UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Il capitale di rischio per la PMI CASE STUDY TREVISAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Il capitale di rischio per la PMI CASE STUDY TREVISAN"

Transcript

1 UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Il capitale di rischio per la PMI 2004 CASE STUDY La descrizione della società... 1 La descrizione del deal... 2 Il valore aggiunto dell operazione... 3 La strategia di uscita... 5 Allegati... 7 Breve presentazione di CAPE... 7 Novembre 2004

2 Introduzione Il case study in oggetto si propone di mostrare come l'intervento di una società di private equity, nella fattispecie Cape, sia riuscito a trasformare una piccola società di engineering nel leader mondiale nel proprio segmento di mercato, combinando una crescita aziendale organica, spinta dalla Ricerca & Sviluppo, con una strategia di crescita per via esterna tramite acquisizioni. Grazie a queste politiche,, dal 1999 al 2003, è stata in grado di incrementare di quasi dieci volte il fatturato e in maniera ancora più significativa il margine operativo lordo (EBITDA). Il primo investimento di Cape nella società risale al dicembre 1999, mentre il secondo è avvenuto nel luglio 2002, in occasione del rifinanziamento della società. La società è stata quotata alla Borsa di Milano sul segmento Star in data 5 novembre L andamento del titolo, quotato a 3,10, dopo un primo periodo di assestamento (con quotazioni intorno a 2,85) ha subito una forte crescita, fino ad arrivare, verso la fine del primo semestre 2004 intorno a 3,70 / 3,80. La descrizione della società, oggi Cometal S.p.A., è stata fondata nel 1969 a Verona dal padre di Silvio, attuale presidente della società. Nei primi anni ottanta è diventata società leader in una nicchia di mercato altamente specializzata, cioè la progettazione di impianti verticali per la verniciatura a polvere di profilati in alluminio, un settore molto redditizio e con elevate barriere all entrata. Tale specializzazione ha permesso all azienda di diventare il principale operatore di mercato nonostante la presenza di grandi gruppi industriali con una produzione ben più diversificata. detiene attualmente circa il 70% del mercato (per quanto attiene al suo core business), mentre il suo principale concorrente possiede meno del 20% con un offerta di prodotti tecnologicamente inferiori. La clientela di comprende grandi estrusori di alluminio integrati a valle nel settore della verniciatura, verniciatori conto terzi e distributori di profilati di alluminio. Nel corso degli ultimi tre anni più dell 80% delle vendite è stato realizzato all estero. Nel corso del tempo, a seguito dell investimento di Cape nella società e all implementazione del piano di crescita intrapreso di comune accordo tra la società ed i partner finanziari, l attività di si è andata sempre più diversificandoe la società è ora a capo di un gruppo che si occupa di engineering e di coating. La Divisione Engineering, che costituisce l'attività storica e tradizionale del Gruppo, ha per oggetto: - la progettazione e la realizzazione di impianti verticali per la verniciatura in polvere di profilati in alluminio; - la progettazione e la realizzazione di impianti per la finitura dell'alluminio mediante anodizzazione; - lo sviluppo di prodotti e la fornitura di servizi accessori e funzionali all'attività di progettazione e realizzazione degli impianti di verniciatura e finitura dei profilati in alluminio del Gruppo. Il Gruppo nel 2002 ha esteso l'attività di engineering anche alla fornitura, in qualità di general contractor, di sistemi completi per il trattamento superficiale dell'alluminio, dalla verniciatura in polvere dei profilati in alluminio, alla movimentazione e all'imballaggio dei profilati, alla purificazione e alla demineralizzazione delle acque. Quest'ultima attività si è ulteriormente sviluppata a seguito dell acquisizione perfezionata nel corso del 2004 della società Cometal Engineering, leader mondiale nell engineering di impianti per l estrusione dell alluminio. 1

3 Per sfruttare le opportunità di business derivanti dallo sviluppo di una tecnologia per la verniciatura dell'alluminio ad effetto legno (tecnologia "Effecta") brevettata nel dicembre 2002, il Gruppo affianca alla tradizionale attività di engineering l'attività di verniciatura di profilati in alluminio (Divisione Coating). In tale ambito, il Gruppo persegue una duplice linea di sviluppo attraverso: l'offerta di servizi di verniciatura principalmente con tecnologia Effecta tramite società controllate (attività di tipo "make"); la concessione a terzi di licenze o sublicenze per la fornitura di servizi di verniciatura con tecnologia Effecta a fronte di un pagamento di royalty (attività di tipo "sell"). Il percorso di sviluppo del Gruppo è testimoniato dall evoluzione dei principali dati economico finanziari dal 1999 a oggi, come rappresentato nella figura sottostante mln 50 37,2 55, ,9 12,4 10,8 5,8 5,7 0,1 1,2 1, E Value of production EBITDA Nel primo semestre del 2004 ha realizzato un valore della produzione di 37,1 milioni, in crescita del 56% rispetto ai 23,8 milioni dello stesso periodo dell anno precedente. Per la fine dell anno, il fatturato aziendale dovrebbe aggirarsi attorno ai 120 milioni. I principali obiettivi strategici del Gruppo sono l ulteriore rafforzamento della propria posizione competitiva nel mercato dei sistemi di trattamento superficiale dell alluminio e il perseguimento della diversificazione del core business originario mediante lo sfruttamento di soluzioni tecnologiche innovative. Il perseguimento di tali obiettivi strategici potrà essere realizzato, come è già stato fatto in passato con successo, sia attraverso un processo di crescita interna, sia valutando opportunità di crescita esterna tramite acquisizioni di aziende operanti in mercati contigui o complementari, ovvero accordi di joint venture. La descrizione del deal Simone Cimino, presidente di Cape, è stato presentato al CEO (Chief Executive Officer) della società, Silvio, nel giugno 1999 da Renato Fadini, investitore e membro del Consiglio di Amministrazione di Cape, nel momento in cui l imprenditore stava cercando un investitore finanziario come alternativa alla vendita della società a un grande gruppo di 2

4 engineering. Cape è stata l unica società di private equity a negoziare con l azienda in quanto la propria offerta rispondeva ai requisiti minimi di valutazione dall imprenditore nonché conteneva un interessante piano di stock-option per l imprenditore legato ai risultati post-ingresso del fondo. Nel 1999, i ricavi della società erano pari a 5,8 milioni e derivavano esclusivamente dalla produzione di impianti verticali per la verniciatura a polvere di profilati in alluminio. A quel tempo aveva un organico di 17 persone e produceva una media di quattro impianti l anno il cui valore unitario era compreso tra e Il prezzo pattuito per il 100% del capitale è stato pari a 4,6 milioni (inclusi costi di transazione per 0,3 milioni). L operazione di Leveraged Buy-Out (LBO), effettuata tramite una società di nuova costituzione ( Newco ), è stata finanziata con capitale per 1,3 milioni, con debito senior per 2,0 milioni e con l emissione di un prestito obbligazionario per 1,3 milioni. Silvio è rimasto CEO della società con il 35% delle azioni (in seguito aumentato grazie al piano di stock-option), mentre Simone Cimino ne è diventato presidente in rappresentanza del fondo di cui Cape era advisor e che deteneva il rimanente 65% della società. Grazie alla complementarietà delle loro capacità e attitudini, si è creato un eccellente rapporto di collaborazione tra Silvio e Simone Cimino, che ha dedicato almeno un giorno alla settimana all azienda.,. Alla fine del 2002, la prima fase del piano di crescita della società è stata completata. In accordo con l imprenditore, Cape ha deciso di cercare un nuovo partner istituzionale che supportasse l azienda nella successiva fase del suo percorso di sviluppo e che l aiutasse nel processo di preparazione alla quotazione presso la Borsa Valori di Milano. Il fondo selezionato da Cape come nuovo investitore in è stato JP Morgan Italian Fund III (gestito da Private Equity Partners) che ha acquistato una partecipazione del 30% nella società. La quota restante è stata suddivisa tra Silvio (34%), Capeq Natexis SA (34%) e il management (2%). JP Morgan ha accettato che Cape, tramite il veicolo Capeq Natexis in cui Natexis ha coinvestito con il fondo Capeq di cui Cape è advisor, rimanesse investitore di controllo. Il prezzo pagato è stato pari a 5 volte il margine operativo lordo (EBITDA) 2002 e la transazione è stata strutturata prevedendo un earn-out (aumento del prezzo pagato ai venditori) basato sui risultati Sulla base di questa valutazione, in due anni e mezzo l investimento originario del 1999 ha ottenuto un ritorno pari a 6,3 volte il capitale investito. Silvio è stato nominato presidente e CEO e Simone Cimino è stato confermato CEO e vice presidente per promuovere l espansione estera dell azienda. Il valore aggiunto dell operazione All epoca del primo investimento in, Cape, in accordo con il management, ha predisposto e implementato un piano strategico post-acquisizione finalizzato alla riduzione della volatilità del business dell azienda (limitato numero di grandi commesse), al rafforzamento della struttura manageriale dell azienda (riduzione dalla dipendenza da Silvio ) e a aumentare la leadership tecnologica grazie ad importanti investimenti in ricerca e sviluppo (R&S). Da allora ogni azione volta alla crescita della società è stata condotta secondo le linee guida inizialmente tracciate da Cape e successivamente riviste e adattate alle esigenze della società.. Per meglio comprendere le tappe della crescita di, è utile descrivere i principali interventi che hanno consentito al gruppo di divenire leader incontrastato nel suo settore di riferimento. Una delle prime azioni intraprese dopo l ingresso di Cape in è stata l assunzione di un direttore commerciale che si occupasse delle vendite in Germania, Olanda e Belgio, permettendo così a Silvio di concentrarsi sull'attività di R&S. Inoltre, la società ha provveduto a sostituire tutti i suoi agenti e i rappresentanti freelance con personale commerciale interno. 3

5 E stato inoltre intrapreso un progetto in R&S da 1 milione, volto a sviluppare un sistema per la riproduzione delle venature del legno sull alluminio a costi competitivi, con l obiettivo di penetrare il redditizio mercato della verniciatura con finiture speciali. A tal fine è stata costituita una nuova società, Effecta, mentre per operare direttamente nel business della verniciatura è stata costituita un altra società, TT Museum. Un ulteriore azienda, Componenti, è stata costituita per la fornitura delle parti di ricambio degli impianti e per la gestione delle commesse di piccole dimensioni. Al fine di controllare la tecnologia relativa all automazione del software, ha infine acquisito il proprio fornitore tecnologico, RG Automation (le vendite a rappresentavano circa il 30% del fatturato di RG). Per sviluppare le vendite nel mercato cinese, sono state costituite Far East (oggi E- Coating) e Nahnai, un unità produttiva per la verniciatura Effecta fondata in collaborazione con un partner locale. Nella regione oceanica è stata invece costituita Australia. Nel 2002, tre anni dopo il primo investimento, il fatturato consolidato di è pari a 24,7 milioni con una forza lavoro composta da 210 addetti. è pronta ad affrontare una nuova fase della propria crescita. Per rafforzare il management dell azienda, Carlo Bernardocchi, già consulente di, è stato nominato Amministratore Delegato. Nel dicembre 2002, ha acquisito il 60% di Autel, uno tra i primi produttori al mondo di impianti di anodizzazione, per un valore di 3,5 milioni. Il venditore ha reinvestito 1 milione in nuove azioni. Nel maggio 2003, ha acquistato il 51% di TSM Spa, il terzo verniciatore conto terzi per dimensione in Italia, con l obiettivo di incrementare la distribuzione di Effecta sul territorio nazionale. Per fornire il Sud Italia, la società ha costituito una joint venture in Sicilia, Effecta Koinè Spa. ha utilizzato le infrastrutture logistiche e le risorse manageriali di un altra azienda in portafoglio ai fondi di cui Cape è advisor, che ha optato per la delocalizzazione in Sicilia (HP Group). Nel luglio 2003, la società ha ottenuto da Mida, azienda titolare di una tecnologia per la riproduzione dell effetto legno sull alluminio verniciato (brevetto Woodall), un impegno vincolante a vendere il 51% della propria società a (l acquisizione è stata perfezionata nel corso del primo semestre 2004), e da Adotta, azienda di progettazione e commercializzazione operante nel settore dell architettura d interni, lo stesso impegno di vendita per il 51% dell azienda. L acquisizione del controllo di Adotta, avvenuta tramite un aumento di capitale riservato, è stata perfezionata nel novembre Nell agosto 2003, ha presentato domanda di ammissione alla quotazione presso la Borsa Valori di Milano. Cape, insieme a Private Equity Partners, ha svolto la funzione di advisor finanziario della società. Il processo di quotazione si è concluso in data 5 novembre 2003 con l entrata della società alla Borsa Valori di Milano sul segmento Star. Nell ottica della continua implementazione della strategia di sviluppo del gruppo, l'evento più importante è consistito nell acquisizione nel maggio 2004 del 100% di Cometal Engineering S.p.A., leader mondiale nell engineering di impianti per l estrusione dell alluminio, società che nel 2003 ha registrato un valore della produzione di 46 Milioni e un EBITDA di 7,5 Milioni. L acquisto del 100% per 40 Milioni è stato finanziato per il 20% con i proventi derivanti dalla quotazione in borsa, per il 40% con un finanziamento senior stipulato con Centrobanca e per il rimanente 40% con un aumento di capitale sottoscritto in dai vecchi soci di Cometal Engineering. L acquisizione di Cometal ha contribuito a dare vita a un gruppo industriale con ricavi attesi per l'anno 2004 di quasi 120 milioni e margine operativo lordo di circa 20 milioni. Dopo l acquisizione S.p.A. è stata ridenominata Cometal S.p.A.. L operazione risulta particolarmente sinergica dal punto di vista industriale in quanto permette di: 4

6 - rafforzare l attività di general contractor del Gruppo, con la possibilità di offrire al cliente finale impianti chiavi in mano dall estrusione alla finitura superficiale; - realizzare il cross selling sfruttando la rete Cometal per la vendita di impianti e viceversa, anche alla luce della presenza geografica complementare (in particolare in Cina, Cometal negli USA); - raggiungere la massa critica per centralizzare alcune funzioni di staff e l attività di R&S. Sempre dal punto di vista industriale, il Gruppo ha continuato nella propria attività di espansione in Cina, con la costituzione di una nuova società, Fosham Cometal Industrial Machinery (FTCIM), con oggetto la produzione di impianti per il mercato locale. In particolare, il Gruppo ha ottenuto un importante commessa (circa 22 Milioni) con Asia Aluminium, leader locale di settore. La commessa sarà prodotta quasi esclusivamente in Cina. Per dotarsi in tempi rapidi della capacità produttiva necessaria per il completamento della commessa, si è proceduto all acquisizione di Jinda, player locale. tramite l acquisto del ramo d azienda da parte di FTCIM, in cambio del 30% della stessa. Infine, par quanto riguarda la divisione Coating, nel giugno 2004 è stato inaugurato lo stabilimento di Agrigento di Effecta Koinè e nello stesso periodo è stata portata all 85% la partecipazione in TSM. Infine, nel luglio del 2004, si è conclusa, con un operazione di LBO, l acquisizione della società DFV, società leader nella verniciatura ornamentale detentrice del brevetto Naturall. La società fattura circa 11 milioni e presenta un EBITDA di circa 3 milioni. ll Gruppo, la cui struttura è rappresentata nella figura sottostante, impiega oggi oltre 800 persone ed è presente in ben quattro continenti. ENGINEERING COATING Trev. Com. North America Inc, 100% 8% W.S.P. G.m.b.H. COMETAL 100% 60% ENGINEERING 99% 90% COMETAL HK LTD 100% 100% JINDA TREV. COM. FOSHAN LTD 89% AUTEL S.R.L. SERVIZI S.R.L. COMPONENTI S.R.L. RG AUTOMATION TSM ITALIA NANHAI 85% 95% EFFECTA 100% E-COATING S.R.L. (EX FAR EAST) 61% 51% CORINZIA DFV 100%(*) AUSTRALIA PTY 95% 51% ADOTTA 51%(*) EFFECTA KOINE (*) Partecipazione attualmente detenuta in via diretta da Cometal S.p.A. La strategia di uscita Il 5 novembre 2003 ha positivamente concluso il processo di ammissione al segmento Star di Borsa Italiana, intrapreso circa otto mesi prima. Il prezzo delle azioni vendute in OPVS (Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione) è stato pari a 3,1 per azione. Il mercato ha perciò riconosciuto agli investitori del luglio 2002 un multiplo di circa 3 volte il loro investimento a meno di 15 mesi dall investimento. L OPVS ha garantito la potenziale contendibilità della società con l immissione sul mercato del 50,2% delle azioni della Società. 5

7 In particolare l OPVS è stata strutturata con l'emissione di 8,6 milioni di nuove azioni, rivenienti dall'aumento di capitale, e con la vendita di 2,5 milioni di azioni di proprietà dei soci esistenti. Gli acquirenti sono stati per 3,3 milioni di azioni operatori al dettaglio, per 6,7 milioni investitori istituzionali e per 1,1 soggetti vicini alla società che hanno beneficiato di un private placement, con un leggero sconto, ma con il vincolo di mantenere la partecipazione per un periodo minimo di 12 mesi dall OPVS. L OPS ha permesso alla società di raccogliere circa 25 milioni da destinare per un terzo ad acquisizioni/progetti di sviluppo nella Strategic Business Units (SBU) dell Engineering e per due terzi alla SBU del Coating. Degli oltre 4 milioni di azioni possedute, attraverso la Società Capeq Natexis, Cape ha venduto in OPV azioni. Cape non prevede un uscita da nel breve termine, soprattutto perché è fortemente convinta che il Gruppo non abbia ancora espresso tutte le proprie potenzialità di crescita. 6

8 Allegati Breve presentazione di CAPE Cimino & Associati Private Equity ("Cape") è una società di private equity con sede a Milano fondata nel 1999 che opera come advisor di fondi chiusi di investimento esteri. Cape è posizionata nel segmento dei buy-out delle piccole e medie imprese. La strategia di investimento è orientata all'acquisizione di partecipazioni di maggioranza o qualificate in piccole e medie imprese caratterizzate da alti livelli di redditività, localizzate nel Nord e Nord Est Italia. operanti in settori manifatturieri tradizionali e con fatturato compreso tra i 10 e i 30 milioni di euro. Cape lavora in stretto rapporto con il management delle aziende in portafoglio per l'assunzione di tutte le decisioni di natura strategica e operativa riguardanti il lancio di nuovi prodotti e lo sviluppo di nuovi mercati, il controllo di gestione/finanziario, le acquisizioni addon e supportandole attivamente anche nella costituzione di nuove unità produttive all'estero, in particolare in Cina dove Cape ha aperto 2 uffici a Shangai e Guangzhou nel corso del Dalla sua costituzione a fine 2003, Cape è stata advisor in quattordici transazioni per un totale pari a oltre 35 milioni di risorse investite. Al 31 Agosto 2003 Cape aveva supportato quattro disinvestimenti generando un ritorno medio di 3,3 volte il capitale investito pari ad un tasso di rendimento medio annuo lordo (TIR) del 73%. Dall inizio del 2004 è operativa anche Natexis Cape SGR, una Società di Gestione del Risparmio autorizzata dalla Banca d'italia e creata per gestire Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Chiusi. Natexis Cape è stata fondata da Cape, che ne controlla il 51%, e da Natexis Private Equity International (NPEI), che possiede il restante 49%. Natexis Cape SGR è il gestore di Cape Natexis Private Equity Fund (CNPEF) un fondo chiuso di diritto italiano il cui regolamento è stato approvato dalla Banca d Italia. Il Fondo, operativo dal 2 Febbraio 2004, ha raccolto 120 milioni presso investitori istituzionali italiani ed esteri, ed oltre 100 investitori individuali qualificati nel Nord Italia. CNPEF verrà investito con la stessa strategia adottata da Cape nel passato, e a fine novembre 2004 ha già effettuato tre investimenti. NPEI è il ramo internazionale di Natexis Private Equity, il principale operatore francese di investimento di capitale di rischio con più di 500 investimenti effettuati in Francia, appartenente al Gruppo Banque Popolare. 7

TRUDI Vincitore Categoria Premio Speciale Turnaround

TRUDI Vincitore Categoria Premio Speciale Turnaround TRUDI Vincitore Categoria Premio Speciale Turnaround Trudi opera nel settore del peluche di qualità dove è leader in Italia ed è presente anche nel settore del giocattolo in legno con lo storico marchio

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015

COMUNICATO STAMPA. (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015 CHINA NATIONAL TIRE & RUBBER CO. (CNRC), CONTROLLATA DI CHEMCHINA S (CHEMCHINA), CAMFIN S.P.A.

Dettagli

La società e le sue attività Pag. 1. I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3

La società e le sue attività Pag. 1. I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3 I fattori critici di successo e le linee strategiche di sviluppo Pag. 8 La quotazione

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

SEVES SPA Vincitore Categoria Buy Out

SEVES SPA Vincitore Categoria Buy Out SEVES SPA Vincitore Categoria Buy Out Le origini di Vetroarredo risalgono ai primi del 900 nella città di Firenze. La società oggi fa parte del Gruppo Seves, leader mondiale nella produzione di isolatori

Dettagli

Premio Claudio Demattè Private Equity of the Year 2004

Premio Claudio Demattè Private Equity of the Year 2004 Premio Claudio Demattè Private Equity of the Year 2004 Palazzo Mezzanotte Milano, 4 novembre 2004 Il Perché del Premio Promosso da AIFI ed Ernst & Young, con la Collaborazione de Il Mondo, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

IKF SPA Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2015

IKF SPA Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2015 IKF SPA Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di IKF SPA Approva la Relazione Semestrale al 30 Giugno 2015 Principali Risultati Consolidati al 30 giugno 2015 Valore della produzione pari ad

Dettagli

GIGLIO GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015

GIGLIO GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 GIGLIO GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 Milano, 15 Settembre 2015 Giglio Group ( Gruppo ), Network televisivo e multimediale globale,

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer:

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Comunicato stampa di Julius Baer Holding SA Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Redditività sostenuta dall aumento delle masse gestite eccellente andamento dell

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende DIGITAL MAGICS LANCIA NUOVI SERVIZI DI OPEN INNOVATION PER LE IMPRESE ECCELLENTI GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON TALENT GARDEN E TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Potenziata la piattaforma di Open Innovation DIGITAL

Dettagli

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998.

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998. COMUNICATO STAMPA DEA CAPITAL ENTRA NEL SETTORE DELL ALTERNATIVE ASSET MANAGEMENT ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE DI UNA PARTECIPAZIONE DEL 44,4% IN IDEA ALTERNATIVE INVESTMENTS SOTTOSCRITTO UN COMMITMENT FINO

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015 FIRST CAPITAL: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 E AVVIA L EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO FINO A EURO 10 MILIONI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA,

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Piccole e Medie Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO. 4 aprile 2011

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO. 4 aprile 2011 IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO 4 aprile 2011 Il progetto È un fondo mobiliare chiuso riservato a investitori qualificati che prevede le seguenti tipologie di investimenti: assunzione di partecipazioni

Dettagli

CARTELLA STAMPA INDICE

CARTELLA STAMPA INDICE CARTELLA STAMPA INDICE Profilo Strategia Cloud Computing Fattori di successo Risultati economico-finanziari Compagine azionaria Scheda di sintesi Contatti IR TOP S.r.l. Via C. Cantù, 1 20123 Milano Tel:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015 MODELLERIA BRAMBILLA: valore della produzione in crescita del 30% a Euro 16,5 milioni nel 2014, utile netto pari a Euro 0,2 milioni (dati IAS 17 Adjusted) Valore della produzione in crescita del 30% a

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0718-27-2015

Informazione Regolamentata n. 0718-27-2015 Informazione Regolamentata n. 0718-27-2015 Data/Ora Ricezione 23 Aprile 2015 08:40:46 MTA Societa' : AZIMUT HOLDING Identificativo Informazione Regolamentata : 56834 Nome utilizzatore : AZIMUTN04 - Pracca

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

i partners CBA VISTRA GERMANIA VISTRA ITALIA

i partners CBA VISTRA GERMANIA VISTRA ITALIA AND WE ARE Germania e Italia da sempre intrattengono importanti relazioni commerciali: spesso aziende italiane e tedesche collaborano assiduamente ma trovano enormi ostacoli nella gestione e interpretazione

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Il servizio ELITE di Borsa Italiana

Il servizio ELITE di Borsa Italiana Il servizio ELITE di Borsa Italiana Luca Tavano Borsa Italiana London Stock Exchange Group Tredicesimo Salone d Impresa, 22 Maggio ELITE ELITE è una piattaforma internazionale di servizi integrati creata

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Prosegue la forte crescita internazionale per il consolidamento della leadership nell ambito del cognitive computing e dell analisi

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Nuove tendenze del venture capital e del private equity per il rafforzamento del capitale di rischio Anna Gervasoni Direttore Generale Roma, 7

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA COME OPPORTUNITA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA QUOTAZIONE IN BORSA COME OPPORTUNITA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA QUOTAZIONE IN BORSA COME OPPORTUNITA PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Maggio 2006 CARTA DI IDENTITA DEL GRUPPO Anno fondazione: 1859, Vicenza (Italia) Attività: Rivestimenti e Isolamenti tubi per il trasporto

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner. Genova, 7 aprile 2016

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner. Genova, 7 aprile 2016 FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner Genova, 7 aprile 2016 Fondo Italiano di Investimento Costituita su iniziativa del Ministero dell Economia e delle Finanze nel 2010, Fondo Italiano

Dettagli

Denominazione/Ragione sociale impresa:..

Denominazione/Ragione sociale impresa:.. ALLEGATO 3 PROJECT PLAN (La domanda di agevolazione non corredata del presente Allegato non sarà presa in considerazione. Il presente Allegato deve essere compilato in ogni sua parte) 1. Beneficiario Denominazione/Ragione

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

KINEXIA S.P.A. WASTE ITALIA ACQUISTA IL 100% DI GEOTEA - GRUPPO ATTIVO NEL SETTORE AMBIENTALE PER UN EQUITY VALUE DI EURO 60 MILIONI

KINEXIA S.P.A. WASTE ITALIA ACQUISTA IL 100% DI GEOTEA - GRUPPO ATTIVO NEL SETTORE AMBIENTALE PER UN EQUITY VALUE DI EURO 60 MILIONI KINEXIA S.P.A. WASTE ITALIA ACQUISTA IL 100% DI GEOTEA - GRUPPO ATTIVO NEL SETTORE AMBIENTALE PER UN EQUITY VALUE DI EURO 60 MILIONI KINEXIA E LA SUB HOLDING WASTE ITALIA A SEGUITO DI TALE OPERAZIONE CONSOLIDANO

Dettagli

APC partners PROFILO BUSINESS STRATEGY & FINANCE. Turning ideas into results

APC partners PROFILO BUSINESS STRATEGY & FINANCE. Turning ideas into results BUSINESS STRATEGY & FINANCE Turning ideas into results PROFILO CHI SIAMO Siamo un operatore finanziario indipendente attivo nel campo della finanza straordinaria d'impresa, con particolare competenza nel

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSOLIDATA LA PRESENZA NEL MERCATO INDIANO CON L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI WRITEFINE PRODUCTS PRIVATE LIMITED

COMUNICATO STAMPA CONSOLIDATA LA PRESENZA NEL MERCATO INDIANO CON L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI WRITEFINE PRODUCTS PRIVATE LIMITED COMUNICATO STAMPA F.I.L.A. CONTINUA NELLA PROPRIA STRATEGIA DI CRESCITA GLOBALE CONSOLIDATA LA PRESENZA NEL MERCATO INDIANO CON L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI WRITEFINE PRODUCTS PRIVATE LIMITED F.I.L.A.

Dettagli

Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni

Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni Nel

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Settembre 2006. Presentazione per la stampa

Settembre 2006. Presentazione per la stampa Settembre 2006 Presentazione per la stampa 1. Mandarin Capital Partners 2. Un ponte tra Italia e Cina 3. La strategia 4. L organizzazione 2 1. MANDARIN CAPITAL PARTNERS 3 MANDARIN CAPITAL PARTNERS: UN

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente.

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Sapa in breve Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Attività in breve Estrusione di profili Calandratura Belgio Canada Cina Danimarca Francia Germania Gran Bretagna Italia

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma internazionale di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma internazionale di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Vita Società Editoriale S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Fatturato consolidato a 2,2 mln euro nel I semestre 2011, +34%

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

CASE STUDY Turnaround

CASE STUDY Turnaround UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Il capitale di rischio per la PMI 2004 CASE STUDY Introduzione...2 La descrizione della società...3 La descrizione del deal...6 Il valore aggiunto dell

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Giugno 2003: Numero 1

Giugno 2003: Numero 1 Giugno 2003: Numero 1 In questo numero: - Il saluto del Presidente LA NEWSLETTER PER GLI - PSF, la storia di un azienda grafica innovativa - Perché la quotazione al STAKEHOLDER Nuovo Mercato? - Internet

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA: 915,1 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE

COMUNICATO STAMPA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA: 915,1 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2006: IN ATTESA DELLA PIENA APPLICAZIONE DELLA NUOVA NORMATIVA FISCALE (1 OTTOBRE 2006) RALLENTA L ATTIVITÀ DEL TERZO TRIMESTRE RICAVI AGGREGATI

Dettagli

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE La società, i soci, la mission pag. 2 Come operiamo, dove siamo, Clairfield International pag. 3 La partnership, le Associazioni,

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi 5 Profilo del Gruppo 6 Mission e values 8 Organigramma 9 Storia 10 Struttura societaria 12 Modello di business 17 Immobiliare Percassi 21 Impresa Percassi 22 Percassi Servizi Immobiliari 24 Partnership

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Comunicato Stampa Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva l'emissione di un prestito obbligazionario di

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA DELLA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2005 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE

NOTA ILLUSTRATIVA DELLA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2005 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE NOTA ILLUSTRATIVA DELLA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2005 DEL FONDO ESTENSE GRANDE DISTRIBUZIONE Andamento del valore della quota di partecipazione Il Fondo -Grande Distribuzione, primo fondo italiano

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Chi Siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento in nuovi mercati e nelle relazioni

Dettagli

di regolamento netto in azioni e il lancio simultaneo di un programma di riacquisto di azioni.

di regolamento netto in azioni e il lancio simultaneo di un programma di riacquisto di azioni. Comunicato stampaa Da non pubblicare o circolare, direttamentee o indirettamente, per intero o in parte, negli Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone o Sud Africa, o in altre giurisdizioni nelle quali

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del venture capital e del private equity. Punti di forza e debolezza Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 8 giugno

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli