di attività, abbiamo maturato una particolare esperienza nell assistenza alla realizzazione di progetti di formazione aziendale personalizzati rispetto alle esigenze del cliente, considerando come tale sia il Committente, sia i Partecipanti agli interventi di formazione che eroghiamo. Coordinando e programmando gli interventi formativi necessari ed utili al conseguimento degli obiettivi di medio termine (2-3 anni), aiutiamo l impresa, da un lato, ad individuare, definire e formalizzare i risultati attesi sulla base dei quali misurare l efficacia della formazione; dall altro, a realizzare un percorso integrato di accompagnamento alla crescita ed allo sviluppo aziendale, in maniera sistemica. Modello Formativo Il nostro modello formativo prevede: il servizio di analisi dei fabbisogni formativi che consente di investire le risorse da dedicare alla formazione in modo efficiente; la declinazione di un piano formativo che consente di: definire i risultati attesi;creare dei gruppi di discenti con analoghe esigenze formative; programmare le lezioni didattiche compatibilmente con le esigenze aziendali, i picchi di produttività o le stagionalità; coordinare gli interventi rispetto, sia alle funzioni aziendali coinvolte, sia ai diversi argomenti eventualmente trattati; accedere ad eventuali contributi pubblici per la formazione; misurare i risultati attesi: la gestione didattica di ciascun intervento previsto dal piano formativo, con le seguenti caratteristiche: incontro tra consulente e referente aziendale per una precisa definizione dell intervento formativo; stipula del patto formativo tra consulente e partecipanti, per la condivisione degli obiettivi dell intervento formativo; test di ingresso, per la verifica delle competenze pregresse; docenza; test finale, per la verifica delle competenze acquisite; consegna degli attestati di frequenza ai Partecipanti; relazione finale, per illustrare al Committente il livello di raggiungimento degli obiettivi prefissi, nonché le aree di miglioramento eventualmente individuate dal Consulente. Metodologia didattica La docenza tradizionale in aula verrà limitata ai momenti di trasmissione di nozioni fondamentali, mentre per il resto verranno impiegate metodologie didattiche attive, quali esercitazioni, simulazioni e role-playing. Questi ultimi prenderanno come spunto la specifica realtà a- ziendale. In particolare, il metodo utilizzato sarà quello dell apprendimento induttivo. Per ogni argomento previsto, verranno realizzate esercitazioni e simulazioni che consentiranno ai partecipanti di venire in stretto contatto con gli argomenti di volta in volta trattati dal Consulente. Pur in considerazione delle esigenze organizzative e personali del Committente e dei Partecipanti, la programmazione degli interventi verrà realizzata prevedendo periodi di ritorno sul lavoro durante i quali i discenti avranno modo di trasferire alla realtà professionale quanto appreso e sperimentato in aula. In questo modo, esperienze, resistenze e specifiche necessità verranno affrontate negli incontri successivi. Personalizzazione Il presente catalogo intende proporre degli esempi di alcuni percorsi formativi che possiamo offrire ai nostri clienti. La descrizione di obiettivi e contenuti fà riferimento ad indicazioni generali. Operando in un ottica di personalizzazione del servizio, riteniamo efficace la formazione finalizzata al trasferimento di conoscenze e competenze spendibili professionalmente. Ciascun percorso formativo, pertanto, viene progettato su misura, sia rispetto agli obiettivi formativi, sia rispetto ai contenuti di dettaglio. Ciò consente di rispondere alle esigenze aziendali, prevedendo anche esemplificazioni, esercitazioni e metodologie conformi alla specifica realtà a- ziendale e massimizzando così l apprendimento e la spendibilità, all interno del contesto lavorativo, di quanto appreso.

3 Indice AREA MARKETING 4 Pianificazione e Marketing Il Marketing nella società di servizi 4 Il contatto con il cliente La comunicazione telefonica efficace 4 Il Telemarketing e la sua applicazione Il Trade Marketing 5 La qualità del servizio La conduzione delle negoziazioni 5 Internet Marketing Il piano di Marketing: pianificazione, realizzazione e verifica 6 Le politiche di determinazione dei prezzi Organizzazione e gestione di una rete di vendita 6 Comunicazione d immagine Marketing e tecniche di vendita 7 AREA ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE 8 Da capo a leader La selezione: come scegliere i collaboratori aziendali 8 Le forme contrattuali e le agevolazioni fiscali Come trattare più efficacemente con gli altri grazie all assertività 8 I conflitti interpersonali nel lavoro, come analizzarli, gestirli e risolverli senza aggressività né passività Gestire e motivare i gruppi 9 La gestione delle risorse umane e dei rapporti interpersonali La valutazione delle risorse umane 9 Le riunioni: come migliorare tempi e risultati Analisi ed applicazione delle tecniche di leadership 10 Il Project Management La gestione ottimale del tempo 10 Sviluppo competenze manageriali Principi e tecniche di comunicazione efficace 11 AREA AMMINISTRAZIONE 12 Il bilancio secondo la norma comunitaria Il controllo ed il recupero dei crediti aziendali 12 Analisi dei costi Budget del personale 12 Il bilancio ed il controllo di gestione aziendale La contabilità aziendale e la sua gestione 13 AREA INFORMATICA 14 Corso base di Windows Corso base di Word 14 Corso avanzato di Word Corso base di Excel 14 Corso avanzato di Excel Corso base di Access 15 Corso avanzato di Access Internet e posta elettronica, applicazione aziendali 15 Web Editing Corso di Powerpoint 16 AREA QUALITÀ E SICUREZZA 17 Qualità in azienda La qualità totale: analisi, pianificazione strategica, realizzazione e controllo 17 La sicurezza nel lavoro: il nuovo test unico sulla sicurezza 17 Le norme di igiene alimentare: HACCP Corso di formazione per personale addetto alla produzione e vendita delle sostanze alimentari AREA LOGISTICA 19 Programmazione della produzione nelle aziende manifatturiere Tempi e metodi AREA LINGUISTICA 20 Inglese commerciale base Inglese commerciale avanzato 20 Francese commerciale base Francese commerciale avanzato 20 Tedesco commerciale base Tedesco commerciale avanzato 21 Spagnolo commerciale base Spagnolo commerciale avanzato 21

4 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Marketing PIANIFICAZIONE E MARKETING Analizzare il concetto di marketing, la sua evoluzione ed il suo ruolo strategico nello sviluppo aziendale. In particolare sarà posta attenzione alle strategie di Marketing Mix nell ambito della pianificazione strategico gestionale. MARKETING NELLE SOCIETÀ DI SERVIZI Intervenire in modo specifico nell analisi del marketing applicato alle società di servizi. Il corso, per il particolare settore che investe, terrà in considerazione le notevoli differenze che contraddistinguono l applicazione di questa funzione dalle tecniche di marketing applicate a prodotti tangibili. il marketing quale sistema in azienda; le strategie, le tattiche ed i piani operativi; il processo strategico di marketing; il mercato e la concorrenza; il Marketing Mix; i prodotti e le classificazioni; la distribuzione ed il ciclo di vita del prodotto; il lancio del nuovo prodotto; la gestione strategica del prodotto; il prezzo ed i criteri di determinazione. il marketing: evoluzione e differenziazione del concetto; il concetto di servizio; il marketing mix dei servizi: struttura di erogazione, il prodotto/servizio, il cliente, l immagine e la cultura a- ziendale, pianificazione strategica; il responsabile marketing in un azienda di servizi. DURATA: 28 ore DURATA: 32 ore IL CONTATTO CON IL CLIENTE Fornire competenze e abilità relative alla gestione dei rapporti diretti con i clienti. A prescindere dal ruolo e dalla posizione occupati, ogni componente dell organizzazione che ha a che fare con il cliente deve essere in grado di gestire in modo efficace la relazione e il contatto per: fornire informazioni, gestire reclami, comprendere le esigenze, smistare i contatti. principi di comunicazione efficace; tecniche commerciali; i tipi di clienti e i tipi di contatto; l analisi delle esigenze, le tecniche delle domande; la gestione dello stress. LA COMUNICAZIONE TELEFONICA EFFICACE Analizzare le problematiche aziendali che possono essere affrontate attraverso un uso corretto dello strumento telefonico; definire schemi di procedure telefoniche finalizzate alla gestione della vendita, dei reclami e delle problematiche che possono venire trattate telefonicamente e che sono in grado di condizionare l immagine aziendale. tecniche di telemarketing; il telefono quale strumento di immagine e professionalità; schemi di procedure telefoniche; gestione dei reclami; recupero crediti; l ascolto: l immaginazione; il linguaggio; superamento dei filtri. DURATA: 32 ore 4

5 Risorse Umane Area Marketing IL TELEMARKETING E LA SUA APPLICAZIONE Esaminare le diverse tecniche di telemarketing applicabili, nonché sviluppare la capacità di comunicare telefonicamente per scopi aziendali: informazione, promozione, vendita. analisi delle opportunità di mercato offerte dal canale telefonico; compiti, potenzialità ed obblighi dell addetto alla vendita telefonica; tecniche di costruzione della comunicazione; il processo di vendita telefonica; l approccio, la conversazione e i tipi di conclusione positiva; analisi e costruzione dei diversi modelli di pianificazione; telefonica; simulazioni. LA QUALITÀ DEL SERVIZIO Analizzare le strategie di gestione dei clienti, ponendo particolare attenzione alla qualità del servizio erogato, dal momento iniziale del contatto con il potenziale consumatore all assistenza dello stesso nella fase di post-vendita, al fine di indirizzare lo sforzo complessivo dell organizzazione alla soddisfazione del cliente. il marketing delle relazioni: dalla conquista di nuova clientela alla fidelizzazione della clientela esistente; qualità del servizio quale presupposto per la Customer Satisfaction; il Customer Information File: come costruirlo, come usarlo, quali benefici comporta; come pianificare un dialogo formale/informale con i clienti: i programmi di misurazione della Customer Satisfaction; i programmi di recupero della clientela persa; i presupposti organizzativi per il marketing delle relazioni. IL TRADE MARKETING Analizzare il ruolo, le funzioni e le applicazioni del trade marketing, in funzione della consapevolezza, per le aziende marketing-oriented, dell importanza di una sempre maggiore attenzione alla clientela commerciale nonché agli intermediari distributori. le caratteristiche ed il ruolo del trade marketing nella pianificazione commerciale; la catena distributiva e l approccio di valore; la creazione della partnership con la clientela commerciale: quando e a cosa serve; analisi, inserimento e sviluppo del trade marketing nel contesto aziendale; il MKT verso il trade marketing: l attività operativa; analisi di casi aziendali. LA CONDUZIONE DELLE NEGOZIAZIONI Fornire le opportune conoscenze per la gestione delle negoziazioni finalizzate, non solo alle cessioni di beni o servizi, ma anche al raggiungimento degli obiettivi aziendali o alla gestione di rapporti economici e professionali. concetto di negoziazione: sua evoluzione e principali aree di interesse ed applicazione; il ruolo del conflitto; chi è il negoziatore: capacità e abilità richieste; gli stili negoziali; le strategie negoziali; test di autovalutazione. Marketing Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue 5

