Unit per competere. Il denaro costa poco, la domanda in Europa è ferma, i mercati sono sempre più globali: per

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unit per competere. Il denaro costa poco, la domanda in Europa è ferma, i mercati sono sempre più globali: per"

Transcript

1 Unit per competere Il denaro costa poco, la domanda in Europa è ferma, i mercati sono sempre più globali: per crescere le imprese, soprattutto svizzere, scelgono sempre di più la strada delle acquisizioni e delle fusioni. Nel 2014 il loro controvalore ha toccato i 3500 miliardi di dollari nel mondo e i 180 miliardi in Svizzera. Il 2015 non sarà da meno. Anche perché la forza del franco rende più facile per le imprese svizzere acquistare concorrenti europei. 4 A

2 2014 è stato un anno record per le operazioni di merger and acquisition (M&A in sigla). A livello mondiale il loro controvalore è stato di 3500 miliardi di dollari, quasi 100 miliardi per ogni giorno dell'anno: il 47% in più rispetto al Ed è ancora poco, nota tino studio firmato dall'analista Dan Scott di Credit Suisse Global Research: «Perché, anche ai livelli attuali, il rapporto fra i volumi di M&A e la capitalizzazione dei mercati azionari rimane comunque basso». Nel 2014 quasi 100 operazioni hanno superato i 5 miliardi di controvalore. Tre hanno superato i 60 miliardi (i dati quando si parla di M&A sono quasi sempre espressi in dollari statunitensi): l'acquisto delle attività nella tv via cavo di Time Warner da parte di Comcast (70,7 miliardi), l'acquisizione di DirecTv da parte di AT&T e la cessione della casa farmaceutica Allergan ad Actavis. Dieci delle 15 operazioni più importanti hanno riguardato gli Stati Uniti, che rappresentano circa il 50% del mercato; l'europa è salita del 55% e l'asia ha raggiunto un record con 716 miliardi di controvalore. La Svizzera è uno dei Paesi leader per quanto riguarda merger e acquisizioni, sia per l'attività delle aziende 'di casa', sia perché ospita le holding di gruppi globali. L'Università di San Gallo mantiene un M&A database che contiene dati su 70 mila operazioni di almeno 7 milioni di dollari di valore svolte dal 1985 in poi, nelle quali almeno uno dei contraenti aveva sede in Paesi di lingua tedesca (Svizzera, Germania e Austria). Secondo questo database, dal 2007 alla fine del 2014, in inedia ogni giorno, è stata conclusa una cessione o una acquisizione relativa a una impresa svizzera. Nel 2014 si è arrivati al record di 420 operazioni. «In Svizzera nel 2014 si è visto un significativo aumento nelle transazioni M&A», sottolinea Anna Samanta, partner di Deloitte e responsabile del team di consulenti di Deloitte dedicato alla Post Merger Integration, «secondo lo studio che abbiamo condotto insieme all'università di San Gallo, intitolato 'Serial acquirers: Getting your ducks in a row', il loro controvalore è aumentato dai 27 miliardi di franchi del 2013 ai 178 miliardi del 2014, il livello più alto dal Soprattutto sono tornati i `mega-dear e le ristrutturazioni del portafoglio da parte delle imprese del settore life science». Secondo uno studio di KPMG, le operazioni con acquirente svizzero di aziende straniere sono passate da 137 del 2013 a 201 del 2014, quelle che hanno visto aziende o rami di azienda elvetici ceduti ad imprese estere sono salite da 73 a 89, mentre le M&A interne, in cui compratore e venditore battono ambedue bandiera rossocrociata, sono rimaste intorno alle 100. L'operazione più importante del 2014 in Svizzera è stata l'acquisizione da parte di Holcim del 100% di Lafarge per quasi 40 miliardi, seguita dall'acquisizione del 55% del gruppo farmaceutico e distributivo Alliance Boots con sede a Zugo, ma presente soprattutto in Regno Unito, per quasi 24 miliardi. Si profila un 2015 da record. L'anno in corso si presenta altrettanto interessante per le operazioni di finanza straordinaria. «Non essendo cambiate le tendenze di fondo, ci si può attendere per il 2015 la prosecuzione del livello di attività cui abbiamo assistito nel 2014», afferma Patrik Kerler, responsabile del dipartimento M&A di KPMG Svizzera. «Il trend continuerà almeno per la prima parte del 2015 grazie alla solidità degli utili aziendali, a qualche modesto miglioramento nello scenario economico e al perdurare di un contesto di bassi tassi di interesse», concorda Anna Samanta. «ma teniamo presente che l'attività nel settore M&A tende a ridursi quando si diffonde un clima di incertezza sull'andamento delle economie». In Europa Credit Suisse ritiene che i settori più attivi nel 2015 saranno la chimica, il settore healthcare e le telecom. UBS aggiunge l'industria e l'alimentare-bevande. «Mi attendo anche molto interesse per le banche popolari italiane nella seconda parte dell'anno», aggiunge Bert Jansen, european equity strategist di UBS CIO Wealth Management. Deloitte prevede un aumento dell'attività di M&A in numerosi settori anche in Svizzera, «dove storicamente i comparti più attivi sono stati quello delle life science e dell'healthcare, i prodotti di largo consumo e i servizi finanziari», ricorda la partner di Deloitte in Svizzera. Hanno concluso relativamente poche operazioni nel 2014 le materie prime, dove il calo dei prezzi ha messo sotto pressione molte medie e piccole imprese che potrebbero essere cedute alle trading company in cerca di integrazione, e la produzione e distribuzione elettrica, dove la scelta di non proseguire con la generazione nucleare rende necessario agli operatori locali acquisire capacità produttive. Anche KPMG ritiene probabile una crescita dei M&A nel farmaceutico (dove - superati i problemi legati alla scadenza dei brevetti - oggi la sfida è la pressione dei pagatori pubblici e privati sui prezzi dei farmaci e dei dispositivi medici) e nei servizi finanziari svizzeri. Si prevedono soprattutto acquisizioni di banche minori, portafogli di clienti, e asset manager indipendenti confrontati con costi e rischi regolatori e operativi crescenti. «Ma l'inatteso rialzo del franco svizzero rende più difficile la cessione delle attività relative al private banking rivolto alla clientela italiana, che diventano insieme

3 più costose e meno redditizie», fa notare Adelio Lardi, titolare della Lardi & Partners di Lugano, «visto che i ricavi sono soprattutto commissioni su asset in euro e i costi sono quasi interamente in franchi. In compenso avvantaggia non poco chi ha investito in immobili o in asset in franchi». Un comparto che si è mosso molto in Svizzera nel 2014 è quello assicurativo. La Nazionale è stata comprata da Helvetia, che ha acquistato anche le attività in Austria della Basilese. SwissRe ha pagato 122 milioni di dollari per comprare Sun Alliance, autorizzata a vendere polizze alle aziende cinesi. E a queste si sono aggiunte diverse operazioni minori sia nell'assicurativo vero e proprio sia nel real estate legato al settore. Inoltre, aggiunge lo studio di KPMG intitolato `Clarity on Merger & Acquisitions 2015', ci si attende un consolidamento nel settore delle cliniche e dei laboratori privati. Non è chiaro invece come si evolverà il settore del lusso. Molte aziende familiari sono state acquistate negli scorsi anni. Nel 2014 SMH ha preferito la crescita interna mentre Kering ha comprato una delle non molte griffe indipendenti rimaste nell'orologeria, assicurandosi il 100% di Ulysse Nardin per una somma pari a 13 volte l'ebitda. Svizzera nel mondo... Curiosamente, nonostante il grosso delle esportazioni e delle importazioni svizzere avvenga con i Paesi dell'area euro, un numero molto significativo di transazioni si svolge con gli Stati Uniti. Questo avviene da una parte perché le aziende statunitensi sono più spesso globali di quelle europee ed espongono quindi ai mercati asiatici e di tutto il mondo, in secondo luogo perché le aziende americane hanno più spesso tecnologie o brevetti immediatamente utilizzabili.... ma non in Italia. Al riguardo è significativo notare quante poche operazioni riguardino l'italia, dove pure la Svizzera ha una presenza industriale di antica data e significativa. «In Italia, e noi in Ticino lo sappiamo bene», afferma Adelio Lardi, «ci sono dei veri gioielli dal punto di vista industriale, ma la loro acquisizione non è semplice. Quando si prospetta una operazione di finanza straordinaria, occorre ridurre al minimo le incognite. E, quando si tratta dell'italia, le incognite sono diverse - sotto il profilo fiscale per esempio - o per quel che riguarda la possibilità di modificare le strutture produttive. Questa incertezza si traduce in una barriera all'entrata elevata». «In generale», commenta Markus Prinzen, responsabile della sede di Lugano di PricewaterhouseCoopers (PWC), «acquistare un'azienda nel Sud Europa può essere difficile. In Italia il mercato è aperto: non ci sono ostacoli di natura politica, come accade in Francia, dove le acquisizioni da parte di soggetti esteri non sono ben tollerate, ma ci sono comunque delle difficoltà. Non sempre è chiaro quale sarà il profilo fiscale di un'operazione, né tanto meno se sarà possibile procedere a licenziamenti e a chiusure di stabilimenti, anche qualora fosse strettamente necessario. Inoltre le PMI italiane, per quanto performanti, hanno spesso delle manchevolezze in materia di compliance relativa alle normative e ciò rende la due diligence - cioè la fase di analisi puntuale dell'azienda che si sta per acquisire - molto difficile e dispendiosa». Perché le aziende ricorrono alle acquisizioni? Se esistono queste incognite ci si può chiedere per quale ragione le aziende preferiscano le acquisizioni alla crescita `organica' delle attività. «Quando i mercati si muovono velocemente», risponde Anna Samanta di Deloitte, «le acquisizioni sono utilizzate soprattutto per velocizzare la crescita, per difendere la posizione nei

4 confronti della concorrenza su un segmento del mercato, per diversificare in nuovi mercati e o in nuove aree geografiche, guadagnare accesso a nuovi clienti, acquisire tecnologie, capacità o contatti o prodotti e servizi, accelerare il time to market. L'acquisizione può riguardare anche fornitori: in quel caso ci si assicura un maggior controllo sulla supply chain». «Un'azienda cresce attraverso linee esterne a causa della globalizzazione dei mercati e quindi della concorrenza internazionale, della pressione sui margini e della necessità di difendere il proprio vantaggio competitivo acquisendo tecnologie», aggiunge Kerler. «Teniamo presente che l'economia cresce poco: in Europa ci si può attende al massimo 1'1,5% nominale», specifica Bert Jansen di UBS CIO Wealth management, «questo significa che il miglioramento degli utili aziendali difficilmente verrà dalla crescita organica della 'top line', cioè del fatturato. Da qui l'interesse per una crescita su linee esterne». Anche perché le aziende quotate hanno abituato i loro azionisti a una redditività superiore alle medie storiche, raggiunta, in una prima fase, grazie alle tecnologie, poi con la compressione del costo del lavoro, prima attraverso la delocalizzazione e quindi con la riduzione dei salari reali. Un ultimo aiuto è venuto dal calo delle materie prime ma ora, non potendo alzare i prezzi, risulta difficile al management promettere quanto gli analisti si attendono senza delle operazioni di finanza straordinaria. «In questa fase l'interesse è dato dalla compresenza di fiducia nelle prospettive di crescita dell'economia e nel fatto che molte società, svizzere e non, hanno ancora riserve di cash che permettono loro di investire nella crescita. Molte di loro hanno scelto le operazioni M&A come strumento per crescere e cooperare», specifica Patrik Kerler. Va detto inoltre che il principale ostacolo alle operazioni di acquisizione, il costo e la disponibilità del finanziamento, è stato rimosso. «Grazie alla bassissima inflazione e al quantitative easing», fa notare l'analista di UBS CIO Wealth Management, «il costo del denaro è incredibilmente basso. I corporate bond a 10 anni in euro danno un rendimento dell'1,4% in euro. In Svizzera praticamente il finanziamento è a costo zero. E comunque la gran parte delle aziende ha bilanci non solo solidi, ma con della cassa in eccesso». Rispetto a qualche decennio fa, oggi la stragrande maggioranza delle operazioni sono regolate per contanti. L'offerta di azioni dell'acquirente è una strada meno seguita. «Oggi», nota Patrik Kerler, «le aziende hanno molta liquidità da spendere, mentre offrire azioni proprie andrebbe a turbare gli equilibri fra gli azionisti esistenti». L'acquisizione logora chi la fa. In passato, nella stragrande maggioranza dei casi, il mercato reagiva ad ogni acquisizione annunciata o ventilata acquistando le azioni dell'impresa target e facendo scendere la quotazione dell'acquirente. «In effetti ci sono studi secondo i quali la gran parte dei M&A distruggono valore. L'azienda acquirente non trae dall'operazione i vantaggi previsti, soprattutto per difficoltà nella fase di integrazione», nota Jansen. «Ma non è sempre così e peraltro ci studi che affermano il contrario. Ci sono fasi in cui i mercati sono molto conservativi e temono che le aziende abbiano 'strapagato' i loro target», interviene Kerler di KPMG, «ma non è quello che accade oggi. Oggi gli azionisti vogliono vedere al lavoro il denaro che le aziende hanno in cassa». «E infatti», aggiunge Anna Samanta, «molti takeover sono apprezzati dal mercato come un modo veloce per far crescere l'azienda».

5 Per esempio quando ha annunciato l'acquisto di Nuance, le azioni della basilese Dufry sono salite del 7,9% in un giorno. Eppure il prezzo pagato al fondo di venture capitai PM e alla Gecos della famiglia italiana Bastianello per i 360 negozi (1,7 miliardi di dollari) era significativo. Ogni operazione ha le sue giustificazioni. Un merger può servire a razionalizzare produzione e logistica: pensiamo alla fusione fra i due giganti del cemento e dei materiali per l'edilizia Holcim e Lafarge. Altre servono a dotarsi di tecnologie, come nelle acquisizioni che vediamo nel settore ICT, oppure a difendere il proprio mercato, «o a togliere di mezzo un concorrente, come avviene nel settore Telecom europeo ad esempio», ricorda Jansen, dove 70 aziende operano in 28 Paesi vendendo sostanzialmente lo stesso prodotto. Sinergie, non licenziamenti. L'annuncio di una operazione di finanza straordinaria, soprattutto se relativa a una azienda quotata, è accompagnato da un'analisi delle possibili 'sinergie' che l'operazione rende possibili. I calcoli prodotti dall'azienda che ha promosso l'operazione sono letti con attenzione sia dagli analisti delle case di investimento, che temono una valutazione troppo generosa di queste 'economie', sia dagli altri stakeholder, in primo luogo fornitori e dipendenti, che sospettano che l'azienda abbia in animo licenziamenti e richieste di sconti. «Gli analisti», ammette Bert Jansen, «sono generalmente scettici quando sentono parlare dei vantaggi di un'acquisizione. In realtà sia le sinergie, intese come risparmi, sia le nuove opportunità sono molto difficili da quantificare». Secondo Anna Samanta, gli stakeholder (azienda, analisti e dipendenti-fornitori) quando valutano un M&A «prendono in considerazione la logica dell'operazione, la compatibilità strategica fra i business e il rapporto fra il prezzo e il valore che l'acquisizione può generare. Ma le questioni chiave si materializzano solo dopo, nella fase di integrazione vera e propria. Lo studio di Deloitte mostra che la maggior parte degli errori avviene non nella transazione, ma nella integrazione». «L'azienda che promuove un'acquisizione compra la possibilità di crescere», sottolinea il responsabile delle attività di consulenza di KPMG Svizzera nel campo dei M&A, «è su questo che ci si concentra più che sulla riduzione dei costi. Detto questo, è vero che a un'acquisizione può far seguito una ristrutturazione che può prevedere la chiusura di certe attività e quindi di conseguenza dei licenziamenti. Ma non si compra per licenziare. Quando un'acquisizione si profila come problematica sotto il profilo occupazionale, l'azienda preferisce lasciar perdere». Insomma, sinergie non vuol dire licenziamenti, almeno non nel tessuto industriale di oggi, già ampiamente ottimizzato sotto il profilo della forza lavoro. «Io ho seguito oltre 30 integrazioni», ricorda la responsabile del dipartimento Post Merger Integration di Deloitte in Svizzera, «e non ho mai visto un caso in cui le sinergie siano consistite solamente in una riduzione degli organici. Le sinergie si realizzano sia sul fronte dei costi, sia della crescita, e la riduzione dei costi va oltre la questione degli organici: significa ottimizzazione negli acquisti, utilizzo più razionale delle infrastrutture, maggiore efficienza generale e perfino risparmi fiscali. Ci sono casi in cui l'operazione si giustifica anche senza riduzione dei costi. Io ho lavorato in progetti nei quali l'interesse della operazione, la 'sinergia' stava solo nella crescita. E questo avviene in modo particolare in Svizzera». Lo scoglio dell'anti-trust. Certo, dove l'operazione ha fini prevalentemente difensivi, il merger può incontrare il veto delle autorità anti-trust. «Oggi vediamo meno operazioni bloccate dalle autorità anti-trust perché gli operatori sono più professionali e la giurisprudenza è più chiara. Si può quindi prevedere la probabilità di incorrere in veti da parte delle autorità», nota Patrik Kerler, «un veto a una operazione già conclusa distrugge valore e sia l'acquirente sia il target hanno interesse a evitarlo». Detto questo, è chiaro che alcune operazioni richiederanno una trattativa con diverse autorità per la protezione della concorrenza, e vengono risolte in genere attraverso la cessione di parte degli asset. «Attendiamo per esempio le decisioni sulla fusione fra Holcim e Lafarge», nota Anna Samanta. In effetti da altri studi risulta che in molti Paesi, fra cui la Francia, il gruppo possiede una quota superiore al 60% del mercato. Il fisco non c'entra. Negli ultimi anni si era profilata un'altra motivazione per le acquisizioni: l'azienda acquirente presentava l'operazione come un merger fra eguali o una reverse acquisition, «e poteva così spostare la sede fiscale in un Paese a tassazione più agevolata», ricorda Kerler, o evitare l'aliquota del 35/40% prevista dal fisco americano sugli utili realizzati all'estero e rimpatriati. Come ricorda Markus Prinzen, il quale, oltre a dirigere la sede di Lugano, è responsabile del settore M&A fiscale e legale di PwC Svizzera, «non si possono fare operazioni di questo tipo e volume solo per motivi fiscali». Un'azienda ristrutturata solo per motivi fiscali è sottoposta ad un elevato rischio di insuccesso, in quanto si fonda su una base debole: la struttura fiscale deve infatti adattarsi e adeguarsi alla struttura operativa per costruire un'azienda solida. Se questa condizione non viene rispettata, da un punto

6 di vista sia fiscale che politico, vi è il rischio di incorrere in sanzioni. Negli Stati Uniti, a seguito del verificarsi di tali situazioni, il Congresso ha messo il veto a questa pratica. «E comunque queste operazioni, chiamate 'inversioni', sono molto discusse: alcune operazioni non sono state concluse per evitare la reazione negativa dell'opinione pubblica e in molti Paesi sono in corso iniziative legislative tese a proibirle», ricorda Anna Samanta. Spostare la sede centrale del gruppo da Chicago a Berna era per Walgreen uno degli obiettivi dell'acquisto per 23,8 miliardi di dollari del 55% di Alliance Boots, il gruppo farmaceutico-distributivo svizzero ma con il cuore delle attività in Regno Unito (60 mila dipendenti e punti vendita). Le reazioni indignate della stampa e dell'opinione pubblica americana hanno portato il management a rinunciare a questo obiettivo. L'accordo è stato portato a termine e Walgreen, che già aveva acquistato il 45% di Alliance Boots dal fondatore, ha acquisito comunque il controllo totale dell'azienda. «In ogni caso», ricorda Dan Scott, global analyst di Credit Suisse, «le operazioni di tax inversion hanno rappresentato in valore solo un decimo degli M&A condotti fino a novembre 2014». Meno merger, più acquisition. È vero che, come fa notare Markus Prinzen, «forse non è mai esistita una vera 'fusione fra uguali': uno dei contraenti risulta sempre `più uguale' dell'altro». Ma la sensazione che la M di M&A sia ormai inutile, che insomma ci siano sempre più acquisizioni totali o maggioritarie e sempre meno 'fusioni' così come joint venture e prese di partecipazione di minoranza è data dal fatto che le operazioni con maggiore risalto sulla stampa sono quelle maggioritarie. «AI contrario, ci sono molti acquisti di quote di minoranza», sostiene Anna Samanta, «e negli ultimi anni noi di Deloitte abbiamo visto un aumento sia nelle joint venture, sia nelle alleanze, soprattutto nel settore life science. E vero che management e azionisti preferiscono in molti casi acquisire una quota di maggioranza che consente di avere più controllo e facilita la presa di decisioni, mentre joint venture e altri modelli di partnership chiedono più attenzione al management e sono meno prevedibili nella loro implementazione. Ma in certi settori la joint venture rappresenta la soluzione per sviluppare il mercato in maniera congiunta». Pensiamo al chimico, ad esempio, con la joint venture fra Ineos e Solvay per mettere in comune le attività nel clorovinile (la stessa Ineos è nata dalla messa in comune di stabilimenti e attività da parte di diverse aziende chimiche europee). «Ci sono poi compratori che preferiscono limitarsi a quote di minoranza, come i sovereign wealth funds per esempio, o le aziende cinesi, che spesso entrano con partecipazioni di minoranza magari destinate a crescere nel tempo», ricorda Kerler. E avvenuta invece una certa pulizia nelle partecipazioni incrociate, mal viste dai mercati e dai regolatori. Per esempio lo scorso anno Nestlé ha preferito chiarire i suoi rapporti con L'Oreal scambiando 1'8% che possedeva del gruppo cosmetico francese con il completo controllo di Galderma, nata come joint venture nel settore dermatologico. Anche le acquisizioni ostili sono in diminuzione. «I takeover 'ostili', o comunque non preceduti da accordi formali con il management o con il consiglio di amministrazione, richiedono più tempo per essere portati a termine, potrebbero non andare a buon fine e possono risultare più onerosi del previsto», nota Anna Samanta.

7 «A volte questi takeover comportano rischi di immagine e di reputazione o il ricorso ai cosiddetti 'paracadute dorati' per il management dell'azienda acquisita. Nonostante questo», continua la partner di Deloitte, «secondo il nostro studio i takeover ostili possono portare alla creazione di maggiore valore. Uno dei motivi è che la direzione dell'integrazione è chiara e il decision making è più veloce di quanto non accada nelle acquisizioni amichevoli o `tiepide'». Come nascono queste acquisizioni? Sicuramente non per caso o per l'impulso del momento. Certo l'attualità e il flusso di notizie può anticipare o ritardare un deal. Per esempio un'azienda potrebbe aver più fretta di comprare o di vendere per rispondere alle attese degli azionisti o per sfruttare un vantaggio temporaneo o per rispondere a uno standard. Ma questo riguarda soprattutto il timing delle operazioni. La maggioranza dei 'serial acquirer' svizzeri, rivela lo studio di Deloitte intitolato 'Serial acquirers. Getting your ducks in a row', dispone di team che tengono sotto controllo liste di potenziali `targef. Lo stesso team o altri team si dedicano alla transazione vera e propria: definiscono l'offerta, curano i contatti preliminari, la due diligence, la comunicazione e portano a termine l'accordo. L'inatteso rialzo del franco rende più difficile cedere attività relative al private banking rivolto alla clientela italiana, che diventano più costose e meno redditizie: i ricavi sono soprattutto commissioni su asset in euro e i costi sono quasi interamente in franchi. In compenso avvantaggia non poco chi ha investito in immobili o in asset in franchi Adelio Lardi, titolare della Lardi & Partners di Lugano

8 Il trend continuerà almeno per la prima parte del 2015 grazie alla solidità degli utili aziendali, a qualche modesto miglioramento nello scenario economico e al perdurare di bassi tassi di interesse. Ma l'attività M&A tende a ridursi quando c'è incertezza sull'andamento delle economie Anna Samanta, partner di Deloitte e responsabile del dipartimento dedicato alla Post Merger Integration Paesi d'origine delle imprese acquisite da imprese svizzere Paese Numero acquisizioni (2014) Germania 44 Stati Uniti 31 Francia 133 Italia 10 Paesi Bassi 10 Gran Bretagna 10 Spagna 8 Altri Paesi 80 Totale 206 Fonte: The Corporate Finance Group Controvalore in miliardi di dollari delle operazioni M&A internazionali che hanno interessato la Svizzera nel 2014 Aziende svizzere acquistano aziende europee 67 Aziende svizzere vendute ad aziende europee 20 Aziende svizzere che comprano aziende nordamericane 42 Aziende svizzere vendute ad aziende nordamericane 24 Aziende svizzere acquistano aziende latino-americane 2 Aziende svizzere vendute ad aziende latino-americane 2 Aziende svizzere acquistano aziende asiatiche 4 Aziende svizzere vendute ad aziende asiatiche 7 Aziende svizzere che acquistano aziende francesi 40 Aziende svizzere vendute ad aziende francesi 7 Fonte: KPMG

9 L'economia cresce poco. In Europa ci si può attende al massimo l'1,5% nominale. Questo significa che la crescita degli utili difficilmente verrà dalla crescita organica della 'top line', cioè del fatturato. Da qui l'interesse per una crescita su linee esterne Bert Jansen, european equity strategist di UBS CIO Wealth Management Nonostante la crescita avvenuta nel 2014 e prevista per l'anno in corso, il volume dei merger & acquisitions è destinato ad aumentare perché, anche ai livelli attuali, il rapporto fra i volumi di M&A e la capitalizzazione dei mercati azionari rimane comunque basso Dan Scott, analista, Credit Suisse Global Research

10 Le più importanti M&A svizzere del 2014 Data Obiettivo Paese Offerente Paese Prezzo dell'obiettivo dell'offerente (milioni Usd) Aprile 2014 Lafarge SA Francia Holcim Svizzera 39'968 Agosto 2014 Alliance Boots Svizzera Walgreen Company Stati Uniti 23'794 Aprile 2014 Oncology Products (GlaxoSmithKline) Regno Unito Novartis Svizzera 16'000 Agosto 2014 InterMune Inc Stati Uniti Roche Holding Svizzera 8'315 Febbraio 2014 Share Buy-Back L'Oréal / Galderma Francia L'Oréal Francia 8'220 Aprile 2014 Vaccines Division (Novartis) Svizzera GlaxoSmithKline Regno Unito 7'100 Maggio 2014 Las Bambas copper mine (Glencore International) Intemational) Svizzera Consorzio guidato da MMG Cina 6'250 Aprile 2014 Animai Health Division (Novartis) Svizzera Eli Lilly & Co. Stati Uniti 5'400 Novembre 2014 SIG Combibloc Group Svizzera Onex Corporation Canada 4'658 Febbraio 2014 MultiPlan Stati Uniti Partners Group Holding; Starr Investments Holdings Svizzera, I Stati Uniti 4'400 A, Fonte: KPMG Da una parte alcuni operatori minori, negativamente impattati dal cambio, potrebbero essere disposti ad essere acquisiti, e le imprese svizzere avranno una ragione in più per diversificare le loro basi produttive in Paesi legati all'euro facendo un hedging `industriale' del cambio Patrik Kerler, responsabile del dipartimento M&A di KPMG Svizzera

11 M&A Svizzera -Italia 2014 I Impresa acquirente (Svizzera) Impresa acquisita (Italia) Settore Prezzo transazione (in mio. Fr) ABB, Zurigo Terman Industria n.d. Accu Holding, Emmenbreicke Emmenbrticke AFG Arbonia-Forster-Holding, Arbon Capvis Equity Partners, ZUrich arich Curaden International, Kriens Da Vinci Invest, Unteràgeri Cieffe Holding Sabiana Faster Gerho Bruno Magli Industria Industria Industria Servizi sanitari Generi di consumo e commercio al dettaglio 14.8 n.d n.d. n.d. Datacolor, Luzern Media Logic IT, media e telecomunicazione n.d. Neoperl, Reinach Parigi Industry Industria n.d. Pictet & Cie, Ginevra Syngenta, Basilea Gabriel Fiduciaria Società Produttori Sementi Servizi finanziari Chimica, coltivazioni, materie prime n.d Fonte: The Corporate Finance Group Effetti del franco forte Gli esperti intervistati da Ticino Management non ritengono che l'abbandono del muro di 1,20 franchi per euro avrà effetti diretti significativi sull'attività M&A da parte di aziende svizzere. «La forza del franco incentiva le aziende a fare acquisizioni e aumenta il costo delle imprese svizzere agli occhi di operatori europei», esordisce Bert Jansen, analista di UBS CIO Wealth Management, «ma anche a 1,20 il franco era forte, eppure nel 2014 sono avvenute acquisizioni di aziende svizzere. Il nuovo cambio è un handicap, ma vedremo comunque molta attività nel 2015». «Acquistare un'azienda svizzera comporta dei costi e non solo dal 15 gennaio. In questi anni non si sono viste molte acquisizioni di aziende svizzere da parte di imprese europee, mentre abbiamo visto un interesse da parte dei cinesi», concorda Markus Prinzen, responsabile delle attività di M&A fiscale e legale presso PriceWaterhouseCoopers, «d'altra parte una cessione o un'acquisizione sono eseguite sulla base di considerazioni strategiche, nelle quali il tasso cambio ha certamente un impatto, ma non è l'unico decisivo». Sul breve termine le aziende svizzere con franchi in cassa sembrano favorite. «La finestra di opportunità, il `colpaccio' sta nel fatto che probabilmente nel medio o nel lungo termine il franco scenderà. E questo potrebbe catalizzare acquisizioni fatte per motivi strategici», nota Patrik Kerler, responsabile del dipartimento M&A di KPMG Svizzera. Se il cambio rimanesse quello attuale la convenienza di un'acquisizione sarebbe ridotta: «Se un'azienda svizzera compra una società estera la paga meno ma

12 ottiene anche meno, dal punto di vista svizzero, perché le sue attività saranno in una valuta più debole del franco». Più significativo invece l'impatto indiretto del rialzo del franco. «Da una parte alcuni operatori minori, negativamente impattati dal cambio, potrebbero essere disposti ad essere acquisiti», nota Patrik Kerler, «e le imprese svizzere avranno una ragione in più per diversificare le loro basi produttive in Paesi legati all'euro, facendo un hedging 'industriale' del cambio». In questo senso l'acquisizione, pur avendo gli stessi effetti, è uno strumento politicamente più accettato rispetto alla delocalizzazione. Un anno di M&A per il Ticino Il Ticino nel 2014 è stato profondamente impattato dai venti del M&A. L'acquisto di BSI per 1,7 miliardi da parte della brasiliana BTG Banco Pactual è stata la principale operazione svizzera nel settore finanza dello scorso anno e si inserisce in un trend di vendita della partecipazioni di gruppi internazionali nel settore del private equity. BSI peraltro veniva da una integrazione considerata 'da manuale' con la concorrente Banca del Gottardo. In settembre il pacchetto di controllo della più grande società di trading del Cantone, la Duferco, è stato venduto al leader siderurgico cinese Hebei Iron and Steel Group per 400 milioni di dollari. Hebei possedeva già il 10% dell'azienda creata oltre 35 anni fa da Bruno Bolfo, che aveva pagato 78 milioni. Il 2015 si apre con la cessione della clinica Moncucco di Lugano da parte della Congregazione delle suore infermiere dell'addolorata al fine di salvare l'ospedale Valduce di Como dal dissesto finanziario. A parte le operazioni 'di casa', che peraltro vedono il Ticino generalmente venditore più che compratore, nel Cantone non si intermediano molte operazioni. «In effetti», ammette Patrik Kerler, responsabile attività M&A di KPMG, «non si può dire che Lugano sia una grande piazza dì M&A come lo è nel private banking, nella consulenza legale e fiduciaria e in certi settori del bancario commerciale. Il fatto è che il M&A è un club ristretto con attività concentrate in poche piazze: Zurigo, per esempio, e ovviamente Londra e New York, dove hanno sede le grandi società di private equity e le divisioni corporate banking dei gruppi internazionali».

13 «Le società più esperte nelle acquisizioni», spiega Anna Samanta, «sono sempre alla ricerca di target potenziali. Una situazione favorevole - pensiamo oggi alla forza del franco svizzero nei confronti dell'euro - può catalizzare l'esecuzione di alcuni accordi. Ma la logica alla base di un M&A è sempre di lungo termine». Secondo lo studio di Deloitte alcune acquisizioni nascono per iniziativa del compratore, altre - una minoranza - per iniziativa dell'azienda target e un buon numero per opera di mediatori. «Ma non solo: se il ruolo dei corporate banker nel matchmaking fra acquirenti e venditori è ben noto, quello delle società di consulenza non è meno importante, soprattutto nei deal che riguardano piccole e medie imprese», ricorda Markus Prinzen, «le grandi società di consulenza internazionale dispongono di settori dedicati alla ricerca sia di target che di acquirenti. A differenza del corporate banker, la società di consulenza può affiancare a questo servizio altri servizi essenziali, che vanno dalla strategia alla valutazione, dalla transazione - con i suoi aspetti finanziari, fiscali, societari e legali alla due diligence - fino all'integrazione». Rispetto alla corporate bank, la società di consulenza si dimostra un partner più flessibile: «L'incentivo a concludere non è così forte in una società di consulenza come nelle corporate bank, e ci accade dì sconsigliare al cliente la chiusura di un'operazione che non riteniamo - anche strategicamente - appropriata», aggiunge il responsabile del settore M&A di PwC Svizzera, «la società di consulenza, proprio perché può integrare il deal in un pacchetto di servizi, è in grado di seguire anche operazioni minori». Vendo un ramo. Le operazioni di finanza eccezionale, se si fanno più semplici sotto il profilo finanziario grazie alla grande liquidità esistente e alla anomala quantità di cassa presente nei bilanci delle aziende, sono sempre più sofisticate sotto il profilo industriale. Prendiamo ad esempio l'operazione più complessa fra i big deal svizzeri del 2014: GSK (sigla di Glaxo- SmithKline) e Novartis hanno creato una divisione Consumer healthcare (prodotti da banco) nella quale il gruppo inglese avrà il 63% delle azioni. Contemporaneamente GSK ha acquistato la divisione vaccini di Novartis per 7 miliardi e ha venduto le sue attività in oncologia: portafoglio prodotti, attività di ricerca e sviluppo e i diritti su un nuovo tipo di farmaco per 16 miliardi. Il saldo cash dell'operazione è di 4 miliardi. Ma nessuna delle due aziende ha chiuso il deal per ragioni finanziarie. L'interesse stava nel risistemare le proprie aree di azione concentrandosi su quelle che strategicamente sembravano più promettenti e dove l'azienda già aveva una posizione importante. Per esempio, sempre nel 2014, Novartis ha venduto la sua divisione veterinaria a Eh Lilly. Il fatto è che oggi una parte crescente dei costi per un'azienda farmaceutica si genera nella fase di marketing dei prodotti (reti di informatori, acquisire la fiducia degli opinion leader e dei prescrittori, contatto con gli enti pubblici e privati che acquistano i farmaci): le case farmaceutiche preferiscono quindi creare sinergie e concentrarsi su poche categorie di prodotti. Questi accordi richiedono un lavoro molto complesso a monte. «La vendita di rami d'azienda», nota Markus Prinzen, «richiede un grosso lavoro iniziale. Occorre capire, prima ancora di cercare un potenziale compratore, come sia possibile configurare il ramo d'azienda, ossia il cosiddetto carving out. È ancora più difficile allocare i costi in modo da capire quale sia la vera redditività del ramo d'azienda in questione. In questi casi il ven-

14 ditore deve prevedere delle garanzie e delle clausole che permettano al compratore di ridurre i rischi connessi con l'acquisizione». Nell'accordo GSK-Novartis, ad esempio, 1,5 dei 16 miliardi promessi per la cessione della divisione oncologia dipendono dal successo dei trial clinici su un farmaco in sperimentazione. Sempre nello stesso accordo, GSK pagherà a Novartis per la divisione vaccini 5,25 miliardi di dollari, ma altri 1,8 miliardi di dollari saranno versati negli anni a seguire se si verificheranno certe condizioni. Novartis riceverà inoltre delle royalty. Operazioni di questo tipo non servono tanto a ritardare i pagamenti, quanto a ridurre l'incertezza presente in ogni transazione. Integrare stanca. Deloitte e l'università di San Gallo hanno condotto uno studio intervistando il senior management di 25 `serial acquirer', ossia aziende basate in Svizzera che negli ultimi 12 anni hanno effettuato almeno 8 acquisizioni, con un fatturato di almeno 1 miliardo di franchi, per analizzare come organizzano le attività di M&A, gestiscono le sfide più importanti e quali sono i fattori di successo. "Un 'costo nascosto' di ogni acquisizione, e ancora di più nelle fusioni, è l'attenzione che queste operazioni richiedono ai vertici aziendali che sono concentrati sulla conduzione delle loro aziende", sottolinea lo studio di Deloitte dedicato al comportamento dei serial acquirer. Lo stesso vale per il middle management e per molte funzioni operative. Ogni acquisizione richiede un grosso sforzo ai dipartimenti IT, risorse umane e contabilità e controllo. «Di rado esiste uno standard, una procedura o una `roadmap' relativa al processo di integrazione, insomma a quel che accade dopo la transazione», nota Anna Samanta, che dirige il dipartimento di consulenza dedicato proprio ad assistere le imprese nella fase li integrazione, «la gran parte delle società non hanno team dedicati a materializzare il valore dell'accordo. Anche i serial acquirer svizzeri gestiscono in modo strutturato il processo di acquisizione, ma meno quello di integrazione». Ciò detto, come nota Jansen di UBS, «ci sono aziende più efficaci di altre nell'integrazione di aziende acquisite, così come ci sono aziende più efficaci di altre nel cedere controllate». Roche per esempio non solo ha firmato la più grande acquisizione semplice del 2014 nel settore spendendo 8,3 miliardi per assicurarsi il 100% della americana Intermune, ma è in grado di mettere in atto raffiche di acquisizioni. Il gigante basilese per esempio ha comunicato l'acquisto di Dutalys il 19 dicembre 2014, di Bina Technologies il 20 dicembre e della francese Trophos il 16 gennaio Un affare per l'investitore. Avere in portafoglio un'azienda che diviene oggetto di un'acquisizione è per un investitore come vincere alla lotteria. E questo non è vero solo nel settore delle biotecnologie o dell'hi-tech. Lo scorso autunno Geberit ha offerto al gruppo Wallenberg, azionista di maggioranza, e agli azionisti della svedese-finlandese Sanitec 97 corone per azione, cioè un prezzo del 55% superiore al valore di borsa del giorno precedente all'annuncio. E il business dí Sanitec - i sanitari e l'arredo bagno -è quanto di più lontano si possa immaginare dalle alte tecnologie. «I premium, vale a dire la differenza fra il prezzo offerto dall'acquirente e la media dei pezzi di borsa precedenti, sono cresciuti. Nel primo trimestre del 2014 si aggiravano in media sul 25%, ora siamo intorno al 40 %», afferma Bert Jansen di UBS, «fare del M&A un tema di investimento significa creare un portafoglio di aziende potenziali target. Questa è una

15 attività altamente speculativa, perché le aziende in portafoglio potrebbero non essere acquisite o potrebbero esserlo solo in un orizzonte medio-lungo. D'altra parte se si indovina il target ci si porta a casa un capital gain significativo». L'investitore che, non volendo fare ricerche per conto suo, intende appoggiarsi al lavoro di team di analisti può acquistare un indice o un basket. UBS Mergers & Acquisitions - Europe Investable Index Total Return è un indice investibile basato sulla UBS M&A `watch list' gestita dal team European Special Situation di UBS Research ed è quotato al SIX. Credit Suisse ha creato un indice gestito in maniera attiva, CS M&A 15, composto da una selezione di aziende considerate dagli analisti di CS dei potenziali target. «L'indice, nato nel settembre 2012, ha offerto un rendimento a oggi doppio rispetto all'indice MSCI world: 90% contro 45%, in particolare grazie alla sovraperformance ottenuta nel 2013», nota Dan Scott, che segue il tema per conto di CS. ruolo del private equity. I professionisti del capital gain legato alla compravendita di aziende sono però i fondi di private equity. Da mesi il ruolo del private equity è tornato a essere importante. Hanno raccolto molto denaro e devono consegnare ai loro finanziatori ritorni significativamente superiori a quelli che il mercato dei capitali offre. Secondo PitchBook nel 2014 il private equity ha raccolto 291 miliardi e ha iniziato a investire i 353 miliardi raccolti nel Ad esempio la svizzera CapVis Equity Partner ha raccolto 720 milioni per il suo fondo CapVis IV dedicato alla presa di partecipazioni in aziende `mittelstand' in Europa. In Svizzera, un mercato preferito proprio perché liberista e prevedibile, si nota una crescente attività da parte dei fondi nordamericani. La casa di private equity canadese Onex ha acquistato per 3,75 miliardi di euro la svizzera SIG Combibloc leader nel packaging. Sempre nel 2014 il gruppo di private equity KKR e il fondatore Hans Peters Wild hanno venduto per 2,2 miliardi di euro al colosso agroalimentare Archer-Daniels-Midland la Wild Flavors, presente nel mercato consumer con i succhio di frutta Capri ma soprattutto nel settore degli ingredienti naturali. Orange, che controlla il 20% del mercato telefonico svizzero, è stata acquistata dal miliardario francese Xavier Niel per 2,8 miliardi di franchi. A vendere è stato il private equity Apax partner, che l'aveva acquistata per 2 miliardi di franchi. Visto in dollari (acquisto 1,6 miliardi, vendita 2,9 miliardi), il capital gain ottenuto da Apax partner appare ancora più interessante. Secondo i dati di Thomson Reuters, nel 2014 i fondi di private equity rappresentano il 22% dell'attività globale M&A (il livello più alto di sempre). Secondo PitchBook hanno venduto aziende per 445 miliardi di dollari, un altro record, concentrandosi soprattutto nella fascia media: affari da 1 a 3 miliardi di dollari. «In questa fase molti private equity stanno cedendo le società acquisite», sottolinea Anna Samanta, «i private equity sono uno dei catalizzatori del mercato M&A e sono alla ricerca di aziende interessanti spesso non considerate dai big». La partner di Deloitte spiega che il private equity può agire come investitore finanziario e in quel caso privilegia società ben gestite con una solida redditività storica e un forte potenziale di crescita, oppure come investitore strategico. In questo caso cerca di creare valore migliorando la gestione e l'efficienza dell'impresa. «Il fondo di private equity non si limita

16 a comprare, mantenere e vendere. In genere esso acquista aziende in difficoltà, o comunque che ristagnano al di sotto del loro potenziale, e imposta veri e propri turn-around», interviene Prinzen, «in vista di una cessione sotto forma di collocamento in borsa o a un'azienda del settore. Ci si potrebbe chiedere come mai l'azienda che acquista dal private equity non abbia avviato prima il processo di acquisto. La ragione risiede nel fatto che questi turn-around possono comportare licenziamenti, chiusura di sedi e impianti, nuovi accordi con fornitori, distributori e clienti... tutte operazioni che comportano un rischio e una potenziale perdita reputazionale. E poi la transazione potrebbe anche fallire. Non è detto che un'azienda sia disposta a correre questi rischi. E, anche in questo caso, tali attività probabilmente distrarrebbero il management dalla gestione del business principale. Quindi anche se ad un costo maggiore, l'azienda preferisce acquistare l'impresa dal fondo di private equity 'dopo la cura'». Va infine accennato il caso frequente in cui il fondo di private equity combina diversi business, creando un'azienda praticamente ex novo. Insomma, il manager di private equity di oggi non assomiglia più all'edward Lewis, il corporate raider interpretato da Richard Gere in Pretty Woman'. Non acquista le aziende per spezzettarle, svuotarle e rivendere magari i terreni su cui sorgevano gli stabilimenti. Oggi è un imprenditore che affianca la sua competenza e i suoi contatti alle capacità imprenditoriali dell'azienda nella quale è entrato per renderla più grande. Del resto non è questo anche l'happy ending di Pretty Woman'? La Cina protagonista Ricca di cash, costretta a salire velocemente la catena del valore per posizionarsi su prodotti e servizi di livello medio e alto, la Cina «fino ad ora ha investito soprattutto in Stati Uniti, Germania e Regno Unito, ma è già attiva in Svizzera. I cinesi puntano soprattutto sui leader di tecnologia per rafforzare la loro competitività globale», nota Anna Samanta, partner e responsabile del dipartimento Post Merger Integration' di Deloitte in Svizzera, «e nel nostro Paese ci sono interessanti società nel settore della tecnologia e nella ingegneria meccanica. Ma vediamo un interesse cinese anche per settori come il turismo o il lusso, l'alimentare e la componentistica auto». Nel 2014 i cinesi hanno acquistato da Glencore le miniere di rame peruviane di La Bamba (pare che questa fosse una condizione posta dal Ministero del commercio cinese per non ostacolare la acquisizione di Xstrata da parte di Glencore). Anche il 2015 si è aperto all'insegna del Regno di Mezzo: in febbraio Dalian Wanda Group, principale operatore immobiliare cinese e proprietario della più grande catena di cinema in Cina, ha acquisito dal private equity Bridgepoint il completo controllo per 1,2 miliardi di dollari della svizzera InFront, leader nel trading e nello sviluppo dei diritti televisivi degli eventi sportivi.

17 Acquistare un'azienda svizzera costa, e non solo dal 15 gennaio. In questi anni non si sono viste molte acquisizioni di aziende svizzere da parte di imprese europee. Queste operazioni sono eseguite sulla base di considerazioni strategiche: il cambio non è decisivo Markus Prinzen, responsabile del settore M&A fiscale e legale di PricewaterhouseCoopers Svizzera

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT Breve ritratto «Focalizzazione, continuità, prospettiva globale e l opportunità per i clienti di coinvestire con la proprietaria e i collaboratori ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente la nostra

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli