Roma, 30 gennaio Al Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio formazione personale PP.AA. Corso Vittorio Emanuele, ROM A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 30 gennaio 2015. Al Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio formazione personale PP.AA. Corso Vittorio Emanuele, 116 00186 ROM A"

Transcript

1 Prot Allegati: 2 Roma, 30 gennaio 2015 Al Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio formazione personale PP.AA. Corso Vittorio Emanuele, ROM A Al Dipartimento della Ragioneria Generale dello tato - IGOP SEDE Alla cuoia razionale di Amministrazione Via dei Robilant ROM A e. p.c.: Al Gabinetto del Signor Ministro SEDE Oggetto: Piano della Formazione 2015/2017 per il personale del Ministero dell'economia e delle Fin?nze. In attuazione di quanto disposto D.Lgs e dal D.P.R , in tema di Formazione per i dipendenti delle Amministrazioni Pubbliche e di razionalizzazione e riordino delle Scuole pubbliche di Formazione e tenuto conto dell'art. 21, del decreto legge 90/2014, convertito con legge l 14'2011 si trasmette il Piano di Formazione per il personale del Ministero dell'economia e delle Finanze per il triennio 2015/20 I. Il Piano è stato elaborato sulla base delle esigenze formative raccolte presso tutte le strutture dei quattro Dipartimenti e gli Cffici di Diretta Collaborazione nonché, per quanto riguarda la formazione obbligatoria. del fabbisogno indicato rispettivamente dal Responsabile per la prevenzione della corruzione e dalltfficio di coordinamento per la sicurezza sui luoghi di. L articolazione dei corsi proposti è disegnata su base annuale, in un'ottica triennale a c.d... scorrimento,. in cui la programmazione puntuale è ridefinita annualmente. Sono stati indh:iduati percorsi formativi pe ifici nelle diverse aree tematiche cui avviare il personale delle aree e dirigenziale, tenendo conto sia delle indicazioni strategiche dei rispettivi Vertici amministrati\ i e politico sia d Ile esigenze formative evidenziate dai singoli Uffici in base al gap esistente tra conoscenz. abilità e competenze del per onale e funzioni svolte o da assolvere. Con l"elaborazione del Piano Formativo in descrizione si punta all'ottimizzazione del rapporto tra sigenze fonnativè generali e specialistiche e formazione effettivamente erogata, nell" ottica di un costante e progres ivo efficientamento dell"azione anuninistrativa, snellimento e trasparenza delle procedure. efficacia degli inten:emi, in coerenza con gli obiettivi strategici stabiliti dalla Direttiva Generale per 1'..\.zione Amministrativa e l'atto di indirizzo per la definizione delle priorità politiche.

2 L erogazione della formazione in materia di prevenzione della corruzione e in tema di sicurezza sui luoghi di riveste carattere prioritario. in ragione della sua obbligatorietà normativamente prevista (L.190/2012 e DLgs 81 /2008). La calendarizzazione dovrà avvenire attraverso una programmazione almeno trimestrale, così da permettere sia all"ente erogatore di programmarne tempestivamente la relativa didattica e le docenze, sia airufficio X della Direzione del personale di questo Dipartimento di raccogliere, aluettanto tempestivamente, le adesioni del personale designato e formare le classi dei singoli corsi. Le proposte specifiche di erogazione di corsi, i livelli o il "taglio" teorico/pratico da dare alrimpostazione didattica così come le richieste specialistiche per singoli moduli formativi sono riportate in dettaglio nelle chede allegate. per ciascun settore/materia e costituiscono parte integrante del Piano Formativo. Di seguito si riporta una sintesi descrittiva delle richieste delle diverse strutture ministeriali come rappresentate dai rispettivi responsabili. Il Responsabile per la prevenzione della corruzione, nel segnalare le esigenze di formazione specialistica connesse al piano triennale di prevenzione della corruzione (riportate nell'allegato 1 ). ha sottolineato resigenza che tutto il personale del Ministero partecipi a corsi dì livello generale che potranno essere programmati. per gli anni , anche con modalità alternative o integrative delle lezioni frontali (es. videoconferenze). Si tratta di oltre unità dì personale dislocato per circa unità sul territorio delle diverse province italiane. Per il personale dirigenziale di prima e seconda fascia che non partecipa a corsi in ragione della sua posizione di titolare di un ufficio a potenziale rischio corruzione, sarà necessario erogare corsi di formazione generale sulla nommti\ a in materia di prevenzione della corruzione. Tali corsi dovranno essere articolati su giornate di 5 ore. I referenti dei Dipartimenti. individuati con specifico provvedimento (19 unità) dovranno partecipare ai corsi di fomrnzione specialistica le cui modalità, per garantire la parallela continuità lavorativa, potranno prevedere tre giornate formati\ e in aula. da erogarsi nella sede di Via XX Settembre. Il personale degli Vffici che gestiscono i c.d. processi a rischio, come indicato nelle schede di dettaglio, dovrà frequentare i corsi specialistici per materia, che dovranno prevedere alternanza di lezioni frontali e disamina di casi pratici. In tale ottica, sarà fondamentale raccogliere - nell' elaborazione del programma del singolo corso e per il tramite dell'ufficio X della Direzione del Personale/DAG - le indicazioni dei referenti circa i contenuti didattici dei corsi e sulle tipologie dei casi pratici. Sempre sulla base delle indicazioni deirufficio del Referente per la prevenzione della corruzione, dovrà essere prevista anche la docenza di personale qualificato di questo Ministero, patrimonio insostituibile per la formazione in merito agli aspetti procedurali specifici. Per quanto concerne la formazione obbligatoria in materia di prevenzione per la salute e la sicurezza sul per tutti i soggetti elencati dall'articolo 37 del DLgs 81\2008, si chiede l'attivazione di corsi specifici (come riportato nella relativa scheda allegata) secondo quanto previsto dal DLgs 81 \2008, e - in relazione alle diverse figure indicate nello stesso DLgs 81/2008 (Dirigenti/delegati. RSPP. ASPP. RLS. Addetti al Primo Soccorso. Addetti per l'antincendio (rischio medio) - sulla base delle priorità indicate dall'ufficio del Responsabile per la sicurezza sui luoghi di. La formazione in materia. compresi i previsti aggiornamenti. dovrà essere erogata tenendo conto di quanto stabilito nell'accordo 21 dicembre 2011, (Conferenza Pem1anente per i rapporti fra lo Stato. le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano). La formazione generale destinata a tutti i lavoratori dovrà essere erogata tramite formazione a distanza. Tenuto conto dell'organizzazione complessa di questo MEF (ingente numero di personale pag2f5

3 e numerose sedi distaccate anche al di fuori della Regione) rutilizzo della formazione a distanza. in e-learning o tramite le reti intranet dovrà essere utilizzata ogni volta che ciò sarà possibile limitando la formazione in aula ai soli casi previsti dalle nom1e per le figure specialistiche. Allo scopo di ridurre le criticità logistico-organizzative collegate anche ai costi di spostamento a scopo formativo di ingenti numeri di personale (in particolare delle RTS e delle CCTT) dovrà essere prevista anche formazione in loco, eventualmente facendo confluire il personale di sedi provinciali verso il capoluogo regionale. In merito alla formazione non obbligatoria a carattere sia generale sia specialistico. si rappresenta quanto segue. Per i componenti del ComitalO Unico di Garanzia è richiesta formazione per Formatori e approfondimenti formativi per esperti in pari opportunità. Sono richiesti inoltre corsi su 'strumenti normativi e gestionali per la prevenzione dello stress da correlato.. e su ''capacità relazionali e autovalutazione dei comportamenti cui indirizzare il personale MEF con particolare attenzione all'area Dirigenziale. Per il personale degli Uffici di Diretta Collaborazione si considera prioritaria la formazione in materie giuridico-amministrative ed economico-finanziarie con particolare riguardo alle attivirà di formazione legislativa e di impatto normativo. Per il personale del Dipartimento del Tesoro. vi è r esigenza di rafforzare la specializzazione professionale attraverso un'offerta formatiya che tenga conto delle specificità delle competenze mirate su peculiari ambiri istituzionali fra cui in particolare quello della rappresentanza dell'italia in contesti europei e internazionali. Per le strutture impegnate in tali ambiti si rileva l'esigenza di approfondimenti tematici, occasioni di sviluppo e confronto anche all'estero e percorsi formativi specifici: il DT potrebbe fornire un contributo diretto alla progettazione di tali interventi. E'. inoltre, importante proseguire nell'erogazione di formazione avanzata su tematiche economiche. di contabilità, finanza ed economia pubblica. nonché su regolamentazione bancaria e finanziaria. anche internazionale. Analogamente, si conferma l'interesse per formazione di approfondimento su temi giuridici e. in particolare, in diritto amministrativo, comunitario, commerciale e societario. contrattualistica pubblica, con approfondimenti su nuovi temi quali. ad esempio. i cyber crimes. In ambito informatico. vi è la necessità di erogare al personale dedicato ai processi ICT corsi di approfondimento di livello avanzato. Mentre. in considerazione delle precipue funzioni istituzionali svolte a livello internazionale. vi è l'interesse prioritario del Dipartimento a mantenere un costante flusso di formazione linguistica di livello avanzato e tecnico per il proprio personale. Per il Dipartimento dejla Ragioneria Generale dello Stato la formazione dovrà favorire prestazioni sempre più qualificate nell'assolvimento dei compiti istituzionali degli Uffici che sono chiamati a svolgere una qualificata funzione di controllo del conti pubblici. L'attività fom1ativa dovrà, pertanto. sviluppare gli aspetti tecnici delle materie specialistiche trattate e fornire aggiornamento su materie giuridiche, economiche e delle scienze aziendali. La fomiazione tecnico-specialistica dovrà essere concentrata nelle aree: giuslavoristica, di contabilità di Stato. finanza pubblica, controlli. risorse umane e gestione documentale attraverso gli applicativi in uso. Dovranno essere previsti percorsi di preparazione all'attività di revisore dei conti specifici per tipologie di enti/società e per i revisori operanti presso IISS., A.S.L., Camere di Commercio. Aziende speciali. Enti Locali, Università. con particolare attenzione alle problematiche di revisione della spesa pubblica. Tale fonnazione potrà essere erogata anche tramite seminari monografici di breve durata da proporre attraverso \'ideo-conferenze che utilizzano la pìattafonna CampusRGS e'o i 1 Sistema Scopi a. Desktop. pag316

4 Rilevanti sono altresi le attività formative sulla 'Verifica delle Relazioni Tecniche nell'ambito del procedimento legislativo" mirate ad offrire approfondimenti tecnico-operat1v1 sulla quantificazione degli oneri nelle leggi di spesa e l'uniformità metodologica nello svolgimento dei compiti legati all'attività pre-legislativa. Tenuto corno della carenza di risorse finanziarie da destinare alle spese di missione, si dovrà prevedere l'erogazione della formazione per il personale delle RTS in modalità e-learning (aule virtuali) utilizzando la piattaforma Campus RGS. Per tale personale, sarà necessario erogare formazione mirata ad agevolare la funzione di controllo a livello territoriale nelle materie di competenza. Gli interventi formativi dovranno essere tecnico-specialistici e strumentali e interessare le materie di contabilità di stato. revisione. diritto del. gestione documentale, risorse umane, applicativi in uso. E' ritenuta strategica. sotto il profilo organizzativo e della gestione delle risorse umane, la formazione manageriale relativa a dinamiche relazionali che si sviluppano all'interno delle strutture organizzative. Tale attività. compatibilmente con la disponibilità di risorse finanziarie, dovrebbe realizzarsi attraverso un approccio di coaching individuale e di gruppo per i diversi livelli operanti nella struttura. a partire da quelli apicali con l'obiettivo di migliorare la comunicazione e le relazioni interpersonali sia all'interno delle singole strutture che tra strutture diverse. Un intervento formativo in tal senso era stato avviato nel 2013 ed era proseguito nel Per quanto riguarda la fonnazione strumentale, il Dipartimento della RGS ha rilevato forti gap formativi di dirigenti e funzionari nell'area linguistica: si ritiene pertanto necessario erogare, nel prossimo triennio. corsi di lingua inglese e -in misura minore- francese per personale selezionato, che porti ad una conoscenza della lingua di secondo e terzo livello. Per i dirigenti di 1" fascia vi è la necessità di formazione linguistica individuale in ragione dell'incarico istituzionale svolto. I sistemi applicativi in uso alle strutture dipartimentali. richiedono w1 costante aggiornamento del personale. Le docenze per rerogazione dei corsi necessari a soddisfare tale esigenza potrebbero essere affidate a professionalità interne coinvolte nello sviluppo e nell'aggiornamento dci software. Infine. il Dipartimento ritiene importante la partecipazione di proprio personale a Master e corsi dì fonnazìone professionalizzanti. Per il personale con disabilità della vista il Dipartimento RGS ha finora curato un'offerta formativa tesa al benessere lavorativo, ma tenendo conto del gap formativo in particolare nelle materie informatiche. I corsi individuali sono stati erogati a distanza attraverso l'uso di Skype. E' opportuno che tale attività fonnativa prosegua fornendo strumenti di conoscenza e aggiornamento sull'uso dei supporti per disabili della vista (Jaws e Magie), l'uso del PC in generale, conoscenza e utilizzo di Office Word ed Excel. posta elettronica. Internet e Intranet dipartimentali. Per questa tipologia di formazione è necessario il supporto di un docente esperto nell'insegnamento delle materie informatiche per i disabili della vista. Per il personale non udente la formazione. oltre a riguardare eventuali aggiornamenti sull'assetto amministrativo e istituzionale. dovrà riguardare le materie informatiche (pacchetto Office). Anche in tal caso dovtà essere prevista formazione assistila. con la partecipazione di un traduttore nella lingua dei segni. Per il Dipartimento delle Finanze gli interventi fonnativi do\,tanno essere mirati a favorire obiettivi di cambiamento e innovazione, al fine di accrescere le competenze manageriali. gestionali, amministrative ed organizzative. mediante percorsi formativi di supporto e aggiornamento delle professionalità specialistiche (economico/tributarie) richieste dalla mission istituzionale; sviluppare cultura della misurazione e valutazione della qualità dei processi offerti. Tra i risultati attesi dai corsi proposti rilevano: l'acquisizione di know-how specifico e avanzato in termini di analisi di bilancio e degli enti pubblici, controllo di gestione e business intelligence,

5 revisione amministrati\ o contabile, conometria: approfondimento delle conoscenze in materia di trasparenza; aggiornamento e sviluppo formazione informatica. per l'utilizzo più efficace degli strumenti quali pec. banche dati, software applicativi. Per quanto riguarda la forma7ione linguistica. da erogare presso le sedi di servizio. si dovrà proseguire il percorso didattico avviato e. per le strutture che operano istituzionalmente con organismi europei ed internazionali i dohà prevedere un taglio specialistico (economico. fiscale aziendale). Per la Direzione della Giustizia Tributaria e le Commissioni tributarie ha rilevanza strategica la formazione concernente gli applicati\'i informatici in quanto funzionale al conseguimento degli obietti\ i di cui alla legge di bilancio : in particolare si chiedono corsi sul Si.Gi.T propedeutici alla fom1azione relati' a al Processo Tributario Telematico (PTT), entrambe dovranno essere realizzale entro il l semestre Per tale forrmuione sul territorio do\-tanno essere utilizzati, ogni \'Olta che ciò sarà possibile. strumenti di formazione a distanza. Per quanto riguarda il Dipartimento dcll' Amministrazione generale, del personale e d ei senizi. in particolare la Direzione per la razionalizzazione degli acq ui ti, della logistica e gli affari generali ha indi\ iduato priorità formative strategiche innanzitutto in materia di "Procedure di programmazione e gestione della spesa con l'ausilio di Sigma" indirizzata sia agli Uffici della Direzione. sia agli uffici delle Commissioni Tributarie regionali e delle Ragionerie Territoriali. La fomrnzione per il personale della DRIALAG do\tà avere un taglio prevalentemente operativo e prevedere la conoscenza approfondita del sistema applicativo Sigma, con l'obiettivo di consolidare. approfondire e sistematizzare la conoscenza nei processi di programmazione e gestione della spesa. con particolare riguardo alle no, ità introdotte (per es. funzioni e indicatori in materia di prevenzione della corruzione. ecc.} e alla reportistica. Per quanto concerne. in\'ece. le 21 Commissioni tributarie Regionali. che saranno coordinate e monitorale dalla DRIALAG nei processi di spesa e che adotteranno il sistema SIGMA a partire dal do\tà e sere a\ viata una formazione che fornisca le conoscenze di base in materia di contabilità economica. ritenute indispensabili. accamo a quelle tradizionali in materia finanziaria e, quindi. approfondisca il sistema applicativo igma. Per la Direzione dci Sistemi Informatici e l'innovazione si doyrà proseguire la formazione ICT secondo due di\er::.i percorsi: l. S\iluppo della conoscenza delle tecnologie infonnatiche, go\emo dei progetti. qualità dei servizi ri\ olta al p rsonale della Direzione dedicato al settore ICT con r obietti\ o di realizzare soluzioni efficaci che governino tutte le fasi progettuali. seguano le atfrvità di gestione. gestendo le variabili tecnologiche ed economiche in modo da garantire r economicità delr azione amministrativa. supportino le scelte strategiche delr Amministrazione nello sviluppo di sistemi informativi; 2. comprensione deirict quale chiave di Yolta per il miglioramento dei proce si amministrati' i e dei sen izi. rivolta al personale della Direzione che opera nelr ambito dei servizi amministrali\'i atìinché utilizzi pienamente gli strumenti informatici implementati a supporlo delle attività. indi\ idui modalità innovative da applicare alla propria realtà operativa. supporti il settore informatico delr organizzazione nella realizzazione dei sistemi applicativi. Per la D Il è rile\ ante anche la formazione professionale di supporto an organizzazione. in particolare per i 30 lùn.zionari Informatici (Area III-F) che dovrebbero prendere servizio nel primo semestre 2015 e do\ ranno essere destinatari di percorsi formatiyi finalizzati a consentire loro di inserirsi in tempi bre\ i nell'organizzazione del. Questi percorsi formativi dovranno preyedere anche case 'ìtudies. simulazioni. esercitazioni valutative. conferenze e tavole rotonde fra docenti. dirigenti delle strutture e discenti. Per le Direzioni del Personale e dei Senizi al Tesoro si considerano prioritari approfondimenti di materie giuridico-amministrative correlati al corretto andamento delle ps9 515

6 attività di competenza. nonché l'aggiornamento informatico e sui sistemi applicativi in uso. Infine. per la Direzione per la Comunicazione Istituzionale. dovrà essere prevista formazione professionalizzante per il personale che svolge attività di comunicazione istituzionale per il Ministero. Per le Direzioni del Dipartimento anche la fonnazione linguistica è ritenuta di interesse per il personale. Roma. 11 Capo Dipartimento (Cons. Luigi FERRARA) paç6i6

7 1a 1b 3a 3b 7 8 Attività Attività Corsi/N, Edìzìnni 5 Note Partecipanti Informatica Sovvenzioni e concessioni 4 88 Attività sanzionatoria,recupero crediti Attività ispettiva Attività ispettiva Corso specialistico per responsabili e referenti 1 19 Acquisti dì beni e servizi 3 67 Modalità d i erogazione: formazione a Reclutamento del Reclutamento del personale e mobilita (ex da inserire eventualmente in una da inserire eventualmente ìn una personale e mobilità procedure concorsuali) classe formata per altri enti classe formata per altrì enti modalita di erogazione: (Contrubuto unificato) videoconferenza. distanza, PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Codice Materia Argomento det modulo formativo richiesto Livello ALLEGATO 1 Procedimenti in materia di entrate tributarie 9 formazione a carattere generale 5 Conferimento incarichi Conferimento incarichi Acquisti di beni e servizi e Acquisti di beni e servizi e sanzionatoria, recupero sanzionatoria,recupero crediti, sovvenzioni e concessioni crediti, sovvenzioni e concessioni consulenze consulenze

8 ALLEGATO 1 Corsi/N. Edizioni eventualmente in classi formate per Note Richieste Aggiornamento addetti al pnmo soccorso unico 4 uffici centrali 101 Aggiornamento addetti antincendio unico 5 uffici centrali 133 Preposti unico 7 uffici centrali 238 Addetti al primo soccorso unico 1 uffici centrali 30 Aggiornamento RLS unico 1 uffici centrali 26 Addetti antincendio rischio elevato 2 uffici centrali 23 RSPP e ASPP. Mod. A unico uffici centrali 6 RSPP e ASPP. Mod. B unico uffici centrali 6 Aggiornamento RSPP unico da inserire uffici centrali 5 Delegati/dirigenti unico altri enti uffici centrali 9 Aggiornamento ASPP unico uffici centrali 8 RSPP Mod. e unico uffici centrali 1 SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO 0 Codice Materia Argomento del modulo formativo richiesto Livello

9 ALLEGATO Aggiornamento ASPP unico uffici periferici 22 Aggiornamento RLS unico uffici periferici 142 Aggiornamento RSPP unico uffici periferici 71 Addetti al primo soccorso unico uffici periferici 91 unico da inserire su l territorio in eventualmente 27 Modalità di Articolo 37 unico erogazione: uffici centrali 3854 formazione a distanza, comp atibile con la 28 Articolo 37 unico normativa uffici periferici 5250 vigente

10 Aggiornam Agg1ornam ento ASPP ento RLS ento RSPP rigenti Mod. C soccorso o primo antincendi Mod. A Mod B vo RSPP Totale complessi Genova o 1 o o 1 o o o o 122 Firenze o o 1 o o o o 137 Caserta 3 2 o 8 o 1 o 92 1 o o 1 o o o 108 Catania 1 o 1 5 o o o o o o o 102 Bolo<:ina 1 o 8 5 o o Cagliari o o o o 1 1 o 105 Cosenza 4 o 1 5 o o o o o o o 101 Bari o o o o o o o o 208 Crotone o o o 5 o o o o Enna o o o o o o o 7 o o o Cuneo o o o 1 o 1 o 31 1 o o o o o o 34 Ferrara o o 3 4 o o o o o o 46 Foaala o 2 o 4 o o o $ Frosinone 2 o o o o o o Cremona o o 2 o 17 1 o 1 o ForlltCeSèna 1 o 3 4 o o o o o 2 2 o 42 Grosseto o o 3 o o o o 43 Como o o 3 2 o 1 o 42 1 o o 1 o o o 50 Gorizia o o 1 3 o o o 18 o o o o Caltanissetta o o o 3 o 2 o 30 o o o o o o o 35 Campobasso 4 3 o 6 o o o o o o o 74 Brindisi 1 o 1 1 o o o o o 1 1 o 32 Chieti o o o o o o o 1 38 Brescia 4 o 3 3 o 2 o 60 1 o o Bolzano 1 o 1 5 o o o o o 1 o 49 Ascoli Piceno o o 2 4 o o o o o o o 44 Benevento o o 3 6 o o o o o o o 1 57 aeraamo 3 1 o o o o o o o o o 16 Catanzaro o o o o 3 3 o 91 Belluno o o 5 7 o 2 o 32 o o o o o o o 46 Avellino o o o o o o 8 1 o o o 58 Arezzo o o 3 4 o 1 o 36 1 o o o o o o 45 Asti o o o 5 o 1 o 24 1 o o 1 o Alessandria o 1 o 2 o 2 o 53 1 o o o o o o 59 Ancona o o o o o 1 1 o 78 Aosta o o 1 2 o 2 o 17 2 o o o o o o 24 Aoriqento 1 o o 45 o o o o Biella o o o o o o o 4 o o o o o o o 4 Addetti al Addetti ento ento RSPPe RSPPe Preposti RLS ASPP. ASPP. Aggiornam Ag91ornam Agg1ornam Articolo 37 Datore dì Delegati/di PROVINCE primo antincendi addetti al addetti soccorso o

11 Agg1ornam Agg1ornam Addetti al Addetti ento ento RSPPe RSPPe Agg1ornam Aggiornam Ag91ornam Datore d1 Delegat1/dì pnmo Articolo 37 Preposti RLS ASPP. ASPP PROVINCE antincendi addetti al addetti ento ASPP ento RLS ento RSPP rigentì Mod. C soccorso o pnmo antincendi Mod A Mod B vo soccorso o Imperia o o 4 2 o 2 o 25 1 o o o o o o 34 Isernia 4 3 o o o 2 o 21 1 o o o o o o 31 La Spezia o o 4 3 o 1 o 29 o o o 1 o o o 38 L'AQUiia o o o 8 o o o o Latina o o o 1 o o o o 94 Lecce o o o o o o 1 o 86 Lecco o o 1 1 o 1 o 5 o o o o o o o 8 Livorno 2 o 8 10 o o o 1 o 1 1 o 51 Lodi o o 1 1 o o o 3 1 o o 1 o o o 7 Lucca o o o o o o o o 1 39 Macerata o o 6 4 o o o o o o o 1 45 Mantova 2 o 1 o o 2 o 32 o o o o o o o 37 Massa Carrara 1 2 o o o 1 o 6 1 o 1 o o o o 12 Matera o 2 o 3 o o o o o o o 39 Messina o 6 o o o o 95 Milano o o 6 18 o 2 o Modena o o o 4 o o o o o o o 32 Naooh o o o Novara o o 1 2 o 1 o 34 o o o 1 o o o 39 Nuoro o o o 1 o o o 1 o o o 32 Oristano o o o o o 2 o 24 o o o o Padova o o o o o o o 61 Pafermo 1 o o o 2 o Parma o o 1 1 o o o 1 o o o 48 Pavia o o 7 5 o 2 o 34 1 o o o o o o 49 Perugia o 2 o 2 o 2 o 67 2 o o 85 Pesaro Urbino 2 2 o o 1 o o 32 1 o o 2 o o 1 41 Pescara o o 1 o o Piacenza 1 o o o o 1 o o o 36 Pisa 1 o 2 4 o o 1 28 o o o 42 Pistola 5 o 1 1 o 1 o 15 o o 1 o Pordenone o o 4 2 o 1 o 26 1 o o o Potenza o o 1 1 o o o 81 Prato o o 3 2 o o o 8 1 o o 1 o o o 15 Ra~uss 2 1 o o o 1 o 42 o o o o o o o 46 Ravenna o o o o o o 1 1 o 37 Reoaio Cala~rla o 1 o 99 1 o o o 1 1 o 110 Reaoio Emma o o 3 1 o o o o o o o o 31 RSPP Totale complessi

12 Totale RSPP Totale complessi Venezia o o o Roma Torino o o 1 o o o 175 Verona o o o 1 o o o o o 54 Salerno 2 o o o 1 o Sassari o o o o 1 1 o o o 42 Vicenza 4 3 o o o o o o 1 1 o 60 Viterbo o o 2 5 o o o o o o o 41 Vercelli o o 2 5 o o o o o o o 32 Treviso o o o 1 o o o o 66 Trieste o o 5 5 o o o o o o o 72 Udine o o 7 4 o 1 o 39 1 o o o 2 2 o 56 Varese 1 o 3 2 o 1 o 32 o 1 o o 1 1 o 42 Trapani o o 2 o o o o o Trento o o o 1 o o o 78 Siracusa 4 o o o o o o o o 49 Sondrio 2 o o o o 1 o 21 o o o o o o o 24 Taranto o o 4 5 o o o 1 o o o 46 Teramo 2 o 4 2 o o 2 40 o o o o 1 1 o 52 Terni o o 2 4 o o o 1 o o 1 o 36 Verbania o o o o o o o o o o o 5 Vibo Valentìa 1 1 o o o o 1 5 o o o o o o o 8 Savona o o o o 36 o o o o Roviçio o o o o o Siena o o 6 5 o o o 1 o o o 41 Rieti o o 5 3 o o o o o o o 41 Rimini o o o 1 o o o o o o o 20 soccorso o primo antincendi Mcd. A Mod. B vo entoaspp ento RLS ento RSPP rigenti Mod. C Addetti al Addetti ento ento RSPP e RSPPe Preposti RLS ASPP ASPP. Aggiornam Aggiornam Agg1ornam Articolo 37 Datore di Delegati/di Aggiornam Aggiornam PROVINCE primo antincendi addetti al addetti soccorso o complessivo

13 I i i I ALLEGATO 2 SCIENZE AZIENDALI Codice Materia Argomento del modulo formativo richiesto Livello Corsi/N. Edi:lioni Note Richieste 1 Scienze Aziendali Servizi di segreteria e organizzazione di un unico 1 sede: via XX Settembre 25 evento pubblico 2 Scienze Aziendali Management della PA unico 1 Sedi MEF 25 3 Scienze Aziendali Organizzazione e customer satisfaction unico Scienze Aziendali Gestione di situazione di crisi. emergenza e unico 1 sede: via XX Settembre 15 stress 6 Scienze Aziendali Comunicazione istituzionale specialistico 1 sede: via XX Settembre 25 7 Scienze Aziendali Controllo di gestione unico 1 Analisi dei processi per lo sviluppo sede: via XX Settembre - Secondo semestre Escluso 1/6-30/9 8 Scienze Aziendali organizzatìvo e reingegnerizzazione dei unico 1 sede: via XX Settembre 25 9 Scienze Aziendali orocessi nuove tecnologie pari opportunità. mobbing e valorizzazione del unico 1 sede: via XX Settembre 25 benessere lavorativo Scienze Aziendali unico 20 dei comportamenti Capacità relazionali ed emotive autovalutazione sede: via XX Settembre (richiesto da CUG per dirigenti) 1 11 Scienze Aziendali Cerìmoniale dì Stato urnco 1 Corso pratico Periodo escluso 1/6-30/9 10 Attività di auditing (norme UNI EN ISO 14 Scienze Aziendali unico 1 DGT , Circolare FP n. 2567/M2 del 2002) 20 Scienze Aziendali Problem solving unico 1 sede: via XX Settembre Scienze Aziendali TECNICHE DI COMUNICAZIONE EFFICACE PER DIRIGENTI avanzato 3 INCONTRI DI GRUPPO C/O sedi Scienze Aziendali COACHING FORMATIVO PER ISPETTORI e DIRETIORI GENERALI avanzato CORSI INDIVIDUALI CIO SEDI DI SERVIZIO 10

14 ALLEGATO 2 29 Scienze Aziendali Biblioteconomia e gestione dei servizi bibliotecari specialistico eventuale inserimento corso a catalogo SNA 6 23 Scienze Aziendali URP formazione interna Corso da tenere presso l'urp 4 24 Scienze Aziendali Aggiornamento sull'assetto amministrativo e istituzionale del MEF FORMAZIONE PER PERSONALE NON 5

15 ALLEGATO 2 INFORMATICA Codice Materia Argomento del modulo formativo richiesto Liv e no 4 OFFICE Tecniche di videoscrittura con l'uso di word process (word) Trattamento ed analisi dati con l'uso di fogli elettronici - EXCEL Gestione dei dati con l'utilizzo dei database /avanzato (Access) intermedio /avanzato metodologia operativa x sviluppare amministrazione diqitale La gestione dei rischi legati ai sistemi La misurazione delle prestazioni dei sistemi Corsi/N. Edizioni Note Richieste 1 OFFICE intermedio 1 25 avanzato OFFICE 3 OFFICE POWER POINT intermedio base 1 20 intermedio 2 40 avanzato 1 20 base base Formazione ICT Percorso Formativo 65 ICT "Metodologie e tecniche di Governance dei 1 articolato in 12 moduli 15 sistemi informativi nel MEF" PROCESSO da erogare nelle provincie di Firenze, Livorno 15 TRIBUTARIO PROCESSO TRIBUTARIO TELEMATICO 5 e Perugia 110 TELEMATICO Periodo: maaaio/qiuqno Gestione informatica flussi documentali e archivi (dematerializzazione). Classificazione e 25 fascicolazione documenti: principi funzionali e unico COBIT 5 FOUNDATION Il calcolo dei function point IT service management informativi 103 informativi nella PA Standard per l'analisi funzionale 1 15

16 ALLEGATO Attività IMAC 8 IS ORGANIZATION-strutture e processi dei 107 sistemi informativi Protezione cibernetica e sicurezza informatica nazionale - Attuazione interventi previsti dal Piano Nazionale per la sicurezza dello spazio cibernetico USO DEI SUPPORTI CORSI INDIVIDUALI PER PERSONALE NON JAWS.MAGIC,WORD,EXCEL,POSTA VEDENTE E IPOVEDENTE (presso le sedi o 5 99 ELETTRONICA.INTERNET E INTRANET attraverso skvoe \ formazion[ PER PERSONALE NON UDENTE - PACCHETTO OFFICE 100 aula tradizionale 8 SICOGE SICOGE base 2 formazione interna 35 aggiornamenti 1 formazione interna SIAP SIAP - SPRING 10 PROTOCOLLO MEF PROTOCOLLO MEF base 1 formazione interna 15 aggiornamenti 1 formazione interna 25 base 1 formazione interna 30 aggiornamenti 2 formazione interna PEC Nuovi strumenti per trasmissione documento informatico: PEC (aspetti tecnici e documentali) 1 formazione interna DATAMART DATAMART 1 formazione interna SIVAD SIVAD 3 formazione interna 75 AGGIORNAMENTO SU UTILIZZO PRATICO 22 APPLICATIVO DATAWAREHOUSE RGS avanzato 1 formazione interna 10 AGGIORNAMENTI PRATICO OPERATIVI SU 23 APPLICATIVO "PROTOCOLLO RGS" avanzato 1 formazione interna 15 APPROFONDIMENTO PRATICO OPERATIVO 24 SU APPLICATIVO REO avanzato 1 formazione interna SIGIT SIGIT 20 da erogare in modalità videoconferenza Periodo: aprile/maggio 400

17 ALLEGATO 2 LINGUISTICA Codice Materia Argomento del modulo formativo richiesto Livello Corsl/N. Edizioni Note Richieste base 1 INGLESE COLLETTIVO intermedio 30 PARTECIPANTI' UDCOM 46 - DT RGS DF DAG avanzato base 2 INGLESE INDIVIDUALE intermedio avanzato base PARTECIPANTI UDCOM 6 - DT 43 - RGS 16 - DF 8 - Dag 5 2 bis INGLESE COLLETTIVO piccoli gruppi intermedio avanzato base SPECIALISTICO collettivo 3 INGLESE (business - economico fiscale - publick intermedio 2 PARTECIPANTI: UDCOM 1 - DT 1 - DF DAG 2 28 speacking etc.) avanzato base 4 FRANCESE COLLETTIVO intermedio 3 PARTECIPANTI: DT 30 - RGS 19 DF DAG avanzato 5 FRANCESE INDIVI DUALE avanzato 1 PARTECIPANTI: DT bis FRANCESE COLLETTIVO piccoli gruppi ìntermedìo/avan zato 1 PARTECIPANTI: UOCOM 1 - DT 7 8

18 ALLEGATO 2 SCIENZE TRIBUTARIE Codice Materia Argomento del modulo formativo richiesto Livello Corsi/N. Edizioni Note Richieste 1 Tributane Diritto tributano europeo/internazionale intermedio 1 15 avanzato 1 Moduli Fiscalità privilegiata 3 unità La disciplina del CFC 1 unità 25 2 Tributarie L' rva e le accise intermedio 1 durata non superiore a 3 giorni 15 3 Tributarie Diritto Tributario e federalismo fiscale 1ntermed10 1 sede MEF 10 avanzato 1 sede MEF 15 4 Tributarie Contenzioso tributario intermed10/avanz 1 sede MEF 15 5 Tributarie Reddito e fiscalità di impresa intermedio Tributane R1scoss1one soggetti e procedure 1ntermed Tributarie Fiscalità internazionale avanzato eventuale inserimento in corsi a catalogo 7

19 ALLEGATO 2 SCIENZE GIURIDICHE Codice Materia ArgomMto del modulo formativo richiesto Livello Corsi/N. Edizioni Note Richieste 1 Scienze Giuridiche Nuova disciplina procedimento amministrativo avanzato 1 Il sistema dei controlli nelle societa e negli enti Sede Via XX Settembre - orario 9-13 periodi favorevoli 1 semestre( seconda metà di gennaio - febb - marzo - aprile - maggio) 2 semestre seconda metà di sett - ott - prima parte di novembre) 2 Scienze Giuridiche pubblici anche alla luce della riforma del diritto avanzato 1 35 societario 3 Scienze Giuridiche CONTENZIOSO AMMINISTRATIVO intermedioavanzato 1 15 Nuove direttive europee in materia di concessioni e appalti e loro attuazione nei della Corte di Giustizia in materia di concessioni 10 5 Scienze Giuridiche Tratamento giuridico del personale intermedio 1 Sede Via XX Settembre Gestione documentale: formazione, rilascio, 6 Scienze Giuridiche tenuta e conservazione, archiviazione e scarto intermedio Scienze Giuridiche degli atti Trasparenza della P.A. e accesso agli atti avanzato 2 50 amministrativi 8 Scienze Giuridiche Redazione dei testi normativi unico 1 Sede Via XX Settemnre 12 9 Scienze Giuridiche 10 Scienze Giuridiche Tecniche normative in materia di autonomie territoriali finalizzate alla revisione, al monitoraggio dei bilanci e investimenti e al oiano dei conti Normativa e procedure di accesso ai fondi dell'u.e. avanzato 1 Sede Via XX Settembre 15 avanzato 1 Sede Via XX Settembre 20 Aggiornamento sulla normativa dei contratti e base-intermedio Scienze Giuridiche degli appalti pubblici. Aspetti tecnici correlati Sede Via XX Settembre all'attività di controllo RGS avanzato 1 30

20 Aula Aula Aula rivac Corte dei Conti e il pignoramento Corte dei Conti ALLEGATO 2 I avanzato I 1 I Sede Via XX Settembre I 15 I intermedio I 1 I I 10 SNA '- - ''\"*',, -- e 18 I Scienze Giuridiche I Diritto internazionale e dell'unione europea unico I I Scienze Giuridiche I Attività di verifica svolta dalla RGS sulle relazioni tecniche predisposte dalle Ammnistrazioni competenti a corredo di rovvedimenti legislativi I I I I 14 I Scienze Giuridiche Diritto penale: cyber crimes con particolare improprio dei dati personali e alla tutela della I attenzione sui crimini relativi all'utilizzo Trattamento giuridico ed economico del di applicazione controllo di competenza RGS 16 I Scienze Giuridiche 1 Validità degli atti dematerializzati ai fini del controllo di regolarità amministrativo-contabile I degli UCB e del controllo di legittimità della avanzato I 1 I Sede Via XX Settembre I 10 I Le procedure esecutive in particolare il precetto Il Personale MEF potrà essere inserito in 19 I Scienze Giuridiche unico eventuali corsi a catalogo organizzati dalla I I Scienze Giuridiche I Diritto comunitario con riferimento procedure legislative Unione Europea Trattamento giuridico ed economico del '.; - -' l!1!oo! I l. 1 unico I 8 il- w % ~... +;w:.,- ~~>Y%1 ~),. 3 m~ 11 >.,.., l tf\ :t **- - v I Scienze Giuridiche I personale dirigenziale scolastico per finalità di I avanzato I 1 I RTS - Aula virtuale con piattaforma I 25 virtuale controllo e di applicazione degli atti con CAMPUSRGS riferimento ai controlli 12reventivi RTS Trattamento giuridico ed economico del I Scienze Giuridiche I personale non dirigenziale scolastico per j intermedio I 1 I RTS - Aula virtuale con piattaforma I 25 virtuale finalità di controllo e di applicazione degli atti CAMPUSRGS con riferimento ai controlli preventivi RTS Validità degli atti dematerializzati ai fini del I Scienze Giuridiche I controllo di regolarità amministrativo-contabile I intermedio I 1 I RTS - Aula virtuale con piattaforma I 25 virtuale degli UCB e del controllo di legittimità della CAMPUSRGS 15 I Scienze Giuridiche I personale dirigente e non dirigente per finalità I intermedio I 1 I Sede Via XX Settembre I I Scienze Giuridiche I Trattamento quiescenza dipendenti pubblici unico 1 20

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA Rilevazione Dicembre - 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA INDICE Metodologia Immagine dell'ente La notorietà dei settori di competenza della Le aree di intervento nei settori di attività sviluppati dalla

Dettagli

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Fonte 15-12-2011 ore 12:31 - sb GIOCHI: 2011 RECORD, RACCOLTA A 76 MLD Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Ancora

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

Calcolo del fabbisogno energetico

Calcolo del fabbisogno energetico Calcolo del fabbisogno energetico Il fabbisogno energetico mensile Fasi di calcolo del fabbisogno energetico mensile Fattori climatici e gradi-giorno Gli scambi termici Scambi termici per trasmissione

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.0_.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.14 Feb 07 2011 Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione Sondaggio ANDI Delibera

Dettagli

Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo

Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (4a Serie Speciale Concorsi ed Esami n. 5 del 20 gennaio

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia PROT. n 63125 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: CIRCOLARE N. 7 Direzione dell Agenzia DATA DECORRENZA: 1 ottobre 2004 Roma, 12 agosto 2004 Attribuzione di nuovi codici ufficio ai fini del pagamento

Dettagli

Calcolo del risparmio energetico

Calcolo del risparmio energetico Calcolo del risparmio energetico Calcolo semplificato del risparmio annuo di energia in fonte primaria previsto con un intervento di efficienza energetica In un involucro edilizio ogni intervento di qualificazione

Dettagli

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Tipologia di intervento:

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2)

SPECIALE UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA: VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2) SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": A FINE ANNO GLI ITALIANI AVRANNO SPESO OLTRE 60,8 MILIARDI PER DARE LA CACCIA ALLA FORTUNA. ALL'ERARIO QUASI 9 MILIARDI DI EURO (1) Un altro anno record per il mercato

Dettagli

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0 trasferimenti - Maggio 2015 / Riepilogo generale Situazione posti scuola secondaria di I grado dopo i trasferimenti per il 2015/2016 (al 28/5/2015) (potrebbe esserci qualche variazione in aumento nel caso

Dettagli

Indagine sulle tariffe applicate

Indagine sulle tariffe applicate Indagine sulle tariffe applicate 1 Indagine realizzata a cura dell Osservatorio prezzi&tariffe di Cittadinanzattiva 2 Indice Premessa... 5 Nota metodologica... 7 I risultati dell indagine... 8 Dati territoriali...

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Immigrati: 335mila imprese nel 2014, in testa cinesi e marocchini, più spazio a bengalesi e indiani Cresciute di 23mila unità in un anno Roma, 7 aprile 2015 L Italia delle

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento Fondazione Ugo Bordoni Un esempio di transizione: dalla fotografia analogica alla fotografia digitale Alcuni esempi di transizione

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

TUTTO SUL PASSAPORTO

TUTTO SUL PASSAPORTO TUTTO SUL PASSAPORTO 1. Norme di carattere generale Il passaporto ordinario è valido per tutti i Paesi i cui governi sono riconosciuti da quello italiano, salve le limitazioni previste dalla legge, e può

Dettagli

DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO

DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO Sintesi dell indagine della UIL Servizio Politiche Territoriali - Osservatorio sulla fiscalità locale sulla TARSU e TARES NEL LA TASSA/TARIFFA SUI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO Federica Bonafaccia Antonio Griesi Sergio Vento in collaborazione con LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO la componente patrimoniale della nuova

Dettagli

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Novembre 2012 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio

Dettagli

Croce Verde Ambiente

Croce Verde Ambiente Croce Verde Ambiente NETWORK NAZIONALE DI PRONTO INTERVENTO ANTINQUINAMENTO INDUSTRIALE - STRADALE - ACQUEO - GEOLOGICO Dislocate in ogni provincia italiana, rappresentano l'unico e vero "braccio operativo"

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO

Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO MANUALE TECNICO PER LA CALIBRAZIONE E REGOLAZIONE METROLOGICA Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO MANUALE TECNICO PER LA CALIBRAZIONE E REGOLAZIONE METROLOGICA Bilancia elettronica da banco modello

Dettagli

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva1 1. Premessa Roma, febbraio 2007 Gli asili nido comunali rientrano

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015 Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015 Individuazione dei bacini d'utenza ad alta densita' territoriale soggetti a maggiorazione del contributo dovuto ai sensi del decreto 19 aprile

Dettagli

ProdottiTipici.it. il portale più gustoso che c è. Viaggio nel mondo dei prodotti tipici news, eventi e curiosità a portata di click.

ProdottiTipici.it. il portale più gustoso che c è. Viaggio nel mondo dei prodotti tipici news, eventi e curiosità a portata di click. ProdottiTipici.it il portale più gustoso che c è Chi Siamo Più di 200 clienti e oltre 500 siti realizzati, la BBC da 10 anni consente alle aziende di essere visibili tramite internet, dalla nostra esperienza

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

La Rubrica Silenziosa

La Rubrica Silenziosa La Rubrica Silenziosa 2007 Immigrati residenti Anno: 2006 Fonte: Istat Percentuale di stranieri sul totale della popolazione Veneto 13,7 Lombardia 7,0 Emilia Romagna 6,9 Umbria 6,8 Toscana 6,0 Marche 6,0

Dettagli

PAOLA 577 UDINE 700 PARMA 999 URBINO 173 PATTI 427 VALLO DELLA LUCANIA 520 PAVIA 533 VARESE 670 PERUGIA 1684 VASTO 301 PESARO 648 VELLETRI 826

PAOLA 577 UDINE 700 PARMA 999 URBINO 173 PATTI 427 VALLO DELLA LUCANIA 520 PAVIA 533 VARESE 670 PERUGIA 1684 VASTO 301 PESARO 648 VELLETRI 826 NUMERO DI AVVOCATI RACCOLTI PERSONALMENTE DALL'AUTORE DI QUESTE RIGHE DA CIASCUN CONSIGLIO DELL'ORDINE DEL NOSTRO PAESE, SECONDO UN CRITERIO ALFABETICO ALLA DATA DEL 31 DICEMBRE 2006 DOC. N. 1 ACQUI TERME

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

MAURIZIO COPPO 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO

MAURIZIO COPPO 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO FONDAZIONE LUIGI GUCCIONE ISTITUTO INTERNAZIONALE PER IL CONSUMO E L AMBIENTE 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO I RIFERIMENTI

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel terzo trimestre 2014 Anno II - n. 1, 20 febbraio

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 A giugno 2011 in Italia 37.787 gelaterie artigiane, che danno lavoro a 87.992 addetti. Nell'artigianato 6 assunzioni di gelatai su 10 sono di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 20/05/2015 U-rsp/3389/2015 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 11111111111111111 111111111 11111111111111111111111111 p resso il Alinislero della Ciusti=ia Circ. n.

Dettagli

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari. Direzione Centrale Accertamento RISOLUZIONE N. 64/E Roma, 18 maggio 2005 Oggetto: Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Dettagli