6 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Marketing INTERNET MARKETING Fornire ai partecipanti le basi per poter comprendere le opportunità offerte dall utilizzo delle tecnologie informatiche multimediali quali strumenti di promozione del proprio prodotto/servizio e di ricerca di informazioni. introduzione al concetto di Internet e a quello di marketing: alcuni dati sull evoluzione del settore; l utilizzo del web per le ricerche di mercato. Esercitazioni guidate su alcuni siti; l utilizzo del web per la pubblicità: progettazione di una strategia di comunicazione mirata al proprio target. Esercitazioni guidate; Internet Marketing come fase evolutiva dell approccio al Marketing interattivo; Internet Marketing come Marketing Interno all Azienda: lntranet. IL PIANO MARKETING: PIANIFICAZIONE, REALIZZAZIONE E VERIFICA Analizzare la fase di pianificazione e di controllo dell attività commerciale di un azienda, esaminando altresì gli scostamenti rispetto agli obiettivi, al fine di individuare le opportune azioni correttive. caratteristiche della pianificazione; fasi del processo di pianificazione; realizzazione della pianificazione aziendale; i piani di funzione; obiettivi e piani; livelli di responsabilità di funzione; presentazione di un piano di marketing. DURATA: 32 ore LE POLITICHE DI DETERMINAZIONE DEI PREZZI Trasferire ai partecipanti i metodi e gli strumenti per definire e identificare la migliore strategia di prezzo in rapporto al posizionamento della propria azienda e alla concorrenza, trasformando così le minacce del mercato in opportunità di sviluppo dei propri prodotti. Nell attuale sistema di mercato estremamente competitivo, le aziende devono sempre più confrontarsi con i problemi legati alla determinazione dei prezzi al fine di sviluppare e migliorare la propria posizione e il proprio approccio al mercato. l prezzo come vantaggio competitivo; il rapporto qualità/prezzo; strumenti per una corretta strategia di prezzo; valutazioni economiche/finanziarie; le promozioni tattiche/strategiche. ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNA RETE DI VENDITA Fornire conoscenze e strumenti necessari all organizzazione e alla gestione della propria rete di vendita: dagli aspetti di progettazione e budgeting a quelli di definizione di profili, aree di competenza, obiettivi, strumenti e tecniche di comunicazione, fino alle attività di controllo e verifica dei risultati. analisi della struttura socio-economica in cui opera la rete distributiva; evoluzione della gestione del cliente; i fattori di successo della struttura commerciale; la definizione del profilo della rete di vendita; i fattori critici di successo relativi al sistema distributivo; vantaggi e svantaggi delle diverse tipologie di reti; determinazione degli obiettivi; definizione e scelta delle strategie; tecniche e strumenti di budgeting; gestione del Marketing Mix; analisi dei risultati. DURATA: 40 ore 6

7 Marketing Risorse Umane Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue Area Marketing COMUNICAZIONE D IMMAGINE MARKETING E TECNICHE DI VENDITA Sviluppare specifiche abilità e tecniche relative alla comunicazione d immagine aziendale, quale componente fondamentale della comunicazione istituzionale, ma anche della percezione che clienti e interlocutori si fanno della stessa. Ogni componente dell organizzazione interviene in questo processo, attraverso comportamenti, atteggiamenti, stili, contenuti. Azienda e variabili strategiche: posizionamento, target, cultura organizzativa; le componenti dell immagine aziendale e il suo ruolo; la comunicazione dell immagine aziendale; obiettivi aziendali; la gestione dei rapporti; stili e tecniche di comunicazione; l identificazione con l azienda; il senso di appartenenza all organizzazione. DURATA: 16 ore Fornire le competenze necessarie per un efficace gestione della trattativa commerciale tramite l analisi dei soggetti e delle fasi della vendita. Il modulo affronterà i punti fondamentali relativi alla applicazione di una corretta gestione della fase di Marketing operativo attraverso l individuazione di alcune variabili dell organizzazione commerciale. organizzazione commerciale: mercato, prodotto, concorrenza, prezzi e politica di vendita; analisi delle variabili interne ed esterne; analisi delle fasi della vendita: approccio, trattativa, conclusione; il cliente e le motivazioni d acquisto; le obiezioni e le tecniche di risposta; valutare il cliente: modelli; preparare, gestire e concludere l azione di vendita. DURATA: 32 ore 7

8 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Organizzazione e Gestione Risorse Umane DA CAPO A LEADER LA SELEZIONE: COME SCEGLIERE I COLLABORATORI AZIENDALI Comprendere le opportunità del nuovo ruolo e le competenze base da sviluppare; individuare il proprio stile di leadership e sperimentarlo; migliorare la capacità di ascolto e di indirizzo dei collaboratori; sperimentare modalità per delegare e gestire i colloqui. capo: da controllore a leader; punti di forza ed aree di miglioramento; conquistare autorevolezza attraverso le competenze e l esempio; comunicare e motivare il personale; ascoltare i segnali dai collaboratori, stabilire relazioni positive; i colloqui di gestione; concordare gli obiettivi; riconoscere i risultati; la delega come strumento di sviluppo; guidare un gruppo di lavoro DURATA: 32 ore Comprendere come selezionare i collaboratori tenendo in considerazione numerosi fattori non sempre strettamente legati alle sole competenze professionali., ma anche riconducibili alla sfera personale dei candidati. La scelta dei collaboratori è un momento essenziale per un azienda. Le risorse umane costituiscono l elemento principale e fondamentale per la crescita ed il buon andamento di un azienda. analisi della posizione da ricoprire con descrizione dei compiti e delle responsabilità operative; definizione dei requisiti professionali e di personalità del candidato ideale ; i metodi di reclutamento; come organizzare le attività di selezione; messa a punto dell annuncio; gli strumenti per una corretta gestione della selezione; valutazione complessiva dei candidati e della coerenza con i requisiti richiesti. DURATA: 16 ore LE FORME CONTRATTUALI E LE AGEVOLAZIONI FISCALI Presentare ai partecipanti le attuali forme contrattuali, delineando i relativi vantaggi e vincoli e ponendo particolare attenzione a quelle soluzioni che permettono alle aziende di poter ricorrere alle agevolazioni fiscali previste. L evoluzione dei mercati economico-produttivi che sta interessando tutti i comparti, coinvolgendo processi di vendita, di produzione e di gestione, si accompagna ad un altrettanto rilevante evoluzione del mercato del lavoro, sia per quanto concerne la richiesta, sia per quanto concerne la domanda di lavoro. il mercato del lavoro e la flessibilità; le diverse forme contrattuali; le agevolazioni fiscali: apprendistato, contratto di inserimento, stage e tirocini; il lavoro interinale, job sharing, telelavoro; le collaborazioni coordinate e continuative; mobilità e CIGS. COME TRATTARE PIÙ EFFICACEMENTE CON GLI ALTRI GRAZIE ALL ASSERTIVITÀ Delineare le modalità e gli strumenti per adottare un comportamento assertivo, inteso come capacità di esprimere le proprie posizioni senza essere né aggressivi né passivi. definizione e proprietà fondamentali dell assertività; come riconoscere e modificare i quattro atteggiamenti possibili nei confronti degli interlocutori: fuga, aggressività, manipolazione e assertività; obiettivi e risultati del comportamento assertivo; aspetti della comunicazione verbale e non verbale dell assertività; come adottare un comportamento assertivo orientato ad affermare le proprie opinioni, aspettative, sentimenti e critiche; la pratica dell assertività sul lavoro (con partner, colleghi, superiori). DURATA: 12 ore 8

9 Marketing Risorse Umane Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue Area Organizzazione e Gestione Risorse Umane I CONFLITTI INTERPERSONALI NEL LAVORO, COME ANALIZZARLI, GESTIRLI E RISOLVERLI SENZA AGGRESSI VITA NÉ PASSIVITÀ Imparare a distinguere il contrasto dal conflitto e le tecniche più adeguate per la gestione delle situazioni di conflitto. La lettura del conflitto come processo esclusivamente negativo è infatti superata dalla consapevolezza di potere adottare modalità e tecniche per gestire adeguatamente i conflitti in ambito aziendale. imparare a distinguere il conflitto dal contrasto; le cause e il ruolo del conflitto; gli effetti del conflitto nell ambiente di lavoro; strategie di gestione del conflitto: il superiore difficile; difficoltà con i colleghi; conflitti con gli utenti; negoziati e trattative. GESTIRE E MOTIVARE I GRUPPI Analizzare le modalità mediante le quali gestire ed organizzare il lavoro di un gruppo finalizzato, in particolare esplorandone la dimensione motivazionale. la cultura di gruppo; il conflitto come risorsa; fasi di vita di un gruppo; tipologie di leadership nel gruppo; la valutazione delle potenzialità e l assegnazione degli incarichi; la scelta di delegare: la cultura dell accentramento e la cultura della delega; motivazione: teorie di riferimento, leve, strumenti; motivazione individuale e motivazione di gruppo; gruppo di lavoro e lavoro di gruppo; regole, obiettivi, coordinamento, controllo e verifica; lavorare per obiettivi. LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DEI RAPPORTI INTERPERSONALI Sensibilizzare coloro che hanno funzioni, anche parziali, di gestione delle risorse umane nelle piccole e medie imprese all importanza della capacità di risoluzione dei conflitti e delle problematiche scaturite all interno dei piccoli gruppi. le dinamiche di gruppo; i rapporti interpersonali all interno dell azienda; la valorizzazione delle differenze individuali; la scelta dei collaboratori diretti; i conflitti; la funzione del leader; le esigenze di base delle persone nelle organizzazioni; amministrazione dei riconoscimenti in azienda; la delega nella piccola e media organizzazione. DURATA: 32 ore LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Fornire gli elementi per una valutazione coerente delle risorse impegnate nelle organizzazioni con riguardo a tre variabili strategiche: la posizione, la prestazione ed il potenziale. l analisi e la valutazione delle posizioni; la valutazione delle prestazioni; la valutazione del potenziale; tecniche di assessment; le variabili da analizzare; gli obiettivi da raggiungere; definizione delle posizioni e dei profili di riferimento; l individuazione di abilità, competenze, conoscenze e predisposizioni. 9

10 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Organizzazione e Gestione Risorse Umane LE RIUNIONI COME MIGLIORARE TEMPI E RISULTATI ANALISI ED APPLICAZIONE DELLE TECNICHE DI LEADERSHIP Determinare l acquisizione delle basi teoriche e tecniche che permettono di ottimizzare tempi e risultati degli incontri di lavoro. Analizzare le caratteristiche di un modello interpretativo delle relazioni interpersonali negli aspetti relativi alla negoziazione ed alla comunicazione finalizzata. le riunioni di lavoro: tipi, modalità, durata, articolazione ed obiettivi; i ruoli funzionali nelle riunioni: conduttore, partecipanti, osservatori, etc.; la preparazione; la conduzione; le valutazioni; ODG, discussione, presa di decisioni, assegnazione di compiti e responsabilità; pianificazione e indici di controllo; verifiche e solleciti; le tecniche e gli strumenti di comunicazione. l analisi dei presupposti; i canali sensoriali; i sistemi di rappresentazione; l osservazione; l uso delle metafore; la mappa individuale; la calibrazione; il rispecchiamento; la valutazione dell efficacia. DURATA: 32 ore DURATA: 32 ore IL PROJECT MANAGEMENT Analizzare approcci e metodologie per il coordinamento efficace di risorse organizzative, orientate al raggiungimento di un obiettivo definito o più in generale alla realizzazione di progetti di business. LA GESTIONE OTTIMALE DEL TEMPO Individuare i metodi e le tecniche di gestione del tempo funzionali al superamento degli ostacoli che si interpongono nella fase gestionale dell attività manageriale e professionale. l analisi della richiesta organizzativa; obiettivi specifici ed impliciti del progetto; la configurazione dei vincoli e delle opportunità; le risorse disponibili; scelta e predisposizione di un team; responsabilizzazione e processi decisionali; la motivazione delle persone; tempi e metodologie di lavoro; la definizione delle fasi; la pianificazione; le milestones; monitoraggio del progetto; gestione dell imprevisto. DURATA: 40 ore le abitudini da modificare; il tempo e le sue differenti configurazioni; l organizzazione del tempo; il tempo come risorsa limitata; parole chiave, schema per la gestione di una giornatatipo; valutazione sull uso degli strumenti per gestire emergenze, priorità, routine e deleghe; personalità, stili di vita e professioni all interno della configurazione spazio-tempo; la pianificazione dei programmi di attività e la sua gestione. 10

11 Marketing Risorse Umane Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue Area Organizzazione e Gestione Risorse Umane SVILUPPO COMPETENZE MANAGERIALI PRINCIPI E TECNICHE DI COMUNICAZIONE EFFICACE Sviluppare competenze nella gestione del cambiamento, nella conoscenza del business, nella capacità di leadership, nell orientamento al cliente ed all innovazione. Si configura come processo di accompagnamento per quelle risorse che, sulla base delle competenze tecniche, sono stati promossi a ruoli di responsabilità, coordinamento, gestione di risorse. il significato organizzativo del ruolo; la mappa delle competenze; lo stile di guida e la costruzione di una squadra vincente; il ruolo della comunicazione nella relazione capo- collaboratori; il controllo di gestione come budgeting; il processo di formazione del sistema dei budget; modalità tecniche e strumenti formali per la redazione dei budget; tecniche di previsione nei mercati finanziari; il gruppo come risorsa; il problem solving: alcuni strumenti operativi; comunicazione e motivazione; Approfondire e sviluppare la conoscenza di specifiche tecniche e strumenti per comunicare in modo efficace. La comunicazione professionale, intesa come scambio di informazioni, gestione del sapere, controllo, svolge un ruolo di assoluta rilevanza, sia nel caso risulti efficace (garantendo la corretta gestione dei flussi informativi a- ziendali), sia nel caso in cui risulti inadeguata (generando perdita di informazioni, mancanza di controllo, disordine informativo, ridondanza). principi di comunicazione; le funzioni della comunicazione; il processo comunicativo; i protagonisti della comunicazione; la gestione dei codici e l utilizzo del feedback; la comunicazione a una via e a due vie; tipi e caratteristiche: verbale, non verbale. scritta, telefonica, sincrona, asincrona; i vantaggi individuali e organizzativi di una corretta comunicazione. DURATA: 48 ore DURATA: 48 ore 11

12 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Amministrazione IL BILANCIO SECONDO LA NORMA COMUNITARIA IL CONTROLLO ED IL RECUPERO DEI CREDITI AZIENDALI Fornire ai partecipanti gli strumenti necessari per analizzare le tematiche riguardanti i principi contabili ed il bilancio d esercizio, alla luce della profonda revisione dì tutta la normativa civilistica dovuta al recepimento delle direttive Comunitarie. i postulati del bilancio d esercizio; il bilancio d esercizio: forma e contenuto; immobilizzazioni tecniche materiali; fondi liquidi e scoperti bancari; crediti; debiti ed altre passività; titoli; operazioni e partite in moneta estera. Fornire metodologie e tecniche per classificare e valutare la clientela, determinare il fido, controllare e smobilizzare il credito. Si offrirà una panoramica delle problematiche inerenti il credito di natura fiscale, tali da porre in condizione i partecipanti di valutare la convenienza fiscale delle possibili alternative di trattamento del credito stesso. le forme di pagamento: tipologie e caratteristiche; le garanzie collaterali; l analisi del bilancio; indici di bilancio significativi; l affidamento; il controllo del credito; le forme di sollecito e recupero credito; le forme di smobilizzo; gli aspetti legali connessi con il recupero del credito. DURATA: 32 ore ANALISI DEI COSTI Fornire, in un ottica di attenta valutazione della dinamica dei costi aziendali, gli elementi necessari per la loro rilevazione e per la successiva analisi al fine di realizzare piani ed azioni idonee a minimizzarli. scopi e requisiti di un sistema di rilevazione; il sistema tradizionale di rilevazione e calcolo dei costi; il sistema dei centri di costo e del contributo a profitto; la rilevazione dei costi commerciali; la determinazione dei costi e la ripartizione delle spese; il controllo budgetario e le funzioni del budget; tecnica del budget; il controllo budgetario; il controllo degli aspetti finanziari della gestione; il reporting ed il tableau de bord; tableau de bord per il manager. DURATA: 32ore BUDGET DEL PERSONALE Fornire le conoscenze base sull attività di pianificazione del personale in armonia con la politica di gestione e sviluppo delle risorse umane. Fornire inoltre la conoscenza degli aspetti più significativi per la progettazione e attuazione del budget del personale tracciando le linee guida per la stesura del budget. analisi del rapporto tra strategia aziendale e politiche del personale; il piano di sviluppo del personale; le modalità di calcolo; la variabile retribuzione; formulazione del budget retributivo; il controllo degli scostamenti; gli scostamenti derivanti da variazioni ambientali. 12

13 Risorse Umane Area Amministrazione IL BILANCIO ED L CONTROLLO DI GESTIONE AZIENDALE Fornire una corretta e sistematica metodologia tecnicocontabile-gestionale che consenta di presiedere alle determinazioni quantitative e qualitative del capitale e del reddito di esercizio. la gestione aziendale; analisi ambientale; la determinazione del prezzo di vendita; la gestione delle scorte; determinazione del livello di servizio; il margine lordo commerciale; analisi ABC degli articoli, le rilevazioni d inventano, la classificazione, il bilancio di esercizio; il conto economico; struttura dello stato patrimoniale; principi generali di organizzazione di magazzino. DURATA: 32 ore LA CONTABILITÀ AZIENDALE E LA SUA GESTIONE Fornire una corretta e sistematica metodologia teoricocontabile che consenta di presiedere alle determinazioni quantitative e qualitative dei capitale e del reddito di esercizio. il concetto di azienda; il patrimonio, l inventano, la gestione; la contabilità generale ed il metodo della partita doppia; rilevazioni contabili; il controllo delle rilevazioni: bilancio di verifica; le scritture di assestamento e di chiusura dei conti; la riapertura dei conti; reddito civile e fiscale; le scritture obbligatorie ai fini fiscali. DURATA: 40 ore Marketing Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue 13

14 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Informatica CORSO BASE DI WINDOW CORSO BASE DI WORD Fornire la conoscenza di base per tutti coloro che lavorano nell ambiente Windows ed intendono utilizzarlo come supporto per il lavoro o come ambiente di software di Office Automation. ambiente Windows: le caratteristiche fondamentali; la gestione dei file e delle directory; gli strumenti principali; l ambito di trattamento testi; la personalizzazione delle immagini; i collegamenti. DURATA: 16 ore Fornire la conoscenza di base per un normale lavoro di ufficio con uno dei più diffusi strumenti di videoscrittura. Word è un software complesso che può essere utilizzato per la scrittura di documenti di variabile lunghezza. Nel corso vengono trattati tutti gli argomenti fondamentali di un sistema di scrittura. creazione di un documento; formattazione e revisione del testo; salvataggio e gestione dei file; le tabelle: creazione e revisione; stili e modelli; stampa e unione. DURATA: 16 ore CORSO AVANZATO DI WORD Fornire abilità e competenze relativamente all impostazione della struttura di un documento complesso contenente testi e grafica con funzioni automatiche di creazione di indici analitici e sommari. Attraverso WordArt e Graph si giungerà alla creazione di effetti di stampa particolari o di aggiornamento automatico dei grafici. Attraverso l utilizzo di macro e l inserimento di codici di campo si arriverà all automazione di procedure standard e alla personalizzazione del lavoro. impostazione di documenti estesi; utilizzo dei modelli; la struttura: riorganizzazione e formattazione; didascalia e segnalibri; indici e sommari; WordArteGraph; stampa unione funzioni avanzate; utilizzo dei campi; registrazione ed esecuzione di macro. CORSO BASE DI EXCEL Fornire i concetti di base del pacchetto fino alle formule di più comune utilizzo. L utente sarà in grado di creare e gestire un foglio di calcolo, impaginare un documento. creare un foglio di previsione di bilancio e di prospetto. creazione e gestione di un foglio elettronico; formattazione e revisione delle celle; utilizzo dei livelli; analisi delle formule e collegamento tra fogli diversi; creazione e collegamento di grafici; formattazione e modifica di grafici. DURATA: 16 ore 14

15 Risorse Umane Area Informatica CORSO AVANZATO DI EXCEL Acquisire tecniche di calcolo avanzate, utilizzare le matrici e le formule a loro collegate, implementare i modelli per la gestione ed elaborazione di dati ed informazioni, la condivisione e l aggiornamento integrato dei file. Verranno inoltre approfonditi i processi di consolidamento e raggruppamento dei dati. creazione di formule e di collegamenti tra fogli diversi; riferimenti rinomati e utilizzo dei nomi; collegamento delle cartelle di lavoro; utilizzo dei collegamenti; controllo del calcolo; l iterazione per la risoluzione di formule a riferimento circola re; consolidamento dei dati; raggruppamento dei dati; matrici; grafici speciali. CORSO AVANZATO DI ACCESS Introdurre alla personalizzazione della gestione di un database mediante macro e i moduli di programmazione. le relazioni tra i dati; reperimento di set e di record; introduzione alla creazione di macro e loro uso; introduzione alla programmazione; presentazione dei dati; report complessi. CORSO BASE DI ACCESS Apprendere gli elementi per la progettazione, la creazione e l utilizzo di un database, conoscere i validi strumenti di ricerca, l organizzazione e la visualizzazione delle informazioni attraverso Microsoft Access: un sistema di gestione dei database relazionali per Microsoft Windows progettato per fornire un facile accesso ai dati. introduzione a Microsoft Access; creazione di un proprio database; gestione dei dati; presentazione dei dati. INTERNET E POSTA ELETTRONICA APPLICAZIONI AZIENDALI Approfondire gli utilizzi, le tecniche e i procedimenti professionali in modo da garantire a quanti utilizzano Internet e mailing il massimo risultato in termini di efficienza ed efficacia. Tali strumenti consentono notevoli potenzialità e vantaggi tanto ai lavoratori quanto alle loro organizzazioni; costituiscono però ambiti contraddistinti dalla forte prevalenza di competenze autoapprese; questo porta ad un loro notevole sottoutilizzo. Internet: promozione e pubblicità; ricerca informazioni; posta elettronica; Intranet: messaggistica interna via ; condivisione di risorse e strumenti; Extranet: realizzazione di lntranet con sedi staccate; interazioni con clienti/fornitori; Telelavoro e videoconferenza riservati. Marketing Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue 15

16 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Informatica WEB EDITING CORSO DI POWERPOINT Fornire le conoscenze di base necessarie per impostare un sito Web. Saranno affrontate, analizzate e risolte le principali problematiche che si affrontano durante il passaggio dall ideazione alla creazione del sito aziendale. le basi del linguaggio HTML; l elaborazione dell immagine; i principali strumenti per gli sviluppatori di siti Internet; implementazione di un database tramite Internet. DURATA: 40 ore Fornire gli elementi necessari per la conoscenza del software più utilizzato per la realizzazione di presentazioni grafiche, lucidi per briefing aziendali, diapositive per riunioni o effetti speciali per efficaci presentazioni su schermo. introduzione al sistema; barra degli strumenti e comandi; autocomposizioni; creazione di presentazioni e diapositive; utilizzo di oggetti di Power Point; gestione del testo ed elementi grafici nelle diapositive; utilizzo di Power Point con altre applicazioni. 16

17 Marketing Risorse Umane Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue Area Qualità e Sicurezza QUALITÀ IN AZIENDA Fornire all allievo una visione approfondita dei sistemi di valutazione qualitativi in azienda; oltre a questo, si farà riferimento ai metodi prescritti per la gestione della documentazione e per lo studio e la stesura delle procedure. obiettivo della certificazione; la cultura della qualità; il Manuale di garanzia di qualità; come stilare le procedure e l importanza delle stesse; le istruzioni operative; le non conformità e i reclami dei clienti; l audit ispettivo. DURATA: 40 ore LA QUALITÀ TOTALE: ANALISI, PIANIFICAZIONE STRATEGICA, REALIZZAZIONE E CONTROLLO Analizzare il concetto di qualità in tutte le sue derivazioni nonché fornire gli strumenti per giungere all elaborazione di progetti di qualità totale, trasferendo altresì le conoscenze necessarie per poter procedere alla realizzazione degli stessi e per poterne controllare i risultati. qualità totale: analisi del concetto, la storia e l evoluzione; l approccio integrato alla Qualità totale; motivazioni, vantaggi e svantaggi di una scelta strategica; le normative internazionali per la qualità; l organizzazione per il miglioramento continuo; la dimensione di servizio nella Qualità globale; pianificazione, controllo e sviluppo di un progetto di Qualità totale; l analisi di soddisfazione del cliente; ostacoli all implementazione di un progetto di Qualità. LA SICUREZZA NEL LAVORO IL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA DURATA: 32 ore Trasmettere le conoscenze e le procedure relative alle norme di sicurezza da rispettare nei luoghi di lavoro; sviluppare le competenze necessarie ad evitare ogni possibile fattore di rischio a carico dei lavoratori. Illustrare le nuove linee stabilite dal testo unico per la sicurezza. legislazione generale e speciale in materia di prevenzione infortuni e igiene del lavoro; i soggetti; principali fattori di rischio; le misure (tecniche, organizzative, procedurali) di prevenzione e protezione; la prevenzione incendi ed i piani di emergenza; la prevenzione sanitaria; i dispositivi di protezione individuale; la tutela assicurativa, le statistiche e il registro degli infortuni; gli organi di vigilanza e di controllo nei rapporti con le aziende. DURATA: 20 ore 17

18 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Qualità e Sicurezza LE NORME DI IGIENE ALIMENTARE HACCP CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE ADDETTO ALLA PRODUZIONE E VENDITA DELLE SOSTANZE ALIMENTARI Fornire le conoscenze relative alle norme di igiene da rispettare nella produzione, conservazione e manutenzione dei prodotti alimentari, per assicurare una migliore tutela della qualità del prodotto e/o del servizio erogati. il sistema di autocontrollo igienico secondo i principi HACCP; contenuti del Manuale di autocontrollo igienico; gestione delle non conformità; principali norme comportamentali; preparazione e cottura degli alimenti; sanificazione ambienti; mantenimento del sistema di autocontrollo igienico attraverso le verifiche ispettive. DURATA: 20 ore IN ATTUAZIONE DELL ART. i DELLA LEGGE REGIONALE N 41/2003 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI. Formare il personale che svolge attività di manipolazione degli alimenti come previsto dalla L. R. n. 41/2003 e del DGR n dei Al termine deiie 3 ore di formazione previste e al superamento del questionario finale viene rilasciato il libretto formativo che ha il fine di comprovare la partecipazione al percorso formativo sostitutivo del libretto sanitario ai sensi della L.R. n. 41/2003. il sistema di autocontrollo igienico secondo i principi HACCP; contenuti del Manuale di autocontrollo igienico; gestione delle non conformità; principali norme comportamentali; preparazione e cottura degli alimenti; sanificazione ambienti; mantenimento del sistema di autocontrollo igienico attraverso le verifiche ispettive. DURATA: 3 ore 18

19 Marketing Risorse Umane Amministrazione Informatica Qualità e Sicurezza Logistica Lingue Area Logistica PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE TEMPI E METODI Fornire i concetti di base di programmazione e controllo della produzione secondo gli approcci push e pull, ponendo i partecipanti nelle condizioni di saper valutare vantaggi e svantaggi delle diverse soluzioni nei diversi contesti, al fine di poter individuare le migliori soluzioni per le proprie realtà produttive specifiche. il processo produttivo industriale; metodi di produzione; nuove metodologie e tecnologie di gestione industriale; i principi della lean production ; gli interventi per il miglioramento della produttività. Acquisire le tecniche per il corretto calcolo dei tempi standard, finalizzato alla definizione dei tempi ciclo da assegnare per la corretta valutazione dei costi di prodotto. Taratura del metodo per la corretta applicazione dei rilievi cronometrici. lo studio dei metodi industriali; la funzione dei metodi nell organizzazione industriale; lo schema logico dei metodi; elementi fondamentali per l analisi del prodotto; la preparazione al rilievo; come utilizzare il cronometro per la determinazione dei tempi; il rilievo del posto di lavoro; il metodo di rilevamento cronometrico; il ciclo di lavorazione e le operazioni; analisi dei flussi; il giudizio di efficienza e i coefficienti di maggiorazione; i sistemi di rilevamento con tempi standard predeterminati; la taratura dei cronometristi. 19

20 Lingue Logistica Qualità e Sicurezza Informatica Amministrazione Risorse Umane Marketing Area Linguistica INGLESE COMMERCIALE BASE INGLESE COMMERCIALE AVANZATO Approfondire le conoscenze scolastiche, spesso inadeguate rispetto alle reali esigenze riscontrate nella gestione dei rapporti con interlocutori esteri. In particolare l intervento si propone di approfondire le conoscenze e le competenze per quanto riguarda la sintassi e la forma colloquiale. L utilità della conoscenza della lingua inglese è legata, soprattutto nelle Aziende, alle frequenti situazioni di contatto con cittadini stranieri e alla necessità di erogare il servizio in maniera corretta. approfondimento delle strutture sintattiche della lingua inglese; terminologia tecnica dell inglese commerciale; stesura e comprensione dei principali documenti commerciali; la conversazione telefonica: simulazioni individuali e di gruppo relative a contrattazioni con interlocutori stranieri; conversazione. DURATA: 48 ore Svolgere compiti complessi, quali la presentazione dell Azienda in situazioni formali con cariche estere (vedi per esempio i gemellaggi) o interazioni e colloqui approfonditi con residenti provenienti da paesi stranieri. perfezionamento delle competenze linguistiche di base; perfezionamento delle capacità di comprensione; gestione dei rapporti con gli utenti ad un livello complesso. DURATA: 30 ore FRANCESE COMMERCIALE BASE Approfondire le conoscenze scolastiche, spesso inadeguate rispetto alle reali esigenze riscontrate nella gestione dei rapporti con interlocutori esteri. In particolare l intervento si propone di approfondire le conoscenze e le competenze per quanto riguarda la sintassi e la forma colloquiale. L utilità della conoscenza della lingua francese è legata, soprattutto nelle Aziende, alle frequenti situazioni di contatto con cittadini stranieri e alla necessità di erogare il servizio in maniera corretta. approfondimento delle strutture sintattiche della lingua francese; terminologia tecnica del francese commerciale; stesura e comprensione dei principali documenti commerciali; la conversazione telefonica; simulazioni individuali e di gruppo relative a contrattazioni con interlocutori stranieri; conversazione. FRANCESE COMMERCIALE AVANZATO Svolgere compiti complessi e responsabilità, quali la presentazione dell Azienda in situazioni formali con cariche estere (vedi per esempio i gemellaggi) o interazioni e colloqui approfonditi con residenti provenienti da paesi stranieri. perfezionamento delle competenze linguistiche di base; perfezionamento delle capacità di comprensione; gestione dei rapporti con gli utenti ad un livello complesso. DURATA: 30 ore DURATA: 40 ore 20

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli