Chiomenti studio legale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiomenti studio legale"

Transcript

1 Chiomenti studio legale PRIVATE EQUITY NEWSLETTER PRIMAVERA 2009 NUMERO 2 Indice dei contenuti: Prefazione... Editoriale: una breve panoramica sullo stato di salute del private equity... Partecipazione al capitale delle banche da parte di fondi di private equity... Il mercato secondario del private equity. Credit crunch e strategie di limitazione degli impatti per gli investitori... Il regime alternativo della valutazione dei conferimenti in natura Modifiche al regime delle ritenute applicabili ai dividendi.. Verso una regolamentazione europea degli hedge funds e dei fondi di private equity?... Fondi Sovrani: i Principi di Santiago. I piani di risanamento ex art. 67, comma 3, lettera d) della legge fallimentare... Focus sull energia: il sistema degli incentivi delle fonti rinnovabili. Le fusioni transfrontaliere Brevi considerazioni in materia di abuso del diritto e residenza fiscale delle società 12 Srl: addio al libro soci. Efficacia del trasferimento delle partecipazioni e pubblicità 22 Informatizzazione delle scritture contabili. 13 Golden share: la Corte di Giustizia condanna l Italia 24 Chiomenti Studio Legale Copyright 2009 Le nostre sedi: Roma I Via XXIV Maggio 43 Tel.: Fax: Milano I Via G. Verdi 2 Tel.: Fax: Torino I Via Montevecchio 28 Londra W1J 6HF 20 Berkeley Square Tel.: Fax: Bruxelles B Av. R. Vandendriessche Tel.: Fax: New York NY One Rockefeller Plaza, Suite 2404 Tel.: Fax: Pechino /F, Yintai Office Tower No.2 Jianguomenwai Ave, Chaoyang District Tel Fax: Hong Kong S.A.R. Unit 3508, Edinburgh Tower The Landmark / 15, Queen's Road, Central Tel.: Fax:

2 Prefazione Anche se per il momento è difficile fare previsioni in merito agli effetti dell attuale crisi economico-finanziaria sul mercato del private equity, siamo fiduciosi che l ottica di lungo termine degli investimenti, la natura anticiclica e la comprovata validità del proprio modello di business consentiranno all industry del private equity di sorpassare l attuale congiuntura negativa e di guardare al futuro in misura, se possibile, più fiduciosa di altre asset class. Tutto questo anche in quanto crediamo che il private equity abbia già dimostrato di avere le capacità di funzionare con successo e con soddisfazione per gli investitori anche in periodi recessivi e possa, al contrario, trarre nuove e stimolanti opportunità di crescita dall attuale situazione di mercato. In questo numero della nostra Newsletter, svolgiamo preliminarmente una breve panoramica sullo stato di salute del settore, fornendo alcuni flash, dati ed osservazioni generali sui maggiori trend di mercato anche a livello internazionale. In materia di investimenti - che ci auspichiamo possano riprendere velocemente - la Newsletter contiene un interessante articolo in materia di partecipazione al capitale delle banche da parte dei fondi di private equity, oggi non più soggetto alle limitazioni quantitative applicate in passato, ed un articolo sugli investimenti nel settore delle fonti rinnovabili, tema quanto mai di attualità. Per quanto riguarda, in generale, il mercato, segue una breve nota sul mercato secondario del private equity, di notevole interesse, i suoi possibili sviluppi in Italia ed alcune particolarità legate al contesto dei fondi italiani. In un altro articolo si affronta la possibile applicazione ai fondi di diritto italiano delle strategie recentemente adottate da alcuni gestori stranieri nei confronti dei propri investitori. Vi sono poi, in ordine sparso, quattro articoli sulle principali novità normative introdotte di recente in materia di conferimenti in natura, informatizzazione delle scritture contabili, abolizione del libro soci per le Srl e fusioni transfrontaliere. Sul piano fiscale, passiamo in rassegna alcune recenti pronunce in materia di abuso del diritto e residenza fiscale, e le più recenti novità normative in materia di ritenute sui dividendi. Sul restructuring, c è un articolo in materia di piani di risanamento aziendali, argomento oggi purtroppo di grande attualità per tante partecipate dei fondi e per i soggetti finanziatori. Sul piano della regolamentazione, forniamo un aggiornamento sul dibattito in corso a livello europeo in merito alla possibile introduzione di una regolamentazione specifica sugli hedge funds e sui fondi di private equity, sulle reazioni e proposte dell EVCA nonché qualche cenno sui famosi Principi di Santiago, di recente approvazione, relativi ai Fondi Sovrani. Infine una breve nota sulla recentissima decisione della Corte di Giustizia europea in materia di golden share. Come sempre, ci auguriamo che la nostra Newsletter possa essere di vostro interesse ed offrire qualche spunto interessante. Restiamo naturalmente a disposizione per qualsiasi approfondimento in relazione alle tematiche trattate o a richieste su temi da trattare nei prossimi numeri. Franco Agopyan Editoriale: una breve panoramica sullo stato di salute del private equity Difficile dire come andrà a finire o azzardare previsioni anche solo di carattere generale. Ci troviamo nel pieno di una crisi globale del credito e della liquidità di enorme dimensione. Quali saranno le conseguenze per il private equity? I pessimisti parlano di un cambiamento epocale del mercato che segnerà il tramonto di numerosi operatori ed un generale ridimensionamento del settore. Gli industry leaders, da parte loro, ricordano che, al contrario, è statisticamente dimostrato che i migliori ritorni sugli investimenti sono stati da sempre quelli effettuati in tempi di crisi o di recessione del mercato. Staremo a vedere. Per CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 2

3 quanto ci riguarda siamo fiduciosi sul futuro del settore e sulla validità del suo modello di business. Vale quindi la pena di provare a tracciare il trend di mercato e fotografare alcuni eventi. 1. Alcuni dati: si stima 1 che alla fine del 2008 l importo complessivo degli assets under management 2 dei fondi di private equity nel mondo si aggirasse intorno a USD 2.5 trillion e che, sempre a tale data, l importo complessivo del cd. dry powder fosse pari a circa USD 1 trillion. E noto che la maggior parte del dry powder si concentra nei fondi raccolti negli anni più recenti (vintage 2006, 2007 e 2008), mentre il valore dei fondi più vecchi riguarda le partecipate ancora presenti nei portafogli (investimenti non realizzati) al netto delle distribuzioni nel frattempo già effettuate. Considerata l attuale congiuntura economica, tali dati sembrano indicare aspettative di ritorno dagli investimenti alte per quanto riguarda i fondi più giovani (non ancora investiti e/o con dotazioni di liquidità per nuovi investimenti) e qualche sofferenza per i fondi più vecchi (vintage 2005 e 2006) investiti durante la fase più alta del mercato. 2. Fund raising; investitori: l attività di fund raising nel 2008 è stata particolarmente complessa e si è ridotta di quasi la metà nel secondo semestre dell anno. Ciò ha riguardato sia fondi promossi da nuovi operatori (alcuni dei quali hanno dovuto accantonare il progetto) sia nuovi fondi promossi da operatori ormai affermati sul mercato (alcuni dei quali hanno avuto difficoltà a raggiungere gli obiettivi di raccolta). Le maggiori criticità vanno ricercate (i) nel numero sempre maggiore di fondi offerti in sottoscrizione, (ii) nel noto effetto denominatore 3, (iii) nel minor numero di distribuzioni effettuate dai fondi ai propri investitori (con il conseguente venir meno della necessità per alcuni investitori di sottoscrivere quote 1 Fonte Preqin. 2 Inteso come somma del cd. equity value delle società partecipate e del cd. dry powder, cioè delle risorse disponibili per nuovi investimenti e non ancora chiamate. 3 Cioè l involontario aumento della percentuale di investimento dedicata dagli investitori istituzionali all asset class del private equity quale diretto effetto del decremento del valore degli altri investimenti presenti in portafoglio e della riduzione delle distribuzioni di cassa da parte dei fondi. maggiori al fine di mantenere un livello di allocazione stabile per questa asset class) e, da ultimo, (iv) nella difficoltà di taluni investitori nel reperire (o nel caso delle banche a liberare) la liquidità necessaria per far fronte alle capital calls dei fondi. Tale ultima situazione ha determinato, in particolare, da un lato, il tentativo di uscita di alcuni limited partners da precedenti commitments e la crescita del mercato secondario (vedi successivo par. 3 e nota a piè pagina) e, dall altro lato, una richiesta ai propri general partners di riduzione dei commitments o di sospensione di ulteriori capital calls. Alcuni importanti casi sono già noti. In un fondo si è provveduto ad una riduzione del 40% del commitment degli LPs a fronte di una concessione pari al 25% dell upside e di una base di calcolo invariata per quanto riguarda la management fee del general partner, in un altro caso ad una riduzione del 10% del commitment e della management fee e ad un limite a nuove capital calls.tali casi, non isolati, riflettono proprio l attuale situazione del mercato e le difficoltà degli operatori. Viste le performance dei fondi di private equity rispetto ad altre tipologie di investimento, alcuni GP dicono di non aspettarsi che gli investitori smettano di investire nel private equity o riducano sostanzialmente le proprie allocazioni di portafoglio. Il vero tema è però quando gli investitori riprenderanno ad investire come nel passato. Sicuramente il 2009 appare un anno difficile e particolarmente competitivo per il fund raising. Per quanto riguarda la tipologia dei fondi, ci sembra che le preferenze degli investitori siano per il momento indirizzate ai fondi dedicati al mercato secondario, ai distressed assets/debt, a quelli specializzati (es. infrastrutture, energia, etc.) e, quanto ai fondi di buyout, a quelli con dimostrate performance top-quartile. 3. Mercato secondario: il mercato secondario della cessione di quote di fondi da un investitore ad un altro, che è diretta conseguenza delle difficoltà sopra illustrate, è in grande aumento. L incremento dell offerta e l incertezza sulle valutazioni di certi investimenti effettuati negli anni più caldi hanno portato ad una generale riduzione dei CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 3

4 prezzi medi (il range medio di prezzo nel secondo semestre 2008 è stato pari al 40-60% del NAV dei fondi, con riduzione del valore per i vintage year più recenti - anche in funzione di eventuali unfunded commitment - e per le quote di fondi gestiti da GP di seconda fascia ). Il significativo numero di operatori specializzati presenti sul mercato lascia prevedere per il 2009 un aumento dei volumi del segmento secondario. Quanto al mercato, si stima che il valore complessivo degli assets in vendita nel 2009 sia pari ad almeno USD 45 mld. e che la liquidità disponibile (commitment non richiamati) per nuovi investimenti in dotazione a questi fondi (dry powder) non superi USD 15 mld. 4. Deals: scomparsa della leva; diminuzione del numero di operazioni: la quasi totale scomparsa del leveraged financing (da USD 237 mld. nel 2007 a USD 15 mld. nel 2008) ha determinato l impossibilità per i fondi di finanziare nuove significative operazioni di acquisizione. Nell ultimo periodo si sono registrate operazioni finanziate interamente o quasi interamente ad equity, soprattutto in relazione ad investimenti di minoranza, add-on o acquisizioni di imprese in crisi. La diminuzione del numero delle operazioni deriva anche dalle difficoltà di exit (legate all erosione del fatturato e dell EBITDA delle società target conseguenza della generale crisi dell economia) e da un disallineamento dei multipli offerti rispetto alle aspettative dei venditori. 5. Focus degli operatori: a partire dal secondo semestre 2008 gli operatori si sono concentrati sulla gestione e sul monitoraggio del proprio portafoglio. Ciò ha comportato, in alcuni casi, la rinegoziazione dei finanziamenti senior esistenti, in altri casi equity cures, acquisto del debito o simili operazioni, mentre nei casi di partecipate in buon stato di salute, acquisizioni di tipo add-on o piccoli investimenti volti a consolidare o espandere il business delle partecipate. Ci aspettiamo che tali attività continuino per tutto il corso del Diverso atteggiamento: per il prossimo futuro pensiamo che il fattore chiave per i fondi sarà la capacità di creare valore attraverso la crescita degli indici fondamentali (crescita del fatturato, miglioramento dei margini, consolidamento della posizione sul mercato, etc.) delle partecipate, che peraltro è sempre stata l attività tipica del private equity. Ciò comporterà la necessità di rivedere i team dedicati agli investimenti con l inserimento di professionisti e consulenti esperti nel settore in cui operano le singole partecipate al fine di apportare il proprio bagaglio di esperienze e know-how specifici. 7. Opportunità e tipologia delle nuove operazioni: per quanto riguarda la tipologia delle operazioni, ci aspettiamo che nel corso del 2009 il mercato si concentrerà su operazioni che non richiedono leva aggiuntiva quali, ad esempio, (i) acquisizioni di partecipazioni di minoranza (growth capital), (ii) acquisizioni (anche di partecipazioni di minoranza) in società midcap quotate al fine di un delisting, (iii) acquisizioni di partecipazioni di minoranza in società quotate di grandi dimensioni (PIPE), (iv) acquisizioni (anche ostili) in consorzio con partner industriali, (v) acquisizioni di tipo add-on, (vi) acquisizioni di distressed assets e distressed debt (incluse quote di mezzanino). I settori più caldi potrebbero essere i servizi finanziari, l energia, l automotive, la tecnologia, i consumer products ed il retail. 8. Finanziamento delle operazioni: è probabile un ricorso sempre più massiccio a forme di cd. seller financing (vendor notes variamente strutturate) e a meccanismi di earn-out volti a colmare gap di valutazione degli asset oggetto di acquisto. In generale pensiamo ci sarà grande spazio per originare e strutturare gli investimenti in modo creativo. 9. Ridimensionamento degli operatori: anche in considerazione del numero dei fondi (circa ) e delle società di gestione (circa 4.500) ad oggi presenti nel mondo, è probabile che si innescherà un processo di selezione naturale che porterà all estinzione degli operatori più deboli attualmente presenti sul mercato. I fattori chiave di tale processo saranno, tra gli altri: CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 4

5 (i) l eventuale necessità di nuovo funding a breve/medio termine (ovvero l eventuale disponibilità di dry powder in misura sufficiente), (ii) la performance ed i track record storici, (iii) la tempistica degli exit e delle acquisizioni (soprattutto nel 2008) e (iv) la presenza o meno di investimenti nel proprio portafoglio in settori più o meno esposti alla crisi. Franco Agopyan Partecipazione al capitale delle banche da parte di fondi di private equity 1. L art. 19, comma 6, del testo unico bancario (TUB) precludeva ai soggetti che anche attraverso società controllate svolgevano in misura rilevante attività d impresa in settori non bancari né finanziari la possibilità di ottenere l autorizzazione all acquisto di partecipazioni nel capitale di una banca che consentissero il controllo della stessa o la detenzione di una quota di diritti di voto superiore al 15%. Il successivo comma 7 prevedeva, inoltre, che la Banca d Italia potesse negare o revocare l autorizzazione all acquisto di partecipazioni rilevanti nel capitale delle banche in presenza di accordi da cui derivasse durevolmente, in capo ai soggetti sopra menzionati, una rilevante concentrazione di potere per la nomina o la revoca della maggioranza degli amministratori o dei componenti del consiglio di sorveglianza della banca, tale da pregiudicare la gestione sana e prudente della banca stessa. Le Istruzioni di vigilanza per le banche prevedevano che il principio di separatezza banca-industria non operasse qualora il soggetto richiedente dimostrasse che le attività svolte direttamente, diverse da quelle bancarie e finanziarie (cui sono assimilate anche quelle assicurative), fossero inferiori al 15% del totale delle attività esercitate. Qualora il soggetto richiedente avesse avuto partecipazioni di controllo, anche indirette, in altre società, lo stesso avrebbe dovuto altresì dimostrare che la somma degli attivi delle società non bancarie né finanziarie controllate non eccedesse il 15% della sommatoria dell attivo d impresa del soggetto richiedente e di tutte le controllate. Tali dimostrazioni venivano richieste anche ai soggetti operanti nel private equity, inclusi i fondi comuni, che intendessero acquisire una partecipazione in una banca superiore al limite di separatezza. 2. Nel recepire la direttiva 2007/44/CE del 21 settembre 2007, l art. 14, comma 1, del d.l. 29 novembre 2008, n 185 (convertito dalla l. 28 gennaio 2009, n 2) ha abrogato i citati commi 6 e 7 dell art. 19 del TUB. All eliminazione del summenzionato principio di separatezza banca, ha corrisposto l introduzione di uno specifico regime per il rilascio dell autorizzazione all assunzione di partecipazioni rilevanti (anche superiori al 15%) o di controllo in banche da parte di soggetti che, anche attraverso società controllate, svolgono in misura rilevante attività d impresa in settori non bancari né finanziari. La nuova disposizione prevede, in particolare, che in fase autorizzativa, la Banca d Italia, oltre a verificare la ricorrenza delle condizioni previste dall articolo 19 del TUB e, in quanto compatibili, dalle relative disposizioni di attuazione, accerti (a) la competenza professionale generale del richiedente nella gestione di partecipazioni ovvero (b) considerata l influenza sulla gestione che la partecipazione da acquisire consentirebbe di esercitare, la competenza professionale specifica nel settore finanziario. A fronte dell eliminazione del divieto di superamento del 15%, pertanto, è stato introdotto un elemento aggiuntivo di accertamento, da parte della Banca d Italia, delle istanze di acquisto di partecipazioni rilevanti anche inferiori al 15% presentate da soggetti non bancari né finanziari. Continuerà, quindi, ad essere necessario un preventivo esame dello svolgimento di una rilevante attività industriale, non più però al fine di vietare acquisti eccedenti la soglia del 15% o il controllo, quanto al fine di determinare l applicazione degli ulteriori criteri di accertamento basati sulla competenza generica o specifica in materia di partecipazioni. Quanto al possesso di tali requisiti, in attesa delle istruzioni attuative della Banca d Italia, sembrerebbe comunque possibile sostenere che la competenza professionale nella gestione di partecipazioni, almeno in senso generico (e, dunque, sub lettera a che precede), sia CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 5

6 riconoscibile in capo ai soggetti specializzati nel private equity, siano essi fondi comuni di investimento o società d investimento, in quanto loro obiettivo specifico è, appunto, l investimento in partecipazioni. Qualche considerazione in più potrebbe meritare il requisito di competenza specifica nel settore finanziario (sub lettera b). Al riguardo, in attesa dell emanazione delle istruzioni della Banca d Italia, ci si potrebbe chiedere se - ai fini del richiamato accertamento - a rilevare sia solo il track record di investimenti e l esperienza del management della società interessata (o della SGR nel caso di fondi comuni di investimento) e non anche, ad esempio, l oggetto sociale della società o il regolamento del fondo interessato (in particolare la politica di investimento), più o meno specializzati nel settore finanziario. Con riferimento ai soggetti industriali non operanti nel private equity, invece, il possesso di una competenza professionale, generica nel settore delle partecipazione ovvero - a maggior ragione - specifica nel settore finanziario, potrebbe rappresentare un primo e forte discrimine all acquisizione di partecipazioni rilevanti nel capitale delle banche. In ogni caso, appare prevedibile che, quantomeno in termini di valutazione dei requisiti posseduti (se non anche come vera e propria diversificazione degli stessi), la Banca d Italia adotti dei requisiti più stringenti al crescere del livello di influenza gestionale che si riconnette alla partecipazione da acquisire. In questo contesto, anche l apprezzamento, da parte della Banca d Italia, degli elementi generali di valutazione delle istanze di acquisto di partecipazioni rilevanti nel capitale delle banche potrebbe risultare proporzionale alla dimensione e all influenza del potenziale investimento nella banca. Se è vero, infatti, che le nuove norme non hanno sul punto introdotto modifiche, è plausibile a maggior ragione che la possibilità di acquisire partecipazioni superiori al 15% o di controllo da parte di soggetti industriali apre lo scenario a casistiche, prima non ipotizzabili, potenzialmente idonee ad incidere sulla sana e prudente gestione della banca partecipata. In questo senso, ad esempio, la durata e la finalità dell investimento effettuato nel capitale di una banca da parte di un soggetto operante nel settore private equity potrebbero non rispondere ad una logica gestionale di lungo periodo. Esempi analoghi potrebbero portarsi con riferimento (i) alle tematiche di governance della società partecipata o (ii) alle eventuali esigenze di patrimonializzazione della stessa (si pensi all ipotesi in cui le esigenze di patrimonializzare la banca si verifichino dopo la scadenza del periodo di investimento del fondo di private equity e siano eccedenti rispetto al limite di investimenti add-on previsto in regolamento. Al crescere della partecipazione acquisibile nella banca cresce anche il peso che tale valutazione assume ai fini della verifica della sana e prudente gestione dell intermediario). 3. Alla luce di quanto sopra ed al fine di favorire possibili investimenti nel comparto bancario e finanziario, anche tenuto conto del particolare momento di mercato, potrebbe valutarsi l opportunità di introdurre nella documentazione rilevante dei fondi o delle società di private equity interessati talune specificazioni e previsioni volte, ad esempio, (i) a precisare espressamente un eventuale specializzazione degli investimenti nel settore bancario e finanziario; (ii) a rendere possibili investimenti add-on, dopo la scadenza del periodo di investimento, in caso di richieste di patrimonializzazione formulate dalle autorità di vigilanza delle società target; (iii) a specificare il divieto di assumere, anche indirettamente, partecipazioni di controllo o, al contrario, le regole per l esercizio del controllo; ovvero (iv) a introdurre l obbligo di prevedere meccanismi di uscita dall investimento, quali la quotazione della partecipata. Le considerazioni che precedono, ovviamente, potrebbero valere a maggior ragione nel caso di istituzione di nuovi strumenti di investimento, che potrebbero essere immaginati proprio al fine di realizzare investimenti nel settore bancario e finanziario. Vincenzo Troiano Agostino Papa Giancarlo Ranucci Eugenio Maria Mastropaolo CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 6

7 Il mercato secondario del private equity 1. Il mercato secondario In periodi di crisi economica e finanziaria - come quello attuale - si assiste generalmente all aumento dell offerta in vendita di strumenti finanziari acquistati sul mercato primario e pertanto ad una crescita del mercato secondario. Tale ultimo mercato si caratterizza per essere uno strumento in grado di apportare liquidità sia agli investitori (limited partners o LPs) che, per diversi motivi, intendano monetizzare il proprio investimento, sia ai gestori dei fondi (general partners o GPs) che, a loro volta, intendano liquidare in blocco una o più partecipazioni per dedicarsi ad un nuovo fondo, chiudere una struttura esistente o altre motivazioni. Come è noto, in generale il volume degli scambi sul mercato secondario tende a crescere quando il mercato primario è in crisi. E infatti nel momento in cui gli operatori del mercato primario incontrano difficoltà nel realizzo dei loro investimenti che gli operatori del mercato secondario trovano le migliori occasioni per i loro acquisti. Tali caratteristiche rendono il mercato secondario particolarmente interessante nell attuale situazione economica, che vede gli operatori del mercato primario in difficoltà e il loro ricorso al mercato secondario per liquidare i propri investimenti sempre più crescente. Conseguenza dell attuale massiccia offerta di vendita è dall altra parte una marcata diminuzione dei prezzi di tali strumenti (si veda l Editoriale di questo numero della Newsletter). Il forte sviluppo ultimamente registrato a livello internazionale in relazione alla vendita di quote di fondi da LPs ad altri LPs trova diverse motivazioni: (i) impossibilità per alcuni LPs di rispettare i rimanenti versamenti del committed capital nei confronti dei fondi partecipati, (ii) intenzione di alcuni LPs di modificare le proprie strategie di investimento indirizzando i propri capitali verso mercati diversi da quello del private equity o comunque verso impieghi più strategici, ovvero (iii) necessità di riequilibrare il proprio portafoglio gestito (si veda l Editoriale di questo numero della Newsletter in relazione al cd. effetto denominatore ). Alla luce di quanto precede, può essere utile analizzare brevemente il recente andamento del mercato secondario del private equity in Italia e delle possibili prospettive di sviluppo di tale mercato. 2. Il mercato secondario del private equity in Italia: lo scenario nel passato e le prospettive future Il mercato secondario del private equity italiano è stato caratterizzato fino a pochi anni fa dalla scarsità di operatori specializzati e da volumi di scambi non significativi. Tale situazione veniva giustificata prevalentemente con il trend di crescita del mercato primario (che come detto ha un andamento contrario al mercato secondario) e con la dilatazione dei multipli registrata negli ultimi anni, anche trainata dai corsi dei titoli quotati nei mercati regolamentati. Tale situazione si è sostanzialmente protratta fino agli ultimi anni, durante i quali si è peraltro registrato un graduale aumento delle operazioni sul mercato secondario. Nel corso del 2008, le operazioni nel mercato secondario in Italia hanno rappresentato circa il 27% del totale delle operazioni sul mercato del private equity. Trattasi tuttavia di operazioni generalmente realizzate da un fondo che ha ceduto ad un altro fondo singole partecipazioni (secondary buyout), a testimonianza di un ritardo del mercato italiano del secondary private equity rispetto a quello di altri paesi (in primis quello statunitense e quello inglese). L attuale congiuntura del mercato primario lascia intravedere nuovi sviluppi. Secondo studi di settore, tra ottobre e dicembre 2008 sono stati infatti 24 i nuovi investimenti che i fondi attivi nel mercato primario del private equity nel nostro paese hanno portato a termine (contro i 37 del trimestre precedente, con un calo del 35%, e i 33 dell analogo periodo del 2007, con un calo del 27%). Per trovare un valore inferiore, si deve tornare indietro al primo trimestre del 2006, quando gli investimenti di private equity effettuati su aziende italiane erano stati 16. In considerazione della riduzione dell attività nel mercato primario di private equity, sembrano giunte a maturazione le condizioni per una prossima crescita del mercato secondario del private equity in Italia. Nonostante le dimensioni di tale mercato appaiano, di fatto, CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 7

8 ancora distanti da quelle degli analoghi mercati negli Stati Uniti (che nel periodo hanno registrato un aumento superiore a quattro volte i volumi registrati prima di tale periodo), ci attendiamo nel prossimo futuro un aumento del ricorso a tale mercato, che costituisce, per sua natura, il principale sbocco per gli operatori del mercato primario che hanno necessità di liquidare i loro investimenti rapidamente. In tal senso ci sembra che il mercato secondario del private equity in Italia sia un ottima opportunità non solo per gli investitori specializzati (ancora pochi) ma anche per tutti gli operatori per i quali tale mercato potrà costituire uno strumento in grado di apportare liquidità e sostegno. 3. Alcune brevi considerazioni sulla limitazione alla circolazione delle quote di fondi di private equity in Italia Come è noto, i fondi comuni di investimento italiani di private equity sono normalmente istituiti nella forma di fondi chiusi, riservati ad investitori qualificati, come definiti ai sensi del D.M. 228/1999. In tale categoria rientrano non solo gli investitori professionali ex MiFID, ma anche soggetti ulteriori, fra cui in particolare le persone fisiche che abbiano dichiarato per iscritto il possesso di una specifica esperienza e competenza in operazioni su strumenti finanziari. Le quote dei fondi riservati ad investitori qualificati non possono essere collocate, rimborsate o rivendute da parte di chi le possiede, direttamente o nell ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli di investimento, a soggetti diversi da quelli indicati nel regolamento del fondo stesso. L accertamento del predetto status spetta al venditore e alla SGR che non potrà consentire una successiva circolazione delle quote del fondo a favore di soggetti privi della qualifica. In aggiunta a tale limitazione normativa per i fondi riservati e salva la possibilità di introdurre particolari clausole limitative della facoltà degli investitori di cedere le quote del fondo o di cederle a soggetti diversi dagli altri quotisti, i regolamenti dei fondi di private equity, usualmente, prevedono delle ulteriori restrizioni alla sottoscrizione o alla circolazione delle quote. In particolare, tipicamente prevista è la clausola che consente alla SGR di rifiutare un potenziale sottoscrittore o cessionario delle quote qualora ritenga che questo non abbia la capacità finanziaria necessaria per far fronte agli impegni di versamento connessi alle quote da sottoscrivere o acquistare. Il contenuto discrezionale della previsione può poi trovare un limite nell introduzione di specifiche eccezioni per i trasferimenti all interno del gruppo o fra soggetti comunque collegati o in caso di prestazione di garanzia da parte del soggetto cedente. Ancora, il regolamento del fondo potrebbe prevedere che la SGR rifiuti la sottoscrizione o la cessione delle quote qualora questa possa determinare la perdita, in capo al fondo, di specifici regimi, benefici o eccezioni o il sorgere di obblighi di autorizzazione o comunicazione. Da ultimo, poi, stanno emergendo nella prassi di mercato clausole che consentono alla SGR di rifiutare un potenziale sottoscrittore o cessionario anche nel caso in cui questo non fornisca tutte le informazioni necessari a consentire alla SGR stessa l adempimento degli obblighi previsti dalla disciplina antiriciclaggio, per esempio nel caso in cui si tratti di una società fiduciaria, di un trust o figura similare. Le limitazioni alla circolazione delle quote possono, in alcune ipotesi, determinare ostacoli all investimento nel fondo da parte di soggetti che, in ragione degli speciali regimi ad essi applicabili ed in determinate circostanze, non possono procedere ad ulteriori versamenti degli impegni che hanno inizialmente sottoscritto. In tali situazioni, possono essere negoziate ed introdotte nel regolamento del fondo, attraverso la modifica dello stesso, clausole che prevedono l inadempimento giustificato delle obbligazioni assunte. In conseguenza di tale inadempimento, la posizione del singolo quotista interessato viene congelata, non vengono effettuati ulteriori richiami a valere sulle quote dello stesso e viene ridotto l ammontare del fondo. A tale situazione consegue poi una liquidazione del predetto quotista in proporzione agli ammontari già versati alla data di congelamento, da effettuarsi nella cascata dei pagamenti del Fondo e, quindi, pari passu con gli altri quotisti del fondo stesso. Alla luce di quanto sopra è evidente che un attenta analisi di tutti gli aspetti giuridici, ivi CHIOMENTI Studio Legale Private Equity Newsletter Primavera 2009 Pagina 8

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013 NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE Ottobre 2013 Novità in materia di imposte di catastale 1. Il quadro normativo di riferimento 2. La modifica della misura fissa delle imposte di catastale 3. La modifica dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A

Cerved Information Solutions S.p.A Cerved Information Solutions S.p.A Sede legale in Milano, Via San Vigilio n. 1 capitale sociale euro 50.450.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA: 08587760961 REA MI-2035639

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015 La SICAF mobiliare principali profili fiscali Avv. Enrico Pauletti Milano, 25 marzo 2015 1 Premessa - Introduzione della SICAF Introduzione con il D. Lgs. n. 44/2014 di recepimento della Direttiva AIFM

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE

MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione della TerniEnergia S.p.A. sulla proposta di autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie redatta ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta all ordine del giorno della Assemblea ordinaria degli azionisti IPI S.p.A. (Art.3 - DM 5 novembre 1998 n 437) O o o o O Proposta di distribuzione

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA Procedura aperta per la selezione di una Società di Gestione del Risparmio per l'istituzione e la gestione di un fondo di investimento, immobiliare, chiuso per il patrimonio

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IL QUADRO NORMATIVO LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI DELLO SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL art. 7-7 bis d.lgs. n. 252/2005 COMMENTI ED EFFETTI SUL PANORAMA DELLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI D.

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi dell

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: 1. Definizioni REGOLAMENTO DEI WARRANT PRIMI SUI MOTORI 2012-2016 Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa il

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 04 29.01.2014 Srl a capitale minimo Studio n. 892-2013 del Consiglio Nazionale del Notariato Categoria: Società Sottocategoria: Varie Come noto, il D.L.

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA CONVOCAZIONE IL 9.05.2014 ED IN SECONDA CONVOCAZIONE IL 15.05.2014, PER DELIBERARE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sul punto 3 all ordine del giorno (Proposta di Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie) ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo.

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo. EXTRA FUND SICAV TOTAL RETURN OPPORTUNITY Prospetto Informativo Semplificato Luglio 2009 Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario

Dettagli

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate Oggetto: Dogane Depositi IVA Alla luce dell ultimo intervento normativo in materia di Depositi IVA (Art.

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Modifica del regolamento del Prestito Obbligazionario Convertendo BPM 2009/2013 6,75%. Conseguente attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: REGOLAMENTO DEI WARRANT CLABO 2015 2018 1. Definizioni Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa il sistema multilaterale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli