La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo. Confidenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo. Confidenziale"

Transcript

1 La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo 0

2 Indice L apertura del capitale L ingresso di un Private Equity La quotazione Le Azioni Sviluppo 1

3 Le alternative per sostenere la crescita: l apertura del capitale L obiettivo del presente documento è quello di tratteggiare le principali caratteristiche delle alternative più idonee per sostenere la crescita delle imprese attraverso l apertura del capitale, ossia: 1. l ingresso di un operatore di Private Equity; 2. la quotazione in Borsa, e in particolare nei segmenti Star, Expandi e MAC (Mercato Alternativo del Capitale); 3. l emissione di Azioni Sviluppo, nuova categoria di azioni atta a sopperire i difetti delle Azioni di Risparmio. 2

4 Indice L apertura del capitale L ingresso di un Private Equity La quotazione Le Azioni Sviluppo 3

5 L ingresso di un Private Equity - i temi trattati - Il Private Equity come soluzione per... Il processo di disinvestimento Il valore apportato dall operatore all impresa e gli aspetti critici INGRESSO DI UN PRIVATE EQUITY Il processo e le attività di investimento 5 4 Gli operatori 3 Le caratteristiche dell impresa target 4

6 1 L ingresso di un Private Equity - come soluzione per... - Riorganizzazione proprietaria Ristrutturazione dell azienda Crescita dimensionale Sviluppo tecnologico QUANDO RICORRERE AL PRIVATE EQUITY Ricambio generazionale Riorganizzazione della governance Internazionalizzazione Privatizzazione 5

7 2 L ingresso di un Private Equity - il valore apportato dall operatore all impresa - Apporto di capitale di rischio Apporto di competenze strategiche, direzionali e finanziarie Apporto di management e modificazione di membri del consiglio di amministrazione, in particolare per le imprese a conduzione familiare, che hanno in questo modo la possibilità di creare nuovi contatti esterni, anche con imprenditori o dirigenti dello stesso o di altri settori Creazione di network (acquisizioni, accordi, contatti internazionali) sia finanziario sia reale Miglioramento dei sistemi di controllo di gestione, poiché aiuta l'impresa a dotarsi di programmi economico-finanziari ben precisi e di sistemi di reporting, individuando gli obiettivi da perseguire e verificando il grado del loro raggiungimento Trasparenza e contributo alla netta distinzione tra interessi personali/familiari e aziendali Miglioramento dell immagine nei confronti del mercato e delle banche Pianificazione fiscale 6

8 2 L ingresso di un Private Equity - gli aspetti critici - Riduzione della libertà decisionale dell imprenditore. Anche in caso di quota di minoranza, l operatore di Private Equity tende ad avere un peso significativo all interno del CdA modificando le regole di governance Difficoltà dell operatore di Private Equity a disinvestire dal capitale dell azienda al termine del periodo pattuito. Spesso, infatti, nonostante gli imprenditori auspichino la quotazione in Borsa, le exit way più diffuse sono la vendita ad altri operatori di Private Equity o a partner industriali Eccesso di indebitamento, derivante dalla volontà dell operatore di Private Equity di sfruttare l effetto leva Aumento dei costi per rendere tempestiva e accurata l informativa (bilanci infra-annuali, business plan, ecc.) e per rafforzare l organizzazione e i sistemi informativi 7

9 3 L ingresso di un Private Equity - le caratteristiche di una impresa target ottimale - Gli operatori di Private Equity tendono a privilegiare imprese: guidate da un imprenditore o un team imprenditoriale valido, che si dimostri determinato, ambizioso e in grado di realizzare il progetto di sviluppo con un buon management, formato da persone con consolidata esperienza e con conoscenza specifica del settore con una buona posizione competitiva caratterizzate da un interessante progetto di sviluppo con le quali sia possibile prevedere, in prospettiva, una modalità di disinvestimento, che consenta il realizzo di un capital gain 8

10 3 L ingresso di un Private Equity - le caratteristiche delle imprese target (2006) - Il 65% delle operazioni riguarda imprese con fatturato inferiore a 50 /mio (PMI) Distribuzione % del numero e dell ammontare per classi di fatturato ( /mio) Totale operazioni: 292 Distribuzione % del numero degli investimenti per classi di dipendenti Totale operazioni: 292 Il 71% delle operazioni riguarda imprese con meno di 250 addetti Fonte: Aifi 9

11 4 L ingresso di un Private Equity - gli operatori - Le variabili più significative che connotano gli operatori di Private Equity sono le seguenti: Tipologia di operatore - Operatori di emanazione bancaria - Fondi chiusi italiani - Fondi chiusi internazionali - Altri operatori (regionali, pubblici, industriali, ecc.) Dimensione dell investimento (Enterprise Value) - < 40 /mio - compreso tra 40 e 200 /mio - > 200 /mio Quota di partecipazione Tipologia di investimento - Maggioranza - Minoranza - Solo finanziario - Anche supporto manageriale 10

12 5 L ingresso di un Private Equity - il processo di investimento - L attività di investimento degli operatori di Private Equity può essere scomposta in cinque fasi fondamentali: Origination Selezione Closing/ Structuring Monitoraggio/ Creazione di valore Exit Fase in cui gli operatori ricercano le possibili aziende target; secondo alcuni operatori è quella più importante, poiché per avere successo è essenziale sottrarsi ai meccanismi di asta Fase in cui si seleziona l azienda da acquisire; valutando il profilo strategico (business plan), imprenditoriale e del management team Fase in cui occorre strutturare l operazione e chiuderla (trattativa e definizione del prezzo); è importante essere competitivi in termini di creatività di strutturazione del deal e di velocità di esecuzione Fase in cui l operatore è azionista della società e ha l obiettivo della creazione di valore Fase del processo di investimento molto delicata, anche se, secondo gli operatori stessi, se il deal è stato strutturato bene, l exit è solo una procedura 11

13 5 L ingresso di un Private Equity - le principali tipologie di investimento - A seconda delle diverse fasi del ciclo di vita dell impresa, le operazioni di Private Equity sono classificate come segue: Venture capital Early stage Expansion Investimento nelle prime fasi di avvio dell impresa, finalizzato all avvio dell attività Investimento nelle fasi di sviluppo e crescita dell impresa, finalizzato a espandere (geograficamente, merceologicamente, ) l attività Replacement Buy out Investimento finalizzato alla ristrutturazione della base azionaria, in cui l investitore istituzionale si sostituisce a uno o più soci di minoranza non più interessati a proseguire l attività Investimento finalizzato al cambiamento totale della proprietà dell impresa, sia a favore di manager interni (management buy out) sia di manager esterni (management buy in), con il frequente uso della leva finanziaria come strumento di acquisizione (leveraged buy out) 12

14 5 L ingresso di un Private Equity - le attività di investimento effettuate - Nel 2006 il maggior numero di operazioni ha riguardato casi di Expansion; in termini di ammontare, invece, si è investito maggiormente in operazioni di Buy out Fonte: Aifi 13

15 5 L ingresso di un Private Equity - le attività di investimento effettuate - Il comparto del Private Equity ha registrato negli ultimi anni (tranne nel 2004) una crescita in termini di ammontare investito, numero operazioni effettuate e numero società target + 22% Fonte: Aifi 14

16 6 L ingresso di un Private Equity - il processo di disinvestimento - Gli operatori di Private Equity sono soci temporanei, pertanto sono interessati a monetizzare il proprio investimento e a realizzare un capital gain attraverso la vendita della partecipazione Quotazione Vendita di azioni sul mercato borsistico, sia nell ambito di una offerta al pubblico collegata al processo di prima quotazione (IPO), sia in momenti successivi alla fase di collocamento Trade sale Cessione della partecipazione a un socio di natura industriale Buy out Cessione a un altro operatore di Private Equity o Venture Capital (replacement e secondary buy out) In caso di esito negativo dell operazione Buy back Write off Riacquisto della partecipazione da parte del socio originario, rimasto con quote di maggioranza o di minoranza nella compagine azionaria per tutta la durata dell operazione Abbattimento, parziale o totale, del valore della partecipazione a seguito della perdita di valore della stessa non correlata ad un atto di cessione 15

17 6 L ingresso di un Private Equity - il processo di disinvestimento - In Italia le principali exit way utilizzate dagli operatori di Private Equity sono il Trade Sale e il Buy out. È da notare, inoltre, che nel corso degli ultimi due anni sono aumentati i casi di quotazioni in borsa Distribuzione percentuale del numero dei disinvestimenti per tipologia Fonte: Aifi Buy out 16

18 Indice L apertura del capitale L ingresso di un Private Equity La quotazione Le Azioni Sviluppo 17

19 La quotazione Le quotazione come soluzione per... 1 Il processo di quotazione 5 2 I vantaggi e gli aspetti critici QUOTAZIONE I requisiti per la quotazione 4 3 La segmentazione dei mercati: Star, Standard, Expandi e MAC 18

20 1 La quotazione - come soluzione per... - Crescita raccogliere ingenti risorse finanziarie difficilmente reperibili da altri fonti, da impiegare per accelerare la crescita, salvaguardando l equilibrio finanziario Visibilità Passaggio generazionale rendere trasparenti gli obiettivi e i risultati: aumenta la credibilità e lo standing dell azienda nei confronti di clienti, fornitori, dipendenti, sistema bancario, comunità, ecc. generare un importante ritorno mediatico (articoli su principali testate nazionali e locali) consentire di liquidare (al momento della quotazione o successivamente) i soci non interessati alla gestione incentivare l ingresso di figure manageriali in azienda che affiancano la famiglia o si sostituiscono alla stessa nella gestione introdurre una gestione trasparente a beneficio di tutti i soci: il mercato è un arbitro imparziale e non invadente Diversificare il patrimonio personale e aumentare la liquidità dell'investimento 19

21 2 La quotazione - i vantaggi - Monetizzare parte del valore creato e diversificare gli investimenti Agevolare i riassetti proprietari e semplificare lo smobilizzo parziale degli azionisti (successione imprenditoriale) Agevolare il cambio di mentalità dell azienda a tutti i livelli con il continuo confronto con le altre imprese quotate Ampliare le fonti di finanziamento in termini quantitativi (con accesso diretto) e diversificare la raccolta di risorse finanziarie in termini qualitativi (riduzione della dipendenza dal sistema creditizio e conseguentemente riduzione del rischio e dell onerosità del debito) Determinare in qualunque momento un valore certo per il titolo dell azienda, garantendone la liquidità Accrescere l attrattività verso manager dotati di elevata professionalità Migliorare e valorizzare l immagine della società sul mercato ( status di prestigio ) Incrementare la visibilità del valore aziendale grazie alla trasparenza e all informazione verso il mercato che accrescono e sottolineano le garanzie dell imprese verso tutti i suoi interlocutori Facilitare la crescita esterna e agevolare le alleanze strategiche; favorire l accordo con altri partners operativi Facilitare la realizzazione di fusioni e/o acquisizioni con scambi azionari 20

22 2 La quotazione - gli aspetti critici - Timore (non giustificato) di eventuali scalate Rilevanti costi iniziali di quotazione e assorbimento di energie manageriali Necessità di definire un adeguata politica dei dividendi Perdita della privacy e parziale limitazione dell azione del management Necessità di cambiamenti organizzativi e introduzione di meccanismi di corporate governance Maggiore formalizzazione delle procedure amministrative; perfezionamento delle azioni gestionali di programmazione e controllo; introduzione dei meccanismi di controllo di gestione e controllo interno Ribassi non giustificati da situazione aziendale sfavorevole (cfr. influenza mediatica ) 21

23 3 La quotazione - la segmentazione dei mercati - Fonte: Borsa Italiana Segmento del MTA (Mercato Telematico Azionario) dedicato alle società di grandi dimensioni (più di 1 miliardo di euro di capitalizzazione) Segmenti del MTA dedicati alle società: di media dimensione (con ricavi compresi tra 100 milioni e 1 miliardo di euro) operanti con successo nei settori tradizionali e tecnologici dell economia con una capitalizzazione di mercato compresa tra 40 e milioni di euro Mercato dedicato alle società di piccola dimensione con ricavi tendenzialmente sino a 100 milioni di euro e capitalizzazione compresa tra 1 e 40 milioni di euro Mercato dedicato alle società di piccola e media dimensione con requisiti semplificati; mercato SSO (Sistema di Scambi Organizzato) 22

24 3 La quotazione - i segmenti Star, Standard e il mercato Expandi - Star e Standard Expandi I segmenti Star e Standard sono i migliori ambienti per tutte quelle società di medie dimensioni, già strutturate. A differenza dello Standard, nello Star sono quotate le azione di imprese che devono soddisfare requisiti aggiuntivi in termini di liquidità, trasparenza e qualità del governo societario. Le aziende target di questi segmenti del MTA sono caratterizzate da: ricavi mediamente compresi tra 100 e 300 milioni di euro MOL compreso tra 20 e 50 milioni di euro tasso di crescita medio annuo dei ricavi degli ultimi tre anni di almeno il 10% Fonte: Borsa Italiana Il mercato Expandi è il miglior ambiente per tutte quelle società: di piccole dimensioni che vogliono reperire nuovi capitali per finanziare la crescita, minimizzando i costi e i tempi della quotazione. Infatti, i tempi di quotazione sono limitati (2-4 mesi) e si possono avere risparmi nell ordine del 25% dei costi di quotazione Le aziende target di questo mercato sono caratterizzate da: ricavi mediamente compresi tra 15 e 60 milioni di euro MOL compreso tra 2 e 10 milioni di euro (10-15% dei ricavi) tasso di crescita medio annuo dei ricavi degli ultimi tre anni di almeno il 10% livello di indebitamento inferiore a 4 volte il MOL 23

25 4 La quotazione - i requisiti per i segmenti Star, Standard e il mercato Expandi - STAR Segmento Standard Flottante ingresso 35% 25% Bilanci con revisione Dimensione CdA: amministratori non esecutivi e indipen. Comitato di controllo interno Incentivazione top management Pubblicazione dati trimestrali Investor relation manager Sito web Informazioni contabili italiano/inglese Presenza dello specialista (liquidità) Rispetto di indicatori di bilancio econ-finan. Mercato Expandi 10% (ma almeno 750 /000 di capitalizzazione) 1 (almeno 3 pubblicati) 1 (almeno 3 pubblicati) 1 (almeno 2 pubblicati) Capitalizzazione minima 40 /mio, massima /mio Obbligatorio (N. da regolamento) Obbligatorio (maggioranza indipendenti) Obbligatoria (% significativa e correlata a obiettivi) Obbligatoria (entro 45 gg, no deroga Consob) Obbligatorio (figura professionale qualificata) Obbligatorio (italiano e inglese) Obbligatorie Sì No Capitalizzazione minima 40 /mio, massima /mio Raccomandato (Codice di Autodisciplina) Raccomandato (Codice di Autodisciplina) Raccomandato (Codice di Autodisciplina) Obbligatoria Raccomandato Raccomandato Raccomandate Capitalizzazione minima 1 /mio Fonte: Borsa Italiana * La società deve rispettare negli ultimi due esercizi: risultato operativo lordo positivo, risultato ordinario positivo, risultato netto positivo (solo consolidato se redatto) rapporto debito finanziario netto/risultato operativo lordo inferiore a 4 (solo consolidato se redatto) il risultato netto dell ultimo esercizio deve essere almeno pari a euro (solo consolidato se redatto) No No No No No No No No No No Si* 24

26 5 La quotazione - il processo di quotazione: Star, Standard ed Expandi - Il processo di quotazione è stato di recente semplificato; di seguito si descrivono le fasi principali del processo di quotazione sui mercati tradizionali 4-6 mesi prima dell offerta 2 mesi prima dell offerta 1-2 settimane precedenti Dopo l offerta Pianificazione Preparazione Definizione Marketing Offerta Aftermarket Identificazione degli obiettivi Scelta del mercato di quotazione Scelta dello sponsor Valutazione indicativa Piano di lavoro e tempistica Due diligence Richieste di autorizzazione Predisposizione documentazione Piano di comunicazione Presentazione informale all autorità di vigilanza e alla società di gestione del mercato Stima della domanda Definizione del periodo Dimensione dell offerta Contatti per il consorzio Richiesta all autorità di vigilanza e alla società di gestione del mercato Campagna di comunicazione Diffusione di equity research Nulla osta autorità di vigilanza deposito del prospetto informativo Bookbuilding Definizione del prezzo Eventuale riparto e allocazione Greymarket Pagamento e consegna Eventuale esercizio della greenshoe Stabilizzazione Sostegno della liquidità da parte dello specialist Avvio delle attività di investor relation 25

27 5 La quotazione - i costi della quotazione: Star, Standard ed Expandi - Per una società italiana di medie dimensioni i costi relativi alla quotazione (1) sono compresi tra il 3,5% e il 7% del controvalore complessivo dell offerta; tale percentuale varia in base alla dimensione del collocamento e al numero di consulenti coinvolti nell operazione Commissione di sottoscrizione e collocamento dovuta allo sponsor/global coordinator e ai membri del consorzio di collocamento (che negli ultimi 2 anni è oscillata dal 3% al 4,5% dell ammontare dell offerta realizzata) Costi per consulenti legali, consulenti di comunicazione e società di revisione (per un ammontare compreso tra i e 1 milione di euro) Spese di marketing e roadshow, stampa e diffusione del prospetto informativo Contributo annuale di vigilanza Consob Corrispettivo dovuto a Borsa Italiana per l ammissione e la permanenza sul mercato (0,015% dell offerta con un minimo di e un massimo di euro) Fonte: Borsa Italiana (1) Tutti i costi sostenuti per la quotazione sono una tantum e fiscalmente deducibili 26

28 3 La quotazione - il MAC - Il Mercato Alternativo del Capitale: promuove un Sistema di Scambi Organizzati (SSO) del capitale di rischio delle Piccole e Medie Imprese (PMI) è riservato a investitori professionali (italiani ed esteri), permettendo alle PMI in forte crescita di trovare pochi soci, con ottica di medio-lungo termine, disposti a condividerne i progetti di sviluppo è fondato su requisiti d accesso semplificati e sulla partecipazione delle banche che operano nel territorio di riferimento dell impresa fornisce all imprenditore un nuovo modo per accedere al capitale, semplice e a basso costo ( euro circa), senza rinunciare all indipendenza nella gestione dell azienda. è caratterizzato da negoziazioni che avverranno in forma di asta telematica con periodicità settimanale con un lotto minimo del controvalore di euro Le aziende target di questo mercato sono caratterizzate da: progetti di crescita ed espansione necessità di equilibrare la struttura finanziaria, anche in vista di Basilea 2 partecipazione di un fondo di private equity che vuole disinvestire (way out) o nuovi investitori che vogliono entrare nel capitale 27

29 4 La quotazione - i requisiti per il MAC - I requisiti per l ammissione alla quotazione sono semplificati L imprese deve: 1. essere costituita in forma di società per azioni 2. garantire la libera trasferibilità delle azioni, dematerializzate e accentrate in Monte Titoli 3. disporre dell ultimo bilancio certificato da una società di revisione 4. provare che i membri del CdA e del Collegio Sindacale posseggono i requisiti di onorabilità previsti dal TUF Con l ammissione al MAC, la gestione dell impresa acquisisce un maggiore rilievo per la comunità finanziaria, rendendo necessaria la comunicazione dei fatti rilevanti sulla gestione e l andamento dell impresa, anche rispetto alle strategie di sviluppo annunciate al mercato. Il regolamento del MAC prevede, quindi, specifici obblighi di comunicazione verso il Mercato e gli investitori. Tra i diversi obblighi, le imprese dovranno: pubblicare il bilancio annuale certificato da una società di revisione iscritta all albo Consob e, ove redatto, il bilancio consolidato pubblicare la relazione semestrale entro 90 giorni dalla chiusura di ciascun semestre aggiornare annualmente la scheda informativa depositata in occasione della presentazione della domanda d ammissione 28

30 5 La quotazione - il processo di quotazione: MAC - L impresa si rivolge ad una della banche autorizzate La banca valuta i presupposti per accedere al MAC Lo specialista effettua una stima del prezzo di collocamento delle azioni; mette in contatto l impresa con gli investitori e redige la strategia di sviluppo e il piano di impresa Lo sponsor supporta l impresa nella redazione dalla domanda (ultimo bilancio d esercizio certificato, relazione di certificazione, documentazione sul management) L impresa colloca il capitale avvalendosi dello Specialista che: individua gli investitori da invitare al collocamento privato, d'intesa con l'imprenditore organizza la presentazione agli investitori professionali stima il prezzo di collocamento assegna il capitale agli investitori previo gradimento dell imprenditore Lo Sponsor resta al fianco dell impresa anche dopo l ammissione assistendola per almeno tre anni nelle comunicazioni al Mercato. Nell ammissione, l impresa candidata può scegliere di essere assistita anche da un Advisor 29

31 Indice L apertura del capitale L ingresso di un Private Equity La quotazione Le Azioni Sviluppo 30

32 Le Azioni Sviluppo I contenuti 1 AZIONI SVILUPPO I soggetti emittenti 3 2 Come soluzione per... 31

33 1 Le Azioni Sviluppo - i contenuti - Le Azioni Sviluppo sono una categoria innovativa di azione che permette: all imprenditore al mercato di realizzare importanti progetti di sviluppo senza rinunciare al controllo della Società di investire in società con progetti industriali innovativi di medio/lungo termine: beneficiando di una redditività privilegiata partecipando ai vantaggi di una eventuale OPA obbligatoria avendo la facoltà di convertirle in azioni ordinarie, al verificarsi di alcune condizioni 32

34 1 Le Azioni Sviluppo - i contenuti - Le Azioni Sviluppo sottendono un patto chiaro tra l imprenditore e gli investitori L imprenditore accetta di impegnarsi su un progetto industriale innovativo di medio/lungo termine con obiettivi tempificati (rolling) Ruoli definiti Il mercato accetta di non partecipare al controllo della società e di investire sull imprenditore e sulla sua capacità di visione e di guida nell attuazione del progetto Se l imprenditore cede il controllo (salvo OPA 1 e successione generazionale), i possessori di Azioni Sviluppo possono convertire le loro azioni in ordinarie Patti chiari Se i risultati non sono adeguati (sono cioè inferiori ai risultati minimi predefiniti dall imprenditore al momento dell emissione), le Azioni Sviluppo possono essere convertite in azioni ordinarie 1 In questo caso le Azioni Sviluppo partecipano di diritto all OPA stessa 33

35 1 Le Azioni Sviluppo - i contenuti - Le Azioni Sviluppo attribuiscono ai sottoscrittori: il diritto di voto esclusivamente sulla revoca degli amministratori, non incidendo significativamente sul controllo della società diritti patrimoniali privilegiati, come il diritto di percepire una percentuale maggiore degli utili rispetto alle azioni ordinarie e un payout minimo garantito il diritto di convertire le Azioni Sviluppo in azioni ordinarie se l imprenditore cede il controllo (salvo OPA obbligatoria e successione generazionale) o se le performance aziendali ottenute sono inferiori ai risultati minimi predefiniti dall imprenditore al momento dell emissione all imprenditore e agli altri azionisti ordinari: il diritto di riscattare le Azioni Sviluppo dopo che i sottoscrittori hanno acquisito, nelle circostanze precedentemente dette, il diritto di voto pieno Inoltre, l imprenditore deve assicurare alle Azioni Sviluppo una adeguata liquidità emettendone un ammontare minimo tale da comportare la perdita di controllo in caso di conversione delle Azioni in ordinarie (nei casi precedentemente detti) 34

36 2 Le Azioni Sviluppo - come soluzione per... - Favorire la crescita e lo sviluppo delle imprese italiane a bassa e media capitalizzazione (sia per aziende già quotate sia per aziende quotabili) coniugando, da un lato, la raccolta di nuovo capitale di rischio attraverso la Borsa e, dall altro lato, la piena valorizzazione del ruolo di guida dell imprenditore Offrire Controbilanciare al mercato uno strumento per investire su progetti industriali innovativi di medio/lungo termine, puntando sulla capacità di visione e di fare impresa dell imprenditore l asimmetria informativa tra impresa e investitori nei casi in cui le imprese: operino in settori, o sviluppino progetti, innovativi e/o con forti discontinuità abbiano una formula imprenditoriale fortemente basata sullo sfruttamento di beni immateriali ( intangibles ) 35

37 3 Le Azioni Sviluppo - i soggetti emittenti - A B C Società non quotate che intendono rimanere tali (anche con un eventuale intervento del Private Equity) Società prossime alla quotazione (anche con contestuale emissione di azioni ordinarie) Società quotate Nei casi B e C occorre garantire una adeguata liquidità 36

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli