UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Il capitale di rischio per la PMI CASE STUDY TREVISAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Il capitale di rischio per la PMI CASE STUDY TREVISAN"

Transcript

1 UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Il capitale di rischio per la PMI 2004 CASE STUDY La descrizione della società... 1 La descrizione del deal... 2 Il valore aggiunto dell operazione... 3 La strategia di uscita... 5 Allegati... 7 Breve presentazione di CAPE... 7 Novembre 2004

2 Introduzione Il case study in oggetto si propone di mostrare come l'intervento di una società di private equity, nella fattispecie Cape, sia riuscito a trasformare una piccola società di engineering nel leader mondiale nel proprio segmento di mercato, combinando una crescita aziendale organica, spinta dalla Ricerca & Sviluppo, con una strategia di crescita per via esterna tramite acquisizioni. Grazie a queste politiche,, dal 1999 al 2003, è stata in grado di incrementare di quasi dieci volte il fatturato e in maniera ancora più significativa il margine operativo lordo (EBITDA). Il primo investimento di Cape nella società risale al dicembre 1999, mentre il secondo è avvenuto nel luglio 2002, in occasione del rifinanziamento della società. La società è stata quotata alla Borsa di Milano sul segmento Star in data 5 novembre L andamento del titolo, quotato a 3,10, dopo un primo periodo di assestamento (con quotazioni intorno a 2,85) ha subito una forte crescita, fino ad arrivare, verso la fine del primo semestre 2004 intorno a 3,70 / 3,80. La descrizione della società, oggi Cometal S.p.A., è stata fondata nel 1969 a Verona dal padre di Silvio, attuale presidente della società. Nei primi anni ottanta è diventata società leader in una nicchia di mercato altamente specializzata, cioè la progettazione di impianti verticali per la verniciatura a polvere di profilati in alluminio, un settore molto redditizio e con elevate barriere all entrata. Tale specializzazione ha permesso all azienda di diventare il principale operatore di mercato nonostante la presenza di grandi gruppi industriali con una produzione ben più diversificata. detiene attualmente circa il 70% del mercato (per quanto attiene al suo core business), mentre il suo principale concorrente possiede meno del 20% con un offerta di prodotti tecnologicamente inferiori. La clientela di comprende grandi estrusori di alluminio integrati a valle nel settore della verniciatura, verniciatori conto terzi e distributori di profilati di alluminio. Nel corso degli ultimi tre anni più dell 80% delle vendite è stato realizzato all estero. Nel corso del tempo, a seguito dell investimento di Cape nella società e all implementazione del piano di crescita intrapreso di comune accordo tra la società ed i partner finanziari, l attività di si è andata sempre più diversificandoe la società è ora a capo di un gruppo che si occupa di engineering e di coating. La Divisione Engineering, che costituisce l'attività storica e tradizionale del Gruppo, ha per oggetto: - la progettazione e la realizzazione di impianti verticali per la verniciatura in polvere di profilati in alluminio; - la progettazione e la realizzazione di impianti per la finitura dell'alluminio mediante anodizzazione; - lo sviluppo di prodotti e la fornitura di servizi accessori e funzionali all'attività di progettazione e realizzazione degli impianti di verniciatura e finitura dei profilati in alluminio del Gruppo. Il Gruppo nel 2002 ha esteso l'attività di engineering anche alla fornitura, in qualità di general contractor, di sistemi completi per il trattamento superficiale dell'alluminio, dalla verniciatura in polvere dei profilati in alluminio, alla movimentazione e all'imballaggio dei profilati, alla purificazione e alla demineralizzazione delle acque. Quest'ultima attività si è ulteriormente sviluppata a seguito dell acquisizione perfezionata nel corso del 2004 della società Cometal Engineering, leader mondiale nell engineering di impianti per l estrusione dell alluminio. 1

3 Per sfruttare le opportunità di business derivanti dallo sviluppo di una tecnologia per la verniciatura dell'alluminio ad effetto legno (tecnologia "Effecta") brevettata nel dicembre 2002, il Gruppo affianca alla tradizionale attività di engineering l'attività di verniciatura di profilati in alluminio (Divisione Coating). In tale ambito, il Gruppo persegue una duplice linea di sviluppo attraverso: l'offerta di servizi di verniciatura principalmente con tecnologia Effecta tramite società controllate (attività di tipo "make"); la concessione a terzi di licenze o sublicenze per la fornitura di servizi di verniciatura con tecnologia Effecta a fronte di un pagamento di royalty (attività di tipo "sell"). Il percorso di sviluppo del Gruppo è testimoniato dall evoluzione dei principali dati economico finanziari dal 1999 a oggi, come rappresentato nella figura sottostante mln 50 37,2 55, ,9 12,4 10,8 5,8 5,7 0,1 1,2 1, E Value of production EBITDA Nel primo semestre del 2004 ha realizzato un valore della produzione di 37,1 milioni, in crescita del 56% rispetto ai 23,8 milioni dello stesso periodo dell anno precedente. Per la fine dell anno, il fatturato aziendale dovrebbe aggirarsi attorno ai 120 milioni. I principali obiettivi strategici del Gruppo sono l ulteriore rafforzamento della propria posizione competitiva nel mercato dei sistemi di trattamento superficiale dell alluminio e il perseguimento della diversificazione del core business originario mediante lo sfruttamento di soluzioni tecnologiche innovative. Il perseguimento di tali obiettivi strategici potrà essere realizzato, come è già stato fatto in passato con successo, sia attraverso un processo di crescita interna, sia valutando opportunità di crescita esterna tramite acquisizioni di aziende operanti in mercati contigui o complementari, ovvero accordi di joint venture. La descrizione del deal Simone Cimino, presidente di Cape, è stato presentato al CEO (Chief Executive Officer) della società, Silvio, nel giugno 1999 da Renato Fadini, investitore e membro del Consiglio di Amministrazione di Cape, nel momento in cui l imprenditore stava cercando un investitore finanziario come alternativa alla vendita della società a un grande gruppo di 2

4 engineering. Cape è stata l unica società di private equity a negoziare con l azienda in quanto la propria offerta rispondeva ai requisiti minimi di valutazione dall imprenditore nonché conteneva un interessante piano di stock-option per l imprenditore legato ai risultati post-ingresso del fondo. Nel 1999, i ricavi della società erano pari a 5,8 milioni e derivavano esclusivamente dalla produzione di impianti verticali per la verniciatura a polvere di profilati in alluminio. A quel tempo aveva un organico di 17 persone e produceva una media di quattro impianti l anno il cui valore unitario era compreso tra e Il prezzo pattuito per il 100% del capitale è stato pari a 4,6 milioni (inclusi costi di transazione per 0,3 milioni). L operazione di Leveraged Buy-Out (LBO), effettuata tramite una società di nuova costituzione ( Newco ), è stata finanziata con capitale per 1,3 milioni, con debito senior per 2,0 milioni e con l emissione di un prestito obbligazionario per 1,3 milioni. Silvio è rimasto CEO della società con il 35% delle azioni (in seguito aumentato grazie al piano di stock-option), mentre Simone Cimino ne è diventato presidente in rappresentanza del fondo di cui Cape era advisor e che deteneva il rimanente 65% della società. Grazie alla complementarietà delle loro capacità e attitudini, si è creato un eccellente rapporto di collaborazione tra Silvio e Simone Cimino, che ha dedicato almeno un giorno alla settimana all azienda.,. Alla fine del 2002, la prima fase del piano di crescita della società è stata completata. In accordo con l imprenditore, Cape ha deciso di cercare un nuovo partner istituzionale che supportasse l azienda nella successiva fase del suo percorso di sviluppo e che l aiutasse nel processo di preparazione alla quotazione presso la Borsa Valori di Milano. Il fondo selezionato da Cape come nuovo investitore in è stato JP Morgan Italian Fund III (gestito da Private Equity Partners) che ha acquistato una partecipazione del 30% nella società. La quota restante è stata suddivisa tra Silvio (34%), Capeq Natexis SA (34%) e il management (2%). JP Morgan ha accettato che Cape, tramite il veicolo Capeq Natexis in cui Natexis ha coinvestito con il fondo Capeq di cui Cape è advisor, rimanesse investitore di controllo. Il prezzo pagato è stato pari a 5 volte il margine operativo lordo (EBITDA) 2002 e la transazione è stata strutturata prevedendo un earn-out (aumento del prezzo pagato ai venditori) basato sui risultati Sulla base di questa valutazione, in due anni e mezzo l investimento originario del 1999 ha ottenuto un ritorno pari a 6,3 volte il capitale investito. Silvio è stato nominato presidente e CEO e Simone Cimino è stato confermato CEO e vice presidente per promuovere l espansione estera dell azienda. Il valore aggiunto dell operazione All epoca del primo investimento in, Cape, in accordo con il management, ha predisposto e implementato un piano strategico post-acquisizione finalizzato alla riduzione della volatilità del business dell azienda (limitato numero di grandi commesse), al rafforzamento della struttura manageriale dell azienda (riduzione dalla dipendenza da Silvio ) e a aumentare la leadership tecnologica grazie ad importanti investimenti in ricerca e sviluppo (R&S). Da allora ogni azione volta alla crescita della società è stata condotta secondo le linee guida inizialmente tracciate da Cape e successivamente riviste e adattate alle esigenze della società.. Per meglio comprendere le tappe della crescita di, è utile descrivere i principali interventi che hanno consentito al gruppo di divenire leader incontrastato nel suo settore di riferimento. Una delle prime azioni intraprese dopo l ingresso di Cape in è stata l assunzione di un direttore commerciale che si occupasse delle vendite in Germania, Olanda e Belgio, permettendo così a Silvio di concentrarsi sull'attività di R&S. Inoltre, la società ha provveduto a sostituire tutti i suoi agenti e i rappresentanti freelance con personale commerciale interno. 3

5 E stato inoltre intrapreso un progetto in R&S da 1 milione, volto a sviluppare un sistema per la riproduzione delle venature del legno sull alluminio a costi competitivi, con l obiettivo di penetrare il redditizio mercato della verniciatura con finiture speciali. A tal fine è stata costituita una nuova società, Effecta, mentre per operare direttamente nel business della verniciatura è stata costituita un altra società, TT Museum. Un ulteriore azienda, Componenti, è stata costituita per la fornitura delle parti di ricambio degli impianti e per la gestione delle commesse di piccole dimensioni. Al fine di controllare la tecnologia relativa all automazione del software, ha infine acquisito il proprio fornitore tecnologico, RG Automation (le vendite a rappresentavano circa il 30% del fatturato di RG). Per sviluppare le vendite nel mercato cinese, sono state costituite Far East (oggi E- Coating) e Nahnai, un unità produttiva per la verniciatura Effecta fondata in collaborazione con un partner locale. Nella regione oceanica è stata invece costituita Australia. Nel 2002, tre anni dopo il primo investimento, il fatturato consolidato di è pari a 24,7 milioni con una forza lavoro composta da 210 addetti. è pronta ad affrontare una nuova fase della propria crescita. Per rafforzare il management dell azienda, Carlo Bernardocchi, già consulente di, è stato nominato Amministratore Delegato. Nel dicembre 2002, ha acquisito il 60% di Autel, uno tra i primi produttori al mondo di impianti di anodizzazione, per un valore di 3,5 milioni. Il venditore ha reinvestito 1 milione in nuove azioni. Nel maggio 2003, ha acquistato il 51% di TSM Spa, il terzo verniciatore conto terzi per dimensione in Italia, con l obiettivo di incrementare la distribuzione di Effecta sul territorio nazionale. Per fornire il Sud Italia, la società ha costituito una joint venture in Sicilia, Effecta Koinè Spa. ha utilizzato le infrastrutture logistiche e le risorse manageriali di un altra azienda in portafoglio ai fondi di cui Cape è advisor, che ha optato per la delocalizzazione in Sicilia (HP Group). Nel luglio 2003, la società ha ottenuto da Mida, azienda titolare di una tecnologia per la riproduzione dell effetto legno sull alluminio verniciato (brevetto Woodall), un impegno vincolante a vendere il 51% della propria società a (l acquisizione è stata perfezionata nel corso del primo semestre 2004), e da Adotta, azienda di progettazione e commercializzazione operante nel settore dell architettura d interni, lo stesso impegno di vendita per il 51% dell azienda. L acquisizione del controllo di Adotta, avvenuta tramite un aumento di capitale riservato, è stata perfezionata nel novembre Nell agosto 2003, ha presentato domanda di ammissione alla quotazione presso la Borsa Valori di Milano. Cape, insieme a Private Equity Partners, ha svolto la funzione di advisor finanziario della società. Il processo di quotazione si è concluso in data 5 novembre 2003 con l entrata della società alla Borsa Valori di Milano sul segmento Star. Nell ottica della continua implementazione della strategia di sviluppo del gruppo, l'evento più importante è consistito nell acquisizione nel maggio 2004 del 100% di Cometal Engineering S.p.A., leader mondiale nell engineering di impianti per l estrusione dell alluminio, società che nel 2003 ha registrato un valore della produzione di 46 Milioni e un EBITDA di 7,5 Milioni. L acquisto del 100% per 40 Milioni è stato finanziato per il 20% con i proventi derivanti dalla quotazione in borsa, per il 40% con un finanziamento senior stipulato con Centrobanca e per il rimanente 40% con un aumento di capitale sottoscritto in dai vecchi soci di Cometal Engineering. L acquisizione di Cometal ha contribuito a dare vita a un gruppo industriale con ricavi attesi per l'anno 2004 di quasi 120 milioni e margine operativo lordo di circa 20 milioni. Dopo l acquisizione S.p.A. è stata ridenominata Cometal S.p.A.. L operazione risulta particolarmente sinergica dal punto di vista industriale in quanto permette di: 4

6 - rafforzare l attività di general contractor del Gruppo, con la possibilità di offrire al cliente finale impianti chiavi in mano dall estrusione alla finitura superficiale; - realizzare il cross selling sfruttando la rete Cometal per la vendita di impianti e viceversa, anche alla luce della presenza geografica complementare (in particolare in Cina, Cometal negli USA); - raggiungere la massa critica per centralizzare alcune funzioni di staff e l attività di R&S. Sempre dal punto di vista industriale, il Gruppo ha continuato nella propria attività di espansione in Cina, con la costituzione di una nuova società, Fosham Cometal Industrial Machinery (FTCIM), con oggetto la produzione di impianti per il mercato locale. In particolare, il Gruppo ha ottenuto un importante commessa (circa 22 Milioni) con Asia Aluminium, leader locale di settore. La commessa sarà prodotta quasi esclusivamente in Cina. Per dotarsi in tempi rapidi della capacità produttiva necessaria per il completamento della commessa, si è proceduto all acquisizione di Jinda, player locale. tramite l acquisto del ramo d azienda da parte di FTCIM, in cambio del 30% della stessa. Infine, par quanto riguarda la divisione Coating, nel giugno 2004 è stato inaugurato lo stabilimento di Agrigento di Effecta Koinè e nello stesso periodo è stata portata all 85% la partecipazione in TSM. Infine, nel luglio del 2004, si è conclusa, con un operazione di LBO, l acquisizione della società DFV, società leader nella verniciatura ornamentale detentrice del brevetto Naturall. La società fattura circa 11 milioni e presenta un EBITDA di circa 3 milioni. ll Gruppo, la cui struttura è rappresentata nella figura sottostante, impiega oggi oltre 800 persone ed è presente in ben quattro continenti. ENGINEERING COATING Trev. Com. North America Inc, 100% 8% W.S.P. G.m.b.H. COMETAL 100% 60% ENGINEERING 99% 90% COMETAL HK LTD 100% 100% JINDA TREV. COM. FOSHAN LTD 89% AUTEL S.R.L. SERVIZI S.R.L. COMPONENTI S.R.L. RG AUTOMATION TSM ITALIA NANHAI 85% 95% EFFECTA 100% E-COATING S.R.L. (EX FAR EAST) 61% 51% CORINZIA DFV 100%(*) AUSTRALIA PTY 95% 51% ADOTTA 51%(*) EFFECTA KOINE (*) Partecipazione attualmente detenuta in via diretta da Cometal S.p.A. La strategia di uscita Il 5 novembre 2003 ha positivamente concluso il processo di ammissione al segmento Star di Borsa Italiana, intrapreso circa otto mesi prima. Il prezzo delle azioni vendute in OPVS (Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione) è stato pari a 3,1 per azione. Il mercato ha perciò riconosciuto agli investitori del luglio 2002 un multiplo di circa 3 volte il loro investimento a meno di 15 mesi dall investimento. L OPVS ha garantito la potenziale contendibilità della società con l immissione sul mercato del 50,2% delle azioni della Società. 5

7 In particolare l OPVS è stata strutturata con l'emissione di 8,6 milioni di nuove azioni, rivenienti dall'aumento di capitale, e con la vendita di 2,5 milioni di azioni di proprietà dei soci esistenti. Gli acquirenti sono stati per 3,3 milioni di azioni operatori al dettaglio, per 6,7 milioni investitori istituzionali e per 1,1 soggetti vicini alla società che hanno beneficiato di un private placement, con un leggero sconto, ma con il vincolo di mantenere la partecipazione per un periodo minimo di 12 mesi dall OPVS. L OPS ha permesso alla società di raccogliere circa 25 milioni da destinare per un terzo ad acquisizioni/progetti di sviluppo nella Strategic Business Units (SBU) dell Engineering e per due terzi alla SBU del Coating. Degli oltre 4 milioni di azioni possedute, attraverso la Società Capeq Natexis, Cape ha venduto in OPV azioni. Cape non prevede un uscita da nel breve termine, soprattutto perché è fortemente convinta che il Gruppo non abbia ancora espresso tutte le proprie potenzialità di crescita. 6

8 Allegati Breve presentazione di CAPE Cimino & Associati Private Equity ("Cape") è una società di private equity con sede a Milano fondata nel 1999 che opera come advisor di fondi chiusi di investimento esteri. Cape è posizionata nel segmento dei buy-out delle piccole e medie imprese. La strategia di investimento è orientata all'acquisizione di partecipazioni di maggioranza o qualificate in piccole e medie imprese caratterizzate da alti livelli di redditività, localizzate nel Nord e Nord Est Italia. operanti in settori manifatturieri tradizionali e con fatturato compreso tra i 10 e i 30 milioni di euro. Cape lavora in stretto rapporto con il management delle aziende in portafoglio per l'assunzione di tutte le decisioni di natura strategica e operativa riguardanti il lancio di nuovi prodotti e lo sviluppo di nuovi mercati, il controllo di gestione/finanziario, le acquisizioni addon e supportandole attivamente anche nella costituzione di nuove unità produttive all'estero, in particolare in Cina dove Cape ha aperto 2 uffici a Shangai e Guangzhou nel corso del Dalla sua costituzione a fine 2003, Cape è stata advisor in quattordici transazioni per un totale pari a oltre 35 milioni di risorse investite. Al 31 Agosto 2003 Cape aveva supportato quattro disinvestimenti generando un ritorno medio di 3,3 volte il capitale investito pari ad un tasso di rendimento medio annuo lordo (TIR) del 73%. Dall inizio del 2004 è operativa anche Natexis Cape SGR, una Società di Gestione del Risparmio autorizzata dalla Banca d'italia e creata per gestire Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Chiusi. Natexis Cape è stata fondata da Cape, che ne controlla il 51%, e da Natexis Private Equity International (NPEI), che possiede il restante 49%. Natexis Cape SGR è il gestore di Cape Natexis Private Equity Fund (CNPEF) un fondo chiuso di diritto italiano il cui regolamento è stato approvato dalla Banca d Italia. Il Fondo, operativo dal 2 Febbraio 2004, ha raccolto 120 milioni presso investitori istituzionali italiani ed esteri, ed oltre 100 investitori individuali qualificati nel Nord Italia. CNPEF verrà investito con la stessa strategia adottata da Cape nel passato, e a fine novembre 2004 ha già effettuato tre investimenti. NPEI è il ramo internazionale di Natexis Private Equity, il principale operatore francese di investimento di capitale di rischio con più di 500 investimenti effettuati in Francia, appartenente al Gruppo Banque Popolare. 7

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA GRUPPO BEGHELLI. Luci accese sull innovazione Pag. 1. Le ragioni di una leadership Pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA GRUPPO BEGHELLI. Luci accese sull innovazione Pag. 1. Le ragioni di una leadership Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Luci accese sull innovazione Pag. 1 Le ragioni di una leadership Pag. 3 La struttura societaria Pag. 5 Lo sviluppo estero Pag. 6 Struttura del gruppo Pag. 7 Le attività

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli