22 marzo 2013 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "22 marzo 2013 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO 2009 2010 2011 2012"

Transcript

1

2 Il RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO COMUNALE DI CAMPOBASSO è a cura di Giovanni TUCCI - Michaela ANTENUCCI - Giuseppe GRANIERO - Luca D AGNILLO (Idrosfera Srl Unipersonale - Campobasso)

3 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO Anche quest anno in occasione del World Water Day che dal 1992 si celebra il 22 marzo, viene pubblicato sul sito del COMUNE ( il RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO COMUNALE DI CAMPOBASSO. Il RAPPORTO descrive le attività di controllo ed illustra la chimica dell acqua dei nostri rubinetti. La qualità dell acqua che si preleva alle sorgenti, viene preservata fino al rubinetto di casa grazie alle buone pratiche di gestione degli acquedotti, ai controlli ispettivi ed alle manutenzioni delle opere (di captazione, di accumulo, di trasporto e distribuzione). I risultati dei controlli analitici provano che la qualità dell acqua si conserva in ogni luogo e nel tempo e che l acqua dei nostri rubinetti è sicuramente molto buona (oligominerale, povera di sodio, non bicarbonatica). Tutti i cittadini del mondo, anche quelli fortunati come noi, devono adoperarsi affinché l acqua rimanga un bene garantito, sicuro, di buona qualità, rispettato e liberamente utilizzato dall umanità. Lo slogan della Giornata Mondiale dell'acqua 213: Acqua, acqua dappertutto, solo se condividiamo (Water, water everywhere, only if we share) ci ricorda che queste finalità devono essere perseguite anche attraverso la cooperazione. Buona Consultazione Sen. L. DI BARTOLOMEO (Sindaco del Comune di Campobasso) Dott. G. CIMINO (Vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici) Ing. N. CEFARATTI (Assessore all Ambiente) Dott. V. DE MARCO (Dirigente del Comune di Campobasso Settore Ambiente) Dott.ssa M. MACCHIAROLA (Responsabile del Settore Ambiente) 22 marzo 213 INDICE Prefazioni 4 I controlli analitici ed ispettivi interni (M. Macchiarola) 6 Mappa delle zone idriche 8 Tabella di sintesi dei risultati delle analisi sui campioni d acqua 9 Il significato dei parametri 1 I grafici dei risultati dei controlli analitici 24

4 L acqua per un mondo più sano Sen. Luigi DI BARTOLOMEO (Sindaco del Comune di Campobasso) "Acqua pulita per un mondo più sano" è stato il focus della Giornata Mondiale dell'acqua 21, celebrazione che ricorre ogni anno il 22 marzo da quando è stata indetta per la prima volta dalle Nazioni Unite (1992- World Water Day). In questa giornata il segretario generale dell Onu, Ban Ki Moon, ha detto che: "muoiono più persone per via dell acqua poco sicura che non a causa di tutte le forme di violenza, inclusa la guerra, perché l acqua pulita è diventata scarsa e lo sarà sempre più a causa dei cambiamenti climatici". Il dossier Acqua 21, a cura delle associazioni di Solidarietà e Cooperazione-Cipsi, riferisce che oggi: 1,6 miliardi di persone al mondo non hanno accesso all acqua potabile; 2,6 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienico-sanitari di base; 1,8 milioni di bambini muoiono ogni anno per malattie connesse alla mancanza d acqua potabile... Negli ultimi cento anni il consumo totale mondiale dell acqua potabile è circa decuplicato, di contro negli ultimi trent anni le risorse idriche procapite si sono ridotte del 4 per cento. Gli scienziati ci riferiscono questi numeri e ci avvertono che, intorno al 22, quando ad abitare la terra saremo circa 8 miliardi, il numero delle persone senza accesso all acqua potabile sarà di 3 miliardi circa. Insomma, in alcune parti del mondo l acqua sta diminuendo in quantità e qualità. E facile prevedere che in queste situazioni si avranno molte tensioni, per dirla con un eufemismo. Ciò che è scritto in questo Rapporto aiuta a non dimenticare che noi siamo fortunati: l acqua che arriva a casa nostra è molto buona ed abbondante. E sarà così anche in futuro. Prefazioni delle passate pubblicazioni Ma l uso sostenibile dell ambiente e la necessità che l acqua rimanga un bene garantito, rispettato e liberamente utilizzato dall umanità, sono questioni che riguardano tutti i cittadini del mondo, anche quelli che, come noi, sono e resteranno più fortunati. Questo Rapporto illustra la chimica dell acqua dei nostri rubinetti e soprattutto ci aiuta a stare tranquilli. Il Rapporto è accessibile a tutti attraverso internet e la pubblicazione sarà aggiornata ogni anno in occasione della Giornata Mondiale dell'acqua. L Amministrazione continuerà a controllare perché adoperarsi per la sicurezza e la qualità dell acqua è innanzitutto un dovere. Buona consultazione.

5 L acqua in modo trasparente Ing. Nicola CEFARATTI (Assessore all Ambiente - Percorsi pedonali - Pubblicità - Rapporti con le Società Partecipate - Sicurezza e Censimento delle Scuole ed Edifici Pubblici - Mobilità e Trasporti - Innovazione tecnologica) L acqua distribuita dalla nostra rete idrica cittadina è sottoposta a frequenti e accurati controlli per assicurare il rispetto di una normativa che mette in primo piano la salute dei cittadini. L acqua può essere usata con molta tranquillità, come quella in bottiglia, come bevanda e per tutti gli usi domestici. A garanzia della salute la legge prevede un doppio sistema di controllo dell acqua potabile. Il responsabile della qualità dell acqua fornita alle proprie utenze è, in primo luogo, il gestore dell acquedotto (il Comune, Molise Acque) che è tenuto a controllare l acqua e le infrastrutture per la captazione, l accumulo ed il trasporto. Gli altri controlli, indipendenti da quelli che fa il gestore, sono effettuati dall Azienda Sanitaria Regionale del Molise, l ASREM. Tutta la filiera di produzione è sottoposta ai controlli: i prelievi per le analisi vengono effettuati all origine, in modo da valutare le caratteristiche dell acqua alla fonte, quindi nelle opere di trasporto, di accumulo e nelle reti di distribuzione fino alle utenze, per garantire che l acqua mantenga le caratteristiche di idoneità lungo tutto il suo percorso fino alle nostre case. In base ai risultati dei tanti esami analitici possiamo ribadire che le acque sono oligominerali, povere di sodio, non bicarbonatiche, non calciche, non magnesiache, non solfatate. I risultati dei controlli interni fatti dal comune di Campobasso sono accessibili al pubblico attraverso il sito web istituzionale del Comune: questo è il riconoscimento del diritto del cittadino ad essere informato sulla qualità dell acqua del rubinetto. Il buon governo dell acqua Prefazioni delle passate pubblicazioni Dott. Giuseppe CIMINO (Vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici - Protezione Civile - Servizi cimiteriali - Verde pubblico) Altroconsumo ( con una indagine sul campo in 35 città italiane, ha giudicato eccellente l acqua pubblica di Campobasso ed ha rilevato che la tariffa applicata alle utenze di Campobasso per il consumo di acqua potabile è la più bassa dopo quella di Milano e Venezia. (,875 euro per ogni litro d acqua). Questo ci fa piacere, ma certamente non ci distrae dai tanti problemi che affliggono il nostro sistema acquedotto costituito da 6 Km di tubazioni, 1.91 pozzetti principali, 13 serbatoi, 15 reti indipendenti a servizio di un territorio di 56 km 2 con 51. abitanti residenti. Avere a disposizione, in ogni casa, un acqua molto buona ed in quantità abbondante è una conquista del vivere sociale che ha contribuito al miglioramento delle nostre condizioni di vita. Questo non dobbiamo dimenticarlo. Il buon governo della risorsa idrica potabile deve essere uno degli obiettivi primari dell umanità. E una delle sfide mondiali di questo millennio. Per raggiungere questo obiettivo in Italia, è necessario innanzitutto l impegno degli attori del governo locale, le amministrazioni dei Comuni in testa. La nostra Amministrazione è impegnata in tal senso e continuerà ad esserlo.

6 I controlli analitici ed ispettivi interni a cura della dott.ssa Maria MACCHIAROLA Responsabile del Settore Ambiente del Comune di Campobasso Il decreto legislativo 2 febbraio 21 n. 31, integrato e modificato dal d.lgs. n. 27 del 2 febbraio 22, ha attuato la direttiva comunitaria 98/83/CE (qualità delle acque destinate al consumo umano). La Direttiva stabilisce le caratteristiche di qualità essenziali per tutte le acque, trattate o non trattate, destinate a uso potabile o per la preparazione di alimenti in ambito domestico e tutte le acque utilizzate in imprese alimentari per la fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l immissione sul mercato di prodotti o sostanze destinate al consumo umano. Il decreto fissa, come criterio base per il controllo, l osservanza di una serie di parametri di rilevanza sanitaria e di altri parametri indicatori di variazioni anomale della qualità dell acqua. Le LINEE GUIDA della Regione Molise PER L ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 2 FEBBRAIO 21, N ORGANIZZAZIONE DEL CONTROLLO SANITARIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO E CRITERI PER LA GESTIONE DEI CASI DI NON CONFORMITÀ (Testo approvato con Delibera n. 52 del 9 maggio 25, integrato e coordinato con le modifiche apportate con Delibera n. 886 del 4 luglio 25) definiscono i criteri e le procedure per il controllo della qualità delle acque. I Soggetti istituzionali coinvolti nei controlli sono: la Regione Molise, l ASREM, il Comune, il Sindaco, l Azienda Speciale Molise Acque (le competenze di tali soggetti sono elencate e descritte al paragrafo 1.4 delle Linee Guida della Regione Molise). Nel quadriennio sono state eseguite a cura del Comune: 457 analisi di laboratorio 43 visite ispettive dei manufatti dell acquedotto Nel quadriennio non sono stati rilevati casi di non conformità agli standard di qualità fissati dalle normative Le principali attività del ciclo di vita dei controlli interni del Comune di Campobasso sono quelle elencate di seguito. a) La redazione del Piano Annuale dei Controlli Interni (P.A.C.I.) che è lo strumento di pianificazione e programmazione dei controlli, che riporta: l individuazione e la mappatura dei punti significativi di prelievo dei campioni da analizzare e per ogni punto di prelievo individuato: le frequenze di campionamento, le istruzioni operative per le operazioni di campionamento, l elenco dei parametri da sottoporre ad analisi; l elenco e la mappatura delle opere oggetto dei controlli ispettivi e per ogni opera da ispezionare: le frequenze dei controlli ispettivi, le istruzioni operative per le ispezioni. Il P.A.C.I. è di norma revisionato semestralmente ovvero ogni volta che intervengono modifiche sostanziali delle condizioni di esercizio della distribuzione e/o modifiche della normativa di interesse. b) I prelievi dei campioni d acqua e la consegna al laboratorio di analisi. c) La gestione delle risultanze analitiche, cioè l elaborazione, l interpretazione e la valutazione dei risultati delle analisi di laboratorio e la formulazione del giudizio di idoneità d'uso delle acque. d) La gestione della banca dati, cioè le registrazioni e le archiviazioni informatiche dei dati riguardanti i controlli. e) La gestione dei casi di non conformità. f) I controlli ispettivi delle fonti d approvvigionamento, degli impianti e delle reti dell acquedotto. g) Il progetto e l esecuzione dei lavori di manutenzione. h) La gestione dei report e dei flussi informativi tra il Comune e gli altri soggetti coinvolti dai controlli.

7 Di seguito si riporta integralmente il testo del paragrafo 1.7 delle LINEE GUIDA della Regione Molise PER L ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 2 FEBBRAIO 21, N. 31. CONTROLLI INTERNI A CURA DEL GESTORE Il gestore dell acquedotto ai sensi dell art. 7 del D.Lgs. n. 31/1 è tenuto ad effettuare: controlli analitici dell acqua nei punti previsti dall articolo 6, comma 1 lettere a), b), c) e f) del D.lgs. n. 31/1; controlli ispettivi di cui agli Allegati I e II del Decreto Ministero Sanità 26 marzo 1991, tuttora in vigore. Le analisi devono essere effettuate presso laboratori interni o con stipula di apposita convenzione presso laboratori esterni o con altri gestori di servizi idrici; non possono essere effettuate dai laboratori di analisi dell ARPAM cui competono i controlli analitici sui campioni d acqua per il controllo esterno (articolo 8, comma 7, del D.Lgs. n. 31/1) ed il monitoraggio delle acque superficiali e sotterranee ai sensi del D.Lgs. n. 152/99 e del D.Lgs. n. 31/1. Il gestore, inoltre, deve: redigere un registro dei controlli effettuati e comunicare in modo tempestivo le non conformità alla ASL territorialmente competente; i risultati dei controlli devono essere conservati per un periodo di cinque anni; comunicare alla ASL, nei tempi e nei modi previsti da questa il piano di campionamento annuale, con relativi punti di prelievo e il calendario degli interventi di manutenzione previsti sulle infrastrutture dell impianto. Ai sensi dell articolo 7, comma 2, del D.lgs. n. 31/1, il Gestore può concordare con la ASL sia i punti di prelievo sia la frequenza dei controlli interni. Appare opportuno precisare, in proposito, come ai fini della sorveglianza ordinaria dei requisiti di qualità delle acque, un numero relativamente elevato di controlli, anche se mirato solo a pochi parametri, è, in genere, molto più significativo dell esecuzione di pochi controlli volti al rilevamento di numerosi parametri. Questi tipi di controllo non possono in ogni caso sostituirsi ai controlli esterni, che devono essere effettuati con la frequenza minima prevista dalle Tabelle B1 dell Allegato II al D.lgs. n. 31/1. Il gestore deve eseguire ispezioni periodiche su tutti gli impianti facenti parte dell acquedotto, per effettuare gli interventi di conservazione, ammodernamento, manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture idriche. In particolare, per l impianto di approvvigionamento il gestore (Molise Acque e/o ATO) ha l obbligo di: verificare la presenza delle aree di salvaguardia ai sensi dell articolo 21 del D.lgs. n. 152/99 e provvedere alla loro gestione ai sensi degli articoli 13 e 24 della Legge n. 36/94; in caso di mancata determinazione delle aree su citate, si attiva affinché l Autorità d Ambito ne proponga alla Regione l individuazione; comunicare alla ASL competente ogni modifica sostanziale dell impianto e delle infrastrutture ad esso collegate; richiedere alla ASL competente il rilascio del giudizio di qualità e idoneità d uso per le nuove fonti di approvvigionamento. Per l impianto di trasporto, raccolta, trattamento e distribuzione il gestore deve: verificare le eventuali interazioni tra insediamenti esistenti e condotte dell impianto; proporre alle autorità competenti, i provvedimenti necessari a garantire la qualità dell acqua, quali l individuazione di fasce di protezione con limitazioni d uso, per condotte e serbatoi; verificare che i materiali utilizzati non rilascino sostanze che possano modificare le caratteristiche chimico fisiche dell acqua in conformità al D.Lgs. n. 174/4; verificare l assenza di interferenze tra condotte idriche e reti fognarie; procedere alla installazione di idoneo impianto di potabilizzazione, qualora la ASL lo richieda; richiedere alla ASL il parere preventivo sul tipo di trattamento individuato per la realizzazione di nuovi impianti di potabilizzazione.

8

9 TABELLA DI SINTESI DEI RISULTATI DELLE ANALISI SUI CAMPIONI D'ACQUA PRELEVATI DALLE RETI IDRICHE NEL 212 Parametri parametri INDICATORI parametri CHIMICI parametri MICROBIOLOGICI Unità di misura Valore limite del parametro fissato dal dlgs 31/21 e s.m.i. minimo medio massimo minimo medio massimo minimo medio massimo Ammonio,5 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1,3 <,1 <,1 <,1 Batteri cloriformi a 37 C UFC/1ml UFC/1ml Cloruro 25 3,3 3,77 4,8 3 32,4 34,8 9, 9,5 1, Clostridium perfringens UFC/1ml UFC/1ml Conduttività µs/cm 25 µs/cm , ,2 548 Disinfettante residuo.2 *,8,17,28,12,18,22,12,19,24 Durezza f 15-5 f * 12,5 14,97 16,5 3,1 32,55 35, 22,6 25,3 28, Manganese µg/l 5 µg/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 ph -- 6,5-9,5 6,8 7,4 7,5 6,9 7,1 7,2 6,8 6,99 7,1 Residuo secco a 18 C 15 * , , 435, 44, 29, 312, 334, Sodio 2 2,1 2,48 3, 11,8 12,95 14,1 5,8 6,3 6,8 Solfato 25 2,1 2,4 3,4 13, 13,5 14, 4,8 5,45 6,1 Torbidità NTU 1 NTU <,8 <,8 <,8 <,8 <,8 <,8 <,8 <,8 <,8 Arsenico µg/l 1 µg/l <5 <1 <1 <5 <1 <1 <5 <1 <1 Cadmio µg/l 5 µg/l <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 Calcio ** 39,8 49,3 56, 11, 12, 13, 85, 94, 13, Cromo µg/l 5 µg/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 Fluoruro 1,5,1,22,4,1,15,2,2,2,2 Nichel µg/l 2 µg/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 Nitrato 5 1,7 1,98 2,4 2,5 2,55 2,6,8,95 1,1 Nitrito,5 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 Piombo µg/l 25 µg/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 Rame 1 <,1 <,1 <1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 Enterococchi UFC/1ml UFC/1ml Escherichia coli UFC/1ml UFC/1ml Pseudomonas aeruginosa UFC/25ml UFC/25ml * consigliato ** non fissato Acquedotto Molisano Destro Molise Acque (Sorgenti del Biferno) Reti idriche approvvigionate da Sorgente Comunale Foce Sorgente Comunale Monteverde valori di parametro valori di parametro valori di parametro

10 Il significato dei parametri Parametri INDICATORI Ammonio Batteri coliformi a 37 C Clostridium perfringens Cloruro Conduttività Disinfettante residuo Durezza Manganese ph Residuo secco a 18 C Sodio Solfato Torbidità BERE L ACQUA DEI NOSTRI RUBINETTI FA BENE E GENERA VANTAGGI ECONOMICI ED AMBIENTALI Parametri CHIMICI Arsenico Cadmio Calcio Cromo Fluoruro Nichel Nitrato Nitrito Piombo Rame Parametri MICROBIOLOGICI Enterococchi Escherichia coli Pseudomonas aeruginosa RAPPORTO sulla qualità dell'acqua distribuita dall'acquedotto comunale di Campobasso

11 Il significato dei parametri AMMONIO BATTERI COLIFORMI a 37 C L ammoniaca si trova nell acqua sotto forma di sali ammoniacali. I sali ammoniacali sono presenti se l acqua è venuta a contatto con fertilizzanti (dilavamento di terreni) o con liquami (processi naturali di biodegradazione dell azoto organico presente nelle deiezioni umane e/o animali). Nelle acque sotterranee è rara la presenza di ammoniaca perché lo ione ammonio tende ad essere assorbito dal terreno di filtrazione. La presenza di ammoniaca può compromettere l efficacia della disinfezione e può alterare il sapore e l odore dell acqua. I microrganismi sono considerati degli idonei indicatori microbiologici della qualità dell acqua potabile, principalmente perché si determinano facilmente e sono facilmente quantificabili. I coliformi sono batteri a forma di bastoncello, non sporigeni. Hanno la capacità di fermentare il lattosio con produzione di gas e acido alla temperatura di C in 48 ore e questa capacità viene sfruttata per determinarli e quantificarli. I batteri coliformi sono presenti nelle feci umane e animali, pertanto la loro presenza nell acqua indica un possibile inquinamento fecale o ambientale. Per questo motivo i batteri coliformi vengono considerati indicatori di qualità e di efficienza del trattamento di disinfezione dell acqua. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo AMMONIO () medio massimo <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 <,1 sorgente Foce <,1 <,1,3 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i,5 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde BATTERI COLIFORMI A 37 C (UFC/1ml) minimo medio massimo sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i unità formanti colonia/1ml

12 Il significato dei parametri CLORURO CLOSTRIDIUM PERFRINGENS Gli ioni cloruro presenti nell acqua possono essere di origine minerale e organica. Nel primo caso derivano dalla presenza di sali solubili provenienti dalla disgregazione di metalli rocciosi. Nel secondo caso, la presenza di cloruro nell acqua, specialmente se la concentrazione è elevata, indica un possibile inquinamento di natura organica (ad esempio potrebbe trattarsi dell immissione di acque provenienti da scarichi civili ed industriali). E importante verificare che il di cloruro presente nell acqua rimanga costante nel tempo. Una concentrazione eccessiva (superiore a 25 ) di ioni cloruro aumenta la conduttività dell acqua, la rende di sapore sgradevole e ne aumenta le caratteristiche corrosive. La maggior parte dei batteri clostridi vive negli strati superficiali del suolo e nei sedimenti. Il Clostridium perfringens è presente sia nelle feci umane, in concentrazioni variabili tra 12 e 17 UFC/g (Unità Formanti Colonia per grammo), sia in quelle canine e suine ed è meno comune o addirittura assente nelle feci degli altri animali a sangue caldo. Nelle acque destinate al consumo umano la presenza di Clostridium Perfringens può fornire informazioni sia sulla qualità organolettica e microbiologica delle acque, sia sull efficienza del trattamento di disinfezione subìto dalle acque. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo CLORURO () medio massimo 3,3 3,77 4,8 9, 9,5 1, sorgente Foce 3, 32,4 34,8 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 25 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde CLOSTRIDIUM PERFRINGENS (UFC/l) minimo medio massimo sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i unità formanti colonia/1ml

13 Il significato dei parametri CONDUTTIVITA DISINFETTANTE RESIDUO La conduttività (o conducibilità) misura la capacità dell acqua di condurre corrente. L unità di misura è il micro siemens al centimetro (μs/cm). La conduttività indica il grado di mineralizzazione delle acque, in quanto, le acque che contengono più sali minerali hanno una maggiore capacità di condurre la corrente elettrica. La maggior parte delle acque presenta conduttività compresa fra 1 e 7 μs/cm. Valori inferiori a 1 μs/cm indicano acque povere di sali. Un aumento improvviso della conduttività può essere associato a fenomeni di inquinamento da parte di liquami domestici e industriali. Le acque minerali presenti nel territorio regionale hanno una conduttività compresa tra 178 e 662 μs/cm. L acqua proveniente dalla sorgente Foce è quella con il più alto di conduttività. Ciò indica che quest acqua è particolarmente ricca di sali minerali disciolti (vedi Durezza). La disinfezione dell acqua distribuita dall Acquedotto comunale di Campobasso viene fatta aggiungendo all acqua una soluzione di ipoclorito di sodio. Tale processo garantisce la rimozione dei microrganismi potenzialmente patogeni. La presenza di disinfettante residuo al rubinetto indica quindi che l acqua ha subìto un processo di disinfezione. La disinfezione dell acqua distribuita dall Acquedotto Molisano Destro è a cura di Molise Acque. La disinfezione dell acqua delle sorgenti comunali di Monteverde e Foce è a cura del Comune di Campobasso. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo CONDUTTIVITA (µs/cm) medio massimo ,2 548 sorgente Foce 7 734,8 75 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 25 µs/cm Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo DISINFETTANTE RESIDUO () medio massimo,8,17,28,12,19,24 sorgente Foce,12,18,22 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i,2 ( consigliato dalla normativa)

14 Il significato dei parametri DUREZZA MANGANESE La durezza indica la presenza di sali di calcio e magnesio disciolti nell acqua. Più è elevato il contenuto di questi sali, più il della durezza è alto. Si misura in gradi francesi (1 f corrisponde a 1 di carbonato di calcio). La durezza dipende dall origine superficiale o profonda delle acque e dalla geologia dell area di captazione. Le acque vengono classificate in base alla durezza in quattro categorie: fino a 1 f acque dolci o leggere da 1 f a 2 f acque moderatamente dure da 2 f a 3 f acque dure oltre i 3 f acque molto dure Il manganese è un metallo presente sia nelle acque superficiali che in quelle di falda. Nelle acque superficiali il manganese è presente sia in forma solubile che in sospensione con concentrazioni comprese tra 1 μg/l e alcuni. Le acque di falda in condizioni anaerobiche contengono spesso elevati livelli di manganese disciolto. Valori di manganese superiori a quelli fissati dalla normativa alterano le caratteristiche organolettiche dell acqua: colore, sapore, torbidità. Una durezza media o elevata può determinare solo variazioni nel gusto dell acqua. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo DUREZZA ( f) medio massimo 12,5 14,97 16,5 22,6 25,3 28, sorgente Foce 3,1 32,55 35, Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i tra 15 f e 5 f (intervallo di valori consigliato dalla normativa) Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo MANGANESE (µg/l) medio massimo < 1 < 1 sorgente Foce < 1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 5 µg/l

15 Il significato dei parametri ph Il ph misura la concentrazione nella soluzione acquosa di ioni idrogeno (H + ) e di ioni ossidrile (OH - ). Se nell acqua ci sono più ioni idrogeno che ioni ossidrile, l'acqua dal punto di vista chimico è acida, in caso contrario è basica (si dice anche alcalina). Quando la concentrazione di questi ioni è uguale, avremo un acqua neutra (ph=7). Le acque vengono classificate in base al del ph in tre categorie: ph minore di 7 = acqua acida ph uguale a 7 = acqua neutra ph maggiore di 7 = acqua basica o alcalina L acqua in genere è neutra o lievemente acida. Il del ph può dipendere da contaminazioni naturali o da effetti, processi, oggetti o materiali derivati dalle attività umane. La misura del ph riveste un ruolo essenziale nel controllo di molti aspetti correlati alle caratteristiche dell acqua (per esempio proprietà corrosive e incrostanti) e ai trattamenti di potabilizzazione. Per residuo secco s intende il peso in di tutte le sostanze (di natura organica e inorganica) disciolte nell'acqua. Il residuo secco si misura dopo l evaporazione di un litro d acqua a 18. Più è basso tale, minore è il contenuto di sali (carbonati, bicarbonati, cloruri, solfati, nitrati, coniugati con sodio, potassio, calcio e magnesio). Le acque vengono classificate In base al residuo secco in quattro categorie: fino a 5 da 5 a 5 da 5 a 1.5 oltre i 1.5 acqua minimamente mineralizzata ossia povera di sali, indicata per favorire la diuresi e per calcoli renali acqua oligominerale o leggermente mineralizzata, adatta all uso quotidiano e con una buona azione diuretica acqua mediamente mineralizzata, più adatta a chi pratica attività sportive acqua ricca di sali, adatta a scopo curativo su consiglio medico L acqua dei rubinetti di Campobasso è oligominerale o leggermente mineralizzata. RESIDUO SECCO Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo ph medio massimo 6,8 7,4 7,5 6,8 6,99 7,1 sorgente Foce 6,9 7,1 7,2 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i tra 6,5 e 9,5 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo RESIDUO SECCO a 18 C () medio massimo , sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 15 ( consigliato dalla normativa)

16 Il significato dei parametri SODIO SOLFATO Il sodio è uno dei metalli alcalini maggiormente presenti in natura. Si trova in tutte le acque naturali, in misura maggiore o minore, sotto forma di cloruro di sodio (cioè il sale comune) e come bicarbonato di sodio. Deriva principalmente dalla lisciviazione di sali da depositi superficiali e sotterranei. Acque con elevato contenuto di sodio non sono indicate per le persone affette da ipertensione o problemi cardiaci. I solfati sono sali che vengono ceduti all acqua dalle rocce di tipo gessoso con le quali l acqua viene a contatto nel suo percorso sotterraneo o superficiale. La presenza di solfati nell acqua non indica un inquinamento biologico ma può segnalare un inquinamento di tipo industriale dato che lo zolfo è utilizzato nei processi tecnologici. Quantità elevate di solfati possono causare sapori sgradevoli dell acqua (acqua amara) e produrre effetti lassativi in associazione con il magnesio. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo SODIO () medio massimo 2,1 2,48 3, 5,8 6,3 6,8 sorgente Foce 11,8 12,95 14,1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 2 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo SOLFATO () medio massimo 2,1 2,4 3,4 4,8 5,45 6,1 sorgente Foce 13, 13,5 14, Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 25

17 Il significato dei parametri TORBIDITA La torbidità dell acqua è data dalla diminuzione della sua trasparenza dovuta alla presenza di materiale in sospensione di natura inorganica o organica. Un acqua molto torbida può essere associata alla presenza di microrganismi tra cui virus e batteri anche patogeni. La torbidità può alterare la qualità batteriologica di un acqua sia direttamente, in seguito all assorbimento dei microrganismi sulla superficie dei solidi in sospensione, sia indirettamente influenzando i processi di disinfezione. Essa ha senz altro rilevanza ai fini delle caratteristiche organolettiche. La normativa stabilisce che la torbidità deve essere accettabile per i consumatori e senza variazioni anomale. Per le acque superficiali sottoposte a trattamento, la normativa stabilisce un limite di parametro di 1, NTU (Unità Nefelometriche di Torbidità). Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo TORBIDITA (NTU) medio massimo <,8 <,8 sorgente Foce <,8 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 1. NTU (unità nefelometriche di torbidità)

18 Il significato dei parametri ARSENICO L arsenico è un semimetallo i cui composti, impiegati come pesticidi, erbicidi ed insetticidi, sono velenosi. Le concentrazioni più elevate di questo elemento si riscontrano nelle acque sotterranee, ma esso può comparire anche nelle acque superficiali. In Italia è presente principalmente nei pozzi di alcuni comuni dell Emilia e della Lombardia, dell Alto Adige, della Campania, della Toscana e nel Lazio settentrionale. La presenza di arsenico nell acqua è legata a processi naturali di rilascio dei minerali presenti nel suolo (rocce vulcaniche e minerali ferrosi) o ad attività di tipo geotermico presenti o passate. Altre possibili sorgenti di contaminazione sono gli scarichi delle industrie del vetro e delle industrie elettroniche. CALCIO Il calcio è un metallo alcalino terroso tenero abbondantissimo in natura. E presente in tutte le acque naturali sottoforma di carbonato e bicarbonato ceduti dalle rocce calcaree e dalle ghiaie del sottosuolo con cui viene a contatto l acqua. L apporto di calcio nell organismo umano è indispensabile per lo sviluppo di ossa e denti. L acqua potabile può fornire fino al 2% del fabbisogno giornaliero di calcio. Un acqua ricca di calcio è consigliata durante la gravidanza, nell età della crescita e nella prevenzione dell osteoporosi. La normativa non stabilisce un di parametro per il calcio. Normalmente nell acqua potabile sono ritenuti buoni i valori di calcio inferiori a 1. Nelle acque distribuite dall acquedotto comunale, i valori più elevati di calcio si registrano nelle acque della sorgente Foce (si legga il parametro Durezza ) Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo ARSENICO (µg/l) medio massimo < 5 < 1 < 1 < 5 < 1 < 1 sorgente Foce < 5 < 1 < 1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 1 µg/l Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo CALCIO () medio massimo 39,8 49,3 56, sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i non sono stati fissati valori limite del parametro

19 Il significato dei parametri CADMIO, CROMO, NICHEL, PIOMBO, RAME Nell acqua sono presenti tracce di elementi chimici in minime quantità (litio, bario, stronzio) e tracce di metalli pesanti (piombo, cadmio, nichel, rame, mercurio). I metalli pesanti si trovano nell acqua a causa di fenomeni naturali o antropici. Alcuni elementi (rame, cromo, ecc.) in bassi quantitativi sono essenziali per l organismo umano essendo micronutrienti, ma diventano tossici se introdotti in quantità elevate. Una concentrazione elevata di rame provoca dolori gastrointestinali e potrebbe danneggiare fegato e reni. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo CADMIO (µg/l) medio massimo < 5 < 5 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 5 µg/l Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo NICHEL (µg/l) medio massimo < 1 < 1 sorgente Foce < 1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 2 µg/l Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo PIOMBO (µg/l) medio massimo < 1 < 1 sorgente Foce < 1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 25 µg/l sorgente Foce < 5 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo CROMO (µg/l) medio massimo < 1 < 1 sorgente Foce < 1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 5 µg/l Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo RAME () medio massimo <,1 <,1 < 1 <,1 <,1 <,1 sorgente Foce <,1 <,1 <,1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 1

20 Il significato dei parametri NITRATI NITRITI I nitrati (NO - 3 ) sono presenti in tutte le acque. Possono avere origine naturale o antropica: nel primo caso derivano dai minerali con cui viene a contatto l acqua, nel secondo derivano dal dilavamento dei terreni trattati con concimi zootecnici. La concentrazione di nitrati nelle acque di falda è normalmente bassa. I nitrati non hanno di per sé effetti sulla salute, poiché sono eliminati rapidamente dall organismo; i possibili effetti sfavorevoli sono dovuti alla loro trasformazione nell apparato digerente in composti chiamati nitriti. Questa trasformazione avviene particolarmente nei bimbi sotto l anno di vita e nelle persone con malattie del sangue o con gravi disturbi gastrici. Per questo motivo, per le acque destinate all infanzia si consiglia di non superare il di 1. I nitriti (NO - 2 ) derivano dalla degradazione dei nitrati ad opera di batteri. La presenza di nitriti in un acqua indica un inquinamento organico di origine recente. Dal punto di vista igienico, una elevata quantità di nitriti è pericolosa nell alimentazione dei bambini di età inferiore ad un anno in quanto induce metaemoglobinemia, una malattia del sangue che riduce la capacità di trasporto dell ossigeno da parte dell emoglobina. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo NITRATI () medio massimo 1,7 1,98 2,4,8,95 1,1 sorgente Foce 2,5 2,55 2,6 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 5 Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo NITRITI () medio massimo <,1 <,1 sorgente Foce <,1 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i,5

21 Il significato dei parametri FLUORURO Il fluoruro esprime il contenuto di fluoro nell acqua. Il fluoro è un elemento indispensabile per l organismo umano in quanto costituente dei denti e delle ossa. Un acqua con basse concentrazioni di fluoruro ha effetti protettivi verso la carie dentale, specialmente nei bambini. Al contrario, un acqua con elevata concentrazione di fluoruro (maggiore di 1.5 ) può causare la fluorosi con effetti negativi a carico dei denti e delle ossa. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo FLUORURO () medio massimo,1,22,4,2,2,2 sorgente Foce,1,15,2 Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i 1,5

22 Il significato dei parametri ENTEROCOCCHI ESCHERICHIA COLI Gli enterococchi sono ospiti abituali dell'intestino dell'uomo e degli animali e hanno una capacità di sopravvivenza nell ambiente maggiore rispetto a quella dei Coliformi e di Escherichia coli. La presenza di enterococchi nelle acque destinate al consumo umano è da mettere in relazione a sicura contaminazione di origine fecale, spesso dovuta ad infiltrazioni dall esterno. La loro presenza nelle acque in distribuzione è un segnale della ridotta efficienza del sistema di disinfezione delle acque. L escherichia coli è un microrganismo, non sporigeno, che fa parte della famiglia delle Enterobacteriaceae ed è inserito nel gruppo dei coliformi. Si trova nel tratto gastrointestinale dell uomo e degli animali a sangue caldo. Pertanto lo troviamo nelle acque di scarico, negli effluenti trattati e nei suoli sottoposti a contaminazioni fecali recenti, dovute all uomo, agli animali d allevamento o selvatici. La sua presenza nell acqua destinata al consumo umano indica genericamente una possibile infiltrazione di materiale organico indesiderato. L Organizzazione Mondiale della Sanità da oltre un decennio ha riconosciuto l escherichia coli come indicatore primario di contaminazione fecale delle acque. Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo ENTEROCOCCHI (UFC/1ml) medio massimo sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i unità formanti colonia/1ml Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde minimo ESCHERICHIA COLI (UFC/1ml) medio massimo sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i unità formanti colonia/1ml

23 Il significato dei parametri PSEUDOMONAS AERUGINOSA I microrganismi appartenenti alla specie Pseudomonas aeruginosa sono batteri a forma di bastoncello. Si rilevano in acque superficiali, reflue e marine, suoli, vegetazione e in generale in tutti gli ambienti umidi. E un microrganismo caratterizzato da un elevata capacità di adattamento ed è facilmente rilevabile in condizioni di stagnamento di acqua. E in grado di installarsi nei serbatoi, nei rompigetto dei rubinetti e nelle apparecchiature ad uso domestico per il trattamento di acque potabili, raggiungendo cariche batteriche elevate ed è in grado di crescere in acqua distillata e di sopravvivere ai disinfettanti. E un microrganismo solo occasionalmente patogeno. La maggior parte dei casi di infezione non è causata dal consumo di acqua potabile, ma dal contatto con l acqua in cui sono presenti alte concentrazioni del microrganismo (ad esempio nelle piscine dove per eliminare questo microrganismo viene aggiunto all acqua altro cloro fino ad una concentrazione di 1 ). Risultati delle analisi su campioni prelevati dalle reti idriche dell Acquedotto di Campobasso 212 Reti alimentate da: Acquedotto Molisano Destro sorgente Monteverde PSEUDOMONAS AERUGINOSA (UFC/25ml) minimo medio massimo sorgente Foce Valore limite del parametro fissato dal d.lgs 31/21 e s.m.i unità formanti colonia/25ml

24 I grafici dei risultati dei controlli analitici Parametri INDICATORI Ammonio Batteri coliformi a 37 C Clostridium perfringens Cloruro Conduttività Disinfettante residuo Durezza Manganese ph Residuo secco a 18 C Sodio Solfato Parametri CHIMICI Arsenico Cadmio Calcio Cromo Fluoruro Nichel Nitrato Nitrito Piombo Rame Parametri MICROBIOLOGICI Zona idrica alimentata dall Acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) pag. 25 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce pag. 48 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Monteverde pag. 71 Enterococchi Escherichia coli Pseudomonas aeruginosa Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce e dall Acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Monteverde e dall Acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) pag. 94 pag. 13 Le analisi di laboratorio sono state eseguite dal laborator io Bio-Alimenta Azienda System s.n.c Campobasso (anni ) e dal laboratorio Pasteur di Niro Antonio Campobasso (anni 21-29) RAPPORTO sulla qualità dell'acqua distribuita dall'acquedotto comunale di Campobasso

25

26 AMMONIO ,8,7,6,5,4,3,2,1 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) I valori del parametro sono risultati inferiori a,25 in tutti i campioni analizzati nel quadriennio limite (ex d.lgs. 31/21):,5

27 BATTERI COLIFORMI a 37 C - CLOSTRIDIUM PERFRINGENS 1 UFC (Unità Formanti Colonia) Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque), ,8,7 Tutti i campioni analizzati nel corso del quadriennio sono risultati CONFORMI ai limiti di legge ,6 parametro unità di misura medio misurato limite di parametro ,5 Batteri coliformi a 37 C Clostridium perfringens UFC/1ml UFC/1ml ,4 UFC = Unità Formanti Colonia , ,2,1 In tutti i campioni analizzati nel quadriennio NON risultano presenti: Batteri coliformi a 37 C e Clostridium perfringens

28 CLORURO 3 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) 25 limite (ex d.lgs. 31/21):

29 CONDUTTIVITA' 3 ms/cm a 2 C (microsiemens al centimetro) Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) 25 limite (ex d.lgs. 31/21): 25 ms/cm a 2 o C

30 DISINFETTANTE RESIDUO 1 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque),9,8,7,6,5,4 consigliato (ex d.lgs. 31/21):,2,3,2,1

31 DUREZZA 6 f Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) valori limite (ex d.lgs. 31/21): 15 o f < < 5 o f (consigliati)

32 MANGANESE 7 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

33 ph 1 2 1,5 ph Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) ,5 valori limite (ex d.lgs. 31/21): 6,5 < ph < 9, , , , ,5

34 RESIDUO SECCO 2 a 18 C 1 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21): 15 a 18 o C (consigliato)

35 SODIO 25 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

36 SOLFATO 3 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) 25 limite (ex d.lgs. 31/21):

37 ARSENICO Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) I valori del parametro sono risultati inferiori a 1 in tutti i campioni analizzati nel quadriennio limite (ex d.lgs. 31/21): 1

38 CADMIO 6 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

39 CALCIO 12 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) La normativa non fissa un limite del parametro. Il guida, cioè la concentrazione del parametro che determina una buona qualità dell'acqua, può essere assunto pari a:

40 CROMO 6 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

41 FLUORURO 1 2 1,75 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) ,5 8 limite (ex d.lgs. 31/21): 1, , , , ,

42 NICHEL Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) , limite (ex d.lgs. 31/21): , , , ,

43 NITRATO (NO 3- ) 6 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

44 NITRITO (NO 2- ) 1 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) 1, , , , ,5 limite (ex d.lgs. 31/21):,5 3 31, ,3 I valori del parametro sono risultati inferiori a,25 in tutti i campioni analizzati nel quadriennio , ,

45 PIOMBO Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) limite (ex d.lgs. 31/21):

46 RAME 2 Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) 1 1, , , , limite (ex d.lgs. 31/21): , , , ,

47 ESCHERICHIA COLI - PSEUDOMONAS AERUGINOSA - ENTEROCOCCHI ,9,8,7,6,5,4,3,2,1 UFC (Unità Formanti Colonia) Zona idrica alimentata dall'acquedotto Molisano Destro (Molise Acque) Tutti i campioni analizzati nel corso del quadriennio sono risultati CONFORMI ai limiti di legge parametro Escherichia coli Pseudomonas aeruginosa Enterococchi UFC = Unità Formanti Colonia unità di misura medio misurato UFC/1ml UFC/25ml UFC/1ml limite di parametro In tutti i campioni analizzati nel quadriennio NON risultano presenti: Escherichia coli, Pseudomonas aeruginosa, Enterococchi

48

49 AMMONIO,8 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce,7, ,5,4 limite (ex d.lgs. 31/21):,5,3,2 I valori del parametro sono risultati inferiori a,25 in tutti i campioni analizzati nel quadriennio ,1

50 BATTERI COLIFORMI a 37 C - CLOSTRIDIUM PERFRINGENS 1 UFC (Unità Formanti Colonia) Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce,9 1,8,7 Tutti i campioni analizzati nel corso del quadriennio sono risultati CONFORMI ai limiti di legge,6 parametro unità di misura medio misurato limite di parametro 11,5 Batteri coliformi a 37 C Clostridium perfringens UFC/1ml UFC/1ml,4 UFC = Unità Formanti Colonia 23,3 23,2,1 In tutti i campioni analizzati nel quadriennio NON risultano presenti: Batteri coliformi a 37 C e Clostridium perfringens

51 CLORURO 3 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce 25 limite (ex d.lgs. 31/21):

52 CONDUTTIVITA' 3 ms/cm a 2 C (microsiemens al centimetro) Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce limite (ex d.lgs. 31/21): 25 ms/cm a 2 o C

53 DISINFETTANTE RESIDUO 1 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce,9,8 11,7,6 23,5,4 consigliato (ex d.lgs. 31/21):,2 23,3,2,1

54 DUREZZA 6 f Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce valori limite (ex d.lgs. 31/21): 15 o f < < 5 o f (consigliati)

55 MANGANESE 7 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce limite (ex d.lgs. 31/21):

56 ph 1,5 ph Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce 1 9,5 valori limite (ex d.lgs. 31/21): 6,5 < ph < 9,5 9 8, ,5 7 6,5 6 5,5

57 RESIDUO SECCO 2 a 18 C Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce limite (ex d.lgs. 31/21): 15 a 18 o C (consigliato)

58 SODIO 25 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce 2 1 limite (ex d.lgs. 31/21):

59 SOLFATO 3 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce 25 limite (ex d.lgs. 31/21):

60 ARSENICO 12 Zona idrica alimentata dalla sorgente comunale Foce 1 limite (ex d.lgs. 31/21): I valori del parametro sono risultati inferiori a 1 in tutti i campioni analizzati nel quadriennio

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

L ACQUA DEL RUBINETTO

L ACQUA DEL RUBINETTO L ACQUA DEL RUBINETTO Felino, 9 maggio 2013 Dott.ssa Nadia Fontani Comuni serviti da Iren Iren eroga il servizio idrico a 18 Comuni mediante 2 895 Km di rete acquedottistica Felino Centro Zona di Langhirano

Dettagli

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA Lunedì 1 dicembre 2014 due tecnici (Silvana Moretti e Paola Migliorati )del Laboratorio Sanità pubblica ASL di Bergamo specializzati nell analisi dell acqua, (in

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a causa del bombardamento pubblicitario, che le acque

Dettagli

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Dipartimento di Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE dell AZIENDA USL di BOLOGNA SULL

Dettagli

Caratteristiche delle acque naturali

Caratteristiche delle acque naturali Caratteristiche delle acque naturali Acque meteoriche: contengono in soluzione i gas costituenti l atmosfera; non contengono generalmente sostanze solide ed organiche; risorsa quantitativamente marginale

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Di seguito vengono riportati i parametri chimico-fisici e microbiologici utilizzati da FEM2 Ambiente per valutare la qualità delle acque destinate al consumo umano. I valori

Dettagli

PARAMETRI MICROBIOLOGICI

PARAMETRI MICROBIOLOGICI PARAMETRI MICROBIOLOGICI METODICA Tipo di analisi Coliformi totali I batteri Coliformi sono un gruppo molto ampio di microrganismi, di cui fa parte anche Escherichia coli, derivanti sia da matrici fecali

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO CERNUSCO SUL NAVIGLIO "La situazione idrica nella nostra città" Pelosi M., Peterlongo G. CAP Gestione NORMATIVA VIGENTE ACQUE POTABILI Dal 25 dicembre 2003 é in vigore il D.Lgs. 31 del 2 febbraio 2001

Dettagli

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas Introduzione Aspetti di gestione distribuzione risorse idriche Controlli di

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Pag. 1 di 8 ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Premessa: La città di ERBA, dal punto di vista idrico, è suddivisa in 4 zone: - zona 1 frazione di Carpesino, Arcellasco, Crevenna, Buccinigo:

Dettagli

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla.

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla. L acqua L'acqua è una sostanza molto importante, poiché forma la maggior parte dell'organismo umano. E' fatta di particelle molto piccole, gli ATOMI. Uno di questi atomi è chiamato IDROGENO (H) e l'altro

Dettagli

Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente.

Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente. GUIDA ALLA QUALITA DELL ACQUA POTABILE DEL COMUNE DI BAGNOLI IRPINO Chi beve l acqua che sgorga dal rubinetto di casa compie una cosa buona per l economia della propria famiglia e una per l ambiente. Bere

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile ECOMONDO 07 novembre 2008 venerdì La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile Ing. Pierpaolo Martinini Responsabile Reti Hera Rimini Srl Principali fonti del territorio

Dettagli

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Il servizio idrico integrato è costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione,

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano

Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano Corso di aggiornamento Regionale Sorveglianza delle acque destinate al consumo umano Treviso, 21 novembre 2007 Lucia

Dettagli

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo".

Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo. LE ACQUE POTABILI Si definisce potabile un'acqua limpida, inodore, insapore, incolore e innocua, priva di microrganismi patogeni e sostanze chimiche nocive per l'uomo". I dati più significanti per la valutazione

Dettagli

L Acqua. Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua

L Acqua. Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua L Acqua Sommario: Che cosa è l acqua ed il suo percorso Acqua da bere: l etichetta della bottiglia Il Problema inquinamento Risparmiare acqua Risorse idriche Approvvigionamento Fonti Il Ciclo dell acqua

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL RM/F REGIONE LAZIO IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI CHE COS E IL FLUORO Il

Dettagli

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI CONTENUTO IN FLUORO IN ALCUNI ALIMENTI Quantità in Fluoro per 100 grammi * Pesce da 0,02 a 0,3 mg Frutti di mare da 0,03 a 0,15 mg Tè 0,05 mg Uova 0,03 mg * dati LARN revisione

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Linee Guida qualità acque nelle imprese alimentari DGR 2-3258 del 10.1.12 e 59-4262 del 30.7.12

Linee Guida qualità acque nelle imprese alimentari DGR 2-3258 del 10.1.12 e 59-4262 del 30.7.12 Linee Guida qualità acque nelle imprese alimentari DGR 2-3258 del 10.1.12 e 59-4262 del 30.7.12 Normativa Obiettivi Criteri e controlli D.ssa Caterina Salerno-Regione Piemonte D.Lgs 31/2001s.m.i. L art.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO REGIONE LAZIO AZIENDA USL RM F IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO INFORMATIVA PER GLI UTENTI Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL RM/F Servizio di Igiene degli Alimenti

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO Codice A) MANO D'OPERA F.1 A.1 Chimico, biologo (laureato iscritto all'ordine) F.2 Chimico, biologo ora 42,80 ( Euro/ora quarantavirgolazero) A.2 Tecnico

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

ACQUA POTABILE Questa figura illustra come venga resa potabile l acqua fornita alle case nelle città.

ACQUA POTABILE Questa figura illustra come venga resa potabile l acqua fornita alle case nelle città. (3) Filtro (4) Aggiunta di cloro (5) Analisi della qualità dell'acqua Laboratorio di Ricerca Educativa e Didattica COGNOME NOME CLASSE DATA VERIFICA DI ASSE SULL'ACQUA 1 Riserva d'acqua (Bacino idrico

Dettagli

La tecnologia di nuova generazione per il trattamento delle acque di pozzo e di superficie

La tecnologia di nuova generazione per il trattamento delle acque di pozzo e di superficie La tecnologia di nuova generazione per il trattamento delle acque di pozzo e di superficie Riduce TDS, Durezza, Metalli e Sali e produce Acqua adatta al consumo umano conforme agli standard WHO Ridotti

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

A cura di Elena Conti

A cura di Elena Conti A cura di Elena Conti L acqua è l elemento principale delle cellule dell organismo, si trova fuori e dentro di esse. L ormone antidiuretico (Adh) regola i livelli di acqua nell organismo, aumentando il

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla

PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla Acqua in Tavola Scuole Elementari Nome del Gruppo Classe L acqua è un bene molto prezioso non solo per la vita di piante e animali ma anche per la nostra!

Dettagli

L acqua che beviamo è buona come il pane. RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO

L acqua che beviamo è buona come il pane. RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ACQUA DISTRIBUITA DALL ACQUEDOTTO DI CAMPOBASSO ANNO 215 IlRAPPORTO SULLAQUALITÀDELL ACQUA DISTRIBUITADALL ACQUEDOTTO COMUNALEDICAMPOBASSO èacuradigiovannitucci-michaelaantenucci-giuseppegraniero -LucaD AGNILLO (IdrosferaSrlUnipersonale-Campobasso)

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

Progetto Acqua pura per il mondo GEOLOGOS SIN FRONTERAS GEOLOGI SENZA FRONTIERE DELEGAZIONE ITALIANA ONLUS

Progetto Acqua pura per il mondo GEOLOGOS SIN FRONTERAS GEOLOGI SENZA FRONTIERE DELEGAZIONE ITALIANA ONLUS Progetto Acqua pura per il mondo GEOLOGOS SIN FRONTERAS GEOLOGI SENZA FRONTIERE DELEGAZIONE ITALIANA ONLUS Il progetto consiste nella produzione e distribuzione di filtri per la depurazione dell acqua.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cerro Maggiore, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

L acqua rappresenta la base della vita.

L acqua rappresenta la base della vita. LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO SANITARIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE H 2 O L acqua rappresenta la base della vita. L acqua deve pertanto detenere tutti i requisiti di sicurezza sanitaria necessari

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE. Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010

QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE. Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 QUALITA DELL ACQUA DELLE PISCINE Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 Stefano Pieroni Montecatini Terme 22 ottobre 2010 QUALITA DELL ACQUA Fin dall antichità l uso ricreativo e terapeutico

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cuggiono

L acqua potabile nel comune di Cuggiono L acqua potabile nel comune di Cuggiono Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cuggiono, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del

Dettagli

A N T I L E G I O N E L L A

A N T I L E G I O N E L L A ACCORGIMENTI IMPIANTISTICI A N T I L E G I O N E L L A Pagina 1 di 7 PREMESSA L impiantistica progettata e realizzata al servizio del Monoblocco Mellino Mellini in Chiari (BS) è stata condotta nel rispetto

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale-

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale- Descrizione o modifica NOME COMMERCIALE ACQUA MINERALE NATURALE MARCHIO SAN BENEDETTO FORMATO TMC TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE Naturale 2 Litri PET 18 Mesi 1.5 Litri PET 18 Mesi 1 Litri PET 18 Mesi

Dettagli

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano assessorato.valmaggia@regione.piemonte.it Il controllo delle acque acque destinate al

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L. N 2 Lucca AREA FUNZIONALE DELLA PREVENZIONE Ufficio Coordinamento Attività

Dettagli

APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI

APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI 1. GAS INERTI Spec.0-3302-0 ANIDRIDE CARBONICA PER LA NEUTRALIZZAZIONE DEGLI SCARICHI ALCALINI ITAC - Industria Toscana Acido Carbonico SpA Via Nazionale, 240 52020 PONTICINO

Dettagli

Acqua di rubinetto? Si grazie!

Acqua di rubinetto? Si grazie! COMUNE DI RICCIONE Servizi di Staff Servizi alla Persona Adriatica Acque srl AUSL GEAT HERA ROMAGNA ACQUE Acqua di rubinetto? Si grazie! Introduzione del consumo dell acqua del rubinetto nelle sedi istituzionali,

Dettagli

UNITA OPERATIVA CICLO IDRICO SETTORE IDRICO BRESCIA

UNITA OPERATIVA CICLO IDRICO SETTORE IDRICO BRESCIA Acquedotto di Castenedolo Acqua da bere: Garanzia di continuità, qualità e sicurezza; Piano di controllo interno; Tabella delle analisi ai punti di monitoraggio dell acqua distribuita anno 2008 ottobre

Dettagli

L acquache beviamo. Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica

L acquache beviamo. Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica L acqua che beviamo Azienda USL di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Hanno realizzato questo opuscolo: Armando Franceschelli Diana Altiero Simona Bonetti Sabrina Severi Servizio Igiene degli Alimenti

Dettagli

BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE

BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE BREVE DESCRIZIONE DEL SIGNIFICATO DEI DIVERSI PARAMETRI PER L ANALISI DELL ACQUA POTABILE In questa tabella troverai la descrizione dei singoli parametri di qualità dell acqua disponibili nel servizio

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

La potabilità delle acque potabili: Indagine sulla qualità delle acque nelle case dei cittadini

La potabilità delle acque potabili: Indagine sulla qualità delle acque nelle case dei cittadini La potabilità delle acque potabili: Indagine sulla qualità delle acque nelle case dei cittadini lunedì 3 ottobre 2011 www.lachimer.it AGENDA Esamedelquadronormativo Presentazionedelprogetto 2 IL Azienda

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SULL ACQUA DEL RUBINETTO

DOMANDE E RISPOSTE SULL ACQUA DEL RUBINETTO DOMANDE E RISPOSTE SULL ACQUA DEL RUBINETTO Perché per i bambini di età inferiore ai 12 mesi è preferibile utilizzare acqua non del rubinetto? Che differenze ci sono rispetto ad un bambino di poco più

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

COMUNE DI CAVALLASCA. 07 Ottobre 2014. Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto. comunale,

COMUNE DI CAVALLASCA. 07 Ottobre 2014. Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto. comunale, CAP 22020 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 N. Part. Iva 00516340130 07 Ottobre 2014 Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto comunale, campioni di acqua prelevati in data 29 Settembre

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale 1 uno Come orientarsi nella scelta delle acque

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

ACQUA DI QUANTA ACQUA HA BISOGNO L UOMO? Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria

ACQUA DI QUANTA ACQUA HA BISOGNO L UOMO? Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Igiene dell acqua: ciclo, approvvigionamento, inquinamento Prof. P. Cavallo ACQUA Perché l acqua riveste un ruolo

Dettagli

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque Liana Gramaccioni- Ministero della Salute Acque di balneazione: una risorsa da valorizzare Termoli 15 giugno 2012 Normativa di riferimento Acque di balneazione

Dettagli

Convegno Acqua potabile Evoluzione normativa e tecniche di trattamento

Convegno Acqua potabile Evoluzione normativa e tecniche di trattamento Convegno Acqua potabile Evoluzione normativa e tecniche di trattamento NUOVA GENERAZIONE DI FLOCCULANTI AD ALTA BASICITA PER LA CHIARIFICAZIONE DELLE ACQUE Sala Convegni Fiera di Tirana, 15 Ottobre 2009

Dettagli

Qualcuno vuol darcela a bere. di Giuseppe Altamore

Qualcuno vuol darcela a bere. di Giuseppe Altamore Qualcuno vuol darcela a bere di Giuseppe Altamore CHE COS E L ACQUA MINERALE? Un acqua batteriologicamente pura, la quale abbia per origine una falda o un giacimento sotterranei e provenga da una sorgente

Dettagli

Acqua Naturizzata. Obiettivo di S.EC.AM SPA: valorizzare il consumo di acqua dell acquedotto.

Acqua Naturizzata. Obiettivo di S.EC.AM SPA: valorizzare il consumo di acqua dell acquedotto. Acqua Naturizzata Obiettivo di S.EC.AM SPA: valorizzare il consumo di acqua dell acquedotto. Bere Acqua Naturizzata è una Scelta: Salutare: perché si tratta di acqua potabile di Rete, quindi sicura, resa

Dettagli

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE AD USO INDUSTRIALE per la produzione di ENERGIA IDROELETTRICA nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE attraverso lo sfruttamento

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

ACQUA DI RUBINETTO. USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico

ACQUA DI RUBINETTO. USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico ACQUA DI RUBINETTO ACQUA MINERALE Ing. Marianna Garfì USO CRITICO DELL ACQUA Ambito Domestico Acqua Minerale CONFRONTO Acqua Potabile QUALITATIVO AMBIENTALE ECONOMICO ACQUE MINERALI Acque sotterranee di

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE EUROPEAN CONFERENCE ON ASBESTOS MONITORING AND ANALYTICAL METHODS INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE O. Sala (1), E.Guberti (2), G.Pecchini (1), T.Bacci (1), V.Biancolini (1),

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli