Ma in che societa viviamo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ma in che societa viviamo?"

Transcript

1 Ma in che societa viviamo? Una nuova dura realtà da affrontare 0

2 1950. Si cambia il modo di dipingere 1

3 Mamma, Scusami 2

4 La nuova società Una clessidra dove non esiste più il mezzo e la parte inferiore si è notevolmente dilatata mentre la parte superiore resiste e si allarga di poco ma con percentuali di crescita elevate 3

5 I enni Il WSJ ha intervistato una serie di italiani quaranta-equalcos enni, tra i quali il veronese Andrea Bolla, 46enne amministratore delegato delle cantine Valdo che producono il Prosecco di Valdobbiadene il quale definisce la sua generazione, quella degli attuali under-50, come una generazione perduta, che al contrario di quella dei padri ha ormai ripiegato su di una mentalità da sopravvivenza. Una generazione, nota il WSJ, incastrata a sandwich tra due fasi cruciali della storia italiana (quella del boom post bellico, e quella attuale della austerity imposta dall Europa ). 4

6 I enni Secondo il ministero dell Interno gli italiani cinquantenni andati all estero (esattamente, i compresi tra i 50 e i 59 anni) sono 362mila, e ogni anno c è stato un incremento compreso tra sessantamila e settantottomila persone, fino ad arrivare al 2013 quando gli espatri sono stati 94mila. Quarantenni e cinquantenni sono i più colpiti dalla crisi. La ripresa dell emigrazione ai nostri giorni è causata di sicuro dalla crisi economica ma soprattutto dalla crisi del sistema Italia, osserva il professor Alfonso Gambacurta, docente di Sociologiaall Università La Sapienza di Roma ed esperto di emigrazione italiana Chi va all estero è sia il giovane che rientra nella categoria della emigrazione desiderata cioè che vuole lasciare un Paese che lo ha deluso -, sia i quarantenni e cinquantenni, che partono per cercar lavoro e che sono i più colpiti dalla crisi. Questo è un tipo di emigrazione in particolar modo pesante. Perché partire a cinquant anni comporta problemi e criticità molto più aspre rispetto a quelle che può incontrare un giovane. Se si considera anche l emigrazione interna, credo che il valore vada raddoppiato. 5

7 I 60 enni gli over 60 sono il 27 per cento della popolazione e siamo il secondo Paese più vecchio al mondo, nel 2050 diventeranno il 38 per cento), Siamo quindicesimi per la salute, perché abbiamo un aspettativa di vita sana alta (a 60 anni possiamo vivere ancora 25 anni, di cui oltre 18 in piena salute) e un buon benessere psicologico nella terza età; l Italia infine è addirittura sesta per la sicurezza economica degli anziani perché il PIL pro capite è abbastanza elevato, il tasso di povertà si ferma all 11 per cento e soprattutto vengono erogate a tutti le pensioni, in buona parte perfino prima dei 65 anni. Quest ultimo punto rischia di essere uno specchio forse un po distorto della realtà, perché come in tutte le statistiche si mettono assieme gli estremi, dalle pensioni d oro, ai baby-pensionati, agli assegni minimi 6

8 7

9 2419 euro: La spesa media mensile di una famiglia italiana Alimentare Non alimentare 77 euro per Pane e Cereali 110 euro per la Carne 41 euro per il Pesce 20 euro per i tabacchi 119 euro per vestiti e scarpe 700 euro per la casa 134 per acqua, gas e luce 62 euro per latte, formaggi 15 euro per oli e grassi 116 per mobili e bianco 88 euro per la sanità 350 euro per trasporti 83 euro per patate e frutta 45 euro per comunicare 33 euro per zucchero e caffè 43 euro per le bevande 29 euro per istruzione 99 euro per tempo libero 246 euro per altro 8

10 Essere vs avere In questi ultimi lustri è successo, però, qualcosa che sta inducendo a passare da una logica imperniata sulle cose, a una logica imperniata sulle persone. Non era mai successo in precedenza. All origine di questo cambiamento sono la fortissima lievitazione culturale (per cambi generazionali) e l esplosione di internet 2.0. Sono i segnali dell innesco di una Civiltà evoluta. È evoluzione pura, ed evoluzione non consiste nell avere senza limiti, ma nell essere, nel senso, nel significato, e nell individuo dominante e non più dominato. Non ci saranno più masse acefale, ma individui pensanti e critici. Individui che non vogliono più dipendere, ma instaurare con l Offerta un rapporto più orizzontale, paritario, se non di vero e proprio ribaltamento. È nato un nuovo potere. 9

11 Vendere con successo le lenti progressive Guardiamo al bicchiere mezzo pieno 10

12 Nicola Di Lernia Veneziano, classe 62, capricorrno Laurea in storia economica e Master internazionale in Marketing Management Direttore del Trade Marketing di CibaVision, Direttore Generale della Tv sulla Salute del Sole24Ore, ha vinto due Awards, scritto 4 libri e oltre 300 articoli, formato 3000 ottici 11

13 Le parole, come le radici, sono importanti Vendere, dal latino Vendere, Venum-Dare dare in vendita Successo, dal latino succèsso Il venire dopo, di buon esito 12

14 Un aforisma per iniziare Le cose più grandi del Mondo vengono compiute attraverso altre a cui non prestiamo attenzione, piccole cose su cui sorvoliamo e che alla fine si accumulano. 13

15 Il problema, l obiettivo, le tentate soluzioni 1. Ridefinire ripetutamente le caratteristiche del problema come prima chiave per giungere alla scoperta. 2. Concordare quale sarebbe la realtà concreta che farebbe ritenere l obiettivo raggiunto. 3. Concentrare l attenzione sui tentativi fallimentari messi in atto per raggiungere l obiettivo non sforzarsi attivamente di trovare soluzioni senza aver prima indagato su tutto ciò che non funziona. 14

16 La realtà concreta che farebbe ritenere di aver raggiunto l obiettivo 15

17 Serve un team professionale Manuel, il Personal Trainer Virgin Active, la palestra 16

18 Serve uno stimolo quotidiano Amira la mia setterina cammina a 10 Kmh senza sosta Mia moglie Lucia la psicoterapeuta: Se te lo concedi ci puoi rinunciare 17

19 Vediamo oltre Giorgio Armani Nato a Piacenza 11 luglio anni Altezza 1,72 18

20 La tecnica dello scalatore Successo Progressive Facciamo crm sul cliente singolo Facciamo ogni giorno qualcosa per loro Individuiamo i target diversi e agiamo diversi Chiediamoci dei soldi e diamoci un tempo massimo Lanciamoci una sfida economica stimolante a uno-tre anni Cosa non possiamo più trascurare e le mancate soluzioni adottate Facciamo bene i conti in casa sia sul parco clienti disponibile che suoi potenziali Ne vale la pena 2? Il mercato degli over 45 anni sarà in grado di darci da solo il successo Ne vale la pena 1? La Demografia italiana, a parte quella neo, ha un soggetto su due over 45 19

21 Ne vale la pena? L Italia è il 3 paese al Mondo per aspettative di vita (82 anni) La popolazione italiana negli ultimi anni è in crescita grazie agli stranieri Quasi un italiano su due ha più di 45 anni I presbiti incipienti (45-50 anni) sono I presbiti dichiarati (50-65 anni) sono I pensionabili (65-82 anni) sono Tra questi numeri ci sono circa di stranieri La vita degli Italiani dal 1990 ad oggi si è allungata di 6 anni 20

22 Ne vale la pena 2 Un negozio di ottica di provincia su una base di anagrafiche dichiara: Che tra le 1400 buste nuovi occhiali gli occhiali progressivi sono il 24% quindi 336 Che su 500 cambi lente, i progressivi sono il 15% del totale, quindi 75 Che il fatturato da occhiali completi e cambi lente progressivi è il 25% del totale, quindi euro Che la % di miglioramento sperata e dichiarata dall imprenditore sul progressivo è del 15-20%. Quindi euro di crescita sul segmento PRG, euro obiettivo Oggi, Il prezzo medio dell occhiale è 300 euro, il cambio lente singola è di 155 euro 21

23 Facciamo i conti Su anagrafiche più di 5000 sono over 45 anni. Statisticamente un 20% di presbiti incipienti, un 55% di presbiti dichiarati e un 45% di pensionabili. In un anno sono stati realizzati 350 occhiali multifocali e 150 cambi lente. Il 10% della potenzialità interna Dei 1400 occhiali nuovi il 25% sono andati a nuovi clienti 22

24 Cosa non trascurare La rotazione del parco occhiali sui clienti è lentissima La % degli occhiali progressivi è buona ma migliorabile il cambio lenti progressivo è bassissimo La % di nuovi clienti è buona ma va dichiarata anche qualitativamente 23

25 La sfida economica Aumentare le buste dei nuovi occhiali del 20% (1680 vs 1400) Arrivare al 30% di occhiali progressivi (504 vs 350) Aumentare la quantità-qualità del cambio lenti portando il ricambio della lente progressiva al 25% e aumentando il ricambio del 10% Aumentare il prezzo medio dell occhiale del 5%-7% grazie a nuovi trattamenti L incremento di fatturato ipotizzabile per anno è di (+12%) 24

26 Soldi e tempi Il budget annuale di spesa per la crescita va valutato tra un 10 ed un 15% dell obiettivo stimato di crescita nel primo anno, un 7-10% nel secondo anno. Monitoriamo le azioni ogni mese ed i risultati acquisiti ogni tre mesi e apportiamo le modifiche del caso. Diamoci 2 anni a salire al successo. Dopo cambiamo obiettivo. 25

27 N. Clienti (5000 su 12000) Tipologia Offerta1 Offerta Presbiti Incipienti 2000 Presbiti Maturi e collaudati Nuovo Prg Upgrade Lenti Nuovo Prg- Monofocale Prg specifico 2000 Presbiti pensionati Nuovi Clienti Check up periodici Programma Vista sicura 500 Delusi Nuovo Prg Programma Sicurezza 26

28 Target 2015 (15%) Tipologia Offerta1 Offerta2 150 Presbiti Incipienti 300 Presbiti Maturi e collaudati Nuovo Prg Upgrade Lenti Nuovo Prg- Monofocale Prg specifico 300 Presbiti pensionati Nuovi Clienti Check up periodici Programma Vista sicura 75 Delusi Nuovo Prg Programma Sicurezza 27

29 Sellf, il Crm 28

30 Sellf, il Crm 29

31 Sales & Marketing Coaching valuto le necessità del cliente e lavoro con lui per sapere a che punto è e dove può arrivare realmente. Elaboro un piano per farlo arrivare al suo successo e inizio ad insegnarli come attuare il piano e lo responsabilizzo sugli obiettivi. Il coaching, dopo la prima fase 1:1, avviene a distanza con videoconferenza e meeting telefonici. Sono a fianco al cliente Il programma di coaching non dura oltre 12 mesi. Il cliente dopo tale termine deve essere abile a concludere il suo ciclo verso il successo. 30

32 Il cambiamento, ieri e oggi Steve Jobs Einstein THINK DIFFERENT Abbiamo bisogno di un nuovo modo di pensare per risolvere i problemi causati dal vecchio modo di pensare 31

33 Grazie 32

34 L agenda Al Mattino Nel Pomeriggio Alle 10 avete ricevuto il Benvenuto del Presidente e Cda. Alle eccomi, Nicola Di Lernia Istruzioni per l uso Alle Piero Gheller, Interpretazione e gestione del DCL Alle Sergio Momini, con Saflens e le LacPRG Dalle alle il pranzo A seguire alle Silvano Larcher, Hoya e le PRG su misura Alle ecco Piero Gheller con Postura e LentiPRG Alle con Nicola Di Lernia la tecnica dello scalatore per avere successo nelle PRG Alle conclusione e saluti Infine alle Nicola Di Lernia, Psicologia comportamentale dei target over 45 anni Alle fine lavori 33

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

dell Alleanza del Pacifico

dell Alleanza del Pacifico Internazionalizzare nei paesi dell Alleanza del Pacifico Alleanza del Pacifico 10-17 febbraio 10-17 marzo 2015 1 Che cos è l Alleanza del Pacifico È un iniziativa d integrazione regionale composta da Cile,

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

Complementi di marketing e case-histories

Complementi di marketing e case-histories Giorgio Marbach Giovanni Mattia Il suindicato Progetto si avvale per la sua realizzazione di una qualificata partnership. Il Soggetto Proponente è l Università degli Studi di Roma «La Sapienza» - Facoltà

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

Le Vacanze degli Italiani

Le Vacanze degli Italiani Le Vacanze degli Italiani Estate 2011 QUATTRO ITALIANI SU DIECI IN VACANZA, PIU LAVORATORI DIPENDENTI CHE AUTONOMI Un italiano su quattro ha già fatto una vacanza nei primi sei mesi del 2011 e quattro

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

COMPLESSIVO -0.5-0.2

COMPLESSIVO -0.5-0.2 Comune di Pistoia - Indice locale dei Prezzi al Consumo per l'intera Collettività Nazionale - Aprile 2015 Codice Descrizione Variazioni % anno prec. mese prec. COMPLESSIVO -0.5-0.2 1 Prodotti alimentari

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 2 SETTEMBRE 2014 - TEST DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 2 SETTEMBRE 2014 - TEST DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A1 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 2 SETTEMBRE 2014 - TEST DI LINGUA ITALIANA TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA: 90 MINUTI LIVELLO A1 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti 1. zio di Martina

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore 11 Febbraio 2014 Isabella Cecchini Direttore Dipartimento Ricerche sulla Salute - GfK Eurisko GfK Eurisko Milano,

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI L indagine sulla spesa delle famiglie piemontesi realizzata per il quinto anno consecutivo da Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte rientra tra le attività

Dettagli

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE Prof. Ivo Colozzi Università di Bologna IL VECCHIO WELFARE O WELFARE STATE Caratteristiche del modello tradizionale di welfare state - attori: Stato e mercato - il mercato

Dettagli

Obiettivo Conoscere e confrontarsi sui temi della Campagna Cibo per tutti e della Carta di Milano 2015 attraverso una cena interattiva.

Obiettivo Conoscere e confrontarsi sui temi della Campagna Cibo per tutti e della Carta di Milano 2015 attraverso una cena interattiva. Obiettivo Conoscere cos è la Caritas diocesana e di cosa si occupa. Attività Ai ragazzi divisi in squadre viene consegnato un cartellone con un alfabeto: la squadra deve scrivere per ogni lettera dell

Dettagli

Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013

Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013 Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013 Agosto 2015 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione generale Area programmazione, controllo, sistemi informativi

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

GIORGIO NARDONE PROBLEM SOLVING STRATEGICO. Come uscire dalle tue trappole mentali

GIORGIO NARDONE PROBLEM SOLVING STRATEGICO. Come uscire dalle tue trappole mentali GIORGIO NARDONE PROBLEM SOLVING STRATEGICO Come uscire dalle tue trappole mentali Se c'è un problema c'è anche la soluzione. Il Problem Solving Strategico (PSS) rappresenta la tecnologia avanzata per trovare

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Survey Assunti a TI Novembre 2014

Survey Assunti a TI Novembre 2014 DIAMO LAVORO ALLE AMBIZIONI. Survey Assunti a TI Novembre 2014 Survey TARGET: Assunti a Tempo Indeterminato SURVEY SAMPLE: 1.987 COMPLETATE 453 RQ 2 Lancio 14/11/2014 Chiusura 19/11/2014 Lavoratori a TI

Dettagli

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Trieste, 29 novembre 2013 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Nel mese di NOVEMBRE 2013 la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI GENNAIO 2015 (dati provvisori)

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24%

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24% Come e quanto si spende sotto la Mole Aumentano le spese necessarie e diminuiscono quelle accessorie: abitazione e trasporti assorbono oltre la metà delle spese non alimentari, mentre tengono le spese

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Mi permetto di cominciare la mia relazione con una provocazione: una frase di Einstein Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi

Dettagli

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-407-9 Introduzione... 5 COME TRASFORMARE UN GRUPPO

Dettagli

BILANCI DI GIUSTIZIA SEMPLIFICATI

BILANCI DI GIUSTIZIA SEMPLIFICATI 1 BILANCI DI GIUSTIZIA IN SEMPLICITÀ Cosa sono: E un progetto nato nel 1994 ad opera dei Beati costruttori di Pace, gruppo cattolico impegnato sui temi della Giustizia, della Pace, dell Ambiente, della

Dettagli

Gestione delle generazioni

Gestione delle generazioni Gestione delle generazioni Helsana Business Health Il cambiamento demografico come opportunità Generazioni diverse: stimoli e sfide specifici Misure a livello di impresa «Il cambiamento demografico è inarrestabile.

Dettagli

REAL TIME COMMUNICATION GROUP MATTEO & IVO VOLPI: PRONTI AD OGNI SFIDA! SPECIALE TV SAT

REAL TIME COMMUNICATION GROUP MATTEO & IVO VOLPI: PRONTI AD OGNI SFIDA! SPECIALE TV SAT Settembre 2014 - N. 311 - e 6 N 311 Settembre 2014 REAL TIME COMMUNICATION GROUP MATTEO & IVO VOLPI: PRONTI AD OGNI SFIDA! SPECIALE TV SAT Mensile professionale di comunicazione e produzione cine-televisiva

Dettagli

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno La pubblicità in cifre 2006 totale anno PARTE 1 I MACRO INDICATORI ECONOMICI La crescita del prodotto interno lordo Dati a prezzi costanti 1995; variazioni percentuali medie annue. paesi 1994 1995 1996

Dettagli

Return On Intelligence?

Return On Intelligence? Return On Intelligence? Datamining e CRM: l esperienza concreta di una banca, i successi ottenuti e i problemi riscontrati Roma - 13 Dicembre 2001 Convegno ABI CRM 2001. Strumenti evoluti per il rapporto

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 CENTRO REGIONALE DI STUDI E RICERCHE ECONOMICO-SOCIALI istituito dalle Camere di Commercio d Abruzzo I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 RAPPORTO INTERMEDIO L Aquila, 19 dicembre 2014 Sala

Dettagli

MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA

MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA Il contesto di riferimento verso cui muove l incontro formativo parte dall assunto che il Web è un acceleratore di visibilità

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Mercato del lavoro ed employer brand positioning

Mercato del lavoro ed employer brand positioning Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola, Anthea Consulting Introduzione I dati riportati

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

20 EDIZIONE 12-13 MAGGIO 2015. Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO)

20 EDIZIONE 12-13 MAGGIO 2015. Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO) 20 a 12-13 MAGGIO 2015 Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO) Richmond Italia è parte di un consolidato network internazionale, che opera da ben 20 anni, specializzato nell organizzazione di

Dettagli

Specializzati in micro, piccole e medie imprese

Specializzati in micro, piccole e medie imprese Specializzati in micro, piccole e medie imprese PRESENTAZIONE Chi siamo Siamo una società di consulenza con una consolidata esperienza in ambito finanziario e gestionale. Siamo professionisti qualificati

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE

Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE [ MASTER IN COMUNICAZIONE E GIORNALISMO ENOGASTRONOMICO Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE [ [ Una full immersion nel mondo del cibo e del vino per cogliere tutte le sfumature del

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

il tuo sviluppo concreto

il tuo sviluppo concreto BROCHURE 2015 Navigare necesse est, vivere non necesse il tuo sviluppo concreto 01 Coerenza: Siamo prima di tutto imprenditori che applicano le tecniche che forniamo 02 Responsabilità: ci sentiamo e comportiamo

Dettagli

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA IL RUOLO DELLA FAMIGLIA LA VITA NON E QUELLA CHE DOVREBBE ESSERE E QUELLA CHE E E COME TU DECIDI DI AFFRONTARLA CHE FA LA DIFFERENZA. Virginia Satir In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini

Dettagli

Unità 7. Al ristorante. Completa lo schema. Sono posti dove si può mangiare e... scoprilo tu! A T H U D Q P U D H O E M M O N U M C N T O S V

Unità 7. Al ristorante. Completa lo schema. Sono posti dove si può mangiare e... scoprilo tu! A T H U D Q P U D H O E M M O N U M C N T O S V Unità pagina 35 DAL MINUTO 0.3 AL 1.52 1 Completa lo schema. Sono posti dove si può mangiare e... scoprilo tu! A T H U D Q P U D H O E M M O N U M C N T O S V P O I V B R E D U T A Q P N P A C H N Y Q

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Incontro aziende-studenti/neolaureati. "Studenti e laureati scelgono le aziende"

Incontro aziende-studenti/neolaureati. Studenti e laureati scelgono le aziende Incontro aziende-studenti/neolaureati "Studenti e laureati scelgono le aziende" SCHEDA PROFILO AZIENDALE Verona, 10 novembre 2008 Università degli Studi di Verona Polo Zanotto Aula T1 Azienda L Oréal Italia

Dettagli

Presentazione dei primi dati della ricerca sui 450 Gas lombardi

Presentazione dei primi dati della ricerca sui 450 Gas lombardi METROPOLI AGRICOLE Milano 25 marzo 2013 Presentazione dei primi dati della ricerca sui 450 Gas lombardi Relazione a cura di Francesca Forno e Silvia Salvi Osservatorio CORES-Università di Bergamo www.unibg.it/cores

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

AVVISO di SELEZIONE. Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia

AVVISO di SELEZIONE. Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia AVVISO di SELEZIONE Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia Pag. 1 di 12 INDICE 1. OBIETTIVI E PRINCIPI DELL INIZIATIVA pag.

Dettagli

U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein

U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Unique Value Propositon U.V.P.

Dettagli

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011 Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori Marzo 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

innovazione incrementale

innovazione incrementale In questo secondo appuntamento abbiamo l opportunità di conoscere: Revenue Manager at GestioneHotel.Guru pietra miliare della libera condivisione di know-how turistico al servizio degli albergatori. Caro

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Sarò presto mamma. e fumo ancora!? Adesso smetto di fumare. Per la salute mia e del mio bambino.

Sarò presto mamma. e fumo ancora!? Adesso smetto di fumare. Per la salute mia e del mio bambino. Sarò presto mamma e fumo ancora!? Adesso smetto di fumare. Per la salute mia e del mio bambino. Lega svizzera contro il cancro, Lega polmonare svizzera, Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo,

Dettagli

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA . 8 luglio 2014 Anno 2013 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE Nel 2013, la spesa media mensile per famiglia è pari, in valori correnti, a 2.359 euro (-2,5% rispetto all anno precedente). Tenuto conto dell errore

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Il Cooking come metafora aziendale: un percorso esperienziale in H3G. di Marcella Campi e Valentina Serri

Il Cooking come metafora aziendale: un percorso esperienziale in H3G. di Marcella Campi e Valentina Serri Il Cooking come metafora aziendale: un percorso esperienziale in H3G di Marcella Campi e Valentina Serri L azienda/organizzazione committente La Divisione Customer Operations di un azienda nel settore

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online PRONOMI RELATIVI E MISTI

www.iluss.it - Italiano online PRONOMI RELATIVI E MISTI I pronomi relativi rappresentano un nome o un intero concetto e mettono in relazione tra loro due proposizioni. I principali pronomi relativi sono: CHE, IL QUALE, LA QUALE, I QUALI, LE QUALI, CUI, CHI,

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014

NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014 E tempo di marketing pag. 2 Gli eventi del mese di aprile pag. 4 I motori della crescita mondiale

Dettagli

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI Come Crearsi dei Guadagni Esponenziali sin dal Primo Mese con un Metodo Semplice e Duplicabile 2 Titolo IL METODO 3-CLIENTI Autore Giacomo Bruno Questo libro è gratuito

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI PROGETTO ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO a.s. 2008-2009 COMUNE DI VIGNOLA AZIENDA USL MODENA COOP ESTENSE s.c.- Polivalente Olimpia QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI Da restituire

Dettagli

COACHING ACADEMY FOUNDATION

COACHING ACADEMY FOUNDATION COACHING ACADEMY FOUNDATION In collaborazione con:!!! Riccardi Coaching Introduzione Sviluppatosi negli anni 80 in America con eccellenti risultati, il coaching si è poi esteso in Europa, prevalentemente

Dettagli

IL VALORE DELLA PARTNERSHIP

IL VALORE DELLA PARTNERSHIP IL VALORE DELLA PARTNERSHIP IL VALORE DELLA PARTNERSHIP INDICE 3 5 17 Insieme, per una scelta di successo I contenuti della partnership Come funziona la nostra formula INSIEME, PER UNA SCELTA DI SUCCESSO.

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda

3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda 3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda Sommario INTRODUZIONE... 3 LA MISSION... 4 I RUOLI... 5 Aziende e istituzioni... 5 Imprenditori e manager...

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Il rischio di credito nella cessione del quinto

Il rischio di credito nella cessione del quinto Il rischio di credito nella cessione del quinto Convegno ABI Credito alle famiglie 2009 23 24 giugno Ing. Massimo Minnucci amministratore delegato Ktesios spa Agenda Ktesios: operatore specializzato nella

Dettagli

I ritardi scolastici a 11 e 13 anni

I ritardi scolastici a 11 e 13 anni I ritardi scolastici a 11 e 13 anni Comportamenti, abitudini e contesto scolasticofamiliare-territorialedegli studenti delle scuole secondarie inferiori con percorsi non regolari Ritardi scolastici: primo

Dettagli

2 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda

2 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda 2 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda Sommario INTRODUZIONE... 3 LA MISSION... 4 I RUOLI... 5 Aziende e istituzioni... 5 Imprenditori e manager...

Dettagli