UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI M. FANNO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO TESI DI LAUREA PRIVATE EQUITY E LEVERAGED BUYOUT: IL CASO SEAT PAGINE GIALLE RELATORE: CH.MO PROF. FABIO BUTTIGNON LAUREANDA: VALENTINA MAGRO MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 2

3 Indice Introduzione... 5 Il Private Equity Introduzione Definizione di Private Equity Storia Performance di un fondo di Private Equity Private Equity Fund Economics Private Equity Firms or General Partners (GPs) Investors In Private Equity Funds o Limited Partners (LPs) Private Equity Funds or Limited Partnerships Vita di un Fondo di Private Equity Il Private Equity in Italia Seat Pagine Gialle Introduzione Storia Dal 1925 al Dal 1986 al Dal 2003 al Dal 2007 al Posizionamento attuale Ambito di attività Caratteristiche del mercato delle directory Il mercato italiano delle directory Modifiche del contesto competitivo per Seat Mercato europeo L operazione di Leveraged Buyout

4 Indice 3.1 L Operazione Leveraged Buyout in Seat Scissione di Seat e Telecom Italia Media Acquisizione della partecipazione del 62,50% di Seat Prezzo pagato e struttura finanziaria del Leveraged Buyout Duplice fusione per incorporazione: di Seat in Silver e di questa in Spyglass Distribuzione dividendo straordinario Definizione di Leveraged Buyout Sviluppo delle operazioni di Leveraged Buyout nel tempo Aspetti dottrinali, giurisprudenziali e normativi del Leveraged Buyout L andamento Economico Finanziario di Seat post Leveraged Buyout Situazione economico-finanziaria a seguito del Leveraged Buyout Andamento finanziario dettagliato per anno Anno Anno Anno Anno Anno Anno L exit del Private Equity Monetizzazione dell investimento Modalità di uscita dall investimento Exit del Private Equity in Seat Debt restructuring La Ristrutturazione finanziaria di Seat Piani Attestati di Risanamento ex art. 67 comma terzo lett. d) L.Fall Considerazioni Conclusive Bibliografia

5 Introduzione Il settore del Private Equity in Italia è stato contraddistinto negli ultimi anni da uno sviluppo notevole, che ha consentito di colmare almeno in parte il divario che storicamente lo separava dai mercati europei più evoluti. La crescente importanza assunta da questo settore nel nostro Paese è dovuta alla percezione di questo come un opportunità per lo sviluppo dell industria, dei servizi e della crescita occupazionale, affermazioni non condivise fino ad un passato non molto lontano. Questa evoluzione è stata favorita sia dall accresciuta pressione competitiva in molti settori sia dalle problematiche legate al passaggio generazionale. Il rinnovato contesto macroeconomico sottopone oggi le imprese a crescenti sfide nel mercato globale, che richiedono disponibilità di risorse, finanziarie e non, adeguate a far fronte alle specifiche esigenze di crescita. Diventa allora necessaria l apertura del capitale dell impresa a quei soggetti in grado di supportare progetti di crescita con disponibilità di fondi, un adeguato know how manageriale e un solido network di relazioni anche internazionali. Questa classe di investitori istituzionali può offrire risorse che, combinate con l esperienza degli imprenditori, possono favorire l emergere di imprese altamente competitive, leader in certi settori, anche a livello internazionale. Nel presente lavoro, si procede primariamente ad introdurre senza pretesa di esaustività, il Private Equity, definendolo, illustrandone l evoluzione del mercato nonché la struttura dei suoi investimenti e l economicità delle operazioni. A questo seguirà poi l analisi di un particolare investimento, prendendo in considerazione Seat Pagine Gialle come caso emblematico di investimento di Private Equity effettuato in Italia. Si è scelto questo caso perché detta Società è stata coinvolta nel 2003 in una delle operazioni di Leveraged Buyout più importanti mai effettuate in Italia, che ha però avuto un evoluzione drammatica in un recente passato. La congiuntura economica negativa e il declino improvviso del business in cui Seat è inserita, soppiantato dall esplosione della bolla internet, hanno fatto precipitare le prospettive positive sulle quali si era basata l operazione, 5

6 Introduzione rivelandosi un default per gli investitori di Private Equity. Si procederà pertanto a ricostruire la storia di Seat, ad approfondire il mercato in cui operava, a ricomporre le aspettative che si erano costruite per il suo futuro, nonché ad analizzare l investimento in questione. Sarà in seguito esaminato l andamento conseguente all operazione di Leveraged Buyout e le recenti evoluzioni dello stesso, chiudendo l analisi con considerazioni sul disinvestimento parziale dei fondi di Private Equity stessi.

7 Capitolo 1 Il Private Equity 1.1 Introduzione L attività di investimento istituzionale in capitale di rischio rappresenta un importante motore di sviluppo e viene svolta in aziende sia in fase di avvio, sia mature sia in fase di riorganizzazione. Il Private Equity è considerato uno strumento importante per favorire la nascita di nuove imprese e la crescita di quelle esistenti, specialmente se operanti in settori legati a nuove tecnologie (ICT, biotecnologie, etc.) in cui è particolarmente forte la presenza di asimmetrie informative. Si ritiene infatti sia in grado di accelerare e favorire la creazione di valore della singola impresa partecipata, contribuendo inoltre allo sviluppo del tessuto economico in cui tali investitori sono presenti. Al contrario degli Stati Uniti e, in parte, del Regno Unito, lo sviluppo del Private Equity in Europa e in Italia è ancora limitato 1. Negli ultimi vent anni il Private Equity è cresciuto diventando un asset class di notevole importanza e responsabile di circa un quarto dell attività globale di M&A e di circa la metà dei prestiti emessi nel mercato dei capitali 2. In anni recenti, inoltre è cresciuto in modo drammatico: da un lato ha investito attivamente in imprese operanti in un vasto range di settori, dall altro ha beneficiato di un mercato del credito estremamente liquido tra 2004 e Questo ha permesso di realizzare exit di grande successo fin dalla fine degli anni 90, determinandone una crescita globale esponenziale fino al BANCA D ITALIA, febbraio Il Private Equity in Italia. Questioni di Economia e Finanza, occasional paper n TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 7

8 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle Figura 1: Evoluzione Buyout a livello internazionale. Verso la fine dell ultimo decennio, anche questo settore come ogni altro, ha dovuto resistere alla crisi finanziaria. La diffusa incertezza economica si è combinata con una diminuzione dell indebitamento disponibile e con una riduzione di nuovi deal. Il numero di nuovi investimenti è caduto drammaticamente portando ad un calo del fundraising, nonostante il livello storicamente alto di capital commitment dei fondi di Private Equity. L aspetto positivo rilevato è che le imprese partecipate dai fondi di Private Equity sono riuscite a resistere meglio a questa flessione economica riducendo il numero di fallimenti. Questo è avvenuto grazie ad una combinazione di revenue protection, efficienza nella produzione, riduzione dei costi, gestione attenta del capitale circolante, volontà dei finanziatori e nuove opportunità di ristrutturare i debiti grazie a più alti tassi d interesse del mercato dei bonds. Potrebbe però essere che il settore del Private Equity sia diventato oggi una vittima del suo stesso successo. L eccezionale performance della prima parte dello scorso decennio ha attratto molti capitali nel settore, probabilmente utilizzati per comprare imprese grandi e visibili. È quindi possibile che nel futuro aumentino nel settore i livelli di controllo, regolazione, comunicazione e trasparenza, ma si mantiene comunque elevata la speranza per uno sviluppo positivo. I forti ritorni generati in questa asset class hanno aumentato inoltre l intensità competitiva nel mercato di quasi tutti i Paesi in cui i fondi di Private Equity operano. Data l esperienza accumulata con la crescita del settore, i fondi oggi devono sforzarsi molto di più 8

9 Il Private Equity rispetto al passato per ottenere gli stessi ritorni. Sono passati i tempi in cui si potevano acquistare assets ad un prezzo modesto e i ritorni potevano essere generati eseguendo value creation plans molto semplici. In un mondo altamente competitivo, quale quello odierno, le esigenze sono molto più vicine ad una visione industriale profonda, esecuzione impeccabile, talento ed esperienza nel mestiere e nelle strategie di creazione di valore più complesse. Si presta più attenzione quindi nell aumentare il valore delle società in portafoglio in assenza di leverage, sia per ragioni finanziarie che competitive. Di conseguenza aumenta l importanza della due diligence e dello studio di trend competitivi e del contesto in cui le imprese di portafoglio operano; maggiore attenzione viene posta nella struttura del debito, qualità dei ricavi, gestione del rischio, struttura di IT, efficienza operativa, marketing e intelligence competitiva 3. Il risultato è che l enfasi continuerà a spostarsi dai megafondi verso fondi più specializzati; in questo ambiente, diventano attivi e vitali le società di Private Equity con nicchie specializzate, buone strategie in caso di ripresa o di ribasso del mercato. I mercati emergenti (come Brasile, Cina e India) sembrano formare una parte crescente del paesaggio globale del Private Equity. Malgrado l attività di deal sia più impegnativa in questi mercati, questi offrono grandi opportunità, soprattutto per le infrastrutture da costruire per rilanciarne l economia. Tali investimenti in Paesi in via di sviluppo, sono principalmente basati sulla crescita (non leverage), e si può pensare che siano meno rischiosi di quello che ampiamente si crede. È probabile che questi mercati emergenti aumenteranno la loro quota nelle transazioni di Private Equity nel prossimo decennio, dato il crescente interesse, e portino alla ripresa dell economia globale. 1.2 Definizione di Private Equity Private Equity è il nome dato a quella parte di asset management industry dove gli investimenti sono fatti in titoli (securities) solitamente non quotati nei public markets. Gli investimenti di Private Equity sono normalmente effettuati attraverso strutture di fondi con determinati obiettivi, con una vita finita, e che perseguono strategie specifiche di investimento. Questi fondi forniscono capitale ad una vasta gamma di imprese, che vanno da business startups a imprese molto grandi e mature. Una delle ragioni per cui il settore del Private Equity esiste è che, in molti casi, le imprese hanno bisogno di capitale, che, per varie 3 TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 9

