Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 30 aprile 2014 a cura di DIANA SELVAGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 30 aprile 2014 a cura di DIANA SELVAGGI"

Transcript

1 Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 30 aprile 2014 a cura di DIANA SELVAGGI 1. Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza n del 2 aprile 2014: debiti di gioco e collegamento negoziale La questione sottoposta alla Suprema Corte nella sentenza in commento involge il tema dei debiti di gioco, con particolare riferimento alla illegittimità dell azione esecutiva volta al soddisfacimento di un credito derivante da obbligazione naturale. Il dato codicistico, in proposito, è chiaro: a norma dell art c.c. non c è azione per il pagamento di debiti derivanti da un giuoco o da una scommessa, ammettendosi unicamente, per il creditore, la soluti retentio una volta che l adempimento sia spontaneamente avvenuto, con l unica eccezione dell incapacità del debitore. Nel caso di specie, invero, un operatore turistico che organizzava viaggi presso casinò internazionali in cui i clienti erano ospitati gratuitamente purchè partecipassero ai giochi, aveva intrapreso una procedura esecutiva nei confronti di un giocatore-debitore sulla base di un assegno da quest ultimo emesso e successivamente girato dal casinò all operatore turistico a titolo di rimborso per trasferte aeree e costi di alberghi anticipati dallo stesso operatore. Detta procedura esecutiva è stata dichiarata inammissibile dalla Suprema Corte - che ha rigettato il ricorso - alla luce del principio, consolidato in tema di disciplina delle obbligazioni connesse al gioco o alla scommessa, secondo cui l'estensione della disciplina codicistica testé richiamata a fattispecie quali dazioni di denaro, di fiches, promesse di mutuo, riconoscimenti di debito, è possibile unicamente allorché tali atti risultino funzionalmente collegati all'attuazione del giuoco o della scommessa, di talché possa ritenersi sussistente un diretto interesse del mutuante a favorire la partecipazione al gioco del mutuatario; con la reciproca e speculare conseguenza che, ove siffatto interesse manchi, per essere il mutuante del tutto estraneo all'uso che il mutuatario fa delle somme erogategli, le cause dei due negozi non hanno tra loro, quel collegamento che solo giustifica la sottoposizione dell'uno alla disciplina dell'altro. La Corte ha ritenuto, infatti, che l operatore procedente non fosse estraneo né ai giochi d'azzardo ai quali aveva partecipato il giocatore-debitore né ai conseguenti indebitamenti: l art c.c. e 1

2 relativa disciplina troverebbe applicazione, infatti, proprio perché sussiste l interesse diretto e personale, dell organizzatore delle trasferte gratuite, alla partecipazione effettiva ai giochi da parte dei gitanti. La Corte ritiene, peraltro, infondato l argomento dell operatore turistico/ricorrente circa la mancata connessione tra il gioco e il suo interesse agli incassi delle varie case da gioco presso cui manda i propri clienti, mancata connessione che sarebbe giustificata dalla non incidenza degli stessi sul suo lavoro e sui suoi redditi: al contrario, la Corte rileva come sia indice del coinvolgimento, anche economico, dell operatore turistico nell'organizzazione dei giochi, proprio il sistema di rimborsi previsto contrattualmente con i casinò internazionali presso cui manda i propri clienti. Tanto vale, quindi, a giustificare l'applicazione nei suoi confronti del disposto dell'art c.c. e a far dichiarare inammissibile la procedura esecutiva intrapresa. 2. Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza n. 759 del 16 gennaio 2014: danno catastrofale e danno non patrimoniale La Suprema Corte delinea lo stato dell arte in tema di danno catastrofale e, operate le dovute distinzioni anche con riferimento al danno tanatologico, lo riconduce correttamente alla unitaria categoria del danno non patrimoniale. Nella specie, dodici giorni dopo un sinistro stradale muore, in giovane età, uno dei conducenti coinvolti: gli eredi ricorrono assumendo la violazione dell art c.c., per avere la Corte di Appello negato il risarcimento del danno morale iure hereditatis, nonostante la sofferenza della vittima quando la gravità della lesione infetta era tale da annientare la sensibilità della persona offesa. Il ricorso viene rigettato. Bene hanno operato, secondo la Suprema Corte, i giudici di merito a non riconoscere né, alla vittima personalmente, il danno biologico, né il danno morale agli eredi, sul rilievo che esso non ha mai ripreso conoscenza e mai ha conseguito miglioramenti, neanche temporanei. L operato della Corte di Appello si mostra in linea con la giurisprudenza in tema di cosiddetto danno catastrofale, che rientra nell unitaria categoria di danno non patrimoniale, alla stregua del precedente di cui alle Sezioni Unite del 2008: esso si sostanzia nel risarcimento della 2

3 sofferenza patita dalla vittima nel periodo breve che precede la morte, in cui essa ha avuto la possibilità di rendersi conto della gravità del proprio stato e dell approssimarsi della morte. Come sopra accennato, con una ricostruzione efficace e puntuale, la Corte distingue il danno catastrofale sia dal danno tanatologico, connesso alla perdita della vita come massima espressione del bene salute, sia da quello rivendicabile 'iure hereditatis' dai congiunti della vittima dell'illecito, poi rivelatosi mortale, per avere il medesimo sofferto, per un considerevole lasso di tempo, una lesione della propria integrità psico-fisica costituente un autonomo danno 'biologico', accettabile con valutazione medico legale. La Corte, tuttavia, non manca di sottolineare che tali denominazioni servono solo per identificare vari aspetti dell'unitario danno non patrimoniale. La Corte rigetta il ricorso alla luce del principio per cui lo stesso può essere legittimamente trasmesso agli eredi a condizione che la vittima abbia patito quella sofferenza determinata dall accorgersi della vicina fine della vita e che, quindi, il danno stesso sia entrato nel patrimonio del defunto: evidentemente, tale danno non è configurabile in capo ad una persona che sia rimasta in stato di incoscienza dal momento in cui si è verificato l evento lesivo fino alla morte. Con accertamento di fatto non ripetibile in sede di legittimità, infatti, i giudici d appello avevano ritenuto che il giovane era stato costantemente in coma per il breve periodo di sopravvivenza e che, di conseguenza, non aveva potuto patire quella sofferenza derivante dalla coscienza della prossima morte di cui oggi gli eredi chiedevano il risarcimento. Un precedente in tal senso, tra gli altri, è in Cass del 2008, secondo cui in caso di morte che segua le lesioni dopo breve tempo, la sofferenza patita dalla vittima durante l'agonia è autonomamente risarcibile non come danno biologico, ma come danno morale 'iure hereditatis', a condizione però che la vittima sia stata in condizione di percepire il proprio stato, mentre va esclusa anche la risarcibilità del danno morale quando all'evento lesivo sia conseguito immediatamente lo stato di coma e la vittima non sia rimasta lucida nella fase che precede il decesso. 3. Corte di Cassazione, sezione III civile, sentenza n del 23 gennaio 2014: la il danno da morte immediata è risarcibile, è trasmissibile iure hereditario e va valutato equitativamente La sentenza in commento rappresenta una novità giurisprudenziale destinata ad una necessaria pronuncia a Sezioni Unite (cfr. sentenza che segue). 3

4 Il caso aveva preso avvio dalla decisione della Corte d appello di Milano la quale aveva parzialmente accolto il gravame proposto per il risarcimento dei danni, iure proprio e iure successionis, sofferti dai figli, per la morte tanto della madre Tizia, deceduta in conseguenza di un sinistro stradale, quanto, successivamente, quella del padre Caio che, in conseguenza della «depressione indotta dalla perdita della moglie, vittima diretta del sinistro», circa due anni dopo si era suicidato. La Suprema Corte ha affermato il seguente principio di diritto: Il danno da perdita della vita, oggetto di un diritto assoluto e inviolabile, costituisce danno non patrimoniale ex se risarcibile, nella sua oggettività, a prescindere pertanto dalla consapevolezza che il danneggiato/vittima ne abbia. La vittima acquisisce il diritto al risarcimento per la perdita della vita nel momento stesso in cui si verifica la lesione mortale e, quindi, anche in caso di morte immediata o istantanea, in deroga al principio della non risarcibilità del danno evento: tale diritto, avendo poi natura compensativa, è trasmissibile iure hereditatis. Il danno da perdita della vita, non essendo previsto dalle Tabelle di Milano, è imprescindibilmente rimesso alla valutazione equitativa del giudice di merito alla cui prudente discrezionalità è rimessa l individuazione dei criteri di relativa liquidazione, con la precisazione che egli dovrà tener conto dell età, delle condizioni di salute e delle speranze di vita futura, dell attività svolta e delle condizioni personali e familiari della vittima personalizzazione del danno). La sentenza in commento ripercorre, anzitutto, le tappe dell evoluzione giurisprudenziale dell ultimo decennio a favore del risarcimento del danno non patrimoniale. In primo luogo le sentenze (cc.dd. gemelle) del 2003 (Cass. n e 8828 del 2003), che aprirono un vulnus nel testo dell art c.c., con un interpretazione costituzionalmente orientata. Poi l avallo a tale ricostruzione da parte della Corte Costituzionale n. 233/2003. Infine il pieno riconoscimento ed inquadramento del risarcimento del danno tutte le volte che ricorre un ingiustizia costituzionalmente qualificata, purché l offesa sia grave ed il pregiudizio sia serio, nell ottica per cui il danno non patrimoniale è unitario e non sono ammissibili duplicazioni risarcitorie (Cass.. Sez. Un., n /2008). La Corte ricorda, ancora, che nell ultimo biennio si è assistito ad un oscillamento, tra posizioni che limitavano il ristoro del danno non patrimoniale alla sola voce di danno biologico e posizioni che, invece, perseveravano nel liquidare anche le altre voci di tipo morale/esistenziale. In particolare, poi, con alcune pronunce la Suprema Corte ha preso a discostarsi dall insegnamento delle Sezioni unite del 2008, ritornando ad affermare l autonomia del danno morale e del danno dinamico-relazionale (cfr. Cass. n /2012) e la loro autonoma risarcibilità (Cass. n. 4033/2013). 4

5 Fatta tale premessa, il fulcro della decisione è rappresentato dal voluto superamento del principio affermato dalla sentenza n. 372/1994 della Corte Costituzionale circa la non risarcibilità del danno alla salute da morte immediata. Anche la giurisprudenza di legittimità si era accodata al principio, per ragioni strettamente logiche, in particolare affermando che, se è vero che ogni danno ed ogni risarcimento presuppone la vita del soggetto offeso, non è possibile ipotizzare l acquisizione di un diritto risarcitorio che deriva da un evento (la morte) che al contempo elimina anche quel sostrato soggettivo che costituisce il presupposto per l acquisizione del diritto risarcitorio stesso (Cass. n. 4754/2004). La sentenza in commento, invece, rompe questa tradizionale esclusione, rilevando, in primo luogo, che accanto al danno da perdita del rapporto parentale o c.d. esistenziale (integrato in caso, come nella specie, di sconvolgimento della vita subito dal coniuge a causa della morte dell altro coniuge), costituisce danno non patrimoniale anche il danno da perdita della vita, quale bene supremo dell individuo, oggetto di un diritto assoluto e inviolabile garantito in via primaria da parte dell ordinamento, anche sul piano della tutela civilistica. Il danno da perdita della vita è altro e diverso, in ragione del diverso bene tutelato, dal danno alla salute e si differenzia dal danno biologico terminale e dal danno morale terminale della vittima, rilevando ex se, nella sua oggettività di perdita del principale bene dell uomo costituito dalla vita. Tale danno si verifica a prescindere dalla consapevolezza che il danneggiato ne abbia e dovendo essere ristorato anche in caso di morte c.d. immediata o istantanea, senza che assumano pertanto al riguardo rilievo la persistenza in vita all esito del danno-evento da cui la morte derivi, né l intensità della sofferenza patita dalla vittima in ragione della cosciente e lucida percezione dell ineluttabile sopraggiungere della propria fine. Il diritto al ristoro del danno da perdita della vita si acquisisce dalla vittima istantaneamente al momento della lesione mortale, quindi anteriormente al decesso, costituendo ontologica, imprescindibile eccezione al principio dell irrisarcibilità del danno-evento e della risarcibilità dei soli danni-conseguenza, giacchè la morte ha per conseguenza la perdita di tutto; non solamente di uno dei molteplici beni, ma del bene supremo della vita; non solo, dunque, di qualche effetto o conseguenza, bensì di tutti gli effetti e conseguenze, di tutto ciò di cui consta la vita della vittima e che avrebbe continuato a dispiegarsi in tutti i molteplici effetti suoi propri, se l illecito non ne avesse causato la soppressione. Il ristoro del danno da perdita della vita compensativa, e il relativo diritto (o ragione di credito), sono trasmissibili iure hereditatis perché la lesione si riflette in una perdita a carico della persona offesa non più in vita. 5

6 4. Corte di Cassazione, sezione III civile, ordinanza n del 4 marzo 2014: danno non patrimoniale e risarcibilità iure hereditario del danno da morte immediata La sezione III, con l ordinanza in commento, rimette gli atti al Primo Presidente affinchè valuti l esigenza di investire le Sezioni Unite della precisazione, per imprescindibili ragioni di certezza del diritto, del quadro della risarcibilità del danno non patrimoniale, già delineato nel 2008, ma oggetto di contributi successivi, spesso discordanti, anche in tema di risarcibilità iure hereditario del danno da morte immediata. Diversamente dal danno catastrofale di cui a Cass. III sez. n. 759/2014, sopra esaminato, il danno da morte immediata è richiesto iure haereditario dagli stretti congiunti della vittima che sia deceduta immediatamente a seguito delle gravi lesioni riportate in un incidente stradale. Il ricorso lamenta violazione e falsa applicazione degli articoli 2043 c.c. e 32 Cost. per essere stato, nel merito, negato il risarcimento del danno biologico richiesto iure hereditario dagli stretti congiunti della vittima deceduta immediatamente per le gravi lesioni riportate in un incidente stradale. Nell ordinanza si dà atto del vivace contrasto in giurisprudenza sul punto, per cui con la sopra esaminata sentenza n del 23 gennaio 2014, è stata affermata la risarcibilità iure hereditario del danno da perdita della vita immediatamente conseguente alle lesioni riportate a seguito di un incidente stradale, in consapevole contrasto con il più volte affermato principio della irrisarcibilità per via ereditaria del danno da morte immediata (vedi Cass. 6754/2011). Non può trascurarsi, sottolinea correttamente la Corte, come il principio di diritto della irrisarcibilità per via ereditaria del danno da morte immediata sia stato posto a fondamento della sentenza di Corte Costituzionale n. 372 del 1994, secondo cui l art c.c. non è costituzionalmente illegittimo in relazione al danno biologico da morte, in dipendenza del 'limite strutturale della responsabilità civile, nella quale sia l'oggetto del risarcimento che la liquidazione del danno devono riferirsi non alla lesione per se stessa, ma alle conseguenti perdite a carico della persona offesa'. La giurisprudenza ha, quindi, proceduto con l affermazione della risarcibilità del danno non patrimoniale consistito nella sofferenza morale provata tra l'infortunio e la morte solo se, in tale periodo di tempo, la persona sia rimasta lucida e cosciente. Componendo il contrasto in punto di liquidazione del danno non patrimoniale, Sezioni Unite del 2008 sono intervenute affermando che la giurisprudenza è consolidata, da una parte, nel negare 6

7 il risarcimento del danno biologico per perdita della vita nel caso di morte immediata o intervenuta a breve distanza dall'evento lesivo; dall altra parte lo ammette per la perdita della salute solo se il soggetto sia rimasto in vita per un tempo apprezzabile e a questo lo commisura. Le stesse Sezioni Unite 2008 rilevano, peraltro come, in caso di morte che segua di poco le lesioni, viene in considerazione il tema della risarcibilità della sofferenza psichica, di massima intensità anche se di durata contenuta. Detta sofferenza psichica non può degenerare in danno biologico, visto il breve intervallo di tempo tra lesioni e morte e deve essere risarcita, pertanto, unicamente come danno morale, nella sua nuova più ampia accezione. La Corte, prima di rimettere gli atti al Primo Presidente, delinea quindi gli ultimi atti del contrasto citando, in tema di danno da morte immediata, la recente sentenza n /2011, ove è affermato il principio secondo cui, quando all'estrema gravità delle lesioni segua, dopo un intervallo di tempo brevissimo [...], la morte, non può essere risarcito il danno biologico 'terminale' connesso alla perdita della vita come massima espressione del bene salute, ma esclusivamente il danno morale, dal primo ontologicamente distinto, fondato sull'intensa sofferenza d'animo conseguente alla consapevolezza delle condizioni cliniche seguito al sinistro. Di segno opposto la conclusione cui è pervenuta Cass. n. 1361/14, secondo la quale 'la perdita della vita non può lasciarsi, invero, priva di tutela (anche) civilistica', poiché 'il diritto alla vita è altro e diverso dal diritto alla salute', così che la sua risarcibilità 'costituisce realtà ontologica ed imprescindibile eccezione al principio della risarcibilità dei soli danni conseguenza'. Sulla scia di quella (consistente) parte della dottrina che ritiene risarcibile il danno c.d. tanatologico, si è così inteso superare il criterio della individuazione di un adeguato periodo di lucidità e di coscienza nella vittima del sinistro ai fini dell'acquisizione al suo patrimonio di un diritto trasmissibile iure successionis. 7

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Chiarimenti sul danno c.d. da lucida agonia Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza del 21 febbraio 2011 la Corte di appello di Napoli, in relazione

Dettagli

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545.

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545. Caso 5.4 In caso di decesso da parte di soggetto sul posto di lavoro e fattispecie inerente al risarcimento delle cosiddette vittime da rimbalzo, quali criteri adottare per la liquidazione del danno conseguente

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE UNITE SENTENZA 22 luglio 2015, n. 15350 A cura di TAMARA BONFANTI

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE UNITE SENTENZA 22 luglio 2015, n. 15350 A cura di TAMARA BONFANTI NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE UNITE SENTENZA 22 luglio 2015, n. 15350 A cura di TAMARA BONFANTI Le Sezioni Unite confermano, ancora una volta, l inammissibilità del risarcimento, iure hereditatis,

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Danno edonistico: unitarietà della liquidazione del danno non patrimoniale» (Cass. Civ. sez. III, sent. 8-07-2014, n. 15491) danno edonistico non risarcibilità in via autonoma parole chiavi 3 Non è risarcibile

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

TEMA C1. di Marzia Aliatis

TEMA C1. di Marzia Aliatis TEMA C1 Premessi cenni sul sistema di responsabilità civile, il candidato si soffermi sul danno biologico e sul danno da perdita della vita: evoluzione, estensione e quantificazione di Marzia Aliatis Schema

Dettagli

7. PREVIDENZA E ASSISTENZA

7. PREVIDENZA E ASSISTENZA 7. PREVIDENZA E ASSISTENZA I testi integrali delle sentenze si trovano sotto la voce giurisprudenza 1. Corte di Cassazione III sez. civ. 24 gennaio 2014 n. 1361, pres. Russo, est. Scarano, Soprani e altri

Dettagli

IL DANNO NON PATRIMONIALE DA MORTE STUDIO LEGALE MARTINI RODOLFI VIVORI

IL DANNO NON PATRIMONIALE DA MORTE STUDIO LEGALE MARTINI RODOLFI VIVORI IL DANNO NON PATRIMONIALE DA MORTE Il danno non patrimoniale da morte GENESI E STORIA DEL DANNO DA UCCISIONE Il danno alla persona, ed in modo particolare la perdita di una persona umana, è sostanzialmente

Dettagli

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione.

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. 1. Il nucleo essenziale delle sentenze. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno pronunziato quattro

Dettagli

NEWSLETTER 01/2014 del 24.01.14

NEWSLETTER 01/2014 del 24.01.14 NWR 01/2014 del 24.01.14 1. NN R - RRBÀ ass. civ., sez., 23 gennaio 2014, n. 1361 res. Russo Rel. carano. 2. R. 139 RZN MRRMNN. orte di iustizia, sez., 23 gennaio 2014 res. R. ilva de apuerta rel.. rabadjiev.

Dettagli

Il Risarcimento per infortunio mortale

Il Risarcimento per infortunio mortale Il Risarcimento per infortunio mortale di Giulio Prosperetti 1. Il risarcimento ai superstiti da parte dell Inail Con la riforma del 2000 ( d.lgs. n. 38/2000) il legislatore ha dato avvio, in via sperimentale,

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

LEZIONE DI DIRITTO CIVILE 1

LEZIONE DI DIRITTO CIVILE 1 LEZIONE DI DIRITTO CIVILE 1 LA RESPONSABILITÀ CIVILE (a cura di Massimiliano Di Pirro) Lunedì 3 febbraio 2014 1. I giudici di fronte alla fine: Cass. 1361/2014 dà alla vita il danno da perdita della vita.

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE DANNO NON PATRIMONIALE A TITOLO EREDITARIO. CASS. CIV., SEZ. III, 14 DICEMBRE 2010, N. 25264. Non hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale a titolo ereditario i parenti della vittima di

Dettagli

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto.

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del danno non patrimoniale ha da sempre posto problemi del tutto peculiari che ne hanno differenziato in modo

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

. Non è risarcibile agli eredi della vittima il danno da perdita

. Non è risarcibile agli eredi della vittima il danno da perdita Importante quanto attesa sentenza con cui le Sezioni Unite hanno escluso il risarcimento del danno agli eredi della vittima di sinistro stradale mortale sia nel caso in cui il decesso sia immediato, sia

Dettagli

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 INDICE Prefazione... 7 Post-prefazione... 9 CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 CAPITOLO 2 Il danno patrimoniale...17 Il danno patrimoniale da perdita della capacità lavorativa

Dettagli

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MASSERA (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) NERVI Membro designato da Associazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 dicembre 2011 a cura di Diana Selvaggi 1. Corte di Cassazione, Sez. III Civile, sentenza n. 26709 del 13 dicembre 2011: contratto di locazione, inadempimento

Dettagli

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE Sommario: 1. Danno non patrimoniale; 2. Interventi della Corte Costituzionale; 3. Danno morale soggettivo, biologico, esistenziale;

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa)

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Trib. Perugia, sez. civ., sentenza 9 settembre 2005 (est. Patrizio Gattari) Danneggiato Decesso in corso

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo

Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo Studio legale law Un autoveicolo investe un pedone che, a seguito dell incidente perde la vita. Oggetto del dibattimento

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Responsabilità medica e ospedaliera - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Il tema della responsabilità medica e ospedaliera è ritornata ad essere di forte attualità a causa

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

2012 Copia concessa in uso a: nome.utente@dominio.it Pagina 2 di 8

2012 Copia concessa in uso a: nome.utente@dominio.it Pagina 2 di 8 responsabilità aquiliana danno non patrimoniale parametri di liquidazione danno catastrofale diritto alla vita risarcimento TIPOLOGIA: CASI AREA DI INTERESSE: RESPONSABILITÀ CIVILE E ASSICURAZIONI ARGOMENTO:

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA

LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA GIANNI BELLAGAMBA GIUSEPPE CARITI LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA DA INCIDENTE STRADALE RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA IN APPENDICE: DISCIPLINA LEGISLATIVA DEL RISARCIMENTO DEL DANNO BIOLOGICO DI

Dettagli

Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato.

Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato. Sentenza 9445/2012 Risarcimento del danno non patrimoniale Accertamento incindenter tantum della sussistenza degli elementi costitutivi del reato. In tema di responsabilità civile e di richiesta di risarcimento

Dettagli

DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione

DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione DANNO ESISTENZIALE Assolutamente fondamentali, nel percorso di modernizzazione della disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione dell art. 2059 c.c., sono state le sentenze della

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

CAPITOLO II. I t e m i. 1. Il danno morale esiste quale autonoma voce risarcitoria?

CAPITOLO II. I t e m i. 1. Il danno morale esiste quale autonoma voce risarcitoria? CAPITOLO II Danno non patrimoniale. Questioni attuali So m m a r i o: Se z i o n e i. i t e m i 1. Il danno morale esiste quale autonoma voce risarcitoria? 2. Catalogo dei diritti fondamentali risarcibili

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale omaggio di ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESPERTI INFORTUNISTICA STRADALE A.N.E.I.S. Presidenza

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE

INDICE SOMMARIO PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE Incidente stradale con esiti mortali Cassazione civile, Sez. III, 28-11-2008, n. 28407.... 3 Sinistro stradale con esiti mortali Cassazione civile, Sez.

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO DANNO ALLA PERSONA LESIONI FISICHE DECESSO RISARCIMENTO DANNO DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE Mancato guadagno, spese sostenute a seguito del sinistro Danno biologico (comma 2 art. 139 del Codice

Dettagli

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti Motivi della decisione 1. Il primo motivo di ricorso. 1.1. Col primo motivo di ricorso i ricorrenti lamentano

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume quinto II edizione Aggiornato a: - Rimessione alle Sezioni Unite del contrasto sulla risarcibilità del danno tanatologico:

Dettagli

Spunti in tema di danno non patrimoniale, con particolare riferimento al danno da morte, ad uso dei corsisti leccesi

Spunti in tema di danno non patrimoniale, con particolare riferimento al danno da morte, ad uso dei corsisti leccesi Spunti in tema di danno non patrimoniale, con particolare riferimento al danno da morte, ad uso dei corsisti leccesi L evento morte e le sue conseguenze sul piano risarcitorio Ci chiediamo quali effetti

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 5 Dicembre 2014, n 25731 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 5 Dicembre 2014, n 25731 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 5 Dicembre 2014, n 25731 (Pres. Amatucci; Rel. Vincenti) Danno (risarcimento da) Danno non patrimoniale Secondo l orientamento maggioritario

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno II, numero III, luglio/settembre 2015 Le sezioni unite confermano la non risarcibilità del danno subito dalla

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando. atto di costituzione di parte civile

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando. atto di costituzione di parte civile Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando atto di costituzione di parte civile 1 Parte civile La parte civile è soggetto/parte eventuale del processo penale poiché la persona

Dettagli

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Annaclara Viola Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Ogni comportamento illecito riceve dal nostro ordinamento un particolare trattamento sanzionatorio che trova nella responsabilità civile l

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 13

Osservatorio sulla giustizia civile n. 13 Osservatorio sulla giustizia civile n. 13 del 15 giugno 2009 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di cassazione, prima sezione civile, n. 11130 del 13 maggio 2009, in tema di illegittimo protesto

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione Svolgimento del processo 1.1 medici (...) proposto ricorso per cassazione contro la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell Istruzione, il Ministero della Salute e l Università degli Studi

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA COLPA MEDICA. Avv. Marco Rodolfi

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA COLPA MEDICA. Avv. Marco Rodolfi IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA COLPA MEDICA I DANNI DANNO NON PATRIMONIALE (A FAVORE DELLA VITTIMA PRIMARIA E DEI CONGIUNTI) DANNO PATRIMONIALE (A FAVORE DELLA VITTIMA PRIMARIA E DEI CONGIUNTI) DANNO NON

Dettagli

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino Premessa Il presente scritto (di compendio alla lezione del 7 aprile) mira a fornire alcune

Dettagli

Roberto Riverso giudice del lavoro tribunale di Ravenna

Roberto Riverso giudice del lavoro tribunale di Ravenna 1 Il diritto alla vita appeso al ramo e la svolta risarcitoria. Roberto Riverso giudice del lavoro tribunale di Ravenna Sommario Il diritto alla vita appeso al ramo e la svolta risarcitoria... 1 Premessa...

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dolore inutile e danno ingiusto

Giampaolo Azzoni. Dolore inutile e danno ingiusto Giampaolo Azzoni Dolore inutile e danno ingiusto Il diritto di non soffrire inutilmente inutilmente vs. teleologicamente vs. il diritto di non soffrire simpliciter (anche nella Dichiarazione del 1776:

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

Uccisione del congiunto, danno catastrofale, danno tanatologico e danno parentale: a che punto siamo?

Uccisione del congiunto, danno catastrofale, danno tanatologico e danno parentale: a che punto siamo? def/rc_07_542-547.3d 20/6/2012 14:00 pagina 542»Risarcimentodeldanno Uccisione del congiunto, danno catastrofale, danno tanatologico e danno parentale: a che punto siamo? Guido Belli Dottorando di ricerca

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 25 Settembre 2012 Via Del Cane n. 10/a Le situazioni soggettive conseguenti alla

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O?

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? IL DANNO NON PATRIMONIALE A TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell 11.11.2008 nn. 26972 26975) hanno

Dettagli

ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2018 Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Daniele Colombo - Avvocato Revisione del trattamento economico complessivo di garanzia, rafforzamento del ruolo della contrattazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE. Dott. GIOVANNI BATTISTA PETTI - Rel. Presidente -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE. Dott. GIOVANNI BATTISTA PETTI - Rel. Presidente - 17320/ 2012 ~et70 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Composta dagli Iil.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GIOVANNI BATTISTA PETTI - Rel. Presidente

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 8 aprile 16 ottobre 2014, n. 21917 Presidente Canevari Relatore Buffa

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 8 aprile 16 ottobre 2014, n. 21917 Presidente Canevari Relatore Buffa Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 8 aprile 16 ottobre 2014, n. 21917 Presidente Canevari Relatore Buffa Fatto e diritto 1. Con sentenza 30.5.2012, la corte d'appello di L'Aquila ha confermato

Dettagli

UN DANNO DIFFICILE: DANNO BIOLOGICO

UN DANNO DIFFICILE: DANNO BIOLOGICO LEZIONE: LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO EXTRACONTRATTUALE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 UN DANNO DIFFICILE: DANNO BIOLOGICO ------------------------------------------------------------------------ 3 2 LIQUIDAZIONE

Dettagli

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori magistrati: Bruno Amoroso

Dettagli

Parte Seconda Fase giudiziale

Parte Seconda Fase giudiziale Parte Seconda Fase giudiziale 117 Fase giudiziale - Atti di parte Form. 27 Atti di parte 27 Ricorso per il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali derivanti dalla morte del congiunto vittima

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E DANNO DIFFERENZIALE PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO MARCO CAPECE

INFORTUNI SUL LAVORO E DANNO DIFFERENZIALE PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO MARCO CAPECE INFORTUNI SUL LAVORO E DANNO DIFFERENZIALE PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO MARCO CAPECE SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il danno differenziale: nozione ed evoluzione. 3. Responsabilità del datore

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis... Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti... Membro designato dalla Banca

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

Liquidazione del danno non patrimoniale in assenza di lesioni all integrità psicofisica del danneggiato

Liquidazione del danno non patrimoniale in assenza di lesioni all integrità psicofisica del danneggiato 141 2. Morte della vittima primaria e risarcimento del danno non patrimoniale ai congiunti alla luce delle SS.UU./2008 (a cura di D. Amram) Negli ultimi anni dottrina e giurisprudenza si sono interrogate

Dettagli