Piano di monitoraggio e controllo - PMC secondo l allegato B alla D.G.R. n.1105 del 28 aprile 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di monitoraggio e controllo - PMC secondo l allegato B alla D.G.R. n.1105 del 28 aprile 2009"

Transcript

1 E 4 Piano di monitoraggio e controllo - PMC secondo l allegato B alla D.G.R. n.1105 del 28 aprile 2009 QUADRO SINOTTICO Di seguito si riporta un quadro sinottico delle attività di rilievo che saranno eseguite dall'azienda. FASI GESTORE GESTORE ARPA ARPA Autocontrollo Reporting Ispezioni Campionamenti programmate analisi 1 COMPONENTI AMBIENTALI 1.1 Materie prime A fine ciclo Annuale X NO Prodotti finiti A fine ciclo Annuale X NO 1.2 RISORSE IDRICHE Risorse idriche A fine ciclo Annuale X NO 1.3 RISORSE ENERGETICHE Energia A fine ciclo Annuale X NO 1.4 COMBUSTIBILI GPL A fine ciclo Annuale X NO 1.5 EMISSIONI IN ARIA (solo in presenza di emissioni di tipo convogliato) L allevamento non presenta emissioni di tipo convogliato 1.6 EMISSIONI IN ACQUA (solo in presenza di impianti di depurazione o scarichi autorizzati ai sensi della normativa vigente) L allevamento NON presenta impianti di depurazione NE' scarichi autorizzati 1.7 EMISSIONI DI RUMORI (solo per casi particolari elencati nelle presenti linee guida) Si ritiene, visto la ridotta rumorosità dell allevamento, di non prevedere tali misurazioni 1.8 EMISSIONE DI RIFIUTI Controllo rifiuti pericolosi Controllo rifiuti non pericolosi X X (su segnalazione/lamen tele di terzi) A fine ciclo Annuale X NO A fine ciclo Annuale X NO 1.9 SUOLO/SOTTOSUOLO (acque di falda monitorate solo nei casi previsti dall articolo 8 comma 2 della DGRV 2495/06 ) Puddu Luca 1 di 12

2 Acque di falde: l'allevamento presenta un sistema di sub-irrigazione per i reflui dei servizi igienici, non si ritiene quindi necessario nessun monitoraggio visti i ridotti quantitativi emessi. Terreni: la ditta non utilizzerà la pollina nei propri terreni ma la venderà totalmente a ditte esterne. PRESENZA DI AMIANTO Non presente FASI GESTORE GESTORE ARPA ARPA 2 GESTIONE IMPIANTO Autocontrollo 2.1 Controllo fasi critiche/manutenzione/controlli Sistemi di controllo delle fasi critiche del processo Interventi di manutenzione ordinaria Reporting Ispezioni programmate Campionamenti analisi Annuale Annuale* X NO Annuale Annuale* X NO Aree di stoccaggio Annuale Annuale* X NO * nel report saranno segnalate solo le non conformità, con le azioni correttive intraprese. 3 INDICATORI PRESTAZIONE 3.1 Monitoraggio degli indicatori di performance Monitoraggio Annuale NO X NO Puddu Luca 2 di 12

3 PREMESSA Il Piano di Monitoraggio e Controllo è un documento nato in seguito all attuazione della Direttiva IPPC (Direttiva 96/61/CE e Direttiva 2008/1/CE), che ha l'obiettivo di monitorare tutti i dati ambientali dell'allevamento e le relative performance. Il seguente documento ha l'obiettivo di descrivere la tipologia di monitoraggio predisposto per l'allevamento della azienda Bergamasco, in conformità alle indicazioni previste dall'attuale normativa, in modo particolare alla DGR 1105 del 28 aprile 2009, che ha dato delle linee guida dettagliate per gli allevamenti zootecnici. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO Il Piano di Monitoraggio dell impianto comprende due parti principali: i controllo a carico del gestore i controlli a carico dell Autorità pubblica di controllo (ARPA e Amministrazioni Provinciali mediante misurazioni periodiche). Il monitoraggio delle emissioni di una attività IPPC può essere costituito dalla combinazione di diverse tipologie di misure: in continuo discontinue (periodiche e ripetute sistematicamente) stimate, stabilite cioè su calcoli o altri algoritmi basati su parametri operativi del processo produttivo. Il documento che segue è strutturato in tre sezioni che rispecchiano le tre principali tematiche da monitorare all interno dell azienda. Sezione 1 Descrive schematicamente tutte le componenti ambientali dei processi dell impianto: 1.1 elenca e quantifica le materie prime che entrano nel ciclo produttivo ed i prodotti ottenuti 1.2, 1.3, 1.4 descrivono le fonti naturali ed energetiche utilizzate (acqua, energia, ecc.) Puddu Luca 3 di 12

4 1.5, 1.6, 1.7, 1.8, 1.9 identificano quantitativamente e qualitativamente le emissioni in acqua, aria e suolo, l'eventuale inquinamento acustico e i rifiuti 1.10 per l'eventuale presenza di amianto. Sezione 2 Focalizza l attenzione sui fattori dell impianto che sono inscindibili dal processo produttivo e dall inquinamento prodotto, facendo l'analisi delle fasi critiche, degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e sull esistenza di aree di stoccaggio. Sezione 3 Elenca gli indicatori di pressione monitorati (indicatori di performance ambientali). Questi indicatori danno informazioni quali-quantitative che consentono di effettuare una valutazione dell efficienza e dell'efficacia del consumo delle risorse, al fine di permettere al gestore di adottare strategie migliori nei confronti dell ambiente, ad esempio il consumo di energia in un anno. Gli indicatori di performance ambientale possono essere utilizzati come strumento indiretto. Quanto sopra descritto è riassunto dal QUADRO SINOTTICO iniziale dove, oltre alle frequenze di autocontrollo da parte delle aziende, ARPAV indica la tipologia di controllo (se ispezioni programmate o campionamento/analisi) che può svolgere nell arco di validità dell Autorizzazione Integrata Ambientale così come previsto dall articolo 11 comma 3 del D. Lgs n.59/2005. FONTE E REGISTRAZIONE DEI DATI PREVISTI DAL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO È opportuno evidenziare che, il linea di massima, non si richiede la compilazione di nuovi registri appositi per la direttiva IPPC oltre i registri già in possesso dell azienda per obbligo di legge. Ove non sia previsto un registro per la raccolta dei dati, la modalità di registrazione, a discrezione del gestore, deve essere indicata nel PMC (Piano di Monitoraggio e Controllo). Di seguito si riporterà una descrizione del monitoraggio che verrà svolto nello stabilimento preso in esame. Gli indicatori di prestazione delle attività dell'allevamento verranno comunicati annualmente, tramite supporto informatico messo a disposizione dalla Regione Veneto, secondo i dati dichiarati dal gestore. Il report dovrà essere accompagnato da un'autodichiarazione di veridicità delle informazioni trasmesse. Puddu Luca 4 di 12

5 1 COMPONENTI AMBIENTALI Consumo materie prime L'azienda effettuerà la registrazione del numero dei capi accasati nel registro ASL dove verranno riportate anche le date di accasamento. Quindi annualmente verranno trascritti tali dati nel piano di monitoraggio, precisamente al punto 1.1.A, dove sarà scritta anche la durata del ciclo (in giorni). N DURATA DATA CICLO CICLO ACCASAMENTO TIPO CAPI E N ACCASAMENTI 1 all'accasamento doc. di trasporto 2 all'accasamento doc. di trasporto 3 all'accasamento doc. di trasporto... all'accasamento doc. di trasporto La registrazione del consumo di mangimi ed integratori è già prevista dal contratto di soccida ed effettuata su appositi registri, ulteriore documentazione utilizzabile sono i documenti di trasporto. L'azienda provvederà a conservare tali dati in azienda e riportare nel piano di monitoraggio i consumi annuali (punto 1.1.B). N CICLO DATA CARICO QUANTITA' TIPOLOGIA ALIMENTO 1 a ciclo doc. di trasporto 2 a ciclo doc. di trasporto 3 a ciclo doc. di trasporto... a ciclo doc. di trasporto Nella tabella 1.1.C verranno segnati i quantitativi acquistati di altre sostanze: detergenti, sanificanti, disinfettanti, medicinali, ecc. N DURATA CICLO CICLO QUANTITA' TIPO (categoria e nome commerciale) 1 a ciclo fatture/doc. di trasporto 2 a ciclo fatture/doc. di trasporto 3 a ciclo fatture/doc di trasporto... a ciclo fatture/doc di trasporto Puddu Luca 5 di 12

6 Prodotto finito Nel punto del piano di monitoraggio verranno riportati i dati produttivi dell'allevamento, cioè i capi venduti (punto A) e la pollina. Il titolare si impegna a tenere sotto controllo la produzione di quest'ultima, anche se venduta a ditte esterne (punto B). Verrà segnata la vendita di pollina, l'acquirente e il relativo quantitativo. Tabella A N CICLO DURATA CICLO DATA CARICO N CAPI CARICATI PESO VIVO CARICATO FONTE DEL DATO 1 al momento del carico 2 al momento del carico 3 al momento del carico... al momento del carico doc. di vendita e registro mortalità doc. di vendita e registro mortalità doc. di vendita e registro mortalità doc. di vendita e registro mortalità Tabella B N CICLO DESTINATARIO DATA DI VEDITA QUANTITA' POLLINA 1 a ciclo fatture/doc. di trasporto 2 a ciclo fatture/doc. di trasporto 3 a ciclo fatture/doc. di trasporto... a ciclo fatture/doc. di trasporto Consumo risorse idriche La quantificazione dei consumi verrà fatta tramite la lettura del contatore. I dati verranno inseriti e inviati all autorità competente attraverso i report annuali (punto 1.2.1). N CICLO U.M. (unità di misura) 1 a ciclo rilievo contatore 2 a ciclo rilievo contatore 3 a ciclo rilievo contatore... a ciclo rilievo contatore Puddu Luca 6 di 12

7 1.3 - Consumo energia Il consumo energetico verrà rilevato dal contatore Enel e i dati dei consumi riportati nelle fatture di vendita dell'energia elettrica. Bimestre Consumo corrente elettrica 1 ogni due mesi fatture ditta fornitrice/contatore 2 ogni due mesi fatture ditta fornitrice/contatore 3 ogni due mesi fatture ditta fornitrice/contatore... ogni due mesi fatture ditta fornitrice/contatore Produzione corrente elettrica FOTOVOLTAICO annuale fatture Combustibili La tipologia di allevamento scelta dall'azienda (pollastre da svezzamento) prevede nei primi giorni di allevamento il riscaldamento dei pulcini tramite gpl. Consumo GPL annuale Fatture/documento trasporto Emissioni in aria L allevamento non presenterà scarichi di tipo convogliato Emissioni in acqua L allevamento non presenterà scarichi in acqua Rumore L allevamento presenta una matrice rumore trascurabile, non si prevedono quindi ulteriori controlli. Puddu Luca 7 di 12

8 1.8 - Rifiuti L azienda dovrà registrare, per obbligo di legge, i rifiuti prodotti e trasportati nel registro di carico/scarico e formulario. Annualmente il gestore dell allevamento invierà il quantitativo annuale di rifiuti prodotti (tonnellate all anno). Il titolare controllerà inoltre che i rifiuti, divisi per codice CER, siano stoccati in una zona impermeabile e protetta dagli agenti atmosferici. Si dovrà inoltre premurare che i rifiuti che presentano rischi di svasamento siano contenuti in bins a tenuta stagna o in appositi bacini di contenimento. Per l'individuazione delle aree di stoccaggio si prenda in considerazione la planimetria allegata alla scheda B dell'aia. I dati del formulario verranno riportati nel tabella TIPOLOGIA DESCRIZIONE RIFIUTO pericolosi non pericolosi QUANTITA'ANNUA PRODOTTA MODALITA' DI SMALTIMENTO (R/D) FONTE DEL DATO codice CER 1 Smaltimento / Recupero ditta di conferimento: fatture di conferimento a ditte specializzate 2 Smaltimento / Recupero ditta di conferimento: fatture di conferimento a ditte specializzate 3 Smaltimento / Recupero ditta di conferimento: fatture di conferimento a ditte specializzate... Smaltimento / Recupero ditta di conferimento: fatture di conferimento a ditte specializzate Suolo e sottosuolo Acque di falda L allevamento non presenta lagoni. Puddu Luca 8 di 12

9 1.9.2 Terreni Come già specificato l'azienda non utilizzerà pollina sui propri terreni poiché verrà totalmente venduta Presenza di amianto L'azienda non presenta amianto. 2 GESTIONE DELL IMPIANTO 2.1 Controllo fasi critiche, manutenzione, depositi Nel settore dell'allevamento avicolo, in cui è difficile un controllo analitico dei parametri, la fase di controllo della gestione dell'impianto, ed un adeguato confronto con le Migliori Tecniche Disponibili (MTD o BAT), diventa di fondamentale importanza per garantire il contenimento delle emissioni nell ambiente e la valutazione di aspetti ambientali significativi sui quali siano stati fissati obiettivi di qualità. Nel punto 2 del piano è stato previsto il monitoraggio dei seguenti interventi: Tabella Sistemi di controllo della fasi critiche del processo FASE / ATTIVITA' CRITICITA' PARAMETRO D'ESERCIZIO allevamento controllo decessi verifica giornaliero registrazione pioggia sui piazzali dilavamento acque meteoriche verifica della rete di scolo dopo piogge intense registrazione delle anomalie e delle azioni correttive alimentazione concentrazione di azoto e fosforo S.S. P.G. e P annuale cartellini mangimi Puddu Luca 9 di 12

10 Tabella Interventi di manutenzione ordinaria / straordinaria MACCHINARIO TIPO INTERVENTO AUTOCONTROLL O REGISTRAZIONE umidità lettiera controllo visivo giornaliero abbeveratoi controllo funzionalità giornaliero Manutenzione ordinaria distribuzione mangime controllo funzionalità giornaliero pavimentazione verifica buono stato inizio ciclo corretta esecuzione e pulizia e disinfezione rispetto periodo di fine ciclo vuoto sanitario derattizzazione controllo presenza roditori all'occorrenza controllo mosche intervento con insetticidi o larvicidi all'occorrenza MACCHINARIO TIPO INTERVENTO REGISTRAZIONE Manutenzione straordinaria impianto elettrico impianto idrico ripristino impermeabilità pavimentazione ripristino condizioni regolari ripristino condizioni regolari ripristino condizioni regolari all'occorrenza all'occorrenza all'occorrenza rapporto tecnico rapporto tecnico rapporto tecnico Puddu Luca 10 di 12

11 Tabella Aree di stoccaggio STRUTTURA DI CONTENIMENTO TIPO DI CONTROLLO REGISTRAZIONE silos alimenti controllo visivo dello stato di conservazione giornaliero frezeer carcasse verifica del funzionamento giornaliero deposito rifiuti verifica condizioni di stoccaggio giornaliero 1) Controllo animali morti: il monitoraggio permette di confrontare il numero dei capi deceduti con le normali curve di mortalità della specie allevata e di consultare tempestivamente il medico veterinario in caso di anomalie; 2) Controllo drenaggio acque meteoriche: l'azienda dovrà verificare il corretto drenaggio delle acque piovane per evitare che queste entrino in contatto con gli effluenti zootecnici e per escludere la formazione di pozzanghere, che producono odori e insetti; 3) Controllo composizione dei mangimi: tramite la tabella B-alimenti dovranno essere accertate le percentuali dei componenti dei mangimi utilizzati durante tutto l'arco dell'anno (sostanza secca, proteina grezza e fosforo); i dati della composizione potranno essere ricavati dagli stessi cartellini presenti su ogni carico di mangime; 4) Controllo umidità lettiera: tale controllo è importante in quanto l entità delle emissioni di gas serra e di odori dipende dalla qualità della lettiera. Su lettiere umide si innescano fermentazioni anaerobiche, all origine delle emissioni di CH 4, N 2 O e odori molesti decisamente superiori a quelli che si hanno con lettiera asciutta; 5) Verifica impianti di abbeveraggio: per ridurre sprechi della risorsa idrica e ridurre quindi l'umidità della lettiera; 6) Verifica impianto di distribuzione mangimi: per evitare gli sprechi e ostruzioni lungo il percorso; 7) Controllo del buono stato della pavimentazione: per garantire l'impermeabilità delle superfici di stabulazione ed evitare infiltrazioni nel sottosuolo; Puddu Luca 11 di 12

12 8) Verifica delle operazioni di pulizia e disinfezione: tali operazioni permettono di sanificare gli ambienti e di abbattere la carica di patogeni naturalmente presente in ogni allevamento.la corretta esecuzione delle operazioni permetterà inoltre di controllare il consumo di acqua. 9) Controllo trappole per la derattizzazione: allontanamento di eventuali animali morti e sostituzione delle trappole in caso di necessità: 10) Controllo mosche: qualora gli operatori notassero un aumento anomalo delle presenza dell'insetto si provvederà ad organizzare una serie di interventi con insetticidi o larvicidi; 11) Controllo dei silos: la verifica dell'integrità delle strutture di stoccaggio dei mangimi permette di garantire il corretto immagazzinamento dell'alimento; 12) Verifica funzionamento freezer: il proprietario controllerà giornalmente il corretto funzionamento per assicurare la conservazione delle carcasse dei morti; 13) Verifica del corretto stoccaggio delle sostanze pericolose (disinfettanti, sanificanti, detergenti): cioè pulizia del locale, stoccaggio per categorie di prodotti omogenei, assenza di liquidi nel bacino di contenimento, ecc; In caso di necessità l'azienda provvederà alla manutenzione straordinaria degli impianti (elettrico, idrico, ventilazione, ecc) avvalendosi della consulenza di tecnici specialisti. Puddu Luca 12 di 12

E4. PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL'ALLEVAMENTO

E4. PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL'ALLEVAMENTO E4. PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL'ALLEVAMENTO impianto Società Agricola Montanari Nicola e Claudio s.s. Via Muri 1 COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO (VR) Richiedente: Soc Montanari Nicola e Claudio

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1105 del 28 aprile 2009 pag. 1/19

ALLEGATOB alla Dgr n. 1105 del 28 aprile 2009 pag. 1/19 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1105 del 28 aprile 2009 pag. 1/19 PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO ALLEVAMENTI PREMESSA Il Piano di Monitoraggio e Controllo è un documento nato in

Dettagli

Descrizione delle modalità di gestione ambientale

Descrizione delle modalità di gestione ambientale E 3 Descrizione delle modalità di gestione ambientale La seguente relazione ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione degli aspetti ambientali relativi all impianto della ditta Puddu Luca sita

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica DOCUMENTO REDATTO IN COLLABORAZIONE CON: PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica Il presente documento costituisce la relazione annuale sul piano di monitoraggio e controllo come prevista

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Società Agricola Liberelle

Società Agricola Liberelle Distretto di Forlì Viale Livio Salinatore, 20 47121 - Forlì PEC: aoofc@cert.arpa.emr.it Tel. 0543/451411 Fax 0543/451451 E-mail: sezfo@arpa.emr.it Distretto di Cesena Via Marino Moretti, 43 47521 - Cesena

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE SINTESI NON TECNICA A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE DESCRIZIONE INTERVENTO L allevamento è ubicato nel comune di Concamarise via Fondo 16. I capannoni insistono sui

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE Autorizzazione Integrata Ambientale - Direttiva IPPC REPORT ANNUALE PER L INVIO DEI DATI DI AUTOCONTROLLO Modello generale per tutte le attività dell'allegato I del D. Lgs. 59/2005 (escluse le attività

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

DITTA VENETA RECUPERI ABIENTE SRL

DITTA VENETA RECUPERI ABIENTE SRL Pagina 1 di 6 RELAZIONE TECNICA 1 semestre 2015 DITTA VENETA RECUPERI ABIENTE SRL IMPIANTO UBICATO IN SONA ( VR ) IN VIA MOLINARA, 7 Villafranca di Verona 31 Luglio 2015 TIPOLOGIA DI IMPIANTO : IMPIANTO

Dettagli

Autorizzazione integrata ambientale n. 1/15

Autorizzazione integrata ambientale n. 1/15 PROVINCIA DI VICENZA Area Servizi al Cittadino e al Territorio SETTORE TUTELA E VALORIZZAZIONE RISORSE NATURALI PROTEZIONE CIVILE Contra' Gazzolle 1 36100 VICENZA provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net C.

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l.

LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l. LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l. CENTRALE TERMICA OVEST AEROPORTO DI FIUMICINO (ROMA) A.I.A. n.3640/2009 Rapporto sui dati di autocontrollo Anno 2012 Redatto ai sensi del D.Lgs. 152/2006, art.

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A. SEZIONE INFORMATIVA...2 A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B. SEZIONE FINANZIARIA...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche a cura di Elena Vescovo ARPAV Hanno collaborato: Francesca Bergamini

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA SOL S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

Qualità - Sicurezza - Ambiente

Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità Sicurezza Ambiente UNI EN ISO 9001 BS OH SAS 18001 UNI EN ISO 14001:2004 DPR 547/1955 Il rischio è il prodotto tra la probabilità e la gravità R x G 1 2 3 4 1 1 2

Dettagli

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A. SEZIONE INFORMATIVA...2 A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B. SEZIONE FINANZIARIA...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale

AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale 1- Introduzione L'obiettivo del presente documento è quello di fornire le indicazioni necessarie per l'utilizzazione

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

ceccaronifiliberto.doc 1 di 16

ceccaronifiliberto.doc 1 di 16 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A. SEZIONE INFORMATIVA... 2 A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B. SEZIONE FINANZIARIA... 2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

Dettagli

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1 Allegato 1 acque industriali A. Caratteristiche dell attività A1. CICLO DI LAVORAZIONE Allegare una relazione contenente una descrizione del ciclo tecnologico con schema a blocchi relativo al processo

Dettagli

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po Oggetto di valutazione è l'ampliamento di un allevamento zootecnico intensivo di avicoli allevati su lettiera permanente.

Dettagli

Allegato AIA SANT ANDREA 1 di 16

Allegato AIA SANT ANDREA 1 di 16 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A. SEZIONE INFORMATIVA...2 A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B. SEZIONE FINANZIARIA...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

A1 DEFINIZIONI... 2 A2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO... 2 A3 ITER ISTRUTTORIO... 2 B1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE... 2

A1 DEFINIZIONI... 2 A2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO... 2 A3 ITER ISTRUTTORIO... 2 B1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE... 2 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A SEZIONE INFORMATIVA... 2 A1 DEFINIZIONI... 2 A2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO... 2 A3 ITER ISTRUTTORIO... 2 B SEZIONE FINANZIARIA... 2 B1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...

Dettagli

SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI

SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI Allegato D Md. F2405 Ed. B SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI DATI ANAGRAFICI DENOMINAZIONE DELL INSEDIAMENTO: SEDE AMMINISTRATIVA: Comune Indirizzo n Tel. Fax UBICAZIONE DELL INSEDIAMENTO : Comune Indirizzo

Dettagli

Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo

Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo Descrizione sintetica del PMeC Il Piano di Monitoraggio e Controllo ha la finalità principale della verifica

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PROCEDURA DI ACCETTAZIONE RIFIUTI IN ENTRATA n. 11042438 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO (marca da bollo legale) (spazio riservato al protocollo) Al Sig. Sindaco del Comune di Crespellano 40056 CRESPELLANO Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali ed industriali

Dettagli

Allegato A RELAZIONE TECNICA. Allevamento intensivo di polli da carne Azienda Agricola Tessarin Massimiliano Via Ca' Cappellino, 2 Porto Viro

Allegato A RELAZIONE TECNICA. Allevamento intensivo di polli da carne Azienda Agricola Tessarin Massimiliano Via Ca' Cappellino, 2 Porto Viro Allegato A RELAZIONE TECNICA Allevamento intensivo di polli da carne Azienda Agricola Tessarin Massimiliano Via Ca' Cappellino, 2 Porto Viro 1. INQUADRAMENTO DELL'ATTIVITA' L Azienda Agricola Massimiliano

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato Auditorium Provincia di Treviso - 4 maggio 2011 MODELLO CONTROLLO-PRESCRIZIONE A LEGISLAZIONE (fissa (fissa i i valori

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA BENEVENTO. SUI.ME SUINICOLA MERDIONALE S.r.l C/da Petrera. PIANO DI MONITORAGGIO e CONTROLLO. D.M. Ambiente n 59 del 31.01.

COMUNE DI APOLLOSA BENEVENTO. SUI.ME SUINICOLA MERDIONALE S.r.l C/da Petrera. PIANO DI MONITORAGGIO e CONTROLLO. D.M. Ambiente n 59 del 31.01. COMUNE DI APOLLOSA BENEVENTO SUI.ME SUINICOLA MERDIONALE S.r.l C/da Petrera PIANO DI MONITORAGGIO e CONTROLLO D.M. Ambiente n 59 del 31.01.05 Versione 06.03.09 PREMESSA Piano di Monitoraggio e Controllo

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

Attività complementare di vigilanza della Provincia di Verona. S.E.V. Srl- Impianto di Ca di David (Verona) Via Mezzacampagna

Attività complementare di vigilanza della Provincia di Verona. S.E.V. Srl- Impianto di Ca di David (Verona) Via Mezzacampagna TABARELLI GIULIO Ingegnere Ambientale Gennaio 2015 Attività complementare di vigilanza della Provincia di Verona Relazione non tecnica II semestre anno 2014 S.E.V. Srl- Impianto di Ca di David (Verona)

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto 4/A Bolzano Via Giotto snc Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

COMUNE DI MALO. VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA a V.I.A. RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DEI PROCESSI PRODUTTIVI. Luglio 2014

COMUNE DI MALO. VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA a V.I.A. RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DEI PROCESSI PRODUTTIVI. Luglio 2014 REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MALO VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA a V.I.A. (Art. 20 - D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DEI PROCESSI PRODUTTIVI Luglio 2014 Il richiedente:

Dettagli

Un valore chiamato futuro

Un valore chiamato futuro Un valore chiamato futuro Ecopadana nasce nel 1985, si sviluppa e si propone nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti industriali, a volte soverchiando quanto previsto dalle normative in materia,

Dettagli

Procedura di autorizzazione integrata ambientale. SCHEDA 5 Allegato 5b Piano di monitoraggio e controllo

Procedura di autorizzazione integrata ambientale. SCHEDA 5 Allegato 5b Piano di monitoraggio e controllo SARDA LATERIZI S.P.A. Via Pigafetta n 1- Zona Industriale PORTO TORRES Procedura di autorizzazione integrata ambientale. SCHEDA 5 Allegato 5b Piano di monitoraggio e controllo Redatto da: INDICE 1 - FINALITÀ

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005

PROVINCIA DI BIELLA. Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005 PROVINCIA DI BIELLA Settore Tutela Ambientale Codice: Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO Codice: DETERMINAZIONE N. 3795 IN DATA 05/10/2005 Oggetto: Determinazione Dirigenziale n. 2357 del

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 12/07/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 28

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 12/07/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 28 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 1 giugno 2012, n. 264 Modifiche alla D.G.R. n. 776 del 24/10/2008 e alla D.G.R. n. 165 del 5 marzo 2010, in attuazione delle modifiche

Dettagli

SPORTELLO ASSOCIATO di CARRÈ, DUEVILLE, MALO, MARANO VICENTINO, MONTECCHIO PRECALCINO, THIENE, VILLAVERLA

SPORTELLO ASSOCIATO di CARRÈ, DUEVILLE, MALO, MARANO VICENTINO, MONTECCHIO PRECALCINO, THIENE, VILLAVERLA SPORTELLO ASSOCIATO di CARRÈ, DUEVILLE, MALO, MARANO VICENTINO, MONTECCHIO PRECALCINO, THIENE, VILLAVERLA piazza Ferrarin, 1-36016 - THIENE (VI) tel. 0445/804982 - fax. 0445/804984 sportellounico@comune.thiene.vi.it

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Il/La sottoscritto/a: in qualità di Legale Rappresentante e/o Titolare altro della Ditta con attività di: e con insediamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

Il Sottoscritto. Residente in via.n... [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta... con sede legale in...

Il Sottoscritto. Residente in via.n... [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta... con sede legale in... RICHIESTA PARERE PREVENTIVO Il Sottoscritto Residente in via.n... Recapito telefonico in qualità di : [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta......... con sede legale

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Città metropolitana di Milano Area Tutela e Valorizzazione Ambientale (selezionare

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

EREDI SANTAROSA BRUNO s.n.c. Viale dell industria n.11 37038 SOAVE (VR) IMPIANTO DI RECUPERO E SMALTIMENTO RIFIUTI NON PERICOLOSI.

EREDI SANTAROSA BRUNO s.n.c. Viale dell industria n.11 37038 SOAVE (VR) IMPIANTO DI RECUPERO E SMALTIMENTO RIFIUTI NON PERICOLOSI. Programma di controllo Relazione non tecnica EREDI SANTAROSA BRUNO s.n.c. Viale dell industria n.11 37038 SOAVE (VR) IMPIANTO DI RECUPERO E SMALTIMENTO RIFIUTI NON PERICOLOSI II semestre 2014 Responsabile

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2

A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 Allegato 1 Le Condizioni dell AIA A. SEZIONE INFORMATIVA...2 A.1 DEFINIZIONI...2 A.2 INFORMAZIONI SULL IMPIANTO...2 A.3 ITER ISTRUTTORIO...2 B. SEZIONE FINANZIARIA...2 B.1 CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE...2

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 1938/2011 Proponente: UFFICIO TECNICO AMBIENTE Classificazione: 09-12 2006/91 Del 07/06/2011 Oggetto: D.LGS. 152/06 E S.M.I.

Dettagli

QUESTIONARIO PER L AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

QUESTIONARIO PER L AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI 1. NOTIZIE GENERALI SULL INSEDIAMENTO Ditta Insediamento sito in. via Titolare dell attività codice ISTAT Numero addetti. Impiegati. Operai.. Insediamento in : corpo di fabbrica isolato stabile con altre

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

CHIEDE L AUTORIZZAZIONE AI SENSI DEL D. LGS. 3.4.2006 N. 152

CHIEDE L AUTORIZZAZIONE AI SENSI DEL D. LGS. 3.4.2006 N. 152 AL COMUNE DI LONATE POZZOLO (VA) SETTORE GESTIONE TERRITORIO SERVIZIO ECOLOGIA VIA CAVOUR, 20 21015 LONATE POZZOLO (VA) Il sottoscritto... in qualità di titolare (o legale rappresentante) della ditta.......

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Spett. COGEIDE S.p.A. Via Crema 24050 Mozzanica (BG)

Spett. COGEIDE S.p.A. Via Crema 24050 Mozzanica (BG) Allegato 5 - domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura e domanda di rinnovo (art. 46 d. lgs. 152/99 e successive modifiche e integrazioni) marca da bollo

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro Finalità Destinatari Adeguare la struttura e gli impianti aziendali alla normativa sulla

Dettagli

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA CABOT ITALIANA S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA

Dettagli