10 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle ragioni, non si può trovare nel public market. Gli investitori che forniscono capitale ai fondi di Private Equity, investono in un asset class che costituisce da un lato un mercato non regolato, e dall altro comporta un rischio relativamente alto e un alta illiquidità. La definizione di Private Equity include due tipologie di investimento nel capitale di rischio: i venture capital e i buyout. Entrambi hanno strutture organizzative simili in termini di management fee structure e longevity ma sono invece abbastanza diversi per quanto riguarda la loro strategia di investimento, nonché per la fase del ciclo di vita delle aziende in portafoglio. Il venture capital è un ampia sottocategoria di Private Equity che si riferisce a investimenti effettuati in società nei primi stadi del loro sviluppo, società giovani, innovative, con elevati potenziali di crescita, ma che difficilmente sarebbero capaci di reperire capitale di rischio con i mezzi tradizionali. I fondi di venture capital di solito non offrono solamente il capitale necessario nelle imprese in cui investono, ma anche il knowledge, consigli finanziari, amministrativi e strategici, facilitando la creazione di una rete di opportunità. A differenza dell investimento in buyout, i fondi di venture capital normalmente prendono le azioni di minoranza della società nel loro portafoglio (minority stake), ma nonostante questo ricevono significativi diritti per proteggere il loro investimento. Di solito investono in syndicate con altri venture capitalist e tipicamente mirano a un capital gain come risultato dei loro investimenti. Questa tipologia può essere classificata, a seconda della fase di sviluppo dell impresa, in: Seed financing: intervento effettuato in fasi embrionali, nella fase di sperimentazione di un prodotto/servizio e nelle idee ; Early stage: investimenti in start-up, in coincidenza all avvio dell attività produttiva, in R&D, produzione e marketing; Expansion: interventi in società giovani ma avviate, con elevati potenziali di crescita e di sviluppo, per imprimere un accelerazione in termini di acquisizione di quote di mercato. Il buyout invece è la strategia di investimento in imprese target di grandi dimensioni, che si trovano in fasi più avanzate di sviluppo, spesso caratterizzate da abbondanti risorse finanziarie e che operano in business maturi. La caratteristica principale dei fondi di buyout è che cercano di acquisire il controllo di maggioranza (majority control) delle società nel loro portafoglio. Per effettuare questa acquisizione si usa un consistente leverage finanziario, confidando sul fatto che la struttura finanziaria indebitata sia sopportata dai cash flow operativi generati all azienda avviata. I buyouts sono la categoria maggiore di Private Equity, con un totale di fondi gestiti circa 3 volte superiore al venture capital. In questa categoria 10

11 Il Private Equity vengono ricompresi anche i turnaround e i finanziamenti della ristrutturazione di imprese in perdita. Questi si riferiscono a interventi a favore di società finanziariamente problematiche, in conseguenza a una situazione di tensione economico-finanziaria. Comune alle varie tipologie di operazioni è la possibilità per gli investitori nel capitale di rischio di esercitare un intenso controllo sulle decisioni dell imprenditore rispetto i fondi di investimento nel public market (per esempio mutual funds che detengono capitale quotato). Questo avviene grazie all acquisizione di una partecipazione nel capitale della proprietà nelle imprese in cui il Private Equity investe e con successive erogazioni, subordinate al raggiungimento di obiettivi prefissati. Caratteristiche contrattuali specifiche quali l uso di strumenti ibridi di capitale-debito, il diritto di nominare propri rappresentanti nel consiglio di amministrazione, la presenza di diritti di veto e di clausole di non competizione, favoriscono il vaglio delle decisioni dell imprenditore Storia 5 La storia del Private Equity come asset class risale a prima della seconda Guerra Mondiale, con l inizio dell angel investing negli anni 30 e 40, quando le famiglie ricche, come i Vanderbilts, Rockfellers, e Bessemers fornirono capitale a imprese private in qualità di angel investors. Il settore del venture capital ha radici nel 1946 quando furono fondate due venture capital firms: American Research & Development Corporation (ARDC) and J.H. Whitney & Company (Wilson, 1985). Nei suoi 25 anni di storia, ARDC ha aiutato più di un centinaio di imprese guadagnando return annuali per i suoi investitori del 15,8%. Un importante impulso per questo settore si è avuto nel 1958, quando il governo degli Stati Uniti ha autorizzato la costituzione di small business investment companies (SBICs), molto famose negli anni 60. Questa autorizzazione ha dato alle finance companies la possibilità di ricorrere al leverage nei federal funds per effettuare prestiti alle imprese in crescita. In questo periodo, si sono sviluppate inoltre le limited liability partnerships per gli investimenti in capitale di rischio. Il grande impulso per il venture capital negli USA è arrivato comunque negli anni 70; prima tra tutti fu la riduzione delle imposte sul capital gain, e poi la promulgazione del 4 BANCA D ITALIA, febbraio Il Private Equity in Italia. Questioni di Economia e Finanza, Occasional Paper n TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 11

12 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle Employee Retirement Security Act (ERISA), durante un congresso negli USA nel 1974, che ha permesso ai pension fund di investire negli asset come Private Equity fund. Da quando il Private Equity emerse nei primi anni Ottanta 6, il valore nominale del capitale impiegato ogni anno dai fondi americani è cresciuto esponenzialmente fino ai giorni nostri: da 0,2 miliardi di Dollari nel 1980 a più di 200 miliardi di Dollari nel 2007 (è più opportuno misurarlo come percentuale del valore totale del US stock market). L attività del Private Equity sembra essere soggetta a successivi boom and bust, legati ai rendimenti passati e al livello di tasso d interesse. In particolare, come major asset class ha sperimentato a partire dagli anni Ottanta, tre maggiori espansioni seguite da forti flessioni. Figura 2: Volume delle operazioni di Private Equity Globali, Negli anni 80, il settore ha infatti investito nella vendita di molte poorly run public companies and corporate divestitures disponibili a basso costo e largamente finanziate con junk bonds. Questa espansione è finita improvvisamente quando il principale mezzo di finanziamento, the high-yield bond market, è collassato. A questo è seguita una recessione ( ) dovuta alla crisi innescata da saving-and-loan institution negli USA. Il mercato dei bond si è ripreso poi molto lentamente, rallentando l attività nel settore del Private Equity 6 KAPLAN S., STRÖMBERG P., Winter Leveraged Buyouts and Private Equity. Journal of Economic Perspetives, volume 23, number 1, pages

13 Il Private Equity per almeno 5 anni. Negli anni 90, il debt financing ha giocato un ruolo meno importante e gli investimenti del settore sono stati guidati dall accelerazione nell espansione economica 7. In questo periodo sono sorte molte Private Equity firms istituzionalizzate e si è formata una base di investitori. In particolare, le venture capital firms hanno beneficiato dall ampio flusso di interesse nelle nuove tecnologie legate all internet e al computer che si stavano sviluppando negli ultimi anni 90, finanziando deals sempre più grandi e con valutazioni più elevate. Questo boom è finito comunque quando la bolla dotcom technology è scoppiata nel marzo del 2000 e per i successivi 2 anni molte venture firms sono state costrette a cancellare significativamente i loro fondi di investimento. Nel frattempo anche il mercato dei Leveraged Buyout è declinato drammaticamente, ma altrettanto rapidamente ha poi recuperato: nel 2003 la deal activity aveva superato il picco raggiunto prima della recessione del Per il decennio successivo, il Private Equity ha cavalcato una credit bubble, gonfiata dai bassi tassi di interesse, facendo registrare valori record dei deals. Nel 2005, 2006 e la prima parte del 2007, si è registrato un boom nei buyouts, esteso anche in Europa e nella regione dell Asia Pacifica, guidato principalmente dalla disponibilità di debito delle syndicated bank. La fine di quest ultimo boom è arrivata all improvviso con la crisi del mortgage-led debt che ha congelato il mercato dei crediti nel 2008 scatenando una recessione globale Numero Valore aggregato ($ Mld) Figura 3:Evoluzione del numero e del valore aggregato dei Buyout a livello internazionale, Da notare che nel 1996 fu approvato il Telecommunication Act (la più grande riorganizzazione della leggu sulle Telecomunicazioni negli Stati Uniti). 13

14 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle Come si può vedere dal grafico, il numero di buyouts a livello internazionale è crollato significativamente nel 2008 e nel 2009, accennando però ad una ripresa dall anno successivo. Questa flessione economica ha avuto un effetto significativo nel numero, nella dimensione e nei tipi di deals conclusi da lì in poi dal Private Equity. Infatti ha provocato una stretta nell accesso alla leva finanziaria a causa del debito più scarso e costoso; di conseguenza, la necessità di una maggiore infusione di equity, ha portato a una traslazione a operazioni di dimensioni inferiori. Il fundraising è diminuito in maniera consistente e i fondi di Private Equity hanno spostato la loro presenza nei mercati emergenti. L evidenza empirica mostra che la ciclicità dell attività di Private Equity dipende dai rendimenti degli earnings, dal livello del tasso d interesse nel mercato del credito e dallo stock market. L andamento dei commitments e delle transactions nel Private Equity negli ultimi decenni, suggerisce che le condizioni del mercato del credito possono influenzare questa attività 8. Gli investitori di Private Equity si avvantaggiano dal mispricing nei mercati di debito ed equity. Quando il costo del debito è relativamente basso rispetto al costo dell equity, il Private Equity può arbitrare o beneficiare della differenza. 1.4 Performance di un fondo di Private Equity Mettendo da parte l effetto della recente crisi, il mercato del Private Equity è cresciuto rapidamente in termini di fondi costituiti. Una ragione importante per l aumento dell interesse in questo mercato dagli anni 80 è stato il fatto che tale asset class in media ha generato ritorni consistentemente più alti rispetto a investimenti alternativi (public equity e bonds market), e questo si spiega sia con la sua illiquidità, sia con il long term commitment. La misurazione della performance dei fondi di Private Equity è stata storicamente un compito abbastanza difficile poiché questi non hanno nessun obbligo a rivelare pubblicamente informazioni dettagliate né relativamente i loro investimenti in privately held companies nè in merito ai ritorni degli investimenti stessi. Tuttavia si presentano anche problemi di calcolo della performance stessa. Questo per vari ordini di motivi, tra cui la difficile comparazione con investimenti alternativi, data la maggiore rischiosità e illiquidità dei fondi di Private Equity, e la mancanza di benchmarks 8 KAPLAN S., STRÖMBERG P., Winter Leveraged Buyouts and Private Equity. Journal of Economic Perspetives, volume 23, number 1, pages

15 Il Private Equity perfettamente accettati per questa asset class. Un investimento in un fondo di Private Equity determina dei cash flows (positivi e negativi) e riflette l andamento prodotto dalle società nel portafoglio. La struttura di questi flussi di cassa si può rappresentare come nel grafico sottostante 9, da notare che il draw down rappresenta il capitale investito e quindi l uscita di cassa (cash out flow), mentre la distribution rappresenta l entrata di cassa (cash inflow) che può avvenire sotto forma di cash o di stocks: Figura 4: Flussi di cassa in entrata e in uscita. Questi cash flows fanno assomigliare l investimento in un fondo di Private Equity a uno in un bond che paga cedole, di fatto però ci sono significative differenze tra i due. I Bonds tipicamente hanno una cash outflows all inizio e una cash inflows con timing e grandezza previsti con relativa accuratezza nel bond-contract. Nel caso del fondo di Private Equity, questi elementi di cash flows sono altamente incerti. Si può investire il denaro oltre il periodo di 5 anni dal momento di innesto del fondo e si può non investire l intero ammontare impegnato. Similmente, si distribuiscono i proventi del fondo agli investitori quando vengono realizzati, ma il timing e l ammontare di questa realizzazione non può essere prevista in anticipo poiché molte volte dipendono dalle condizioni di mercato. Inoltre, la maggior entrata di cassa tende ad avvenire verso la fine dei 10 anni di vita del fondo (questo in particolar modo è il caso dei venture funds, in cui il periodo medio di investment holding è di solito più lungo di quello dei buyout funds). 9 PHALIPPOU L., ZOLLO M., November What drives Private Equity Fund performance? Mimeo, University of Amsterdam. 15

16 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle Durante l holding period la valutazione del fondo si basa sul valore degli investimenti delle società del portafoglio fair-valued, cioè su stime del valore delle società. Negli anni successivi, la liquidazione degli investimenti permette progressivamente una valutazione del fondo sulla base dei flussi di cassa generati (e distribuiti agli investitori) piuttosto che su tale stima. Di conseguenza non è facile misurare la performance di un investimento in un fondo di Private Equity prima che questo sia liquidato, e la misurazione può avvenire senza errori solamente quando il fondo è alla fine della sua vita. La misura più ampiamente diffusa è comunque IRR (Internal Rate of Return) il cui calcolo considera il timing di entrate e uscite di cassa in e dal fund partnership, oltre che il periodo di tempo in cui l investimento nel fondo è mantenuto. Durante la vita del fondo, questa misura di performance non è costante ma varia nel tempo e in particolare descrive la caratteristica J-curve. Di conseguenza, a differenza del public equity, gli investimenti in Private Equity hanno nei primi anni di vita del fondo rendimenti e cash flows negativi, e negli ultimi anni investment gains e cash flows positivi, poiché gradualmente avviene il disinvestimento. Secondo lo studio condotto da Ljungqvist e Richardson nel , un fondo medio accumula inizialmente net cash flows e rendimenti negativi (nel primo anno l IRR è di -84%) qualche anno. Dopodiché il return aumenta monotonicamente a mano a mano che sempre più investimenti sono disinvestite dal portafoglio. Dopo circa 8 anni il rendimento diventa positivo e, se il processo di disinvestimento non è completato al decimo anno, si ha un rendimento del 16,5%; i cash flows successivi aumentano l IRR in media al 21,4%. Non tutti gli autori sono concordi però nel ritenere che il settore del Private Equity abbia performance migliori rispetto investimenti alternativi. Da un lato infatti, studi condotti da Ljungqvist e Richardson (2003), Rhodes-Kropf (2003) e Kaplan e Schoar (2003) hanno evidenziato rendimenti del Private Equity eccedenti quelli di S&P500. In particolare Ljungqvist e Richardson (2003) 11 hanno valutato 73 fondi di Private Equity di un importante investitore US-based dal 1981 e 2001, trovando che tali investimenti in fondi chiusi hanno superato dal 5% all 8% annuo un aggregato del public market (S&P500); hanno inoltre imputato questo eccesso di returns all early timing degli investimenti. Anche Gottschalg (2010) ha concluso che i fondi di buyout UK-based continuano a superare i public market equivalents, dato che il campione di fondi di Private Equity considerato presenta un IRR 10 LJUNGQVIST A., RICHARDSON M., January The cash flow, return and risk characteristics of Private Equity. NBER Working Paper n LJUNGQVIST A., RICHARDSON M., January The cash flow, return and risk characteristics of Private Equity. NBER Working Paper n

17 Il Private Equity medio di 19,61%, superando di 4,5% il rendimento del public market benchmark equivalent. Dall altro lato si presentano di opinioni contrastanti gli studi di Phappilippou e Gottschalg (2006) 12, che hanno riscontrato che i fondi di Private Equity hanno avuto una performance peggiore rispetto lo S&P500 per più del 3,8% annuo. Vi sono evidenze sufficienti che mostrano che storicamente i managers dei fondi di Private Equity hanno creato considerevole valore. Nonostante il rendimento di un investitore medio di un fondo di Private equity ottenga rendimenti netti al di sotto di quelli di un ampio indice di fondi di public market, la struttura delle fees è tale per cui la media delle loro performance al lordo delle fees di solito supera significativamente gli indici di public market. Kaplan e Schoar (2003) 13 hanno inoltre evidenziato che la performance di un fondo è proporzionale alla sua dimensione e dipende inoltre dall esperienza di coloro che gestiscono il fondo stesso. Mentre, per quanto riguarda l andamento dei fondi di Private Equity rispetto al trend economico e il mercato borsistico, le ricerche hanno portato a conclusioni diverse. La maggior parte degli studi dimostra che i rendimenti storici sono stati guidati dalla disponibilità di capitali. Sia per i venture capitals che per i buyout funds, i rendimenti sono stati maggiori in periodi con bassa disponibilità di capitale, viceversa nei periodi di larga disponibilità di capitale si deprimono i rendimenti futuri. Kaplan e Schoar (2003) 14 hanno evidenziato che sviluppi positivi dell economia, incoraggiano l entrata nel settore di nuovi investitori portando a rendimenti negativi; inoltre Axelson, Stromberg e Weisbach (2007) 15 hanno mostrato come la media degli investimenti effettuati durante periodi di boom (bolla di internet o quella del biotech) abbiano rendimenti peggiori degli investimenti effettuati durante periodi di recessione. Questo infatti si spiega con il fatto che attirare capitali aggiuntivi quando le dimensioni dei fondi e degli accordi sono al loro apice, implica che gli investimenti vengono effettuati random da parte di nuovi investitori con poca esperienza, che si cimentano nel business perché attirati dal positivo andamento economico 16. Phappilippou e Zollo (2005) 17 hanno invece dimostrato che la performance dei fondi 12 PHALIPPOU L., GOTTSCHALG O., September The performance of Private Equity funds. Mimeo, University of Amsterdam. 13 KAPLAN S., SCHOAR A., Private equity performance: return, persistence and capital flows. Journal of finance 60, KAPLAN S., SCHOAR A., Private equity performance: return, persistence and capital flows. Journal of finance 60, AXELSON U., et al., January 4, Why are buyouts levered: the financial structure of Private Equity funds. NBER Working paper. 16 TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 17 PHALIPPOU L., ZOLLO M., November What drives Private Equity Fund performance? Mimeo, 17

18 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle di Private Equity è pro-ciclica poiché è positivamente correlata sia al business cycle sia al public stock market. Hanno voluto in tal modo smentire la convinzione di molti investitori istituzionali che investono pesantemente nei fondi di Private Equity sulla base della convinzione di una mancanza di correlazione tra i rendimenti di questi e quelli del mercato. 1.5 Private Equity Fund Economics 18 Il Private Equity gioca un ruolo sempre più importante nel finanziare un ampio range di businesses. Nei vent anni passati, il settore del Private Equity è stato uno dei più veloci mercati a crescere per la corporate finance. Lo scopo iniziale del Private Equity è fare investimenti in capitale (equity) in una società non quotata (o più tipicamente, in un certo numero di società). Come già detto, la finanza del Private Equity può essere applicata a società in diversi stadi di sviluppo (startup, buyout, turnaround), con diverse strutture di capitale (più o meno indebitate), in diverse zone geografiche (paesi sviluppati o in via di sviluppo), a diversi livelli di controllo (minority investements o majority investments). La maggior parte degli investimenti in Private Equity è fatta attraverso fondi con una struttura legale di limited partnership e creati con lo scopo specifico di effettuare investimenti privati. Queste partnership hanno un identità legale separata e sono istituite per seguire un mandato di investimento prescritto. La maggior parte dei capitali investiti nel Private Equity derivano da investitori istituzionali, tipicamente fondi pensione, istituzioni finanziarie, fondi di ricchezza sovrana. Questi investitori effettuano i loro investimenti sia direttamente sia attraverso managers specialisti in investimenti in Private Equity (fund of fund). La struttura di un tipico fondo di Private Equity, istituito secondo limited partnership, vede coinvolti diversi soggetti (come rappresentato nel grafico sottostante). I gestori del fondo sono chiamati General Partners (GPs) e, agendo come managers, sono responsabili per gli investimenti effettuati all interno della partnership. D altro canto gli investitori, che si impegnano a fornire il capitale alla partnership quando richiesto dal management, diventano Limited Partners (LPs) ottenendo una quota partecipativa al fondo. University of Amsterdam. 18 TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 18

19 Il Private Equity Figura 5: Struttura di un tipico fondo di Private Equity. Si descrive nel seguito ciascun soggetto individualmente Private Equity Firms or General Partners (GPs) 19 Il ruolo principale della Private Equity firm è di fornire consigli di investimento al fondo di Private Equity creato in joint partnership con gli investitori. La firm, che agisce come general partner del fondo, esegue le decisioni di investimento, supervisiona gli investimenti del fondo e riceve compensi per questi servizi. La tipica Private Equity firm è organizzata come una partnership o limited liability corporation. Negli ultimi anni 80, queste organizzazioni erano descritte come snelle, decentralizzate, con relativamente pochi professionisti e impiegati negli investimenti. Oggi la maggior parte di queste sono business (finanziariamente) solidi, sebbene siano ancora piccole in relazione alle imprese in cui investono. Sono costituite da professionisti (meno di 200 tendenzialmente nella maggior parte delle Private Equity firms) con un ampia varietà di abilità ed esperienze: i senior dei team hanno diversi backgrounds provenendo dal mondo dell industria, della finanza, della contabilità, della consulenza strategica. I team d investimento si uniscono allo scopo di costituire fondi, effettuare investimenti, e infine distribuire i profitti agli investitori. Per avere successo, i GPs devono presentare una strategia di investimento convincente e pronta per il cliente, credenziali di investimento appropriate e, di fondamentale 19 TALMOR E., VASVARI F., International Private Equity. United Kingdom: John Wiley & Sons. 19

20 Private Equity e Leveraged Buyout: il caso Seat Pagine Gialle importanza, evidenze di un precedente successo nell eseguire una simile strategia di investimento. Affinchè l investimento in un fondo sia attrattivo, non serve solo che la strategia di investimento appaia attrattiva, ma i LPs devono credere in un giusto allineamento tra i loro interessi e quelli dei managers. Questo si raggiunge con la reputazione, con equity interest (partecipazione del GP nel fondo), con uno schema di incentivi (il GP opera sotto uno schema pay-for-performance, cioè la loro ricompensa è una parte dei profitti guadagnati nell investimento, il cosiddetto carried interest ) e con un meccanismo di controllo diretto. Gli investitori si aspettano che il team di management delle Private Equity firms inserisca esperienza e successo nel business in cui investono, dimostrando di saper trasformare il business plan in realtà. Devono avere competenze in aree complementari, come strategia di management, finanza, marketing, e le loro regole devono essere ben specificate. Il loro successo dipende dall abilità del GP di selezionare efficientemente le centinaia di proposte che ricevono, abilità che si è acquisita sia attraverso l esperienza nei business operativi, sia nel campo del Private Equity. La Private Equity firm tipicamente si specializza in base a tipo di investimento e settore o localizzazione dell investimento, sebbene gran parte dei fondi di Private Equity assumano un approccio generalista: la specializzazione riduce il numero di opportunità di investimento considerate e riflette il grado di conoscenza specifica richiesta per effettuare decisioni di investimento di successo. Ci sono alcune differenze di rilievo tra venture capital firms e buyout firms. Usando un campione di 238 fondi istituiti tra 1993 e 2006, Metrick e Yasuda (2007) 20 trovarono che buyout GPs hanno avuto revenues per managed dollar inferiori rispetto i venture capital. Però il fatto che i buyout GPs costruiscano la loro prima esperienza aumentando la dimensione dei loro fondi (più velocemente di quanto fanno i venture capital) ha portato a significativamente maggiori revenues per partner e per professional nei successivi fondi di buyout, nonostante il fatto che questi fondi abbiano un minor ritorno per dollaro investito. Prese insieme questi risultati suggeriscono che l esperienza guadagnata nel business del buyout è più scalabile di quella nel business del venture capital. Entrambi i tipi di Private Equity sono naturalmente labor-intensive e businesses skillbased. La differenza cruciale tra buyout GPs e venture capital GPs deriva dal fatto che la competenza di un buyout manager può aggiungere valore a società estremamente grandi, mentre la competenza di un venture capital manager può aggiungere valore solamente a 20 METRICK A., YASUDA A., July 1, The economics of Private Equity Funds. Mimeo, University of Pennsylvania. 20

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto. Luigi Introzzi Duemme SGR

Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto. Luigi Introzzi Duemme SGR STRESA, 28-29 NOVEMBRE 2012 - GRAND HOTEL DES ILES BORROMÉES Listed Private Equity vs investimento diretto: valutazioni e confronto Luigi Introzzi Duemme SGR Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Investimenti

Dettagli

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi CONFIDENZIALE SOLO PER DISCUSSIONE La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi Il Private Equity incontra i Family Office: Focus su aspetti strategici

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

Imprenditorialità e Finanza

Imprenditorialità e Finanza Imprenditorialità e Finanza M. Giorgino, Politecnico di Milano marco.giorgino@polimi.it g Bressanone, 11 settembre 2007 Agenda Definizione ione del tema Il punto di vista dell impresa/imprenditore Il punto

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015

Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 Il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt nel 2015 AIFI - Associazione Italiana del Private

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Cosa dovrebbe sapere l imprenditore prima di scegliere il fondo di Private Equity?

Cosa dovrebbe sapere l imprenditore prima di scegliere il fondo di Private Equity? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cosa dovrebbe sapere l imprenditore prima di scegliere il fondo di Private Equity? Franco Mosca 15 Dicembre - Milano Indice 1. Chi c è dietro i fondi di private

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Tre messaggi di fondo 1. La crescita del Private Equity in Europa è motivata dal potenziale

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale. Roma, 22 giugno 2016

Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale. Roma, 22 giugno 2016 Le diverse declinazioni degli investimenti a impatto sociale Roma, 22 giugno 2016 Introduzione Tradizionalmente gli investitori sono guidati dall obiettivo di massimizzare il rendimento dei capitali investiti,

Dettagli

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Cagliari, 5 marzo 2008 1 VENTURE CAPITAL E PRIVATE EQUITY Tali termini vengono

Dettagli

Una finanza per la crescita delle imprese

Una finanza per la crescita delle imprese Una finanza per la crescita delle imprese L importanza di VC e PE. L Italia e il resto del mondo Laura Bottazzi Università di Bologna Q1. Quanto sono importanti (queste) fonti di finanziamento per la crescita

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 RICAVI, REDDITO OPERATIVO, EBITDA E UTILE NETTO IN CRESCITA ANNO SU ANNO NEL 4 TRIMESTRE 2012 E NELL INTERO ESERCIZIO 2012 Il gruppo

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Come il Private equity aggiunge valore all impresa CARLO PESARO 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il mercato di Private

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998.

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998. COMUNICATO STAMPA DEA CAPITAL ENTRA NEL SETTORE DELL ALTERNATIVE ASSET MANAGEMENT ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE DI UNA PARTECIPAZIONE DEL 44,4% IN IDEA ALTERNATIVE INVESTMENTS SOTTOSCRITTO UN COMMITMENT FINO

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del venture capital e del private equity. Punti di forza e debolezza Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 8 giugno

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali?

Intervista. Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? Intervista Intervista a Wolfgang Mader e Olga Braun-Cangl: Gli investimenti nel private market sono adatti a tutti i portafogli istituzionali? 34 Update I/2014 Marty-Jörn Klein, Redattore capo, intervista

Dettagli

INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE.

INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE. INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE. www.quercusfunds.com Strettamente Privato e Confidenziale CONSIDERAZIONI DI ASSET ALLOCATION Gli Endowment Funds In US ci

Dettagli

Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006. Intervento di Anna Gervasoni. Milano, 26 marzo 2007

Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006. Intervento di Anna Gervasoni. Milano, 26 marzo 2007 Convegno Annuale AIFI 2007 IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL NEL 2006 Intervento di Anna Gervasoni Milano, 26 marzo 2007 INDICE PREMESSA METODOLOGICA 3 GLI OPERATORI 5 LA RACCOLTA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope - Napoli 1 SOMMARIO La finanza mobiliare Il corporate finance Il merchant banking La finanza strutturata

Dettagli

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE La società, i soci, la mission pag. 2 Come operiamo, dove siamo, Clairfield International pag. 3 La partnership, le Associazioni,

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica Il ruolo delle Banche Roundtable Roma 12 Febbraio 2016 Qualità del Credito e dinamiche dei Non Performing Loans (NPL) Livelli elevati

Dettagli

Private Equity: Manager o Investitore. Michel Cohen, Sirmione, 21 Settembre 2007

Private Equity: Manager o Investitore. Michel Cohen, Sirmione, 21 Settembre 2007 Private Equity: Manager o Investitore Michel Cohen, Sirmione, 21 Settembre 2007 Michel Cohen - BIO ESPERIENZA INDUSTRIALE Procter & Gamble - Marketing Manager Galbani - Direttore Marketing Autogrill -

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

MAP Global Partners. Mergers - Acquisitions - Private Equity

MAP Global Partners. Mergers - Acquisitions - Private Equity MAP Global Partners Mergers - Acquisitions - Private Equity Overview Società di consulenza finanziaria indipendente con una forte connotazione internazionale Competenze e valori dei propri partner maturati

Dettagli

AIFI. Una finanza per la crescita delle imprese. Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo.

AIFI. Una finanza per la crescita delle imprese. Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo. AIFI Una finanza per la crescita delle imprese Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo Anna Gervasoni 22 febbraio 2013 Il peso del private equity sul PIL a livello internazionale

Dettagli

Innovare per competere Come finanziare l innovazione

Innovare per competere Come finanziare l innovazione Innovare per competere Come finanziare l innovazione M. Szemere Cofiri S.p.A. Novara, 22 maggio 2003 Contenuti (1/2) 1. Il Gruppo Cofiri Attività di Cofiri Iniziative di Cofiri nel Venture Capital e nel

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Private Equity & Venture Capital in Europa

Private Equity & Venture Capital in Europa Private Equity & Venture Capital in Europa Edoardo Bugnone Partner, Argos Soditic EVCA Chairman Il Private Equity in Europa 1,320 Gestori di Fondi in Europa 4,300 Professionisti in Europa 35 miliardi Investiti

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Impact Investing. Veronica Vecchi

Impact Investing. Veronica Vecchi Impact Investing Veronica Vecchi Impact Investing: che cos è Caratteri stiche dell Impact Investing 1 2 3 Intenzionalità dell impatto sociale e ambientale Addizionalità di valore sociale generato rispetto

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta I numeri del 2014 Raccolta Totale: 1.477 mln Euro (-64% rispetto al 2013) Indipendente: 1.348 mln Euro (+116% rispetto al 2013) 15 operatori Investimenti 3.528 mln Euro (+3% rispetto al 2013) 311 operazioni

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015 FIRST CAPITAL: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 E AVVIA L EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO FINO A EURO 10 MILIONI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA,

Dettagli

Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda

Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda 1. Massimizzare il valore dell impresa Per massimizzare il valore occorre capire quale considerare, il valore del capitale netto (stockholder wealth), che si

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting 1 I Fondi di Private Equity Natura e Modalità di Intervento 2 NATURA E SCOPI I Fondi di Private Equity sono soggetti che investono in aziende

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Focus. Qualità. Adattabilità.

Focus. Qualità. Adattabilità. Goldman Sachs Global Equity Partners portfolio UN COMPARTO DI GOLDMAN SACHS FUNDS, SICAV Focus. Qualità. Adattabilità. Accedi a titoli di alta qualità tramite Goldman Sachs Global Equity Partners Portfolio

Dettagli

Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel 2013

Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel 2013 Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel 2013 Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel 2013 AIFI - Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI

Dettagli

Focus. Qualità. Adattabilità.

Focus. Qualità. Adattabilità. UN COMPARTO DI GOLDMAN SACHS FUNDS, SICAV Focus. Qualità. Adattabilità. Accedi a titoli di alta qualità tramite Goldman Sachs Global Equity Partners Portfolio Prima dell adesione leggere il prospetto informativo

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

Private equity e LBO. Un investimento problematico: il caso Seat Pagine Gialle

Private equity e LBO. Un investimento problematico: il caso Seat Pagine Gialle Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Amministrazione, Finanza e Controllo Tesi di Laurea Private equity e LBO. Un investimento problematico: il caso Seat Pagine Gialle Relatore

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

ESTRATTO CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER)

ESTRATTO CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER) CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER) UNIMIB SEMINAR Turism & Travel Relatore LUIGI MOLERI MILANO 25/10/2011 CONTATTI: lm@mercurionmerchant.com AGENDA DEGLI ARGOMENTI TRATTATI 1--Presentazioni e ringraziamenti..

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ASPETTI GENERALI E IL CASO DEI FONDI COMUNI Lezione 17, CAPITOLO 19 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Supponete di avere deciso d iniziare a risparmiare per la pensione,

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane -Breve profilo - Maggio 2015 Introduzione Il Governo Italiano ha emanato il Decreto Legge n. 3 del 24.01.15

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Il Finanziamento delle PMI alternativo al Credito Bancario Università degli studi di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli Agostino Baiocco

Dettagli

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Introduzione Il leveraged buyout (LBO) è l acquisizione, da parte di un piccolo gruppo di investitori, di un azienda

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti culturali,

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli