UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE SCUOLA DI DOTTORATO DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE PRIVATE EQUITY BACKED COMPANIES: CRESCITA O INSUCCESSO? ANALISI COMPARATA DELLE PERFORMANCE. Coordinatore: Ch.mo Prof. Alessandro Lai Relatore: Ch.ma Prof.ssa Giuseppina Chesini Dottoranda: Elisa Giaretta XXVI ciclo Anni 2011/2013

2

3 Io sono per inclinazione un ricercatore. Sento la sete di conoscenza e l avida inquietudine di progredire in essa. (E. Kant, 1764)

4

5 Prefazione In linea con la forte crescita avvenuta in Europa negli ultimi anni, il private equity è diventato un argomento di grande attenzione nella ricerca accademica. Il mio interesse per l argomento deriva dall importanza dello strumento come occasione di crescita per le imprese e per l economia nel suo complesso. Questo lavoro non sarebbe stato possibile senza il prezioso contributo di numerose persone e istituzioni. Prima di tutto, il mio ringraziamento va alla Prof.ssa Giusy Chesini, mio supervisore accademico che mi ha supportato in tutto il percorso di dottorato. Ringrazio, inoltre, la Bangor Business School ed in particolare il Prof. Philip Molyneux per avermi ospitata come visiting scholar durante la stesura del presente elaborato. Alcune analisi quantitative riportate nel presente lavoro sono state in precedenza presentate e discusse in alcuni convegni nazionali e internazionali. Pertanto, ringrazio per i preziosi consigli ricevuti durante i seguenti convegni: Convegno Estivo ADEIMF 2013 (Lecce, settembre 2013), Wolpertinger Conference 2013 (Gothenburg, agosto, 2013), International Accounting and Finance Doctoral Symposium 2013 (Bologna giugno 2013), Wolpertinger Conference 2012 (Malta, 29 agosto - 1 settembre 2012), Convegno Estivo ADEIMF 2012 (Capri, giugno 2012). Quindi ringrazio sentitamente l ADEIMF e il Wolpertinger Club per le borse di studio che mi sono state erogate al fine di partecipare a detti convegni. Infine, il ringraziamento più profondo va alla mia famiglia, senza la quale non avrei potuto nemmeno iniziare questo percorso. Elisa Giaretta, Verona, febbraio 2014

6

7 Indice Estratto... 1 Abstract... 2 Introduzione... 3 Capitolo 1: Gli investimenti di private equity Gli investimenti di private equity: caratteristiche e peculiarità Le definizioni di private equity Il confronto tra il private equity e il debito tradizionale I benefici del private equity I problemi legati al private equity Le tipologie di operazioni di private equity Il finanziamento all avvio dell impresa il finanziamento allo sviluppo il finanziamento al cambiamento Capitolo 2: Gli investitori di private equity Le ragioni degli investimenti di private equity I

8 2.2 La limited partnership I fondi comuni di investimento I fondi comuni di investimento all estero I costi dei fondi di investimento I limited partner I general partner Le Società di Gestione del Risparmio Le Società di Gestione Armonizzate Le Società di Investimento a Capitale Variabile Gli operatori bancari I venture capitalist Gli incubatori Gli acceleratori I business angels Gli operatori pubblici Le finanziarie regionali Il Fondo Strategico Italiano Il Fondo Italiano di Investimento Gli altri operatori I Business Innovation Centre Le università I corporate venture capitalist I vulture investor Le società di consulenza Le società di ricerca & sviluppo II

9 Capitolo 3: Le fasi delle operazioni di private equity Introduzione Il fund raising L investimento Il deal flow La due diligence Il business plan Il closing Gli strumenti legati al prezzo I patti parasociali Il monitoraggio Il disinvestimento Capitolo 4: Il mercato del private equity Il mercato italiano del private equity Gli operatori del mercato italiano Il fund raising nel mercato italiano Gli investimenti nel mercato italiano I disinvestimenti nel mercato italiano Il mercato europeo del private equity Gli operatori del mercato europeo Il fund raising nel mercato europeo Gli investimenti nel mercato europeo I disinvestimenti nel mercato europeo Capitolo 5: La valutazione degli investimenti di private III

10 equity Introduzione La valutazione delle imprese oggetto di private equity Il metodo dei multipli Il Discounted Cash Flow L Adjusted Present Value Il modello reddituale, patrimoniale e misto La PEP Drivers Grid La valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity L Internal Rate of Return Il Net Asset Value Il Cash Multiple Il Residual Vale to Paid-In Il benchmark Capitolo 6: Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi IV

11 6.6 Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione e le implicazioni delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Capitolo 7: Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance in Europa Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione sui risultati delle analisi Le implicazioni dei risultati delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Capitolo 8: Private equity backed companies versus gestori di investimenti di private equity: analisi delle performance Introduzione La revisione della letteratura Le ipotesi di ricerca V

12 8.4 La descrizione del campione e la metodologia di ricerca La descrizione dei dati La metodologia di analisi I risultati delle analisi Considerazioni conclusive sulle analisi La discussione e le implicazioni delle analisi I limiti delle analisi e le direzioni per ulteriori ricerche Conclusioni Bibliografia Appendice VI

13 Indice delle tabelle - Tabella I.1: struttura del lavoro Tabella 1.1: differenze tra fondi di private equity, fondi speculativi e fondi comuni di investimento Tabella 1.2: principali differenze tra debito tradizionale e investimenti di private equity Tabella 1.3: classificazione degli investimenti di private equity secondo Pratt (1981) Tabella 1.4: classificazione degli investimenti di private equity secondo Fenn e altri (1995) Tabella 2.1: l'attività di investimento dei business angels italiani nel Tabella 3.1: contributi degli operatori di private equity nell attività delle imprese partecipate Tabella 3.2: articolazione del business plan Tabella 3.3: elementi positivi e negativi del business plan Tabella 3.4: clausole contrattuali presenti nei contratti relativi alle operazioni di private equity Tabella 3.5: eventi al verificarsi dei quali vi è una redistribuzione delle quote di partecipazione Tabella 5.1: parametri più diffusi nella valutazione dei multipli Tabella 6.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) Tabella 6.2: distribuzione degli investimenti di private equity negli anni VII

14 - Tabella 6.3: statistiche descrittive dei campioni analizzati Tabella 6.4: modello OLS (1) Tabella 6.5: modello OLS (2) Tabella 6.6: modello OLS (2) Tabella 6.7: modello Probit (3) Tabella 6.8: modello Probit (4) Tabella 7.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) Tabella 7.2: investimenti in Europa nel 2009 (dati in milioni di ) Tabella 7.3: distribuzione delle imprese oggetto di private equity negli anni Tabella 7.4: distribuzione delle osservazioni Paese settore negli anni Tabella 7.5: statistiche descrittive sul campione di imprese non oggetto di private equity Tabella 7.6: statistiche descrittive sul campione di imprese oggetto di private equity Tabella 7.7: modello Probit (1) Tabella 7.8: regressione OLS (2) Tabella 7.9: regressione OLS (2) Tabella 7.10: regressione OLS (2) Tabella 7.11: regressione OLS (2) Tabella 7.12: test della T di Student (imprese oggetto di private equity) Tabella 7.13: test della T di Student (imprese non oggetto di private equity) Tabella 8.1: riassunto della letteratura (in ordine di anno) VIII

15 - Tabella 8.2: statistiche descrittive sulle SGR e sulle imprese oggetto di private equity Tabella 8.3: modello Probit (1) Tabella 8.4: regressione OLS (2) Tabella 8.5: regressione OLS (2) Tabella 8.6: regressione OLS (2) Tabella A.1: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 6) Tabella A.2: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 7) Tabella A.3: definizione delle variabili e fonti dei dati (relativa al capitolo 8) IX

16 Indice dei grafici - Grafico 4.1: operatori di private equity nel 2012per tipologia Grafico 4.2: operatori di private equity attivi nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.3: evoluzione dei capitali raccolti Grafico 4.4: capitali raccolti nel 2012 per tipologia di operatore Grafico 4.5: capitali raccolti nel 2012 per origine geografica Grafico 4.6: capitali raccolti nel 2012 per tipologia di fonte Grafico 4.7: evoluzione dell'ammontare investito Grafico 4.8: investimenti nel 2012 per segmento di mercato (ammontare) Grafico 4.9: investimenti nel 2012 per segmento di mercato (numero) Grafico 4.10: investimenti nel 2012 per tipologia di operatore (ammontare) Grafico 4.11: investimenti nel 2012 per tipologia di operatore (numero) Grafico 4.12: ammontare medio investito nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.13: distribuzione del numero di buy out nel 2012 per classe dimensionale Grafico 4.14: distribuzione % del numero di investimenti nel X

17 2012 per classi di dipendenti delle imprese target Grafico 4.15: distribuzione del numero di investimenti nel 2012 per classi di fatturato delle imprese target Grafico 4.16: distribuzione geografica del numero di investimenti nel Grafico 4.17: evoluzione dell'ammontare disinvestito Grafico 4.18: distribuzione del numero di disinvestimenti nel 2012 per tipologia Grafico 4.19: distribuzione dell'ammontare disinvestito nel 2012 per tipologia Grafico 4.20: distribuzione del numero dei disinvestimenti nel 2012 per segmento di mercato Grafico 4.21: distribuzione dei disinvestimenti nel 2012 per tipologia di operatore Grafico 4.22: operatori attivi per categoria nel 2011 in Europa Grafico 4.23: evoluzione dei capitali raccolti in Europa Grafico 4.24: capitali raccolti nel 2012 in Europa per origine geografica Grafico 4.25: capitali raccolti nel 2012 in Europa per tipologia di fonte nel Grafico 4.26: evoluzione dell'ammontare investito in Europa Grafico 4.27: investimenti nel 2012 in Europa per segmento di mercato (ammontare) Grafico 4.28: investimenti nel 2012 in Europa per segmento di mercato (numero) Grafico 4.29: distribuzione % del numero di investimenti nel 2012 in Europa per classi di dipendenti delle imprese target Grafico 4.30: distribuzione geografica del numero di XI

18 investimenti nel 2012 in Europa Grafico 4.31: ammontare degli investimenti nel 2012 in Europa in percentuale sul PIL Grafico 4.32: evoluzione dell'ammontare disinvestito in Europa Grafico 4.33: distribuzione del numero di disinvestimenti nel 2012 in Europa per tipologia XII

19 Indice delle figure - Figura 1.1: gli investimenti alternativi Figura 1.2: principali benefici del private equity Figura 1.3: classificazione degli investimenti di private equity secondo Kraft (2001) Figura 1.4: tipologie di investimento di private equity e venture capital secondo AIFI (2000) Figura 1.5: classificazione degli investimenti di private equity e venture capital in base alle esigenze delle imprese Figura 2.1: principali categorie di limited partner, general partner e PEBC in Italia Figura 2.2: la limited partnership Figura 2.3: vantaggi e svantaggi dei business angels Figura 2.4: promotori e fondatori dei Business Innovation Centre Figura 3.1: ciclo di vita di un fondo di private equity Figura 3.2: articolazione del processo di vendita Figura 3.3: determinazione del prezzo di vendita finale Figura 5.1: stato patrimoniale a valori contabili e a valori di mercato Figura 5.2: calcolo del FCFF Figura 5.3: calcolo del FCFE Figura 7.1: schema logico dell analisi con modello OLS Figura 7.2: schema logico per i test della T di Student XIII

20 XIV

21 Estratto L elaborato effettua un analisi comparata della performance delle imprese oggetto di investimenti di private equity. Lo scopo della ricerca consiste nell esplorare l impatto degli investimenti di private equity su alcune variabili di redditività, finanziarie e di crescita dimensionale nelle imprese oggetto di investimento. Dopo avere analizzato, nell ordine, le principali caratteristiche degli investimenti, gli operatori di private equity, le fasi di investimento e i tratti fondamentali del mercato italiano ed europeo, si effettua lo studio delle performance delle imprese oggetto di investimenti di private equity tramite l utilizzo di modelli statistici di tipo Probit e Ordinary Least Squares (OLS). Si è condotta l analisi prendendo come riferimento principale le imprese private equity backed situate in Italia, per cui si è creato un database di imprese italiane oggetto di investimento nel periodo usato come benchmark con cui effettuare confronti con altre imprese. L'analisi è stata condotta in tre livelli. Nel primo livello si sono confrontate le imprese italiane oggetto di private equity con un campione di imprese con caratteristiche simili in termini di settore, dimensione e area geografica, ma non oggetto di investimento. Nel secondo livello si sono confrontate le performance delle imprese italiane oggetto di private equity con imprese private equity backed localizzate nei principali Paesi europei per numero di investimenti. Nell ultimo livello si è confrontato il campione di riferimento di imprese italiane oggetto di private equity con gli operatori che gestiscono i loro investimenti. I risultati dell analisi suggeriscono che gli investimenti di private equity hanno, in media, un effetto positivo in termini di crescita dimensionale rispetto alle imprese non oggetto di investimento. Nei primi anni dopo l investimento gli operatori di private equity agiscono per migliorare le variabili di crescita delle imprese private equity backed, anche a scapito della redditività, preferendo risultati di lungo periodo. I risultati osservati nel mercato europeo sono in linea con quanto osservato nel mercato italiano. Per di più, i gestori dei fondi di private equity ottengono una performance superiore rispetto alle imprese investite. 1

22 Abstract The work carries out a comparative analysis of the performance of private equity backed companies. The purpose of this research is to explore the impact of private equity investments on variables of profitability, financial and dimensional growth for target companies. After reviewing the main characteristics of private equity - investment, operators, stages and the Italian and European market - we studied the performance of private equity backed companies through the use of statistical Probit and OLS models. We conducted the analysis taking as benchmark the private equity backed companies located in Italy, so we created a database of Italian companies that have being subject to investments in the period and we compare this sample with other companies. The analysis was ran on three levels. In the first one we compared the sample formed by Italian private equity backed companies with a sample of non private equity backed companies with similar characteristics in terms of industry, size and geographic area. In the second level we compared the performance of Italian private equity backed companies with a sample of private equity backed companies located in the first eight European countries for number of investments. In the last level we compared the sample of Italian private equity backed companies with a sample of operators that manage private equity investments. The results of the analysis suggest that private equity investments have, on average, a positive effect on target companies in terms of dimensional growth in comparison to non invested companies. In the first post investment years, private equity operators act to improve the growth of private equity backed companies, even decreasing profitability, so preferring long-term results. The results observed in the European market are in line with the ones observed in the Italian market. Moreover, the analyses suggests that managers of private equity investments achieved higher performance than invested companies. 2

23 Introduzione Il private equity è definito dall Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital (AIFI) come l attività d investimento nel capitale di rischio delle imprese non quotate con l obiettivo della valorizzazione dell impresa oggetto d investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio lungo termine. Il private equity rappresenta sia un asset class interessante per gli investitori istituzionali che presentano orizzonti di investimento di medio - lungo termine che un importante opportunità di crescita per le imprese e per l economia nel suo complesso. La possibilità di reperire capitale proprio per un lungo periodo di tempo può risultare decisiva nell economia di un impresa, ancor di più in una situazione come quella attuale in cui si registra la crescente difficoltà da parte delle imprese nel reperire risorse finanziarie sul mercato a costi sostenibili. L attività di private equity sta assumendo sempre più un ruolo di primaria importanza nei sistemi economico finanziari a livello internazionale. Infatti, il mercato del private equity risulta importante in termini di risorse a livello mondiale ed europeo. Tale rilievo è riscontrabile anche per il mercato italiano, nel quale, secondo le statistiche dell AIFI, l ammontare delle operazioni concluse nel 2012 è stato pari a 349, per un totale di milioni di Euro di capitali raccolti e milioni di Euro di capitali investiti. Tuttavia, nonostante la sua diffusione, il ruolo del private equity è ritenuto controverso. Vi sono infatti molti studi che sostengono che le operazioni di private equity presentino più svantaggi che vantaggi per l'impresa oggetto di investimento. In questo lavoro di tesi, si è ritenuto importante approfondire 3

24 nell attuale contesto economico la seguente domande di ricerca: qual è l impatto, in termini reddituali, finanziari, e di crescita dimensionale, che l intervento degli operatori di private equity genera sulle imprese oggetto di investimento, con riferimento principale al mercato italiano? Diversamente da quanto presente nella letteratura accademica, il presente lavoro si pone l obiettivo di dare una risposta alla research questions di cui sopra attraverso un analisi più completa, che confronti direttamente le performance delle imprese target con l andamento di imprese non oggetto di investimento ma che presentano simili caratteristiche. La finalità di questo lavoro è di mostrare come il ricorso al private equity possa essere determinante per il successo dei programmi di crescita e di miglioramento dell impresa e possa innescare un circolo virtuoso tra strategie vincenti e forme di finanziamento adeguate. L elaborato si suddivide in due parti: nella prima parte si descrive l argomento dal punto di vista teorico, definendo le principali caratteristiche dell oggetto di studio, mentre nella seconda parte si analizza il fenomeno tramite metodologie di ricerca quantitativa, per rispondere analiticamente alla domanda di ricerca principale. La prima parte comprende i primi cinque capitoli dell elaborato, come descritti di seguito. Nel primo capitolo si introduce il concetto di private equity, illustrandone le principali definizioni, le caratteristiche che lo contraddistinguono e le differenze con le altre tipologie di finanziamento per l impresa e di investimento per gli investitori. Inoltre, si descrivono le principali classificazioni delle tipologie di investimento. Il secondo capitolo si concentra sugli investitori di private equity. Dopo una panoramica sulle ragioni principali che spiegano gli investimenti di private equity e le teorie economiche che sottostanno a tali investimenti, si descrive la modalità principale in cui vengono strutturati gli investimenti in Italia e in Europa, ovvero la limited partnership. Successivamente, si effettua una rassegna dei soggetti che compongono la limited partnership, soffermandosi sulle 4

25 caratteristiche delle singole tipologie di operatori, in particolare sulle Società di Gestione dei Risparmi (SGR) italiane. Nel terzo capitolo si descrivono le fasi che portano alla formazione degli investimenti di private equity, dalla raccolta delle risorse (fund raising), all investimento nelle imprese, fino al disinvestimento dalle operazioni attuate. In particolare, si approfondisce l iter da seguire nella fase dell investimento, descrivendo i passaggi che iniziano con i primi contatti con le imprese, fino all acquisto delle partecipazioni. Il quarto capitolo analizza il mercato del private equity. Si studiano sia il mercato italiano che il mercato europeo. Per entrambi i mercati si analizzano gli operatori presenti, l attività di raccolta dei capitali, gli investimenti e i disinvestimenti, tracciando l andamento nel periodo , soffermandosi in particolare sull ultimo esercizio. Il quinto capitolo descrive una panoramica delle modalità di valutazione degli investimenti di private equity. Nella prima parte del capitolo si descrivono i metodi per la valutazione delle imprese oggetto di investimento, mentre nella seconda parte si analizzano le modalità di valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity. Dopo aver analizzato dettagliatamente i sopracitati aspetti teorici, sfruttando tali fondamenti si è passati negli ultimi tre capitoli all analisi delle performance delle imprese oggetto di private equity tramite metodologie di ricerca quantitativa. In particolare, nel sesto capitolo si studiano le performance delle private equity backed companies (PEBC) nel mercato preso come riferimento principale, ovvero quello italiano. Le imprese oggetto di investimento vengono confrontate con un campione di imprese con caratteristiche simili in termini di dimensione, settore industriale e area geografica, ma che non sono oggetto di private equity. Nel settimo capitolo, seguendo lo stesso metodo utilizzato nel sesto capitolo nell analisi delle performance in Italia, si studiano le performance delle PEBC in altri Paesi europei. Anche in questo caso si costruisce un campione di confronto di imprese non oggetto di private equity e lo si confronta con le imprese oggetto di investimento. Ci si sofferma poi ad analizzare se sussistono differenze nelle performance delle imprese target tra il mercato di riferimento e gli 5

26 altri Paesi europei analizzati. Nell ottavo capitolo si confrontano le performance delle imprese oggetto di private equity italiane con una tipologia di gestori di investimenti di private equity, ovvero le SGR italiane. Successivamente, si analizzano le differenze nelle performance delle SGR legate alle caratteristiche delle imprese gestite. L elaborato termina con una breve conclusione sugli argomenti trattati, seguita dalla bibliografia utilizzata. Infine in appendice sono presenti le definizioni delle variabili utilizzate nella ricerca quantitativa. La tabella I.1 riassume la struttura del lavoro. 6

27 Tabella I.1: struttura del lavoro. 1. Gli investimenti di private equity Caratteristiche e peculiarità Le tipologie di operazioni 2. Gli investitori di private equity Ragioni degli investimenti Limited partnership General partner Limited partner 3. Le fasi delle operazioni di private equity Introduzione Fund raising Investimento Disinvestimento 4. Il mercato del private equity Mercato italiano (operatori, fund raising, investimenti, disinvestimenti) Mercato europeo (operatori, fund raising, investimenti, disinvestimenti) 5. La valutazione degli investimenti di private equity Introduzione Valutazione delle imprese oggetto di private equity Valutazione dei rendimenti dei fondi di private equity 6. Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni 7. Private equity backed companies versus non private equity backed companies: analisi delle performance in Europa Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni 8. Private equity backed companies versus gestori degli investimenti di private equity: analisi delle performance Introduzio ne Letteratura Ipotesi di ricerca Campione e analisi Risultati Conclusio ni Fonte: nostra elaborazione. Conclusioni Bibliografia Appendice 7

28 8

29 Capitolo 1 Gli investimenti di private equity 1.1 Gli investimenti di private equity: caratteristiche e peculiarità Le definizioni di private equity L attività di private equity consiste nell investimento istituzionale nel capitale di rischio di un impresa, definita private equity backed companies (PEBC) o impresa target. L investimento di private equity si esplicita nell apporto di risorse finanziarie da parte di operatori specializzati, sotto forma di partecipazione al capitale azionario o di sottoscrizione di titoli obbligazionari convertibili in azioni, per un arco temporale medio lungo, in imprese dotate di un progetto e di un potenziale sviluppo. L Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital (AIFI) 1 definisce l attività di private equity come l attività di investimento nel capitale di rischio delle imprese non quotate con 1 L'AIFI è un'organizzazione che racchiude le istituzioni finanziarie che stabilmente e professionalmente effettuano investimenti in aziende, sotto forma di capitale di rischio, attraverso l'assunzione, la gestione e lo smobilizzo di partecipazioni prevalentemente in società non quotate, con un attivo sviluppo delle aziende partecipate. L'Associazione è stata costituita nel maggio 1986 al fine di sviluppare, coordinare e rappresentare, in sede istituzionale, i soggetti attivi sul mercato italiano dell'investimento in capitale di rischio. 9

30 l obiettivo della valorizzazione dell impresa oggetto di investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio lungo termine (AIFI, 1998). La definizione fornita dall AIFI raccoglie diverse tipologie di attività di investimento, mettendo in luce i caratteri tipici dell investimento di private equity, ovverosia l ingresso diretto nel capitale di un impresa non quotata, l orizzonte temporale circoscritto dell operazione e l obiettivo del potenziamento della redditività aziendale. L ingresso diretto nel capitale aziendale consente all investitore istituzionale di diventare a tutti gli effetti socio dell impresa target, ottenendo la possibilità di esercitare una forma variabilmente intensa di controllo sulle decisioni aziendali. L investitore di private equity, che prende il nome di Socio Investitore, apporta le competenze specifiche che consentono un potenziamento delle capacità finanziarie e gestionali dell impresa, mentre generalmente non possiede le competenze distintive di business tipicamente proprie del proprietario dell impresa, detto anche Socio Imprenditore. Ne consegue che il rapporto tra il Socio Investitore ed il Socio Imprenditore assume un ruolo cruciale nell andamento dell operazione, poiché l esito positivo della stessa dipende in larga misura dalla fiducia, dal dialogo e dalla condivisione degli obiettivi tra le diverse figure che compongono la proprietà dell impresa. Con riguardo al secondo elemento distintivo presente nella definizione di AIFI (1998), si noti che l investimento di private equity ha carattere temporale perché circoscritto nel tempo, generalmente in 5 anni. Tuttavia, la durata medio lunga dell investimento consente di adoperare le risorse all interno delle PEBC in modo stabile e duraturo. Il capitale paziente viene impiegato per ottenere risultati solidi e non per perseguire obiettivi di breve periodo. Infine, l obiettivo dell investimento consiste nella crescita dell impresa, per cui sono oggetto di investimento imprese che presentano buone prospettive di sviluppo, come imprese di nuova costituzione o imprese in espansione, o ancora imprese in temporaneo 10

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles,1.9.2010 C(2010)6068 Oggetto: Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.3 Lazio)

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli