X MASTER IN PIANIFICAZIONE TRIBUTARIA INTERNAZIONALE A.A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "X MASTER IN PIANIFICAZIONE TRIBUTARIA INTERNAZIONALE A.A. 2013-2014"

Transcript

1 MASTER IN PIANIFICAZIONE TRIBUTARIA INTERNAZIONALE X MASTER IN PIANIFICAZIONE TRIBUTARIA INTERNAZIONALE A.A DIRETTORE Prof. Pietro Selicato

2 MODULI DIDATTICI E MATERIE DI INSEGNAMENTO MODULO I) INTRODUZIONE ALLA FISCALITÀ INTERNAZIONALE (13 CFU) Istituzioni di diritto tributario internazionale (3 CFU) Istituzioni di diritto tributario europeo (3 CFU) Politiche fiscali dell Unione Europea (2 CFU) Princìpi contabili internazionali (2 CFU) Evasione ed elusione fiscale internazionale (3 CFU) MODULO II) CONVENZIONI INTERNAZIONALI IN MATERIA FISCALE (6 CFU) La cooperazione internazionale in materia fiscale: generalità (2 CFU) Le convenzioni Modello OCSE (4 CFU) MODULO III) DIRITTO TRIBUTARIO COMPARATO (4 CFU) Metodologie di comparazione fiscale (2 CFU) Applicazioni ai sistemi fiscali di alcuni stranieri (2 CFU) MODULO IV) IMPOSIZIONE DIRETTA DELLE IMPRESE MULTINAZIONALI (8 CFU) MODULO V) IMPOSIZIONE INDIRETTA NEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI (6 CFU) Le imposte indirette negli scambi internazionali e intracomunitari (5 CFU) Diritto doganale (1 CFU) MODULO VI) FISCALITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI INTERNAZIONALI (4 CFU) Profili economici (2 CFU) Profili giuridici (1 CFU) Profili fiscali (1 CFU) MODULO VII) FISCALITÀ DI PARTICOLARI SETTORI (9 CFU) Profili fiscali del lavoro all estero (3 CFU) Profili fiscali del Trust (2 CFU) Profili fiscali della new economy (2 CFU) Fiscalità del trasporto internazionale (2 CFU) TESINA FINALE (10 CFU) 2

3 A) INTRODUZIONE ALLA FISCALITÁ INTERNAZIONALE Istituzioni di diritto tributario internazionale INTRODUZIONE: - Il diritto tributario internazionale ed europeo (concetti introduttivi, nozione e metodo di studio) IL SISTEMA DELLE FONTI: - La riserva di legge in materia tributaria (i limiti posti dal diritto costituzionale interno e i loro riflessi sul diritto tributario internazionale): a) ambito oggettivo di applicazione (nozione interna di prestazione patrimoniale imposta e raffronti con la nozione di tributo desumibile dalle norme internazionali) b) la gerarchia delle fonti (norme nazionali primarie e secondarie) c) la gerarchia delle fonti (la potestà tributaria degli enti sub-statali) - Le fonti del diritto tributario internazionale: a) norme del diritto tributario interno con valenza transnazionale b) norme del diritto internazionale generale c) norme del diritto internazionale pattizio d) disposizioni tributarie dell ordinamento UE - I rapporti tra le diverse fonti del diritto tributario internazionale: a) l adattamento del diritto internazionale tributario nell ordinamento interno b) la supremazia del diritto UE sul diritto tributario interno c) le convenzioni internazionali in materia tributaria e i loro rapporti con l ordinamento interno d) convenzioni internazionali e diritto UE - L interpretazione delle convenzioni internazionali in materia tributaria: a) l applicazione della Convenzione di Vienna ai trattati in materia tributaria b) la qualificazione delle fattispecie giuridiche c) l interpretazione delle convenzioni Modello OCSE LA TERRITORIALITÀ DELL IMPOSIZIONE: - Il principio di territorialità in senso formale: a) efficacia della legge tributaria nello spazio (limiti territoriali alla supremazia del potere normativo statale) b) estensione territoriale della potestà tributaria (applicazione all estero delle norme tributarie) 3

4 - Il principio di territorialità in senso materiale (criteri di giustificazione del prelievo fiscale sulle fattispecie tributarie transnazionali): a) l imposizione nello Stato della residenza b) l imposizione nello Stato della fonte (c.d. territorialità in senso stretto ) - Le diverse forme di localizzazione all estero delle persone fisiche e delle imprese: a) residenza b) stabile organizzazione c) locus rei sitae d) il problema dei gruppi di società LA DOPPIA IMPOSIZIONE INTERNAZIONALE ED I RELATIVI RIMEDI: - Il fenomeno della doppia imposizione internazionale (distinzione dall analogo fenomeno interno) - I rimedi per eliminare o attenuare la doppia imposizione internazionale (inquadramento): a) l esenzione totale o parziale b) il credito d imposta c) il rimborso delle ritenute alla fonte 4

5 Istituzioni di diritto tributario europeo - L ordinamento giuridico europeo aspetti di rilevanza tributaria: a) Le istituzioni UE e la loro potestà normativa b) La regola dell unanimità nelle decisioni in materia fiscale - Le fonti: a) Il diritto europeo primario (i trattati) b) Gli atti vincolanti del diritto derivato (regolamenti, direttive, decisioni) c) Gli atti di indirizzo (raccomandazioni, pareri, comunicazioni): la c.d. soft law d) Il c.d. Coordinamento fiscale - La teoria evolutiva: a) L applicazione diretta della normativa UE b) La prevalenza della norma di diritto europeo sul diritto interno c) L acquis communautaire - I princípi fondamentali: a) sussidiarietà e proporzionalità b) il divieto di introduzione di tasse di effetto equivalente ai dazi doganali c) il divieto di aiuti di Stato d) il principio di non discriminazione fiscale e) l influenza delle libertà fondamentali sulla normativa fiscale interna f) l influenza dei princìpi generali nell interpretazione del diritto interno g) il principio chi inquina paghi ed i suoi riflessi sul piano fiscale - L armonizzazione fiscale nelle imposte indirette: a) l imposta sulla cifra di affari b) l imposta sui conferimenti di capitale c) le accise - Il processo ravvicinamento delle legislazioni in materia di imposte dirette: a) il regolamento n. 2137/85 sul Gruppo economico di interesse europeo (G.E.I.E.) b) la direttiva n. 90/434/CEE su fusioni, scissioni, apporti e scambi di azioni c) la direttiva n. 90/435/CEE sul regime fiscale dei dividendi di società madri e figlie d) la convenzione n. 90/436/CEE sulla procedura arbitrale in materia di transfer pricing (rinvio al modulo su Convenzioni internazionali in materia fiscale ) e) la Direttiva n. 2003/48/CE sul regime fiscale dei redditi da risparmio f) la Direttiva n. 2003/49/CE sul regime fiscale di interessi e royalties g) le Direttive sulla cooperazione internazionale nell accertamento e nella riscossione dei tributi (rinvio al modulo su Convenzioni internazionali in materia fiscale ) 5

6 - Le risorse coattive dell Unione Europea: a) il bilancio dell Unione Europea ed il sistema delle risorse proprie b) i prelievi agricoli c) i diritti doganali d) l IVA e) le risorse complementari 6

7 Politiche fiscali dell Unione Europea La definizione di politica economica L articolazione della politica economia a) Politica di bilancio - politica della spesa pubblica - politica fiscale b) Politica monetaria c) Politica di regolamentazione del mercato Le competenze dell Ue e degli Stati membri in materia di politica economica Il Fiscal Compact e il Patto di stabilità e di crescita e la conseguente riduzione dell autonomia della politica economica nazionale La politica fiscale dell Unione Europea - Ragioni di una politica europea in ambito fiscale - La base giuridica della politica fiscale dell Ue - Le conseguenze della politica fiscale dell Ue - L articolazione della politica fiscale dell Ue - La cooperazione fiscale tra le autorità fiscali dei Paesi membri Le misure fiscali dell Ue per le imposte dirette a) La tassazione dei redditi da capitali per i privati - tassazione degli interessi da risparmio b) La tassazione delle imprese - regime fiscale per i dividendi distribuiti tra società madri e figlie - regime fiscale per gli interessi e le royalties pagati tra società collegate di Stati Membri diversi - la convenzione per l'eliminazione delle doppie imposizioni in caso di rettifica degli utili fra imprese associate Le misure fiscali dell Ue per le imposte indirette a) Iva - regime generale - regimi particolari (es. prodotti energetici, alcol, oro, antiquariato) - esenzioni (ammissione temporanea, soggetti passivi non residenti, servizi ad alta intensità di lavoro, ecc.) b) Accise - regime generale - regimi particolari (oli minerali, tabacchi, alcol, ecc.) - franchigie (beni personali, mezzi di trasporto, ecc.) c) Altre imposte indirette - imposte indirette sulla raccolta di capitali LE MODALITA DI ACCESSO ALLE REGOLE FISCALI DEI PAESI MEMBRI DELL UE 7

8 Princìpi contabili internazionali BILANCIO E INFORMATIVA ESTERNA D IMPRESA: - Natura e funzione del bilancio d esercizio - La disciplina giuridica del bilancio d esercizio: attualità e prospettive - Il ruolo dei principi contabili: attualità e prospettive LA CLAUSOLA GENERALE DI REDAZIONE DEL BILANCIO: - I principi della chiarezza e della rappresentazione veritiera e corretta - L informazione complementare d impresa - Il sistema delle deroghe STRUTTURA E CONTENUTO DEL BILANCIO: - Stato patrimoniale e conto economico - Nota integrativa - Relazione sulla gestione PRINCÌPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO: - Continuità - Prudenza - Competenza - Costanza I CRITERI DI VALUTAZIONE: - Le immobilizzazioni immateriali - Le immobilizzazioni materiali - Le immobilizzazioni finanziarie - L attivo circolante - I crediti - Le imposte 8

9 Le convenzioni internazionali in materia fiscale LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE IN MATERIA FISCALE: - La cooperazione normativa (rinvio) - La cooperazione giudiziaria (cenni) - La cooperazione amministrativa (fondamenti e caratteri generali) EVOLUZIONE STORICA E TIPOLOGIA DEI TRATTATI FISCALI: - Dai primi accordi ai primi modelli della Società delle Nazioni - Il modello ONU - Il modello USA - Il modello OCSE - Altre convenzioni fiscali, bilaterali e multilaterali PRINCIPI E NORME DI CARATTERE GENERALE: - Finalità - Procedimento (negoziazione e ratifica) - Interpretazione - Rapporti con l ordinamento europeo - Rapporti con l ordinamento italiano ANALISI DELLE DISPOSIZIONI DEL MODELLO OCSE: - Imposte considerate: a) le imposte sui redditi b) le imposte sui patrimoni c) l IRAP - Soggetti interessati: a) gli Stati firmatari b) i residenti c) i nazionali - Trattamento dei singoli redditi: a) redditi d impresa (stabile organizzazione - imprese associate) b) redditi di lavoro autonomo (professionisti - dirigenti, amministratori e sindaci -artisti e sportivi) c) redditi di lavoro subordinato (salari e stipendi pensioni - funzioni pubbliche - professori e ricercatori studenti - funzionari diplomatici e consolari) d) redditi diversi (canoni o royalties - utili di capitale - altri redditi) - Il divieto di discriminazione fiscale - Le norme procedurali: a) procedura amichevole b) scambio di informazioni c) assistenza alla riscossione d) denuncia della convenzione ASPETTI SALIENTI DELLE PRINCIPALI CONVENZIONI STIPULATE DALL ITALIA: - Disamina delle Convenzioni recentemente rinnovate e con caratteristiche peculiari - LA COOPERAZIONE AMMINISTRATIVA (GLI STRUMENTI DEDICATI): - Lo scambio di informazioni tra le Amministrazioni finanziarie (Direttive 77/799/CEE e 2011/16/UE, Accordo Consiglio d Europa/UE, Accordo OCSE del 2002). 9

10 - I TIEA e i FATCA agreements - Gli accordi tipo Rubik - La Voluntary disclosure - Le verifiche fiscali simultanee - La procedura arbitrale in materia di transfer pricing - L assistenza nella riscossione all estero dei crediti tributari 10

11 B) L IMPOSIZIONE INDIRETTA NEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI Le imposte indirette negli scambi internazionali e intracomunitari: IL PRINCIPIO DI TERRITORIALITÀ NELL IVA: - La rilevanza della territorialità nel meccanismo di applicazione dell IVA - La stabile organizzazione quale criterio di collegamento ai fini IVA - La territorialità in relazione alle cessioni di beni: regole generali - La territorialità in relazione alle prestazioni di servizi: regole generali - Le principali deroghe L IVA NELLE OPERAZIONI INTERNAZIONALI: - Le operazioni non imponibili nel sistema dell IVA - Le cessioni all esportazione - Le operazioni assimilate alle cessioni all esportazione - I servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali - Le operazioni con la Repubblica di San Marino - Le operazioni con la Città del Vaticano LA DISCIPLINA DEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI: - La soppressione delle frontiere fiscali all interno della U.E. - Le operazioni intracomunitarie tra direttive e disciplina nazionale - Gli acquisti intracomunitari - Le cessioni intracomunitarie - Il rappresentante fiscale - Regole peculiari ai fini della fatturazione e della registrazione - Gli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari - I regimi speciali (vendite di beni usati vendite per corrispondenza) - Il commercio elettronico e la prestazione di servizi mediante mezzi elettronici LE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE - Imposta di registro - Direttiva 2008/7/CE del Consiglio, del 12 febbraio 2008, concernente le imposte indirette sulla raccolta di capitali. - La financial transaction TAX (rinvio) - Imposta sulle donazioni 11

12 Diritto doganale FONTI NORMATIVE ED ASPETTI INTRODUTTIVI: - La normativa europea - La normativa nazionale - La rilevanza del diritto doganale nella realizzazione del mercato unico - Il territorio doganale comunitario - La zona di vigilanza doganale, lo spazio ed il circuito doganale I TRIBUTI DOGANALI: - Diritti di confine Iva all importazione - Accise - L obbligazione doganale ed i suoi presupposti CRITERI DI APPLICAZIONE: - La tariffa doganale comune e la classificazione doganale delle merci - Destinazioni doganali e regimi doganali - Depositi franchi e zone franche - Riesportazione, distruzione ed abbandono delle merci PROCEDIMENTO E CONTENZIOSO: - La Dichiarazione doganale ed il Documento unico amministrativo - L istituto della garanzia - L accertamento - Il contenzioso in materia di tributi doganali - La cooperazione amministrativa e la lotta alle frodi - Il sistema sanzionatorio - I servizi all utenza LE RESTITUZIONI ALL ESPORTAZIONE: - L organizzazione comune dei mercati - I settori merceologici interessati - Forme di restituzione - Incidenza delle restituzioni sul bilancio FEOGA LE ACCISE: - Basi giuridiche - Distinzione tra accise armonizzate e non armonizzate - Direttive struttura - Ecocompatibilità e fiscalità 12

13 C) DIRITTO TRIBUTARIO COMPARATO PROFILI METODOLOGICI: a) Cenni introduttivi b) La comparazione nel diritto tributario: cosa, come e perché comparare c) Comparazione e studio del diritto tributario straniero d) Comparazione e linguaggio giuridico e) Comparazione e interpretazione I PRINCIPI FONDAMENTALI DEL PRELIEVO TRIBUTARIO (ANALISI COMPARATA): a) I rapporti tra fisco e costituzione b) La riserva di legge c) Il principio di legalità d) Il principio di uguaglianza tributaria e) Il principio di competenza (accentramento, decentramento, federalismo fiscale) f) Le garanzie del contribuente nel rapporto con l Amministrazione finanziaria ALCUNE APPLICAZIONI DEL DIRITTO TRIBUTARIO COMPARATO: a) Armonizzazione fiscale e comparazione (il caso dell IRAP) b) La tassazione dei gruppi di società (Il Bilancio consolidato) c) Le Controlled Foreign Companies d) La tassazione delle attività illecite e) Gli accertamenti per accordi f) Segreto bancario e accertamento tributario LINEAMENTI DEI PRINCIPALI SISTEMI FISCALI STRANIERI Lineamenti essenziali dei sistemi fiscali dei principali Stati europei ed extraeuropei, con particolare riferimento: - Ai principi fondamentali del prelievo fiscale - Alla struttura dei singoli tributi - Ai sistemi di accertamento - Ai rimedi amministrativi e giurisdizionali - Ai sistemi di riscossione 13

14 D) FISCALITÁ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Profili economici - Il sistema finanziario - I mercati finanziari internazionali ed italiani - Il sistema bancario italiano e internazionale - Gli strumenti finanziari innovativi - I principali contratti derivati: futures e forward, options and swaps - Gli hybrid financial instruments - I fondi comuni di investimento - L elemento fiscale nella gestione finanziaria Profili giuridici - I valori mobiliari fattispecie e disciplina - Gli intermediari finanziari - La vigilanza sui mercati mobiliari e finanziari Profili fiscali - L imposizione sui redditi dei valori mobiliari e sulle transazioni finanziarie analisi delle fattispecie - FTT (Financial Transaction Tax, c.d. Tobin Tax) - Il trattamento fiscale dei principali strumenti derivati - Fondi comuni e imposizione fiscale - Fondi pensione e imposizione fiscale - Le attività finanziarie detenute all estero - L imposizione sugli intermediari finanziari 14

15 E) MODULI DIDATTICI SPECIALISTICI Evasione ed elusione fiscale internazionale PIANIFICAZIONE, ELUSIONE ED EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE: - La concorrenza fiscale tra Stati e la pianificazione fiscale internazionale - Le norme internazionali in materia di concorrenza fiscale nociva - Elusione ed evasione: caratteri e limiti di liceità DISPOSIZIONI INTERNE CONTRO L ELUSIONE E L EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE: - Il trasferimento della residenza delle persone fisiche nei Paesi a bassa fiscalità - I paradisi fiscali - Il trasferimento della residenza delle persone giuridiche all estero ed esterovestizione (in questo modulo o nel successivo?) - Operazioni con imprese residenti all estero - Operazioni con imprese residenti in Paesi a bassa fiscalità - Utili derivanti da imprese estere partecipate ( C.F.C. Controlled Foreign Companies - Dividendi corrisposti da imprese residenti in Paesi a bassa fiscalità - L indeducibilità dei costi black list - L interpello sull applicazione delle norme antielusive L ABUSO DELLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI IN MATERIA FISCALE: - Abuso del diritto ed elusione fiscale - Il concetto di abuso nelle convenzioni internazionali e nel diritto europeo - Le diverse fattispecie di abuso PROFILI PENALI DELL EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE - La normativa italiana - Analisi comparata - Studio di casi 15

16 IMPOSIZIONE DIRETTA DELLE IMPRESE MULTINAZIONALI GENERALITÀ: - L impresa multinazionale di gruppo (nozione economica e definizioni legali) - Branches e subsidiaries - Analisi comparata dei diversi sistemi di tassazione dei gruppi in Europa - La Common Consolidated Corporate Tax Base (CCCTB) - Il regime della cooperative compliance - Il rapporto OCSE su Base Erosion and Profit Shifting e il relativo Action plan I CRITERI DI COLLEGAMENTO TERRITORIALE NEI GRUPPI DI IMPRESE: - La tassazione in Italia delle società non residenti - La stabile organizzazione - Le joint ventures - Il G.E.I.E. LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI GRUPPI DI IMPRESE MULTINAZIONALI: - Il sistema della participation exemption e il suo recepimento in Italia - L imputazione per trasparenza (disciplina interna e riflessi internazionali) - La tassazione su basi consolidate (nazionale e mondiale) I C.D. PREZZI DI TRASFERIMENTO: - Fisionomia del fenomeno - La disciplina OCSE ed i suoi rapporti con la normativa interna - La documentazione nazionale - I metodi di determinazione - Processi di Business restructuring implicazioni fiscali - Il c.d. transfer pricing interno. - Strumenti di risoluzione dei conflitti in materia di transfer pricing - L istituto del ruling internazionale e gli APA LE RIORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI DI IMPRESE: - Le riorganizzazioni nel contesto europeo - La Merger Directive e il suo recepimento in Italia - Conferimenti e scambi di partecipazioni transfrontalieri - Fusioni e scissioni transfrontaliere - Trasferimenti di sede LE ALTRE FATTISPECIE REDDITUALI TRANSNAZIONALI RIFERIBILI ALLE IMPRESE: - I dividendi transnazionali - Gli interessi - Le royalties 16

17 Profili fiscali del lavoro all estero - La movimentazione di personale dipendente in Italia e all estero. Profili giuridici e tipologie contrattuali. - Nozioni di base in tema di reddito di lavoro dipendente. L evoluzione normativa della tassazione del reddito di lavoro all estero. - Il regime del D.Lgs. 314/97. Aspetti della sostituzione tributaria. - Ipotesi di pianificazione e problemi applicativi del regime convenzionale. - Le politiche di neutralità fiscale quale elemento di strategia retributiva. - Fringe benefits e attività di lavoro all estero. - T.F.R. - Altre indennità - Problemi della previdenza complementare. - Il regime contributivo: legislazione italiana e accordi internazionali in materia di sicurezza sociale dei lavoratori italiani all estero. - Aspetti della sostituzione tributaria Credito d imposta. - I redditi di collaborazione nei rapporti internazionali. 17

18 Profili fiscali del Trust PROFILI GIURIDICO-INTERNAZIONALI: - I trust: dati strutturali, l istituzione, la segregazione, il trust autodichiarato - Il trust e figure civilistiche (mandato, fondo patrimoniale) - La Convenzione dell'aja del 1985, la legge interna di ratifica 364/89 - Il trust interno - La dottrina italiana sul trust interno - La giurisprudenza italiana in materia di trust interno - La prassi amministrativa - Le finalità dei trust nell esperienza dei trust interni - Alcuni esempi concreti PROFILI FISCALI: - Le imposte dovute sulla costituzione del trust - Il trattamento tributario nelle imposte dirette - Il Trust nei trattati contro le doppie imposizioni - L imposta sul valore aggiunto - L imposta sulle donazioni 18

19 Profili fiscali della new economy LA FISCALITÀ DIRETTA DEL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE: - L'individuazione del luogo di imposizione delle attività svolte via Internet: Principio di tassazione mondiale vs. principio di tassazione territoriale nel diritto tributario internazionale; Il concetto di stabile organizzazione e la sua importanza nell ambito del commercio elettronico (art. 5, Modello di Convenzione OCSE); I criteri per la determinazione dell esistenza di una stabile organizzazione di una impresa operante nel settore dell e-commerce; Riflessi tributari dell esistenza o meno della stabile organizzazione; - La qualificazione delle tipologie di reddito generate dal commercio elettronico e relativa imposizione: Analisi del fenomeno della forza di attrazione della stabile organizzazione; Distinzione tra proventi considerabili business income e i proventi considerabili royalties (Art. 7, Art. 12, Modello di Convenzione OCSE); Eventuali riflessioni su casi di commercio elettronico diretto e le implicazioni tributarie del diritto d autore; - Problematiche concernenti l allocazione del reddito e i prezzi di trasferimento: La disciplina interna e internazionale dei prezzi di trasferimento; Come determinare il valore delle operazioni infragruppo; L articolo 7 del Modello di Convenzione OCSE relativamente al commercio elettronico; Individuazioni delle funzioni svolte dalle unità di impresa e valore attribuibile alle stesse; - Ipotesi di pianificazione fiscale del commercio elettronico: La possibilità di delocalizzazione delle attività commerciali mediante il ricorso al commercio elettronico; L utilizzo dei paradisi fiscali per l esercizio delle attività commerciali via Internet; la normativa nazionale di contrasto; Pianificazione in vista di quotazione delle azioni di società operanti nel commercio elettronico; La tassazione indiretta del commercio elettronico: - LA DISCIPLINA IVA APPLICABILE AL COMMERCIO ELETTRONICO: I principi della VI Direttiva CE, la normativa interna e possibile applicazione al commercio elettronico; La qualificazione delle operazioni. Come considerare il commercio elettronico diretto: cessioni di beni o prestazioni di servizi? Riflessi tributari; La Direttiva del febbraio 2002; 19

20 Fiscalità del trasporto internazionale Nozioni di diritto dei trasporti La fiscalità del trasporto terrestre: - La fiscalità dell automobile (orientamenti UE e regimi nazionali) La fiscalità del trasporto marittimo - La tonnage tax - L IVA sulle operazioni effettuate a bordo della nave - Le tasse marittime e portuali La fiscalità del trasporto aereo: - Le convenzioni internazionali contro la doppia imposizione - L IVA sulle prestazioni di trasporto aereo 20

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero.

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. 10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. Il sistema fiscale svizzero riflette l assetto federale del Paese, composto da 26 cantoni sovrani con circa 2 551 comuni indipendenti (al 1º gennaio 2011).

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti

Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti Abstract - In questo lavoro vengono discussi principi ed obiettivi del sistema fiscale. I principi vengono dapprima inquadrati ed esaminati

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli