UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE SCUOLA DI DOTTORATO DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE PRIVATE EQUITY BACKED COMPANIES: CRESCITA O INSUCCESSO? ANALISI COMPARATA DELLE PERFORMANCE. Coordinatore: Ch.mo Prof. Alessandro Lai Relatore: Ch.ma Prof.ssa Giuseppina Chesini Dottoranda: Elisa Giaretta XXVI ciclo Anni 2011/2013

2

3 Io sono per inclinazione un ricercatore. Sento la sete di conoscenza e l avida inquietudine di progredire in essa. (E. Kant, 1764)

4

5 Prefazione In linea con la forte crescita avvenuta in Europa negli ultimi anni, il private equity è diventato un argomento di grande attenzione nella ricerca accademica. Il mio interesse per l argomento deriva dall importanza dello strumento come occasione di crescita per le imprese e per l economia nel suo complesso. Questo lavoro non sarebbe stato possibile senza il prezioso contributo di numerose persone e istituzioni. Prima di tutto, il mio ringraziamento va alla Prof.ssa Giusy Chesini, mio supervisore accademico che mi ha supportato in tutto il percorso di dottorato. Ringrazio, inoltre, la Bangor Business School ed in particolare il Prof. Philip Molyneux per avermi ospitata come visiting scholar durante la stesura del presente elaborato. Alcune analisi quantitative riportate nel presente lavoro sono state in precedenza presentate e discusse in alcuni convegni nazionali e internazionali. Pertanto, ringrazio per i preziosi consigli ricevuti durante i seguenti convegni: Convegno Estivo ADEIMF 2013 (Lecce, settembre 2013), Wolpertinger Conference 2013 (Gothenburg, agosto, 2013), International Accounting and Finance Doctoral Symposium 2013 (Bologna giugno 2013), Wolpertinger Conference 2012 (Malta, 29 agosto - 1 settembre 2012), Convegno Estivo ADEIMF 2012 (Capri, giugno 2012). Quindi ringrazio sentitamente l ADEIMF e il Wolpertinger Club per le borse di studio che mi sono state erogate al fine di partecipare a detti convegni. Infine, il ringraziamento più profondo va alla mia famiglia, senza la quale non avrei potuto nemmeno iniziare questo percorso. Elisa Giaretta, Verona, febbraio 2014

6

7 Indice Estratto... 1 Abstract... 2 Introduzione... 3 Capitolo 1: Gli investimenti di private equity Gli investimenti di private equity: caratteristiche e peculiarità Le definizioni di private equity Il confronto tra il private equity e il debito tradizionale I benefici del private equity I problemi legati al private equity Le tipologie di operazioni di private equity Il finanziamento all avvio dell impresa il finanziamento allo sviluppo il finanziamento al cambiamento Capitolo 2: Gli investitori di private equity Le ragioni degli investimenti di private equity I

8 2.2 La limited partnership I fondi comuni di investimento I fondi comuni di investimento all estero I costi dei fondi di investimento I limited partner I general partner Le Società di Gestione del Risparmio Le Società di Gestione Armonizzate Le Società di Investimento a Capitale Variabile Gli operatori bancari I venture capitalist Gli incubatori Gli acceleratori I business angels Gli operatori pubblici Le finanziarie regionali Il Fondo Strategico Italiano Il Fondo Italiano di Investimento Gli altri operatori I Business Innovation Centre Le università I corporate venture capitalist I vulture investor Le società di consulenza Le società di ricerca & sviluppo II

9 Capitolo 3: Le fasi delle operazioni di private equity Introduzione Il fund raising L investimento Il deal flow La due diligence Il business plan Il closing Gli strumenti legati al prezzo I patti parasociali Il monitoraggio Il disinvestimento Capitolo 4: Il mercato del private equity Il mercato italiano del private equity Gli operatori del mercato italiano Il fund raising nel mercato italiano Gli investimenti nel mercato italiano I disinvestimenti nel mercato italiano Il mercato europeo del private equity Gli operatori del mercato europeo Il fund raising nel mercato europeo Gli investimenti nel mercato europeo I disinvestimenti nel mercato europeo Capitolo 5: La valutazione degli investimenti di private III

10 equity Introduzione La valutazione delle imprese oggetto di private equity Il metodo dei multipli Il Discounted Cash Flow L Adjusted Present Value Il modello reddituale, patrimoniale e misto La PEP Drivers Grid La valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity L Internal Rate of Return Il Net Asset Value Il Cash Multiple Il Residual Vale to Paid-In Il benchmark Capitolo 6: Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi IV

11 6.6 Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione e le implicazioni delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Capitolo 7: Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance in Europa Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione sui risultati delle analisi Le implicazioni dei risultati delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Capitolo 8: Private equity backed companies versus gestori di investimenti di private equity: analisi delle performance Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca V

12 8.4 La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione e le implicazioni delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Conclusioni Bibliografia Appendice VI

13 Indice delle tabelle - Tabella I.1: struttura del lavoro Tabella 1.1: differenze tra fondi di private equity, fondi speculativi e fondi comuni di investimento Tabella 1.2: principali differenze tra debito tradizionale e investimenti di private equity Tabella 1.3: classificazione degli investimenti di private equity secondo Pratt (1981) Tabella 1.4: classificazione degli investimenti di private equity secondo Fenn e altri (1995) Tabella 2.1: l'attività di investimento dei business angels italiani nel Tabella 3.1: contributi degli operatori di private equity nell attività delle imprese partecipate Tabella 3.2: articolazione del business plan Tabella 3.3: elementi positivi e negativi del business plan Tabella 3.4: clausole contrattuali presenti nei contratti relativi alle operazioni di private equity Tabella 3.5: eventi al verificarsi dei quali vi è una redistribuzione delle quote di partecipazione Tabella 5.1: parametri più diffusi nella valutazione dei multipli Tabella 6.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) Tabella 6.2: distribuzione degli investimenti di private equity negli anni VII

14 - Tabella 6.3: statistiche descrittive dei campioni analizzati Tabella 6.4: modello OLS (1) Tabella 6.5: modello OLS (2) Tabella 6.6: modello OLS (2) Tabella 6.7: modello Probit (3) Tabella 6.8: modello Probit (4) Tabella 7.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) Tabella 7.2: investimenti in Europa nel 2009 (dati in milioni di ) Tabella 7.3: distribuzione delle imprese oggetto di private equity negli anni Tabella 7.4: distribuzione delle osservazioni Paese settore negli anni Tabella 7.5: statistiche descrittive sul campione di imprese non oggetto di private equity Tabella 7.6: statistiche descrittive sul campione di imprese oggetto di private equity Tabella 7.7: modello Probit (1) Tabella 7.8: regressione OLS (2) Tabella 7.9: regressione OLS (2) Tabella 7.10: regressione OLS (2) Tabella 7.11: regressione OLS (2) Tabella 7.12: test della T di Student (imprese oggetto di private equity) Tabella 7.13: test della T di Student (imprese non oggetto di private equity) Tabella 8.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) VIII

15 - Tabella 8.2: statistiche descrittive sulle SGR e sulle imprese oggetto di private equity Tabella 8.3: modello Probit (1) Tabella 8.4: regressione OLS (2) Tabella 8.5: regressione OLS (2) Tabella 8.6: regressione OLS (2) Tabella A.1: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 6) Tabella A.2: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 7) Tabella A.3: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 8) IX

16 Indice dei grafici - Grafico 4.1: operatori di private equity nel 2012per tipologia Grafico 4.2: operatori di private equity attivi nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.3: evoluzione dei capitali raccolti Grafico 4.4: capitali raccolti nel 2012 per tipologia di operatore Grafico 4.5: capitali raccolti nel 2012 per origine geografica Grafico 4.6: capitali raccolti nel 2012 per tipologia di fonte Grafico 4.7: evoluzione dell'ammontare investito Grafico 4.8: investimenti nel 2012 per segmento di mercato (ammontare) Grafico 4.9: investimenti nel 2012 per segmento di mercato (numero) Grafico 4.10: investimenti nel 2012 per tipologia di operatore (ammontare) Grafico 4.11: investimenti nel 2012 per tipologia di operatore (numero) Grafico 4.12: ammontare medio investito nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.13: distribuzione del numero di buy out nel 2012 per classe dimensionale Grafico 4.14: distribuzione % del numero di investimenti nel X

17 2012 per classi di dipendenti delle imprese target Grafico 4.15: distribuzione del numero di investimenti nel 2012 per classi di fatturato delle imprese target Grafico 4.16: distribuzione geografica del numero di investimenti nel Grafico 4.17: evoluzione dell'ammontare disinvestito Grafico 4.18: distribuzione del numero di disinvestimenti nel 2012 per tipologia Grafico 4.19: distribuzione dell'ammontare disinvestito nel 2012 per tipologia Grafico 4.20: distribuzione del numero dei disinvestimenti nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.21: distribuzione dei disinvestimenti nel 2012 per tipologia di operatore Grafico 4.22: operatori attivi per categoria nel 2011 in Europa Grafico 4.23: evoluzione dei capitali raccolti in Europa Grafico 4.24: capitali raccolti nel 2012 in Europa per origine geografica Grafico 4.25: capitali raccolti nel 2012 in Europa per tipologia di fonte nel Grafico 4.26: evoluzione dell'ammontare investito in Europa Grafico 4.27: investimenti nel 2012 in Europa per segmento di mercato (ammontare) Grafico 4.28: investimenti nel 2012 in Europa per segmento di mercato (numero) Grafico 4.29: distribuzione % del numero di investimenti nel 2012 in Europa per classi di dipendenti delle imprese target Grafico 4.30: distribuzione geografica del numero di XI

18 investimenti nel 2012 in Europa Grafico 4.31: ammontare degli investimenti nel 2012 in Europa in percentuale sul PIL Grafico 4.32: evoluzione dell'ammontare disinvestito in Europa Grafico 4.33: distribuzione del numero di disinvestimenti nel 2012 in Europa per tipologia XII

19 Indice delle figure - Figura 1.1: gli investimenti alternativi Figura 1.2: principali benefici del private equity Figura 1.3: classificazione degli investimenti di private equity secondo Kraft (2001) Figura 1.4: tipologie di investimento di private equity e venture capital secondo AIFI (2000) Figura 1.5: classificazione degli investimenti di private equity e venture capital in base alle esigenze delle imprese Figura 2.1: principali categorie di limited partner, general partner e PEBC in Italia Figura 2.2: la limited partnership Figura 2.3: vantaggi e svantaggi dei business angels Figura 2.4: promotori e fondatori dei Business Innovation Centre Figura 3.1: ciclo di vita di un fondo di private equity Figura 3.2: articolazione del processo di vendita Figura 3.3: determinazione del prezzo di vendita finale Figura 5.1: stato patrimoniale a valori contabili e a valori di mercato Figura 5.2: calcolo del FCFF Figura 5.3: calcolo del FCFE Figura 7.1: schema logico dell analisi con modello OLS Figura 7.2: schema logico per i test della T di Student XIII

20 XIV

21 Estratto L elaborato effettua un analisi comparata della performance delle imprese oggetto di investimenti di private equity. Lo scopo della ricerca consiste nell esplorare l impatto degli investimenti di private equity su alcune variabili di redditività, finanziarie e di crescita dimensionale nelle imprese oggetto di investimento. Dopo avere analizzato, nell ordine, le principali caratteristiche degli investimenti, gli operatori di private equity, le fasi di investimento e i tratti fondamentali del mercato italiano ed europeo, si effettua lo studio delle performance delle imprese oggetto di investimenti di private equity tramite l utilizzo di modelli statistici di tipo Probit e Ordinary Least Squares (OLS). Si è condotta l analisi prendendo come riferimento principale le imprese private equity backed situate in Italia, per cui si è creato un database di imprese italiane oggetto di investimento nel periodo usato come benchmark con cui effettuare confronti con altre imprese. L'analisi è stata condotta in tre livelli. Nel primo livello si sono confrontate le imprese italiane oggetto di private equity con un campione di imprese con caratteristiche simili in termini di settore, dimensione e area geografica, ma non oggetto di investimento. Nel secondo livello si sono confrontate le performance delle imprese italiane oggetto di private equity con imprese private equity backed localizzate nei principali Paesi europei per numero di investimenti. Nell ultimo livello si è confrontato il campione di riferimento di imprese italiane oggetto di private equity con gli operatori che gestiscono i loro investimenti. I risultati dell analisi suggeriscono che gli investimenti di private equity hanno, in media, un effetto positivo in termini di crescita dimensionale rispetto alle imprese non oggetto di investimento. Nei primi anni dopo l investimento gli operatori di private equity agiscono per migliorare le variabili di crescita delle imprese private equity backed, anche a scapito della redditività, preferendo risultati di lungo periodo. I risultati osservati nel mercato europeo sono in linea con quanto osservato nel mercato italiano. Per di più, i gestori dei fondi di private equity ottengono una performance superiore rispetto alle imprese investite. 1

22 Abstract The work carries out a comparative analysis of the performance of private equity backed companies. The purpose of this research is to explore the impact of private equity investments on variables of profitability, financial and dimensional growth for target companies. After reviewing the main characteristics of private equity - investment, operators, stages and the Italian and European market - we studied the performance of private equity backed companies through the use of statistical Probit and OLS models. We conducted the analysis taking as benchmark the private equity backed companies located in Italy, so we created a database of Italian companies that have being subject to investments in the period and we compare this sample with other companies. The analysis was ran on three levels. In the first one we compared the sample formed by Italian private equity backed companies with a sample of non private equity backed companies with similar characteristics in terms of industry, size and geographic area. In the second level we compared the performance of Italian private equity backed companies with a sample of private equity backed companies located in the first eight European countries for number of investments. In the last level we compared the sample of Italian private equity backed companies with a sample of operators that manage private equity investments. The results of the analysis suggest that private equity investments have, on average, a positive effect on target companies in terms of dimensional growth in comparison to non invested companies. In the first post investment years, private equity operators act to improve the growth of private equity backed companies, even decreasing profitability, so preferring long-term results. The results observed in the European market are in line with the ones observed in the Italian market. Moreover, the analyses suggests that managers of private equity investments achieved higher performance than invested companies. 2

23 Introduzione Il private equity è definito dall Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital (AIFI) come l attività d investimento nel capitale di rischio delle imprese non quotate con l obiettivo della valorizzazione dell impresa oggetto d investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio lungo termine. Il private equity rappresenta sia un asset class interessante per gli investitori istituzionali che presentano orizzonti di investimento di medio - lungo termine che un importante opportunità di crescita per le imprese e per l economia nel suo complesso. La possibilità di reperire capitale proprio per un lungo periodo di tempo può risultare decisiva nell economia di un impresa, ancor di più in una situazione come quella attuale in cui si registra la crescente difficoltà da parte delle imprese nel reperire risorse finanziarie sul mercato a costi sostenibili. L attività di private equity sta assumendo sempre più un ruolo di primaria importanza nei sistemi economico finanziari a livello internazionale. Infatti, il mercato del private equity risulta importante in termini di risorse a livello mondiale ed europeo. Tale rilievo è riscontrabile anche per il mercato italiano, nel quale, secondo le statistiche dell AIFI, l ammontare delle operazioni concluse nel 2012 è stato pari a 349, per un totale di milioni di Euro di capitali raccolti e milioni di Euro di capitali investiti. Tuttavia, nonostante la sua diffusione, il ruolo del private equity è ritenuto controverso. Vi sono infatti molti studi che sostengono che le operazioni di private equity presentino più svantaggi che vantaggi per l'impresa oggetto di investimento. In questo lavoro di tesi, si è ritenuto importante approfondire 3

24 nell attuale contesto economico la seguente domande di ricerca: qual è l impatto, in termini reddituali, finanziari, e di crescita dimensionale, che l intervento degli operatori di private equity genera sulle imprese oggetto di investimento, con riferimento principale al mercato italiano? Diversamente da quanto presente nella letteratura accademica, il presente lavoro si pone l obiettivo di dare una risposta alla research questions di cui sopra attraverso un analisi più completa, che confronti direttamente le performance delle imprese target con l andamento di imprese non oggetto di investimento ma che presentano simili caratteristiche. La finalità di questo lavoro è di mostrare come il ricorso al private equity possa essere determinante per il successo dei programmi di crescita e di miglioramento dell impresa e possa innescare un circolo virtuoso tra strategie vincenti e forme di finanziamento adeguate. L elaborato si suddivide in due parti: nella prima parte si descrive l argomento dal punto di vista teorico, definendo le principali caratteristiche dell oggetto di studio, mentre nella seconda parte si analizza il fenomeno tramite metodologie di ricerca quantitativa, per rispondere analiticamente alla domanda di ricerca principale. La prima parte comprende i primi cinque capitoli dell elaborato, come descritti di seguito. Nel primo capitolo si introduce il concetto di private equity, illustrandone le principali definizioni, le caratteristiche che lo contraddistinguono e le differenze con le altre tipologie di finanziamento per l impresa e di investimento per gli investitori. Inoltre, si descrivono le principali classificazioni delle tipologie di investimento. Il secondo capitolo si concentra sugli investitori di private equity. Dopo una panoramica sulle ragioni principali che spiegano gli investimenti di private equity e le teorie economiche che sottostanno a tali investimenti, si descrive la modalità principale in cui vengono strutturati gli investimenti in Italia e in Europa, ovvero la limited partnership. Successivamente, si effettua una rassegna dei soggetti che compongono la limited partnership, soffermandosi sulle 4

25 caratteristiche delle singole tipologie di operatori, in particolare sulle Società di Gestione dei Risparmi (SGR) italiane. Nel terzo capitolo si descrivono le fasi che portano alla formazione degli investimenti di private equity, dalla raccolta delle risorse (fund raising), all investimento nelle imprese, fino al disinvestimento dalle operazioni attuate. In particolare, si approfondisce l iter da seguire nella fase dell investimento, descrivendo i passaggi che iniziano con i primi contatti con le imprese, fino all acquisto delle partecipazioni. Il quarto capitolo analizza il mercato del private equity. Si studiano sia il mercato italiano che il mercato europeo. Per entrambi i mercati si analizzano gli operatori presenti, l attività di raccolta dei capitali, gli investimenti e i disinvestimenti, tracciando l andamento nel periodo , soffermandosi in particolare sull ultimo esercizio. Il quinto capitolo descrive una panoramica delle modalità di valutazione degli investimenti di private equity. Nella prima parte del capitolo si descrivono i metodi per la valutazione delle imprese oggetto di investimento, mentre nella seconda parte si analizzano le modalità di valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity. Dopo aver analizzato dettagliatamente i sopracitati aspetti teorici, sfruttando tali fondamenti si è passati negli ultimi tre capitoli all analisi delle performance delle imprese oggetto di private equity tramite metodologie di ricerca quantitativa. In particolare, nel sesto capitolo si studiano le performance delle private equity backed companies (PEBC) nel mercato preso come riferimento principale, ovvero quello italiano. Le imprese oggetto di investimento vengono confrontate con un campione di imprese con caratteristiche simili in termini di dimensione, settore industriale e area geografica, ma che non sono oggetto di private equity. Nel settimo capitolo, seguendo lo stesso metodo utilizzato nel sesto capitolo nell analisi delle performance in Italia, si studiano le performance delle PEBC in altri Paesi europei. Anche in questo caso si costruisce un campione di confronto di imprese non oggetto di private equity e lo si confronta con le imprese oggetto di investimento. Ci si sofferma poi ad analizzare se sussistono differenze nelle performance delle imprese target tra il mercato di riferimento e gli 5

26 altri Paesi europei analizzati. Nell ottavo capitolo si confrontano le performance delle imprese oggetto di private equity italiane con una tipologia di gestori di investimenti di private equity, ovvero le SGR italiane. Successivamente, si analizzano le differenze nelle performance delle SGR legate alle caratteristiche delle imprese gestite. L elaborato termina con una breve conclusione sugli argomenti trattati, seguita dalla bibliografia utilizzata. Infine in appendice sono presenti le definizioni delle variabili utilizzate nella ricerca quantitativa. La tabella I.1 riassume la struttura del lavoro. 6

27 Tabella I.1: struttura del lavoro. 1. Gli investimenti di private equity Caratteristiche e peculiarità Le tipologie di operazioni 2. Gli investitori di private equity Ragioni degli investimenti Limited partnership General partner Limited partner 3. Le fasi delle operazioni di private equity Introduzione Fund raising Investimento Disinvestimento 4. Il mercato del private equity Mercato italiano (operatori, fund raising, investimenti, disinvestimenti) Mercato europeo (operatori, fund raising, investimenti, disinvestimenti) 5. La valutazione degli investimenti di private equity Introduzione Valutazione delle imprese oggetto di private equity Valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity 6. Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni 7. Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance in Europa Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni 8. Private equity backed companies versus gestori degli investimenti di private equity: analisi delle performance Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni Fonte: nostra elaborazione. Conclusioni Bibliografia Appendice 7

28 8

29 Capitolo 1 Gli investimenti di private equity 1.1 Gli investimenti di private equity: caratteristiche e peculiarità Le definizioni di private equity L attività di private equity consiste nell investimento istituzionale nel capitale di rischio di un impresa, definita private equity backed companies (PEBC) o impresa target. L investimento di private equity si esplicita nell apporto di risorse finanziarie da parte di operatori specializzati, sotto forma di partecipazione al capitale azionario o di sottoscrizione di titoli obbligazionari convertibili in azioni, per un arco temporale medio lungo, in imprese dotate di un progetto e di un potenziale sviluppo. L Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital (AIFI) 1 definisce l attività di private equity come l attività di investimento nel capitale di rischio delle imprese non quotate con 1 L'AIFI è un'organizzazione che racchiude le istituzioni finanziarie che stabilmente e professionalmente effettuano investimenti in aziende, sotto forma di capitale di rischio, attraverso l'assunzione, la gestione e lo smobilizzo di partecipazioni prevalentemente in società non quotate, con un attivo sviluppo delle aziende partecipate. L'Associazione è stata costituita nel maggio 1986 al fine di sviluppare, coordinare e rappresentare, in sede istituzionale, i soggetti attivi sul mercato italiano dell'investimento in capitale di rischio. 9

30 l obiettivo della valorizzazione dell impresa oggetto di investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio lungo termine (AIFI, 1998). La definizione fornita dall AIFI raccoglie diverse tipologie di attività di investimento, mettendo in luce i caratteri tipici dell investimento di private equity, ovverosia l ingresso diretto nel capitale di un impresa non quotata, l orizzonte temporale circoscritto dell operazione e l obiettivo del potenziamento della redditività aziendale. L ingresso diretto nel capitale aziendale consente all investitore istituzionale di diventare a tutti gli effetti socio dell impresa target, ottenendo la possibilità di esercitare una forma variabilmente intensa di controllo sulle decisioni aziendali. L investitore di private equity, che prende il nome di Socio Investitore, apporta le competenze specifiche che consentono un potenziamento delle capacità finanziarie e gestionali dell impresa, mentre generalmente non possiede le competenze distintive di business tipicamente proprie del proprietario dell impresa, detto anche Socio Imprenditore. Ne consegue che il rapporto tra il Socio Investitore ed il Socio Imprenditore assume un ruolo cruciale nell andamento dell operazione, poiché l esito positivo della stessa dipende in larga misura dalla fiducia, dal dialogo e dalla condivisione degli obiettivi tra le diverse figure che compongono la proprietà dell impresa. Con riguardo al secondo elemento distintivo presente nella definizione di AIFI (1998), si noti che l investimento di private equity ha carattere temporale perché circoscritto nel tempo, generalmente in 5 anni. Tuttavia, la durata medio lunga dell investimento consente di adoperare le risorse all interno delle PEBC in modo stabile e duraturo. Il capitale paziente viene impiegato per ottenere risultati solidi e non per perseguire obiettivi di breve periodo. Infine, l obiettivo dell investimento consiste nella crescita dell impresa, per cui sono oggetto di investimento imprese che presentano buone prospettive di sviluppo, come imprese di nuova costituzione o imprese in espansione, o ancora imprese in temporaneo 10

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity LA VALUTAZIONE DEGLI ATTIVI ILLIQUIDI DETENUTI DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La valutazione degli attivi nei fondi di private equity Relatore: Daniele Monarca 12 Luglio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?! Authorized and regulated by the Financial Conduct Authority fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA Come sarà il business della mia azienda fra 5 anni? Quali sono

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Un quadro dell evidenza empirica Cosenza 20 ottobre 2003 1 rilevanza e attualità del tema tra le 10 questioni irrisolte della finanza moderna

Dettagli

Introduzione al Private Equity Strumenti di capitale di rischio per la PMI

Introduzione al Private Equity Strumenti di capitale di rischio per la PMI Introduzione al Private Equity Strumenti di capitale di rischio per la PMI Rimini, 11 ottobre 2013 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private Equity? Quali sono gli obiettivi

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Bet Analytics. www.bet-analytics.com. Founder: Antonino Marco Giardina

Bet Analytics. www.bet-analytics.com. Founder: Antonino Marco Giardina Bet Analytics www.bet-analytics.com One Line Pitch: Nuova forma di investimento alternativa basata sullo sport e non correlata all andamento dei mercati finanziari Settore: Alternative investment - Betting

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

La gestione patrimoniale che stai cercando.

La gestione patrimoniale che stai cercando. La gestione patrimoniale che stai cercando. Vorrei investire professionalmente i miei risparmi Vorrei avere un referente competente e riservato che sappia ascoltarmi Vorrei scegliere tra prodotti d investimento

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p.

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p. INDICE IIIX XIII Guida alla lettura Premessa 3 Capitolo primo La contabilità analitica a supporto del Processo Decisionale 6 1.1 Il significato e lo scopo della contabilità analitica 1.1.1 I principi guida

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

INVESTMENT ADVISORY. Consulenza personalizzata per Investitori Privati

INVESTMENT ADVISORY. Consulenza personalizzata per Investitori Privati INVESTMENT ADVISORY Consulenza personalizzata per Investitori Privati Novembre 2015 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli