nelle situazioni di crisi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nelle situazioni di crisi"

Transcript

1 L intervento degli operatori di Private Equity nelle situazioni di crisi Raffaele Legnani Amministratore Delegato

2 Agenda La nascita in Italia degli operatori di Private Equity specializzati nelle situazioni di crisi Strategia di investimento Tipologia di investimenti Tecniche di investimento Origini del Deal Flow ed il ruolo dei professionisti 2

3 Il mercato italiano delle società in crisi Il mercato italiano delle società in crisi è caratterizzato da: Abbondanza di opportunità di investimento: sono frequenti i casi di good businesses with bad balance sheets, cioè di imprese valide dal punto di vista industriale che tuttavia presentano situazioni reddituali e/o patrimoniali sbilanciate; la dimensione dei finanziamenti bancari in stato di sofferenza è oggi quantomai rilevante. Scarsa presenza di investitori istituzionali: i fondi tradizionali non hanno il mandato per realizzare investimenti in società in crisi e mancano dell esperienza necessaria per valutarne e gestirne i rischi; i fondi specializzati statunitensi fanno sporadiche apparizioni in Italia a caccia solo delle operazioni di maggiori dimensioni; le banche preferiscono evitare di avventurarsi in operazioni di ristrutturazione e si affidano di frequente alle procedure concorsuali. Nascita di fondi italiani dedicati alle società in crisi. 3

4 Private Equity e ciclo di vita delle imprese Cambia prima di essere costretto a farlo (Jack Welch) EV EXPANSION Finanziamento della crescita (aumento della capacità produttiva, espansione commerciale, crescita del circolante) REPLACEMENT Sostegno ai cambiamenti nella compagine azionaria BUYOUT Acquisizione di pacchetti di maggioranza con ricorso al leverage finanziario TURNAROUND Sostegno finanziario e manageriale al cambiamento e al rilancio delle imprese in crisi SEED START UP Finanziamento alla ricerca, al product development, all avvio della produzione e della commercializzazione t 4

5 Il valore sociale degli interventi in società in crisi La nascita di investitori istituzionali dedicati a società in crisi è fortemente apprezzata dal mondo istituzionale, imprenditoriale, professionale e bancario perchè essi rappresentano un alternativa credibile alla liquidazione delle società in crisi ed alla dispersione del valore economico e sociale delle stesse. L intervento di fondi dedicati a situazioni di crisi sovente permette: il salvataggio dell azienda, del suo nome, della sua storia, della sua presenza internazionale e soprattutto del suo valore intangibile (il know-how accumulato); e, conseguentemente, comporta anche: la salvaguardia dei livelli occupazionali; la continuità di fornitura del prodotto / servizio offerto, a beneficio dei clienti; il mantenimento dell indotto; un maggiore e/o più rapido recupero dei crediti vantati da parte di banche, fornitori, erario e istituti previdenziali. 5

6 Atlantis Capital Special Situations Atlantis Capital Special Situations S.p.A è il primo investitore istituzionale indipendente dedicato alle imprese italiane in Situazioni Speciali, e cioè: A. società in crisi finanziaria (distress situations), B. aziende con problemi economici temporanei o transitori (turnaround), C. imprese coinvolte nel dissesto finanziario del gruppo di appartenenza (arbitraggi o special situations in senso stretto). Atlantis ha come obiettivo di investire il proprio capitale, senza limitazioni settoriali, in partecipazioni di controllo di imprese italiane che necessitano di interventi di ristrutturazione finanziaria o di turnaround operativo. Atlantis ha in gestione un capitale di 85 milioni di Euro, raccolto da importanti investitori istituzionali e note famiglie dell imprenditoria italiana. 6

7 Agenda La nascita in Italia degli operatori di Private Equity specializzati nelle situazioni di crisi Strategia di investimento Tipologia di investimenti Tecniche di investimento Origini del Deal Flow ed il ruolo dei professionisti 7

8 Strategia di investimento La strategia di investimento di Atlantis si basa su due principi: acquistare aziende che si trovano in Situazioni Speciali con una filosofia di value investing, cioè valutando il corretto livello di rischio associato a progetti di investimento in operazioni percepite dal mercato come rischiose principalmente per la loro complessità; aumentare il valore delle aziende acquistate agendo, sulle stesse, come veri e propri catalizzatori del cambiamento, fornendo i capitali e le competenze manageriali necessarie con un approccio hands on. 8

9 Catalizzatori del cambiamento Gli investitori in turnaround creano valore: apportando capacità clinica, utile a costruire fattibili progetti di riorganizzazione; apportando capacità negoziali e finanziarie; riducendo i tempi e quindi i costi di transazione della crisi; fornendo il capitale necessario alla realizzazione dei piani di rilancio; rafforzando la struttura manageriale con l inserimento di manager di consolidata esperienza e credibilità; agendo sulle società partecipate come vero e propri catalizzator del cambiamento con un approccio hands on ; riportando fiducia ed entusiasmo nel sistema azienda. 9

10 Agenda La nascita in Italia degli operatori di Private Equity specializzati nelle situazioni di crisi Strategia di investimento Tipologia di investimenti Tecniche di investimento Origini del Deal Flow ed il ruolo dei professionisti 10

11 Tipologia di investimenti A RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE B TURNAROUND C ARBITRAGGI Società con fatturato superiore a 30 milioni di Euro. Imprese operanti in qualunque settore in Italia. Solo partecipazioni di controllo. 11

12 Caso Desa (1/4) La società (2009) Leader europeo nei riscaldatori d aria portatili ( local heaters ) per utilizzo professionale. Mercato di dimensioni modeste, nell intorno di 100 milioni di Euro a livello europeo. Società fondata nel 2000 da un manager internazionale per conto di una holding diversificata con sede negli USA (Desa LLC) seguendo due principi: attaccare i mercati, non ancora presidiati, dell Europa dell Est (strategia Oceano Blu); creare un modello organizzativo estremamente flessibile, caratterizzato dall ampio ricorso a lavorazioni esterne e a manodopera stagionale per far fronte alla stagionalità, all imprevedibilità (fattore climatico) e alla ciclicità (edilizia) della domanda. Fitta rete di dealer e vendite in tutto il mondo. La posizione competitiva della società è particolarmente forte in Est Europa, dove la quota di mercato raggiunge l 80% e dove il marchio Master è divenuto negli anni sinonimo del prodotto. Produzione e attività commerciale suddivise tra la sede di Verona e la filiale di Poznan (Polonia). Key financials 2009: fatturato 21,1 milioni di Euro, EBITDA 1,8 milioni di Euro, PFN +0,5 milioni di Euro (cassa). Industria Fabbriche Magazzini Raffinerie (prodotti internamente) Costruzioni Cantieri Opere pubbliche Grandi lavori Manutenzioni esterne Flood recovery (prodotti internamente) Agricoltura Serre Allevamenti (commercializzati) Altro Concerti Manifestazioni Eventi sportivi Caserme (commercializzati) 12

13 Caso Desa (2/4) La Situazione Speciale Società sana e profittevole, ma controllata da una holding industriale statunitense assoggettata alla procedura di Chapter 11. Business europeo facilmente separabile dal resto del gruppo. Scarsa rilevanza della società tra gli attivi della holding americana e ridotta conoscenza del business europeo da parte degli organi della procedura americana. La percepita complessità della procedura di Chapter 11 era un forte deterrente per altri compratori industriali e finanziari europei. Scarso interesse per la società da parte dei bidder americani per l estraneità della società dall attività core della holding statunitense e per la sua lontananza geografica. Momento di minimo ciclico del mercato, soprattutto nell edilizia e nei paesi dell Est Europa a seguito del credit crunch di fine 2008 che ha bloccato tutti i cantieri in corso Scarsa credibilità della società nei confronti di potenziali bidder per le forti e ripetute revisioni al ribasso del budget

14 Caso Desa (3/4) Logica di acquisizione Sfruttare la favorevole asimmetria informativa e l interesse della procedura americana a dismettere il business europeo per negoziare un prezzo di ingresso vantaggioso. Incentivare il Management Team italiano e polacco con la partecipazione all operazione di acquisto. Investire nell integrazione delle operations italiane e polacche (mantenute separate per motivi di governance ) per incrementare l efficienza e la redditività della gestione. Preparare la società per l atteso miglioramento delle condizioni di mercato (ripresa ciclica) beneficiando, oltre che della solida posizione competitiva e della dominante quota di mercato, anche della debolezza dei principali concorrenti, più esposti agli effetti della congiuntura a causa di modelli di business integrati e meno flessibili. Acquisizione Approfondita conoscenza dell azienda, ottenuta da Atlantis nel corso di una due diligence svolta prima dell apertura della procedura concorsuale della controllante. Acquisto del 100% delle azioni e dei marchi attraverso la partecipazione, come stalking horse, ad un asta fallimentare all interno della procedura di Chapter 11 della controllante statunitense (art. 363, USC 11). Forte sconto sulla valutazione per effetto dell acquisto senza garanzie ( as is ) dalla procedura fallimentare. 14

15 Caso Desa (4/4) Gestione dell investimento Incremento della quota di mercato e crescita del volume di attività più che proporzionale alla ripresa del mercato crescita del valore della produzione (+ 65% yoy) e dell EBITDA (+ 240% yoy) Ottimizzazione della struttura aziendale integrazione delle strutture italiana e polacca, con eliminazione delle duplicazioni di costi apertura di una filiale commerciale in Russia e di una filiale per il sourcing e la vendita in Cina riprogettazione e implementazione del sistema di controllo di gestione ottenimento di nuovi affidamenti bancari Realizzo dei surplus assets smaltimento del magazzino di rimanenze non più in produzione (linea di condizionatori e deumidificatori) Miglioramento del portafoglio prodotti completato il rinnovo della linea top di gamma lanciata una linea di prodotti specifica per il mercato cinese in corso l ampliamento del portafoglio con nuovi prodotti commercializzati di provenienza asiatica 15

16 Caso ME Making Energy (1/4) La società (2009) Precedentemente denominata Ecostream Italy. Tra i principali EPC (Engineering, Procurement, Construction) Contractor italiani di impianti fotovoltaici. Management di grande esperienza e reputazione. Track record di successo, con l allora più grande impianto su tetto in Italia. Ottima e diversificata lista clienti. Specializzazione sugli impianti su tetto di media e grande dimensione situati al Nord Italia. Competenze distintive nelle realizzazioni completamente integrate con rimozione dell amianto. Basso rischio operativo e buona redditività storica. Key financials 2009: valore della produzione 15 milioni di Euro, EBITDA 0,7 milioni di Euro, PFN +1,5 milioni di Euro (cassa). 16

17 Caso ME Making Energy (2/4) La Situazione Speciale Società controllata dalla multinazionale olandese Econcern NV, un conglomerato delle energie rinnovabili con forti investimenti in corso in impianti fotovoltaici, eolici, a biomassa e in fabbriche di silicio, biodisel, ecc. Credit crunch sui mercati finanziari globali tra la fine del 2008 e l inizio del Blocco, da parte delle banche, dei finanziamenti ai progetti di investimento del gruppo. Collasso finanziario e fallimento della Holding e, a ruota, della maggior parte delle società del gruppo. Nonostante riesca a mantenersi solvibile e liquida, Ecostream Italy sperimenta una interruzione di fatto dell attività commerciale a causa del cattivo credito del gruppo di appartenenza e dell impossibilità di rilasciare ai clienti le parent company guarantees sul buon funzionamento degli impianti. Necessità, per gli organi della procedura della Holding, di cedere la partecipata rapidamente, o di porla in liquidazione. Minaccia di importanti azioni revocatorie sui pagamenti infragruppo da parte degli organi della procedura della Holding (Olanda) e di due collegate operative (Germania e Svizzera). Holding (NL) Controllata operativa 2 (DE) Ecostream Italy (IT) Controllata operativa n 17

18 Caso ME Making Energy (3/4) Logica di acquisizione Acquisire il 100% delle azioni ad un prezzo conveniente sfruttando una corretta valutazione e gestione dei rischi legali dell operazione di acquisto. Incentivare il Management Team formando una solida partnership (oggi è azionista di minoranza qualificata). Fornire alla società il sostegno finanziario necessario a supportare la crescita del volume di attività (soprattutto per controgarantire i performance bond ) nel contesto di un irripetibile boom del mercato. Valorizzare l investimento beneficiando dell intensa attività di M&A del settore. Acquisizione Attenta due diligence sulla societa target. Individuazione e quantificazione dei rischi di revocatoria (Holding e 2 collegate estere fallite). Coinvolgimento del Management Team nel processo di acquisizione. Complessa negoziazione con le procedure fallimentari della controllante e delle collegate estere. Da teaser a signing in meno di 2 mesi. Da teaser a closing in meno di 3 mesi. 18

19 Caso ME Making Energy (4/4) Gestione dell investimento Riavvio dell attività commerciale acquisizione di 25 nuove commesse per una potenza di 15 MWp e un valore della produzione di circa 43 milioni di Euro crescita del valore della produzione (+ 185% yoy) e dell EBITDA (+ 550% yoy) Rafforzamento della struttura aziendale raddoppio del personale riprogettazione e implementazione del sistema di controllo di gestione ottenimento di nuovi affidamenti bancari Monitoraggio della puntuale consegna delle commesse tutte le commesse sono state o saranno completate nel corso dell anno (tariffa 2010) Ridefinizione della strategia con ampliamento dell area di attività in corso 19

20 Caso Riva (1/4) La società (1998) Produttore italiano di barche a motore di lusso con più di 150 anni di storia. Marchio diventato un mito nel settore del lusso per la qualità, lo stile e l esclusività delle sue barche di legno. Gamma prodotti costituita da yacht a motore (sia open che fly) da 54 a 82. Oggetto di ripetuti leveraged buy-out durante la sua storia. Forti e persistenti perdite operative e nette nei 7 anni di proprietà di un grande gruppo inglese. 20

21 Caso Riva (2/4) La Situazione Speciale Venditore motivato: partecipata non core di piccole dimensioni di un grosso gruppo internazionale; nessuna rilevanza strategica e contribuzione irrilevante per la casa madre; unica partecipazione in Italia; gestione dell investimento fortemente time consuming; forza lavoro altamente sindacalizzata e conflittuale; convinzione che l immagine del gruppo potesse venire fortemente danneggiata. Procedura di acquisto non competitiva: imbarazzo nel rendere pubblici i risultati degli ultimi 7 anni; disponibilità ad accettare negoziazioni private (invece di un asta formale gestita da un intermediario finanziario specializzato). Timing forte crescita del libro ordini (in corrispondenza con il lancio degli ultimi modelli) con conseguente probabile aumento del fatturato, principale causa dei risultati negativi; previsto un elevato capital gain per la holding inglese sulla vendita di un altra partecipata; ciò avrebbe potuto più che assorbire il prevedibile write-off sulla vendita della società. 21

22 Caso Riva (3/4) Logica di acquisizione Avviare il turnaround operativo risolvendo le 4 aree di criticità individuate: bassi volumi di vendita (in relazione agli elevati costi fissi e al capitale investito) inefficienza del sito produttivo periferico eccessivo costo e scarsa flessibilità del lavoro mancanza di controllo sui costi. Utilizzare la vendita del magazzino non strutturale per liberare importanti risorse finanziarie. Beneficiare dell elevata generazione di cassa connessa ad un ciclo del circolante negativo. Rivendere la società risanata valorizzando appieno il prestigio del brand in un settore in crescita e caratterizzato da vivace attività di M&A. Acquisizione Acquisto del 100% delle azioni e accollo di alcuni debiti infragruppo. Leverage bancario (LBO). 22

23 Caso Riva (4/4) Gestione dell investimento Forte aumento delle vendite grande successo riscontrato dai nuovi modelli Razionalizzazione del layout produttivo chiusura del sito produttivo periferico inefficiente apertura di un nuovo cantiere vicino al mare Adeguamento del management team interim management da parte del principale investitore sostituzione graduale dell intero management team rinnovo dei contratti con gli stilisti. Razionalizzazione del costo del lavoro riduzione del costo del 15% e ottenimento di piena flessibilità maggiore disciplina e incremento della produttività Risparmi sui costi sostituzione del 35% dei fornitori con riduzione media dei costi del 20% Cessione al gruppo Ferretti in quotazione, con ottenimento di un multiplo dell investimento molto elevato. 23

24 Agenda La nascita in Italia degli operatori di Private Equity specializzati nelle situazioni di crisi Strategia di investimento Tipologia di investimenti Tecniche di investimento Origini del Deal Flow ed il ruolo dei professionisti 24

25 Tecniche di investimento EV Declino Ricapitalizzazione con eventuale rinegoziazione del debito (Artt. 182-bis / 67 comma 3 lett. d) Equity positivo Concordato preventivo > 40%. Amministrazione straordinaria. Valore del debito Crisi Dissesto Perdita del valore di going concern Concordato preventivo < 40%. Concordato stragiudiziale. Amministrazione straordinaria. Fallimento. Concordato fallimentare. Amministrazione straordinaria Equity negativo t 25

26 Agenda La nascita in Italia degli operatori di Private Equity specializzati nelle situazioni di crisi Strategia di investimento Tipologia di investimenti Tecniche di investimento Origini del Deal Flow ed il ruolo dei professionisti 26

27 Il contatto tra l impresa in crisi e l investitore FONTE DELLE OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Avvocati Banche commerciali Banche d'affari Commercialisti Fondi di Private Equity Interna Investitori M&A advisors Managers Società di consulenza Altro 0% 5% 10% 15% 20% 25% Fonte: Origine del deal flow di Atlantis Capital Special Situations S.p.A. 27

28 Il ruolo fondamentale dei professionisti Nel private equity spesso si dice che la bontà di una opportunità di investimento non è direttamente proporzionale alla professionalità della fonte da cui proviene ; nelle operazioni in situazioni di crisi questa relazione NON VALE! I professionisti che supportano l impresa in crisi sono spesso determinanti per la sua positiva risoluzione; essi possono infatti: aiutare l imprenditore a capire in modo tempestivo la gravità della crisi; sconsigliare all imprenditore di assumere decisioni pericolose che rendono poi più difficile l intervento di un investitore; consigliare all imprenditore di assumere decisioni che portino alla ristrutturazione rapida, radicale e duratura della società, evitando palliativi temporanei che aumentano i costi della crisi e sviliscono ulteriormente il valore aziendale; trovare l interlocutore finanziario adatto, capace di capire e disposto ad investire in situazioni di crisi; mediare l atteggiamento passionale dell imprenditore con quello razionale dell investitore. 28

29 Contatti Atlantis Capital Special Situations S.p.A. S.r.l. Foro Buonaparte, Milano Tel.: Fax:

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XI FORUM S.A.F.: Le operazioni sul capitale nell ambito degli attuali scenari economici L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende

Dettagli

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano 1918: primo costruttore di motociclette del mondo - Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano Anni 50: quota di mercato del 60% Ingresso dei

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione Ippolito Consulting IppolitoConsulting nasce da un iniziativa di Francesco Ippolito, che ha concentrato in un unica proposta una rete di contatti professionali specializzati nella gestione di crisi aziendali

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

Studio Zanazzi & Partners

Studio Zanazzi & Partners Studio Zanazzi & Partners Finanza d impresa e risanamento aziendale http://www.studiozanazzi.com 2007 Studio Zanazzi & Partners - Comunicazione informativa professionale conforme al D.L. 223/2006 Si può

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI ECNICI ATI 09 TORI TE IALIZZA mbre 200 LE EDIT I SPECI 4 Settem AZIONAL SIONAL 24 RUM NA ROFESS 3 FOR PR Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri

Dettagli

L intervento degli operatori di Private Equity nelle situazioni di crisi

L intervento degli operatori di Private Equity nelle situazioni di crisi Atlantis Capital Special Situations L intervento degli operatori di Private Equity nelle situazioni di crisi Dott. Raffaele Legnani Amministratore Delegato Agenda La nascita in Italia degli operatori di

Dettagli

Progetto Crescita e Sviluppo

Progetto Crescita e Sviluppo Progetto Crescita e Sviluppo Presentazione Progetto O&M / Gennaio 2015 CONERGY.COM CONERGY.IT Conergy Services Conergy è una multinazionale americana con sede ad Amburgo (Germania) 20 anni di esperienza

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting 1 I Fondi di Private Equity Natura e Modalità di Intervento 2 NATURA E SCOPI I Fondi di Private Equity sono soggetti che investono in aziende

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag.

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag. COMPANY PROFILE AINVEST srl Una overview sulla società Pag. 2 La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2 Le attività Pag. 3 Il management e il track record Pag. 4 La storia Pag. 6 I clienti Pag.

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

Generali Immobiliare Italia SGR

Generali Immobiliare Italia SGR Generali Immobiliare Italia SGR Investitori Istituzionali e Settore Residenziale 25 novembre 2009 Giovanni Maria Paviera Amministratore Delegato e Direttore Generale Agenda 2 Investitori istituzionali

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Crisi aziendale e strategie di risanamento

Crisi aziendale e strategie di risanamento Crisi aziendale e strategie di risanamento Lara Penco Dipartimento di Economia Università degli Studi di Genova (lpenco@economia.unige.it) 1 Agenda La crisi aziendale: definizione e processo Le strategie

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali.

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Franco De Michelis - Direttore Generale Assodimi Assonolo Il noleggio dei beni strumentali. Una nuova opportunità di business,

Dettagli

Le strategie di turnaround

Le strategie di turnaround Strategie d impresa Le strategie di turnaround Capitolo 18 G.Pellicelli PROF.TONINO PENCARELLI PRESENTAZIONE DI GIOACCHINO BUONO Indice Introduzione-Tourneraund Diagnosi Recessione Gestione strategica

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity Luciano Tarantino Commissione Finanza e Controllo di Gestione ODCEC Milano 26 maggio

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Cerchi alla testa? Noi vi aiutiamo a farli quadrare. Gruppo General da anni offre alla propria clientela interventi rapidi e personalizzati

Dettagli

Come interviene la banca nella crisi dell'impresa. Dino Crivellari, Amministratore Delegato UniCredit Credit Management Bank

Come interviene la banca nella crisi dell'impresa. Dino Crivellari, Amministratore Delegato UniCredit Credit Management Bank Come interviene la banca nella crisi dell'impresa Dino Crivellari, Amministratore Delegato UniCredit Credit Management Bank Corso di formazione in Diritto Fallimentare Il Fallimento nella sua pratica applicazione

Dettagli

APC partners PROFILO BUSINESS STRATEGY & FINANCE. Turning ideas into results

APC partners PROFILO BUSINESS STRATEGY & FINANCE. Turning ideas into results BUSINESS STRATEGY & FINANCE Turning ideas into results PROFILO CHI SIAMO Siamo un operatore finanziario indipendente attivo nel campo della finanza straordinaria d'impresa, con particolare competenza nel

Dettagli

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

C o m p a n y P r o f i l e

C o m p a n y P r o f i l e C o m p a n y P r o f i l e La società Lombard Merchant Bank Filosofia Il modello "industriale" rappresenta uno schema originale, che valorizza le massime sinergie di Gruppo, ma allo stesso tempo conserva

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi in collaborazione con Factorit spa Il factoring tra finanza e servizi Giuseppe Nardone Resp. Sviluppo Affari e Canali e Distributivi Il factoring: definizione Il factoring è oggi il solo prodotto presente

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Un credit manager a 360 a vostra disposizione

Un credit manager a 360 a vostra disposizione Un credit manager a 360 a vostra disposizione CREDIT TEAM: UN PARTNER AFFIDABILE PER LA GESTIONE DEI VOSTRI CREDITI www.creditteam.eu Credit Team nasce dalla sinergia di professionisti altamente qualificati

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Il nostro futuro energetico inizia adesso COMPANY PROFILE. Consulenza globale nel mercato energetico rinnovabile e promozione di efficienza energetica

Il nostro futuro energetico inizia adesso COMPANY PROFILE. Consulenza globale nel mercato energetico rinnovabile e promozione di efficienza energetica Il nostro futuro energetico inizia adesso COMPANY PROFILE 2014 Consulenza globale nel mercato energetico rinnovabile e promozione di efficienza energetica Management Fondatori Manager Ruolo Background

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del venture capital e del private equity. Punti di forza e debolezza Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 8 giugno

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 rispetto allo stesso periodo 2014: forte incremento del fatturato consolidato (+23,1%) e dell ingresso ordini di Gruppo (+25,7%) utile netto più che

Dettagli

Una condivisione di intenti come fondamento del successo

Una condivisione di intenti come fondamento del successo 2 Una condivisione di intenti come fondamento del successo Chi Siamo Edrasis Group è una realtà che nasce da un esperienza ventennale nel settore dell intermediazione immobiliare, della mediazione creditizia

Dettagli

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag.

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Le tre aree strategiche d affari Pag. 3 La storia imprenditoriale Pag. 6 La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7 Scheda di sintesi Pag. 8 Milano, marzo 2006

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano 8 maggio 2014, Milano Presentazione del Gruppo Risultati FY2013 Guidelines Strategiche Titolo 2 Presentazione del Gruppo Un core business orientato alla salvaguardia dell ambiente. BIANCAMANO, primo operatore

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv)

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) 3 novembre 2011 Le esigenze del mercato Legate all investitore e all importo

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e RAPPORTO ANNUALE MARZO 2015 Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito Con il patrocinio di Confcommercio Bari e Obiettivo finanza, l Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

Comunicato Stampa IKF S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2014

Comunicato Stampa IKF S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2014 Comunicato Stampa : Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2014 Milano, 29 dicembre 2014 Il Consiglio di Amministrazione di IKF Spa ( nel seguito anche

Dettagli

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015 Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati e Industria del Senato della Repubblica Saipem: un'eccellenza italiana nel Mondo (1 di 2) Filmato 2 Saipem: un'eccellenza

Dettagli

- TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI -

- TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI - I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE ITALIANE Come si presenta oggi il mercato del credito in Italia. Lato banche: - le banche hanno, da un lato, ridotto fortemente il livello di condivisione

Dettagli

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva È POSSIBILE TROVARE UN ORIZZONTE ALTERNATIVO Nonostante alcuni segnali di ripresa registrati negli ultimi mesi, la situazione macroeconomica del Paese stenta a migliorare e le imprese italiane hanno difficoltà

Dettagli

FORMAZIONE E PUBBLICA SEGI REAL ESTATE SEGI REAL ESTATE

FORMAZIONE E PUBBLICA SEGI REAL ESTATE SEGI REAL ESTATE ADVASORY La SEGI REAL ESTATE AZIENDA LEADER NEL SETTORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI GRAZIE AD UNA RETE CAPILLARE DI CONSULENTI ACCREDITATI IN EUROPA E NEL MONDO PUO ESSERE PATNER NELLA VENDITA E CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

Progetto SAP Gefran Cina e Singapore

Progetto SAP Gefran Cina e Singapore Picture Credit Gefran SAP. Used with permission. Progetto SAP Gefran Cina e Singapore Partner Nome dell azienda Gefran SpA Settore Industria-Elettronica Servizi e/o prodotti forniti Progettazione e produzione

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO Si rafforzano i segnali positivi dalle PMI del Sud: i livelli pre-crisi sono ancora

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli