SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO"

Transcript

1 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Arcari Claudio e Mariacristina Mazzari Piacenza 6 maggio 2011 VALUTAZIONE DEL RISCHIO NELLE ATTIVITA DI SALDATURA 1

2 2

3 3

4 AEROSOL - frazioni granulometriche Norma EN 481 La Misurazione dei fumi durante la attività di saldatura UNI EN :2002: Campionamento delle particelle in sospensione nella zona respiratoria del saldatore. Norma UNI EN 689/97: Guida alla valutazione dell esposizione per inalazione a composti chimici ai fini del confronto con i valori limite e strategia di misurazione. 4

5 Il campionatore attaccato ad una fascia sportiva personale tipo antisudore Dispositivo certificato per il campionamento di frazione inalabile: tipo IOM con il flusso di aspirazione dell aria pari a 2 litri/minuto. Durata del prelievo: circa 3 ore che consentono: di misurare una concentrazione ponderale pari almeno a circa 0,5 mg/m 3, un accettabile rappresentatività dell esposizione giornaliera di un saldatore. 5

6 Campionare almeno 1 saldatore su 4, per ogni gruppo omogeneo. I Saldatori appartengono allo stesso gruppo omogeneo se: saldano lo stesso materiale con la stessa tipologia di elettrodo o filo, saldano per lo stesso tempo, eseguono la stessa lavorazione, lavorano sullo stesso tipo di manufatto. CONTROLLO DI EFFICACIA 6

7 Lettura Scheda di Sicurezza materiale di saldatura (filo o elettrodi) Si tratta di Acciaio INOX? Si Determinare Nichel No Sono presenti uno o più agenti chimici di tabella 1? No Determinare solo Manganese Si Integrare la misurazione cercando gli specifici metalli Confrontare i singoli valori di esposizione con gli specifici Valori Limite seguendo l Appendice C della Norma UNI EN 689/97 La Misurazione dei GAS durante la attività di saldatura Norma di riferimento: UNI EN :2002: Campionamento dei gas nella zona respiratoria del saldatore. 7

8 La misura viene effettuata mediante tubi rivelatori specifici ad aspirazione oppure con analizzatori automatici di rilevazione a lettura diretta. La misura deve essere effettuata nella zona respiratoria dell operatore, dietro ai ripari facciali da saldatore. I gas da ricercare Valore Limite (ppm) Monossido di Carbonio 25 Biossido di Azoto 3 Ossido Nitrico 25 Ozono lavoro leggero 0,10 lavoro moderato 0,08 lavoro pesante 0,05 8

9 I punti per la valutazione (art.223) Determinare la presenza di agenti chimici pericolosi Valutare i rischi: Il Livello, il modo, la durata dell esposizione Le circostanze La quantità di sostanze e preparati che li contengono o li possono generare I Valori Limite di Esposizione Professionale (All. XXXVIII) Effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare Se disponibili, le conclusioni di azioni di Sorveglianza Sanitaria Per la valutazione dei rischi da agenti chimici Prendere in esame la mansione e/o la postazione del lavoratore o del gruppo omogeneo esposto Individuare tutti gli agenti chimici utilizzati o che si sviluppano La valutazione riguarda il Rischio a cui è esposto il lavoratore durante la sua giornata di lavoro In caso di elevata variabilità è consigliato considerare la giornata peggiore 9

10 TLV MISCELA Bisogna tener conto della compresenza di più agenti chimici che vanno valutati per i loro effetti critici e organi bersaglio. Classicamente per compiere questa operazione sui dati di misurazione si utilizza il TLV miscela (ACGIH) TLV mis. = C 1 /TLV 1 + C 2 /TLV 2 < 1 VALUTAZIONE DEI METALLI I metalli sono principalmente sotto forma di ossidi. Acciaio comune: ricerca di Ferro e Manganese più eventualmente altri metalli Acciaio inox: ricerca di Cromo esavalente e nichel Brasatura: metalli bassofondenti da valutare in base alla composizione della barretta di apporto 10

11 AGENTE CHIMICO Valore Limite (mg/m3) Ferro Manganese Cromo VI Nichel Sali solubili: 1 Ossido di ferro: 5 Fraz. respirabile 0,2 elemento Proposta modifica: 0,2 Fraz. inalabile Elemento 0,02 Fraz. Resp. comp. inorg. 0,01 comp. insolubili A1 0,05 comp. solubili A1 0,20 comp. inorganici insolubili A1 0,10 comp. inorganici solubili A4 AGENTE CHIMICO Piombo (Pb) Cadmio (Cd) Cobalto (Co) Argento (Ag) Molibdeno (Mo) Cromo (Cr) Rame (Cu) Antimonio (Sb) Fluoruri Valore Limite (mg/m 3 ) 0,15 (D. Lgs. 81/08) 0,05 (ACGIH) A3 0,01 Fraz. Inalabile A2 0,002 Fraz. Respirabile A2 0,02 A3 0,10 come metallo (ACGIH) 0,01 sali solubili (D. Lgs. 81/08 ACGIH) 10 Fraz. Inalabile comp. insolubili 3 Fraz. Respirabile comp. insolubili 0,50 composti solubili A3 0,50 Cr III (D. Lgs. 81/08 ACGIH) 0,20 Fumi 0,50 2,50 (D. Lgs. 81/08) 11

12 Per poter applicare il TLV miscela esistono due possibilità: 1. Più conservativa ma meno accurata: somma di tutti i metalli indipendentemente dagli effetti critici 2. Ricercare gli effetti critici e gli organi bersaglio sulle Banche Dati delle sostanze nella bibliografia internazionale (web) 2.bis Dalla lista ACGIH per ogni valore limite adottato sono indicati organi bersaglio ed effetti critici su cui si basano i TLV I Valutazione di adeguatezza nella scelta dell impianto vs manufatto in lavorazione Rif. [INRS GPdV n. 7 ED 668] Ispezione visiva per verifica di eventuali rotture e perdite dell impianto o necessità di pulizia Portata d aria complessiva e dei singoli dispositivi di captazione. Rif. [scheda ER Industrial Ventilation INRS GPdV n. 7 ED 668] Porre in relazione il giudizio di efficienza con il livello di esposizione Rif. [scheda misurazione fumi] Se l esposizione non è sotto pieno controllo individuo il DPI Il mio impianto è adeguato? Il mio impianto è a posto? Il mio impianto è efficiente? Il mio impianto è efficace? Il lavoratore è protetto? 12

13 VALUTAZIONE DEL RISCHIO NELLE ATTIVITA DI VERNICIATURA Elementi fondamentali per la valutazione del rischio Elenco di tutti i prodotti vernicianti con le relative Schede di sicurezza Individuazione dei Pericoli Quantitativi utilizzati al giorno per la mansione Analisi della postazione di lavoro Durata e Frequenza delle operazioni Presenza di impianti di aspirazione localizzata 13

14 Esame delle diverse fasi di lavoro Come e dove avviene la preparazione del prodotto verniciante (aggiunta del catalizzatore o del solvente) Con quale Modalità di Applicazione (a spruzzo a bassa o alta pressione, a pennello, a immersione) Sono presenti impianti di aspirazione localizzata nella fase di applicazione? Dove avviene l evaporazione del solvente e con presenza di impianti di aspirazione? Metodologia semplificata per la valutazione del Rischio per Inalazione proposta da INRS Le variabili per la Determinazione di Rischio Inalatorio : Pericolosità Volatilità Condizioni Operative Presenza di Impianti di aspirazione collettiva 14

15 ASSORBIMENTO CUTANEO Nel caso delle attività di verniciatura è di fondamentale importanza la valutazione della esposizione attraverso la cute dei solventi organici contenuti nel prodotto verniciante. Pertanto vanno valutate attentamente sia la possibilità di assorbimento cutaneo che le occasioni di contatto con il prodotto verniciante (durante la preparazione, le fasi di travaso e ogni altra occasione) Metodologia semplificata per la valutazione del Rischio da Assorbimento Cutaneo proposta da INRS Le variabili per la Determinazione di Rischio da Assorbimento Cutaneo : Pericolosità Superficie del corpo esposta Frequenza di esposizione 15

16 Vernici al solvente: Toluene Xilene Diclorometano Alcol Metilico Alcol n-butilico Alcol isobutilico Metil-etil-chetone Etil benzene Metil isobutil chetone 2-Nitropropano Clorobenzene Assorbimento cutaneo Valore Limite (ppm) 50 (D. Lgs. 81/08) 20 (ACGIH) 50 (D. Lgs. 81/08) 100 (ACGIH) 50 (ACGIH) 200 (ACGIH) 20 (ACGIH) 50 (ACGIH) 200 (D. Lgs. 81/08) 100 (ACGIH) Proposta modifica 20 (ACGIH) 20 (ACGIH) 10 (ACGIH) 10 (D. lgs. 81/08) Vernici all acqua: Metilglicole Etilglicole Acetato di metilglicole Acetato di etilglicole Butilglicole Valore Limite (ppm) 0,1 (ACGIH) 5 (ACGIH) 0,1 (ACGIH) 5 (ACGIH) 20 (D. Lgs. 81/08) Acetato di butilglicole Metossipropanolo Metildiglicole Assorbimento cutaneo 20 (D. Lgs. 81/08) 100 (D. Lgs. 81/08) 10 (D. lgs. 81/08) 16

17 Metalli Piombo Cobalto Cadmio Cromo Nichel Molibdeno Antimonio Cromo VI Valore Limite (mg/m 3 ) 0,15 (D. Lgs. 81/08) 0,05 (ACGIH) A3 0,02 A3 0,01 Fraz. Inalabile A2 0,002 Fraz. Respirabile A2 0,50 Cr III 0,20 composti inorganici insolubili A1 0,10 composti inorganici solubili A4 10 Fraz. Inalabile comp. insolubili 3 Fraz. Respirabile comp. insolubili 0,50 composti solubili A3 0,50 0,01 comp. Insolubili A1 0,05 comp. Solubili A1 TLV MISCELA Per il rischio inalatorio valgono le stesse considerazioni svolte sul TLV miscela nelle attività di saldatura. Per il rischio di assorbimento cutaneo si possono cumulare gli score delle singole sostanze ricavati dall applicazione del modello 17

18 SOLVENTI & METALLI Eseguire il calcolo del TLV miscela distinto per solventi e metalli TLV miscela Maggiore di 1 Maggiore di 0,5 Maggiore di 0,25 Minore di 0,25 AZIONI Fuori controllo. Intraprendere con urgenza misure di prevenzione e protezione E possibile esercire impianto fuori controllo. Intraprendere misure di prevenzione e protezione Impianto esercito sotto un sufficiente controllo ed è necessario valutare se esistano ulteriori misure di prevenzione e protezione da intraprendere Impianto esercito sotto controllo. Non necessitano ulteriori misure di prevenzione e protezione Le tipologie di resine a cui va prestata particolare attenzione: Poliuretaniche (isocianati) Epossidiche con Peso molecolare < 700 Acriliche Amino-fenoliche 18

19 Indicazioni operative per La Misurazione della frazione inalabile e dei solventi durante le attività di verniciatura il campionatore attaccato sul risvolto dell abito, il campionatore attaccato ad una fascia sportiva personale tipo antisudore 19

20 Per raccogliere la frazione inalabile che si sviluppa durante le operazioni di verniciatura (aerosol di verniciatura) Per effettuare il controllo della portata all inizio e alla fine del campionamento è necessario utilizzare il flussometro a bolla di sapone, o analogo elettronico certificato, nelle stesse condizioni di temperatura e pressione di quelle del campionamento. Dispositivo certificato per il campionamento di frazione inalabile: tipo IOM con il flusso di aspirazione dell aria pari a 2 litri/minuto. Durata del prelievo: circa 3 ore che consentono: di misurare una concentrazione ponderale pari almeno a circa 0,5 mg/m 3, un accettabile rappresentatività dell esposizione giornaliera di un saldatore. 20

21 Per la determinazione dei solventi si usano preferibilmente i campionatori passivi con carbone attivo Posizionamento del campionatore in zona respiratoria Tempi di campionamento di almeno 4 ore, ma preferibilmente per l intero turno di lavoro, con determinazione di tutti i solventi dello spettro gascromatografico Quanti verniciatori campionare: tutti i verniciatori o il più esposto, con almeno 1 per cabina di verniciatura. Per ogni campione prelevato è necessario compilare le schede di prelievo 21

22 Quale valore Limite di Riferimento e quali determinazioni effettuare? Per la frazione inalabile il valore di 5 mg/m 3 non costituisce un parametro direttamente collegato alla salute, ma fornisce un indicazione sulla efficienza delle misure di prevenzione adottate Determinazione di frazione inalabile (mg/m 3 ) 3 fasce per il giudizio: Se concentrazione > 5 mg/m 3 : Misure di prevenzione Fuori controllo Se concentrazione compresa tra 5 e 3 mg/m 3 : Misure da controllare Se concentrazione inferiore o uguale a 3 mg/m 3 : Buone Misure di prevenzione 22

23 Lettura Scheda di Sicurezza di tutti i prodotti vernicianti utilizzati Sono presenti uno o più agenti chimici di tabella 1? No Fine Si Integrare la misurazione cercando gli specifici metalli Confrontare i singoli valori di esposizione con gli specifici Valori Limite seguendo l Appendice C della Norma UNI EN 689/97 Valutazione di adeguatezza nella scelta dell impianto vs manufatto in lavorazione Rif. [INRS GPdV n. 9.1 ED 839; n. 9.2 ED 928; n. 9.3 ED 906] Ispezione visiva per verifica di eventuali rotture e perdite dell impianto o necessità di pulizia Valutazione della portata d aria e misurazione delle velocità dell aria Rif. [Norma UNI EN e schede INRS] Consigliati valori INRS Porre in relazione il giudizio di efficienza con il livello di esposizione Rif. [scheda misurazione verniciatura] Se l esposizione non è sotto pieno controllo individuo il DPI Il mio impianto è adeguato? Il mio impianto è a posto? Il mio impianto è efficiente? Il mio impianto è efficace? Il lavoratore è protetto? 23

24 I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE ATTIVITA DI SALDATURA E VERNICIATURA VANNO ANALIZZATI UNO PER UNO E NELLA LORO COMBINAZIONE PER EFFETTI CRITICI SALDATURA Formazione di ossidi dei metalli (in alcuni casi dei loro Sali) Formazione di gas Rischio inalatorio Agenti chimici che si sviluppano da un processo Non utilizzabile VDR con Modello solo Valutazione+misurazione VERNICIATURA Dispersione e contatto con solventi organici Aerosol di verniciatura di difficile qualificazione Dispersione di metalli Rischio inalatorio Assorbimento cutaneo Utilizzazione di preparati tal quali Utilizzabile VDR con modello sia per rischio inalatorio che per assorbimento cutaneo 24

AGENTI CHIMICI. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA SALDATURA A cura di : Mariacristina Mazzari e Claudio Arcari

AGENTI CHIMICI. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA SALDATURA A cura di : Mariacristina Mazzari e Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AGENTI CHIMICI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA SALDATURA A cura di : Mariacristina Mazzari e Claudio Arcari

Dettagli

Indicazioni operative per La Misurazione dei fumi e dei gas durante la attività di saldatura

Indicazioni operative per La Misurazione dei fumi e dei gas durante la attività di saldatura Indicazioni operative per La Misurazione dei fumi e dei gas durante la attività di saldatura Scheda n 1 Giugno 2010 1 Norme di riferimento: UNI EN 10882-1:2002: Campionamento delle particelle in sospensione

Dettagli

Elementi di tecnologia e i principali rischi per la salute per i lavoratori nelle attività di Saldatura e Verniciatura

Elementi di tecnologia e i principali rischi per la salute per i lavoratori nelle attività di Saldatura e Verniciatura U.O.Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Elementi di tecnologia e i principali rischi per la salute per i lavoratori nelle attività di Saldatura e Verniciatura Piacenza, 6 Maggio 2011 A cura di Anna

Dettagli

Indicazioni operative per La Misurazione della frazione inalabile e dei solventi durante le attività di verniciatura

Indicazioni operative per La Misurazione della frazione inalabile e dei solventi durante le attività di verniciatura Indicazioni operative per La Misurazione della frazione inalabile e dei solventi durante le attività di verniciatura Scheda n 2 Giugno 2010 1 Documentazione di riferimento: Norma UNI EN 689/97: Guida alla

Dettagli

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Arcari Claudio e Mariacristina Mazzari Piacenza 6 maggio 2011 1 CURVA DOSE-EFFETTO

Dettagli

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori Marco Fontana - Roberto Riggio Struttura Semplice 20.02 Igiene industriale Utilizzo di agenti chimici nelle lavorazioni di stampa metalli pesanti

Dettagli

AGENTI CHIMICI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA DI VERNICIATURA a cura di Mariacristina Mazzari e Claudio Arcari

AGENTI CHIMICI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA DI VERNICIATURA a cura di Mariacristina Mazzari e Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AGENTI CHIMICI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE ATTIVITA DI VERNICIATURA a cura di Mariacristina Mazzari e Claudio

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI La norma più importante, organica e generale in materia di salute e sicurezza in presenza di sostanze chimiche è sicuramente il D. Lgs. 626/94 che

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario. nanoparticellare

Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario. nanoparticellare 40 CONVEGNO NAZIONALE RAVELLO 15 GIUGNO 2012 Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario attraverso fotocatalisi attivata da materiale

Dettagli

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE CARATTERISTICHE Le lacche Molykote sono dispersioni di sostanze lubrificanti solide, come ad esempio il bisolfuro di molibdeno, e di resine leganti organiche o inorganiche finemente

Dettagli

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati Le Fibre Artificiali Vetrose La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati ORIETTA SALA ARPA Emilia Romagna Milano, 3 dicembre 2015 PREMESSA

Dettagli

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento)

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIatura impianti di aspirazione localizzata Le schede che qui vengono riportate

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Sommario MC e VdR Perché se ne parla oggi Dove è rintracciabile l esposizione

Dettagli

Informazioni generali sul tema protezione respiratoria

Informazioni generali sul tema protezione respiratoria Informazioni generali sul tema protezione respiratoria Si intende per Dispositivi di Protezione Individuale, definizione spesso surrogata dall acronimo DPI, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata

Dettagli

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it CONFORMAL COATING COSA SONO I CONFORMAL COATING? I C.C. sono prodotti (RESINE) utilizzati per la protezione dei circuiti stampati dalle influenze dell ambiente in cui vanno ad operare Il film di protezione

Dettagli

INFORMAZIONI SPECIFICHE SULLA SALDATURA:

INFORMAZIONI SPECIFICHE SULLA SALDATURA: DOCUMENTO Pagina 1di 5 LISTA DI CONTROLLO MO01 Servizo Prevenzione Sicurezza CANCEROGENI Ambienti di Lavoro Dipartimento Sanità Pubblica SALDATURA ACCIAI SPECIALI Rev 3 del 22.03.2016 Data Sopralluogo

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Via E. Fermi, 15 01100 VITERBO 0761-236750 FAX 0761-236748 e.mail: alessandro.selbmann@asl.vt.it http://www.asl.vt.it/staff/spp/base.php

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina Scheda 7 Produzione: Macchina: FILM STAMPA FLESSOGRAFICA Scopo della lavorazione Con la stampa flessografica vengono depositati sul film di materiale plastico, mediante gruppi di stampa a cilindri, vari

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO AI SENSI DEL D.Lgs 2 FEBBRAIO 2002. N 25

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO AI SENSI DEL D.Lgs 2 FEBBRAIO 2002. N 25 Sezione Provinciale di Reggio Emilia Via Amendola, 2-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/336011 Fax 0522/330546 E-mail: sezre@arpa.emr.it www.arpa.emr.it/reggioemilia Direzione VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Turchi s.r.l. Introduzione

Turchi s.r.l. Introduzione Progetto di una cabina per la verniciatura manuale delle pelli avente sistema di abbattimento a secco con filtri multistrato ignifughi raccoglivernice Introduzione Lo scopo di tale progetto è quello di

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO SCOPRIRE APPASSIONARSI CRESCERE A SCUOLA ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO GLI INCHIOSTRI DA STAMPA via dei salesiani, 15 mestre-venezia t. 041.5498111 www.issm.it DEFINIZIONE DI INCHIOSTRO

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Classi d utilizzo dei filtri:

Classi d utilizzo dei filtri: clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 1 clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 2 Classi d utilizzo dei filtri: Particelle FFP1 FFP2 FFP3 Polveri protezione da protezione da aerosol protezione

Dettagli

Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98

Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98 Protezione da agenti chimici titolo IX capo 1 DLgs 81/08 Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98 Protezione da agenti chimici

Dettagli

1.1 Categoria: Filo pieno per saldatura ad arco elettrico in atmosfera protetta

1.1 Categoria: Filo pieno per saldatura ad arco elettrico in atmosfera protetta O.M.C. s.r.l. T r a f i l e r i e FILI PER SALDATURA WELDING WIRE Via Biogno, 2-25060 L o d r i n o - BRESCIA Tel. 0 3 0 8 6 1 6 0 1 Fax 0 3 0 8 9 6 0 3 9 2 Partita I V A - C. F. 0 1 7 4 7 4 8 0 9 8 4

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera DPI DPI È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera diversa. La stessa cosa se ci esponiamo ad inalazione

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Agenti Chimici Pericolosi Dr. Sandro Sanna Dirigente Medico SPRESAL ASL

Dettagli

3.3.1 Descrizione delle lavorazioni

3.3.1 Descrizione delle lavorazioni 3. Igiene del lavoro 3.3 saldatura 3.3.1 Descrizione delle lavorazioni Le lavorazioni più diffuse sono: saldatura, taglio termico, brasatura. La saldatura produce sostanze aerodisperse sotto forma di particelle

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Definizione di agente chimico pericoloso TITOLO IX Dlgs 81/2008. Sono escluse le sostanze pericolose SOLO PER L AMBIENTE

Definizione di agente chimico pericoloso TITOLO IX Dlgs 81/2008. Sono escluse le sostanze pericolose SOLO PER L AMBIENTE Definizione di agente chimico pericoloso TITOLO IX Dlgs 81/2008 Sostanza o preparato classificato in una delle categorie di pericolo ai sensi del Dlgs 52/97 o del Dlgs 65/2003 o agenti chimici che pur

Dettagli

La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici

La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici Milano 18 settembre 2015 Clinica del Lavoro Roberto ZANELLI Direttore S.Pre.S.A.L. A.S.L. ASTI www.snop.it INPUT DELL INTERVENTO

Dettagli

3M Respiratori per gas e vapori

3M Respiratori per gas e vapori 3M Respiratori per gas e vapori Bloccare le sostanze nocive Lo spettro d azione di molte sostanze nocive è molto vario. È quindi necessario individuare con grande precisione il rischio specifico presente

Dettagli

IMPIANTI DI VENTILAZIONE

IMPIANTI DI VENTILAZIONE Assessorato alla Sanità VENTILAZIONE E DEPURAZIONE DELL ARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Scheda tecnica n. 6 IMPIANTI DI VENTILAZIONE NEL COMPARTO GALVANICHE A cura di: Arcari Claudio Colla Emanuela Tolomei

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI IGIENE E MEDICINA DEL LAVORO Lezioni di Medicina del Lavoro MONITORAGGIO AMBIENTALE

CORSO INTEGRATO DI IGIENE E MEDICINA DEL LAVORO Lezioni di Medicina del Lavoro MONITORAGGIO AMBIENTALE CORSO INTEGRATO DI IGIENE E MEDICINA DEL LAVORO Lezioni di MONITORAGGIO AMBIENTALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli studi di Napoli Rischio Probabilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07 SOSTANZE PERICOLOSE PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI Titolo IX Capo I

Dettagli

Protezione da agenti cancerogeni

Protezione da agenti cancerogeni Protezione da agenti cancerogeni Testo unico in materia di Sicurezza D.Lgs 81/08 del 09.04.2008 (Titolo IX capo II) Le prescrizioni da applicare ai fini della protezione dei lavoratori da agenti cancerogeni

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza. MONITORAGGO BIOLOGICO verifica documentale Rev 1 del 29-07-09

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza. MONITORAGGO BIOLOGICO verifica documentale Rev 1 del 29-07-09 Pagina 1di 5 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta: N. operai N.impiegati Totali addetti N. lavoratori stranieri Parte

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 Spett.le AUTOSERVIZI DE ZEN MICHELE s.a.s. Via del Capitello, 5 31011 Asolo (TV) RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta Prove : 2014 0586 Del : 17/03/2014

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

Protezione vie Respiratorie

Protezione vie Respiratorie Protezione vie Respiratorie D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

SPISAL VENETO. Padova 28.11.2013. Il rischio chimico per la salute e la sicurezza

SPISAL VENETO. Padova 28.11.2013. Il rischio chimico per la salute e la sicurezza SPISAL VENETO Padova 28.11.2013 Il rischio chimico per la salute e la sicurezza Come realizzare un efficace intervento di prevenzione e vigilanza sul rischio chimico 1 Gradi di vigilanza Formale: verifica

Dettagli

Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato

Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato L aria del confinamento è costantemente ricambiata mediante estrazione e filtrata con grado di filtrazione

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE PREMESSA I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE Nella scelta di un ciclo di verniciatura bisogna tener conto di: 1. Durata (aspettativa di durata) richiesta 2. Caratteristiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA U.O. PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO REPORT FINALE PIANO DI PROMOZIONE E ASSISTENZA LAVORO RISCHIO SALUTE

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA U.O. PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO REPORT FINALE PIANO DI PROMOZIONE E ASSISTENZA LAVORO RISCHIO SALUTE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA U.O. PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO REPORT FINALE PIANO DI PROMOZIONE E ASSISTENZA LAVORO RISCHIO SALUTE AGENTI CHIMICI IN METALMECCANICA Febbraio 2012 GRUPPO

Dettagli

La gestione del rischio AMIANTO. dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio

La gestione del rischio AMIANTO. dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio La gestione del rischio AMIANTO dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio SOSTANZE PERICOLOSE TITOLO IX CAPO III Protezione dai rischi connessi

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

La sperimentazione di seguito riportata è stata condotta direttamente da Pack Co.

La sperimentazione di seguito riportata è stata condotta direttamente da Pack Co. Cliente STEMAPLAST SRL Zona Ind.le P.I.P. 09070 PAULILATINO (OR) c.a. Sig.ra Alessandra PIRAS Report nr. 01/11 Data: Oggetto: Conformità alla legislazione italiana ed europea vigente relativa al contatto

Dettagli

Criticità nell utilizzo degli algoritmi per la valutazione del rischio chimico

Criticità nell utilizzo degli algoritmi per la valutazione del rischio chimico Criticità nell utilizzo degli algoritmi per la valutazione del rischio chimico Dott. Bruno Marchesini Bologna, 27 maggio 2011 Dip.to Sanità Pubblica Via Cimarosa 5/2, Casalecchio di Reno (Bologna) da:

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione L uso in sicurezza delle Un

Dettagli

Contenuto delle Linee Guida

Contenuto delle Linee Guida Linee Guida per l applicazione Titolo IX-Capo I: Protezione da Agenti Chimici Pericolosi La Valutazione del rischio Piacenza, 25 Febbraio 2011 A cura di Anna Bosi U.O. Prevenzione Sicurezza Ambienti di

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Documento di Valutazione dei Rischi 3.1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CONCETTI E DEFINIZIONI VALUTAZIONE

Dettagli

Classificazione e analisi dei rifiuti

Classificazione e analisi dei rifiuti Classificazione e analisi dei rifiuti Esempi pratici e Modifiche introdotte dal Regolamento 1357/2014 1 Argomenti trattati Definizioni Responsabilità e soggetti coinvolti Il processo di caratterizzazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Rischio cancerogeno MODULO A Unità didattica A5.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

Dettagli

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI FACCIALI FILTRANTI CLASSE DI APPARTENENZA ESEMPIO SIMBOLOGIA FFP 1 D AV RESISTENZA ALL'INTASAMENTO PROTEZIONE AGGIUNTIVE SIMBOLOGIA : TIPOLOGIA DEL PRODOTTO: FFP (Facciali

Dettagli

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Tubazioni preisolate TECNOTHERM La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Il Gruppo Amenduni Tubi Acciaio è l unica azienda del settore delle tubazioni preisolate da teleriscaldamento a produrre

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO NELL INDUSTRIA METALMECCANICA

IL RISCHIO CHIMICO NELL INDUSTRIA METALMECCANICA IL RISCHIO CHIMICO NELL INDUSTRIA METALMECCANICA Dott. Gori Giampaolo Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica - Università di Padova TIPOLOGIA PRODUTTIVA Nell industria metalmeccanica vengono

Dettagli

Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza

Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza U.O.Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza Piacenza, 10 Febbraio 2012 A cura di Anna Bosi Titolo

Dettagli

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini D.Lgs. 81/08 La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08 Bruno Marchesini D. Lgs. 81/08... Art. 15. Misure generali di tutela: h) Utilizzo limitato degli

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: Norma UNI/EN 482

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: Norma UNI/EN 482 CORSO DI FORMAZIONE Lineamenti di Igiene industriale Empoli, 17 Novembre, 2015 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: Norma UNI/EN 482 Maria Cristina Aprea Dipartimento Interaziendale Regionale dei Laboratori

Dettagli

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP.

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. COORDINAMENTO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE IN SANITA L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. Celsino

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2 2. OBIETTIVO 2 3. QUANTIFICAZIONE ECONOMICA 2 4. COSTI ANNUI 6 5. RIDUZIONE EMISSIONI 9

1. INTRODUZIONE 2 2. OBIETTIVO 2 3. QUANTIFICAZIONE ECONOMICA 2 4. COSTI ANNUI 6 5. RIDUZIONE EMISSIONI 9 Ê ÔÔÓÖØÓ Ø Ò Ó Ô Ö Ë ÐÓ ÖÓÙÔ Á Á ÒØÖÓ ÁÒØ Ö Ô ÖØ Ñ ÒØ Ð ÐÙ Ó Ò Ñ Á Ö ÙÐ Í Ò ¾¾ Ë ØØ Ñ Ö ¾¼¼ Î ÐÙØ Þ ÓÒ ÐÐÓ Ò Ö Ó ÓÒÓÑ Ó¹ Ñ ÒØ Ð Ô Ö Ð³ ÑÔ ÒØÓ ÈÖ Ò Ó ØØÓ Ù ÓÒ ÙÑ Ó Ø Ñ ÓÒ Ðг ÙÑ ÒØÓ Ðг ÒÞ ØÖ Ö Ñ ÒØÓ Ò

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Via Umani 1/A ANCONA. Autore Bianchelli Fausto Consulente Tecnico. CNA Tecno quality s.r.l. INTRODUZIONE

Via Umani 1/A ANCONA. Autore Bianchelli Fausto Consulente Tecnico. CNA Tecno quality s.r.l. INTRODUZIONE INTRODUZIONE Il presente lavoro costituisce un esempio di applicazione incrociata di due modelli algoritmici di valutazione dell esposizione dei lavoratori a rischi chimici. Sono stati utilizzati due modelli

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SCHEDA TECNICA N 15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3 Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 4 Guanti Protezione dai rischi Chimici e Biologici V2-28/05/2014 Per la parte generale relativa

Dettagli

LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO E NELL ADOZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO E NELL ADOZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO E NELL ADOZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Dott. MAURIZIO SORDILLI Tecnico della Prevenzione Azienda ASL Dipartimento

Dettagli

IMPIANTI DI VENTILAZIONE

IMPIANTI DI VENTILAZIONE Assessorato alla Sanità VENTILAZIONE E DEPURAZIONE DELL ARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Scheda tecnica n. 2 IMPIANTI DI VENTILAZIONE NELLE OPERAZIONI DI SALDATURA A cura di: Arcari Claudio Bedogni Lorena

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo Programma La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo L emissione di formaldeide dai prodotti del settore legnoarredo Metodi di prova per

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli